ALLEGATO 1 QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 1 QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA"

Transcript

1 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC ALLEGATO 1 QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 1/31

2 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC Indice 1 PREMESSA QUADRO NORMATIVO CARATTERISTICHE GENERALI DEL SPC I principali soggetti coinvolti nel SPC Il CNIPA La Commissione di Coordinamento I fornitori SPC Le Community Network La Società Consortile QXN Il Centro di Gestione del SPC (CG-SPC) Le Pubbliche Amministrazioni L architettura del SPC La Sicurezza del SPC Linee guida e organizzazione Il Computer Emergency Response Team (Cert) Unità Locale di Sicurezza Aggiornamento periodico dei prezzi CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CN RUPAR PUGLIA Soggetti coinvolti nella CN RUPAR Puglia Il Centro Tecnico della CN RUPAR Puglia Le Amministrazioni I fornitori di servizi della CN RUPAR PUGLIA Il Comitato di Controllo L architettura della CN RUPAR Puglia La Sicurezza della CN RUPAR Puglia MODALITÀ DI INTERCONNESSIONE DELLA CN RUPAR PUGLIA ALLA QXN IL BARI INTERNET EXCHANGE (BIX) Introduzione Architettura del BIX I servizi del BIX LA RETE A LARGA BANDA Introduzione La rete dorsale...15 Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 2/31

3 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC 7.3 Le MAN I punti di snodo della rete...19 Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 3/31

4 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC 1 PREMESSA La RUPAR Puglia è la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale della Regione Puglia (RUPAR Puglia) istituita con deliberazione della Giunta Regionale nel 2001 per realizzare il collegamento telematico tra le Pubbliche Amministrazioni Locali (PAL) pugliesi della Puglia. La RUPAR Puglia è realizzata su un modello multifornitore ed attualmente vi aderiscono circa 300 enti, tra cui le 6 Amministrazioni provinciali ed i 5 Comuni capoluogo, 257 Comuni, 6 Comunità montane, le sei Aziende sanitarie (ASL). Il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante il Codice dell amministrazione digitale aggiornato con le modifiche introdotte dal decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 159 (nel seguito CAD) disciplina al Capo VIII il Sistema Pubblico di Connettività (nel seguito SPC). L art.82 del CAD, in particolare, stabilisce che i servizi in ambito SPC debbano essere erogati da fornitori qualificati, iscritti in appositi elenchi tenuti rispettivamente dal Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (di seguito CNIPA), a livello nazionale e dalla regione di competenza, a livello regionale. L art. 83 del CAD prevede poi che al fine della realizzazione del SPC, il CNIPA a livello nazionale e le regioni nell'ambito del proprio territorio, per soddisfare esigenze di coordinamento, qualificata competenza e indipendenza di giudizio, nonché per garantire la fruizione, da parte delle pubbliche amministrazioni, di elevati livelli di disponibilità dei servizi e delle stesse condizioni contrattuali proposte dal miglior offerente, nonché una maggiore affidabilità complessiva del sistema, promuovendo, altresi', lo sviluppo della concorrenza e assicurando la presenza di più fornitori qualificati, stipulano, espletando specifiche procedure ad evidenza pubblica per la selezione dei contraenti, nel rispetto delle vigenti norme in materia, uno o più contratti-quadro con più fornitori per i servizi di cui all'articolo 77, con cui i fornitori si impegnano a contrarre con le singole amministrazioni alle condizioni ivi stabilite. In relazione a quanto sopra, il CNIPA con bando pubblicato sulla G.U. del 13 maggio 2005 n. 110, ha indetto una gara per l affidamento multifornitore dei servizi di connettività e sicurezza, nell ambito del SPC (nel seguito Gara Multifornitore SPC ). L aggiudicazione della gara ha visto definitivamente al primo posto il Raggruppamento Fastweb-EDS, seguito da BT-Albacom, da Wind e da Telecom Italia. Ciascuno dei quattro fornitori assegnatari, in data 25 maggio 2006, ha sottoscritto un contratto quadro Offerta Per le Amministrazioni (OPA) con il CNIPA ed ha sottoscritto un contratto esecutivo OPA con ciascuna Amministrazione di cui all art. 1, comma 1 del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n.39 aderente alla RUPA, ad esso assegnata dal CNIPA. In relazione a quanto previsto all art. 81, comma 1 del CAD, che affida al CNIPA il compito di gestire le infrastrutture condivise del SPC, il CNIPA, a seguito dell espletamento di una gara europea per la selezione dei contraenti, ha in corso le attività per la realizzazione del Centro di Gestione SPC (CG-SPC), componente delle infrastrutture condivise preposta alla erogazione di funzioni centralizzate di sicurezza, nonché al monitoraggio dei fornitori qualificati SPC di connettività; il CNIPA ha altresì avviato le attività per la realizzazione del Nodo di Interconnessione VoIP (NIV-SPC), componente delle infrastrutture condivise che realizza l interconnessione delle Amministrazioni aventi uno o più domini VoIP connessi al SPC. La Regione Puglia, ai sensi di quanto previsto dal CAD, intende far evolvere la RUPAR Puglia in una Community Network (CN) in grado di garantire alle PAL che vi aderiscono l accesso ai servizi che caratterizzano il Sistema Pubblico di Connettività (SPC). Pertanto, Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 4/31

5 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC in attesa che sia completata l emanazione delle norme previste all art. 71-comma bis (Regole tecniche) e all art. 87 (Regolamento per la qualificazione dei fornitori), e che siano costituiti gli elenchi dei fornitori nazionali e regionali sopra richiamati, la Regione Puglia, in attuazione di quanto previsto all art. 83 del CAD, indice la presente gara europea finalizzata a selezionare più contraenti (requisito multifornitore della RUPAR Puglia) con i quali stipulare contratti quadro per l erogazione di servizi di connettività e sicurezza delle connessioni e servizi di ingegneria della sicurezza. Tali servizi, per essere compatibili ed interoperabili con l infrastruttura del SPC realizzata dal CNIPA, sono stati progettati con caratteristiche tecniche e requisiti di qualità (Service Level Agreement SLA) analoghi a quelli definiti nell ambito della Gara Multifornitore SPC. 2 QUADRO NORMATIVO La presente gara fa riferimento alle seguenti disposizioni legislative: D.Lgs. n. 82/2005, aggiornato con le modifiche introdotte dal D.Lgs. n.159/2006 e s.m.i., recante il Codice dell amministrazione digitale (di seguito indicato CAD), D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i (il cosiddetto Testo Unico Appalti, di seguito indicato TUA) 3 CARATTERISTICHE GENERALI DEL SPC 3.1 I principali soggetti coinvolti nel SPC IL CNIPA I compiti del CNIPA, in ambito SPC, sono definiti dal CAD (art. 81). Al CNIPA è affidato il compito di gestire le risorse condivise del SPC e le strutture operative preposte al controllo e supervisione delle stesse. Il CNIPA, inoltre, cura la progettazione, la realizzazione, la gestione e l evoluzione del SPC per le Amministrazioni centrali. Infine il CNIPA fornisce supporto alla Commissione di Coordinamento, di cui al paragrafo successivo, per i propri compiti istruttori La Commissione di Coordinamento Il governo del SPC, stante la natura federata dello stesso, è affidato ad un organismo specifico denominato Commissione di Coordinamento del SPC, di seguito Commissione. In particolare, la Commissione: a) assicura il raccordo tra le Amministrazioni Pubbliche, nel rispetto delle funzioni e dei compiti spettanti a ciascuna di esse; b) promuove l evoluzione del modello organizzativo e dell architettura tecnologica del SPC in funzione del mutamento delle esigenze delle Pubbliche Amministrazioni e delle opportunità derivanti dalla evoluzione delle tecnologie; c) verifica la qualità e la sicurezza dei servizi erogati dai fornitori del SPC; Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 5/31

6 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC d) promuove il recepimento degli standard necessari a garantire la connettività, l interoperabilità di base e la sicurezza del Sistema. Ulteriori compiti sono previsti per la Commissione in relazione ai servizi di interoperabilità evoluta e cooperazione applicativa I fornitori SPC L art. 82 comma 1 del CAD prevede l istituzione di uno o più elenchi di fornitori a livello nazionale e regionale in attuazione delle finalità del SPC. Il comma 2 del citato art. 82 prevede che i fornitori che ottengono la qualificazione SPC ai sensi dell apposito regolamento previsto all articolo 87 del CAD sono inseriti negli elenchi di competenza nazionale o regionale, consultabili in via telematica, esclusivamente ai fini dell applicazione della disciplina di cui al CAD, e tenuti rispettivamente dal CNIPA a livello nazionale e dalla regione di competenza a livello regionale. I fornitori in possesso dei suddetti requisiti sono denominati fornitori qualificati SPC. Secondo il comma 3 dello stesso art. 82, i servizi per i quali è istituito un elenco, ai sensi del comma 1, sono erogati, nell ambito del SPC, esclusivamente dai soggetti che abbiano ottenuto l iscrizione nell elenco di competenza nazionale o regionale. I criteri per la iscrizione, sospensione e cancellazione dagli elenchi dei fornitori qualificati SPC sono definiti dalla Commissione di cui all art. 79 del CAD, alla quale è attribuito anche il compito di disporre la sospensione e cancellazione dagli elenchi dei fornitori qualificati SPC. Per i necessari compiti istruttori (art. 80, comma 5 del CAD), la Commissione si avvale del CNIPA e sulla base di specifiche convenzioni, di organismi interregionali e territoriali. In attuazione dell art. 87 del CAD è in fase di emanazione il regolamento che definisce le modalità di qualificazione dei fornitori e di certificazione dei servizi ai fini della iscrizione, sospensione e cancellazione dagli elenchi dei fornitori qualificati SPC. In attesa che siano emananti detti regolamenti e che siano completate le procedure per la istituzione degli elenchi nazionali e degli elenchi regionali, sono fornitori SPC: i fornitori nazionali, aggiudicatari della Gara a licitazione privata per l appalto dei servizi di connettività e sicurezza nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività (di seguito indicata Gara Multifornitore SPC ) indetta dal CNIPA. Detti fornitori saranno iscritti negli elenchi nazionali tenuti dal CNIPA ai sensi dell art. 82 del CAD; i fornitori aggiudicatari della presente gara; qualora questi non fossero già iscritti negli elenchi nazionali, rivestono il ruolo di fornitori SPC regionali e saranno iscritti negli elenchi dei fornitori SPC regionali tenuti dalla Regione, ai sensi dell art. 82 del CAD Le Community Network Le Community Network sono reti territoriali formate da Amministrazioni territoriali che condividono infrastrutture e regole al fine di erogare servizi di connettività e cooperazione applicativa con livelli di sicurezza garantiti. Al proprio interno una Community Network può essere organizzata secondo una propria ingegneria di rete, purché il livello di servizio garantito, rispetto alla classificazione definita in ambito SPC, sia trasparente alle Amministrazioni appartenenti. Rispetto alla QXN le Community Network svolgono un ruolo analogo a quello dei fornitori qualificati. Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 6/31

7 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC La Società Consortile QXN I fornitori assegnatari della Gara Multifornitore SPC hanno costituito una Società Consortile per la realizzazione, la gestione e l evoluzione della rete di interconnessione tra le reti di tutti i fornitori qualificati dei servizi di connettività del SPC e delle Community Network (Qualified exchange Network, di seguito indicata QXN). Tale Società sarà di seguito indicata come la Società Consortile QXN (SC-QXN). La rete di interconnessione avrà caratteristiche e compiti simili a quelli di un Internet exchange Point Il Centro di Gestione del SPC (CG-SPC) Il Centro di Gestione SPC (di seguito CG-SPC) supporta la Commissione nello svolgimento delle attività operative ed ha la missione di: a) effettuare le misurazioni e la raccolta di dati relativi a prestazioni, disponibilità e sicurezza del SPC, allo scopo di documentare il rispetto degli SLA da parte dei vari fornitori; b) fornire i servizi centralizzati per la cooperazione applicativa, che rendono disponibili le componenti software centrali (modalità di interfaccia, funzioni centralizzate di sicurezza, registri, cataloghi e schemi di servizio) per garantire lo scambio applicativo tra due o più domini di cooperazione; c) svolgere le funzioni del centro di gestione della sicurezza (CG sicurezza); d) realizzare una PKI per i certificati di sicurezza utilizzati nella infrastruttura del SPC; e) fornire supporto alle attività di qualificazione dei fornitori di servizi SPC; f) fornire la reportistica tecnica ai vari soggetti coinvolti nel SPC e verso l esterno; g) fornire servizi di formazione e di consulenza alle Amministrazioni Pubbliche Le Pubbliche Amministrazioni La partecipazione delle Pubbliche Amministrazioni al SPC è regolata all art. 75 del CAD. 3.2 L architettura del SPC In relazione agli obiettivi del SPC definiti nell art. 77 del CAD, per i servizi oggetto della fornitura, il SPC si può considerare costituito da più ambiti omogenei che coinvolgono differenti soggetti: 1. un ambito costituito dal dominio interno alla singola amministrazione che connette tutte le sedi della stessa distribuite sul territorio; 2. un ambito di interconnessione che connette tra loro le singole amministrazioni sia assegnate allo stesso fornitore, che, tramite la QXN, a fornitori diversi 3. un ambito di interazione tra le singole amministrazioni e gli utenti esterni ad esse fruitori dei servizi erogati dalle stesse. L ambito di cui al primo punto è considerato una Intranet ed è oggetto, per ogni amministrazione, di fornitura da parte di un unico fornitore. Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 7/31

8 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC L ambito di cui al secondo punto, di seguito indicato con il termine Infranet, può coinvolge oltre alle infrastrutture dei singoli fornitori anche la rete di interconnessione QXN. L ambito di cui al terzo punto consiste nella possibilità delle singole amministrazioni di interagire con utenti o servizi presenti su Internet. Big Internet PA-1 PA-3 PA-2 PA-4 QXN Fornitore-1 Fornitore-2 Intranet Infranet Internet Figura 1 I tre ambiti del SPC L architettura di massima del SPC La figura seguente, mette in evidenza l architettura di massima del SPC: Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 8/31

9 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC Figura 2 Architettura di massima del SPC Come si evince dalla Figura 2 è previsto che nella realizzazione della QXN i nodi della stessa vengano collocati presso appositi locali individuati all interno dei NAP (Neutral Access Point) presenti sul territorio italiano. 3.3 La Sicurezza del SPC Linee guida e organizzazione Data l architettura distribuita del sistema, l organizzazione per la sicurezza deve essere realizzata con strutture che operano in ciascun dominio, ma interconnesse e coordinate in modo da costituire virtualmente un unica struttura operativa. I compiti di armonizzazione, indirizzo generale e coordinamento sono assolti a livello centrale, le funzioni di gestione e monitoraggio sono assolte a livello locale. La realizzazione di una infrastruttura per la sicurezza si basa su una federazione di domini di sicurezza, in cui tutti gli utenti del SPC, nell ambito di un accordo per la sicurezza, si impegnano reciprocamente a rispettare le regole definite nell ambito dello stesso. Per garantire la sicurezza del SPC è assolutamente necessario che le regole e i requisiti minimi di sicurezza, definiti e concordati tra i vari soggetti, vengano, pertanto, applicati su tutte le reti collegate e in tutte le loro componenti. Questo porta alla necessità di: 1. individuare i soggetti coinvolti nella gestione della sicurezza (centrali e locali); 2. definire le responsabilità, i confini e l ambito di azione di ciascuno; 3. definire e stabilire le misure minime di sicurezza e le loro modalità di applicazione. L organizzazione del Sistema di Sicurezza del SPC è ispirata al modello proposto dall International Standard Organization (ISO) nel documento ISO TR Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 9/31

10 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC La Commissione svolge attività di indirizzo operativo e controllo sull intero sistema, facendo in modo che vengano assicurati i livelli di sicurezza stabiliti mediante la figura di un Responsabile della Sicurezza SPC a cui riferisce il Responsabile operativo della Sicurezza SPC del Centro di Gestione della Sicurezza SPC Il Computer Emergency Response Team (Cert) Il CERT del SPC, collocato presso il CNIPA, rappresenta l organo referente centrale per la prevenzione, il monitoraggio, la gestione e il follow-up degli incidenti di sicurezza, assicurando l applicazione di metodologie coerenti ed uniformi in tutto il sistema. Il CERT SPC non si sostituisce alle funzioni organizzative degli altri soggetti SPC, ma collabora attivamente con essi, secondo le modalità stabilite d intesa con la Commissione di Coordinamento SPC e, per gli aspetti operativi, con il Centro di Gestione Sicurezza SPC. Il CERT può inoltre assumere, almeno in parte, un ruolo nella gestione e risoluzione degli incidenti di sicurezza Unità Locale di Sicurezza Nell organizzazione di ciascun soggetto coinvolto nel SPC dovrà essere costituita una struttura organizzativa denominata Unità Locale di Sicurezza SPC, per la gestione degli aspetti relativi alla sicurezza. 3.4 Aggiornamento periodico dei prezzi I prezzi unitari dei singoli servizi, definiti a valle della Gara Multifornitore SPC, prevedono una riduzione progressiva a livello annuale a decorrere dal primo gennaio Nel quarto trimestre del 2008 il CNIPA effettuerà la procedura di comparazione con i prezzi di servizi analoghi sul mercato, procedura che potrà dare luogo ad una riduzione dei prezzi unitari. 4 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CN RUPAR Puglia 4.1 Soggetti coinvolti nella CN RUPAR Puglia La CN RUPAR Puglia prevede la partecipazione di una pluralità di soggetti. Un ruolo preminente è svolto dalla Regione Puglia che oltre ad essere uno degli utenti della CN RUPAR Puglia è anche l Amministrazione che promuove, organizza e sostiene sia sul piano tecnico che su quello finanziario il progetto. La Regione Puglia, bandendo la presente gara ai sensi degli artt. 33 e 59 del TUA, si configura come Centrale di Committenza per gli EE.LL. regionali e, a tal fine, promuoverà l associazione a cui essi dovranno aderire, contestualmente all adesione alla rete, per poter utilizzare l Accordo Quadro frutto della procedura di gara. Un ruolo non meno importante è svolto dalle altre Amministrazioni territoriali della Puglia. Il loro intervento è determinante sia per la realizzazione della infrastruttura di rete che per la progettazione e lo sviluppo dei servizi telematici per i cittadini e le imprese pugliesi. Gli aspetti più propriamente tecnici della CN RUPAR Puglia sono invece affidati alle imprese che operano nel settore delle telecomunicazioni e dei servizi Internet e di sicurezza ed al Centro Tecnico della RUPAR Puglia (CTRP) che svolge per conto della Regione le attività tecnico informatiche di progettazione, coordinamento e controllo. La CN Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 10/31

11 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC RUPAR PUGLIA è infatti una rete che prevede il concorso di più fornitori (multiprovider) le cui attività sono coordinate e controllate dal CTRP. Le funzioni del CTRP sono affidate, in virtù delle disposizioni della Deliberazione della Giunta Regionale n del 10/8/2001, al Parco Scientifico Tecnopolis CSATA che allo stato attuale garantisce progetti e soluzioni scientificamente rilevanti ed indipendenza di giudizio rispetto ai fornitori di servizi telematici IL CENTRO TECNICO DELLA CN RUPAR PUGLIA Il Centro Tecnico della CN RUPAR Puglia (di seguito CTRP) svolge le attività tecniche necessarie per la progettazione, il coordinamento, l operatività ed il controllo della CN RUPAR Puglia ed è responsabile della qualità delle soluzioni tecniche adottate e dei servizi erogati. Tra le attività del CTRP rientrano: il disegno iniziale della CN RUPAR PUGLIA e delle sue successive evoluzioni; la definizione e la diffusione alle Amministrazioni locali ed ai fornitori di servizi telematici di procedure, schemi, livelli di qualità dei servizi richiesti e direttive tecniche necessarie per garantire l unitarietà e la omogeneità della Rete, elevate prestazioni, costi contenuti e sicurezza; l assistenza alla Regione nella qualificazione dei fornitori di servizi telematici della CN RUPAR PUGLIA; l assistenza tecnica e contrattuale alle Amministrazioni Locali ed ai fornitori per la progettazione e la realizzazione delle parti di loro competenza e per lo sviluppo di nuovi servizi telematici che richiedono il concorso di più enti; l infrastrutturazione iniziale e la gestione degli apparati e dei servizi generali necessari per il funzionamento dei nodi di interconnessione delle reti dei fornitori; il controllo sulla qualità dei servizi erogati dai fornitori e la validazione della compatibilità delle nuove applicazioni rispetto alle specifiche della CN RUPAR PUGLIA; la supervisione della gestione della sicurezza della CN RUPAR PUGLIA; il coordinamento dei fornitori per la risoluzione di problemi e la realizzazione di miglioramenti; il controllo sui costi e sulla qualità complessiva delle prestazioni e della CN RUPAR PUGLIA; l individuazione e la proposizione di interventi volti al superamento di eventuali problemi rilevati ed al miglioramento delle prestazioni esistenti; la predisposizione di rapporti informativi per consentire alla Regione di svolgere la sua funzione di sorveglianza; la definizione, l attivazione e la gestione di servizi centrali della rete tra cui si menzionano i Servizi di Cooperazione Applicativa. Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 11/31

12 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC Il relazionamento con il CNIPA, il CG-SPC e le altre Regioni LE AMMINISTRAZIONI Per Amministrazioni si intendono le Amministrazioni territoriali non comprese tra quelle previste all art. 1, comma 1, del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n.39, che partecipano alla CN RUPAR PUGLIA, associandosi quindi per utilizzare l Accordo Quadro aggiudicato dalla Regione Puglia in qualità di Centrale di Committenza, acquisendone autonomamente i servizi nell ambito dello stesso Accordo Quadro, secondo la procedura prevista dall Art.59 comma 8 del TUA. Tali Amministrazioni sono individuate con specifiche Deliberazioni della Giunta Regionale e nella CN RUPAR PUGLIA svolgono un duplice ruolo: quello di realizzatori di una parte della CN RUPAR PUGLIA e quello di utenti dei servizi della Rete. In qualità di realizzatori, le Amministrazioni locali individuano i servizi e le applicazioni da mettere in rete e promuovono lo sviluppo di nuovi servizi telematici; come utenti, fruiscono di tutti i servizi di base della Rete e dei servizi applicativi resi disponibili in Rete dalle altre Amministrazioni. Con l adesione al progetto, la singola Amministrazione assume semplicemente l impegno a partecipare fattivamente alla CN RUPAR PUGLIA e ad attenersi alle procedure ed alle regole concordate con la Regione ed il CTRP. E richiesto anche il rispetto di alcuni semplici vincoli: quello di non dotarsi di ulteriori collegamenti a Internet e di istituire, nel caso in cui non esistesse già, un Servizio Informatico interno per la gestione dei rapporti con il fornitore e con il CTRP. Tramite il Servizio Informatico le Amministrazioni potranno rivolgersi per qualsiasi questione tecnica al CTRP, anche ad esempio per avere delle linee guida circa la progettazione e la realizzazione delle loro reti interne I FORNITORI DI SERVIZI DELLA CN RUPAR PUGLIA Per Fornitore dei Servizi della RUPAR (di seguito indicato FSR) si intende un fornitore che si aggiudicherà la presente gara e aderirà alle norme contrattuali e tecniche della CN RUPAR PUGLIA definite nel Contratto Quadro e nel Capitolato Tecnico. Sarà cura della Regione Puglia, non appena sarà emanato il regolamento di cui all art. 87 del CAD per la qualificazione dei fornitori SPC e saranno predisposti gli elenchi regionali di fornitori SPC, secondo quanto previsto all art. 82 del CAD, proporre alla Commissione di Coordinamento del SPC l iscrizione delle imprese aggiudicatarie della presente gara nei suddetti elenchi regionali qualora non fossero già iscritte negli elenchi nazionali. In ogni caso un Impresa, per poter acquisire lo status di FSR e poter fornire servizi alle Amministrazioni della CN RUPAR Puglia, deve essere tra gli aggiudicatari della presente gara. I fornitori possono offrire alle singole Amministrazioni anche servizi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalla CN RUPAR PUGLIA. Le aziende ammesse sono tenute a comunicare al CTRP anche le loro offerte di riferimento per servizi aggiuntivi, in modo da consentire al Centro di assolvere il proprio servizio di assistenza nei confronti delle Amministrazioni IL COMITATO DI CONTROLLO Per la gestione delle attività della CN RUPAR PUGLIA e dei singoli contratti di fornitura, il CTRP ed i FSR selezionati, al fine di coordinarsi e lavorare a stretto contatto, Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 12/31

13 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC costituiscono un Comitato di Controllo che si riunisce almeno ogni 6 (sei) mesi, su convocazione del CTRP, presso i locali del Centro Tecnico stesso: la partecipazione dei FSR è obbligatoria. Il Comitato di Controllo è costituito da un rappresentante, dotato di opportuni poteri, per ogni FSR e da uno o più rappresentanti del CTRP; quando necessario, a giudizio del CTRP, allo stesso partecipano i rappresentanti delle singole Amministrazioni coinvolte, ovvero della Regione Puglia. Il nominativo del rappresentante del FSR deve essere comunicato al CTRP entro 30 giorni solari dalla firma del Contratto Quadro, e con 30 giorni di anticipo per ogni eventuale variazione successiva. Al Comitato di Controllo sono assegnati i seguenti compiti: esame almeno semestrale dello stato di avanzamento della pianificazione regionale dei fabbisogni di interconnessione delle Amministrazioni; eventuale revisione straordinaria dei contratti e dei prezzi unitari; valutazione dei Livelli di servizio; esame della evoluzione tecnologica ed eventuale introduzione di nuovi servizi; esame di eventuali nuove esigenze di singole Amministrazioni; formulazione di proposte di soluzione in via bonaria delle eventuali divergenze tra le parti. 4.2 L architettura della CN RUPAR Puglia La CN RUPAR Puglia ha per finalità l'interconnessione delle PAL pugliesi con una infrastruttura di servizio che garantisce la massima efficienza, riservatezza ed affidabilità. L architettura funzionale della CN RUPAR Puglia, in piena aderenza al modello SPC, è rappresentabile logicamente con tre principali livelli funzionali: connettività, sicurezza e cooperazione applicativa. Il "Dominio di una Pubblica Amministrazione Locale" è costituito dalle seguenti reti: la rete interna (Intranet) che ospita le postazioni degli utenti che possono accedere ad altre Amministrazioni e/o ad Internet; la DMZ (DeMilitarized Zone) destinata ad ospitare gli elaboratori (Service Hosts) preposti all'erogazione di servizi di applicativi offerti dall Amministrazione agli utenti esterni (utenti Internet) ed ovviamente accessibili anche alle altre Amministrazioni (Infranet Pubblica); la RSR (Rete dei Servizi RUPAR) riservata ai servizi di interoperabilità e cooperazione applicativa tra Amministrazioni e quindi non accessibile da Internet ma solo dalle altre Amministrazioni connesse alla RUPAR/SPC (Infranet). Per consentire la comunicazione tra i domini di PAL servite da differenti FSR, questi dovranno connettersi alla rete di trasporto della CN RUPAR Puglia, indicata come Dominio di interconnessione della CN RUPAR Puglia ed organizzata in sei nodi principali, detti EPO (Exchange Point Operator), ubicati nei capoluoghi di provincia, rilegati tra loro attraverso la rete dorsale regionale in fibra ottica che Infratel sta realizzando Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 13/31

14 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC nell ambito del progetto Larga Banda descritto nel paragrafo 7 e nei relativi sottoparagrafi. Gli EPO, gestiti direttamente dal CTRP, consentono di realizzare un peering locale tra i fornitori della CN RUPAR Puglia, massimizzando l utilizzo delle MAN previste nell ambito del progetto Larga Banda. Gli EPO sono esclusivamente riservati alla RUPAR Puglia e di conseguenza non gestiti come punti di interconnessione riconosciuti dall intero mondo Internet. L EPO di Bari, allocato presso il CTRP, ha anche funzioni di interscambio di backup per gli altri EPO in caso di loro guasto. Rispetto agli ambiti definiti nel contesto SPC, nella CN RUPAR PUGLIA, come specializzazione dell ambito Infranet, viene anche definito l ambito RUPAR, cioè l ambito di interconnessione che connette tra loro le PAL pugliesi sia assegnate allo stesso fornitore che, tramite l infrastruttura della CN RUPAR, a fornitori diversi. 4.3 La Sicurezza della CN RUPAR Puglia L architettura di sicurezza della CN RUPAR Puglia è volta a consentire lo sviluppo della stessa come dominio affidabile (trusted), costituito da una federazione di domini di sicurezza in cui diversi soggetti si impegnano reciprocamente ad adottare le misure minime definite nell ambito della CN RUPAR Puglia e del SPC, atte a garantire i livelli di sicurezza necessari all intero sistema. Pertanto l organizzazione per la sicurezza della CN RUPAR Puglia è conforme al modello di organizzazione per la sicurezza del SPC ed è realizzata con strutture che operano in ciascun dominio, ma interconnesse e coordinate in modo da costituire virtualmente un unica struttura operativa. Per la CN RUPAR Puglia i compiti di armonizzazione, indirizzo generale e coordinamento sono assolti a livello centrale dal CTRP, mentre le funzioni di gestione e monitoraggio sono assolte a livello locale dai FSR. Sempre il CTRP si farà carico di predisporre il CERT-SPC-R (Computer Emergency Response Team del Sistema pubblico di connettività a livello Regionale) cioè la struttura collocata presso le Regioni che è referente territoriale per la prevenzione, il monitoraggio, la gestione, la raccolta dati e l analisi degli incidenti di sicurezza, assicurando l applicazione di metodologie coerenti ed uniformi in tutto il sistema da essa controllato (fornitori qualificati SPC iscritti negli eventuali elenchi regionali) per la gestione degli incidenti. 5 MODALITÀ DI INTERCONNESSIONE DELLA CN RUPAR PUGLIA ALLA QXN Contestualmente al bando della presente gara, il CTRP inizierà le procedure per certificare ed attivare entro il 31/10/2008 la connessione diretta del CTRP con la QXN. Tale connessione diretta potrà essere realizzata o con l attivazione a Bari (nel sito di Valenzano) di un nodo della QXN o attraverso l installazione, presso i nodi della QXN di Roma e Milano di almeno due Border Router sui quali sarà convogliato tutto il traffico PAC-PAL Pugliesi, secondo le stesse modalità definite per i fornitori qualificati di servizi di connettività e sicurezza. La definizione della tipologia di interconnessione sarà il primo passo dell attività. Su questa interconnessione fisica si svilupperà l integrazione tra la rete della CN RUPAR Puglia e la QXN. Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 14/31

15 Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. Accordo Quadro per la fornitura di Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC 6 Il Bari Internet Exchange (BIX) 6.1 Introduzione La Regione Puglia ha avviato con il progetto SPC/RUPAR2 dell Accordo di Programma Quadro per la Società dell Informazione la realizzazione di un nodo internet (Neutral Access Point, NAP) di interscambio del traffico in Bari e precisamente nel sito del Parco Scientifico Tecnopolis a Valenzano. Tale allocazione permette a questa infrastruttura di essere colocata sia con il nodo centrale della CN RUPAR Puglia che con lo snodo delle infrastrutture di comunicazione della nuova rete a larga banda della Regione, oggetto dell intervento di cui al capitolo successivo. L infrastruttura descritta nel seguito è già operativa anche se non allocata nelle sale CED definitive che sono oggetto di interventi di ristrutturazione ancora in corso la cui terminazione è prevista nel corso del Di conseguenza potrà essere necessario, nel corso del 2008, dover spostare i router di interscambio del traffico da una sala CED all altra, sempre nell ambito del comprensorio del Parco Scientifico Tecnopolis a Valenzano. 6.2 Architettura del BIX Il progetto tecnologico ha previsto la realizzazione delle seguenti componenti: 1. la logistica e gli impianti passivi di trasmissione dati; 2. gli apparati attivi per la rete di comunicazione dati; 3. le piattaforme di elaborazione per il controllo accessi ed il monitoraggio del traffico. Le scelte legate al progetto tecnologico hanno permesso 1 : l adeguamento dei locali con soluzioni dinamiche per la delimitazione dei perimetri, relativo adeguamento degli impianti di alimentazione elettrica, di condizionamento e di trasmissione dati; i lavori di adeguamento, consentiranno l ospitalità del BIX ma anche di tutti i Centri Servizi previsti con le altre iniziative per il potenziamento delle infrastrutture telematiche della CN RUPAR PUGLIA; l acquisizione di apparati di networking e di sicurezza. La configurazione prevista, in coerenza con la filosofia complessiva dei progetti che concernono le infrastrutture centrali regionali (RUPAR, Larga Banda, Centri Servizi) prevede la ridondanza di tutte le componenti in maniera tale da garantire il servizio complessivo in caso di qualsiasi singolo guasto. Ovviamente questa configurazione è tanto più significativa, per quanto concerne i guasti di linea, tanto più i due percorsi fisici dei collegamenti sono differenziati, in modo che non possano verificarsi interruzioni di entrambi. Per questo motivo vengono adibiti, in vicinanza delle due sale del BIX, altrettanti locali tecnici ove verranno ospitati gli Operatori di telecomunicazione (carrier) che permetteranno agli ISP di poter collegare fisicamente le infrastrutture di servizio (backbone) alla Rete di Interscambio. Nella figura seguente è descritto lo schema funzionale (semplificato) del BIX. 1 Alcune sono in fase di realizzazione Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 15/31

16 Regione Puglia Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC Edificio A Ente Gestore BIX Edificio H LAN estesa TSa TSh A1 B1 C1 A2 B2 C2 Backbone ISP A Backbone ISP C Backbone ISP B Figura 3 L architettura logica del BIX Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 16/31

17 Regione Puglia Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC La LAN estesa o Rete di Interscambio o Rete di peering è la rete di livello 2 che verrà resa disponibile ai Soggetti che popoleranno il BIX; essa verrà realizzata attraverso la giunzione in fibra ottica di Switch 10/100/1000/10000 distribuiti in due edifici del Parco Scientifico Tecnopolis di Valenzano (gli edifici A ed H). Dal punto di vista fisico, questa rete, rappresentata in Figura 4 viene realizzata attraverso: 1. la predisposizione sull infrastruttura di switching di una Virtual LAN (VLAN) riservata al peering tra gli ISP; 2. il collegamento dei router degli ISP al Core Switch 10/100/1000/10000 installato nella stessa sala BIX in base alle esigenze di ogni ISP; per ovvie implicazioni di disponibilità ed affidabilità di servizio, ogni ISP potrà installare un secondo router nell altra sala BIX, ove risiede l altro Core Switch dell infrastruttura di switching; 3. l attivazione di almeno n.1 collegamento a 10Gbps tra i due Core Switch dislocati nelle due sale del BIX. Gli ISP che si insiederanno nel BIX collegheranno i propri router alla Rete di Interscambio ed attraverso essa configureranno sessioni di routing (sessioni di peering) con protocollo BGP-4 con gli altri ISP. Attraverso tali peering, gli ISP potranno mettere in comunicazione diretta i sistemi del proprio backbone con i sistemi appartenenti al backbone degli altri ISP presenti nel BIX. Nella Figura 3, per semplicità, sono indicati soltanto tre ISP, ognuno dei quali interconnette il proprio backbone sulla LAN estesa ; ogni ISP utilizzerà almeno un router di comunicazione geografica per collegare il proprio backbone alla Rete di Interscambio (LAN estesa) del BIX; ovviamente, la suddivisione del BIX nei due edifici A ed H favorisce la realizzazione in alta disponibilità mediante l allocazione di due router (rispettivamente, A1 e A2 per lo ISP A, B1 e B2 per lo ISP B, C1 e C2 per lo ISP C) sulla Rete di Interscambio. Come detto, la LAN estesa verrà realizzata attraverso la predisposizione di un sistema di networking basato su Switch Ethernet 10/100/1000/10000 dislocati nei due edifici che ospiteranno il BIX e fasci di fibre ottiche che garantiscono l interconnessione degli apparti attivi presenti nelle sale del BIX. Nei pressi delle sale di ospitalità del BIX sono anche dislocati i locali tecnici che ospitano gli operatori di telecomunicazioni (carrier) che garantiscono i circuiti di interconnessione tra le sale BIX ed i PoP (Point of Presence o punti di raccolta dell utenza) di backbone degli ISP. Oltre a questa funzione primaria ed essenziale, il BIX, attraverso l Ente Gestore dello stesso BIX (EG-BIX), offrirà ulteriori funzionalità: 1. sistema per il monitoraggio del traffico sulla rete di interscambio; 2. sistema per la gestione out of band a disposizione degli operatori e degli ISP quando falliscono i collegamenti primari dei propri apparati di comunicazione; 3. sistema web-based per la pubblicazione di informazioni riguardanti in generale il BIX; 4. sistema web-based per la pubblicazione di informazioni riservate agli operatori ed agli ISP come dati statistici relativi al traffico, a malfunzionamenti, etc; Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 17/31

18 Regione Puglia Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC 5. sistema di messaggistica per la gestione del workgroup (liste di distribuzione e forum di discussione riservati ai referenti tecnici/amministrativi degli operatori ed ISP). Dallo schema funzionale dell infrastruttura si evince che l Ente Gestore del BIX (EG-BIX, attualmente Tecnopols CSATA), collegandosi alla LAN di interscambio del BIX attraverso una coppia di border router (router di peering) che garantiscono alta disponibilità di servizio, è assimilato, di fatto, ad un ISP. La seguente Figura 4 oltre a mostrare la Rete di Interscambio del BIX evidenzia in particolare la porzione di infrastruttura di calcolo e di comunicazione dati dell EG-BIX. In particolare, l infrastruttura del EG-BIX garantirà l erogazione dei servizi presenti nelle reti di servizio: rete DMZ (rete demilitarizzata) con server web per la pubblicazione di informazioni riguardate l attività del BIX e dell EG-BIX e con aree riservate per la pubblicazione di informazioni statistiche legate specificatamente all attività di interscambio di ogni singolo ISP; rete Servizi Supporto con server AAA, cioè in grado di effettuare l autenticazione, l autorizzazione e l accounting degli accessi out-of-band effettuati dagli operatori e dagli ISP, quando sono bloccati i percorsi primari per il telecontrollo dei rispettivi apparati di comunicazione. Come reso evidente dalla figura, per conferire alta disponibilità a tutti i servizi erogati, è necessaria la duplicazione nelle due sale del BIX di ogni dispositivo (server o apparato di comunicazione dati). Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 18/31

19 Regione Puglia Servizi di Connettività e Serizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC AAA1 Support Services AAA2 Sa Wa DMZ Wh Sh CT1 LAN estesa Rete di Interscambio (dorsale n*10gbps) CT2 Core Sw A Core Sw H TSa TSh A1 B1 C1 ISDN A2 B2 C2 Edificio A Edificio H Figura 4 - La LAN estesa del BIX Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 19/31

20 Regione Puglia Servizi di Connettività e Servizi di Sicurezza per la Community Network RUPAR Puglia, nell ambito del Sistema Pubblico di Connettività - SPC 6.3 I servizi del BIX La modalità standard prevista per l erogazione del servizio per gli ISP aderenti è la seguente: Interconnessione alla LAN di peering presso uno o entrambi dei due CED, a scelta dello ISP; Alloggiamento delle apparecchiature di interconnessione dello ISP in rack standard 19 predisposto da EG-BIX con: n. 2 prese di alimentazione 220V che, a regime, dipenderanno da due catene di alimentazione interamente ridondate anche per quanto concerne gli UPS, alimentate a monte dalla rete o da generatore indipendente che sostituisce automaticamente alla rete in caso di sua interruzione. I due edifici A ed H dispongono di catene di alimentazione descritte completamente differenziate ivi inclusi due generatori differenti; Precablaggio dal suddetto rack verso gli apparati BIX sia in rame (cat. 6) che in fibra ottica Collegamento agli apparati BIX di tipo semplice o ridondato (due router) con una velocità di Banda Nominale fino a 1Gbps; impiantistica di condizionamento e di controllo (antincendio) con allarmistica centralizzata sicurezza fisica, sorveglianza e guardiania, ambiente controllato con identificazione degli accessi Possibilità di accesso ai locali del BIX su base programmata e/o in emergenza Assistenza tecnica per la gestione dei guasti ed installazione degli apparati Possono presentare domanda di adesione ai Servizi del BIX tutti gli Internet Service Provider in possesso di regolare autorizzazione e dotati delle necessarie caratterizzazioni tecniche come i blocchi di reti ufficiali e Autonomous System concessi dal RIPE. Fino al 31/12/2009 gli ISP ospitati presso il BIX non dovranno corrispondere nulla a Tecnopolis CSATA. Per il periodo successivo la Regione Puglia provvederà ad informare gli ISP sull evoluzione delle modalità di gestione delle infrastrutture che sta realizzando al servizio del territorio. 7 La rete a Larga banda 7.1 Introduzione Il progetto Larga Banda, intervento compreso tra quelli dell Accordo di Programma Quadro per la Società dell Informazione, prevede la realizzazione, il potenziamento e la razionalizzazione delle infrastrutture specializzate su cui si basano la tecnologia ed i servizi della larga banda. Allegato 1 Quadro introduttivo alla gara pag. 20/31

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è?

SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? SPC: un internet TCP/IP. Ma l innovazione dov è? Mario Terranova Responsabile Ufficio Servizi sicurezza, certificazione e integrazione VoIP e immagini Area Infrastrutture Nazionali Condivise Centro nazionale

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

l Agenzia per l Italia Digitale, istituita ai sensi del D.L 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n.

l Agenzia per l Italia Digitale, istituita ai sensi del D.L 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n. CONTRATTO QUADRO N. 2/2014 PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI INTERCONNESSIONE TRA SISTEMA PUBBLICO DI CONNETTIVITÀ E RETE NAZIONALE INTERBANCARIA, NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIZZATO DEI PAGAMENTI DELLA

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Istituto per l innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Il presente documento intende

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Prof. Franco Sirovich Dipartimento di Informatica Università di Torino www.di.unito.it franco.sirovich@di.unito.it 1 Definizioni

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli