IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE."

Transcript

1 IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE. CONSIDERAZIONI GENERALI Quello che segue è un esempio di applicazione del bilancio SA8000 ad un caso aziendale astratto. E redatto solamente a fini dimostrativi e di studio e propone la esposizione di indicatori principali e secondari per evidenziare il rispetto della gestione aziendale dei requisiti della norma SA8000, il loro scostamento rispetto a riconosciuti valori medi di riferimento (benchmark) e il raggiungimento degli obiettivi che l azienda definisce per ciascun requisito della norma nell ottica del miglioramento continuo. La descrizione degli indicatori è introdotta dall illustrazione della politica di responsabilità sociale dell azienda e delle fasi principali di pianificazione e implementazione del sistema di gestione di responsabilità sociale. Nella compilazione degli indici negli anni 2000, 2001 e 2002, si è immaginato che l azienda svolga una generica attività di trasformazione, in Italia, e abbia ottenuto la certificazione SA8000 nel settembre E necessario tenere presenti i limiti che possono derivare da una rappresentazione così volutamente generale. La scelta degli indicatori deve essere comunque operata in relazione alla natura dell organizzazione e delle sue caratteristiche peculiari, al settore di attività in cui opera, alle sue dimensioni e capacità organizzative; a tale proposito è importante utilizzare gli indicatori che evidenzino, nella maniera più diretta e chiara possibile, i risultati derivanti dall approccio 1 utilizzato. Laddove possibile e significativo è sempre consigliabile evidenziare i trend, gli obiettivi prefissati, ed i benchmark (per meglio apprezzare l eventuale gap positivo o negativo delle performance effettive nel tempo). E auspicabile anche allegare al presente documento una sintetica presentazione dell azienda al fine di una più ampia e più efficace interpretazione dei contenuti. 1 Insieme delle attività che l organizzazione individua e mette in atto per gestire la conformità a i requisiti e l efficace funzionamento complessivo del sistema di responsabilità sociale. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 1

2 Obiettivi e Metodologia Il bilancio SA8000 deve rispondere al bisogno di informazione e trasparenza espresso dagli stakeholder relativamente alle prestazioni derivanti dall applicazione dello standard; a tal fine con esso l organizzazione si propone di: far conoscere ai vari portatori di interessi la politica di responsabilità sociale dell azienda; favorire la conoscenza e la comprensione da parte di tutti gli stakeholder degli impegni reali dell azienda certificata conformemente allo standard SA8000; fornire al management aziendale uno strumento utile per il riesame interno della politica di responsabilità sociale e la verifica del raggiungimento degli obiettivi aziendali; evidenziare il miglioramento continuo della gestione aziendale attraverso i trend degli indicatori adottati. La logica di base del presente documento prevede che per ciascun requisito della norma SA8000 sia condotta una valutazione d insieme che tenga conto dell approccio adottato, dei risultati conseguiti, e del confronto di tali risultati con valori medi di riferimento di settore e con gli obiettivi interni aziendali. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 2

3 La politica aziendale per la responsabilità sociale. L azienda si è dotata di un sistema di gestione della responsabilità sociale conforme alla norma SA8000:2001, certificato nel settembre Ha conseguito la certificazione dopo quasi due anni dal momento in cui la direzione aziendale, credendo nell importanza di vedere riconosciuta e certificata la propria responsabilità sociale, ha iniziato il percorso di adeguamento allo standard SA8000, coinvolgendo i lavoratori e altre parti interessate nella creazione del nuovo sistema di gestione. Con l adozione del suddetto sistema, l azienda si impegna a rispettare tutti i requisiti di responsabilità sociale previsti dallo standard SA8000:2001, le leggi nazionali vigenti e applicabili al proprio settore di attività e alla propria realtà operativa e le disposizioni degli strumenti internazionali espressamente richiamati dallo standard. Si impegna inoltre a considerare il miglioramento continuo quale principio guida delle attività di programmazione e di gestione aziendale relative ai requisiti della norma SA8000:2001. Nella fase di pianificazione del sistema, particolare attenzione è stata dedicata al coinvolgimento dei principali stakeholder, affinché potessero partecipare attivamente alla realizzazione del sistema di responsabilità sociale, insieme alla proprietà e alla direzione aziendale. I lavoratori dell azienda: il loro coinvolgimento, e la loro partecipazione all implementazione del sistema, è stato reso possibile grazie a numerosi momenti di informazione, sensibilizzazione e formazione organizzati durante l orario di lavoro e dedicati alla descrizione della norma SA8000, dei suoi requisiti e della sua portata pratica nella vita aziendale. La comprensione dell importanza dell adozione di un sistema di responsabilità sociale è stata facilitata dalla distribuzione di materiale informativo chiaro e comprensibile. I sindacati: la sensibilizzazione dei rappresentanti sindacali dei lavoratori sui temi della responsabilità sociale e in particolare della norma SA8000 ha suscitato l interesse delle organizzazioni sindacali di appartenenza, che hanno sostenuto il processo di adeguamento allo standard dell azienda e diffuso in altre realtà l importanza dell adozione di un sistema di responsabilità sociale. L associazione locale ALFABETA: la necessità e l interesse di salvaguardare i diritti e i bisogni del ragazzo quattordicenne presente nell organico aziendale nel 2000 ha portato al coinvolgimento di questa associazione locale, nota per le sue campagne di sensibilizzazione contro il lavoro infantile. La sua partecipazione si è rivelata preziosa nella definizione dei piani di rimedio a tutela dei bambini lavoratori. Citiamo inoltre due altre categorie di parti interessate che l organizzazione ritiene strategiche nella applicazione dello standard SA8000: Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 3

4 I clienti/consumatori: l attenzione che l azienda riserva ai bisogni dei suoi clienti si è concretizzata nell impegno al rispetto della risorsa umana nel ciclo produttivo, valore a cui il mercato riconosce sempre maggiore importanza. Le istituzioni: l organizzazione afferma il proprio impegno a svolgere la propria attività nell ottica del superamento della mera conformità legislativa, e individua nella pubblica amministrazione una parte interessata privilegiata nello svolgimento del proprio ruolo economico e sociale. Durante la fase di pianificazione del sistema sono stati definiti i ruoli delle persone aventi l autorità necessaria a svolgere le attività previste dalla norma SA8000:2001 nell organigramma aziendale. I lavoratori hanno eletto i propri rappresentanti SA8000 affinché mediassero fra le esigenze di tutti i lavoratori e quelle della direzione aziendale. Quest ultima poi ha nominato il proprio rappresentante SA8000, con il compito di assicurare il rispetto dei requisiti della norma. L implementazione del sistema di responsabilità sociale è così continuata, caratterizzandosi per i seguenti momenti: Adeguamento allo standard rispetto ai requisiti SA8000: Lavoro infantile: nell organizzazione aziendale sono impiegati solo lavoratori che abbiano compiuto 15 anni e non siano soggetti all obbligo scolastico. L azienda non utilizza e non ammette l utilizzo di lavoro infantile. - Lavoro obbligato: tutte le persone che l azienda impiega prestano il loro lavoro volontariamente. - Salute e sicurezza: la sicurezza è posta con forza al centro dell attività aziendale, al fine di garantire un luogo di lavoro sicuro e salubre ai lavoratori o a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali. Risorse adeguate sono allocate affinché sia favorita la prevenzione di incidenti o altre cause di pericolo. - Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva: sono rispettate la libertà di ciascun lavoratore di formare o aderire a sindacati di sua scelta e il diritto alla contrattazione collettiva. - Discriminazione: sono garantite pari opportunità alle persone che lavorano in azienda e non è ammessa alcuna forma di discriminazione. - Procedure disciplinari: è in vigore un codice disciplinare che descrive le pratiche disciplinari esistenti e che si propongono, nel rispetto dell integrità personale, di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori. - Orario di lavoro: la settimana lavorativa ordinaria è di 40 ore, in linea con quanto previsto nei Contratti Collettivi Nazionali. Il lavoro straordinario è effettuato solo in circostanze economiche eccezionali di breve periodo. - Retribuzione: ciascun lavoratore riceve una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del proprio lavoro ed è in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un esistenza dignitosa. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 4

5 Predisposizione di un piano di controllo fornitori/subappaltatori e subfornitori: sono definite e implementate procedure per la selezione dei fornitori sulla base della loro capacità di soddisfare i requisiti dello standard. Definizione delle modalità di realizzazione del riesame interno, quale strumento della direzione per verificare periodicamente l efficacia del sistema implementato ai requisiti della norma, valutarne l adeguatezza e l appropriatezza. Adozione di un piano di comunicazione esterna per rendere noto alle parti interessate regolarmente i dati relativi alla performance aziendale riguardanti i requisiti della norma. Comunicazione ai lavoratori della possibilità, da parte di ciascuno di loro, di presentare reclamo all organismo di certificazione, nel caso venissero rilevate azioni o comportamenti dell azienda non conformi alla norma SA8000. Il presente bilancio SA8000 è redatto proprio per rispondere ai requisiti sistemici di riesame della direzione e di comunicazione esterna, ed è frutto della partecipazione delle parti sociali all implementazione del sistema di responsabilità sociale. E sottoscritto infatti non solo dai legali rappresentanti dell azienda, ma anche dai rappresentanti sindacali dei lavoratori e dai loro rappresentanti SA8000. Come evidenziato nelle pagine che seguono, fornisce informazioni qualitative e quantitative che evidenziano il rispetto dei singoli requisiti alla norma nel tempo e li confronta con obiettivi interni e con valori medi esterni di riferimento (benchmark). Oltre a fornire alla direzione aziendale uno strumento utile per il riesame interno, facilita quindi la conoscenza dei vari portatori d interesse della politica aziendale per la responsabilità sociale e, in particolare, della natura degli impegni reali che l azienda ha assunto, certificando il proprio sistema in conformità allo standard SA8000. Marzo 2002 Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 5

6 1. Lavoro infantile. OBIETTIVO 2002: Mantenimento del supporto di iniziative locali di sensibilizzazione contro il lavoro infantile. Introduzione. L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Appropriati piani di rimedio sono adottati per garantire il supporto dei bambini che si dovessero trovare in situazioni che ricadono nella definizione di lavoro infantile. Tali piani forniscono sostegno principalmente alla frequenza scolastica dei bambini e prevedono che non vengano esposti a situazioni pericolose, insicure o nocive alla salute o tali da pregiudicare il loro sviluppo armonico. Al fine di favorire l acquisizione di professionalità specifiche e in collaborazione con il locale istituto tecnico industriale, l azienda offre annualmente alcuni stage a ragazzi/e che, non sono più bambini ma non ancora maggiorenni. Nel lavoro in cui sono impiegati, i giovani lavoratori non sono esposti a situazioni pericolose, insicure o nocive alla loro salute. Composizione dell organico La composizione dell organico è mutata nel tempo, se si considerano le fasce d età più giovani. COMPOSIZIONE ORGANICO AZIENDALE PER FASCE D'ETA' numero addetti anno fino a 14 anni oltre 60 anni Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 6

7 A fronte di una concentrazione prevalente di addetti fra i 33 e i 50 anni, il numero dei lavoratori più giovani (fino a 18 anni) è diminuita nel tempo, mentre è aumentato in modo sensibile il numero dei lavoratori di età fra i 19 e i 32 anni nel Durante quest ultimo anno infatti sono stati assunti 4 nuovi lavoratori, di cui 2 per far fronte ad accresciute esigenze produttive, 2 in sostituzione di figure esistenti ma venute meno a causa del raggiungimento dell età pensionabile di un operaio e delle dimissioni di un impiegato. Bambini lavoratori. Nel 2000 era presente nell organico aziendale un ragazzo di 14 anni, assunto a causa delle condizioni di ristrettezze economiche della sua famiglia. Riconoscendo le necessità economiche della famiglia, ma volendo altresì tutelare i bisogni del ragazzo, che la normativa italiana ed internazionale vigenti in materia di lavoro definisce bambino, è stato adottato un piano di rimedio, con la collaborazione dell associazione Alfabeta, nota per le sue campagne di sensibilizzazione contro il lavoro infantile. Il piano di rimedio così definito ha permesso al ragazzo di ottemperare l obbligo scolastico e di contribuire al bilancio familiare; ha inoltre previsto l assunzione del fratello maggiorenne con contratto di formazione lavoro. Compatibilmente con l orario scolastico, il ragazzo è stato assegnato all ufficio acquisti dove ha lavorato per 3 ore il giorno, 2 giorni la settimana, fino al compimento del quindicesimo anno d età e al termine dell obbligo scolastico. Successivamente è stato assunto con contratto di formazione lavoro. L attenzione alle problematiche del lavoro infantile si è anche concretizzata, nel 2001 e 2002, in un azione di supporto all associazione locale ALFABETA, contribuendo al finanziamento di un programma di difesa dei bambini lavoratori. Giovani lavoratori. Nel rispetto delle normative nazionali e internazionali vigenti, l azienda ha sempre sostenuto l importanza del lavoro come modalità di crescita e sviluppo personale, oltre che professionale e di acquisizione di capacità tecniche. Ha quindi sempre cercato di avvicinare i giovani al mondo aziendale, offrendo stage e contratti di apprendistato, che hanno favorito l acquisizione di professionalità specifiche e il loro inserimento nel mondo del lavoro. Le funzioni aziendali in cui i giovani lavoratori sono stati inseriti sono l ufficio acquisti e l ufficio vendite. IMPIEGO DEI GIOVANI LAVORATORI NELLE FUNZIONI AZIENDALI anno numero giovani lavoratori Le mansioni attribuite non hanno mai esposto i giovani lavoratori a situazioni nocive o pericolose che potessero mettere in pericolo il loro sviluppo psico-fisico armonico ufficio acquisti ufficio vendite Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 7

8 L orario di lavoro previsto inoltre ha sempre tenuto conto dell eventuale obbligo scolastico dei giovani. E il caso di un giovane lavoratore nel 2001, addetto all ufficio vendite, che ha lavorato in azienda 3 ore al giorno, 4 giorni la settimana per 6 mesi. OBIETTIVO Sensibilizzazione della comunità locale sulle tematiche relative ai diritti dei minori AZIONE Supporto e sponsorizzazione di iniziative ludico-educative che UNICEF ha programmato in regione a favore dei bambini in situazioni difficili RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Contributo aziendale: Euro Entro Novembre Rappresentante SA8000 per la Direzione N. presenze partecipanti Fondi raccolti per mezzo delle iniziative Superare le 2000 presenze giornaliere Raccogliere fondi per 5000 Euro Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 8

9 2. Lavoro Obbligato. OBIETTIVO 2001: approfondimento della conoscenza della percezione dei lavoratori della volontarietà del loro impiego e del clima aziendale, attraverso la realizzazione di un indagine di clima interno. Introduzione. Tutte le persone che l azienda impiega prestano il loro lavoro volontariamente. L azienda non ammette che il lavoro prestato dalle persone che impiega sia ottenuto dietro minaccia di una qualsiasi penale. Per assicurare la piena volontarietà di qualsiasi prestazione, l azienda si impegna a garantire che tutti i lavoratori siano pienamente consapevoli dei diritti e doveri derivanti dal loro contratto di lavoro. Depositi. Nessun lavoratore ha mai lasciato in deposito in azienda denaro o copie originali di documenti. Guida all impiego. Dal 2001 tutti i lavoratori ricevono, e firmano per accettazione, una guida all impiego che descrive le caratteristiche del contratto da loro firmato. I nuovi assunti ricevono tale copia al momento della firma del contratto. I lavoratori assunti precedentemente hanno ricevuto tale guida nel Sono stati organizzati, per questi ultimi, momenti di informazione e formazione. Anticipi stipendio. L azienda non ha mai concesso prestiti ai propri dipendenti, poiché questo non rientra nella mission aziendale. Può tuttavia concedere, quando richiesto dai lavoratori, anticipi sugli stipendi fino ad un massimo del 60% dell ammontare dovuto. L ammontare dell anticipo concesso è evidenziato in busta paga. PROSPETTO ANTICIPI STIPENDIO CONCESSI ANNO N. BENEFICIARI AMMONTARE MEDIO (euro) Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 9

10 Indagine di clima interno. Al fine di approfondire la conoscenza della percezione dei lavoratori della volontarietà del loro lavoro, nel 2002 è stata affidata ad una società di consulenza specializzata la realizzazione di un indagine di clima interno. L indagine, finalizzata ad evidenziare aspetti del clima aziendale legati anche alla percezione dell appropriatezza delle pratiche disciplinari in vigore e della sicurezza nei luoghi di lavoro, è stata realizzata attraverso la compilazione di un questionario ad hoc distribuito ai lavoratori con le buste paga e raccolto attraverso apposite cassette poste accanto agli spogliatoi. La raccolta dei questionari compilati è terminata alla fine del L analisi dei risultati e l adozione delle misure ritenute opportune verrà quindi effettuata nel. OBIETTIVO Miglioramento del clima aziendale e dei rapporti personali e professionali all interno di tutta l organizzazione in termini di soddisfazione e motivazione dei dipendenti AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Predisposizione ed adozione del piano di miglioramento del clima aziendale concordato con i lavoratori, e sulla base dei risultati dell indagine svolta Gruppo di lavoro incaricato di raccogliere ed analizzare i dati dell indagine Entro Giugno Rappresentante SA8000 per la Direzione N. ritardi N.assenze Tasso di soddisfazione del personale (percentuale di questionari sul clima interno che contengono un giudizio complessivo sull organizzazione superiore a 6/10) Riduzione del 10% del numero dei ritardi e delle assenze ingiustificate registrati nel secondo semestre del Tasso di soddisfazione del personale>75 % dei questionari compilati Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 10

11 3. Salute e Sicurezza. OBIETTIVO 2002: approfondimento della conoscenza della percezione dei lavoratori della sicurezza sui luoghi di lavoro e sull appropriatezza dei piani di formazione predisposti. Introduzione. La questione della sicurezza è stata posta con forza al centro dell attenzione dell attività di organizzazione del lavoro, al fine di garantire ai lavoratori e a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali un luogo di lavoro sicuro e salubre. Iniziative e misure diverse sono state adottate per prevenire incidenti, danni alla salute e altre cause di pericolo. Le principali: - i rappresentanti sindacali dei lavoratori sono stati coinvolti in molte fasi della gestione della sicurezza (monitoraggio dei rischi, identificazione delle misure, formazione del personale); - è stato nominato un responsabile della salute e sicurezza dei lavoratori; - è stato realizzato un piano di ristrutturazione e ammodernamento delle strutture aziendali ed è costante il monitoraggio sul funzionamento di impianti e macchine, per verificare costantemente l idoneità e la sicurezza dei macchinari e degli impianti, oltre alle emissioni di sostanze nocive e rumori molesti; - responsabilità, procedure, istruzioni operative per il supporto e l indirizzo dei comportamenti individuali sono state formalizzate in un manuale di procedura interna, condiviso con i lavoratori; - è stato definito un piano di evacuazione e antincendio; - è stato elaborato un piano di sorveglianza sanitaria per ciascun dipendente che prevede un protocollo di base di accertamenti sanitari (esami strumentali e di laboratorio) per singola mansione; - ogni anno vengono organizzati momenti di formazione per tutti i lavoratori su temi di salute e sicurezza. Infortuni e malattie nei luoghi di lavoro. Grazie ad una strategia tesa alla salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori, e di chiunque venga coinvolto nelle attività aziendali, e della riduzione dei rischi di incidente, si è registrato un sostanziale miglioramento nel tempo degli indici relativi a infortuni e malattie. Sono diminuiti sia la frequenza relativa e i rapporti di gravità che il numero degli infortuni, avvicinandosi ai valori medi di settore 2. 2 Frequenza Relativa (*1000 addetti): eventi lesivi indennizzati / numero degli esposti; Rapporto di Gravità (* addetto): conseguenze degli eventi lesivi indennizzati (espresse in giornate perdute) / numero degli esposti. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 11

12 FREQUENZE RELATIVE E RAPPORTI DI GRAVITA DEGLI INFORTUNI ANNO FREQUENZA RAPPORTO DI FREQUENZA RAPPORTO DI RELATIVA GRAVITA RELATIVA (*) GRAVITA (*) EFF.VA ATTESA EFF.VA ATTESA ,91 7,21 7,00 4, ,91 5,40 5,80 4, ,91 3,81 4,00 4, ,91 3,70 4,81 (*) valori medi di riferimento fonte: INAIL indice di gravità GRAVITA' INFORTUNI anno Gravità Gravità attesa Valore INAIL Trend gravità frequenza relativa FREQUENZA INFORTUNI anno Frequenza Frequenza attesa Valore INAIL Si è ridotto anche il numero di ore perse per infortunio e la percentuale di queste ultime sulle ore totali di lavoro perse (per motivi personali e/o di salute). ORE PERSE PER INFORTUNIO ANNO NUMERO ORE PERSE % sul totale ore perse Cause d infortunio. Sono le linee di produzione i luoghi dove, nell azienda, accadono gli infortuni essendo, per tipologia di cause, legati alla tipica attività aziendale di produzione. Le cause di infortunio sono principalmente le lesioni traumatiche (scivolate, sforzi eccessivi, inciampi), i traumi legati agli occhi (nonostante le attività di Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 12

13 sensibilizzazione svolte in azienda e i dispositivi di protezione individuale distribuiti), la caduta o movimento di oggetti mobili. CAUSE DI INFORTUNIO Tipologia Percentuale sul totale infortuni Lesioni traumatiche Traumi legati agli occhi Caduta o movimento oggetti mobili Incidenti stradali totale 100% 100% 100% Malattie professionali. L incidenza delle malattie professionali è limitata e si scosta, per numero e per tipologia, dalle malattie professionali tipiche del settore. Non sono mai stati infatti rilevati casi di patologie a carico dell apparato scheletrico, mentre, a causa delle scarse condizioni di sicurezza e di salubrità negli stabilimenti aziendali degli scorsi decenni, si sono verificati un caso di patologia a carico dell apparato uditivo e uno a carico di quello respiratorio. Attività di prevenzione e formazione. Il miglioramento degli indici di salute e sicurezza è strettamente legato alle attività di prevenzione e di sensibilizzazione, all organizzazione di corsi di formazione e all acquisto, e distribuzione, di dispositivi di protezione individuali. TEMI OGGETTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE Numero No. Ore Numero No. Ore Numero No. Ore partecipanti Totali partecipanti Totali partecipanti Totali Sicurezza degli impianti Dispositivi di protezione individuali Pronto soccorso Antincendio - Emergenze Le attività di formazione e prevenzione sono state definite in collaborazione con i rappresentanti sindacali dei lavoratori. Ogni anno vengono organizzati corsi di formazione interna in materia di salute e sicurezza, cui partecipa la quasi totalità dei lavoratori. Nel 2002 inoltre è stato organizzato un corso di pronto soccorso di 25 ore, in collaborazione con la sezione locale della Croce Rossa. Tutti i dipendenti aziendali impiegati nelle linee di produzione sono stati dotati di appositi dispositivi di protezione individuali, il cui costo medio sostenuto dall azienda è cresciuto notevolmente nell arco di tre anni (da 50 euro nel 2000 a 125 euro nel 2002). Salute e sicurezza nelle aree aziendali non produttive. L attenzione dell azienda in materia salute e sicurezza non si esaurisce nelle aree produttive, ma si estende alle aree aziendali non produttive, di cui è assicurata sicurezza e pulizia (spogliatoi, aree destinate alle attività del dopo-lavoro e ad attività ricreative). Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 13

14 Percezione della sicurezza nei luoghi di lavoro. Al fine di approfondire la conoscenza della percezione dei lavoratori della sicurezza nei luoghi di lavoro, nel 2002 è stata affidata ad una società di consulenza specializzata la realizzazione di un indagine interna. L indagine, finalizzata ad evidenziare aspetti del clima aziendale legati anche alla percezione dell appropriatezza delle pratiche disciplinari in vigore e della volontarietà del lavoro, è stata realizzata attraverso la compilazione di un questionario ad hoc distribuito ai lavoratori con le buste paga e raccolto attraverso apposite cassette poste accanto agli spogliatoi. La raccolta dei questionari compilati è terminata alla fine del L analisi dei risultati e l adozione delle misure ritenute opportune verrà quindi effettuata nel primo semestre del. OBIETTIVO Diminuzione della frequenza relativa di accadimento degli infortuni AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Predisposizione ed adozione del piano di miglioramento della sicurezza concordato con i lavoratori, e sulla base dei risultati dell indagine svolta Gruppo di lavoro incaricato di raccogliere ed analizzare i dati dell indagine; risorse economiche necessarie ad attuare adeguamenti previsti dal piano: Euro Entro Giugno Rappresentante Servizio Prevenzione e Protezione Indice di frequenza relativa degli infortuni Indice di frequenza relativa degli infortuni<40,91 Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 14

15 4. Libertà di Associazione e Diritto alla Contrattazione Collettiva. OBIETTIVO 2002: creazione di un comitato tecnico paritetico (azienda rappresentanti sindacali) per affrontare in via preventiva tematiche oggetto di possibili negoziazioni ed individuare percorsi risolutivi. Introduzione. L azienda rispetta il diritto di tutto il personale di formare e aderire ai sindacati di loro scelta e il diritto dei lavoratori alla contrattazione collettiva. Esistono dei rappresentanti sindacali eletti dai lavoratori che non sono soggetti ad alcun tipo di discriminazione e che comunicano liberamente con i lavoratori nei luoghi di lavoro. Spazi aziendali appositi sono stati adibiti alle comunicazioni sindacali ed utilizzati per lo svolgimento delle riunioni sindacali che i rappresentanti dei lavoratori convocano almeno una volta l anno. Nel rispetto delle distinte responsabilità, l attenzione al dialogo con le organizzazioni sindacali ha favorito l affermarsi di una mentalità orientata alla risoluzione dei problemi attraverso il coinvolgimento delle parti. Tipologia dei contratti aziendali. Dal 2001 tutti i contratti di lavoro sono conclusi richiamando i contratti collettivi di categoria. I contratti esistenti sono stati nuovamente redatti nel rispetto delle disposizioni dei contratti collettivi di categoria, assicurando in questo modo una maggiore uniformazione della tipologia di contratti di lavoro utilizzati in azienda. TIPOLOGIA DEI CONTRATTI DI LAVORO anno numero contratti numero contratti conclusi richiamando contratti collettivi numero contratti conclusi non richiamando contratti collettivi Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 15

16 La fase di adeguamento della tipologia contrattuale è stata affrontata in collaborazione con le organizzazioni sindacali con cui sono stati concordati trattamenti integrativi migliorativi rispetto alle norme dei contratti collettivi nazionali che riguardano aspetti economici e normativi del rapporto di lavoro (orario di lavoro, inquadramento professionale, tutela dei diritti all informazione). Lavoratori e sindacati. La presa di coscienza che ha portato i lavoratori a godere concretamente della loro libertà di associazione e di esercitare attivamente il loro diritto alla contrattazione collettiva si è anche tradotta nella progressiva sindacalizzazione dell organico aziendale. LAVORATORI ISCRITTI AD UN SINDACATO % lavoratori % lavoratori iscritti ad un sindacato anno E infatti aumentato nel tempo il numero dei lavoratori iscritti ad un sindacato e sono stati eletti, nel 2000, i primi rappresentanti sindacali: Sindacato X: P. Verdi; Sindacato Y: G. Gialli; Sindacato Z: P. Rosa. Grazie all elezione dei rappresentanti sindacali, si è rafforzato in azienda un clima di collaborazione costruttiva che si è tradotto in una riduzione drastica del numero dei contenziosi e delle ore di sciopero. CONTENZIOSI IN AZIENDA ANNO Numero Contenziosi Motivazioni Mancata retribuzione degli straordinari - Discriminazione - Condizioni di lavoro inadeguate Mancata retribuzione degli straordinari Mancata retribuzione degli straordinari ORE PERSE PER SCIOPERO ANNO No. ORE PERSE % SUL TOTALE ORE PERSE Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 16

17 A testimonianza del clima collaborativo che si è creato in azienda, va segnalata la creazione, nel 2002, di un comitato paritetico azienda- rappresentanti sindacali per affrontare in via preventiva le tematiche oggetto della negoziazione ed individuare percorsi risolutivi. Il comitato, formato dal rappresentante SA8000 della direzione e del responsabile delle risorse umane e dai rappresentanti SA8000 dei lavoratori (questi ultimi indicati per elezione dai lavoratori a ricoprire tale ruolo) si è incontrato più volte per affrontare la revisione del sistema premiante aziendale. OBIETTIVO Miglioramento del clima aziendale e dei rapporti personali e professionali all interno di tutta l organizzazione AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Predisposizione ed adozione del piano di miglioramento del clima aziendale concordato con i lavoratori, e sulla base dei risultati dell indagine svolta; Nuova indagine sul clima aziendale Gruppo di lavoro incaricato di raccogliere ed analizzare i dati dell indagine Entro Marzo Responsabile Amministrazione Tasso di soddisfazione del personale (percentuale di questionari sul clima interno che contengono un giudizio complessivo sull organizzazione superiore a 6/10) Tasso di soddisfazione del personale>75 % dei questionari compilati Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 17

18 5. Discriminazione. OBIETTIVO 2002: aumento del 30% della presenza femminile in azienda. Introduzione. L azienda garantisce pari opportunità a tutte le persone che vi lavorano e non ammette alcuna forma di discriminazione. Nuovo personale è assunto sulla base di parametri oggettivi in termini di formazione, esperienze e abilità in relazione alle funzioni da ricoprire. Il lavoro è remunerato secondo le indicazioni contenute nei Contratti Collettivi Nazionali del settore di appartenenza e negli accordi integrativi concordati a livello aziendale con le organizzazioni sindacali. Le stesse fonti normative disciplinano promozioni, licenziamenti e pensionamenti. L accesso alla formazione è garantito tenendo conto delle necessità aziendali. Per tutti i lavoratori, indipendentemente dalle mansioni loro attribuite, sono organizzati corsi di formazione sui temi salute e sicurezza e responsabilità sociale. Non vi è alcuna interferenza con la libertà di ciascun lavoratore di seguire i propri principi. L integrità dei lavoratori è salvaguardata e non sono ammessi comportamenti offensivi della loro sfera personale. La presenza femminile in azienda. In un area geografica dove la percentuale delle donne lavoratrici è una delle più basse d Italia, anche in azienda la presenza femminile è limitata. Composizione Organico 60 n. dipendenti uomini donne uomini (v.a.) donne (v.a.) % di donne nella popolazione locale % donne nella popolazione locale trend n. donne anno (Fonte dei dati sulla popolazione locale: ufficio di Statistica del Comune dove l azienda ha sede) Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 18

19 La percentuale di donne nell organico aziendale è in percentuale inferiore a quello di composizione della popolazione locale (pari a 35%). E aumentata sensibilmente nel 2002, quando sono state assunte quattro donne, ad evidenza della nuova consapevolezza aziendale sull importanza del coinvolgimento nelle attività lavorative anche di donne, a parità di professionalità. DISTRIBUZIONE LAVORATORI PER CATEGORIA PROFESSIONALE anno DISTRIBUZIONE LAVORATRICI PER CATEGORIA PROFESSIONALE anno operai impiegati quadri dirigenti operai impiegati quadri dirigenti numero addetti numero addette La presenza delle donne nell organico si concentra nelle categorie quadri e impiegati, dove negli ultimi tre anni è aumentata in termini sia assoluti che percentuali. Manca tuttavia a livello dirigenziale. Negli ultimi anni è cresciuta in azienda la sensibilità nei confronti della tematica della discriminazione delle donne. Inoltre, dopo i contenziosi sorti nel 1999 e risolti nel 2000 causati dalla minore remunerazione delle donne rispetto agli uomini a parità di lavoro, è aumentata anche la trasparenza nelle procedure di assunzione di nuovo personale, di accesso alla formazione e di promozione. La necessità, per le donne lavoratrici, di conciliare il lavoro in azienda con gli impegni familiari (il 95% delle collaboratrici appartiene alla fascia d età compresa fra i 33 e i 40 anni) ha indotto l azienda a cercare un equilibrio sotto entrambi i profili ed è aumentato, in conseguenza, il numero di permessi familiari concessi (solo 1 nel 2000, 5 nel 2001 e 12 nel 2002). Lavoratori stranieri in azienda. % LAVORATORI STRANIERI NELL'ORGANICO AZIENDALE anno lavoratori stranieri La presenza di lavoratori stranieri è aumentata negli ultimi tre anni, sia in termini assoluti, che in termini percentuali. Il rispetto delle abitudini culturali e religiose dei lavoratori stranieri si è tradotto nella concessione di permessi religiosi (nel giorni in Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 19

20 totale, 20 nel 2002) e nella traduzione di materiale informativo (salute e sicurezza, contratti collettivi e individuali, prospetti paghe) in arabo e hindi per i lavoratori di origine magrebina e indiana. A tutela, per chiunque sia oggetto di discriminazione, del diritto di difendersi e denunciare la discriminazione subita, nel 2000 è stato infine introdotto un meccanismo per la presentazione di reclami anonimi che ha favorito il miglioramento del clima aziendale. Fino ad ora non è stato avanzato alcun reclamo in relazione al requisito Discriminazione. OBIETTIVO Aumentare la presenza femminile nella categoria professionale Quadri AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Creazione di canali di comunicazione con Enti di formazione post-laurea Entro Aprile Responsabile Risorse Umane N. di donne appartenenti alla categoria professionale Quadri Aumento del 100% della presenza femminile nella categoria professionale Quadri OBIETTIVO 2004 Aumento della presenza femminile in azienda AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Creazione di un asilo aziendale per favorire la conciliazione fra lavoro e famiglia delle donne lavoratrici Entro Settembre 2004 Responsabile Risorse Umane Presenza % femminile in azienda Aumento di 10 punti percentuali del tasso di presenza femminile in azienda Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 20

21 6. Pratiche Disciplinari OBIETTIVO 2002: approfondimento della conoscenza della percezione dei lavoratori dell adeguatezza delle pratiche disciplinari vigenti, attraverso la realizzazione di un indagine di clima interno. Introduzione. Esiste un codice disciplinare in vigore in azienda dal 1998, affisso alla bacheca destinata alle comunicazioni interne, che descrive le pratiche disciplinari esistenti e si propone di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori. Il ricorso alle varie pratiche descritte è sempre stato molto limitato, a dimostrazione dell effettivo clima di rispetto esistente. NUMERO PRATICHE DISCIPLINARI APPLICATE Ammonizione scritta Multe Sospensione dal lavoro Licenziamento Reclami. Il numero di reclami per abusi fisici, verbali o di carattere sessuale da azienda a lavoratore o fra lavoratori (reclami che possono essere presentati in modo anonimo) è altrettanto insignificante. L unico reclamo presentato nei tre ultimi anni risale al 2000 ed è dovuto ad un abuso verbale commesso ai danni di un operaia, che si è poi tradotto nell ammonizione scritta dell abusante. Indagine di clima interno. Al fine di approfondire la conoscenza della percezione dei lavoratori sull appropriatezza delle pratiche disciplinari esistenti, nel 2002 è stata affidata ad una società di consulenza specializzata la realizzazione di un indagine di clima interno. L indagine è stata realizzata attraverso la compilazione di un questionario ad hoc distribuito ai lavoratori con le buste paga e raccolto attraverso le apposite cassette poste accanto agli spogliatoi. La raccolta dei questionari compilati è terminata alla fine del L analisi dei risultati e l adozione delle misure ritenute opportune verrà quindi effettuata nel. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 21

22 OBIETTIVO Miglioramento del clima aziendale e dei rapporti personali e professionali all interno di tutta l organizzazione AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Revisione delle pratiche disciplinari nel rispetto dei risultati emersi dall indagine effettuata; Nuova indagine sul clima aziendale Gruppo di lavoro incaricato di raccogliere ed analizzare i dati dell indagine Entro Giugno Rappresentante SA8000 per i Lavoratori Tasso di soddisfazione del personale (percentuale di questionari sul clima interno che contengono un giudizio complessivo sull organizzazione superiore a 6/10) Tasso di soddisfazione del personale>75 % dei questionari compilati Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 22

23 7. Orario di lavoro. OBIETTIVO 2002: riduzione del 30% delle ore di lavoro straordinario (totali e per addetto). Introduzione. L orario lavorativo ordinario è dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30, dalle 13,30 alle 17,30: la durata dell attività lavorativa è fissata in 40 ore settimanali ed è determinata dalla norme dei contratti collettivi nazionali del settore. Eventuali modifiche della distribuzione delle ore nell arco della settimane sono concordate con i lavoratori, così come la pianificazione delle ferie, dei congedi e dei permessi. Il lavoro straordinario è effettuato solo in occasione di circostanze economiche eccezionali e di breve durata che non possono essere fronteggiate con l assunzione di nuovo personale. E sempre concordato dal responsabile delle risorse umane con il singolo lavoratore e non supera mai i limiti definiti dal contratto collettivo nazionale. In linea con quanto stabilito dagli accordi integrativi concordati con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, il lavoro straordinario è remunerato il 35% in più rispetto a quello ordinario, migliorando quindi quanto previsto nei contratti collettivi nazionali. Andamento ore lavorate. ANDAMENTO ORE LAVORATE (ANNO 2000 = 100) anno % +5.70% +1.51% +3.23% lavoro ordinario lavoro straordinario 90,00 95,00 100,00 105,00 110,00 % Considerando l andamento delle ore lavorate, si nota l aumento delle ore di lavoro ordinario, e la diminuzione di quelle di lavoro straordinario, principalmente per la diminuzione dei giorni persi per malattia ed infortunio e l assunzione di nuovo personale. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 23

24 Inoltre, il successivo aumento delle ore di straordinario, concentrate nell ultimo periodo del 2001, ha evidenziato la necessità di procedere all aumento dell organico e alla modifica dei sistemi di produzione. anno NUMERO ORE LAVORATE PER ADDETTO lavoro ordinario lavoro straordinario numero ore In seguito all aumento delle attività aziendali, è stato deciso il rinnovamento delle linee produttive. Oltre a ridurre il numero delle ore di lavoro straordinario, l ammodernamento ha aumentato la produttività del lavoro, avvicinando i valori aziendali a quelli medi di settore. INDICATORI DI PRODUTTIVITA' DEL LAVORO fatturato pro-capite (euro) fatturato procapite fatturato procapite medio di settore anno (Fonte dati sul fatturato medio delle aziende del settore: Ministero delle Attività Produttive) Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 24

25 OBIETTIVO 2004 Riduzione ulteriore del numero di ore di lavoro straordinario AZIONE Riorganizzazione delle attività aziendali RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Entro Dicembre Responsabile Produzione N.ore straordinario lavorate per addetto Riduzione del 20% del n.ore straordina rio lavorate per addetto rispetto al dato del 2002 Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 25

26 8. Retribuzione. OBIETTIVO 2002: concessione di benefit aziendali, attraverso la conclusione di una convenzione con due istituti di credito locali al fine di garantire ai dipendenti condizioni privilegiate di servizio e accesso al credito. Introduzione. L azienda corrisponde ai lavoratori una retribuzione superiore ai minimi definiti nel Contratto Collettivo di settore, così come previsto negli accordi integrativi concordati con le forze sindacali. Le retribuzioni così percepite sono in grado quindi di soddisfare i bisogni fondamentali dei lavoratori e di fornire loro un qualche guadagno discrezionale. I prospetti che accompagnano le buste paga indicano le varie voci che compongono il compenso e sono tradotte in lingua straniera per i lavoratori non italiani. Non viene attuata alcuna trattenuta a scopo disciplinare. Tipologia delle forme contrattuali. Le forme contrattuali utilizzate in azienda sono: - contratto a tempo indeterminato; - contratto a tempo determinato; - contratto di formazione lavoro. TIPOLOGIA FORME DI CONTRATTI DI LAVORO anno contratti a tempo indeterminato contratti a tempo determinato contratti formazione lavoro % 50% 100% % Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 26

27 Il contratto di lavoro a tempo indeterminato è la forma contrattuale più utilizzata in azienda, mentre è limitato il ricorso al contratto a tempo determinato (la cui durata media è un anno). Al fine di garantire l acquisizione da parte del lavoratore giovane delle competenze tecniche necessarie, il numero dei contratti di formazione lavoro conclusi è aumentato nell arco dei tre anni. La durata media è inferiore ai 6 mesi. Allo scadere del periodo di formazione-lavoro, è stato fino ad ora sempre possibile garantire ai lavoratori giovani un inserimento nell organico aziendale. Retribuzioni. Le retribuzioni medie pagate ai dipendenti sono in linea con quanto previsto dai contratti nazionali e sono ben superiori, sebbene in misura diversa a seconda della funzione svolta, alla soglia di povertà prevista a livello nazionale e sono in grado quindi di soddisfare le necessità fondamentali dei lavoratori e di garantire una parte di reddito aggiuntiva per fini discrezionali. RETRIBUZIONI MEDIE PER GRUPPO PROFESSIONALE retribuzione media (euro) dirigenti quadri impiegati operai soglia di povertà anno (Fonte dei dati sulla soglia di povertà: ISTAT) Ad integrare le retribuzioni corrisposte ai lavoratori, nel 2002 si è aggiunto un benefit aziendale. Nel febbraio 2002 è stata infatti definita la convenzione con due istituti di credito locali che garantiscono di fatto ai lavoratori dell azienda condizioni privilegiate di servizio e di accesso al credito. Premi di produzione. Secondo la politica che l azienda ha sempre seguito, sono previsti premi di produzione al raggiungimento degli obiettivi di produzione definiti annualmente dalla direzione aziendale. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 27

28 Nel 2001, tutti i lavoratori delle linee di produzione A e B hanno ricevuto premi di produzione pari a un intera mensilità netta. OBIETTIVO Mantenimento del potere di acquisto dei salari più bassi della categoria operai Miglioramento della percezione del sistema premiante aziendale da parte del personale AZIONE RISORSE TEMPO RESPONSABILE INDICATORE TARGET Definizione e adozione di un sistema retributivo e di un sistema premiante che coinvolga tutto il personale e tenga conto delle caratteristiche tecnicoorganizzative delle risorse coinvolte Comitato paritetico aziendarappresentanti sindacali Entro Marzo Entro Dicembre Responsabile Amministrazione Responsabile Amministrazione Retribuzione media operai / Living Wage 3 Tasso di soddisfazione del personale relativamente alla sezione sistema retributivo del questionario Retribuzione media operai / Living Wage =1,5 Tasso di soddisfazione del personale>75 % dei questionari compilati 3 LW determinato secondo la formula presentata nella Definitve Guide to the New Social Standard SA8000 del direttore europeo del SAI Deborah Leipziger. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 28

29 9. Sistema di Gestione. OBIETTIVO 2002: conseguimento della certificazione SA8000:2001. Introduzione. L azienda si è dotata di un sistema di gestione della responsabilità sociale conforme alla norma SA8000:2001, certificato nel settembre Ha conseguito la certificazione dopo quasi due anni dal momento in cui la direzione aziendale, credendo nell importanza di vedere riconosciuta e certificata la propria responsabilità sociale, ha iniziato il percorso di adeguamento allo standard SA8000, coinvolgendo i lavoratori e altre parti interessate nella creazione del nuovo sistema di gestione. Il dialogo con le parti interessate. I lavoratori dell azienda, i sindacati, i clienti/consumatori, le istituzioni e l associazione Alfabeta sono stati individuati quali parti interessate più vicine all azienda e più direttamente coinvolti nella vita aziendale. La loro partecipazione nella fase di adeguamento allo standard, nella pianificazione e nell implementazione del sistema di gestione di responsabilità sociale si è rivelata fondamentale ed è stata facilitata dal dottor S. Nero, designato dalla direzione quale suo rappresentante SA8000 per assicurare il rispetto della norma. I lavoratori hanno compreso velocemente l importanza pratica della norma nella vita aziendale, grazie anche ai momenti di formazione, sensibilizzazione e informazione organizzate durante l orario di lavoro. ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE SU SA8000 ANNO NUMERO PARTECIPANTI NUMERO ORE TOTALI Le posizioni e gli interessi dei lavoratori sono stati difesi dai rappresentanti SA8000, eletti nel giugno Il signor P. Verdi e la signora G. Gialli hanno infatti svolto un prezioso ruolo di mediazione fra le esigenze dei lavoratori e della direzione aziendale. I sindacati hanno sostenuto il processo di adeguamento allo standard e diffuso in altre realtà aziendali l importanza dell adozione di un sistema di gestione di responsabilità sociale. L associazione locale Alfabeta, nota per il suo impegno nella lotta contro il lavoro infantile, ha ben accolto l opportunità di definire, insieme alla dirigenza aziendale, un piano di rimedio in supporto dei bisogni e dei diritti del bambino lavoratore presente in azienda e di definire misure di supporto per eventuali futuri casi di lavoro infantile. Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 29

30 Controllo fornitori/subappaltatori e subfornitori. Nel processo di adeguamento allo standard SA8000, è stata posta particolare attenzione alla capacità dei fornitori/subappaltatori e subfornitori di rispondere ai requisiti della norma, non solo perché richiesto espressamente dalla norma, ma per la possibilità concreta, coinvolgendo attori a monte della filiera produttiva di estendere il rispetto di principi fondamentali riconosciuti a livello internazionale. LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA DEI FORNITORI anno regione altre regioni Italiane Europa e Nord America numero fornitori La difficoltà nel ricevere informazioni perfettamente attendibili sulla politica di responsabilità sociale direttamente dai fornitori, ha indotto l azienda a cercare dati sulla loro conformità ai requisiti della norma da fonti informative diverse al fine di avere una mappatura completa delle criticità dei propri fornitori. La predisposizione dei dossier informativi sui fornitori ha comportato l invio di una grande quantità di richieste di informazioni a tutta una serie di organizzazioni più o meno direttamente coinvolte nella gestione di problematiche relative alle condizioni ed ai diritti dei lavoratori. Su un totale di 750 richieste di informazioni ben 615 hanno ricevuto una risposta e la loro ripartizione in base al tipo di organizzazione che le ha diffuse è presentata nel grafico successivo: TIPOLOGIA FONTI INFORMATIVE ong 13% 24% sindacati 31% 32% camere di commercio associazioni di categoria Il bilancio SA8000: un esempio di applicazione - 30

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

Bilancio SA8000:2008

Bilancio SA8000:2008 Bilancio SA8000:2008 2010 30 luglio 2011 Il Presidente Fabio Pini Bilancio Sociale SA 8000:2008 anno 2009 Pagina 1 Indice Leggi di Riferimento per la Cooperativa pag. 03 Requisiti della norma SA8000 Lavoro

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

Documento di registrazione

Documento di registrazione /allegato B 1 / 5 Il giorno 29 aprile 2013 si è tenuta la prima visita di sorveglianza da parte dell Organismo di Certificazione ABS Quality Evaluations e sono emersi i seguenti suggerimenti: a) 3.4 -

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Indicatori Etici SA 8000

Indicatori Etici SA 8000 Da anni la Ditta Giuntoli G&G si occupa della produzione di ghiaccioli, granite e gelato artigianale. L'azienda produce una vasta gamma di prodotti tutti relativi alla gelateria e sorbetteria: ghiaccioli,

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 05.10.2012 DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. via Dosso, 43 PORTO VIRO (RO) Pagina 1 di 13 Politica Etico - Sociale DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. La Direzione Generale di

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 1.LAVORO INFANTILE PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Se l azienda dovesse venire

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 10 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16 Pag. 1 di 16 R I E S A M E S A 8 0 0 0 / 0 8 DATA OGGETTO REDATTO VERIFICATO APPROVATO 09/06/2011 Riesame SA 8000 PASTORE G. PASTORE G. I semestre 2011 GALEAZZO F. DA 03/11/2011 PASTORE G. PASTORE G. Riesame

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 02.11.2015 Società Cooperativa Sociale Onlus Roèh Via delle Industrie Rovigo Pagina 1 di 15 Politica Etico - Sociale SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ROÈH La Presidenza della SOCIETÀ

Dettagli

Bilancio SA 8000 Anno 2013

Bilancio SA 8000 Anno 2013 PAG. 1 DI 18 INDICE 1. Scopo e metodologia 2. Descrizione dell Azienda 2.1. Gli Stakeholders 3. Politica per la Responsabilità Sociale 4. I requisiti della norma SA 8000 4.1. Lavoro infantile 4.2. Lavoro

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 1. Chi siamo? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 100 anni opera nel trasporto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

Le regole e i modelli organizzativi

Le regole e i modelli organizzativi Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Ex ISPESL Le regole e i modelli organizzativi Luigi Monica 29 Marzo 2011 Modelli di organizzazione e di gestione Riferimenti tecnici sui modelli di organizzazione e

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e Introduzione alla SA 8000 Nel 2013 Carimali ha deciso di intraprendere l ambizioso cammino di certificazione del proprio Sistema di Responsabilità Sociale seguendo

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Roma, Dicembre 2006 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Premessa. Le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che la seguente

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Riunione del 28 gennaio 2015 RIESAME DELLA DIREZIONE E PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Silvia Sforza: della Direzione per la SA8000 Emiliano Sabbatini: della

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

BILANCIO SOCIALE STANDARD SA8000:2008

BILANCIO SOCIALE STANDARD SA8000:2008 BILANCIO SOCIALE STANDARD SA8000:2008 Aggiornato al 29/04/2015 PUNTOSICUREZZA s.r.l. Via G. Ferraris, 174/176/178-52100 AREZZO Tel. 0575/380.106 - Fax 0575/984.901 Fax Magazzino 0575/984.927 P. IVA 01577740515

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Lepida SpA è lo strumento operativo della Regione Emilia Romagna per la pianificazione, lo sviluppo e la gestione delle

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 BILANCIO SA 8000 2009 Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 2 IDENTIFICAZIONE DEI PORTATORI DI INTERESSE (STAKEHOLDER)...4 2.1 Amministratore Unico...4

Dettagli

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP

I.N.P.D.A.P. REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE INPDAP Art. 1 (Oggetto del regolamento

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana Consultazione e partecipazione degli RLS D.Lgs. 626/94 Ruolo RLS Introduce novità per la tutela del lavoratore che ha adesso anche maggiori

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

CODICE TRASPARENZA PARQUET GRUPPO PAVIMENTI DI LEGNO

CODICE TRASPARENZA PARQUET GRUPPO PAVIMENTI DI LEGNO CODICE TRASPARENZA PARQUET GRUPPO PAVIMENTI DI LEGNO Premessa Nella vigenza di leggi e di norme tecniche che fissano limiti al di sotto dei quali le caratteristiche qualitative e tecniche dei prodotti

Dettagli

Procedura Selezione del Personale

Procedura Selezione del Personale Pag. 1 di 9 PROCEDURA SELEZIONE DEL PERSONALE ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Pag. 2 di 9 SCOPO... 3 1. RESPONSABILITA... 4 2. BANCA DATI ISMEA LAVORA CON NOI... 4 3. MODALITA'...

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

Vision e Valori. Social Standards

Vision e Valori. Social Standards Vision e Valori Social Standards 2 Social Standards Contenuti Premessa...3 1. Implementazione della procedura... 4 2. Orario di lavoro, Retribuzioni e Diritto alle Ferie... 4 3. Discriminazione...5 4.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO 1. SOGGETTI 2. SCHEDA DI VALUTAZIONE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO 1. SOGGETTI 2. SCHEDA DI VALUTAZIONE Allegato alla deliberazione di Giunta provinciale n. 316 del 7.7.2010 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI DEL COMPARTO 1. SOGGETTI SOGGETTI VALUTATI: sono i dipendenti con almeno 90 gg. di servizio (o

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e Carimali e la Responsabilità Sociale Non solo soddisfare pienamente gli obblighi giuridici applicabili ma anche andare al di là, investendo sempre di più nel capitale

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà FONDO DI SOLIDARIETÀ A FAVORE DEI DIPENDENTI DI AMOS SCRL Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà Art. 1 Tipologia dei trattamenti di solidarietà 1. I trattamenti del fondo di solidarietà

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 9 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Sociale Emissione 25/06/2010 1 di 11 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di individuare e specificare i requisiti derivanti

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA L'Università degli Studi di Macerata, di seguito denominato «soggetto promotore», con sede in Macerata, Piaggia

Dettagli

MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe

MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe Con il decreto ministeriale 13 febbraio 2014 trovano attuazione le procedure semplificate

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli