software standardizzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "software standardizzato"

Transcript

1 4593 APPROFONDIMENTO Regime Iva del software Il caso della personalizzazione di software standardizzato di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) La ris. n. 456/E del 1 dicembre 2008 offre lo spunto per alcune riflessioni in ordine al regime Iva delle forniture di software standardizzato oggetto di lavori di adattamento e personalizzazione per rendere lo stesso funzionale alle esigenze del cliente. 1. Il software come diritto d autore tutelato: inquadramento ai fini Iva (*) L Agenzia delle Entrate, con ris. n. 456/E del 1 dicembre , è tornata ad occuparsi del regime Iva applicabile alle operazioni aventi ad oggetto il software, fornendo chiarimenti in ordine al trattamento delle forniture di un software standardizzato sul quale devono essere realizzati alcuni adattamenti e personalizzazioni necessari per rendere il software funzionale alle esigenze del cliente. Prima di esaminare il contenuto e le indicazioni interpretative della risoluzione in parola, si premette un breve riepilogo del contesto normativo. I software costituiscono una proprietà intellettuale protetta dalla L. 22 aprile 1941, n. 633 in materia di protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio 2 : con il (*) Studio legale e tributario Morri e Associati (sede di Milano). 1 Inwww.ilfisco.it, alla voce documentazione on line. 2 Cfr., in tema di diritto d autore, P. Auteri-G. Floridia-V. Mangini-G. Olivieri-M. Ricolfi-P. Spada, Diritto industria- D.Lgs. 29 dicembre 1992, n. 518, di recepimento della Direttiva del Consiglio 14 maggio 1991, n. 250/91/CEE, è stato integrato l art. 1, comma 1, della predetta legge, aggiungendo tra le opere dell ingegno di carattere creativo protette 3, i programmi per elaboratore, classificati come opere letterarie ai sensi della Convenzione di Berna 4. Sotto il profilo oggettivo, la classificazione del software tra le opere dell ingegno di carattere creativo tutelate dal diritto d autore discende dal fatto che lo stesso, quale insieme di istruzioni che vengono impartite all elaboratore (affinché questo esegua le operazioni che permettono di conseguire determinati risultati), è assimilabile a un opera letteraria e nello specifico a un manuale di istruzioni. All art. 2 della L. n. 633/1941, contenente un e- lenco delle opere protette, è stato inoltre aggiunto dall art. 2 del D.Lgs. n. 518/1992, il n. 8), precisando che i programmi per elaboratori sono tutelati, in qualsiasi forma espressi purché originali, quale risultato della creazione intellettuale dell autore e che la protezione non si estende le - Proprietà intellettuale e concorrenza, II edizione, Giappichelli editore (Torino ) e in particolare P. Auteri, Parte VI. 3 Oltre a quelle che appartengono alla letteratura e alla musica, alle arti figurative, alla letteratura, al teatro e alla cinematografia. 4 La Convenzione di Berna (firmata il 9 settembre 1886, riveduta da ultimo a Parigi nel 1971) ratificata e resa esecutiva con la L. 20 giugno 1978, n. 399 rappresenta la più importante convenzione esistente in materia di diritto d autore e diritti connessi.

2 4594 APPROFONDIMENTO Imposta sul valore aggiunto (Iva) al contempo alle idee e ai principi alla base di un qualsiasi elemento del programma. L autore acquista a titolo originario il diritto sul software 5, inteso come opera protetta ai sensi della L. n. 633/1941, il cui contenuto è tradizionalmente suddiviso in due macro categorie di diritti, tipici appunto delle opere immateriali tutelate secondo le norme in materia di diritto d autore: a) il diritto morale, relativo tra l altro al riconoscimento della paternità dell opera, che costituisce un diritto non trasferibile e indipendente dai diritti di sfruttamento economico (Sezione II, Capo III, della L. n. 633/1941); b) il diritto esclusivo di utilizzazione economica che si articola poi in un bouquet di diritti patrimoniali esclusivi tra loro indipendenti (Sezione I, Capo III, della L. n. 633/1941) 6. Inquadrato il software come opera tutelata dalla L. n. 633/1941, sotto il profilo Iva il trattamento delle operazioni aventi ad oggetto il software varia a seconda del loro contenuto: in caso di cessione o concessione verso corrispettivo in licenza dello sfruttamento del diritto d autore, l operazione si configura quale prestazione di servizi 7, in caso di vendita di copie per uso personale (ossia senza trasferimento del diritto di sfruttamento economico proprio del diritto d autore) di un software standardizzato o pacchettizzato, l operazione rientra tra le cessioni di beni 8. 5 Regola generale dettata dagli artt. 6 (e seguenti) della L. n. 633/1941: tuttavia l art. 12-bis specifica che, salvo patto contrario, il datore di lavoro è il titolare del diritto esclusivo di utilizzazione economica del software creato dal lavoratore dipendente nell esecuzione delle proprie mansioni o seguendo le istruzioni impartite dallo stesso datore di lavoro. 6 Basti ricordare, con riferimento alla disciplina generale, il fondamentale copyright, ossia diritto esclusivo di moltiplicazione, diretta o indiretta, permanente o temporanea, totale o parziale, in copie dell opera protetta (art. 13) e quello di distribuzione degli esemplari dell opera (art. 17), il diritto di traduzione e di elaborazione (art. 18) e di noleggio e prestito (art. 18-bis) oppure il diritto di pubblica rappresentazione (art. 15) e di trasmissione a distanza (art. 16). Con specifico riferimento al software, il legislatore ha ritenuto necessario introdurre alcune disposizioni specifiche che ne delineano un regime in parte speciale, in particolare anche per quanto riguarda il contenuto dei diritti patrimoniali (Capo IV, Sezione VI, artt. 64-bis, 64-ter e 64-quater della L. n. 633/1941). 7 Ai sensi dell art. 3, comma 2, n. 2), del D.P.R. n. 633/1972. Salve le esclusioni previste dall art. 3, comma 4, lettera a), del D.P.R. n. 633/1972 per gli autori e loro eredi o legatari. 8 Si pensi alle opere letterarie con cui i software presentano delle similitudini: un conto è acquistare in libreria un e- Le definizioni di software standardizzato e di software personalizzato, rilevanti ai fini Iva, sono state oggetto di chiarimenti già nella metà degli anni 90 9 : a) il software standardizzato è un prodotto di serie e di impiego generalizzato, destinato ad un pubblico indistinto di clienti. Il programma viene creato per soddisfare le esigenze operative di un numero indefinito di utenti e l utilità economica del produttore consiste nella riproduzione sistematica del programma stesso, al fine di cedere singole copie del programma contenute nei relativi supporti materiali; b) il software personalizzato, viceversa, è un prodotto sviluppato in base alle specifiche esigenze del cliente, in relazione a cui l utilità economica del produttore prescinde quindi dal numero di copie e dalla possibilità di vendita del programma al pubblico. Qualificazione del software La diversa qualificazione oggettiva del software 10 prestazione di servizi vs cessione di beni ha importanti riflessi per quanto attiene i profili territoriali delle operazioni. Le prestazioni di servizi relative al software sono territorialmente rilevanti secondo l art. 7, comma 4, lettere d), e) ed f), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 (c.d. criterio del committente); viceversa le operazioni connesse a software standardizzato sono ricondotte tra quelle aventi ad oggetto un bene masemplare dell opera stampata per la lettura personale, altro conto acquisire diritti di sfruttamento economico sull opera stessa (riproduzione, noleggio, traduzione, adattamento, eccetera). 9 Il software standardizzato o pacchettizzato è stato e- saminato dal Ministero delle finanze nelle circolari del 23 febbraio 1994, 13-VII , e del 15 maggio 1995, n. 142/D/1916, in banca dati fisconline, nonché da Assonime nella circ. n. 35 del 30 marzo Cfr. N. Villa, Disciplina contabile e fiscale per l acquisto di un software, in Pratica Professionale n. 48/2001, pag. 1607; F. Scopacasa, Imposta Valore aggiunto/imposte sui redditi - Prestazioni di servizi effettuata da non residenti - Concessione di un pacchetto software - Disciplina tributaria, in Casi e questioni della riforma tributaria - Caso n. 646; D. Manca, Imposta valore aggiunto - Cessioni intracomunitarie non imponibili - Territorialità dell imposta - Vendita di un elaboratore elettronico e relativo software a soggetti comunitari, sia imprese che privati - Fatturazione, in Casi e questioni della riforma tributaria - Caso n. 1727; M. Boschi-R. Iannelli, Imposta valore aggiunto - Importazioni - Determinazione base imponibile - Prestazioni di servizi - Software standardizzato e software personalizzato, in Casi e questioni della riforma tributaria - Caso n. 2517; R. Fanelli, Adempimenti &Obblighi IVA - Fatturazione e aliquota IVA per i software applicativi, in Azienda & Fisco n. 5/1999, pag. 237.

3 Imposta sul valore aggiunto (Iva) APPROFONDIMENTO 4595 teriale (c.d. corpus mecchanicum) e seguono il regime doganale (esportazioni o importazioni verso e da Paesi extra CEE) ovvero quello relativo alle operazioni di acquisti o cessioni intracomunitari con gli altri Paesi UE 11. Ai suddetti due schemi contrattuali base cui si fa ricorso per acquisire la disponibilità del software (software standardizzati vs software personalizzati), se ne aggiunge nella prassi commerciale un terzo tipo, che prevede interventi di personalizzazione su un software standardizzato, per adattarlo alle specifiche esigenze del committente. Proprio del trattamento Iva di quest ultima fattispecie intermedia si occupa l Agenzia delle Entrate nella ris. n. 456/E del I fatti e l oggetto dei quesiti Il caso oggetto della ris. n. 456/E è quello di una società per azioni italiana (di seguito ALFA ), la quale, al fine di trasferire ad una società turca (di seguito BETA ) gli strumenti necessari per la realizzazione in Turchia di una pubblicazione simile a quelle italiane, intende stipulare con la società BETA due contratti: a) il primo avente ad oggetto la cessione di hardware e software standardizzato di base, acquistato da ALFA presso dei fornitori terzi e ceduto alla società BETA all atto della sottoscrizione del contratto, ma trasferito in Turchia solo al termine dei lavori di personalizzazione del software stesso. Il contratto prevedeva la corresponsione di un acconto pari al 100% del prezzo d acquisto del software standardizzato e dell hardware, maggiorato del 5% a titolo di compenso delle attività di selezione e acquisto dei beni rese da ALFA, e di un saldo a titolo di riaddebito di tutti i costi di assicurazione e trasporto sostenuti per la custodia e il trasporto dei beni di proprietà di BETA; b) il secondo avente ad oggetto la concessione in licenza d uso esclusiva e valida per il solo territorio turco del software personalizzato, realizzato da ALFA, per la gestione e pubblicazione delle directories turche, operante sull infrastruttura di server costituita dall hardware 11 Cfr. G. Mocci, Contratti con non residenti per l utilizzo di prodotti software, in Corriere tributario n. 2/1999, pag. 114; M. Ravaccia, Il regime fiscale del software nei rapporti internazionali, in Rassegna tributaria n. 1/1997, pag. 106; S. Mayr, Corrispettivi pagati all estero per concessioni in uso di software, in Corriere tributario n. 43/1997, pag e software di base ceduti con il contratto di cui al punto a). L attività di personalizzazione del software standardizzato era da realizzare in un lasso temporale da 1-2 a massimo 4 anni ed era indispensabile affinché la società BETA potesse utilizzare lo stesso. Alla luce di quanto sopra, la società istante AL- FA riteneva che: a) la cessione dell hardware e del software standardizzato di base si configurasse come una cessione all esportazione diretta ex art. 8, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 633/1972, nonostante la materiale uscita dei beni dal territorio comunitario avvenisse dopo il passaggio di proprietà degli stessi e l emissione della/e fattura/e di acconto; b) per quel che concerne, invece, la concessione in licenza d uso del software personalizzato, la stessa rientrasse tra le cessioni, concessioni, licenze e simili relative al diritto d autore, di cui all art. 3, comma 2, n. 2), del D.P.R. n. 633/1972, le quali, ai sensi dell art. 7, comma 4, lettere d) ed f), del predetto decreto, in quanto rese da una società italiana nei confronti di una società residente fuori dal territorio comunitario e utilizzate fuori dal territorio nazionale, sono considerate fuori dal campo di applicazione dell Iva. ALFA era pertanto intenzionata a certificare l operazione di concessione in licenza d uso del software personalizzato con un documento diverso dalla fattura, o, comunque con una fattura non rilevante ai fini Iva, da contabilizzare solo ai fini delle imposte dirette e tale da non confluire nella dichiarazione annuale Iva. 3. Parere dell Agenzia delle Entrate Per quel che attiene alla cessione dell hardware, oggetto del primo contratto stipulato tra AL- FA e BETA, l Amministrazione finanziaria ha confermato la tesi del contribuente, sostenendo che la stessa si configuri come una cessione all esportazione diretta 12, essendo a tal proposito irrilevante la circostanza che la spedizione dei beni oggetto di cessione avvenisse dopo il passaggio di proprietà e l emissione della/e fattura/e d acconto Ai sensi dell art. 8, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 633/ A tal proposito, nella ris. n. 456/E del 2008 viene richiamata la ris. 18 aprile 1975, n , in banca dati fisconline, nella quale era stato precisato che gli acconti relativi a ces-

4 4596 APPROFONDIMENTO Imposta sul valore aggiunto (Iva) 3.1. Orientamento della giurisprudenza comunitaria Per quel che concerne invece la cessione del software standardizzato e la concessione in licenza d uso del software personalizzato, l Amministrazione finanziaria non ha condiviso la tesi e- sposta da ALFA anche sulla base della giurisprudenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee. Infatti, è un orientamento costante della Corte di Giustizia comunitaria 14 che, ai fini Iva, quando un operazione è costituita da una serie di elementi e di atti distinti si devono, innanzitutto, prendere in considerazione tutte le circostanze nelle quali si svolge tale operazione per determinare, da un lato, se ci si trovi di fronte a due o più operazioni distinte o ad un unica operazione e, dall altro, se in quest ultimo caso, l operazione u- nitaria debba essere qualificata come cessione di beni o come prestazione di servizi. Sotto il primo profilo, ossia la qualificazione di prestazioni giuridicamente distinte come un operazione unitaria ai fini Iva, da un lato l art. 2, comma 1, della Direttiva comunitaria del Consiglio del 17 maggio 1977, n. 77/388/CEE (c.d. VI Direttiva Iva 15 ) dispone che ciascuna operazione deve essere considerata di regola come autonoma, ma dall altro un operazione con carattere unitario sotto il profilo economico non deve essere artificialmente divisa in più parti, per non alterare la stessa funzionalità del sistema dell Iva. Si devono allora individuare gli elementi caratteristici dell operazione di cui trattasi per stabilire se il soggetto passivo fornisca al suo cliente più prestazioni distinte o un unica prestazione: in particolare, la soluzione interpretativa proposta dall Agenzia nella risoluzione trae spunto dalla sent. 27 ottobre 2005, causa C- sioni all esportazione, incassati prima della spedizione al di fuori del territorio comunitario, non sono soggetti ad Iva, in quanto la riscossione dei medesimi, nonché del successivo eventuale conguaglio del prezzo, e l emissione delle relative fatture, sono da considerarsi giuridicamente e direttamente dipendenti dal contratto avente ad oggetto cessioni di beni all esportazione non imponibili ai sensi dell art. 8, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 633/ Cfr. sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità europee del 2 maggio 1996, causa C-231/94, punti 12 e 14; del 25 febbraio 1999, causa C-349/96, punto 28; nonché del 27 ottobre 2005, causa C-41/04, punto 19, tutte in banca dati fisconline. 15 Cfr. art. 1 della Direttiva del Consiglio del 28 novembre 2006, n. 2006/112/CE (c.d. Direttiva di rifusione). 41/04, nella quale la Corte di Giustizia delle Comunità europee si è occupata specificamente del corretto inquadramento della fornitura di un software standard oggetto di adattamento alle necessità specifiche dell acquirente. In tale sentenza la Corte comunitaria ha avuto modo di ribadire, con specifico riferimento alla personalizzazione di un software standardizzato, che un operazione unica deve identificarsi sia quando esiste un operazione principale contornata di una o più operazioni accessorie (punto 21), sia quando più operazioni (senza quindi che sussista tra esse un rapporto principale vs accessoria) sono strettamente connesse così da costituire, oggettivamente, una prestazione economica unitaria indissociabile, la cui scomposizione avrebbe carattere puramente artificiale 16 (punto 22). Come elemento di riprova di tale artificiosa scissione dell operazione unitaria, la Corte comunitaria ha osservato che la sola prestazione del software standardizzato senza gli adattamenti richiesti sarebbe stata operazione priva di utilità per il cliente (punto 24). Richiamati i termini per identificare un operazione unitaria ai fini Iva, anche in presenza di operazioni negoziate e giuridicamente (contrattualmente) distinte 17, altro punto esaminato nella sentenza citata riguarda la qualificazione dell operazione, unitariamente considerata, quale cessione di beni (prevalendo la fornitura del software standardizzato) o quale prestazione di servizi (prevalendo la personalizzazione dello stesso). Sotto questo profilo la Corte comuni- 16 Cfr. R Portale, Imposta sul valore aggiunto, XII edizione, Il Sole-24 Ore, Detti principi sono stati ripresi anche nella ris. n. 153/E del 23 maggio 2002 e confermati nella ris. n. 267/E del 6 agosto 2002, entrambe in banca dati fisconline, secondo le quali, per qualificare un operazione, quando essa è costituita da una serie di elementi ed atti, è necessario prendere in considerazione tutte le circostanze nelle quali si svolge l operazione stessa, tenendo conto che ciascuna prestazione di servizio deve essere considerata, di regola, autonoma ed indipendente e che, d altro canto, la prestazione costituita da un unico servizio sotto il profilo economico non deve essere suddivisa in più parti per non alterare la funzionalità del sistema IVA. 17 Ai fini della qualificazione della cessione di un software standardizzato e della realizzazione di una serie di a- dattamenti dello stesso alle esigenze del cliente come prestazione unitaria, nella sentenza, la Corte di Giustizia comunitaria ha precisato che non assume rilevanza il fatto che siano stati contrattualmente previsti prezzi distinti per la fornitura del programma standard e per l adeguamento dello stesso, prevalendo comunque la natura oggettivamente (economicamente) inscindibile della prestazione.

5 Imposta sul valore aggiunto (Iva) APPROFONDIMENTO 4597 taria ha considerato decisivi (punti 28 e 30 terzo trattino) l importanza degli adattamenti per rendere il software utile al committente, la loro portata, durata e costo di esecuzione per i- dentificare una prestazione di servizi; viceversa prevalendo la fornitura del software standardizzato (cessione di beni) se il predetto adattamento costituisse una mera prestazione minore ed accessoria rispetto alla cessione del software di serie. Come terzo ed ultimo passaggio, la Corte di Giustizia delle Comunità europee ha poi concluso (punti 39, 40 e 41) per qualificare gli adattamenti del software alle specifiche esigenze del cliente committente quali prestazioni di consulenza tecnica [art. 9, paragrafo 2, lettera e), terzo trattino, della Sesta Direttiva Iva 18 ] in quanto servizi oggettivamente caratterizzati da un contenuto tecnico proprio dell ingegneria o comunque di natura analoga Qualificazione dell adattamento del software di base alle esigenze del cliente come consulenza tecnica Alla luce dei summenzionati orientamenti giurisprudenziali, l Agenzia delle Entrate nella risoluzione in commento ha in primo luogo osservato che, la realizzazione di un software funzionale alle esigenze del committente, attraverso una serie di lavori di adattamento di un software standardizzato, non può configurarsi ai fini Iva quale 18 Oggi trasfuso nell art. 56, paragrafo 1, lettera c), della Dir. n. 2006/112/CE. 19 Tesi, quest ultima, già recepita dall Amministrazione finanziaria nella ris. n. 134/E del 7 aprile 2008, in banca dati fisconline, in relazione al trattamento Iva di un attività di progettazione di una scheda elettronica, funzionale alle esigenze del committente, e all elaborazione della documentazione per la creazione della scheda stessa. L Agenzia delle Entrate ha ritenuto trattarsi nel caso specifico di attività non configurabili ai fini Iva come trasferimento di un diritto di proprietà intellettuale, bensì come consulenza tecnica per il loro contenuto oggettivamente professionale. Secondo una prassi ormai consolidata rientrano nel concetto di consulenza tecnica le attività che comportano valutazioni di ordine soggettivo ad alta specializzazione che si estrinsecano ad esempio, in giudizi, precisazioni, chiarimenti e pareri (circ. n. 12 del 9 aprile 1981, ris. n del 17 a- prile 1991 e ris. n. 122/E del 12 agosto 2005, tutte in banca dati fisconline ). Peraltro, già con la ris. 13 marzo 2002, n. 86/E, in banca dati fisconline, è stato chiarito che la possibilità di risultati brevettabili (tutelabili come diritti di proprietà intellettuale) non esclude che la prestazione sia qualificabile ai fini Iva quale consulenza tecnica, come definita dall art. 7, comma 4, lettera d), del D.P.R. n. 633/1972. trasferimento di un diritto di proprietà intellettuale. Inoltre dette prestazioni, secondo l Amministrazione finanziaria, non rilevano come prestazioni distinte e autonome ai fini dell imposta in parola, bensì come prestazione unitaria, qualificabile come prestazione di servizi costituente in particolare attività di consulenza e assistenza tecnica di cui all art. 7, comma 4, lettera d), del D.P.R. n. 633/1972. L Agenzia ha inoltre messo in evidenza, sulla scia dell interpretazione data dalla Corte comunitaria, che l attività di adattamento del software di base alle esigenze del cliente non risulta nel caso specifico accessoria e minore rispetto alla cessione dello stesso, realizzandosi in un lasso temporale che va da 1 a 4 anni, ed essendo decisiva per l utilizzo del software (i.e. il solo software standardizzato resterebbe privo di ogni utilità economica per BETA), senza che possa avere rilievo per l inquadramento Iva la stipula di due separati contratti. Quanto al quesito formulato da ALFA nell istanza in tema di territorialità dell imposta, l Amministrazione finanziaria una volta ricondotte le operazioni di fornitura del software ad un unica prestazione di consulenza tecnica, ha ritenuto tale operazione, resa nei confronti di un soggetto residente fuori dal territorio comunitario, e- sclusa dall ambito applicativo dell Iva per carenza del presupposto territoriale, ai sensi dell art. 7, comma 4, lettera f), del D.P.R. n. 633/1972, e ciò indipendentemente dal luogo di utilizzo 20. Secondo l Agenzia, detta prestazione, non essendo rilevante ai fini Iva nel territorio dello Stato, può essere infine certificata con un documento diverso dalla fattura senza confluire nella dichiarazione annuale Iva. Qualificata l operazione in questione (quale attività di consulenza tecnica) ed identificato il relativo trattamento anche ai fini della territorialità, si può concludere che le prestazioni in commento rese da un prestatore italiano a soggetti domiciliati nel territorio dello Stato, a soggetti ivi residenti che non hanno stabilito il domicilio all estero o a stabili organizzazioni in Italia di soggetti domiciliati o residenti all estero, si considerano effettuate nel territorio dello Stato e, quindi, sono ivi imponibili, solo se sono utilizzate nell ambito del territorio comunitario. Restano, pertanto, fuori dall ambito di applicazione Iva, 20 Cfr., in merito all irrilevanza del luogo di utilizzo, anche la circ. 16 marzo 2005, n. 10/E, in banca dati fisconline e la ris. n. 134/E del 7 aprile 2008, cit.

6 4598 APPROFONDIMENTO Imposta sul valore aggiunto (Iva) solo le prestazioni di consulenza tecnica rese da un prestatore italiano in favore dei predetti soggetti, ma utilizzate fuori dal territorio comunitario. Diversamente, le prestazioni di adattamento di un software standardizzato rese da un soggetto italiano a soggetti domiciliati o residenti in altri Stati membri dell Unione Europea, si considerano rilevanti ai fini Iva in Italia solo se il destinatario delle stesse non è un soggetto passivo d imposta nello Stato membro in cui ha il domicilio o la residenza. Regime Iva dell attività di consulenza tecnica Prestatore Committente Regola Iva Italiano Italiano Utilizzo nella UE Utilizzo extra-ue Sì No Italiano Comunitario Committente privato Sì Committente soggetto Iva No Italiano Extra-UE Paese del committente No 4. Conclusioni A seguito dei chiarimenti resi dall Amministrazione finanziaria nella ris. n. 456/E del 2008 è possibile riassumere schematicamente il regime Iva dei contratti aventi ad oggetto software in relazione alla tipologia dello stesso e dei diritti oggetto della transazione: a) la cessione di software standardizzato o pacchettizzato, ossia di un prodotto di serie e di impiego generalizzato destinato ad un pubblico indistinto per uso personale e, quindi, senza trasferire alcun diritto di sfruttamento economico dell opera protetta, si qualifica ai fini Iva quale cessione di bene; b) l operazione che riguarda software personalizzato, ossia sviluppato per rispondere alle specifiche esigenze del cliente/committente, si qualifica ai fini Iva come una prestazione di servizi, soggetta alle regole di territorialità di cui all art. 7, comma 4, lettere d), e) ed f), del D.P.R. n. 633/1972 (c.d. criterio del committente); c) l operazione che riguarda la cessione di software standardizzato, sul quale sono però richiesti adattamenti per personalizzarlo e renderlo così funzionale alle esigenze del cliente, non è di immediato inquadramento ai fini Iva. Il primo punto da esaminare riguarda l unicità o meno dell operazione, ovvero l esistenza di una prestazione principale contornata di una o più prestazioni accessorie, o la presenza (pur in assenza di un rapporto di accessorietà) di prestazioni strettamente connesse in modo tale da costituire, oggettivamente, una prestazione economica unitaria indissociabile (se non in modo artificioso e non coerente con gli interessi economici in gioco). Se i servizi di adattamento e personalizzazione del software non si configurano ai fini Iva come una mera prestazione accessoria e di secondario rilievo rispetto alla cessione del software di serie, ma hanno carattere predominante 21, rivestendo un importanza decisiva per la corretta e duratura utilizzazione del software da parte del cliente, l operazione si qualifica come una prestazione di servizi (di consulenza tecnica); l operazione costituisce viceversa una cessione di beni se resta dominante il trasferimento di software standardizzato. 21 Tale prevalenza va valutata caso per caso in base a tutte le circostanze che caratterizzano la specifica transazione; indizi rilevanti sono costituiti dall ampiezza delle personalizzazioni richieste, dalla loro durata, dal costo, dall importanza rispetto all uso cui il software è destinato dal cliente.

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli