Public Switched Telephone Network (PSTN) PSTN Structure

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Public Switched Telephone Network (PSTN) PSTN Structure"

Transcript

1 Public Switched Telephone Network (PSTN) Structure Signalling PSTN Structure PSTN implements a circuit switched network original designed to carry voice traffic Hierarchical network of Local exchanges Transit\Trunk\Regional Exchanges (International) Gateway Exchanges Completely digital transmission within network over synchronous links Each subscriber has physical connection to PSTN which is known as the local loop 1

2 PSTN Structure CN SGT SGU SL Local Loop Majority of local loops are still formed of a pair of copper wires traditionally provides analogue connection between local exchange and the subscriber s terminal Voice signal transmitted as analogue voltage Signalling transmitted as analogue voltages (tones) or current (pulses) A Subscriber Line Interface Circuit (SLIC) is the circuit in the local exchange terminating the local loop SLIC implements what are known as the BORSCHT functions

3 BORSCHT Functions Battery : Supplies -48V over local loop pair Over-voltage protection : protects SLIC circuitry from voltage spikes arriving on local loop Ring : Circuitry to cause subscriber terminal to ring Supervision : monitor state of subscriber s terminal Codec : A/D conversion between analogue local loop and digital network Hybrid : Circuit to separate voltages from representing the two directions on a single pair of wires Test : test access to the local loop Digital Local Loops A digital connection between local exchange and subscriber s terminal Speech signals digitised in phone Signalling transferred by exchange of multi-byte digital signals Integrated Digital Services Network (ISDN) uses existing local loop wires but with a synchronous digital link between ISDN terminal and ISDN local exchange Wireless Local Loop (WLL) uses digital radio communication to connection digital subscribers to local exchange 3

4 Advantages of a Digital Local Loop Provision of a digital local loop allows: Much enhanced signalling capabilities between subscriber terminal and ISDN equipped local exchanges Support of non-voice ISDN terminals Multiple simultaneous calls using a form of TDM over single local loop Signaling Subscriber to network Depends on subscriber device and switch Within network Management of subscriber calls and network more complex 4

5 Signaling Subscriber to network Pulse Dialling Dialled digit conveyed by the phone causing the phone to go rapidly On/Off hook Results in the current drawn over local loop to pulse Number of pulses equals the digit dialled Known as 10 pulse per second (10pps) Number of disadvantages Very slow Cannot be used during calls 5

6 DTMF Dialling Modern telephone keypad is 3 columns by 4 rows Key press results in a voltage being generated which is the sum of two sinusoidal voltages Frequencies of sinusoidal voltages are Row and Column frequency of the key pressed Tone generated for at least 100 ms typically 109 Hz 1336 Hz 697 Hz Hz 4 85 Hz 7 SLIC DTMF Receiver DTMF receiver hardware\software must analyse analogue voltage on local loop to determine if one column and one row frequency is present Advantages Faster dialling Usable during calls Disadvantage is that it uses frequencies in speech bandwidth - speech imitation of DTMF tone! 6

7 Signaling Within network Call related signalling Non-Call Related Signalling Call related signalling Inter-exchange signalling is a necessity to support calls which must be routed through more than a single local exchange All exchanges have multiple outgoing TDM links to other exchanges Exchange software determine which outgoing link is going to be used to set up a circuit for a call (routing) by analysing the digits dialled by the calling subscriber 7

8 Switch to Switch Signaling Subscribers connected to different switches Originating switch seizes interswitch trunk Send off hook signal on trunk, requesting digit register at target switch (for address) Terminating switch sends off hook followed by on hook (wink) to show register ready Originating switch sends address Non-Call Related Signalling Significant amount of inter-exchange signalling is not related to the routing of calls in modern PSTN Much signalling carried between exchanges is requests\responses between specialised computer systems within the PSTN Number Translation Cellular telephone location updating 8

9 In Channel Signaling Use same channel for signaling and call Requires no additional transmission facilities Inband Uses same frequencies as voice signal Can go anywhere a voice signal can Impossible to set up a call on a faulty speech path Out of band Voice signals do not use full 4kHz bandwidth Narrow signal band within 4kHz used for control Can be sent whether or not voice signals are present Need extra electronics Slower signal rate (narrow bandwidth) Drawbacks of In Channel Signaling Limited transfer rate Delay between entering address (dialing) and connection Overcome by use of common channel signaling 9

10 Struttura trama europea Durata 15 us 3 timeslot (TS) di 8 bit TS 0 per allineamento e servizio trame pari: 1 bit per controllo errore (CRC-4) 7 bit allineamento ( ) trame dispari: 1 bit errore 1 bit sempre a 1 1 bit allarme 1 bit canale dati 4 kbit/s 4 bit riservati per uso nazionale TS 1-15 e 17-31per traffico TS 16 per segnalazione Struttura trama europea: TS 16 4 bit per canale fonico n 4 bit per canale fonico n + 15 Multitrama di 16 trame: ms Nella prima trama 4 bit a 0 4 bit di servizio Segnalazione CAS fuori banda, kbit/s 10

11 Struttura trama nord-americana Durata 15 us 4 timeslot (TS) di 8 bit (tot 19 bit) 1 bit F per allineamento di trama (1/0 in trame dispari) bit robbing ogni 1.5 ms (CAS in banda, 1.33 kbit/s) supertrama di 1 trame allineamento supertrama con bit SF ( in trame pari) Segnalazione Segnalazione Associata: una linea di segnalazione per ogni canale. Segnalazione e traffico sono sulla stessa linea Segnalazione Comune: non esiste un canale di segnalazione permanentemente assegnato a un canale di traffico. I canali di segnalazione costituiscono una risorsa comune. SP A SP B SP C SP A SP B traffico segnalazione SP C 11

12 Common Channel Signaling Control signals carried over paths independent of voice channel One control signal channel can carry signals for a number of subscriber channels Common control channel for these subscriber lines Associated Mode Common channel closely tracks interswitch trunks Disassociated Mode Additional nodes (signal transfer points) Effectively two separate networks Servizi di rete intelligente CCSS7 Service centre 1

13 Rete di segnalazione / traffico La divisione tra traffico e segnalazione consente di ottimizzare le risorse separatamente. Rete di segnalazione: Signalling Transfer Point (STP):un qualunque punto nella rete in grado di gestire messaggi di segnalazione. Signalling Point (SP): Instradamento o terminazione di percorsi di segnalazione. SP SP STP STP SP SP STP STP SP SP SP Rete di traffico: Centrali di transito Centrali locali Modello CCSS7 13

14 CCSS7: Message Transfer Part Si occupa di trasportare i messaggi coprendo i primi tre livelli Livello 1 (Signalling-Data-Link Level) Definisce le funzioni elettriche. E ottimizzato per il trasposrto in trame E1. Livello (Signalling Link Level) Struttura del messaggio (Signalling Unit) Message Signal Unit (MSU): trasporta i dati dal livello 4 Level Status (LSSU): informazioni di controllo di livello Fill-In (FISU): riempimento Livello 3 (Signalling Network Level) Instradamento dei messaggi. CCSS7: User Parts TelephoneUP: comprende tutte le funzionalità atte al funzionamento dei una normale rete telefonica. DataUP: ottimizzata per il trasporto di dati su Circuit Switched Public Data Network. IS(DN)UP: supera le altre UP nell ottica della rete integrata. Esempi di comandi Initial Address Message (IAM): inizia l occupazione del circuito con l invio delle cifre del numero desiderato. Address Complete Message (ACM): indica la ricezione dell informazione di indirizzamento. 14

15 ISDN Integrated Services Digital Network ISDN is a set of protocols to support the provision of a digital interface to the subscriber over the existing copper pair local loop It is NOT a completely new type of network It only has significance to the user-network interface At its simplest, it only requires minor enhancements to signalling software within the existing network 15

16 Types of ISDN Access Two types of ISDN access are provided: Basic Rate : x 64kbps (Circuit Switched Traffic) B-Channels + 16kbps (Signalling) D-Channel Primary Rate: 30 x 64kbps B-Channels + 64 kbps D-Channel Latter used by high volume customers and delivered by E1 type TDM links Former can be provided to normal residential or business subscribers Possible intermediate combinations H0 H1 B Channels - Basic Rate B channels provide a standard bi-directional 64kbps circuit connection into the network Extension of 64kbps timeslot used on inter-exchange TDM links to subscriber s terminal Access allocated to a one specific ISDN terminal connected to subscribers ISDN connection for duration of a circuit switched call (Voice or Data) 16

17 D Channel - Basic Rate D Channel is the means by which ISDN terminals transmit\receive signalling information to\from the ISDN local exchange A shared 16kps communication channel among numerous ISDN terminals connected to the one ISDN interface in the subscriber s premise Transmission over Local Loop Physical connection between ISDN local exchange and subscriber premise is existing copper pair local loop (U interface point) Digital transmission over the local loop using some form of digital waveform formatting (e.g. AMI, B1Q, 4B3T) Varies from country to country as it depends on condition of local loop An electronic device known as a Network Termination Type 1 (NT1) is located in subscriber s premise and terminates local loop 17

18 Transmission over Local Loop m Service framework ISDN introduces a first subdivision among services: Bearer services: how network should route/process terminal data E.g. : Speech, 64kbps Unrestricted, D-Channel Packet Switched Teleservices: Completion definition of a communication application and how it is set up and supported using ISDN terminals E.G. : Wideband Audio, Group 4 Fax, Video-conferencing Supplementary services: Services which enhance basic call connection service provided by network. Request to invoke these be indicated in Call Set-up signal or Facility signal E.G. : Call Diversion, Call Completion, Caller ID (Restriction), Malicious Call ID, Conference Call 18

19 ATM - Protocol Architecture Architettura protocollare GSM 19

20 Why cellular Resource reuse Reuse pattern: There exists a border area where signals overlap: interference Unacceptable when a user pays for service Reuse pattern Need to introduce an intermediate area using different frequency intervals. D HANDOVER D = reuse distance 0

21 Alternative reuse pattern: clover clover : three directional antennas (10 ) Better reuse distance Lower environmental impact CDMA (Code Division Multiple Access) coverage Stations are all on the same frequency band: cell-code No problems in frequency planning Coverage problems due to random traffic patterns and cell breathing 1

22 Network structure PLMN Administartive centers Other nets gateway Local switching Local switching LA LA LA: Location Area PLMN: Public Land Mobile Network LA LA LA LA LA LA cell cluster Domini protocollari X.5 OMC Specifici EIR HLR VLR AuC MSC BSC GMSC CCSS7

23 Interfacce Um BTS A-bis BSC A MSC B I F EIR MS OMC O E VLR VLR D C HLR GMSC MSC H SMSG Protocols: radio segment 3

24 X.5 Gestione connessioni virtuali Gestione instaurazione, mantenimento, abbattimento connessione PACKET FRAME PHYSICAL LAPB V.4 per distanze corte (< 17m) bps. V.35 distanze medio-corte (<100m). Mbps. X.1 specifica per reti dati. Mbps. G.703 connessione numerica. Riserva TS in trama PCM. 64 kbps Frame HDLC Stazione primaria, secondaria, bilanciata Modalità ABM (LDAB), NRM, ARM FLAG INDIRIZZO CONTROLLO INFORMAZIONE FCS FLAG 8 8 * n 8/16 variabile 8/ Information Supervisory Unnumbered 0 N (S) P/F N (R) 1 0 S P/F N (R) 1 1 M P/F N (R) 4

25 Gestione utenti: CCSS7 Stratificazione rete GSM 5

26 Utilizzo di CCSS7 nella rete GSM Il sistema di segnalazione CCSS7 viene utilizzatall interno dello NSS. In particolare tutte le funzionalità legate alla mobilità sono svolte dalla Mobile Application Part (MAP) Fasi di instaurazione chiamata 6

27 Esempi di procedure: chiamata MAP HLR MAP DTAP ISUP GMSC ISUP VLR BSSMAP BSC MSC LAP-D LAP-Dm LAPD frame FLAG EA (0) C/R SAPI EA (1) TEI CONTROL INFO FCS FLAG /16 n 16 8 Extended Address Command / Response Service Access Point Identifier Terminal End-point Identifier Poll / Final Frame CheckSum 0 N (S) P/F N (R) TIPO P/F N (R) I frame S frame

28 Commutazione di circuito Allocazione temporanea ed esclusiva percorso univoco + ritardo costante - spreco di risorse Es. reti orientate alla fonia: PSTN, GSM Commutazione di pacchetto Introdotta da Paul Baran e Donald Davis Frammentazione costruzione del pacchetto (aggiunta dell'header) store and forward riassemblaggio + ottimizzazione delle risorse + nessun collegamento dedicato - sensibilità agli errori - nessuna garanzia (servizi best effort) 8

29 Commutazione di pacchetto: utilizzo delle risorse Un messaggio da spedire Sorgente Destinazione Commutazione di pacchetto: utilizzo delle risorse In assenza di frammentazione Sorgente Destinazione 9

30 Commutazione di pacchetto: utilizzo delle risorse In assenza di frammentazione Sorgente Destinazione Commutazione di pacchetto: utilizzo delle risorse Un messaggio da spedire frammentato in 3 pacchetti Sorgente Destinazione 30

31 Commutazione di pacchetto: utilizzo delle risorse Con frammentazione Sorgente Destinazione Commutazione di pacchetto: utilizzo delle risorse Con frammentazione Sorgente Destinazione 31

32 La pila ISO / OSI Trasmettitore Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Ricevitore Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Trasporto fisico dei bit Interfaccia Request Confirm Livello n Livello n - 1 Service Access Point Indication Response 3

33 Comunicazione tra entità pari Trasmettitore Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Ricevitore Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Trasporto fisico dei bit Comunicazione multi livello Trasmettitore Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Ph dh nh th sh ph ah dati dati dati dati dati dati dati dati 33

34 Comunicazione multi livello dati Ricevitore dati ah dati dati dati dati dati dati ph sh th nh dh Ph Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Considerazioni sul modello ISO / OSI + Modello generale - Funzioni duplicate - Funzioni mancanti - Livelli non chiari - Cattiva implementazione 34

35 Modello TCP / IP Liv. Applicazione Liv. Presentazione Liv. Sessione Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Data link Liv. Fisico Liv. Applicazione Non presente Liv. Trasporto Liv. Rete Liv. Host-tonetwork Il pacchetto IP Versione Lung. Int. Identificatore a 16 bit Tipo di servizio 3 bit Lunghezza datagram (byte) N D M Offset di frammento Tempo di vita Protocollo strato sup. Checksum intestazione Indirizzo IP sorgente a 3 bit Indirizzo IP di destinazione a 3 bit Opzioni (se presenti) Dati 35

36 Gli indirizzi IP Lunghezza di 3 bit Notazione decimale puntata Identificare: rete di appartenenza host destinatario Indirizzamento Classfull 0 Rete 7-10 Rete Rete Multicast Host 4-3 bit Host 16 - Host 8 - Classe A B C D E 36

37 Indirizzamento Classfull Indirizzo statico o dinamico Indirizzo pubblico (IANA) o privato Network prefix Classe A B C Indirizzamento CIDR Indirizzo di rete + maschera / ANDing Network: Host:

38 ICMP Tipo Codice 3 bit Checksum Dati dipendenti dal tipo Intestazione IP + 64 byte del datagramma 0 Echo Reply 1 Parameter problem 3 Dest. unreach. 13 Timestamp 4 Source quench 14 Timestamp reply 5 Redirect 17 Addr. mask req. 8 Echo req. 18 Addr. mask reply 11 Time exc. Routing (instradamento) Tabella di routing Destinazione Next hop Interfaccia Indirizzo + maschera Interfaccia verso la rete remota Indirizzo del prossimo router 38

39 Routing (instradamento) Destinazione Next hop Interfaccia Identificare la riga della tabella longest match caso particolare: default route / Routing (instradamento) Destinazione Next hop Interfaccia Identificare la riga della tabella longest match caso particolare: default route / Accodamento 39

40 Algoritmo di Dijkstra Calcolo del cammino minimo Nodi permanenti e temporanei Etichette (costo, nodo) passi: aggiornamento dell'etichetta scelta di un nuovo nodo permanente Algoritmo di Dijkstra B C A E D 6 1 F G 4 H 40

41 Algoritmo di Dijkstra B (, A) C A E D 6 1 F G (6, A) 4 H Algoritmo di Dijkstra B (, A) C (9, B) A 7 E (4, B) 3 3 D 6 1 F G (6, A) 4 H 41

42 Algoritmo di Dijkstra B (, A) C (9, B) A 7 E (4, B) 3 3 D 6 1 F (6, E) G (6, A) (5, E) 4 H Algoritmo di Dijkstra B (, A) C (9, B) A 7 E (4, B) 3 3 D 6 1 F (6, E) G (5, E) 4 H (9, G) 4

43 Algoritmo di Dijkstra B (, A) C (9, B) A 7 E (4, B) 3 3 D 6 1 F (6, E) G (5, E) 4 H (9, G) (8, F) Algoritmo di Dijkstra B (, A) C (9, B) A 7 E (4, B) 3 3 D (10, H) 6 1 F (6, E) G (5, E) 4 H (8, F) 43

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Ing. Francesco Chiti chiti@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM BTS BSC R -MSC A -MSC HLR MS RIL 3 - CC RIL 3 - MM MAP / D DTAP RIL 3-RR RSM BSSMAP MAP / E distribution MTP 3 MTP 3 MTP 3 LAPDm LAPD MTP 2 MTP 2 MTP 2 Radio IF 64 kbit/s

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

GPRS: General Packet Radio Service

GPRS: General Packet Radio Service GPRS: General Packet Radio Service Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Procedure Introduzione Introduzione Internet: trasmissione dati rappresenta una grossa parte del traffico

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Struttura del sistema GSM

Struttura del sistema GSM Struttura del sistema GSM Seconda Parte 1 Colloquio tra MSC, BSC, BTS MS 2 BSC (struttura hardware) 3 BSC (implementazioni pratiche) 4 NSS Necessità di un MSC Numeri telefonici (MSISDN) Instradamento e

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

T24 Reti numeriche integrate nei servizi

T24 Reti numeriche integrate nei servizi T24 Reti numeriche integrate nei servizi T24.1 Proporre una traduzione in italiano della definizione di ISDN fornita in inglese dall ITU-T (v. par. 24.1)... T24.2 Quali sono gli aspetti chiave che sono

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access 6: Wireless and Mobile 6-1 Capitolo 6: sommario Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, CDMA IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access architettura standard (es. GSM)

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

5 Architettura protocollare

5 Architettura protocollare 5 Architettura protocollare L architettura protocollare del GPRS è basata sul principio della stratificazione dei protocolli, in accordo col modello ISO/OSI; lo standard GPRS distingue due tipi di piani

Dettagli

Il GSM Architettura generale

Il GSM Architettura generale Il GSM Architettura generale Marco Listanti 1 Indice 2 Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Le reti cellulari geografiche: il GSM Architettura generale Servizi portanti

Dettagli

Ministero delle Comunicazioni

Ministero delle Comunicazioni Ministero delle Comunicazioni ISTITUTO SUPERIORE DELLE COMUNICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE SPECIFICA TECNICA N. 768 INTERFACCE ANALOGICHE D UTENTE PER CENTRALI TELEFONICHE URBANE ANNO 2003

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche corso di Informatica Generale

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche corso di Informatica Generale Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche corso di Informatica Generale Paolo Mereghetti DISCo Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Internet (parte 2) Riordinati e inoltrati

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 9 GPRS GPRS (General( Packet Radio Service) Accesso a INTERNET always ON Il GPRS è un servizio dati a

Dettagli

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP)

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9.1. Introduzione La quarta funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello di rete è la segnalazione, alla sorgente, di situazioni di errore

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2 RETI DI TELECOMUNICAZIONI INDICE CAPIITOLO 1 Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1 Presentazione del corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 2 Argomenti trattati nel corso di Reti di

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI

RETI DI TELECOMUNICAZIONI Accademia Navale Armi Navali LAUREA in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI RETI DI TELECOMUNICAZIONI Stefano Giordano Lezione n.11n Segnalazione d utente d nella rete ISDN; accoppiatore ibrido direzionale;

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

IP multimedia services in the NGN

IP multimedia services in the NGN 4. Servizi NGN Pag. 1 IP multimedia services in the NGN In the ETSI the working group TISPAN (Telecommunications and Internet converged Services and Protocols for Advanced Networking) has already defined

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 Reti di Trasporto Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08 1 Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 2 Reti dati per le aziende 2) 10.0.2.x 3) 10.0.3.x 4) 10.0.4.x 1) 10.0.1.x 5) 10.0.5.x 8) 10.0.8.x 6)

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

IPv4 Internet Protocol Versione 4

IPv4 Internet Protocol Versione 4 IPv4 Internet Protocol Versione 4 Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it IPv4-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Il protocollo X25. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitá di Modena e Reggio Emilia

Il protocollo X25. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitá di Modena e Reggio Emilia Il protocollo X25 Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitá di Modena e Reggio Emilia Il protocollo X25 L X25 normalizza il dialogo tra un DTE-X25 (calcolatore o router) ed

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Indirizzamento IP (v4)

Indirizzamento IP (v4) (v4)! Indirizzo unico di 32 bit per ciascuna interfaccia presente nella rete " Un host puo avere interfacce multiple " Alcuni indirizzi possono essere assegnati piu volte --> VPN, NAT (piu avanti)! Interfaccia

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Telefonia, ADSL Voice over IP

Telefonia, ADSL Voice over IP Telefonia, ADSL Voice over IP 1 Telefonia Il servizio telefonico e costoso Le LAN utilizzano i cavi utilizzati dalle reti telefoniche negli edifici La tecnologia telefonica è alla base della maggior parte

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Tunneling, reti private e NAT

Tunneling, reti private e NAT Tunneling, reti private e NAT Partly based on! course slides by L. Peterson " Princeton University! Cisco documentation Reti Private - NAT -1 Argomenti della lezione! Tunneling " Generic Route Encapsulation

Dettagli

Packet Tracer: simulatore di RETE

Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer: simulatore di RETE Packet Tracer è un software didattico per l'emulazione di apparati di rete CISCO. http://www.cisco.com/web/it/training_education/networking_academy/packet_tracer.pdf PT

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Livello DataLink. Error detection and error correction. Management and control of the accessto the media

Livello DataLink. Error detection and error correction. Management and control of the accessto the media Livello DataLink Livello DataLink According to the OSI model, the DataLink layer is placede directly abovethe physicallayerand itsgoal isassuringefficiencyand reliability in the communication process between

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email:

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email: Stefano Leonardi Tel.: 06 77274022 Email: leon@dis.uniroma1.it URL: www.dis.uniroma1.it/~leon Ricevimento: Dopo lezione o appuntamento per e -mail Esercitazioni: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola

Dettagli

Obiettivi. Strategia. Testo di Riferimento. Informatica II Reti di Calcolatori. Soluzioni tecnologichema non solo!!

Obiettivi. Strategia. Testo di Riferimento. Informatica II Reti di Calcolatori. Soluzioni tecnologichema non solo!! Obiettivi Discutere i principi relativi alla definizione e uso di reti di calcolatori Informatica II Reti di Calcolatori Protocolli di Comunicazione Applicazioni di rete Sicurezza nelle reti (principi)

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli.

Page 1. Elementi Base del Modello OSI. Il modello di riferimento ISO/OSI OSI: Open Systems Interconnection. Struttura a Livelli. Università degli Studi di Parma Elementi Base del Modello OSI Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D Modello OSI mezzi fisici Connessioni Struttura a Livelli Per ridurre la complessità progettuale, tutte

Dettagli

REDATTO: DW.RT.NE.C Nespoli, De Vito. VERIFICATO: DW.RT.NE.C Scrimitore. APPROVATO: DW.RT.NE.C Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE

REDATTO: DW.RT.NE.C Nespoli, De Vito. VERIFICATO: DW.RT.NE.C Scrimitore. APPROVATO: DW.RT.NE.C Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE Caratteristiche tecniche di DRRYBADNI252 3/7/22 REDATTO: Nespoli, De Vito TILAB Barbetta VERIFICATO: Scrimitore TILAB Rosboch APPROVATO: Contini LISTA DI DISTRIBUZIONE Interna a Telecom Italia DW.RT Nocentini

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 2 Livelli di astrazione Network layers

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 2 Livelli di astrazione Network layers INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 2 Livelli di astrazione Network layers Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 Protocol Layers Sistemi complessi!

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based

API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based Cosa sono le API? Consideriamo il problema di un programmatore che voglia sviluppare un applicativo che faccia uso dei servizi messi a disposizione

Dettagli

Il livello Network in Internet

Il livello Network in Internet Il livello Network in Internet Funzioni del livello Network negli host e router: Livello Transport: TCP, UDP Livello Network Protocolli di Routing selezione percorso RIP, OSPF, BGP tabella di routing protocollo

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Silvano Gai Pietro Nicoletti WAN-4-1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni Nome e Cognome Laurea Diploma in Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni 31/7/2003 1. La realizzazione asincrona di un servizio sincrono (segnare tutto ciò che è corretto) fa sì che l'allocazione

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli