I PRINCIPI MULTIMEDIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PRINCIPI MULTIMEDIALI"

Transcript

1 I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole, poiché essi hanno modo di costruire modelli mentali verbali e visivi e di fare delle connessioni tra di loro. Se le parole sono presentate da sole lo studente potrà costruire un modello verbale ma sarà meno in grado di costruire un modello pittorico e di fare connessioni tra di essi. C è una miglior ritenzione e un miglior transfer quando lo studente riceve parole e immagini piuttosto che solo parole L approccio multimediale funziona? La domanda è: gli studenti apprendono di più quando una lezione è presentata in forma verbale e iconica? Per rispondere è utile definire i concetti. Una lezione è una presentazione che è pensata per promuovere l apprendimento nello studente. Per parole si intende un testo scritto o parlato. Per immagini si intende qualsiasi forma statica o dinamica di grafici, foto, illustrazioni. Il termine «apprendere di più» si riferisce alla crescita della ritenzione e comprensione del materiale presentato. L importante non è quanto si è imparato, ma che cosa si è imparato. Una presentazione multimediale è ottimale se promuove transfer, che è la capacità di usare il materiale nella presentazione per risolvere nuovi problemi, e se promuove la ritenzione che è la capacità di ricordare il materiale importante nella narrazione Le parole sono diverse dalle immagini? Secondo la teoria della trasmissione di informazioni le parole e le immagini sono semplicemente due diversi veicoli per presentare la stessa informazione. Secondo la teoria cognitiva le parole e le immagini innescano due differenti sistemi di rappresentazioni di conoscenza, un canale verbale e visivo Le parole e le immagini danno informazioni equivalenti: presentare solo parole La teoria della consegna di informazioni afferma che diversi formati di presentazioni, come parole e immagini, sono modi per presentare la stessa informazione. Una presentazione multimediale non è qui necessaria perché la stessa informazione è erogata due volte. Dopo aver dato una presentazione verbale e dopo che lo studente ha elaborato questa informazione nella memoria sensoriale e nella memoria attiva risulta ridondante presentargli la stessa con un disegno: la stessa informazione in immagini non aggiunge nulla. Il ruolo dell insegnante è di erogare informazione e il ruolo degli studenti è di immagazzinarla nella memoria Le parole e le immagini sono qualitativamente diverse: presentare parole e immagini La teoria cognitiva dell apprendimento multimediale è basata sull assunto che gli uomini possiedono due diversi canali qualitativi per elaborare il materiale, uno per le rappresentazioni visive, l altro per quelle verbali. Le due rappresentazioni sono

2 qualitativamente diverse, non possono comunicare la stessa informazione anche se è presentato lo stesso materiale. Esse sono complementari tra di loro ma non esclusive. Il lavoro dell insegnante è presentare il materiale, essere da guida all elaborazione cognitiva dello studente. A lui è richiesta la capacità di costruire rappresentazioni mentali e visive e di connetterle tra di loro. Le presentazioni multimediali hanno come scopo quello di promuovere la conoscenza. L effetto multimediale è che presentando una spiegazione sia con parole sia con immagini c è un apprendimento migliore da parte dello studente. A volte, quando l informazione è data solo in forma verbale, lo studente costruisce una rappresentazione verbale ma ciò non gli vieta di costruirsi anche una rappresentazione visiva o di fare connessioni tra le due. L effetto multimediale ribadisce che gli studenti imparano meglio quando le immagini sono integrate con le parole. Non tutti i messaggi multimediali sono però ugualmente efficaci. Per saper quando un messaggio multimediale funziona bisogna considerare cinque condizioni che sono alla base dei principi: 1. Contiguità spaziale; 2. Contiguità temporale; 3. Coerenza; 4. Modalità; 5. Ridondanza. Nei capitoli successivi si prenderanno in considerazione i diversi principi. 3.2 Il principio della contiguità spaziale Gli studenti apprendono meglio quando le parole e le immagini corrispondenti sono presentate vicine. Questo permette allo studente di non dover utilizzare risorse cognitive per cercare l immagine su altre pagine, in questo modo sarà in grado di mantenerle entrambe nella memoria attiva allo stesso tempo. C è una miglior ritenzione e un miglior transfer quando parole e immagini corrispondenti sono vicine piuttosto che lontane Lo spazio come una risorsa economica Lo spazio su cui si può presentare il materiale multimediale è di natura limitato: una pagina può contenere solo un certo numero di parole. La decisione di utilizzare lo spazio nel modo migliore è una decisione economica. I progettisti multimediali devono disporre le parole e le immagini in uno spazio deciso da loro. Le parole possono essere disposte su una pagina e le immagini su un altra, oppure a fianco, o all interno dell illustrazione che le rappresenta (quest ultima è una rappresentazione integrata) Separare parole e immagini In base alla teoria della consegna di informazioni dell apprendimento multimediale, secondo cui le rappresentazioni verbali e visive sono separate, quando lo stesso materiale è presentato in due momenti diversi si hanno migliori risultati perché lo studente ha due possibilità per immagazzinarlo nella memoria. Di contro quando le parole e le immagini che descrivono la stessa informazione sono presentate allo stesso tempo, si ha un effetto minore perché lo studente ha una sola possibilità di immagazzinarla nella memoria.

3 3.2.3 Integrare parole e immagini In base alla teoria cognitiva, secondo cui l apprendimento è un processo attivo in cui lo studente cerca di dare un valore al materiale presentatogli, il bisogno di dare senso è soddisfatto quando le parole e le immagini sono integrate mentalmente dalla memoria attiva dello studente. Le parole e le immagini sono presentate in modo da incoraggiare gli studenti a costruire connessioni mentali. Un apprendimento significativo dipende dalla costruzione di connessioni tra le rappresentazioni mentali di parole e immagini. Una delle condizioni secondo cui le istruzioni multimediali aiutano le persone a comprendere spiegazioni scientifiche si verifica quando parole e illustrazioni sono vicine tra loro sulla pagina o sullo schermo. 3.3 Il principio della contiguità temporale Gli studenti apprendono maggiormente quando parole e immagini sono presentate nello stesso momento, poichè saranno più in grado di mantenere le rappresentazioni mentali insieme nella memoria attiva e di connetterle. Quando le parole e le immagini sono separate nel tempo lo studente è meno capace di mantenere rappresentazioni mentali di entrambi nella memoria attiva e di costruire connessioni. Il tempo tra le due presentazioni deve essere breve. Non c è una miglior ritenzione quando sono presentati simultaneamente messaggi animati e narrati piuttosto che successivamente. C è però un miglior transfer quando animazioni e narrazioni corrispondenti sono presentati simultaneamente. Questo principio deriva dalla teoria della doppia codifica (Clark & Paivio, 1991; Mayer & Anderson, 1991; Paivio,1971, 1990). La teoria assume che gli umani possiedono due distinti sistemi per elaborare l informazione: uno che rappresenta l informazione verbalmente, l altro che rappresenta l informazione visualmente. Lo studente può costruire tre connessioni di base nelle situazioni multimediali che includono parole e immagini: 1. La prima connessione implica il costruire connessioni rappresentative tra l informazione verbale che è presentata e la rappresentazione verbale che ha costruito lo studente su quell informazione; 2. La seconda connessione implica il costruire connessioni tra l informazione iconica che è presentata e la rappresentazione visiva che ha costruito lo studente su quell informazione; 3. La terza connessione implica il costruire connessioni referenziali tra i rispettivi elementi nelle rappresentazioni visive e verbali dello studente. In un precedente lavoro è stato dimostrato che la performance dei test di ritenzione dipende dalle connessioni delle rappresentazioni dello studente, mentre il problem-solving richiede sia le connessioni tra le rappresentazioni sia le referenziali (Mayer & Anderson, 1991). Considerati i limiti della capacità della memoria di lavoro, gli studenti possono costruire più facilmente connessioni referenziali quando le parole e le immagini sono presentate vicine. Le ricerche hanno dimostrato che gli studenti che avevano ricevuto illustrazioni in fotogrammi contenenti descrizioni verbali coordinate con ciascun fotogramma sono stati più in grado di risolvere i problemi di transfer rispetto agli studenti che avevano ricevuto le illustrazioni con la stessa informazione verbale collocata in un paragrafo separato sulla pagina (Mayer, 1989b; Mayer & Gallini, 1990). È stato trovato che gli studenti che osservavano un animazione con la rispettiva narrazione avevano migliori performance nel risolvere i problemi di transfer rispetto agli

4 studenti che osservavano l animazione seguita dalla narrazione (Mayer & Anderson, 1991) Il tempo come una risorsa economica Un modo per presentare una lezione è quello di esporre l intera narrazione e animazione (o vice versa). Lo studente in questo modo può porre attenzione alla descrizione verbale e poi a quella visiva. Tutte le parole sono presentate prima delle immagini; esse non sono vicine nel tempo. Un altro modo è quello di presentare la narrazione e l animazione allo stesso tempo così che quando la narrazione presenta una particolare azione in parole, l animazione rappresenta la stessa azione visualizzandola allo stesso tempo. Lo studente sente e vede nello stesso momento temporale. È così creata una contiguità temporale. Quando si presentano parole e immagini separate lo studente deve porre attenzione prima alla descrizione verbale e poi alla descrizione visiva del medesimo evento. In termini di tempo gli studenti che ricevono in successione la presentazione spendono due volte tempo per studiare lo stesso materiale rispetto a coloro che ricevono le due presentazioni insieme. Secondo la teoria della consegna di informazioni dell apprendimento multimediale gli studenti che ricevono presentazioni successive possono imparare di più degli studenti che ricevono presentazioni simultanee. Quando si integrano parole e immagini, secondo la teoria cognitiva dell apprendimento multimediale gli esseri umani non sono solo macchine che elaborano informazioni, ma sono costruttori di senso che si impegnano in un attivo processo cognitivo di selezione delle parole e delle immagini rilevanti, nell organizzazione del materiale selezionato nei modelli mentali visivi e verbali e nell integrazione tra i due modelli. La presentazione simultanea accresce le possibilità che lo studente sia in grado di mantenere le due rappresentazioni, visiva e verbale, contemporaneamente nella memoria attiva. Le contiguità spaziale e temporale sono due aspetti importanti nelle presentazioni multimediali. La contiguità spaziale si realizza nel mettere le parole e le immagini vicine le une alle altre, mentre la contiguità temporale si realizza nel presentare parole e immagini insieme. In accordo con la teoria cognitiva dell apprendimento multimediale, la presentazione simultanea è simile al modo in cui gli uomini elaborano il materiale in entrata, cioè è simile al modo in cui lavora la mente umana. La presentazione simultanea prende vantaggi dalla capacità di elaborare l informazione nei due canali, dalla limitata capacità cognitiva del canale e dal bisogno di un apprendimento attivo. 3.4 Il principio della coerenza Gli studenti imparano di più quando del materiale estraneo è escluso dalla presentazione. L apprendimento può essere interrotto quando parole irrilevanti, ma interessanti, sono aggiunte alla presentazione multimediale e quando sono aggiunti suoni irrilevanti. L elaborazione di tutto questo materiale compete alla memoria attiva che deve prestare attenzione ad esso e non riesce ad organizzare con successo il materiale più importante. La coerenza si riferisce alle relazioni strutturali tra gli elementi in un messaggio. Potenzialmente un messaggio coerente è uno in cui gli elementi sono collegati tra di loro in modo non arbitrario. Si crea un effetto di

5 coerenza quando gli studenti comprendono maggiormente una spiegazione da una lezione multimediale che contiene meno materiale. C è una miglior ritenzione e un miglior transfer quando parole, suoni e immagini estranei sono esclusi piuttosto che inclusi L apprendimento dello studente è ostacolato quando parole e immagini interessanti, ma irrilevanti, sono aggiunte alla presentazione multimediale In una presentazione multimediale a volte è inserito del materiale interessante, esso però può essere irrilevante per la comprensione. Una giustificazione per aggiungere del materiale irrilevante viene dalla arousal theory secondo cui gli studenti apprendono di più quando sono emozionalmente destati dal materiale. Questa teoria è basata sul modello di acquisizione d informazione secondo cui l apprendimento comporta il prendere informazioni dall insegnante e metterle nello studente: più le informazioni sono seducenti più si impara. Invece la teoria cognitiva è basata sull apprendimento come costruzione di conoscenza attiva. Lo studente costruisce rappresentazioni mentali basate su quanto è stato presentato e su quanto già conosce. I dettagli seducenti possono interferire con il processo di costruzione di conoscenza. La teoria cognitiva suggerisce che l aggiunta di dettagli seducenti interferisce con il processo di costruzione di conoscenza, perché allontanano l attenzione dello studente dal materiale rilevante L apprendimento dello studente è interrotto quando suoni e musiche interessanti, ma irrilevanti, sono aggiunte alla presentazione multimediale Una tecnica per rendere una lezione multimediale più interessante è quella di aggiungere dei suoni. La musica non interferisce con la narrazione ma provvede un sottofondo sereno alla narrazione. Si possono anche aggiungere suoni specifici che corrispondono all evento in corso alla narrazione. In accordo con l arousal theory, la musica e i suoni rendono la presentazione multimediale più divertente per lo studente. Secondo la teoria cognitiva l aggiunta di suoni e musiche potrebbe interferire proprio con l attenzione prestata che sarebbe distolta dal compito. In accordo con la teoria cognitiva gli studenti elaborano i messaggi multimediali nei loro canali visivo e uditivo che sono comunque limitati nelle loro capacità: quando in più bisogna elaborare anche la musica e i suoni, c è una minor capacità di prestare attenzione alla narrazione, di organizzarla per comprendere le cause e gli effetti. L aggiunta di suoni, secondo la teoria cognitiva, interrompe l apprendimento L apprendimento degli studenti migliora quando parole inutili sono eliminate dalla presentazione multimediale Gli studenti sono maggiormente in grado di dare senso alla lezione multimediale quando il materiale interessante ma irrilevante non è incluso. Quando è presentata sia la narrazione sia il riassunto della stessa gli studenti apprendono di più dalla presentazione completa. Questa idea è in accordo con la teoria della consegna di informazioni.

6 Secondo la teoria cognitiva il riassunto facilita la comprensione perché fornisce le parole chiave. 3.5 Il principio della modalità Gli studenti apprendono di più da una narrazione e da un animazione piuttosto che da un testo scritto e da un animazione, cioè gli studenti apprendono di più quando il messaggio multimediale è presentato come testo parlato piuttosto che scritto. Quando le immagini e le parole sono entrambe in forma visiva, il canale visivo è sovraccaricato mentre quello uditivo è inutilizzato. Se le parole sono presentate a voce possono essere elaborate dal canale uditivo, lasciando al canale visivo l elaborazione delle sole immagini. C è una miglior ritenzione e un miglior transfer quando le parole sono presentate come una narrazione piuttosto che scritte. Per fare una presentazione multimediale bisogna usare sia parole sia immagini; per rispettare il principio di contiguità i diversi segmenti verbali e visivi vanno presentati vicini nel tempo e nello spazio; secondo il principio della coerenza bisogna presentare una narrazione che è scevra da parole inutili, cioè una concisa animazione narrata. Secondo la teoria della consegna di informazioni la modalità con cui è presentato il materiale non è importante. L apprendimento è lo stesso per le due diverse presentazioni multimediali, immagini e parole stampate, perché è presentata la stessa informazione allo studente. Lo studente riceve le immagini ma la modalità con cui sono presentate le parole non è importante perché sia scritte sia narrate hanno lo stesso valore. La teoria suddetta è errata perché è basata su una concezione di apprendimento come acquisizione d informazione in cui lo studente prende l informazione e la trasferisce nella memoria. L apprendimento avviene qui quando la presentazione è presentata dall insegnante e ricevuta dallo studente. Questo è in contrasto con il funzionamento della mente dei due canali della teoria cognitiva. Secondo la teoria cognitiva la modalità è importante, in particolare secondo l assunzione dell elaborazione dell informazione nei due canali. Quando le parole sono presentate come una narrazione è usato il canale uditivo-verbale per elaborare l informazione ed il canale visivo per elaborare le immagini. Le immagini passano attraverso gli occhi, le parole dalle orecchie. La teoria cognitiva afferma che non si deve caricare troppo un canale, per esempio quello visivo quando si presenta l informazione su immagini e parole scritte, è necessario invece presentare le parole in forma narrata per impegnare il canale uditivo inutilizzato. La teoria dell informazione presentata secondo cui l apprendimento dipende dal totale d informazione fornita è errata. Secondo la teoria cognitiva l apprendimento avviene usando i due canali. 3.6 Il principio della ridondanza Gli studenti apprendono maggiormente da animazioni e narrazioni piuttosto che da animazioni, narrazioni e testo. Quando le immagini e le parole sono presentate visivamente (animazione e testo) il canale visivo è sovraccaricato. C è una miglior

7 ritenzione e un miglior transfer quando le parole sono presentate come una narrazione piuttosto che con una narrazione e un testo scritto Come possiamo migliorare le animazioni narrate? La spiegazione multimediale consiste in una concisa animazione narrata, che si riferisce ai punti essenziali e focali nel testo. Persone diverse imparano in modi diversi, così è meglio presentare la stessa informazione in modi diversi. In questo modo ciascuno studente può trovare la sua forma migliore per apprendere. Questa teoria si chiama «teoria delle preferenze d apprendimento» ed è basata sulla teoria della consegna di informazioni. Se accettiamo quanto è stato detto sopra, l apprendimento avviene quando l informazione è presentata dall insegnante e ricevuta dallo studente. Secondo la teoria cognitiva gli studenti costruiscono attivamente le rappresentazioni. Secondo questa teoria l apprendimento significativo avviene quando le persone possono prestare attenzione al materiale entrante visivo e uditivo, organizzarlo in rappresentazioni verbali e pittoriche coerenti, e integrarle. Se lo stesso materiale è presentato in più modi vi è un sovraccarico dei due canali che sono costretti a limitare la loro capacità di elaborazione per ogni materiale analizzato. Il principio di ridondanza ribadisce che unire un testo scritto ad un animazione narrata porta a un apprendimento povero Comprendere l effetto della ridondanza L eliminazione del materiale inutile e sovrabbondante da una presentazione produce una miglior performance nello studente. L ipotesi delle preferenze d apprendimento e l ipotesi della capacità limitata differiscono nel considerare il principio di ridondanza. La prima è basata sull idea che presentare le parole in due modi (parlato e stampato) è meglio che presentare le parole in un solo modo. La teoria delle capacità limitate ritiene che in alcune situazioni presentare le parole in una modalità sia meglio. La prima ipotesi è basata sulla teoria della consegna di informazioni in cui il lavoro dell insegnante è quello di presentare informazioni che sono recepite dallo studente. La teoria della capacità limitata è basata sulla teoria cognitiva in cui lo studente costruisce attivamente le rappresentazioni mentali. Il processo di costruzione della conoscenza richiede che lo studente selezioni, organizzi e integri le informazioni rilevanti nei due canali. L effetto di ridondanza afferma che una concisa animazione narrata è interrotta se le stesse parole compaiono su uno schermo. Esso si basa sull ipotesi delle limitate capacità in cui la memoria attiva visiva è in sovraccarico quando animazione e testo su uno schermo sono presentate contemporaneamente. Al contrario quando le parole sono presentate nel canale uditivo e le immagini in quello visivo il carico dei due canali è limitato. Il principio di ridondanza sembra suggerire che due modalità sono peggio di una, mentre il principio multimediale afferma il contrario. 3.7 Il principio delle differenze individuali Gli effetti di una presentazione multimediale sono più importanti sulle persone con una bassa conoscenza che su quelle con un alta conoscenza e su quelle con un high-spatial learning piuttosto che su quelle con low-spatial learning. Gli studenti con un alto grado di conoscenza possono utilizzare la loro conoscenza posseduta per supplire alle mancanze di una presentazione, mentre quelli con poca conoscenza sono meno in grado di usare al meglio la loro capacità cognitiva. Coloro

8 che hanno molta spazialità hanno la capacità cognitiva di integrare mentalmente le presentazioni verbali e visive. Ci sono due differenze individuali, riguardanti: la conoscenza posseduta; la capacità spaziale Il ruolo della conoscenza posseduta dallo studente Una presentazione multimediale può accrescere l apprendimento se rispetta i principi di contiguità spaziale, temporale, coerenza, di modalità e ridondanza. Il problema è vedere quanto la presenza di una buona conoscenza posseduta, riguardo ad un argomento, migliori l apprendimento dello stesso in una nuova lezione. La presenza di conoscenza posseduta influisce sul miglior apprendimento e ciò permette di ricordare più materiale e di aggiungerlo a quello già posseduto. Secondo la teoria della consegna di informazioni, i principi multimediali non servono a migliorare l apprendimento. Se uno studente ha molta conoscenza è accresciuta l informazione che egli riesce ad integrare; la conoscenza può quindi influenzare la quantità di informazioni acquisite, ma essa non è influenzata dalla presenza dei principi multimediali. Al contrario la teoria cognitiva dell apprendimento multimediale è basata sull idea che l apprendimento dipende dall essere in grado di fare connessioni tra le rappresentazioni visive e uditive contemporaneamente nella memoria attiva. Quando la presentazione è povera, gli studenti con molta conoscenza sono in grado di usare la conoscenza posseduta per supplire alle mancanze della presentazione. Se invece la presentazione è fatta bene, sia quelli con molta conoscenza sia quelli con poca conoscenza sono in grado di comprendere la presentazione, i primi grazie alla loro conoscenza, i secondi grazie ai principi usati. Un altro approccio alla teoria cognitiva è basato sull idea che un alta conoscenza accresce una buona istruzione. La comprensione dello studente dipende dall essere in grado di fare connessioni tra le due rappresentazioni corrispondenti, visiva e uditiva trattenute contemporaneamente nella memoria attiva. Quando è fornita una presentazione povera ne risentono sia coloro che hanno una buona conoscenza sia coloro che non ne hanno, perché il messaggio non presenta materiale visivo e uditivo in modo conciso. Quando sono presentate buone istruzioni gli studenti con un alta conoscenza possono essere avvantaggiati nell elaborare il materiale in una coerente rappresentazione mentale, essi beneficiano dei principi che permettono loro di fare ciò Il ruolo dell abilità spaziale dello studente L abilità spaziale è definita abilità di generare, mantenere e manipolare le immagini mentali visive. I messaggi multimediali sono verbali e visivi così gli studenti devono formare, mantenere e usare immagini mentali. In accordo con la teoria della consegna di informazioni, il fatto di usare i principi multimediali è inefficace sia per gli studenti con un elevato grado di conoscenza sia per quelli con poca conoscenza.

9 L abilità spaziale compensa la povertà della presentazione. Se gli studenti non l hanno, imparano meglio quando le parole e le immagini sono presentate in modo coordinato. L abilità spaziale permette agli studenti di avere vantaggi dalle presentazioni multimediali di alta qualità. Se, per esempio, il materiale è presentato simultaneamente nei due modi visivo e uditivo, gli studenti con un alta abilità spaziale saranno in grado di costruire migliori connessioni tra le corrispondenti rappresentazioni mentali e visive nella memoria attiva, mentre coloro che non hanno questa capacità spaziale dovranno dedicare più energia per creare le immagini mentali e sono meno in grado di costruire connessioni tra le due rappresentazioni. L effetto delle differenze individuali afferma che se la rappresentazione è presentata bene saranno avvantaggiati coloro che hanno una bassa conoscenza, e coloro che hanno un alta abilità spaziale. Se sono presentati dei messaggi fatti male coloro che hanno un alta conoscenza possono costruire delle rappresentazioni mentali. Quelli con una bassa conoscenza sono meno in grado di fare ciò. Quando una rappresentazione è presentata bene sia quelli con un alta conoscenza sia quelli con una bassa conoscenza apprendono bene perché entrambi sono in grado di costruire rappresentazioni mentali e visive nella memoria attiva. Coloro che hanno un alta conoscenza imparano più profondamente da una presentazione povera perché sono maggiormente in grado di costruire rappresentazioni mentali quando sono presentate solo parole.

L APPRENDIMENTO MULTIMEDIALE CAPITOLO 3

L APPRENDIMENTO MULTIMEDIALE CAPITOLO 3 L APPRENDIMENTO MULTIMEDIALE CAPITOLO 3 1 Il concetto di E- Learning non può considerarsi completo senza tener conto dell impatto che la multimedialità ha sul processo di apprendimento Ma usare formati

Dettagli

Digital Storytelling:

Digital Storytelling: Digital Storytelling: una pluralità di approcci Seminari 2015 Michele Capalbo Progetto: POF 2015\2016 L.S. E. Fermi (CS) Percorso: Orientiamoci sulle TIC nella didattica curriculare Facciamo innovativamente

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro)

La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro) La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro) Abdelkrim Boussetta Ispettorato Regionale - Rabat 1 Corso di formazione Accademia di Rabat, giovedi 21 ottobre 2010 Docente Studente Materia 2 Insegnamento

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

Standard per la determinazione delle competenze Classe2^ - Scuola Primaria

Standard per la determinazione delle competenze Classe2^ - Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO Via Leopardi 002 Certaldo (Firenze) - tel. 011223-0112 - 0131 - fax. 0131 E-mail:FIIC200@istruzione.it - sito web: www.ic-certaldo.it

Dettagli

INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico. degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO

INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico. degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO 1 le metodologie didattiche adatte per i bambini con DSA sono valide per ogni bambino, e non viceversa

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE. Premessa

SCHEDA DI PROGETTAZIONE. Premessa SCHEDA DI PROGETTAZIONE Premessa Le attività sono progettate al fine di favorire e permettere ai bambini l'uso della lettura per ricavare informazioni da testi scritti, ascoltati e messaggi iconici testi

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE

STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE A CURA DELLA S.C. DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE ASLCN1 PRESIDIO EX ASL 17 COSA SONO? Sono quei SEGNALI che vediamo e che sono in grado di stimolare, sostenere ed ampliare

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica Università di Pisa Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica Relazione di Laboratorio 2 A. Blotti, F. Giovannetti 1aprile2007

Dettagli

Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi:

Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi: Scheda di progetto Denominazione progetto: Un sogno ad occhi aperti nella foresta dei suoni Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi: 1. IO E ME

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

TEATRO (Percorso interdisciplinare)

TEATRO (Percorso interdisciplinare) TEATRO (Percorso interdisciplinare) PAROLE CHIAVE= Insegnante regista-alunno protagonistamolteplicità di linguaggi-sfondo trasversale Il teatro è arte e con questo linguaggio gli alunni possono avere esperienze

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A. 2012/2013 CORSO AGGIUNTIVO PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLA SCUOLA DELL INFANZIA (MATERNA) E NELLA SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARE) Educazione

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEI PROCESSI DI MATURAZIONE GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI PER I

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE: IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:! definisce i bisogni e i desideri insoddisfatti! ne definisce l ampiezza! determina quali mercati obiettivo l impresa può meglio servire! definisce i prodotti

Dettagli

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi Definizione dei profili di apprendimento Architetture Didattiche Tipologia Caratteristiche Quando avvalersene Ricettiva Trasmissione

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

Psicomotricità su Scacchiera Gigante. Una sperimentazione nella scuola primaria

Psicomotricità su Scacchiera Gigante. Una sperimentazione nella scuola primaria Psicomotricità su Scacchiera Gigante. Una sperimentazione nella scuola primaria Roberto Trinchero Dipartimento di Filosofia e Scienze dell Educazione Università degli studi di Torino roberto.trinchero@unito.it

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura»

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» «I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» Volkmar et al 1977 ABILITA SOCIALE È la capacità di relazionarsi

Dettagli

Orientarsi nello studio nell era digitale Luca Grandi

Orientarsi nello studio nell era digitale Luca Grandi Lecco 18 Ottobre 2012 Orientarsi nello studio nell era digitale Luca Grandi www.anastasis.it L insegnamento senza informatica L insegnamento senza informatica Imparare: questo è il problema Apprendere

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

LA MONTAGNA. Prima parte

LA MONTAGNA. Prima parte LA MONTAGNA Prima parte 1 In letteratura scientifica esistono vari modelli per spiegare i processi neuropsicologici coinvolti dal calcolo, tra i quali quelli molto diffusi di Mc Kloskey, di Campbell, e

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011 Proposte didattiche scuola del infanzia e primaria 00 000 00 0 000 000 0 Ambito matematico Tiziana Turco - Psicologa - Insegnante Formatrice AID ESISTE LA DISCALCULIA? 00 000 00 0 000 000 0 3000 docenti

Dettagli

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Cosa significa ottenere l attestato di Qualità Dyslexia Friendly

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Cosa significa ottenere l attestato di Qualità Dyslexia Friendly DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark Cosa significa ottenere l attestato di Qualità Dyslexia Friendly Documento tradotto dalle linee guida della British Dyslexia Association per l ottenimento della certificazione

Dettagli

La leadership sanitaria:

La leadership sanitaria: La leadership sanitaria: una nuova dimensione per le professioni sanitarie Dott. Alessandro Rovetta Leadership SAPER CREARE UN MONDO AL QUALE LE PERSONE DESIDERINO APPARTENERE 1 Perchè servono professionisti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM. Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea.

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A.

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A. 9. Lettering Il presente file costituisce una SINTESI del materiale presentato nel corso delle lezioni. Tale sintesi non deve essere ritenuta esaustiva dell argomento, ma andrà integrata dallo studente

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE. ARTI IN.. MOVIMENTO Il progetto Ragnatele sonore viene attivato all interno della Scuola materna dell Istituto comprensivo e interesserà tutti gli allievi del plesso e punterà a facilitare uno sviluppo

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

Conversazione sulla comunicazione didattica

Conversazione sulla comunicazione didattica 2010 Conversazione sulla comunicazione didattica 1. Il saper fare didattico e pedagogico del tecnico 2. Saper comunicare 3. Il processo comunicativo 4. L effetto dell etichettamento - 5. L articolazione

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento. Brembati Federica Roberta Donini

I Disturbi Specifici di Apprendimento. Brembati Federica Roberta Donini I Disturbi Specifici di Apprendimento Dott.ssa Brembati Federica Dott.ssa Roberta Donini Il disturbo specifico di apprendimento L uso del termine disturbo specifico dell apprendimento si riferisce a difficoltà

Dettagli

Presentazione. Obiettivi dell area «Modelli mentali»

Presentazione. Obiettivi dell area «Modelli mentali» Presentazione In queste schede scoprirai alcuni meccanismi che si mettono in funzione quando cerchi di comprendere un testo. Un lettore esperto infatti è in grado di estrarre dal testo le informazioni

Dettagli

LEGGERE E COMPRENDERE DIVERSI TIPI DI TESTO

LEGGERE E COMPRENDERE DIVERSI TIPI DI TESTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELLUCCHIO SCUOLA PRIMARIA DI GABBIANA Classe prima Discipline coinvolte: italiano,storia,geografia,educazione all immagine,educazione al suono e alla musica,informatica. INSEGNANTE:Milena

Dettagli

Didattica per competenze in ambito matematico. Semplificando possiamo schematizzare in due i modi di vedere la matematica: per il matematico

Didattica per competenze in ambito matematico. Semplificando possiamo schematizzare in due i modi di vedere la matematica: per il matematico Semplificando possiamo schematizzare in due i modi di vedere la matematica: per il matematico è una disciplina dalla profonda bellezza intrinseca. La purezza del modello, la sua non ambiguità, il senso

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI 4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI Rafforzare l autonomia e la stima di sé, l identità. Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti. Rispettare

Dettagli

APPRENDIMENTO INTERGENERAZIONALE nelle ORGANIZZAZIONI (IGLOO) - riassunto della letteratura -

APPRENDIMENTO INTERGENERAZIONALE nelle ORGANIZZAZIONI (IGLOO) - riassunto della letteratura - Progetto igloo APPRENDIMENTO INTERGENERAZIONALE nelle ORGANIZZAZIONI (IGLOO) - riassunto della letteratura - UNIVERSITÀ DI INNSBRUcK LUGLIO 2008 Pagina /5 Apprendimento Intergenerazionale Nelle Organizzazioni

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli