Q-DAS S.R.L. D Weinheim Via San Martino, 31

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Q-DAS S.R.L. D - 69469 Weinheim Via San Martino, 31"

Transcript

1 Esempi Copyright 2003 Q-DAS GmbH Q-DAS S.R.L. Eisleber Str Manerbio (BS) D Weinheim Via San Martino, 31 Germany Italia Tel.: ++49/6201/ Tel.: ++39/ Fax: ++49/6201/ Fax: ++39/ Internet: Internet: Hotline: Tel.: ++49/6201/ Fax: ++49/6201/

2 2 Esempi

3 Prefazione 3 Prefazione Vogliamo ringraziare i nostri clienti per la fiducia e il feedback che ci ha aiutato a crescere e migliorare i nostri prodotti e servizi. L intento di questo manuale è quello di fornire degli esempi che possano aiutare insieme al manuale 1X1 di qs-stat ad un facile apprendimento del programma. Vi auguriamo un lavoro proficuo con i prodotti Q-DAS. Note: La nostra offerta include seminari e corsi inerenti ai prodotti Q-DAS. Saremmo lieti di spedirvi una descrizione dettagliata dei contenuti dei corsi. Informazioni aggiornate e programmi dei corsi a venire sono disponibili sulla nostra homepage (Italiano) (tedesco). Inoltre, ci farebbe piacere presentarvi un offerta per corsi personalizzati presso la vostra sede. Per la formazione individuale, vi raccomandiamo l acquisto delle nostre pubblicazioni di riferimento per la statistica.

4 4 Esempi Diritti Legali e Garanzia Tutti i diritti sulla documentazione e sul software qs-stat appartengono a Q- DAS GmbH. Le informazioni contenute nel presente documento o il testo della guida del programma sono soggette a variazioni in qualsiasi momento senza preavviso. Q-DAS GmbH declina ogni responsabilità legata a questo documento. L acquisto legale delle licenze software e dei manuali consente l utilizzo dei programmi in base al numero di licenze. E possibile fare delle copie solo per questioni di sicurezza dei dati (copie lavoro). Chiunque trasferisca questo software attraverso qualsiasi altro supporto per scopi diversi dall utilizzo personale è perseguibile penalmente. Limitazioni di Garanzia Nessuna garanzia viene assunta riguardo alla correttezza dei contenuti di questo manuale. Poiché, nonostante ogni sforzo, è possibile che vi siano errori, saremmo grati se ci notificaste ogni anomalia rilevata.

5 Tavola dei contenuti 5 Tavola dei contenuti Registrazione Dati In rilievo: Maschere dei Particolari, Valori, Caratteristiche; Gestione dati; trasformazione lineare Registrazione Dati avanzata In rilievo: Registrazione dati; Campi dati ausiliari; Operatori logici Carta Valori In rilievo: Gestione dati; Analisi grafica; Carte di controllo; Carta valori Analisi grafica In rilievo: Gestione dati; Analisi grafica; Carte di controllo; Istogramma; Carte multiple Grafici di sommario In rilievo: Box Plot; Valori di capacità; Statistica delle caratteristiche; Errori / n unità non conformi Capacità degli strumenti di misura In rilievo: Maschere dei Particolari, Valori, Caratteristiche; Gestione dati; Studio 1,2,3; Carta valori deviazioni variazioni; Cg/Cgk

6

7 Introduzione alla registrazione dati Pagina 1 di 6 Obiettivo: Scopo di questa sezione è la presentazione delle possibilità di registrazione dei dati offerte da qs-stat. L utente impara ad inserire i dati, le tolleranze, e la registrazione veloce attraverso la trasformazione lineare. Informazioni collegate: Creando un file, è importante inserire le corrette informazioni sulle tolleranze, visto che queste determineranno i risultati in termini di capacità. E anche importante inserire le eventuali informazioni di contorno (dati ausiliari) che consentono di individuare cause speciali ed eventi occorsi nel processo. In rilievo: Mashere, Particolari, Valori, Caratteristiche Gestione dati Trasformazione Lineare Ø ± M1 P1 P4 M5 M2 M3 M4 P2 P ± 0.05 Compito: Creare un file di qs-stat per l albero motore per le quattro caratteristiche del Pin 4 (P4), evidenziate nel disegno sopra. Fare riferimento alle informazioni addizionali seguenti. Versione: Q-DAS S.R.L.

8 Pagina 2 di 6 Introduzione alla registrazione dati Informazioni addizionali: N. Part. 1 Descr.Part. Albero Motore N.Car Descr. Car. Pos. P4 Diam. P4 Roton. P4 Lin. P4 Nominale LSS LSI Valori Misurati: Alb.motore Pos. P4 Diam P4 Roton. P4 Lin. P Q-DAS S.R.L. Versione: 1

9 Introduzione alla registrazione dati Pagina 3 di 6 Procedure: 1. Dal modulo di qs-stat Analisi di Processo, selezionare il menu file - File Nuovo, o cliccare dalla barra icone sull icona mostrata qui a fianco. Poi dalla finestra crea nuova caratteristica, impostare, nella sezione caratteristiche per variabili 4 e cliccare su OK. File nuovo 2. Nella maschera dei Particolari, vanno inserite le informazioni essenziali come numero e descrizione del particolare. Questi devono essere degli identificatori univoci del particolare esaminato. Nel nostro caso il numero è e la descrizione è albero motore. Versione: Q-DAS S.R.L.

10 Pagina 4 di 6 Introduzione alla registrazione dati Le tre icone di sotto consentono di muoversi rispettivamente tra le maschere del particolare, delle caratteristiche e dei valori. 3. Dopo aver inserito le informazioni sul particolare, si compila la maschera delle caratteristiche con il numero e la descrizione di ogni caratteristica. Anche questi identificatori devono essere univoci. 4. Si inseriscono poi per ogni caratteristica le tolleranze e le unità di misura, oltre che la tipologia di caratteristica. Per muoversi tra le caratteristiche si usano le icone visualizzate qui sotto. Oppure si può visualizzare la lista delle caratteristiche e muoversi cliccando, in questa finestra, sulla caratteristica desiderata (vedi sotto) Q-DAS S.R.L. Versione: 1

11 Introduzione alla registrazione dati Pagina 5 di 6 Icona Info 5. Completare l inserimento delle informazioni per le altre tre caratteristiche. 6. Passare alla maschera dei Valori e inserire i dati relativi alla prima caratteristica, Pos. P4. 7. Per la seconda caratteristica, Diam. P4, usiamo la Trasformazione Lineare per l inserimento veloce dello scostamento. Impostiamo la costante cumulativa e il fattore moltiplicativo come nella finestra di sotto. Es. inserendo 14 il valore registrato sarà Trasformazione Lineare Versione: Q-DAS S.R.L.

12 Pagina 6 di 6 Introduzione alla registrazione dati 8. Completiamo l inserimento per le altre caratteristiche. Provate ad utilizzare la trasformazione lineare per fare pratica. 9. Assicurarsi di salvare il File con Salva con nome La maschera dei valori, una volta completata, dovrebbe avere il seguente aspetto Q-DAS S.R.L. Versione: 1

13 Registrazione dati avanzata Pagina 1 di 9 Obiettivo: Questa sezione ha lo scopo di estendere la conoscenza delle possibilità di registrazione dati offerte da qs-stat e introdurre alcune opzioni avanzate per la registrazione di informazioni ausiliarie. Tra queste: operatori logici e Campi dati ausiliari come data, ora, operatore, macchina, etc. In rilievo: Registrazione Dati Dati ausiliari Operatori Logici Informazioni collegate: In qs-stat è possibile collegare o connettere certe caratteristiche; per esempio per calcolare la vera posizione dalla coordinate X e Y oppure calcolare la somma di due caratteristiche, etc. Questo tipo di operazioni possono essere fatte attraverso gli operatori logici. I dati ausiliari invece consentono di abbinare alle misure delle informazioni che aiutano nella successiva rintracciabiltà oppure documentano le cause di violazione, o ancora descrivono la macchina o la linea di produzione. D 12.50± ± ± Versione: Q-DAS S.R.L.

14 Pagina 2 di 9 Registrazione dati avanzata Compito: Creare un nuovo file e registrare per le tre caratteristiche evidenziate nel disegno sopra tutte le informazioni di contorno, registrando per ogni caratteristica i dati ausiliari relativi alla macchina e alla linea di produzione. Creare una caratteristica speciale per la distanza dalla posizione 2 e 3 utilizzando gli operatori logici. Valori misurati & Dati ausiliari: Asse 1 Linea M/C # 2 Linea M/C # Asse 3 Linea M/C # Q-DAS S.R.L. Versione: 1

15 Registrazione dati avanzata Pagina 3 di 9 Procedure: 1. Creare un nuovo file dal modulo Analisi di Processo, completando le opportune informazioni sul particolare e sulle tre caratteristiche. File nuovo Versione: Q-DAS S.R.L.

16 Pagina 4 di 9 Registrazione dati avanzata 2. Nella Maschera dei Valori, prima di avviare l inserimento dei dati, attivare i campi ausiliari per macchina e linea. Questo può essere fatto con il tasto destro del mouse, selezionando Visualizza campi dati ausiliari. Nel menu a tendina, attivare le caselle Numero Linea e Numero Macchina ; selezionare Tutte le caratteristiche e cliccare su OK Q-DAS S.R.L. Versione: 1

17 Registrazione dati avanzata Pagina 5 di 9 3. Ancora con il tasto destro del mouse attivare la funzione Campi dati ausiliari comuni. Campi dati ausiliari comuni significa che le informazioni ausiliarie, come macchina e linea sono comuni per ogni pezzo misurato a tutte le caratteristiche (sulla riga). Nel nostro esempio, oltre a volere i campi ausiliari comuni ad ogni caratteristica (sulla riga), vogliamo anche mantenerli lungo i pezzi misurati (sulle colonne). Per fare questo useremo l opzione Mantieni. 4. Dal menu Opzioni - Configurazione registrazione dati Mantieni, selezioniamo le caselle per il numero di Linea e di Macchina. Clicchiamo su OK. Versione: Q-DAS S.R.L.

18 Pagina 6 di 9 Registrazione dati avanzata Prima di iniziare la registrazione dei dati, modifichiamo la sequenza di inserimento in modo da evitare ogni volta l inserimento dei dati ausiliari. In questo modo ci sposeteremo automaticamente sui valori di misura. 5. Dal menu Opzioni - Configurazione registrazione dati Sequenza di inserimento, selezioniamo la casella Salta campi dati aux. Clicchiamo su OK. Vedi grafici nelle pagine seguenti. 6. Ora inseriamo tutti i dati relativi alle tre caratteristiche, inclusa la macchina e la linea Q-DAS S.R.L. Versione: 1

19 Registrazione dati avanzata Pagina 7 di 9 La maschera dei Valori, una volta completata, avrà il seguente aspetto. Versione: Q-DAS S.R.L.

20 Pagina 8 di 9 Registrazione dati avanzata 7. Aggiungiamo ora la quarta caratteristica per la distanza tra 2 e 3. Accoda elemento Dalla terza caratteristica della maschera delle caratteristiche, cliccare sull icona Accoda elemento. 8. Completiamo le informazioni relative alle tolleranze per questa caratteristica (tenendo conto delle tolleranze della 2 e 3). 9. Utilizzando l icona Collega caratteristiche inseriamo la formula logica che somma i valori della 2 e 3. Collega caratteristiche 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

21 Registrazione dati avanzata Pagina 9 di Per le distanze la formula è del tipo: x3 - x2. La x rappresenta la caratteristica, e la formula calcola la caratteristica 3 meno la 2. Altri esempi sono: Media di caratteristiche avg(x1; x2; x4) Valore massimo max(x1.. x4) (cioè il massimo tra le caratteristiche 1,2,3,4) La maschera dei valori è così completata anche per la Distanza tra le quote 2 e 3. Versione: Q-DAS S.R.L.

22

23 Carta Valori singoli Pagina 1 di 11 Obiettivo: Obiettivo di questa sezione è introdurre all utente le possibilità di analisi grafica offerte da qs-stat. Gli esempi seguenti mostrano le opzioni di visualizzazioni utili per esempio per mettere in risalto le misure provenienti da diverse macchine, operatori e strumenti di misura. Informazioni collegate: I dati di processo possono contenere molti elementi di variabilità e spesso può risultare difficile interpretare i risultati in questa GIUNGLA. qs-stat consente di separare i dati in funzione dei vari dati ausiliari registrati. In rilievo: Gestione dati Analisi grafica Carta valori Versione: Q-DAS S.R.L.

24 Pagina 2 di 11 Carta Valori singoli Compito: Analizzare da un file dati, es. Multifixture.dfq e individuare le varie cause di dispersione. Procedure: 1. Nel Modulo Analisi di Processo, aprire il file Multifixture.dfq. Questo si trova nella cartella qs-stat, Q-DAS\QSSTAT_ME\Examples. Carta Valori Singoli: File Apri Aprendo il file, la carta valori singoli si apre automaticamente. Questa carta può essere scelta dal menu Valori singoli. Tutte le opzioni disponibili per questa carta sono visualizzabili in queste due vie: a) Utilizzare le icone/pulsanti della barra icone 2002 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

25 Carta Valori singoli Pagina 3 di 11 b) Tasto destro del mouse sul grafico, e selezione della funzione desiderata. Griglia: 2. Dall icona Linee Griglia si attiva la griglia. Linee griglia Versione: Q-DAS S.R.L.

26 Pagina 4 di 11 Carta Valori singoli Salva Impostazioni Ogni modifica fatta ai grafici, può essere salvata come default cliccando sull icona Salva le impostazioni. Visualizzazione asse X: Asse Valori 3. Lungo l asse X della carta valori, è visualizzato il numero progessivo delle misure. Questo asse può essere cambiato per mostrare la data & ora, la scala del tempo, la macchina, etc. Per farlo, cliccare su Asse Valori e selezionare il tipo di scala. Asse del tempo (scala tempo) che mostra la registrazione dei dati Q-DAS S.R.L. Versione: 1

27 Carta Valori singoli Pagina 5 di 11 Informazione valori: 4. Il box di Informazione valori è molto utile per analizzare i dati.fornisce infatti tutti i dettagli relativi alle misure registrate. Si attiva cliccando su Impostazioni Speciali - Informazione valori. Impostazioni Speciali Con attiva la funzione informazione valori, posizionando il mouse all interno della carta valori, il puntatore assume la forma di una mano e nella finestra di informazione valori vengono visualizate tutte le info registrate per la misura selezionata. I triangoli blu e rossi lungo l asse X indicano la presenza di eventi registrati in corrispondenza delle misure 10 e 90. Separare i dati: Quando ci sono più macchine, può essere molto utile separare i dati per macchina, in modo da confrontare le performance di queste. Versione: Q-DAS S.R.L.

28 Pagina 6 di 11 Carta Valori singoli 5. Dall icona Impostazioni Speciali cliccare su Separa. Nella finestra che appare, marcare la casella attiva ; selezionare il criterio di separazione (es. macchine) Q-DAS S.R.L. Versione: 1

29 Carta Valori singoli Pagina 7 di Per modificare i colori delle linee e dei simboli per ogni macchina, utilizzare l icona Linee / Simboli etc.. Nella finestra che si apre, cliccare sulla prima o seconda casella e selezionare i colori desiderati. Per i simboli, si può scegliere oltre al colore anche la forma. Linee / Simboli etc. Zoom: 7. Sulla carta valori, ci sono varie possibilità di zoom. Cliccare le Funzioni di Zoom e selezionare orizzontale. Impostare con le line la zona da ingrandire. Quindi cliccare su esegui zoom. Zoom Annulla Zoom Avvia Zoom (verticale) Esegui Zoom Avvia Zoom (orizzontale) Avvia Zoom inserimento Versione: Q-DAS S.R.L.

30 Pagina 8 di 11 Carta Valori singoli Notare che la carta visualizza ora solo i valori da Selezione: Sotto certe circostanze, un valore o un gruppo di valori possono essere rimossi dall analisi. Per esempio, quando c e un fuori campo con una causa documentata, è possibile toglierlo dall analisi attraverso la funzione seleziona. Le statistiche relative alla caratteristica vengono così ricalcolate escludendo il valore o il sottogruppo, (nel caso di analisi di processo infatti le statistiche si basano sul sottogruppo, quindi rimuovendo un valore si rimuove l intero sottogruppo associato). Seleziona Annulla seleziona Avvia Seleziona (orizzontale) Avvia Seleziona inserimento Avvia Seleziona (regione) Esegui seleziona Avvia Seleziona (verticale) Avvia Seleziona (valori singoli) 2002 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

31 Carta Valori singoli Pagina 9 di Nella carta valori sottostante, ci sono dei fuori campo con cause documentate (eventi) ai valori 10 e 90. Per escluderli, utilizziamo la funzione Seleziona - Avvia Selezione (regione). Con il mouse disegniamo un cerchio attorno ad ogni valore. Assicuratevi di chiudere il cerchio. Quindi con il tasto destro del mouse all interno di ogni cerchio escludiamo i valori. 9. Ora clicchiamo su Esegui selezione. I gruppi cancellati vengono visualizzati con linee tratteggiate. Versione: Q-DAS S.R.L.

32 Pagina 10 di 11 Carta Valori singoli 10. Apriamo il rapporto di analisi 3 dal menu Numerici per vedere i risultati dopo la selezione. Sotto sono riportati i risultati prima e dopo la selezione. Per annullare, clicchiamo su Annulla selezione. Prima: Gli indici di capacità sono: T p /T pk = 1.22 /1.22 Dove T indica che il processo non è stabile. Allo stesso tempo, i requisiti di capacità non sono raggiunti (normalmente 1,66). Selezionando i valori, si può analizzare se la stabilità del processo è valida e se l indice di capacità è raggiunto Q-DAS S.R.L. Versione: 1

33 Carta Valori singoli Pagina 11 di 11 Dopo: Si osservi che, n eff è = 90. n eff (valori effettivi) indica i valori effettivamente analizzati. A sinistra n tot = 100, mostra che il numero di valori inizialmente caricati è 100. Gli indici dicapacità sono cambiati in P p /P pk = 1.35 /1.10 P indica che il processo è ora stabile. Il messaggio I requisiti non sono raggiunti (P p P pk ) mostra che si deve comunque migliorare la qualità. Note: La funzione selezione serve proprio a verificare se una certa causa specifica sia o meno la sola a perturbare la normalità del processo. Versione: Q-DAS S.R.L.

34

35 Analisi Grafica Pagina 1 di 15 Obiettivo: Questa sezione mostra i vari grafici di qs-stat utili per l analisi dei dati. All utente vengono mostrate le possibilità grafiche per enfatizzare l accettazione di un sistema, e le personalizzazioni possibili. Informazioni collegate: L esempio precedente, relativo all albero motore, è stato preso da un file che conteneva sedici caratteristiche con 50 misure ognuna. Analizziamo questi dati. In rilievo: Gestione dati Analisi grafica Carte di controllo Istogramma Carte multiple ALL 4 PINS Ø ± M1 P1 P4 M5 M2 M3 M4 P2 P ± ± ± ± 0.05 Versione: Q-DAS S.R.L.

36 Pagina 2 di 15 Analisi Grafica Compito: Valutare dei dati dal filee, Crankshaft.dfq, in accordo ai seguenti quattro passi dell accettazione di un sistema: 1) In Tolleranza 2) In Controllo 3) Appropriato Modello di Distribuzione 4) Indici di Capacità Procedure: 1. Nel modulo Analisi di Processo, apri il file Crankshaft.dfq. Questo file è situato nella cartella, Q- DAS\QSSTAT_ME\Examples. File Apri Appena si apre la finestra di selezione, cliccare su OK Q-DAS S.R.L. Versione: 1

37 Analisi Grafica Pagina 3 di 15 Istogramma: 2. Lasciando aperta la finestra della carta valori, dal menu Valori singoli ; scegliere Istogramma. Nell istogramma, la descrizione delle caratteristiche si trovano nella parte bassa dell asse X. La frequenza assoluta è mostrata nella parte sinistra dell istogramma. Questa scala rappresenta il numero di valori effettivo contenuto in ogni classe dell istogramma. La frequenza relativa è mostrata nella parte destra e mostra il valore in percentuale del totale contenuto in ogni classe. Per esempio secondo la scala assoluta, ci sono circa 16 valori nella colonna centrale, cioè approssimativamente il 32% dei valori come descritto dalla scala relativa. 3. Fino a che è attiva la scala relativa, è possibile sovrapporre all istogramma il diagramma dei valori. Per farlo cliccare su Impostazioni speciali - Diagramma valori on/off. Frequenza assoluta / Relativa Special Versione: Q-DAS S.R.L.

38 Pagina 4 di 15 Analisi Grafica Istogramma con sovrapposto il diagramma valori L istogramma si riferisce alla caratteristica P4 distribuita secondo un modello Normale (ND). qs-stat automaticamente sceglie la distribuzione che meglio si adatta a descrivere i dati, sulla base della configurazione della valutazione scelta. Queste impostazioni possono essere fatte da Configurazione della valutazione che si trova sotto il menu Opzioni. Le seguenti informazioni sui limiti del quantile sono disponibili nel caso di distribuzione gaussiana. Le linee blu visualizzate nell istogramma mostrano i valori medio ± 3 sigma. Queste liene racchiudono cioè il 99.73% dei dati sulla base del modello di distribuzione adottato. Le linee possono essere visualizzate per il solo valore sigma oppure fino a 6 sigma Q-DAS S.R.L. Versione: 1

39 Analisi Grafica Pagina 5 di Cliccando su limiti del Quantile si può impostare la visualizzazione da % a % Limiti del Quantile La tabella sottostante si riferisce all analisi di processo, P pk, per vari livelli del quantile. La tabella può essere interpretata nel seguente modo: per avere un P pk di 2.00, i limiti di specifica dovrebbero coincidere con i limiti del quantile a ± 6s. Con tale valore di P pk 2.00 ± 6s, la probabilità di avere degli scarti è di parti per milione. Ppk Probabilità 1.00 ± 3s 2700 ppm 1.33 ± 4s 63 ppm 1.67 ± 5s 0.6 ppm 2.00 ± 6s 0.001ppm Versione: Q-DAS S.R.L.

40 Pagina 6 di 15 Analisi Grafica Un altra funzione disponibile nell istogramma è la funzione valori di Capacità. Questa funzione interpreta graficamente il calcolo degli indici di capacità. Asse dati ausiliari 5. Prima di tutto disattivare la scala relativa. Cliccare poi su Asse dati ausiliari e selezionare la prima opzione. Valori di capacità 6. Ora cliccare su Valori di capacità e selezionare come metodo di calcolo: M4 1 Percentile Questo metodo di calcolo utilizza i percentili per disegnare delle linee a V, che intersecando i valori limite LSS e LSI, identificano i valori di capacità sulla scala a destra. Il più piccolo dei due valori rappresenta la capacità citica del processo. In questo caso i risultati sono approssimativamente 1.8 e 1.2, pertanto la capacità è Q-DAS S.R.L. Versione: 1

41 Analisi Grafica Pagina 7 di 15 Questa funzione può essere utilizzata per determinare il livello di regolazioni che devono essere fatte per raggiungere i requisiti di capacità. Per esempio, se i requisiti di capacità sono 1.33, il grafico sottostante mostra che il processo è appena al di sotto di questo requisito a Per stimare le regolazioni necessarie, si può immaginare una linea parallela all intercetta a La differenza tra questa linea e il valore medio, rappresenta la regolazione da apportare alla posizione del processo nell ipotesi di mantenere costante la dispersione. Stima delle regolazioni attraverso la funzione valori di capaità Da un altro punto di vista, la funzione valori di capacità può essere utilizzata per stimare di quanto la tolleranza dovrebbe essere allargata per ottenere una capacità soddisfacente. In questo esempio, impostare i requisiti a Con la funzione zoom (orizzontale), ingrandire la zona vicino all intercetta con LSS delle linee verdi a V al valore Versione: Q-DAS S.R.L.

42 Pagina 8 di 15 Analisi Grafica Come mostrato nel grafico sotto, la tolleranza deve essere spostata da a per raggiungere un valore di capcità di Attivando la visualizzazione del 5 o quartile si ottiene lo stesso risultato. Per disattivare la funzione valori di capacità si deve cliccare di nuovo sull icona e scegliere uscita. Muoversi tra le carte 7. Per spostarsi tra le caratteristiche utilizzare le icone qui sotto. 1 a caratteristica ultima caratteristica 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

43 Analisi Grafica Pagina 9 di 15 Se sono aperte varie carte, come la carta valori singoli e l istogramma, per cambiare simultaneamente di caratteristica su tutti i grafci si deve attivare l icona tutte le finestre. Finestra corrente Tutte le finestre Finestre dello stesso tipo Carte multiple 8. Cliccare sull icona visualizza più caratteristiche per visualizzare più caratteristiche nello stesso grafico. Determinare il numero di caratteristiche attraverso l icona Numero di caratteristiche. Visualizza una caratteristica Numero di caratteristiche Visualizza molte caratteristiche Versione: Q-DAS S.R.L.

44 Pagina 10 di 15 Analisi Grafica Il numero di righe e colonne da utilizzare nella visualizzazione può essere impostato, come mostrato dalla figura in alto. 9. Per esempio dall icona Numero di caratteristiche selezionare 2 linee, 4 colonne. Muoversi tra le caratteristiche in modo da avere i 4 diametri sulla prima riga e le quattro rotondità sulla seconda. 10. Sulla carta valori, spostarsi sulla caratteristica linearità e selezionare l icona sovrapposizone carte. Il grafico risultante è mostrato nella pagina seguente. Sovrapposizione carte Carte consecutive 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

45 Analisi Grafica Pagina 11 di 15 Usa l icona Linee / Simboli etcper modificare il colore alle linee e ai simboli delle varie caratteristiche Sovrapposizione carte valori (Linearità P1-P4) 11. Simile alla sovrapposizione è la funzione carte consecutive mostrata sotto. In questo caso le caratteristiche vengono visualizzate di seguito una all altra nel medesimo grafico. Linearità P1 Linearità P2 Linearità P3 Linearità P4 Versione: Q-DAS S.R.L.

46 Pagina 12 di 15 Analisi Grafica Le opzioni disponibili per le carte valori e per l istogramma sono state presentate. Ora vediamo come modificare i rapporti numerici. 12. Aprire il rapporto di analisi formato 3 dal menu Numerici. Cliccare sull icona Impostazioni Speciali e quindi Modalità modifica on/off. Cliccare con il tasto destro del mouse su una cella vuota, e selezionare Cambia. Nalla finestra di Configurazione, cliccare sul pulsante Seleczione per aprire la lista dei campi Da qui scegliere un campo, come ad esempio la deviazione standard, e cliccare su OK. Nella cella selezionata, verrà visualizzata la deviazione standard Q-DAS S.R.L. Versione: 1

47 Analisi Grafica Pagina 13 di 15 Elenco dei campi disponibili Rapporto modificato Cliccare ancora sul pulsante modalità modifica on/off per uscire. Versione: Q-DAS S.R.L.

48 Pagina 14 di 15 Analisi Grafica L ultimo grafico da analizzare per soddisfare le procedure di accettazione è la carta di controllo. 12. Sotto il menu CDC, selezionare visualizza CDC le impostazioni di default prevedono la visualizzazione della carta x bar e s per la media e la deviazione standard. LE modifiche possono essere fatte dal menu CDC Esegui analisi CDC. Sotto la cartella carte di dispersione, selezionare Carta R (calcolo esatto) Q-DAS S.R.L. Versione: 1

49 Analisi Grafica Pagina 15 di 15 Q-DAS suggerisce come layout di visualizzazione i seguenti quattro garfici: 1) In Tolleranza 2) In Controllo 3) Appropriato modello di distribuzione 4) Indici di capacità In Tolleranza Distribuzione In Controllo Indici capacità Per salvare come standard questa visualizzazione, cliccare dal menu Finestra Elenca sul pulsante Salva. Versione: Q-DAS S.R.L.

50

51 Grafici di Sommario Pagina 1 di 10 Obiettivo: Per completare le possibilità grafiche offerte da qs-stat, vengono descritti in questa sezione i grafici di sommario. Questi grafici sono particolarmente utili nel caso di particolari con molte caratteristiche. Informazioni collegate: Nella cartella di installazione del programma, sono disponibili alcuni esempi che possono essere utilizzati per comprendere questi grafici di sommario. In rilievo: Box Plot Valori di capacità Statistica caratteristiche Errori / n unità non conformi Compito: Aprire alcuni file per imparare ad utilizzare i grafici di sommario: Nonconforming.dfq Test_all.dfq Box Plot Errori/n unità non conformi Valori di capacità Statistica caratteristiche Report standard Versione: Q-DAS S.R.L.

52 Pagina 2 di 10 Grafici di Sommario Procedure: 1. Dal modulo analisi di processo aprire il file Nonconforming.dfq (Q-DAS\QSSTAT_ME\Examples), e quindi dal menu Sommario scegliere Box Plot. ± 3s Valore max Regione 50% Media Mediana Valore min 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

53 Grafici di Sommario Pagina 3 di 10 Il Box Plot mostra le tolleranze normalizzate per confrontare facilmente caratteristiche con limiti di specifica differenti. 2. Sotto sommario, aprire Errori/n unità non conformi. La scala a sinistra mostra la % di errori rispetto al totale.. Per esempio: Car 1, 4/150 * 100 = 2.7 Versione: Q-DAS S.R.L.

54 Pagina 4 di 10 Grafici di Sommario I numeri etichettati sulle colonne mostrano i valori assoluti di errori o non conformità registrati per ogni caratteristica. Queste etichette si attivano dall icona Impostazioni speciali - No. di errori on/off. Guardando la carta valori della caratteristica 1 viene confermato che ci sono quattro valori fuori specifica. Una altra opzione utile è la possibilità di ordinare la visualizzazione dalla caratteristica per esempio con più difetti a quella con meno. Questo si fà dall icona Ordina sotto Impostazioni Speciali Q-DAS S.R.L. Versione: 1

55 Grafici di Sommario Pagina 5 di 10 Questo esempio, (nonconforming.dfq), contiene un mix di misure provenienti da molteplici macchine, strumenti e operatori. E utile pertanto separare i dati in modo da aumentare la visibilità. Dall icona Impostazioni Speciali, selezionare Separa e attivare la separazione per linee, posizioni, bloccaggi. La colonna difetti totali (dietro) è difficile da visualizzare dopo aver eseguito la separazione. E utile quindi ruotare il grafico per aumentare la visibilità. Cliccare su Cambia visualizzazione, quindi su visualizzazione 3D. Cambia visualizzazione Versione: Q-DAS S.R.L.

56 Pagina 6 di 10 Grafici di Sommario Nella finestra impostazioni 3D, attivare la casella disegna subito. Questo consente di visualizzare immediatamente le modifiche apportate al grafico. Aumentare i primi due numeri per visualizzare il grafico dall alto e aumentare la visibilità della colonna dei totali. Quando sono attivi più grafici, cliccando su questa icona si aggiornano tutte le finestre alla caratteristica della finestra attiva corrente. Per visualizzare la carta valori di una specifica caratteristica, selezionare la caratteristica nel grafico dei difetti e quindi con drag-and-drop spostarsi sulla carta valori. Il grafico si aggiorna così visualizzando la caratteristica selezionata Q-DAS S.R.L. Versione: 1

57 Grafici di Sommario Pagina 7 di Aprire il test Test_all.dfq (Q- DAS\QSSTAT_ME\TESTS), e poi Valori di capacità. La linea posteriore è il Cp o Pp, quella in fronte è il Cpk o Ppk. Il Cp o Pp dipende dalla configurazione della valutazione. Le line continue in rosso rappresentano i valori requisito per il C p /C pk. Le colonne sono quindi verdi, gialle o rosse in funzione che i requisiti siano stati soddisfatti pienamente, marginalmente o rispettivamente non soddisfatti. La funzione drag-and-drop utilizzata nella carta dei difetti è utilizzabile anche in questo grafico, così come in tutti gli altri grafici di sommario di qs-stat. 4. Aprire Statistica delle caratteristiche 2. Questo report riassume le informazioni statistiche più importanti legate all indice di capacità. Versione: Q-DAS S.R.L.

58 Pagina 8 di 10 Grafici di Sommario Tp / Tpk significano che il processo era instabile Le caratteristiche 4, 6, 7 non hanno i valori di Cp o Pp calcolati perchè sono unilaterali. Cliccando con il tasto destro del mouse sul titolo di ogni colonna, si ordina la tabella (crescente o decrescente). Anche questo grafico può essere modificato in modo simile a quanto visto per i rapporti di analisi. Dall icona impostazioni speciali modalità di modifica on/off Q-DAS S.R.L. Versione: 1

59 Grafici di Sommario Pagina 9 di Il software è fornito con una serie di Reports standard. Questi report possono essere trovati sotto il menu file Report o Stampa report. Selezionare il report PC-01. Dopo aver evidenziato il rapporto, attivare la casella solo caratteristica corrente. Se questa non viene attivata qs- STAT stampa il rapporto selezionato per tutte le caratteristiche attive del file. PC-01 è un report di una pagina che include le carte di controllo (QCC), istogramma (H), Grafico di probabilità (PP), e il rapporto di analisi 3 (FS3). Questo report è stampato nella pagina successiva. Altri report come PC08 sono dei reports di sommario che includono dettagli relativi a più caratteristiche sulla stessa pagina. Se si dispone dell opzione Editor Visuale Report è possibile disegnare altri report a piacere. Versione: Q-DAS S.R.L.

60 Pagina 10 di 10 Grafici di Sommario PC-01 QCC,H,PP,FS(3) 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

61 Capacità strumenti di misura Pagina 1 di 16 Obiettivo: In questa sezione vengono presentate le particolarità del modulo Capacità degli strumenti di misura (MSA). Vengono presentati i tre studi standard per la valutazione dei mezzi di misura e relative impostazioni in qs-stat. Sono discussi i requisiti e le procedure base per la valutazione degli strumenti di misura. Informazioni collegate: Il modulo MSA di qs-stat consente di analizzare la capacità di uno strumento di misura in accordo agli standard definiti da molte compagnie. Nel flow chart che segue è evidenziata una procedura standard per la valutazione di uno strumento di misura. In rilievo: Maschere particolari, Valori, caratteristihe Gestione dati Studio 1, 2, 3 Carta valori Deviazioni / Variazioni Cg / Cgk New / modified Variable Type gage Improve System Type 1 Study NOK OK yes Operator Influence? no Type 3 Study NOK Type 2 Study NOK OK OK Measurement System Accepted Versione: Q-DAS S.R.L.

62 Pagina 2 di 16 Capacità strumenti di misura Studio tipo 1 Accuratezza, Ripetibilità & stabilità breve periodo Tipicamente: 1 Particolare (master), 50 prove true value x m measured average x g 12 Accuracy 10 relative frequency in % [mm] Accuratezza è la differenza tra il valore medio delle ripetizioni e il valore vero del master utilizzato. measured average -3s x g g +3s g Repeatability [mm ] La deviazione standard delle ripetixzioni è usata per calcolare la ripetibilità. La ripetibilità verifica la consistenza delle misure nelle varie prove Q-DAS S.R.L. Versione: 1

63 Capacità strumenti di misura Pagina 3 di 16 max. deviation t Time n Time 1 Stability La stabilità verifica la consistenza delle misure nel tempo. Studio tipo 2 Ripetibilità & Riproducibilità (R&R) Tipicamente: 5 Particolari, 2 Operatori, 3 Prove La riproducibilità è una misura delle variazioni del valore medio rispetto ai vari operatori. La riproducibilità verifica se lo strumento utilizzato da vari operatori fornisce i medesimi risultati. Studio tipo 3 Ripetibilità (caso speciale del Tipo 2, per strumenti senza influenza dell operatore) Tipicamente: 10 Particolari, 2 Prove Versione: Q-DAS S.R.L.

64 Pagina 4 di 16 Capacità strumenti di misura -Z- Hole #301 -Y- Compito: Utilizzare la caratteristica diametro foro #301 dal disegno qui sopra per creare un file nel modulo MSA e eseguire uno studio di tipo 1. Con la stessa caratteristica creare un file per il Tipo 2. Le informazioni sono le seguenti: No.Part Descr.Part. Op. 20 Block No.Car. H301D Descr.Car. Foro 301 Diametro Nominale --- LSS LSI Unità mm 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

65 Capacità strumenti di misura Pagina 5 di 16 Informazioni ausiliarie: Studio tipo 1 Risoluzione Valore master misura Foro 301 Diametro Versione: Q-DAS S.R.L.

66 Pagina 6 di 16 Capacità strumenti di misura Informazioni ausiliarie: Studio tipo 2 Risoluzione # particolari 5 # operatori 2 # ripetizioni (prove) 3 Operatore 1 Operatore 2 pezzo Mis. 1 Mis. 2 Mis. 3 Mis. 1 Mis. 2 Mis Procedure: 1. Dal modulo MSA selezionare File nuovo. Creare una nuova caratteristica per lo studio tipo Q-DAS S.R.L. Versione: 1

67 Capacità strumenti di misura Pagina 7 di Inserire le appropriate informazioni del Particolare e delle caratteristiche. Per lo studio tipo 1, la risoluzione e il valore del master devono essere registrate per poter calcolare la capacità dello strumento di misura. Risoluzione è la più piccola scala o decimale leggibile dallo strumento di misura. Versione: Q-DAS S.R.L.

68 Pagina 8 di 16 Capacità strumenti di misura Un requisito tipico per la risoluzione è: Risoluzione / Tollerance * 100% < 5% (l errore di risoluzione è cioè < del 5% della tolleranza) Valore master è il valore noto del master o del pezzo che si misura. 3. Nella maschera valori, inserire le 20 ripetizioni. 4. Cliccare su Esegui valutazione e analizzare i risultati. Chiudere le tre maschere e aprire la carta valori singoli. Esegui valutazione 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

69 Capacità strumenti di misura Pagina 9 di 16 Sulla carta valori, i limiti di specifica superiore e inferiore sono disattivati. Questo perchè nello studio di tipo 1 si fà riferimento ad un valore master (x m ) con scostamenti nella misura di questo che devono essere ± 10% della tolleranza. 5. Il diagramma valori (dal menu valori singoli) è utile per verificare la corretta risoluzione dello strumento. Ogni freccia rappresenta un valore di misura. Versione: Q-DAS S.R.L.

70 Pagina 10 di 16 Capacità strumenti di misura 6. Per verificare la stabilità del sistema di misura, si utilizza la carta di controllo. La carta mostra sia le medie mobili che le deviazioni standard mobili. Questo si vede in alto e in basso nel grafico, dove n=1 2. Per valutare la stabilità siamo interessati alla sola carta delle medie mobili. 7. Per disattivare la carta delle deviazioni si utilizza l icona Impostazioni Speciali, quindi Visualizza carta di posizione e dispersione. Si deve qui selezionare l icona che mostra solo la carta X bar Q-DAS S.R.L. Versione: 1

71 Capacità strumenti di misura Pagina 11 di Aprire il rapporto di analisi formato 1 per il C g / C gk. Qui sono riportati i valori di C g / C gk così come i requisiti posti a 1.33 in questa configurazione della valutazione. Le barre verdi attestano che il sistema di misura è capace in termini di C g, C gk e risoluzione. Se questi requisiti non corrispondono a quelli della vostra compagnia, potete modificarli dal menu Configurazione della valutazione. Versione: Q-DAS S.R.L.

72 Pagina 12 di 16 Capacità strumenti di misura Un report standard per lo studio di tipo 1 è riportato qui sotto. Esso contiene la carta valori, le misure registrate, e il rapporto di analisi. Potete stampare questo report dal menu File Stampa report Q-DAS S.R.L. Versione: 1

73 Capacità strumenti di misura Pagina 13 di Per la seconda parte del compito, creare un nuovo file per lo studio di tipo 2 sulla stessa caratteristica. Completare in modo appropriato le maschere della caratteristica del particolare e dei valori. Versione: Q-DAS S.R.L.

74 Pagina 14 di 16 Capacità strumenti di misura 10. Dopo aver inserito i dati, cliccare su Esegui valutazione e calcolare i risultati per il sistema di misura. Chiudere le tre maschere e aprire la carta valori. La carta valori visualizza per i due operatori, (A & B), le misure raccolte per particolare (1-5), e per prova. In corrispondenza di ogni particolare ci sono tre valori, relativi alle tre ripetizioni. 11. Dal menu Valori si apre la Carta valori - Deviazioni Variazioni. Carta deviazioni 2003 Q-DAS S.R.L. Versione: 1

75 Capacità strumenti di misura Pagina 15 di 16 Le carte deviazioni e variazioni, sono utili a confrontare le variazioni introdotte dall operatore rispetto al valore medio totale. Sulla carta deviazioni le linee colorate tratteggiate rappresentano le singole prove dell operatore mentre le linee rosse continue sono le medie delle varie prove di ogni operatore. La carta delle variazioni invece mette in risalto le prove di ogni operatore sul medesimo pezzo. Value chart Variations 12. Nello studio di tipo 2, i criteri di accettazione si basano sul valore di %R&R. Un requisito tipico è %R&R < 20%. Questi risultati si trovano nel rapporto di analisi 3. Versione: Q-DAS S.R.L.

76 Pagina 16 di 16 Capacità strumenti di misura Un report standard per lo studio di tipo 2 è mostrato sotto. Il report contiene la carta delle deviazioni, i dati registrati e il rapporto di analisi Q-DAS S.R.L. Versione: 1

77 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 1/9 Obiettivo: Calcolare la dimensione del campione necessaria ad ottenere nelle ipotesi di Success-Run, con un certo livello di confidenzad una data affidabilità (vedi VDA Band 3 Teil 2, 3. Aufl., esempio 2.5 e 2.7) Progetto: Per un cambio di un automobile è richiesto un tempo di vita B 10 = km con un livello di confidenza di P A = 95 % e un fattore di distribuzione di Weibull di b = 1,5, si vuole stimare la dimensione del campione da testare nelle ipotesi di nessun guasto. a) Esame utilizzando la distribuzione di Weibull b) Esame utilizzando la distribuzione Binomiale (Success-Run) L esame ha le seguenti restrizioni: c) Per ragioni temporali non si possono testare i cambi su tutto il periodo di percorrenza richiesto ma solo fino a km. Quanti cambi devono essere testati per soddisfare comunque alle richieste? d) Per ragioni di costo sono disponibili solo n = 15 cambi in prova. Per quanti km devono essere provati per soddisfare comunque alle richieste? In evidenza: Pianificazione delle prove Affidabilità Probabilità Conoscenze richieste: Nozioni di affidabilità Distribuzione di Weibull Distribuzione Binomiale Note: Esempio da: VDA Band 3.2 (3. Aufl. 2000) Ex. 2.5 & 2.7 Eseguendo la prova secondo le indicazioni del punto b), tuttavia si guastano 3 cambi prima di aver raggiunto la percorrenza di km. Gli altri cambi sotto test raggiungono invece l affidabilità B 10 richiesta senza guastarsi. e) Quale affidabilità può essere dichiarata in queste condizioni mantendendo la probabilità P A richiesta? f) Con quale livello di confidenza può in alternativa essere dichiarato il valore di affidabilità B 10 richiesto? Versione: Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Doc.-Nr.: S-FB 028 D

78 2/9 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 g) Quanti cambi dovrebbero essere messi sotto prova in aggiunta a quelli analizzati percorrendo un chilometraggio pari al B 10 per poter dichiarare l affidabilità richiesta con il livello di probabilità di fiducia definito? h) Infine si deve scegliere, anche in funzione di ragioni economiche, la prova che possa garantire l affidabilità minima con il minimo numero di cambi da provare. - Dati : - 2 cambi da testare - massimo di percorrenza di km - minima affidabilità di km - Parametro di distribuzione b = 2,0 - Livello di confidenza richiesto P A = 80 % Si cerca il metodo di test più economico - Testare un solo cambio per km oppure - Testare due cambi per km (totale test km)? - Analisi con destra: Scegliere il modulo di analisi destra Analisi di Affidabilità. Aprire il menu Extra e scegliere la voce Piano di controllo Affidabilità. Scegliere il tipo di analisi che si vuole condurre, (es. Definizione n campioni di prova ) quindi inserire i dati e premere Ok, per effettuare l analisi. Nei grafici seguenti sono riportati i risultati per il problema considerato. Le linee nel grafico rappresentano la soluzione (linea rossa) e le possibili alternative (casi vicini). Doc.-Nr.: S-FB 028 D 2008 Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Versione: 2

79 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 3/9 a) Numero di cambi in prova secondo Weibull: Tempo di vita B 10 = km, Minima Affidabilità R = 90% Livello di confidenza P A = 95% Rango (nessun guasto) i = 1 Nel volume 3.2 delle VDA è riportata una tabella che dice che il numero minimo di cambi da testare è 29, e 30 è il numero suggerito. b) Numero di cambi da testare secondo il modello Binomiale (Success Run): Versione: Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Doc.-Nr.: S-FB 028 D

80 4/9 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 c) Analisi nel caso di nessun guasto considerando il parametro di forma sul tempo di vita: Tempo di vita B 10 = km, Minima Affidabilità R = 90% Livello di confidenza P A = 95% Fattore di forma (stima) b = 1,5 Perido di test (fornito) t p = km Durata (obiettivo) t = km Se il test può essere eseguito solo per Km, allora il numero di cambi da provare deve essere di 62, sempre nelle ipotesi che nessuno si guasti fino a quella percorrenza. Doc.-Nr.: S-FB 028 D 2008 Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Versione: 2

81 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 5/9 d) Esame prove senza guasti con limite sul numero dei cambi in prova: Tempo di vita B 10 = km, Minima Affidabilità R = 90% Livello di confidenza P A = 95% Fattore di forma (stima) b = 1,5 Numero di cambi (fornito) n = 15 Cambi Durata (obiettivo) t = km Se possono essere testati solo 15 cambi si deve aumentare la durata della prova fino a ,3 km senza riscontare guasti per poter dichiarare l affidabilità richiesta. Versione: Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Doc.-Nr.: S-FB 028 D

82 6/9 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 e) Affidabilità minima in caso di guasti: Livello di confidenza P A = 95% Guasti riscontrati x = 3 guasti Numero cambi testati n = 30 cambi Se durante la prova si verificano 3 gusti inaspettati, al termine del test si potrà dichiara solamente una affidabilità del 76,14% con il livello di confidenza richiesto. Doc.-Nr.: S-FB 028 D 2008 Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Versione: 2

83 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 7/9 f) Livello di confidenza in caso di guasti Tempo di vita B 10 = km, Affidabilità minima R = 90% Guasti x = 3 guasti Cambi testati n = 30 cambi Se durante la prova si verificano 3 guasti inaspettati, si potrà dichiarare l affidabilità richiesta, ma solo con un livello di fiducia del 35,26%. Nelle VDA volume 3.2 (3. ed. 2000) viene calcolato il livello di fiducia mediante il metodo grafico basato sul diagramma di Larson e si perviene ad una stima del 32%. Le differenze si spiegano con la differente accurateza dei metodi utilizzati. Versione: Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Doc.-Nr.: S-FB 028 D

84 8/9 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 g) Quanti cambi devono essere aggiunti al test per soddisfare le condizioni richieste? (In presenza dei guasti rilevati) Tempo di vita B 10 = km Affidabilità minima R = 90% Livello di confidenza P A = 95% Numero di guasti x = 3 cambi In presenza di 3 guasti è necessario testare 76 particolari per raggiungere le condizioni di affidabilità e livello di confidenza richieste. Il numero di particolari ulteriori da provare in condizioni di nessun nuovo guasto è quindi di 46 cambi (considerando il numero iniziale suggerito di 30). Doc.-Nr.: S-FB 028 D 2008 Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Versione: 2

85 Analisi di affidabilità secondo le VDA 3.2 9/9 Il piano di prova più economico (ovvero il piano con la più alta affidabilità minima a parità di costo della prova) deve essere individuato per le seguenti condizioni: Numero massimo di cambi n max = 2 cambi Tempo di vita (Obiettivo) t min = km, Durata massima prova t max = km Livello di confidenza P A = 80% Parametro di forma (stima) b = 2,0 L alternativa 1 deve essere preferita poiché si raggiunge un livello di affidabilità di R t = 81,8%. Nel volume VDA 3.2 (3. ed. 2000) si ottiene in forma grafica un valore di R t1 = 81,5% e R t2 = 59%. Le minime differenze si spiegano con la differente accuratezza dei metodi utilizzati. Versione: Q-DAS SRL, Manerbio (BS) Doc.-Nr.: S-FB 028 D

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente 1 MetaTrader 4/5 per Android Guida per l utente 2 Contenuto Come ottenere il MT4/5 App per Android... 3 Come accedere al vostro Conto Esistente oppure creare un nuovo conto Demo... 3 1. Scheda Quotes...

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Come installare un programma antivirus Pagina 1 di 5

Come installare un programma antivirus Pagina 1 di 5 Come installare un programma antivirus Pagina 1 di 5 Scopo della guida Per non compromettere lo stato di sicurezza del proprio computer, è indispensabile installare un programma antivirus sul PC. Informazione

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

[Operazioni Preliminari]

[Operazioni Preliminari] [Operazioni Preliminari] Si consiglia di leggere interamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di aggiornamento del KeyB Organ. 1] Per aggiornare firmware, suoni e parametri del KeyB Organ

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php.

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. MASTERCOM La piattaforma MASTERCOM funziona con Mozilla Firefox. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. Tramite l indirizzo https://82.185.224.202/registro/index.php

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com DATA CENTER PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi 3.0 Indice 1 Premessa...3 2 DATA CENTER 3...4 2.1 Utilizzo dei dispositivi SIGMA con DATA CENTER 3....4 2.2 Requisiti di sistema....4 2.2.1 Computer

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli