U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna"

Transcript

1 Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna L U.E.P.E. DI BOLOGNA È COMPETENTE PER I SOGGETTI RESIDENTI E/O DOMICILIATI NEI TERRITORI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLÌ-CESENA Febbraio MEGIR^E *IVVEVE 4EVQE 6IKKMS )QMPME 1SHIRE &SPSKRE 6EZIRRE *SVPv 6MQMRM

2 L U.E.P.E. (Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, ex Centro di Servizio Sociale per Adulti) è stato istituito con la legge di riforma penitenziaria n. 354 del È un ufficio periferico del Ministero della Giustizia, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, e si occupa di persone che devono scontare una condanna penale. Su richiesta della Autorità giudiziaria,degli Istituti Penitenziari o di altri UEPE del territorio nazionale, svolge indagini di servizio sociale per conoscere la realtà personale, famigliare, lavorativa delle persone sottoposte ad una condanna o a misure di sicurezza. Si tratta di dati utili per decidere sull applicazione delle misure alternative alla detenzione, o sulle misure restrittive della libertà, o sul programma di trattamento. Incontrando con regolarità gli utenti sia in Ufficio, sia sul posto di lavoro, sia in famiglia, e quando richiesto in Istituto, gli operatori dell U.E.P.E. (finora Assistenti Sociali) seguono l esecuzione della pena sia detentiva che non. Realizzano interventi di aiuto e controllo in modo che la pena sia calibrata sulle esigenze della persona. Costruiscono collegamenti con altri servizi del territorio. Le finalità del servizio sono: sostenere la persona durante l espiazione della pena dentro e/o fuori dal Carcere o in misura di sicurezza (misure applicate a persone che hanno scontato la pena, ma che sono ancora ritenute pericolose socialmente); verificare che l esecuzione della pena si svolga secondo le regole stabilite dall Autorità Giudiziaria; stimolare la persona ad essere più consapevole dei suoi doveri e diritti di cittadino; favorire il reinserimento nella società di coloro che hanno commesso reati in modo da limitare la possibilità di recidiva; contribuire a migliorare la sicurezza sociale. Il personale è composto da un dirigente, da tre responsabili delle aree in cui l Ufficio è organizzato (area di servizio sociale, area amministrativa ed area contabile), da tre coordinatori di zona (Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena), da ventiquattro assistenti sociali, tre esperti (psicologi), cinque collaboratori amministrativi, un contabile, e due unità di polizia penitenziaria. Il compito dell U.E.P.E. è svolto nel rispetto di quanto previsto dalla Costituzione: le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato (art. 27).

3 I NOSTRI INTERLOCUTORI Provveditorato Regionale A.P. Formazione professionale Terzo settore Servizi ASL Provincia, Regione Servizi comunali Altri U.E.P.E. Autorità giudiziaria Magistratura di Sorveglianza Utenti Volontariato U.E.P.E. Forze dell ordine Istituti Penitenziari Famiglie Coop. sociali Avvocati Fornitori Magistratura contabile Comunità di recupero Datori di lavoro Sindacati L orbita più interna individua gli interlocutori decisivi per realizzare il doppio mandato dell U.E.P.E.: contribuire alla sicurezza sociale e aiutare le persone sottoposte ad una condanna penale a reinserirsi. Le altre due orbite individuano soggetti con i quali l Ufficio collabora. La maggiore vicinanza al centro del disegno indica semplicemente la maggiore frequenza di rapporti. L U.E.P.E. collabora soprattutto: con i suoi utenti e le loro famiglie; con i Magistrati di sorveglianza, che chiedono informazioni e valutazioni all Ufficio; con gli Istituti penitenziari (in particolare con le Case Circondariali di Bologna, di Ferrara e di Forlì) per il trattamento dei detenuti o internati; con le Forze dell ordine, per il controllo del corretto svolgimento dell esecuzione penale; con altri servizi del territorio, con esponenti del privato sociale e con volontari per realizzare progetti di reinserimento sociale e lavorativo dei condannati; con altri U.E.P.E. per collaborare al trattamento di persone residenti in altri territori. 1

4 COSA FACCIAMO E PER CHI L U.E.P.E. lavora con persone in situazioni diverse: Persone con condanna definitiva ma con pena sospesa, in attesa dell udienza che deciderà sulle misure alternative che hanno richiesto La persona e i famigliari vengono contattati dall Ufficio per colloqui con l assistente sociale e in certi casi con lo psicologo. L U.E.P.E. ha necessità di acquisire alcuni documenti (certificato penale, sentenza, certificati anagrafici, documentazione relativa al lavoro...) e di verificare le informazioni acquisite. L U.E.P.E. completa la raccolta delle informazioni contattando anche altri servizi ed enti del territorio se coinvolti nella gestione del caso. Un documento finale viene inviato al Tribunale di sorveglianza, contribuendo alla decisione sulla misura alternativa richiesta. Persone affidate in prova al servizio sociale anche in relazione allo stato di tossicodipendenza Le persone in queste condizioni devono rispettare le prescrizioni assegnate dal Magistrato (orari, impegni di lavoro, limiti negli spostamenti, obbligo di sottoporsi a programmi terapeutici...). Nei confronti di queste persone l U.E.P.E. interviene con colloqui periodici, verifiche dell attività lavorativa, rapporti con gli altri servizi coinvolti per facilitare la corretta esecuzione della pena. La violazione delle prescrizioni può comportare la sospensione della misura alternativa da parte del Magistrato di sorveglianza e l accompagnamento all Istituto penitenziario più vicino. Sulle violazioni delle prescrizioni e sull'andamento della misura alternativa sino a tale momento, l'u.e.p.e. può essere chiamato a relazionare al Magistrato di Sorveglianza possibilmente dopo opportuno contatto con l'affidato, prima della decisione sulla sospensione cautelativa del beneficio, e/o al Tribunale di sorveglianza per l'udienza di revoca dell'affidamento. Entro trenta giorni il Tribunale di sorveglianza deve decidere se revocare la misura o farla riprendere. In caso di revoca della misura il 2

5 Tribunale dovrà indicare se sussiste un periodo di pena da considerarsi utilmente espiato (ad esempio dall'inizio dell'affidamento sino alla data di violazione delle prescrizioni) tenuto conto di quanto positivamente o negativamente relazionato dallo U.E.P.E., in ordine all'andamento della misura alternativa. Detenuti semiliberi, che lavorano e vivono all esterno ma passano la notte in carcere L Istituto penitenziario a cui la persona è assegnata, predispone il programma di trattamento di cui mantiene la titolarità e la responsabilità. L U.E.P.E. verifica che la persona svolga il lavoro secondo il programma di trattamento approvato dal Magistrato di sorveglianza; vigila sul corretto svolgimento della misura aiutando la persona ad affrontare e superare le difficoltà sia nell ambiente di lavoro sia nelle relazioni famigliari e sociali. Il datore di lavoro è sempre a conoscenza della posizione giuridica della persona e sottoscrive il programma di trattamento predisposto dall Istituto penitenziario. Periodicamente, l assistente sociale riferisce sull andamento della misura alla direzione del carcere, solitamente in sede di riunione di équipe. Detenuti ammessi al lavoro all'esterno art. 21 che lavorano o svolgono attività all'esterno, ma passano il resto del tempo in carcere Quando è richiesto dalla Direzione dell'istituto penitenziario titolare dell'esecuzione, l U.E.P.E. effettua per queste persone interventi diretti a verificare che il lavoro si svolga nel pieno rispetto dei diritti e della dignità. 3

6 Detenuti domiciliari I detenuti domiciliari scontano la pena presso il proprio domicilio o presso una struttura sanitaria o di accoglienza. Anche queste persone devono rispettare le prescrizioni dell ordinanza emessa dal Tribunale di sorveglianza: obblighi di cura, orari, limiti negli spostamenti, impegni di lavoro. Il Tribunale di sorveglianza inoltre determina gli interventi di servizio sociale che l U.E.P.E. deve svolgere. Il primo contatto con la persona avviene tramite una lettera di invito a rivolgersi all Ufficio. In caso di necessità, per gli eventuali bisogni rilevati (casa, sussidi, salute, ecc.) l'u.e.p.e. mette in contatto la persona con gli altri servizi del territorio, competenti per domicilio e residenza (casa, sussidi, assistenza domiciliare, lavoro...). L assistente sociale riferisce al Magistrato sulla situazione della persona, per permettere una valutazione del caso e l'eventuale modifica delle prescrizioni. Detenuti con condanna definitiva, oppure internati in ospedale psichiatrico giudiziario o in case di lavoro o in case di cura e custodia, per cui si chiede all U.E.P.E. una consulenza In favore dei detenuti con condanna definitiva e degli internati, l U.E.P.E. viene attivato per partecipare alla conoscenza della persona e per elaborare un programma di trattamento utile alla sua riabilitazione sociale. Per raccogliere le informazioni necessarie, l assistente sociale incaricato del caso interpella la famiglia, i servizi e gli operatori che si occupano della persona, se necessario incontrandola nella struttura penitenziaria. Questi interventi confluiscono in un documento finale inviato all Istituto penitenziario per contribuire a definire il programma di trattamento e per consentire la compiuta elaborazione della relazione di sintesi o di osservazione concernente il detenuto, richiesta dal Tribunale o dal Magistrato di sorveglianza all'équipe penitenziaria per l'eventuale applicazione di misure alternative o di permessi premio. In carcere si tengono periodicamente équipe a cui l'assistente sociale dell'u.e.p.e. partecipa regolarmente. 4

7 Liberi vigilati Nel corso dell'esecuzione della misura di sicurezza l U.E.P.E. svolge nei confronti di queste persone compiti di sostegno e di assistenza. Se richiesto dal Magistrato di sorveglianza per l'applicazione la proroga o la revoca della Misura di sicurezza effettua un' indagine di servizio sociale che si conclude con un documento scritto utile alla valutazione della pericolosità sociale del soggetto. L Ufficio interpella anche gli altri servizi coinvolti. Detenuti che chiedono un permesso premio oppure semiliberi o internati in licenza Se la licenza o il permesso richiesti prevedono la permanenza della persona sul territorio di competenza, anche l U.E.P.E., se richiesto dalla Direzione dell'istituto o dal Magistrato di Sorveglianza, verifica la disponibilità e l idoneità dei famigliari o di coloro presso cui la persona chiede di recarsi. I risultati della verifica confluiscono in una relazione scritta. Se il permesso o la licenza si realizzano nel territorio dell U.E.P.E., l Ufficio deve verificare l andamento del beneficio; se invece è richiesto per un territorio diverso, l Ufficio attiva l U.E.P.E. competente. Persone seguite nel periodo postpenitenziario Persone che hanno terminato di scontare la pena o la misura di sicurezza possono ricevere dall U.E.PE. un particolare aiuto, per un congruo periodo dopo la fine della pena. L U.E.P.E. in questi casi può, per esempio, sostenere ed aiutare le persone nel rivolgersi ai servizi del territorio perché questi prendano in considerazione le loro richieste. Persone che chiedono la L Ufficio fornisce consulenza e sostegno alle persone che si trovano in condizioni economiche disagiate e che chiedono perciò di non pagare il debito economico 5

8 remissione del debito relativo alle spese di giustizia e al mantenimento in carcere. In merito a tale richiesta l U.E.P.E. risponde al Magistrato di Sorveglianza con una relazione scritta, accompagnata dai documenti che attestano la situazione economica della persona. Il Magistrato decide se rimettere o meno il debito. Persone che chiedono l estinzione della pena pecuniaria a seguito di esito positivo dell'affidamento in prova al servizio sociale Se la sentenza di condanna prevede anche una pena pecuniaria e la persona si trova in condizioni economiche disagiate, può chiederne l estinzione. Al termine della misura alternativa l Ufficio scrive una relazione, corredata dalla dichiarazione I.S.E.E. (indicatore di situazione economica equivalente ) nonché ogni utile elemento acquisito nel corso dell'esecuzione della misura alternativa, sul tenore di vita dell'affidato e la invia al Tribunale di Sorveglianza, che decide in merito. Persone per le quali il Magistrato di Sorveglianza deve valutare la pericolosità sociale ai fini dell'applicazione delle misure di sicurezza Quando il Magistrato deve decidere se confermare o meno una misura di sicurezza, (libertà vigilata, espulsione, internamento in Ospedale psichiatrico Giudiziario o in Casa di Cura e Custodia), chiede all U.E.P.E. una relazione e l Ufficio interpella, oltre all interessato e alla sua famiglia, anche gli altri servizi ed organi istituzionali coinvolti. Per i liberi vigilati l U.E.P.E. svolge compiti di sostegno e di assistenza. 6

9 DIRITTI E DOVERI DEGLI UTENTI Diritti Essere accolti come cittadini e come persone, senza pregiudizi sulla condizione famigliare, nazionale, di sesso, di religione o sul tipo di reato per il quale si è stati condannati Essere informati Contribuire a definire i progetti educativi e socializzanti Ricevere le prestazioni professionali previste dal mandato, nei tempi necessari a realizzarle Veder rispettata la propria privacy Inoltrare eventuali reclami e ricevere risposta Esempi di cose che si fanno per rispettare i diritti degli utenti Gli operatori dell Ufficio si relazionano con rispetto e professionalità nei confronti di qualunque persona, indipendentemente da condizione sociale e personale senza pregiudizi sulla condizione famigliare, nazionale, di sesso, di religione o sul tipo di reato per il quale si è stati condannati Durante i colloqui gli utenti vengono informati in modo semplice e chiaro sul percorso e i tempi degli interventi che li riguardano; gli utenti vengono informati sulle opportunità e i diritti previsti dalle leggi, anche quando riguardano altri servizi L assistente sociale ascolta le esigenze che le persone manifestano e quando è possibile le traduce in proposte concrete di intervento tenendo conto dei vincoli stabiliti dalla legge; le persone possono chiedere, motivando, che si ridefinisca il progetto che le riguarda L Ufficio informa le persone sui tempi necessari a realizzare ogni azione e si impegna a rispettarli; l eventuale assenza dell operatore di riferimento viene sostituita con un servizio di segretariato I colloqui sono riservati e gli operatori dell Ufficio rispettano rigorosamente il segreto professionale Qualunque utente, se pensa che l U.E.P.E. non abbia rispettato i suoi diritti, può scrivere una lettera di reclamo al dirigente, che risponde per iscritto entro 30 giorni 7

10 Doveri Esempi di comportamenti degli utenti che realizzano i loro doveri Rispettare il personale dell Ufficio e il lavoro che svolge Rispettare l orario di apertura, presentarsi agli appuntamenti vestiti in modo decoroso, puliti, sobri; rispettare gli spazi di lavoro e le esigenze di chi li frequenta; essere chiari e veritieri; non pretendere che siano soddisfatte richieste che non rientrano nelle competenze dell Ufficio Riconoscersi corresponsabili del buon esito del rapporto con l Ufficio Non chiedere agli operatori di scrivere una bella relazione per il Magistrato, ma fornire gli elementi per cui sia possibile scrivere una bella relazione Rispettare gli accordi presi con l Ufficio Presentarsi puntuali agli appuntamenti, fornire i documenti richiesti; non cercare di strumentalizzare il lavoro degli operatori Attenersi a tutte le prescrizioni previste dalle leggi, dai regolamenti, dai provvedimenti della Autorità giudiziaria Dare la stessa importanza a tutte le prescrizioni stabilite dall autorità Giudiziaria, che vanno rispettate 8

11 COME LAVORIAMO E COSA GARANTIAMO Le attività che l U.E.P.E. svolge per gli utenti o insieme a loro sono varie. Ecco le principali. Apertura e cura del fascicolo personale Le richieste di consulenza che provengono dal carcere o le richieste di indagini che provengono dalla Magistratura o da altri U.E.P.E. danno origine all apertura di un fascicolo per ogni persona. Il fascicolo è ordinato cronologicamente o per argomento (con sotto-fascicoli); ogni fascicolo comprende sempre un indice-diario aggiornato; completo in quanto comprende non solo tutti i documenti emessi dagli organi competenti, ma anche le registrazioni dei colloqui e degli interventi messi in atto, che consentono di avere una visione complessiva del caso; reperibile in quanto è custodito dall assistente sociale incaricata di trattare il caso; quando il caso si chiude il fascicolo è custodito nell'archivio dell'ufficio. L Ufficio è responsabile della protezione dei dati sensibili e della tutela della privacy degli utenti. Interventi individualizzati Ogni intervento ha queste caratteristiche: è attuato sulla base di disposizioni normative (leggi e regolamenti o prescrizioni); ha obiettivi concreti e chiari, che vengono stabiliti a partire dalla situazione della persona; è frutto anche di una interazione con la persona interessata; se cambiano le condizioni e le esigenze della persona si possono proporre modifiche all intervento; si compiono regolarmente verifiche su come l intervento procede. Colloqui Il colloquio è uno strumento molto importante e molto usato nel lavoro con gli utenti. Durante una indagine di servizio sociale quando cioè si raccolgono per la Magistratura le informazioni su un utente quest ultimo viene incontrato almeno due volte dall assistente sociale dell U.E.P.E.; ulteriori colloqui sono possibili a seconda delle esigenze. Il tempo medio di una indagine è di tre mesi. Durante una misura alternativa, i contatti tra l assistente sociale e l utente avvengono almeno ogni quindici giorni. I colloqui si svolgono: dopo aver esaminato i documenti raccolti; 9

12 con un atteggiamento di ascolto, rispetto e attenzione; in un tempo sufficiente (mediamente un ora); chiarendo sempre gli obiettivi; senza giudicare le persone; raccogliendo tutte le informazioni utili; compilando il diario degli interventi dopo il colloquio, in modo da conservarne memoria. Visite domiciliari Durante una indagine di servizio sociale, l assistente sociale compie almeno una visita domiciliare presso l'utente e la sua famiglia. La visita domiciliare si svolge in un giorno e in un ora concordati con gli interessati; in un tempo adeguato per l'espletamento degli interventi necessari (circa un ora); chiarendo sempre gli obiettivi; con un atteggiamento di ascolto, rispetto e attenzione. Verifiche lavorative Sia durante le indagini di servizio sociale sia per valutare l andamento delle misure alternative, l U.E.P.E. compie verifiche sugli impegni di lavoro degli utenti. Fa parte delle verifiche lavorative una raccolta preliminare di documenti (visura camerale, contratto di lavoro, buste paga...). Per il resto le verifiche lavorative si svolgono in modo diverso a seconda dell obiettivo da realizzare. Se una persona condannata è in stato di libertà, la verifica lavorativa serve a raccogliere elementi sull attività che svolge. Il datore di lavoro o i colleghi possono non sapere che l interessato deve scontare una pena. Si procede perciò con particolare riservatezza. Se una persona è in stato detentivo, la verifica lavorativa serve per valutare la concretezza e idoneità delle opportunità lavorative, ai fini della concessione di eventuali misure alternative e del corretto svolgimento della pena. In questo caso il datore di lavoro sa qual è la posizione giuridica della persona. La verifica lavorativa dell affidato o del semilibero serve a controllare l effettivo svolgimento dell attività, a monitorare l impegno e il livello di inserimento nel lavoro, ad affrontare eventuali problemi; l assistente sociale può compiere visite sul luogo di lavoro anche senza preavviso. 10

13 Relazioni per la Magistratura L U.E.P.E. deve inviare alla Magistratura relazioni scritte sugli utenti di cui si occupa. In particolare, per rispondere alle richieste del Magistrato, le relazioni che l U.E.P.E. scrive al termine di una indagine di servizio sociale contengono sempre questi punti: la storia del soggetto e la ricostruzione del contesto in cui è stato compiuto il reato; i punti di forza e di debolezza della persona nei vari ambiti della sua vita: sfera personale, vita famigliare, abitazione, lavoro, studio, situazione sanitaria, relazioni sociali, rapporti con le istituzioni, atteggiamento nei confronti del reato e disponibilità a riparare a quanto si è fatto; una valutazione complessiva; un ipotesi di progetto individuale; L Ufficio si impegna a far pervenire al Magistrato la relazione nei termini richiesti. Contatti con altri servizi e organi L U.E.P.E. mantiene per gli utenti in carico rapporti anche per iscritto con i servizi del territorio e con le Forze dell ordine. Per casi di particolare complessità vi sono incontri periodici di valutazione, cui partecipano tutti gli operatori che si occupano della persona. L U.E.P.E. segnala, all AUSL e ai servizi sociali comunali, utenti in situazioni di bisogno per l erogazione di sussidi, l attivazione di borse-lavoro, interventi sociali di diversa natura, (es. per rispondere ad emergenze abitative, per trattamenti sanitari, ecc). La metodologia utilizzata è il lavoro di rete. Trasmissione di dati L Ufficio inserisce nel più breve tempo possibile nel Sistema di Indagine Interforze (S.D.I.) i dati relativi all inizio, alle modificazioni e al termine di ogni affidamento in prova, in modo che le Forze dell ordine siano informate dell esecuzione in corso e delle prescrizioni imposte dal Magistrato alla persona e possano effettuare gli interventi di vigilanza che competono loro. Continuità del trattamento Se l operatore incaricato di un caso è assente, la continuità del trattamento è assicurata da altri operatori: se l assenza è breve, gli interventi vengono effettuati dagli assistenti sociali incaricati del servizio accoglienza; se l assenza è prolungata il caso viene assegnato ad altro operatore. 11

14 SE NON SI È SODDISFATTI OSSERVAZIONI, SUGGERIMENTI, RECLAMI Cosa fare se non si è soddisfatti del servizio? A chi è possibile rivolgersi? Viene data una risposta? In che modo le segnalazioni vengono prese in considerazione? Ogni persona che sia entrata in contatto con le attività dell U.E.P.E. e che non fosse pienamente soddisfatta riguardo ai servizi ed agli interventi offerti e non è soddisfatto delle prime spiegazioni ottenute dagli operatori dell Ufficio, con cui parla e che lo ascoltano, può avanzare segnalazioni o suggerimenti riguardo agli aspetti critici, ed anche sporgere reclamo, se ritiene che si sia verificato un mancato rispetto degli impegni previsti dalla presente carta dei servizi. Capita qualche volta che alcuni protestino per fatti che non sono responsabilità dell Ufficio. In questi casi il personale indirizza l utente all organo competente. Reclami, segnalazioni e suggerimenti possono essere presentati inviando alla direzione: in forma scritta, con modulo predisposto e reperibile presso la sede U.E.P.E.. La lettera di segnalazione o di reclamo può essere inviata: all indirizzo: U.E.P.E. Via Cairoli Bologna al fax alla il modulo può, infine, essere imbucato nella cassetta posta in sala di aspetto. Chi ha esposto il reclamo o suggerimento riceverà una risposta scritta al massimo entro 30 giorni dalla presentazione della segnalazione. Le osservazioni ed i reclami, qualunque sia la forma nella quale vengono presentati, verranno considerati con attenzione ed utilizzati per accrescere la qualità dell offerta. Di fronte alla segnalazione, il responsabile dell U.E.P.E. si accerta riguardo alla situazione segnalata e adotta i provvedimenti che giudica adatti a migliorare il servizio. 12

15 IL PERSONALE E LA SUA FORMAZIONE All interno dell U.E.P.E. di Bologna - Forlì - Ferrara alla data del novembre 2007 operano 43 persone: 1 dirigente 1 capo area dell'area di esecuzione penale esterna 1 capo area dell area segreteria e affari generali 1 capo area dell area contabile 24 assistenti sociali. 3 coordinatori di zona 3 psicologi con incarico di collaborazione 1 collaboratore con funzioni di centralinista 1 collaboratore con funzioni di filtro e accoglienza 2 collaboratori con funzioni di segreteria tecnica 1 contabile assegnata all area contabile 3 collaboratori dell area amministrativa 1 componente del Corpo di Polizia Penitenziaria che assolve a compiti di autista, di inserimento dati nello SDI (Servizio Dati Interforze), di addetto alla segreteria dell Area dell Esecuzione Penale Esterna, di addetto al ricevimento del pubblico negli orari stabiliti, ecc.. Il dirigente, i responsabili delle Sedi di Servizio, i responsabili di Area ed il personale di servizio sociale sono in possesso di un diploma di laurea. Circa il 40% del personale di servizio sociale, nel corso dell attività lavorativa, ha conseguito altri titoli di studio oltre al diploma di laurea non richiesti dal ruolo ricoperto. L Amministrazione penitenziaria, autonomamente o avvalendosi di agenzie di formazione esterne, promuove frequenti corsi di formazione e di aggiornamento per tutto il personale. 13

16 QUATTRO STORIE Carlo è un tossicodipendente, ha compiuto un reato, è stato condannato ma non è detenuto. Ha presentato al Tribunale di sorveglianza un istanza per una misura alternativa alla detenzione. Il Tribunale fissa un udienza per decidere sulla misura alternativa e incarica l U.E.P.E.di svolgere una indagine sulla situazione personale e famigliare di Carlo. L assistente sociale incontra lui, i suoi famigliari, l eventuale datore di lavoro, i servizi sociali e alla fine scrive per il Tribunale una relazione corredata dal programma terapeutico del SERT (Servizio tossicodipendenze). Il Tribunale di sorveglianza decide in questo caso che Carlo sia affidato in prova all U.E.P.E. e che debba seguire il programma terapeutico con il SERT. Carlo ora ha certi obblighi: per esempio deve rispettare gli orari prescritti, attenersi al programma terapeutico, mantenere regolarmente i contatti con l assistente sociale dell U.E.P.E. la quale periodicamente invia al Magistrato relazioni su come stanno andando le cose. Carlo rispetta tutte le prescrizioni per tutta la durata della pena che deve scontare. Al termine l assistente sociale redige una relazione conclusiva, il Magistrato di sorveglianza la trasmette al Tribunale, che fissa un udienza in cui stabilisce l esito della prova. Poiché tutto nel caso di Carlo è andato bene, la pena viene considerata estinta. Michele è un detenuto. L U.E.P.E., che collabora con il carcere viene interpellato per effettuare una indagine socio-famigliare e lavorativa su Michele, che ha maturato il diritto di chiedere una misura alternativa. Svolta l indagine, l U.E.P.E. invia una relazione al carcere, che fissa una équipe in cui si raccolgono gli elementi da trasmettere al Tribunale di sorveglianza. Michele viene affidato in prova dal Tribunale all U.E.P.E.. Ma non rispetta le prescrizioni che gli sono state imposte, anzi commette un reato. Così torna in carcere, il Tribunale di sorveglianza decide di revocare l affidamento e il periodo che Michele ha passato in affidamento non gli viene conteggiato come pena espiata. Per tre anni Michele non potrà più chiedere misure alternative alla detenzione. Vera è straniera, ha dei figli piccoli, deve scontare una pena e il Tribunale di sorveglianza le ha concesso di scontarla in detenzione domiciliare: Vera vive in un campo nomadi e non potrà uscire dal campo. L U.E.P.E. scrive a Vera una lettera in cui la informa che può rivolgersi al servizio in caso di necessità. Vera in effetti si rivolge all Ufficio per ottenere un aiuto economico; l assistente sociale le chiarisce che l U.E.P.E. non distribuisce sussidi, ma segnala la sua situazione ai servizi sociali del Comune in cui si trova il campo nomadi e sostiene Vera nel trovare l aiuto di cui ha bisogno. Ahmed è semilibero: sconta la pena passando la notte in carcere e la giornata sul posto di lavoro. Anche se non ha mai avuto un regolare permesso di soggiorno rimarrà in Italia finché avrà terminato di scontare la sua pena. Su richiesta del carcere, l U.E.P.E. verifica il comportamento di Ahmed sul lavoro: cioè controlla che lavori regolarmente e con impegno e che rispetti le regole del suo impiego. L U.E.P.E. verifica anche tramite la Questura se Ahmed abbia la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno a fine pena; altrimenti, scontata la pena, Ahmed sarà espulso dal territorio italiano. Periodicamente l assistente sociale dell U.E.P.E. invia alla direzione del carcere relazioni sull andamento della semilibertà. 14

17 PERCHÉ QUESTO DOCUMENTO La Carta dei servizi è uno strumento per migliorare la qualità dell offerta. Favorisce l innovazione della cultura organizzativa e orienta a rendere conto dei risultati di ciò che si fa. La qualità di un servizio ha a che fare con la soddisfazione di chi lo riceve e di chi lo eroga. Per l U.E.P.E. ciò significa che bisogna tenere conto delle aspettative di diversi soggetti: l Autorità giudiziaria con cui l Ufficio collabora e che si aspetta servizi efficienti; la comunità civile che si aspetta una crescita della sicurezza e percorsi positivi di risocializzazione; gli utenti che possono essere aiutati a reinserirsi positivamente nella società; i colleghi di altri servizi o enti con cui collaboriamo, che si aspettano competenza e capacità; gli operatori stessi che investono professionalmente nel loro lavoro. Questa Carta dei servizi rappresenta un impegno preso con gli interlocutori dell U.E.P.E., che possono misurare ciò che l Ufficio fa anche con il metro di quanto esso dichiara di garantire. Ci auguriamo di contribuire con questa Carta non solo a diffondere una migliore conoscenza di ciò che siamo, di cosa facciamo, di come operiamo, ma a far fiorire le collaborazioni con altri servizi del territorio e con tutti coloro insieme ai quali siamo chiamati a realizzare i nostri compiti. COME È STATO REALIZZATO Formazione Questa prima edizione della Carta dei Servizi è stata realizzata attraverso sei incontri di formazione svolti tra settembre e ottobre 2006 ed ha visto la partecipazione per l U.E.P.E. di Bologna di Susanna Carboni, Stefania Chiappe, Maria Grazia Cozzolipoli, Marisa Dermes, Monica Gardi, Rosamaria Gatto, Giovanna La Greca, Giuseppina Miglio, Noemi Passaro, Michele Santonastaso, per la Sede di servizio di Ravenna di Grazia Lombardi, Claudia Metri e per la Sede di servizio di Rimini Antonio Salatino, Silvana Sciotto, Giuseppa Valenza. La funzione di tutor d'aula è stata svolta da Laura Furlotti. La formazione per l acquisizione dei contenuti riguardanti la scrittura della Carta è stata curata da Sergio Quaglia Pares (Milano) Scrittura collettiva Presso il Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria di Bologna per l elaborazione di un documento cui guardare per la redazione delle Linee Guida per la qualità e delle Carte di Servizio, si sono svolti otto incontri di un gruppo di lavoro composto da Stefania De Micheli, Anna Ludovico, Leda Marchi, Mariapia Marconi, Francesca Mele, Patrizia Tarozzi, Maria Paola Schiaffelli, Stefani Milvia. La facilitazione del lavoro di gruppo è stata curata da Emilio Vergani. Presso l U.E.P.E. di Bologna per la scrittura della Carta, tra febbraio e maggio 2007 si sono svolti sei incontri che hanno visto la partecipazione per l U.E.P.E. di Bologna di Stefania Chiappe, Maria Grazia Cozzoli Poli, Marisa Dermes, Monica Gardi, Rosa Maria Gatto, Giovanna La Greca, Giuseppina Miglio, Noemi Passaro, Michele Santonastaso per la sede di Servizio di Ravenna, Grazia Lombardi, Claudia Metri, per la sede di servizio di 15

18 Rimini Antonio Salatino, Silvana Sciotto, Giuseppa Valenza. La funzione di tutor d'aula è stata svolta da Anna Ludovico. Un incontro di confronto sul lavoro svolto è stato effettuato con il dirigente dell Ufficio dott.ssa Mariagrazia. Cinquetti La facilitazione del lavoro di gruppo è stata curata da Andrea Bortolotti Pares (Milano) Consultazione degli interlocutori prima della pubblicazione La prima edizione delle Carte dei Servizi è stata sottoposta a diversi interlocutori : 1) 30 utenti dell U.E.P.E. di Bologna mediante questionari somministrati dall'assistente sociale Milvia Stefani e dalla volontaria del servizio civile Alessia Serrao 2) sei interviste a rappresentanti regionali significativi realizzate da Graziano Maino 3)un focus group di consultazione al quale hanno partecipato circa 30 interlocutori esterni, istituzionali e non, appartenenti a territori di Bologna, Ferrara e Forlì e 4) un focus group con figure professionali interne all'u.e.p.e. che non hanno preso parte al lavoro di stesura delle Carta. La facilitazione dei Focus Group è stata curata da Maino Graziano Pares (Milano). Il coordinamento per la scrittura della Carta è stato curato da un gruppo di lavoro composto dalla Dott.ssa Maria Paola Schiaffelli, dirigente dell'ufficio EPE-PRAP e responsabile del progetto, dalla dott.ssa Anna Ludovico, assistente sociale presso l'epe -PRAP, dalla dott.ssa Brunilde Serafini Formatore dell'ufficio della Formazione e dal dott.graziano Maino dell'ag.pares. Il progetto, voluto dal Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria dell'emilia Romagna, è stato ideato dalll'ufficio EPE -PRAP, realizzato in collaborazione tra Ufficio EPE -PRAP e l'ufficio della Formazione del PRAP e l'impegno di tutto il personale coinvolto, è stato sostenuto dall'istituto Superiore di Studi Penitenziari ( Scuola Nazionale per la formazione e l'aggiornamento del personale direttivo e dirigenziale appartenente all'amministrazione Penitenziaria), che ha finanziato sia il progetto G.I.A.N.T. (Gruppo Inter-operativo d Accesso a Networks Territoriali) per la CARTA dei SERVIZI U.E.P.E Regione Emilia Romagna., sia il progetto G.I.A.N.T Bis- Verso il coinvolgimento partecipato degli stakeholder per la CARTA dei SERVIZI U.E.P.E Regione Emilia Romagna. 16

19 Via Cairoli Bologna (centralino, quattro linee) area servizio sociale: area amministrativa e contabile: (non ancora funzionante per corrispondenza con gli utenti) l Ufficio apre al pubblico dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle negli altri orari tra le 8.00 e le nelle giornate di martedì mercoledì e giovedì gli operatori ricevono su appuntamento INDIRIZZO TELEFONO FAX ORARIO DI RICEVIMENTO per gli utenti di Forlì e Cesena è possibile incontrare l assistente sociale di riferimento presso gli Uffici comunali in via Cobelli 31 a Forlì, il martedì mattina, solo su appuntamento ai colloqui presso l Ufficio si viene normalmente convocati dall assistente sociale attraverso una lettera o una telefonata chi è sottoposto a condanna penale e deve sottoscrivere il verbale di affidamento in prova che dà inizio all esecuzione penale esterna le persone affidate in prova, per i colloqui periodici con l assistente sociale e, se previsto, con lo psicologo chi è sottoposto a misure di sicurezza non detentive (libertà vigilata) o ad altre misure alternative (affidamento, detenzione domiciliare, semilibertà) se l ordinanza o il programma che li riguarda lo prescrive CHI DEVE RIVOLGERSI ALL U.E.P.E. chi è convocato per una indagine di servizio sociale finalizzata alla concessione di misure alternative i famigliari di persone condannate chi ha terminato di scontare una pena e ha bisogno di interventi di supporto i datori di lavoro gli avvocati qualsiasi altra persona lo ritenga utile CHI PUÒ RIVOLGERSI ALL U.E.P.E.

20 UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA Via Cairoli Bologna Tel.: Fax: area servizio sociale: area amministrativa e contabile: Apertura al pubblico: da lunedì a sabato dalle 9.00 alle negli altri orari tra le 8.00 e le nelle giornate di martedì mercoledì e giovedì gli operatori ricevono su appuntamento Dalla stazione ferroviaria 10 minuti a piedi: prendere a destra, per via Pietramellara, al semaforo attraversare e prendere via Amendola; prima di piazza dei Martiri girare a destra in via Cairoli; la via è a traffico limitato e vi sono difficoltà di parcheggio; numerosi mezzi pubblici fermano in via Amendola. L Ufficio è al terzo piano. L UEPE di Bologna e i suoi operatori si impegnano ad aggiornare la Carta dei Servizi entro 3 anni Progetto e illustrazioni: Studio grafico Daniela Garibaldi La stampa è stata realizzata all interno della Casa Circondariale di Bologna dalla tipografia Il PROFUMO DELLE PAROLE Stampato a Bologna nel mese di febbraio 2008

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Ravenna

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Ravenna Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Ravenna

Dettagli

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Reggio Emilia

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Reggio Emilia Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Reggio

Dettagli

Sede di servizio UEPE di Rimini carta dei servizi

Sede di servizio UEPE di Rimini carta dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria dell'emilia Romagna carta dei servizi UEPE Ufficio Esecuzione Penale

Dettagli

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Modena

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Modena Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Modena

Dettagli

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E.

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. Parma 17 ottobre 2014 UFFICI ESECUZIONE PENALE ESTERNA L UEPE ex Centro di Servizio

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE PROGETTO RIPROVA UEPE CARTA DEI SERVIZI UEPE Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE Ministero Della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Marche 1 CChhee cc oo

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2012 CARCERE E DROGHE

SUMMER SCHOOL 2012 CARCERE E DROGHE SUMMER SCHOOL 2012 CARCERE E DROGHE TRA RETORICA SECURITARIA E BUONE PRATICHE DI ACCOGLIENZA MISURE ALTERNATIVE: norme, attori, soggetti deboli DIPENDENZE E MISURE ALTERNATIVE EFFETTORE GIUDIZIARIO - EFFETTORE

Dettagli

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero;

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero; Un progetto biennale finalizzato a favorire l'accesso alle misure alternative alla detenzione nella Provincia di Milano Progetto finanziato da : PREMESSA Ciò che spesso si dibatte (servizi e programmi

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26 Indice PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI?... 3 CHI SIAMO?...4 Breve storia dell Ufficio di Esecuzione Penale Esterna... 5 DOVE SIAMO?... 6 DI QUALE TERRITORIO CI OCCUPIAMO?... 7 A CHI CI RIVOLGIAMO?... 8 CHI

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA 1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA AL PRESIDENTE CORTE D APPELLO CATANIA Oggetto: Relazione

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

Www.carelladarcangelo.com

Www.carelladarcangelo.com Www.carelladarcangelo.com Decreto Legge n. 146/13 convertito con Legge n. 10/14. MISURE URGENTI IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DEI DETENUTI E RIDUZIONE CONTROLLATA DELLA POPOLAZIONE CARCERARIA.

Dettagli

Indice SODDISFATTI O... 30 IL PERCORSO DI COSTRUZIONE DELLA CARTA... 31 CENNI NORMATIVI... 32 GLOSSARIO. 35

Indice SODDISFATTI O... 30 IL PERCORSO DI COSTRUZIONE DELLA CARTA... 31 CENNI NORMATIVI... 32 GLOSSARIO. 35 Indice PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI?... 3 CHI SIAMO?...4 Breve storia dell Ufficio di Esecuzione Penale Esterna... 5 DOVE SIAMO?... 6 DI QUALE TERRITORIO CI OCCUPIAMO?... 7 A CHI CI RIVOLGIAMO?... 8 CHI

Dettagli

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA Le linee guida che sono qui definite costituiscono il frutto di alcuni incontri sollecitati dal Presidente del Tribunale di Milano tra giudici penali dell'ufficio,

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA

DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA PROTOCOLLO D INTESA TRA ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI D ITALIA (ANCI) E DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA Premesso che l ANCI, in base alle previsioni dell art.1 del suo Statuto, costituisce

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra Diritto.it Le misure alternative alla detenzione sono l'affidamento in prova ai servizi sociali, la detenzione domiciliare, le misure alternative

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA

MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 139 LEONARDO DEGL'INNOCENTI FRANCESCO FALDI MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA SECOND A EDIZIONE GIUFFRE

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA DI L.r. 8/2005 - Dgr 1004 del 29 novembre 2013 BIENNIO 2014-2015 Dati identificativi del progetto Ente titolare del progetto: Associazione Carcere Territorio Bergamo Data convenzione con ASL: 10/06/2014

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 PROGETTI DELL UEPE DI CUNEO... 26 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO...

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 PROGETTI DELL UEPE DI CUNEO... 26 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... Indice PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI?... 3 CHI SIAMO?...4 Breve storia dell Ufficio di Esecuzione Penale Esterna... 5 DOVE SIAMO?... 6 DI QUALE TERRITORIO CI OCCUPIAMO?... 7 A CHI CI RIVOLGIAMO?... 8 CHI

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

E M A N A. il seguente decreto-legge:

E M A N A. il seguente decreto-legge: DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 146. Misure urgenti in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e di riduzione controllata della popolazione carceraria. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Art. 1 Esecuzione delle pene detentive 1. L'articolo 656 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente: "Art. 656 (Esecuzione delle pene detentive).

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Dirigente Generale - Provveditore Regionale

Dirigente Generale - Provveditore Regionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cantone Carmelo Data di nascita 24/12/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente Generale -

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

BRACCIALETTO ELETTRONICO

BRACCIALETTO ELETTRONICO BRACCIALETTO ELETTRONICO La copertura normativa Il cosiddetto Braccialetto elettronico trova piena copertura normativa come Sistema per il controllo elettronico delle persone sottoposte alla misura degli

Dettagli

LEGGE 27 maggio 1998 n. 165

LEGGE 27 maggio 1998 n. 165 LEGGE 27 maggio 1998 n. 165 MODIFICHE ALL'ARTICOLO 656 DEL CODICE DI PROCEDURA PENALE ED ALLA LEGGE 26 LUGLIO 1975, N. 354, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI. Art. 1. Esecuzione delle pene detentive L'articolo

Dettagli

52 18/09/2013 52 18/09/2013 ORIGINALE

52 18/09/2013 52 18/09/2013 ORIGINALE COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano Deliberazione originale della Giunta Comunale N 52 del 18/09/2013 Proposta Deliberazione n. 52 del 18/09/2013 ORIGINALE Oggetto: Approvazione schema di convenzione

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Corso di formazione con attribuzione di crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna Ufficio del Giudice di Pace Via Francesco

Dettagli

PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO IN FAVORE DELLA COLLETTIVITA

PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO IN FAVORE DELLA COLLETTIVITA CITTA DI REGGIO CALABRIA Ministero della Giustizia PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO IN FAVORE DELLA COLLETTIVITA TRA IL COMUNE DI REGGIO CALABRIA E LA CASA CIRCONDARIALE

Dettagli

L AFFIDAMENTO IN PROVA PER TOSSICODIPENDENTI E ALCOOLDIPENDENTI

L AFFIDAMENTO IN PROVA PER TOSSICODIPENDENTI E ALCOOLDIPENDENTI L AFFIDAMENTO IN PROVA PER TOSSICODIPENDENTI E ALCOOLDIPENDENTI di Giuseppe Melchiorre Napoli SOMMARIO: 1. I PRESUPPOSTI PER LA CONCESSIONE DELLA MISURA: 1.1 Premessa; 1.2 Requisiti soggettivi e oggettivi.

Dettagli

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE CASA CIRCONDARIALE BARI Area Trattamentale Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti

Dettagli

Glossario. Appellante E la persona condannata nel processo di primo grado nei cui confronti pende il procedimento di appello

Glossario. Appellante E la persona condannata nel processo di primo grado nei cui confronti pende il procedimento di appello ALLEGATO 1 Glossario Amnistia L amnistia estingue il reato e fa cessare l esecuzione della condanna e le pene accessorie relative ai reati per i quali è stata concessa (art. 151 c.p. e 672 c.p.p.). Va

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Padova e Rovigo (PRESENTAZIONE) INTRODUZIONE AL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il sistema penitenziario vigente in Italia ha il suo fulcro

Dettagli

Ufficio di Sorveglianza di Verona

Ufficio di Sorveglianza di Verona Ufficio di Sorveglianza di Verona Via dello Zappatore, 1 - Tel. 045/8084011 - Fax 8007140/595261 Prot. Verona, Al Sig. Presidente del Tribunale di sorveglianza di Venezia Oggetto : Discorso inaugurale

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI Realizzazione grafica a cura dei ragazzi della Bottega Grafica dell I.P.M (Istituto Penale Minori) di Treviso INDICE 04 Cenni storici sull USSM 05

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO Legge svuota carceri e doppia sospensione dell'esecuzione della pena detentiva: circolare della Procura di Milano (a margine del caso Sallusti) Procura della Repubblica di Milano, circolare del 6.12.2012

Dettagli

Sistema per il controllo elettronico delle persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari (art. 275bis cpp) Tribunale di Firenze

Sistema per il controllo elettronico delle persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari (art. 275bis cpp) Tribunale di Firenze GRUPPO TELECOM ITALIA Braccialetto Elettronico Sistema per il controllo elettronico delle persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari (art. 275bis cpp) Tribunale di Firenze Il Braccialetto

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE Premessa Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO (FR)

Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO (FR) INFORMAZIONI PERSONALI Nome CERSOSIMO NADIA Data di nascita 19/03/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

Roma. a) la trasformazione in autonoma fattispecie di reato della circostanza attenuante del

Roma. a) la trasformazione in autonoma fattispecie di reato della circostanza attenuante del LETTERA CIRCOLARE Roma GDAP-0120333-2014 PU-GDAP-6000-31/03/2014-01 0333-2014 Visto e p.c. Ai Sigg. Provveditori Regionali Ai Sigg. Direttori degli Uffici di Esecuzione Penale Esterna Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0

Carta Dei Servizi. Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Carta Dei Servizi Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 FINALITÀ DELLA CARTA DEI SERVIZI La realizzazione di una carta dei

Dettagli

ORDINAMENTO PENITENZIARIO

ORDINAMENTO PENITENZIARIO 001. Negli istituti penitenziari per adulti come sono disciplinati i giochi consentiti? A) Con regolamento interno, conformemente alle direttive impartite dall'amministrazione penitenziaria. B) Con provvedimento

Dettagli

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 4 APRILE 2008 N

Dettagli

Regione Sicilia. Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario

Regione Sicilia. Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario Regione Sicilia Garante per la Tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e per il loro reinserimento sociale Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario

Dettagli

Riflessioni sulla sospensione del processo e la messa alla prova dei minori (Art. 28 D.P.R. 448/88) - a cura di Salvo Vitale

Riflessioni sulla sospensione del processo e la messa alla prova dei minori (Art. 28 D.P.R. 448/88) - a cura di Salvo Vitale Riflessioni sulla sospensione del processo e la messa alla prova dei minori (Art. 28 D.P.R. 448/88) - a cura di Salvo Vitale L istituto della messa alla prova rappresenta un importante strumento legislativo

Dettagli

Coordinamento degli interventi giudiziari, sanitari e di ordine pubblico relativi a pazienti psichiatrici coinvolti in vicende giudiziarie

Coordinamento degli interventi giudiziari, sanitari e di ordine pubblico relativi a pazienti psichiatrici coinvolti in vicende giudiziarie [ALLEGATO - A] Protocollo di intesa tra Giudici del settore penale del Tribunale di Como, la Procura della Repubblica di Como, la Camera Penale di Como, l ASL di Como, la Prefettura di Como, le Forze dell

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013.

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013. C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 C.A.P. 20060 - TEL. 02/953331 - FAX. 02/9533337 Codice Fiscale e Partita IVA 03063770154 www.comune.bussero.mi.it e-mail:

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

SERVIZIO SOCIALE CONTROLLO CONTROLLO SOCIALE. a cura di Giovanni Cellini

SERVIZIO SOCIALE CONTROLLO CONTROLLO SOCIALE. a cura di Giovanni Cellini SERVIZIO SOCIALE CONTROLLO CONTROLLO SOCIALE a cura di Giovanni Cellini Controllo e servizio sociale: dimensione METODOLOGICA Nella letteratura di servizio sociale è universalmente condiviso che la funzione

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) IL SOTTOSCRITTO:

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) IL SOTTOSCRITTO: PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE NUOVA APERTURA TRASFERIMENTO VARIAZIONE SUPERFICIE DI SOMMINISTRAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) in area non soggetta

Dettagli

Relata di Pubblicazione

Relata di Pubblicazione Il residente Antonio epe Relata di ubblicazione La presente deliberazione è stata pubblicata all Albo rovinciale il giorno 26/03/2009. Foggia, 26/03/2009 Il sottoscritto Segretario Generale, visti gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Indice sommario - Costituzione della Repubblica italiana... pag. XLVII - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» LXIX Titolo I - Trattamento penitenziario

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale.

PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale. il libro concorso nell Educatori e Contabili Amministrazione PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale DOMANDE CON RISPOSTE

Dettagli

STORIE TRA PARENTESI

STORIE TRA PARENTESI ---- Ministero della Giustizia Dipartimento Giustizia Minorile Centro per la Giustizia Minorile per la Lombardia Milano ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE REBIBBIA FEMMINILE ROMA

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE REBIBBIA FEMMINILE ROMA INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL GROSSO IDA Data di nascita 01/02/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - CASA CIRCONDARIALE

Dettagli

ORIGINALE. Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE

ORIGINALE. Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CENATE SOPRA Provincia di Bergamo ORIGINALE Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED IL COMUNE DI CENATE SOPRA PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze - CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: A.I.S. Attavante

Dettagli

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO RELAZIONE Le norme di questa proposta di legge sono il frutto del lavoro condiviso di molte organizzazioni. L intenzione è quella di contrastare in modo

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE PREMESSO CHE LA GIUNTA MUNICIPALE - tra le competenze del Giudice di Pace, definite con il decreto legislativo 28.8.00 n. 274, viene riconosciuta, nell'ambito del procedimento penale, la possibilità di

Dettagli

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole CARCERE LAVORO L inserimento lavorativo delle persone in esecuzione penale ed ex detenute Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole finanziamento di cui alla legge

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

UN TETTO PER TUTTI alternative al cielo a scacchi

UN TETTO PER TUTTI alternative al cielo a scacchi P R O G E T T O UN TETTO PER TUTTI a misure penali esterne al carcere o al termine della detenzione 1. Il bisogno di accoglienza abitativa Il Protocollo di Intesa tra la Regione Lombardia e il Ministero

Dettagli

DONNE E BAMBINI IN CARCERE: A QUANDO LA SVOLTA?

DONNE E BAMBINI IN CARCERE: A QUANDO LA SVOLTA? DONNE E BAMBINI IN CARCERE: A QUANDO LA SVOLTA? Contributo della Garante delle persone private della libertà personale della Regione Emilia Romagna partendo da una analisi dei dati e dei riferimenti normativi

Dettagli

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità PROTOCOLLO OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO DOMICILIARE PER MINORI E GIOVANI IN CONDIZIONE DI DISAGIO SOCIALE, FAMILIARE E/O DISABILITA 1 1. INTERVENTO DI SOSTEGNO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO...

Dettagli

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Svolgimento Lavori di Pubblica Utilità (art. 54 D.L.vo 28.08.2000, n. 247 e N. 75 Reg. del art. 2 D. M. 26.03.2001) Approvazione

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI

CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI L Ufficio di Esecuzione Penale Esterna ( codice fiscale 90086400273) nella persona del Direttore

Dettagli

Deliberazione giunta regionale n.

Deliberazione giunta regionale n. Deliberazione giunta regionale n. del 620 13/11/2012 A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria Settore: 3 - Interventi a Favore di Fasce Sociosanitarie Particolarmente Deboli Oggetto: Indirizzi operativi per la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 146

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 146 TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 146 Testo del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 146 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 300 del 23 dicembre 2013), coordinato con la legge

Dettagli