Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna."

Transcript

1 _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative indipendenti Prot. n. 026/12 All. 03 (7 pagine) li, 05/02/2012 dott. Gianfranco de Gesu Provveditore Regionale A.P. CATANZARO Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna. Ripetutamente questo Coordinamento ha segnalato all Amministrazione penitenziaria ai vari livelli di responsabilità la necessità e l opportunità di meglio disciplinare o, quantomeno, orientare l impiego del personale del Corpo di polizia penitenziaria nell ambito degli Uffici di esecuzione penale esterna. Il problema principale è quello di articolare ed armonizzare i piccoli contingenti di polizia, secondo il loro ordinamento, il loro status, le loro prerogative ed i loro precipui doveri, nell ambito dell assorbente organizzazione complessiva caratterizzata dalla più numerosa e pregnante presenza degli operatori del Comparto ministeri. Indipendentemente, difatti, da piante organiche omissive ed anacronistiche che non quantificano l assegnazione di personale del Corpo nelle sedi diverse dagli istituti penitenziari (non foss altro perché calcolate in proporzione alla presenza fisica di detenuti), è ormai, oltre che acclarato, anche codificato che vi debba essere la loro presenza pure in altre sedi per garantire una molteplicità di servizi ed il disimpegno di specifici compiti. A garanzia del sistema ed in aderenza al dettato costituzionale di assicurazione del buon andamento amministrativo, le funzioni, la gerarchia e la figura stessa degli operatori di Polizia penitenziaria non possono dunque, solo in ragione della presenza numericamente residuale, non trovare un organizzazione compiuta, nel puntuale ossequio alla disciplina vigente. D'altronde, in un sistema complesso come quello penitenziario con diverse figure professionali che, secondo le necessità istituzionali, sono diversamente proporzionate in ragione delle esigenze specifiche tanto da far preponderare, sempre e solo in termini numerici, talvolta le une e talvolta le altre, i modelli organizzativi non possono non tener conto delle minoranze che, al contrario, vanno valorizzate ed integrate quale parte essenziale, oltre che sinergica, dell insieme. Pagina 1 di 2 UILPA Penitenziari Coordinamento Regionale Calabria Via Edoardo e Felice Fiore Lamezia Terme Web: Tel Fax

2 Tuttavia, presso l UEPE di Reggio Calabria e non solo, pur dopo l individuazione di soluzioni adeguate e quasi pioneristicamente rispettose dei diversi interessi, si assiste ciclicamente a passi a ritroso come in una sorta di macchina del tempo che periodicamente resetta il progresso. Già nel 2007, difatti, questo Coordinamento fu costretto come altre volte in precedenza ad intervenire con la nota n. 252/07 del 09 luglio che si allega in copia e che si richiama integralmente per la parte che riguarda il ruolo della Polizia penitenziaria negli UEPE. Cosicché la questione si risolse temporaneamente con l ordine di servizio n. 20 del 21 novembre 2008 (allegato), emanato appunto dalla Direzione dell UEPE di Reggio Calabria. Nuovamente, però, con ordine di servizio n. 3 del 26 gennaio 2012 (allegato) la prefata Direzione ha riportato indietro il datario revocando la precedente disposizione. A questo punto, appare auspicabile e si richiede di affrontare la vicenda a livello regionale, se del caso anche nell ambito della già concordata trattativa per la revisione del Protocollo di Intesa, al fine di individuare soluzioni condivise che valorizzino l opera della Polizia penitenziaria nelle sedi diverse dagli istituti penitenziari, al pari delle altre figure professionali, in aderenza alla normativa vigente. Nell attesa di un cortese cenno di riscontro, cordiali saluti. Si allegano: Copia della nota n. 252/07 del 09 luglio 2007 di questo Coordinamento; Copia dell ordine di servizio n. 20 del 21 novembre 2008 della Direzione dell UEPE di Reggio Calabria; Copia dell ordine di servizio n. 3 del 26 gennaio 2012 della Direzione dell UEPE di Reggio Calabria. Pagina 2 di 2

3 Coordinamento Regionale Calabria Vico XI Timpone, Lamezia Terme (CZ) Tel Fax Prot. n. 252/07 All. - - e, p.c. cons. Riccardo Turrini Vita Direttore Generale dell Esecuzione Penale Esterna del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria R O M A pres. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria C. Eugenio Sarno Segretario Generale UILPA Penitenziari Oggetto: Uffici dell Esecuzione Penale Esterna. Ruolo e funzioni del Corpo di polizia penitenziaria. li 09/07/2007 R O M A R O M A Lo scorso 03 luglio presso l Ufficio dell Esecuzione Penale Esterna di Reggio Calabria si è conclusa la contrattazione fra la delegazione di Parte Pubblica, le Organizzazioni Sindacali e la Rappresentanza Sindacale Unitaria per la definizione del nuovo assetto organizzativo della Sede. La negoziazione si è svolta in maniera apprezzabilmente spedita, in un clima di notevole apertura al confronto, dimostrato dalle Parti, che ha consentito di affrontare e superare un buon numero di questioni. Tuttavia la discussione si è sensibilmente animata allorquando si è affrontata la tematica riguardante il ruolo da assumere e le funzioni da assolvere, nell ambito dell Area della Direzione, da parte del piccolo contingente di personale del Corpo di polizia penitenziaria assegnato in quella sede (sia in via definitiva, sia con provvedimento temporaneo). Sintetizzando, secondo il modello proposto in ultima battuta dalla delegazione di Parte Pubblica e condiviso da CGIL, CISL e CONF.SAL-UNSA (in pratica, tutte le OO.SS. intervenute tranne la UILPA Penitenziari), nonché dalla Rappresentanza Sindacale Unitaria, la Polizia penitenziaria presso l UEPE di Reggio Calabria opererà Pagina 1 di 3

4 nell ambito dell Area della Direzione ed avrà nell unità in possesso della qualifica più elevata il referente per la Polizia Penitenziaria. Quest ultimo aspetto non è stato condiviso dalla delegazione della UILPA Penitenziari intervenuta. Da un attento e sistematico esame di tutta la normativa, sia di natura legislativa sia di tipo regolamentare, che disciplina e regola in ogni suo aspetto il servizio del personale del Corpo di polizia penitenziaria e ne determina, altresì, l ordinamento disciplinare, non è difatti rinvenibile la figura del referente. E se, forse, va riconosciuto alla Dirigenza dell UEPE di Reggio Calabria il merito di aver ideato, progettato e creato, con una sorta di motu proprio, detta figura, certamente non può essere sottaciuto che tale opera di ingegnerizzazione è rimasta profondamente incompleta, atteso anche che non sono stati compiutamente definiti, appunto, il ruolo e le funzioni della nuova figura istituita. Per contro, la UILPA Penitenziari aveva proposto che nell ambito del contingente di personale del Corpo di polizia penitenziaria venisse individuato un Coordinatore. Ciò, evidentemente, in aderenza al vigente dettato normativo che, come detto, disciplina il servizio della Polizia penitenziaria ed, in particolare, alla legge 15 dicembre 1990, n. 395, al decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443, al decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 1999, n. 82; senza peraltro tralasciare, pure per manifesti aspetti di interconnessione, il decreto legislativo 30 ottobre 1992, n Dalla normativa appena citata, difatti, si evince in maniera inequivocabile che a ciascun ruolo della Polizia penitenziaria possono essere affidate funzioni di coordinamento, di cui vengono indicate, attraverso le declaratorie dei profili, le peculiarità, le forme e gli ambiti in cui devono disimpegnarsi. Tanto più che, presso l UEPE di Reggio Calabria (allora CSSA), già con ordine di servizio n. 33 del 24 dicembre 2001, era stata formalmente costituita un Unità Operativa del Corpo di polizia penitenziaria. Volendo andare oltre, si potrebbe persino richiamare il dettato dell art. 31, 1 comma, D.P.R. 82/99 ( Il personale del Corpo di polizia penitenziaria in servizio in ogni istituto o servizio penitenziario, scuola o istituto di istruzione costituisce un reparto ), tuttavia, almeno in questo contesto ed anche al fine di evitare qualsiasi tipo di strumentalizzazione di cui si avvertono particolarmente i rischi, si preferisce tralasciare. Appare palese, però, che l Accordo raggiunto presso l UEPE di Reggio Calabria sulla materia anzidetta contrasta fortemente con la predetta disciplina, tanto che è stato ritenuto dalla delegazione trattante della UILPA Penitenziari, così come viene giudicato da questo Coordinamento, contra legem. Pagina 2 di 3

5 Ciò non ha consentito, dunque, alla UILPA Penitenziari di sottoscriverlo. Trattandosi, peraltro, di un Accordo che si ritiene, come detto, illegittimo, sarebbe relativamente agevole impugnarlo nelle sedi competenti. Tuttavia, pur non condividendone nella maniera più assoluta la parte sin qui descritta, nel più compiuto ossequio all inalienabile ruolo contrattuale esercitato dalle Parti e nel più fermo rispetto delle regole democratiche, questo Coordinamento ha inteso ed intende prendere atto della maggioranza autonomamente determinatasi al tavolo negoziale. In relazione alla tematica in questione, infatti, il principale obiettivo del Coordinamento regionale UILPA Penitenziari della Calabria è quello di favorire ed incentivare, ad ogni livello, un approfondita riflessione sull opera svolta e su quella che dovrebbe svolgere il Corpo di polizia penitenziaria, le donne e gli uomini che vi appartengono, in ogni contesto in cui, nell interesse supremo dello Stato e, dunque, della collettività, viene impiegato ed evitare che, come fin troppo spesso accade, venga relegato con grave danno anche per l erario a servizi di anticamera e/o alla guida di automezzi, anche a targa c.d. civile, alla stregua di semplici autisti, solo per fare alcuni esempi fra i meno dequalificanti. Per quanto accennato, pure a prescindere dalla discussione che sta riguardando gli istituendi Nuclei di Verifica e dai relativi esiti, si richiede alla S.V. un autorevole e cortese intervento finalizzato a chiarire pragmaticamente il ruolo che deve assumere e le funzioni che deve svolgere nell immediato la Polizia penitenziaria nell ambito degli Uffici per l Esecuzione Penale Esterna. Al Segretario Generale della UILPA Penitenziari, che legge per conoscenza, si richiede altresì di valutare l opportunità di sollevare la questione in occasione del confronto che riguarderà la creazione dei cc.dd. Nuclei di Verifica (previsto per il giorno 11 p.v.) affinché in ogni caso, sin da subito, ed anche nell ambito dei Provveditorati regionali dell Amministrazione penitenziaria che non saranno interessati dalla probabile sperimentazione, venga compiutamente e concretamente affermato il ruolo del Corpo di polizia penitenziaria e le relative funzioni non prescindano dai compiti istituzionali ad esso affidati o, comunque, da quelli direttamente connessi ai medesimi. Nell attesa di un cortese riscontro, distinti saluti. Pagina 3 di 3

6

7

8

9

Coordinamento Regionale Calabria. Preg.mo prof. Gianni Speranza Sindaco della Città LAMEZIA TERME. Prot. n. 395/07 All.

Coordinamento Regionale Calabria. Preg.mo prof. Gianni Speranza Sindaco della Città LAMEZIA TERME. Prot. n. 395/07 All. Coordinamento Regionale Calabria Vico XI Timpone, 4 88046 Lamezia Terme (CZ) Tel. 3494916731 Fax 1782281954 www.uilpapenitenziari.it uilpapenitenziari@uilpapenitenziari.it Preg.mo prof. Gianni Speranza

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione In data 12.11.2007 con nota n. 4054 (vedi allegato) la segreteria nazionale ha rappresentato al capo del DAP l involuzione che l istituto di Milano Opera ha subito a conseguenza dell apertura del reparto

Dettagli

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG Firenze, 4 dicembre 2008 Prot. 124/08/SR/SG Al Dott. Vincenzo Tedeschi Direttore della Casa Reclusione di San Gimignano (SI) E, p.c.: Alla Dr.ssa Maria Pia Giuffrida Provveditore Regionale della Toscana

Dettagli

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni Al Sig. Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Pref. Francesco Paolo Tronca Prot. 47/13 del 22.06.2013 Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA via A. di Sangiuliano, 365 95124 Catania - tel. 3488978553 - fax 0952933790 catania@uilpa.it Catania, li 03/04/2013 Prot.

Dettagli

Comunicato Stampa. Sgomento per il Poliziotto penitenziario suicida a Rossano

Comunicato Stampa. Sgomento per il Poliziotto penitenziario suicida a Rossano _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative

Dettagli

Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Commissione Lavoro Senato della Repubblica Audizione sul Disegno di Legge recante norme sulle rappresentanze sindacali unitarie nei luoghi di lavoro, sulla rappresentatività sindacale e sull efficacia dei contratti collettivi di lavoro Commissione

Dettagli

Il Segretario Generale

Il Segretario Generale Il Segretario Generale Roma 25 ottobre 2010 On.le Roberto MARONI Ministro dell Interno ROMA Prefetto Antonio MANGANELLI Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza ROMA Con l ormai tristemente

Dettagli

Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09

Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09 Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09 ALLA DIREZIONE O.P.G. Oggetto: Servizio di ristorazione collettiva II.PP. di Reggio Emilia. Di seguito ad un sondaggio interno tra il personale di Polizia Penitenziaria

Dettagli

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia Roma, 11 dicembre 2007 Prot. n. 3063/2007 On. Clemente Mastella On. Paolo Ferrero Ministero della Solidarietà On. Giuliano Amato Ministero dell Interno Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Il Segretario Generale Roma, 30 giugno 2015 Prot. 1554 /D/30.06.2015 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Vice Ministro On. Avv. Enrico Costa Al SottoSegretario alla Giustizia dr. Cosimo Maria

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, richiamando espressamente l art. 2, comma 634,

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp. Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it Prot. 28/16 S.N. Roma, 15 gennaio 2016 MINISTERO DELL'INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

Deliberazione n. 22/2009/P

Deliberazione n. 22/2009/P Deliberazione n. 22/2009/P Repubblica Italiana la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza generale del 10 novembre

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI VERBALE DI VERIFICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI VERBALE DI VERIFICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI VERBALE DI VERIFICA In data 3 e 9 marzo 2005, presso la Direzione Generale dell Inpdap in via Ballarin 42, si sono tenuti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

Anzio il 20 febbraio 2015 Al Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Toscana FIRENZE. E per conoscenza,

Anzio il 20 febbraio 2015 Al Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Toscana FIRENZE. E per conoscenza, Anzio il 20 febbraio 2015 Al Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Toscana FIRENZE E per conoscenza, Al Vice Ministro della Giustizia On. Enrico COSTA ROMA Al Capo del Dipartimento dell

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE REGIONALE SULLE MODALITA APPLICATIVE DELL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

ACCORDO INTERCONFEDERALE REGIONALE SULLE MODALITA APPLICATIVE DELL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ACCORDO INTERCONFEDERALE REGIONALE SULLE MODALITA APPLICATIVE DELL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI Il giorno 15 marzo 2012 presso la sede della Confartigianato del Veneto, in Marghera

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Coordinamento Regionale Triveneto Prot.n. 0108 /2012 Reg.vi Pres. Tamburino

Dettagli

Prot nr. 99/08 SP Reggio Emilia li, 06.11.2008

Prot nr. 99/08 SP Reggio Emilia li, 06.11.2008 Prot nr. 99/08 SP Reggio Emilia li, 06.11.2008 ALLA DIREZIONE C.C. ALLA DIREZIONE O.P.G. AL PROVVEDITORATO REGIONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ALLA SEGRETERIA REGIONALE S.A.P.Pe ALLA SEGRETERIA

Dettagli

Dr. Luigi PAGANO Vice Capo Vicario DAP. Dr. Riccardo Turrini Vita D.G. del Personale DAP R O M A

Dr. Luigi PAGANO Vice Capo Vicario DAP. Dr. Riccardo Turrini Vita D.G. del Personale DAP R O M A Prot. n. 7254 All. Roma lì, 20 agosto 2013 Pres. Giovanni Tamburino Capo DAP Dr. Luigi PAGANO Vice Capo Vicario DAP Dr. Riccardo Turrini Vita D.G. del Personale DAP R O M A Oggetto: Trattamento di missione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA E CONFERENZA REGIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA DELEGAZIONE REGIONALE CARITAS

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Prot. Roma, Ai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Federazione Nazionale Sicurezza CISL Via dei Mille, 36 00185-ROMA

Dettagli

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Prot. n. 3586 lì, 18.05.2015 DECRETO SINDACALE N. 07/2015 OGGETTO: Nomina Responsabile del Settore Affari Generali Titolare di posizione organizzativa.

Dettagli

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELL ACCORDO TRA DELEGAZIONE DI PARTE

DOCUMENTO DI SINTESI DELL ACCORDO TRA DELEGAZIONE DI PARTE DOCUMENTO DI SINTESI DELL ACCORDO TRA DELEGAZIONE DI PARTE PUBBLICA E DELEGAZIONE DI PARTE SINDACALE SULLE TEMATICHE RELATIVE AL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO 1. DISCIPLINA DEGLI INCARICHI CONFERITI

Dettagli

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Il 10 gennaio Confindustria ha sottoscritto con Cgil, Cisl e Uil il Testo Unico sulla rappresentanza. Di seguito alcune

Dettagli

SLIDES Edizione I pubblicato il 19 aprile 2013 Gianluca Spolverato

SLIDES Edizione I pubblicato il 19 aprile 2013 Gianluca Spolverato SLIDES Edizione I pubblicato il 19 aprile 2013 Gianluca Spolverato GESTIRE UNA MOBILITÀ IN CONTESTI DI CRISI vademecum VADEMECUM E LINEE GUIDA 1. COSA FARE PRIMA DI APRIRE UNA PROCEDURA DI MOBILITÀ. 2.

Dettagli

Area risorse umane 1

Area risorse umane 1 Area risorse umane 1 Siena, 7 dicembre 2004 VERBALE DI CONCERTAZIONE Criteri generali per l attribuzione degli incarichi per particolari responsabilità o funzioni alla categoria EP Verbale contenente:

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE. Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE Prot. n. 121 LC/lc Torino, 4 novembre 2011 On.le Ministero delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV 00187 ROMA Oggetto:

Dettagli

Prot. n. 27 S.P./2015 Lodi, lì 29 agosto 2015

Prot. n. 27 S.P./2015 Lodi, lì 29 agosto 2015 Prot. n. 27 S.P./2015 Lodi, lì 29 agosto 2015 Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Al Garante per la Protezione dei dati Personali Piazza Montecitorio n. 121 00186 R O M A Email: urp@gpdp.it E-mail

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA / 2 / E 2 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PEN TTEN7.TARL PROVVEDITORATO REGIONALE DEL PIEMONTE E VAI JJ. D AOSIA Ufficio della Segreteria e degli Affari Generali Utjìcio Relazioni

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE Numero 05140/2010 e data 24/11/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 NUMERO AFFARE 04251/2010 OGGETTO:

Dettagli

in nome della Segreteria Provinciale e Locale del Sindacato Autonomo di Polizia

in nome della Segreteria Provinciale e Locale del Sindacato Autonomo di Polizia Segreteria Provinciale Parma Via Burla 5, 43122 mail: sappe.parma@tiscali.it Tel. 335/6570371 Fax 1786009319 All Ecc.mo Signor Presidente della Commissione Giustizia del Senato della Repubblica Oggetto:

Dettagli

MANUALE OPERATIVO COMPARTO

MANUALE OPERATIVO COMPARTO MANUALE OPERATIVO COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI a cura di Vincenzo Tromby Dipartimento Contrattuale AA. LL. CISL FPS Napoli Presentazione di Francesco Angellotti Seg. Gen. CISL FPS Campania L idea

Dettagli

ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE E GESTIONE DELLE DELEGHE DI ADESIONE SINDACALE, DELLE DISDETTE E DELLA LORO CUSTODIA PRESSO LA CASSA EDILE

ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE E GESTIONE DELLE DELEGHE DI ADESIONE SINDACALE, DELLE DISDETTE E DELLA LORO CUSTODIA PRESSO LA CASSA EDILE ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE E GESTIONE DELLE DELEGHE DI ADESIONE SINDACALE, DELLE DISDETTE E DELLA LORO CUSTODIA PRESSO LA CASSA EDILE La presente intesa, siglata in Roma in data 06/04/2005., fa riferimento

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Accordo sugli istituti economici del CCNL 27.1.2005 Anno 2006 In data, presso la sala consiliare dell Università degli Studi di Napoli Parthenope, la delegazione di parte pubblica, costituita dal Rettore

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009 Premesso che: a) in data 9 giugno 2009 è stata sottoscritta la ipotesi

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Accordo integrativo, 9 luglio 2009

Accordo integrativo, 9 luglio 2009 35 L Accordo Integrativo del luglio 2009, sottoscritto dalle Segreterie Provinciali di CGIL, CISL, UIL e dal Consorzio Venezia Nuova, alla presenza del Prefetto, si riferisce in particolare al tema della

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 Il giorno 14 luglio dell anno 2011, alle ore 9,00, presso una sala del Rettorato, le

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1225 Prot. n. 269/14-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Autorizzazione alla sottoscrizione definitiva dell'ipotesi di accordo di

Dettagli

C.C. 24 Oggetto: Criteri generali per l adozione del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi.

C.C. 24 Oggetto: Criteri generali per l adozione del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi. C.C. 24 Oggetto: Criteri generali per l adozione del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi. Il Sindaco dà lettura del punto 4) all ordine del giorno avente ad oggetto: Criteri generali

Dettagli

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi CONSIGLIO DI STATO Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza del 7 maggio 2009 N. della Sezione: 1485/2009 OGGETTO: Presidenza del Consiglio dei ministri - Ministro per la pubblica amministrazione

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 4 lett. a)- CCNL]

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO Legge svuota carceri e doppia sospensione dell'esecuzione della pena detentiva: circolare della Procura di Milano (a margine del caso Sallusti) Procura della Repubblica di Milano, circolare del 6.12.2012

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E.

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. Parma 17 ottobre 2014 UFFICI ESECUZIONE PENALE ESTERNA L UEPE ex Centro di Servizio

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

ART.2 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE

ART.2 TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE Provincia di Pistoia Servizio Politiche sociali e per la gioventù Piazza S. Leone, 1 51100 Pistoia telefono 0573/374334 fax 0573/374572 e-mail: osp@provincia.pistoia.it Allegato 3 CONVENZIONE PER AFFIDAMENTO

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Il godimento frazionato del congedo parentale e le potenzialità della contrattazione collettiva

Il godimento frazionato del congedo parentale e le potenzialità della contrattazione collettiva Il godimento frazionato del congedo parentale e le potenzialità della contrattazione collettiva Silvia Stefanovichj Dipartimento pubblico impiego e tutele sociali Dalle Line Guida per la contrattazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Ro DELIBERAZIONE N 249. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Primerano xxx c/ Wind Telecomunicazioni xxx. IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro.

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro. DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DEL PERSONALE L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, IL BILANCIO UPD Div.II Ai Direttori interregionali del lavoro Ai Direttori territoriali del lavoro LORO SEDI E, p.c. Al Capo

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

La Dott.ssa Francesca Romana Pucci, in funzione del giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente

La Dott.ssa Francesca Romana Pucci, in funzione del giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente PUBBLICO IMPIEGO-MANSIONI SUPERIORI E DIFFERENZE RETRIBUTIVE Sentenza del 9-11-04 del Tribunale civile di Crotone - sezione lavorodel G.L. dott.ssa Francesca Romana Pucci Oggetto: Controversia di Lav /

Dettagli

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte.

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte. Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale patrizia.vernoni@regione.piemonte.it Data 13/05/2011 Protocollo 0003728/DB1701 Classificazione 009.050.020

Dettagli

Alla Direzione della Casa Circondariale Bologna. Al Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Bologna

Alla Direzione della Casa Circondariale Bologna. Al Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Bologna Segreteria Regionale Emilia Romagna Via del Gomito 2, 40127 Bologna 1 sappe.emiliaromagna@tiscali.it Tel: 3356570578 - Fax: 1782269974 Prot.n. 03/2010 Bologna lì 04/02/2010 Alla Direzione della Casa Circondariale

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI TEMPISTICA DELLE PROCEDURE ELETTORALI In data 28 ottobre 2014, alle

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO CAIO PLINIO SECONDO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO CAIO PLINIO SECONDO 1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO CAIO PLINIO SECONDO CORSI DIURNI E SERALI Via Italia Libera, 1 22100 COMO Tel. 031 3300711 Fax 031 3300739 SUCCURSALE VIA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

BANDO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N.165/2001, PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N

BANDO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N.165/2001, PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N Codice bando n. 365.134 DIITET IRC CTER BANDO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N.165/2001, PER LA COPERTURA, CON CONTRATTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N.1 POSTO DI COLLABORATORE

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO AMMINISTRAZIONE E OO.SS AL VIMINALE

INCONTRO INFORMATIVO AMMINISTRAZIONE E OO.SS AL VIMINALE CO.NA.PO. SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" uuu Segreteria Generale Vico del Fiore, 21/23-54011 - Aulla (MS) Tel. 0187-421814 - Fax 06-98380115 Cell. 329-0692863

Dettagli

Corte dei conti. e delle Amministrazioni dello Stato. ZACCHIA, Giuseppa MANEGGIO, Luisa D EVOLI, Giovanni ZOTTA, Fabio

Corte dei conti. e delle Amministrazioni dello Stato. ZACCHIA, Giuseppa MANEGGIO, Luisa D EVOLI, Giovanni ZOTTA, Fabio Deliberazione n. SCCLEG/8/2014/PREV REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

Allegati: lettera CGIL e Linee guida per la revisione dell accordo 1996 relativo ai RLS

Allegati: lettera CGIL e Linee guida per la revisione dell accordo 1996 relativo ai RLS Protocollo n. 202/U Roma, 31 luglio 2001 Alle segreterie regionali Alle segreterie comprensoriali Oggetto: RLS: Revisione Accordo Quadro Care compagne e cari compagni, siamo finalmente in condizione di

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 63 del 26 luglio 2013

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 63 del 26 luglio 2013 196 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 63 del 26 luglio 2013 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1150 del 5 luglio 2013 Disciplina in materia approvazione di progetti formativi per la

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.194/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio dell adunanza generale del 28 ottobre 2014 visto il T.U. delle

Dettagli

STUDIO LEGALE DEL VECCHIO

STUDIO LEGALE DEL VECCHIO BRUNO DEL VECCHIO Avvocato Patrocinante in Cassazione ISABELLA PARISI Avvocato SILVIA ALTEA Avvocato Spett.le Federazione Nazionale della Stampa Italiana Corso Vittorio Emanuele II, 349 00186 Roma Roma,

Dettagli

Ministero dei Trasporti e della Navigazione

Ministero dei Trasporti e della Navigazione MODULARIO MAR. MERC. 56 MOD. 85 Ministero dei Trasporti e della Navigazione DIREZIONE GENERALE DEL DEMANIO MARITTIMO E DEI PORTI Del soppresso Ministero della Marina Mercantile Al 09.06.1997 Roma, 19 LE

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE ELETTRICITA

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE ELETTRICITA Settore Elettricità Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE ELETTRICITA 131 Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEI DETENUTI E DEL TRATTAMENTO. UFFICIO V - "Osservazione e Trattamento" AII'INAIL

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEI DETENUTI E DEL TRATTAMENTO. UFFICIO V - Osservazione e Trattamento AII'INAIL MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEI DETENUTI E DEL TRATTAMENTO UFFICIO V - "Osservazione e Trattamento" GDAP- 0205401-2014 LETTERA CIRCOLARE PU-GDAP-1 «80-WW2B14-0205401

Dettagli

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori.

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Il Consiglio Provinciale ed il Consiglio Comunale di Vibo Valentia riunitisi

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO (Provincia di Padova)

COMUNE DI ALBIGNASEGO (Provincia di Padova) COMUNE DI ALBIGNASEGO (Provincia di Padova) Via Milano, 7 P.I.: 00939330288 C.F: 80008790281 SETTORE 2 Servizi Finanziari Economato - Provveditorato E-mail ragioneria@obizzi.it Prot. 130 del 03/01/2013

Dettagli

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi Siena Spa ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Nei giorni scorsi, sulla base delle previsioni codificate nell

Dettagli

ROMA ROMA ROMA. e, p.c. ROMA. Oggetto: DM-DGMC Decreto del Ministro della Giustizia recante disposizioni concernenti

ROMA ROMA ROMA. e, p.c. ROMA. Oggetto: DM-DGMC Decreto del Ministro della Giustizia recante disposizioni concernenti Prot. 122/11/2015/uil Roma, 11 novembre 2015 All Ufficio del Gabinetto dell On.le Ministro Dott. G. Melillo segreteria.capo.gabinetto@giustizia.it Al Vice Capo di Gabinetto Dott.ssa G. Tuccillo gemma.tuccillo@giustizia.it

Dettagli