SEGRETERIE GENERALI PROVINCIALI DI CATANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGRETERIE GENERALI PROVINCIALI DI CATANIA"

Transcript

1 SEGRETERIE GENERALI PROVINCIALI DI CATANIA Prot. n. 2110/SN-A Catania, lì 02/01/2010 Pres. Franco IONTA Capo del DAP Dott. Emilio DI SOMMA Vice Capo Vicario del DAP Cons. Santi CONSOLO Vice Capo del DAP Cons. Riccardo TURRINI VITA Direttore Generale Esecuzione Penale Esterna DAP Dott. Massimo DE PASCALIS Direttore Generale del Personale DAP Cons. Sebastiano ARDITA Direttore Generale Detenuti DAP Dr. Orazio FARAMO Provveditore Regionale Amm. Penit, per la SICILIA PALERMO COOR.TO REGIONALE SICILIA CGIL- PALERMO CISL-F.P PALERMO UNSA-CONFSAL PALERMO UIL P.A. PENITENZIARI SICILIA BARCELLONA P.G. 1/11

2 COOR.TO NAZIONALE OO.SS. CGIL-FP CISL-FP UIL-PA Penitenziari UNSA-CONFSAL Dr.ssa Patrizia GAROFALO Direttore UEPE CATANIA p.c. Ministro della Giustizia On. ALFANO Ministro per la P.A. e Innovazione On. BRUNETTA S.E. PREFETTO CATANIA Commissione di Garanzia per l attuazione della legge sullo sciopero OO.SS. RdB Presidente del Tribunale di Sorveglianza CATANIA Direzioni Istituti Penitenziari CATANIA P.L. CATANIA BICOCCA CALTAGIRONE GIARRE Direzioni U.E.P.E. ITALIA Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali Consiglio Regionale Assistenti Sociali Sicilia PALERMO 2/11 STATO DI AGITAZIONE PERSONALE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA CATANIA

3 STATO DELLA VERTENZA Con la presente si delineano i contenuti delle assemblee del personale, che da alcuni mesi vengono effettuate sistematicamente, a seguito delle problematiche verificatesi nei rapporti con la Direzione UEPE - Catania. Nel documento, oltre alle tematiche di carattere collettivo, confluiscono, pure, alcune questioni, che, sebbene segnalate da alcuni operatori, rivestono un interesse generale, poiché esse afferiscono ad aspetti non secondari di tipo gestionale e operativo. Da circa due anni, sulla base di forti disagi (che saranno nel dettaglio innanzi trattati) imputabili a criticità dell organizzazione del lavoro, il personale dell UEPE di Catania, tramite anche RSU ed OO.SS., ha chiesto alla Direzione 1. di redigere un nuovo modello organizzativo, basato su un adeguata analisi dei processi di lavoro (in relazione ai criteri valutativi di efficacia-efficienza); 2. di provvedere (valorizzando le risorse umane e tenendo presente il carico di lavoro complessivo afferente alle diverse aree) all assegnazione equa di compiti e incarichi nel rispetto della qualifica di appartenenza di ciascun lavoratore. Per superare le contraddizioni interne, nonché per alleviare la tensione consequenziale al senso di bossing vissuto dal personale sottoposto, si chiedeva che tutto ciò avvenisse sulla base di principi quali: 1) la trasparenza delle pratiche decisionali; 2) l applicazione della normativa contrattuale e delle direttive Dipartimentali; 3) il rispetto di corrette relazioni sindacali con l invio delle informative preventive; 4) il rispetto della professionalità acquisita, ai sensi del DPR 165 del 30 marzo 2001 e dell art del codice civile; 5) l ottimizzare e l uso delle risorse disponibili, secondo criteri di priorità che ponessero al primo posto il mandato istituzionale del Servizio; 6) la reingegnerizzazione dei processi di lavoro; 7) l attenzione al benessere organizzativo e al concreto rischio di burnout (data la specificità di professione d aiuto del Servizio Sociale). Tutto ciò perché si potessero liberare quelle energie dei lavoratori assorbite dalle ridondanze e incongruenze burocratiche (interpretazioni delle normative da parte della Direzione UEPE Catania, del tutto soggettive spesso in netto contrasto con la stessa ratio legis ), e reinvestirle, invece, su obiettivi di qualità, con ricadute sulla soddisfazione dell utenza e della committenza Le OO.SS. nelle varie convocazioni susseguitesi con la Direzione dell UEPE di Catania si sono trovate di fatto: a far fronte a concertazioni stressanti, a concertazioni spesso prive di informativa preventiva, o carente dal punto di vista esplicativo dei criteri e delle modalità proposte, accompagnata da allegati/tabelle numeriche prive di decodificazione, chiaramente intesa all assolvimento di un atto formale e non di un atto sostanziale per la discussione. La frammentazione degli aspetti organizzativi, trattati di volta in volta sulla base delle emergenze del momento, oltre a dare luogo a soluzioni parziali e insufficienti, ha procrastinato sine die la concertazione su un nuovo modello organizzativo, che desse risposte adeguate alle esigenze operative segnalate con carattere di urgenza dagli operatori. 3/11

4 L atteggiamento posto in essere dalla Direzione, formalmente disponibile, ma sostanzialmente elusivo e dilatorio, rispetto alle problematiche espresse dai lavoratori, è stato - nel quotidiano - accompagnato da uno stile direttivo sempre più autoritario, quasiminaccioso-punitivo (soprattutto nei confronti dei lavoratori più esposti, come ad esempio quelli in posizione di distacco), ossessivamente orientato al controllo delle persone fisiche, e arbitrariamente sperequativo tra un operatore e l altro. La situazione così determinatasi è divenuta ormai insostenibile per gli operatori tutti (anche per quelli in qualche modo fidelizzati dalla Direzione), che reclamano una gestione dell ufficio conforme ai dettami normativi e contrattuali, non alterati da interpretazioni soggettive e tendenziose. DISPIACE SEGNALARE CHE AD OGGI LA DIREZIONE DELL UEPE DI CATANIA NON ABBIA ADOTTATO COMPORTAMENTI CONPATIBILI ALLE PROCEDURE DI RAFFREDDAMENTO (si è limitata ad un'unica convocazione con ordine del giorno che ignorava tra l altro gli argomenti motivi di rottura sindacale) e dispiace segnalare che la stessa non abbia mantenuto comportamento rassicuranti per il personale al fine di creare un clima organizzativo confacente al mandato istituzionale. Ciò premesso, di seguito vengono rappresentati alcuni dei punti salienti che hanno portato alla rottura delle relazioni sindacali e alla dichiarazione dello stato di agitazione del personale. ORARIO DI LAVORO E UTILIZZO DELL AGENDA DI SERVIZIO La Direzione, da tempo, ha messo in atto un vero e proprio controllo poliziesco sugli orari di lavoro e sull utilizzo dell agenda di servizio. Detto controllo, di seguito esplicitato nei dettagli, è ritenuto dal personale illegittimo e per nulla conforme alla circolare n.2353/4807 del 31 luglio 1976 e a quanto ribadito dal Direttore Generale dell Esecuzione Penale Esterna, nella sua Lettera n del , quest ultima in riscontro alla nota di comunicazione di vertenza ed interruzione dei rapporti sindacali con l UEPE di Catania. Detta circolare ministeriale (che dispone l annotazione del servizio esterno effettuato giornalmente dall operatore, con specifica dell orario inizio/fine lavoro, nominativo del caso, tipologia di intervento e località di espletamento), definisce l agenda uno strumento tecnico per effettuare, da parte della Direzione una valutazione tecnica dell operato professionale dell Assistente Sociale nell eventualità, fosse necessario, per reindirizzare le priorità operative e armonizzarle con le politiche perseguite in quel momento dal Servizio. Essa è, anche, definita uno strumento amministrativo per la rilevazione dell orario di lavoro effettuato in servizio esterno, nella misura in cui tale orario non venga altrimenti registrato. La nuova modalità di gestione, da parte della Direzione UEPE di Catania, del controllo delle agende di servizio, esprime in modo inequivocabile il paradigma della deriva autoritaria e intimidatoria cui la stessa è approdata: Richiesta di specificare indirizzi e numero civico del luogo degli interventi e tempo impiegato per ciascuno di essi. Conteggio minuzioso delle ore e dei minuti impiegati dall operatore per spostarsi da un luogo all altro; raffronto con i tempi di percorso riportati dalle mappe on-line e, in caso di discordanza, decurtazione delle ore e/o dei minuti di lavoro per il tempo eccedente. Annotazioni, giudizi e richiami a piè pagina, e divieto per l Assistente Sociale di annotare a sua volta le argomentazioni a chiarimento. 4/11

5 Imposizione di annotare in agenda anche gli orari del lavoro espletato in ufficio, ferie, malattie, permessi già autorizzati e registrati tramite il badge. Del tutto assente il confronto con l operatore per la valutazione tecnica dell agito professionale e per l azione di indirizzo sulle scelte operative. Con particolare riferimento agli orari di servizio esterno, il personale denuncia la complessità e la ridondanza della procedura, che consiste nel registrare 6 volte! lo stesso intervento tramite le seguenti azioni: 1 obliterazione del badge elettronico; 2 contemporanea timbratura del cartellino marcatempo nel rilevatore meccanico, del quale (come sarebbe stato opportuno dopo l installazione di quello elettronico) non è stata disposta la soppressione, decisamente in controtendenza rispetto all attuale orientamento verso lo snellimento delle procedure. La doppia timbratura, voluta anche per l orario di lavoro interno, è imposta dalla Direzione principalmente al personale di Servizio Sociale, sperequandolo rispetto al personale delle altre aree. 3 Annotazione a penna sul retro del cartellino cartaceo degli orari di servizio esterno, già trascritti nella propria agenda di servizio, già in gran parte rilevabili dalla doppia timbratura, accompagnati da una dichiarazione a firma dell Assistente Sociale, attestante la veridicità degli orari dichiarati. 4 Registrazione da parte di ogni Assistente Sociale, improrogabilmente entro ogni venerdì, degli interventi programmati per la settimana successiva, completa in ogni suo giorno, sia per le attività all interno dell ufficio che per gli interventi all esterno (questi ultimi comprensivi di nominativi dei casi, indirizzi con via e n.c., località e tipologia di intervento) da annotare su un foglio volante, all interno di un quadratino di circa 4x4 cm (con frequenti e prevedibili sconfinamenti nei quadratini altrui). Detto foglio, nato come strumento autorizzativo delle uscite per il servizio esterno e dell eventuale trattamento di missione (quando ancora tale indennità veniva corrisposta) è diventato uno strumento di controllo, debordante i suoi limiti originari (infatti è imposto l obbligo di annotare anche la previsione del servizio interno e di farlo con una settimana di anticipo), intimidatorio e pessimamente organizzato: l utilizzo di un foglio volante, facilmente asportabile dalla sua allocazione abituale (il tavolo della Direzione), comporta spesso di doverlo reperire, in altre allocazioni o, anche quando il foglio rimane al suo posto, non è infrequente dover aspettare dietro la porta chiusa della Direzione, impegnata in attività riservate e quindi non disturbabile. La Direzione, qualora detta registrazione sia assente o incompleta (ciò può avvenire anche perché alcuni impegni non sono definibili con una settimana di anticipo), il sabato di ogni settimana, controlla il foglio e appone nota a carico dell operatore che ha omesso la registrazione. ALLA DIREZIONE E STATO CHIESTO IL SIGNIFICATO DELLA NOTA, E LA STESSA HA DICHIARATO TRATTARSI DI UN PROMEMORIA PER L OPERATORE. IN REALTA RISULTA CHE DETTA NOTA E STATA USATA ANCHE PER IMPLEMENTARE PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. 5 Registrazione del servizio esterno in agenda di servizio, con specifica dell orario, del nominativo, dell indirizzo, della località, e del tipo di intervento. 6 Registrazione del servizio esterno (con specifica dell orario per i casi in EPE) e del relativo esito nel diario degli interventi agli atti del fascicolo dell utente. Per quanto sopra rappresentato si denuncia: 1) la difficoltà degli operatori, obbligati ad numero eccessivo di passaggi per la registrazione, a garantirne la correttezza, nei quali non si possono escludere errori di trascrizione, poiché quest ultima avviene necessariamente in tempi differenti. 5/11

6 2) il controllo comparato tra agenda, foglio di programmazione settimanale, cartellino marcatempo cartaceo e badge elettronico (effettuato dal capo area di servizio sociale e dal collaboratore amministrativo) perché ridondante e opprimente psicologicamente, per l ansia che ingenera negli operatori in ordine alla perfetta corrispondenza di tutte le registrazioni; 3) il sequestro di fatto dell agenda di alcune Assistenti Sociali, che la Direzione trattiene per molti giorni per effettuare detto controllo 4) l apposizione su di essa di note da parte della Direzione, contenenti sia l invito (legittimo) a completare le registrazioni, sia giudizi e richiami, che dovrebbero essere espressi in altra sede, possibilmente dando al lavoratore la possibilità del contraddittorio; 5) i richiami formalizzati sulla stessa da parte della Direzione, diretti a vietare all operatore redarguito, di annotare sull agenda le proprie ragioni in risposta alle note della Direzione; disconoscendo in tal modo il diritto al contradditorio. SI CHIEDE PERTANTO LO SNELLIMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALLA REGISTRAZIONE DEGLI ORARI DI LAVORO, IL RIPRISTINO DELLE MODALITA PREVISTE DALLA CIRCOLARE MINISTERIALE SULL USO DELL AGENDA DI SERVIZIO. BUONI PASTO Il buono pasto all UEPE di Catania non è riconosciuto a tutti coloro che effettuano l articolazione oraria delle 7.12 ore giornaliere, come previsto dal CCNL. In una concertazione, ormai datata nel tempo, la Direzione, in cambio della concessione di tale articolazione oraria, aveva posto la pregiudiziale che avrebbe assegnato solo 2 buonipasto al giorno, da corrispondere solo a chi, di volta in volta, avrebbe provveduto alla chiusura dell ufficio. Detta concertazione si ritiene viziata da clausola vessatoria per i seguenti motivi: - crea disparità di trattamento tra il personale che effettua l orario di lavoro di 7.12; - non ben strutturato, ai lavoratori della fascia ex A, il compito di chiusura dell ufficio; - non consente la fruizione di un orario flessibile, con possibilità di recupero in giornata, agli operatori che chiudono l ufficio, essendo la chiusura prevista improrogabilmente per le ore 15.30, a pena di richiami scritti (si veda la nota della Direzione ad un operatore di turno per la chiusura). Riguardo ai buoni pasto, inoltre, si sono verificate altre situazioni di illegittima mancata corresponsione. La Direzione, dopo l emanazione di un OdS (senza alcuna concertazione sindacale) ove disponeva solo l obbligo (ovvio) della timbratura della pausa pranzo, non ha esplicitato formalmente nello stesso OdS la attribuzione della mezz ora di pausa, la contemporanea detrazione dall orario di lavoro per coloro che hanno dimenticato la timbratura della pausa (o in uscita o in entrata) e non la erogazione del buono pasto. Ancora, nei casi in cui la pausa viene fruita durante il Servizio Esterno, l attribuzione del buono pasto avverrebbe a discrezione del Direttore. Detta procedura è stata applicata, anche nei confronti di chi era nelle condizioni di dimostrare che aveva dimenticato di timbrare perché non era neanche uscito dall ufficio. Si evidenzia, inoltre, che l ufficio di Catania è costituito da 42 unità e la Direzione ad oggi non ha provveduto a destinare un locale per la pausa. SI CHIEDE IL RIPRISTINO DELLA PROCEDURA CONTRATTUALE IN MATERIA DI BUONI PASTO E L ANNULLAMENTO DELLE DISPOSIZIONI EMANATE DALLA DIREZIONE UEPE-CATANIA, NON CONFORMI AI DETTATI DI LEGGE E CONTRATTUALI. PROTOCOLLO 6/11

7 All UEPE di Catania il servizio protocollo della segreteria amministrativa non prevede di fornire in tempi reali al dipendente che consegna la documentazione da protocollare il relativo numero di protocollo; ogni documento da protocollare passa al vaglio della Direzione, che decide sull opportunità della sua registrazione e/o di convocare l interessato per valutare l opportunità, a seconda del contenuto, da protocollare. Si rileva che, in base a detta procedura (certo informale), gli operatori non hanno possibilità di fare rimostranze senza che la Direzione adotti un comportamento di controllo sui contenuti, che spesso sfocia in un comportamento pressante sull operatore interessato. SI CHIEDE L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ATTI AMMINISTRATIVI E AI SENSI DELLA LEGGE SULLA TRASPARENZA. DAY HOSPITAL Diversi operatori, per mesi, sono stati in contrasto con la Direzione in relazione all applicazione delle norme sul conteggio dei giorni di malattia in regime di day hospital, della durata di due settimane consecutive (da lunedì a venerdì), ritenendo la Direzione doversi considerare come giorni di malattia anche il sabato (che nei casi specifici era giornata di riposo compensativo) e la domenica, con relativo invio di visita fiscale. La tensione si è attenuata a seguito dell intervento sindacale, per cui la Direzione, costretta a porre un quesito al Provveditorato, ha dovuto restituire al personale i giorni decurtati. SPEREQUAZIONE DI TRATTAMENTO TRA I DIPENDENTI Si è verificata disparità di trattamento tra alcuni dipendenti, che, a motivo di documentate patologie, hanno richiesto alla Direzione delle agevolazioni organizzative, in modo da poter continuare a svolgere il loro lavoro in condizioni compatibili con lo stato di salute. La Direzione ha arbitrariamente deciso chi agevolare. Disparità, inoltre, è stata riscontrata e denunciata dagli operatori nella distribuzione dei casi tra gli Ass. Sociali dello stesso distretto circa le tipologie dei casi assegnati; disparità, ancora, si è rilevata circa le note apposte dalla Direzione sui fascicoli (nel corso di controllo tecnico effettuato in assenza dell operatore incaricato) in circostanze simili tra operatori diversi. Ulteriore disparità è stata adottata dalla direzione nella destinazione dei fondi economici relativi all orario di lavoro straordinario effettuato dai lavoratori: la Direzione, senza preventiva concertazione locale e violando ogni normativa in materia, ha arbitrariamente assegnato i relativi fondi solo a due unità. SI CHIEDE IL RIPRISTINO DELL EQUITA DI TRATTAMENTO DEI DIPENDENTI in applicazione delle relative normative e in applicazione degli enunciati della deontologia professionale. CIO E ASSOLUTAMENTE NECESSARIO IN QUANTO L ATTUALE GESTIONE E IL CONSEGUENTE CLIMA ORGANIZZATIVO NON HA ESCLUSO L INNESTO DI INTERVENTI NEGATIVI TRASVERSALI. DISPOSIZIONI INTERNE FRAMMENTATE SU MATERIE GIA REGOLAMENTATE (CCNL-COMPARTI MINISTERI, CIRCOLAREP.DFP , GDAP DEL , ECC.) FERIE, PERMESSI, MALATTIA, RECUPERO/COMPENSO ORE, STRAORDINARIO. 7/11

8 Detta normativa primaria è reinterpretata dalla Direzione sempre in forma restrittiva e integrata con disposizioni interne che ne alterano il contenuto. Tali disposizioni sono impartite a più riprese, sotto forma di ordini di servizio, (frequente l assenza di un accordo sindacale), comunicazioni, avvisi (gli ultimi due molto frequenti), in maniera talmente frammentata e incongruente da disorientare il lavoratore. I lavoratori spesso si trovano di fronte a paradossi nell applicazione della norma; si vedano, per esempio a tal proposito, le note di richieste, post malattia, di certificazioni mediche, notificate ad alcuni operatori con avviso, nella stessa nota, di procedimenti disciplinari in caso di mancato adempimento a quanto richiesto nei tempi stabiliti La RSU, ha richiesto alla Direzione (ad oggi senza alcun riscontro) di fornire tutti i provvedimenti interni emanati da cinque anni a questa parte, al fine di proporre, eventualmente, il riordino di tutte le disposizioni. SI CHIEDE, IN MATERIA L ANNULLAMENTO DI OGNI DISPOSIZIONE INTERNA NON OGGETTIVAMENTE CONFORME ALLE FONTI LEGISLATIVE PRIMARIE E IL RISPRISTINO DELL APPLICAZIONE DEL CONTRATTO E DELLE CIRCOLARI ESPLICATIVE DEL DIPARTIMENTO E DELLA F.P. DINIEGO DI INTERPELLI INTERNI, NOMINE CAPI AREA, INCARICHI E FORMAZIONE La Direzione, già da qualche anno, in assenza delle figure professionali ex C3, ha effettuate, sulla base della graduatoria di ruolo del personale, le nomine dei capi area. La procedura della loro designazione è regolamentata da disposizioni ministeriali e provveditoriali (es. n Lettera Circolare PU-GDAP-40D-03 n del ; Lettera Circolare PRAP Sicilia n.p s/iii del e PRAP Sicilia n.p S/III del ). SI CHIEDE L APPLICAZIONE TRASPARENTE DI DETTE DISPOSIZIONI. Quanto all assegnazione del personale ai progetti e alla formazione, la Direzione, in caso di disponibilità eccedenti, laddove non siano già a monte prestabiliti criteri e requisiti, adotta criteri non concordati con le OO.SS. e ritenuti del tutto non trasparenti. Si verificata, ad oggi, un inaccettabile disparità di trattamento che vede alcuni operatori inseriti in più progetti e/o in più corsi di formazione e personale privo di incarichi. SI CHIEDE LA TRASPARENZA DEI CRITERI DI ASSEGNAZIONE E L ATTUAZIONE DEL CRITERIO DI TURNAZIONE, AL FINE DI ASSICURARE EQUITA NEL TRATTAMENTO DEL PERSONALE. APPLICAZIONE CIRCOLARI OPERATIVE Sul clima organizzativo degli uffici della P.A. sono state emanate svariate disposizioni, sia da parte del Dipartimento sia da parte della F.P., (per esempio la lettera circolare della GDAP del pag. 3, ulteriormente divulgata dal Provveditorato Regione Sicilia il n. p ) e gli operatori, che avvertono con forza l esigenza di affrontare radicalmente tale argomento (in considerazione della sfiducia dimostrata dalla Direzione nei loro confronti, ad es. controllo poliziesco agende, diari degli interventi, impossibilità di far valere nei confronti della Direzione le istanze professionali, ecc..), più volte hanno richiesto che la Direzione si adoperasse in tal senso. Ad oggi non si è avuto alcun riscontro. 8/11

9 Stessa cosa i lavoratori hanno chiesto alla Direzione per quanto attiene le circolari tecnico-operative (es. DGEPE n del , DGEPE n dell , DGEPE n del del , DGEPE n del , GDAP n del ecc..,) al fine di permettere un confronto giuridico e un analisi delle modalità di attuazione delle nuove prassi nel contesto operativo dell UEPE di Catania. La richiesta è stata disattesa, non ravvisando la Direzione l opportunità di un approfondimento giuridico e di un confronto, per i risvolti applicativi, con la Magistratura di Sorveglianza, con la quale spesso si verificano, in relazione ai soggetti in esecuzione penale esterna, varie difficoltà nell adottare un linguaggio operativo condiviso. Si denuncia: la prevalenza dell aspetto burocratico-amministrativo e autoreferenziale della Direzione (es. progetti o attività con scarsissima o nulla ricaduta sull utenza, sulla crescita della professionalità, sul miglioramento dei processi di lavoro) che rifiuta, pregiudizialmente, gli orientamenti della grande maggioranza delle Assistenti Sociali,. L autorità perseguita dalla Direzione, che frequentemente lede la sfera dell autonomia professionale dell Assistente Sociale (es. delegittima la scelta degli interventi espletati dall operatore sui casi, apponendo note sui fascicoli, spesso in sede di controllo tecnico effettuato in assenza dell Ass. Soc. incaricata del caso), l assenza del dialogo tecnico professionale e il non rispetto dei principi basilari della deontologia e della comunicazione professionale (trasforma il confronto tecnico in una relazione asimmetrica del tipo allievo/maestro che lede la dignità dell operatore, anche con commenti personali devi ancora crescere, devi ancora fare la gavetta, certo sai tutto tu ; se non stai bene in questo ufficio potresti andartene ecc). L assoggettamento dei diritti e doveri del personale più alle decisioni della Direzione che alle leggi dello Stato. I lavoratori, paradossalmente, debbono sforzarsi di mantenere saldo il proprio senso di appartenenza ad un ufficio della Pubblica Amministrazione, a fronte del vissuto quotidiano che li induce a pensare di appartenere ad un ufficio privato, in cui il potere si concentra nell unica figura del Direttore. Il procurato stato di black-out informativo in cui vengono, spessissimo, tenuti i lavoratori dell UEPE di Catania, che li induce ad apprezzare come non mai il servizio intranet messo a disposizione dal Dipartimento. ATTIVITA SINDACALE Quanto alle concertazioni all UEPE di Catania questo documento è già esplicativo delle procedure e dei contenuti adottati dalla Direzione. Per le OO.SS e la RSU è rilevante, inoltre, ritenere del tutto inopportuno sindacalmente che la posta sindacale, intestata ai lavoratori, non venga loro, immediatamente, resa pubblica appena trasmessa all UEPE, invece di attendere che la Direzione la vagli, decida la sua affissione (si veda nota apposta su ogni comunicazione sindacale in bacheca) e ordinare la notifica alla RSU, quando ad essa intestata. Ad oggi non è stata istituita la stanza sindacale. E INEVITABILE SEGNALARE CHE LA DIREZIONE NON ESITA AD ADOTTARE COMPORTAMENTI ALQUANTO DISCUTIBILI NEI CONFRONTI DI MOLTI OPERATORI CHE RICOPRONO INCARICHI SINDACALI (INTERNI OD ESTERNI). SI CHIEDE IL RIPRISTINO DELL APPLICAZIONE DELLE REGOLE IN MATERIA DI ATTIVITA SINDACALE. CODICE DISCIPLINARE 9/11

10 Si denuncia la grave pressione psicologica che è stata messa in atto dalla Direzione a seguito di una lettera sottoposta alla firma dei lavoratori, invitati a dichiarare (falsamente) la regolarità dell affissione del codice disciplinare. Detta lettera è stata sottoposta al personale a seguito di rigetto di un procedimento disciplinare da parte del Collegio Arbitrale di disciplina per mancata affissione del codice! Si rileva che la Direzione in detta materia ha disatteso - già a monte una sequela di disposizioni del D.lgs 30 marzo 2001, n 165 pubblicato nella G.U 9 maggio 2001 n. 106 S.O., all art. 54 c. 7 e la recente nota circolare UPPA n. 41/08. CONTEGGIO ORARIO DI TRAGITTO PER IL SERVIZIO ESTERNO La Direzione ha stabilito, senza alcun accordo sindacale, e sulla base della sfiducia negli operatori, che il tragitto del servizio esterno è conteggiato secondo i riferimenti delle mappe Michelin, senza considerare eventuali contrattempi e problemi vari di locomozione su strada, in cui si può trovare un operatore. Si ritiene ciò arbitrario, limitativo e ostativo per l espletamento sereno del servizio esterno da parte degli operatori, che dichiarano la loro assoluta diligenza nell espletare detto servizio e la veridicità di quanto registrano circa l orario di lavoro esterno. SI CHIEDE L ABBROGAZIONE DI DETTA DISPOSIZIONE E IL RICONOSCIMENTO DELLA VALIDITA DELLE DICHIARAZIONI DEGLI OPERATORI SUGLI ORARI DEL SERVIZIO ESTERNO EFFETTUATO. PER QUANTO SOPRA DENUNCIATO, IL PERSONALE, LE OO.SS E LA RSU DELL UEPE DI CATANIA, CONFERMANO IL PROSEGUIMENTO DELLO STATO DI AGITAZIONE, COSÌ STRUTTURATO: 10/11 1) Effettuazione dei compiti istituzionali (indagini, esecuzioni, segretariato). 2) Partecipazione alle attività di formazione, solo con il criterio della rotazione. Si diffida la Direzione ad assegnare incarichi con ordini di servizio, che alla luce dello stato di agitazione assumono, per il personale e le OO.SS. e la RSU, carattere di intimidazione. 3) Astensione dalla partecipazione a progetti, incontri, riunioni ed ogni altra attività integrativa promossa dalla Direzione, fatta eccezione per quelle di iniziativa Provveditoriale, alle quali il personale parteciperà su base volontaria e con il criterio della turnazione. 4) Assemblee sindacali a scadenza sistematica. 5) Si riterranno inapplicabili tutti gli ordini di servizio emanati dalla Direzione senza la concertazione locale. 6) Si applicheranno in materia di malattia, ferie, permessi solo le normative primarie e le circolari ministeriali. 7) Si segnalerà agli Organi Superiori, alle OO.SS., a tutti gli Uepe di Italia, agli organi di stampa, a cadenza settimanale, qualsiasi evento o atto emesso dalla Direzione, non compatibile con lo stato di agitazione dell ufficio, con le procedure di raffreddamento (delibera n. 03/162 del 3 dicembre 2003: la commissione di garanzia dell attuazione della legge sullo sciopero dei Servizi Pubblici Essenziali ha precisato che

11 le parti sono tenute all espletamento delle procedure, anche nelle ipotesi in cui il conflitto di lavoro insorga in relazione a questioni riguardanti un singolo lavoratore.) e con le esigenze operative dei lavoratori, che potrebbero rendere ancora più difficile la vivibilità all interno dell ufficio, la relazione tra gli operatori e tra questi ultimi e la direzione; 8) Volantinaggio attestante la difficile situazione dei lavoratori dell UEPE di Catania. 9) Il personale declina ogni responsabilità civile, penale e disciplinare, qualora la Direzione perseveri nell emanare ordini di servizio, o dia ordini informali durante lo stato di agitazione. Detto stato di agitazione, così strutturato, si protrarrà fino all esito dell incontro con il Provveditore, stabilito per giorno , da cui ci si auspica che possano essere concordate idonee soluzioni per la risoluzione delle suddette problematiche Firmato Firmato Firmato Firmato Firmato A. Priolo L. Maugeri A. Algozzino A. Ferrara M. Zappalà S. Trinullo 11/11

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO

OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO FERRARA, Febbraio 2002 REGOLAMENTO AZIENDALE ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DELLA DIRIGENZA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI FERRARA SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA via A. di Sangiuliano, 365 95124 Catania - tel. 3488978553 - fax 0952933790 catania@uilpa.it Catania, li 03/04/2013 Prot.

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ Approvato c îon delibera di G.M. n. 74 del 15/11/2013 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

quesito circa la comunicazione di dati personali (compensi individuali accessori).

quesito circa la comunicazione di dati personali (compensi individuali accessori). associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola Roma, 4 giugno 2014 Al Garante per la protezione dei dati personali Piazza di Monte Citorio n. 121 00186 ROMA oggetto: quesito circa

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PREMESSA La presente regolamentazione disciplina gli adempimenti necessari per l osservanza dell

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

I requisiti di cui sopra devono essere posseduti/accertati alla data di scadenza del termine stabilito nel presente avviso.

I requisiti di cui sopra devono essere posseduti/accertati alla data di scadenza del termine stabilito nel presente avviso. Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO dipartimento risorse umane responsabile: dott. Alessandro Di Turi Asolo, 21 gennaio 2014 Prot. n. 2935 PUBBLICATO ALL ALBO PRETORIO ONLINE IL 21/01/2014

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R

AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R Direzione Provinciale I di Roma Staff del Direttore Roma 21/11/2013 DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N. 98/2013 ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI

Dettagli

OGGETTO OBBLIGHI IN MATERIA DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE

OGGETTO OBBLIGHI IN MATERIA DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE 1 OGGETTO OBBLIGHI IN MATERIA DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE QUESITO (posto in data 17 giugno 2013) Ai Direttori Unità Operative Complesse e ai Responsabili di Unità Operative Semplici Dipartimentali sono

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Città di Salve Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 5 del 21 /01/2014 Indice: ART. 1: Orario di servizio Titolo

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME

DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME Prot. n. 6265 del 31 ottobre 2011 DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME (delibera di Giunta Comunale n. 424 del 25-10-2011) 1.RILEVAZIONE DELLE PRESENZE

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Deliberazione n. 1/2009/PAR

Deliberazione n. 1/2009/PAR Deliberazione n. 1/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia dott.

Dettagli

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 CONSERVATORIO DI MUSICA NICCOLO PICCINNI Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 Ai Sigg. Docenti Albo Sede Oggetto: Attività artistica esterna e incarichi presso altre Istituzioni pubbliche e/o soggetti privati.

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e rurale A tutti i dirigenti del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Ruoli Agricoltura e ICQ Al Capo di Gabinetto A tutto il personale dipendente del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

Piazza E. Abbro, 1 tel. 089682106 www.comune.cava-de-tirreni.sa.it 84013 Cava de Tirreni (Sa) fax

Piazza E. Abbro, 1 tel. 089682106 www.comune.cava-de-tirreni.sa.it 84013 Cava de Tirreni (Sa) fax REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO DEGLI UFFICI COMUNALI E NORME REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONTROLLO AUTOMATICO DELLE PRESENZE Approvato con

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA REGOLAMENTO DI SEGRETERIA Art. 1 Descrizione 1. Il Regolamento è stilato a uso interno del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Bologna inteso in tutti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Profili giuridici del rapporto tra disciplina del pubblico impiego e deontologia del libero professionista

Profili giuridici del rapporto tra disciplina del pubblico impiego e deontologia del libero professionista Profili giuridici del rapporto tra disciplina del pubblico impiego e deontologia del libero professionista Torino, 21 maggio 2011 Prof. Roberto Cavallo Perin Ordinario di Diritto amministrativo Università

Dettagli

LE PARTI PREMESSO CHE

LE PARTI PREMESSO CHE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA ACCORDO RELATIVO ALLA REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO E RELATIVA ARTICOLAZIONE DEL PERSONALE DELL AREA COMPARTO Il giorno 28 marzo

Dettagli

TERMINI E MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

TERMINI E MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Regionale Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. AOO.DIRSI.REG.UFF.13446 Palermo, 24.6.2013

Dettagli

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA,

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, DELIBERA N. 78/10/CIR Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, NELLA riunione della Commissione per le Infrastrutture e le Reti dell 11 novembre e, in particolare, nella

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA «CIRCOLARE SULL ARTICOLAZIONE DELLE TIPOLOGIE DELL ORARIO DI LAVORO PRESSO

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA «CIRCOLARE SULL ARTICOLAZIONE DELLE TIPOLOGIE DELL ORARIO DI LAVORO PRESSO Direzione Generale per le Risorse e l Innovazione ALLEGATO N. 2 ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLA «CIRCOLARE SULL ARTICOLAZIONE DELLE TIPOLOGIE DELL ORARIO DI LAVORO PRESSO LE RAPPRESENTANZE

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

prestazione lavorativa nell'ambito dell'orario di servizio" (sempre secondo la definizione

prestazione lavorativa nell'ambito dell'orario di servizio (sempre secondo la definizione Chiarimenti su Orario di servizio, orario di lavoro e orario di apertura al pubblico casi in cui i CCNL prevedono la concertazione e casi in cui i CCNL prevedono la contrattazione. Illegittimità dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA Il Consiglio di Amministrazione Vista la legge n. 508 del 21.12.1999; Visto il CCNL comparto AFAM del 16.02.2005, in particolare l art. 23 concernente

Dettagli

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Il Segretario Generale Roma, 30 giugno 2015 Prot. 1554 /D/30.06.2015 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Vice Ministro On. Avv. Enrico Costa Al SottoSegretario alla Giustizia dr. Cosimo Maria

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

Prot. n. 2931/A26 Felizzano, 18.10.2013

Prot. n. 2931/A26 Felizzano, 18.10.2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado P.zza Paolo Ercole, 6 15023 Felizzano (AL) Tel. 0131-791122 FAX 0131-791395 CF: 96034370062 www.icpascoli-felizzano.it

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829 Sulle circolari della Direzione generale della giustizia civile in materia di iscrizione e controllo sugli organismi di mediazione e sugli enti formatori. Richiesta di chiarimenti 1. In ordine alla circolare

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE e-mail vric857007@istruzione.it PEC vric857007@pec.itruzione.it Sito: www.icnogara.gov.it REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto n. 6 del

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE.

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. Approvato con delibera di C.C. n. 49 del 06/10/2005. PREMESSA E DEFINIZIONI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

Supplenza e vacanze di Natale: i casi più frequenti e i dubbi più diffusi

Supplenza e vacanze di Natale: i casi più frequenti e i dubbi più diffusi Supplenza e vacanze di Natale: i casi più frequenti e i dubbi più diffusi PREMESSA In vista delle prossime vacanze di Natale e per capire meglio la corretta applicazione dell art. 40 comma 3 del CCNL/2007,

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA Ufficio elettorale Piazza Sant Anna, 31 Cap. 37040 TEL. 0442/99133 99468 FAX 0442/99268 DETERMINAZIONE N. 30 del 07 aprile 2015 OGGETTO: Consultazioni elettorali

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO ARTISTICO REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI

LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO ARTISTICO REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI (Delibera del Consiglio d Istituto n 429 del 07/12/2012 ) (allegato 8 al Regolamento di Istituto) PREMESSA Il presente atto disciplina le modalità di esercizio del

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

L UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli

L UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Prot. n. Anno 2010 Tit. Cl. Fasc. Oggetto: Avviso n. 1/2010 di procedura comparativa per l individuazione di un collaboratore esterno al quale affidare un incarico mediante la stipula di un contratto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. di

Dettagli

REGOLAMENTO. Città di Follonica

REGOLAMENTO. Città di Follonica Città di Follonica per l affidamento di incarichi professionali e di collaborazione di elevata professionalità di cui al Decreto Legislativo 165/2001 e per incarichi di prestazione di servizi di cui al

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione REGIONE TOSCANA REGIONE TOSCANA Azienda USL3 di Pistoia REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione - AREA della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA - 1 Finalità La gestione degli incarichi e delle verifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

118 ASL BA ATTO DI DIFFIDA STRAGIUDIZIALE. Il dott. Giovanni Sportelli, nella qualità di Segretario Provinciale per Bari della

118 ASL BA ATTO DI DIFFIDA STRAGIUDIZIALE. Il dott. Giovanni Sportelli, nella qualità di Segretario Provinciale per Bari della Avv. Michele Langiulli Via Giacomo Brodolini n. 8 70016 Noicattaro (BA) Tel. e Fax 0804780556 EGR. SIG. PREFETTO DI BARI EGR. SIG. COORDINATORE REGIONALE SANITÀ EGR. SIG. DIRETTORE GENERALE ASL BA EGR.

Dettagli

COMUNE DI BOSCOREALE Provincia di Napoli

COMUNE DI BOSCOREALE Provincia di Napoli COPIA COMUNE DI BOSCOREALE DETERMINAZIONE SENZA EFFETTI FINANZIARIO-CONTABILI Cron. Tel 731 del 09/04/2014 DETERMINAZIONE N 59 DEL 09/04/2014 OGGETTO:Progetto di aiuto sociale Lotta alla povertà anno 2014.

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

Oggetto: C.C.I. sottoscritto il 9/10/2006: Orario di lavoro Buoni pasto Straordinario.

Oggetto: C.C.I. sottoscritto il 9/10/2006: Orario di lavoro Buoni pasto Straordinario. Al Pro Rettore Delegato per il Polo Scientifico Didattico di Terni Ai Presidi Ai Presidenti dei Corsi di Studio Ai Direttori di Dipartimento e Centri Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione Ai Dirigenti

Dettagli

COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno COPIA Deliberazione n. 2 del 15.1.2014 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DELLA GIUNTA COMUNALE SUL DIRITTO DI FRUIZIONE

Dettagli

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Racc. Contr / BOLLO ALLEGATO C Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Schema di A: c.f. p.iva LETTERA CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA CONTABILE/FISCALE E

Dettagli

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 Titolo I) Disposizioni generali... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Definizioni...3 Titolo II) Il ciclo di gestione della performance... 3

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Ai Signori: Area. Direttori LORO SEDI

Ai Signori: Area. Direttori LORO SEDI ORDINE DI SERVIZIO N 12 DEL 12 DIC 2008 Ai Signori: Segretario Generale/Direttore Generale Vice Segretario Generale Vice Direttori Generali Responsabili di Area Direttori Capo di Gabinetto del Sindaco

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO TURNI DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 20 dicembre 2009) Sono una giovane Anestesista. Vorrei capire come viene fatto un turno mensile di reparto, ovvero chi ha il potere di decidere quanti

Dettagli