Capitolo 7 L amministrazione centrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 L amministrazione centrale"

Transcript

1 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria Capitolo 7 L amministrazione centrale Sommario 1. L amministrazione centrale L organizzazione centrale Segue: Normativa in materia di organizzazione dipartimentale Segue: Qualifiche del personale dipartimentale Segue: Divisione del lavoro nel dipartimento e criteri per le nomine Segue: Le attribuzioni degli organi centrali del Dipartimento L Istituto superiore di studi penitenziari La giustizia minorile. 1. L amministrazione centrale Prima della riforma introdotta con la L. 15 dicembre 1990, n. 395, che disciplina il nuovo «Ordinamento del Corpo di Polizia penitenziaria», l Amministrazione penitenziaria, a livello centrale, faceva capo alla Direzione generale per gli istituti di prevenzione e pena del Ministero di Grazia e Giustizia, ai cui vertici era posto, come direttore generale, un magistrato di cassazione. Le articolazioni interne della Direzione generale prendevano il nome di «Uffici» ed erano affidate anch esse a personale di magistratura. Dalla Direzione generale dipendevano poi, in base al decentramento dei servizi attuato con D.P.R. 28 giugno 1955, n. 1538, i Centri di rieducazione dei minorenni e gli (uffici degli) Ispettori distrettuali per adulti. Questi ultimi erano funzionari dell Amministrazione penitenziaria con qualifica di ispettore generale (dirigente superiore) la cui circoscrizione coincideva con il territorio di uno o più Distretti di Corte d Appello: in tale ambito gli Ispettori svolgevano funzioni di vigilanza, controllo e di amministrazione attiva, secondo quanto specificato negli artt del D.P.R. 1538/1955. Il personale civile dell Amministrazione penitenziaria, e segnatamente i funzionari preposti ai vari servizi od istituti, dipendevano da Autorità giudiziarie (erano dunque «eterodiretti») sotto più profili: a) funzionalmente e gerarchicamente, dai magistrati dirigenti della Direzione generale e dagli uffici costituiti presso il Ministero; b) gerarchicamente, dai Procuratori generali della Repubblica e dai Procuratori della Repubblica presso i Tribunali e presso i Tribunali dei minorenni. La legge istitutiva del Corpo di polizia penitenziaria (L. 395/1990), senza alterare del tutto il sistema sopra delineato, ha introdotto alcune radicali innovazioni, quali: la soppressione della Direzione generale per gli Istituti di prevenzione e pena, trasformata secondo il più ampio ed articolato modello organizzatorio del «Dipartimento» (art. 30, comma 6); la previsione dell accesso, per i funzionari amministrativi, al grado di dirigente generale, con possibilità di assumere la Direzione generale o la Vice-Direzione generale del Dipartimento (art. 30, comma 2-4);

2 92 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria la soppressione degli Ispettorati distrettuali, trasformati in Provveditorati regionali, e il trasferimento a questi ultimi delle funzioni amministrative concernenti il personale dell Amministrazione già demandate ai Procuratori generali e ai Procuratori della Repubblica (art. 32). Con la L , n. 154, si è verificato un netto cambiamento della carriera dirigenziale penitenziaria. L art.1, detta i principi e i criteri direttivi che il Governo deve seguire nell adozione della norma delegata (D.Lgs. 63/2006); l art. 2, riconosce il rapporto d impiego come rapporto di diritto pubblico al personale direttivo e dirigenziale dell amministrazione penitenziaria; l art. 3, abolisce i Centri di servizio sociale, sostituendoli con gli Uffici locali di esecuzione penale esterna. Si è dato in seguito attuazione alla legge-delega, con il D.Lgs , n. 63, il quale in particolare, prevede: l unitarietà della carriera dirigenziale penitenziaria, articolata su tre ruoli (dirigente di istituto penitenziario, dir. di ospedale psichiatrico, dir. dell esecuzione penale esterna); la valutazione comparativa come metodo per il conferimento degli incarichi superiori; le modalità per la nomina alla qualifica dirigente generale; la facoltà del Ministro della Giustizia di scegliere i titolari delle funzioni apicali e dirigenziali del Ministero; la definizione degli aspetti giuridici ed economici del rapporto d impiego mediante il procedimento negoziale, che coinvolge anche: la retribuzione di posizione, correlata alle posizioni funzionali ricoperte (graduate con apposito decreto ministeriale) ed agli incarichi/responsabilità; la retribuzione di risultato, connessa con i risultati conseguiti con le risorse a disposizione. 2. L organizzazione centrale Il Dipartimento, come modulo organizzatorio, costituisce una novità assoluta per il Ministero della Giustizia ed ha pochi precedenti nella pubblica Amministrazione. L art. 30 della L. 395/1990 istituisce il Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria (D.A.P.) nell ambito del Ministero della Giustizia, per provvedere, secondo le direttive e gli ordini del Ministro, ai seguenti compiti: a) attuazione della politica dell ordine e della sicurezza degli istituti e servizi penitenziari e del trattamento dei detenuti e degli internati, nonché dei condannati ed internati ammessi a fruire delle misure alternative alla detenzione; b) coordinamento tecnico-operativo, direzione e amministrazione del personale penitenziario, nonché coordinamento tecnico-operativo del predetto personale e dei collaboratori esterni dell Amministrazione;

3 Capitolo 7 L amministrazione centrale 93 c) direzione e gestione dei supporti tecnici, per le esigenze generali del Dipartimento medesimo. Non esiste un Amministrazione penitenziaria distinta dal Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria, poiché le due strutture si identificano. Il Corpo di Polizia penitenziaria è una struttura posta al servizio del Dipartimento, per la realizzazione dei fini istituzionali di questo nel campo dell esecuzione delle pene e delle misure di sicurezza e del trattamento dei detenuti e degli internati. Dell organizzazione centrale fa parte quantunque in posizione autonoma rispetto al Dipartimento l Ufficio centrale per la giustizia minorile, istituito dall art. 2, D.L. 29 gennaio 1992, n. 36 (conv. in L. 29 febbraio 1992, n. 213) al posto del già operante Ufficio per la giustizia minorile. L Ufficio centrale esercita tutte le funzioni in materia di minori del Ministero della Giustizia e svolge la propria attività in diretto collegamento (e, ovviamente, in rapporto di dipendenza gerarchica) con il Ministro Guardasigilli. La norma, che sancisce l autonomia e l importanza della materia minorile nell ambito della funzione penitenziaria, ha peraltro carattere transitorio, essendo destinata a valere «fino alla riforma dell ordinamento dello stesso Ministero (di Grazia e Giustizia)». 3. Segue: Normativa in materia di organizzazione dipartimentale Il comma 4 del citato art. 30, nel delegare il Governo ad emanare, entro sei mesi dall entrata in vigore della riforma, uno o più decreti legislativi per l organizzazione del Dipartimento, indicava i seguenti princìpi e criteri direttivi: verifica delle attribuzioni che, per specifiche ragioni, devono essere affidate agli organi centrali e decentramento delle altre; disciplina della gestione a livello decentrato, dei rapporti con gli enti locali, le Regioni e il Servizio Sanitario Nazionale, dei settori della documentazione e dello studio, nonché della formazione e dell aggiornamento del personale penitenziario; determinazione, con decreto ministeriale, degli uffici centrali del Dipartimento secondo modelli che assicurino ad ogni organismo omogeneità di attribuzioni, con particolare riferimento all istituzione di un ufficio unico per il personale, e con il riconoscimento di autonomia organizzativa e funzionale adeguata alle aree specifiche di intervento; analisi delle funzioni dirigenziali (attive, ispettive, di consulenza e di studio) e previsione della loro attribuzione, in un quadro complessivo di pari dignità, a dirigenti amministrativi e a magistrati, con previsione per i primi, della qualifica di dirigente generale; previsione dell attribuzione a magistrati degli incarichi per i quali appaia opportuno utilizzare la loro particolare formazione ed esperienza, tenuto conto della natura intrinseca di ciascuna attività ovvero della diretta connessione della stessa con l esercizio della giurisdizione e con l ordine giudiziario; disciplina degli incarichi ministeriali e delle condizioni per il conferimento, anche mediante determinazione della loro durata e dei limiti di permanenza al Dipartimento. Il D.P.R , n. 55, il D.M e, da ultimo il D.M (pubblicato sul Bollettino Ufficiale Ministero Giustizia del ) individuano nell ambito del Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria i seguenti uffici dirigenziali con le competenze per ciascuno di seguito indicate: a) Ufficio del Capo del Dipartimento dell amministrazione penitenziaria: questa struttura è costituita dall insieme degli uffici di staff che nei diversi settori d intervento coaudivano il Capo dipartimento nello svolgimento delle sue attività istituzionali.

4 94 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria Presso tale ufficio, sono istituiti: Ufficio dell organizzazione e delle relazioni; Ufficio studi, ricerche, legislazione e rapporti internazionali; Ufficio per l attività ispettiva e del controllo; Ufficio del contenzioso; Ufficio per le relazioni sindacali; Ufficio rapporti con le regioni; Ufficio per lo sviluppo e la gestione del sistema informativo automatizzato statistica ed automazione di supporto dipartimentale; Ufficio per la sicurezza personale e della vigilanza (USPEV); Gruppo operativo mobile (GOM); Servizio di vigilanza sull igiene e la sicurezza dell amministrazione della giustizia (VISAG); Ufficio stampa e relazioni esterne; Ufficio del cerimoniale e di rappresentanza; Centro amministrativo Giuseppe Altavista; Ente di assistenza; Cassa delle ammende. b) Direzione generale del Personale e della Formazione: si occupa della gestione e della formazione del personale appartenente ai diversi comparti del lavoro. Ha, inoltre, competenze di analisi, di studio, di programmazione, di direzione, di gestione e di controllo. La Direzione si struttura in 5 uffici dirigenziali: organizzazione e relazioni; personale amministrativo e tecnico di ruolo e non di ruolo; personale del Corpo di polizia penitenziaria; formazione; sicurezza e coordinamento delle traduzioni e dei piantonamenti. c) Direzione generale detenuti e trattamento: ha competenze di analisi, di studio, di programmazione, di direzione, di gestione e di controllo. Essa si articola in sei uffici dirigenziali: organizzazione e relazioni; detenuti media sicurezza; detenuti alta sicurezza; servizi sanitari; osservazione e trattamento; misure di sicurezza. d) Direzione generale dell esecuzione penale esterna: ha competenze di analisi, di studio, di programmazione, di direzione e di controllo. Essa è costituita dagli Uffici: studi, analisi e programmazione; attuazione dei provvedimenti di giustizia. e) Direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi: è suddivisa in quattro Uffici: organizzazione e relazioni;

5 Capitolo 7 L amministrazione centrale 95 contratti di lavori, forniture e servizi; armamento, casermaggio, vestiario, automobilistico, navale e delle telecomunicazioni; tecnico per l edilizia penitenziaria e residenziale di servizio. Alle dipendenze funzionali della Direzione opera, inoltre, il Servizio approvvigionamento e distribuzione del vestiario (SADAV). f) Direzione generale per il bilancio e la contabilità: ha competenze di analisi, di studio, di programmazione, di direzione e di controllo. Si articola in due uffici dirigenziali: formazione e gestione del bilancio; adempimenti contabili. Da ultimo, il D.M. 27 settembre 2007 ha delineato l attuale struttura dirigenziale del Dipartimento. L amministrazione penitenziaria centrale è organizzata per aree omogenee di competenze, attraverso unità organizzative anche di livello di dirigenza generale. Gli uffici di diretta collaborazione del capo del Dipartimento si articolano nei seguenti uffici: 1. Ufficio dell organizzazione e delle relazioni che comprende la Segreteria affari generali, l Ufficio relazioni con il pubblico, il Fondo Sociale Europeo, le Attività di coordinamento istituzionale ed il Controllo di gestione; 2. Ufficio rapporti con le regioni; 3. Ufficio studi, ricerche, legislazione e rapporti internazionali; 4. Ufficio per l attività ispettiva e del controllo; 5. Ufficio del contenzioso; 6. Gruppo operativo mobile; 7. Ufficio per la sicurezza personale e della vigilanza; 8. Ufficio per le relazioni sindacali; 9. Ufficio per lo sviluppo e la gestione del sistema informativo automatizzato statistica ed automazione di supporto dipartimentale. La direzione dell ufficio, per la sua particolare complessità, è affidata ad un dirigente con specifica professionalità ed esperienza nel settore; 10. Servizio di vigilanza sull igiene e sicurezza dell amministrazione della giustizia. La responsabilità della direzione è affidata ad un dirigente, mentre l area riferita alle specifiche competenze gestionali è affidata ad un dirigente con adeguate attitudini professionali; 11. Ufficio del cerimoniale e di rappresentanza dell amministrazione penitenziaria; 12. Ufficio stampa e relazioni esterne; 13. Centro amministrativo «G. Altavista». Presso l ufficio del capo del Dipartimento operano, altresì, l Ente di assistenza e la Cassa delle ammende. 4. Segue: Qualifiche del personale dipartimentale Al Dipartimento è posto il Capo del Dipartimanto scelto tra i magistrati di Cassazione con funzioni direttive superiori o tra i dirigenti generali di pari qualifica.

6 96 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria Il procedimento di nomina è quello previsto per i massimi gradi della burocrazia statale: proposta del Ministro competente (nella fattispecie, il Ministro di Giustizia), deliberazione del Consiglio dei Ministri e decreto del Presidente della Repubblica. La novità di gran lunga più importante consiste nella previsione per cui per il posto in questione possa essere designato, oltre che un magistrato, un dirigente generale, vale a dire un funzionario tratto verosimilmente dai ranghi dell Amministrazione penitenziaria. Ricordiamo, tuttavia, che la nomina a dirigente generale può essere conferita anche a soggetti estranei all Amministrazione dello Stato (art. 25, D.P.R. 30 giugno 1972, n. 748), sicché, in ipotesi, il Governo potrebbe scegliere qualsiasi cittadino italiano fornito dei requisiti richiesti dalla legge. In ogni caso, la disposizione in parola rileva per aver ovviato, almeno in parte, alla anomalia che escludeva i funzionari amministrativi, in via di principio, dagli uffici direttivi dell organo centrale. Una figura del tutto nuova è quella del Vice Capo del Dipartimento, nominato dal Ministro di Giustizia, su proposta del Capo del Dipartimento, tra i magistrati di Cassazione o tra i dirigenti generali, per l espletamento delle funzioni vicarie. 5. Segue: Divisione del lavoro nel dipartimento e criteri per le nomine La delega ha ricevuto attuazione con il D.Lgs. 30 ottobre 1992, n Risulta così superata la disposizione transitoria (art. 30, comma 5, L. 395/1990), secondo cui fino alla emanazione dei decreti delegati alla direzione degli uffici dipartimentali dell Amministrazione penitenziaria potevano essere nominati magistrati con qualifica non inferiore a magistrato di tribunale, ovvero funzionari amministrativi dirigenti o appartenenti alla ex carriera direttiva. La normativa delegata stabilisce, in primo luogo, che alla funzione di Direttore di ufficio centrale del Dipartimento o di ufficio equiparato sono preposti, con decreto del Ministro di Giustizia e su proposta del Capo del Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria, dirigenti generali dell Amministrazione medesima e magistrati collocati fuori del ruolo organico della magistratura (art. 1, comma 1). Gli incarichi in questione sono conferiti ai dirigenti e ai magistrati «in base alla particolare esperienza ed alla particolare preparazione acquisite nel corso dell esercizio delle loro precedenti funzioni». Ad alcuni uffici centrali, «per la particolare natura dell attività svolta e per le specifiche esigenze di raccordo con la funzione giurisdizionale e con l ordine giudiziario», sono preposti, in qualità di direttori e di addetti, magistrati collocati fuori del ruolo organico della magistratura, nominati dal Ministro su proposta del Capo del Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria, «nei limiti delle dotazioni del personale di magistratura addetto al Ministero della Giustizia» (art. 2 comma 1). Gli uffici centrali riservati ai magistrati (come direttori e, se addetti, come vice-direttori o direttori di divisione) sono: quelli a cui sono affidate attribuzioni in materia di detenuti, internati e trattamento degli stessi;

7 Capitolo 7 L amministrazione centrale 97 quelli svolgenti attività di legislazione, studio e ricerche; quelli competenti in materia di banche dati relative ai detenuti, agli internati ed alle persone sottoposte a misure privative o limitative della libertà. La nomina a Dirigente Generale dell Amministrazione penitenziaria (n. 5 posti di qualifica) è conferita a personale scelto tra i dirigenti dell Amministrazione stessa (art. 4), secondo l «iter» procedimentale di cui al citato art. 25 del D.P.R. 748/1972, ossia con decreto del Capo dello Stato, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri e dietro proposta del Ministro della Giustizia. Oggetto di specifica previsione è la permanenza negli incarichi dipartimentali, che, per dirigenti superiori, primi dirigenti e magistrati addetti, non può avere durata superiore a cinque anni. Peraltro, per esigenze di servizio, l incarico può venire rinnovato per una sola volta, su proposta del Capo del Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria (art. 5). 6. Segue: Le attribuzioni degli organi centrali del Dipartimento Con il D.Lgs. 444/1992, sono state individuate le attribuzioni degli organi centrali del Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria, nonché le attribuzioni spettanti, in attuazione del principio del decentramento funzionale, ai Provveditorati regionali. Peraltro, in materia di competenze degli organi centrali dipartimentali, il Legislatore delegato si è limitato ad una previsione molto ampia e generica, conferendo ai predetti «tutte le competenze di carattere generale e quelle di rilevanza nazionale ed internazionale» e rinviando, per il resto, ad emanandi decreti ministeriali. Il decreto detta altresì alcune disposizioni essenziali in tema di organizzazione degli organi centrali: una segreteria posta alle dirette dipendenze del Direttore generale; uffici centrali «organizzati secondo criteri di omogeneità, di competenza organizzativa e funzionale adeguata alle aree specifiche di intervento». Quanto alle aree di intervento, queste sono relative a: personale; formazione e aggiornamento del personale; ispettorato; detenuti e trattamento dei detenuti; beni e servizi; studi, ricerche, legislazione e automazione.

8 98 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria 7. L istituto superiore di studi penitenziari La specificità della funzione penitenziaria, che richiede agli operatori del settore, e massimamente al personale investito di responsabilità direttive, un elevato livello di professionalità (vale a dire preparazione culturale e sensibilità verso la «materia prima» oggetto della funzione, rappresentata da esseri umani privati della libertà per volontà di legge), ha suggerito al Legislatore delegante l istituzione di un organismo «ad hoc» (art. 17, comma 1, L. 395/1990). La delega ha ricevuto attuazione con il D.Lgs. 446/1992, che ha istituito una Scuola nazionale per la formazione, l aggiornamento e la specializzazione del personale appartenente ai quadri direttivi dell Amministrazione penitenziaria, denominata «Istituto superiore di studi penitenziari» (ISSP), con sede a Roma, e posta alle dipendenze del Dipartimento (art. 1). L Istituto superiore di studi penitenziari ha, nell ambito delle scuole di formazione del personale direttivo delle forze di polizia, un precedente nell Istituto superiore di polizia, di cui all art. 58 della L. 1 aprile 1981, n. 121, e sostituisce, per i funzionari dell Amministrazione penitenziaria, la Scuola superiore della Pubblica Amministrazione di Caserta. L Istituto, oltre ai corsi biennali di formazione per la nomina a direttore penitenziario, cura la formazione iniziale, l aggiornamento e la specializzazione dei funzionari e svolge attività di indagine sulle problematiche penitenziarie, assumendo le opportune iniziative sul piano didattico e scientifico (art. 2). A capo della struttura è posto, come direttore, un dirigente generale dell Amministrazione penitenziaria, nominato con decreto del Ministro guardasigilli, su proposta del Capo del Dipartimento (art. 3). L Istituto, articolato in tre Divisioni (art. 4), è composto, oltre che dal direttore (organo individuale), da tre organi collegiali (art. 5), che sono: 1. il Consiglio di direzione; 2. il Collegio dei docenti; 3. il Consiglio di istituto. Mentre il Collegio dei docenti è organo consultivo del direttore dell Istituto e il Consiglio di istituto è organo di collaborazione tra docenti e frequentatori dei corsi, particolare importanza riveste il Consiglio di direzione, a cui spetta di decidere le linee operative generali dell Istituto e di provvedere alla formulazione dei programmi e dei metodi di insegnamento, nonché alla scelta dei docenti. Il D.Lgs. 446/1992 ha istituito, inoltre, l Albo dei docenti dell Istituto Superiore di studi penitenziari (art. 9) e dettato specifiche disposizioni per i corsi di formazione dei vincitori dei concorsi pubblici (durata del corso: sei mesi) e del concorso riservato (durata del corso: due anni). Per quanto concerne, in specie, i vincitori del concorso riservato ai dipendenti appartenenti alla ex carriera di concetto, è previsto che essi siano nominati allievi direttori di istituto penitenziario in prova ed ammessi a frequentare il corso biennale, durante il quale sono posti in aspettativa

9 Capitolo 7 L amministrazione centrale 99 e mantengono il precedente trattamento economico (art. 12). Il corso biennale si articola in insegnamenti ed esami sulle singole materie del piano di studio, nonché in un esame finale, il cui superamento fa conseguire all allievo la qualifica di direttore di istituto penitenziario (art. 14). Gli esami sostenuti nelle discipline universitarie previste nel piano di studio sono riconosciuti a condizione che si sia superato il corso biennale ai fini della laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio, sociologia e psicologia. Il conseguimento del diploma di laurea è subordinato, ovviamente, al superamento di determinati esami integrativi (art. 15). Le attività istituzionali dell Istituto superiore di studi penitenziari, alla luce delle modifiche normative anzidette, possono così riassumersi: formazione iniziale, di aggiornamento e di specializzazione per dirigenti amministrativi e tecnici dell Amministrazione penitenziaria; formazione iniziale, di aggiornamento e di specializzazione per direttivi e dirigenti del Corpo di Polizia penitenziaria; formazione iniziale e di aggiornamento per funzionari di area «C»; formazione interprofessionale ed integrata anche con operatori dei servizi della comunità locale; formazione a distanza; attività di indagine sulle problematiche penitenziarie; attività di valorizzazione delle esperienze nel settore penitenziario ed approfondimento della cultura giuridica penitenziaria; attività di elaborazione di modelli operativi e sviluppo di metodologie e modelli di organizzazione del trattamento penitenziario per detenuti ed internati, gestione di progetti-obiettivo con finanziamenti del Fondo Nazionale per la lotta alla droga e del Fondo Sociale Europeo. 8. La giustizia minorile A) Premessa Va necessariamente premesso che l organizzazione degli istituti rieducativi è tutt oggi «in fieri», da un lato lo è ancora per il passaggio delle competenze amministrative ai Comuni ex D.P.R 616/1977 (successivamente è stato emanato il T.U. D.Lgs. 267/2000), da un altro lato, per i recenti mutamenti apportati alla materia dal codice di procedura penale minorile e dalle disposizioni di attuazione dello stesso. La nuova normativa infatti ha eliminato molti dei preesisenti istituti, sostituendoli con altri ed ha chiamato spesso in causa, nello svolgimento delle molteplici attività nei vari settori a favore dei minori, sia i servizi per l amministrazione della giustizia, derivazione del ministero della giustizia, sia i servizi locali sollecitati più volte ad una stretta collaborazione con i primi. Si può facilmente intuire quindi come questo primo periodo successivo all entrata in vigore del codice e delle sue disposizioni di attuazione sia d «assestamento» dovuto alla necessaria individuazione delle rispettive competenze ed alla creazione ed organizzazione degli istituti destinati ad accogliere i minori. Dal 1984 presso il Mini-

10 100 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria stero di grazia e giustizia è istituito un Ufficio per la giustizia minorile, al quale sono attribuite tutte le competenze in materia minorile. B) Centri per la giustizia minorile La disposizione dell art. 6 D.P.R. 448/1988, riconosce il nesso funzionale che deve intercorrere tra l attività giudiziaria e le attività assistenziali minorili, stabilendo che l autorità giudiziaria in ogni stato e grado del procedimento si avvale dei servizi minorili dell amministrazione della giustizia, nonché dei servizi di assistenza istituiti dagli enti locali. I servizi minorili costituiscono i referenti necessari dell attività del giudice e svolgono, quindi, un ruolo processuale definibile in termini di mediazione giudiziaria; fornendo, per un verso, agli organi giudiziari i parametri valutativi necessari alle determinazioni che coinvolgono le esigenze educative e la personalità del giovane, per un altro verso, offrendo al minore gli elementi per assumere decisioni rilevanti sia sotto il profilo sociale che processuale. Si garantisce, così, al minore, non solo il diritto alla difesa per gli aspetti relativi al fatto-reato, ma anche il diritto all assistenza per i profili attinenti alle esigenze educative ed alla personalità. L art. 7 delle disposizioni di attuazione (D.Lgs. 272/1989) del codice disciplinante il processo minorile dispone che i centri di rieducazione per i minorenni, dipendenti dal ministero della giustizia assumono la denominazione di centri per la giustizia minorile, con competenza regionale. A seconda poi delle diverse esigenze nel territorio presso altre città capoluogo di provincia possono essere costituite sezioni distaccate, come pure con decreto del ministro della Giustizia possono essere accorpati in un unico centro i servizi ubicati nell ambito di più regioni. Alla direzione del centro spettano non solo le attribuzioni previste dalla legge per la direzione del centro di rieducazione per minorenni, ma anche funzioni tecniche di programmazione, di coordinamento dell attività dei vari servizi facenti parte dei centri, di cui si dirà più tardi, e di collegamento con gli enti locali. Proprio per la delicatezza e l importanza di tali compiti alle direzioni dei centri per la giustizia minorile, degli istituti e dei servizi minorili sono preposti funzionari che abbiano già svolto attività significative nel settore minorile o che siano comunque dotati di specifiche attitudini e preparazione. Per un completo espletamento delle attività tecniche, i centri possono usufruire dell assegnazione di personale di servizio sociale e dell area pedagogica. I suddetti centri possono inoltre avvalersi della preziosa collaborazione di sedi scientifiche e di consulenti esterni. Di ogni centro per la giustizia minorile fanno parte una serie di servizi indicati espressamente nell art. 8 (D.Lgs. 272/1989) ed ubicati nel territorio di competenza. Essi sono: a) Gli uffici di servizio sociale per minori. Previsti dall art. 1 del R.D.L. 1404/1934 (modificato dalla legge 25 luglio 1956, n. 888) furono istituiti, per la prima volta, con circolare del Ministero di Grazia e Giustizia n. 3935/2405 dell 8 febbraio Con legge 16 luglio 1962, n intitolata «Ordinamento degli Uffici di servizio sociale e istituzione dei ruoli del personale del predetto servizio» sono stati costituiti presso ogni capoluogo

11 Capitolo 7 L amministrazione centrale 101 del distretto di Corte d Appello o di sezione di Corte d Appello, gli Uffici di Servizio Sociale per minorenni. La stessa legge ha inoltre istituito i ruoli del personale delle carriere direttive e di concetto stabilendone in concreto il numero, le qualifiche e le attribuzioni, i rapporti gerarchici, il modo di accesso e la progressione nelle carriere. Le attribuzioni degli uffici di servizio sociale si desumono dagli artt. 1, 25, 27, 28, 29 della legge 25 luglio 1956, n. 888 e dell art. 2 della legge 16 luglio 1962, n Dall esame dei testi citati si ricava che le attribuzioni dell ufficio di servizio sociale per minorenni riguardano: a) inchieste e trattamenti psicologico-sociali ed ogni altra attività diagnostica e rieducativa, nell ambito dei centri di rieducazione per minorenni ed in relazione a provvedimenti penali, civili e amministrativi emessi dall autorità giudiziaria; b) incarichi di studi e di inchieste sociologiche aventi attinenza con la prevenzione della delinquenza minorile; c) iniziative di misure rieducative, su minori irregolari per condotta o per carattere; d) compiti particolari per la libertà assistita (l ufficio di servizio sociale deve controllare la condotta del libero assistito, aiutarlo a superare le difficoltà, mettendosi in relazione con la famiglia e con gli altri ambienti di vita e riferendo al componente del Tribunale designato); e) la cura dei rapporti del minore internato con la famiglia e con gli altri ambienti di vita, informando dei risultati il Tribunale per i minorenni. b) Gli istituti penali per i minorenni. Le norme di attuazione del nuovo codice hanno soppresso l Istituto di osservazione (per i minori in custodia cautelare) e la Prigione-scuola (per l esecuzione della pena detentiva) prevedendone la sostituzione con l Istituto Penale Minorile (I.P.M.). L Istituto Penale Minorile assolve principalmente funzioni esecutive della pena e della custodia cautelare, nei casi in cui non sia stato possibile attivare la concessione di altre misure non detentive. L organizzazione ed il funzionamento dell istituto trovano la loro disciplina nelle norme dell Ordinamento Penitenziario e nella circ. del 19 gennaio 1995, che rappresenta l unico documento specifico sulla detenzione minorile, e che ne traccia il modello organizzativo e il quadro operativo di riferimento. L esigenza è di individuare una guida di riferimento che consenta di razionalizzare e rendere omogenee sul territorio nazionale modalità operative già in uso, ma anche di riconoscere la necessità di differenziazioni sulla base di un evidente cambiamento nella visione complessiva della delinquenza giovanile. Nel delineare tale modello organizzativogestionale la circolare prende in considerazione diversi profili che attengono all utenza, alle finalità istituzionali, all organizzazione interna e all organizzazione delle attività. Gli I.P.M. sono preposti a due funzioni: l esecuzione della pena e l esecuzione della misura cautelare. Si tratta di funzioni diverse che si rivolgono a utenze diverse e che devono svolgersi possibilmente anche in locali separati. Gli ingressi in istituto per l esecuzione della misura cautelare detentiva riguardano i ragazzi tra i 14 e i 18 anni sulla base di provvedimenti disposti dal magistrato a seguito di arresto o fermo, di violazione della misura cautelare del collocamento in comunità per un periodo non superiore ad un mese o anche di custodia cautelare a seguito della celebrazione del processo di primo e secondo grado. La seconda funzione assicurata dagli I.P.M. è quella dell esecuzione delle pene ed interessa oltre a ragazzi della fascia d età tra 14 e 18 anni, anche quelli della fascia dei giovani adulti tra 18 e 21 anni, sempre che la pena in espiazione si riferisca a reati commessi nella minore età. All interno degli istituti è possibile l esecuzione, ma in locali separati, delle misure della semilibertà e della semidetenzione. Il Magistrato di Sorveglianza, che siede presso il Tribunale per i minorenni competente per territorio, ha il compito di vigilare sullo svolgimento dei vari servizi dell Istituto e sul trattamento dei detenuti ai sensi dell art. 5 del D.P.R. 230/2000.

12 102 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria La struttura organizzativa degli I.P.M. è definita da tre aree funzionali: l area tecnico-pedagogica che comprende educatori, consulenti, animatori ed è coordinata dall educatore più alto in grado e più anziano; l area della sicurezza che attiene alla vigilanza e alla tutela della sicurezza dei ragazzi e della struttura e l area amministrativo-contabile che svolge attività amministrativa relativa al complessivo funzionamento della struttura e del personale. Secondo le disposizioni della circolare ogni istituto dovrebbe essere organizzato in gruppi composti da ragazzi. Ogni gruppo dovrebbe far capo a due educatori che costituiscono i referenti diretti per ogni esperienza del minore, e da sei unità di polizia penitenziaria che partecipano alle attività di osservazione e trattamento dei minori. Le modalità di svolgimento della vita all interno dell istituto sono definite dal regolamento interno che contiene le regole di riferimento, le prassi codificate e formalmente riconosciute, cui tutti, operatori e ragazzi, devono attenersi. Il regolamento rappresenta la normativa interna dell istituto; esso deve necessariamente essere predisposto e viene ratificato con un ordine di servizio del direttore. La circolare individua in modo generale gli ambiti che il regolamento dovrà definire nei particolari (es. colloqui, perquisizioni, pasti, attività di studio e di lavoro, organizzazione e gestione delle sezioni di isolamento destinate ai ragazzi esclusi dalle attività in comune). In mancanza di un unico regolamento specificamente pensato dal legislatore per gli istituti penali minorili, il regolamento interno rappresenta l unica norma di riferimento e deve essere conforme con quanto disposto in generale dal regolamento in uso negli istituti penali per adulti. La parte della circolare che definisce l organizzazione delle attività, definisce la formazione scolastica e quella professionale. Per i minori in custodia cautelare possono essere organizzate attività di pre-orientamento formativo, che si caratterizzano come brevi esperienze di impegno lavorativo, affidate a cooperative o artigiani, e finalizzate all individuazione di attitudini e potenzialità individuali. L organizzazione delle attività scolastiche e professionali dovrebbe tendere a sviluppare le integrazioni con la comunità esterna in modo da diminuire le distanze tra il carcere e il territorio e coinvolgere quest ultimo in un ruolo più responsabile nei confronti dei minori in carcere. c) I centri di prima accoglienza. Tali centri ospitano i minorenni arrestati o fermati, accompagnati dalla polizia giudiziaria, fino all udienza di convalida. I centri di prima accoglienza devono assicurare la permanenza dei minori per il tempo necessario alla loro consegna all esercente la potestà o all affidatario o a persona da questi incaricata. Il termine massimo per cui il minore può essere trattenuto è di dodici ore. I Centri non debbono caratterizzarsi come strutture di tipo carcerario e ove possibile devono essere situati presso gli uffici giudiziari minorili ed in nessun caso possono trovarsi all interno di istituti penitenziari. d) Le comunità. In forza del D.P.R , n. 448 i centri per la giustizia minorile stipulano convenzioni con comunità pubbliche e private, associazioni e cooperative che operino in campo adolescenziale e che siano riconosciute o autorizzate dalla regione competente per territorio; possono inoltre organizzare proprie comunità, anche in gestione mista con gli enti locali. Il comma 2 dell art. 10 ha fissato alcuni criteri guida ai quali deve rispondere l organizzazione e la gestione delle comunità: organizzazione di tipo familiare che prevede la presenza anche di minori non sottoposti a procedimento penale e capienza non superiore alle 10 unità, in modo che siano garantiti, anche col supporto di progetti educativi personalizzati, una conduzione ed un clima, significativi sul piano educativo; utilizzazione di operatori professionali delle diverse discipline; collaborazione di tutte le istituzioni interessate ed utilizzazione delle risorse del territorio. Tali strutture sono destinate ad accogliere i minorenni a cui è stata applicata la misura cautelare del collocamento in comunità o la misura di sicurezza del riformatorio giudiziario (artt. 18, 18bis, 22, 36 e 37, D.P.R. 448/1988).

13 Capitolo 7 L amministrazione centrale 103 È prevista inoltre la possibilità che operatori dei servizi minorili dell amministrazione della giustizia siano distaccati presso comunità e strutture pubbliche o convenzionate per lo svolgimento di compiti di collaborazione interdisciplinare. e) Gli istituti di semilibertà con servizi diurni per misure cautelari, sostitutive ed alternative. È espressamente previsto che gli istituti di semilibertà e di semidetenzione siano organizzati e gestiti in modo da assicurare una effettiva integrazione con la comunità esterna (art. 11 disp. att. c.p.p.m.) ed inoltre che nelle attività scolastiche, di formazione lavoro e di tempo libero siano valorizzate le risorse del territorio in collaborazione con i servizi degli enti locali. Negli istituti di semilibertà vengono ricoverati i minori in espiazione di pena ammessi alla misura alternativa della detenzione in semilibertà (art. 50, L. 354/1975); nei secondi (Istituti di semidetenzione) i minori a cui è stata irrogata la sanzione sostitutiva della semidetenzione.

14 104 Parte terza Organi dell esecuzione penitenziaria Questionario 1. Secondo quale schema organizzativo è strutturata l amministrazione centrale dell amministrazione penitenziaria? (par. 2) 2. Quali sono i compiti del dipartimento dell amministrazione penitenziaria? (par. 2) 3. Quali sono le attività dell Istituto superiore di studi penitenziari? (par. 7) 4. Cosa sono gli IPM? (par. 8) 5. Chi ospita i centri di prima accoglienza? (par. 8) 6. Nell ambito del dipartimento dell amministrazione penitenziaria, a chi spettano le attività in materia d esecuzione penale esterna? (par. 3) 7. Come si concretizza il decentramento sull amministrazione penitenziaria? (par. 2) 8. Quale qualifica deve avere il Capo del Dipartimento dell amministrazione penitenziaria? (par. 4) 9. Come viene nominato il Capo del Dipartimento dell amministrazione penitenziaria? (par. 4) 10. Quali sono i servizi minorili della giustizia, attraverso i quali ogni Centro per la giustizia minorile opera sul territorio? (par. 8)

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

05217089 carlo.berdini@giustizia.it

05217089 carlo.berdini@giustizia.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Berdini Carlo 29/03/1967 II Fascia Dirigente Direttore

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis

Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis Titoli di studio Ho conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo ginnasio Orazio di Roma con la votazione massima, ed il diploma di laurea

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE) CCNI_MG

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO (D.lgs. 81/2008 e s.m.i. e D.M. 363/1998) Emanato con Decreto Rettorale n. 665 del 18/09/2012 FONTI

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato E (DGM) Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE)

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Div. XII decreto n. 1986/05 Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali VISTA la legge 06 febbraio 2004, n. 36 concernente il nuovo ordinamento del Corpo Forestale dello Stato; VISTI i decreti in

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Cognome e nome Campanelli Delia. Data di nascita 19.10.1954

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Cognome e nome Campanelli Delia. Data di nascita 19.10.1954 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Campanelli Delia Data di nascita 19.10.1954 Qualifica Dirigente con funzione dirigenziale generale Amministrazione Ministero dell istruzione, dell

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Schema di DPR Regolamento di organizzazione del Ministero della giustizia - Relazione

Schema di DPR Regolamento di organizzazione del Ministero della giustizia - Relazione Schema di DPR Regolamento di organizzazione del Ministero della giustizia - Relazione Schema di Decreto del Presidente della Repubblica recante Regolamento di organizzazione del Ministero della giustizia

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Indice sommario - Costituzione della Repubblica italiana... pag. XLVII - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» LXIX Titolo I - Trattamento penitenziario

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N.

DECRETO MINISTERIALE N. DECRETO MINISTERIALE N. 91 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui è attuato il Progetto- ESABAC (rilascio del doppio diploma italiano

Dettagli

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri The object of education is to prepare the young,to educate themselves throughout their

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MARTOCCIA ROSA MARIA Anno di nascita 1959 Qualifica DIRIGENTE I FASCIA Incarico attuale DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131)

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131) Università degli studi di Napoli L Orientale Regolamento di Ateneo per l accesso all impiego del personale amministrativo, tecnico e dirigenziale a tempo indeterminato e determinato dell Università degli

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Istituzione della scuola superiore della magistratura, nonché disposizioni in tema di tirocinio e formazione dei magistrati ordinari aggiornamento professionale

Dettagli

INDICE. ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (O.I.V.) pag. 148

INDICE. ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (O.I.V.) pag. 148 INDICE GABINETTO DEL MINISTRO pag. 1 Servizio interrogazioni parlamentari pag. 2 Servizio rapporti con il Parlamento pag. 4 Servizio rapporti con il Consiglio Superiore della Magistratura pag. 6 Ufficio

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTINI SIMONETTA Data di nascita 23/09/1966. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0666165122

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTINI SIMONETTA Data di nascita 23/09/1966. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0666165122 INFORMAZIONI PERSONALI Nome VALENTINI SIMONETTA Data di nascita 23/09/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - UFFICIO CONTENZIOSO 0666591839

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Dirigente - dipartimento amministrazione penitenziaria- direzione generale del personale e della formazione MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Dirigente - dipartimento amministrazione penitenziaria- direzione generale del personale e della formazione MINISTERO DELLA GIUSTIZIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome ignarra antonella Data di nascita 16/04/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - dipartimento amministrazione penitenziaria-

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008 Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore Nota Circolare UPPA n. 01/08, lì 8 Gennaio 2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it Sulla Gazzetta Ufficiale n.148 del 27.6.2012 risulta pubblicato il decreto legge n.87/2012 contenente misure

Dettagli

Cons. Nicola Durante (Magistrato del T.A.R. Calabria)

Cons. Nicola Durante (Magistrato del T.A.R. Calabria) Cons. Nicola Durante (Magistrato del T.A.R. Calabria) VALENZA DELLA FORMAZIONE UNIVERSITARIA E POST UNIVERSITARIA AI FINI DELL ACCESSO AI RUOLI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Relazione svolta al convegno

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: 11.11.2014 Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Molise. IL MINISTRO Visti gli articoli

Dettagli

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL.

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 6-09-1999 REGIONE PUGLIA Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 94 del 8

Dettagli

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Allegato alla D.G.C. n. 63 del 07/09/2011 COMUNE DI CALCATA Provincia di Viterbo METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Considerazioni

Dettagli

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011.

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l'autonomia Scolastica Ufficio VI C.M. n.17 MIURAOODGOS

Dettagli

0000000000 liliana.dellechiaie@giustizia.it

0000000000 liliana.dellechiaie@giustizia.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Delle Chiaie Liliana 03/09/1960 II Fascia Dirigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale Decreto n. 460 del 28 Maggio 2008 IL DIRETTORE GENERALE VISTO Il D. L.gs 165/01 ed in particolare il disposto degli artt. 12, 16 lett. f) e 17; VISTO Il DPR 260/2007, in particolare l articolo 7, che prevede

Dettagli

1. É istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell 'V niversità degli Studi di

1. É istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell 'V niversità degli Studi di \ UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI CAPO I ISTITUZIONE DELLA SCUOLA Art. 1 - Istituzione della Scuola 1. É istituita presso la Facoltà

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI Allegato A PREMESSA Il presente regolamento definisce le procedure per l affidamento, la conferma e la revoca degli incarichi dirigenziali di

Dettagli

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ;

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ; DECRETO 29 dicembre 2009. Individuazione degli ufþ ci di livello dirigenziale non generale degli UfÞ ci scolastici regionali per la Sicilia. IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTO l articolo 87, comma quinto, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l'articolo 1 del decreto-legge 16 dicembre

Dettagli

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato A (DOG) Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale dell Amministrazione Giudiziaria

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio

REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio 1. Elenchi La predisposizione e l aggiornamento degli elenchi degli iscritti negli albi disponibili ad assumere, a richiesta

Dettagli

10/02/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 12. Regione Lazio

10/02/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 12. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE RISORSE UMANE E SISTEMI INFORMATIVI Atti dirigenziali di Gestione Atto di Organizzazione 9 febbraio 2015, n. G01030 Ricerca di professionalità per l'affidamento dell'incarico di

Dettagli

Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO (FR)

Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO (FR) INFORMAZIONI PERSONALI Nome CERSOSIMO NADIA Data di nascita 19/03/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - DIREZIONE CASA DI RECLUSIONE DI PALIANO

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA

REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DELL AERO CLUB D ITALIA Approvato con delibera C. F. n. 109/2014 REGOLAMENTO SULLA ISTITUZIONE DEL NUCLEO DI

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore elettrico,

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

Ministero della Giustizia. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi

Ministero della Giustizia. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Revisione delle circoscrizioni giudiziarie Uffici del Giudice di Pace Circolare di istruzioni per l attuazione

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO TITOLO I Principi generali Art. 1 Finalità e definizioni 1. L Accademia di Belle Arti di Palermo, di seguito denominata Accademia, è un istituzione pubblica di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6229 PROPOSTE DI LEGGE D INIZIATIVA DEI SENATORI TOMASSINI; TOMASSINI; BETTONI, BRANDANI, MASCIONI, BAIO DOSSI, CARELLA, CORTIANA, DI GIROLAMO,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DISABILI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Emanato con D.R. n. 686 del 29 novembre 2010 Entrato in vigore il 1 dicembre

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 5 Regolamento ai sensi dell art. 22 L. n. 247/12 sui corsi per l iscrizione all Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Prot. 3 6 4 1 / A 6 Lecco, 24 luglio 2015. All Albo dell Istituto. Sede. A tutti gli interessati. Al Sito web dell Istituto AVVISO PUBBLICO

Prot. 3 6 4 1 / A 6 Lecco, 24 luglio 2015. All Albo dell Istituto. Sede. A tutti gli interessati. Al Sito web dell Istituto AVVISO PUBBLICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Istituto Superiore Lorenzo Rota di Calolziocorte Liceo Scientifico Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Liceo delle Scienze Umane Amministrazione,

Dettagli