Percorsi di lavoro. Dal carcere al lavoro Percorsi per il reinserimento di persone in esecuzione penale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi di lavoro. Dal carcere al lavoro Percorsi per il reinserimento di persone in esecuzione penale"

Transcript

1 UNIUNEA EUROPEANĂ GUVERNUL ROMÂNIEI MINISTERUL MUNCII, FAMILIEI şi PROțEC IEI SOCIALE AMPOSDRU Fondul Social European POSDRU Instrumente Structurale ADMINISTRAțIA NAțIONALĂ A PENITENCIARELOR Percorsi di lavoro Dal carcere al lavoro Percorsi per il reinserimento di persone in esecuzione penale

2

3 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE PROGETTO SOCIAL Strategia per l Occupazione e Qualificazione tramite l Apprendimento ed Attività per la Libertà POSDRU/69/61/S/32810 Az PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA, FONDO SOCIALE EUROPEO, PROGRAMMAZIONE

4 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per le politiche attive e passive del lavoro Dirigente: Marianna D Angelo Coordinamento del progetto SOCIAL: Lucilla Di Rico Isfol - Progetto Cooperazione transnazionale Responsabile: Antonella Attanasio Gruppo di lavoro progetto SOCIAL: Gianluca Calzolari Giovanna de Mottoni Maria Di Saverio Maria Grazia Mastrangelo Testo: a cura di Maria Grazia Mastrangelo Editing: a cura di Giovanna de Mottoni e Maria Di Saverio Progetto grafico: Sectio sas Traduzione in romeno: a cura di Clara Oprea Data di pubblicazione: Luglio 2012 Isfol, Corso d Italia, Roma Tel Web:

5 Voci di dentro, voci di fuori: riannodare il filo spezzato RISTRETTI ORIZZONTI

6

7 INDICE INDICE Prefazione 9 Introduzione 13 Il lavoro come alternativa al reato: un confronto tra Italia e Romania 17 Parte I Lo stato dell arte in Italia Percorsi di reinserimento Le caratteristiche peculiari Un tentativo di schematizzazione Una possibile visione d insieme Alcuni nodi critici 32 Parte II Lo stato dell arte in Romania Il contesto romeno La sperimentazione del progetto SOCIAL Gli obiettivi generali I risultati principali Gli elementi distintivi e il valore aggiunto Gli elementi di criticità 40 5

8 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE Parte III Il confronto tra Italia e Romania 43 3 Analogie e differenze tra i due Paesi Un possibile percorso di reinserimento socio-lavorativo 46 trasferibile nel conte-sto romeno 6

9

10

11 PREFAZIONE Prefazione Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali tra le sue linee di intervento strategiche e di indirizzo promuove la coesione economica e sociale ed un mercato del lavoro inclusivo, in linea con le politiche comunitarie, ritenendo ciò una priorità fondamentale a garanzia di quanti sono a rischio di povertà e di emarginazione sociale. L intento è che queste persone possano fruire delle opportunità e delle risorse necessarie per partecipare pienamente alla vita economica, sociale e culturale del proprio Paese e vivere dignitosamente. Uno dei principali strumenti della politica di coesione é il Fondo Sociale Europeo che sostiene, tra l altro, azioni mirate per l inclusione e l integrazione delle fasce a rischio di emarginazione. Esso supporta, infatti, gli Stati membri nel fornire gli strumenti idonei ad affrontare le nuove sfide del mercato del lavoro nell era della globalizzazione, con particolare attenzione alle fasce svantaggiate. È in tale ambito che si inserisce il progetto SOCIAL per il reinserimento e l integrazione degli ex detenuti, cofinanziato dal PON Sviluppo Risorse Umane FSE Romania 2007/2013 e coordinato dall Amministrazione Penitenziaria Nazionale rumena. L intervento ha un ampio partenariato rumeno e italiano e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali vi ha aderito con grande interesse, ritenendo molto importante la cooperazione transnazionale in tale ambito sulla base di precedenti esperienze maturate nel Programma di iniziativa comunitaria Equal e nell adesione alla rete europea Ex Offenders Community of Practice ExOCoP. In occasione del Policy Forum 2012, ExOCoP ha ribadito, attraverso la Dichiarazione di Berlino, l impegno della rete a riconoscere il diritto delle persone in esecuzione penale alla riabilitazione e all accompagnamento per il reinserimento a pieno titolo nella società, attraverso l istruzione, la formazione e 9

12 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE l occupazione. La capacità di lavorare in sinergia, di fare rete di tutti i soggetti coinvolti nel trattamento dei detenuti e nel loro reinserimento sociale, una volta usciti dal carcere, è fondamentale e strategica per un percorso positivo che non solo eviti loro la recidiva, ma che sia anche in grado di restituire dignità, speranza, opportunità di riscatto. Il progetto SOCIAL, partendo dall esperienza delle cooperative sociali di tipo B maturata nel sistema carcerario italiano, ha voluto individuare e sperimentare in Romania alcuni percorsi innovativi di facilitazione all inserimento lavorativo attraverso dispositivi di incrocio tra domanda ed offerta di lavoro, nonché di accompagnamento nel percorso post pena, nel passaggio delicato e cruciale verso la libertà. Giunti al termine dell intervento, sono stati realizzati da Isfol, ente in house del Ministero con consolidata esperienza nel settore, alcuni testi che analizzano ed elaborano i principali risultati emersi e che possono rappresentare preziosi strumenti di lavoro e di sensibilizzazione per coloro che operano nel sistema carcerario e nell economia sociale, dunque operatori, formatori, manager, decisori politici, con la finalità di eliminare le barriere sociali ed i pregiudizi, migliorare i servizi e facilitare il reinserimento delle persone in esecuzione penale, attraverso il lavoro, massima espressione di cittadinanza e di effettiva libertà. Cons. Paola Paduano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale politiche attive e passive del lavoro 10

13

14

15 INTRODUZIONE Introduzione SOCIAL è un progetto finanziato dal Fondo Sociale Romeno il cui core è rappresentato dallo sviluppo dell economia sociale come strumento per l inclusione degli ex detenuti e dall intervento sugli attori chiave dei sistemi della giustizia, della formazione e del lavoro della Romania. Avviato nel 2009, si concluderà nel settembre 2012, utilizzando il modello italiano delle imprese sociali e le esperienze sull inclusione dei soggetti svantaggiati maturate nella precedente e attuale programmazione, in particolare nell ambito del Transnational Learning Network Fse Ex Offenders Community of Practice ExOCoP. Principali obiettivi di SOCIAL sono: lo sviluppo di cooperative sociali la formazione di ex detenuti in vista del loro reinserimento lavorativo lo sviluppo delle competenze dei detenuti in regime aperto per la loro integrazione nel mercato del lavoro dopo il rilascio la sperimentazione di piani di sviluppo personalizzati durante la detenzione e nella transizione dalla detenzione al post-rilascio il rafforzamento delle capacità e competenze degli operatori dell amministrazione penitenziaria e del settore privato e privato sociale. Il progetto è coordinato dall Amministrazione Penitenziaria rumena e si realizza attraverso un partenariato che in Romania si avvale di enti di ispirazione religiosa, quali Federatia Filantropia e Patriarchia Rumena, e in Italia del Ministero del Lavoro - Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro; del Ministero della Giustizia - Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria, Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Palermo; dell Unione degli Assessorati alle Politiche Socio-Sanitarie e del Lavoro; di Éupolis Lombardia - Istituto Superiore per la Ricerca, la Stati- 13

16 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE stica e la Formazione; di Obiettivo Lavoro - Agenzia per il Lavoro SpA. Organismo attuatore per il Ministero del Lavoro è l Isfol, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, ente di ricerca pubblico sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Progetto Cooperazione transnazionale, di cui è responsabile Antonella Attanasio. Il Progetto intende trasferire nella sperimentazione rumena l esperienza pluriennale acquisita in materia di progettazione di percorsi e strumenti per l inclusione di soggetti svantaggiati e, in particolare, di persone in uscita dal circuito penale. Il know-how transnazionale è maturato soprattutto a livello comunitario, sia nella passata programmazione nell ambito del Programma Equal di cui l Isfol è stata Struttura Nazionale di Supporto, sia in quella attuale, nella citata rete europea ExOCoP della quale l Isfol è partner. SOCIAL vede inoltre il concorso fattivo di altre aree dell Istituto, secondo un approccio sinergico che, da un lato, punta a valorizzare le singole professionalità impegnate ma, soprattutto, consente una visione sistemica rispetto alla complessità del target trattato. Le finalità di SOCIAL sono eminentemente pratiche: dotare il sistema dell amministrazione penitenziaria romena di strumenti e metodi che possano favorire l inserimento o il reinserimento nella società civile di detenuti ed ex-detenuti. Dal Carcere al Lavoro - Percorsi per il reinserimento di persone in esecuzione penale, descrive e collega il dibattito in corso in Italia e in Romania sui possibili e molteplici itinerari di reinserimento socio-lavorativo per le persone in uscita dal circuito penale. Si tratta di un prodotto che muove da sperimentazioni effettivamente realizzate in Italia e in corso in Romania, che, lungi dall essere esaustive, intendono offrire un panorama di riferimento utile per quanti operano per l inclusione di tali soggetti. Antonella Attanasio Isfol - Progetto Cooperazione transnazionale 14

17

18

19 INTRODUZIONE Il lavoro come alternativa al reato: un confronto tra Italia e Romania Raggiungere la meta è sempre arduo, soprattutto se si parte svantaggiati. Essere stati in carcere, avere una condanna ancora da scontare, anche se fuori dalla cella, senza un abitazione, con problemi di salute, una famiglia traballante; vivere la sensazione quotidiana di non farcela nella solitudine del presente e con le lacerazioni del passato. Tutto questo può essere un buon presupposto non solo per non farcela, ma per rimanere impantanati chissà dove. Se all orizzonte appare un opportunità di sostegno, qualcuno che ti indichi i luoghi in cui trovare delle risposte, che ti ascolti per capire quanto di positivo esista ancora dentro di te, allora la meta può essere almeno individuata. Se si materializza un aiuto concreto, una possibilità di crescere professionalmente, di avere un opportunità per una messa alla prova, per rimettersi nel giro del lavoro legale, allora la meta esce dalle nebbie che l avvolgono. Se, infine, tutto questo avviene con qualcuno accanto, che ti accompagni nelle difficoltà del percorso e nei momenti di cedimento, allora forse la meta può essere, se non raggiunta, sicuramente avvicinata. 1 Questo in sintesi il significato del progetto SOCIAL, nell ambito del quale questo documento è stato elaborato da Maria Grazia Mastrangelo del gruppo di lavoro del Progetto Cooperazione Transnazionale dell Isfol e che, a partire dallo studio di casi esemplari, ha la finalità di delineare i pos- 1 Associazione Ora D Aria Onlus, Verso il lavoro, Quaderni di Ora D Aria, OKprint, Roma,

20 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE sibili percorsi per l inserimento lavorativo e l inclusione sociale di persone in esecuzione penale. Tali percorsi hanno al centro il lavoro come alternativa concreta al reato, sia durante la fase della detenzione quale elemento di rieducazione, sia nella fase post-detentiva al fine di escludere il ricorso al crimine quale unico mezzo di sussistenza. Il detenuto deve essere avviato al lavoro non tanto per essere sottratto all'ozio avvilente, quanto perché il lavoro è insieme un dovere sociale, un diritto costituzionale, un essenziale strumento di rieducazione e di reinserimento e contribuisce al superamento di forme di dipendenza dagli altri a favore di una relazione adulta, connotata da una maggiore autonomia decisionale e dalla consapevolezza di occupare un ruolo attivo e produttivo. Per realizzare inserimenti lavorativi di qualità, però, la presa in carico del detenuto deve essere assunta molto tempo prima dell'inserimento lavorativo, quando il detenuto è ancora in carcere. Con lui si sviluppa un itinerario progressivo (orientamento, formazione e qualificazione professionale, inserimento nei laboratori intramurari) che sfocia nel tirocinio con borsa-lavoro in azienda o nell inserimento in una cooperativa sociale di transizione e si attua completamente con la sottoscrizione di un contratto di lavoro stabile o con l avvio d impresa in forma individuale o collettiva. Le forme che tale itinerario verso il lavoro può assumere sono molteplici, come si è visto dall analisi dei casi di studio, cosicché non è opportuno parlare di un modello d intervento italiano ma di possibili percorsi di reinserimento socio-lavorativo. Di questi percorsi si possono mettere in risalto le caratteristiche e le azioni comuni, che ne costituiscono le costanti pur nella diversificazione dei territori e dei contesti di intervento e che, in quanto tali, ne possono rappresentare i presupposti per la trasferibilità e replicabilità in Romania. Al fine di verificare, appunto, la trasferibilità e la replicabilità nel contesto degli elementi chiave dei percorsi di reinserimento delle persone in esecuzione penale realizzati in Italia, si sono svolte a Roma il 21 e 22 giugno 2011 due giornate di lavoro dal titolo Dal carcere al lavoro: percorsi di reinserimento per ex detenuti. Un confronto tra Italia e Romania. L evento ha inteso promuovere l individuazione dei punti di forza e delle criticità dei percorsi italiani di reinserimento lavorativo di (ex) detenuti e degli elementi di trasferibilità (precondizioni, valore aggiunto, fattibilità), a partire da un confronto 18

21 INTRODUZIONE con la Romania in termini di sistema normativo, assetto organizzativo e ripartizione delle competenze tra gli attori centrali e locali rumeni. Il meeting ha visto la partecipazione di: 1. Referenti istituzionali del Ministero del Lavoro italiano, dell Amministrazione Nazionale Penitenziaria in Romania, dell Isfol; 2. partner italiani e rumeni del progetto SOCIAL; 3. operatori ed esperti, italiani e rumeni, appartenenti alle Amministrazioni/organismi chiave del processo di reinserimento delle persone sottoposte a provvedimenti giudiziari (Province, Comuni, Centri per l impiego, ecc.); 4. rappresentanti di sei progetti italiani; particolare attenzione è stata dedicata agli attori intervistati nell ambito dei case studies che, attraverso la loro testimonianza, hanno cercato di descrivere ai partecipanti il quadro d insieme delle esperienze realizzate. Entrambe le giornate hanno preso avvio da una presentazione del progetto SOCIAL e delle attività realizzate dall ISFOL su mandato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali italiano. In particolare, la prima era rivolta agli operatori italiani e rumeni e centrata sull illustrazione dei percorsi/casi di studio e sull analisi e confronto, attraverso la realizzazione di due gruppi di lavoro, tra esperienze e metodologie adottate in Italia e in Romania. Alla luce delle esposizioni che delineavano diversi ipotesi di percorso/raccordo tra il carcere e il mondo del lavoro sono state indagate analogie e differenze più evidenti tra i due Paesi, nell ottica di una contaminazione positiva ed efficace a favore del reinserimento degli (ex) detenuti. La seconda giornata è stata dedicata al confronto tra attori istituzionali del sistema italiano e, stakeholder rumeni, a partire dalla presentazione dei risultati emersi durante la prima giornata di lavoro. Nel dettaglio, i macro temi individuati su cui è si è sviluppato il dibattito nei tre panel di discussione sono stati: Panel A. Lavoro (ruolo e mandato delle imprese sociali e for profit); Panel B. Servizi per il (re)inserimento (Centri per l Impiego, servizi sociali, ecc.); Panel C. Servizi di accompagnamento al lavoro ed all inclusione sociale (Terzo Settore). Nella prima parte del presente documento sono illustrati gli elementi di- 19

22 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE stintivi dei percorsi di reinserimento italiano e di cui si è cercato di fornire una visione d insieme, non tralasciandone però quelli che sono ancora i punti di criticità. Nella seconda parte sono illustrati il contesto, la strategia rumena per il reinserimento socio-occupazionale delle persone in esecuzione penale, la sperimentazione implementata dal progetto SOCIAL e la sua portata innovativa in Romania, gli elementi di debolezza che, nel sistema, ancora permangono. Infine, nella terza parte vengono delineate le differenze e le similitudini tra i sistemi e gli approcci nei due Paesi così come sono emersi dallo scenario meeting di Roma, nonché quelli che sono gli elementi mutuabili dai percorsi di reinserimento in Italia. 20

23 INTRODUZIONE 21

24

25 PARTE I LO STATO DELL ARTE IN ITALIA

26

27 PARTE I 1.Percorsi di reinserimento 1.1 Le caratteristiche peculiari I percorsi esaminati 2 hanno come prima caratteristica quelli di proporre, seppur diversamente combinate ed organizzate, azioni integrate di: a) informazione ed orientamento professionale/al lavoro, con la finalità di intervenire sull aumento di occupabilità dei detenuti attraverso azioni informative individuali e di gruppo, colloqui volti alla predisposizione di banche dati di detenuti nelle condizioni di accesso a percorsi di inserimento (da incrociare con banche dati aziende disponibili dei Centri per l Impiego), colloqui di orientamento volti alla definizione di progetti personalizzati, colloqui di sostegno, motivazione e preparazione all inserimento lavorativo. b) formazione professionale, con la finalità di intervenire sull aumento dell occupabilità dei detenuti, attraverso attività formative in impresa o volte alla costituzione d impresa per aumentare le competenze professionali e trasversali. Le attività sono riferibili a percorsi di tirocinio/stage in aziende esterne o all alternanza formazione/lavoro intramuraria. c) accompagnamento al lavoro, con la finalità di supportare la persona, accompagnandola nella fase di inserimento lavorativo. In questa area 2 Cfr. Report Studio di Casi Dal carcere al lavoro: il reinserimento socio lavorativo di persone in esecuzione penale, report Studio di Casi, ISFOL, Progetto SOCIAL, Roma,

28 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE di intervento si possono distinguere l inserimento lavorativo esterno in azienda (con borse lavoro o contratti di assunzione nelle sezioni di inserimento) e quello interno nei laboratori di produzione e lavoro (gestiti da cooperative sociali con commesse da imprese profit o con servizi per l Amministrazione penitenziaria). La sperimentazione in un contesto produttivo interno o esterno al carcere rappresenta anche per i detenuti un esperienza per l acquisizione di competenze professionali e trasversali ed una risorsa occupazionale. Nell ambito di tali azioni integrate esistono, poi, interventi direttamente rivolti ai beneficiari finali ed interventi rivolti ai sistemi. Entrambi concorrono al raggiungimento dell obiettivo dell inclusione sociale attraverso il lavoro, al potenziamento dell occupabilità delle persone in esecuzione penale ed al miglioramento dei contesti che ne favoriscono l occupazione. Azioni rivolte direttamente ai beneficiari finali Relativamente alle azioni dirette ai beneficiari finali si può affermare che tutte le esperienze analizzate sono caratterizzate ed accomunate da: - attività di accoglienza, informazione, azione filtro-diagnostica, counselling orientativo (interno ed esterno al carcere), creando così un forte anello di congiunzione tra il dentro e il fuori - attività di presa in carico globale dell individuo, non rivolta esclusivamente all inserimento lavorativo (con bilancio delle competenze, sottoscrizione di un patto, preparazione portfolio, Cv, vidimazione dell'ispettorato del lavoro della documentazione occorrente, ecc.), ma comprensiva di interventi che toccano una sfera più ampia: famigliare, alloggiativa, sanitaria, giuridica (ricongiungimento familiare, genitorialità, reperimento alloggio, accesso al diritto, accesso ai servizi di cura, ecc.). In generale, Il flusso delle attività per la presa in carico dei soggetti beneficiari degli interventi si differenzia, per alcuni aspetti, a seconda che il detenuto si trovi ancora in carcere, in misura alternativa, in art. 21 o sia già in libertà. Le differenze, peraltro marginali, riguardano gli attori coinvolti nel processo, alcune attività ed i luoghi di esecuzione delle stesse - attività per l elaborazione concertata del progetto di intervento e supporto socio lavorativo, il reperimento delle imprese disponibili e l inserimento in tirocinio, con borsa lavoro, in work experience, in sezioni d inserimento con assunzione 26

29 PARTE I - attività di formazione non tradizionali e strettamente collegate al mercato del lavoro locale - attività di tutoring (affiancamento, accompagnamento, mediazione, supporto, consulenza al tirocinante e all'azienda, verifica periodica, ricerca e proposte per la prosecuzione delle attività lavorative in forma subordinata o autonoma) - attività di ricostruzione di una rete amicale e sociale. Senza la ricostruzione di una rete sociale ed amicale le persone possono tornare a fare nuovamente scelte di devianza o di criminalità. Azioni rivolte ai sistemi Per quanto riguarda le azioni rivolte ai sistemi, gli elementi distintivi delle esperienze considerate fanno unanimemente riferimento alla modalità ed agli approcci di seguito descritti. La prima è una modalità di intervento fortemente centrata sul coordinamento interistituzionale 3, nel rispetto delle reciproche competenze, di condivisione di risorse/opportunità e sulla transdisciplinarità dell equipe operativa. In generale, lo schema organizzativo 4 proposto è così articolato: 1. Gruppo interistituzionale con funzioni di coordinamento generale e supervisione, composto da: - Dirigente dell Assessorato regionale Formazione e Lavoro - Dirigente dell Assessorato regionale Politiche sociali - Dirigente/responsabile del Centro per I Impiego (CPI) - Direzione Area Trattamentale Interna - Direzione Ufficio Esecuzione Penale Esterna (UEPE) - Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, - Direzione/Responsabili Divisione Lavoro (Provincia e Comune) - Direzione/Responsabile Divisone Adulti in difficoltà (Provincia e Comune) - Coordinamento Gruppi/Comitati di azione locale (Es. GOL progetto CaRTeSIO o Comitati Locali Area Esecuzione Penale Adulti del progetto PEGASO). 3 Il coordinamento interistituzionale è generalmente ratificato da protocolli, accordi quadro, convenzioni. 4 L elenco dei due gruppi di lavoro non ha pretesa di esaustività. 27

30 DAL CARCERE AL LAVORO PERCORSI PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE 2. Equipe operativa transdisciplinare che garantisce unitarietà agli interventi attraverso la loro gestione integrata. L equipe operativa è costituita da operatori provenienti dai diversi ambiti disciplinari individuati in funzione della costruzione dei percorsi e della gestione degli stessi. In genere, partecipano ai lavori dell equipe gli operatori di: - CPI territorialmente competente - Direzione Trattamentale Interna - U.E.P.E./SP.IN. (sportello informativo) - Servizi sociali Comune - Servizi sanitari (in particolare con gli operatori dei SER.T.) - Soggetti attuatori (Agenzie di formazione, orientamento e inserimento lavorativo, Cooperative Sociali, Imprese, Associazioni di promozione sociale e volontariato, culturali, sportive,..). All interno dell equipe transdisciplinare si può ravvisare il coinvolgimento di differenti profili professionali: responsabili del caso/coordinatori/case manager, operatori di sportello, orientatori, educatori professionali, assistenti sociali, psicologi/psicoterapeuti, mediatori socio culturali, agenti di accesso al diritto, tutor dell accompagnamento sociale, tutor dell accompagnamento lavorativo, tutor aziendale, tutor della formazione, operatori professionisti nella ricerca imprese, fund raiser, tecnici artigiani, docenti, formatori, responsabili della transizione al lavoro, promotori d impresa, consulenti di marketing. Alcuni svolgono un ruolo costante, altri intervengono per le attività che richiedono la loro specifica competenza professionale. La seconda modalità è rappresentata dal lavoro di rete e, in particolare, dal consolidamento ed animazione delle reti territoriali di sostegno attivate, affinché siano capaci di: - aggregare tutti gli attori coinvolti (multiattoriali) - proporre strumenti di partecipazione e condivisione delle strategie e delle modalità operative - estendersi e coinvolgere, di volta in volta, tutte le agenzie/servizi pubblici e del privato sociale che possono farsi carico delle difficoltà vissute dalla persona e dalla sua famiglia (formali ed informali). In sostanza le reti devono essere nel contempo stabili (quelle interistituzionali) ma anche mobili e temporanee perché centrate sul soggetto preso in carico. 28

31 PARTE I Infine, la terza modalità fa riferimento alla continuità/stabilizzazione delle iniziative attraverso l attività di ricerca di risorse economiche con: - elaborazione e presentazione progetti ad Enti pubblici, ad associazioni, a privati (Fondazioni bancarie), ecc. - richiesta di donazioni ed elargizioni liberali - fund raising - sensibilizzazione del mondo imprenditoriale per l assunzione di soggetti usciti dall esperienza del carcere e/o la messa a disposizione di reti di commercializzazione dei prodotti - coinvolgimento attivo dell economia sociale e sua alleanza con il sistema imprenditoriale del territorio per l esternalizzazione e l affidamento di attività produttive da parte dell imprese profit. 1.2 Un tentativo di schematizzazione Le griglie riassuntive delle macroaree di intervento che seguono rappresentano naturalmente solo un tentativo, non esaustivo, di descrivere i possibili percorsi e le tipologie di attività in atto in Italia per il reinserimento socio-lavorativo delle persone in esecuzione penale, così come sono risultati dall analisi delle esperienze esemplari selezionate. Va, inoltre, precisato che la schematizzazione in sequenza delle attività ha solo la funzione di semplificarne la descrizione, poiché nella realtà il principio che regola gli interventi è spesso quello della contemporaneità (ad es. accoglienza/informazione/orientamento e coordinamento servizi integrati per l accompagnamento al lavoro, inserimento lavorativo esterno e formazione in alternanza con tirocini, borse lavoro, ecc.). Allo stesso modo, nelle macroaree descritte sono presenti, al contempo, azioni rivolte direttamente ai beneficiari e azioni rivolte ai sistemi. Infine, non sempre tutte le attività sono implementate. 29

32 RACCOMANDAZIONI DI POLICy PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE Macroarea Tipologia di servizio Tipologia di attività INFORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PROFESSIONALE / AL LAVORO Sportelli di Informazione orientamento interni ed esterni A. Accoglienza/informazioni (rilevazione bisogni, scheda anagrafica, ecc.) B. Counselling orientativo (scheda anagrafica professionale, bilancio competenze, orientamento individuale e di gruppo, costruzione Cv e lettera presentazione, ecc.) C. Supporto all inserimento lavorativo (progetto professionale, ricerca aziende per tirocini, stage, borse lavoro, ecc.) D. Azioni di supporto al sistema aziende/raccordo con gli attori dell inserimento (reti multiattoriali, ecc.) E. Interventi di segretariato sociale F. Accompagnamento ai servizi del territorio G. Mediazione culturale H. Azioni di accesso al diritto (legale)/ai diritti I. Orientamento extra - professionale (progetto di vita, reti familiari, amicali) L. Sostegno psicologico individuale/mediazione familiare FORMAZIONE PROFESSIONALE Attività formative volte all inserimento lavorativo in azienda Attività formative volte alla costituzione d impresa A. Formazione propedeutica all inserimento lavorativo B. Formazione di base C. Formazione tecnica D. Orientamento ai tirocini d impresa E. Avvio di tirocini formativi A. Attività formative volte alla costituzione d impresa B. Consulenza alla costituzione d impresa C. Costituzione d impresa (collettiva o individuale) D. Attività di promozione dell impresa/ cooperativa sociale 30

33 PARTE I Macroarea Tipologia di servizio Tipologia di attività Inserimento lavorativo esterno A. Presa in carico per l inserimento lavorativo esterno B. Formazione in situazione (tirocini, stage, work experience) C. Inserimento lavorativo (borsa lavoro, socio lavoratore in cooperativa di transizione, contratto subordinato, lavoro autonomo) D. Affiancamento/accompagnamento nell inserimento o nello start up impresa ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO Laboratori di produzione e servizi interni al carcere A. Rilevazione bisogni dei detenuti B. Progettazione laboratori (identificazione delle filiere praticabili nell ambiente carcerario) C. Selezione attori del territorio per avvio attività (Istituzioni, imprese, cooperative sociali, soggetti attuatori, ecc D. Pianificazione attività laboratoriali E. Orientamento all inserimento nei laboratori (ricostruzione motivazione al lavoro, recupero abilità trasversali e sociali, ecc.) Coordinamento e concertazione di servizi integrati A. Censimento degli attori locali per l inserimento e definizione delle loro funzioni (costituzione gruppo interistituzionale ed equipe interdisciplinare) B. Accesso al servizio (per l impiego, agenzia lavoro inclusione, mediazione al lavoro, sociale, sanitario ecc.) C. Elaborazione percorso personalizzato D. Presa in carico globale (dalla scarcerazione al reinserimento sociale e lavorativo) E. Tutoraggio sociale F. Case management 31

34 RACCOMANDAZIONI DI POLICy PER IL REINSERIMENTO DI PERSONE IN ESECUZIONE PENALE 1.3 Una possibile visione d insieme GRUPPO INTERISTITUZIONALE Impresa di inserimento e lavoro o cooperativa sociale di produzione e servizi ACCOMPAGNAMENTO DA DENTRO IMPIANTO DI LABORATORI A FUORI DI PRODUZIONE E LAVORO INTRAMURARIO Accoglienza / orientamento / informazione Sviluppo ed animazione di reti formali ed informali COORDINAMENTO E CONCERTAZIONE DI SERVIZI INTEGRATI DENTRO Accompagnamento al lavoro intramurario Beneficiari Accompagnamento all inserimento lavorativo esterno Beneficiari FUORI FORMAZIONE LAVORO TUTORAGGIO Formazione in situazione/alternanza formazione/lavoro Identificazione di filiere produttive praticabili nell ambiente intramurario Cooperativa sociale REINSERIMENTO SOCIO LAVORATIVO EQUIPE TRANS-DISCIPLINARE 1.4 Alcuni nodi critici Come si è visto, se il carcere viene accompagnato da meccanismi di controllo, di responsabilizzazione, di avvicinamento alle vittime, di risarcimento del danno e di lavoro, allora il percorso non è più effimero e provvisorio, ma si trasforma in qualcosa di concreto e solido. Nella speranza di poter consolidare i percorsi già sperimentati ed affrontare nuove risposte e nuove sfide, appare opportuno, per concludere, enucleare alcuni dei maggiori nodi critici (intra ed extra murari) che tutt ora permangono, anche allo scopo di stimolare il confronto e la discussione tra i partner del progetto SOCIAL. 32

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli