LE NOVITA SULLA DIRETTIVA DISPOSITIVI MEDICI 2007/47/CE Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOVITA SULLA DIRETTIVA DISPOSITIVI MEDICI 2007/47/CE Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011"

Transcript

1 LE NOVITA SULLA DIRETTIVA DISPOSITIVI MEDICI 2007/47/CE Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

2 INFORMAZIONI TECNICHE RIASSUNTIVE DEI PRINCIPALI ELEMENTI INTRODOTTI CON LA DIRETTIVA 2007/47/CE 1/2 Di seguito, a titolo di esempio, sono citati alcuni cambiamenti trodotti dalla direttiva 2007/47/CE (si rimanda alla stessa per i necessari approfondimenti e dettagli tecnici). Per i dispositivi impiantabili è aumentato il periodo di conservazione dei documenti (15 anni) E da prevedere una valutazione sull ergonomia del prodotto ai fi della sicurezza del paziente (riduzione dei rischi di errore nell utilizzazione) - USABILITA Richiesta esplicitamente la validazione del software Sono formalmente previsti i controlli sui c/terzisti impiegati dal Fabbricante Software stand alone considerato dispositivo medico attivo Qualora il dispositivo possa ricadere anche nella defizione di maccha così come descritto dalla direttiva Macche 2006/42, dovranno essere considerati anche i RES di quest ultima se più restrittivi dei RES della direttiva dispositivi medici. Per la valutazione del processo di sterilizzazione si applica a scelta l allegato II o V (l applicazione di tali allegati e l tervento dell ON si limitano agli aspetti che riguardano il mantenimento della sterilità fché la confezione sterile non sia aperta) Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

3 INFORMAZIONI TECNICHE RIASSUNTIVE DEI PRINCIPALI ELEMENTI INTRODOTTI CON LA DIRETTIVA 2007/47/CE 2/2 Qualora la destazione d uso sia anche riferita alla direttiva Dispositivi di Protezione Individuale direttiva 89/686 devono essere considerati anche i RES della stessa Sulle istruzioni è da dicare la data di ultima emissione. Ulteriormente è necessario dicare, per dispositivi specifici, se il prodotto contiene ftalati (più genericamente è richiesta anche attenzione particolare nell impiego di sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione) Nuova defizione di Sistema Circolatorio Centrale (seriti arco dell aorta, aorta discendente, fo alla biforcazione) Nuova defizione di durata contua I dati clici sono richiesti per tutti i dispositivi medici (se non ci sono deve esserne fornita adeguata motivazione) Punti particolarmente rilevanti da prendere considerazione, quanto determano un cambiamento delle classificazioni, sono i seguenti: I disfettanti per dispositivi medici vasivi sono classificati IIb I dispositivi vasivi chirurgici ad uso temporaneo a contatto con il sistema nervoso centrale sono classificati III Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

4 ALCUNI CAMBIAMENTI PER GLI OONN MISURE PER AUMENTARE LA TRASPARENZA Non sono più trattate come riservate le seguenti formazioni: a) le formazioni sulle persone responsabili dell'immissione commercio; b) le relazioni materia di vigilanza dell'autorità competente; c) i dati relativi ai certificati rilasciati, modificati, tegrati, sospesi, ritirati o rifiutati. Inoltre si prevede l attività di coordamento e di comunicazione fra le autorità nazionali dei paesi membri relazione alle attività connesse con la direttiva. (art 20 bis) Art. 11 Valutazione della conformità - Viene puntualizzato che i certificati possono avere durata massima di 5 anni anche per quelli rilasciati secondo il disposto degli allegati V e VI Allegato I RES In presenza di medicali, come parte tegrante del d.m., l organismo chiede parere all agenzia europea dei medicali; idem per derivati dal sangue umano. Ciò vale anche per modifiche sui processi produttivi Il gruppo di valutazione deve comprendere persona che possieda esperienza di valutazione della tecnologia questione 4 M.Testi

5 FOCUS CLASSIFICAZIONI (Allegato IX) All.to IX Regole di classificazione Sez. II Pt.o 2.6 con utilizzo per una durata contua si tende un effettivo uso terrotto del dispositivo per quella che è la sua destazione. È comunque considerato un prolungamento dell utilizzo corrispondente a una durata contua l uso di un dispositivo che venga terrotto per consentire la sua immediata sostituzione con lo stesso dispositivo o con uno identico. All.to IX Regole di classificazione Regola 5 I dispositivi vasivi che penetrano negli orifizi sono di classe IIa anche quando sono collegati a dispositivi medici attivi di classe I All.to IX Regole di classificazione Regola 6 I dispositivi medici vasivi di tipo chirurgico ad uso temporaneo (<60 muti) destati ad essere utilizzati contatto diretto con il sistema nervoso centrale, rientrano nella classe III. Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

6 FOCUS CLASSIFICAZIONI (Allegato IX) Regole di classificazione Regola 13 classe III per d.m. con parte tegrante derivato da sangue umano Regole speciali Sez III Regola 15 I DM destati a disfettare dispositivi medici vasivi sono di classe IIb (prima erano di classe IIa ) Regole di classificazione Regola 16 classe IIa anche per i d.m. attivi che registrano immagi diagnostiche ottenute dai raggi X - Il software dipendente (stand alone) è considerato dispositivo medico attivo - Nuova defizione di sistema circolatorio centrale (seriti arco dell aorta, aorta discendente, fo alla biforcazione) Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

7 FOCUS REQUISITI ESSENZIALI Art. 1 Defizioni, campo di applicazione Prodotto con doppia destazione d uso, medicale e di protezione dividuale: questo caso devono essere rispettati anche i RES richiamati dalla 89/686/CEE (DPI) Art. 3 Dispositivi che sono anche MACCHINE (rif. 2006/42/CE): vanno applicati anche i RES della direttiva macche se più strgenti di quelli della MED Allegato I - RES Introdotto il concetto di usabilità Allegato I - RES 7.5 Se parti di un dispositivo (o il dispositivo stesso) destati a sommistrare e/o a sottrarre medicali, liquidi corporei o altre sostanze dal corpo, o dispositivi destati al trasporto e alla conservazione di tali fluidi corporei o sostanze contengono ftalati classificati come cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione, della categoria 1 o 2, conformità dell allegato I della direttiva 67/548/CEE, deve essere apposta sui dispositivi stessi e/o sulla confezione unitaria o, se del caso, sulla confezione commerciale un etichetta che dichi che si tratta di un dispositivo contenente ftalati. Se fra gli usi cui detti dispositivi sono destati figurano il trattamento bambi o donne cte o che allattano, il fabbricante fornisce, nella documentazione tecnica, una giustificazione specifica per l uso di tali sostanze rapporto al rispetto dei requisiti essenziali, particolare del presente punto, nelle istruzioni per l uso, formazioni sui rischi residui per questi gruppi di pazienti e, se del caso, su misure di precauzione appropriate. Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

8 FTALATI Azioni da prevedere Gli ftalati sono sostanze chimiche organiche prodotte dal petrolio e sono i plastificanti più comuni al mondo. Sono sostanze chimiche usate da decenni, prcipalmente per rendere morbido e flessibile il cloruro di polivile. Benché i vari tipi utilizzati oggi abbiano delle similitudi strutturali, ognuno ha prestazioni diverse. il di-2-etilesilftalato (o diottilftalato, DEHP) il diisodecilftalato (DIDP) il diisononilftalato (DINP) il benzilbutilftalato (BBzP) - usato nel PVC espanso 1) Deve essere apposta sui dispositivi stessi e/o sulla confezione unitaria o, se del caso, sulla confezione commerciale un etichetta che dichi che si tratta di un dispositivo contenente ftalati. 2) Se fra gli usi cui detti dispositivi sono destati figurano il trattamento bambi o donne cte o che allattano, il fabbricante fornisce, nella documentazione tecnica, una giustificazione specifica per l uso di tali sostanze rapporto al rispetto dei requisiti essenziali, particolare del presente punto, nelle istruzioni per l uso, formazioni sui rischi residui per questi gruppi di pazienti e, se del caso, su misure di precauzione appropriate. Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

9 FOCUS REQUISITI ESSENZIALI 12.1 bis Per i dispositivi che corporano un software o costituiscono sé un software medico, il software è convalidato secondo lo stato dell arte, tenendo conto dei prcipi del ciclo di vita dello sviluppo, della gestione dei rischi, della validazione e della verifica Se il dispositivo reca l dicazione che è monouso, le formazioni riguardanti le caratteristiche note e i fattori tecnici di cui il fabbricante è a conoscenza che potrebbero comportare un rischio se il dispositivo dovesse essere riutilizzato. Se, conformità del punto 13.1, non sono necessarie istruzioni per l uso, le formazioni devono deve essere messe a disposizione dell utilizzatore su richiesta 6 bis La dimostrazione della conformità con i requisiti essenziali deve comprendere una valutazione clica a norma dell allegato X 7.1 se del caso, vanno valutati anche i risultati di ricerche biofisiche o modellistica Allegato Allegato X Vengono Vengono defiti defiti maniera maniera puntuale puntuale i i criteri criteri che che devono devono essere essere adottati adottati per per la la corretta corretta gestione gestione della della valutazione valutazione clica clica e e della della sorveglianza sorveglianza postvendita postvendita (sempre (sempre relazione relazione alla alla valutazione valutazione clica) clica) 9 M.Testi

10 POSSIBILI ELEMENTI DA CHIARIRE NEL F.T. - DIRETTIVE 2001/83/EC E 93/42/EEC A CONFRONTO Medicale: ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative o profilattiche delle malattie umane; ogni sostanza o associazione di sostanze che possa essere utilizzata sull uomo o sommistrata all uomo allo scopo di ripristare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, esercitando un azione farmacologica, immunologica o metabolica, ovvero di stabilire una diagnosi medica Dispositivo medico: qualunque strumento, apparecchio, impianto, software,sostanza o altro prodotto, utilizzato da solo o combazione, compresi gli accessori tra cui il software destato dal fabbricante ad essere impiegato specificamente con falità diagnostiche e/o terapeutiche e necessario al corretto funzionamento del dispositivo stesso, destato dal fabbricante ad essere impiegato sull uomo a fi di: diagnosi, prevenzione, controllo, trattamento o attenuazione di malattie, diagnosi, controllo, trattamento, attenuazione o compensazione di una ferita o di un handicap, studio, sostituzione o modifica dell anatomia oppure di un processo fisiologico, controllo del concepimento, che non eserciti nel o sul corpo umano l azione prcipale cui è destato con mezzi farmacologici, immunologici o mediante processi metabolici, ma la cui funzione possa essere coadiuvata da tali mezzi 10 M.Testi

11 PRINCIPALI AZIONI Azioni fisiche: azione meccanica, barriera fisica, sostituzione o supporto ad organi o funzioni del corpo; Azione farmacologica: è tesa come terazione tra le molecole di una sostanza ed un costituente cellulare (di solito un recettore), che può causare una risposta diretta oppure può bloccare la risposta di un altro agente; Azione immunologica: azione nel corpo o sul corpo attraverso una stimolazione cellulare; Azione metabolica: azione che comporta un alterazione, cludendo cambiamenti di velocità di un normale processo chimico di una funzione del corpo 11 M.Testi

12 ESEMPI CONSOLIDATI DI DISPOSITIVI MEDICI Cementi ossei Materiali di riempimento dentale Materiali riassorbibili utilizzati nell osteostesi (es.: chiodi e viti prodotti utilizzando acido polilattico) Suture e suture assorbibili Sacche per sangue Soluzioni di irrigazione tese per risciacqui meccanici (es.: soluzioni per irrigazione oculare): se contengono sostanze medicali quali la clorexidra e la destazione d uso prcipale consiste nel fornire un effetto antimicrobico locale, allora saranno prodotti medicali; se vece contengono un agente antimicrobico per la corretta conservazione della soluzione, allora possono essere considerate dispositivi medici) 12 M.Testi

13 ESEMPI CONSOLIDATI DI PRODOTTI MEDICINALI Preparazioni spermicide; Acqua per iezione, fluidi per iezione di farmaci; Agenti diagnositici vivo (es.: mezzi di contrasto per raggi X, radiofarmaci per diagnostica); Preparazioni dentali con fluoro (se l azione del fluoro è accessoria, allora tali prodotti (preparazioni dentali, cementi) possono essere considerati dispositivi medici DEFINIZIONE DI PRODOTTI MEDICINALI CON FUNZIONE ACCESSORIA La sostanza corporata nel dispositivo deve rispondere alle seguenti condizioni: La sostanza, se usata separatamente, può essere considerata un prodotto medicale; La sostanza è soggetta ad agire sul corpo umano; L azione di questa sostanza è accessoria a quella del dispositivo Un dispositivo medico corpora una sostanza medicale come parte tegrale se e soltanto se il dispositivo e la sostanza sono fisicamente o chimicamente combate nel momento della sommistrazione (uso, applicazione, ecc.) al paziente 13 M.Testi

14 ESEMPI DI DISPOSITIVI MEDICI CHE INCORPORANO COME PARTE INTEGRALE UNA SOSTANZA MEDICINALE ACCESSORIA Cateteri rivestiti con epara o un agente antibiotico; Cementi ossei contenenti antibiotici; Profilattici rivestiti con spermicidi; Stent coronarici a rilascio farmaci; Bendaggi per ferite con agenti antimicrobici Importante: il rivestimento di un prodotto con un composto chimico non implica che il composto chimico sia per forza una sostanza medicale. Per esempio l idrossiapatite utilizzata nei rivestimenti per gli impianti ortopedici e dentali non è considerata una sostanza medicale. 14 M.Testi

15 ESEMPIO DI BORDERLINE Colliri utilizzati per alleviare il dolore, l irritazione causata da fattori ambientali (polvere, fumo, calore, ecc.) Colliri classificati come prodotti medicali: Sono tutti quelli che hanno come prcipale azione quella farmacologica, immunologica o metabolica (possono essere qudi utilizzati per correggere o modificare le funzioni fisiologiche). Colliri classificati come dispositivi medici: Sono tutti quelli che vengono utilizzati per disfettare, pulire, risciacquare le lenti a contatto (IIb regola 15). Anche quelli che hanno un azione meccanica possono rientrare questa classe (es.: per il trattamento del raffreddore da fieno) 15 M.Testi

16 APPLICABILITA DEI D. L. SUI DISPOSITIVI MEDICI Dispositivo medico e prodotto medicale tegralmente uniti: d.lvo 219/2006 (prodotti medicali) Dispositivo medico destato a sommistrazione di medicali (separato, anche se eventualmente nella stessa confezione di vendita): d.lvo 46/1997 (dispositivo medico) + d. l.vo 219/2006 (prodotto medicale) Dispositivo medico comprendente un medicale con azione accessoria: d. l.vo 46/1997 (dispositivi medici): consultazione obbligatoria, da parte dell Organismo Notificato, di un autorità competente materia di prodotti medicali 16 M.Testi

17 LINEE GUIDA MEDDEV 2.1/3 rev.3 Dicembre 2009 Manual on Borderle and Classification the Community Regulatory Framework for medical devices ver. 1.5 ( ) 17 M.Testi

18 IMPLEMENTARE E GESTIRE L USABILITÀ NEL FASCICOLO TECNICO All. I RES - la riduzione per quanto possibile, dei rischi di errore nell utilizzazione determato dalle caratteristiche ergonomiche del dispositivo e dall ambiente cui è previsto che il dispositivo sia usato (progettazione per la sicurezza del paziente) - La considerazione del livello della conoscenza tecnica, dell esperienza, dell istruzione e della formazione nonché, a seconda dei casi, delle condizioni mediche e fisiche degli utilizzatori cui il dispositivo è destato (progettazione per utilizzatori comuni, professionisti, disabili o altro) Usability: caratteristica che stabilisce la capacità di apprendimento dell operatore Usability è una misura dell efficacia, efficienza e della soddisfazione (assenza di disagio e atteggiamento positivo verso il dispositivo), con cui un determato operatore ottiene specifici obiettivi specifici ambienti d uso L apparecchiatura ha una Usability adeguata quando sono accettabili i rischi sia condizioni d uso normali che condizioni di Use Error ragionevolmente prevedibili Orde degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 M.Testi

19 IMPLEMENTARE E GESTIRE L USABILITA NEL FT Usabilità può essere parte dell analisi dei rischi (ma altresì può essere un analisi specifica) L analisi deve considerare tra gli altri: profilo dell operatore errori d uso prevedibili contesto di utilizzo formazioni sui rischi derivanti da terfacce operatore-apparecchiatura di apparecchiature simili Per dividuare i rischi associati all uso è necessario CAPIRE COME IL DM VERRA UTILIZZATO 19 M.Testi

20 IMPLEMENTARE E GESTIRE L USABILITA NEL FT Esempi di domande che aiutano a capire le caratteristiche d uso del dispositivo 1) Utilizzatori e ambiente d uso In questo ambito vanno considerate le seguenti domande: - Chi è/chi sono gli utilizzatori? - Quanto possono essere impegnati? - Quanto devono essere addestrati? - Quanto fluisce la loro abilità, destrezza, capacità visiva, uditiva ecc..? - Qual è la complessità dell ambiente d uso? 2) L terfaccia utente L utente, tenzionalmente o no, decide come utilizzare il dispositivo cui il progettista ha assegnato una determata destazione d uso. In tale ambito verranno considerate le seguenti domande: - quante calibrazioni/manipolazioni sono necessarie? - qual è la complessità/varietà dei controlli e degli allarmi? - occorre particolare manutenzione per il dispositivo? - il dispositivo può essere smontato e rimontato? - quante variabili sono regolabili dal dispositivo? 20 M.Testi

21 IMPLEMENTARE E GESTIRE L USABILITA NEL FT L organizzazione deve defire un Processo di gegnerizzazione dell usabilità (apposita procedura). Caratteristiche di tale processo sono: analizzare specificare progettare verificare validare le caratteristiche utilizzative, relazione alla sicurezza di un dispositivo medico. Normativa di riferimento CEI EN Dispositivi medici Applicazione dell gegneria delle caratteristiche utilizzative ai dispositivi medici CEI EN Apparecchiature elettromedicali Parte 1: Prescrizioni generali relative alla sicurezza fondamentale e alle prestazioni essenziali Norma collaterale: Usabilità 21 M.Testi

22 FOCUS SULLA VALUTAZIONE CLINICA D.D.M. 2007/47/CE - Allegato I RES 6 bis. La dimostrazione della conformità con i requisiti essenziali deve comprendere una valutazione clica a norma dell allegato X. Questo requisito è valido per tutti i percorsi di certificazione, fatti è richiamato nei diversi allegati: Allegato Allegato II II --Art. Art. 3.2, 3.2, c. c. c) c) la la valutazione valutazione preclica; preclica; la la valutazione valutazione clica clica di di cui cui all allegato all allegato X Allegato Allegato V VI VIArt. 6.1) 6.1) i i prodotti prodotti appartenenti appartenenti alla alla classe classe IIa IIasono fabbricati fabbricati secondo secondo la la documentazione documentazione tecnica tecnica prevista prevista al al punto punto 33 dell allegato dell allegato VII VII Allegato Allegato VII VII --Art. Art. 3) 3) la la valutazione valutazione preclica; preclica; la la valutazione valutazione clica clica di di cui cui all allegato all allegato X; X; 22 M.Testi

23 FOCUS SU VALUTAZIONE CLINICA Allegato Allegato X Art. Art. 1.1) 1.1) La La conferma conferma del: del: - - Rispetto Rispetto dei dei requisiti requisiti specificati specificati ai ai punti punti 1 1 e e 3 3 dell allegato dell allegato I I - - Valutazione Valutazione degli degli effetti effetti collaterali collaterali - - Accettabilità Accettabilità del del rapporto rapporto rischio/beneficio rischio/beneficio (punto (punto 6 6 dell allegato dell allegato I) I) devono devono basarsi, basarsi, lea lea di di prcipio, prcipio, su su dati dati clici clici (valutazione (valutazione clica). clica). Art. Art. 1 «dati «dati clici»: clici»: formazioni formazioni sulla sulla sicurezza sicurezza e/o e/o sulle sulle prestazioni prestazioni ricavate ricavate dall impiego dall impiego di di un un dispositivo. dispositivo. I I dati dati clici clici provengono provengono dalle dalle seguenti seguenti fonti: fonti: dagi dagi cliche cliche relative relative al al dispositivo dispositivo questione, questione, dagi dagi cliche cliche o o altri altri studi studi pubblicati pubblicati nella nella letteratura letteratura scientifica, scientifica, relativi relativi a a un un dispositivo dispositivo analogo analogo di di cui cui è è dimostrabile dimostrabile l equivalenza l equivalenza (vedere (vedere la la sez. sez d d del del MEDDEV MEDDEV 2.7.1) 2.7.1) al al dispositivo dispositivo questione, questione, relazioni relazioni pubblicate pubblicate e/o e/o non non pubblicate pubblicate su su altre altre pratiche pratiche cliche cliche relative relative al al dispositivo dispositivo questione questione o o a a un un dispositivo dispositivo analogo analogo di di cui cui è è dimostrabile dimostrabile l equivalenza l equivalenza al al dispositivo dispositivo questione questione 23 M.Testi

24 FOCUS SU VALUTAZIONE CLINICA Allegato X.. LA PROCEDURA! Art. 1.1)... La valutazione di tali dati, di seguito denomata «valutazione clica», che tiene conto ove necessario delle eventuali norme armonizzate pertenti, deve seguire una procedura defita e metodologicamente valida fondata alternativamente su: un analisi critica della letteratura scientifica pertente attualmente disponibile sui temi della sicurezza, delle prestazioni, delle caratteristiche di progettazione e della destazione d uso del dispositivo qualora: sia dimostrata l equivalenza tra il dispositivo esame e il dispositivo cui si riferiscono i dati, e i dati dimostro adeguatamente la conformità ai requisiti essenziali pertenti; un analisi critica di tutte le dagi cliche condotte; un analisi critica dei dati clici combati di cui ai punti e Art. 1.1 ter) La valutazione clica e il relativo esito sono documentati. La documentazione tecnica del dispositivo contiene tali documenti e/o i relativi riferimenti completi. Art. 1.1 quater) La valutazione clica e la relativa documentazione sono attivamente aggiornati con dati derivanti dalla sorveglianza post-vendita. Ove non si consideri necessario il follow-up clico post-vendita nell ambito del piano di sorveglianza post-vendita applicato al dispositivo, tale conclusione va debitamente giustificata e documentata. 24 M.Testi

25 FOCUS SULLA VALUTAZIONE CLINICA Allegato Allegato X Art. Art bis) bis) Per Per i i dispositivi dispositivi impiantabili impiantabili e e per per i i dispositivi dispositivi appartenenti appartenenti alla alla classe classe III III vengono vengono condotte condotte dagi dagi cliche, cliche, salvo salvo che che non non sia sia debitamente debitamente giustificato giustificato fondarsi fondarsi sui sui dati dati clici clici esistenti. esistenti. 25 M.Testi

26 FOCUS SULLA VALUTAZIONE CLINICA Allegato X Art. 1.1 ququies) Qualora non si ritenga opportuna la dimostrazione della conformità ai requisiti essenziali base ai dati clici, occorre fornire un idonea giustificazione di tale esclusione base ai risultati della gestione del rischio, tenendo conto anche della specificità dell terazione tra il dispositivo e il corpo, delle prestazioni cliche attese e delle affermazioni del fabbricante. Va debitamente provata l adeguatezza della dimostrazione della conformità ai requisiti essenziali che si fondi solo sulla valutazione delle prestazioni, sulle prove al banco e sulla valutazione preclica. 26 M.Testi

27 FOCUS SULLA VALUTAZIONE CLINICA Cosa attendiamo dalle aziende Procedura di gestione della validazione clica (criteri per la valutazione iziale criteri per il follow up dal mercato) Esito documentato della validazione clica (all terno del FT) -destazione d uso - caratteristiche richieste al dispositivo - estratti della letteratura scientifica di riferimento - dagi cliche (se del caso) - analisi critica che evidenzi il soddisfacimento dei requisiti richiesti da parte del dispositivo In sorveglianza - piano di monitoraggio (chi fa cosa, come, quando) - aggiornamento della documentazione scientifica - registrazioni dal campo che specificho il comportamento dei dispositivi -reclami - non conformità - segnalazioni di cidenti/mancati cidenti - formazioni su prodotti analoghi presenti sul mercato riesame delle formazioni di ritorno dal mercato (es. con tegrazione della documentazione tecnica presente nel FT). Qualora l organizzazione non tenda condurre tale analisi, il riesame deve motivarne il perché. 27 M.Testi

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis)

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis) Decreto lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D. lgs. 25.01.2010, n.37 - Recepimento Direttiva 2007/47/CE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA E DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO

Dettagli

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini Attenzione agli ftalati Difendiamo i nostri bambini Luglio 2012 Cosa sono gli ftalati DINP DEHP DNOP DIDP BBP DBP ftalato di diisononile ftalato di bis(2-etilesile) ftalato di diottile ftalato di diisodecile

Dettagli

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione UADERNI DI CONFORMA QUADERNI DI CONFORMA I QUAD n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione La riproduzione totale o parziale con qualunque mezzo di questo documento nella sua versione italiana

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli