Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà"

Transcript

1 Indice sommario - Costituzione della Repubblica italiana... pag. XLVII - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» LXIX Titolo I - Trattamento penitenziario parte prima Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Capo I - Principi direttivi Art. 1. Trattamento e rieducazione... pag. 3 Art. 2. Spese per l esecuzione delle pene e delle misure di sicurezza detentive...» 19 Art. 3. Parità di condizioni fra i detenuti e gli internati...» 26 Art. 4. Esercizio dei diritti dei detenuti e degli internati...» 37 Art. 4-bis. Divieto di concessione dei benefici e accertamento della pericolosità sociale dei condannati per taluni delitti...» 42 Capo II - Condizioni generali Art. 5. Caratteristiche degli edifici penitenziari...» 91 Art. 6. Locali di soggiorno e di pernottamento...» 106 Art. 7. Vestiario e corredo...» 110 Art. 8. Igiene personale...» 112 Art. 9. Alimentazione...» 114 Art. 10. Permanenza all aperto...» 120 Art. 11. Servizio sanitario...» 122 Art. 12. Attrezzature per attività di lavoro di istruzione e di ricreazione...» 142 Capo III - Modalità del trattamento Art. 13. Individualizzazione del trattamento...» 144 Art. 13-bis. Trattamento psicologico per i condannati per reati sessuali in danno di minori...» 153 Art. 14. Assegnazione, raggruppamento e categorie dei detenuti e degli internati...» 157 Art. 14-bis. Regime di sorveglianza particolare...» 162 Art. 14-ter. Reclamo...» 169 Art. 14-quater. Contenuti del regime di sorveglianza particolare...» 175

2 indice sommario XL Art. 15. Elementi del trattamento... pag. 179 Art. 16. Regolamento dell istituto...» 182 Art. 17. Partecipazione della comunità esterna all azione rieducativa...» 193 Art. 18. Colloqui, corrispondenza e informazione...» 200 Art. 18-bis. Colloqui a fini investigativi...» 231 Art. 18-ter. Limitazioni e controlli della corrispondenza...» 241 Art. 19. Istruzione...» 256 Art. 20. Lavoro...» 268 Art. 20-bis. Modalità di organizzazione del lavoro...» 283 Art. 21. Lavoro all esterno...» 285 Art. 21-bis. Assistenza all esterno dei figli minori...» 293 Art. 21-ter. Visite al minore infermo o al figlio, al coniuge o convivente affetto da handicap in situazione di gravità...» 297 Art. 22. Determinazione delle mercedi...» 301 Art. 23. Remunerazione e assegni familiari...» 305 Art. 24. Pignorabilità e sequestrabilità della remunerazione...» 308 Art. 25. Peculio...» 310 Art. 25-bis. Commissioni regionali per il lavoro penitenziario...» 312 Art. 26. Religione e pratiche di culto...» 314 Art. 27. Attività culturali, ricreative e sportive...» 325 Art. 28. Rapporti con la famiglia...» 329 Art. 29. Comunicazioni dello stato di detenzione, dei trasferimenti, delle malattie e dei decessi...» 339 Art. 30. Permessi...» 343 Art. 30-bis. Provvedimenti e reclami in materia di permessi...» 351 Art. 30-ter. Permessi premio...» 357 Art. 30-quater. Concessione dei permessi premio ai recidivi...» 370 Art. 31. Costituzione delle rappresentanze dei detenuti e degli internati...» 373 Capo IV - Regime penitenziario Art. 32. Norme di condotta dei detenuti e degli internati. Obbligo di risarcimento del danno...» 374 Art. 33. Isolamento...» 377 Art. 34. Perquisizione personale...» 386 Art. 35. Diritto di reclamo...» 390 Art. 35-bis. Reclamo giurisdizionale...» 394 Art. 35-ter. Rimedi risarcitori conseguenti alla violazione dell articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali nei confronti di soggetti detenuti o internati...» 414 Art. 36. Regime disciplinare...» 427 Art. 37. Ricompense...» 429 Art. 38. Infrazioni disciplinari...» 430

3 XLI indice sommario Art. 39. Sanzioni disciplinari... pag. 436 Art. 40. Autorità competente a deliberare le sanzioni...» 439 Art. 41. Impiego della forza fisica e uso dei mezzi di coercizione...» 440 Art. 41-bis. Situazioni di emergenza...» 442 Art. 42. Trasferimenti...» 482 Art. 42-bis. Traduzioni...» 489 Art. 43. Dimissione...» 493 Art. 44. Nascite, matrimoni, decessi...» 496 Capo V - Assistenza Art. 45. Assistenza alle famiglie...» 497 Art. 46. Assistenza post-penitenziaria...» 499 Capo VI - Misure alternative alla detenzione e remissione del debito Art. 47. Affidamento in prova al servizio sociale...» 500 Art. 47-bis. Affidamento in prova in casi particolari...» 549 Art. 47-ter. Detenzione domiciliare...» 549 Art. 47-quater. Misure alternative alla detenzione nei confronti dei soggetti affetti da AIDS conclamata o da grave deficienza immunitaria...» 585 Art. 47-quinquies. Detenzione domiciliare speciale...» 596 Art. 47-sexies. Allontanamento dal domicilio senza giustificato motivo...» 608 Art. 48. Regime di semilibertà...» 611 Art. 49. Ammissione obbligatoria al regime di semilibertà...» 615 Art. 50. Ammissione alla semilibertà...» 616 Art. 50-bis. Concessione della semilibertà ai recidivi...» 638 Art. 51. Sospensione e revoca del regime di semilibertà...» 640 Art. 51-bis. Sopravvenienza di nuovi titoli di privazione della libertà...» 643 Art. 51-ter. Sospensione cautelativa delle misure alternative...» 647 Art. 52. Licenza al condannato ammesso al regime di semilibertà...» 651 Art. 53. Licenze agli internati...» 654 Art. 53-bis. Computo del periodo di permesso o licenza...» 656 Art. 54. Liberazione anticipata...» 659 Art. 55. Interventi del servizio sociale nella libertà vigilata...» 695 Art. 56. Remissione del debito...» 696 Art. 6 T.U. 115/02. Remissione del debito...» 696 Art. 57. Legittimazione alla richiesta dei benefici...» 706 Art. 58. Comunicazione all autorità di pubblica sicurezza...» 716 Art. 58-bis. Iscrizione nel casellario giudiziale...» 718 Art. 58-ter. Persone che collaborano con la giustizia...» 719 Art. 58-quater. Divieto di concessione di benefici...» 732 Art. 58-quinquies. Particolari modalità di controllo nell esecuzione della detenzione domiciliare...» 750

4 indice sommario XLII TITOLO II - Disposizioni relative alla organizzazione penitenziaria Capo I - Istituti penitenziari Art. 59. Istituti per adulti... pag. 757 Art. 60. Istituti di custodia cautelare...» 763 Art. 61. Istituti per l esecuzione delle pene...» 766 Art. 62. Istituti per l esecuzione delle misure di sicurezza detentive...» 770 Art. 63. Centri di osservazione...» 777 Art. 64. Differenziazione degli istituti per l esecuzione delle pene e delle misure di sicurezza...» 779 Art. 65. Istituti per infermi e minorati...» 783 Art. 66. Costituzione, trasformazione e soppressione degli istituti...» 785 Art. 67. Visite agli istituti...» 786 Art. 67-bis. Visite alle camere di sicurezza...» 792 Capo II - Magistrati di sorveglianza Art. 68. Uffici di sorveglianza...» 793 Art. 69. Funzioni e provvedimenti del magistrato di sorveglianza...» 800 Art. 69-bis. Procedimento in materia di liberazione anticipata...» 838 Art. 70. Funzioni e provvedimenti del tribunale di sorveglianza...» 845 Art. 70-bis. Presidente del tribunale di sorveglianza...» 861 Art. 70-ter. Nuove denominazioni...» 863 Capo II-bis - Procedimento di sorveglianza Art. 71. Norme generali...» 865 Art. 71-bis. Udienza...» 866 Art. 71-ter. Ricorso per cassazione...» 867 Art. 71-quater. Comunicazioni...» 867 Art. 71-quinquies. Revoca...» 867 Art. 71-sexies. Inammissibilità...» 867 Art. 677 c.p.p. Competenza per territorio...» 868 Art. 678 c.p.p. Procedimento di sorveglianza...» 887 Art. 679 c.p.p. Misure di sicurezza...» 979 Art. 680 c.p.p. Impugnazione di provvedimenti relativi alle misure di sicurezza...» 996 Capo III - Esecuzione penale esterna ed assistenza Art. 72. Uffici locali di esecuzione penale esterna...» 1003 Art. 73. Cassa per il soccorso e l assistenza alle vittime del delitto...» 1013 Art. 74. Consigli di aiuto sociale...» 1015 Art. 75. Attività del consiglio di aiuto sociale per l assistenza penitenziaria [e post-penitenziaria]...» 1021 Art. 76. Attività del consiglio di aiuto sociale per [il soccorso e] l assistenza alle vittime del delitto...» 1022

5 XLIII indice sommario Art. 77. Comitato per l occupazione degli assistiti dal consiglio di aiuto sociale... pag Art. 78. Assistenti volontari...» 1024 Capo IV - Disposizioni finali e transitorie Art. 79. Minori degli anni diciotto sottoposti a misure penali. Magistratura di sorveglianza...» 1036 Art. 80. Personale dell amministrazione degli istituti di prevenzione e di pena...» 1046 Art. 81. Attribuzioni degli assistenti sociali...» 1052 Art. 82. Attribuzioni degli educatori...» 1054 Art. 83. Ruoli organici del personale di servizio sociale e degli educatori...» 1062 Art. 84. Concorso per esame speciale per l accesso al ruolo della carriera di concetto degli assistenti sociali per adulti...» 1065 Art. 85. Accesso alla carriera direttiva di servizio sociale...» 1067 Art. 86. Personale per gli uffici di sorveglianza...» 1068 Art. 87. Norme di esecuzione...» 1069 Art. 88. Attuazione dei ruoli del personale...» 1072 Art. 89. Norme abrogate...» 1073 Art. 90. Esigenze di sicurezza...» 1073 Art. 91. Copertura finanziaria...» 1075 parte SECONDA Normativa complementare II_A Art. 656 c.p.p. Esecuzione delle pene detentive... pag II_B Art. 94 d.p.r. 9 ottobre 1990 n. 309 Affidamento in prova in casi particolari... pag II_C Art. 16 d. legisl. 25 luglio 1998 n. 286 Espulsione a titolo di sanzione sostitutiva o alternativa alla detenzione... pag II_D Artt. 1-6 l. 22 giugno 2000 n. 193 Norme per favorire l attività lavorativa dei detenuti... pag Art. 1...» 1167 Art. 2...» 1167 Art. 3...» 1176 Art. 4...» 1176

6 indice sommario XLIV Art pag Art. 6...» 1179 II_E Art. 9 l. 30 giugno 2009 n. 85 Prelievo di campione biologico e tipizzazione del profilo del DNA... pag II_F Art. 1 l. 26 novembre 2010 n. 199 Esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori a diciotto mesi... pag II_G Art. 4 d.l. 23 dicembre 2013 n. 146 conv. l. 21 febbraio 2014 n. 10 Liberazione anticipata speciale... pag II_H Art. 7 d.l. 23 dicembre 2013 n. 146 conv. l. 21 febbraio 2014 n. 10 Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale... pag appendice Elenco delle fonti normative riportate nell appendice... pag Tabella A, allegata alla l. 26 luglio 1975 n. 354: sedi e giurisdizioni degli uffici di sorveglianza per adulti...» 1241 Regolamento recante norme sull ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà personale...» 1245 Ordinamento del corpo di polizia penitenziaria...» 1293 Regolamento di servizio del corpo di polizia penitenziaria...» 1311 Regolamento recante la struttura e la composizione dell ufficio del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale...» 1339 Regole europee sulle sanzioni e misure alternative alla detenzione...» 1343 Regole penitenziarie europee...» 1357 Regole europee sulla messa alla prova...» 1375 Regole delle Nazioni unite relative al trattamento delle donne detenute e alle misure non detentive per le donne autrici di reato (Regole di Bangkok)...» 1389 Codice europeo di etica per il personale penitenziario...» 1401 Indice analitico...» 1405

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it

Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra. Diritto.it Le misure alternative alla detenzione Concas Alessandra Diritto.it Le misure alternative alla detenzione sono l'affidamento in prova ai servizi sociali, la detenzione domiciliare, le misure alternative

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SVUOTA CARCERI

LA NUOVA LEGGE SVUOTA CARCERI FOCUS NELDIRITTO M. ANTONELLA PASCULLI NICOLETTA VENTURA LA NUOVA LEGGE SVUOTA CARCERI Misure urgenti a tutela dei diritti dei detenuti Commento alla legge 21 febbraio 2014, n.10, che ha convertito, con

Dettagli

MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA

MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 139 LEONARDO DEGL'INNOCENTI FRANCESCO FALDI MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE E PROCEDLMENTO DI SORVEGLIANZA SECOND A EDIZIONE GIUFFRE

Dettagli

INDICE SOMMARIO CODICE PENALE

INDICE SOMMARIO CODICE PENALE INDICE SOMMARIO CODICE PENALE 1. Il differimento obbligatorio della pena Codice penale Art. 146. Rinvio obbligatorio dell esecuzione della pena................. 3 Art. 211-bis. Rinvio dell esecuzione delle

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Art. 1 Esecuzione delle pene detentive 1. L'articolo 656 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente: "Art. 656 (Esecuzione delle pene detentive).

Dettagli

LEGGE 21 febbraio 2014, n. 10. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23

LEGGE 21 febbraio 2014, n. 10. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 LEGGE 21 febbraio 2014, n. 10 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 146, recante misure urgenti in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e di riduzione

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

SOMMARIO LIBRO PRIMO ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI PENALI

SOMMARIO LIBRO PRIMO ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI PENALI SOMMARIO LIBRO PRIMO ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI PENALI ORDINE DI ESECUZIONE PER LA CARCERAZIONE 1. Ordine di esecuzione per la carcerazione con contestuale decreto di sospensione 5 SEZIONE

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Elenco delle decisioni depositate in data 28-01-2005. (dal n. 45 al n. 61 ) C 10-1-2005 DE SIERVO. sent. 45. Relatore: BILE. (inamm.) ref.

Elenco delle decisioni depositate in data 28-01-2005. (dal n. 45 al n. 61 ) C 10-1-2005 DE SIERVO. sent. 45. Relatore: BILE. (inamm.) ref. Elenco delle decisioni depositate in data 28-01-2005 deciso 13-1-2005 (dal n. 45 al n. 61 ) 1) C 10-1-2005 DE SIERVO Relatore: BILE Legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante Norme in materia di procreazione

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 Il sottoscritto/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. professione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Principali atti normativi in tema di disabilità

Principali atti normativi in tema di disabilità a cura di Maria Giulia Bernardini Legenda: per gli atti di rilevanza nazionale si è seguito il criterio cronologico; per quelli regionali, si è provveduto anche ad una partizione per materia Norme e atti

Dettagli

E M A N A. il seguente decreto-legge:

E M A N A. il seguente decreto-legge: DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 146. Misure urgenti in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e di riduzione controllata della popolazione carceraria. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. in qualità di (carica sociale) dell impresa ( denominazione e ragione sociale) DICHIARA

Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. in qualità di (carica sociale) dell impresa ( denominazione e ragione sociale) DICHIARA OGGETTO: GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA - MINISTERO DELLA SALUTE - SEDE DI ROMA, LUNGOTEVERE RIPA N. 1. CIG 61681305E5 Il/la sottoscritto/a nato/a a il in qualità di

Dettagli

d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA

d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1219 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA COMUNICATO ALLA

Dettagli

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI CODICE PENALE e leggi complementari con il coordinamento di Chiara INGENITO e Luigi Edoardo FIORANI INDICE SISTEMATICO VI Premessa INDICE SISTEMATICO COSTITUZIONE

Dettagli

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E.

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. Parma 17 ottobre 2014 UFFICI ESECUZIONE PENALE ESTERNA L UEPE ex Centro di Servizio

Dettagli

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di PROGRAMMA DEGLI INCONTRI: I Presentazione del corso Inquadramento storico-sociologico del fenomeno Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di violenza sulle donne: -

Dettagli

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196,

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, relativo alla individuazione dei tipi di dati e delle operazioni eseguibili in tema di trattamento

Dettagli

INDICE PARTE I IL RECLUTAMENTO. Capitolo I LE PROCEDURE DI ASSUNZIONE

INDICE PARTE I IL RECLUTAMENTO. Capitolo I LE PROCEDURE DI ASSUNZIONE IX Prefazione... VII PARTE I IL RECLUTAMENTO Capitolo I LE PROCEDURE DI ASSUNZIONE 1.1. IlreclutamentonellaCostituzione... 3 1.2. Ilconcorsopubblico... 4 1.3. Iconcorsipertitoliedesamieiconcorsipersolititoli...

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 luglio 2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 28 novembre 2009, n.278, concernente

Dettagli

Ufficio di Sorveglianza di Verona

Ufficio di Sorveglianza di Verona Ufficio di Sorveglianza di Verona Via dello Zappatore, 1 - Tel. 045/8084011 - Fax 8007140/595261 Prot. Verona, Al Sig. Presidente del Tribunale di sorveglianza di Venezia Oggetto : Discorso inaugurale

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE Elenco delle principali abbreviazioni....................... Introduzione...................................... XV XVII CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE Guida Bibliografica..................................

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella Indice Presentazione................................................. p. 15 CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella 1.1. Principi comuni del diritto dell immigrazione.....................»

Dettagli

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Indice VII INDICE Presentazione.... V Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Capitolo Primo LE FONTI NORMATIVE DELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 1. Generalità....

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE. (dichiarazione sostitutiva ex artt. 46 e 47 DPR 445/2000)

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE. (dichiarazione sostitutiva ex artt. 46 e 47 DPR 445/2000) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Procedura negoziata per l affidamento del servizio per la verifica della conformità e sicurezza delle fermate del tpl su gomma della Provincia di Firenze. LOTTO 1 Metropolitano

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 55- QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165, AI SENSI DELL'ARTICOLO 17, COMMA 1, LETTERA S), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124,

Dettagli

INDICE INDICE. Premessa...p.

INDICE INDICE. Premessa...p. INDICE Premessa...p. XV I I REATI CONTRO IL MATRIMONIO E LA MORALE FAMILIARE 1 La bigamia: configurabilità del reato nell ipotesi di inefficacia del precedente matrimonio contratto all estero... 3 Introduzione...

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

DICHIARAZIONE RILASCIATA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. N. 445/2000

DICHIARAZIONE RILASCIATA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. N. 445/2000 ALLEGATO A2 DICHIARAZIONE RILASCIATA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. N. 445/2000 PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ADVISORY REALTIVI ALLA VENDITA DELLA

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura DOCUMENTI PER IL RILASCIO/RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO IN FORMATO CARTACEO O ELETTRONICO LA CUI ISTANZA VA PRESENTATA PRESSO LA QUESTURA DI TREVISO UFFICIO IMMIGRAZIONE da esibire in fotocopia in

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero;

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero; Un progetto biennale finalizzato a favorire l'accesso alle misure alternative alla detenzione nella Provincia di Milano Progetto finanziato da : PREMESSA Ciò che spesso si dibatte (servizi e programmi

Dettagli

Vigente al: 8-5-2015. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

Vigente al: 8-5-2015. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 16 aprile 2015, n. 47 Modifiche al codice di procedura penale in materia di misure cautelari personali. Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di visita a persone affette da handicap

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina Soggetti in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni Ingressi nei Centri di prima accoglienza

Dettagli

straordinaria e ristrutturazione edilizia degli edifici all interno dei cimiteri periferici (APP. 18/15) (CIG: 5493219BB6)

straordinaria e ristrutturazione edilizia degli edifici all interno dei cimiteri periferici (APP. 18/15) (CIG: 5493219BB6) marca da bollo Allegato n. 1 Modulo domanda di partecipazione Da inserire nella busta 1 recante la dicitura Documentazione Spett.le Comune di Pisa Il sottoscritto Nato a il in qualità di legale rappresentante

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE DELL IMPRESA CONCORRENTE

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE DELL IMPRESA CONCORRENTE ALLEGATO II Dichiarazione del concorrente di ricorso all AVVALIMENTO (art. 49 del d.lgs. n. 163 del 2006) (in caso di raggruppamento temporaneo: un modello per ciascun componente che ricorra all avvalimento)

Dettagli

Oggetto: Modalità di gestione del Fondo di Solidarietà di cui alla L.R. n. 23/2007.

Oggetto: Modalità di gestione del Fondo di Solidarietà di cui alla L.R. n. 23/2007. Allegato Oggetto: Modalità di gestione del Fondo di Solidarietà di cui alla L.R. n. 23/2007. Il Fondo di Solidarietà istituito dalla L.R. n. 23 del 10 dicembre 2007 è disciplinato secondo le seguenti modalità:

Dettagli

Rel. n. III/06/11 Roma, 23 maggio 2011

Rel. n. III/06/11 Roma, 23 maggio 2011 Rel. n. III/06/11 Roma, 23 maggio 2011 Novità legislative: Legge 21 aprile 2011, n. 62, recante Modifiche al codice di procedura penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, e altre disposizioni a tutela

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CIRCOLAZIONE STRADALE E PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE. Sezione I LA FASE STRAGIUDIZIALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CIRCOLAZIONE STRADALE E PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE. Sezione I LA FASE STRAGIUDIZIALE INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CIRCOLAZIONE STRADALE E PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE Sezione I LA FASE STRAGIUDIZIALE 1. La denuncia di sinistro... Pag. 3 2. La richiesta di informazioni ai sensi dell art.

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 20 marzo 2014, n. 36 (in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope) - D.Lgs. 4 marzo 2014, n. 40 (in attuazione

Dettagli

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA UNO STUDIO INTEGRATO SULL APPLICAZIONE DEI DECRETI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE SULL ACCOGLIENZA, SULLE QUALIFICHE E SULLE PROCEDURE a cura

Dettagli

Note di aggiornamento Luglio 2008

Note di aggiornamento Luglio 2008 G. Zagrebelsky - G. Oberto - G. Stalla - C. Trucco COMPENDIO DI DIRITTO Note di aggiornamento Luglio 2008 1. Modifiche al codice civile in materia di patto di famiglia 2. Indennità di espropriazione delle

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Prefazione........................................ 1 PARTE PRIMA TESTO DELLA LEGGE 24 DICEMBRE 1969 N. 990, come modificato dal D.L. 23 dicembre 1976 n. 857, convertito, con modificazioni,

Dettagli

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 INDICE Introduzione 9 Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 Capitolo 2 IL CODICE DISCIPLINARE 17 2.1 Contenuti e caratteri del Codice Disciplinare 17 2.2 L obbligo di

Dettagli

INDICE - SOMMARIO SEZIONE I LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. N. 146 DEL 2013

INDICE - SOMMARIO SEZIONE I LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. N. 146 DEL 2013 Premessa... pag. XIX SEZIONE I LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. N. 146 DEL 2013 SI CONSOLIDA LO STATUTO DEI DETENUTI: BASTERANNO LE NUOVE NORME? di Angelo Giarda 1. Una situazione drammatica risalente

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa.

2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa. 2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa. L analisi statistica sviluppata in questa seconda parte del lavoro riguarda sia la presenza di minori sia i movimenti in entrata e in uscita registrati

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 31 agosto 2013, n. 101 (cd. Decreto salva precari) - D.L. 14 agosto 2013, n. 93 (in materia di Sicurezza e femminicidio) - D.L.

Dettagli

INDICE GENERALE. pag. Introduzione (le ragioni di un corso)... CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE

INDICE GENERALE. pag. Introduzione (le ragioni di un corso)... CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE Introduzione (le ragioni di un corso)... XI CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Le professioni intellettuali... 3 2. L ordinamento giuridico professionale.... 8 3. L ordinamento forense.

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

Il sottoscritto.., nato a.il..., C.F..., residente in., tel.. Fax.., e-mail In possesso dei requisiti previsti dalla gara prot. n. del...

Il sottoscritto.., nato a.il..., C.F..., residente in., tel.. Fax.., e-mail In possesso dei requisiti previsti dalla gara prot. n. del... ALLEGATO 1/A (Domanda di partecipazione Libero professionista) Spett. le Dirigente Scolastico dell'istituto Superiore Majorana Via G. Astorino n.52 90146 Palermo Oggetto: Richiesta partecipazione gara

Dettagli

Allegato D ) allegato al disciplinare. (intestazione della ditta) Spett.le Comune di Pagnacco Via del Buret n 8 33010 PAGNACCO (UD)

Allegato D ) allegato al disciplinare. (intestazione della ditta) Spett.le Comune di Pagnacco Via del Buret n 8 33010 PAGNACCO (UD) Allegato D ) allegato al disciplinare (intestazione della ditta) Spett.le Comune di Pagnacco Via del Buret n 8 33010 PAGNACCO (UD) Oggetto: AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE CON PASTI CUCINATI LOCO

Dettagli

DONNE E BAMBINI IN CARCERE: A QUANDO LA SVOLTA?

DONNE E BAMBINI IN CARCERE: A QUANDO LA SVOLTA? DONNE E BAMBINI IN CARCERE: A QUANDO LA SVOLTA? Contributo della Garante delle persone private della libertà personale della Regione Emilia Romagna partendo da una analisi dei dati e dei riferimenti normativi

Dettagli

SOMMARIO. Premessa... Note sugli autori...

SOMMARIO. Premessa... Note sugli autori... Sommario SOMMARIO Premessa... Note sugli autori... XI XVII Capitolo 1 - Licenziamenti individuali 1. Il licenziamento individuale... 1 1.1. Le principali tipologie di licenziamento individuale... 1 1.2.

Dettagli

Legge 26 luglio 1975 n. 354 - Norme sull'ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Legge 26 luglio 1975 n. 354 - Norme sull'ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Legge 26 luglio 1975 n. 354 - Norme sull'ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà ORDINAMENTO PENITENZIARIO L. 26 luglio 1975, n. 354. Norme sull ordinamento

Dettagli

Avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati dal Fondo. Europeo per l Integrazione dei cittadini di Paesi terzi.

Avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati dal Fondo. Europeo per l Integrazione dei cittadini di Paesi terzi. Avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati dal Fondo Europeo per l Integrazione dei cittadini di Paesi terzi Annualità 2012 FAC SIMILE DOMANDA DI AMMISSIONE AL FINANZIAMENTO ED AUTODICHIARAZIONI

Dettagli

Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città

Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città MODELLO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI E DELL ATTO DI NOTORIETA DEI REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO FAMIGLIA E RESPONSABILITÀ CIVILE: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO SECONDO L ILLECITO SUBITO DAI FAMILIARI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO FAMIGLIA E RESPONSABILITÀ CIVILE: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO SECONDO L ILLECITO SUBITO DAI FAMILIARI INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO FAMIGLIA E RESPONSABILITÀ CIVILE: CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Verso il quarantennale della Riforma del diritto di famiglia... 1 2. La responsabilità civile nel quadro

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia Laura De Carlo La Laura De Carlo 22.04.2015 2.2015 Nozione di Minore Straniero Minore Straniero o Straniero Minorenne? Minore: accertamento dell et

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE PARTE GENERALE 1. Disposizioni fondamentali................................... 3 1.1. Costituzione della Repubblica Italiana.................... 3 1.2. Trattato sul funzionamento dell Unione europea (Artt.

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA OSSERVA TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI MILANO UFFICIO DI SORVEGLIANZA N. 998/2010 S 28 Il Magistrato di Sorveglianza, letto il reclamo presentato ex art. 69 O.P. da G. V. n. il detenuto CR Opera in espiazione della

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

SCHEMA DI ISTANZA DI AMMISSIONE CON ANNESSA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SIA DI CERTIFICAZIONE CHE NOTORIETA

SCHEMA DI ISTANZA DI AMMISSIONE CON ANNESSA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SIA DI CERTIFICAZIONE CHE NOTORIETA ALLEGATO 1) SCHEMA DI ISTANZA DI AMMISSIONE CON ANNESSA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA SIA DI CERTIFICAZIONE CHE NOTORIETA Comune di Chignolo Po Ufficio Ragioneria Via Marconi, 8 27013 Chignolo Po (PV) Oggetto:

Dettagli

Il/La sottoscritto/a inoltra istanza ai sensi del CAPO II, sezione I della legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013, per:

Il/La sottoscritto/a inoltra istanza ai sensi del CAPO II, sezione I della legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013, per: ALLEGATO C Legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale ISTANZA

Dettagli

Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici

Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici Corso universitario di aggiornamento professionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INPS Gestione dipendenti pubblici Stalking e violenza di genere: strumenti di prevenzione della violenza contro

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Il nuovo «codice delle assicurazioni» 1. D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209. Codice delle assicurazioni

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

DOCUMENTO TAVOLO 3 DONNE DETENUTE

DOCUMENTO TAVOLO 3 DONNE DETENUTE DOCUMENTO TAVOLO 3 DONNE DETENUTE ICAM E CASE FAMIGLIA PROTETTE (legge 62 del 2011 ) La legge 62 del 21 aprile 2011 ha previsto la realizzazione di istituti a custodia attenuata (ICAM) e di case famiglia

Dettagli

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111 Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità Le visite fiscali per il controllo della malattia servono ad appurare l inidoneità momentanea del dipendente pubblico a svolgere la propria prestazione lavorativa;

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli