SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI"

Transcript

1 COMUNE DI UDINE ENTE GESTORE SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE N. 4.5 DELL UDINESE PIANO DI ZONA 2013/2015 Allegato 1 SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI Denominazione: Servizio Sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale n. 4.5 dell Udinese Indirizzo: Sede legale: via Lionello, Udine Sede uffici tecnico-amministrativi: via Gorghi, Udine Recapito telefonico: Fax: Sito internet: Sedi territoriali Indirizzo Orario di apertura Udine 1ª Circoscrizione Via Chinotto, 1 Udine lunedì e venerdì Udine 2ª Circoscrizione Via Martignacco, 146 Udine lunedì e venerdì Udine 2ª Circoscrizione Zona San Rocco c/o sede 6ª Circoscrizione lunedì e venerdì Udine 3ª Circoscrizione Via Forze Armate, 42 Udine lunedì e venerdì Udine 4ª Circoscrizione Via Pradamano, 21 Udine lunedì e venerdì Udine 5ª Circoscrizione Via Veneto, 164 Udine lunedì e venerdì Udine 6ª Circoscrizione Via Santo Stefano, 5 Udine lunedì e venerdì Udine 7ª Circoscrizione Via Ermes di Colloredo, 22 Udine lunedì e venerdì Servizio Minori Via Gorghi, 16 II piano Udine Su appuntamento Centro Servizi Domiciliari territoriali Campoformido Via Ermes di Colloredo, 22 Udine Largo Municipio, 9 Campoformido lunedì-martedì-mercoledì-venerdì 7.00/15.00; giovedì 7.00/14.00; sabato 7.00/13.30 lunedì-venerdì /martedì Martignacco Via Delser, 33 Martignacco lunedì / mercoledì /giovedì Pagnacco Via del Buret, 8 Pagnacco lunedì e / venerdì SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI - AMBITO DISTRETTUALE N. 4.5 DELL UDINESE Sede legale: Udine - Via Lionello 1 tel fax C.F P. IVA Uffici tecnico-amministrativi: Udine - Via Gorghi 16 tel fax

2 Pasian di Prato Pavia di Udine Pozzuolo del Friuli Pradamano Tavagnacco Via Roma, 44 Pasian di Prato Piazza Julia, 1 Lauzacco di Pavia di Udine Via XX Settembre, 31 Pozzuolo del Friuli Piazza Chiesa, 3 Pradamano Piazza Indipendenza, 1 Feletto Umberto di Tavagnacco lunedì-mercoledì /giovedì lunedì /mercoledì-venerdì martedì /venerdì lunedì /martedì /venerdì lunedì /mercoledì-venerdì ELENCO DEI COMUNI ASSOCIATI NEL SSC N COMUNE 1 Campoformido 2 Martignacco 3 Pagnacco 4 Pasian di Prato 5 Pavia di Udine 6 Pozzuolo del Friuli 7 Pradamano 8 Tavagnacco 9 Udine RESPONSABILE DEL SSC Nominativo: dott.ssa Maria Teresa Agosti Titolo professionale: Dirigente In carica dal: 01/12/2002 Recapito telefonico: Fax: PRESIDENTE ASSEMBLEA DEI SINDACI DI AMBITO DISTRETTUALE Nominativo: dott. Nicola Turello 2

3 Comune di appartenenza: Pozzuolo del Friuli Indirizzo: Via XX Settembre, 31 Pozzuolo del Friuli Recapito telefonico: Fax: ENTE GESTORE DEL SSC Denominazione: Comune di Udine Indirizzo: Via Lionello, Udine Recapito telefonico: Fax: Sito internet: CONVENZIONE ISTITUTIVA DEL SSC Data stipula della convenzione: Convenzione istitutiva del Servizio Sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale n. 4.5 dell Udinese, sottoscritta il 22 novembre Durata della gestione associata: 5 anni Funzioni e servizi delegati: Cit. da Convenzione istitutiva del SSC Art. 3 Funzioni 1. Al Servizio Sociale dei Comuni sono attribuite le seguenti funzioni: a) programmazione locale degli interventi e servizi integrati; b) pianificazione, attraverso gli strumenti individuati dalla normativa regionale degli interventi e servizi integrati; c) erogazione dei Servizi Sociali nelle diverse aree di intervento del sistema integrato; d) controllo delle attività effettuate. Art. 4 Interventi, servizi e attività 1. Il Servizio Sociale dei Comuni garantisce la realizzazione e la gestione di quegli interventi, servizi e attività che la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia assegna all Ente Gestore, anche mediante l erogazione di finanziamenti pubblici. 2. Il Servizio Sociale dei Comuni realizza e gestisce in forma associata i seguenti servizi, interventi ed attività: a) a beneficio di tutte le aree di intervento del sistema integrato: 1. segretariato sociale; 2. servizio sociale professionale; 3

4 3. interventi di assistenza economica; 4. pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personali e famigliari; 5. servizio di inserimento sociale; 6. promozione e sostegno all istituto dell amministratore di sostegno; 7. progettualità inserite nel Piano di Zona; b) a beneficio dell area della non autosufficienza: 1. servizio di assistenza domiciliare e servizi integrativi; 2. tipologie di interventi previste dal Fondo per l autonomia possibile e per l assistenza a lungo termine; 3. sostegno a domicilio di persone in situazioni di bisogno assistenziale a elevatissima intensità; 4. progettualità inserite nel Piano di Zona; c) a beneficio dell area infanzia e adolescenza: 1. servizio socio educativo territoriale; 2. accoglienze presso comunità famigliari; 3. progettualità inserite nel Piano di Zona; d) a beneficio dell area famiglia: 1. abbattimento rette a carico delle famiglie per l accesso ai nidi di infanzia; 2. sostegno al mantenimento dei minori; 3. sostegno per adozioni internazionali; 4. sostegno per adozioni di minori italiani e stranieri di età superiore ai 12 anni o con handicap accertato ai sensi dell art.4 della Legge 5 febbraio 1992, n.104; 5. sostegno e promozione dell istituto giuridico dell affidamento familiare; 6. sostegno alle gestanti in difficoltà; 7. contributi a sostegno dei progetti promossi e gestiti direttamente da parte di famiglie; 8. progettualità inserite nel Piano di Zona; e) a beneficio dell area anziani: 1. soggiorni estivi per anziani parzialmente autosufficienti e non autosufficienti; f) a beneficio dell area delle disabilità: 1. trasporto collettivo dei disabili ai centri di riabilitazione; 2. servizio di inserimento lavorativo; 3. servizio di assistenza domiciliare a favore di minori con disabilità; 4. progettualità inserite nel Piano di Zona; g) a beneficio dell area della marginalità sociale; 1. tipologie di interventi previste dal fondo di solidarietà regionale; 2. progettualità inserite nel Piano di Zona. 3. Il Servizio Sociale dei Comuni gestisce le attività relative alla vigilanza e all accreditamento inerenti i servizi e le strutture a ciclo residenziale, semiresidenziale e diurno, pubbliche e private, che svolgono attività socioassistenziali, socioeducative e sociosanitarie. 4. Il Servizio Sociale dei Comuni può realizzare e gestire in forma associata anche gli interventi, servizi e attività di seguito elencati e non ricompresi nei commi precedenti del presente articolo. L Assemblea dei Sindaci di Ambito Distrettuale all unanimità decide, di norma in sede di programmazione annuale dell attività o eccezionalmente in corso d anno, quali interventi, servizi e attività di seguito elencati e non ricompresi nei commi precedenti del presente articolo vengono gestiti in forma associata definendone l avvio, la durata e le modalità di ripartizione dei costi sostenuti: a) assegno di maternità di base; b) attività motoria per aduli e per anziani; c) borse lavoro giovani; d) carta famiglia; e) centri estivi; f) contributi a sostegno delle locazioni; g) contributi per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici 4

5 privati; h) inserimento lavorativo adulti svantaggiati; i) inserimento preformativo, formativo e lavorativo adolescenti e giovani a rischio; j) interventi di promozione della qualità del tempo per le famiglie; k) interventi per assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori; l) interventi per la fornitura di sussidi didattici speciali agli ipovedenti; m) interventi per minori stranieri non accompagnati (inserimenti in convitti a fini formativi); n) interventi regionali in materia di corregionali all estero e rimpatriati; o) prestiti sull onore; p) servizi di supporto alle famiglie per conciliare i tempi di lavoro e di cura; q) servizi socio assistenziali semiresidenziali e residenziali per anziani; r) servizio di trasporto individuale disabili; s) servizio rilascio dichiarazione I.S.E.E.; t) soggiorni estivi per anziani autosufficienti; u) interventi di animazione sul territorio; v) interventi socio educativi per disabili sensoriali; w) nuovi ulteriori interventi previsti dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ed attribuiti alla competenza dei Comuni ed afferenti al settore salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali o al servizio politiche per la famiglia e lo sviluppo dei servizi socio-educativi. DOTAZIONE ORGANICA AGGIUNTIVA (deliberazione dell Assemblea dei Sindaci di Ambito Distrettuale n.5/2010 del 10/02/2010) Profilo professionale Numero personale Inquadramento contrattuale Dirigente amministrativo contabile Funzionario amministrativo contabile 1 Dirigenti 3 Cat. D Assistente sociale 39 Cat. D Istruttore amministrativo contabile Collaboratore amministrativo contabile 13 Cat. C 2 Cat. B Collaboratore Tecnico dei Servizi 3 Cat. B Collaboratore Tecnico 1 Cat. B Assistente Domiciliare 22 Cat. B Totale 84 STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SSC 5

6 Il Servizio Sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale n. 4.5 dell Udinese fa capo ad un Dirigente Responsabile. La struttura organizzativa del Servizio Sociale dei Comuni si articola in macro e micro strutture. La macro struttura rappresenta l articolazione delle posizioni che fanno parte del primo livello dell organizzazione ed il sistema di relazioni che le caratterizza. La macro struttura del Servizio Sociale dei Comuni si articola in Aree. La micro struttura del Servizio Sociale dei Comuni si può articolare in unità funzionali ed uffici che costituiscono il secondo livello dell organizzazione ed il sistema di relazioni che li caratterizza. Il modello organizzativo del Servizio Sociale dei Comuni è definito nell Allegato 1 al presente documento. Le Aree sono strutture organizzative che si caratterizzano per rilevante complessità e omogeneità funzionale in riferimento ai servizi forniti, alle competenze richieste, alla tipologia della domanda servita. Sono dotate di autonomia nella gestione operativa diretta per il raggiungimento dei risultati assegnati. I responsabili di Area vengono denominati di norma Coordinatori. I Coordinatori di Area rispondono al Responsabile del Servizio Sociale dei Comuni dei risultati conseguiti rispetto agli obiettivi assegnati alle aree di competenza. Le Unità Funzionali e gli Uffici sono unità organizzative di media complessità che gestiscono processi operativi e attività. Sono dotati di autonomia operativa, caratterizzati da servizi chiaramente identificabili, istituiti all interno di unità organizzative di maggiori dimensioni. Le Unità Funzionali possono coincidere con gruppi di progetto, caratterizzati da un campo di intervento specifico e da una precisa tipologia di destinatari. Le Unità Funzionali possono essere articolazioni delle Aree. L Ufficio di Direzione e Programmazione (Ufficio di Staff) è composto da: Dirigente Responsabile del Servizio Sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale n. 4.5 dell Udinese; Direttore U. Org. Amministrativa; Coordinatore dell Area Infanzia, Adolescenza e Famiglia; Coordinatore dell Area Adulti e Anziani. All Ufficio di Direzione e Programmazione possono partecipare, a seconda delle tematiche affrontate, sia componenti esterni che componenti interni inseriti nella dotazione organica aggiuntiva. SISTEMI INFORMATIVI IN USO 6

7 A) Comunicazione interna: Cartella sociale informatizzata; Intranos; Ascotweb; Office; Inps servizi on line: ISEE e certificati medici; Comunicazioni cartacee. B) Comunicazione esterna: Sito internet; Casella istituzionale di posta elettronica; Albo pretorio; Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture; Osservatorio regionale per gli appalti; Istat; Sportello unico previdenziale; Comunicazioni cartacee. AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI DI RIFERIMENTO Denominazione: Azienda per i Servizi Sanitari n 4 Medio Friuli Indirizzo: Via Pozzuolo, Udine Recapito telefonico: Fax: Sito internet: Direttore generale: dr. Giorgio Ros Recapito telefonico: Fax: Coordinatore sociosanitario: dr.ssa Federica Rolli Recapito telefonico: Fax: Distretto di riferimento: Udine Indirizzo: Via San Valentino, 18 Recapito telefonico:

8 Fax: Direttore di distretto: dott.ssa Gianna Zamaro Recapito telefonico: Fax: CENTRI PER L IMPIEGO DI RIFERIMENTO Denominazione: CENTRO PER L IMPEGO DI UDINE, CLUSTER FRIULI CENTRALE Comuni afferenti: Basiliano, Campoformido, Castions di Strada, Lestizza, Martignacco, Mereto di Tomba, Mortegliano, Pagnacco, Pasian di Prato, Pavia di Udine, Povoletto, Pozzuolo del Friuli, Pradamano, Reana del Roiale, Remanzacco, Talmassons, Tavagnacco, Udine. Responsabile: Pier Luigi Careddu Indirizzo: viale Duodo, Udine Recapito telefonico: Fax: Sito internet: INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA - Protocollo d intesa per la disciplina dei casi di dimissioni difficili: Azienda per i Servizi Sanitari n.4 Medio Friuli, Azienda Ospedaliera-Universitaria; - Protocollo d intesa per la disciplina dei rapporti relativi all attuazione dell intervento di sostegno alle gestanti in difficoltà di cui all art.8 della Legge Regionale 7 luglio 2006, n.11: Consultorio Familiare dell Azienda per i Servizi Sanitari n.4 Medio Friuli ; - Approvazione del documento Servizio Socio-Educativo Territoriale: Linee Guida e modalità operative per l attivazione e la realizzazione degli interventi socio-educativi all interno del contesto scolastico ; - Iter procedimentale relativo al Fondo per l autonomia possibile e l assistenza a lungo termine dei progetti personalizzati successivi al primo ed in continuità con lo stesso; - Iter procedimentale relativo all art.8 del Regolamento di cui al Fondo per l autonomia possibile e l assistenza a lungo termine. 8

9 COORDINAMENTO INTERISTITUZIONALE - Protocollo d intesa per gli affidi dei minori (altri soggetti istituzionali da definire); - Protocollo d intesa per la presa in carico integrata delle persone senza fissa dimora e/o in situazioni di grave marginalità: Azienda per i Servizi Sanitari n.4 Medio Friuli, Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Udine, Gorizia e Pordenone (in 8.4); - Protocollo d intesa per la definizione di percorsi di reinserimento ed inclusione sociale a beneficio di persone adulte detenute, in esecuzione penale esterna ed ex condannate: Azienda per i Servizi Sanitari n.4 Medio Friuli, Ministero della Giustizia Casa circondariale di Udine, Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Udine, Gorizia e Pordenone, Provincia di Udine (in 8.4); - Protocollo d intesa per l integrazione scolastica dei minori (altri soggetti istituzionali da definire); - Convenzione per la realizzazione dei progetti personalizzati propedeutici all integrazione lavorativa, tirocinio di formazione in situazione/conoscenza e tirocinio di formazione in situazione/costruzione di compatibilità, ed i progetti per l inserimento socio-lavorativo delle persone disabili: Consorzio per l assistenza medico-psicopedagogica (in 8.4). 9

Pordenone Via S. Quirino, 5 Servizio Amministrativo:

Pordenone Via S. Quirino, 5 Servizio Amministrativo: Allegato 1. SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI Denominazione: Servizio sociale dei Comuni dell Ambito 6.5 di Pordenone Indirizzo: Via S. Quirino, 5 Pordenone Recapito telefonico: 0434 392611

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

ALLEGATO N. 8 PIANO DI ZONA 2013-2015. Scheda anagrafica del Servizio sociale dei comuni

ALLEGATO N. 8 PIANO DI ZONA 2013-2015. Scheda anagrafica del Servizio sociale dei comuni ALLEGATO N. 8 PIANO DI ZONA 2013-2015 Scheda anagrafica del Servizio sociale dei comuni Azzano Decimo Dicembre 2012 Scheda anagrafica del Servizio sociale dei comuni Denominazione: Servizio sociale dei

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 61 62 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi Sono lieto di presentare ai cittadini di Udine la Carta della Qualità dei Servizi offerti dal Comune di Udine. Per ogni servizio specifico, la Carta della Qualità dei Servizi fissa le caratteristiche e

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

Dati del richiedente: La/Il sottoscritta/o cognome nome nata/o a il codice fiscale residente a in Via/Piazza n. CAP provincia (sigla) telefono cell.

Dati del richiedente: La/Il sottoscritta/o cognome nome nata/o a il codice fiscale residente a in Via/Piazza n. CAP provincia (sigla) telefono cell. Al Comune di Udine Ente Gestore Servizio Sociale dei Comuni Ambito Distrettuale N. 4.5 dell Udinese Via Gorghi, 16 33100 U D I N E Oggetto: Domanda di contributo per l abbattimento delle rette per la frequenza

Dettagli

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani COMUNE DI ALLUMIERE Servizi Sociali CHE COSA E LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI ALLUMIERE La presente carta dei servizi sociali vuole essere uno strumento per i cittadini per conoscere gli elementi

Dettagli

CURE DOMICILIARI SANITARIE

CURE DOMICILIARI SANITARIE PICCOLA GUIDA ALLE CURE DOMICILIARI SANITARIE NEI DISTRETTI SANITARI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI. AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI n. 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 Udine

Dettagli

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE Sintesi dei dati 26 IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE S i n t e s i d e i d a t

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE 7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 Il Programma Attuativo Annuale declina per l anno 2013 le azioni di sistema e le azioni previste per le aree di intervento. In ogni scheda sono stati delineati il

Dettagli

COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI, EDUCATIVE E CULTURALI

COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI, EDUCATIVE E CULTURALI COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI, EDUCATIVE E CULTURALI U.O. IMMIGRAZIONE, ABITARE SOCIALE E PROMOZIONE DEI DIRITTI DI CITTADINANZA U.S. ABITARE SOCIALE BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI

Dettagli

Il Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale

Il Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 "ALTO FRIULI" SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE N. 3.1 GEMONESE, CANAL DEL FERRO,

Dettagli

9. CITTÀ SOLIDALE 169

9. CITTÀ SOLIDALE 169 169 9. CITTÀ SOLIDALE 170 16.000.000,00 Programma "Città solidale" Spesa corrente suddivisa per progetto Anni 2009-2013 14.000.000,00 12.000.000,00 10.000.000,00 8.000.000,00 6.000.000,00 2009 2010 2011

Dettagli

CONVENZIONE ISTITUTIVA DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELL HINTERLAND UDINESE

CONVENZIONE ISTITUTIVA DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELL HINTERLAND UDINESE CONVENZIONE ISTITUTIVA DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELL HINTERLAND UDINESE Parti contraenti: La Biblioteca Civica Vincenzo Joppi di Udine, Centro sistema bibliotecario dell hinterland udinese, rappresentata

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 74 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Convenzione tra l'azienda per L'Assistenza

Dettagli

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI CARTA DEI SERVIZI II SETTORE SOCIO-CULTURALE Anziani Minori Disabili Casa Donne Inclusione sociale IL COMUNE

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Allegato 1 PDZ- SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI

Allegato 1 PDZ- SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI Allegato 1 PDZ- SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI Denominazione: Servizio sociale Comuni Ambito distrettuale EST 6.2 Indirizzo:Via Falcon Vial, 12 Recapito telefonico: 0434/80416; 0434/875759

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI Affari Generali e Controlli interni 1) affari generali: a. gestione amministrativa di tutto il personale della Direzione Centrale, sulla base delle attestazioni

Dettagli

Relazione finale attività 2011-2012 - 2013

Relazione finale attività 2011-2012 - 2013 Relazione finale attività 2011-2012 - 2013 Ambito distrettuale 4.4 - Codroipo Servizio Sociale dei Comuni A.S.P. Daniele Moro Basiliano - Bertiolo - Camino al Tagliamento - Castions di Strada - Codroipo

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE TRAMITE L AUsl 5 Pisa DELLE ATTIVITA E DEI SERVIZI SOCIALI E SOCIO-SANITARI

CONVENZIONE PER LA GESTIONE TRAMITE L AUsl 5 Pisa DELLE ATTIVITA E DEI SERVIZI SOCIALI E SOCIO-SANITARI CONVENZIONE PER LA GESTIONE TRAMITE L AUsl 5 Pisa DELLE ATTIVITA E DEI SERVIZI SOCIALI E SOCIO-SANITARI INTEGRATI - L.R. N. 41 del 24.02.2005 e s.m.i. Legge N. 328 DEL 08.11.2000.--------------------------------------

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Sportello amico_garanzia Giovani ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Assistenza (Riferita alla tutela dei diritti sociali e ai servizi alla persona)

Dettagli

Distretto Socio-Sanitario 2

Distretto Socio-Sanitario 2 Carta dei Servizi Sociali Distretto Socio-Sanitario 2 Anno 2012 UNIONE DEGLI ASSESSORATI ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE DEL LAVORO COMUNE DI SANTO STEFANO QUISQUINA S. STEFANO QUISQUINA 91 Ufficio Servizi

Dettagli

CONVEGNO. INFODAY GUADAGNARE SALUTE 2011 Rendere più facili le scelte salutari con politiche integrate

CONVEGNO. INFODAY GUADAGNARE SALUTE 2011 Rendere più facili le scelte salutari con politiche integrate CONVEGNO INFODAY GUADAGNARE SALUTE 2011 Rendere più facili le scelte salutari con politiche integrate Udine, 27 settembre 2011 Il ruolo dei Comuni per la promozione della salute e la riduzione delle disuguaglianze

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Entrata in vigore. Art. 2

Entrata in vigore. Art. 2 Regolamento per la determinazione dei criteri di riparto, della misura, delle modalità e dei criteri per la concessione dei benefici da destinare al sostegno delle famiglie per adozioni e affidamento familiare

Dettagli

PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE

PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE 133 134 PROGETTO 9.0 GESTIONE ORDINARIA SERVIZI SOCIALI ATTIVITA ISTITUZIONALE In linea con le iniziative già realizzate negli ultimi anni, si intende continuare a gestire

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO Rep. Gen. n. 16 del 17/01/2014 COMUNE DI ROSSANO VENETO Piazza G. Marconi, 4-36028 ROSSANO VENETO (Vicenza) C.F. 00261630248 - tel. 0424 547117-118-110- fax 0424/84935 e-mail: personale@comune.rossano.vi.it

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Caltabiano Maria Francesca Numero civico, strada o piazza, codice postale, città, paese 34, Contrà

Dettagli

Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 4.4

Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 4.4 IL PIANO DI ZONA 2013-2015 Ambito distrettuale 4.4 Il Piano Attuativo Annuale 2013 Basiliano - Bertiolo - Camino al Tagliamento - Castions di Strada - Codroipo Lestizza - Mereto di Tomba - Mortegliano

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AMBITO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AMBITO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 735 D ORD. DELLA GIUNTA COMUNALE DEL 18.11.2003 Comune di Udine ENTE GESTORE DELL AMBITO SOCIO-ASSISTENZIALE N. 4.5 DELL UDINESE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015 Avviso rivolto ai soggetti istituzionali, del Terzo settore e alle agenzie di spettacolo e culturali, con esperienza almeno biennale maturata nel Friuli Venezia Giulia nel settore penitenziario della devianza

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 SCHEDA N. 6 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

- il Piano di Zona 2012-2014 dell Ambito Distrettuale n. 4 Valle Trompia;

- il Piano di Zona 2012-2014 dell Ambito Distrettuale n. 4 Valle Trompia; ALLEGATO A BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER FINALIZZATI A SOSTENERE LE FAMIGLIE NELLA FRUIZIONE DI SERVIZI ESTIVI A FAVORE DI MINORI DI ETA COMPRESA TRA GLI 0 E I 13 ANNI; PERIODO GIUGNO LUGLIO 2014

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTE BASSO PAVESE BANDO

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTE BASSO PAVESE BANDO UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE BASSO PAVESE PROVINCIA DI PAVIA Via Garibaldi 64, 27011 Belgioioso (PV) P. IVA 02352680181 ENTE GESTORE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA (LEGGE 8.11.2000, N. 328) PIANO

Dettagli

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006:

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006: DIVERSAMENTE ABILI L inserimento del disabile è un indice di misura della nostra civiltà, segnala quanta accoglienza sociale il singolo cittadino può aspettarsi, quando si riduce il suo indice di normalità.

Dettagli

Domanda di finanziamento. in qualità di legale rappresentante del Coordinamento Istituzionale dell Ambito Territoriale

Domanda di finanziamento. in qualità di legale rappresentante del Coordinamento Istituzionale dell Ambito Territoriale ALLEGATO B Spett. Regione Puglia Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Assessorato al Welfare Servizio Benessere delle Persone e Qualità Sociale Ufficio

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI AREA Processi Tipologia di N. tot dei N. per i quali non sono stati rispettati gli standard procedimentali/

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo REPERTORIO GENERALE N.72 DEL 27/01/2014 DETERMINAZIONE N.48 DEL 27/01/2014 Oggetto: Approvazione avviso per la concessione del Bonus Socio Sanitario a nuclei

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 07 del 01.03.2007 MODIFICATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 06 del 09.03.2010 con deliberazione

Dettagli

BANDO DISTRETTUALE 2012 LEGGE 162/98

BANDO DISTRETTUALE 2012 LEGGE 162/98 L Ambito Distrettuale di ASOLA, con verbale della Assemblea dei Sindaci in data 26/11/2012, ratificato con Deliberazione di Giunta Comunale dell ente capofila n.192 del 26.11.2012 DISPONE BANDO DISTRETTUALE

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Servizio: ASSISTENZA SOCIALE

Servizio: ASSISTENZA SOCIALE UNITA ORGANIZZATIVA COMPETENTE: SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Servizio: ASSISTENZA SOCIALE N. PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Organo competente di conclusione 1 Assegnazione contributo agli anziani per partecipazione

Dettagli

Gestione Associata dei Servizi Sociali TRASFERIMENTO SERVIZI FUNZIONE SERVIZI SOCIALI. - Relazione Tecnica -

Gestione Associata dei Servizi Sociali TRASFERIMENTO SERVIZI FUNZIONE SERVIZI SOCIALI. - Relazione Tecnica - TRASFERIMENTO - Relazione Tecnica - I servizi oggetto della funzione fondamentale dei servizi sociali Ai sensi art. 58 della Legge regionale 27 dicembre 2011, n. 68 Norme sul sistema delle autonomie locali,

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 2 L assistenza sociale e le principali prestazioni assistenziali Sommario 1. La riforma dell assistenza sociale operata dalla L. 8 novembre 2000, n. 328. 2. Il sistema integrato di interventi

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2015 SCHEDE INTEGRATE

PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2015 SCHEDE INTEGRATE PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 205 SCHEDE INTEGRATE Il programma attuativo per le macro azioni integrate relativo all anno 205 adotta in modo condiviso con il Distretto sanitario e l una struttura descrittiva

Dettagli

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Per una corretta compilazione si consiglia di Consultare la "Guida alla compilazione del questionario" Per informazioni telefonare

Dettagli

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZI SOCIALI I Servizi Sociali del comune di Pontoglio riuniscono una serie articolata di servizi ed interventi, coordinati tra loro, rivolti ai cittadini residenti, di ogni età, con particolare riferimento

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Al Comune di UDINE U.O. Servizi per la prima infanzia Viale Ungheria 15 33100 Udine Data di presentazione prot. n. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ di Servizio RICREATIVO Il/La sottoscritto/a

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRO DIURNO SOCIO-ASSISTENZIALE Di cosa si tratta E un servizio semiresidenziale nel quale sono previste attività socio-assistenziali e di supporto al servizio

Dettagli