Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005"

Transcript

1 Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 RAPPORTO ATTIVITA DEL GARANTE PER ADOZIONE NELLA PROSSIMA SEDUTA CONSILIARE del DELLE SEGUENTI VARIANTI: - scheda norma 2 - T2 e adeguamento cartografia presa d atto tracciato autostradale e viabilità secondaria - Vada - impianto di depurazione in loc. Malandrone - Comune di Castellina M.ma - scheda norma 6 - T12 Via del Vaiolo - Nibbiaia - scheda norma 3- T13 loc. Fonte Acquaiola, Le Morelline Rosignano Solvay In riferimento alle varianti in oggetto, le cui adozioni sono state inserite all ordine del giorno della seduta di Consiglio Comunale del 18 luglio 2013, ai sensi dell art. 17, comma 4 della L. R. T. n. 1/2005, sono state svolte le sottospecificate attività: 1) VARIANTE PARZIALE ALL'ALLEGATO 1 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA COMPARTO 2-T2 IN VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D'ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLE VIABILITÀ SECONDARIE La variante è finalizzata alla riperimetrazione del comparto 2-t2 posto sul Viale Italia a Vada ed alla contestuale modifica della scheda norma presente nell allegato 1 del vigente Regolamento Urbanistico. La variante si rende necessaria a seguito della realizzazione della nuova bretella stradale e della relativa rotatoria da parte della Società Autostrade Tirreniche (S.A.T.) che ha modificato il tracciato originario previsto nel Regolamento Urbanistico, riducendo di fatto la superficie del comparto ed imponendo una revisione della scheda norma 2-t2. Oltre alle modifiche al perimetro del comparto 2-t2 e ai contenuti della scheda norma, a seguito della realizzazione del nuovo tratto autostradale e delle opere di riqualificazione ed integrazione della viabilità esistente si aggiorna la cartografia 10K e 2K del Regolamento Urbanistico vigente. Tale procedimento è stato avviato con decreto dell autorità competente n. 46 del e, in data l autorità competente con decreto n. 77 è stato escluso, con prescrizioni, dalla procedura della V.A.S. la variante parziale al R.U. di cui trattasi. In riferimento a tale variante è stata svolta la seguente attività: Redazione in data 20 maggio 2013 dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma 2-t2 relativa alla realizzazione di un complesso polifunzionale a prevalente destinazione commerciale, ubicato a Vada in località Il Poggetto - Viale Italia. contenente i seguenti dati informativi:

2 Pubblicizzazione dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma 2-t2 relativa alla realizzazione di un complesso polifunzionale a prevalente destinazione commerciale, ubicato a Vada in località Il Poggetto - Viale Italia mediante: - affissione dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS all Albo Pretorio Comunale dal giorno 24 maggio 2013 al giorno 8 giugno 2013; - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS, di tutti gli atti e relativi allegati dal 6 maggio 2013 su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 24 maggio 2013 su: - pubblicazione di comunicato stampa contenente tutti gli elementi essenziali dell avviso sul sito comunale alla pagina: Home / Comune informa / comunicati stampa dal 27 maggio 2013; - quotidiano Il Tirreno cronaca locale del 28 maggio 2013; - passaggio televisivo del medesimo comunicato stampa presso l emittente Telegranducato di Toscana, durante i notiziari del 28 maggio 2013; Successivamente al termine dell iter della procedura di verifica di assoggettabilità a VAS su comunicazione dell arch. Maria Libera Silvestri del 28 giugno 2013, si è proceduto con Redazione in data 28 giugno 2013 dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma 2-t2 relativa alla realizzazione di un complesso polifunzionale a prevalente destinazione commerciale, ubicato a Vada in località Il Poggetto - Viale Italia contenente i seguenti dati informativi: Pubblicizzazione dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma 2-t2 relativa alla realizzazione di un complesso polifunzionale a prevalente destinazione commerciale, ubicato a Vada in località Il Poggetto - Viale Italia mediante: - affissione dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS all Albo Pretorio Comunale dal giorno 3 luglio 2013; - pubblicazione sul sito internet dell Ente del decreto di esclusione e della conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS, di tutti gli atti e relativi allegati su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa della conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 3 luglio 2013 su: - pubblicazione di comunicato stampa contenente tutti gli elementi essenziali

3 dell avviso sul sito comunale alla pagina: Home / Comune informa / comunicati stampa dal 10 luglio 2013; - quotidiano Il Tirreno cronaca locale del 14 luglio 2013; - passaggio televisivo del medesimo comunicato stampa presso l emittente Telegranducato di Toscana, durante i notiziari del 14 luglio 2013; ) VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO RELATIVA ALLA DIVERSA LOCALIZZAZIONE DELL AREA DESTINATA ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DEI REFLUI CIVILI A SUPPORTO SIA DELLE ABITAZIONI CIVILI CHE DI ATTIVITÀ ARTIGIANALI, COMMERCIALI IN LOC. MALANDRONE COMUNE DI CASTELLINA M.MA La variante riguarda la diversa localizzazione dell area da destinarsi ad impianto di depurazione a servizio dei reflui a servizio dell area artigianale, commerciale e delle abitazioni civili presenti in loc.- Malandrone nel Comune di Castellina M/ma. Tale variante si rende necessaria a seguito della recente realizzazione del tratto autostradale che ha interessato questa zona, ivi compresa la bretella di collegamento con la variante Aurelia. Il tratto autostradale infatti, ha modificato il tracciato originario andando ad occupare aree più prossime all area destinata all impianto in questione e determinando una nuova posizione delle fasce di rispetto stradali che si sono sovrapposte, di fatto, all area destinata all impianto di depurazione. Di conseguenza risulta necessaria una traslazione dell area da destinarsi allo scopo in questione in modo tale da non interessare le fasce di rispetto stradale totalmente inedificabili e rendere possibile la costruzione dei manufatti e delle relative pertinenze del depuratore. Il procedimento di verifica assoggettabilità a VAS è stato avviato con decreto dell autorità competente n. 153 del 08/10/2012 e, con Decreto n. 2 dell è stato escluso dalla procedura della V.A.S. la variante parziale al R.U. di cui trattasi. In riferimento a tale variante è stata svolta la seguente attività: Redazione in data 14 novembre 2012 dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della variante parziale al Regolamento Urbanistico per diversa localizzazione depuratore del Comune di Castellina Marittima in loc. Malandrone, contenente i seguenti dati informativi: Pubblicizzazione dell informativa della procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della variante parziale al Regolamento Urbanistico per diversa localizzazione depuratore del Comune di Castellina Marittima in loc. Malandrone, mediante: - mail della Garante della Comunicazione del Comune di Rosignano Marittimo di richiesta comunicati stampa da pubblicare sul sito del comune e divulgare presso i quotidiani e TV locali oltre all affissione all Albo Pretorio Comunale dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS del giorno 14 novembre 2012; - affissione dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS

4 all Albo Pretorio Comunale dal giorno 15 novembre 2012 al giorno 30 novembre 2012; - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS, dal 15 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 14 novembre 2012 su: - pubblicazione sul sito comunale del documento preliminare del marzo 2012, in data 15 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito comunale del decreto del dirigente n. 153/2012 circa la presa d atto del documento prelibare di verifica assoggettabilità VAS dal 15 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito comunale del provvedimento di verifica con decreto dirigenziale n. 2 dell 8 gennaio 2013, dal 7 maggio 2013; ) VARIANTE PARZIALE ALL'ALLEGATO 1 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA COMPARTO 6-T12 UBICATO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE DENOMINATA VIA DEL VAIOLO, CHE COLLEGA LA LOC. CHIOMA CON LA FRAZIONE DI NIBBIAIA La scheda norma 6-t12 dell allegato 1 del R.U., detta le regole per la realizzazione di un punto ristoro con zona esterna attrezzata, in un area ubicata lungo la strada provinciale denominata Via del Vaiolo, che collega la loc. Chioma con la frazione di Nibbiaia nel Comune di Rosignano M.mo ( Li). La scheda norma vigente prescrive che la nuova struttura sia realizzata al di fuori delle aree perimetrate a bosco per una superficie coperta di mq. 80. La presenza però della fascia di rispetto stradale e del bosco rendono, ad oggi, sostanzialmente impossibile realizzare il piccolo fabbricato. Per quanto sopra evidenziato, al fine di rendere fattibile l intervento, risulta necessario procedere ad una riperimetrazione del comparto, nel pieno rispetto dei confini di proprietà, al fine di dare attuazione a quanto previsto nel Regolamento Urbanistico vigente. In particolare la modifiche relative alla variante in oggetto consistono: 1) nuova perimetrazione dell area oggetto di intervento verso ovest e conseguente esclusione dal comparto di alcune aree con presenza di bosco; 2) riduzione della superficie complessiva del comparto da mq a mq. 4600; 3) Possibilità di realizzare un piano seminterrato per ubicare i servizi necessari all attività. 4) Definizione della disciplina urbanistica ad avvenuta realizzazione dell edificio; Introduzione di un vincolo decennale sulla destinazione d uso dell immobile Il procedimento di verifica assoggettabilità a VAS è stato avviato con decreto dell autorità competente n. 161 del 16/10/2012 e, con Decreto n. 3 del , ha escluso dalla procedura della V.A.S. la variante parziale al R.U. di cui trattasi. In riferimento a tale variante è stata svolta la seguente attività:

5 Redazione in data 14 novembre 2012, dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della variante parziale al Regolamento Urbanistico, scheda norma 6-T12 in Nibbiaia, contenente i seguenti dati informativi: Pubblicizzazione dell informativa Informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della variante parziale al Regolamento Urbanistico, scheda norma 6-T12 in Nibbiaia, mediante: - mail della Garante della Comunicazione del Comune di Rosignano Marittimo di richiesta comunicati stampa da pubblicare sul sito del comune e divulgare presso i quotidiani e TV locali oltre all affissione all Albo Pretorio Comunale dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS del giorno 14 novembre 2012; - affissione dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS all Albo Pretorio Comunale dal giorno 15 novembre 2012 al giorno 30 novembre 2012; - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS, dal 24 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 10 aprile 2013 su: - pubblicazione sul sito comunale del documento preliminare del marzo 2012, in data 24 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito comunale del decreto del dirigente n. 161/2012 circa la presa d atto del documento prelibare di verifica assoggettabilità VAS dal 24 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito comunale del provvedimento di verifica con decreto dirigenziale n. 3 dell 8 gennaio 2013, dal 7 maggio 2013 su: Successivamente al termine dell iter della procedura di verifica di assoggettabilità a VAS si è proceduto Redazione in data 23 gennaio 2013 dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma scheda norma 6-T12 in Nibbiaia contenente i seguenti dati informativi:

6 Pubblicizzazione dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma scheda norma 6-T12 in Nibbiaia mediante: - mail della Garante della Comunicazione del Comune di Rosignano Marittimo di richiesta comunicati stampa da pubblicare sul sito del comune e divulgare presso i quotidiani e TV locali oltre all affissione all Albo Pretorio Comunale dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS del giorno 14 novembre 2012; - affissione dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS all Albo Pretorio Comunale dal giorno 28 gennaio 2013 al giorno 12 febbraio 2013; - pubblicazione sul sito internet dell Ente del decreto di esclusione e della conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS, su: - pubblicazione sul sito comunale del provvedimento di verifica con decreto dirigenziale n. 3 dell 8 gennaio 2013, dal 7 maggio 2013 su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa della conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 6 maggio 2013 su: ) VARIANTE PARZIALE ALL'ALLEGATO 1 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA COMPARTO 3-T13 UBICATO IN ROSIGNANO SOLVAY, LOC. FONTE ACQUAIOLA MORELLINE ROSIGNANO SOLVAY L area oggetto della variante si configura attualmente nel vigente regolamento Urbanistico quale area di trasformazione 3-t13 con destinazione artigianale industriale e di servizio, disciplinata dall allegato 1 del R.U. L intervento è previsto in un area, dalla forma triangolare,ricompresa tra via Filidei, via delle Pescine, via del Mondiglio e la Loc. Le Morelline in Rosignano Solvay La variante ha la finalità di modificare la destinazione d uso dell area dall attuale prevista dalla scheda norma da artigianale industriale e di servizio alla destinazione commerciale direzionale e servizi categoria 3 (commerciale), 5 (direzionale) e 6 (di servizio) del R.U. La variante mantiene inalterato l attuale carico urbanistico previsto dal vigente R.U. pari ad una Sc di mq All interno della superficie coperta ammessa dalla scheda norma vigente potranno essere realizzate le due medie strutture di vendita. In particolare la modifiche relative alla variante in oggetto consistono: 1) modifica delle destinazioni d uso da artigianale direzionale e servizi a commerciale, alimentare e non alimentare, direzionale, servizi.;

7 2) modalità attuative: da piano attuativo a intervento diretto previa approvazione di planovolumetrico. La scelta di attuare gli interventi oggetto di variante con una modalità diretta e pertanto più veloce, deriva dalla conoscenza che trattasi di un area interclusa" tra aree edificate dotate sia di infrastrutture a rete già ampliamente dimensionate per la nuova destinazione urbanistica sia di viabilità esistente sufficiente per le necessità del comparto. Le opere di urbanizzazione primaria consisteranno esclusivamente in parcheggi, verde e viabilità interna ai parcheggi stessi da realizzare e cedere all Amministrazione com.le secondo i parametri previsti dalle leggi e regolamenti vigenti in materia sulle singole destinazioni. 3) Possibilità di realizzare n. 2 medie strutture di vendita ; 4) Una diversa progettazione delle altezze degli edifici che comunque non saranno maggiori a tre piani fuori terra per il fabbricato polifunzionale ove presenti contemporaneamente sia attività commerciali di vicinato, sia attività direzionali sia di servizio. 5) Definizione della disciplina urbanistica ad avvenuta realizzazione dell edificio; 6) Introduzione di un vincolo decennale sulle destinazioni d uso degli immobili. Tale procedimento è stato avviato con Decreto dell Autorità Competente n. 154 del 08/10/2012 e con Decreto n. 33 del è stato escluso, con prescrizioni, dalla procedura della V.A.S. In riferimento a tale variante è stata svolta la seguente attività: Redazione in data 14 novembre 2012 dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della variante parziale al Regolamento Urbanistico, scheda norma 3-t13 al fine di realizzare n. 3 medie strutture di vendita ed uffici privati in loc. Fonte Acquaiola - Le Morelline a Rosignano Solvay, contenente i seguenti dati informativi: Pubblicizzazione dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della variante parziale al Regolamento Urbanistico, scheda norma 3-t13 al fine di realizzare n. 3 medie strutture di vendita ed uffici privati in loc. Fonte Acquaiola - Le Morelline a Rosignano Solvay mediante: - mail della Garante della Comunicazione del Comune di Rosignano Marittimo di richiesta comunicati stampa da pubblicare sul sito del comune e divulgare presso i quotidiani e TV locali oltre all affissione all Albo Pretorio Comunale dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS del giorno 14 novembre 2012; - affissione dell informativa di avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS

8 all Albo Pretorio Comunale dal giorno 15 novembre 2012 al giorno 30 novembre 2012; - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 15 ottobre 2012 su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa dell avvio procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 10 aprile 2013 su: - pubblicazione nel sito comunale di verifica di assoggettabilità a VAS dal giorno 15 ottobre 2012 su: - pubblicazione nel sito comunale di presa d atto del documento preliminare di verifica assoggettabilità VAS con decreto dirigenziale n. 154/2012 su: Successivamente al termine dell iter della procedura di verifica di assoggettabilità a VAS Redazione in data 9 aprile 2013 dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma 3-t13 al fine di realizzare n. 3 medie strutture di vendita ed uffici privati in loc. Fonte Acquaiola - Le Morelline a Rosignano Solvay contenente i seguenti dati informativi: Pubblicizzazione dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica della proposta di variante parziale al Regolamento Urbanistico consistente nella modifica della scheda norma 3-t13 al fine di realizzare n. 3 medie strutture di vendita ed uffici privati in loc. Fonte Acquaiola - Le Morelline a Rosignano Solvay mediante: - affissione dell informativa di conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS all Albo Pretorio Comunale dal giorno 10 aprile 2013 al giorno 25 aprile 2013; - pubblicazione sul sito internet dell Ente del decreto di esclusione e della conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS, dal giorno 11 luglio 2013 su: - pubblicazione sul sito internet dell Ente dell informativa della conclusione procedura verifica di assoggettabilità a VAS dal 12 aprile 2013 su: - pubblicazione di comunicato stampa contenente tutti gli elementi essenziali dell avviso sul sito comunale alla pagina: Home / Comune informa / comunicati stampa dall 11 aprile 2013; - quotidiano Il Tirreno cronaca locale del 24 aprile 2013;

9 - passaggio televisivo del medesimo comunicato stampa presso l emittente Telegranducato di Toscana, durante i notiziari del 24 aprile 2013; chiarimenti, né contributi e/o suggerimenti in merito Oltre ai procedimenti sopradescritti è stata data comunicazione dell adozione delle suindicate varianti anche nell Homepage del Comune nella sezione Primo Piano dalla data del 17 luglio Il presente rapporto viene redatto e trasmesso alla responsabile del procedimento di cui alla variante in oggetto, nel rispetto di quanto previsto dall art. 20 comma 2 della L.R.T. 3/01/2005 n. 1 e dell art. 3 delle norme regolamentari inerenti l attività del Garante della Comunicazione, approvate con deliberazione di Consiglio Comunale n. 188 del 30/09/2005, esecutiva ai sensi di legge. Rosignano Marittimo 17 luglio 2013 LA GARANTE DELLA COMUNICAZIONE Daniela Ronconi

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Comune di Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Ufficio: URBANISTICA Settore: Servizi Urbanistica PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 04-06-2015 Oggetto: Piano di Miglioramento Aziendale ai

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO

Dettagli

Definitivo. Prof. Ing. Antonio Chirico Redazione del Piano e Project management

Definitivo. Prof. Ing. Antonio Chirico Redazione del Piano e Project management Prof. Ing. Antonio Chirico Redazione del Piano e Project management Dr. Geol. Alessandro De Stefanis - Dr Geol. Pietro De Stefanis geosarc - Studi Associati di Ricerche e Consulenze geologiche Consulenza

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA Il presente progetto è relativo all attuazione delle previsioni del PGT vigente relativamente all AREA B9 (area di concentrazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento Variazione del tracciato della strada di collegamento tra la via vecchia e la via nuova Val D Orme in variante al PS e RU adottata con Del. C.C. n.12 del 21.02.2011. APPROVAZIONE DEFINITIVA RELAZIONE FINALE

Dettagli

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del.

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA Legge Regionale 5 dicembre 1977 n. 56 e successive modifiche ed integrazioni PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Approvato con D.G.R.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005

Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 Garante della Comunicazione Artt. 19 e 20 L.R.T. n. 1/2005 RAPPORTO ATTIVITA DEL GARANTE PER ADOZIONE NELLA PROSSIMA SEDUTA CONSILIARE del 30 settembre 2013 DELLE SEGUENTI VARIANTI: - scheda norma 5-iru2,

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica COMUNE DI SCANSANO Prov. di Grosseto IL SINDACO Avv. Sabrina Cavezzini IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 4 SERVIZI PER IL TERRITORIO Arch. Daniela Giura Comune di Scansano Variante

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE Comune di Venezia Progetto AEV DESE Relazione descrittiva delle opportunita di sviluppo immobiliare di un area destinata ad attrezzature economiche varie, ad uso industriale logistico - commerciale direzionale

Dettagli

MUTUI IN AMMORTAMENTO

MUTUI IN AMMORTAMENTO MUTUI IN AMMORTAMENTO Elenco generale Quote capitale (Titolo III) Ratei interessi (Titolo I) Quadro generale mutui in ammortamento BANCA INFRASTRUTTURE INNOVAZIONE E SVILUPPO SPA N. Finalità Importo Iniziale

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata.

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata. COMUNE DI LARI LINEE GUIDA SUL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE INTEGRATA L..R.. n 1/ /2005 e D..P.G.R.. n 4/ /R/2007 Criteri applicativi per i Piani attuativi Apppprroovvaat tee ccoonn Deel libbeerraazzi ioonnee

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n.23.1 P.TA A MARE VIA DI VIACCIA D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del14/05/2009 - Il segretario

Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del14/05/2009 - Il segretario Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del14/05/2009 - Il segretario Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 39 del 24/10/2009 - Il segretario Documento aggiornato con le modifiche previste

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 643-17.11.2015 P.G.n. 175278 OGGETTO: Area Pianificazione Urbana e Mobilità. Settore Urbanistica. Approvazione progetto esecutivo e aggiornamento della Bozza modifica

Dettagli

QUERCE" IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE.

QUERCE IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE. Oggetto: VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE "DUE QUERCE" IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - con delibera della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa 3 SETTORE Ufficio Urbanistica RELAZIONE TECNICA-URBANISTICA ISTRUTTORIA PRATICA EDILIZIA: n 04/2010 Intestatario:Taliani Luigi ed altri Oggetto Intervento: Lottizzazione

Dettagli

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A Comune di Vinci Variante al Piano Strutturale Relazione ALLEGATO A OGGETTO: Variante al Piano Strutturale, ai sensi dell art. 17 della L.R. 1/2005, per l aggiornamento delle carte di pericolosità idraulica

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E. VISTA la propria delibera n. 06 del 31.03.2011, di adozione in variante del Piano Attuativo in oggetto;

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E. VISTA la propria delibera n. 06 del 31.03.2011, di adozione in variante del Piano Attuativo in oggetto; Oggetto: Approvazione Piano Attuativo in variante alla Scheda Norma 5.4 via Prinetti del Regolamento Urbanistico - realizzazione di insediamento residenziale con verde e parcheggio pubblico. I L C O N

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione ALLEGATO A4 ALLA DELIBERAZIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA N. DEL 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE Adozione Relazione e Certificazione del Responsabile del Procedimento Agosto 2015 1 VARIANTE

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI N. 6 LOTTI EDIFICABILI RESIDENZIALI Spazio riservato all Ufficio Protocollo Spazio riservato

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB

COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB ente COMUNE DI G.C. Codice ente 10139 MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo OGGETTO: sigla numero L anno duemilaquindici addì ventisei del mese di marzo alle ore 16.45 nella PIROVANO DAISY SINDACO

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE SCHEMA DELIBERA ADOZIONE AREA: Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica, E.R.P. e Mobilità Alla Giunta Comunale Sede N Prop. Del. N Prop. Dir. OGGETTO: Adozione del Piano Attuativo

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R.

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/05) Approvato con deliberazione di C.C. n.. del esecutivo dal. SERVIZIO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E CONSEGUENTE ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 86 AL P.R.G.C. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: -

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di San Gimignano è dotato di Piano Strutturale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.78 del 30 novembre 2007. Con Deliberazione n.101 del 22

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino

Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino OGGETTO: VENDITA DI LOTTI EDIFICABILI UBICATI NELL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE DESTINATA DALLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE AD UN AREA PROGETTO PREVALENTEMENTE

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT Il Sindaco Sottopone al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione: IL

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento;

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento; IRIDE 1142136 Delib. n. - N. P.G. OGGETTO:Adozione Variante al Piano di Recupero in variante al vigente Piano delle Regole Immobiliare Supercinema c.so Garibaldi La Giunta comunale propone al Consiglio

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO In prosieguo di seduta il Presidente passa alla trattazione del punto 1 dell ordine del giorno aggiuntivo, avente ad oggetto: Approvazione definitiva regolamento urbanistico ai sensi dell art. 36 della

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valore Militare per attività partigiana Pag. 1 SERVIZIO URBANISTICA - ATTIVITÀ ESTRATTIVE - PROGETTI STRATEGICI - MARKETING TERRITORIALE - COMUNICAZIONE ORIGINALE

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 2 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE N.3 AI SENSI ART.17 COMMA 8 LETTERA C L.R. N.56/77 e s.m.i. RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO CAPO SEZIONE TECNICO ING.

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo ------------- Città Metropolitana di Milano -------------

Città di Cinisello Balsamo ------------- Città Metropolitana di Milano ------------- Città di Cinisello Balsamo ------------- Città Metropolitana di Milano ------------- Giunta Comunale Proposta n. 89 del 22/03/2016 Oggetto: ADOZIONE DELLA PROPOSTA DI VARIANTE AL VIGENTE PII RELATIVO ALL'AMBITO

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 GENERALITA Il comparto edificabile Cver01 può essere utilizzato in conformità a quando previsto nel R.U. nonché delle norme di cui agli articoli seguenti. ART. 2 NORME

Dettagli

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri SERVIZIO MOBILITA, STRADE, CENTRO STORICO E CIMITERI P.zza Mercatale, 31 59100 Prato Fax 0574.183.7368 www.comune.prato.it Orario di apertura al pubblico Lunedì 9.00 13.00 Giovedì 9.00-13.00 e 15.00-17.00

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI REGGELLO (PROVINCIA DI FIRENZE) ORIGINALE DELIBERA n. 19 del 31/01/2012 VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE

COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE ELABORATO D - BOZZA CONVENZIONE PIACENZA 10 APRILE 2015 1 B

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

PRIMA VARIANTE AL PGT

PRIMA VARIANTE AL PGT COMUNE DI CORTE DE FRATI PRIMA VARIANTE AL PGT RELAZIONE PRELIMINARE C o m u n e d i C o r t e d e F r a t i P i a z z a R o m a, 1 2 6 0 1 0 C o r t e d e F r a t i ( C R ) T e l. 0 3 7 2 9 3 1 2 1 F

Dettagli

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00)

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00) III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA TERRITORIO E AMBIENTE Allegato OGGETTO: Inquadramento urbanistico e stima di un area a Fellegara in Via del Cristo identificata al Catasto

Dettagli