RELAZIONE FINALE. Progetto XVI Meeting sui Diritti Umani Lavoro. Diritto al centro dei nostri pensieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE. Progetto XVI Meeting sui Diritti Umani Lavoro. Diritto al centro dei nostri pensieri"

Transcript

1 RELAZIONE FINALE Progetto XVI Meeting sui Diritti Umani Lavoro. Diritto al centro dei nostri pensieri OXFAM ITALIA VIA C. CONCINI, AREZZO - ITALIA T F Oxfam Italia è membro affiliato della confederazione internazionale Oxfam.

2 Sommario Relazione di sintesi... 3 Relazione dettagliata attività... 4 Attività 1 Realizzazione di un dossier... 4 Attività 2 Evento finale dei laboratori a Maggio Attività 3 Percorso formativo per insegnanti... 5 Attività 4 Percorso di approfondimento e animazione per le scuole secondarie.. 5 Attività 5 Animazione di una piattaforma telematica... 7 Attività 6 Laboratori Future Workshop... 7 Attività 7 Evento finale Giornata Meeting... 9

3 Relazione di sintesi In occasione del XVI Meeting sui diritti umani Lavoro. Diritto al centro dei nostri pensieri, svoltosi il 10 dicembre 2012 e finanziato ogni anno dalla Regione Toscana ai sensi della L.R. 55/97 "Interventi per la promozione di una cultura di pace", la Regione Toscana ha incaricato le ONG Oxfam Italia (capofila), Manitese e Cospe vincitrici del Bando di collaborare all'iniziativa. Le organizzazioni non governative citate sono impegnate in progetti di cooperazione internazionale e di educazione allo sviluppo e alla cittadinanza sono state incaricate di realizzare alcune attività di sensibilizzazione, rivolte alle scuole secondarie toscane, propedeutiche per la partecipazione alla giornata del 10 Dicembre Insieme alla Regione Toscana, Oxfam Italia ha co-organizzato e coordinato il progetto. In particolar modo si è occupata della redazione del dossier, dell organizzazione e realizzazione dei percorsi educativi rivolti agli studenti, dell organizzazione e realizzazione delle 4 giornate rivolte alla formazione degli insegnanti, della realizzazione di 9 laboratori della partecipazione democratica, dell evento finale dei laboratori con i decisori politici, della gestione e animazione della piattaforma Fai La Cosa Giusta e infine ha collaborato alla definizione del programma, degli ospiti e alla cura della parte logistica in merito all arrivo dei partecipanti e delle scuole e alla loro partecipazione alla giornata del 10 dicembre 2012 che si è svolta al Mandela Forum di Firenze.

4 Relazione dettagliata attività Attività 1 Realizzazione di un dossier Il dossier è stato progettato come uno strumento per gli insegnanti dove poter trovare approfondimenti e documentazione sulla complessa tematica del diritto al lavoro. Le tematiche da approfondire nel dossier sono state concordate da Oxfam Italia con la Regione Toscana attraverso alcune riunioni presso la sede della Regione Toscana, in particolare con il settore Attività Internazionali. Il lavoro di coordinamento è stato realizzato da Lorenzo Luatti di Oxfam Italia e dopo una fase di definizione dei compiti tra le ONG Oxfam Italia, Manitese e Cospe, è iniziato un lavoro di ricerca di materiali sui temi individuati. La grafica è stata realizzate dalla Regione Toscana. Il dossier è stato distribuito alle insegnanti tramite la piattaforma Fai La Cosa Giusta in versione digitale e in cartaceo durante il Meeting. Alcune altre copie del dossier sono poi state stampate e distribuite dalla Regione Toscana ad altri attori rilevanti. Attività 2 Evento finale dei laboratori a Maggio 2013 Il 24 maggio a Firenze, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, si è tenuto l evento finale dei Laboratori della partecipazione democratica 2013 (v. attività 6), a cui hanno preso parte 103 degli studenti protagonisti dei laboratori. L evento conclusivo si è distribuito lungo tutta la giornata. In mattinata le classi, arrivate da tutta la Toscana, si sono esercitate e preparate con l aiuto dello staff del progetto a presentare le loro proposte in maniera adeguata ai decisori politici. Gli obiettivi dell incontro finale sono stati quelli di garantire un ascolto attivo da parte dei rappresentanti politici delle proposte emerse, grazie alla presentazione dei lavori svolti, al fine di aprire un vero e proprio tavolo di lavoro, nonché di dare la possibilità agli studenti di porre domande ai rappresentanti politici per avere un quadro chiaro di ciò che potrà essere fatto e di ciò che non potrà mai essere fatto. Dato il luogo prestigioso e la conseguente impossibilità di affiggere alle pareti i cartelloni, solo un esempio del frutto del lavoro dei laboratori è stato esposto nel Salone dei Cinquecento, mentre tutti i lavori sono stati caricati sulla piattaforma on line. Il pomeriggio ha visto l arrivo dei decisori politici regionali i quali hanno ascoltato e commentato le proposte presentate dalle classi e hanno fatto presente quali di queste potevano già trovare realizzazione nell ambito delle misure e programmi già attivati dalla Regione. L evento finale ha visto la partecipazione e presenza di Anna Amodeo del Settore Istruzione e Educazione per la Regione Toscana, Paolo Bruschi responsabile del settore Formazione e Lavoro dell'unione dei Comuni Circondario dell'empolese Valdelsa e Carlo Andorlini, coordinatore del progetto Giovanisì. Durante l evento sono stati distribuiti in cartellina tutti i materiali frutto della documentazione e dell analisi dei risultati dei laboratori di partecipazione democratica preparati dallo staff di progetto. Il programma dell evento, il rapporto sui risultati dei laboratori e le proposte finali sono consultabili e scaricabili dalla piattaforma (v. attività 5)

5 Attività 3 Percorso formativo per insegnanti Come negli anni precedenti, anche quest anno è stato organizzato un corso di formazione che ha previsto un modulo formativo di una giornata che è stato replicato in 4 province toscane. L organizzazione dei quattro incontri organizzati ad Arezzo, Firenze, Grosseto e Livorno, ha raccolto l interesse e conseguente iscrizione di circa 80 insegnanti e la partecipazione di circa 55 insegnanti. Questa giornata formativa è stata rivolta agli insegnanti che avrebbero partecipato successivamente con le proprie classi all evento previsto per il 10 dicembre 2012 presso il Mandela Forum di Firenze. La giornata di formazione a Grosseto ha subito un cambiamento di data all ultimo minuto a causa di un alluvione che ha creato un forte disagio per gli insegnanti e di conseguenza una partecipazione bassa per questa città. Il corso ha mirato a stimolare nei partecipanti spunti di riflessione sul tema del diritto al lavoro che potessero fornire indicazioni per trattare queste tematiche nelle proprie classi oltre che per preparare i ragazzi alla giornata del 10 dicembre Per questo, a fianco di un percorso di approfondimento delle tematiche legate al diritto al lavoro, proposte e sviluppate nel Dossier, il corso ha previsto un laboratorio in cui una formatrice di Oxfam specializzata nei metodi dell educazione attiva ha proposto ai partecipanti diverse attività ludiche rispetto al tema dell anno che sono state spunto di riflessione per l individuazione di strumenti efficaci per affrontare il tema dei diritti umani in classe. Per gli insegnanti partecipanti è stata inoltre messa a disposizione un ampia sitografia e bibliografia sul tema del diritto al lavoro, oltre ad altri materiali di approfondimento e i capitoli del Dossier. Alla fine della giornata formativa è stata sottoposta agli insegnanti una scheda di valutazione dalla quale si evince che il corso è risultato ben strutturato e appropriato sia nella scelta dei tempi che dei docenti e funzionale agli obiettivi prefissati. Particolarmente apprezzata è risultata la parte laboratoriale della formazione. Attività 4 Percorso di approfondimento e animazione per le scuole secondarie La progettazione di un percorso didattico di approfondimento e sensibilizzazione rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado della Toscana aveva come obiettivo la preparazione degli studenti al tema scelto per il meeting del 2012, il diritto al lavoro, affinché la loro partecipazione al meeting fosse più intensa e consapevole. La progettazione del percorso educativo è stata realizzata attraverso un incontro al quale hanno partecipato alcuni operatori di Manitese, Cospe e Oxfam Italia. Nella co-progettazione sono state messe in comune e confrontate le esperienze educative già realizzate, i materiali, le idee e gli stili educativi delle ONG. Seguendo le esperienze degli ultimi anni, anche quest anno sono state identificate le metodologie più adatte per affrontare il tema del lavoro rendendolo il più possibile vicino ai ragazzi. Dopo un confronto sia con Manitese e Cospe sia con il curatore del dossier, Oxfam Italia ha abbozzato e in seguito finalizzato la struttura ed i contenuti del percorso educativo. Sono stati realizzati differenti materiali didattici - video,foto, powerpoint, testimonianze, una sitografia e bibliografia - da poter portare in ogni classe per svolgere al meglio il percorso.

6 Il percorso è stato strutturato su una durata di 4 ore. Sono state suggerite di preferenza metodologie attive e partecipative, per fare in modo che gli studenti siano parte integrante della stessa formazione. Gli studenti durante il percorso sono stati invitati ad una azione concreta: formulare una domanda rispetto al diritto al lavoro attraverso un breve video della durata di massimo 20 secondi per ciascuna classe. I video sono stati caricati sulla piattaforma e quelli più pertinenti sono stati mostrati durante il Meeting del 10 dicembre. Gli ospiti presenti all evento del Meeting sono stati invitati a rispondere alle domande proposte. Previamente alla realizzazione dei percorsi, Oxfam Italia ha provveduto a formare gli animatori delle tre ONG coinvolte nella realizzazione del percorso didattico, a realizzare i materiali e a coordinare gli interventi nelle scuole. Ogni ONG ha concordato autonomamente le date dei percorsi educativi. I percorsi realizzati sono stati in totale 152. Le richieste per i percorsi sono state superiori rispetto alla quantità di percorsi attivabili attraverso il progetto. Alcune richieste, inoltre, sono pervenute dopo la data di scadenza fissata. E stato quindi necessario operare una selezione per arrivare al numero dei percorsi coperti dal contributo della Regione Toscana. I percorsi sono stati distribuiti in modo uniforme all'interno del territorio regionale cercando di garantire almeno un percorso a tutte le scuole che ne hanno fatto richiesta. Come tutti gli anni, alla fine dei percorsi, sono state sottoposte a insegnanti e studenti delle schede di valutazione relative al percorso educativo. Il percorso è risultato ben strutturato e funzionale agli obiettivi fissati ed ha avuto un ottimo successo sia con gli insegnanti che con gli alunni. I risultati completi delle valutazioni dei percorsi sono disponibili presso Oxfam Italia che ha raccolto e sistematizzato i dati delle schede. Si riportano qui le valutazioni medie. Oxfam Italia ha realizzato i percorsi nelle province di Arezzo, Siena, Grosseto, Firenze. Manitese e Cospe nelle province di Firenze, Pisa, Prato, Lucca, Pistoia, Massa Carrara e Livorno (isola d Elba compresa).

7 Attività 5 Animazione di una piattaforma telematica Per il secondo anno, il percorso del meeting diritti umani ha potuto godere di uno strumento innovativo, una piattaforma online accessibile, dietro iscrizione, a tutte le classi coinvolte nel percorso. La piattaforma, raggiungibile tramite l indirizzo ha avuto lo scopo di mettere le classi partecipanti in condizione di condividere il lavoro con le altre classi e interagire con esse. La piattaforma prevede la possibilità di scaricare il dossier, di caricare documenti e riflessioni delle classi, di confrontarsi a distanza sul percorso avviato. Inoltre ha permesso alle classi di interagire al loro interno e tra di loro, anche con l uso delle nuove tecnologie 2.0 che permettono un maggiore dialogo. La piattaforma telematica ha anche uno spazio dedicato ai Future Workshops. Per tutelare i minori l acceso alla piattaforma non è immediato ma viene attivato previa registrazione della classe. Per ogni laboratorio realizzato sono stati caricati in piattaforma i report, le immagini dei cartelloni realizzati sulle criticità, le proposte e i progetti sviluppati nei gruppi di lavoro. Inoltre una sitografia e bibliografia relativa al tema del Diritto al lavoro è disponibile tra i materiali. In questo spazio sono in aggiunta stati pubblicati tutti i documenti relativi alla sistematizzazione dei risultati dei laboratori, incluse le proposte progettuali selezionate dalle classi per la presentazione ai decisori politici e tutti i materiali (presentazioni power point, statistiche, programma della giornata) relativi all evento finale con i decisori. Attività 6 Laboratori Future Workshop Tra gennaio e maggio 2012, il progetto ha visto la realizzazione di 9 laboratori della partecipazione democratica della durata totale di 10 ore ciascuno. In alcuni casi i laboratori si sono svolti nell arco di due mattinate scolastiche, in altri casi il laboratorio si è svolto per intero in una sola giornata. I laboratori hanno coinvolto diverse tipologie di scuole superiori dislocate nelle province toscane. Vi hanno partecipato 182 studenti appartenenti a 9 classi di 8 scuole superiori della Toscana (v. box a seguire) Nella decima scuola selezionata non si è potuto alla fine svolgere il laboratorio per indisponibilità della classe dovuta ad altri impegni nel frattempo sopravvenuti. Classi coinvolte nei laboratori della partecipazione democratica 2012 IV E, Liceo scientifico Marconi, Carrara II D, ISI Civitali, Lucca Sezione Datini della Casa Circondariale Mauseti, Prato IV D, Liceo Linguistico, Piombino ITI 4 MEC e IPS 4 ART, Polo ISIS, Piombino IV C, Istituto Calamandrei, Sesto Fiorentino IV A, ISIS E.Mattei, Rosignano IV BP, Istituto Severi, San Giovanni Valdarno IV Aziendale per il turismo Enrico Fermi, Poppi Gli incontri sono stati realizzati da un conduttore esperto con l ausilio di un assistente. La prima parte del laboratorio è servito a far emergere le critiche e gli ostacoli che i ragazzi vedono nel loro accesso concreto al diritto al lavoro; queste critiche sono state trascritte su

8 cartelloni e votate dalla classe. Si è in seguito proseguito a riformulare in positivo le critiche più votate sotto forma di proposte auspicabili. La seconda parte del laboratorio è stata dedicata ancora all ascolto dei partecipanti che hanno potuto scrivere sui cartelloni i loro desideri, le loro aspettative, i loro ideali rispetto all accesso al diritto al lavoro. La classe, attraverso votazione, si è a questo punto accordata su 2-3 proposte ideali che sono poi state sviluppate in piccoli gruppi con le modalità ritenute più idonee dai partecipanti (cartelloni, collage, relazioni per punti, grafici, disegni, ecc.). Al termine di questo lavoro è stato previsto un momento finale di restituzione e presentazione dell attività al dirigente scolastico ed altri insegnanti e classi della scuola, in modo che altri insegnanti oltre che gli studenti, che lo avevano vissuto ed agito in prima persona potessero conoscere meglio il metodo ed eventualmente replicarlo in altri contesti. Questo momento di confronto è servito inoltre per valorizzare i materiali prodotti dagli studenti e usarli come materiale di studio, discussione, approfondimento con gli insegnanti, anche dopo la fine del progetto. Ogni laboratorio è stato documentato con un report, delle foto e del materiale audio. Ad esclusione del materiale audio, troppo pesante, la documentazione è stata caricata ed è accessibile ai partecipanti sulla piattaforma on line. Si è inoltre provveduto ad offrire alla classe partecipante una merenda durante lo svolgimento del laboratorio, poiché quanto questo aspetto è specificamente previsto dalla metodologia del Future workshop in quanto facilita la messa a proprio agio dei partecipanti. Gli insegnanti coinvolti e gli studenti hanno espresso una valutazione sul laboratorio realizzato analizzando le dimensioni dell interesse per il tema proposto, per la metodologia, della replicabilità della metodologia, della competenza del conduttore e del clima instauratosi nella classe durante l attività. Le valutazioni sono state molto positive sia da parte degli studenti che degli insegnanti. Particolare interesse ha suscitato il tema prescelto ovvero il diritto al lavoro. Anche il metodo ha raccolto interesse pur sentendosi gli studenti e gli insegnanti spesso non pronti a riutilizzarlo. Rispetto ai suggerimenti per migliorare la partecipazione degli studenti ai laboratori, molti insegnanti si sono espressi sottolineando la necessità di preparare maggiormente gli studenti al metodo dei future workshop e al tema prescelto, precedentemente alla realizzazione del laboratorio. Da parte di alcuni studenti invece è arrivato il suggerimento di usare maggiormente immagini e video nello svolgimento del laboratorio. I dati completi relativi alle valutazioni dei laboratori della partecipazione democratica sono disponibili presso Oxfam Italia L esperienza dei laboratori di partecipazione democratica è stata positiva anche quest anno e in questa ottica proseguibile negli anni futuri come attività integrante del progetto Meeting sui Diritti Umani. Tuttavia si riportano qui alcuni punti di valutazione emersi da parte del gruppo di educatori e facilitatori che hanno condotto l esperienza. L importanza del coinvolgimento attivo degli insegnanti: in base a ciò che è emerso l anno scorso, i Future Workshops sono stati fatti solo nelle classi in cui gli insegnanti hanno prestato una collaborazione e un impegno attivo nel preparare la classe e la scuola al laboratorio. Questo ha garantito una maggior ricaduta sulle scuole nel momento in cui la classe ha riportato il suo lavoro ad altre classi e insegnanti nella fase conclusiva del Future Workshop. Nella prossima edizione continueremo a specificare chiaramente l importanza del ruolo degli insegnanti, in modo da poter stimolare maggiormente il loro impegno e la loro collaborazione, e quindi favorire una migliore riuscita del laboratorio.

9 L utilizzo della piattaforma: Questa è stata la seconda edizione dei Future Workshops che ha utilizzato la piattaforma on line che ha visto un aumento di attività e partecipazione dalle scuole. La preparazione al Meeting dei diritti umani: La metodologia dei Future Workshop si è rivelata di enorme potenzialità come possibile forma di preparazione di alcune classi ad una più attenta partecipazione al Meeting dei diritti umani della Regione Toscana. I Future Workshop dal punto di vista metodologico completano efficacemente i percorsi educativi che tradizionalmente vengono svolti dalla maggior parte delle classi che partecipano al Meeting. Dopo la verifica l anno scorso che una previa preparazione ed un orientamento tematico delle classi sul tema del diritto in oggetto avrebbe permesso a tutte le classi di partire nei laboratori con una base di consapevolezza comune sulle problematiche legate all esercizio del diritto al lavoro, si sono candidate per i laboratori solo le classi che hanno realizzato il percorso educativo di approfondimento tematico sul tema. Rispetto all evento finale che ha concluso il percorso dei laboratori: Le presentazioni della giornata finale: come frutto dell esperienza dell anno precedente, è stato deciso di preparare un unica presentazione in power point con tutte le proposte, mantenendo uniformità di formato ed equità di opportunità fra le classi. Sono dunque state mostrate le foto dei cartelloni che le classi hanno preparato durante il laboratorio. La scelta finale di non avere una giuria: l esperienza dell anno precedente ci ha portato a non prevedere nessun vincitore in senso assoluto né l identificazione di una o più tra le proposte presentate che, a parere dei decisori politici, presentassero possibilità di realizzazione col sostegno della Regione. Piuttosto che costituire una giuria si è dunque privilegiata l intenzione di lasciare ai decisori politici la responsabilità di rispondere a tutte le proposte e alle eventuali domande fatte dagli alunni per valorizzare tutti i lavori elaborati nei laboratori svolti e per aprire un vero e proprio tavolo di lavoro di cittadinanza attiva. Attività 7 Evento finale Giornata Meeting Il tema della XVI edizione del Meeting sui Diritti Umani, coerentemente a quanto sviluppato in tutto il percorso che ha coinvolto le scuole toscane, è stato il diritto al lavoro. Il 10 dicembre 2012 al Nelson Mandela Forum di Firenze le istituzioni insieme agli studenti toscani e ai numerosi e qualificati ospiti, hanno portato la loro testimonianza sul tema. All evento del Mandela Forum del 2012 hanno partecipato circa 8000 studenti e insegnanti provenienti da circa 110 scuole di tutta la Toscana. La giornata è stata condotta per il terzo anno da Paola Maugeri e Roberto Vecchioni, che insieme ai tanti ospiti (alleghiamo il programma della giornata) hanno saputo stimolare la riflessione dei giovani sul tema proposto e approfondito anche in classe. Oltre ai presentatori per animare la sala e presentare i vari lavori portati dalle scuole è stato presente il DJ Carletto di RDS. L accompagnamento musicale, sempre di grande suggestione, è stato assicurato dal gruppo I canti erranti. In diversi momenti della mattinata si è ricordato, insieme agli studenti, il tragico anniversario dell uccisione, avvenuta a Firenze, in contemporanea allo svolgersi del meeting del 2011, il 13 dicembre passato, di due lavoratori senegalesi per mano di un fanatico.

10 La struttura della giornata è stata pensata dalla Regione Toscana insieme all Ong Oxfam avvalendosi del supporto del partner tecnico Associazione Pala Mandela. Anno dopo anno aumentano e migliorano le strategie messe in campo per garantire una più ampia partecipazione e un maggiore protagonismo all evento del meeting da parte degli studenti partecipanti. La Regione Toscana insieme alle ONG Oxfam Italia; Manitese e Cospe anche quest anno ha promosso l iniziativa dal titolo Un segno per i diritti umani. Gli insegnanti e gli operatori delle ONG sono stati invitati a stimolare gli studenti a produrre un messaggio sul tema del meeting di quest anno (Lavoro. Diritto al centro dei nostri pensieri) che fosse visibile e facilmente comunicativo (esempi: magliette, coreografie, cartelloni) da portare il 10 dicembre 2012 al Mandela Forum di Firenze. L iniziativa ha riscosso un grande successo e molte scuole hanno portato i loro lavori nella giornata del meeting diventando così maggiormente protagonisti della giornata stessa. Inoltre, alcuni studenti di una scuola secondaria di secondo grado hanno raccontato ai loro coetanei presenti la loro esperienza in Perù con un gruppo di bambini lavoratori (NATS). Due classi di una scuole secondaria di primo grado, sono invece salite sul palco per recitare una breve scena sul diritto al lavoro. Grande successo e partecipazione anche attraverso i video con le domande preparate dalle scuole per gli ospiti. Essi sono stati trasmessi durante il corso della mattina, dettando i sottotemi dell evento, e sono stati seguiti dalle risposte in diretta dagli ospiti. In maniera trasversale a tutte le attività del progetto ma con particolare cure per l organizzazione della giornata del 10 Dicembre, la segreteria organizzativa, istituita presso la sede di Oxfam Italia, è stata aperta da metà settembre fino al 10 Dicembre 2012 (dalle ore alle 13.00) dal lunedì al venerdì. La segreteria ha raccolto le iscrizioni al meeting degli studenti e insegnanti provenienti dalle scuole ubicate in tutte le province della Toscana. Le adesioni al meeting sono arrivate via fax e via . Una volta scaduti i termini, le iscrizioni sono state comunicate alla Regione. Per l'organizzazione dei trasporti, ci siamo avvalsi della preziosa ed efficiente collaborazione della PRG, di Trenitalia e Ataf. Trenitalia ha predisposto oltre ai tanti treni ordinari anche, treni straordinari per raggiungere la manifestazione, il numero trasportato è stato di circa 5500 persone. L Ataf ha predisposto un servizio di trasporto per il Mandela Forum per alcune scuole di Firenze che si sono iscritte. È stato inoltre necessario predisporre dei trasporti extra in autobus per le classi fuori Firenze rimaste non coperte dal trasporto ferroviario. Nello specifico, lo sportello di segreteria attivo presso Oxfam Italia ha: - fornito informazioni organizzative sulla giornata del meeting e sulle caratteristiche del percorso didattico; - in collaborazione con il Settore Attività Internazionali, la Segreteria dell Assessore e l ufficio del Cerimoniale della Regione, ha curato tutte le necessità riguardo agli ospiti e ai fornitori necessari per il buon svolgimento della giornata del meeting; - raccolto le iscrizioni per i percorsi in preparazione del meeting con relativa organizzazione degli stessi, fissando le date in base alle disponibilità delle scuole e degli educatori; - raccolto le prenotazioni per la partecipazione al meeting;

11 - provveduto a preparare ed inviare le credenziali di viaggio per le scuole che hanno usufruito dei treni gratuiti messi a disposizione da Trenitalia; - inviato, per chi veniva in pullman, le informazioni per la riduzione del ticket per entrare a Firenze e, per chi richiedeva il rimborso del pulman, (in quanto proveniente da zone non servite dal treno) le modalità per ottenere il rimborso; - Raccolto le iscrizioni per i laboratori della partecipazione democratica con relativa organizzazione logistica degli stessi. Anna Rita DeBellis Responsabile progetto Oxfam Italia

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso "Donare, molto più di un semplice dare"

OGGETTO: Giornata del dono e Concorso Donare, molto più di un semplice dare Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio

Dettagli

SE MI LASCI NON CRESCI

SE MI LASCI NON CRESCI F.S.E. Fai Scuola con l'europa Evento di lancio del nuovo POR FSE 2014-2020 REGOLAMENTO CONCORSO VIDEO SE MI LASCI NON CRESCI RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO Regolamento del

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio Regione Toscana Bando di concorso a.a. 2014/2015 Borse di studio Posti alloggio Luglio 2014 Pubblicazione a cura del Servizio Comunicazione Impaginazione a cura di: Leda Lazzerini Redazione testo: Servizi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016 decima edizione In collaborazione con Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli