COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como"

Transcript

1 COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA Approvato con atto C. C. n. 58 del Modificato con atto C.C. n. 7 del Modificato con atto C.C. n 27 del IL SINDACO F.to Alberto Bartesaghi IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Dr. Piraino Giuseppe

2 I N D I C E CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Pag. 4 Art. 2 Definizione dell attività Pag. 4 Art. 3 Esercizio dell attività Pag. 4 Art. 4 Requisiti professionali Pag. 5 Art. 5 Tipologia delle autorizzazioni Pag. 5 Art. 6 Attività a domicilio Pag. 6 Art. 7 Commissione Consultiva Comunale Pag. 6 Art. 8 Compiti della Commissione Consultiva Pag. 6 Art. 9 Funzionamento della Commissione Consultiva Pag. 7 Art. 10 Ricorsi Pag. 7 CAPO II - NORME PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Art. 11 Comunicazione di inizio attività Pag. 8 Art. 12 Inizio dell attività Pag. 8 Art. 13 Obblighi successivi l inizio dell attività Pag. 9 Art. 14 Cessazione dell attività o modificazione della titolarità Pag. 9 Art. 15 Trasferimento della sede Pag. 9 CAPO III - REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Art. 16 Accertamenti igienico-sanitari Pag. 10 Art. 17 Caratteristiche dei locali Pag. 10 Art. 18 Caratteristiche delle attrezzature Pag. 10 Art. 19 Caratteristiche dei prodotti utilizzati Pag. 11 Art. 20 Informazione e pubblicizzazione delle attività Pag. 11 Art. 21 Controlli sanitari del personale Pag. 11 CAPO IV - ORARI, TARIFFE, DISTANZE E COEFFICIENTI Art. 22 Orari Pag. 11 Art. 23 Tariffe Pag. 12 Art. 24 Distanze tra esercizi Pag. 12 Art. 25 Coefficiente per il rilascio dell autorizzazione Pag. 12 C12APO V - CONTROLLI E SANZIONI Art. 26 Controlli Pag. 12 Art. 27 Sanzioni Pag. 12 Art. 28 Abusivismo Pag. 13 Art. 29 Sospensione, revoca e decadenza dell attività Pag. 13 Art. 30 Provvedimento d urgenza Pag. 13 2

3 CAPO VI - NORME TRANSITORIE E FINALI Art. 31 Conversione delle vecchie autorizzazioni Pag. 13 Art. 32 Abrogazione di norme precedenti Pag. 14 Art. 33 Entrata in vigore del presente Regolamento Pag. 14 3

4 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1) Il presente Regolamento disciplina in tutto il territorio comunale l attività di estetista, sia essa esercitata da imprese individuali, sia in forma societaria di persone o di capitale e svolta in luogo pubblico e privato, anche a titolo gratuito, secondo quanto stabilito dalla L.R n. 48 e dalla Legge n. 1 nonché, ove applicabili e compatibili, dalle norme di cui alla Legge n. 161, modificata dalla Legge n ed integrata dalla Legge n ) Tale attività e l uso dei prodotti definiti in base alle direttive CEE e alla L.R. n. 713 dell e delle apparecchiature in essa consentite, sono regolamentate dalla Legge 01/90 nonché dal Decreto n del 13 marzo 2003 della Direzione Generale della Sanità n Art. 2 Definizione dell attività 1) L attività di estetica comprende tutti gli interventi posti in atto sulla persona e volti a mantenere o migliorare l aspetto fisico, secondo canoni e criteri condivisi dalla persona stessa. Gli interventi possono essere effettuati sulla cute e annessi, a condizione che non abbiano finalità curative e quindi non coinvolgano aree cutanee o di annessi affette da manifestazioni patologiche. In particolare gli interventi di piercing sono consentiti esclusivamente sul lobo dell orecchio. Il piercing su mucose, cartilagini o altre sedi cutanee, anche in relazione al possibile utilizzo di strumenti chirurgici, può essere effettuato nelle strutture ove viene esercitata l attività di estetista o con caratteristiche igienico-sanitarie similari, purchè da personale medico, in attesa che vengano istituiti corsi di qualificazione professionale anche per operatori sanitari. 2) Non rientrano tra le attività di estetica la correzione chirurgica di inestetismi o malformazioni che, per le implicazioni ed i possibili effetti collaterali, sono ricondotti tra le attività sanitarie e/o di medicina estetica, istituti di estetica medica, profumerie e qualsiasi altro luogo, anche a titolo gratuito per soci o per promozione di qualche prodotto, devono sottostare alle leggi e disposizioni di cui all articolo 1 del presente Regolamento. 3) L applicazione di piercing può essere esercitata nei confronti di minorenni solamente previo consenso di chi ne abbia la potestà. 4) Nel caso in cui tale attività venga svolta in palestre, club, circoli privati, case di cura, ospedali, ricoveri per anziani o a domicilio degli stessi, istituti di estetica medica, profumerie e qualsiasi altro luogo, anche a titolo gratuito per soci o per promozione di qualche prodotto, devono sottostare alle leggi e disposizioni di cui all articolo 1 del presente Regolamento. Art. 3 Esercizio dell attività 1) Chiunque intenda esercitare nell ambito territoriale comunale l attività di estetista deve presentare comunicazione di inizio attività al Comune, nell ambito dello Sportello Unico per le Imprese, ove questo sia costituito, e per conoscenza, al dipartimento di prevenzione dell ASL, previo parere della competente commissione comunale prevista dal successivo art. 7 e tenuto conto delle disposizioni disciplinate dai successivi artt. 24 e 25. 4

5 2) Ogni modifica sostanziale dei locali che comporta l utilizzo di nuove attrezzature successivo all inizio dell attività, è soggetta alla sola comunicazione all ASL. 3) Non è consentito lo svolgimento dell attività di estetista in forma ambulante, salvo che la stessa sia esercitata a favore di persone impegnate in attività inerenti la moda e lo spettacolo, o persone ammalate, immobilizzate o handicappate, ovunque esse residenti, da titolari collaboratori, soci o dipendenti di imprese già autorizzate ad operare in sede fissa, come previsto dal presente Regolamento. 4) Può essere esercitata l attività congiunta di barbiere o parrucchiere nella stessa sede, compatibilmente con la disponibilità prevista dal successivo art. 25, purché per ogni specifica attività il titolare sia in possesso delle rispettive qualificazioni professionali o esista un socio lavorante provvisto delle relative qualificazioni professionali. 5) I locali adibiti all attività di estetista devono essere separati da quelli eventualmente destinati all attività di barbiere o parrucchiere. Art. 4 Requisiti professionali 1) L attività di estetista può essere esercitata previo accertamento del possesso, da parte dell impresa richiedente, dei seguenti requisiti: a) iscrizione al Registro ditte della C.C.I.A.A. nel caso di società non artigiane; b) idoneità sanitaria del personale addetto, ivi compreso il titolare, ai sensi delle disposizioni vigenti in materia; c) idoneità igienico-sanitaria dei locali e delle attrezzature attestata dall ASL di competenza; d) qualificazione professionale previo acquisizione da parte del titolare o della maggioranza dei soci lavoranti o del direttore dell azienda, conseguita ai sensi dell art. 2 della Legge n. 1142, dell art. 4 della L.R. n. 48 del e dell art. 3 della Legge n. 1; e) il rispetto delle distanze minime tra il nuovo esercizio e i preesistenti ai sensi del successivo art ) Le attività di piercing sul lobo dell orecchio e di tatuatore possono essere effettuate nelle Strutture ove viene esercitata l attività di estetista o con caratteristiche igienico sanitarie similari, purché da estetiste per le quali sia valutata l abilità tecnica e la conoscenza dei rischi sanitari e delle modalità per evitarli. Art. 5 - Tipologia delle autorizzazioni 1) Nel caso di società non artigiana deve essere indicata la persona che assume la direzione dell azienda. Il direttore dovrà essere in possesso della qualificazione professionale relativa all autorizzazione richiesta. I soci ed i dipendenti che esercitano professionalmente l attività di estetista devono essere comunque in possesso della qualificazione professionale. 5

6 Art. 6 - Attività a domicilio 1) L attività di cui all art. 1 può essere svolta anche presso il domicilio dell esercente a condizione che i locali, gli ingressi ed i servizi igienici siano separati dagli altri adibiti a civile abitazione ed abbiano un idonea sala di attesa. Le caratteristiche dei locali dovranno soddisfare le esigenze previste dal Regolamento locale di igiene, beninteso che tali ambienti dovranno essere accessibili a soggetti portatori di handicap, come previsto dalla vigente legislazione per l eliminazione delle barriere architettoniche. L esercente, inoltre, dovrà consentire, con dichiarazione scritta e sottoscritta, i controlli da parte delle competenti autorità nei locali adibiti all esercizio della professione. Art. 7 - Commissione Consultiva Comunale 1) La Commissione Consultiva Comunale, prevista dall art. 2 bis della Legge n. 161, come modificata dalla Legge n. 1142, è nominata dalla Giunta Comunale e dura in carica 5 anni. 2) La Commissione Consultiva è presieduta dal Sindaco o da un suo delegato ed è così composta: a) da 3 rappresentanti della categoria artigiana designati dalle organizzazioni sindacali di categoria; b) da 3 rappresentanti dei lavoratori nominati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori più rappresentative; c) dal responsabile del settore igiene pubblica dell ASL o da un suo delegato; d) dal Comandante dei Vigili Urbani o da un suo delegato; e) da un rappresentante della Commissione Provinciale per l artigianato o da un suo delegato artigiano della categoria residente nel Comune. Art. 8 - Compiti della Commissione Consultiva 1) La Commissione esprime pareri obbligatori ma non vincolanti nei seguenti casi: a) domande di nuove autorizzazioni; b) domande di trasferimento nei laboratori esistenti; c) domande di modifica o di aggiunta di una nuova tipologia in un laboratorio preesistente; d) revoca dell autorizzazione nei casi previsti dai successivi articoli; e) domande di subingresso in un attività preesistente se vengono richieste modificazioni all autorizzazione. 2) La Commissione dovrà essere sentita nel caso di modifica o revisione del presente Regolamento. 3) Il Presidente potrà sottoporre all esame della Commissione quegli argomenti che l Amministrazione comunale ritenesse utili per una corretta gestione dello specifico comparto. 4) Le domande devono essere esaminate secondo l ordine cronologico di presentazione delle stesse all Ufficio Protocollo del Comune. Nel caso in cui la domanda venga presentata incompleta, si prenderà per valida la data di presentazione del documento che successivamente la completerà. 6

7 Art. 9 - Funzionamento della Commissione Consultiva 1) Al fine di assicurare in ogni caso il funzionamento della Commissione, il Sindaco, qualora non pervenissero le anzidette designazioni entro il termine di 30 giorni dalla richiesta, provvede a scegliere i membri fra i titolari di imprese artigianali esplicanti l attività nel Comune, oppure fra i cittadini, rispettivamente in rappresentanza degli artigiani e delle organizzazioni sindacali, demandando alla Giunta Comunale la costituzione della medesima. 2) Per la validità delle riunioni della Commissione è necessaria, in prima convocazione, la presenza di almeno la metà più uno dei suoi componenti, e in seconda convocazione con qualsiasi numero di membri purché non inferiore a quattro. I pareri sono adottati con la maggioranza dei voti espressi dai presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente. 3) Tra la prima e la seconda convocazione della Commissione deve intercorrere un intervallo di almeno 2 giorni. 4) In caso di dimissioni o perdita dei requisiti, decesso o assenza ingiustificata per oltre 3 sedute consecutive di uno o più rappresentanti di cui alle lettere a), b), e) del precedente art. 7, la Giunta Comunale provvede alla sostituzione. La designazione del nuovo membro spetta all organizzazione che aveva provveduto alla prima designazione; in caso di silenzio valgono le norme di cui al primo comma del presente articolo. 5) Il segretario della Commissione è un funzionario comunale, nominato dal Sindaco, senza diritto di voto. 6) Il voto della Commissione può essere segreto quando ciò sia richiesto da almeno un terzo dei presenti. 7) Qualora la Commissione non si pronunci entro 30 giorni dalla presentazione della domanda al Comune, il Sindaco è tenuto a decidere immediatamente sul rilascio dell autorizzazione. 8) L ordine del giorno deve essere inviato ai membri almeno 5 giorni prima della seduta e può essere modificato o integrato solo con il consenso di tutti i componenti presenti. 9) La procedura per il rinnovo della Commissione va iniziata almeno 3 mesi prima della sua scadenza. Art Ricorsi 1) Il provvedimento del Sindaco di rifiuto di accordare l autorizzazione, deve essere sufficientemente motivato e notificato al richiedente entro 60 giorni dalla presentazione della domanda. 2) Contro il provvedimento del Sindaco, che rifiuta l autorizzazione o ne dispone la revoca, è ammesso il ricorso alla Giunta Regionale entro il termine di 30 giorni, o al Tribunale Amministrativo Regionale entro il termine di 60 giorni, dalla data di notificazione della decisione. 7

8 CAPO II - NORME PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA Art. 11 Comunicazione di inizio attività 1) La comunicazione di inizio attività di estetista deve essere presentata al Comune, nell ambito dello Sportello Unico delle Imprese, ove questo sia costituito, e deve contenere i seguenti requisiti essenziali: a) cognome e nome, luogo e data di nascita, residenza e codice fiscale del richiedente; b) denominazione della ditta che intende esercitare l attività; c) precisa ubicazione del locale o dei locali ove esercitare l attività; d) caratteristiche strutturali di arredo e attrezzature inerenti l esercizio dell attività. 2) Alla comunicazione devono essere allegati, al momento della presentazione, i seguenti documenti: a) certificato di residenza; b) planimetria dei locali in scala 1/50, ove si intende esercitare l attività; c) certificazione della qualificazione professionale del richiedente o della maggioranza dei soci o del Direttore nel caso di Società non artigiana; d) copia autentica dell atto costitutivo e dello statuto della Società depositato c/o la cancelleria del Tribunale o dell atto costitutivo di S.D.F. depositato c/o l Ufficio del Registro. 3) Nel caso di impresa individuale, la comunicazione deve essere presentata dal titolare della stessa in possesso della qualificazione professionale ; qualora l autorizzazione sia richiesta da impresa gestita in forma societaria, questa deve essere presentata dal legale rappresentante della società o da tutti i soci nel caso di S.D.F. 4) Nel caso di società artigiana ai sensi della Legge n. 443, deve essere indicato il socio o i soci in possesso della qualifica professionale relativa all autorizzazione richiesta. Art. 12 Inizio dell attività 1) L attività può essere iniziata solo dopo il parere della Commissione di cui al precedente art. 7 e previo accertamento dei requisiti di cui al precedente art. 4 e dei successivi artt. 24 e 25. 2) La comunicazione di inizio attività deve essere altresì corredata da un atto notorio sostitutivo in cui il titolare dichiarerà che le apparecchiature utilizzate sono conformi alla Legge 1/90. 3) Prima dell inizio dell attività il richiedente dovrà presentare il nulla-osta di agibilità dei locali, rilasciato dal Sindaco, ai sensi degli artt. 220 e 221 del T.U. Leggi Sanitarie. 4) L autorizzazione dovrà essere esposta nel locale destinato alle attività ed esibita ad ogni richiesta di funzionari od agenti della forza pubblica o di quelli preposti al controllo sanitario. 5) Coloro che esercitano l attività presso Enti, Istituti, Associazioni ed eccezionalmente presso il domicilio del cliente, devono recare con sé l autorizzazione o copia di essa ed esibirla ad ogni richiesta degli organi di vigilanza. 8

9 6) Dell avvenuto inizio dell attività il Comune, o lo Sportello Unico delle Imprese ove questo sia costituito, provvede ad informare i seguenti uffici: a) la Commissione provinciale per l artigianato; b) la Camera di Commercio I.A.A. c) l Ufficio Igiene pubblica dell ASL. Art. 13 Obblighi successivi l inizio dell attività 1) Chi ha iniziato l attività dovrà produrre, entro 120 giorni dall inizio della stessa, al competente ufficio comunale, il certificato di iscrizione all Albo Imprese Artigiane o Registro delle Ditte per le imprese non artigiane. 2) La mancata presentazione della suddetta documentazione comporta la sospensione dell attività sino alla regolarizzazione di quanto richiesto. 3) L apertura dell esercizio dovrà avvenire entro 180 giorni dalla comunicazione di inizio attività pena la decadenza dell autorizzazione, come previsto dal successivo art. 27 del presente Regolamento. Art Cessazione dell attività o modificazione della titolarità 1) Entro 30 giorni dalla cessazione dell attività il titolare deve darne comunicazione scritta al Comune, unitamente alla riconsegna dell autorizzazione al competente ufficio comunale. Trascorso tale termine l autorizzazione è da intendersi revocata per decadenza. 2) Nel caso in cui il richiedente, in possesso della qualificazione professionale, succeda ad un attività esistente e regolarmente autorizzata, questi potrà continuare l attività del cedente dopo aver presentato la comunicazione di cui all art. 3 con allegata copia del contratto di cessione dell azienda debitamente registrato. 3) In caso di morte o di invalidità permanente del titolare dell autorizzazione, il coniuge ed i figli potranno trasferire ugualmente ad altri l autorizzazione come previsto dal precedente comma. 4) In caso di decesso del titolare, il coniuge, i figli maggiorenni o minori emancipati o il tutore dei figli minorenni dell imprenditore deceduto, possono essere titolari dell autorizzazione per un periodo massimo di 5 anni o fino al compimento della maggiore età dei figli minorenni, senza l accertamento della qualificazione professionale, purché l attività venga svolta da personale qualificato. 5) Decorso il citato periodo l autorizzazione potrà essere revocata, salvo che uno dei legittimi eredi non comprovi di essere in possesso dei requisiti di cui all art. 3 della Legge 1/90. Art Trasferimento della sede 1) Coloro che intendono trasferire la sede dell attività in un altra località del territorio comunale, dovranno presentare apposita comunicazione al Comune, o allo Sportello Unico delle Imprese ove questo sia costituito, osservando le norme del presente Regolamento ad eccezione delle norme sulle distanze di cui al successivo art

10 CAPO III REQUISITI STRUTTURALI E FUNZIONALI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Art Accertamenti igienico-sanitari 1) L accertamento dei requisiti igienico-sanitari dei locali, delle attrezzature e delle suppellettili destinati allo svolgimento dell attività di estetista, nonché dell idoneità sanitaria delle persone addette all esercizio, è di competenza dell Ufficio Igiene Pubblica dell ASL. Art. 17 Caratteristiche dei locali 1) I locali devono essere adeguatamente aeroilluminati ed il numero dei posti lavoro, rispetto alla superficie complessiva, deve essere tale da consentire che il diametro di ciascuna postazione sia pari ad almeno 1,5 m. 2) Pavimenti, pareti ed arredi debbono essere di materiale tale da consentire una facile pulizia e sanificazione. 3) Il servizio igienico, disimpegnato, deve essere in uso esclusivo all attività in presenza di almeno 5 posti-lavoro o tre addetti, o, comunque, direttamente raggiungibile dall area lavoro. Il servizio igienico deve essere dotato di rubinetteria a comando non manuale, distributore di sapone liquido e di asciugamani monouso. Art. 18 Caratteristiche delle attrezzature 1) Le attrezzature utilizzate per l esercizio delle attività devono corrispondere alle caratteristiche di conformità anche ai fini della sicurezza ed essere mantenute in tale stato. 2) Per l esercizio delle attività di estetista possono essere utilizzate le attrezzature di cui alla legge 1/90 e all allegato della Legge Regionale 48/89 ed ulteriori successive modifiche o integrazioni. 3) Tutte le attrezzature che prevedono il contatto diretto con cute e mucose devono essere o del tipo monouso o sottoposte, dopo ogni uso, al lavaggio con soluzioni detergenti ed asciugate naturalmente o con salviette monouso. 4) Le attrezzature taglienti o comunque utilizzate per tatuaggi, piercing, manicure e pedicure, debbono essere monouso o sottoposte dopo ogni trattamento a sterilizzazione con mezzi fisici o chimici, le cui modalità siano certificate e la cui efficacia sia verificabile e documentata. 5) I cicli di somministrazione di raggi UVA, i tatuaggi, i piercing al di fuori del lobo auricolare, devono essere registrati nominalmente: i dati derivanti sono soggetti alla tutela di cui al vigente Codice Privacy e possono essere acquisiti dai soli organi di vigilanza. 6) Nel caso in cui l attività venga svolta presso il domicilio dell esercente o presso Enti, Associazioni, Istituti ed uffici, questi ambienti devono avere i requisiti di cui all art. 6 del presente Regolamento. 10

11 Art. 19 Caratteristiche dei prodotti utilizzati 1) Nella pratica del tatuaggio debbono essere utilizzati pigmenti atossici-sterili. 2) I prodotti cosmetici utilizzati debbono essere a norma dell attuale legislazione in materia. Essi devono essere rigorosamente impiegati per gli usi consentiti e secondo le indicazioni riportate sulle confezioni. In particolare è vietato miscelare tra loro prodotti cosmetici: questi devono essere sempre conservati nelle confezioni originali. 3) Non possono essere venduti alla clientela prodotti cosmetici destinati ai soli usi professionali; i prodotti destinati alla vendita diretta della clientela devono essere in confezione originale con etichettatura ed avvertenze in lingua italiana. Art. 20 Informazione e pubblicizzazione delle attività 1) Ogni esercizio deve dotarsi di una carta dei servizi che sarà trasmessa, per conoscenza, alla ASL competente per territorio. Qualora tale strumento non fosse disponibile, in occasione di campagne pubblicitarie dovrà essere trasmesso alla ASL il relativo materiale divulgativo. 2) Prima di ogni trattamento, il cliente deve essere informato sugli effetti attesi e gli eventuali indesiderati, come pure sulle controindicazioni. 3) Per i trattamenti fisici di esposizione ai raggi UVA, i tatuaggi ed i piercing deve essere acquisita per ognuno il consenso informativo al trattamento. In particolare deve essere acquisito il consenso, da parte di chi ne abbia la potestà, nei confronti dei minori. 4) La pubblicizzazione delle attività è consentita nelle forme previste per le attività artigiane, ma non può prevedere, in alcun modo, l attribuzione di proprietà terapeutiche né di effetti non documentati ai trattamenti proposti. Art Controlli sanitari del personale 1) Il personale addetto all esercizio dell attività di estetista non può essere assunto in servizio o prestare la sua opera, anche se trattasi del titolare dell esercizio, se non dopo che, a richiesta dei singoli interessati, il settore Igiene Pubblica dell ASL di competenza abbia accertato e certificato l idoneità fisica e l assenza di malattie infettive e contagiose. 2) Tale visita dovrà essere annualmente rinnovata e l esito sarà annotato nell apposito libretto sanitario che deve essere conservato nel negozio per gli opportuni controlli. 3) Le visite periodiche sopra menzionate sono valide anche ai fini dei controlli sanitari previsti per il personale apprendista. CAPO IV - ORARI, TARIFFE, DISTANZE E COEFFICIENTI Art Orari 1) Gli orari giornalieri dell attività di estetista e delle giornate di chiusura annuali, vanno stabiliti con Ordinanza del Sindaco, sentite le organizzazioni sindacali di categoria e la Commissione comunale. 11

12 2) È fatto obbligo al titolare dell esercizio di esporre l orario, preventivamente segnalato e vidimato dall Amministrazione Comunale, in maniera ben visibile dall esterno del negozio. 3) In deroga all orario stabilito è concessa la facoltà di proseguire l attività a porte chiuse per l ultimazione delle prestazioni in corso oltre i limiti di orario. Art Tariffe 1) Le organizzazioni di categoria stabiliscono le tariffe di riferimento comunicandole al Sindaco. 2) Il titolare dell esercizio dovrà esporre le proprie tariffe in maniera ben visibile all attenzione della clientela, possibilmente in prossimità della cassa dell esercizio stesso. Art Distanze tra esercizi 1) L autorizzazione all apertura di un esercizio viene rilasciata a condizione che tra l esercizio di cui si chiede l apertura ed i preesistenti esercizi, intercorra almeno una distanza di 600 metri. 2) Per le autorizzazioni all esercizio di attività plurime le distanze devono essere riferite ai parametri previsti per le singole attività oggetto di autorizzazione. 3) La misurazione delle distanze fra gli esercizi dovrà effettuarsi dalle mezzerie degli ingressi più vicini, anche se secondari, seguendo il percorso pedonale più breve. L attraversamento della strada verrà effettuato ad angolo retto, non seguendo necessariamente un attraversamento pedonale. In caso di dubbio fra i diversi sistemi di misurazione verrà tenuta valida la distanza minore. Art Coefficiente per il rilascio dell autorizzazione 1) Il rapporto tra la popolazione residente e fluttuante ed il numero di esercizi viene stabilito in n. 1 esercizio di estetista ogni abitanti. 2) Nel caso in cui l incremento della popolazione, sia residente che fluttuante, sia tale da consentire il rilascio di una ulteriore autorizzazione, oltre a quelle esistenti al momento dell entrata in vigore del presente Regolamento, la stessa dovrà essere rilasciata prioritariamente nelle Frazioni in cui non operano esercizi per l attività di estetista. CAPO V - CONTROLLI E SANZIONI Art Controlli 1) Gli Agenti della Polizia Locale e della Forza Pubblica, incaricati alla vigilanza delle attività previste nel presente Regolamento, sono autorizzati ad accedere per gli opportuni controlli in tutti i locali, compresi quelli presso il domicilio in cui si svolgono le attività suddette. Art Sanzioni 1) L esercizio dell attività di estetista senza i requisiti professionali è soggetto alla sanzione amministrativa prevista dall art. 12, comma 1, della Legge n

13 2) L esercizio dell attività di estetista senza l autorizzazione comunale è soggetto alla sanzione amministrativa prevista dall art. 12, comma 2, della Legge n. 1. 3) Le altre violazioni alle norme del presente Regolamento, quando non costituiscano un reato contemplato dal codice penale o da altre leggi o regolamenti generali, sono soggette alla sanzione da un minimo di. 77,00 ad un massimo di. 500,00 con la procedura di cui alla Legge n Art Abusivismo 1) Il Sindaco ordina in via immediata la cessazione dell attività quando questa viene esercitata senza autorizzazione e dispone l esecuzione dell ordinanza mediante applicazione della formula di cui all art. 475 del c.p.c. Art Sospensione, revoca e decadenza dell attività 1) L attività per l esercizio di estetista, può essere sospesa per violazione delle disposizioni vigenti in materia, tenuto conto della gravità e della recidività delle stesse, o per la mancata presentazione della documentazione di cui al precedente art. 12, entro i termini prescritti. 2) La chiusura dell esercizio di estetista e la revoca dell autorizzazione è disposta qualora vengano meno i requisiti soggettivi ed oggettivi che ne hanno determinato l inizio della attività. La medesima sarà dichiarata decaduta qualora il titolare non attivi l esercizio entro 180 giorni dalla comunicazione di inizio attività o l abbia sospesa per un periodo di 3 mesi senza preventiva autorizzazione del Sindaco. 3) I relativi provvedimenti sono notificati all interessato entro 20 giorni. 4) La sospensione dell attività per comprovati gravi motivi di salute, non comporta la decadenza al diritto di esercitare. Art Provvedimenti d urgenza 1) Indipendentemente dall applicazione delle penalità contemplate nel precedente art. 25, nei casi contingibili ed urgenti determinati da ragioni di igiene, anche se non previsti nel presente Regolamento, potranno essere adottati dal Sindaco provvedimenti d ufficio a norma del T.U. D.Lgs. n. 267/000, quali: la chiusura dell esercizio; la sospensione dell autorizzazione; l allontanamento del personale affetto da malattie infettive e diffusive e non più fisicamente idoneo; l effettuazione di disinfezioni speciali e straordinarie, o qualunque altra misura necessaria ed idonea alla tutela della pubblica igiene e sanità. CAPO VI - NORME TRANSITORIE E FINALI Art Conversione delle vecchie autorizzazioni 1) Entro 6 mesi dall entrata in vigore del presente Regolamento, i titolari di autorizzazioni per l esercizio dell attività di estetista, rilasciata a norma della Legge n. 161 modificata dalla Legge n. 1142, dovranno presentare apposita istanza di conversione della precedente autorizzazione in base alle disposizioni contemplate nel presente Regolamento. 13

14 2) L assegnazione delle nuove tipologie verrà stabilita dal Sindaco, sentita la Commissione di cui al precedente art. 7. Art Abrogazione di norme precedenti 1) Restano abrogate tutte le precedenti disposizioni riguardanti la materia e, in modo particolare, il Regolamento adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 141 in data Art Entrata in vigore del presente Regolamento 1) Il presente Regolamento entrerà in vigore, nel rispetto del vigente Statuto Comunale, il primo giorno del mese successivo all esecutività della deliberazione di approvazione. 14

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE Approvato con deliberazione di C.C. n. 6 del 30.01.2004 Modificato con deliberazione di C.C. n. 81 del 29.11.2004 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE CAPO I Disposizioni generali

Dettagli

Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII

Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII Regolamento comunale per l'esercizio dell'attività di estetista CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO R E P U B B L I C A I T A L I A N A CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO Servizio Sportello Unico Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA CITTÀ DI MERATE PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA 1 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento 1) Il

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con deliberazione del

Dettagli

Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO

Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA approvato con deliberazione di C.C. n. 23 del 20/06/2005 modificato con deliberazione

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante.

Le medesime attività non possono svolgersi in forma ambulante. L. 14 febbraio 1963, n. 161 (1). Disciplina dell'attività di barbiere, parrucchiere ed affini (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 marzo 1963, n. 66. (2) Per la professione di estetista, vedi ora

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI Approvato con atto C.C. n. 57/1996 - Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING COMUNE DI PIZZIGHETTONE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Delibera del Consiglio Comunale n 1 del 09.01.2012 INDICE Art. 1 DEFINIZIONE e AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE Approvato con atto C.C. n 127 del 18/12/1996 Modificato con successivo atto C.C. n 76 del 16/11 /2000 Modificato con successivo atto C.C. n.59

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE Approvato con deliberazione di C.C. n. 5 del 30.01.2004 Modificato con deliberazione di C.C. n. 80 del 29.11.2004 REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista.

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista. Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO Norme in materia di attività di estetista. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 36 del 29 dicembre 2001 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Dettagli

CITTA DI BUSTO ARSIZIO

CITTA DI BUSTO ARSIZIO CITTA DI BUSTO ARSIZIO Ufficio Gestione Attività Economiche REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 152 del 11.12.2003

Dettagli

1. Premessa e definizioni

1. Premessa e definizioni Regolamento provinciale per l iscrizione, la cancellazione e la revisione delle associazioni di promozione sociale nel Registro provinciale istituito ai sensi dell art.4 della L.R. 34/2002. (Approvato

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUDCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE RELATIVE

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Art. 1 - MATERIA DEL REGOLAMENTO Art. 2 - ARTICOLAZIONE Art. 3 - REQUISITI PER L ISCRIZIONE Art. 4 - MODALITA PER

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI

TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI TITOLO I ISTITUZIONE ALBO COMUNALE E ISCRIZIONI Art. 1 Finalità 1. Il Comune di Badia Polesine riconosce e promuove il pluralismo associativo per la tutela

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DEL 16 LUGLIO 2004 N 2196 ALLEGATO A)

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DEL 16 LUGLIO 2004 N 2196 ALLEGATO A) pagina 1 di 9 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DEL 16 LUGLIO 2004 N 2196 ALLEGATO A) Titolo: criteri, condizioni e procedure tecnico-amministrative per il conferimento del riconoscimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Circolare n. 25 Prot. AOODPIT/Reg.Uff./509 Roma, 2 marzo 2009 Al Direttore Generale per il personale della scuola SEDE Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c. Al Gabinetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.4 in data 10.03.2003 In vigore dal 01.04.2003 Il Sindaco: Alberto Bartesaghi

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4259 DEL 13 MARZO 2003

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4259 DEL 13 MARZO 2003 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4259 DEL 13 MARZO 2003 Oggetto: Linee guida per l'aggiornamento e la regolamentazione delle attività delle estetiste IL DIRETTORE GENERALE RICHIAMATA la L. 4 gennaio

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore elettrico,

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Servizio di Prevenzione e Protezione di Ateneo

Università degli Studi di Palermo Servizio di Prevenzione e Protezione di Ateneo NG Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e la definizione delle loro attribuzioni (approvato nella seduta di contrattazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE Articolo 1 Dichiarazione inizio attività 1-L esercizio del noleggio di cicli, ciclomotori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI ALL ALBO CAMERALE. (Adottato con delibera della Giunta Camerale n.72, del 17 ottobre 2014)

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI ALL ALBO CAMERALE. (Adottato con delibera della Giunta Camerale n.72, del 17 ottobre 2014) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI ALL ALBO CAMERALE. (Adottato con delibera della Giunta Camerale n.72, del 17 ottobre 2014) Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina, ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.63 del 09.08.2012 1 Sommario ART. 1 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

Città di Castiglione delle Stiviere

Città di Castiglione delle Stiviere Città di Castiglione delle Stiviere Provincia di Mantova REGOLAMENTO COMUNALE per LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.C.O. (Denominazione comunale

Dettagli

MODALITÀ DI COSTITUZIONE, NOMINA E FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PROVINCIALE PER L AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO PROPRIO

MODALITÀ DI COSTITUZIONE, NOMINA E FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PROVINCIALE PER L AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO PROPRIO AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE MODALITÀ DI COSTITUZIONE, NOMINA E FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PROVINCIALE PER L AUTOTRASPORTO DI COSE IN

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO (D.Lgs 23 dicembre 1997, n. 469) SOMMARIO TITOLO I - Norme di organizzazione ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Finalità ART.

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Allegato A NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E ESTETISTA

COMUNE DI MACCAGNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E ESTETISTA COMUNE DI MACCAGNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E ESTETISTA 1 CAPO I OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Art. 1 (Oggetto del Regolamento) 1. Il presente

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento della Consulta provinciale delle professioni Regolamento approvato dal Consiglio camerale con deliberazione n.47 del 20.12.2012 INDICE ARTICOLO 1 (Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Consulta Regionale Volontariato di Protezione Civile

Consulta Regionale Volontariato di Protezione Civile Consulta Regionale Volontariato di Protezione Civile Regolamento Approvato nell Assemblea Generale del 20 Aprile 2002 1 Consulta regionale volontariato di protezione civile REGOLAMENTO Art. 1 (Oggetto

Dettagli

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23.

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23. REGIONE UMBRIA L.R. 4 aprile 1990, n. 10: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1: «Disciplina delle attività di estetista». (B.U.R.U. n. 15 dell'11 aprile 1990). N.B. Testo coordinati con

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con delibera di C.C. nr. 3 del 07.02.2015 Art.1 PRINCIPI DI CARATTERE GENERALE Il Comune di San Lorenzo Nuovo riconosce e promuove

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL DIFENSORE CIVICO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL DIFENSORE CIVICO UNIONE COMUNI ALTO APPENNINO REGGIANO (PROVINCIA DI REGGIO EMILIA) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL DIFENSORE CIVICO Approvato dal Consiglio dell'unione in data 22/03/2003 con atto deliberativo n.13 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AI FINI DELLA ELIMIAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AI FINI DELLA ELIMIAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AI FINI DELLA ELIMIAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE. (Approvato con atto di Consiglio comunale n. 81 del 11/11/2005) indice ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4

Dettagli

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E MESTIERI AFFINI

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E MESTIERI AFFINI COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E MESTIERI AFFINI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n.9 del 19.2.2004 INDICE PER ARTICOLO

Dettagli

DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING E DELLE PRATICHE CORRELATE. Art. 1. (Finalità)

DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING E DELLE PRATICHE CORRELATE. Art. 1. (Finalità) DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING E DELLE PRATICHE CORRELATE Art. 1. (Finalità) 1. La Regione Piemonte, in attuazione dell articolo 32, comma 1 della Costituzione e nel rispetto delle competenze

Dettagli

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE E FUNZIONI Art. 1 Ambito di applicazione 1.

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 27 novembre 2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 13, concernente

Dettagli

COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DEI CONSIGLIERI COMUNALI ALL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI, IN ATTUAZIONE DEL DISPOSTO DELL ART. 43, C. 2 DEL

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE DELLA ZONA A SOSTA CONTROLLATA APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 54 DEL 08.09.2010 Sommario PREMESSA AMBITO TERRITORIALE DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E ASSEGNI DI RICERCA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E ASSEGNI DI RICERCA É UP O L I S LOMBAR D I A I STI T UT O SUP E R I O R E P E R L A RIC E R C A, L A STAT I S T I C A E L A F O R M AZ I O N E REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E ASSEGNI DI RICERCA Indice

Dettagli

COMUNE DI MOGORO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LA MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MOGORO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LA MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MOGORO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LA MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 25.09.2014 Articolo 1 Oggetto.

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

FONDAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS STATUTO

FONDAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS STATUTO Fondazione Italiana Sclerosi Multipla - Onlus Via Operai 40-16149 Genova fism@aism.it Art. 1 - È costituita per volontà dell Associazione Italiana Sclerosi Multipla con sede in Roma una fondazione sotto

Dettagli

Regolamento per l attività di parrucchiere. per uomo donna - estetista

Regolamento per l attività di parrucchiere. per uomo donna - estetista COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per l attività di parrucchiere per uomo donna - estetista Approvato con deliberazione di C.C. n. 40 del 29.06.96 COMUNE DI CARNAGO c.a.p. 21040 Piazza

Dettagli

La Giunta Comunale. Visto il D.P.R. 30.05.1989 n. 223 Regolamento Anagrafico e sue modifiche;

La Giunta Comunale. Visto il D.P.R. 30.05.1989 n. 223 Regolamento Anagrafico e sue modifiche; Oggetto: Definizione linee di indirizzo per accesso in consultazione alla banca dati informatizzata dell Anagrafe del Comune di Teglio ed utilizzo dei dati anagrafici da parte degli Uffici comunali. La

Dettagli

Con sede legale in (Via/Corso/Piazza )...n. Comune di..prov.. CAP.. Tel... Fax.

Con sede legale in (Via/Corso/Piazza )...n. Comune di..prov.. CAP.. Tel... Fax. Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi n.5 12020 FRASSINO (CN) e-mail: suap.monviso@legalmail.it Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Polizia Locale Area di Vigilanza Ufficio

Dettagli

Oggetto: Domanda di autorizzazione all apertura di un Agenzia di Viaggio e Turismo. L.R. n. 8/2008. Il/La sottoscritto/a (C.F ) nato/a a Prov.

Oggetto: Domanda di autorizzazione all apertura di un Agenzia di Viaggio e Turismo. L.R. n. 8/2008. Il/La sottoscritto/a (C.F ) nato/a a Prov. Marca da bollo 14.62 Amministrazione Provinciale di Catanzaro Servizio Agenzie di Viaggio e Turismo Piazza Luigi Rossi 88100 Catanzaro Oggetto: Domanda di autorizzazione all apertura di un Agenzia di Viaggio

Dettagli

proposta di legge n. 15

proposta di legge n. 15 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 15 a iniziativa dei Consiglieri Massi, Marinelli, D Anna, Natali presentata in data 5 luglio 2010 DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

Dettagli

È adottato e posto n vigore Il seguente

È adottato e posto n vigore Il seguente STATUTO E REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO SCIENTIFICO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DI CORSI DA PARTE DI VILLA SERENA S.P.A. PROVIDER E.C.M. ACCREDITATA PROVVISORIAMENTE

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali CITTA DI RONCADE Provincia di Treviso Via Roma, 53 31056 - RONCADE (TV) Tel.: 0422-8461 Fax: 0422-846223 Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 24 del 29/10/2013

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata

ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O. Denominazione. sede e durata ASSOCIAZIONE RETE ITALIANA DI MICROFINANZA (RITMI) S T A T U T O Denominazione. sede e durata Art. 1 E costituita un associazione senza fini di lucro denominata RETE ITALIANA DI MICROFINANZA denominata

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

I.P.A.B. COLLEREALE - MESSINA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO E TRATTATIVA PRIVATA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ELENCO DELLE

I.P.A.B. COLLEREALE - MESSINA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO E TRATTATIVA PRIVATA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ELENCO DELLE I.P.A.B. COLLEREALE - MESSINA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO E TRATTATIVA PRIVATA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ELENCO DELLE IMPRESE DI FIDUCIA AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia di Palermo 2 Settore - Servizio Ambiente - Ville e Giardini AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PREMESSA In esecuzione dell'atto

Dettagli

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di CC n.15 del 10/03/2011 COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino ALBO DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA INDICE Art. 1 Materia del Regolamento Art.

Dettagli

COM 6 CORRISPONDENZA, TV, ALTRI SISTEMI

COM 6 CORRISPONDENZA, TV, ALTRI SISTEMI spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE DI SESTO FIORENTINO COM 6 CORRISPONDENZA, TV, ALTRI SISTEMI PRIVACY: Nel compilare questo modello le chiederemo di

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 11 del 15.02.2011 Art. 1 Definizione

Dettagli

AO ORDINE MAURIZIANO DI TORINO. Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte. Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino

AO ORDINE MAURIZIANO DI TORINO. Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte. Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino CONFERIMENTO DELLA POSIZIONE DI COORDINATORE SANITARIO E DI ASSISTENTE SOCIALE CRITERI GENERALI (art. 10 c.8

Dettagli

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Centri di Telefonia Internazionale Approvato con deliberazione consiliare n. 17 del 30/06/2006 ART. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento

Dettagli

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1).

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 29 novembre 2007, n. 104. Il Consiglio regionale ha approvato; Il Presidente della

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE

REGOLAMENTO REGIONALE REGOLAMENTO REGIONALE L.R. n.18 del 19 luglio 2013 Semplificazioni in materia di rilascio di certificazioni di idoneità all attività sportiva agonistica Integrazioni alla Legge Regionale n. 26 del 9 agosto

Dettagli

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

CARTA DI ESERCIZIO E ATTESTAZIONE ANNUALE PER OPERATORI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

CARTA DI ESERCIZIO E ATTESTAZIONE ANNUALE PER OPERATORI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CARTA DI ESERCIZIO E ATTESTAZIONE ANNUALE PER OPERATORI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Che cosa è e a che cosa serve Gli operatori ambulanti ai sensi dell art. 21, comma 10 della L.R. 06/2010 hanno l

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Comune di Arese Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 22.05.2007 Art. 1 Definizioni Il presente regolamento disciplina l attività

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure urgenti per il miglioramento del sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione. VISTO il Reg. (CE) n. 834/2007

Dettagli

COMUNE DI LAZISE - PROVINCIA DI VERONA - REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO E SULL'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI LAZISE - PROVINCIA DI VERONA - REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO E SULL'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI LAZISE - PROVINCIA DI VERONA - REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO E SULL'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con atti del Consiglio Comunale n. 55 in data 28.11.1997 n. 6 in data 04.02.1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE.

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE. Approvato con delibera di C.C. n. 49 del 06/10/2005. PREMESSA E DEFINIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Le attività di Acconciatore e di Estetista, siano esse esercitate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 Art. 1 Definizioni Ai fini del presente regolamento, con i termini che seguono si

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Ufficio IV

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Ufficio IV MIUR.AOODRTO.REGISTRO UFFICIALE.0003008.23-02-2011 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Firenze, 21 febbraio 2011 Ai Dirigenti degli Uffici Territoriali dell Oggetto: Domande per

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania CATANIA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania CATANIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI ANNUALI DI ISCRIZIONE ALL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CATANIA PREMESSA Il presente Regolamento si propone di normare la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI. Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI. Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni Approvato con D.C. n.20 del 16 marzo 2009 Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

Capo I - PARTE GENERALE

Capo I - PARTE GENERALE Regolamento delle procedure di trasferimento e di mobilità interna dei professori ordinari, dei professori associati e dei ricercatori, ai sensi degli artt. 1, comma II, e 3 della legge 3 luglio 1998,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli