Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna."

Transcript

1 _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative indipendenti Prot. n. 026/12 All. 03 (7 pagine) li, 05/02/2012 dott. Gianfranco de Gesu Provveditore Regionale A.P. CATANZARO Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna. Ripetutamente questo Coordinamento ha segnalato all Amministrazione penitenziaria ai vari livelli di responsabilità la necessità e l opportunità di meglio disciplinare o, quantomeno, orientare l impiego del personale del Corpo di polizia penitenziaria nell ambito degli Uffici di esecuzione penale esterna. Il problema principale è quello di articolare ed armonizzare i piccoli contingenti di polizia, secondo il loro ordinamento, il loro status, le loro prerogative ed i loro precipui doveri, nell ambito dell assorbente organizzazione complessiva caratterizzata dalla più numerosa e pregnante presenza degli operatori del Comparto ministeri. Indipendentemente, difatti, da piante organiche omissive ed anacronistiche che non quantificano l assegnazione di personale del Corpo nelle sedi diverse dagli istituti penitenziari (non foss altro perché calcolate in proporzione alla presenza fisica di detenuti), è ormai, oltre che acclarato, anche codificato che vi debba essere la loro presenza pure in altre sedi per garantire una molteplicità di servizi ed il disimpegno di specifici compiti. A garanzia del sistema ed in aderenza al dettato costituzionale di assicurazione del buon andamento amministrativo, le funzioni, la gerarchia e la figura stessa degli operatori di Polizia penitenziaria non possono dunque, solo in ragione della presenza numericamente residuale, non trovare un organizzazione compiuta, nel puntuale ossequio alla disciplina vigente. D'altronde, in un sistema complesso come quello penitenziario con diverse figure professionali che, secondo le necessità istituzionali, sono diversamente proporzionate in ragione delle esigenze specifiche tanto da far preponderare, sempre e solo in termini numerici, talvolta le une e talvolta le altre, i modelli organizzativi non possono non tener conto delle minoranze che, al contrario, vanno valorizzate ed integrate quale parte essenziale, oltre che sinergica, dell insieme. Pagina 1 di 2 UILPA Penitenziari Coordinamento Regionale Calabria Via Edoardo e Felice Fiore Lamezia Terme Web: Tel Fax

2 Tuttavia, presso l UEPE di Reggio Calabria e non solo, pur dopo l individuazione di soluzioni adeguate e quasi pioneristicamente rispettose dei diversi interessi, si assiste ciclicamente a passi a ritroso come in una sorta di macchina del tempo che periodicamente resetta il progresso. Già nel 2007, difatti, questo Coordinamento fu costretto come altre volte in precedenza ad intervenire con la nota n. 252/07 del 09 luglio che si allega in copia e che si richiama integralmente per la parte che riguarda il ruolo della Polizia penitenziaria negli UEPE. Cosicché la questione si risolse temporaneamente con l ordine di servizio n. 20 del 21 novembre 2008 (allegato), emanato appunto dalla Direzione dell UEPE di Reggio Calabria. Nuovamente, però, con ordine di servizio n. 3 del 26 gennaio 2012 (allegato) la prefata Direzione ha riportato indietro il datario revocando la precedente disposizione. A questo punto, appare auspicabile e si richiede di affrontare la vicenda a livello regionale, se del caso anche nell ambito della già concordata trattativa per la revisione del Protocollo di Intesa, al fine di individuare soluzioni condivise che valorizzino l opera della Polizia penitenziaria nelle sedi diverse dagli istituti penitenziari, al pari delle altre figure professionali, in aderenza alla normativa vigente. Nell attesa di un cortese cenno di riscontro, cordiali saluti. Si allegano: Copia della nota n. 252/07 del 09 luglio 2007 di questo Coordinamento; Copia dell ordine di servizio n. 20 del 21 novembre 2008 della Direzione dell UEPE di Reggio Calabria; Copia dell ordine di servizio n. 3 del 26 gennaio 2012 della Direzione dell UEPE di Reggio Calabria. Pagina 2 di 2

3 Coordinamento Regionale Calabria Vico XI Timpone, Lamezia Terme (CZ) Tel Fax Prot. n. 252/07 All. - - e, p.c. cons. Riccardo Turrini Vita Direttore Generale dell Esecuzione Penale Esterna del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria R O M A pres. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria C. Eugenio Sarno Segretario Generale UILPA Penitenziari Oggetto: Uffici dell Esecuzione Penale Esterna. Ruolo e funzioni del Corpo di polizia penitenziaria. li 09/07/2007 R O M A R O M A Lo scorso 03 luglio presso l Ufficio dell Esecuzione Penale Esterna di Reggio Calabria si è conclusa la contrattazione fra la delegazione di Parte Pubblica, le Organizzazioni Sindacali e la Rappresentanza Sindacale Unitaria per la definizione del nuovo assetto organizzativo della Sede. La negoziazione si è svolta in maniera apprezzabilmente spedita, in un clima di notevole apertura al confronto, dimostrato dalle Parti, che ha consentito di affrontare e superare un buon numero di questioni. Tuttavia la discussione si è sensibilmente animata allorquando si è affrontata la tematica riguardante il ruolo da assumere e le funzioni da assolvere, nell ambito dell Area della Direzione, da parte del piccolo contingente di personale del Corpo di polizia penitenziaria assegnato in quella sede (sia in via definitiva, sia con provvedimento temporaneo). Sintetizzando, secondo il modello proposto in ultima battuta dalla delegazione di Parte Pubblica e condiviso da CGIL, CISL e CONF.SAL-UNSA (in pratica, tutte le OO.SS. intervenute tranne la UILPA Penitenziari), nonché dalla Rappresentanza Sindacale Unitaria, la Polizia penitenziaria presso l UEPE di Reggio Calabria opererà Pagina 1 di 3

4 nell ambito dell Area della Direzione ed avrà nell unità in possesso della qualifica più elevata il referente per la Polizia Penitenziaria. Quest ultimo aspetto non è stato condiviso dalla delegazione della UILPA Penitenziari intervenuta. Da un attento e sistematico esame di tutta la normativa, sia di natura legislativa sia di tipo regolamentare, che disciplina e regola in ogni suo aspetto il servizio del personale del Corpo di polizia penitenziaria e ne determina, altresì, l ordinamento disciplinare, non è difatti rinvenibile la figura del referente. E se, forse, va riconosciuto alla Dirigenza dell UEPE di Reggio Calabria il merito di aver ideato, progettato e creato, con una sorta di motu proprio, detta figura, certamente non può essere sottaciuto che tale opera di ingegnerizzazione è rimasta profondamente incompleta, atteso anche che non sono stati compiutamente definiti, appunto, il ruolo e le funzioni della nuova figura istituita. Per contro, la UILPA Penitenziari aveva proposto che nell ambito del contingente di personale del Corpo di polizia penitenziaria venisse individuato un Coordinatore. Ciò, evidentemente, in aderenza al vigente dettato normativo che, come detto, disciplina il servizio della Polizia penitenziaria ed, in particolare, alla legge 15 dicembre 1990, n. 395, al decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443, al decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 1999, n. 82; senza peraltro tralasciare, pure per manifesti aspetti di interconnessione, il decreto legislativo 30 ottobre 1992, n Dalla normativa appena citata, difatti, si evince in maniera inequivocabile che a ciascun ruolo della Polizia penitenziaria possono essere affidate funzioni di coordinamento, di cui vengono indicate, attraverso le declaratorie dei profili, le peculiarità, le forme e gli ambiti in cui devono disimpegnarsi. Tanto più che, presso l UEPE di Reggio Calabria (allora CSSA), già con ordine di servizio n. 33 del 24 dicembre 2001, era stata formalmente costituita un Unità Operativa del Corpo di polizia penitenziaria. Volendo andare oltre, si potrebbe persino richiamare il dettato dell art. 31, 1 comma, D.P.R. 82/99 ( Il personale del Corpo di polizia penitenziaria in servizio in ogni istituto o servizio penitenziario, scuola o istituto di istruzione costituisce un reparto ), tuttavia, almeno in questo contesto ed anche al fine di evitare qualsiasi tipo di strumentalizzazione di cui si avvertono particolarmente i rischi, si preferisce tralasciare. Appare palese, però, che l Accordo raggiunto presso l UEPE di Reggio Calabria sulla materia anzidetta contrasta fortemente con la predetta disciplina, tanto che è stato ritenuto dalla delegazione trattante della UILPA Penitenziari, così come viene giudicato da questo Coordinamento, contra legem. Pagina 2 di 3

5 Ciò non ha consentito, dunque, alla UILPA Penitenziari di sottoscriverlo. Trattandosi, peraltro, di un Accordo che si ritiene, come detto, illegittimo, sarebbe relativamente agevole impugnarlo nelle sedi competenti. Tuttavia, pur non condividendone nella maniera più assoluta la parte sin qui descritta, nel più compiuto ossequio all inalienabile ruolo contrattuale esercitato dalle Parti e nel più fermo rispetto delle regole democratiche, questo Coordinamento ha inteso ed intende prendere atto della maggioranza autonomamente determinatasi al tavolo negoziale. In relazione alla tematica in questione, infatti, il principale obiettivo del Coordinamento regionale UILPA Penitenziari della Calabria è quello di favorire ed incentivare, ad ogni livello, un approfondita riflessione sull opera svolta e su quella che dovrebbe svolgere il Corpo di polizia penitenziaria, le donne e gli uomini che vi appartengono, in ogni contesto in cui, nell interesse supremo dello Stato e, dunque, della collettività, viene impiegato ed evitare che, come fin troppo spesso accade, venga relegato con grave danno anche per l erario a servizi di anticamera e/o alla guida di automezzi, anche a targa c.d. civile, alla stregua di semplici autisti, solo per fare alcuni esempi fra i meno dequalificanti. Per quanto accennato, pure a prescindere dalla discussione che sta riguardando gli istituendi Nuclei di Verifica e dai relativi esiti, si richiede alla S.V. un autorevole e cortese intervento finalizzato a chiarire pragmaticamente il ruolo che deve assumere e le funzioni che deve svolgere nell immediato la Polizia penitenziaria nell ambito degli Uffici per l Esecuzione Penale Esterna. Al Segretario Generale della UILPA Penitenziari, che legge per conoscenza, si richiede altresì di valutare l opportunità di sollevare la questione in occasione del confronto che riguarderà la creazione dei cc.dd. Nuclei di Verifica (previsto per il giorno 11 p.v.) affinché in ogni caso, sin da subito, ed anche nell ambito dei Provveditorati regionali dell Amministrazione penitenziaria che non saranno interessati dalla probabile sperimentazione, venga compiutamente e concretamente affermato il ruolo del Corpo di polizia penitenziaria e le relative funzioni non prescindano dai compiti istituzionali ad esso affidati o, comunque, da quelli direttamente connessi ai medesimi. Nell attesa di un cortese riscontro, distinti saluti. Pagina 3 di 3

6

7

8

9

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione In data 12.11.2007 con nota n. 4054 (vedi allegato) la segreteria nazionale ha rappresentato al capo del DAP l involuzione che l istituto di Milano Opera ha subito a conseguenza dell apertura del reparto

Dettagli

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG Firenze, 4 dicembre 2008 Prot. 124/08/SR/SG Al Dott. Vincenzo Tedeschi Direttore della Casa Reclusione di San Gimignano (SI) E, p.c.: Alla Dr.ssa Maria Pia Giuffrida Provveditore Regionale della Toscana

Dettagli

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni Al Sig. Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Pref. Francesco Paolo Tronca Prot. 47/13 del 22.06.2013 Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia Roma, 11 dicembre 2007 Prot. n. 3063/2007 On. Clemente Mastella On. Paolo Ferrero Ministero della Solidarietà On. Giuliano Amato Ministero dell Interno Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione

Dettagli

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Coordinamento Regionale Triveneto Prot.n. 0108 /2012 Reg.vi Pres. Tamburino

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Il Segretario Generale

Il Segretario Generale Il Segretario Generale Roma 25 ottobre 2010 On.le Roberto MARONI Ministro dell Interno ROMA Prefetto Antonio MANGANELLI Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza ROMA Con l ormai tristemente

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Il Segretario Generale Roma, 30 giugno 2015 Prot. 1554 /D/30.06.2015 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Vice Ministro On. Avv. Enrico Costa Al SottoSegretario alla Giustizia dr. Cosimo Maria

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

CISL - FPS/PP Via Lancisi, 21 00161 ROMA RM

CISL - FPS/PP Via Lancisi, 21 00161 ROMA RM Roma, 6 settembre 2010 Prot. n. 02179 / 10 Al Sig. Ministro della Giustizia On. Avv. Angelino Alfano Via Arenula, 70 Al Capo del Dip.to Amm.ne Penitenziaria Dott. Franco Ionta 00164 ROMA RM Al Direttore

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA / 2 / E 2 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PEN TTEN7.TARL PROVVEDITORATO REGIONALE DEL PIEMONTE E VAI JJ. D AOSIA Ufficio della Segreteria e degli Affari Generali Utjìcio Relazioni

Dettagli

ROMA ROMA ROMA. e, p.c. ROMA. Oggetto: DM-DGMC Decreto del Ministro della Giustizia recante disposizioni concernenti

ROMA ROMA ROMA. e, p.c. ROMA. Oggetto: DM-DGMC Decreto del Ministro della Giustizia recante disposizioni concernenti Prot. 122/11/2015/uil Roma, 11 novembre 2015 All Ufficio del Gabinetto dell On.le Ministro Dott. G. Melillo segreteria.capo.gabinetto@giustizia.it Al Vice Capo di Gabinetto Dott.ssa G. Tuccillo gemma.tuccillo@giustizia.it

Dettagli

RCCASSIERI E RCPROFESSIONALE

RCCASSIERI E RCPROFESSIONALE CENTRO SERVIZI NAZIONALE FABI Roma Associazione per l assistenza agli iscritti e non iscritti alla Federazione Autonoma Bancari Italiani Centro Servizi Nazionale Codice Fiscale e Partita IVA 04983251002

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

in nome della Segreteria Provinciale e Locale del Sindacato Autonomo di Polizia

in nome della Segreteria Provinciale e Locale del Sindacato Autonomo di Polizia Segreteria Provinciale Parma Via Burla 5, 43122 mail: sappe.parma@tiscali.it Tel. 335/6570371 Fax 1786009319 All Ecc.mo Signor Presidente della Commissione Giustizia del Senato della Repubblica Oggetto:

Dettagli

Assenze per visite mediche: il TAR dà ragione alla FLC CGIL

Assenze per visite mediche: il TAR dà ragione alla FLC CGIL Assenze per visite mediche: il TAR dà ragione alla FLC CGIL Vinto il ricorso che fa prevalere le prerogative del contratto sugli atti amministrativi in materia di rapporto di lavoro. Acquista più forza

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE REGIONALE SULLE MODALITA APPLICATIVE DELL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

ACCORDO INTERCONFEDERALE REGIONALE SULLE MODALITA APPLICATIVE DELL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ACCORDO INTERCONFEDERALE REGIONALE SULLE MODALITA APPLICATIVE DELL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI Il giorno 15 marzo 2012 presso la sede della Confartigianato del Veneto, in Marghera

Dettagli

La Dott.ssa Francesca Romana Pucci, in funzione del giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente

La Dott.ssa Francesca Romana Pucci, in funzione del giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente PUBBLICO IMPIEGO-MANSIONI SUPERIORI E DIFFERENZE RETRIBUTIVE Sentenza del 9-11-04 del Tribunale civile di Crotone - sezione lavorodel G.L. dott.ssa Francesca Romana Pucci Oggetto: Controversia di Lav /

Dettagli

I lavori del Convegno saranno chiusi dal Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo.

I lavori del Convegno saranno chiusi dal Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo. Data 30 Gennaio 2015 Protocollo: 31/15/PC/cm Servizio: Sviluppo Sostenibile Salute e Sicurezza Bilateralità Cooperazione Oggetto: Convegno Nazionale CGIL CISL UIL sugli Appalti Pubblici. Roma 10 febbraio

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO Pervengono alla sottoscrizione del presente accordo, previa sessione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Segreteria Regionale Triveneto Prot. N 359/2014 Coor.Reg.VI Al Capo del

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 392 DEL 30.09.2013 OGGETTO: PERSONALE COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Prot. Roma, Ai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Federazione Nazionale Sicurezza CISL Via dei Mille, 36 00185-ROMA

Dettagli

Vicari. p. c. ANIA. Loro sedi

Vicari. p. c. ANIA. Loro sedi Roma, 14 gennaio 2015 Al Ministero dello Sviluppo Economico c.a. On. Ministro Guidi Segreteria del Sottosegretario di Stato Sen. Vicari Ufficio Legislativo Ufficio di Gabinetto p. c. ANIA p.c. MINISTRO

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO Legge svuota carceri e doppia sospensione dell'esecuzione della pena detentiva: circolare della Procura di Milano (a margine del caso Sallusti) Procura della Repubblica di Milano, circolare del 6.12.2012

Dettagli

10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale

10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale 10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale a cura di MAURO ZANONI In questi giorni, dopo le numerose assemblee sindacali svolte nei luoghi di lavoro, prende avvio la trattativa

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord

Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord SEGRETERIA PROVINCIALE NAPOLI e.p.c. Al Presidente della Giunta Regionale On. Stefano Caldoro Al Sub Commissario ad acta per l attuazione del Piano di Rientro Settore Sanitario Prof. Ettore Cinque Al Capo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N 249. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Primerano xxx c/ Wind Telecomunicazioni xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

PARTECIPARE PER TUTELARE I LAVORATORI

PARTECIPARE PER TUTELARE I LAVORATORI Non possiamo insegnare direttamente a qualcuno, possiamo solo facilitare il suo apprendimento (Rogers C. 1961) PARTECIPARE PER TUTELARE I LAVORATORI Progetto di Sante Giannoccaro segretario generale UILPA

Dettagli

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori.

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Il Consiglio Provinciale ed il Consiglio Comunale di Vibo Valentia riunitisi

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal./FG DELIBERAZIONE N. 147 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - xxxx c/okcom IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella seduta del giorno 30/07/2012,

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI corecom comitato regionale per le comunicazioni ATTI 1.21.1 2012 239/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 56 del 21 ottobre 2013 Sono presenti i componenti del Comitato: ZANELLA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 16 maggio 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 16 maggio 2012 Numero 03684/2012 e data 30/08/2012 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 16 maggio 2012 NUMERO AFFARE 03810/2011 OGGETTO: Ministero dell'economia

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N.255 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Inzitari xxx c/ Telecom Italia xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI nella seduta

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 On.le Ministero delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV 00187 ROMA Oggetto:

Dettagli

Circolare 1497 del 24/02/2012. A Tutti i Responsabili UIL - BAC Alle R.S.U. A Tutti i lavoratori LORO SEDI

Circolare 1497 del 24/02/2012. A Tutti i Responsabili UIL - BAC Alle R.S.U. A Tutti i lavoratori LORO SEDI Circolare 1497 del 24/02/2012 A Tutti i Responsabili UIL - BAC Alle R.S.U. A Tutti i lavoratori LORO SEDI CIRCOLARE INTERPRETATIVA SULLE PROGRESSIONI ECONOMICHE: PROTESTA FORMALE DELLA UILBAC A seguito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA RINNOVO CCNL GAS-ACQUA INTRODUZIONE Il prossimo 31 dicembre 2009 scade il contratto di lavoro per gli addetti al settore gasacqua. Gli scenari in cui ci si appresta a rinnovare il contratto vedono, sempre

Dettagli

118 ASL BA ATTO DI DIFFIDA STRAGIUDIZIALE. Il dott. Giovanni Sportelli, nella qualità di Segretario Provinciale per Bari della

118 ASL BA ATTO DI DIFFIDA STRAGIUDIZIALE. Il dott. Giovanni Sportelli, nella qualità di Segretario Provinciale per Bari della Avv. Michele Langiulli Via Giacomo Brodolini n. 8 70016 Noicattaro (BA) Tel. e Fax 0804780556 EGR. SIG. PREFETTO DI BARI EGR. SIG. COORDINATORE REGIONALE SANITÀ EGR. SIG. DIRETTORE GENERALE ASL BA EGR.

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA - E.P. RICERCA AZIENDE AUTONOME SICUREZZA SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA Prot.n 26411/SN-A Catania lì, 26/04/2011

Dettagli

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2)

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Titolo 1.10.21/72 DELIBERAZIONE n. 13/2011 (estratto dal verbale del 19 aprile 2011) OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Presenti: Gardini Gianluca Giuseppe Bettini Alberici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e Autorità Portuali di Marina di Carrara, Livorno e Piombino,

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

per conoscenza, OGGETTO: C.R. Milano Opera e Servizio Traduzioni Criticità Richiesta incontro

per conoscenza, OGGETTO: C.R. Milano Opera e Servizio Traduzioni Criticità Richiesta incontro Roma, 26 maggio 2010 Prot. 5651 Pres. Franco IONTA Capo DAP Dr. Emilio DI SOMMA Vice Capo del DAP Dr. Riccardo TURRINI VITA Direttore Generale Personale DAP Cons. Sebastiano ARDITA D.G. Ufficio Detenuti

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

AOODRLA/REGISTRO UFFICIALE. Prot. 17907 - USCITA Roma,09 ottobre 2009. Ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche della Regione LAZIO

AOODRLA/REGISTRO UFFICIALE. Prot. 17907 - USCITA Roma,09 ottobre 2009. Ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche della Regione LAZIO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Ufficio VI Formazione del personale scolastico Via Pianciani, 32 00185 Roma 06 077391

Dettagli

Prot. n.742 Bologna, 23.10.2006. p.c. Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Prov.li dell Emilia Romagna LORO SEDI

Prot. n.742 Bologna, 23.10.2006. p.c. Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Prov.li dell Emilia Romagna LORO SEDI Dirigente responsabile: Dott.ssa Rosa Aura Severino Direzione Generale P.ZZA XX SETTEMBRE, 1 40121 BOLOGNA tel. 051/4215711 - Fax 051/ 247876 ----------------********------------- Ufficio IX Legale, Contenzioso

Dettagli

Pres. Giovanni TAMBURINO Capo del D.A.P. Pres. Simonetta MATONE Vice Capo Vicario del D.A.P. Dr. Luigi PAGANO Vice Capo del D.A.P.

Pres. Giovanni TAMBURINO Capo del D.A.P. Pres. Simonetta MATONE Vice Capo Vicario del D.A.P. Dr. Luigi PAGANO Vice Capo del D.A.P. Prot. n.6736 All. Roma lì, 25 maggio 2012 Pres. Giovanni TAMBURINO Capo del D.A.P. Pres. Simonetta MATONE Vice Capo Vicario del D.A.P. Dr. Luigi PAGANO Vice Capo del D.A.P. Dr. Riccardo TURRINI VITA Direttore

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome palmeri pia paola Data di nascita 23/06/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente penitenziario Dirigente - Casa Circondariale

Dettagli

Fatte queste premesse di sfondo il Cnoas ritiene utile intervenire nel dibattito aperto dal ddl, a partire da alcuni snodi essenziali.

Fatte queste premesse di sfondo il Cnoas ritiene utile intervenire nel dibattito aperto dal ddl, a partire da alcuni snodi essenziali. "MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL TESTO UNICO IN MATERIA DI DISCIPLINA DEGLI STUPEFACENTI E SOSTANZE PSICOTROPE, PREVENZIONE, CURA E RIABILITAZIONE DEI RELATIVI STATI DI TOSSICODIPENDENZA, DI CUI AL DECRETO

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.194/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio dell adunanza generale del 28 ottobre 2014 visto il T.U. delle

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI TEMPISTICA DELLE PROCEDURE ELETTORALI In data 28 ottobre 2014, alle

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Fioria Francesca 10/06/1969 II Fascia MINISTERO

Dettagli

09100 CAGLIARI VIA TUVERI, 22 TELEFONO (070) 40.12.94 40.15.13 TELEFAX 49.19.11

09100 CAGLIARI VIA TUVERI, 22 TELEFONO (070) 40.12.94 40.15.13 TELEFAX 49.19.11 OGGETTO: Informazione preventiva - Proposta elaborata dal Tavolo Tecnico di cui al Decreto n. 3 del 21.3.2013 del Provveditore Regionale con modifiche a seguito dell incontro sindacale del 10.5.2013. Assetto

Dettagli

MANUALE OPERATIVO COMPARTO

MANUALE OPERATIVO COMPARTO MANUALE OPERATIVO COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI a cura di Vincenzo Tromby Dipartimento Contrattuale AA. LL. CISL FPS Napoli Presentazione di Francesco Angellotti Seg. Gen. CISL FPS Campania L idea

Dettagli

MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015

MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015 MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015 Ai Ai All Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali per le province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Vicenza, Verona e Venezia Loro Sedi Dirigenti

Dettagli

Presenza alle udienze e traduzioni: come conciliare l esigenza e quale nuovo modello organizzativo.

Presenza alle udienze e traduzioni: come conciliare l esigenza e quale nuovo modello organizzativo. Presenza alle udienze e traduzioni: come conciliare l esigenza e quale nuovo modello organizzativo. Relatore: Mario Piramide, Commissario di Polizia Penitenziaria Ho accettato di buon grado l invito che

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 Il giorno 14 luglio dell anno 2011, alle ore 9,00, presso una sala del Rettorato, le

Dettagli

VERBALE DI CONCERTAZIONE

VERBALE DI CONCERTAZIONE PREMESSA Le delegazioni pubblica e sindacale hanno sottoscritto, in data 11 maggio 2007, i Criteri per la definizione della retribuzione di posizione al personale di Categoria EP (V. testo definitivo risultante

Dettagli

Supplemento al Prospetto Informativo RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI AZIONI ORDINARIE E DI AZIONI PRIVILEGIATE DI. SISAL S.p.A.

Supplemento al Prospetto Informativo RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI AZIONI ORDINARIE E DI AZIONI PRIVILEGIATE DI. SISAL S.p.A. Supplemento al Prospetto Informativo RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI AZIONI ORDINARIE E DI AZIONI PRIVILEGIATE DI SISAL S.p.A. Sede in Milano, Via A. di Tocqueville n. 13 Capitale Sociale

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE DI LAMEZIA TERME

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE DI LAMEZIA TERME INFORMAZIONI PERSONALI Nome MENDICINO MARIA LUISA Data di nascita 11/11/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLA Dirigente - CASA CIRCONDARIALE

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Prot. 7883 Roma, lì 19.03.2015 All. 1 Pres. Santo CONSOLO Capo Dipartimento A.P.

Prot. 7883 Roma, lì 19.03.2015 All. 1 Pres. Santo CONSOLO Capo Dipartimento A.P. Prot. 7883 Roma, lì 19.03.2015 All. 1 Pres. Santo CONSOLO Capo Dipartimento A.P. Dott. Luigi PAGANO V. Capo Vicario del DAP Cons. Sebastiano BONGIORNO Direttore VISAG - DAP Direzione Generale del Personale

Dettagli

Accordo Interconfederale Intercategoriale Nazionale in attuazione del D.Lgs 626/94

Accordo Interconfederale Intercategoriale Nazionale in attuazione del D.Lgs 626/94 Accordo Interconfederale Intercategoriale Nazionale in attuazione del D.Lgs 626/94 tra Confartigianato, CNA, CASA, CLAAI e CGIL, CISL, UIL Parte Prima Organismi paritetici 1. Organismi paritetici territoriali

Dettagli

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Indice

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Indice Distributori automatici di sigarette e sistemi di age control basati sulla lettura delle impronte digitali: l ordinanza cautelare del TAR Basilicata del 6 Giugno 2013. di: Avv. Alessandro del Ninno Avv.

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.M.A. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE ONLUS CON SEDE IN FERRARA. STATUTO. Art.1 DENOMINAZIONE-OGGETTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.M.A. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE ONLUS CON SEDE IN FERRARA. STATUTO. Art.1 DENOMINAZIONE-OGGETTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.M.A. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE ONLUS CON SEDE IN FERRARA. STATUTO Art.1 DENOMINAZIONE-OGGETTO OGGETTO-SEDE E costituita l Associazione di d i Volontariato

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BOCCACCI Saverio Data di nascita 01/04/1946

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BOCCACCI Saverio Data di nascita 01/04/1946 INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOCCACCI Saverio Data di nascita 01/04/1946 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Responsabile - D.G.M. - D.G.P.F. - UFFICIO II

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi Siena Spa ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Nei giorni scorsi, sulla base delle previsioni codificate nell

Dettagli

BANDO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N.165/2001, PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N

BANDO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N.165/2001, PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N Codice bando n. 365.134 DIITET IRC CTER BANDO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N.165/2001, PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N.1 POSTO DI COLLABORATORE

Dettagli

Riferisce il dott. Bruno Barra Presidente ANACNA

Riferisce il dott. Bruno Barra Presidente ANACNA ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL PRESIDENTE +39 (0)6 7842963 MOB. +39 3336805491 Oggetto: relazione ANACNA

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. Premessa sui riferimenti normativi 2. Pianificazione Strategica e Programmazione Operativa 2.1 Il Piano strategico,

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI CITTADINO Pagina 1 di 35 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI CITTADINO 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA METROPOLITANA 1. Nell area metropolitana

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCIATI Riflessioni sulla c.d. tutela reale del rapporto di lavoro. Ovvero, tanto rumore, forse, per nulla. Le polemiche scatenate intorno alla modifica dell art.18 della L.300/70 e della L.604/66 sui licenziamenti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO GODIMENTO DELLE FERIE ARRETRATE QUESITO (posto in data 13 gennaio 2013) In un momento di rimodulazione dell'attività complessiva della struttura nella quale lavoriamo volta ad operare "di meno

Dettagli