Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabiana Fusco Università di Udine. Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti"

Transcript

1 Fabiana Fusco Università di Udine Il Friuli Venezia Giulia: mosaico di lingue, lingue di minoranza e dialetti

2 Carta tratta dall Enciclopedia dell Italiano Treccani

3 L.R. n. 5 del 17 febbraio 2010 Valorizzazione dei dialetti di origine veneta parlati nella regione Friuli-Venezia Giulia il veneto udinese, il veneto goriziano, il veneto pordenonese, il bisiaco nel territorio di Monfalcone, le parlate delle località lagunari di Marano e Grado, il triestino, il muggesano e altre prevalenti nelle aree poste lungo il confine occidentale e sudoccidentale con le province di Treviso e Venezia, nonché il veneto dell Istria e della Dalmazia

4 Aree linguistiche della Regione Friuli-Venezia Giulia Carta tratta dall Enciclopedia dell Italiano Treccani s.v. friulani, dialetti (Laura Vanelli)

5 Tutela del friulano Legge n. 482 del 15/12/1999 L.R. n. 15 del 22/3/1996 Norme per la tutela e la promozione della lingua e della cultura friulane e istituzione del servizio per le lingue regionali e minoritarie L.R. n. 29 del 18/12/2007 Norme per la tutela, la valorizzazione e la promozione della lingua friulana L.R. n. 13 del 9/11/1998 (grafia ufficiale)

6 Tutela del friulano Con la L.R. 15/1996 la regione si è dotata finalmente di uno strumento fondamentale per esercitare una politica attiva di conservazione e sviluppo della lingua e della cultura friulane quali componenti essenziali della identità etnica e storica della comunità regionale, fissando anche i principi fondamentali dell azione volta alla realizzazione di tale politica a sostegno della promozione della lingua friulana, che dovrà affermarsi quale codice linguistico adatto a tutte le situazioni della vita moderna (articoli 1 e 10).

7 Tutela del friulano Con la L.R. 15/1996 è stato istituito l Osservatorio regionale della lingua e della cultura friulane (O.L.F.) Poi sostituito dalla Agjenzie Regjional de Lenghe furlane (ARLeF), con decreto della Giunta Regionale del Friuli-Venezia Giulia del 5 luglio 2004

8 Suddivisione dialettale del friulano Carta tratta dall Enciclopedia dell Italiano Treccani s.v. friulani, dialetti (Laura Vanelli)

9 Tutela del friulano Nel 2007, la Regione - anche in conseguenza del Decreto attuativo dello Statuto di autonomia n. 223/ si è dotata di una propria legge regionale in merito all insegnamento del friulano e successivamente (nel 2011) di un Regolamento. Le norme prevedono, fra l altro, l adozione di uno specifico Piano applicativo di sistema per l insegnamento della lingua friulana e l istituzione di un Elenco regionale degli insegnanti di friulano. In base a quanto stabilito dal Regolamento di attuazione della medesima legge, l elenco è articolato nei seguenti settori: - scuole dell infanzia; - scuole primarie, - scuole secondarie di primo grado; - scuole secondarie di secondo grado. L iscrizione nell Elenco regionale costituisce condizione necessaria per svolgere attività di insegnamento della lingua friulana nonché per esercitare la funzione di coordinatore di rete. L Elenco regionale viene aggiornato annualmente a seguito della emissione di apposito avviso per l acquisizione di ulteriori candidature.

10 Le Comunità di lingua tedesca nel territorio friulano Timau (nella valle del But, a ridosso del Passo di Monte Croce Carnico) Sauris (nell alta valle del Lumiei, affluente del Tagliamento) Val Canale (con i centri principali di Pontebba, Malborghetto/Valbruna e Tarvisio)

11 Tutela delle minoranze germanofone Legge regionale 4/1999, in specie art. 6, commi 40, 41, 41 bis Legge regionale 20 novembre 2009, n. 20 recante Norme di tutela e promozione delle minoranze di lingua tedesca del Friuli Venezia Giulia.

12 Le comunità slovenofone lo zegliano (ovvero zilijsko), propaggine italiana, acquisita dopo il primo conflitto mondiale, del dialetto sloveno documentato nella valle carinziana di Zeglia o del Gail, ancora diffuso in alcuni centri della Val Canale (Kanalska Dolina), a contatto talora con il dialetto tedesco e il friulano; il resiano (rezijansko), adoperato nei paesi della Val di Resia (laterale del Canale del Ferro), che, esibendo tratti più conservativi degli altri, rappresenta un caso emblematico tra i dialetti sloveni del Friuli; il tersko, cioè i dialetti del Torre, sulle Prealpi, con diramazioni già antiche verso l area pianeggiante; il nadiško, ossia i dialetti sloveni della Val Natisone (e delle valli contermini), il tipo più vitale ed esteso. A questi affianchiamo le varietà della provincia di Gorizia (briško cioè del Collio o collinare) e di Trieste (kraško, perché parlato prevalentemente nei paesi del Carso).

13 Tutela delle minoranze slovenofone Legge 23 novembre 2001, n. 38 che sostiene adeguate Norme per la tutela della minoranza linguistica slovena della Regione Friuli-Venzia Giulia Va evidenziato che l'art. 5 della legge 38/2001 ha garantito, nel quadro delle disposizioni della legge 482, forme particolari di tutela alle popolazioni germanofone della Val Canale Legge regionale 16 novembre 2007, n. 26, ovvero Norme regionali di tutela della minoranza linguistica slovena

14 Siti internet utili per un primo approfondimento Regione Friuli-Venezia Giulia (www.regione.fvg.it) Agenzia Regionale per la lingua friulana (www.arlef.it) Società Filologica Friulana (www.filologicafriulana.it) Comitato Unitario delle isole linguistiche storiche germaniche (www.isolelinguistiche.it) Istituto sloveno di ricerche (www.slori.it)

15 Grazie

L.R. 29/2007, art. 7 c. 3 B.U.R. 14/5/2014, n. 20. Decreto del Presidente della Regione 2 maggio 2014, n. 079/Pres.

L.R. 29/2007, art. 7 c. 3 B.U.R. 14/5/2014, n. 20. Decreto del Presidente della Regione 2 maggio 2014, n. 079/Pres. L.R. 29/2007, art. 7 c. 3 B.U.R. 14/5/2014, n. 20 Decreto del Presidente della Regione 2 maggio 2014, n. 079/Pres. Regolamento In materia di certificazione della conoscenza della lingua friulana, in attuazione

Dettagli

Le lingue slave e il tedesco nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Lingue nel cuore d Europa - Prof. Federico Vicario - Università di Udine

Le lingue slave e il tedesco nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Lingue nel cuore d Europa - Prof. Federico Vicario - Università di Udine Le lingue slave e il tedesco nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Lingue nel cuore d Europa - Prof. Federico Vicario - Università di Udine Le lingue slave e il tedesco nella Regione Autonoma Friuli

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.1 Gemonese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L.

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. 23.10.1992, n. 241, il quale prevede che le regioni e

Dettagli

TUTELA DELLE MINORANZE LINGUISTICHE

TUTELA DELLE MINORANZE LINGUISTICHE TUTELA DELLE MINORANZE LINGUISTICHE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Friuli-Venezia Giulia Legge della Regione Friuli-Venezia Giulia 17 febbraio 2010, n. 5 recante

Dettagli

FINANZIAMENTI ORDINARI E STRAORDINARI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

FINANZIAMENTI ORDINARI E STRAORDINARI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA FINANZIAMENTI ORDINARI E STRAORDINARI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Disposizioni per la formazione della Regione (leggi finanziarie regionali 1978 2015) I. FINANZIAMENTI ORDINARI ALLEGATI (omissis)

Dettagli

IL DIRETTORE CENTRALE

IL DIRETTORE CENTRALE D. Dirett. reg. 25 luglio 2013, n. 1335/ISTR/2013 1 Progetti per l'arricchimento dell'offerta formativa delle istituzioni scolastiche statali e paritarie del Friuli-Venezia Giulia - anno scolastico 2013/2014:

Dettagli

L. 38/2001, ART. 8 /// L.R. 26/2007, ART. 19 - ESERCIZIO 2011 = ELENCO PER APPROVAZIONE PRELIMINARE

L. 38/2001, ART. 8 /// L.R. 26/2007, ART. 19 - ESERCIZIO 2011 = ELENCO PER APPROVAZIONE PRELIMINARE L. 38/2001, ART. 8 /// L.R. 26/2007, ART. 19 - ESERCIZIO 2011 = ELENCO PER APAZIONE PRELIMINARE 1 TS Provincia di Trieste Attività di traduzione a supporto degli organi politici e degli uffici provinciali,

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA TUTELA E L USO

COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA TUTELA E L USO COMUNE DI SAN PIETRO AL NATISONE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA TUTELA E L USO DELLA LINGUA E DEL DIALETTO SLOVENI Approvato con delibera consiliare n 53 del 10.07.2002 CAPO I Art. 1 NORME GENERALI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 22-03-1996 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - 22/03/1996, n. 15 - B.U.R. 27/03/1996, n.13

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 22-03-1996 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - 22/03/1996, n. 15 - B.U.R. 27/03/1996, n.13 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 22-03-1996 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA - 22/03/1996, n. 15 - B.U.R. 27/03/1996, n.13 EPIGRAFE NORME PER LA TUTELA E LA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA FRIULANE E ISTITUZIONE

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione all esame d idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell attività professionale di Accompagnatore turistico - anno 2011. Art. 1 prova d esame d idoneità

Dettagli

ECM DOSSIER FORMATIVO

ECM DOSSIER FORMATIVO Al servizio di gente unica Convegno Triveneto ECM DOSSIER FORMATIVO Trieste 6 settembre 2014 Relazione L ECM in Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate. (Art. 1, comma 735, legge 296/2006)

Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate. (Art. 1, comma 735, legge 296/2006) COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA 33028 TOLMEZZO (UD) Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate (Art. 1, comma 735, legge 296/2006) Pag. 1 di 12 Il presente report

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento recante disposizioni per l insegnamento della lingua friulana nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia in attuazione di quanto previsto dal Capo III (Interventi nel settore dell istruzione)

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE ALLEGATO 1 ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE per la realizzazione di un offerta sussidiaria di percorsi di istruzione e formazione

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.1 Gemonese MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione all esame d idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio della attività professionale di Guida turistica - anno 2012. Art. 1 prova d esame d idoneità Art. 2

Dettagli

LEGGE REGIONALE 02/04/2004, N. 012

LEGGE REGIONALE 02/04/2004, N. 012 Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 02/04/2004, N. 012 Istituzione, attribuzioni e disciplina della Convenzione per la stesura del nuovo Statuto speciale di autonomia

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 10. Deliberazione di Giunta N. 22

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 10. Deliberazione di Giunta N. 22 Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 10 Deliberazione di Giunta N. 22 OGGETTO: L.R. 41/1996 art. 21. Programma triennale finalizzato alla sperimentazione di modelli organizzativi

Dettagli

Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia. Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG

Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia. Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG AGENDA 1. Cos'è la FIAB 2. Perché investire sul CICLOTURISMO 3. NUMERI sul

Dettagli

Le chiedo gentilmente di portare all'attenzione dei membri della giunta tale argomento nella prossima riunione.

Le chiedo gentilmente di portare all'attenzione dei membri della giunta tale argomento nella prossima riunione. Al Presidente della camera di commercio dott. Emilio Sgarlata Via Crispi, 10 34170 Gorizia Egregio Presidente, Ho ricevuto dal Consiglio Regionale la delibera della giunta nr. 1387 del 2 agosto 2012 con

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 4.2 Tarcento MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.1 Sacile MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO MINORI ANNO 2013/2014 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE SOCIALI DELLA

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Cinzia Petris 10/a, Fr. Pradumbli, I-33020 Prato Carnico Telefono(i) Cellulare: +39 329 4016493 Skype E-mail Cittadinanza

Dettagli

LICEO... INDIRIZZO... di... ANNO SCOLASTICO 2013/2014. PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI...

LICEO... INDIRIZZO... di... ANNO SCOLASTICO 2013/2014. PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... LICEO... INDIRIZZO... di... ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO PREMESSA Questa proposta è un

Dettagli

L. 23 febbraio 2001, n. 38 NORME A TUTELA DELLA MINORANZA LINGUISTICA SLOVENA DELLA REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA. G.U. n. 56 dell 08.03.

L. 23 febbraio 2001, n. 38 NORME A TUTELA DELLA MINORANZA LINGUISTICA SLOVENA DELLA REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA. G.U. n. 56 dell 08.03. L. 23 febbraio 2001, n. 38 NORME A TUTELA DELLA MINORANZA LINGUISTICA SLOVENA DELLA REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA G.U. n. 56 dell 08.03.2001 Art. 1. (Riconoscimento della minoranza slovena) 1. La Repubblica

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Corazzari, Bassi, Cenci, Finozzi, Possamai FONDO REGIONALE PER GIOVANI PROFESSIONISTI

Dettagli

SECONDA INTEGRAZIONE ALLA CONVENZIONE. di data 1 agosto 2006 tra COMUNITÀ MONTANA DEL GEMONESE, CANAL DEL FERRO E VAL CANALE. e A&T 2000 S.p.A.

SECONDA INTEGRAZIONE ALLA CONVENZIONE. di data 1 agosto 2006 tra COMUNITÀ MONTANA DEL GEMONESE, CANAL DEL FERRO E VAL CANALE. e A&T 2000 S.p.A. SECONDA INTEGRAZIONE ALLA CONVENZIONE di data 1 agosto 2006 tra COMUNITÀ MONTANA DEL GEMONESE, CANAL DEL FERRO E VAL CANALE e A&T 2000 S.p.A. PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO RIFIUTI L anno duemilaundici,

Dettagli

Prot. n. 000 107 / 13 / F Cod. Ente 084 Spett.le. Via, n. CAP CITTA ( ) Monastier di Treviso, 11/12/2013

Prot. n. 000 107 / 13 / F Cod. Ente 084 Spett.le. Via, n. CAP CITTA ( ) Monastier di Treviso, 11/12/2013 Prot. n. 000 107 / 13 / F Cod. Ente 084 Spett.le Via, n. CAP CITTA ( ) Monastier di Treviso, 11/12/2013 Oggetto: Richiesta preventivo per l acquisizione di un SERVIZIO di IDEAZIONE E REALIZZAZIONE di materiali

Dettagli

I Centri offrono assistenza per costruire progetti formativi e professionali "su misura". I servizi offerti sono gratuiti, e consistono in:

I Centri offrono assistenza per costruire progetti formativi e professionali su misura. I servizi offerti sono gratuiti, e consistono in: I Centri offrono assistenza per costruire progetti formativi e professionali "su misura". I servizi offerti sono gratuiti, e consistono in: Sportello informativo Supporto tecnico rivolto alle scuole Colloquio

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo. Gennaio 2015

La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo. Gennaio 2015 La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo Gennaio 2015 osservatorio della montagna friulana ANALISI SOCIO ECONOMICA DELLA MONTAGNA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA gennaio 2015 Via Morpurgo 4-33100

Dettagli

1 - QUADRO NORMATIVO: COMPETENZE IN MERITO AL RICONOSCIMENTO DELLA

1 - QUADRO NORMATIVO: COMPETENZE IN MERITO AL RICONOSCIMENTO DELLA RICONOSCIMENTO DELLA FIGURA DI TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE ART. 2, COMMI SESTO, SETTIMO ED OTTAVO DELLA LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 A cura dell Osservatorio Regionale Agenti Fisici Direzione

Dettagli

C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN

C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN PROVINCIA DI UDINE Provinča Vïdnä Medaglia d Oro al valore civile Jaurawa Madajä zivïlskë valör Cod. Fisc. 84001610306 Tel. 0433 53001 Fax 0433-53392 Part.IVA

Dettagli

Gruppo di lavoro - ABRUZZO Inquadramento, ruolo e compiti

Gruppo di lavoro - ABRUZZO Inquadramento, ruolo e compiti Gruppo di lavoro - ABRUZZO Inquadramento, ruolo e compiti Partner responsabile: Regione Abruzzo Progetti Sociali s.r.l. Impresa Sociale PRESENTAZIONE DEL PROGETTO SIMPLE Il progetto SIMPLE è un progetto

Dettagli

regionali: Il ruolo delle ARPA

regionali: Il ruolo delle ARPA Inquinamento luminoso e leggi regionali: Il ruolo delle ARPA Dr. Tommaso Aureli Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio Servizio Agenti Fisici unità campi elettromagnetici, inquinamento

Dettagli

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 OGGETTO: L. 365/00. Istanza di aggiornamento PAI Tagliamento, ai sensi dell art. 6 delle Norme di Attuazione, a seguito della progettazione di interventi urgenti

Dettagli

GIAMPAOLO CANCIANI. Informazioni personali. Curriculum Vitae. Giampaolo Canciani. Cognome, nome Canciani, Giampaolo. Telefono fisso +39.0432.552300.

GIAMPAOLO CANCIANI. Informazioni personali. Curriculum Vitae. Giampaolo Canciani. Cognome, nome Canciani, Giampaolo. Telefono fisso +39.0432.552300. GIAMPAOLO CANCIANI Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome, nome Canciani, Giampaolo Telefono fisso +39.0432.552300. e.mail dirsanitaria@aoud.sanita.fvg.it; Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Decreto n. 0704/LAVFOR/FP. Il Direttore centrale

Decreto n. 0704/LAVFOR/FP. Il Direttore centrale Decreto n. 0704/LAVFOR/FP Adozione delle Direttive tecniche di modifica delle Direttive tecniche adottate con decreto n. 1407/LAVRFOR/2013 del 15 marzo 2013 che recepiscono il contenuto dell Accordo Stato

Dettagli

Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana

Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana { Alessandra Burelli Delegata per la promozione della lingua e cultura friulana, Università di Udine Lingua friulana e formazione degli

Dettagli

COMPOSIZIONE PLURILINGUE DEL TERRITORIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

COMPOSIZIONE PLURILINGUE DEL TERRITORIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA COMPOSIZIONE PLURILINGUE DEL TERRITORIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 1. Premessa Istituita nel 1963, la regione autonoma Friuli Venezia Giulia non corrisponde affatto ad una unità culturale reale e neppure

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI PAESE PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione di Consiglio

Dettagli

Giulia L'ASSESSORE REGIONALE ALLA PROTEZIONE CIVILE COMMISSARIO DELEGATO

Giulia L'ASSESSORE REGIONALE ALLA PROTEZIONE CIVILE COMMISSARIO DELEGATO DECRETO N. 179/CD/2004 di data 11 giugno 2004 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Oggetto: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3309 di data 11 settembre 2003 e seguenti. Decreto n.

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DOCENTE

CODICE DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DOCENTE ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.93 Presidenza 011.985.07.37 Cod. fis 94544320016 E-mail: TOIC83800T@istruzione.it

Dettagli

L.R. n. 29/2007 art. 5 comma 2-bis. Adozione della grafia delle varianti della lingua friulana. IL PRESIDENTE

L.R. n. 29/2007 art. 5 comma 2-bis. Adozione della grafia delle varianti della lingua friulana. IL PRESIDENTE D.P.Reg. 7 marzo 2013, n. 041/Pres. ( 1 ) L.R. n. 29/2007 art. 5 comma 2-bis. Adozione della grafia delle varianti della lingua friulana. IL PRESIDENTE VISTO l'articolo 5 della legge regionale 18 dicembre

Dettagli

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR E LA SOCIETA DANTE ALIGHIERI Protocollo d'intesa Tra

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN

C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN PROVINCIA DI UDINE Provinča Vïdnä Medaglia d Oro al valore civile Jaurawa Madajä zivïlskë valör Cod. Fisc. 84001610306 Tel. 0433 53001 Fax 0433-53392 Part. IVA

Dettagli

C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN

C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN C O M U N E D I R E S I A ROŚAJANSKË KUMÜN PROVINCIA DI UDINE Provinča Vïdnä Medaglia d Oro al valore civile Jaurawa Madajä zivïlskë valör Cod. Fisc. 84001610306 Tel. 0433 53001 Fax 0433-53392 Part. IVA

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione alla prova d esame di idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell attività professionale di Direttore tecnico di agenzia di viaggio e turismo - anno 2012.

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Repertorio Cartografico REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Geografia regionale Il Friuli Venezia Giulia è una regione autonoma a statuto speciale con circa 1,2 milioni di abitanti, formata dal Friuli (che costituisce

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge

Dettagli

01. IL PERCHÉ DI QUESTO DOCUMENTO

01. IL PERCHÉ DI QUESTO DOCUMENTO Lingue proprie, fonte di autogoverno e opportunità di crescita per tutti 01. IL PERCHÉ DI QUESTO DOCUMENTO I soggetti firmatari del presente documento, pur non avendo l ambizione di rappresentare la generalità

Dettagli

Prot. n. 5699/C17 San Daniele del Friuli, 15.12.2015

Prot. n. 5699/C17 San Daniele del Friuli, 15.12.2015 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di studio: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico -------------------------------------------

Dettagli

ALL. A QUESTIONARIO DI AUTO-VALUTAZIONE

ALL. A QUESTIONARIO DI AUTO-VALUTAZIONE ALL. A QUESTIONARIO DI AUTO-VALUTAZIONE INTRODUZIONE Egregi Signori! LEAD PARTNER Comitato Regionale dell Enfap del Friuli Venezia Giulia In qualità di futuro mentor/tutor dei Circoli di studio nell'ambito

Dettagli

INTESA TRA I COMUNI DI DUINO AURISINA/DEVIN-NABREZINA, SGONICO/ZGONIK E MONRUPINO/REPENTABOR (AMBITO 1.1), IL COMUNE DI TRIESTE (AMBITO 1.

INTESA TRA I COMUNI DI DUINO AURISINA/DEVIN-NABREZINA, SGONICO/ZGONIK E MONRUPINO/REPENTABOR (AMBITO 1.1), IL COMUNE DI TRIESTE (AMBITO 1. INTESA TRA I COMUNI DI DUINO AURISINA/DEVIN-NABREZINA, SGONICO/ZGONIK E MONRUPINO/REPENTABOR (AMBITO 1.1), IL COMUNE DI TRIESTE (AMBITO 1.2), IL COMUNE DI MUGGIA E SAN DORLIGO DELLA VALLE / DOLINA (AMBITO

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEN STEFANO

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEN STEFANO PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 24 OTTOBRE 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MACORIG DANIELE Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X IOAN

Dettagli

Casi di morte sul lavoro per Provincia Veneto n casi % sul totale in Triveneto % sul totale nella Regione Belluno 2,7% Padova 4 7,4% Rovigo 0 Treviso 2,7% Venezia 4,% Verona,0% Vicenza 2,7% Friuli Venezia

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

O R D I N A: ART. 1 ART. 2

O R D I N A: ART. 1 ART. 2 Ordinanza Ministeriale 11 febbraio 2008 Prima e seconda sessione degli esami di stato di abilitazione all'esercizio delle professioni disciplinate dal d.p.r. 5 giugno 2001, n.328, relative all anno 2008

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015

Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015 Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015 All Albo dell Istituto Sito dell Istituto Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI FORMATORI/TUTOR DA IMPIEGARE NEI CORSI CLIL per docenti di scuola secondaria

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Alessandro Volta Viale Monte Grappa, 1 Trieste Telefono +3904054981 Fax +3904054985 E-mail

Istituto Tecnico Industriale Alessandro Volta Viale Monte Grappa, 1 Trieste Telefono +3904054981 Fax +3904054985 E-mail ! CURRICULUM VITAE 1. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Clementina Frescura Fabris Cittadinanza Italiana Luogo di nascita Albino (Bg) Data di nascita 23.07.1961 Sesso femminile Stato civile coniugata Luogo di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO RISOLUZIONE N. 314/E Roma, 05 novembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: IVA. - Svolgimento in forma associata di funzioni e servizi da parte di enti locali. - Decreto del Presidente

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 115 DEL GIORNO 29 APRILE 2009 PUBBLICATA ALL ALBO DELL ENTE PARCO DAL AL L addetto di Segreteria OGGETTO: REVISIONE E COMPLETAMENTO DEL PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE

Dettagli

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO

ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO ACCORDO di RETE SCUOLE AD INDIRIZZO MUSICALE PROVINCIA DI TREVISO VISTO l art. 15 della Legge 7 agosto 1990, n. 241 che prevede per le Amministrazioni Pubbliche la possibilità di concludere tra loro accordi

Dettagli

Laurea in Lingue e Letterature Straniere Indirizzo Storico-Culturale. Università degli Studi du Udine il 3 novembre 2003 con votazione: 110 e lode

Laurea in Lingue e Letterature Straniere Indirizzo Storico-Culturale. Università degli Studi du Udine il 3 novembre 2003 con votazione: 110 e lode Curriculum vitae sig.ra Elena Zanussi -Nome e cognome: Elena Zanussi -Luogo e data di nascita: San Vito al Tagliamento (PN), il 29 settembre 1978 -Titoli di studio: Laurea in Lingue e Letterature Straniere

Dettagli

Pubblicazione a cura di Gabriella Gentile, Gianni Ietri e Cristina Menis Copertina realizzata dalla Direzione della comunicazione

Pubblicazione a cura di Gabriella Gentile, Gianni Ietri e Cristina Menis Copertina realizzata dalla Direzione della comunicazione Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale relazioni internazionali, comunitarie e autonomie locali Servizio affari istituzionali e sistema autonomie locali Direttore Gianfranco Spagnul

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Corazzari FONDO REGIONALE PER GIOVANI PROFESSIONISTI Presentato alla Presidenza del Consiglio

Dettagli

FINANZIAMENTI ORDINARI E STRAORDINARI DELLA REPUBBLICA ITALIANA

FINANZIAMENTI ORDINARI E STRAORDINARI DELLA REPUBBLICA ITALIANA FINANZIAMENTI ORDINARI E STRAORDINARI DELLA REPUBBLICA ITALIANA Stato (leggi finanziarie 1978 2015) I. FINANZIAMENTI ORDINARI ALLEGATI (omissis) TABELLA C STANZIAMENTI AUTORIZZATI IN RELAZIONE A DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Pontebba Udine

Comune di Pontebba Udine Comune di Pontebba Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ANNO 2015 N. 55 del Reg. Delibere OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE DEL FABBISOGNO DIPERSONALE PER IL TRIENNIO 2015-2017, AI SENSI

Dettagli

Scheda di presentazione dell'autorità di bacino dei fiumi Isonzo,Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione

Scheda di presentazione dell'autorità di bacino dei fiumi Isonzo,Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione Scheda di presentazione dell'autorità di bacino dei fiumi Isonzo,Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2003 DENOMINAZIONE E COSTITUZIONE Denominazione Autorità

Dettagli

COMUNITA MONTANA GEMONESE CANAL DEL FERRO E VAL CANALE PONTEBBA (UD)

COMUNITA MONTANA GEMONESE CANAL DEL FERRO E VAL CANALE PONTEBBA (UD) COMUNITA MONTANA GEMONESE CANAL DEL FERRO E VAL CANALE PONTEBBA (UD) BANDO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI AGLI INSEGNANTI CHE SCELGONO DI PRESTARE STABILMENTE IL PROPRIO SERVIZIO NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI

Dettagli

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti;

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti; REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 17-5463 Presa d'atto a ratifica del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'istruzione, Universita'

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 25 luglio 2012. Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. Tipo incarico : Effettivo, dal 01/09/2012 al 31/08/2015 L108: LAUREA IN FILOSOFIA

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. Tipo incarico : Effettivo, dal 01/09/2012 al 31/08/2015 L108: LAUREA IN FILOSOFIA CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale ROBERTO CURTOLO 30/12/1956 Dirigente Scolastico Ministero dell'istruzione, dell'università e della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014. PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

ANNO SCOLASTICO 2013/2014. PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO ISTITUTO PROFESSIONALE DEL SETTORE... INDIRIZZO... di... ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale ATTARDO PAOLO 16/12/1952 II Fascia MINISTERO

Dettagli

COMUNICO PER MOTIVARE

COMUNICO PER MOTIVARE COMUNICO PER MOTIVARE Motivare allo studio e promuovere l autoefficacia degli studenti attraverso una comunicazione efficace Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio di Psicologia

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A IL PERCORSO NORMATIVO IN MATERIA DI ADOZIONI A SCUOLA Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati MIUR 18 dicembre 2014 Due punti: Cosa ci dicono le Linee di indirizzo

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA Leonardo Speri - Lara Simeoni - Elizabeth Tamang Formatore Azienda

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE LINGUISTICA NELLA REPUBBLICA ITALIANA: ANALISI DEL CASO FRIULANO. William Cisilino *

L EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE LINGUISTICA NELLA REPUBBLICA ITALIANA: ANALISI DEL CASO FRIULANO. William Cisilino * L EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE LINGUISTICA NELLA REPUBBLICA ITALIANA: ANALISI DEL CASO FRIULANO William Cisilino * Responsabile Ufficio Lingua Friulana della Provincia di Udine The abstract can be found

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. -------------------------------------------------------------------------------- comunicato del 12 novembre 2010

PROVINCIA DI UDINE. -------------------------------------------------------------------------------- comunicato del 12 novembre 2010 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA -------------------------------------------------------------------------------- comunicato del 12 novembre 2010 WWW.MONTAGNA SENZA CONFINI.IT : NUOVO SPECCHIO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola. I temi. Alunni stranieri a scuola:

Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola. I temi. Alunni stranieri a scuola: Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola Treviso, 23 maggio2008 Elio Gilberto Bettinelli I temi L integrazione scolastica degli alunni stranieri: dati, tendenze

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. MIUR USR Sicilia. Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani

PROTOCOLLO D INTESA. tra. MIUR USR Sicilia. Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani PROTOCOLLO D INTESA tra MIUR USR Sicilia Ufficio XI Ambito Territoriale per la provincia di Trapani e Conservatorio di Musica di Stato di Trapani Antonio Scontrino PROTOCOLLO D INTESA tra MIUR USR Sicilia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COLLAVINI, CONTENTO, FONTANINI, FRANZ, NICCOLINI, RUFFINO, SCALTRITTI, SCARPA BONAZZA BUORA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COLLAVINI, CONTENTO, FONTANINI, FRANZ, NICCOLINI, RUFFINO, SCALTRITTI, SCARPA BONAZZA BUORA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6532 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COLLAVINI, CONTENTO, FONTANINI, FRANZ, NICCOLINI, RUFFINO, SCALTRITTI, SCARPA BONAZZA BUORA

Dettagli

(Riservato agli aspiranti che hanno conseguito l abilitazione dopo il 31/07/2014, secondo quanto disposto dal D.M. 03/06/2015 n.

(Riservato agli aspiranti che hanno conseguito l abilitazione dopo il 31/07/2014, secondo quanto disposto dal D.M. 03/06/2015 n. Modello B GRADUATORIE DI CIRCOLO E D'ISTITUTO DEL PERSONALE DOCENTE PER GLI ANNCOLASTICI 2014/2015, 2015/2016 e 2016/17 MODELLO DCELTA DELLE ISTITUZIONCOLASTICHE (Riservato agli aspiranti che hanno conseguito

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172 81,9(56,7 '(*/,678',',6,(1$ ',3$57,0(172',',5,772'(// (&2120,$ )$&2/7 ',(&2120,$³5,&+$5'0*22':,1 In convenzione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PUBBLICO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli