Keywords: presupposizione pragmatica, common ground, asserzione, accomodamento, aggiornamento del contesto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Keywords: presupposizione pragmatica, common ground, asserzione, accomodamento, aggiornamento del contesto"

Transcript

1 1 SEMANTICA 2009 LEZIONE 15 Keywords: presupposizione pragmatica, common ground, asserzione, accomodamento, aggiornamento del contesto 1. Introduzione Il contesto kaplaniano (lezione 14) è piuttosto ristretto; corrisponde alla concreta situazione di enunciazione. Poiché serve essenzialmente a risolvere il problema del riferimento diretto, questa concezione del contesto è semantica. Ma, intuitivamente, è possibile avere una concezione molto più ampia del contesto ad es., come contesto discorsivo, in cui il parlante e gli interlocutori entrano non soltanto come entità a cui ci si può riferire direttamente, ma come partecipanti alla conversazione, dotati di credenze, scopi comunicativi, ecc. La situazione comunicativa (conversazione) rientra pienamente nel dominio della pragmatica. A prima vista, questo livello di significato è tutt altra cosa rispetto al significato vero-condizionale che abbiamo cercato di analizzare fino a qui. Vedremo, invece, che è possibile collegare i due livelli di significato in un modo interessante. Il collegamento emerge nella teoria dell asserzione proposta in Stalnaker (1979), che combina la concezione della conversazione come attività cooperativa e razionale con la semantica standard degli stati di credenza (analizzati come insiemi di mondi possibili). 2. Digressione (troppo breve) su Grice La concezione della conversazione (comunicazione linguistica) come attività razionale e cooperativa è centrale nei lavori di P. Grice (a partire dal 1967): Cooperative Principle (CP): Make your conversational contribution such as is required, at the stage at which it occurs, by the accepted purpose or direction of the talk exchange in which you are engaged. (Grice 1967a/1989, 26.) Il principio viene articolato nelle seguenti massime conversazionali: Quantity Make your contribution as informative as is required (for the current purposes of the exchange). Do not make your contribution more informative than is required. Quality (Supermaxim): Try to make your contribution one that is true. (Submaxims): Do not say what you believe to be false. Do not say that for which you lack adequate evidence. Relation Be relevant. Manner (Supermaxim): Be perspicuous. (Submaxims): Avoid obscurity of expression. Avoid ambiguity. Be brief (avoid unnecessary prolixity).

2 2 Be orderly. Gli effetti delle massime si esplicano in particolare nel fenomeno dell implicatura, di cui qui accenneremo soltanto un esempio. Supponiamo che un parlante asserisca: (1) Obama visiterà la Francia o la Germania. Le condizioni di verità della disgiunzione logica sono inclusive: la disgiunzione è vera quando almeno uno dei due disgiunti è vero, oppure entrambi sono veri. Ma se un parlante asserisce (1), gli ascoltatori normalmente ne inferiscono che Obama non visiterà sia la Francia che la Germania. Queste perché, se il parlante avesse avuto informazioni che lo autorizzavano ad asserire la congiunzione, per la massima della quantità avrebbe dovuto farlo (= Obama visiterà la Francia e la Germania). Gli ascoltatori fanno la seguente inferenza: se il parlante avesse potuto asserire la congiunzione, per la massima della quantità lo avrebbe fatto; se non ha asserito la congiunzione, è perché non poteva asserirla, poiché la congiunzione sarebbe stata altrettanto pertinente rispetto agli scopi della conversazione (sapere quali paesi europei saranno visitati da Obama); se non poteva asserirla, è perché le condizioni di verità della congiunzione non potevano essere soddisfatte. In questo modo, le situazioni «inclusive» (che verificano la congiunzione) vengono escluse per una implicatura, benché siano compatibili con la semantica della disgiunzione (che, in termini strettamente semantici, è inclusiva). Vediamo, infatti, che se la frase è negata l implicatura non sorge, e la disgiunzione ha una interpretazione inclusiva: (2) Obama non visiterà la Francia o la Germania risulta falsa se Obama visiterà entrambi i paesi: qui le situazioni «inclusive» soddisfano le condizioni di verità della disgiunzione. Un ragionamento analogo si applica nell interpretazione dei numerali: (3) Gianni ha due figli. La frase (3) viene considerata falsa se Gianni ha tre figli. Ma sul piano strettamente logico, se Gianni ha tre figli, è anche vero che ne ha due. Tuttavia, in questo caso per la massima di quantità il parlante avrebbe dovuto utilizzare: (4) Gianni ha tre figli che è più informativa in quanto implica logicamente la (3). Se il parlante non ha utilizzato (4), gli ascoltatori ne inferiscono che non poteva utilizzare (4), perché le condizioni di verità di (4) non erano soddisfatte; dunque l interpretazione di (3) è: Gianni ha due figli e non più di due. Questo tipo di implicatura viene detta IMPLICATURA SCALARE. 1 Questa brevissima esposizione è sufficiente per renderci conto che il calcolo delle implicature presuppone che la conversazione sia una attività cooperativa, e che tutti i partecipanti la riconoscano come tale; gli ascoltatori possono così assumere che il parlante si conformi, per quanto gli è possibile, alle massime conversazionali. 1 Cfr invece: - A: Hai cinque euro (da prestarmi)? - B: Sì, li ho. Qui il parlante B non comunica che ha esattamente cinque euro, perché il fatto che ne abbia di più non è pertinente. La massima della quantità richiede di essere masimamente informativi rispetto agli scopi dello scambio comunicativo che è in corso.

3 3 NB: Con questo misero paragrafetto non intendo assolutamente sminuire l importanza della pragmatica. Questa disciplina, purtoppo, non può essere discussa adeguatamente all interno del nostro percorso. La discuto in modo così limitato soltanto per mostrare che questa concezione generale è un ingrediente indispensabile della teoria dell asserzione sviluppata da Stalnaker. 2. Il contesto stalnakeriano Le idee fondamentali: 1. Un atto di asserzione è l espressione di una proposizione (qualcosa che rappresenta il mondo come fatto in un certo modo). 2. Le asserzioni vengono fatte in un contesto una situazione che include un parlante (colle proprie credenze e intenzioni) e degli interlocutori (colle proprie credenze e intenzioni). 3. Gli atti di asserzione hanno lo scopo di modificare il contesto, e in particolare le attitudini dei partecipanti; come l asserzione modifica il contesto dipende dal contenuto dell asserzione stessa. Assumiamo i mondi possibili come primitivi, senza che questo implichi un impegno ontologico; è solo una decisione di teorizzare ad un certo livello di astrazione. Una proposizione è una rappresentazione del mondo come fatto in un certo modo. Per ogni tale rappresentazione, ci sarà un insieme di mondi possibili che si accordano con quella rappresentazione (= che sono fatti in quel modo). Perciò una proposizione determina un insieme di mondi possibili (ovvero una funzione da mondi a valori di verità: <s,t>). Un ulteriore gradi di complessità: ciò che una asserzione esprime ovvero la proposizione può cambiare a seconda dei mondi possibili (es. ci sono mondi in cui ciò che il parlante dice viene frainteso dagli interlocutori). Perciò Stalnaker definisce il concetto proposizionale come funzione da mondi possibili a proposizioni (<s, <s,t>>) Le PRESUPPOSIZIONI DEL PARLANTE sono le proposizioni la cui verità egli dà per scontata come parte del background della conversazione. Una proposizione è presupposta se il parlante è disposto ad agire come se assumesse o credesse che la proposizione sia vera, e che anche i suoi interlocutori credano o assumano che sia vera (p. 321) : ovvero, le presupposizioni sono ciò che il parlante tratta come COMMON GROUND, conoscenza condivisa dai partecipanti alla conversazione per gli scopi della conversazione stessa. (NB: il parlante può assumere una proposizione per gli scopi di una conversazione, anche se non la crede affatto vera.) Il contesto rappresenta così uno stato di informazione parziale. L INSIEME CONTESTO è l insieme dei mondi possibili che sono compatibili con tutte le proposizioni del common ground; ovvero vedendo le proposizioni come insiemi di mondi possibili è l intersezione di tutte le proposizioni del common ground. Questo è l insieme dei mondi che sono ALTERNATIVE VIVE per la conversazione, cioè quelli che potrebbero essere il mondo reale. Lo scopo comune delle attività comunicative è che i partecipanti cercano di distinguere tra modi alternativi in cui le cose potrebbero essere o essere state. Il processo conversazionale consiste nel distinguere tra modi alternativi in cui le cose potrebbero essere: a) le presupposizioni definiscono i limiti dell insieme di alternative vive; b) l esprimere una proposizione ha lo scopo di distinguere tra queste alternative. Un contesto è non difettivo quando tutti i partecipanti hanno effettivamente le stesse presupposizioni; questo è il caso normale. Altrimenti si ha un CONTESTO DIFETTIVO, che sarà instabile: qualsiasi discrepanza nelle presupposizioni può, in linea di principio, portare ad un

4 4 fallimento della comunicazione; ma i partecipanti possono notare le discrepanze e cercare di superarle, rinegoziando il common ground. Inoltre, il contesto della conversazione cambia continuamente. (Es: una capra entra all improvviso nella stanza e il parlante dice: Come ha fatto quella ad arrivare qui? ) Come è che una asserzione cambia il contesto? a) effetto non essenziale: una asserzione è un evento fisico a cui tutti i partecipanti sono esposti; essi sono in grado di identificare chi è il parlante, la lingua che parla, il modo in cui parla, ecc. b) effetto essenziale: L asserzione modifica il contesto riducendo l insieme contesto, cioè eliminando da esso i mondi possibili che sono incompatibili con la proposizione che viene asserita. Ovvero, il contenuto dell asserzione viene aggiunto al common ground, cambiando le presupposizioni dei partecipanti alla conversazione (se l asserzione viene accettata dagli interlocutori. Se invece l asserzione viene rifiutata, l insieme contesto non viene aggiornato dalla proposizione asserita, ma rimangono comunque gli effetti non essenziali dell asserzione.) Lo scopo principale dell asserzione è questo, anche se può accadere che un parlante faccia un asserzione pur sapendo già che verrà rifiutata. (Ci possono essere effetti secondari rilevanti, che dipendono dal fatto che l asserzione avrebbe avuto un certo effetto essenziale se non fosse stata rifiutata.) Regole sull interazione tra contesto e contenuto dell asserzione: condizioni essenziali della comunicazione razionale. Qui considereremo solo le prime due: a) Una proposizione asserita è sempre vera in alcuni ma non tutti i mondi possibili dell insieme contesto. Infatti, se la proposizione fosse falsa in tutti i mondi, vorrebbe dire che è incompatibile con il common ground (si presuppone già che sia falsa), e dunque non avrebbe alcun effetto di aggiornamento. Se invece la proposizione fosse vera in tutti i mondi, sarebbe già presupposta, e dunque l asserzione non avrebbe alcun effetto di aggiornamento. Se il parlante sembra non conformarsi a questa regola, gli interlocutori possono dedurne che il contesto è difettivo, oppure che hanno frainteso ciò che il parlante intendeva asserire. b) Ogni asserzione dovrebbe esprimere una proposizione (relativa a ciascun mondo dell insieme contesto) e tale proposizione dovrebbe avere un valore di verità in ciascun mondo dell insieme contesto. Ovvero, non possono esserci truth-value gaps (casi in cui la proposizione non dà alcun valore di verità). Questo collega la presupposizione pragmatica alla presupposizione semantica: se una frase A asserita dal parlante presuppone semanticamente una proposizione φ, allora φ è anche presupposta pragmaticamente dal parlante, cioè fa parte del common ground. Il motivo è che se la proposizione espressa non avesse valore di verità in alcuni mondi dell insieme contesto, non si potrebbe decidere se tali mondi debbano rimanere inclusi o essere scartati. Si noti che in questo modo, le presupposizioni di un enunciato sono delle precondizioni che il contesto deve soddisfare perché l enunciato possa essere asserito in quel contesto. Se le presupposizioni pragmatiche di una asserzione non sono soddisfatte nel contesto, e il contesto è quindi difettivo, un rimedio possibile è l ACCOMODAMENTO DELLE PRESUPPOSIZIONI (accommodation: Lewis 1979, Stalnaker 1998, von Fintel 2000). Supponiamo che un parlante asserisca: (5) Non posso venire alla riunione: devo portare mia figlia dal dottore. La proposizione espressa da (5) può essere aggiunta al CG solo se il CG implica che il parlante ha una (unica) figlia. Assumendo che il parlante intenda sinceramente asserire (5), inferiamo che egli assume che il CG a cui verrà aggiunta la proposizione espressa da (5) soddisfa questa condizione.

5 5 Supponiamo che il CG precedente l asserzione di (5) non soddisfasse invece questa condizione, perché gli ascoltatori non assumevano che il parlante avesse una figlia; e il parlante era consapevole della loro ignoranza in proposito. Gli ascoltatori inferiscono che il parlante assume che il CG a cui la proposizione deve essere aggiunta implica che egli abbia una figlia. L unico ostacolo a questo è che i parlanti non assumevano ancora, fino a quel punto, che il parlante avesse una figlia; ma se gli ascoltatori sono accomodanti, aggiungeranno questa assunzione al CG, affinché la conversazione possa procedere e la proposizione espressa da (5) possa essere aggiunta al CG. Come sottolinea von Fintel (2000), è cruciale che il CG deve soddisfare le presupposizioni non prima che avvenga l atto di asserzione, ma prima che avvenga l inserzione nel CG della proposizione espressa. L accomodamento è dunque un passaggio intermedio che «aggiusta» un contesto difettivo; questo passaggio è possibile proprio perché il CG è un oggetto pubblico sotto il controllo condiviso di tutti gli interlocutori. Il parlante sa che la presupposizione non era soddisfatta prima del suo atto di asserire (5), ma conta sul fatto che gli interlocutori cambieranno le proprie assunzioni, aggiustando il CG prima di aggiungervi la proposizione al CG; crucialmente, gli interlocutori sanno che il parlante assume questa possibilità di aggiustamento e quindi si comportano di conseguenza (purché la «presupposizione informativa» che deve essere accomodata non sia per qualche motivo problematica o controversa). 4. Heim (1983): Il potenziale di aggiornamento del contesto A partire dall analisi dell asserzione di Stalnaker, Heim (1983) ha sviluppato una semantica dinamica in cui il significato di un enunciato non è più visto, staticamente, come le condizioni di verità che esso esprime (=come devono essere le circostanze in cui l enunciato risulta vero), ma piuttosto come il suo POTENZIALE DI AGGIORNAMENTO DEL CONTESTO (CCP, context change potential), che è una funzione da contesti a contesti. Un contesto è identificato con uno STATO DI INFORMAZIONE, e viene rappresentato come un insieme di mondi possibili (cfr. l insieme contesto di Stalnaker). Il contesto vuoto, corrispondente ad una assoluta mancanza di informazioni (cioè ad un insieme vuoto di proposizioni), è identificato con l intero insieme di mondi possibili W. In ogni conversazione realistica, però, il contesto sarà piuttosto un sottoinsieme proprio di W. Un enunciato che viene asserito in un contesto ha l effetto di aggiornare l informazione, producendo un nuovo contesto. Consideriamo ad esempio che un parlante asserisca l enunciato sta piovendo in un contesto c. Se l atto di asserzione ha successo, viene prodotto un nuovo contesto c che comprende soltanto mondi possibili in cui sta piovendo. La proposizione espressa dall enunciato (ignorando il livello del carattere kaplaniano) viene congiunta, cioè intersecata, con il contesto c, producendo un nuovo contesto c che è un sottoinsieme di c. L effetto di aggiornamento di un contesto c da parte di un enunciato φ che viene asserito in c è rappresentato come c + φ. Per qualsiasi contesto c, c + sta piovendo = {w c: sta piovendo in w} (= c ) Qualsiasi enunciato ψ che viene asserito immediatamente dopo l asserzione/aggiornamento di ϕ andrà ad aggiornare il nuovo contesto c. Una conseguenza immediata di questa ipotesi è che la nozione di «contesto discorsivo» cioè l insieme degli enunciati asseriti precedentemente ad un dato enunciato ϕ viene riassorbito come parte del contesto c. Questo è un modo di modellizzare l incremento di informazione nel corso della conversazione. Si noti che c è una proporzionalità inversa tra il numero di proposizioni contenute nel common ground e il numero di mondi inclusi nell insieme contesto: tanto più ampio è il common ground, tanto più ristretto è l insieme di mondi che esso caratterizza.

6 6 3. La proiezione delle presupposizioni Le presupposizioni di un enunciato sono, come per Stalnaker, dei requisiti sui contesti ai quali il potenziale di aggiornamento dell enunciato potrà applicarsi. Per Heim, come per Stalnaker, questi requisiti NON POSSONO ESSERE CANCELLATI, ma possono essere soddisfatti tramite accommodation (vedi sopra Le proposizioni presupposte da un enunciato φ devono essere vere in tutti i mondi di un qualsiasi contesto c affinché il potenziale di aggiornamento di φ possa aggiornare c. Ad esempio, un enunciato come il gatto di John è affamato può aggiornare soltanto i contesti in cui John ha un unico gatto (cioè i contesti che soddisfano la condizione di unicità della descrizione definita, cfr. lezione 4). Tecnicamente, questi contesti sono un SOTTOINSIEME della proposizione espressa dall enunciato (che è l insieme di tutti i mondi in cui è vero che John ha un unico gatto, e che per il resto possono differire arbitrariamente tra loro). In simboli: c + il gatto di John è affamato è definito sse c {w: John possiede un unico gatto in w} laddove è definito, c + il gatto di John è affamato = {w c: John ha un gatto affamato in w} (ovvero: c {w: il gatto di John è affamato in w}) Un problema fondamentale per la teoria delle presupposizioni è quello della PROIEZIONE: come vengono «ereditate» da un enunciato complesso le presupposizioni degli enunciati atomici che le compongono? L idea di Heim è che i fenomeni di proiezione delle presupposizioni dovrebbero essere determinate dal meccanismo di composizione del potenziale di aggiornamento di un enunciato complesso a partire dal potenziale di aggiornamento degli enunciati atomici. Il problema è estremamente vasto, e ne discuteremo qui soltanto due casi in forma semplificata. 1) Ricordiamo che la negazione può essere concepita come la complementazione di un insieme di mondi (lezione 1). Possiamo quindi definire ricorsivamente il CCP di un enunciato negato a partire dal CCP del corrispondente enunciato non negato: Per qualsiasi contesto c, c + non φ = c (c+φ) (dove è la complementazione insiemistica) In altri termini, aggiorniamo il contesto iniziale c con il CCP dell enunciato positivo, ottenendo un contesto derivato c, quindi sottraiamo c dal contesto iniziale c. In tal modo, sottraiamo dal contesto iniziale tutti i mondi in cui la proposizione espressa da φ è vera. Domanda: perché non possiamo fare direttamente la complementazione insiemistica c φ? Risposta: perché la proposizione espressa da φ è un insieme di mondi molto vasto, presumibilmente un sovrainsieme di c, a meno che c non sia il contesto vuoto. Ciò che più conta, non φ può aggiornare soltanto i contesti in cui le presupposizioni di φ sono soddisfatte: l anunciato negato eredita le presupposizioni del enunciato atomico non negato (è un hole, anziché un filter, nella terminologia tecnica inglese). La definizione ricorsiva del CCP di un enunciato negato produce direttamente questa conseguenza, perché l interpretazione richiede un passo di aggiornamento del contesto iniziale da parte dell enunciato atomico φ. 2) Si ha invece un comportamento diverso nel caso della congiunzione. Descrittivamente, la congiunzione eredita le presupposizioni del primo congiunto, ma non sempre quelle del secondo congiunto. Ad es., la frase (6): (6) Mio cugino ha un gatto.

7 7 presuppone che il parlante abbia un unico cugino. (7) [Mio cugino ha un gatto], e [io ho un cane]. In (7), la presupposizione del primo congiunto (atomico) viene ereditata dall enunciato complesso. (8) Il gatto di Gianni è grasso La frase (8) presuppone che Gianni possiede un unico gatto. Consideriamo ora: (9) [Gianni ha un gatto], e [il gatto di Gianni è grasso]. In questo caso, le presupposizione che il secondo congiunto ha in isolamento (come in (8)) viene «filtrata», cioè non viene ereditata dall intera congiunzione. Il motivo è intuitivamente chiaro: questa presupposizione viene soddisfatta dal contesto intermedio che risulta dall aggiornamento del contesto iniziale da parte del primo enunciato atomico: Per qualsiasi contesto c, c + φ e ψ = (c + φ) + ψ, L effetto di aggiornamento dei due congiunti è quindi asimmetrico: c + Gianni ha un gatto, e il gatto di Gianni è grasso = 1. = (c + [Gianni ha un gatto]) + [il gatto di Gianni è grasso]) = 2. = {w c: Gianni possiede un (unico) 2 gatto in w} + [il gatto di Gianni è grasso]) Il contesto intermedio ottenuto al passo 2 soddisfa la presupposizione del secondo enunciato congiunto. Ecco perché le presupposizioni del secondo congiunto non vengono imposte sul contesto iniziale: la congiunzione è un filtro delle presupposizioni. Grice, H.P Logic and conversation. In P. Cole & J. Morgan, eds., Syntax and Semantics 3: Speech actss, New York, Academic Press, Heim. I On the projection problem for presuppositions. In Portner & Partee (2002). Stalnaker, R Assertion. In P. Cole, ed., Syntax and Semantics 9: Pragmatics, New York, Academic Press,

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Si basano sul seguente Teorema: S = A sse S { A} è insoddisfacibile.

Si basano sul seguente Teorema: S = A sse S { A} è insoddisfacibile. Deduzione automatica La maggior parte dei metodi di deduzione automatica sono metodi di refutazione: anziché dimostrare direttamente che S A, si dimostra che S { A} è un insieme insoddisfacibile (cioè

Dettagli

Che cosa abbiamo fatto fin ora. Perché? Agente basato su conoscenza. Introduzione alla rappresentazione della conoscenza

Che cosa abbiamo fatto fin ora. Perché? Agente basato su conoscenza. Introduzione alla rappresentazione della conoscenza Che cosa abbiamo fatto fin ora Introduzione alla rappresentazione della conoscenza ovvero Come costruire agenti basati su conoscenza e dotati di capacità di ragionamento Maria Simi, 2014/2015 Abbiamo trattato:

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA Con calcolo combinatorio si indica quel settore della matematica che studia i possibili modi di raggruppare ed ordinare oggetti presi da un insieme assegnato, con l obiettivo

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

In che cosa consiste far finta

In che cosa consiste far finta rivista on-line del Seminario Permanente di Estetica anno II, numero 2 In che cosa consiste far finta Alberto Voltolini 1. La teoria illocutoria della finzione Com è ben noto, da un frammento di linguaggio

Dettagli

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Linguaggi del I ordine - semantica Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Un dominio Un interpretazione Un assegnamento 1 Linguaggi del I ordine - semantica (ctnd.1) Un modello

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni.

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. Albero semantico Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. A differenza dell albero sintattico (che analizza la formula da un punto di vista puramente

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Elementi di teoria degli insiemi

Elementi di teoria degli insiemi Elementi di teoria degli insiemi 1 Insiemi e loro elementi 11 Sottoinsiemi Insieme vuoto Abbiamo già osservato che ogni numero naturale è anche razionale assoluto o, in altre parole, che l insieme dei

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Logica del primo ordine Sistema formale sviluppato in ambito matematico formalizzazione delle leggi del pensiero strette relazioni con studi filosofici In ambito Intelligenza Artificiale logica come linguaggio

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli