VADEMECUM SUL CARCERE PER FAMIGLIARI E VOLONTARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM SUL CARCERE PER FAMIGLIARI E VOLONTARI"

Transcript

1 VADEMECUM SUL CARCERE PER FAMIGLIARI E VOLONTARI Perché questo vademecum sul carcere? La nostra principale preoccupazione nel fare questa guida era quella di essere d'aiuto nella comprensione delle leggi penitenziarie italiane e delle regole che disciplinano il regime penitenziario rendendo le informazioni comprensibili a tutti con parole semplici. I testi normalmente a disposizione, infatti, trattano questi argomenti in maniera molto tecnica, con un linguaggio adatto più agli addetti ai lavori o agli avvocati, che a persone comuni come un famigliare, un amico o un conoscente di persone detenute. La prima parte riguarda: l organizzazione del carcere; i riferimenti di Uffici e Tribunali; suggerimenti ed indicazioni pratiche su come funzionano le visite, i colloqui e le modalità per comunicare all esterno. Nella seconda parte si spiegano le leggi che regolano il processo, i riti alternativi, i ricorsi e, infine, l ammissione ai benefici penitenziari ed alle misure alternative alla detenzione. La terza parte riguarda le conseguenze economiche della condanna: le multe, le spese processuali, il risarcimento dei danni alla parte lesa. La quarta parte l abbiamo chiamata Le parole del carcere ed è un rapido riassunto delle terminologia di uso frequente nel mondo carcerario.

2 Pag 1 PRIMA PARTE Com è organizzato un carcere? Trattamento e sicurezza. L imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato (articolo 27 della Costituzione Italiana). La Costituzione sottolinea la funzione rieducativa della pena. Ad essa si intrecciano altre funzioni, sulle quali il dibattito giuridico e culturale è vivace: la prevenzione, la neutralizzazione (impedire il ripetersi di reati), la retribuzione (il far pagare i danni provocati), L organizzazione del sistema penitenziario rispecchia queste diverse funzioni. La vita di ogni istituto penitenziario, ad esempio, è contrassegnata principalmente da due aree : l area della sicurezza e l area del trattamento. Alla prima fa riferimento in particolare la Polizia Penitenziaria (ma non è la sua sola funzione), alla seconda l area pedagogica (educatori, psicologi ). Negli istituti penitenziari si trovano sia le persone imputate, in attesa di giudizio, che quelle condannate per aver commesso un reato (vd. differenza tra Case Circondariali e Case di Reclusione). L organo dello Stato di riferimento è il Ministero della Giustizia, e in particolare il Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria (D.A.P.), da cui dipendono i Provveditorati Regionali dell Amministrazione Penitenziara (P.R.A.P.). Per Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige il Provveditorato si trova a Padova.

3 Pag 2 Aree e figure professionali Il Direttore Il direttore ha essenzialmente il ruolo di coordinare tre funzioni: -AMMINISTRATIVA (gestione economica e patrimoniale dell intera struttura). -TRATTAMENTO DEI DETENUTI (coordinando l area educativo - trattamentale, l attività di polizia penitenziaria, il servizio medico -tossicologico, quello dei volontari). -SICUREZZA (sia per eventuali fughe, sia per l incolumità degli stessi detenuti e agenti). Cura i collegamenti con la magistratura, in particolare con quella di sorveglianza. Decide inoltre assieme a una commissione sul regolamento interno e può concedere l art. 21 (lavoro esterno). Area Sicurezza Con il decreto legislativo 146/2000 è subentrata come responsabile la figura del commissario, che ricopre il ruolo di comandante di reparto, ruolo al momento spesso svolto da ispettori superiori, visto l esiguo numero di persone a disposizione per ricoprirlo. Ha la funzione di tutelare la sicurezza all interno dell istituto con il controllo e il sostegno degli agenti di Polizia Penitenziaria (es. esecuzione di provvedimenti restrittivi, mantenimento dell ordine, servizio di traduzione, piantonamento di detenuti ). La legge 395/90 attribuisce anche un ruolo non meramente custodiale al Corpo, per renderlo partecipe del percorso trattamentale. Il comandante di reparto coordina gli ispettori, i sovrintendenti, gli assistenti e gli agenti. All area sicurezza fa riferimento l Ufficio Matricola, ufficio nel quale vengono registrati gli atti legislativi inerenti all iter processuale delle persone detenute. Area Pedagogica L area pedagogica fa capo alla figura del Responsabile di area che coordina: - gli EDUCATORI (che si occupano del trattamento rieducativo del detenuto individuale o di gruppo, coordinando la loro azione con quella di tutto il personale impegnato nelle attività che concernono la rieducazione); - gli ASSISTENTI SOCIALI del U.E.P.E. Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, che è incaricato dall istituzione penitenziaria di raccogliere informazioni sull ambiente familiare e sociale di provenienza della persona detenuta per l eventuale concessione delle misure alternative (agli stessi viene affidata l osservazione all esterno del percorso trattamentale delle persone detenute affidate e semilibere); - gli PSICOLOGI (che svolgono attività di osservazione e trattamento mirate alla valutazione della personalità e delle capacità di recupero del condannato); - le ATTIVITÀ EDUCATIVE all interno dell istituzione (quindi scuola e corsi vari che vengono attivati); - il VOLONTARIATO; - i MEDIATORI CULTURALI, se presenti; - i RELIGIOSI. Molto importante è la figura del cappellano, che arriva a conoscere personalmente molti detenuti, supportandoli psicologicamente e materialmente. Nel carcere possono entrare anche rappresentanti di altre religioni oltre alla cattolica, come preti ortodossi e iman mussulmani. Il VOLONTARIATO, sia laico che cattolico, si occupa del sostegno materiale e morale dei detenuti, organizza corsi, progetta interventi, segue le persone detenute in giornate di permesso e altro. Gli INSEGNANTI quindi fanno riferimento al Responsabile di area, presentando eventuali problematiche, aspetti positivi e negativi del percorso scolastico, progetti e idee nuove..

4 Pag 3 Area Sanitaria Tutte le persone detenute, anche stranieri, hanno diritto all assistenza sanitaria nazionale completa e gratuita. Ogni istituto è dotato di servizio medico e farmaceutico, di uno o più ambulatori, di attrezzature diagnostiche e cliniche, e il personale viene coordinato dal direttore sanitario; a parte alcune rarissime eccezioni, medici ed infermieri non sono dipendenti dell Amministrazione Penitenziaria, ma liberi professionisti con convenzioni; non tutti gli istituti hanno la presenza continuativa nelle 24 ore di un medico (dipende dal numero di reclusi). Le persone detenute per l quali non sia possibile prestare assistenza in istituto a causa della tipologia della malattia vengono ricoverate nelle normali strutture ospedaliere. Secondo le disposizioni vigenti, in ogni ospedale dovrebbero essere presenti stanze riservate al ricovero dei detenuti, ma ciò si verifica in pochissime strutture, pertanto gli stessi sono ospitati nelle corsie ordinarie. Un ruolo molto importante (soprattutto sulla base della tipologia dei reati, ascrivibili in buona percentuale alla tossicodipendenza e a reati connessi con questa) viene svolto dal Ser.T (Unità Funzionale Carcere), il servizio tossicologico del dipartimento delle dipendenze dell ULS, composto da medici, infettivologi, psicologi, educatori, infermieri. Il servizio prende in carico chiunque soffra degli effetti di qualsiasi dipendenza (eroina, cocaina, farmaci, alcool), pianificando eventuali misure alternative al carcere come l inserimento in comunità terapeutiche o in cooperative di lavoro. Area Amministrativo-Contabile Ad essa è affidata l amministrazione economica dell istituto e l organizzazione e a gestione in genere di tutto il personale, sia dipendente che a contratto. Ministero della Giustizia; Uffici e Tribunali di Sorveglianza, Uffici per l Esecuzione Penale Esterna DAP - Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Direzione Generale dei detenuti e del trattamento - Ufficio I (Competente per i trasferimenti in ambito nazionale) Largo Luigi Daga, Roma Tel Fax Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per il Triveneto (Competente per i trasferimenti nell ambito del Triveneto) Piazza Castello, Padova Direttore: Felice Bocchino Tel Fax Tribunale di Sorveglianza di Venezia Via delle Messi Venezia Tel Fax Ufficio di Sorveglianza di Padova Via Nicolò Tommaseo, Padova Tel Fax

5 Pag 4 Ufficio di Sorveglianza di Verona Corte Giorgio Zanconati, Verona Tel Fax UEPE Padova Viale della Navigazione Interna, 38/a Padova Tel Fax UEPE Venezia Piazzetta Cesare Battisti, Venezia Tel / Fax UEPE Verona Via Don Tazzoli, Verona Tel Fax UEPE Verona sede di Vicenza Via Mercato Nuovo, 44/G Vicenza Tel fax: Bassano del Grappa Via Marinali, Bassano del Grappa (VI) Tel Fax Belluno Via G. Segato Belluno Tel Fax Padova Via Nicolò Tommaseo, Padova Tel Fax Rovigo Via G. Verdi, Rovigo Tel Fax Treviso Viale Verdi, Treviso Tel Fax Tribunali Penali Venezia Fabbriche Vecchie e Nuove - San Polo, Venezia Tel Fax Verona Corte Giorgio Zanconati, Verona Tel Fax Vicenza Contrà S. Corona, Vicenza Tel Fax

6 Pag 5 I colloqui: documenti necessari Alle persone detenute spettano sei colloqui visivi al mese, della durata di un ora ciascuno, con famigliari o conviventi. I colloqui possono durare anche più di un ora: se non si fa colloquio spesso, o se i parenti arrivano da lontano, quando questi ultimi arrivano all ingresso del carcere possono chiedere di riunire più ore, previste nel mese, in un solo colloquio. In considerazione del fatto che i giorni e gli orari dei colloqui variano a seconda dell assegnazione alle diverse sezioni di alcune tipologie di detenuti, è opportuno che i famigliari chiedano preventivamente in quale sezione si trova la persona che si desidera incontrare. Per i cittadini italiani è sufficiente presentarsi al carcere con la carta d identità e con uno stato di famiglia dal quale sia rilevabile il grado di parentela con la persona detenuta, oppure con il certificato che attesti la convivenza con la persona che si vuole incontrare, che si può richiedere al Comune di residenza di chi si reca a colloquio. I cittadini stranieri, invece, devono produrre la documentazione, rilasciata dal Paese di origine e debitamente tradotta, attestante la parentela con la persona che si vuole incontrare. Inoltre, i cittadini stranieri non comunitari potranno essere ammessi ai colloqui soltanto se in possesso del permesso di soggiorno oppure del visto di ingresso nel territorio dello Stato italiano. I colloqui possono essere consentiti anche con altre persone diverse dai famigliari o conviventi. La persona detenuta deve fare richiesta, specificando i motivi per i quali richiede il colloquio, tramite un apposita domanda da rivolgere al direttore, indicando anche i dati anagrafici completi di chi vuole incontrare. Solo alla fine dei controlli che verranno svolti dalla direzione del carcere, che a volte comportano tempi abbastanza lunghi - anche un paio di mesi - verrà notificata alla persona detenuta l autorizzazione oppure il diniego ai colloqui. Una regola generale per tutti i colloqui è che potranno essere presenti al massimo tre persone oltre al detenuto, anche se sono previste eccezioni qualora ci siano bambini piccoli. Le telefonate Una volta alla settimana le persone detenute hanno diritto a telefonare ai propri familiari e conviventi per la durata di dieci minuti - ma soltanto su utenza fissa e non verso i cellulari - sempre dopo aver ottenuto la necessaria autorizzazione, che va chiesta dalla persona ristretta all autorità competente. A seconda della nazionalità del richiedente - per gli stranieri la procedura è più lunga e difficoltosa - possono essere necessari diversi giorni prima di essere autorizzati. Qualora il numero che si vuole chiamare risulti riservato - e cioè non sia rintracciabile sull elenco telefonico né tramite il gestore di telefonia che ha in carico l abbonamento - al fine di velocizzare la concessione dell autorizzazione è preferibile allegare, limitatamente alla prima richiesta, una bolletta telefonica dalla quale risulti il nome dell intestatario dell utenza. Colloqui con terze persone Le eventuali richieste a telefonare a terze persone, cioè diverse dai famigliari e conviventi, potranno essere autorizzate per comprovati motivi. I condannati per i reati previsti dal primo comma dell articolo 4-bis dell Ordinamento penitenziario (ad esempio associazione a delinquere di stampo mafioso, sequestro di persona a scopo di estorsione, associazione dedita al traffico internazionale di stupefacenti e altro) hanno diritto solamente a quattro colloqui e a due telefonate ogni mese. In questi casi, se si ha comunque la necessità di avere ulteriori colloqui, la persona detenuta può farne richiesta al direttore dell istituto, specificando bene i motivi che potrebbero essere, ad esempio, il favorire il mantenimento dei rapporti con la famiglia.

7 Pag 6 Consegna pacchi Le persone detenute possono ricevere al massimo quattro pacchi al mese, portati dalle persone ammesse ai colloqui o ricevuti per posta o corriere, contenenti un numero limitato di generi alimentari, vestiario e lenzuola personali, per un peso complessivo di 20 chilogrammi. Ogni plico postale, contenente qualsiasi oggetto diverso dal materiale didattico, verrà contato (e pesato) come pacco. Le persone detenute possono ricevere libri, riviste e altro materiale didattico anche in eccesso al peso previsto. Abiti e scarpe imbottiti potrebbero non essere ammessi, perché di difficile controllo o perché non consentiti. In ogni carcere esiste una lista, denominata mod. 176 bis, che è appesa all ingresso della zona colloqui e che elenca tutto ciò che si può ricevere tramite pacco e quello che, invece, non è consentito. Inoltre, quando si arriva a colloquio, è preferibile che il materiale che si vuole consegnare alla persona detenuta sia contenuto in una o più borse semplici e senza imbottiture, ad esempio in tela, in modo che siano controllabili agevolmente. Il denaro può essere inviato alle persone ristrette tramite conto corrente, oppure si può depositare sul conto personale dei detenuti ogni qualvolta ci si reca a colloquio. Quest ultima operazione si effettua all ingresso del carcere, all apposito sportello, indicando il nome del detenuto per il quale si intende depositare il denaro. Non si possono inviare somme di denaro tramite lettera.

8 Pag 7 SECONDA PARTE Leggi di maggiore interesse penitenziario Il Patrocinio a spese dello Stato (Gratuito Patrocinio) I cittadini italiani o stranieri, in possesso di valido documento di identità, possono essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato e ottenere così di non pagare il difensore e le spese riguardanti il proprio processo, come quelle per consulenti tecnici ed investigatori. Per essere ammessi al gratuito patrocinio è necessario avere un reddito familiare inferiore a ,16 Euro all anno, reddito risultante dall ultima dichiarazione dei redditi. Questo limite aumenta di 1.032,91 Euro per ogni famigliare convivente. Sono esclusi dal gratuito patrocinio gli imputati e i condannati per il reato di evasione fiscale. Per avere il gratuito patrocinio è necessario presentare una richiesta tramite il Direttore del carcere, che autentica la sua firma e trasmette l istanza al Giudice competente. L istanza deve contenere: l indicazione delle generalità del richiedente e quelle di tutti i membri della sua famiglia anagrafica; il codice fiscale di tutti; l autocertificazione attestante la sussistenza delle condizioni di reddito, con specifica indicazione del reddito complessivo del richiedente e degli eventuali altri componenti la famiglia anagrafica. Il richiedente deve inoltre impegnarsi a comunicare, entro trenta giorni dalla scadenza del termine di un anno dalla presentazione dell istanza, e fino a che il procedimento non sia definito, eventuali variazioni di reddito rilevanti ai fini del beneficio. Il richiedente straniero deve allegare all autocertificazione sui redditi prodotti all estero una certificazione dell Autorità Consolare, che confermi le sue dichiarazioni. Il detenuto straniero può produrre il certificato dell Autorità Consolare anche entro venti giorni dalla presentazione dell istanza (anche tramite il difensore o un proprio familiare). Nel caso di impossibilità a produrre tale certificato, lo stesso può essere sostituito da una autocertificazione. Per quanto riguarda i redditi prodotti in Italia, basta la dichiarazione, anche se il Giudice può chiedere di produrre i documenti che ne comprovino la consistenza: in caso di impossibilità a produrre tale documentazione si può sostituirla con l autocertificazione. Cause giuridiche della restrizione in carcere prima della sentenza definitiva È possibile essere messi in carcere anche prima di essere condannati con sentenza definitiva. La restrizione in carcere può avvenire in casi di urgenza, senza l intervento di un Magistrato, che dovrà poi convalidare la misura, ovvero in caso di: arresto in flagranza del reato fermo di indiziato di delitto oppure in caso di esecuzione di un Ordinanza di custodia cautelare del Giudice. Nei primi due casi il Giudice deve incontrare la persona entro 96 ore: o convaliderà l arresto o il fermo, oppure dispone che la persona venga rimessa in libertà. Nel terzo caso il Giudice dovrà interrogare la persona entro cinque giorni. (Se si trova già in custodia cautelare, il P.M. può interrogarla solo dopo che l abbia interrogata il G.I.P.)

9 Pag 8 La custodia cautelare è una misura cautelare che può essere applicata solo nei seguenti casi ("esigenze cautelari"): rischio di reiterazione del reato; concreto pericolo di fuga; rischio di inquinamento delle prove. I termini massimi di durata della custodia cautelare sono di 3, 6 mesi o un anno (a seconda della gravità del reato) a partire dal giorno dell arresto fino al rinvio a giudizio (udienza preliminare). (Per casi complessi e reati gravi i termini possono essere sospesi, durante lo svolgimento dei processi, e prorogati, anche più volte). Il tetto massimo della custodia cautelare, tenuto conto di tutte le fasi e le possibili proroghe e sospensioni, non può superare i 2, 4 o 6 anni, a seconda della gravità del reato, dall arresto alla sentenza definitiva. L Ordinanza che dispone la custodia cautelare può essere impugnata presentando un istanza al Tribunale della Libertà entro dieci giorni dal momento in cui le è stata notificata. Il processo e le varie forme di giudizio Il giudizio abbreviato All udienza preliminare, invece di rinviare la persona a giudizio, il G.U.P. (Giudice Udienza Preliminare) può decidere e chiudere subito il processo: in tal caso, la pena è diminuita di un terzo. Il rito abbreviato bisogna chiederlo al G.U.P.: se il giudice ritiene di possedere abbastanza elementi per decidere immediatamente, consentirà la celebrazione del rito abbreviato. Il giudizio abbreviato può essere applicato anche ai reati che prevederebbero la pena dell ergastolo senza isolamento diurno. Il "patteggiamento" (applicazione della pena su richiesta delle parti) È l accordo, tra l imputato e il P.M., sulla pena da infliggere. Il patteggiamento è possibile quando, tenuto conto delle attenuanti e della diminuzione per il rito, la pena non supera i due anni; deve essere richiesto all udienza preliminare: non è possibile proporlo al dibattimento. Citazione diretta davanti al Giudice Monocratico Per i reati per i quali non è prevista l udienza preliminare, il rito abbreviato ed il patteggiamento possono essere richiesti all udienza dibattimentale, prima che inizi il dibattimento. Il giudizio direttissimo Quando c è stato l arresto in flagranza di reato, se non sono necessarie ulteriori indagini, entro 48 ore dall arresto il P.M. può chiedere che si proceda, oltre che alla convalida dell arresto, anche al giudizio direttissimo. Se l arresto è già stato convalidato, o in caso di confessione, il P.M. può procedere a giudizio direttissimo entro 30 giorni: dall arresto, nel primo caso; dall iscrizione nel registro delle notizie di reato, nel secondo caso. Durante questa fase la persona può chiedere, se ha interesse, il rito abbreviato o il patteggiamento. In ogni caso può chiedere un termine, per preparare la difesa, non superiore a dieci giorni.

10 Pag 9 Il giudizio immediato Se la prova appare evidente il P.M. può chiedere al G.I.P. il giudizio immediato entro 90 giorni dall iscrizione nel registro delle notizie di reato. Il decreto del G.I.P che dispone il giudizio immediato deve essere notificato almeno 30 giorni prima della data del processo. Entro 15 giorni dalla notifica del decreto che dispone il giudizio immediato, l imputato può chiedere il giudizio abbreviato o il patteggiamento. Trascorso questo termine non è più possibile chiedere né abbreviato né patteggiamento. Il giudizio ordinario (è la forma normale di celebrazione del processo) Viene celebrato davanti al Tribunale, che può essere composto, a seconda dei casi, da uno o da più giudici nella data che è stata fissata dal G.U.P. alla fine dell udienza preliminare, o a seguito di citazione diretta del P.M. per tutti quei reati nei quali non è prevista l udienza preliminare. Iniziata l udienza, il P.M. e i difensori chiedono l ammissione delle prove. Vengono interrogati prima i testimoni contro l imputato, poi quelli a favore dell imputato. Se vuole può chiedere di essere esaminato, o accettare il suo esame, se richiesto dal P.M. In questo caso, dovrà rispondere alle domande dell accusa, della difesa, ed eventualmente del Giudice. Può comunque, in qualsiasi momento del processo, anche prima che il Giudice si ritiri per decidere, fare delle dichiarazioni spontanee. Terminata l acquisizione delle prove inizia la discussione, che si concluderà con la sentenza. Può impugnare le sentenze del rito ordinario e di quello abbreviato presentando appello alla Corte d Appello competente (la dichiarazione scritta di appello, a pena di inammissibilità, deve indicare il provvedimento impugnato e la sua data, il Giudice che lo ha emesso, e i motivi di impugnazione) oppure può fare ricorso alla Corte di Cassazione; quando c è stato un patteggiamento è possibile unicamente il ricorso alla Corte di Cassazione. I termini per presentare l impugnazione possono essere di 15, 30, 45 giorni, a seconda dei casi: 15 giorni, quando la motivazione della sentenza è stata letta immediatamente alla conclusione del giudizio; 30 giorni, quando la motivazione della sentenza è stata depositata entro 15 giorni dalla conclusione del giudizio; 45 giorni, quando la motivazione della sentenza è stata depositata oltre il quindicesimo giorno dalla conclusione del giudizio. I benefici penitenziari e le misure alternative alla detenzione I permessi premio Sui permessi decide il Magistrato di Sorveglianza. La persona detenuta può avere al massimo 45 giorni di permesso all anno (massimo 15 giorni di seguito). Per ottenerli è importante il parere favorevole del Direttore ed una relazione dell equipe che li preveda nell ipotesi trattamentale (a conclusione del documento della "sintesi"). Inoltre la condanna deve essere definitiva e deve essere scontata per almeno un quarto, se relativa a reati non gravi. Se, invece, la persona è stata condannata per rapina, estorsione, omicidio, etc. può avere i permessi premio solo dopo aver scontato metà della pena (ma, comunque, non oltre i dieci anni). Per la pena non superiore ai tre anni, non è previsto un periodo minimo di pena da scontare per ottenere il permesso.

11 Pag 10 Non possono essere concessi permessi nei seguenti casi: per due anni, a coloro che sono imputati o condannati per un reato doloso commesso mentre scontavano la pena; per 3 anni, ai condannati ai reati gravi (rapina, estorsione, omicidio, etc.) che sono evasi o per chi ha avuto la revoca di una misura alternativa; per 5 anni, ai condannati per reati gravi (rapina, estorsione, omicidio, etc.) nei cui confronti si proceda o sia pronunciata condanna per un delitto doloso punito con la pena della reclusione non inferiore nel massimo a tre anni, commesso durante il lavoro esterno, un permesso premio, una misura alternativa o durante un evasione. La liberazione anticipata Ogni sei mesi di detenzione, la persona detenuta può avere una riduzione di 45 giorni sulla pena che le rimane da scontare se ha: mantenuto "regolare condotta" "partecipato all opera di rieducazione", La liberazione anticipata può essere ottenuta anche per i periodi trascorsi in custodia cautelare e agli arresti domiciliari, ma deve essere chiesta soltanto dopo che la pena è diventata definitiva. La richiesta, su apposito modulo, (disponibile presso la sezione) va rivolta al Magistrato di Sorveglianza. Il beneficio può essere revocato, nel caso la persona venga condannata per un delitto non colposo, commesso prima di aver terminato di scontare la pena, anche in misura alternativa. La Corte Costituzionale con la sentenza n. 186 del ha stabilito che la liberazione anticipata può essere revocata solo se la condotta della persona, in relazione alla condanna subita, risulta incompatibile col beneficio concesso. Il lavoro esterno (art. 21 O.P.) Il Direttore del Carcere può dare alle persone detenute la possibilità di svolgere un lavoro all esterno, se la condotta regolare è inserita in un percorso trattamentale molto positivo e il Gruppo di Osservazione ha formulato una proposta in tal senso. "Lavorare all esterno" significa essere avviati ad un attività lavorativa fuori dell Istituto, con la sottoposizione a una serie di obblighi precisi, mantenendo altresì a tutti gli effetti la condizione di detenuto. Però, se la persona è stata condannata per un reato grave (rapina, estorsione, omicidio, etc.) può essere ammessa al lavoro esterno solo dopo aver scontato un terzo della pena (comunque non oltre cinque anni e dieci anni per i condannati all ergastolo). La semilibertà È la possibilità di uscire dal carcere durante la giornata per svolgere una attività lavorativa, di studio o di volontariato, rientrando poi in carcere la sera. Occorre osservare gli obblighi del programma (orario di uscita e rientro, non allontanarsi dai luoghi indicati dal programma). Per ottenere la semilibertà è necessario avere scontato metà della pena. Nei casi in cui la persona potrebbe avere l affidamento in prova ai servizi sociali (pena da scontare non superiore ai tre anni) può essere ammesso alla semilibertà se il Tribunale ritiene che non ci siano le condizioni per l affidamento: in questo caso, non occorre aver scontato metà della pena. Questa possibilità non è prevista per chi è stato condannato per reati particolarmente gravi (art. 4 bis O.P.: rapina aggravata, estorsione aggravata, traffico di stupefacenti aggravato, omicidio, etc.). Inoltre per questi reati gravi la semilibertà si può ottenere solo se si è scontata la maggior parte della pena (almeno i due terzi).

12 Pag 11 Anche chi è stato condannato all ergastolo può ottenere la semilibertà, ma deve avere scontato almeno venti anni di pena. (Per calcolare quanta pena ha scontato, per richiedere la semilibertà, aggiunga anche i giorni che ha avuto di liberazione anticipata). L affidamento in prova al servizio sociale L affidamento può essere richiesto mandando un apposita istanza al Magistrato di Sorveglianza, il quale può sospendere l esecuzione della pena e scarcerare la persona che ne abbia fatto richiesta, in attesa che il Tribunale di Sorveglianza prenda la decisione definitiva. La sospensione della pena può essere concessa se il Magistrato ritiene che il richiedente abbia buone probabilità di ottenere l affidamento, che non ci sia pericolo di fuga e che la continuazione della carcerazione costituisca un grave pregiudizio. Il Tribunale di Sorveglianza dovrebbe decidere entro 45 giorni, a partire da quando gli perviene l istanza, trasmessa dal Magistrato, ma tale termine potrebbe non essere rispettato a causa del carico di lavoro dei Tribunali. Anche se formalmente non è obbligatorio per la concessione dell affidamento, però poi, di fatto, il lavoro è un elemento indispensabile per ottenere l affidamento in prova ai Servizi Sociali: quando si propone l istanza, perciò, è opportuno che allegare la documentazione relativa all offerta di lavoro, altrimenti le possibilità di averlo sono scarse. Se l istanza viene respinta la sospensione della pena è revocata e la persona deve tornare in carcere, senza avere più la possibilità di chiederla nuovamente, nemmeno in relazione ad una diversa misura alternativa. L affidamento in prova al servizio sociale permette di scontare la pena presso il proprio domicilio o in un luogo di accoglienza, ma è necessario il rispetto delle prescrizioni imposte dal Tribunale di Sorveglianza. Le prescrizioni più frequenti sono: non allontanarsi dal proprio comune o provincia, se non autorizzato dal Magistrato di Sorveglianza; mantenere contatti quindicinali con l Assistente sociale dell U.E.P.E. (Ufficio Esecuzione Penale Esterna); dedicarsi ad un lavoro stabile, oppure all attività di volontariato o ancora ad attività scolastiche o di formazione professionale; rispettare gli orari in cui dovrai rimanere presso la tua abitazione (di solito nelle ore notturne); non frequentare pregiudicati; adoperarsi a favore delle vittime del reato. L affidamento può essere richiesto se rimane da scontare una pena compresa entro i tre anni. In caso di condanna per associazione di stampo mafioso, sequestro di persona o associazione finalizzata al traffico di stupefacenti l affidamento può essere ottenuto soltanto in caso di collaborazione con la giustizia. In caso di condanna per rapina aggravata, estorsione aggravata, traffico di droga aggravato o omicidio, l affidamento può essere ottenuto soltanto se dalle informazioni del comitato provinciale per l ordine e la sicurezza pubblica non risultano elementi per far ritenere la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata o eversiva. Quindi, avere una positiva relazione "di sintesi" del Gruppo di Osservazione e rientrare nel limite di pena previsto non basta per ottenere l affidamento: è necessario corredare la richiesta con una documentazione che dia garanzie sull occupazione che la persona andrà a svolgere una volta scarcerata:

13 Pag 12 una richiesta di assunzione, fatta da un datore di lavoro in possesso della necessaria affidabilità; oppure l iscrizione ad una scuola, ad un corso professionale, ad una attività di volontariato, etc. Inoltre, in relazione a tutte le misure alternative (affidamento, semilibertà, detenzione domiciliare) se non vengono rispettate le prescrizioni la misura alternativa può essere sospesa dal Magistrato di Sorveglianza, il che comporta il rientro (provvisorio) in carcere. Il Tribunale di Sorveglianza deciderà se revocare o meno la misura entro trenta giorni. In caso di revoca, per tre anni non si potrà più richiedere alcun beneficio, neppure i permessi premio. Infine, il Tribunale di Sorveglianza valuterà quanta parte del periodo trascorso in affidamento possa essere considerato come pena espiata. L affidamento in prova in "casi particolari" (per tossicodipendenti e alcooldipendenti) Se la pena, o il residuo della pena, è inferiore ai quattro anni ed è in corso un programma di recupero dalla tossicodipendenza, oppure se la persona intende sottoporsi a questo programma, può essere richiesto l affidamento ai servizi sociali, per proseguire o intraprendere all esterno il programma. Il programma di recupero deve essere concordato con gli operatori del Ser.T. (Servizio Tossicodipendenze dell A.S.L.). La richiesta di ammissione all affidamento va rivolta alla Procura della Repubblica che ha emesso l ordine di esecuzione della pena e deve essere accompagnata, a pena di inammissibilità, da una certificazione, rilasciata da una struttura sanitaria pubblica, attestante lo stato di tossicodipendenza o alcooldipendenza, il programma terapeutico da seguire e l attestazione di idoneità dello stesso ai fini del recupero. L ammissione alle misure alternative per condannati affetti da A.I.D.S. conclamata o da grave deficienza immunitaria (Art. 47 quater O.P., introdotto dalla Legge n 231/99) A norma dell art. 47 quater O.P. i condannati affetti da A.I.D.S. conclamata o da grave deficienza immunitaria, i quali intendono intraprendere un programma di cura e assistenza, possono essere ammessi all affidamento in prova o alla detenzione domiciliare, qualsiasi sia la pena da scontare. L istanza deve essere corredata da certificato medico rilasciato dal servizio sanitario pubblico competente, o dal servizio sanitario penitenziario che attesti le condizioni di salute e l attuabilità del programma di cura e assistenza presso strutture ospedaliere o altre strutture impegnate secondo i piani regionali nella assistenza ai casi di AIDS. Le prescrizioni che riguardano la misura alternativa conterranno anche quelle inerenti le modalità di esecuzione del programma di cura e assistenza. La detenzione domiciliare La detenzione domiciliare può essere chiesta quando la pena residua da scontare è compresa entro i quattro anni. A tale beneficio possono ricorrere: le donne incinte o madri di bambini di età inferiore a dieci anni con esse conviventi; i padri di bambini di età inferiore a dieci anni con essi conviventi, quando la madre sia deceduta o altrimenti impossibilitata ad assistere i figli; le persone in condizioni di salute particolarmente gravi, tali da richiedere costanti contatti con i presidi sanitari presenti sul territorio; le persone di età superiore ai sessant'anni, se inabili, anche parzialmente; le persone di età inferiore ai ventun'anni, in presenza di comprovate esigenze di salute, di studio, di lavoro e di famiglia.

14 Pag 13 Se la pena residua da scontare non è superiore ai due anni, si può ottenere la detenzione domiciliare se: non ricorrono i presupposti per concedere l affidamento in prova al servizio sociale; il Tribunale ritiene che durante il periodo in detenzione domiciliare la persona non commetterà altri reati; il reato per cui è stato condannato non è tra quelli compresi nell art. 4 bis O.P.. L istanza va rivolta al Magistrato di Sorveglianza. In queste due ipotesi (pena non superiore ai quattro anni nelle particolari situazioni sopra descritte e pena non superiore ai due anni) il Magistrato di Sorveglianza può applicare provvisoriamente la misura, in attesa della decisione del Tribunale di Sorveglianza. La detenzione domiciliare può essere concessa anche quando la persona si trova in una delle condizioni che causano: 1. il differimento obbligatorio della pena (il giudice è tenuto a rimandare l esecuzione della pena) donna incinta; madre con figlio di età inferiore ad un anno; malato di AIDS o qualsiasi malattia particolarmente grave ed incompatibile con lo stato di detenzione) 2. il differimento facoltativo della pena (il giudice può, a sua discrezione, rimandare la pena) presentazione di domanda di grazia; persona con grave infermità fisica; madre con figli di età inferiore a tre anni). 3. In questi casi, indipendentemente dall entità della pena da scontare, la detenzione domiciliare può essere concessa, per un periodo determinato e prorogabile. 4. La richiesta di "sospensione dell esecuzione della pena" va rivolta al Magistrato di Sorveglianza. 5. Se la persona si allontana dal luogo di detenzione domiciliare (abitazione privata o altra struttura) commette il reato di evasione, e ciò comporterà la revoca di questo beneficio. La legge n. 199/2010 (c.d. svuotacarceri) La l. 26 novembre 2010 n. 199 cosiddetta Svuotacarceri è intitolata Disposizioni relative all esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori ad un anno. Il provvedimento riguarda come era accaduto per l indulto (e per l indultino del 2003), due categorie di persone: 1) condannati a pena detentiva in attesa di esecuzione della pena; 2) condannati a pena detentiva che stanno scontando la pena in carcere: Nella prima ipotesi, la pena da eseguire non deve eccedere l anno (la pena inflitta potrebbe anche essere superiore: ad esempio quando la persona, avendo commesso il reato prima del 2 maggio 2006, abbia fruito dell indulto in base alla legge n. 241 del 2006 o al caso in cui sia stato sottoposto a custodia cautelare in carcere); nella seconda ipotesi, il limite massimo di un anno riguarda la pena residua. Per l una e per l altra categoria di soggetti, si prevede che, in presenza di alcune condizioni, la pena sia eseguita nel domicilio del condannato.

15 Pag 14 Legge 17 febbraio 2012 n. 9 - pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 2012 n.42 - all originario articolato del Dl 211/11, Interventi urgenti per il contrasto della tensione detentiva determinata dal sovraffollamento delle carceri. La legge mira a contrastare il sovrappopolamento degli istituti penitenziari e, per l'anno 2011, autorizza la spesa di euro per l'adeguamento, il potenziamento e la messa a norma delle infrastrutture penitenziarie. Il provvedimento prevede inoltre l'innalzamento da dodici a diciotto mesi della pena detentiva che la persona può scontare presso il domicilio anziché in carcere, permettendo quindi di applicare la detenzione presso il domicilio introdotta dalla Legge 26 novembre 2010, n. 199 ("sfolla carceri") ad un maggior numero di detenuti. La detenzione presso il domicilio non é applicabile quando: - la persona è stata condannata per delitti gravi (terrorismo, mafia, traffico di stupefacenti, omicidio, violenza sessuale di gruppo); - la persona è stata dichiarata delinquente abituale, professionale o per tendenza; - la persona è sottoposta al regime di sorveglianza particolare; - nei casi di concreta possibilità che la persona condannata possa darsi alla fuga; - in presenza di specifiche e motivate ragioni per ritenere che la persona possa commettere altri delitti; - il domicilio non sia effettivo o comunque idoneo anche in funzione delle esigenze di tutela delle persone offese dal reato. In sostanza il provvedimento introduce due modifiche nell'art. 558 del codice di procedura penale. Con la prima si prevede che, nei casi di arresto in flagranza, il giudizio direttissimo debba essere necessariamente tenuto entro e non oltre, le quarantotto ore dall'arresto, non essendo più consentito al giudice di fissare l'udienza nelle successive quarantotto ore. Con la seconda modifica viene introdotto il divieto di condurre in carcere le persone arrestate per reati di non particolare gravità, prima della loro presentazione dinanzi al giudice per la convalida dell'arresto e il giudizio direttissimo. In questi casi la persona arrestata dovrà essere, di norma, custodita dalle forze di polizia, salvo che ciò non sia possibile per mancanza di adeguate strutture o per altri motivi, quali lo stato di salute dell'arrestato o la sua pericolosità. In tali casi, il pubblico ministero dovrà adottare uno specifico provvedimento motivato.

16 Pag 15 TERZA PARTE Gestione dei rapporti economici con le istituzioni La multa e l ammenda (la conversione in libertà controllata o in lavoro socialmente utile) Le pene pecuniarie possono chiamarsi "multe" o "ammende". Vengono stabilite al termine di un processo e possono accompagnare la condanna alla detenzione, oppure costituire l unica sanzione inflitta. Molti reati prevedono sia la pena detentiva sia quella pecuniaria. Per esempio, per i reati di droga e di contrabbando, sono previste multe molto severe. Ma queste pene possono essere inflitte anche se si fa un ricorso in Cassazione e questo viene riconosciuto infondato (dichiarato inammissibile). Quando la persona condannata non è nelle condizioni economiche per pagare, multe e ammende vengono convertite d ufficio in una pena sostitutiva, che consiste nella libertà controllata. Ogni quota di 38,73 Euro, della pena pecuniaria non pagata, sarà sostituita con un giorno di libertà controllata, o di lavoro socialmente utile, la cui durata non potrà comunque superare: 1 anno, se si sostituisce una multa; 6 mesi, se si sostituisce una ammenda. La libertà controllata dovrà essere scontata al termine della detenzione e comporta alcuni obblighi e divieti, che vengono decisi dal Magistrato di Sorveglianza: presentarsi tutti i giorni in caserma, non uscire dal comune di residenza, etc. (Esiste la possibilità di far cessare in qualsiasi momento la pena sostitutiva, pagando la multa o l ammenda dovuta). Se non si rispettano tutte le prescrizioni della libertà controllata o del lavoro socialmente utile, che saranno indicate dal giudice, i giorni rimanenti della pena, così sostituita, saranno scontati in carcere. La sostituzione della pena pecuniaria con la libertà controllata o il lavoro socialmente utile obbliga gli stranieri, anche se la sentenza di condanna prevede l espulsione dal territorio italiano, a soggiornare in Italia fino al termine della pena sostitutiva. Se la persona intende pagare, anziché scontare la pena sostitutiva, ma al momento non ha soldi a sufficienza per farlo, può chiedere di pagare a rate quanto è dovuto, rivolgendo un apposita istanza al Magistrato di Sorveglianza. Ogni rata non potrà, comunque, essere di importo inferiore ai 15,49 Euro e le rate possono essere, al massimo, trenta. Si può anche chiedere di rimandare il pagamento per sei mesi, ulteriormente prorogabili, se si prevede di avere, in quel momento, il necessario per versare la somma dovuta. N.B. Per queste pene pecuniarie (multe e ammende) non è possibile chiedere, in nessun caso, la remissione del debito. Le spese processuali e di mantenimento in carcere Se la persona ha una condanna definitiva (cioè verso la quale non è possibile ricorrere in Appello o in Cassazione), è tenuto a pagare le spese del processo e quanto spetta all avvocato (se non era stato ammesso al gratuito patrocinio). Alla persona condannata viene anche richiesto il pagamento di una quota per il mantenimento in carcere, attualmente fissata in circa 1,80 Euro per ogni giorno di detenzione. Questa somma comprende il costo dei pasti e quello dell uso del corredo personale, fornito dall amministrazione penitenziaria (materasso, lenzuola, piatti, posate, etc.).

17 Pag 16 Per la copertura di queste spese, la persona risponde con tutti i beni mobili e immobili che possiede (eccetto una parte della retribuzione del lavoro, anche se svolto in carcere, e della pensione, che non possono essere pignorati). In caso di difficoltà economiche, si può chiedere che le spese processuali e di mantenimento siano rimesse, cioè condonate. (Oltre ad essere in difficoltà economiche, è necessario che la persona abbia tenuto una buona condotta durante la detenzione). Per chiedere la remissione del debito è necessario presentare un apposita richiesta al Magistrato di Sorveglianza. La domanda di remissione del debito, va presentata non appena si riceve l avviso di pagamento e comporta la provvisoria sospensione della procedura per il recupero delle somme dovute. Quando terminerà la pena, il Magistrato di Sorveglianza valuterà se la persona si trova nelle condizioni per ottenere la remissione effettiva del debito. Se la richiesta verrà accolta, la persona non sarà più tenuta a pagare queste spese eccettuate le spese di mantenimento solamente per i mesi di detenzione in cui ha lavorato, infatti, le persone che hanno una condanna definitiva ricevono uno stipendio per il lavoro effettuato in carcere che verrà però suddiviso tra il fondo disponibile (quattro quinti) e il fondo vincolato (un quinto). I soldi del fondo vincolato verranno dati quando finisce la pena ma, in caso di necessità, si può chiederne lo svincolo utilizzando l apposito modulo, disponibile in sezione. Nel modulo è necessario specificare il motivo della richiesta, che verrà accettata solo in presenza di motivi particolari e sempre che il bisogno non possa essere soddisfatto dal fondo disponibile. Il risarcimento del danno Quando il reato per il quale vi è stata una condanna ha causato danni ad altre persone e queste si sono costituite al processo come parte offesa, la persona condannata deve risarcirle. La somma per il risarcimento, stabilita dal giudice, può essere recuperata con la vendita di beni, oppure con trattenute sulla retribuzione, fino a un massimo dei due quinti (incluse le spese di mantenimento). Così come le pene pecuniarie, anche queste somme, dovute per il risarcimento del danno, non possono essere rimesse (condonate). N.B. Il pagamento delle multe, delle spese processuali e di mantenimento e di eventuali risarcimenti (per chi si trova nelle condizioni economiche per effettuarlo) costituisce un requisito necessario per ottenere la liberazione condizionale, la grazia e la riabilitazione. L iscrizione al Collocamento (Sezione Circoscrizionale per l Impiego) Chi cerca un lavoro deve iscriversi nelle liste dei disoccupati, rivolgendo la richiesta alla Sezione Circoscrizionale per l Impiego della Provincia dove si trova detenuto. La domanda di iscrizione può essere inviata per posta, allegando: l apposito modulo di iscrizione, con firma autenticata dal Direttore del carcere (il modulo deve richiederlo alla Sezione stessa); il certificato di detenzione; il libretto di lavoro. Il libretto di lavoro verrà poi restituito. Entro il 30 novembre di ogni anno bisogna chiedere il rinnovo dell iscrizione, altrimenti il nominativo verrà cancellato dalle liste dei disoccupati; si può però richiedere l esonero dal rinnovo annuale, segnalando il perdurare dello stato di detenzione. A fine pena è possibile recuperare l anzianità di disoccupazione maturata, presentandosi al Collocamento muniti di certificato attestante il periodo di detenzione, rilasciato dalla direzione del

18 Pag 17 carcere. Chi possiede una qualifica (acquisita portando a termine un corso), può richiedere che venga registrata sul libretto di lavoro, allegando copia degli attestati rilasciati dagli enti di formazione professionale riconosciuti. Il libretto di lavoro va richiesto al Comune di residenza, anche per posta e, in caso di smarrimento, si può chiederne un duplicato, allegando la denuncia di smarrimento. L indennità di disoccupazione Si tratta di un contributo temporaneo, corrispondente al 30 % del salario mensile, che viene liquidato dall I.N.P.S., e ne esistono due tipi: ordinaria e ridotta. L ordinaria spetta a chi ha lavorato per almeno 52 settimane nell ultimo biennio ed è iscritto da almeno due anni alla Previdenza sociale. Il termine della presentazione delle domande scade il 68 giorno dal licenziamento, o al 98 dalle dimissioni. L indennità ridotta spetta a tutti i lavoratori stagionali e precari, quali sono in massima parte anche i detenuti: occorre aver lavorato almeno 78 giornate effettive nell anno solare, sempre con almeno due anni di iscrizione all I.N.P.S. Questa domanda si presenta entro il 31 marzo dell anno immediatamente successivo a quello di lavoro, e non occorre essere disoccupati al momento in cui si fa la domanda.

19 Pag 18 QUARTA PARTE Le parole del carcere È importante sapere, per chi entra in carcere, che gli interlocutori non sono né agenti di custodia, né guardie, né tantomeno secondini. Sono agenti di Polizia Penitenziaria. I molti nomi delle carceri Carcere (o Istituto Penitenziario) È il nome generico con il quale si indicano gli istituti di custodia preventiva, quelli per l esecuzione delle pene e quelli per l esecuzione delle misure di sicurezza. Casa Mandamentale Istituti, ormai quasi tutti dismessi, nei quali sono detenute le persone in attesa di giudizio per reati lievi, o condannate alla pena dell arresto fino a un anno. Casa Circondariale Sono gli istituti più diffusi, presenti praticamente in ogni città sede di Tribunale. Vi sono detenute le persone in attesa di giudizio e quelle condannate a pene inferiori ai cinque anni (o con un residuo di pena inferiore ai cinque anni). Casa di Reclusione (o Casa Penale) Sono gli istituti adibiti all espiazione delle pene. In molte Case Circondariali c è una Sezione Penale e, in alcune Case di Reclusione, c è una Sezione Giudiziaria destinata alle persone in attesa di giudizio. Carcere Speciale (o Supercarcere ) Istituti costruiti all epoca del terrorismo e poi destinati anche ai detenuti della criminalità di tipo mafioso. Oggi non esistono più carceri interamente riservate a questi detenuti, perché negli ultimi anni è aumentata la presenza di condannati per reati di microcriminalità e tutti gli spazi disponibili sono stati occupati. Le vere Supercarceri, pertanto, non esistono più. Ospedale Psichiatrico Giudiziario (O.P.G.) In questi istituti si trovano sia internati sia detenuti inviati in osservazione per motivi psichiatrici. Centro Diagnostico Terapeutico (Centro Clinico) In genere non sono istituti a sé stanti, ma sezioni autonome di Case Circondariali o di Reclusione. In queste strutture i detenuti sono sottoposti alle cure che non possono essere prestate loro nelle infermerie delle varie carceri. Istituto a Custodia Attenuata per il Trattamento dei Tossicodipendenti Sono istituti nati a partire dalle previsioni contenute nel Testo Unico sugli stupefacenti del Vi si svolgono attività per la riabilitazione fisica e psichica dei tossicodipendenti in collaborazione con Comunità Terapeutiche. Istituto Penale Minorile (I.P.M.) Sono istituti adibiti alla detenzione dei minorenni (dai 14 fino ai 21 anni), sia in custodia cautelare, sia condannati alla pena della reclusione. Casa di Lavoro Alla Casa di Lavoro sono assegnate le persone dichiarate delinquenti abituali, professionali o per tendenza, non per scontare una condanna, ma come misura di sicurezza. Il regime, in questi istituti, è di normale detenzione e, spesso, manca pure la possibilità di lavorare. Colonia Agricola Alla Colonia Agricola sono assegnate le persone dichiarate delinquenti abituali, professionali o per tendenza, una volta che abbiano scontato la pena alla reclusione. Casa di Cura e Custodia In questi istituti sono ricoverati (una volta scontata la condanna), per un periodo minimo di un anno, i condannati che hanno usufruito di una diminuzione della pena a causa di una parziale infermità mentale.

20 Pag 19 Normativa e organi giudiziari che interessano il sistema carcerario Ordinamento Penitenziario (Legge 26 luglio 1975, n. 354 Norme sull ordinamento penitenziario e sull esecuzione delle misure privative e limitative della libertà ) È la legge di riforma penitenziaria, intervenuta a modificare un regolamento che risaliva al Introduce il principio della rieducazione del condannato, in linea con l articolo 27 della Costituzione. Oggi, a oltre 25 anni dalla nascita, questa legge denuncia inevitabilmente delle carenze. Regolamento Penitenziario (D.P.R. 30 giugno 2000, n. 230: Regolamento recante norme sull ordinamento penitenziario e sull esecuzione delle misure privative e limitative della libertà ) Introdotto nel settembre 2000, prevede diverse modifiche organizzative e anche strutturali per gli istituti di pena. Testo Unico sugli stupefacenti (D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309: Testo Unico della legge in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza ) Questa legge ha modificato una normativa che risaliva al 1975, aggravando di molto le sanzioni previste per il possesso e la cessione delle sostanze stupefacenti. Le condanne possono arrivare fino ai 30 anni, nei casi più gravi. Testo Unico sull Immigrazione (Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286: Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero ) Un Testo che riforma la cosiddetta Legge Martelli, rimasta in vigore dal 1991 al 98. La normativa contiene luci ed ombre e, comunque, la sua entrata in vigore non ha prodotto sostanziali cambiamenti nella presenza numerica degli immigrati nelle carceri italiane, da alcuni anni attestata intorno al 30% della popolazione detenuta, ma che in realtà particolari, quali la Casa Circondariale di Padova, supera il 90%. Ultimamente è stato modificato dalla Legge 189/2002 (Bossi-Fini), che, tra le altre cose, ha introdotto l espulsione come misura alternativa alla detenzione per le pene inferiori ai due anni. Legge Smuraglia (Legge 22 giugno 2000 n. 193, Norme per favorire l attivita lavorativa dei detenuti ) Questa legge prevede degli sgravi fiscali per le imprese che assumono i detenuti(sia all interno degli Istituti di pena, sia ammessi al lavoro esterno) e gli ex detenuti (nei sei mesi successivi alla scarcerazione). Legge Finocchiaro (Legge 8 marzo 2001, n. 40, Misure alternative alla detenzione a tutela del rapporto tra detenute e figli minori ) Legge che prevede la possibilità di ammettere alla detenzione domiciliare speciale le madri (e anche il padre, in assenza della madre) di bambini di età inferiore ai 10 anni, dopo che hanno scontato almeno un terzo della pena, o 15 anni in caso di ergastolo.

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero;

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero; Un progetto biennale finalizzato a favorire l'accesso alle misure alternative alla detenzione nella Provincia di Milano Progetto finanziato da : PREMESSA Ciò che spesso si dibatte (servizi e programmi

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Pubblicazione a cura di Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Centro Servizi Amministrativi di Padova Ufficio Interventi Educativi

Pubblicazione a cura di Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Centro Servizi Amministrativi di Padova Ufficio Interventi Educativi Pubblicazione a cura di Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Centro Servizi Amministrativi di Padova Ufficio Interventi Educativi in collaborazione con Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Padova e Rovigo (PRESENTAZIONE) INTRODUZIONE AL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il sistema penitenziario vigente in Italia ha il suo fulcro

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Ufficio di Sorveglianza di Verona

Ufficio di Sorveglianza di Verona Ufficio di Sorveglianza di Verona Via dello Zappatore, 1 - Tel. 045/8084011 - Fax 8007140/595261 Prot. Verona, Al Sig. Presidente del Tribunale di sorveglianza di Venezia Oggetto : Discorso inaugurale

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE PROGETTO RIPROVA UEPE CARTA DEI SERVIZI UEPE Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE Ministero Della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Marche 1 CChhee cc oo

Dettagli

Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Il sottoscritto/a..... (1) nato/a... il.... residente...via...... cittadinanza... codice fiscale

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO. D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 - L. 24 febbraio 2005, n. 25

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO. D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 - L. 24 febbraio 2005, n. 25 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO PRESSO TRIBUNALE DI TORINO c.so Vittorio Emanuele II, 130 UFFICIO GRATUITO PATROCINIO: INGRESSO 7 AULA 22 ORARI diritto di famiglia: lunedì e venerdì dalle

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA UFFICIOSTAMPAECOMUNICAZIONE DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA Nuove norme per contrastare l immigrazione clandestina: espulsioni più facili e confisca degli appartamenti

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

carcere e dintorni prontuario della normativa di riferimento

carcere e dintorni prontuario della normativa di riferimento carcere e dintorni prontuario della normativa di riferimento Introduzione Questo libretto vuole essere un piccolo contributo per chi si trova ristretto in carcere, ma anche per chi opera nel carcere,

Dettagli

Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA

Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA Napoli 21 maggio 2008 LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA 1 Decreto legge recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica

Dettagli

Questa pubblicazione è stata stampata all interno della Casa Circondariale di Bologna dalla tipografia Il Profumo delle Parole

Questa pubblicazione è stata stampata all interno della Casa Circondariale di Bologna dalla tipografia Il Profumo delle Parole COMUNE DI BOLOGNA GARANTE DEI DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTÀ PERSONALE GIUNTA REGIONALE ASSOCIAZIONE GIURISTI DEMOCRATICI Queste note sono state realizzate: dall Ufficio del Garante dei diritti

Dettagli

p.c. al Signor Procuratore della Repubblica c/o il Tribunale p.c. al Signor Presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati LORO SEDI

p.c. al Signor Procuratore della Repubblica c/o il Tribunale p.c. al Signor Presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati LORO SEDI 75,%81$/(25',1$5,2',520$ 35(6,'(1=$ Ai Signori Presidenti le Corti di Assise Al Signor Presidente la Sezione G.I.P./G.U.P. Ai Signori Presidenti le Sezioni penali Ai Dirigenti le Sezioni penali, GIP/GUP

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO(1) Il sottoscritto/a nato/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. codice

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

199. - Misure di sicurezza a sottoposizione: espressa di legge disposta

199. - Misure di sicurezza a sottoposizione: espressa di legge disposta 1 di 9 199. - Misure di sicurezza a sottoposizione: espressa di legge disposta Nessun individuo può essere incriminato a misure di sicurezza che non sino espressamente stabilite e dichiarate dalla legge

Dettagli

PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale.

PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale. il libro concorso nell Educatori e Contabili Amministrazione PENITENZIARIA Ordinamento penitenziario Ragioneria pubblica e Contabilità di Stato Pedagogia penitenziaria Cultura generale DOMANDE CON RISPOSTE

Dettagli

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30 Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza UNA ISTANZA ORIGINALE COMPLETA DI TUTTI I DOCUMENTI E COMPILATA

Dettagli

GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE PREFAZIONE

GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE PREFAZIONE PREFAZIONE Questa guida per la persona privata della libertà personale rappresenta uno dei punti qualificanti del protocollo d intesa stipulato, in data 26.1.2006, tra la CASA CIRCONDARIALE LORUSSO CUTUGNO

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Ddl Camera 6297 Conversione del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 272 Disposizioni per favorire il recupero di tossicodipendenti recidivi

Ddl Camera 6297 Conversione del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 272 Disposizioni per favorire il recupero di tossicodipendenti recidivi Ddl Camera 6297 Conversione del decreto-legge 30 dicembre 2005, n. 272 Disposizioni per favorire il recupero di tossicodipendenti recidivi Articolo 4 (Esecuzione delle pene detentive per tossicodipendenti

Dettagli

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

RUOLO AGENTI D AFFARI IN MEDIAZIONE

RUOLO AGENTI D AFFARI IN MEDIAZIONE RUOLO AGENTI D AFFARI IN MEDIAZIONE DefinizionI Che cos è e chi deve iscriversi In quale Camera iscriversi Sezioni Requisiti per l iscrizione Incompatibilità Polizza assicurativa Corsi preparatori ed esami

Dettagli

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO

NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO NORME PER RIDURRE IL SOVRAFFOLLAMENTO PENITENZIARIO RELAZIONE Le norme di questa proposta di legge sono il frutto del lavoro condiviso di molte organizzazioni. L intenzione è quella di contrastare in modo

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.it PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NEI GIUDIZI CIVILI E AFFARI DI VOLONTARIA

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 26 gennaio 2006 (v. stampato Senato n. 3716)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 26 gennaio 2006 (v. stampato Senato n. 3716) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6297 DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 26 gennaio 2006 (v. stampato Senato n. 3716) PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE

GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE Guida Avvocati.qxd 23-02-2007 14:21 Pagina A GUIDA PER LA PERSONA PRIVATA DELLA LIBERTÀ PERSONALE A Guida Avvocati.qxd 23-02-2007 14:21 Pagina B Questa iniziativa è resa possibile grazie al patrocinio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DALLA CAMERA DEI DEPUTATI. il 4 luglio 2013 (v. stampato Senato n.

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DALLA CAMERA DEI DEPUTATI. il 4 luglio 2013 (v. stampato Senato n. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 331-927-B PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DALLA CAMERA DEI DEPUTATI il 4 luglio 2013 (v. stampato Senato n. 925) MODIFICATA

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1. Il sottoscritto/a. nato/a.. il..

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1. Il sottoscritto/a. nato/a.. il.. Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1 Il sottoscritto/a nato/a.. il.. residente in (via). n.. CAP Città.. cittadinanza codice fiscale. n.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SULL ORGANIZZAZIONE DELLA SANITA PENITENZIARIA Premessa Il Decreto del Presidente del

Dettagli

C O M U N E DI C A M P A G N A

C O M U N E DI C A M P A G N A C O M U N E DI C A M P A G N A PROVINCIA DI SALERNO UFFICIO INVALIDI CIVILI GUIDA ALLE PRESENTAZIONI RELATIVE ALL INVALIDITA CIVILE 1 INDICE - PRESENTAZIONE 1)- INVALIDITA CIVILE 2)-PROCEDIMENTO 3)-MODALITA

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

pg.comune.capannori.lu.it@cert.legalmail.it

pg.comune.capannori.lu.it@cert.legalmail.it COMUNE DI CAPANNORI Numero di Pratica COMUNICAZIONE DI SUBINGRESSO IN ATTIVITA COMMERCIALE (art. 74 L.R.T.n.28/2005 e s.m.i.) Protocollo / COMUNICAZIONE SUBINGRES 25-1-2011.doc Inviare esclusivamente con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

PANORAMA LEGISLATIVO ISTISSS

PANORAMA LEGISLATIVO ISTISSS 1 1 PANORAMA LEGISLATIVO ISTISSS Care lettrici e cari lettori, Anno VIII n. 165 in relazione al complesso processo di riforma dello Stato, avviato già con la legge 59/97, con la legge 127/97, con il d.lgs.112/98,

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

eadesso, cosa faccio?

eadesso, cosa faccio? ITALIANO eadesso, cosa faccio? istruzioni einformazioni utili per chi entra in carcere Realizzato con il finanziamento della Regione Lombardia L.8/2005 Provincia di Milano Direzione di Progetto Diritti,

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Nel nostro ordinamento viene assicurato ai cittadini non abbienti il patrocinio a spese dello stato nel processo civile, penale, amministrativo, contabile, tributario e negli

Dettagli

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale

Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti in esecuzione penale Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE CASA CIRCONDARIALE BARI Area Trattamentale Accoglienza, diritto allo studio ed alla formazione professionale per i soggetti

Dettagli

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti Camera Penale di Napoli Il carcere possibile o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti IL CARCERE POSSIBILE ONLUS sede legale Napoli, Centro Direzionale, Palazzo di Giustizia, Camera Penale

Dettagli

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica STALKING Indagine statistica attraverso la lettura dei fascicoli dei procedimenti definiti con sentenze di primo grado Roma, Giugno 2014 STALKING

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI Realizzazione grafica a cura dei ragazzi della Bottega Grafica dell I.P.M (Istituto Penale Minori) di Treviso INDICE 04 Cenni storici sull USSM 05

Dettagli

Carcere e droga: linee di indirizzo per l incremento della fruizione dei percorsi alternativi al carcere per persone tossicodipendenti e

Carcere e droga: linee di indirizzo per l incremento della fruizione dei percorsi alternativi al carcere per persone tossicodipendenti e Carcere e droga: linee di indirizzo per l incremento della fruizione dei percorsi alternativi al carcere per persone tossicodipendenti e alcoldipendenti sottoposte a provvedimenti dell Autorità Giudiziaria

Dettagli

VERBALE. Addì 18 novembre 2014 ore 12,30 nell ufficio del Presidente della Sezione penale del tribunale di Imperia sono presenti :

VERBALE. Addì 18 novembre 2014 ore 12,30 nell ufficio del Presidente della Sezione penale del tribunale di Imperia sono presenti : VERBALE Addì 18 novembre 2014 ore 12,30 nell ufficio del Presidente della Sezione penale del tribunale di Imperia sono presenti : per il Tribunale di Imperia, su delega del Presidente del Tribunale, la

Dettagli

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26 Indice PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI?... 3 CHI SIAMO?...4 Breve storia dell Ufficio di Esecuzione Penale Esterna... 5 DOVE SIAMO?... 6 DI QUALE TERRITORIO CI OCCUPIAMO?... 7 A CHI CI RIVOLGIAMO?... 8 CHI

Dettagli

1988 - DPR 448/88 Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni Decreto del Presidente della Repubblica (DPR)

1988 - DPR 448/88 Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 1988 - DPR 448/88 Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) Decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988,

Dettagli

Il / La sottoscritt nat a il prov./naz. di cittadinanza residente in Via/piazza n a (c.a.p.) città, Tel.

Il / La sottoscritt nat a il prov./naz. di cittadinanza residente in Via/piazza n a (c.a.p.) città, Tel. N / 2014 Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati Palazzo di Giustizia Via XX Settembre 17100 SAVONA Avvertenza La domanda può essere presentata in Segreteria nei giorni di martedì e venerdi dalle ore 10

Dettagli

Cittadini dell Unione europea e loro familiari extracomunitari. Familiari extracomunitari di cittadini italiani.

Cittadini dell Unione europea e loro familiari extracomunitari. Familiari extracomunitari di cittadini italiani. Cittadini dell Unione europea e loro familiari extracomunitari. Familiari extracomunitari di cittadini italiani. Il Decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30 che recepisce la direttiva 2004/38/CE stabilisce

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

Carta. dei Detenuti e degli Internati

Carta. dei Detenuti e degli Internati MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Carta dei Diri i e dei Doveri dei Detenuti e degli Internati Decreto del Ministro della Giustizia del 5 dicembre 2012 Con decreto

Dettagli

CORTE DI APPELLO PALERMO

CORTE DI APPELLO PALERMO CORTE DI APPELLO PALERMO LIQUIDAZIONI SPESE DI GIUSTIZIA - ISTANZA WEB A partire dal 18 luglio 2014 è attivo il Sistema web Liquidazioni Spese di Giustizia realizzato per consentire ai beneficiari di pagamenti

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CAPO I Iscrizione al Registro Speciale dei Praticanti 1 Il laureato che intenda avviarsi alla

Dettagli

GUIDA PER I DETENUTI

GUIDA PER I DETENUTI GUIDA PER I DETENUTI Questa Guida intende agevolare i detenuti della comprensione delle leggi e delle regole che disciplinano il regime penitenziario in Italia, infatti quasi sempre questi argomenti vengono

Dettagli

I1/La sottoscritto/a. codice fiscale e residente in. tel. n. cittadinanza professione. formula istanza. nella causa pendente davanti al RG n.

I1/La sottoscritto/a. codice fiscale e residente in. tel. n. cittadinanza professione. formula istanza. nella causa pendente davanti al RG n. Spett.le CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI di PATTI 98066 PATTI Istanza di ammissione al patrocino a spese dello Stato (1-2) (D.P.R. 30.05.2002 n. 115 artt.78, 78,79 e 124 per giudizi civili e affari

Dettagli

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza S.Pre.S.A.L. - Azienda Sanitaria Locale Chi è? Ente che fa parte del Dipartimento di Prevenzione delle A.S.L. Quale

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ANTICIPATA E PROVVISORIA AL BENEFICIO DEL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115.

ISTANZA DI AMMISSIONE ANTICIPATA E PROVVISORIA AL BENEFICIO DEL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115. Attore ricorrente 24 luglio 2014 Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Viterbo Via G. Falcone e P. Borsellino, 41 01100 VITERBO ISTANZA DI AMMISSIONE ANTICIPATA E PROVVISORIA AL BENEFICIO DEL PATROCINIO

Dettagli

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX. COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.N 051-6622418 Legge n. 98 del 09 agosto 2013 di conversione del decreto legge

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: IL/LA SOTTOSCRITTO/A COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE DEL DELEGATO

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE PENALE Il giudice dell esecuzione

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE PENALE Il giudice dell esecuzione N. 643/09 Reg. CAMERALE TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE PENALE Il giudice dell esecuzione Letti gli atti del procedimento a carico di Fargnoli Edgardo; rilevato che il fascicolo era stato assegnato ad altro

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI. Trento. (artt.78,79 e 124 D.P.R. n.115/02)... sottoscritt..., nat.. a... il... e residente in.. cap...

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI. Trento. (artt.78,79 e 124 D.P.R. n.115/02)... sottoscritt..., nat.. a... il... e residente in.. cap... CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI Trento ISTANZA PER L AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (1)(2) (artt.78,79 e 124 D.P.R. n.115/02)... sottoscritt...., nat.. a... il... e residente

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO - artt. 5, 5 bis, 6 D.lvo 286/98 - art. 8 bis, 13, 14, 35, 36, 30 bis, 36 bis D.p.r. 394/99 Le norme del TU e del Reg. sopra indicate prevedono che entro

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA N. 998/2010 S 28 Il Magistrato di Sorveglianza, letto il reclamo presentato ex art. 69 O.P. da G. V. n. il detenuto CR Opera in espiazione della

Dettagli

Lavorando con i minori e giovani adulti stranieri Indicazioni sulle procedure per promuovere la regolarità del soggiorno

Lavorando con i minori e giovani adulti stranieri Indicazioni sulle procedure per promuovere la regolarità del soggiorno Lavorando con i minori e giovani adulti stranieri Indicazioni sulle procedure per promuovere la regolarità del soggiorno Indice - Premessa - Minori stranieri non accompagnati Definizione Primi interventi

Dettagli

II COMMISSIONE PERMANENTE

II COMMISSIONE PERMANENTE Martedì 13 gennaio 1998 41 Commissione II II COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) IN SEDE LEGISLATIVA Martedì 13 gennaio 1998. Presidenza del Presidente Giuliano PISAPIA. Interviene il sottosegretario di

Dettagli

APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO

APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO APPUNTI PER LEZIONE CORSO DIFESA D UFFICIO DEL 24.1.2012 DOTT.SSA CLAUDIA FINOCCHIARO IMPUTATO All imputato è dedicato il titolo IV del libro I del cpp, artt. 60-73 L art. 61 del cpp stabilisce che si

Dettagli

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA La normativa di riferimento per il soggiorno dei comunitari in Italia è costituita dal D. Lgs. n. 30 del 6 febbraio 2007 (Attuazione della direttiva

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli