software standardizzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "software standardizzato"

Transcript

1 4593 APPROFONDIMENTO Regime Iva del software Il caso della personalizzazione di software standardizzato di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) La ris. n. 456/E del 1 dicembre 2008 offre lo spunto per alcune riflessioni in ordine al regime Iva delle forniture di software standardizzato oggetto di lavori di adattamento e personalizzazione per rendere lo stesso funzionale alle esigenze del cliente. 1. Il software come diritto d autore tutelato: inquadramento ai fini Iva (*) L Agenzia delle Entrate, con ris. n. 456/E del 1 dicembre , è tornata ad occuparsi del regime Iva applicabile alle operazioni aventi ad oggetto il software, fornendo chiarimenti in ordine al trattamento delle forniture di un software standardizzato sul quale devono essere realizzati alcuni adattamenti e personalizzazioni necessari per rendere il software funzionale alle esigenze del cliente. Prima di esaminare il contenuto e le indicazioni interpretative della risoluzione in parola, si premette un breve riepilogo del contesto normativo. I software costituiscono una proprietà intellettuale protetta dalla L. 22 aprile 1941, n. 633 in materia di protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio 2 : con il (*) Studio legale e tributario Morri e Associati (sede di Milano). 1 Inwww.ilfisco.it, alla voce documentazione on line. 2 Cfr., in tema di diritto d autore, P. Auteri-G. Floridia-V. Mangini-G. Olivieri-M. Ricolfi-P. Spada, Diritto industria- D.Lgs. 29 dicembre 1992, n. 518, di recepimento della Direttiva del Consiglio 14 maggio 1991, n. 250/91/CEE, è stato integrato l art. 1, comma 1, della predetta legge, aggiungendo tra le opere dell ingegno di carattere creativo protette 3, i programmi per elaboratore, classificati come opere letterarie ai sensi della Convenzione di Berna 4. Sotto il profilo oggettivo, la classificazione del software tra le opere dell ingegno di carattere creativo tutelate dal diritto d autore discende dal fatto che lo stesso, quale insieme di istruzioni che vengono impartite all elaboratore (affinché questo esegua le operazioni che permettono di conseguire determinati risultati), è assimilabile a un opera letteraria e nello specifico a un manuale di istruzioni. All art. 2 della L. n. 633/1941, contenente un e- lenco delle opere protette, è stato inoltre aggiunto dall art. 2 del D.Lgs. n. 518/1992, il n. 8), precisando che i programmi per elaboratori sono tutelati, in qualsiasi forma espressi purché originali, quale risultato della creazione intellettuale dell autore e che la protezione non si estende le - Proprietà intellettuale e concorrenza, II edizione, Giappichelli editore (Torino ) e in particolare P. Auteri, Parte VI. 3 Oltre a quelle che appartengono alla letteratura e alla musica, alle arti figurative, alla letteratura, al teatro e alla cinematografia. 4 La Convenzione di Berna (firmata il 9 settembre 1886, riveduta da ultimo a Parigi nel 1971) ratificata e resa esecutiva con la L. 20 giugno 1978, n. 399 rappresenta la più importante convenzione esistente in materia di diritto d autore e diritti connessi.

2 4594 APPROFONDIMENTO Imposta sul valore aggiunto (Iva) al contempo alle idee e ai principi alla base di un qualsiasi elemento del programma. L autore acquista a titolo originario il diritto sul software 5, inteso come opera protetta ai sensi della L. n. 633/1941, il cui contenuto è tradizionalmente suddiviso in due macro categorie di diritti, tipici appunto delle opere immateriali tutelate secondo le norme in materia di diritto d autore: a) il diritto morale, relativo tra l altro al riconoscimento della paternità dell opera, che costituisce un diritto non trasferibile e indipendente dai diritti di sfruttamento economico (Sezione II, Capo III, della L. n. 633/1941); b) il diritto esclusivo di utilizzazione economica che si articola poi in un bouquet di diritti patrimoniali esclusivi tra loro indipendenti (Sezione I, Capo III, della L. n. 633/1941) 6. Inquadrato il software come opera tutelata dalla L. n. 633/1941, sotto il profilo Iva il trattamento delle operazioni aventi ad oggetto il software varia a seconda del loro contenuto: in caso di cessione o concessione verso corrispettivo in licenza dello sfruttamento del diritto d autore, l operazione si configura quale prestazione di servizi 7, in caso di vendita di copie per uso personale (ossia senza trasferimento del diritto di sfruttamento economico proprio del diritto d autore) di un software standardizzato o pacchettizzato, l operazione rientra tra le cessioni di beni 8. 5 Regola generale dettata dagli artt. 6 (e seguenti) della L. n. 633/1941: tuttavia l art. 12-bis specifica che, salvo patto contrario, il datore di lavoro è il titolare del diritto esclusivo di utilizzazione economica del software creato dal lavoratore dipendente nell esecuzione delle proprie mansioni o seguendo le istruzioni impartite dallo stesso datore di lavoro. 6 Basti ricordare, con riferimento alla disciplina generale, il fondamentale copyright, ossia diritto esclusivo di moltiplicazione, diretta o indiretta, permanente o temporanea, totale o parziale, in copie dell opera protetta (art. 13) e quello di distribuzione degli esemplari dell opera (art. 17), il diritto di traduzione e di elaborazione (art. 18) e di noleggio e prestito (art. 18-bis) oppure il diritto di pubblica rappresentazione (art. 15) e di trasmissione a distanza (art. 16). Con specifico riferimento al software, il legislatore ha ritenuto necessario introdurre alcune disposizioni specifiche che ne delineano un regime in parte speciale, in particolare anche per quanto riguarda il contenuto dei diritti patrimoniali (Capo IV, Sezione VI, artt. 64-bis, 64-ter e 64-quater della L. n. 633/1941). 7 Ai sensi dell art. 3, comma 2, n. 2), del D.P.R. n. 633/1972. Salve le esclusioni previste dall art. 3, comma 4, lettera a), del D.P.R. n. 633/1972 per gli autori e loro eredi o legatari. 8 Si pensi alle opere letterarie con cui i software presentano delle similitudini: un conto è acquistare in libreria un e- Le definizioni di software standardizzato e di software personalizzato, rilevanti ai fini Iva, sono state oggetto di chiarimenti già nella metà degli anni 90 9 : a) il software standardizzato è un prodotto di serie e di impiego generalizzato, destinato ad un pubblico indistinto di clienti. Il programma viene creato per soddisfare le esigenze operative di un numero indefinito di utenti e l utilità economica del produttore consiste nella riproduzione sistematica del programma stesso, al fine di cedere singole copie del programma contenute nei relativi supporti materiali; b) il software personalizzato, viceversa, è un prodotto sviluppato in base alle specifiche esigenze del cliente, in relazione a cui l utilità economica del produttore prescinde quindi dal numero di copie e dalla possibilità di vendita del programma al pubblico. Qualificazione del software La diversa qualificazione oggettiva del software 10 prestazione di servizi vs cessione di beni ha importanti riflessi per quanto attiene i profili territoriali delle operazioni. Le prestazioni di servizi relative al software sono territorialmente rilevanti secondo l art. 7, comma 4, lettere d), e) ed f), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 (c.d. criterio del committente); viceversa le operazioni connesse a software standardizzato sono ricondotte tra quelle aventi ad oggetto un bene masemplare dell opera stampata per la lettura personale, altro conto acquisire diritti di sfruttamento economico sull opera stessa (riproduzione, noleggio, traduzione, adattamento, eccetera). 9 Il software standardizzato o pacchettizzato è stato e- saminato dal Ministero delle finanze nelle circolari del 23 febbraio 1994, 13-VII , e del 15 maggio 1995, n. 142/D/1916, in banca dati fisconline, nonché da Assonime nella circ. n. 35 del 30 marzo Cfr. N. Villa, Disciplina contabile e fiscale per l acquisto di un software, in Pratica Professionale n. 48/2001, pag. 1607; F. Scopacasa, Imposta Valore aggiunto/imposte sui redditi - Prestazioni di servizi effettuata da non residenti - Concessione di un pacchetto software - Disciplina tributaria, in Casi e questioni della riforma tributaria - Caso n. 646; D. Manca, Imposta valore aggiunto - Cessioni intracomunitarie non imponibili - Territorialità dell imposta - Vendita di un elaboratore elettronico e relativo software a soggetti comunitari, sia imprese che privati - Fatturazione, in Casi e questioni della riforma tributaria - Caso n. 1727; M. Boschi-R. Iannelli, Imposta valore aggiunto - Importazioni - Determinazione base imponibile - Prestazioni di servizi - Software standardizzato e software personalizzato, in Casi e questioni della riforma tributaria - Caso n. 2517; R. Fanelli, Adempimenti &Obblighi IVA - Fatturazione e aliquota IVA per i software applicativi, in Azienda & Fisco n. 5/1999, pag. 237.

3 Imposta sul valore aggiunto (Iva) APPROFONDIMENTO 4595 teriale (c.d. corpus mecchanicum) e seguono il regime doganale (esportazioni o importazioni verso e da Paesi extra CEE) ovvero quello relativo alle operazioni di acquisti o cessioni intracomunitari con gli altri Paesi UE 11. Ai suddetti due schemi contrattuali base cui si fa ricorso per acquisire la disponibilità del software (software standardizzati vs software personalizzati), se ne aggiunge nella prassi commerciale un terzo tipo, che prevede interventi di personalizzazione su un software standardizzato, per adattarlo alle specifiche esigenze del committente. Proprio del trattamento Iva di quest ultima fattispecie intermedia si occupa l Agenzia delle Entrate nella ris. n. 456/E del I fatti e l oggetto dei quesiti Il caso oggetto della ris. n. 456/E è quello di una società per azioni italiana (di seguito ALFA ), la quale, al fine di trasferire ad una società turca (di seguito BETA ) gli strumenti necessari per la realizzazione in Turchia di una pubblicazione simile a quelle italiane, intende stipulare con la società BETA due contratti: a) il primo avente ad oggetto la cessione di hardware e software standardizzato di base, acquistato da ALFA presso dei fornitori terzi e ceduto alla società BETA all atto della sottoscrizione del contratto, ma trasferito in Turchia solo al termine dei lavori di personalizzazione del software stesso. Il contratto prevedeva la corresponsione di un acconto pari al 100% del prezzo d acquisto del software standardizzato e dell hardware, maggiorato del 5% a titolo di compenso delle attività di selezione e acquisto dei beni rese da ALFA, e di un saldo a titolo di riaddebito di tutti i costi di assicurazione e trasporto sostenuti per la custodia e il trasporto dei beni di proprietà di BETA; b) il secondo avente ad oggetto la concessione in licenza d uso esclusiva e valida per il solo territorio turco del software personalizzato, realizzato da ALFA, per la gestione e pubblicazione delle directories turche, operante sull infrastruttura di server costituita dall hardware 11 Cfr. G. Mocci, Contratti con non residenti per l utilizzo di prodotti software, in Corriere tributario n. 2/1999, pag. 114; M. Ravaccia, Il regime fiscale del software nei rapporti internazionali, in Rassegna tributaria n. 1/1997, pag. 106; S. Mayr, Corrispettivi pagati all estero per concessioni in uso di software, in Corriere tributario n. 43/1997, pag e software di base ceduti con il contratto di cui al punto a). L attività di personalizzazione del software standardizzato era da realizzare in un lasso temporale da 1-2 a massimo 4 anni ed era indispensabile affinché la società BETA potesse utilizzare lo stesso. Alla luce di quanto sopra, la società istante AL- FA riteneva che: a) la cessione dell hardware e del software standardizzato di base si configurasse come una cessione all esportazione diretta ex art. 8, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 633/1972, nonostante la materiale uscita dei beni dal territorio comunitario avvenisse dopo il passaggio di proprietà degli stessi e l emissione della/e fattura/e di acconto; b) per quel che concerne, invece, la concessione in licenza d uso del software personalizzato, la stessa rientrasse tra le cessioni, concessioni, licenze e simili relative al diritto d autore, di cui all art. 3, comma 2, n. 2), del D.P.R. n. 633/1972, le quali, ai sensi dell art. 7, comma 4, lettere d) ed f), del predetto decreto, in quanto rese da una società italiana nei confronti di una società residente fuori dal territorio comunitario e utilizzate fuori dal territorio nazionale, sono considerate fuori dal campo di applicazione dell Iva. ALFA era pertanto intenzionata a certificare l operazione di concessione in licenza d uso del software personalizzato con un documento diverso dalla fattura, o, comunque con una fattura non rilevante ai fini Iva, da contabilizzare solo ai fini delle imposte dirette e tale da non confluire nella dichiarazione annuale Iva. 3. Parere dell Agenzia delle Entrate Per quel che attiene alla cessione dell hardware, oggetto del primo contratto stipulato tra AL- FA e BETA, l Amministrazione finanziaria ha confermato la tesi del contribuente, sostenendo che la stessa si configuri come una cessione all esportazione diretta 12, essendo a tal proposito irrilevante la circostanza che la spedizione dei beni oggetto di cessione avvenisse dopo il passaggio di proprietà e l emissione della/e fattura/e d acconto Ai sensi dell art. 8, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 633/ A tal proposito, nella ris. n. 456/E del 2008 viene richiamata la ris. 18 aprile 1975, n , in banca dati fisconline, nella quale era stato precisato che gli acconti relativi a ces-

4 4596 APPROFONDIMENTO Imposta sul valore aggiunto (Iva) 3.1. Orientamento della giurisprudenza comunitaria Per quel che concerne invece la cessione del software standardizzato e la concessione in licenza d uso del software personalizzato, l Amministrazione finanziaria non ha condiviso la tesi e- sposta da ALFA anche sulla base della giurisprudenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee. Infatti, è un orientamento costante della Corte di Giustizia comunitaria 14 che, ai fini Iva, quando un operazione è costituita da una serie di elementi e di atti distinti si devono, innanzitutto, prendere in considerazione tutte le circostanze nelle quali si svolge tale operazione per determinare, da un lato, se ci si trovi di fronte a due o più operazioni distinte o ad un unica operazione e, dall altro, se in quest ultimo caso, l operazione u- nitaria debba essere qualificata come cessione di beni o come prestazione di servizi. Sotto il primo profilo, ossia la qualificazione di prestazioni giuridicamente distinte come un operazione unitaria ai fini Iva, da un lato l art. 2, comma 1, della Direttiva comunitaria del Consiglio del 17 maggio 1977, n. 77/388/CEE (c.d. VI Direttiva Iva 15 ) dispone che ciascuna operazione deve essere considerata di regola come autonoma, ma dall altro un operazione con carattere unitario sotto il profilo economico non deve essere artificialmente divisa in più parti, per non alterare la stessa funzionalità del sistema dell Iva. Si devono allora individuare gli elementi caratteristici dell operazione di cui trattasi per stabilire se il soggetto passivo fornisca al suo cliente più prestazioni distinte o un unica prestazione: in particolare, la soluzione interpretativa proposta dall Agenzia nella risoluzione trae spunto dalla sent. 27 ottobre 2005, causa C- sioni all esportazione, incassati prima della spedizione al di fuori del territorio comunitario, non sono soggetti ad Iva, in quanto la riscossione dei medesimi, nonché del successivo eventuale conguaglio del prezzo, e l emissione delle relative fatture, sono da considerarsi giuridicamente e direttamente dipendenti dal contratto avente ad oggetto cessioni di beni all esportazione non imponibili ai sensi dell art. 8, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 633/ Cfr. sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità europee del 2 maggio 1996, causa C-231/94, punti 12 e 14; del 25 febbraio 1999, causa C-349/96, punto 28; nonché del 27 ottobre 2005, causa C-41/04, punto 19, tutte in banca dati fisconline. 15 Cfr. art. 1 della Direttiva del Consiglio del 28 novembre 2006, n. 2006/112/CE (c.d. Direttiva di rifusione). 41/04, nella quale la Corte di Giustizia delle Comunità europee si è occupata specificamente del corretto inquadramento della fornitura di un software standard oggetto di adattamento alle necessità specifiche dell acquirente. In tale sentenza la Corte comunitaria ha avuto modo di ribadire, con specifico riferimento alla personalizzazione di un software standardizzato, che un operazione unica deve identificarsi sia quando esiste un operazione principale contornata di una o più operazioni accessorie (punto 21), sia quando più operazioni (senza quindi che sussista tra esse un rapporto principale vs accessoria) sono strettamente connesse così da costituire, oggettivamente, una prestazione economica unitaria indissociabile, la cui scomposizione avrebbe carattere puramente artificiale 16 (punto 22). Come elemento di riprova di tale artificiosa scissione dell operazione unitaria, la Corte comunitaria ha osservato che la sola prestazione del software standardizzato senza gli adattamenti richiesti sarebbe stata operazione priva di utilità per il cliente (punto 24). Richiamati i termini per identificare un operazione unitaria ai fini Iva, anche in presenza di operazioni negoziate e giuridicamente (contrattualmente) distinte 17, altro punto esaminato nella sentenza citata riguarda la qualificazione dell operazione, unitariamente considerata, quale cessione di beni (prevalendo la fornitura del software standardizzato) o quale prestazione di servizi (prevalendo la personalizzazione dello stesso). Sotto questo profilo la Corte comuni- 16 Cfr. R Portale, Imposta sul valore aggiunto, XII edizione, Il Sole-24 Ore, Detti principi sono stati ripresi anche nella ris. n. 153/E del 23 maggio 2002 e confermati nella ris. n. 267/E del 6 agosto 2002, entrambe in banca dati fisconline, secondo le quali, per qualificare un operazione, quando essa è costituita da una serie di elementi ed atti, è necessario prendere in considerazione tutte le circostanze nelle quali si svolge l operazione stessa, tenendo conto che ciascuna prestazione di servizio deve essere considerata, di regola, autonoma ed indipendente e che, d altro canto, la prestazione costituita da un unico servizio sotto il profilo economico non deve essere suddivisa in più parti per non alterare la funzionalità del sistema IVA. 17 Ai fini della qualificazione della cessione di un software standardizzato e della realizzazione di una serie di a- dattamenti dello stesso alle esigenze del cliente come prestazione unitaria, nella sentenza, la Corte di Giustizia comunitaria ha precisato che non assume rilevanza il fatto che siano stati contrattualmente previsti prezzi distinti per la fornitura del programma standard e per l adeguamento dello stesso, prevalendo comunque la natura oggettivamente (economicamente) inscindibile della prestazione.

5 Imposta sul valore aggiunto (Iva) APPROFONDIMENTO 4597 taria ha considerato decisivi (punti 28 e 30 terzo trattino) l importanza degli adattamenti per rendere il software utile al committente, la loro portata, durata e costo di esecuzione per i- dentificare una prestazione di servizi; viceversa prevalendo la fornitura del software standardizzato (cessione di beni) se il predetto adattamento costituisse una mera prestazione minore ed accessoria rispetto alla cessione del software di serie. Come terzo ed ultimo passaggio, la Corte di Giustizia delle Comunità europee ha poi concluso (punti 39, 40 e 41) per qualificare gli adattamenti del software alle specifiche esigenze del cliente committente quali prestazioni di consulenza tecnica [art. 9, paragrafo 2, lettera e), terzo trattino, della Sesta Direttiva Iva 18 ] in quanto servizi oggettivamente caratterizzati da un contenuto tecnico proprio dell ingegneria o comunque di natura analoga Qualificazione dell adattamento del software di base alle esigenze del cliente come consulenza tecnica Alla luce dei summenzionati orientamenti giurisprudenziali, l Agenzia delle Entrate nella risoluzione in commento ha in primo luogo osservato che, la realizzazione di un software funzionale alle esigenze del committente, attraverso una serie di lavori di adattamento di un software standardizzato, non può configurarsi ai fini Iva quale 18 Oggi trasfuso nell art. 56, paragrafo 1, lettera c), della Dir. n. 2006/112/CE. 19 Tesi, quest ultima, già recepita dall Amministrazione finanziaria nella ris. n. 134/E del 7 aprile 2008, in banca dati fisconline, in relazione al trattamento Iva di un attività di progettazione di una scheda elettronica, funzionale alle esigenze del committente, e all elaborazione della documentazione per la creazione della scheda stessa. L Agenzia delle Entrate ha ritenuto trattarsi nel caso specifico di attività non configurabili ai fini Iva come trasferimento di un diritto di proprietà intellettuale, bensì come consulenza tecnica per il loro contenuto oggettivamente professionale. Secondo una prassi ormai consolidata rientrano nel concetto di consulenza tecnica le attività che comportano valutazioni di ordine soggettivo ad alta specializzazione che si estrinsecano ad esempio, in giudizi, precisazioni, chiarimenti e pareri (circ. n. 12 del 9 aprile 1981, ris. n del 17 a- prile 1991 e ris. n. 122/E del 12 agosto 2005, tutte in banca dati fisconline ). Peraltro, già con la ris. 13 marzo 2002, n. 86/E, in banca dati fisconline, è stato chiarito che la possibilità di risultati brevettabili (tutelabili come diritti di proprietà intellettuale) non esclude che la prestazione sia qualificabile ai fini Iva quale consulenza tecnica, come definita dall art. 7, comma 4, lettera d), del D.P.R. n. 633/1972. trasferimento di un diritto di proprietà intellettuale. Inoltre dette prestazioni, secondo l Amministrazione finanziaria, non rilevano come prestazioni distinte e autonome ai fini dell imposta in parola, bensì come prestazione unitaria, qualificabile come prestazione di servizi costituente in particolare attività di consulenza e assistenza tecnica di cui all art. 7, comma 4, lettera d), del D.P.R. n. 633/1972. L Agenzia ha inoltre messo in evidenza, sulla scia dell interpretazione data dalla Corte comunitaria, che l attività di adattamento del software di base alle esigenze del cliente non risulta nel caso specifico accessoria e minore rispetto alla cessione dello stesso, realizzandosi in un lasso temporale che va da 1 a 4 anni, ed essendo decisiva per l utilizzo del software (i.e. il solo software standardizzato resterebbe privo di ogni utilità economica per BETA), senza che possa avere rilievo per l inquadramento Iva la stipula di due separati contratti. Quanto al quesito formulato da ALFA nell istanza in tema di territorialità dell imposta, l Amministrazione finanziaria una volta ricondotte le operazioni di fornitura del software ad un unica prestazione di consulenza tecnica, ha ritenuto tale operazione, resa nei confronti di un soggetto residente fuori dal territorio comunitario, e- sclusa dall ambito applicativo dell Iva per carenza del presupposto territoriale, ai sensi dell art. 7, comma 4, lettera f), del D.P.R. n. 633/1972, e ciò indipendentemente dal luogo di utilizzo 20. Secondo l Agenzia, detta prestazione, non essendo rilevante ai fini Iva nel territorio dello Stato, può essere infine certificata con un documento diverso dalla fattura senza confluire nella dichiarazione annuale Iva. Qualificata l operazione in questione (quale attività di consulenza tecnica) ed identificato il relativo trattamento anche ai fini della territorialità, si può concludere che le prestazioni in commento rese da un prestatore italiano a soggetti domiciliati nel territorio dello Stato, a soggetti ivi residenti che non hanno stabilito il domicilio all estero o a stabili organizzazioni in Italia di soggetti domiciliati o residenti all estero, si considerano effettuate nel territorio dello Stato e, quindi, sono ivi imponibili, solo se sono utilizzate nell ambito del territorio comunitario. Restano, pertanto, fuori dall ambito di applicazione Iva, 20 Cfr., in merito all irrilevanza del luogo di utilizzo, anche la circ. 16 marzo 2005, n. 10/E, in banca dati fisconline e la ris. n. 134/E del 7 aprile 2008, cit.

6 4598 APPROFONDIMENTO Imposta sul valore aggiunto (Iva) solo le prestazioni di consulenza tecnica rese da un prestatore italiano in favore dei predetti soggetti, ma utilizzate fuori dal territorio comunitario. Diversamente, le prestazioni di adattamento di un software standardizzato rese da un soggetto italiano a soggetti domiciliati o residenti in altri Stati membri dell Unione Europea, si considerano rilevanti ai fini Iva in Italia solo se il destinatario delle stesse non è un soggetto passivo d imposta nello Stato membro in cui ha il domicilio o la residenza. Regime Iva dell attività di consulenza tecnica Prestatore Committente Regola Iva Italiano Italiano Utilizzo nella UE Utilizzo extra-ue Sì No Italiano Comunitario Committente privato Sì Committente soggetto Iva No Italiano Extra-UE Paese del committente No 4. Conclusioni A seguito dei chiarimenti resi dall Amministrazione finanziaria nella ris. n. 456/E del 2008 è possibile riassumere schematicamente il regime Iva dei contratti aventi ad oggetto software in relazione alla tipologia dello stesso e dei diritti oggetto della transazione: a) la cessione di software standardizzato o pacchettizzato, ossia di un prodotto di serie e di impiego generalizzato destinato ad un pubblico indistinto per uso personale e, quindi, senza trasferire alcun diritto di sfruttamento economico dell opera protetta, si qualifica ai fini Iva quale cessione di bene; b) l operazione che riguarda software personalizzato, ossia sviluppato per rispondere alle specifiche esigenze del cliente/committente, si qualifica ai fini Iva come una prestazione di servizi, soggetta alle regole di territorialità di cui all art. 7, comma 4, lettere d), e) ed f), del D.P.R. n. 633/1972 (c.d. criterio del committente); c) l operazione che riguarda la cessione di software standardizzato, sul quale sono però richiesti adattamenti per personalizzarlo e renderlo così funzionale alle esigenze del cliente, non è di immediato inquadramento ai fini Iva. Il primo punto da esaminare riguarda l unicità o meno dell operazione, ovvero l esistenza di una prestazione principale contornata di una o più prestazioni accessorie, o la presenza (pur in assenza di un rapporto di accessorietà) di prestazioni strettamente connesse in modo tale da costituire, oggettivamente, una prestazione economica unitaria indissociabile (se non in modo artificioso e non coerente con gli interessi economici in gioco). Se i servizi di adattamento e personalizzazione del software non si configurano ai fini Iva come una mera prestazione accessoria e di secondario rilievo rispetto alla cessione del software di serie, ma hanno carattere predominante 21, rivestendo un importanza decisiva per la corretta e duratura utilizzazione del software da parte del cliente, l operazione si qualifica come una prestazione di servizi (di consulenza tecnica); l operazione costituisce viceversa una cessione di beni se resta dominante il trasferimento di software standardizzato. 21 Tale prevalenza va valutata caso per caso in base a tutte le circostanze che caratterizzano la specifica transazione; indizi rilevanti sono costituiti dall ampiezza delle personalizzazioni richieste, dalla loro durata, dal costo, dall importanza rispetto all uso cui il software è destinato dal cliente.

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2013 OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni Pagina

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633

OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 305/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 ALFA Spa Articolo 19-bis del DPR 26 ottobre

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA

CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA 1 di 6 23/01/2015 20:26 CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA L'IVA, 4 / 2006, p. 25 Territorialità CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA Committeri Gian Marco;Pallaria Gianfranco Soggetti interessati Acquirenti

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI

LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Territorialità Iva Le operazioni rientranti nel campo di applicazione dell'iva sono quelle per le quali sussistono i seguenti tre requisiti: oggettivo:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

Roma,05 novembre 2009

Roma,05 novembre 2009 RISOLUZIONE N. 274/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 procedura di reso nella vendita per corrispondenza

Dettagli

L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI

L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI Dott. Campolunghi Davide 12 ottobre 2010 - Foyer del Conservatorio, via Conservatorio 12 Milano

Dettagli

GESTIONI DI PORTAFOGLI: LA NUOVA DISCIPLINA IVA.

GESTIONI DI PORTAFOGLI: LA NUOVA DISCIPLINA IVA. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE GESTIONI DI PORTAFOGLI: LA NUOVA DISCIPLINA IVA. EDOARDO GUFFANTI 18 Aprile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA SOMMARIO: 1. Premessa 2. Il concetto di stabile organizzazione ai fini IVA 3. La rilevanza territoriale della stabile organizzazione 4. La rilevanza

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

LA TERRITORIALITÀ IVA DELLE PRESTAZIONI DI TRASPORTO RELATIVE A BENI IN ESPORTAZIONE TRA NORMATIVA COMUNITARIA E RELATIVE DISPOSIZIONI DI RECEPIMENTO

LA TERRITORIALITÀ IVA DELLE PRESTAZIONI DI TRASPORTO RELATIVE A BENI IN ESPORTAZIONE TRA NORMATIVA COMUNITARIA E RELATIVE DISPOSIZIONI DI RECEPIMENTO LA TERRITORIALITÀ IVA DELLE PRESTAZIONI DI TRASPORTO RELATIVE A BENI IN ESPORTAZIONE TRA NORMATIVA COMUNITARIA E RELATIVE DISPOSIZIONI DI RECEPIMENTO BREVI NOTE A MARGINE DELLA RISOLUZIONE N. 134/E/2010

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Roma, 12 novembre 2008

Roma, 12 novembre 2008 RISOLUZIONE N. 432/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 novembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA SRL - Interpretazione dell art. 17, sesto

Dettagli

Prot. 2009/182816 Oggetto: Interpello - ART. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. - Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633

Prot. 2009/182816 Oggetto: Interpello - ART. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. - Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 RISOLUZIONE N. 283/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 dicembre 2009 Prot. 2009/182816 Oggetto: Interpello - ART. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. - Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA,

Dettagli

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009 RISOLUZINE N. 267/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 Operazioni esenti IVA Attività di intermediazione relative

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

LE OPERAZIONI TRIANGOLARI COMUNITARIE E LA PROVA DELL USCITA FISICA DEI BENI DAL TERRITORIO NAZIONALE

LE OPERAZIONI TRIANGOLARI COMUNITARIE E LA PROVA DELL USCITA FISICA DEI BENI DAL TERRITORIO NAZIONALE MAP LE OPERAZIONI TRIANGOLARI COMUNITARIE E LA PROVA DELL USCITA FISICA DEI BENI DAL TERRITORIO NAZIONALE Analisi delle disposizioni relative alle operazioni triangolari comunitarie, siano esse semplifi

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico INDICE GENERALE Parte I Premesse 1. Note introduttive... pag. 14 2. Tavole di concordanza 2.1 DPR n. 633/1972 Dir. n. 2006/112 Reg. 282/2011/UE DL n. 331/93... pag. 16 2.2 DL n. 331/1993 DPR n. 633/1972...

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

Regime Iva dell emission trading 1

Regime Iva dell emission trading 1 Regime Iva dell emission trading 1 Al fine di esaminarne il regime fiscale, è opportuno richiamare brevemente le origini e le finalità dell emission trading 2, il quale può essere definito come il commercio

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA INFORMATIVA N. 075 19 MARZO 2013 IVA LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA Art. 1, commi da 324 a 330, Legge n. 228/2012 DM 22.2.2010 Artt. 39, 46, 47 e 50, DL

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

Dottori Commercialisti e Revisori Contabili. Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE

Dottori Commercialisti e Revisori Contabili. Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE Pellizzer & Partners Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE Quando un impresa effettua una operazione di cessione intracomunitaria

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Messa a disposizione di spazi e relative attrezzature: ai fini IVA rileva come prestazione generica della Dott.ssa Cristina Seregni e dell Avv. Giuseppe Rigano L Approfondimento Nella prassi commerciale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 4 del 26 gennaio 2010 IVA nei rapporti con l estero

Dettagli

RISOLUZIONE N. 36/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Reverse charge cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato

RISOLUZIONE N. 36/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Reverse charge cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato RISOLUZIONE N. 36/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 marzo 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Reverse charge cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato Con istanza di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

RISOLUZIONE n. 96/E. Roma, 11 maggio 2007

RISOLUZIONE n. 96/E. Roma, 11 maggio 2007 RISOLUZIONE n. 96/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 maggio 2007 Oggetto: Contratto di prestito d uso di platino con una banca svizzera - adempimenti IVA - articolo 17, quinto comma,

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 RISOLUZIONE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Chiarimenti in merito alla prova dell avvenuta cessione intracomunitaria

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Il commento Negli scambi intracomunitari di beni riveste una particolare importanza la compilazione dei modelli Intrastat. Le regole di compilazione e di presentazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 16.02.2015 Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015 Dal 01.01.2015 molte le novità per il commercio elettronico diretto B2C. Categoria:

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

Quanto sopra può essere così schematizzato:

Quanto sopra può essere così schematizzato: Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Vouchers e il loro trattamento IVA: la proposta di modifica della Direttiva 2006/112/CE della Dott.ssa Cristina Seregni e dell Avv. Paolo Lisi pubblicato sulla rivista il fisco n. 28 in data 15 luglio

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti E-COMMERCE ASPETTI IVA A Cura di Antonio Gigliotti Indice Indice 1. COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO 1.1. Commercio elettronico diretto e indiretto Pag. 2 2. COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO Pag.

Dettagli

Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate)

Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate) Seminario su temi contabili e fiscali in campo funebre e cimiteriale Bologna, 19 giugno 2003 Dr. Luigi Marzullo (Agenzia delle Entrate) IL TRATTAMENTO FISCALE APPLICABILE AI SERVIZI RESI NELL AMBITO CIMITERIALE

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISSIONE E REGISTRAZIONE FATTURE

OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISSIONE E REGISTRAZIONE FATTURE OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISONE E REGISTRAZIONE FATTURE Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina SERVIZI ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE (ART. 6 DPR 633/72 LEGGE 217/2011) SERVIZI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

OGGETTO: Agenzie di viaggi e turismo. Permuta di servizi, applicazione degli articoli 11, 21 e 74-ter del DPR 26 ottobre 1972, n. 633.

OGGETTO: Agenzie di viaggi e turismo. Permuta di servizi, applicazione degli articoli 11, 21 e 74-ter del DPR 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE 331/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 luglio 2008 OGGETTO: Agenzie di viaggi e turismo. Permuta di servizi, applicazione degli articoli 11, 21 e 74-ter del DPR 26 ottobre

Dettagli

Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione

Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione 2919 APPROFONDIMENTO Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione di Enzo Mignarri Con la ris. n. 23/E dell 8 marzo 2012, l Agenzia delle Entrate ha risposto

Dettagli