Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia"

Transcript

1 Roma, 11 dicembre 2007 Prot. n. 3063/2007 On. Clemente Mastella On. Paolo Ferrero Ministero della Solidarietà On. Giuliano Amato Ministero dell Interno Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Al Consigliere Riccardo Turrini Vita Direttore Generale Esecuzione Penale Esterna del Dip.to Amm.ne Penitenziaria Al Dott. Eustachio Vincenzo Petralla Dirigente Ufficio II Direzione Generale Esecuzione Penale Esterna Ai Sindacati Confederali e Autonomi Alla d.ssa Anna Muschitiello Segretario Nazionale Coordinamento Assistenti Sociali Giustizia

2 Al Dott. Sebastiano Zinna Dirigente Ufficio II - Istituto Superiore di Studi Penitenziari Alla D.ssa Luigia Mariotti Culla Direttore Istituto Superiore di Studi Penitenziari Al Dott. Alessandro Margara Presidente Fondazione Michelucci Firenze All Avv. Desi Bruno Garante dei diritti delle Persone private della libertà personale Bologna Alla D.ssa Angelica Di Giovanni Presidente Tribunale Distrettuale di sorveglianza di Napoli Alla D.ssa Elisabetta Laganà Presidente SEAC Coordinamento Enti e Associazioni di Volontariato Penitenziario Agli Uffici Esecuzione Penale Esterna Ai Provveditorati Regionali dell Amministrazione Penitenziaria Ai Consigli Regionali dell Ordine degli Assistenti Sociali LORO SEDI OGGETTO: Quarta bozza di decreto interministeriale sui nuclei di polizia penitenziaria per l'esecuzione penale esterna.

3 L'Ordine degli Assistenti Sociali, verificati i mutamenti minimi apportati alla quarta bozza di decreto interministeriale sui nuclei di polizia penitenziaria per l'esecuzione penale esterna, che non sostanziano le riflessioni e le criticità evidenziate in più occasioni da questo Consiglio Nazionale e di cui non si è tenuto in nessun conto, conferma le proprie precedenti valutazioni, le perplessità e le osservazioni critiche espresse in più sedi, in merito alla reale efficacia della riforma prevista, sia nel garantire una maggiore funzionalità del settore dell area penale esterna, sia nel rendere possibile una effettiva estensione del ricorso alle misure alternative. Per il raggiungimento di questi due obiettivi, infatti, in un ragionamento che voglia essere mosso da onestà di intenti, si dovrebbero, in primo luogo, considerare e pubblicizzare maggiormente i dati che, semestralmente, vengono rilevati dall Amministrazione penitenziaria sulle revoche di tutte le misure alternative, dai quali si evincono risultati più che confortanti (ciò anche per rispondere alla società che, si dice, chiede conto con insistenza dei risultati conseguiti). Inoltre, la considerazione del rapporto tra tali dati e le risorse utilizzate per conseguirli, avrebbe dovuto automaticamente portare a un massiccio investimento per dotare anche l area penale esterna di adeguate risorse, umane, strumentali e finanziarie. Invece, sembra che la stessa Amministrazione Penitenziaria non tenga in debita considerazione tali risultati e che si voglia orientare tutta l attenzione soltanto su un unico disegno: l inserimento della polizia penitenziaria per il controllo della condotta delle persone sottoposte a misura alternativa sguarnendo gli organici già carenti degli istituti penitenziari. Su questo si vogliono concentrare anche le poche risorse aggiuntive che sembrano poter essere reperite anziché utilizzarli per migliorare le condizioni di funzionalità degli stessi uffici UEPE denunciate anche dalle organizzazioni sindacali. Da evidenziare, infine, che si ritiene altamente improbabile che la previsione di controlli da parte della polizia penitenziaria, che non potranno che essere sporadici, possa realmente essere considerato elemento maggiormente rassicurante per la Magistratura. Tali valutazioni, tuttavia, devono necessariamente essere inserire in un contesto di analisi che ricomprenda un più ampio scenario, quale quello dell'applicazione delle pene, partendo dalla considerazione che, quello attuale, è un momento di grossa sofferenza per tutto il settore dell'esecuzione penale, sia nell'area penale esterna, sia nell'area detentiva. Non vanno, pertanto, trascurate le crescenti difficoltà degli istituti penitenziari, nel cui ambito, dopo gli effetti deflattivi dell'indulto, emergono sempre più evidenti le criticità (è di questi giorni la grave aggressione subita da

4 una educatrice della Casa di Reclusione di Volterra che è stata ferita seriamente da un detenuto durante un colloquio). Si registra, infatti, non solo un nuovo rapido incremento del numero dei detenuti, ma anche l ingresso di tipologie di condannati le cui condizioni, al di là della condanna riportata, presentano un tale livello di problematicità da rendere sempre più difficile la gestione degli istituti, sia sul versante della sicurezza interna, sia della sicurezza degli operatori e della loro possibilità di espletare il proprio mandato istituzionale. Nell'esecuzione penale esterna, alle molte considerazioni che sono state espresse in merito all'efficacia dell'intervento del servizio sociale, sembra oggi importante evidenziare una ulteriore osservazione. Si è segnalato un calo della concessione di misure alternative da parte della Magistratura di Sorveglianza, calo che sarebbe determinato dalla mancata possibilità di un reale controllo della condotta dei condannati, in quanto il servizio sociale, si dice, può garantire solo controlli sempre più rarefatti e interventi a prevalente valenza socio-riabilitativa, mentre le esigenze sono altre. A tale giudizio, si può contrapporre la convinzione che la maggiore difficoltà a concedere le misure alternative, segnalata dai Magistrati di Sorveglianza, derivi in realtà da altri fattori, fra i quali vanno segnalati, in primo luogo, una maggiore rigidità della normativa che riduce l ammissibilità alle stesse, l aumento di condannati che, per problematicità della condizione personale o per l assenza di riferimenti familiari, di risorse socio-lavorative e abitative, non possono accedere ad un percorso alternativo e una carenza di risorse, sia ministeriali, sia sempre più anche territoriali, per la progettazione di percorsi efficaci di inclusione. Un ultima considerazione si impone. Ciò che è emblematicamente emerso in questi mesi è, non solo la mancata piena valorizzazione, da parte dell Amministrazione Penitenziaria, contrariamente alle affermazioni del Consigliere Turrini nel suo intervento del 7 novembre scorso, di una figura professionale che, pur con difficoltà estreme, ha gestito per più di trenta anni un settore in continua crescita, non solo quantitativa, con risultati (lo ribadiamo) più che positivi, ma anche la mancata conoscenza da parte dell opinione pubblica, (e purtroppo della stessa Amministrazione) del lavoro svolto dall assistente sociale, delle competenze altamente qualificate messe in campo, nell ambito penale, da tale professione sociale. Per questo motivo, in aderenza al proprio ruolo di tutela degli interessi e del mandato professionale dell'assistente sociale, si esprime ancora preoccupazione rispetto al fatto che, pur prevedendosi interventi che andranno fortemente ad incidere sulla metodologia e l'operatività del servizio sociale, non si è ritenuto di accogliere la disponibilità alla collaborazione e alla mediazione più volte manifestata da questo Ordine. Emblematico ci sembra il mancato

5 invito formale dell Ordine al recente Convegno organizzato dal Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria, su Una nuova politica della pena. Quale progetto per l esecuzione penale esterna. Eppure, in quella stessa sede, il Capo del DAP, Ettore Ferrara, ha affermato che le linee progettuali che l Amministrazione va sviluppando, prima di tradursi in fatti, devono opportunamente offrirsi alla riflessione comune per testarne la concreta validità. Queste ultime affermazioni del Capo del DAP Ferrara, unitamente alle sollecitazioni del Consigliere Turrini del 7 novembre 2007 rispetto alla necessità di un approfondimento congiunto sulla presa in carico dell affidato in prova, devono trovare una loro concretezza. Nonostante lo sforzo non si comprendono le ragioni e la determinata volontà di procedere a tale sperimentazione trascurando o eludendo la molteplicità dei problemi che affliggono il sistema penitenziario e che solo in parte sono stati evidenziati nella nota conclusiva della Conferenza UEPE di novembre. La rigidità riscontrata da parte del DAP è in controtendenza rispetto allo sforzo che si sta facendo per costruire un sistema decisionale democratico in cui concertazione, governance, corresponsabilità, integrazione di saperi costituiscono assi portanti. Esprimendo ancora fiducia rispetto alla possibilità di raggiungere un intesa tra le diverse posizioni, questo Consiglio Nazionale rinnova la sua disponibilità a collaborare anche per l individuazione di possibili percorsi e iniziative di ricerca e studio sull esperienze e sulle buone prassi del Servizio Sociale Penitenziario. f.to La Vicepresidente Franca Dente

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

CISL - FPS/PP Via Lancisi, 21 00161 ROMA RM

CISL - FPS/PP Via Lancisi, 21 00161 ROMA RM Roma, 6 settembre 2010 Prot. n. 02179 / 10 Al Sig. Ministro della Giustizia On. Avv. Angelino Alfano Via Arenula, 70 Al Capo del Dip.to Amm.ne Penitenziaria Dott. Franco Ionta 00164 ROMA RM Al Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione In data 12.11.2007 con nota n. 4054 (vedi allegato) la segreteria nazionale ha rappresentato al capo del DAP l involuzione che l istituto di Milano Opera ha subito a conseguenza dell apertura del reparto

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna.

Oggetto: Operatori del Corpo di polizia penitenziaria impiegati negli Uffici di esecuzione penale esterna. _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE Le città e l istituzione penitenziaria Lunedì, 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa Con il Patrocinio

Dettagli

N. 116 DEL 20.06.2005

N. 116 DEL 20.06.2005 N. 116 DEL 20.06.2005 ORDINE DEL GIORNO PER L ISTITUZIONE DEL GARANTE DEI DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTA PERSONALE -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Dirigente Generale - Provveditore Regionale

Dirigente Generale - Provveditore Regionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cantone Carmelo Data di nascita 24/12/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente Generale -

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. PROTOCOLLO D INTESA Tra Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria - Provveditorato Regionale di Bari Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Puglia Atteso

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

Tribunali di Sorveglianza e giurisprudenza in materia di concessione di misure alternative di Giovanni Torrente (Università di Torino)

Tribunali di Sorveglianza e giurisprudenza in materia di concessione di misure alternative di Giovanni Torrente (Università di Torino) Tribunali di Sorveglianza e giurisprudenza in materia di concessione di misure alternative di Giovanni Torrente (Università di Torino) Il presente studio si è occupato di analizzare la giurisprudenza di

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E.

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. Parma 17 ottobre 2014 UFFICI ESECUZIONE PENALE ESTERNA L UEPE ex Centro di Servizio

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa - Piazzetta di parte Guelfa Le città e l istituzione penitenziaria

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO Legge svuota carceri e doppia sospensione dell'esecuzione della pena detentiva: circolare della Procura di Milano (a margine del caso Sallusti) Procura della Repubblica di Milano, circolare del 6.12.2012

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria La Regione Toscana Il Presidente del Tribunale di Sorveglianza L Opera della Divina Provvidenza Madonnina del Grappa di Firenze

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Corso di formazione con attribuzione di crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna Ufficio del Giudice di Pace Via Francesco

Dettagli

copia n 353 del 29.11.2012

copia n 353 del 29.11.2012 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 353 del 29.11.2012 OGGETTO : PROGETTO PERCORSI DI LEGALITA AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO E DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI

Dettagli

Roma. a) la trasformazione in autonoma fattispecie di reato della circostanza attenuante del

Roma. a) la trasformazione in autonoma fattispecie di reato della circostanza attenuante del LETTERA CIRCOLARE Roma GDAP-0120333-2014 PU-GDAP-6000-31/03/2014-01 0333-2014 Visto e p.c. Ai Sigg. Provveditori Regionali Ai Sigg. Direttori degli Uffici di Esecuzione Penale Esterna Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

Presenza alle udienze e traduzioni: come conciliare l esigenza e quale nuovo modello organizzativo.

Presenza alle udienze e traduzioni: come conciliare l esigenza e quale nuovo modello organizzativo. Presenza alle udienze e traduzioni: come conciliare l esigenza e quale nuovo modello organizzativo. Relatore: Mario Piramide, Commissario di Polizia Penitenziaria Ho accettato di buon grado l invito che

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

CRO 11/04/2010 14.35.41 CARCERI: ALLARME SUICIDI, IN ITALIA 3 TENTATIVI AL GIORNO

CRO 11/04/2010 14.35.41 CARCERI: ALLARME SUICIDI, IN ITALIA 3 TENTATIVI AL GIORNO CRO 11/04/2010 14.35.41 GIORNO GIORNO DAL PRIMO GENNAIO SONO 19 I DETENUTI CHE SI SONO TOLTI LA VITA Roma, 11 apr. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Emergenza suicidi nelle carceri italiane. Ogni giorno,

Dettagli

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014 FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

L ordinamento penitenziario non prevede alcuna disciplina con riferimento alla

L ordinamento penitenziario non prevede alcuna disciplina con riferimento alla L ordinamento penitenziario non prevede alcuna disciplina con riferimento alla detenzione femminile: l unica previsione in esso contemplata è infatti quella contenuta nell art. 11, del servizio sanitario,

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B.

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B. TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B. ORDINAMENTO PENITENZIARIO BENEFICI PENITENZIARI MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE AFFIDAMENTO IN PROVA

Dettagli

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG

SEGRETERIA REGIONALE DELLA TOSCANA. Firenze, 4 dicembre 2008. Prot. 124/08/SR/SG Firenze, 4 dicembre 2008 Prot. 124/08/SR/SG Al Dott. Vincenzo Tedeschi Direttore della Casa Reclusione di San Gimignano (SI) E, p.c.: Alla Dr.ssa Maria Pia Giuffrida Provveditore Regionale della Toscana

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO (FR)

Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO (FR) INFORMAZIONI PERSONALI Nome CERSOSIMO NADIA Data di nascita 19/03/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO

Dettagli

Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09

Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09 Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09 ALLA DIREZIONE O.P.G. Oggetto: Servizio di ristorazione collettiva II.PP. di Reggio Emilia. Di seguito ad un sondaggio interno tra il personale di Polizia Penitenziaria

Dettagli

La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino

La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino 44 3 2011 CASA AMICA NOTTE E GIORNO La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino Maria Luisa Occhetti* Una sperimentazione di servizi a supporto della domiciliarità per anziani

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA UISP NAZIONALE

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA UISP NAZIONALE COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA UISP NAZIONALE Sport nelle carceri: favorire il reinserimento e difendere la salute Presentato oggi il protocollo d intesa regionale tra Prap e Uisp Partendo da una storia

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana -

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

ADN0122 5 CRO 0 RTD CRO NAZ Adnkronos suicidi 311207 CARCERI: SAPPE, EMERGENZA SUICIDI NELLA POLIZIA PENITENZIARIA = Roma, 31 dic. - (Adnkronos) - Assume aspetti estremamente preoccupanti il fenomeno dei

Dettagli

PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO IN FAVORE DELLA COLLETTIVITA

PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO IN FAVORE DELLA COLLETTIVITA CITTA DI REGGIO CALABRIA Ministero della Giustizia PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO IN FAVORE DELLA COLLETTIVITA TRA IL COMUNE DI REGGIO CALABRIA E LA CASA CIRCONDARIALE

Dettagli

FDG 19/08/2009 18.53.21 NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) Roma. "L'allarmante situazione

FDG 19/08/2009 18.53.21 NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) Roma. L'allarmante situazione FDG 19/08/2009 18.53.21 NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) Roma. "L'allarmante situazione delle carceri italiane sta determinando in molti istituti

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA 1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA AL PRESIDENTE CORTE D APPELLO CATANIA Oggetto: Relazione

Dettagli

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Direzione Generale per l attuazione dei provvedimenti giudiziari

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Direzione Generale per l attuazione dei provvedimenti giudiziari DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Direzione Generale per l attuazione dei provvedimenti giudiziari Conferenza Nazionale LA RIFORMA DELLA SANITA PENITENZIARIA La risposta del Piemonte Torino 28 e 29 gennaio

Dettagli

Fatte queste premesse di sfondo il Cnoas ritiene utile intervenire nel dibattito aperto dal ddl, a partire da alcuni snodi essenziali.

Fatte queste premesse di sfondo il Cnoas ritiene utile intervenire nel dibattito aperto dal ddl, a partire da alcuni snodi essenziali. "MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL TESTO UNICO IN MATERIA DI DISCIPLINA DEGLI STUPEFACENTI E SOSTANZE PSICOTROPE, PREVENZIONE, CURA E RIABILITAZIONE DEI RELATIVI STATI DI TOSSICODIPENDENZA, DI CUI AL DECRETO

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord

Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord SEGRETERIA PROVINCIALE NAPOLI e.p.c. Al Presidente della Giunta Regionale On. Stefano Caldoro Al Sub Commissario ad acta per l attuazione del Piano di Rientro Settore Sanitario Prof. Ettore Cinque Al Capo

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

GHETTI CHIARA 26/03/1951 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA VENEZIA, TREVISO E BELLUNO

GHETTI CHIARA 26/03/1951 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA VENEZIA, TREVISO E BELLUNO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale GHETTI CHIARA 26/03/1951 II Fascia MINISTERO DELLA

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI La presente pubblicazione non ha carattere di ufficialità Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 4 APRILE 2008 N

Dettagli

ANGELINA SPINAZZOLA VIA ALVANETA, 18 MIRABELLA ECLANO (AV) Telefono Cellulare 347.1268058 : Fax 0825.449279 E-mail s.angela2008@libero.

ANGELINA SPINAZZOLA VIA ALVANETA, 18 MIRABELLA ECLANO (AV) Telefono Cellulare 347.1268058 : Fax 0825.449279 E-mail s.angela2008@libero. Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo ANGELINA SPINAZZOLA VIA ALVANETA, 18 MIRABELLA ECLANO (AV) Telefono Cellulare 347.1268058 : Fax 0825.449279 E-mail s.angela2008@libero.it

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche ACCORDO tra la Regione Marche e il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche per favorire l inclusione socio-lavorativa di persone sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria.

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

Anzio il 20 febbraio 2015 Al Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Toscana FIRENZE. E per conoscenza,

Anzio il 20 febbraio 2015 Al Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Toscana FIRENZE. E per conoscenza, Anzio il 20 febbraio 2015 Al Provveditore dell Amministrazione Penitenziaria per la Toscana FIRENZE E per conoscenza, Al Vice Ministro della Giustizia On. Enrico COSTA ROMA Al Capo del Dipartimento dell

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 45 Adunanza 29 ottobre 2012 OGGETTO: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA CITTÀ DI TORINO, LA PROVINCIA DI TORINO, L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO,

Dettagli

CONVEGNO 16 NOVEMBRE 2015 VERCELLI. Relazione dell avv. Cosimo Palumbo sul tema l art. 21 della legge penitenziaria.

CONVEGNO 16 NOVEMBRE 2015 VERCELLI. Relazione dell avv. Cosimo Palumbo sul tema l art. 21 della legge penitenziaria. CONVEGNO 16 NOVEMBRE 2015 VERCELLI Relazione dell avv. Cosimo Palumbo sul tema l art. 21 della legge penitenziaria. Occorre premettere che l art. 27 della Costituzione parla della funzione rieducativa

Dettagli

RELATORE: Rossella Turco Direttore amministrativo del Tribunale di Rovereto

RELATORE: Rossella Turco Direttore amministrativo del Tribunale di Rovereto L esperienza del Tribunale e della Procura della Repubblica di Rovereto - Qualificazione dei servizi rivolti all utenza: qualità, sportelli e carte dei servizi - RELATORE: Rossella Turco Direttore amministrativo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarl Fabio Luca Renato Giancarl Marino Massimo Raffaele Floriano Ermanno Raffaele n. _112

Dettagli

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra Diritto.it Le misure alternative alla detenzione sono l'affidamento in prova ai servizi sociali, la detenzione domiciliare, le misure alternative

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA - N. 3 CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI - 2014 Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Educazione, Istruzione, Università

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 Autorità, Signore, Signori, il tema centrale di Forum

Dettagli

Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010)

Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010) Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 26 luglio

Dettagli

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA

MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA' - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA Coordinamento Regionale Triveneto Prot.n. 0108 /2012 Reg.vi Pres. Tamburino

Dettagli

Progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione della Cassa Ammende in data 23 marzo 2012

Progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione della Cassa Ammende in data 23 marzo 2012 Progetti approvati dal Consiglio di Amministrazione della Cassa Ammende in data 23 marzo 2012 Progetto - 2012/0001 Potenziamento della lavanderia formazione detenuti ed acquisto materiali Direzione Casa

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE. Tra

ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE. Tra ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE Tra COMUNE DI GALATINA Via Umberto I 40-73013 (LE) - Codice Fiscale: 80008170757 rappresentato dal dr. Cosimo MONTAGNA, sindaco pro

Dettagli

Dirigente - Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria

Dirigente - Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria INFORMAZIONI PERSONALI Nome Boccagna Emilia Data di nascita 04/07/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente penitenziario MINISTERO DELLA Dirigente - Provveditorato

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI MIGRANTI NELLE COMUNITA

LA PARTECIPAZIONE DEI MIGRANTI NELLE COMUNITA LA PARTECIPAZIONE DEI MIGRANTI NELLE COMUNITA E.Serrano Cittadinanza attiva diritto di voto e partecipazione I modi e le forme della partecipazione degli immigrati alla vita pubblica locale sono molto

Dettagli

Regione Sicilia. Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario

Regione Sicilia. Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario Regione Sicilia Garante per la Tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e per il loro reinserimento sociale Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA E CONFERENZA REGIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA DELEGAZIONE REGIONALE CARITAS

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXV - Numero 10 Roma, 31 maggio 2014 Pubblicato il 31 maggio 2014 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI P.D.G.

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA via A. di Sangiuliano, 365 95124 Catania - tel. 3488978553 - fax 0952933790 catania@uilpa.it Catania, li 03/04/2013 Prot.

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA PROGETTO COOPERATIVA GEMMA

RELAZIONE SINTETICA PROGETTO COOPERATIVA GEMMA RELAZIONE SINTETICA PROGETTO COOPERATIVA GEMMA CONTESTO SOCIO/ECONOMICO Nel territorio pratese si stimano oltre 3000 badanti munite per la maggior parte di permesso di soggiorno provenienti prevalentemente

Dettagli

CAMERA PENALE IRPINA

CAMERA PENALE IRPINA -r, ' ~ t> ~:("~"J -, 't

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013

PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013 PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013 SETTORE AMMINISTRATIVO FINANZIARIO RESPONSABILE: Salucci Roberta S. AMMINISTRAZIONE GENERALE CONTROLLI INTERNI: SCHEDE DI VALUTAZIONE per controllo successivo

Dettagli

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014 DoCumentazione IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA E CONFERENZA NAZIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA SULLO STATUTO E LE MODALITÀ D AZIONE DEL VOLONTARIATO IN AMBITO

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

L ufficio della direzione dei lavori. dott. ing. Antonino Ughettini

L ufficio della direzione dei lavori. dott. ing. Antonino Ughettini L ufficio della direzione dei lavori dott. ing. Antonino Ughettini La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento per la direzione,

Dettagli