04/05/ CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno"

Transcript

1 Caratteristiche fisiche del legno Il legno per le costruzioni si ricava dalla parte interna dei grossi fusti degli alberi. È un materiale con una struttura complessa, non omogenea e anisotropa (sottoposto a sollecitazione, si comporta in modo diverso a seconda della direzione dello sforzo). Dal punto di vista botanico, si distinguono legni provenienti da coniferee latifoglie. 1

2 Caratteristiche fisiche del legno I fustisi formano per accumulo di anelli, a ognuno dei quali corrisponde, in genere, un anno di vita della pianta. Negli anelli annuali si può distinguere una zona chiara più tenera, corrispondente alla stagione di accrescimento primaverile, e una zona più scura e compatta, che si forma nella stagione autunnale, mentre in estate e in inverno l accrescimento è praticamente nullo. Nelle coniferela differenza tra queste due zone è molto marcata, mentre lo è meno per le latifoglie; inoltre, il fusto delle conifere è percorso da canali che contengono la resina (essenze resinose). Naturalmente sulla crescita della pianta influiscono il tipo di terreno, l altitudine, il clima della zona; di conseguenza lo spessore degli anelli non è costante e la sezione trasversale del fusto mai perfettamente regolare. Caratteristiche fisiche del legno 2

3 Caratteristiche fisiche del legno Caratteristiche fisiche del legno 3

4 Caratteristiche fisiche del legno Nella sezione tangenziale del tronco si distinguono: le venature, risultanti dal contrasto tra la zona chiara e quella più scura dell anello annuale; la tessitura, che può essere grossolana, media, fine e liscia; la fibratura, cioè la disposizione delle fibre, che possono essere diritte o intrecciate. Altro carattere di grande importanza è il colore; può essere uniforme oppure variegato. In genere ogni legno ha una colorazione dominante, che passa dal quasi bianco (l acero) al nero intenso (l ebano). Difetti del legno Il caso ideale di un legno senza difetti si presenta in natura molto raramente e nella maggior parte dei casi si riscontrano, invece, molte imperfezioni. Da un punto di vista tecnologico bisogna fare attenzione ad alcuni difetti. 4

5 Difetti del legno Imperfezioni di struttura: fusto incurvato; fusto cavernoso; fusto contorto; eccentricità del midollo; fibre sinuose e pieghettate (marezzatura); lunatura(presenza di strati teneri nel durame); tasche e infiltrazioni di resina; Difetti del legno 5

6 Difetti del legno Imperfezioni di struttura: canastroo legno di compressione (alterazione dovuta a sollecitazione costante sulla pianta da vento, peso proprio). Il legno acquista un colore rossiccio e una durezza anormale; legno di tensione (dovuto a venti dominanti). Si distingue per la colorazione bianco-argentea e, come il canastro, non è utilizzabile. Difetti del legno Imperfezioni di struttura: nodi. Possono essere sani o marci, aderenti o cadenti; se sezionati per il lungo, si chiamano nodi a baffo; cipollature. Sono distacchi parziali o totali tra due anelli annuali; sono difetti gravi, perché determinano soluzioni di continuità nel legno; per le essenze resinose, i vuoti possono riempirsi di resina, determinando le tasche; 6

7 Difetti del legno Difetti del legno B) Danni provocati da vento, neve, errori nel taglio, trasporto e stagionatura spacchi radiali, dovuti al gelo; fenditure longitudinali, che spesso si verificano dopo la riduzione in tavole, a causa di tensioni interne; deformazioni, dovute al ritiro durante la stagionatura. 7

8 Difetti del legno C) Alterazioni prodotte da animali e funghi cavernosità prodotte da parassiti (larve di insetti); marciume bianco e rosso, dovuto a funghi che attaccano il legno quando è mantenuto in luoghi molto umidi; tarlatura, da parte di insetti xilofagi (il più comune è il capricorno della casa, poi il tarlo, le formiche, le vespe del legno e le termiti). 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura Ogni pianta ha nei suoi tessuti una certa quantità di acqua, che in parte è libera nelle cavità cellulari e in parte combinata con le sostanze costituenti i tessuti della pianta stessa. Il periodo dell anno per abbattimentodella pianta va da novembre a febbraio nel quale la secrezione dei succhi vegetali è minima (ad eccezione delle essenze resinose che sono abbattute nel periodo estivo) per ottenere una maggiore durata del legno ricavato. 8

9 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura I tronchi tagliati, esposti all aria, perdono la loro umidità e comincia così il processo di stagionatura, che è della massima importanza per il successivo impiego del legname. La stagionatura può essere «naturale» o «artificiale». 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura La stagionatura o essiccazione non può dare un legname perfettamente secco, cioè privo di acqua, perché il legno assorbe sempre una certa quantità di umidità dall ambiente dove è posto in opera. Questa umidità si stabilizza con il tempo su valori che vanno dall 8% al 20%, a seconda che si tratti di locali coperti oppure esposti alle intemperie. La percentuale di umidità nel legno è della massima importanza in quanto determina variazioni dimensionali notevoli («ritiro»), che comportano grossi problemi specialmente nell impiego del legno per infissi e arredamento. Inoltre un elevata umidità facilita l attacco da parte di funghi, per cui occorrono trattamenti speciali. 9

10 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura Una stagionatura naturale comporta un lungo periodo di tempo, con rischi di capitale; per esempio, se il legname è in tavole di 4 cm di spessore, può bastare un anno per i legni duri; per spessori maggiori sono necessari anche tre anni. 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura Con la stagionatura artificiale in essiccatoi dove è fatta circolare aria calda con grado di umidità sempre minore, il legname perde velocemente e gradualmente il suo contenuto di acqua. Si può anche procedere alla cottura in acqua calda o alla vaporizzazione fino a 100 C. Con questi metodi i tempi di stagionatura sono molto ridotti (addirittura pochi giorni). 10

11 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura Occorre precisare, dal punto di vista tecnologico, che il legno «migliore» non è quello ricavato da una lunga stagionatura, ma quello che ha un contenuto di umidità pari al grado di umidità che il legno stesso finisce di acquisire nel suo ambiente di utilizzazione. Ad esempio: Una trave con contenuto di umidità del 18%, stagionata da un anno, posta in opera in ambiente dove il legno si stabilizza con umidità del 18%, resta perfettamente indeformata. Una trave stagionata 5 anni, con umidità del 12%, nello stesso ambiente può subire deformazioni. 2. UMIDITA E STAGIONATURA La stagionatura 11

12 2. UMIDITA E STAGIONATURA La deformabilità La deformabilitàdel legno è in funzione del rapporto tra il ritiro radiale e quello tangenziale, che assumono valori diversi per le varie essenze: 2. UMIDITA E STAGIONATURA La deformabilità Gli effetti combinati dei vari ritiri che subisce il legno possono portare, su una tavola, a deformazioni complessive che, in base alla loro forma, assumono le seguenti denominazioni: imbarcamento; arcuatura; falcatura; svergolamento. 12

13 2. UMIDITA E STAGIONATURA La deformabilità La deformazione più frequente è l imbarcamento, ma anche lo svergolamento può verificarsi con facilità; più rare sono la falcatura e l arcuatura. Tali deformazioni, se eccessive, rendono poco utilizzabile il legname. Sono molto frequenti spacchi e fessurazioni, limitati spesso all estremità delle tavole. Caratteristiche formali I vari tipi di legno si distinguono alla vista per il disegnoe il colore, specialmente dopo i trattamenti che ne esaltano le qualità formali. Sotto questo aspetto, difetti particolari dei legni, come nodi, marezzature, contorsioni delle fibre ecc., possono acquistare rilevanza estetica, soprattutto nel campo dell arredamento e degli infissi. 13

14 Caratteristiche formali Il disegnodel legno può essere definito come l aspetto che è assunto dalla superficie per effetto della venatura sezionata. Caratteristiche formali La venatura è caratterizzata dalle zone di alternanza di accrescimento primaverile e autunnale; può essere molto evidente, poco evidente oppure invisibile, a seconda dei legni; quando è ben percettibile, la venatura può variare in ampiezza ed essere larga, media e stretta. 14

15 Caratteristiche formali Altre due caratteristiche di forma del legno sono: la tessitura è data dalla grandezza degli elementi cellulari costituenti i tessuti; la fibratura è il risultato dell orientamento di tali elementi. Caratteristiche formali Il coloredel legno è un po come quello della pietra: dipende dal tipo di trattamento superficiale e dall invecchiamento. Il colore è una caratteristica costante di una data essenza, ma può variare entro limiti assai ampi per la stessa pianta; è per questo motivo che per lavori di ebanisteria si applica il metodo Boule per la stagionatura dei tronchi, in modo da avere un uniformità di colore con le tavole provenienti dallo stesso fusto. 15

16 Caratteristiche formali Il legno fresco è di tonalità assai più chiara ma via via il legno tende a scurire per l ossidazione, specie se all aperto e se esposto ai raggi del sole. Caratteristiche formali Il legno molto vecchio diventa anche più duro e fragile e presenta difficoltà di lavorazione. Le superfici lisciate mostrano un colore smorto, che assume una bella tonalità con opportuni trattamenti; il colore che siamo abituati a vedere nelle foto dei campionari è quindi quello del legno trattato, ovvero «lucidato»; in tal caso il colore mantiene molto più a lungo la sua tonalità. 16

17 Caratteristiche formali I legnami da costruzione non sono lucidati, in quanto il trattamento è molto costoso, ma sono invece trattati con sostanze protettive (contro insetti, tarli, parassiti ed eventuali incendi). I legnami per le opere di arredamento e infissi devono invece subire un trattamento di verniciatura, che può essere trasparente (nel senso che la scia vedere le venature e il colore del legno) oppure ricoprente (in tal caso il tipo di legno non è importante). Sono verniciature trasparenti: il coppale (resina fossile) la lucidatura a spirito (gommalacca e alcool) la ceratura; la sabbiatura; le vernici alla nitro, al poliuretano, al poliestere. Sono vernici opache: le lacche; le vernici a olio. Caratteristiche Meccaniche Le caratteristiche meccaniche del legno variano entro limiti amplissimi, che dipendono dalla essenza, dal peso specifico secco, dal grado di umidità, dalla direzione delle fibre rispetto alla sollecitazione e dai difetti del legno stesso (nodi, cipollature ecc.). Le prove per la classificazione dei legni in generale si effettuano su campioni ricavati da elementi sani e senza difetti, mentre per i legni strutturali vengono effettuate le prove specifiche indicate successivamente. 17

18 Resistenza a compressione Compressione assiale parallelamente alle fibre. Il carico di rottura è determinato su provini di cm, con umidità 12%; risulta: Per ogni grado di umidità in meno (o in più) il valore così ottenuto aumenta (o diminuisce) del 4% circa. Resistenza a compressione L influenza di eventuali nodisul carico di rottura è chiaramente evidenziata dalla figura. 18

19 Resistenza a compressione Compressione perpendicolarmente alle fibre. In questo caso i valori del carico di rottura sono molto inferiori a quello assiale; in genere si riducono a un quinto, con variazioni notevoli in relazione al tipo di legno. Resistenza a compressione Compressione inclinata rispetto alle fibre. I valori del carico di rottura variano molto in funzione dell angolo. Il diagramma fornisce una misura precisa di tali variazioni. Il carico si riduce da 40 N/mm2 (400 kg/cm2) a 10 N/mm2 (100 kg/cm2). 19

20 Resistenza a trazione In generale la resistenza a trazione risulta più grande di quella a compressione (almeno doppia), sempre riferita parallelamente alle fibre; se si fa il rapporto tra il carico di rottura e il peso specifico, si rileva che il legno lavora meglio dell acciaio. Tuttavia la resistenza a trazione è notevolmente ridotta dalla presenza dei nodi e dalle irregolarità della fibratura. Le prove effettuate su elementi di notevole dimensione hanno dato risultati inferiori del 50% rispetto a quelle effettuate su provini normali, in quanto la struttura del legno, in una massa maggiore, risulta sempre meno perfetta. 4. RESISTENZA A FLESSIONE E A TAGLIO Resistenza a flessione Una trave sottoposta a sollecitazione di flessione si deforma elasticamente, producendo sulle fibre interne uno sforzo di compressione e uno di trazione, secondo il noto diagramma di Navier. Per il legno l andamento delle tensioni è rappresentato dalla figura ed è diverso da quello teorico di Navier. Nelle prove, la rottura avviene prima sul bordo compresso poi su quello teso. Nella formula teorica di calcolo della flessione non si possono sostituire al sigma i valori di compressione e neppure quelli di trazione; occorre un valore compreso tra i due, che si chiama resistenza a flessione, la cui determinazione sperimentale è piuttosto difficile. 20

21 4. RESISTENZA A FLESSIONE E A TAGLIO Resistenza a flessione 4. RESISTENZA A FLESSIONE E A TAGLIO Resistenza a flessione Le prove di rottura a flessione sono effettuate su provini di cm di lunghezza, secondo lo schema in figura. Il carico di rottura si determina con la formula dove n è un coefficiente di qualità proprio del legno, che in genere è inferiore a 2. 21

22 4. RESISTENZA A FLESSIONE E A TAGLIO Resistenza a flessione La resistenza a flessione è influenzata dall umidità e dai difetti del legname; è bene scartare le travi con spaccature longitudinali e nodi posti nella zona tesa. 4. RESISTENZA A FLESSIONE E A TAGLIO Resistenza a flessione Il legno sottoposto a flessione è soggetto al fenomeno del fluage(termine francese per indicare un lentissimo scorrimento delle fibre del materiale nel tempo nelle strutture sotto carico, caratteristico anche di altri materiali quali il ferro e il calcestruzzo). Gli effetti del fluagenel legno si verificano con un aumento notevole della freccia di inflessione, che dopo vari mesi risulta più che raddoppiata. È bene quindi apportare una discreta riduzione al carico di sicurezza per travi in legno inflesse, quando queste sono soggette a carichi permanenti. 22

23 4. RESISTENZA A FLESSIONE E A TAGLIO Resistenza a taglio Nel caso di sollecitazione di scorrimento lungo le fibre, i valori di resistenza sono molto bassi e vanno da un minimo di 4 N/mm2 (40 kg/cm2) a un massimo di 12 N/mm2 (120 kg/cm2). Per sollecitazione normale alle fibre, che però non si verifica quasi mai, la resistenza assume valori notevoli, da un minimo di 12 N/mm2 (120 kg/cm2) a un massimo di 40 N/mm2 (400 kg/cm2). Le prove si determinano sui provini normalizzati indicati in figura LEGNI STRUTTURALI. CARATTERISTICHE MECCANICHE Premessa La norma europea UNI EN 408 dell ottobre 2010 precisa le prove per la determinazione delle caratteristiche meccaniche per il legno massiccio strutturale e per il legno lamellare incollato, con particolare attenzione al Modulo di elasticità del materiale. Le prove devono essere eseguite su elementi condizionati allo stato ambientale normale, con temperatura di 20 C (±2) e con umidità relativa del 65% (±5). 23

24 5. LEGNI STRUTTURALI. CARATTERISTICHE MECCANICHE Modulo di elasticità Il provino deve avere una lunghezza pari a 19 volte l altezza della sezione ed essere appoggiato su due punti, con luce di 18 volte l altezza della sezione, come indicato in figura 1. Il provino viene sottoposto a carico in due punti alle estremità della zona centrale e viene misurata la deformazione W con molta precisione. 5. LEGNI STRUTTURALI. CARATTERISTICHE MECCANICHE Modulo di elasticità Note le forze F applicate e la deformazione W, si può ricavare il grafico del carico deformazione entro il campo della deformazione elastica. Questo grafico risulta lineare (figura 2). Il valore del modulo elastico si ricava dall espressione: Il modulo di elasticità deve essere calcolato con approssimazione dell 1%. 24

25 5. LEGNI STRUTTURALI. CARATTERISTICHE MECCANICHE Resistenza a flessione La prova viene effettuata su un provino di legno massello di lunghezza pari a 19 volte l altezza della sezione (figura 3). Per la determinazione della resistenza a flessione il provino deve essere caricato simmetricamente, appoggiato su due punti con luce pari a 18 volte l altezza, come indicato nella figura 3. La resistenza a flessione si ricava dall espressione: 25

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 ing. Rita D Alessandro ufficio normative EdilegnoArredo A.I.P.P.L. dr. Stefano Berti CNR IVALSA 2 Soluzioni architettoniche moderne

Dettagli

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione

Capriate in legno I edizione aprile 2011. Indice Introduzione Capriate in legno I edizione aprile 2011 Indice Introduzione 1. Il legno e sue applicazioni 1.1. Il legno come materiale da costruzione 1.2. diffusione del legno 1.3. Standardizzazione della produzione

Dettagli

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni DESTEC Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Linda Giresini 8 Novembre 2012 Legno: origine

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

L albero e il tronco

L albero e il tronco IL LEGNO L albero e il tronco Ciclo di produzione Trasporto: Camion Teleferica Fluitazione Rotaie Segagione Tipi di segagione Il taglio e gli effetti del ritiro Tipi di segati Sfogliati Tranciati Prodotti

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare ASPETTI AMBIENTALI DEL LEGNO Fornitura e deposito in cantiere I blocchi di legno massiccio, ma anche quelli in legno lamellare vengono trasportati con normali autocarri, dato il loro peso contenuto, e

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Materiali, profili prestazionali e marcatura CE

Materiali, profili prestazionali e marcatura CE CNR-DT 206/2007 il controllo delle strutture di legno Materiali, profili prestazionali e marcatura CE prof. ing. Ario Ceccotti CNR - IVALSA Università di Venezia IUAV Ario Ceccotti, IVALSA-CNR 1 Presentazione

Dettagli

LEGNO: caratteristiche fisiche e meccaniche

LEGNO: caratteristiche fisiche e meccaniche LEGNO: caratteristiche fisiche e meccaniche Alessandra Marini Università di Bergamo alessandra.marini@unibg.it LEGNO Le prestazioni meccaniche del legno sono intimamente connesse all origine naturale del

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO I

STRUTTURE IN LEGNO I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN LEGNO I AGGIORNAMENTO 13/01/013 CONIFERE (essenze resinose) Sono alberi che vivono in alta montagna. CONIFERA

Dettagli

specie legnose e colori

specie legnose e colori 1 PINO (Pinus sylvestris) È un legno che garantisce un ottimo rapporto qualità/prezzo. Lavoranti in Legno si approvvigiona direttamente dal nord Europa e più precisamente dalla Scandinavia, dove si trovano

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni Roma, 11 aprile 2014 08 Classificazione degli alberi Le foreste rappresentano il 29,6% della superficie

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso i TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà i Architettura Università egli Stui i Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri i verifica NORMATIVA DI

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

BONDEX I DANNI PER IL LEGNO Nemici del legno Raggi - UV il legno diventa grigio. Usura, Inquinamento e temperature Umidità il carico dell umidità provoca lo scaturire e dimiminuire del legno e porta alla

Dettagli

Il brico dalle mille idee...

Il brico dalle mille idee... Il brico dalle mille idee... IL LEGNO E SUE CARATTERISTICHE Peculiarità del legno 2 Caratteristiche del legno Il legno è il materiale ricavato dai fusti delle piante, in particolare dagli alberi ma anche

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Annalisa Tirella a.tirella@centropiaggio.unipi.it 04/04/2013

Annalisa Tirella a.tirella@centropiaggio.unipi.it 04/04/2013 I materiali compositi Annalisa Tirella a.tirella@centropiaggio.unipi.it 04/04/2013 Definizione Composizione Classificazione Proprietà Materialicomposi5 Matricepolimerica Matricemetallica Matriceceramica

Dettagli

Holz Building studio di ingegneria bioedilizia strutture e case in legno

Holz Building studio di ingegneria bioedilizia strutture e case in legno La Holz Building nasce da uno studio di ingegneria che da diversi anni coltiva l interesse per la bioedilizia, specializzatosi in particolar modo nella progettazione e produzione di strutture e case in

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

Capitolo 4. Superfici, tribologia, caratteristiche dimensionali e controllo qualità. 2008 Pearson Paravia Bruno Mondadori S.p.A.

Capitolo 4. Superfici, tribologia, caratteristiche dimensionali e controllo qualità. 2008 Pearson Paravia Bruno Mondadori S.p.A. Capitolo 4 Superfici, tribologia, caratteristiche dimensionali e controllo qualità 1 Proprietà superficiali dei metalli Figura 4.1 Schema di una sezione della superficie di un metallo. Lo spessore di ciascuno

Dettagli

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste NORMA ITALIANA Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste UNI 11035-3 OTTOBRE 2010 Structural timber Visual strength grading

Dettagli

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE PROVA DI TRAZIONE La prova, eseguita a temperatura ambiente o più raramente a temperature superiori o inferiori, consiste nel sottoporre una provetta a rottura per mezzo di uno sforzo di trazione generato

Dettagli

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado.

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. Dicembre 2007 EDILIZIA PROFESSIONALE Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. SigmaKalon Univer S.p.a. Via Monte Rosa, 7 28010 Cavallirio (NO) Tel. (0163) 806 611 Fax (0163) 806 696 info@sigmakalon.it

Dettagli

Pannelli Serie Woodline

Pannelli Serie Woodline Pannelli Serie Woodline Caratteristiche del pannello. Il pannello della Serie Woodline è stato studiato per l applicazione finale come pannello per rivestimento nelle porte blindate. L interno è costituito

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e

STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e STRUTTURE IN LEGNO: - Caratteristiche del legno strutturale - Unioni chiodate e bullonate - Verifica e consolidamento dei solai - Verifica e consolidamento delle strutture di copertura - Strutture in legno

Dettagli

I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO

I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO CEDRO Legno dolce di colore arancio chiaro viene utilizzato per costruire carcasse pannelli e fascie. L'odore caratteristico che emana tiene lontani gli

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il brico dalle mille idee... LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il legno all esterno e l impregnazione in autoclave 2 Il deterioramento del legno all esterno I manufatti in legno esposti all'esterno sono sottoposti

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA 1 PIEGATURA È uno tra i più comuni metodi di lavorazione delle lamiere Utilizzata sia come processo a sé stante, sia in combinazione con altre operazioni

Dettagli

LE ESSENZE LEGNOSE ESSENZE TENERI O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili e si prestano bene al taglio, ma con altrettanta facilità sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno

Dettagli

La massa volumica del legno

La massa volumica del legno INGEGNERIA NATURALISTICA E MANUTENZIONE DEL TERRITORIO Proprietà materiali (Fondamenti di tecnologia del legno) Marco Togni Firenze, 2011 La massa volumica del legno 1 La massa volumica del legno = Densità

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Specie legnose e colori

Specie legnose e colori Pino Il legno di pino utilizzato dalla falegnameria Cortese è ricco di resina e unto al tatto. In questa conifera il limite tra gli anelli annuali è chiaramente riconoscibile per la chiara differenza nello

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

RW 100 RW 105 Sistemi in alluminio-legno

RW 100 RW 105 Sistemi in alluminio-legno RW 100 RW 105 Sistemi in alluminio-legno 1 IL MEGLIO DI DUE MATERIALI Una calda atmosfera che dura nel tempo La robustezza dell alluminio e il fascino del legno, un connubio perfetto per un serramento

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose Di Elisa Rossi & Marina Capria Le essenze legnose ESSENZE TENERE O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili, sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno una scarsa resistenza;

Dettagli

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3 SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI 1 DEFINIZIONI Lo scorrimento viscoso o scorrimento plastico permanente (in inglese creep) è la deformazione permanente di un materiale sottoposto, ad alta temperatura,

Dettagli

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October 2003 I.A. Antonio Giulio Durante

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA LA LEVIGATURA La levigatura del pavimento di legno consiste nelle operazioni di spianamento e di lisciatura della superficie in modo da renderla adatta ai successivi trattamenti di finitura. Si effettua

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone -

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone - PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA Parco Naturale Adamello Brenta Via Nazionale, 24 38080 Strembo TN Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Casa in legno. antica o soluzione moderna?

Casa in legno. antica o soluzione moderna? Casa in legno Ritorno all antica antica o soluzione moderna? Storia della casa in legno La storia delle case in legno inizia nel 2700 a.c. nell Europa centrale (Blockhaus). Storia della casa in legno A

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep

Proprietà meccaniche. Prove meccaniche. prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Proprietà meccaniche Prove meccaniche prova di trazione prova di compressione prova di piegamento prova di durezza prova di fatica prova di creep Prova di trazione provini di dimensione standard deformazione

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

TRAVI IN LEGNO A GIUDIZIO

TRAVI IN LEGNO A GIUDIZIO Tecnice & Prodotti RECUPERO Il legno non finisce mai di morire... A differenza di altri materiali va osservato, studiato, interpretato. Una struttura in legno massello non si calcola, si analizza. I numeri

Dettagli

SOLUZIONI VINCENTI. per il segmento LEGNO. In questa raccolta. Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA

SOLUZIONI VINCENTI. per il segmento LEGNO. In questa raccolta. Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA SOLUZIONI VINCENTI per il segmento LEGNO In questa raccolta Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA 2 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA 3 LEGNO MASSELLO ANTE PER CUCINA

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

woodwrap avvolgente come una seconda pelle il sistema unico e brevettato per le facciate ventilate in legno

woodwrap avvolgente come una seconda pelle il sistema unico e brevettato per le facciate ventilate in legno woodwrap avvolgente come una seconda pelle il sistema unico e brevettato per le facciate ventilate in legno la facciata La facciata ventilata presenta un intercapedine appositamente studiata che consente

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

A base d acqua. 1.4 Caratteristiche: Efficace contro gli insetti dei legni infestati (capricorni, lictidi, tarli) nonché contro le termiti e funghi.

A base d acqua. 1.4 Caratteristiche: Efficace contro gli insetti dei legni infestati (capricorni, lictidi, tarli) nonché contro le termiti e funghi. 1 / 6 pagine Codice prodotto: 450120 Nome prodotto: Consigliato per: Confezioni disponibili: BONDEX PRESERVE Tutte le superfici e tipo di legno per esterni ed interni 0.75 L - 5.00 L Protegge dai funghi

Dettagli

Verifica di una struttura esistente

Verifica di una struttura esistente Il metodo agli Stati Limite per la verifica delle strutture in c.a. Giovanni A. Plizzari Università di Bergamo Paolo Riva Università di Brescia Corso Pandini Bergamo, 14-15 Novembre, 2003 Verifica di una

Dettagli

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA Roma - 22 Maggio 2007 I nuovo approccio prestazionale della resistenza al fuoco delle strutture nella sicurezza antincendi COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

IL PARQUET Caratteristiche e varietà di essenze

IL PARQUET Caratteristiche e varietà di essenze Come promesso, in questo secondo numero, avremo modo di definire le principali caratteristiche del parquet per poi fare una carrellata sulle più diffuse essenze legnose utilizzate nella produzione di parquet,

Dettagli

BOSTIK ASSEMBLER EFFETTO VENTOSA

BOSTIK ASSEMBLER EFFETTO VENTOSA BOSTIK ASSEMBLER EFFETTO VENTOSA Eccellente adesivo per la costruzione con ottima presa iniziale e ottima resistenza finale. Ideale per un tenace incollaggio a superfici porose di qualsiasi materiale che

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli