PROGRAMMA DI CESSIONE DEI COMPLESSI AZIENDALI DI FIREMA TRASPORTI S.P.A. IN A.S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI CESSIONE DEI COMPLESSI AZIENDALI DI FIREMA TRASPORTI S.P.A. IN A.S."

Transcript

1 PROGRAMMA DI CESSIONE DEI COMPLESSI AZIENDALI DI FIREMA TRASPORTI S.P.A. IN A.S. Presentato al Ministero dello Sviluppo Economico dal Commissario Straordinario Prof. Avv. Ernesto Stajano

2 INDICE 1. DESCRIZIONE DELLA SOCIETA E DEI COMPLESSI AZIENDALI DESTINATI ALLA VENDITA Premessa: la struttura societaria ed industriale della Firema Trasporti S.p.A Evoluzione della società anteriormente all ammissione alla Procedura di Amministrazione Straordinaria Evoluzione degli organi sociali di Firema S.p.A. anteriormente all ammissione alla Procedura di amministrazione straordinaria L evoluzione del mercato ed i principali prodotti di Firema Trasporti S.p.A L evoluzione del mercato e dell industria del materiale rotabile e le prospettive attuali I principali prodotti di Firema Trasporti S.p.A La descrizione delle aree di business di Firema Trasporti S.p.A La Business Unit Caserta La Business Unit Milano La Business Unit Spello La Business Unit Tito La Business Unit Cantieristica Gli assets non funzionali Il Polo di Ercolano Gli immobili in Torino Le risorse umane LINEE GUIDA DEL PROGRAMMA DI CESSIONE DEI COMPLESSI AZIENDALI Contenuto ed obiettivi del programma di cessione dei complessi aziendali Criteri adottati nella definizione dei complessi aziendali destinati alla vendita PROCEDURA DI VENDITA DEI COMPLESSI AZIENDALI Il quadro normativo Linee guida della procedura di vendita Pubblicità e trasparenza Massimizzazione dei profitti a beneficio della massa dei creditori, conservazione dell integrità aziendale e salvaguardia dei livelli occupazionali Valutazione globale delle offerte Tutela della riservatezza dei dati e delle informazioni relative ai complessi aziendali oggetto di dismissione Descrizione delle fasi in cui si articolerà la procedura di vendita Facoltà del Commissario Straordinario di modificare la procedura di vendita e modalità alternative di svolgimento della stessa PREVISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE CONNESSE ALLA PROSECUZIONE DELL ESERCIZIO DELL IMPRESA MASSE PASSIVE E PREVISIONI IN MERITO ALLA SODDISFAZIONE DEI CREDITORI ALLEGATI Allegato 1) Invito a manifestare l interesse Allegato 2) Impegno di riservatezza Allegato 3) Bilancio provvisorio al 31 luglio

3 1. DESCRIZIONE DELLA SOCIETA E DEI COMPLESSI AZIENDALI DESTINATI ALLA VENDITA 1. 1 Premessa: la struttura societaria ed industriale della Firema Trasporti S.p.A. Firema Trasporti S.p.A. nasce dalla fusione per incorporazione nella Firema Trasporti avvenuta a dicembre 1993, delle Società operative controllate (Officine Stanga Cittadella Padova; Fiore Officine Casertane Caserta; Ercole Marelli Trazione Milano; Metalmeccanica Lucana Potenza; Retam Service Milano e Perugia), allo scopo di integrare risorse industriali e finanziarie per affrontare le richieste del mercato nazionale ed internazionale e competere con i principali operatori internazionali (Alstom, Bombardier etc). La Società risulta iscritta al Registro delle Imprese al n , numero di Repertorio Economico Amministrativo (REA) NA e CE (unità locale o sede secondaria ma, in effetti, sede principale). La sede legale è in Napoli, Vico II San Nicola alla Dogana 9 1. La Società opera come Sistemista Integratore, direttamente e tramite Raggruppamenti Temporanei, nella progettazione, realizzazione, collaudo e messa in servizio di veicoli ferroviari con attività di post vendita (manutenzione, revisione e ricambi), nonché nella produzione e revisione di equipaggiamenti elettronici di trazione, convertitori ausiliari, motori di trazione e regolazioni per veicoli ferroviari e urbani. Negli ultimi anni la Società ha operato anche nella progettazione, realizzazione e installazione di sistemi automatici di bigliettazione e sistemi automatici per controllo accessi su supporto cartaceo magnetico. Oltre che presso la sede di Napoli, la Società opera attualmente presso le sedi di Caserta (Strada Provinciale Appia località Ponteselice), Spello (Via San Claudio 16), Milano (Via Triboniano 220); Tito Scalo (Zona Industriale). In particolare: - nello stabilimento di Caserta vi è la Direzione generale e amministrativa e vengono ivi svolte le attività di progettazione esecutiva e costruzione di materiale rotabile; - nella sede di Milano è svolta l attività commerciale e di progettazione; - nello stabilimento di Spello è svolta l attività di service per equipaggiamenti elettrici e motori di trazione; - nello stabilimento di Tito Scalo viene svolta l attività di produzione di equipaggiamenti elettronici e motori di trazione. Esiste altresì un unità operativa di cantiere in Roma, Via Prenestina 41, finalizzata all attività di manutenzione per Trenitalia S.p.A.. I siti produttivi sopra indicati si estendono su una superficie coperta complessiva di 200 mq. ed un area totale di circa mq. 1 La sede veniva inizialmente fissata in Napoli, Via Giovanni Manna n. 14, trasferita in data in Caserta Via Provinciale Appia, ed in data nuovamente trasferita in Napoli. 3

4 Firema Trasporti S.p.A., unitamente alle proprie controllate e alle società partecipate, costituisce un gruppo di seguito graficamente rappresentato: GMR S.p.A. Firema Trasporti S.p.A. 100% Reicom S.r.l. 39% I.M. Intermetro S.c.a.r.l. Consorzio IRIS 25% Cermet 0,33% Rail Tech Arsenal 12,50% S.r.l. 4,93% AB ONE Investment S.p.A. 0,32% Tutte le partecipazioni detenute da Firema Trasporti S.p.A. riguardano interessenze nel settore ferroviario e la Reicom è una branch che sviluppa sistemi Wireless con applicazione nel medesimo settore (Passenger Information System, Videosorveglianza, ecc..). Le immobilizzazioni finanziarie iscritte nel bilancio 2009 di Firema Trasporti S.p.A. ammontano a complessivi /migliaia e sono così dettagliate: (valori in /migliaia) Denominazione Imprese collegate Reicom S.r.l. Sede legale Capitale sociale p.n. Risultato di es. % Valore a bilancio Limena (Pd) Totale 128 Altre imprese I.M. Intermetro Spa Roma , Consorzio Cesit Napoli 14 Consorzio Trevi Roma 5 Consorzio Iris Bolzano 25 1 Consorzio Irfeme Spello 2 Cermet Bologna 420 0,33 1 Rail Tec Arsenal Gmbh Vienna 36 4,93 99 AB One Investment Milano 775 0,32 2 Spa Totale 792 4

5 REICOM S.r.l. Quota di partecipazione 39%, per l importo di ,39 sede legale in Limena (Pd). La Reicom sviluppa per il settore ferroviario (insieme al settore dei trasporti in genere, anche su gomma) la ricerca e la produzione di tecnologie radio a larga banda innovative in grado di abilitare servizi avanzati di connettività terra-treno. Con Decreto del la Società è stata ammessa alla Procedura di amministrazione straordinaria ex art. 3, comma 3, D.L. 347/2003. Con sentenza n. 8/2011 del il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha accertato lo stato di insolvenza di Reicom S.r.l. I.M. INTERMETRO S.c.a.r.l. Quota di partecipazione 16,67%, l importo di ,94 sede legale in Roma. Attività predominante commesse per costruzione e ristrutturazione linee metropolitane del Comune di Roma. Sono presenti code di lavoro che non pregiudicano comunque la decisione del Consiglio di Amministrazione di porre in liquidazione volontaria la società per fine attività aziendale. CESIT Centro Studi e Ricerche Sistemi di Trasporto Collettivo Quota di ,00 sede legale in Napoli. Il Consorzio ha lo scopo di consentire ai consorziati, sia direttamente che indirettamente, attraverso attività di ricerca, di formazione ed iniziative verso terzi, di acquisire e mantenere un costante aggiornamento sugli sviluppi del settore dei sistemi di trasporto collettivi. CONSORZIO TREVI Quota di 5.164,57 sede legale in Roma. Il Consorzio, attualmente in fase di liquidazione, è stato costituito alla nascita dei rotabili per la linea Alta Velocità e raggruppa tutti i grandi costruttori di materiale rotabile ferroviario. CONSORZIO IRIS International Railways Integrated Service Quota di partecipazione 25% per l importo di 1.250,00 sede legale Bolzano. Trattasi di piccola partecipazione di natura strategica commerciale la cui attività non ha dato vantaggi sino ad oggi. IRFEME Imprese Riunite in Filiera Elettromeccanica ed Elettronica Quota di 1.500,00 sede legale Spello (Pg). Il Consorzio ha per oggetto il reperimento e l assunzione, nell interesse delle imprese che lo compongo, di appalti concessioni e commesse per fornitura di servizi di revamping, di apparati elettromeccanici di macchine industriali, macchine per la produzione di energia elettrica e apparati del settore ferroviario. CERMET Soc. Cons. a.r.l. Certification and research for quality Quota di partecipazione 0,33% per l importo di 424,01 sede legale Bologna. Trattasi di piccola partecipazione di natura strategica commerciale la cui attività sino ad oggi non ha dato vantaggi. RTA RAIL TEC ARSENAL FAHRZEUGVERSUCHSANLAGE GMBH Quota 4,93% per l importo di ,57 sede legale Vienna. 5

6 L Istituto opera a livello internazionale e effettua test per veicoli ferroviari e stradali. La sua attività si proietta sui nuovi sistemi di trasporto e attrezzature generali conducendo ricerche su di essi. Possiede la più grande galleria climatica del mondo. AB ONE INVESTIMENT SPA Quota 0,32% per l importo di 2.500,00 sede legale Milano. Azienda di consulenza aziendale. 1.2 Evoluzione della società anteriormente all ammissione alla Procedura di Amministrazione Straordinaria Firema Trasporti S.p.A. viene costituita nel 1993 dall aggregazione di quattro Aziende (Officine Fiore, Officine Stanga, Officine Casaralta e Ercole Marelli Trazione) che, singolarmente, hanno maturato oltre 80 anni di esperienza nel settore ferroviario con l obiettivo di creare un polo nazionale in grado di competere con i principali operatori internazionali (Alstom, Bombardier, ). Successivamente, al polo così costituito, si univa Finmeccanica, con una quota rilevante del 49%. A partire dal giugno 2003 si realizzava la progressiva uscita dalla compagine sociale dei soci privati e di Finmeccanica ( ). Successivamente, si realizzava il riassetto dell azionariato attraverso il veicolo del socio unico GMR S.p.A., controllato interamente dalla famiglia Fiore, storica famiglia di imprenditori napoletani i cui interessi, oltre al settore ferroviario, riguardano diversi business, quali progettazione, edilizia, energia, editoriale e finanziario. Per il settore ferroviario la famiglia Fiore operava in sinergia con le seguenti società: - Firema Trasporti S.p.A., per il materiale rotabile; - Tecnosistem S.p.A., per la progettazione Aeronautica, Infrastrutture e materiale rotabile; - Costruire S.p.A., per le opere civili; - Reicom S.r.l., per Wirless (HW & SW). Il c.d. Progetto Ercolano, di cui si parlerà in avanti, veniva attuato con i partners Università Federico II di Napoli e CNR. La riorganizzazione produttiva ed organizzativa realizzata nel corso degli anni comportava la soppressione dei siti produttivi di Cittadella, Padova, Ercole Marelli Milano, Casaralta ed Ercolano, con una significativa riduzione dei costi fissi, di struttura e di personale. Nel corso del 2002 l attività commerciale veniva caratterizzata, tra l altro, dall acquisizione di significativi ordini sul mercato nazionale, con riferimento, in particolare, alle forniture per Trenitalia di n. 60 Loco ETR 500 attraverso il Consorzio Trevi (quota Firema 63,8 milioni di euro), di n. 24 Loco E 402 attraverso Ansaldo Breda (quota Firema 27,7 milioni di euro), nonché all ordine di ulteriori n. 4 UdT per la metropolitana di Catania (valore di circa 13,9 milioni di euro). 6

7 Nel corso dell esercizio la RTI con Ansaldo Breda S.p.A. e Keller S.p.A. partecipava con successo alla gara per n. 27 nuovi treni a due piani a composizione di 3 e 5 veicoli a potenza distribuita per il servizio regionale delle Ferrovie Nord Milano (fornitura di circa 45,5 milioni di euro). Veniva stipulato un accordo con Ansaldo Breda, di durata triennale, che disciplinava le collaborazioni commerciali ed industriali per alcune linee di prodotto, volto ad assicurare a Firema Trasporti S.p.A. un ragionevole carico di lavoro per commesse di costruzione nel corso del triennio. In tale contesto venivano definiti i contenziosi insorti tra le parti, nonché tra queste ed i committenti, in relazione a commesse eseguite e/o in corso di esecuzione. Nel settore mass transit venivano acquisiti ordini di equipaggiamenti per il revamping della linea A della metropolitana di Roma per un valore di 6 milioni di euro. Nel settore riparazione e service le acquisizioni ammontavano a circa 24,8 milioni di euro e nel settore impianti fissi a circa 9,8 milioni di euro. Il bilancio di esercizio evidenziava, prima dei componenti straordinari e delle imposte, una perdita di 23,2 milioni di euro, da imputare per 1,6 milioni di euro al risultato positivo della gestione e per 24,2 milioni di euro agli oneri e accantonamenti diversi, costituiti: - quanto ad 10,9 milioni dagli oneri finanziari del periodo; - quanto ad 12,8 milioni dall accantonamento al fondo rischi e oneri diversi, effettuato per adeguare il fondo rischi agli oneri riferibili alla problematica amianto e a pretese dei clienti per i contratti in corso di esecuzione, oltre che ai rischi contrattuali; - quanto ad 1,1, milioni dall ammortamento degli oneri pluriennali relativi all avviamento. L attività commerciale del 2003 veniva caratterizzata dalla definizione degli ordini relativi alle gare aggiudicate nel precedente esercizio, nonché all ordine di Trenitalia per il revamping di n. 901 carrozze G.C. (quota Firema 28,9 milioni di euro) e quello di Alstom per il politensionamento di n. 15 Elettrotreni ETR 480 (quota Firema 9,3 milioni di euro). Venivano registrate nuove acquisizioni per 78,3 milioni di euro, di cui 19,7 milioni per attività del settore costruzione, 42,4 milioni nel settore revamping ed il restante nei settori service ed impianti fissi. Nel settore costruzione e con riferimento al citato ordine per i Treni regionali per le Ferrovie Nord Milano, venivano attribuite a Firema forniture di ulteriori 12 milioni di euro, così complessivamente per 57,5 milioni di euro (45,5 nell esercizio 2002 e 12 nell esercizio 2003). 7

8 Nella relazione sulla gestione il Consiglio di Amministrazione evidenziava i risultati raggiunti riconducendoli alla finalizzazione delle azioni già avviate, in coerenza con il Piano di Ristrutturazione, e orientate alle seguenti linee strategiche: - saturazione della capacità installata in linea con le previsioni di ordini da acquisire; - significativa riduzione dei costi fissi di struttura; - ristrutturazione dell indebitamento a breve termine; - ristrutturazione dell indebitamento a medio/lungo termine; - completamento del piano di dismissione dei siti produttivi non più operativi. Nel settembre 2003 veniva sottoscritto un accordo per un programma di ristrutturazione aziendale che prevedeva la cessazione delle attività allocate nel sito di Padova. Nel corso del 2004 venivano acquisiti ordini per 150,3 milioni, di cui: - 95,8 milioni nel settore costruzione; - 27,5 milioni nel settore riparazione; - 6,3 milioni nel settore impianti fissi; - 20,7 milioni nel settore Customer Service, con un totale portafoglio ordini di 283,5 milioni, così suddiviso: - 194,9 milioni nel settore costruzione; - 60,9 milioni nel settore riparazione; - 17,9 milioni nel settore impianti fissi; - 9,8 milioni nel settore Customer Service. Gli ordini acquisiti nel biennio in RTI con Ansaldo Breda ammontavano ad 700 milioni per la fornitura di 51 convogli a due piani per le Ferrovie Nord Milano, 26 elettrotreni a scartamento ridotto per Circumvesuviana e 42 convogli a sei elementi per le linee 1, 2 e 3 per la Metropolitana di Milano. Le acquisizioni dirette riguardavano l ordine per la fornitura di veicoli automotori diesel e rimorchiate a scartamento ridotto per la Ferrovia Calabra. Nel corso dell esercizio veniva data massima attenzione sotto il profilo tecnicocommerciale allo sviluppo progettuale dei prodotti che rispondevano alle esigenze specifiche di ferrovie concesse, quali Appulo Lucane, Sepsa e Alifana che si accingevano a bandire gare per la fornitura di nuovi treni. Nel settore della riparazione venivano acquisiti gli ordini per la revisione ed il face lift per le carrozze Gran Comfort per 6,8 milioni e l ordine biennale per il revamping e la manutenzione delle carrozze MU per 20,7 milioni. Le lavorazioni dello stabilimento di Padova cessavano nel mese di luglio e tutto il personale veniva collocato in Cassa Integrazione a zero ore. Gli impianti ivi allocati venivano trasferiti nei siti di Caserta, Tito e Spello. Nel corso del 2005 venivano acquisiti ordini nell esercizio per 333,34 milioni, di cui: - 295,29 milioni nel settore costruzione; - 10,17 milioni nel settore riparazione; - 1,45 milioni nel settore impianti fissi; - 26,43 milioni nel settore Customer Service- 8

9 Nel segmento costruzione gli ordini principali riguardavano: - l aggiudicazione nuova Metropolitana di Milano (Meneghino) in RTI; - l aggiudicazione gara Ferrovie Appulo Lucane; - l aggiudicazione 3^ opzione di treni per Servizio Regionale (TSR per le Ferrovie Nord Milano); - l aggiudicazione Metrocampania (Alifane). Veniva confermato il processo di dismissione dello stabilimento di Padova, terminato con l alienazione dell immobile in data Nel corso del 2006 l avvicendamento dei vertici delle Ferrovie dello Stato generava un forte rallentamento delle trattative in corso, conseguente ad una significativa rivisitazione delle strategie industriali, con la posticipazione a gennaio 2007 della gara relativa a n carrozze a ripiano ribassato (con opzione di ulteriori 1.000), successivamente annullata, e quella dei 6-12 ETR 500 promossi attraverso Consorzio Trevi. In attesa della definizione del nuovo piano industriale di risanamento delle Ferrovie dello Stato, il mercato veniva significativamente influenzato dall ingresso di nuove società private, costituitesi in virtù del Decreto di liberalizzazione 2001, per l acquisizione e la gestione diretta di materiale rotabile di nuova generazione. Nel corso dell esercizio, nell ambito degli stanziamenti approvati dalla Regione Lombardia per l incremento del parco rotabile regionale, l ATI costituita da Firema/Ansaldo Breda /Keller concludeva con Ferrovie Nord la trattativa privata per la fornitura di ulteriori 26 treni TSR (per un importo pari a 282 milioni a livello di RTI), con possibilità di una ulteriore opzione di pari valore. Nel luglio 2006, inoltre, veniva siglato un protocollo d intesa tra la Regione Campania e le aziende Firema e Ansaldo Breda, per lo sviluppo di treni regionali Hi-Tech di nuova generazione. Venivano acquisiti ordini per 160,57 milioni, di cui: - 125,7 milioni nel settore costruzione; - 8,2 milioni nel settore riparazione; - 3,9 milioni nel settore impianti fissi; - 22,77 milioni nel settore Customer Service- Nel segmento costruzione gli ordini principali riguardavano: - l Accordo Quadro del con Ferrovie della Sardegna - Cagliari; - la sottoscrizione in data del Contratto con Ferrovie Nord Milano per la fornitura di 26 treni TSR in RTI con Ansaldo Breda e Keller (quota Firema 98,1 milioni di euro), con opzione per altre 150 casse (circa 30 treni); - la formalizzazione in data dell ordine di ATM Azienda Trasporti Milanese S.p.A. per la realizzazione e fornitura di n. 5 treni relativi alla linea metropolitana MI, per un importo a livello ATI di 39,423 milioni di euro (quota Firema 10,93 milioni di euro), corrispondente ad un quantitativo ulteriore rispetto a quanto previsto dal Contratto per la medesima linea; 9

10 - l ulteriore recupero delle scorte tecniche (50,14% per Firema), il cui valore veniva incrementato da ATM da 9 milioni a 21 milioni di euro. Il primo convoglio a tre elementi TSR veniva consegnato in data A seguito delle vicende politiche del 2007, che comportavano lo slittamento dei finanziamenti a Trenitalia, l attività della Firema Trasporti S.p.A. si focalizzava sullo sviluppo di un treno regionale monopiano, gradito dai clienti MCNE e SEPSA. La firma del 2^ Contratto e della relativa opzione da parte del Cliente Ferrovie Nord, portavano la fornitura TSR a n. 78 treni. Alla fine dell esercizio il cliente ATM definiva in RTI l ordine di n. 9 treni metropolitani destinati alla linea Monza Bettola L1. Sempre nel 2007 Firema sottoscriveva l Accordo Quadro per la fornitura di n. 10 treni di tipo urbano per il cliente Metro Roma, per un importo complessivo di 56,4 milioni di euro. Venivano acquisiti ordini nell esercizio per 130,6 milioni, di cui: - 88,9 milioni nel settore costruzione e riparazione; - 7,8 milioni nel settore impianti fissi; - 33,9 milioni nel settore BU Service e riparazioni. Nel segmento costruzione gli ordini principali riguardavano: - l accordo quadro del con MET.RO. Metropolitana di Roma per Ferrovia Roma-Viterbo; - l opzione protocollo 2036 del al contratto con Ferrovie Nord Milano; - la formalizzazione in data dell ordine di SEPSA per la fornitura di n. 4 Unità di Trazione ( UdT ) a due casse a 3 kvcc, con relativo service quinquennale; - la definizione con ATM Azienda Trasporti Milanese S.p.A. dell opzione di n. 9 treni a 6 casse per il prolungamento della Metropolitana linea 1 a Monza - Bettola. Nel mese di novembre 2007 la Firema stipulava con Fabrica Immobiliare un contratto di vendita che prevedeva la realizzazione di un complesso destinato ad ospitare la Facoltà di Agraria dell Università Federico II di Napoli ed il Centro Nazionale delle Ricerche. Le prospettive del mercato del 2008 erano necessariamente legate all approvazione del Piano Industriale Trenitalia e al relativo finanziamento da parte degli organi preposti che si realizzava solo nel corso dell esercizio successivo; si assisteva all ingresso nel mercato di nuovi players in aggiunta all operatore nazionale, che esprimevano bisogni diversificati. Gli ordini acquisiti nel corso del 2008 ammontavano ad 99,5 milioni, di cui: - 73,7 milioni nel settore costruzione e riparazione; - 2,5 milioni nel settore impianti fissi; 10

11 - 23,3 milioni nel settore BU Service e riparazioni. Nel segmento costruzione gli ordini principali riguardavano: - l Atto Aggiuntivo ed il 2^ Contratto Applicativo del con MET.RO. Metropolitana di Roma per Ferrovia Roma-Viterbo, con il quale Firema Trasporti S.p.A. acquisiva varianti su treni già in ordine e la fornitura di nuovi 5 treni extraurbani; - la ricontrattualizzazione nel luglio 2008 delle 9 Udt con Metro Campania Nord Est nell ambito della quale venivano riconosciute a Firema varianti per complessivi 4,2 milioni di euro; - la formalizzazione in data del 2^ Contratto Applicativo SEPSA, con il quale venivano riconosciute varianti sulle prime 4 Udt oggetto del 1^ Contratto Applicativo. In data veniva inoltre formalizzato il 3^ Contratto Applicativo con il quale veniva commissionata la fornitura di ulteriori 4 Udt, per un importo complessivo di 21,124 milioni di euro; - la formalizzazione con ATM Azienda Trasporti Milanese S.p.A. dell opzione di n treni di linea 1 effettuata, rispettivamente, nei mesi di agosto e novembre 2008, portando a 40 il numero dei treni ordinati (quota Firema 140,648 milioni di euro, di cui 125,281 milioni già in portafoglio). Nel corso del 2009 venivano acquisiti ordini per 29,9 milioni, di cui: - 13,4 milioni nel settore costruzione; - 0,8 milioni nel settore impianti fissi; - 15,7 milioni nel settore Customer service e riparazioni. Nel segmento costruzione gli ordini principali riguardavano: - la fornitura di 20 treni metropolitani articolati a 3 casse, 3000 Vcc, scartamento mm, per la rete metropolitana di Fortaleza Brasile, con previsione di opzione per ulteriori 5 treni, acquisita nel mese di settembre da Ansaldo Breda con il supporto Firema per quanto di competenza; - il 2^ atto aggiuntivo del con il quale venivano riconosciute dalla Metro Campania Nord Est ulteriori varianti; - la formalizzazione dell approvazione di 2 varianti con Ferrovie Appulo Lucane. Il Consiglio di amministrazione del analizzava il Preconsuntivo 2009 ed il Budget 2010 che, in totale distonia con il bilancio 2009 approvato nel luglio 2010 e depositato presso i competenti uffici camerali, evidenziava utili per l esercizio 2009 di 13,07 milioni e perdite previste al di 7,1 milioni di euro. Il bilancio dell esercizio 2009 approvato nel luglio 2010, contrariamente a quanto sopra rappresentato, chiudeva con una perdita di 68,12 milioni. Nella relazione sulla gestione si legge che tale risultato era da imputarsi a diverse motivazioni ed in particolare: 1. alla revisione dei costi a vita intera che avevano fatto emergere la marginalità negativa di alcune commesse; 2. alla improvvisa riduzione da parte del Committente Trenitalia di circa il 50% dei volumi dell ordinato (ristrutturazione e revisione di

12 carrozze), che generava l aumento dei livelli di magazzino di componenti non cedibili ed il deterioramento dei rapporti con la catena dei Fornitori, con un conseguente aumento del contenzioso ed una sostanziale contrazione dei margini di commessa; 3. alla incapacità della strategia commerciale di garantire un livello minimo di saturazione della significativa capacità produttiva aziendale, con notevole incidenza dei costi fissi sulle singole commesse; 4. al peggioramento delle condizioni di pagamento a causa della crescente contrazione delle risorse finanziarie da parte dei Clienti che, in larghissima maggioranza, dipendevano, a loro volta, da finanziamenti pubblici, così generando una notevole crescita del capitale circolante, che assorbiva la quasi totalità delle fonti aziendali rendendo difficile il tempestivo pagamento dei fornitori; 5. all acuirsi della crisi finanziaria internazionale ed alla conseguente stretta creditizia, con effetti negativi anche nel settore ferroviario; 6. all andamento della c.d. Commessa Ercolano, conseguente alla rivisitazione dei preventivi di costo a vita intera, cresciuti (rectius esternati) rispetto alle previsioni iniziali; 7. alla rinuncia, a favore di Ansaldo Breda, ad una parte significativa della commessa TSR, consistente nella produzione di 35 casse, a fronte di riconoscimenti futuri a favore di Firema di commesse per importi equivalenti a valere sugli incrementi di ordini già esercitabili nelle commesse in corso di esecuzione, in virtù delle opzioni esistenti; 8. all incidente mortale accaduto a metà del 2009 nello stabilimento di Caserta che aveva comportato la completa indisponibilità di un capannone strategico di produzione adibito all allestimento finale. Il sequestro disposto dall Autorità Giudiziaria aveva prodotto il blocco delle attività realizzate in quell area, con conseguenze significative sia in termini di incidenza dei costi generali che in termini di ritardi e, quindi, di penali attese. Le ricostruzioni di cui dianzi sono naturalmente il frutto della documentazione contabile, amministrativa, di Bilancio, disponibile e reperita in azienda. Non possono pertanto essere considerate valutazioni autonome del Commissario sul reale andamento delle attività sociali, così come non riportano le considerazioni del Commissario sulla reale natura/fine di alcune tra le operazioni che si sono succedute nel tempo tra gli accadimenti sociali. Ogni commento in relazione a diverse letture ed interpretazioni di atti o fatti o accadimenti societari succedutisi nel tempo e loro eventuali concatenazioni logiche o finalistiche, è rinviato pertanto ad altri documenti, ed in particolare alle relazioni che per legge questo commissario deve rendere alle Autorità competenti. Il bilancio relativo al primo semestre 2010 evidenziava ulteriori perdite di 10,83 milioni di euro. L assemblea degli azionisti del approvava la situazione patrimoniale al , ex art e 2447 c.c. ed, all esito della discussione, dichiarava non sussistere le condizioni per ripianare le perdite della Società ed operare la 12

13 sua ricapitalizzazione, deliberando il ricorso ad una procedura concorsuale ed autorizzando il Presidente del C.d.A. a presentare istanza di ammissione alla Legge Marzano. A seguito del ricorso depositato in data , con Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del , la Firema Trasporti S.p.A. veniva ammessa alla Procedura di amministrazione straordinaria ex D.L. 347/2003 (c.d. Legge Marzano ), nominando Commissario Straordinario lo scrivente. In data il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha accertato lo stato di insolvenza della Società. A seguito del ricorso depositato in data , con Decreto in data il Ministero dello Sviluppo Economico ha ammesso alla procedura di amministrazione straordinaria ex art. 3 comma 3 D.L. 347/2003 la collegata Reicom S.r.l.. Con sentenza n. 8/2011 in data il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha accertato l insolvenza di Reicom S.r.l Evoluzione degli organi sociali di Firema S.p.A. anteriormente all ammissione alla Procedura di amministrazione straordinaria Si riporta, di seguito, la tabella riepilogativa dell evoluzione dell organo amministrativo. Organo amministrativo Alberto De Benedictis (presidente) Gianfranco Fiore (amministratore delegato) Vitaliano Pappaianni (consigliere) Ugo Soloni (consigliere) Roberto Cai (consigliere) Alberto De Benedictis (presidente) Luigi Rigno (amministratore delegato) Vitaliano Pappaianni (consigliere) Gianfranco Fiore (consigliere) Roberto Cai (consigliere) Alberto De Benedictis (presidente) Luigi Rigno (amministratore delegato) Vitaliano Pappaianni (consigliere) Gianfranco Fiore (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d dal ) Luigi Rigno (amministratore delegato) Francesco Di Giovanni (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d) Luigi Rigno (amministratore delegato) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Galisto Spinelli (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Luigi Rigno (amministratore delegato) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) dal al

14 Francesco Baggio (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Luigi Rigno (consigliere) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Francesco Baggio (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Luigi Rigno (consigliere) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Roberto Fiore (consigliere) Luigi Rigno (consigliere) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Roberto Fiore (amministratore delegato) Luigi Rigno (consigliere) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Roberto Fiore (amministratore delegato) Giorgio Fiore (consigliere) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente e a.d.) Roberto Fiore (amministratore delegato) Giorgio Fiore (vice presidente) Francesco Di Giovanni (consigliere) Oreste Cardillo (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente) Roberto Fiore (amministratore delegato) Giorgio Fiore (vice presidente) Vito Riggio (consigliere) Mario Mustilli (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente) Giorgio Fiore (vice presidente) Francesco Sirgiovanni (amministratore delegato) Vito Riggio (consigliere) Mario Mustilli (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente) Giorgio Fiore (vice presidente) Maurizio Russo (consigliere) Vito Riggio (consigliere) Mario Mustilli (consigliere) Gianfranco Fiore (presidente) Giorgio Fiore (consigliere) Raffaele Marcello (consigliere)

15 Si riporta, di seguito, la tabella riepilogativa dell evoluzione del Collegio sindacale, cui era delegato il controllo contabile. Organo di controllo dal al Massimo Esposito (presidente) Mauro Crescenzi (sindaco effettivo) Orietta Palumbo (sindaco effettivo) Massimo Esposito (presidente) Galisto Spinelli (sindaco effettivo) Roberto Serrentino (sindaco effettivo) Massimo Esposito (presidente) Pasquale De Lucia (sindaco effettivo) Gateano Del Pezzo di Caianiello (sindaco effettivo) In data la società di revisione Price Waterhouse Coopers S.p.A. (di seguito PWC) veniva incaricata della certificazione volontaria dei bilanci 2007, 2008 e

16 1.4 L evoluzione del mercato ed i principali prodotti di Firema Trasporti S.p.A L evoluzione del mercato e dell industria del materiale rotabile e le prospettive attuali La domanda mondiale annua di materiale rotabile si attesta attorno ai 45 miliardi di euro con una crescita al 2016 al tasso del 2,0%-2,5% annuo e con opportunità particolarmente rilevanti nel segmento Alta Velocità, regionale ed Urbano. Tematiche ambientali, volatilità del costo delle materie prime ed urbanizzazione, rappresentano i principali driver a sostegno della domanda di trasporto. A fianco di questi macro trend, ve ne sono altri tipici del settore: si tratta della liberalizzazione del trasporto, oltre che della competizione intermodale, che risponde alla volontà degli operatori di incrementare la competitività del trasporto su ferro rispetto alle altre modalità. La recente crisi economica mondiale ha interessato solo marginalmente il settore (merci escluse), favorendo anzi, in alcuni casi, la destinazione di parte dei fondi contenuti nei pacchetti anticrisi dai vari Governi a progetti di trasporto su ferro. Mercato attuale Mercato atteso (Media ) (Media ) Cagr 2,0 2,5 % (Fonte: studio UNIFE/ BCG sul mercato ferrotranviario) In termini di aree geografiche i mercati che presentano la domanda più rilevante sono quelli dell Asia & Pacifico, che negli ultimi anni hanno registrato un boom economico che si è tradotto anche in una crescente esigenza di sistemi di trasporto, e dell Europa Occidentale dove la domanda è sostenuta dall esigenza di rinnovare e potenziare l ampio parco installato. 16

17 L offerta è dominata da pochi grandi gruppi che, a partire dalla crescita realizzata nel proprio mercato domestico, hanno saputo aumentare la dimensione aziendale attraverso fusioni e acquisizioni e dare una risposta adeguata allo sviluppo di nuovi prodotti rispondenti alle richieste dei singoli mercati e di strutture commerciali in grado di operare su scala internazionale. L industria italiana è presente nel panorama internazionale solo con Ansaldo Breda, che rientra nel segmento delle aziende di medie dimensioni, seppure con una crescita inferiore agli altri concorrenti. L attuale quadro competitivo è il risultato di un percorso avviato a partire dalla fine degli anni Ottanta, che ha visto la progressiva diminuzione del vasto numero di produttori e l emergere di pochi grandi gruppi integrati, operanti in tutti i settori del ferroviario, che dominano l industria nel suo complesso ed i mercati. La base del processo di crescita di tutti i gruppi strategici presenti nel settore è stata una forte politica industriale realizzata in primis a livello di sistema Paese: le rilevanti acquisizioni domestiche registrate hanno consentito a questi players di sviluppare un portafoglio prodotti ampiamente referenziato con il quale, unitamente al raggiungimento di un adeguato local content, poter entrare con successo in altri mercati. Nel panorama europeo, l Italia rappresenta uno tra i più interessanti mercati in termini di opportunità attese. Tali opportunità sono sostenute dai rilevanti investimenti previsti nel breve e medio termine per il rinnovo del parco veicoli, reso ulteriormente obsoleto dallo stallo che ha caratterizzato il recente passato del mercato nazionale. 17

18 Ulteriore sostegno alla domanda proviene dalla liberalizzazione del trasporto passeggeri che in Italia sta avanzando piuttosto rapidamente; ad oggi, già nuovi operatori privati sono entrati sul mercato (NTV per l Alta Velocità e Arenaways per il trasporto Regionale) ed ulteriori ingressi sono attesi nel prossimo futuro, con un conseguente incremento della necessità di veicoli per il trasporto dei passeggeri. Dal 2003 ad oggi il mercato italiano del materiale rotabile si è attestato su volumi di domanda pari ad un miliardo di euro all anno (85% per veicoli ferroviari e 15% urbani), oltre circa 200 milioni di euro all anno destinati ad attività di manutenzione, revampimg/upgrading e ricambi. Tali volumi mostrano un generale rallentamento della domanda, non tanto nell Urbano, dove le grandi città (Roma, Milano e Napoli) hanno continuato ad investire per il completamento delle proprie reti di trasporto, quanto nel Ferroviario, caratterizzato da una stasi nell ammodernamento del parco veicoli, sbloccata solo nell ultimo anno per l Alta Velocità e che ancora perdura nel Regionale. La ripresa attesa in prospettiva sarà sostenuta prevalentemente dall esigenza di veicoli per il trasporto regionale ed Urbano; in particolare, nel Regionale, sono attesi investimenti per l acquisto sia di Locomotive e Carrozze sia di Elettrotreni. Nell Urbano, oltre ai progetti di completamento della rete in corso a Napoli e Milano, nuove città sono orientate verso la realizzazione di nuovi sistemi di trasporto tranviari e metropolitani. Schematicamente, nel Regionale: Investimenti Trenitalia Tipologia veicoli Valore mld Carrozze Locomotive Unità Multiple a trazione 1,4 elettrica e diesel Revamping di Carrozze Investimenti Tipologia veicoli Valore mld Regioni / Enti Elettrotreni ad 1 e 2 piani 1,1 18

19 e nell Urbano: Tipologia veicoli Progetti attesi Sirio Firenze Metropolitane Investimenti leggere di breve Napoli e Genova (automatiche termine e non) MLA Milano Sassari, Bergamo, Prato, Milano, Investimenti di mediolungo termine Sirio Metropolitane leggere automatiche Metropolitane pesanti Torino, Bologna, Cosenza Rende, Val Bisagno (Genova) Palermo Milano, Roma e Napoli Valore (mln ) oltre 400 oltre 500 L industria del materiale rotabile in Italia, con oltre 230 imprese e 400 siti, addetti ed un fatturato pari a milioni di euro nell ultimo anno, rappresenta un settore rilevante dell economia nazionale. Rispetto ad altri Paesi (es. Francia e Germania), il comparto in Italia è molto frammentato: al fianco dell industria di proprietà italiana (Ansaldo Breda, Firema Trasporti S.p.A. ed altri produttori minori), si riscontra la presenza strutturata di diversi concorrenti stranieri (Bombardier ed Alstom), oltre all ingresso opportunistico di altri. Attualmente le aziende italiane, controllate da azionisti italiani, presenti sul mercato sono: Ansaldo Breda, del gruppo Finmeccanica, riconosciuto fornitore di materiale rotabile anche all estero, con buone referenze soprattutto nell Urbano. E leader del mercato domestico con una quota del 30% e rilevanti acquisizioni in tutti i segmenti; Firema Trasporti S.p.A., che opera principalmente in raggruppamenti con Ansaldo Breda mandataria su prodotti per i quali non ha autonomia progettuale (TSR per FNM, Circumvesuviana per Napoli e Meneghino per Milano). Da sola ha acquisito forniture di contenute dimensioni riguardanti prodotti per clienti domestici minori e per specifiche applicazioni (DMU per Basilicata e Sardegna ed EMU per MetroCampania e Sepsa), talvolta comunque avvalendosi della collaborazione di altri produttori italiani (Ansaldo Breda e Keller); 19

20 Altre aziende di minori dimensioni (Corifer, Magliola, Fervet, Officine Veronesi, ecc..), referenziate prevalentemente in Italia e focalizzate solo su alcuni segmenti di prodotto. Oltre alle aziende italiane riscontrano successi commerciali anche alcuni concorrenti stranieri presenti in maniera più o meno strutturata in Italia: I numerosi e rilevanti ordini acquisiti da Alstom e Bombardier hanno consentito loro di coprire quasi la metà del mercato: in particolare, Alstom raggiunge una quota del 25%, grazie agli ordini per veicoli regionali a trazione elettrica e diesel della tipologia Minuetto e per treni ad Alta Velocità tradizionali (pendolino) e di nuova generazione (AGV), mentre Bombardier, con una quota del 23%, è presente in Italia prevalentemente per la fornitura di Locomotive, oltre al recente ordine per treni VHS per Trenitalia acquisito in collaborazione con Ansaldo Breda; CAF, Pesa e Stadler, non strutturalmente presenti sul territorio italiano, si sono recentemente referenziati nel segmento regionale. Quote di Mercato in Italia dal 2003 ad oggi (Fonte: database AB) La rapida espansione della concorrenza ed il continuo rafforzamento dei leader del mercato fanno temere un ulteriore involuzione della situazione: ciò rende più difficile il percorso di rafforzamento competitivo dei concorrenti nazionali che soffrono di dimensioni ridotte, contenute capacità finanziarie e minore ampiezza del portafoglio prodotti. Di seguito, si rappresenta la struttura organizzativa dei principali concorrenti, con capacità di sistemista di veicolo completo, presenti industrialmente in Italia: Alstom Italia, facendo leva sulle aziende acquisite (Fiat Ferroviaria e Parizzi) e l integrazione con il Gruppo, ha rafforzato la sua presenza in Italia 20

IL TRASPORTO PUBBLICO IN ITALIA ... RETE FERROVIARIA. La rete ferroviaria italiana è lunga circa 22000 km. 1211 km a scartamento ridotto (0,95 mt)

IL TRASPORTO PUBBLICO IN ITALIA ... RETE FERROVIARIA. La rete ferroviaria italiana è lunga circa 22000 km. 1211 km a scartamento ridotto (0,95 mt) La rete ferroviaria italiana è lunga circa 22000 km 1211 km a scartamento ridotto (0,95 mt) 112 km a scartamento ridotto (1 mt) il resto é a scartamento standard (1,435 mt) 1 NAZIONALE l elettrificazione

Dettagli

COMPANY PROFILE 2014. Produzione materiale rotabile ferroviario

COMPANY PROFILE 2014. Produzione materiale rotabile ferroviario COMPANY PROFILE 2014 Produzione materiale rotabile ferroviario La FERROSUD S.p.A. nasce nel 1963 con la missione di produrre materiale rotabile ferroviario. Si sviluppa su un area totale di 224.000 mq,

Dettagli

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 B R O O K S M A R K E T I N T E L L I G E N C E R E P O R T S IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 Mack Brooks Exhibitions Ltd 2015. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

CURRICULUM VITAE (Gennaio 2014)

CURRICULUM VITAE (Gennaio 2014) CURRICULUM VITAE (Gennaio 2014) Cognome: SCHIAVON Nome: Massimo Stato civile: Coniugato Luogo di nascita: Chioggia (VE) Data di nascita: 16/07/1960 Servizio militare: Assolto dal 1/6/85 al 31/5/86 in Aeronautica

Dettagli

INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER L ACQUISTO DI TUTTO O PARTE DEL COMPLESSO AZIENDALI DI FIREMA TRASPORTI IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER L ACQUISTO DI TUTTO O PARTE DEL COMPLESSO AZIENDALI DI FIREMA TRASPORTI IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER L ACQUISTO DI TUTTO O PARTE DEL COMPLESSO AZIENDALI DI FIREMA TRASPORTI IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA Premesso che a) con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

SCHEDA N. 95 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: CUP: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane. Comune di Milano B61E04000040003

SCHEDA N. 95 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: CUP: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane. Comune di Milano B61E04000040003 SISTEMI URBANI Monza metropolitana Nuova linea metropolitana M5 da Garibaldi a Monza Bettola - Tratta Garibaldi- Bignami compresa variante Stazione Garibaldi F.S. SCHEDA N. 95 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA

Dettagli

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2014

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2014 Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2014 Ricavi a 187,9 milioni di euro (176,2 milioni di euro nel 2013) Margine operativo lordo a 5,2 milioni di euro (9,1

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE

INDICE PRESENTAZIONE Direzione Tecnica e Acquisti Industriali Stabilimento di OMC Bologna Modena, 6 giugno 2007 INDICE PRESENTAZIONE SITI MANUTENZIONE CICLICA FLOTTA TRENITALIA. STABILIMENTO OMC BOLOGNA E SUE DIMENSIONI OPERATIVE.

Dettagli

BANDO DI GARA. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. www.cosmocasale.it

BANDO DI GARA. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. www.cosmocasale.it BANDO DI GARA 1) Stazione appaltante:, Sede legale: Via Grandi n. 45-15033 CASALE MONFERRATO (AL) - ITALIA Tel. 0142/451094 - Fax 0142/451149 - e- mail segreteria@cosmocasale.it; sito web www.cosmocasale.it;

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli SISTEMI URBANI Completamento rete metropolitana regionale campana (comprensivo delle conurbazioni di Salerno e Caserta) Napoli metropolitana - Sistema di metropolitana regionale (SMR): sistema integrato

Dettagli

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. 93 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

Responsabile scientifico: Giuseppe Di Gironimo. giuseppe.digironimo@unina.it

Responsabile scientifico: Giuseppe Di Gironimo. giuseppe.digironimo@unina.it Responsabile scientifico: Giuseppe Di Gironimo giuseppe.digironimo@unina.it Titolo: Esperti in tecniche di Digital Pattern Obiettivi: Ob1: formazione di 12 ricercatori esperti in Progettazione assistita

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE MANUTENZIONE E LOGISTICA, la cui titolarità è confermata ad interim all ing. Roberto TESTORE,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO Oggi entrano in servizio nell area potentina 4 nuovi treni Stadler delle Ferrovie Appulo Lucane. Si tratta dell ultima tranche dei sei treni svizzeri acquistati dalle Fal

Dettagli

Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie

Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie AICQ Manutenzione e Service nel Settore Ferroviario: opportunità e vincoli Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie Leonardo SOLERA Alstom Train Life Services - Italia Firenze,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006 ALLEGATO IX MATERIALE ROTABILE E INTERVENTI D AREA VASTA Per ottemperare alla richiesta della Commissione Europea (nota CE n. 3473 del 3 aprile 2007) di fornire indicazioni sullo stato di avanzamento dell

Dettagli

Relazione Trimestrale del Consiglio di Amministrazione sulla gestione al 30 settembre 2006

Relazione Trimestrale del Consiglio di Amministrazione sulla gestione al 30 settembre 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2006 Relazione Trimestrale del Consiglio di Amministrazione sulla gestione al 30 settembre 2006 Andamento economico dei primi nove mesi La relazione

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3

Introduzione: uno strumento completo 3 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Le aziende del comparto dell involucro edilizio COSTRUTTORI DI SERRAMENTI 4 COSTRUTTORI DI FACCIATE 6 PRODUTTORI DI SISTEMI 8 PRODUTTORI DI ACCESSORI 11 Cambiamenti

Dettagli

Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane.

Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane. Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane. AnsaldoBreda global partner nell'integrazione del trasporto pubblico locale. Sabina Pinto Roma, 1 Febbraio 2013 1 Aree Metropolitane:

Dettagli

L esperienza del nuovo Tram su gomma

L esperienza del nuovo Tram su gomma L esperienza del nuovo Tram su gomma La Mobilità Elettrica nel territorio padovano 13 novembre, 2012 Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 Risultati del Gruppo FNM - Utile netto di Gruppo: 19,033 milioni di euro - EBIT: 17,144 milioni di euro

Dettagli

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Spett.le Trasporti Pubblici Monzesi S.P.A. Via Borgazzi, 35 20052 MONZA. OGGETTO : Istanza di ammissione

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 12 febbraio 2009

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 12 febbraio 2009 Incontro con OO.SS. Divisione Cargo Roma, 12 febbraio 2009 Indice Lo scenario economico di riferimento Il piano commerciale Il piano della produzione La rivisitazione dei processi e la dinamica degli organici

Dettagli

SISTEMI URBANI Rete metropolitana dell'area milanese Nuova linea metropolitana M4 da Lorenteggio a Linate - Lotto 1 San Cristoforo-Sforza Policlinico

SISTEMI URBANI Rete metropolitana dell'area milanese Nuova linea metropolitana M4 da Lorenteggio a Linate - Lotto 1 San Cristoforo-Sforza Policlinico SISTEMI URBANI Rete metropolitana dell'area milanese Nuova linea metropolitana M4 da Lorenteggio a Linate - Lotto 1 San Cristoforo-Sforza Policlinico SCHEDA N. 87 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate:

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate: COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS RIORGANIZZA L INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE, AGGIORNA IL PIANO STRATEGICO 2009-2011 E LANCIA UN NUOVO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Conversione al modello del franchising

Dettagli

info pages Esplorare Sessa Klein ITA TECHNOLOGIES FOR ROLLING STOCK

info pages Esplorare Sessa Klein ITA TECHNOLOGIES FOR ROLLING STOCK TECHNOLOGIES FOR ROLLING STOCK info pages Esplorare Sessa Klein ITA FOGLIO INFORMATIVO REDATTO DA SESSA KLEIN SUI RECENTI SVILUPPI NEL COMPANY PROFILE Information Notes Version: 4.0 Language: Italiano

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ONOFRIO MARCO Indirizzo Piazza della Stazione, 45 50123 Firenze Telefono 055 2989701 Fax 055 2382509 E-mail

Dettagli

AVVISO DI GARA TRNIT-DACQ.AIRM\P\2013\4815422

AVVISO DI GARA TRNIT-DACQ.AIRM\P\2013\4815422 DIREZIONE ACQUISTI Acquisti Industriali, di Staff e Marketing AVVISO DI GARA TRNIT-DACQ.AIRM\P\2013\4815422 STAZIONE APPALTANTE Trenitalia S.p.A. Direzione Acquisti - Acquisti Industriali,di Staff e Marketing

Dettagli

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. 94 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B61E04000030001

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

In merito ai quesiti pervenuti, si riepilogano nel seguito le domande e si forniscono le risposte per ciascun quesito.

In merito ai quesiti pervenuti, si riepilogano nel seguito le domande e si forniscono le risposte per ciascun quesito. RISPOSTA AI CHIARIMENTI PER IL BANDO PER L APPALTO BIENNALE DEI SERVIZI CORRELATI ALL ORGANIZZAZIONE DI EVENTI DI PROMOZIONE DELLA CULTURA SPAZIALE A CARATTERE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PROMOSSI DALL

Dettagli

SARDEGNA IT SRL. Relazione concernente l andamento della società nel primo semestre 2014

SARDEGNA IT SRL. Relazione concernente l andamento della società nel primo semestre 2014 SARDEGNA IT SRL Registro Imprese 03074520929 Rea 244574 Società unipersonale Sede in VIA DEI GIORNALISTI, N. 6-09122 CAGLIARI (CA) Capitale sociale Euro 100.000,00 i.v. Relazione concernente l andamento

Dettagli

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario p ro d o tt i e s i s te m i Area Testing Produzione di apparecchiature, sistemi, banchi prova ed impianti tecnologici per l esecuzione delle

Dettagli

IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO La domanda e l offerta di servizi di FM dentro e oltre la crisi

IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO La domanda e l offerta di servizi di FM dentro e oltre la crisi IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO La domanda e l offerta di servizi di FM dentro e oltre la crisi FM INNOVATION IN 60 MINUTI: UN REPERTORIO DI ESPERIENZE ED IDEE

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici 1. La Società 2. L evoluzione operativa 3. Possibili sviluppi strategici Novara, 13.1.2010 1. La Società CIM spa realizza e gestisce l Interporto di Novara. Secondo la definizione che ne dà la Legge 240/1990

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA

Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA Piazza della Croce Rossa, 1-00161 Roma Trenitalia S.p.A. - Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Società con socio unico soggetta

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard nel trasporto ferroviario regionale e locale. Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari

Un modello di calcolo per i costi standard nel trasporto ferroviario regionale e locale. Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari Un modello di calcolo per i costi standard nel trasporto ferroviario regionale e locale Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari Premessa e finalità (1/2) Il presente lavoro, frutto dell attività della

Dettagli

ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 30 SETTEMBRE

ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 30 SETTEMBRE Comunicato Stampa In data 11 novembre 2015 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione della relazione trimestrale al 30 settembre 2015: Ricavi

Dettagli

AVVISO DI GARA. www.trenitalia.it

AVVISO DI GARA. www.trenitalia.it Direzione Acquisti Acquisti Industriali, di Staff e Marketing Il responsabile Prot. N. TRNIT-DACQ.AISM/P/2013/0044682 Data 30/08/2013 AVVISO DI GARA STAZIONE APPALTANTE: Trenitalia S.p.A. Direzione Acquisti-

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI.

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI. SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE ED I SERVIZI PROFESSIONALI CORRELATI ALL ESECUZIONE DI LAVORI Disciplinare Disciplinare Sistema di Selezione - Pagina 2 di 6 INDICE 1. Oggetto................................................................................

Dettagli

Certificazione di Qualità e requisiti cogenti

Certificazione di Qualità e requisiti cogenti Certificazione di Qualità e requisiti cogenti Emanuele Montemarano 1 Emanuele Riva 2 1. Premessa La certificazione di qualità è il riconoscimento ufficiale rilasciato alle organizza-zioni che applicano

Dettagli

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO C.A.P. 00196. Stato ITALIA. Telefax 0636805643

L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? NO C.A.P. 00196. Stato ITALIA. Telefax 0636805643 BANDO DI GARA D APPALTO Lavori Forniture Servizi ٱ ٱ x Riservato all Ufficio delle pubblicazioni Data di ricevimento dell avviso N. di identificazione L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo

Dettagli

I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA. Servizi

I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:10388-2011:text:it:html I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA Servizi SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

Dettagli

ATM SPA MILANO BILANCI TRIENNIO 2008/2010. Analisi a cura di Sandro Potecchi

ATM SPA MILANO BILANCI TRIENNIO 2008/2010. Analisi a cura di Sandro Potecchi ATM SPA MILANO BILANCI TRIENNIO 2008/2010 Analisi a cura di Sandro Potecchi 2 ATM SPA Proprietà delle azioni Capitale Sociale: 700.000.000,00 Comune di Milano 100% 3 ATM SPA Organi societari Consiglio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 12.6.2012

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 12.6.2012 Oggetto: Sardegna Regionale Marittima - SAREMAR S.p.A.. Operazioni sul patrimonio. Il Presidente, di concerto con l Assessore dei Trasporti, richiama la deliberazione n. 36/6 del 1/9/2011, con la quale

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA E BISOGNO DI SALUTE. 10-11 MARZO 2016 presso la Camera di commercio di Cremona

CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA E BISOGNO DI SALUTE. 10-11 MARZO 2016 presso la Camera di commercio di Cremona CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA E BISOGNO DI SALUTE 10-11 MARZO 2016 presso la Camera di commercio di Cremona L ORGANIZZAZIONE DEGLI ACQUISTI NEL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (testo licenziato dal

Dettagli

IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2012/2013

IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2012/2013 IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2012/2013 Sintesi dei risultati al 30 settembre 2012: I trimestre Importi in milioni di Euro 2012/2013 2011/2012 Assolute % Ricavi 54,6 33,7

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo ECORailS Energy efficiency and environmental criteria in the awarding of regional rail transport vehicles and services Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo SCHEMA DI PROTOCOLLO

Dettagli

Le denunce di Abuso di posizione dominante come strumento per velocizzare il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario.

Le denunce di Abuso di posizione dominante come strumento per velocizzare il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario. Le denunce di Abuso di posizione dominante come strumento per velocizzare il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario. di Maria Eugenia Maxia. Tratto dal libro La liberalizzazione del trasporto

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2008

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2008 Risultato economico lordo di Gruppo negativo per 9,9 milioni

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento operazioni con parti correlate approvato dalla Consob con delibera n.

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Monrif S.p.A Sede in Bologna - Via Enrico Mattei n. 106 Capitale sociale 78.000.000 interamente versato Registro Imprese di Bologna e Codice Fiscale 03302810159

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Comunicato Stampa. PP ha chiuso la situazione al 31 marzo 2012 con una perdita, contabilizzata secondo i principi contabili

Comunicato Stampa. PP ha chiuso la situazione al 31 marzo 2012 con una perdita, contabilizzata secondo i principi contabili Comunicato Stampa Si è riunito oggi, 24 maggio 2012 a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione della situazione trimestrale al 31 marzo 2012: Ricavi consolidati

Dettagli

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO. Relazione sulla Gestione al 31/12/2014

AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO. Relazione sulla Gestione al 31/12/2014 Relazione sulla gestione AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO AZIENDA MOBILITA' UFITANA S.P.A. A SOCIO UNICO soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Ariano Irpino

Dettagli

Activating Your Ideas. L acciaio inossidabile per il trasporto ferroviario

Activating Your Ideas. L acciaio inossidabile per il trasporto ferroviario Activating Your Ideas L acciaio inossidabile per il trasporto ferroviario Sul binario giusto Le applicazioni dell acciaio inossidabile nei veicoli adibiti al trasporto ferroviario sono tanto diverse quante

Dettagli

Costruiamo il Futuro

Costruiamo il Futuro Produzione Produce per commesse di primarie industrie del settore dei componenti e arredi del trasporto ferroviario, del trasporto urbano anche a propulsione elettrica e ad idrogeno, della carpenteria

Dettagli

Poligrafici Printing

Poligrafici Printing INFORMATIVA SU OPERAZIONI SOCIETARIE Operazioni con parti correlate (redatta ai sensi dell art. 13 del Regolamento AIM Italia) CONTRATTO DI STAMPA TRA LA CONTROLLATA CENTRO STAMPA POLIGRAFICI S.P.A. E

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Il Sistema integrato dei trasporti nell area del Mediterraneo. Dott. Daniele PISANO

Il Sistema integrato dei trasporti nell area del Mediterraneo. Dott. Daniele PISANO Hotel Palace Fersalento s.r.l. è una Società che opera nel settore dell armamento ferroviario, dalla costruzione di nuove linee alla loro manutenzione. Ha sede in Lecce ed esegue lavori su commessa in

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

SCHEDA N. 90 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane. Comune di Milano/ATM Spa - Azienda Trasporti Milanesi

SCHEDA N. 90 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane. Comune di Milano/ATM Spa - Azienda Trasporti Milanesi SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Prolungamento della linea metropolitana M1 dall'attuale terminale di Molino Dorino al nuovo polo fieristico di Pero-Rho compresa l'acquisizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D.Lgs n.58/98

COMUNICATO STAMPA. Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D.Lgs n.58/98 COMUNICATO STAMPA Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D.Lgs n.58/98 Milano, 31 agosto 2012 Pierrel S.p.A., con sede in Via Palestro n.6, Milano, in ottemperanza alla richiesta di diffusione

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato BOZZA Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali Premesso e considerato il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156 recante

Dettagli

COMUNE DI FORLÌ A2 AREA FINANZE PATRIMONIO E CONTRATTI. DETERMINAZIONE N. 810 del 01/04/2011

COMUNE DI FORLÌ A2 AREA FINANZE PATRIMONIO E CONTRATTI. DETERMINAZIONE N. 810 del 01/04/2011 1 COMUNE DI FORLÌ A2 AREA FANZE PATRIMONIO E CONTRATTI DETERMAZIONE N. 810 del 01/04/2011 OGGETTO: PROCEDURA DI GARA CONGIUNTA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FANZIARI RELATIVI ALLA CONCESSIONE DI MUTUI

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA, PORTIERATO/CUSTODIA E LAVAGGIO AUTOVEICOLI DELLA REGIONE SARDEGNA.

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA, PORTIERATO/CUSTODIA E LAVAGGIO AUTOVEICOLI DELLA REGIONE SARDEGNA. PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA, PORTIERATO/CUSTODIA E LAVAGGIO AUTOVEICOLI DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato 4 SCHEMA DI CONTRATTO SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONI...4 ARTICOLO

Dettagli

Assessorato ai Trasporti e alla Viabilità LE GARE PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN CAMPANIA SI CAMBIA PAGINA!!!

Assessorato ai Trasporti e alla Viabilità LE GARE PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN CAMPANIA SI CAMBIA PAGINA!!! LE GARE PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE IN CAMPANIA SI CAMBIA PAGINA!!! IL SISTEMA DEI TRASPORTI CAMBIA MARCIA Al via per la prima volta le gare per la gestione del Trasporto Pubblico Locale in Campania.

Dettagli

Via Giamaica, 6 00040 Pomezia (RM) Tel. e Fax +39 06 9100041 info@ingegneriagrossi.it

Via Giamaica, 6 00040 Pomezia (RM) Tel. e Fax +39 06 9100041 info@ingegneriagrossi.it INGEGNERIA GROSSI LO STUDIO DI INGEGNERIA GROSSI OPERA SIN DAL 1955 NEL SETTORE DELLA PROGETTAZIONE E CONSULENZA Via Giamaica, 6 00040 Pomezia (RM) Tel. e Fax +39 06 9100041 info@ingegneriagrossi.it CHI

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo Poli di Innovazione Decisione CE 2006/C/323/01; Decreto M.I.S.E. 27/3/2008 n. 87 POR FESR ABRUZZO 2007-2013 Attività I.1. Sostegno alla creazione dei Poli di innovazione Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione

Dettagli

EBITDA 2014. 2015 (326,8 371,4 77,8 (-17,3%), 27 12 11 19,2 (5,2% 37% 30,5 (6,8% 2013; 8,5% 9,4% EBIT 5,1 (1,4% 66,6% 15,3 (3,4% 2013; EBIT

EBITDA 2014. 2015 (326,8 371,4 77,8 (-17,3%), 27 12 11 19,2 (5,2% 37% 30,5 (6,8% 2013; 8,5% 9,4% EBIT 5,1 (1,4% 66,6% 15,3 (3,4% 2013; EBIT GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati del primo semestre 2014. Fatturato e marginalità del Gruppo in contrazione principalmente a causa dei risultati di Elettronica Santerno, che vede slittare

Dettagli

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia I 10 punti chiave del rapporto I 10 PUNTI CHIAVE DEL RAPPORTO 1. L Europa,

Dettagli

PROPRIETÀ DI EUR S.P.A.

PROPRIETÀ DI EUR S.P.A. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER L ACQUISTO DI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DI EUR S.P.A. Eur S.p.A. con sede legale in Roma, Largo Virgilio Testa n. 23, iscritta presso il Registro delle Imprese di Roma,

Dettagli

Forum Associazione dei Comuni Bulgari in collaborazione con Confindustria Bulgaria Sofia il 04 Dicembre 2014

Forum Associazione dei Comuni Bulgari in collaborazione con Confindustria Bulgaria Sofia il 04 Dicembre 2014 Forum Associazione dei Comuni Bulgari in collaborazione con Confindustria Bulgaria Sofia il 04 Dicembre 2014 Forum Associazione dei Comuni Bulgari in collaborazione con Confindustria Bulgaria Sofia il

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente appalto è relativo alla fornitura, consegna e installazione di attrezzature cardiovascolari, isotoniche e altro

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 o o o Bilancio consolidato: - Utile: 21,068 milioni di Euro - EBIT: 18,396 milioni di Euro Bilancio d esercizio: - Utile: 18,724 milioni

Dettagli

Direzione Servizi Tecnici SERVIZIO BELLE ARTI P.O. GIURIDICA

Direzione Servizi Tecnici SERVIZIO BELLE ARTI P.O. GIURIDICA Direzione Servizi Tecnici SERVIZIO BELLE ARTI P.O. GIURIDICA BANDO DI GARA AFFIDAMENTO CON PROCEDURA APERTA DELLA CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI DA COLLOCARE SUL PONTEGGIO DEI LAVORI DI RESTAURO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Risultati del Gruppo FNM - Utile netto di Gruppo: 20,353 milioni di euro - EBIT: 18,656 milioni di euro

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia:

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia: COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale

Dettagli