3. I contenuti delle Reti: servizi in comune e attività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. I contenuti delle Reti: servizi in comune e attività"

Transcript

1 AZIONE DI SISTEMA 3 - ATTIVITÀ PER L ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI E D IMPRESA Revisione del Individuazione partecipanti alle attività dell incubatore 2. Definizione dei progetti di Rete 3. I contenuti delle Reti: servizi in comune e attività 4. La forma delle Reti: organizzazione e regole 5. Meeting delle Reti: dall'ideazione all'azione 1

2 1. La Fase 2 dell Azione di Sistema - Attività per l accompagnamento alla nascita e sviluppo di reti territoriali e di impresa La seconda fase dell Azione di Sistema Attività per l accompagnamento alla nascita e sviluppo di reti territoriali e di impresa si struttura come attività di incubazione delle quattro Reti a supporto dello start-up di reti di cooperazione. L obiettivo della Fase 2 dell azione di sistema è di accompagnare il processo di trasformazione delle reti relazionali emerse nella Fase 1 in vere e proprie reti di cooperazione, sistematizzando cioè l interazione tra i soggetti aderenti al percorso di incubazione e, nel caso, formalizzando la nascita delle Reti. L attività dell incubatore si realizza attraverso un percorso di accompagnamento e assistenza ai soggetti che hanno aderito formalmente al percorso di incubazione. In generale sono due i versanti su cui si orienta il percorso: uno di assistenza tecnica specialistica e uno di tipo relazionale. Il versante tecnico specialistico si propone di attivare servizi di orientamento e consulenza imprenditoriale in cui, attraverso la promozione dell incontro con esperti specializzati in diverse aree di competenza quali quelle gestionale, comunicativa, organizzativa, fiscale, legislativa, bancaria e tecnologica - si può consentire ai partecipanti di poter definire, in maniera condivisa, il progetto di Rete, i contenuti e la forma delle reti di cooperazione. Il versante relazionale accompagna i partecipanti in tutto il percorso di incubazione. Si tratta di un azione trasversale, che consente di consolidare le strategie di cooperazione che legano la Rete. In altre parole, si tratta di prestare attenzione a tutte quelle dinamiche di relazione, conflitto e cooperazione che consentano di stabilire un rapporto di fiducia all interno della Rete di operatori, di definire insieme ai partner a quali comportamenti si attribuisce l accezione di affidabilità, di identificare in modo chiaro nella Rete le modalità per superare difficoltà connesse a posizioni di potere e conflittualità, oltre che definire le modalità per coordinare e guidare la Rete di operatori, apprendere ad esercitare la leadership e stimolare comportamenti cooperativi. L incubatore di Rete pertanto consente di: - raccordare le strategie individuali e le singole iniziative imprenditoriali/sociali in una strategia collettiva, anche all interno di quelle individuate dal GAL SGT nel proprio PSL (politiche di sistema, di settore e di territorio); - supportare il processo per l avvio delle Reti; - consolidare le relazioni, anche produttive,tra operatori; - sostenere la crescita del capitale umano, incrementando le competenze relazionali, produttive e gestionali dei soggetti. L attività dell incubatore deve consentire ai soggetti aderenti di elaborare: - il progetto di Rete; - il contenuto delle relazioni: i servizi che la rete di operatori intende gestire in comune e le attività da realizzare insieme agli altri soggetti della Rete - la forma delle relazioni:la struttura organizzativa, le regole e i disciplinari di rete, la forma giuridica. 2

3 Le sedi in cui si svolgeranno le attività dell Incubatore di Rete non saranno sedi fisse, ma saranno individuate sulla base delle esigenze specifiche dei partecipanti alle attività. Si tratterà comunque di sedi per le quali non si prevedono costi materiali, in quanto messe a disposizione dai soggetti pubblici del territorio, a seguito di un diretto interessamento del GAL SGT. 2. Descrizione delle attività 2.1. Le attività della Fase 2 dell Azione di Sistema Denominazione Attività 1 Descrizione attività Individuazione partecipanti alle attività dell incubatore La pubblicazione di un avviso pubblico sul sito internet del GAL SGT e l attività prevista in occasione del Meeting delle Reti (Attività n. 5 della Fase 1 dell Azione di Sistema) consentirà agli operatori economici e agli altri soggetti interessati di predisporre una manifestazione di interesse a partecipare alle attività dell incubatore di Rete. Modalità di attuazione I partecipanti saranno individuati a partire da una serie di requisiti che saranno definiti nel dettagli al momento di predisposizione dell avviso. Tra i requisiti si terrà conto di età, genere, partecipazione ai bandi del GAL, aver beneficiato di finanziamenti del GAL, aver partecipato alle attività informative e seminariali nell ambito della Fase 1 dell Azione di Sistema, aver preso parte ai lavori del Meeting delle Reti. Si prevede di individuare massimo n. 10 operatori/soggetti territoriali per ciascuna delle quattro reti potenziali (agroalimentare, agricoltura sociale, ospitale, culturale museale e ambientale), per un totale di 40 soggetti. Le azioni previste per la realizzazione dell attività sono: A. Avviso pubblico per la selezione degli interessati: l avviso sarà pubblicato sul sito internet del GAL SGT e divulgato in occasione dei principali eventi che si terranno nel periodo utile di pubblicazione. In particolare, in occasione del Meeting delle Reti, è previsto un momento in cui i diversi partecipanti ai lavori della giornata possano esprimere una manifestazione di interesse all adesione al percorso dell Incubatore di Rete. L avviso pubblico conterrà le principali informazioni sul progetto dell azione di sistema e in particolare del percorso di incubazione di rete (obiettivi, azioni e beneficiari), oltre che le modalità di partecipazione e di selezione dei soggetti. B. Selezione dei soggetti interessati: saranno ammessi a partecipare alle attività dell Incubatore di Rete n. 10 operatori/soggetti territoriali per ogni Rete individuata, per un massimo di 40 soggetti. La priorità verrà data ai giovani e alle donne. La selezione dei soggetti interessati alla partecipazione alle attività dell incubatore verrà formalizzata con atto del Direttore del GAL. L individuazione dei partecipanti alle attività dell incubatore verrà realizzata dalla struttura tecnica del GAL, che provvederà alla predisposizione dell avviso pubblico e della relativa modulistica e all individuazione dei partecipanti. L attività prevede il supporto di n. 1 consulente senior e dei tecnici dell Agenzia 3

4 Laore. Output Durata Voci di spesa previste N. 1 consulente Senior: fornisce supporto alla predisposizione dell avviso pubblico e della relativa modulistica. Supporta l istruttoria delle domande pervenute e cura le comunicazioni con gli operatori selezionati. Gruppo Laore GAL SGT: supportano la struttura tecnica del GAL nella predisposizione dell avviso pubblico e della relativa modulistica. Supportano l istruttoria delle domande pervenute e le comunicazioni con gli operatori selezionati. 1. Avviso pubblico di selezione alle attività dell incubatore 2. Individuazione partecipanti 3 mesi Compenso consulente senior Denominazione Attività 2 Descrizione attività Definizione dei progetti di Rete Una volta individuati i partecipanti alle attività dell incubatore, la prima attività consiste nell elaborazione dei progetti delle quattro Reti territoriali o di impresa (Agroalimentare, Agricoltura sociale, Ospitalità, Culturale Museale Ambientale). Per ciascuna delle reti l attività si articola su tre livelli. A-OFFICINA CHANGE MANAGEMENT L Officina di Change management (traducibile approssimativamente in governo della transizione) consente di poter attuare, attraverso un approccio strutturato, un processo di cambiamento negli individui e nei gruppi, che favorisce la transizione da un assetto corrente ad un futuro assetto desiderato. In questo caso il cambiamento consiste nel passaggio da reti di relazione (individuate nella Fase 1 dell azione) a reti di cooperazione (da supportare in questa Fase 2), che comporta una transizione consapevole da una situazione esistente a una nuova condizione. Per fare questo è importante, a monte dell attività dell incubatore di rete, definire lo stato della situazione corrente dei partecipanti alle attività delle quattro reti [dove siamo?], quello della situazione desiderata [dove vogliamo arrivare?] e il percorso più conveniente [come ci arriviamo?]. L Officina di Change Management fornisce ai partecipanti gli strumenti per riconoscere, comprendere il cambiamento e gestire l'impatto della transizione. Questo tipo di transizione richiede, per poter essere attuata, una forte motivazione delle persone coinvolte. 4

5 Tra i modelli di Change Management, quello che si intende utilizzare nell ambito dell Officina è quello sviluppato da Kurt Lewinl, che descrive la transizione come un processo a tre stadi. Il primo stadio, lo scongelamento (unfreezing), comporta il superamento dell'inerzia e lo smantellamento della mentalità e delle abitudini esistenti. In questo stadio si lavora per superare la naturale resistenza innescata dai meccanismi di difesa ai processi di cambiamento. Il secondo stadio, quello in cui si attua/manifesta il cambiamento (change), è contraddistinto da uno stato di confusione e di provvisorietà legata alla transizione. Si è consapevoli che il quadro precedente è stato messo in discussione ma non si ha ancora una chiara percezione di come sostituirlo. Il terzo stadio, il ricongelamento (refreezing), comporta il consolidamento del nuovo quadro e delle nuove abitudini e la loro cristallizzazione, riportando gli individui ad un livello di confidenza con i processi analogo a quello prima del cambiamento. Nell ambito di questa attività di definizione dei progetti di rete si prevede la realizzazione, per ciascuna rete, di due Officine di Change Management, per un totale di n. 8 Officine. Nell ambito dei due incontri si intende perseguire come finalità quella di facilitare la riflessione sulla transizione da un assetto corrente (i progetti individuali dei singoli partecipanti alle attività dell incubatore) ad un futuro assetto desiderato (il progetto di rete). B - LABORATORIO TECNICO DI INCUBAZIONE Il Laboratorio tecnico di incubazione consente ai partecipanti di analizzare, sotto un profilo tecnico specialistico, la cornice all interno della quale possono essere ideati i progetti di rete. In altri termini, in occasione dei Laboratori tecnici di incubazione: - si procede all analisi dei componenti della Rete; - si valuta in via preliminare l idea di collaborazione che viene ricercata, analizzandone le caratteristiche e la fattibilità; - si riflette con i soggetti aderenti sul percorso di assistenza tecnica che viene ritenuto più adeguato in relazione all idea di Rete da sviluppare e alle connesse potenzialità; - si informano le aziende circa le opportunità e i benefici derivanti dal fare rete nonché sulle eventuali agevolazioni di natura fiscale e finanziaria; - si procede all analisi di ciascun soggetto aderente al percorso di incubazione sotto il profilo della competitività e dei fattori che la possono migliorare; - si forniscono elementi utili per l individuazione delle voci di costo che si possono ridurre e le voci di ricavo che è possibile incrementare; - si procede con l individuazione dei fattori specifici di debolezza della singola attività imprenditoriale. In occasione dei Laboratori tecnici di incubazione i partecipanti mettono a punto il progetto di Rete e i relativi obiettivi comuni. L attività si articola in 4 incontri per ciascuna rete che si prevede di accompagnare nel percorso, per un totale di n. 16 Laboratori tecnici di incubazione. 5

6 C -PERCORSO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA Il terzo livello è un Percorso individuale di assistenza e si svolge in parallelo alle attività svolte nelle Officine e nei Laboratori. Si tratta di un percorso di accompagnamento con un assistente di rete, affiancati dai tecnici dell Agenzia Laore. Il percorso individuale di assistenza consente di: - approfondire le esigenze tecniche specialistiche per affrontare il percorso di incubazione di rete; - approfondire i temi legati alla relazione e alla spinta che porta i soggetti a voler aderire alla Rete; - maturare una riflessione attenta sull adesione ad una Rete, che oltre a potenziali benefici, implica costi e obblighi per ciascun aderente e dunque una decisione ben meditata; - confrontarsi su incomprensioni o superficialità incontrati nella definizione di obiettivi comuni, che potrebbero aprire la strada successivamente a uscite dalla Rete, e più in generale ad un fallimento dell iniziativa; - procedere a una continua manutenzione delle relazioni. L attività si sviluppa attraverso incontri individuali, da svolgersi nell azienda o anche nella sede di vita o lavoro del partecipante alle attività dell incubatore. Considerato che per ciascuna rete che si prevede di accompagnare nel percorso vi saranno al massimo 10 partecipanti per ciascuna, si prevedono almeno n. 40 percorsi individuali di assistenza per la definizione dei progetti di rete. Al di fuori degli incontri organizzati nell ambito delle officine di change management, dei laboratori tecnici di incubazione e del percorso individuale di assistenza, i partecipanti alle attività dell incubatore possono usufruire degli spazi in cui si svolgono le attività per organizzare ulteriori momenti di confronto e progettazione. L attività complessiva per la definizione dei progetti di rete sarà documentata attraverso alcune riprese video, realizzate da un regista, individuato nella short list del GAL SGT a testimonianza di quanto svolto durante le attività di incubazione. Obiettivo finale è realizzare un video partecipativo che possa raccontare il percorso di incubazione e la transizione dall idea di rete al progetto di rete. Il video partecipativo, in continuità con quanto realizzato anche nella Fase 1 della stessa Azione di sistema, ha molteplici finalità: racconta un percorso e i suoi protagonisti, rende possibile una presa di coscienza ed un passaggio all azione collettiva, dà voce a creatività e narrazioni anonime, elabora e diffonde visioni impreviste ed inedite, genera un processo collettivo di autocomprensione e racconto. Modalità di attuazione L attività 2 Definizione dei progetti di Rete verrà realizzata da n. 1 consulente senior esperto in change management, un numero (massimo) di 16 esperti per le attività dei laboratori tecnici e n. 4 assistenti di reteper il percorso individuale di assistenza. N. 1 consulente senior: esperto in Change management, organizza, gestisce e 6

7 coordina le due Officine di change management per ciascuna rete (per un totale di 8 Officine). Per l organizzazione di ciascuna Officina si stima un impegno di due giornate, necessarie per la preparazione, la gestione e la valutazione dei risultati ottenuti, per un totale di n. 16 giornate. Si avvale della collaborazione degli assistenti di rete e dell assistenza tecnica fornita dal gruppo Laore GAL SGT. L individuazione del consulente avverrà tramite short list. N. 16 consulenti esperti: forniscono assistenza tecnica specialistica per la realizzazione dei 4 Laboratori tecnici di incubazione per ciascuna delle 4 reti, per contribuire alla definizione, sotto un profilo tecnico specialistico, della cornice all interno della quale i partecipanti alle attività dell incubatore intendono ideare i progetti di rete. Gli esperti, provenienti dall isola o anche dal restante territorio nazionale, provvedono a preparare le tematiche, confrontandosi con il consulente senior esperto in change management e, soprattutto, con gli assistenti di rete e i tecnici dell Agenzia Laore gruppo GAL SGT. Gli esperti si occupano di facilitare i Laboratori e di presentare i temi su cui sono stati selezionati, in particolare individuando buone prassi, analizzando punti di forza e di debolezza, raccogliendo elementi utili alla definizione quanto più puntuale possibile dei progetti di Rete. Si prevede un impegno di una giornata per ciascun Laboratorio tecnico di incubazione (per un totale complessivo di 16 giornate). L individuazione ricade su consulenti esperti dei singoli ambiti tematici riconosciuti in ambito regionale e/o nazionale, individuati sulla base della valutazione dei curriculum. N. 4 consulenti senior assistenti di rete: si occupano di tutti gli aspetti organizzativi e logistici dell incubatore di Rete, ciascuno per una delle quattro reti: la definizione dei calendari delle diverse attività (Officine di change management, Laboratori tecnici di incubazione, Percorsi individuali di assistenza), il supporto alla struttura del GAL nell individuazione degli esperti dei laboratori, il supporto alle attività dell esperto di change management, l elaborazione dei Report. Mantengono le relazioni con i partecipanti alle attività dell incubatore attraverso un percorso individuale di assistenza e supportano i gruppi nella predisposizione dei progetti di Rete. I 4 assistenti di rete sono individuati attraverso short list. Per ciascun assistente di rete si prevede un impegno di n. 15 giornate (n. 2 giornate per Officine di change management; n. 4 giornate per Laboratori tecnici di incubazione; n. 5 giornate per percorsi individuali di assistenza; n. 4 giornate per organizzazione e gestione attività dell incubatore). N. 1 regista per video partecipativo: si occupa di realizzare le riprese video in occasione di alcune interviste in profondità. Spese di viaggio: alcuni esperti dei laboratori tecnici di incubazione potrebbero essere individuati al di fuori del territorio regionale. Si prevede pertanto di poter rimborsare le spese di viaggio (volo) e permanenza (pernottamento e vitto) per un numero massimo di n. 8 esperti. Materiale divulgativo: i contenuti, le analisi, le informazioni tecniche emerse in occasione dell attività, in particolare le informazioni sui quattro progetti di rete, saranno diffusi, oltre che sul sito internet del GAL SGT e la pagina facebook, anche attraverso la pubblicazione di materiale divulgativo (n. 4 copie del bollettino rurale, 100 copie ciascun numero). 7

8 Output Durata Voci di spesa previste N. 4 progetti di rete N. 4 edizioni del bollettino rurale 3 mesi N. 1 consulente senior esperto in Change management N. 16 consulenti esperti per Laboratori tecnici di incubazione N. 4 consulenti senior assistenti di rete N. 1 regista per video partecipativo Spese di viaggio e pernottamento consulenti esperti per Laboratori tecnici di incubazione Stampa materiale divulgativo Denominazione Attività 3 Descrizione attività I contenuti delle Reti: servizi in comune e attività Per definire i contenuti delle quattro reti proposte nell incubatore, e individuare servizi in comune e attività da svolgere insieme,l attività si articola sugli stessi tre livelli di azione della precedente attività. A-OFFICINE CHANGE MANAGEMENT Anche in questo caso per avviare una riflessione all interno dei quattro gruppi che seguono le attività dell incubatore, si utilizza il modello di Change Management elaborato da Kurt Lewin [scongelamento-cambiamentoricongelamento] per definire in maniera consapevole e condivisa servizi in comune e attività da svolgere insieme. L obiettivo, a partire da una valutazione della situazione esistente, è quello di arrivare a una nuova situazione di cooperazione consapevole e condivisa. Per individuare attività da svolgere insieme e servizi da organizzare in maniera coordinata all interno delle Reti occorre definire in primo luogo lo stato della situazione corrente dei partecipanti alle attività [cosa svolgiamo oggi da soli e cosa svolgiamo oggi già in maniera coordinata?], quello della situazione desiderata [cosa vogliamo e possiamo fare insieme?] e il percorso più conveniente [cosa dobbiamo fare per svolgere attività insieme e organizzare servizi in comune?]. Se apparentemente la definizione di servizi e attività comuni appare rilegata in maniera esclusiva a un ambito di tipo oggettivo e tecnico specialistico, in realtà una importanza fondamentale la riveste il tipo di relazione che si instaura nel procedere del percorso. Non si tratta infatti solo di aspetti connessi, per esempio, alla gestione comune di un bene materiale, quanto a quegli elementi di tipo immateriale che sono alla base della gestione comune di un bene/servizio: la fiducia reciproca, la trasparenza, la responsabilità, la sostenibilità, la proporzionalità, l adeguatezza e la differenziazione, l informalità e l autonomia. La definizione dei contenuti delle Reti in termini di servizi in comune e attività da svolgere insieme prevede pertanto la realizzazione di due Officine di Change Management per ciascuna delle quattro reti, per un totale di n. 8 Officine, con il fine di facilitare la transizione da un assetto corrente (servizi e attività svolti dai singoli operatori) ad un futuro assetto desiderato (servizi comuni e attività da svolgere insieme). 8

9 B - LABORATORIO TECNICO DI INCUBAZIONE Il secondo livello, anche in questo caso, è il Laboratorio tecnico di incubazione, attraverso il quale si intende affrontare, da un punto di vista strettamente tecnico e specialistico, quali possono essere i contenuti dell azione in ciascuna delle quattro potenziali reti che seguono le attività dell incubatore. Si tratta di avviare, all interno dei laboratori, un confronto tra i partecipanti guidato dagli esperti che forniscono consulenze specialistiche e supporto tecnico operativo sulla fattibilità e sulla sostenibilità di attività e servizi comuni proposti e condivisi dai partecipanti. Per ciascuna Rete e su ciascun ambito individuato le attività svolte all interno dei Laboratori tecnici di incubazione consentono di fornire strumenti e assistenza tecnica per ragionare e confrontarsi su: - l analisi del contesto generale in cui si inseriscono servizi e attività che implementano ciascun progetto di Rete; - l analisi della concorrenza; - l analisi del mercato; - la definizione della filiera e l individuazione dei soggetti di interesse per ognuna delle attività e dei servizi individuati; - i costi dei servizi e delle attività individuate e la relativa sostenibilità per i soggetti aderenti; - le risorse umane e le competenze necessarie per svolgere servizi e attività individuate; - le strutture tramite le quali svolgere le attività di rete (es. uffici, laboratori, magazzini, impianti); - le modalità per implementare la qualità, l efficacia e la velocità di comunicazione e interazione con le istituzioni pubbliche di riferimento (sulla base delle attività specifiche di ciascuna rete). La tipologia di consulenza specialistica non può essere prefissata in questa sede, anche perché potrà essere attivata su richiesta e indicazione degli stessi partecipanti, soprattutto in relazione ad alcune specificità del progetto di rete elaborato nell attività 2 di questa fase. In ogni caso, per ciascuna rete, si possono in questa sede valutare quelle che sono state alcune delle proposte già oggetto di discussione all interno del territorio del GAL SGT, a supporto delle quali occorre avviare un confronto tecnico specialistico all interno dei Laboratori tecnici di incubazione. Rete Agroalimentare - Creazione di centri di distribuzione zonale per la vendita dei prodotti locali: carni, arance, apicoltura, olio di oliva e di lentischio, formaggi (pecorino e caprino), cereali, leguminose, grano, orzo, ortofrutticolo, allevamento di lumache, frutta secca (mandorle). - Vendita dei prodotti locali: vetrina dei prodotti locali, fornitura delle mense scolastiche, market farmers; il Laboratorio promuoverà un confronto dei partecipanti con le amministrazioni comunali per la regolamentazione della vendita dei prodotti locali. - Promozione del consumo dei prodotti a livello locale negli alberghi, nei bar, nei ristoranti, nelle botteghe. - Informazione, educazione alimentare, laboratori del gusto,rieducazione 9

10 alimentare del consumatore verso i prodotti agroalimentari del territorio e la promozione di un programma di educazione alimentare in collaborazione con le fattorie didattiche del territorio. - Creazione di circuiti di scambio intra-territoriali fra produttori di alimenti zootecnici (Trexenta) e consumatori (aziende zootecniche Sarrabus- Gerrei) tramite la costituzione di accordi-protocolli tra soggetti e contratti di coltivazione. - Creazione di un marchio di qualità e riconoscibilità, con regole condivise in merito alla qualità delle materie prime e dei processi produttivi. - Creazione di un circuito di vendita tramite i Gruppi di Acquisto Solidali. Rete dell Agricoltura Sociale - Risposta innovativa alla domanda di interventi in campo socialee avviamento di servizi innovativi alla persona nei settori socio-assistenziale e lavorativo. - Rafforzamentodella capacità dell impresa agricola di operare in campo sociale. - Integrazione e inclusione sociale attraverso l erogazione di prestazioni di terapia assistita (pet-therapy, horticultural therapy, agro-terapia, arteterapia, ippoterapia, etc.). - Reinserimento sociale e lavorativo da realizzarsi presso le fattorie sociali che affrontino, in modo peculiare, il tema dell inclusione e della formazione mediante pratiche di agricoltura, di manutenzione del paesaggio, nonché attività produttive culturali ed artistiche legate all ambiente rurale. - Coordinamento tra aziende agricole, soggetti del terzo settore e istituzioni pubbliche per la condivisione e lo scambio di informazioni, l elaborazione di obiettivi e strategie comuni, pianificazione del percorso di avviamento di servizi innovativi alla persona nei settori socio-assistenziale e lavorativo. - Definizione del percorso per raggiungere l integrazione dell attività produttiva agricola e l offerta di servizi culturali, sociali, educativi, assistenziali, sanitari, formativi e occupazionali, a vantaggio di residenti, soggetti deboli (portatori di handicap, tossicodipendenti, detenuti, anziani, bambini e adolescenti) e soggetti delle aree fragili (aree rurali del territorio, aree agricole urbane e periurbane dell hinterland di Cagliari, centri isolati). Rete ospitale - Caratterizzazione dell'offerta del turismo rurale nel territorio del GAL SGT come già avviene in diverse aree della penisola con il consumo e la commercializzazione dei prodotti locali connesso con il sistema di agricoltura polifunzionale e la rete dell Agroalimentare. - Integrazionedella classica offerta alberghiera con la scoperta del territorio: attività di escursionismo a piedi o a cavallo, organizzazione di una rete di manifestazioni culturali, conoscenza dell'ambiente naturale, coinvolgimento dei turisti nelle attività agricole, organizzazione di seminari o corsi tematici). - Definizione di quale ruolo svolgere in rete in relazione a: la difficile accessibilità del territorio, la non agibilità di molti siti archeologici, storici e naturalistici, la mancanza di percorsi segnalati e di punti informativi per i turisti. 10

11 - Maggiore articolazione in rete dell'attività agrituristica delle aziende agricole, che si limita oggi esclusivamente a soddisfare le più elementari esigenze del visitatore (vitto e alloggio). - Definire degli standard di qualità delle strutture ricettive presenti sul territorio del GAL. - Modalità e strumenti per intercettare i flussi turistici che interessano l area del Sarrabus nel periodo estivo. - Realizzazione diun centro unico di prenotazione. - Adesione a circuiti di promozione (CHEQUE). - Visibilità del territorio all esterno. - Definizione in rete di itinerari naturalistici, enogastronomici, equestri. - Promozione dei territori interessati dagli itinerari e creazione di una rete di servizi turistici pubblici e/o privati. - Promozione del miglioramento dell'arredo turistico del territorio in vista di una migliore fruibilità (centri informazione, cartellonistica, etc.). Rete Culturale, Museale, Ambientale - Costruzione della Mappa di Comunità : risorse ambientali, paesaggistiche, etno-antropologiche riconosciute dalla comunità locale e dagli attori che sono in grado di influire sul governo del territorio. Modalità per l'individuazione e la valutazione da parte degli stakeholder di tali risorse e inclusione delle comunità locali nel percorso decisionale, attraverso processi di sensibilizzazione, informazione e comunicazione. - Coinvolgimento delle scuole e attivazione di contatti con tutti gli istituti scolastici presenti nel territorio e realizzazione della Mappa dei piccoli frutto dell analisi realizzata dai ragazzi delle scuole. - Modalità per la ricostruzione dell evoluzione fisica e dell identità storicoantropologica dell area GAL. - Definizione dei percorsi di interpretazione della memoria (itinerari tematici): analisi della viabilità del territorio coinvolto ed individuazione, su base cartografica, di percorsi ed itinerari tematici. - L individuazione partecipata dei beni identitari del territorio e la valorizzazione di 5/6 elementi chiave (ambiente, tradizioni, produzioni, storia etc.). - I linguaggi dell arte per lo sviluppo della sensibilità verso il patrimonio identitario del territorio. - M odalità di realizzazione di una piattaforma web updatingin cuiospitare l archivio digitale dei materiali. La piattaforma web dovrà prevedere il coinvolgimento attivo del territorio attraverso concorsi e spazi per chi vuole contribuire sui temi trattati. - M odalità di creazione di un archivio digitale della memoria : materiale filmato, fotografico e documentale di proprietà pubblica e privata. La documentazione fruibile attraverso la piattaforma web, i punti informativi (anche realizzati con la misura azione 2) e le biblioteche del territorio. L attività si articola in 4 incontri per ciascuna rete che si prevede di accompagnare nel percorso, per un totale di n. 16 Laboratori tecnici di incubazione. C -PERCORSO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA 11

12 Anche nella definizione dei contenuti di cooperazione delle reti è previsto un terzo livello di percorso, che è quello individuale di assistenza che si svolge in parallelo alle Officine di change management e ai Laboratori tecnici di incubazione. Il percorso è organizzato e implementato da un assistente di rete in affiancamento ai tecnici dell Agenzia Laore del gruppo GAL SGT. Il percorso individuale di assistenza consente di: - approfondire le esigenze tecniche specialistiche per affrontare il percorso di incubazione di rete, che consente anche di individuare le competenze specialistiche a supporto del gruppo; - valutare, man mano che si individuano i contenuti della relazione, la spinta che sostiene i soggetti ad aderire alla Rete e maturare una riflessione attenta sull adesione; - confrontarsi su incomprensioni o superficialità incontrati nella definizione dei contenuti di cooperazione, che potrebbero sfociare in conflitti sulla relazione; - procedere a una continua manutenzione delle relazioni. L attività si sviluppa attraverso incontri individuali, da svolgersi nell azienda o anche nella sede di vita o lavoro del partecipante alle attività dell incubatore. Considerato che per ciascuna rete che si prevede di accompagnare nel percorso vi saranno al massimo 10 partecipanti per ciascuna, si ipotizzano n. 40 percorsi individuali di assistenza. Al di fuori degli incontri organizzati nell ambito delle officine di change management, dei laboratori tecnici di incubazione e del percorso individuale di assistenza, i partecipanti possono usufruire degli spazi in cui si svolgono le attività dell incubatore per organizzare ulteriori momenti di confronto e progettazione. Modalità di attuazione L attività complessiva per la definizione dei contenuti delle Reti, dei servizi in comune e delle attività da svolgere insieme sarà documentata attraverso riprese video, realizzate da un regista, individuato nella short list del GAL SGT a testimonianza di quanto svolto durante le attività di incubazione. L attività I contenuti delle Reti: servizi in comune e attività verrà realizzata da n. 1 consulente senior esperto in change management, un numero (massimo) di 16 esperti per le attività dei laboratori tecnici e n. 4 assistenti di rete per il percorso individuale di assistenza. N. 1 consulente senior: esperto in Change management, organizza, gestisce e coordina le due Officine di change management per ciascuna rete (per un totale di 8 Officine). Per l organizzazione di ciascuna Officina si stima un impegno di due giornate, necessarie per la preparazione, la gestione e la valutazione dei risultati ottenuti (per un totale di 16 giornate). Si avvale della collaborazione degli assistenti di rete e dell assistenza tecnica fornita dal gruppo GAL SGT dell Agenzia Laore. L individuazione del consulente avverrà tramite short list. N. 16 consulenti esperti: forniscono assistenza tecnica specialistica per la realizzazione dei 4 Laboratori tecnici di incubazione per ciascuna delle 4 reti, per contribuire alla esplicitazione, sotto un profilo tecnico specialistico, delle potenziali attività comuni e servizi di rete che i partecipanti alle attività dell incubatore intendono avviare per realizzare i progetti di rete. Gli esperti, 12

13 Output Durata Voci di spesa previste provenienti dall isola o anche dal restante territorio nazionale, provvedono a preparare le tematiche, confrontandosi con il consulente senior esperto in change management e, soprattutto, con gli assistenti di rete e i tecnici dell Agenzia Laore gruppo GAL SGT. Gli esperti si occupano di facilitare i Laboratori e di confrontarsi con i partecipanti sulle attività comuni e i servizi in rete che sono stati individuati, in particolare tramite la qualificazione di buone prassi, l analisi di punti di forza e di debolezza connessi a servizi e attività individuate, la raccolta di elementi utili alla definizione quanto più puntuale possibile dei servizi di rete e delle attività comuni. Si prevede un impegno di una giornata per ciascun Laboratorio tecnico di incubazione (per un totale complessivo di 16 giornate). L individuazione ricade su consulenti esperti dei singoli ambiti tematici riconosciuti in ambito regionale e/o nazionale, individuati sulla base della valutazione dei curriculum. N. 4 consulenti senior assistenti di rete: si occupano di tutti gli aspetti organizzativi e logistici dell incubatore di Rete, ciascuno per una delle quattro reti: la definizione dei calendari delle diverse attività (Officine di change management, Laboratori tecnici di incubazione, Percorsi individuali di assistenza), il supporto alla struttura del GAL nell individuazione degli esperti dei laboratori, il supporto alle attività dell esperto di change management, l elaborazione dei Report. Mantengono le relazioni con i partecipanti alle attività dell incubatore attraverso un percorso individuale di assistenza. Supportano i partecipanti nell elaborazione di eventuali documenti. I 4 assistenti di rete sono individuati attraverso short list. Per ciascun assistente di rete si prevede un impegno di n. 14 giornate (n. 2 giornate per Officine di change management; n. 4 giornate per Laboratori tecnici di incubazione; n. 5 giornate per percorsi individuali di assistenza; n. 3 giornate per organizzazione e gestione attività dell incubatore). N. 1 regista per video partecipativo: si occupa di realizzare le riprese video in occasione di alcune interviste in profondità. Spese di viaggio: alcuni esperti dei laboratori tecnici di incubazione potrebbero essere individuati al di fuori del territorio regionale. Si prevede pertanto di poter rimborsare le spese di viaggio (volo) e permanenza (pernottamento e vitto) per un numero massimo di n. 8 esperti. Materiale divulgativo: i contenuti, le analisi, gli esiti del processo di individuazione di attività e servizi comuni emersi in occasione delle Officine e dei Laboratori, saranno diffusi, oltre che sul sito internet del GAL SGT e la pagina facebook, anche attraverso la pubblicazione di materiale divulgativo (n. 4 copie del bollettino rurale, 100 copie ciascun numero). N. 4 report di rete su attività comuni e servizi di rete N. 4 edizioni del bollettino rurale 3 mesi N. 1 consulente senior esperto in Change management N. 16 consulenti esperti per Laboratori tecnici di incubazione N. 4 consulenti senior assistenti di rete N. 1 regista per video partecipativo Spese di viaggio e pernottamento consulenti esperti per Laboratori tecnici di incubazione Stampa materiale divulgativo 13

14 Denominazione Attività 4 Descrizione attività La forma delle Reti: organizzazione e regole Per consentire ai partecipanti alle attività dell incubatore di poter individuare lo strumento di aggregazione ideale (Cooperativa di comunità, GODO, Club di prodotto, Contratto di rete ecc.) e la forma giuridica associabile (Consorzio, Società cooperativa, Associazione ecc.), l attività La forma delle Reti: organizzazione e regole si articola su tre livelli. A-OFFICINA CHANGE MANAGEMENT Definire la forma che possono assumere le potenziali reti che seguono le attività dell incubatore rappresenta un elemento su cui porre una certa attenzione, in particolare affinché maturi all interno dei gruppi la consapevolezza della necessità di regole certe e la condivisione dei principi di governance dell aggregazione. Anche in questo caso, pertanto, per individuare la forma organizzativa e le regole ad essa associate occorre definire in primo luogo un punto di partenza [quali regole formali e informali caratterizzano gli scambi economici e sociali all interno del gruppo di partecipanti?], quello della situazione desiderata [quale organizzazione e quali regole di governance sarebbero auspicabili nell aggregazione in rete?] e il percorso per implementarle [cosa deve fare ciascuno dei partecipanti e i partecipanti insieme per attivare la forma organizzativa desiderata?]. Sotto il profilo metodologico è sempre il modello di Change Management di Kurt Lewin che può consentire ai partecipanti di definire in maniera consapevole e realistica la forma organizzativa e le relative regole. Per contribuire alla definizione della forma delle Reti si prevede la realizzazione di due Officine di Change Management per ciascuna delle quattro reti, per un totale di n. 8 Officine, con il fine di facilitare la transizione da un assetto corrente ad un futuro assetto desiderato. B - LABORATORIO TECNICO DI INCUBAZIONE Il secondo livello, anche in questo caso, è il Laboratorio tecnico di incubazione, attraverso il quale si intende affrontare, da un punto di vista strettamente tecnico e specialistico, quali possono essere gli strumenti di aggregazione e le forme giuridiche associabili per ciascuna della quattro potenziali reti che seguono le attività dell incubatore. Si tratta di avviare, all interno dei laboratori, un confronto tra i partecipanti guidato dagli esperti che forniscono consulenze specialistiche e supporto tecnico operativo sulla fattibilità, la sostenibilità, i costi e in generale i punti di forza e i punti di debolezza degli strumenti individuati, in coerenza soprattutto con il progetto di rete elaborato nell attività 2 e le attività comuni e i servizi in rete formulati nell attività 3. 14

15 I Laboratori tecnici di incubazione, oltre che il percorso svolto nell Officina di change management, consente ai partecipanti di individuare gli elementi che possono portare alla definizione dei disciplinari delle Reti e pertanto delle regole che sottendono il funzionamento e la governance delle Reti. I Laboratori forniscono poi supporto tecnico e operativo alla definizione di quale forma giuridica aggregata può regolare la collaborazione tra i soggetti aderenti alle Reti. In occasione dei Laboratori pertanto: - si accompagnano i partecipanti a individuare gli strumenti in grado di agevolare e regolare il funzionamento della rete; - si analizzano e si comparano i diversi strumenti giuridici disponibili nel nostro ordinamento; - si condivide quello più adatto alle specifiche esigenze. L attività si articola in 4 incontriper ciascuna rete che si prevede di accompagnare nel percorso, per un totale di n. 16 Laboratori tecnici di incubazione. C -PERCORSO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA Anche per la definizione della forma delle reti si prevede di realizzare un terzo livello di incubazione, che è quello rappresentato dal Percorso individuale di assistenza che si svolge in parallelo alle Officine di change management e ai Laboratori tecnici di incubazione. Il percorso è organizzato e implementato da un assistente di rete in affiancamento ai tecnici dell Agenzia Laore del gruppo GAL SGT. Il percorso individuale di assistenza consente di: - approfondire i temi legati al governo delle relazioni all interno di una rete strutturata; - valutare il quadro motivazionale che porta i soggetti a voler aderire alla Rete; - maturare una riflessione attenta sull adesione ad una Rete, che oltre a potenziali benefici, implica costi e obblighi specifici per ciascun aderente, anche sulla base della forma prescelta; - confrontarsi su incomprensioni o superficialità incontrati nella definizione della forma delle reti, che potrebbero aprire la strada successivamente a uscite dalla Rete, e più in generale ad un fallimento dell iniziativa; - procedere a una continua manutenzione delle relazioni. L attività si sviluppa attraverso incontri individuali, da svolgersi nell azienda o anche nella sede di vita o lavoro del partecipante alle attività dell incubatore. Considerato che per ciascuna rete che si prevede di accompagnare nel percorso vi saranno al massimo 10 partecipanti per ciascuna, si prevedono n. 40 percorsi individuali di assistenza. Al di fuori degli incontri organizzati nell ambito delle officine di change management, dei laboratori tecnici di incubazione e del percorso individuale di assistenza, i partecipanti alle attività dell incubatore possono usufruire degli spazi in cui si svolgono le attività per organizzare ulteriori momenti di confronto e 15

16 progettazione. Modalità di attuazione Anche l attività per la definizione della forma delle Reti sarà documentata attraverso riprese video, realizzate da un regista, individuato nella short list del GAL SGT a testimonianza di quanto svolto durante le attività di incubazione. L attività 4 La forma delle Reti: organizzazione e regole verrà realizzata da n. 1 consulente senior esperto in change management, un numero (massimo) di 16 esperti per le attività dei laboratori tecnici e n. 4 assistenti di rete per il percorso individuale di assistenza. N. 1 consulente senior: esperto in Change management, organizza, gestisce e coordina le due Officine di change management per ciascuna rete (per un totale di 8 Officine). Per l organizzazione di ciascuna Officina si stima un impegno di due giornate, necessarie per la preparazione, la gestione e la valutazione dei risultati ottenuti, per un totale di 16 giornate. Si avvale della collaborazione degli assistenti di rete e dell assistenza tecnica fornita dal gruppo GAL SGT dell Agenzia Laore. L individuazione del consulente avverrà tramite short list. N. 16 consulenti esperti: forniscono assistenza tecnica specialistica per la realizzazione dei 4 Laboratori tecnici di incubazione per ciascuna delle 4 reti, per contribuire alla esplicitazione, sotto un profilo tecnico specialistico, degli strumenti di aggregazione e delle relative forme giuridiche associabili che i partecipanti alle attività dell incubatore intendono individuare per implementare i progetti di rete. Gli esperti, provenienti dall isola o anche dal restante territorio nazionale, provvedono a preparare le tematiche, confrontandosi con il consulente senior esperto in change management e, soprattutto, con gli assistenti di rete e i tecnici dell Agenzia Laore gruppo GAL SGT. Gli esperti facilitano i Laboratori e si confrontano con i partecipanti tramite la presentazione di buone prassi, l analisi di punti di forza e di debolezza connessi a ciascuna forma aggregativa individuata, la raccolta di elementi utili alla definizione quanto più puntuale possibile delle regole e della forma organizzativa. Si prevede un impegno di una giornata per ciascun Laboratorio tecnico di incubazione (per un totale complessivo di 16 giornate). L individuazione ricade su consulenti esperti dei singoli ambiti tematici riconosciuti in ambito regionale e/o nazionale, individuati sulla base della valutazione dei curriculum. N. 4 consulenti senior assistenti di rete: si occupano di tutti gli aspetti organizzativi e logistici dell incubatore di Rete, ciascuno per una delle quattro reti: la definizione dei calendari delle diverse attività (Officine di change management, Laboratori tecnici di incubazione, Percorsi individuali di assistenza), il supporto alla struttura del GAL nell individuazione degli esperti dei laboratori, il supporto alle attività dell esperto di change management, l elaborazione dei Report. Mantengono le relazioni con i partecipanti alle attività dell incubatore attraverso un percorso individuale di assistenza. I 4 assistenti di rete sono individuati attraverso short list. Per ciascun assistente di rete si prevede un impegno di n. 15 giornate (n. 2 giornate per Officine di change management; n. 4 giornate per Laboratori tecnici di incubazione; n. 5 giornate per percorsi individuali di assistenza; n. 4 giornate per organizzazione e gestione attività dell incubatore). N. 1 regista per video partecipativo: si occupa di realizzare le riprese video in occasione di alcune interviste in profondità. 16

17 Spese di viaggio: alcuni esperti dei laboratori tecnici di incubazione potrebbero essere individuati al di fuori del territorio regionale. Si prevede pertanto di poter rimborsare le spese di viaggio (volo) e permanenza (pernottamento e vitto) per un numero massimo di n. 8 esperti. Materiale divulgativo: i contenuti, le analisi, le informazioni tecniche emerse in occasione dei Laboratori tecnici di incubazione sulle forme di aggregazione, saranno diffusi, oltre che sul sito internet del GAL SGT e la pagina facebook, anche attraverso la pubblicazione di materiale divulgativo (n. 4 copie del bollettino rurale, 100 copie ciascun numero). Output Durata Voci di spesa previste N. 4 report di rete su la forma delle Reti, l organizzazione e le regole N. 4 edizioni del bollettino rurale 3 mesi N. 1 consulente senior esperto in Change management N. 16 consulenti esperti per Laboratori tecnici di incubazione N. 4 consulenti senior assistenti di rete N. 1 regista per video partecipativo Spese di viaggio e pernottamento consulenti esperti per Laboratori tecnici di incubazione Stampa materiale divulgativo Denominazione Attività 5 Descrizione attività Meeting delle reti: dall ideazione all azione La quinta attività della Fase 2 dell Azione di Sistema è un Meeting conclusivo per la presentazione ad altri operatori interessati, alle istituzioni e alle comunità locali dei risultati dell attività dell Incubatore di rete. Il Meeting, rivolto agli operatori economici,alle istituzioni, alle associazioni, alle scuole del territorio, non solo è aperto al contributodi tutti i soggetti interessati, ma deve rappresentare un momento di confronto tra le reti che hanno concluso il percorso di incubazione, il territorio del GAL SGT, il territorio regionale e quello nazionale. Il Meeting, che si terrà intorno alla metà di settembre 2015, rappresenta l occasione per: - presentare gli esiti dell attività dell incubatore di Rete; - consentire ai partecipanti alle attività dell incubatore di presentare i progetti di Rete e le attività future per la loro implementazione; - definire le azioni future da intraprendere per valutare le azioni da perseguire sul territorio. Durante il meeting si proietterà il video partecipativo che raccoglie le riprese realizzate durante le attività dell incubatore. I lavori del meeting verranno ugualmente ripresi e si monterà un ulteriore video a testimonianza delle attività realizzate nel Meeting. Entrambi i video saranno caricati sul sito internet del GAL SGT. Attività previste: 17

18 - organizzazione del Meeting e approfondimento dei contenuti che caratterizzeranno l evento; - distribuzione di materiale informativo presso tutti i soggetti coinvolti nell intera azione di sistema; - pubblicizzazione tramite articoli e comunicati su giornali locali e spot informativi su radio e tv locali; - individuazione e allestimento della sede; - elaborazione e stampa manifesti; - spedizione degli inviti; - elaborazione e stampa n. 12 poster (per ciascuna rete 1 poster sul progetto, 1 poster su attività e servizi in comune e 1 poster sulla forma e le regole); - realizzazione del catering in occasione della giornata; - elaborazione esiti del Meeting; - creazione e divulgazione di materiale informativo; - realizzazione e proiezione del video partecipativo; - realizzazione video meeting. Modalità di attuazione Il Meeting delle Reti dall ideazione all azione verrà realizzato da n. 1 consulente senior, n. 1 consulente junior, n. 1 grafico comunicazione evento, n. 1 consulente per l elaborazione grafica dei contenuti da presentare al meeting, n. 1 regista per video partecipativo e riprese meeting. L attività è svolta sempre in collaborazione con il GAL e con i tecnici del gruppo GAL SGT dell'agenzia Laore. Tutte le attività saranno pubblicizzate nel territorio attraverso l affissione di manifesti, messaggi pubblicitari diffusi attraverso la radio e i principali quotidiani regionali. In occasione del Meeting è previsto un servizio catering. A conclusione del Meeting si prevede di divulgare i contenuti emersi attraverso la pubblicazione di materiale informativo e video. N. 1 consulente senior: si occupa dell approfondimento dei contenuti che caratterizzeranno il Meeting, provvedendo alla rielaborazione ai fini dell evento dei materiali prodotti nell ambito di tutte le attività svolte: i progetti di rete, i contenuti della relazione e la forma delle relazioni. Si occupa degli aspetti organizzativi e delcoordinamento di tutte le fasi per la realizzazione del Meeting. Assicura ilcoordinamento della giornata di Meeting e provvede all elaborazione di unreport sugli esiti dello stesso. Si stima un impegno di 6 giornate. N. 1 consulente junior: supporta il consulente senior nell organizzazione delmeeting. Cura direttamente la compilazione della mailing list, gli inviti e gli inviipostali, la registrazione dei partecipanti al Meeting e in generale tutti gliadempimenti di segreteria necessari per il buon andamento dell evento. Si stima un impegno di 10 giornate. N. 1 consulente grafico per comunicazione evento: si selezionerà un graficopubblicitario che si occupa di elaborare in linea con la linea grafica del GAL lostudio grafico di comunicazione dell evento. Si stima un impegno di 3 giornate. N. 1 consulente tecnico per elaborazione grafica dei risultati: provvede allo studio grafico, all elaborazione e alla rappresentazione efficace dei risultati delle attività svolte nell ambito della Fase 2 dell azione di sistema. Provvede pertanto allarielaborazione in termini grafici e comunicativi dei documenti rielaborati dalconsulente senior, da utilizzare in occasione del Meeting per la 18

19 Output Durata Voci di spesa previste comunicazioneefficace degli esiti di tutte le attività poste in essere. Realizza a questo scopo n. 12 poster. Si stima un impegno di 6 giornate. N. 1 regista per video partecipativo e realizzazione video meeting: si occupa direalizzare eseguire il montaggio delle riprese effettuate nelle diverse attività erealizzare il video partecipativo che verrà proiettato in occasione del meeting, sioccupa inoltre di realizzare le riprese video in occasione del meeting e ilsuccessivo montaggio. Si stima un impegno di 8 giornate. Poster 100x140: stampa di n. 12 poster con la rappresentazione grafica deirisultati. Pubblicità Meeting (radio): per pubblicizzare il Meeting e consentire una partecipazione quanto più ampia possibile sia del territorio del GAL che di altri territori della regione. Manifesti 70x100: il Meeting sarà preceduto da una informazione capillare ai fini della partecipazione degli stakeholders dei territori interessati. La pubblicizzazione del Meeting avverrà tramite il sito internet del GAL e la pagina facebook e attraverso l affissione in spazi pubblici di manifesti 70x100. Allestimento sede Meeting: previsto per il mese di ottobre 2014, prevedel allestimento degli spazi necessari per i lavori. La sala dovrà essere organizzata con sedie, tavoli, computer, lavagne, connessioniinternet. Catering (caffè benvenuto, light lunch, caffè pomeriggio): in occasione delmeeting si prevede un servizio di catering per l intera giornata per 200 persone. Materiale divulgativo: i contenuti, le analisi e le informazioni emerse in occasione del Meeting delle Reti saranno diffusi attraverso la pubblicazione di materiale divulgativo (n. 1 numero del bollettino rurale, 800 copie). Gruppo Laore GAL SGT: partecipa alla rielaborazione dei materiali prodotti ai finidel Meeting. Provvede alle attività di comunicazione e divulgazione preparatorietramite la distribuzione di materiale informativo, in vista della realizzazione delmeeting, presso tutti i soggetti coinvolti, presso le case, le aziende, in situazioni di aggregazione (mercati,assemblee, piazze, ecc.). Forniscono tutto il supporto necessario perl organizzazione e il buon andamento dell evento. - N. 1 Rapporto sugli esiti del Meeting - N. 1 bollettino rurale - N. 2 video 2 mesi N. 1 consulente senior per coordinamento Meeting N. 1 consulente junior N. 1 consulente grafico per comunicazione evento N. 1 consulente tecnico per elaborazione grafica dei risultati N. 1 regista per video partecipativo e realizzazione video meeting Stampa poster 100x140 Pubblicità Meeting (radio, giornali) Stampa manifesti 70x100 19

20 Allestimento sede Meeting Servizio catering (caffè benvenuto, light lunch, caffè pomeriggio) Stampa materiale divulgativo 3. Relazione sulla congruità delle spese previsionali inserite nel budget In questo paragrafo si individuano in maniera analitica le spese previste ed inserite nel budget del progettodell Azione di sistema RETI del GAL SGT Sole Grano Terra. Nell elaborazione della Fase 2 del Progetto, in particolare nella redazione del piano finanziario, il GAL SGT ha procedutoa verificare in via propedeutica, come previsto dall Avviso, la congruità e la fattibilità delle spese previstedelle singole attività di progetto. Tale operazione è stata compiuta utilizzando le indagini di mercato già utilizzate per la Fase 1 del progetto già approvata. Occorre comunque precisare che gli importi di seguito riportati sono frutto di indagini di mercato effettuatedal GAL SGT per poter definire l importo congruo da porre a base d asta per le gare di forniture o di servizi. Per le collaborazioni esterne invece si fa riferimento a quanto previsto dalle Procedure Tecnicoamministrative- Attuazione dell'approccio Leader approvate con Determinazione del Direttore delservizio Sviluppo Locale n /669 dell'11 ottobre In fase attuativa il GAL SGT utilizzerà le procedure indicate nei seguenti sotto paragrafi Collaborazioni esterne I consulenti senior e junior verranno individuati dalla Lista ristretta consulenti del GAL SGT, soloqualora le professionalità ricercate non siano presenti nella Lista ristretta si procederà a selezioni dievidenza pubblica. Le procedure per l assegnazione di incarichi esterni sono disciplinate daapposito Regolamento (Regolamento recante la disciplina per il conferimento di incarichi dicollaborazione a esperti esterni con contratti di lavoro autonomo approvato dall Assemblea deisoci del GAL SGT il 21 settembre 2011 e modificato, solo relativamente all art. 10, nell Assembleadei soci il 5 marzo 2014). La valutazione dell attitudine a svolgere l incarico verrà effettuata da unacommissione appositamente istituita composta da personale del GAL SGT e/o impiegati nellapubblica Amministrazione, enti assimilati, associazioni di categoria, ovvero in professionisti concompetenze specialistiche negli ambiti oggetto di selezione. L individuazione del professionista avverrà attingendo dalla Lista ristretta secondo la fascia di appartenenza in funzione dellacomplessità dell incarico da svolgere (Fascia A; Fascia B; Fascia C sulla base del punteggioconseguito in fase di iscrizione in considerazione dei criteri previsti nell Avviso pubblico per ilconferimento di incarichi ad esperti esterni). I professionisti verranno selezionati pertanto secondoi seguenti parametri: individuazione della fascia di appartenenza del professionista (in funzione chesi tratti di un consulente senior o junior), analisi del curriculum (esperienze in incarichi similari);colloquio attitudinale così come previsto nell Avviso pubblico per il conferimento di incarichi adesperti esterni. Con i professionisti il GAL stipulerà una convenzione di natura privatistica che disciplinerà lʼinstaurazione di un rapporto di lavoro autonomo ex art e s.s. del codice civile odi prestazioni di servizi senza vincoli di orario e di presenza. La durata massima per le convenzioni èdi 12 mesi rinnovabili sulla base delle necessità del GAL. Il compenso sarà stabilito ai sensi dellanormativa vigente e in relazione alla tipologia e alla durata dell incarico assegnato facendoriferimento a quanto previsto dalle Procedure tecnico-amministrative - Attuazione dell'approccioleader approvate con Determinazione del Direttore del Servizio Sviluppo Locale n /669dell'11 ottobre Spese di viaggio Le spese di viaggio previste nell ambito delle attività 2, 3 e 4 saranno rimborsate agliesperti secondo quanto previsto dalle Procedure tecnico-amministrative Attuazione dell'approccio Leader approvate con 20

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa Funzione Strumentale: Linda Langella L incarico di Funzione Strumentale della Gestione del Piano dell

Dettagli

INDICE. 1 Il progetto AgriSociale... 2. 2 Il processo partecipativo e il workshop di Santadi... 3. Crediti... 20

INDICE. 1 Il progetto AgriSociale... 2. 2 Il processo partecipativo e il workshop di Santadi... 3. Crediti... 20 Workshop di Progettazione Partecipata Santadi, 3 febbraio 2012 INDICE 1 Il progetto AgriSociale... 2 2 Il processo partecipativo e il workshop di Santadi... 3 2.1 I servizi sociali finanziabili dalla Misura

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ 02665 REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ 02665 REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI PORDENONE Codice di accreditamento: NZ 02665 Albo e classe di iscrizione: REGIONE

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015 progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 08 EDIZIONE 2014/2015 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

BANDO CONCORSO FOTOGRAFICO E DI DOCUMENTAZIONE L UMBRIA E I SUOI PAESAGGI NELLA MEMORIA STORICA

BANDO CONCORSO FOTOGRAFICO E DI DOCUMENTAZIONE L UMBRIA E I SUOI PAESAGGI NELLA MEMORIA STORICA Direzione Programmazione, innovazione e competitività dell Umbria Ambito di coordinamento: Territorio, Infrastrutture e Mobilità Servizio Valorizzazione del territorio e tutela del paesaggio, promozione

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th

Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th BANDO PER LA PRESENTAZIONE PRELIMINARE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2016 PREMESSA Che cos è il Piano

Dettagli

Bando di concorso per la realizzazione di un annuncio pubblicitario rivolto a studenti ed insegnanti delle scuole secondarie di 1 grado

Bando di concorso per la realizzazione di un annuncio pubblicitario rivolto a studenti ed insegnanti delle scuole secondarie di 1 grado Bando di concorso per la realizzazione di un annuncio pubblicitario rivolto a studenti ed insegnanti delle scuole secondarie di 1 grado IL CONCORSO Nell'ambito della 6 edizione della campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CONCORSO NAZIONALE tlalla RICERCA DEI TESORI NASCOSTI" Premessa L'Italia, tutti lo sanno, è una terra ricca di storia, di cultura e di arte. E' anche a tutti noto e, in linea di principio, condiviso, che

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAMPAGNA REGIONALE DI COMUNICAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE IN MATERIA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAMPAGNA REGIONALE DI COMUNICAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE IN MATERIA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA Allegato A AZIONI ATTUATIVE DEL PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAMPAGNA REGIONALE DI COMUNICAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE IN MATERIA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO DI COMUNICAZIONE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Passport ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto intende coniugare stili di vita e intenzionalità educativa, all interno di un rinnovato quadro

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO Hanno promosso la redazione della carta i seguenti soggetti: CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO La gita, uno dei rituali scolastici più amati dagli studenti, si rivela spesso come momento di discrepanza

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 13-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 CEM_1_2012 2 Titolo

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RURAL trainer REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale RURAL trainer il progetto che sostiene le giovani imprese agricole della

Dettagli

Il partenariato per la realizzazione del progetto pilota è così composto:

Il partenariato per la realizzazione del progetto pilota è così composto: Progetto esecutivo per azioni pilota di sensibilizzazione sui prodotti tipici della Provincia di Bari rivolto alle scuole primarie e alle scuole secondarie di 1 e 2 Premesse - Il partenariato e descrizione

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

Piano di Comunicazione Progetto DIVIN

Piano di Comunicazione Progetto DIVIN Piano di Comunicazione Progetto DIVIN 1 3. IL PIANO DI COMUNICAZIONE: UN QUADRO DI RIFERIMENTO 1. 2. Il presente Piano di Comunicazione costituisce uno degli outputs del progetto DIVIN, nello specifico

Dettagli

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 (La presentazione è su sfondo scuro per risparmio energetico) Come nasce il Masterplan del Carso? Predisposto

Dettagli

GAL SGT - Sole Grano Terra Sarrabus, Gerrei, Trexenta e Campidano di Cagliari

GAL SGT - Sole Grano Terra Sarrabus, Gerrei, Trexenta e Campidano di Cagliari Concorso di idee Come vedo questo territorio? Percorsi Artistico Culturali "Geografie Sommerse. Viandanti nella bellezza dell abitare" AZIONE DI SISTEMA 2 - Mobilitazione degli Operatori e della Popolazione

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo

Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo Legge Regionale 6 novembre 2015, n. 34 Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo (BURL n. 46, suppl. del 10 Novembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-11-06;34 Art. 1 (Principi

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Regione Puglia Unione Europea Accordo Quadro Rafforzato Beni ed Attività Culturali PROGETTO ESECUTIVO La filiera del Teatro e della Danza/ Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Fondo per lo sviluppo

Dettagli

Regolamento per le uscite (scambi culturali, viaggi e visite di istruzione, uscite didattiche) IIS Antonietti All. M2 CdI 29.11.

Regolamento per le uscite (scambi culturali, viaggi e visite di istruzione, uscite didattiche) IIS Antonietti All. M2 CdI 29.11. Regolamento per le uscite (scambi culturali, viaggi e visite di istruzione, uscite didattiche) IIS Antonietti All. M2 CdI 29.11.2012 1 Articolo 1 Definizioni e norme generali Fatte salve le prescrizioni

Dettagli

Bando di selezione per il Corso di Specializzazione in Management dei Beni Museali e successiva gestione del Museo di Arte Contemporanea Villa Croce

Bando di selezione per il Corso di Specializzazione in Management dei Beni Museali e successiva gestione del Museo di Arte Contemporanea Villa Croce Bando di selezione per il Corso di Specializzazione in Management dei Beni Museali e successiva gestione del Museo di Arte Contemporanea Villa Croce PUNTO 1 Norme generali Il Comune di Genova e Palazzo

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario CORSO DI GUIDA SICURA AUTO E MOTO (BBCF_4_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti

Dettagli

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8 EXPO MILANO 201 5 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alime entaree 1 di 8 1. PREMESSA Lo Sviluppo Sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle

Dettagli

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA A regola d ARTE Manuale di lavoro RENA Che cos è RENA? Intelligenza collettiva al servizio dell Italia La Rete per l eccellenza nazionale (RENA) è un associazione indipendente e plurale, animata da giovani

Dettagli

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione:

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: GAL Riviera dei fiori. Asse 4 Leader del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Misura 421 Cooperazione. Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: 1) Valorizzazione

Dettagli

1. Promuovere strumenti di sensibilizzazione delle famiglie sugli stili di vita sani e il consumo di prodotti agricoli e artigianali locali (Km 0).

1. Promuovere strumenti di sensibilizzazione delle famiglie sugli stili di vita sani e il consumo di prodotti agricoli e artigianali locali (Km 0). SCHEDA DEL PROGETTO Lo scopo del progetto è di favorire la promozione congiunta dei prodotti tipici locali agroalimentari e artigianali marchigiani, coinvolgendo, in integrazione tra loro, gli anziani

Dettagli

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un progetto artistico itinerante a cura di Marco Solari Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un iniziativa che, tramite

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT20B0012 COMPLESSO MORENICO DI CASTELLARO LAGUSELLO

PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT20B0012 COMPLESSO MORENICO DI CASTELLARO LAGUSELLO PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT20B0012 COMPLESSO MORENICO DI CASTELLARO LAGUSELLO progettazione coordinamento Dott. For. Paolo Rigoni StudioSilva S.r.l. sede legale: via Mazzini 9/2-40137 Bologna Tel. 051

Dettagli

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n.

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n. PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005 SAPERI IN CAMPAGNA 1 PREMESSA Le nuove generazioni e la Sardegna: un rapporto che occorrerebbe rinsaldare attraverso

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto APG_1_ 2015 2. Titolo del progetto G.I.GI. all'altropiano 3. Riferimenti del compilatore Nome Giuliana

Dettagli

IntergenerazionalMENTE

IntergenerazionalMENTE ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO COMUNE DI TRAMATZA TITOLO DEL PROGETTO: IntergenerazionalMENTE SETTORE e Area di Intervento: A 01/02 Assistenza Anziani e Minori OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: UNA CITTA A COLORI ENTE Comune di SETTIMO TORINESE SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale: attività interculturali

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE:

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE: PIANO DI MIGLIORAMENTO DI.. RESPONSABILE:.. PRIMA SEZIONE SCENARIO DI RIFERIMENTO Caratteristiche del contesto, vincoli e opportunità interne ed esterne L Istituto.. nasce nel. come Istituto Professionale

Dettagli

Procedura per la candidatura

Procedura per la candidatura Procedura per la candidatura alla Bandiera arancione del Touring Club Italiano 1. COS È LA BANDIERA ARANCIONE... 2 2. GLI OBIETTIVI... 2 3. I REQUISITI... 2 4. I CRITERI DI ANALISI... 3 5. IL PERCORSO

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

GAL BOLOGNAPPENNINO PAL 2007-2013 FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE

GAL BOLOGNAPPENNINO PAL 2007-2013 FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali GAL BOLOGNAPPENNINO PAL 2007-2013 FARE SQUADRA PER L APPENNINO BOLOGNESE Misura 411 Azione 7 Operazione 1: Studio di fattibilità

Dettagli

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 46 del 8/03/03 FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015

BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015 Comune di Civezzano Comune di Baselga di Pinè Comune di Bedollo Comune di Fornace BANDO PIANO GIOVANI DI ZONA 2015 Raccolta proposte di progetto 1. OGGETTO DEL BANDO Il Piano Giovani di Zona dei Comuni

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano

Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano Piano di attività Premessa Il territorio del Parteolla e Basso Campidano, puntando sulla qualificazione e promozione unitaria delle eccellenze locali, ha identificato

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE TOTALE POSTI DISPONIBILI PRESSO LA PROVINCIA DI LECCE: N. 15

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE TOTALE POSTI DISPONIBILI PRESSO LA PROVINCIA DI LECCE: N. 15 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE BANDO 2011 - Regione Puglia TOTALE POSTI DISPONIBILI PRESSO LA PROVINCIA DI LECCE: N. 15 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE I candidati potranno presentare 1 sola domanda

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TORTONA 2) Codice di accreditamento: NZ01098 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292 Progetto cofinanziato da Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi Terzi - Annualità 2012 SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli