LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA"

Transcript

1 LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze Statistiche Bologna, 23 settembre 2002

2 REGOLAMENTO DI ESENZIONE Come dichiarato dalla Corte di Giustizia in merito al Regolamento CEE n. 123/85, le disposizioni contenute nel vigente regolamento di esenzione non sono vincolanti e non incidono direttamente sulla validità o sul contenuto di clausole contrattuali o obbligano le parti contraenti a conformarvi il contenuto dei loro contratti, ma si limitano ad offrire alle imprese interessate del settore alcune possibilità di sottrarre i loro accordi di distribuzione al divieto di cui all art. 81(1) del Trattato, benché tali accordi contengano taluni tipi di clausole di esclusiva e selettiva potenzialmente limitative della concorrenza. Il nuovo regolamento è sottoposto (con gli adattamenti conseguenti alle modifiche dei Regolamenti n.17/62 e n. 19/65) agli stessi principi sanciti dalla Corte di Giustizia, in forza dei quali le nuove disposizioni incidono solo sulla esentabilità dei contratti di concessione dalla applicazione dell art. 81(1), mentre i contratti stessi sono assoggettati (alle) e disciplinati dalle norme nazionali di diritto civile (cfr. sentenza 18 dicembre 1986, causa C-10/86, VAG France, Racc. pag. 4071, punti 12 e 16; sentenza 15 febbraio 1996, causa C-309/94, Nissan France SA, Racc. pag. 677, punti 12 e15).

3 CAMPO DI APPLICAZIONE Si applica agli accordi di distribuzione selettiva e esclusiva di autoveicoli nuovi, a tre o più ruote, destinati ad essere utilizzati sulla pubblica via, ai quali partecipano solo due imprese. Non si applica agli autoveicoli usati, ai veicoli agricoli (trattori), alla distribuzione e assistenza di motocicli e alla distribuzione separata di parti di ricambio. Si applica agli accordi verticali o pratiche concordate conclusi tra due o più imprese non concorrenti, tra talune imprese concorrenti o da talune associazioni di distributori o riparatori, in base ai quali le parti possono acquistare, vendere o rivendere autoveicoli nuovi a tre o più ruote per l utilizzazione sulla via pubblica, nonché alle relative parti di ricambio ed ai servizi di riparazione e manutenzione. Si applica inoltre agli accordi verticali conclusi, previo consenso del fornitore, fra un distributore o riparatore autorizzato ed un (sub) distributore o riparatore.

4 INAPPLICABILITA INDIVIDUALE IN RELAZIONE ALLA QUOTA DI MERCATO No Si, a norma dell art. 3.1 l esenzione si applica a condizione che la quota di mercato detenuta dal costruttore sul mercato rilevante in cui esso vende gli autoveicoli nuovi, i pezzi di ricambio o i servizi di riparazione e manutenzione non superi il 30%. Per gli accordi di distribuzione selettiva basata su criteri quantitativi per la vendita di autoveicoli nuovi la soglia di quota di mercato è del 40%. Nel caso di accordi che prevedano obblighi di fornitura esclusiva (art. 3.2), è la quota di mercato dell acquirente a determinare l applicabilità dell esenzione. Le predette soglie di quote di mercato non si applicano ai sistemi di distribuzione selettiva qualitativa pura.

5 CALCOLO DELLA QUOTA DI MERCATO No La quota di mercato si calcola: - per la distribuzione di autoveicoli sulla base del volume dei beni oggetto del contratto o di quelli corrispondenti - per la distribuzione delle parti di ricambio e per i servizi post-vendita sulla base del valore dei beni o dei servizi oggetto del contratto che siano considerati sul mercato geografico rilevante intercambiabili o sostituibili dall acquirente, in ragione delle caratteristiche dei prodotti o servizi, dei prezzi e dell uso al quale sono destinati. Qualora non siano disponibili dati relativi al volume o al valore o altre informazioni, possono essere utilizzate stime di mercato affidabili.

6 ACCORDI DI IMPORTANZA MINORE (de minimis) No La Commissione (con Comunicazione 2001/C 368/07 in GU del ) ha precisato che gli accordi tra imprese non concorrenti la cui quota di mercato aggregata detenuta da ciascuna parte non superi il 15%, o in caso di effetti cumulativi di preclusione prodotti da reti parallele di accordi aventi effetti simili sul mercato non superi il 5%, non restringono la concorrenza ai sensi dell art. 81.1, purché non contengano le restrizioni gravi previste dall art. 11 della predetta Comunicazione e dall art. 4 del nuovo regolamento. L applicazione in buona fede di tale Comunicazione, impedisce alla Commissione di infliggere ammende.

7 FORME DI DISTRIBUZIONE E consentita la combinazione di clausole riguardanti la distribuzione esclusiva e selettiva, in quanto considerate razionali ed indispensabili nel settore delle automobili, ed attraverso le quali, oltre all impegno della protezione territoriale, il costruttore può limitare la vendita dei suoi prodotti da parte dei concessionari esclusivamente agli utilizzatori finali ed agli altri concessionari che possiedono i necessari requisiti (qualitativi oggettivi e/o uniti ad obblighi supplementari, quantitativi) per far parte del sistema di distribuzione esclusiva e selettiva. La combinazione delle clausole relative alla distribuzione esclusiva e selettiva non è più consentita nelle modalità previste dal Regolamento CEE n. 1475/1995, atteso che non possono più godere del beneficio dell esenzione le restrizioni delle vendite di autoveicoli nuovi e parti di ricambio a distributori non facenti parte della rete di distribuzione. Nel caso in cui il costruttore utilizzi forme di distribuzione diverse nei vari mercati, non potranno godere del beneficio dell esenzione gli accordi di distribuzione selettiva nei quali vengono limitate le vendite passive a distributori non autorizzati situati nei mercati nei quali vengono attribuiti territori in esclusiva e gli accordi di esclusiva qualora siano limitate le vendite attive o passive ai medesimi soggetti situati in mercati in cui viene utilizzata la distribuzione selettiva. Sono ammesse anche la fornitura esclusiva e l attribuzione esclusiva di clienti.

8 REGOLA DELLA SEPARABILITA' Se le parti convengono di includere nell accordo di distribuzione una clausola non consentita (di cui alla lista nera prevista dall art. 6, paragrafo 1 del regolamento), l esenzione per categoria cessa di essere applicabile non solo alle clausole vietate, ma anche a tutte le altre disposizioni restrittive della concorrenza contenute nell accordo stesso. Di conseguenza le predette disposizioni restrittive (sia che vadano a vantaggio del costruttore che del distributore) non sono più esentate e sono quindi nulle e prive di efficacia dal momento della conclusione dell accordo. La Commissione può inoltre infliggere alle parti una ammenda a norma del Regolamento n. 17/62 del Consiglio. Il nuovo regolamento esenta gli accordi verticali a condizione che essi non contengano o configurino nessuna delle restrizioni fondamentali di cui all art. 4. In difetto, il beneficio di esenzione è inapplicabile all accordo nella sua interezza, non essendovi separabilità per dette restrizioni fondamentali. La regola della separabilità si applica invece alle condizioni specifiche di cui all art. 5, che pur non rientrando nel campo d applicazione del regolamento non implicano una presunzione di illiceità dell accordo, ma richiedono un esame individuale da parte della Commissione. Ove da tale esame emergano effetti anticoncorrenziali, il beneficio sarà negato solo in relazione alla parte dell accordo non conforme a tali condizioni.

9 CLAUSOLA DI LOCALIZZAZIONE A norma dell art. 3, paragrafo 8), lett. a) e c), il concessionario non può gestire succursali o depositi per la distribuzione di prodotti contrattuali e di prodotti corrispondenti ovvero affidare la distribuzione di detti prodotti ed il relativo servizio di assistenza al di fuori del territorio contrattuale. Nei sistemi di distribuzione selettiva, i costruttori non possono, oltre la data del 30 settembre 2005, imporre ai distributori di autovetture e veicoli commerciali leggeri (con una massa non eccedente 3,5 tonnellate) o ai riparatori autorizzati un obbligo diretto o indiretto che limiti loro la facoltà di realizzare punti vendita o consegna addizionali ovvero di stabilirsi in altri luoghi dell Unione ove sia applicata la distribuzione selettiva [art. 5.2 lett. b) e 5.3]. In questi casi, i costruttori potranno però richiedere che vengano rispettati i criteri qualitativi rilevanti per esercizi simili situati nella stessa area geografica. I costruttori di autoveicoli diversi dalle autovetture e dai veicoli commerciali leggeri possono invece utilizzare la clausola di localizzazione [art. 4.1 lett. e)].

10 DISTRIBUZIONE MULTIMARCA (non compete obligation ed exclusive purchasing) A norma dell art. 3 paragrafi 2 e 3 il costruttore può imporre al concessionario l obbligo di non produrre, acquistare, vendere o rivendere autoveicoli e parti di ricambio in concorrenza con i beni contrattuali. Al concessionario è peraltro riservata la libertà di vendere prodotti di altra marca, purché lo faccia attraverso impianti separati, gestione separata e entità legale separata, salvo che non dimostri l esistenza di validi motivi. A norma degli artt. 1 lett. b) e 5.1 lett. a) l obbligo, diretto o indiretto, di non produrre, acquistare, vendere o rivendere autoveicoli, parti di ricambio e servizi di assistenza in concorrenza con i beni contrattuali non può essere imposto al concessionario. L obbligo di acquisto esclusivo è ammesso nel limite del 30% degli acquisti annui effettuati sul mercato rilevante dal concessionario, e ciò al fine di incrementare la distribuzione multimarca. Imporre al concessionario di vendere gli autoveicoli concorrenti in aree di vendita separate del salone di esposizione, per evitare confusione tra marche, non costituisce obbligo di non concorrenza. Il costruttore che richiede personale di vendita specifico deve assumere tutti i relativi costi addizionali.

11 LEGAME TRA ATTIVITA DI VENDITA E DI SERVIZIO DI ASSISTENZA Si, la combinazione della vendita con il servizio di assistenza è considerata più economica della separazione di dette attività. Si, ma non vi è l obbligo giuridico del concessionario di offrire entrambe le attività, potendo subappaltare il servizio di assistenza ad uno o più riparatori autorizzati, che rispondano ai criteri qualitativi del costruttore, purché l utilizzatore finale sia informato, prima della conclusione del contratto di vendita, del luogo di stabilimento del riparatore o dei riparatori autorizzati e sulla distanza fra tali siti e il punto vendita del concessionario [art. 4.1 lett. g)].

12 OBIETTIVI DI VENDITA A norma dell art. 4, paragrafo 1.3, gli obiettivi di vendita devono essere stabiliti di comune accordo tra le parti, atteso che nessuna di esse ha il diritto di fissarli unilateralmente.tale norma deve essere interpretata nel senso che l esenzione accordata dal regolamento si applica ad una clausola contrattuale che impone al distributore un determinato obiettivo di vendita e prevede sanzioni che possono comportare anche la risoluzione del contratto nel caso in cui tale obiettivo non venga raggiunto, a condizione però che la fissazione dell obiettivo di vendita, stabilita di comune accordo tra le parti o, in caso di disaccordo, ad opera di un esperto estraneo alle due parti, sia l espressione di un mero obbligo di mezzi (cfr. Corte di Giustizia CE, 30 aprile 1998, n. 230). Un obbligo minimo di acquisto non è permesso (art. 6, paragrafo 1.3). A norma dell art. 3.6 lett. b), la fissazione o la realizzazione di obiettivi di vendita (la prima quale espressione di un mero obbligo di mezzi e la seconda quale espressione di un obbligo di risultato) possono costituire obblighi contrattuali, a condizione che entrambe le parti, in caso di controversie, abbiano il diritto di ricorrere ad un esperto o ad un arbitro indipendenti. Tale diritto non può comunque pregiudicare il diritto di ciascuna delle parti di ricorrere ad un tribunale nazionale. E comunque ammesso, a norma dell art. 1 lett. b), un obbligo di acquisto di beni (inclusi quelli corrispondenti) o servizi entro il limite del 30% degli acquisti annui complessivi effettuati sul mercato rilevante dal concessionario (riferiti al valore degli acquisti dell anno precedente).

13 TRASFERIMENTO DI DIRITTI E OBBLIGAZIONI No A norma dell art. 3.3, al fine di promuovere l integrazione del mercato e di consentire ai distributori ed ai riparatori autorizzati di sfruttare ulteriori possibilità commerciali (considerando 10), i contratti tra i costruttori ed i distributori devono prevedere il diritto di questi ultimi di trasferire tutti i diritti e le obbligazioni derivanti dai contratti di concessione ad un altro distributore o riparatore, di loro scelta, facente parte del sistema di distribuzione.

14 DURATA E FINE DI VALIDITA DEL CONTRATTO DI CONCESSIONE A norma dell art. 5, paragrafo 2, le parti possono concludere un contratto di concessione a tempo determinato (con una durata minima di 5 anni e, qualora una delle parti non intenda prorogare il contratto stesso, deve informarne l altra almeno 6 mesi prima della sua cessazione) oppure indeterminato (in questo caso si presume che il termine di preavviso per il recesso sia di 2 anni). Il costruttore può recedere con un preavviso di 1 anno se versa una indennità a titolo di risarcimento o nel caso della prima durata del contratto o in caso di necessità di riorganizzare l insieme o una parte sostanziale della rete. L art. 3.5 prevede quale condizione generale per l applicabilità dell esenzione termini di durata, cessazione e recesso identici a quelli previsti dall art. 5, paragrafo 2, Regolamento CEE n. 1475/95. Qualora il costruttore desideri recedere dal contratto, però, la notifica del recesso deve specificare in modo particolareggiato e per iscritto i motivi del recesso, che devono essere oggettivi e trasparenti, onde evitare che il costruttore receda a causa di pratiche che non possono costituire oggetto di restrizione (ad es. multimarca), conformemente all art. 4 (restrizioni fondamentali) o all art.5 (condizioni specifiche).

15 ARBITRATO A norma dell art. 4, paragrafo 1.5, il costruttore ed il concessionario devono accettare un sistema di rapida risoluzione delle controversie, come il ricorso ad un esperto estraneo alle due parti oppure ad un arbitro, nelle ipotesi di fissazione annuale degli obiettivi di vendita, delle scorte minime e dei veicoli di dimostrazione, ovvero nell ipotesi in cui il costruttore intenda avvalersi del diritto di recedere anticipatamente dal contratto. Tuttavia tale obbligo lascia impregiudicato il diritto delle parti di adire il giudice nazionale competente, ove ciò sia ammesso dal diritto nazionale applicabile. A norma dell art. 3.6 il contratto deve prevedere che le parti ricorrano ad un terzo esperto o ad un arbitro indipendenti in caso di controversie relative al rispetto degli obblighi contrattuali (ad es. nelle ipotesi di obblighi di fornitura, fissazione di obiettivi di vendita, adempimento degli obblighi di magazzino o di fornire o utilizzare veicoli di dimostrazione, condizioni per la vendita di marche diverse, divieto di operare a partire da un luogo di stabilimento non autorizzato o recesso dal contratto). Tale disposizione non pregiudica il diritto di ciascuna delle parti di ricorrere ad un tribunale nazionale, ove ciò sia ammesso dal diritto nazionale applicabile.

16 REVOCA DEL BENEFICIO DI APPLICAZIONE DELL ESENZIONE ESENZIONE DA PARTE DELLA COMMISSIONE E DELLE AUTORITA DEI SINGOLI STATI MEMBRI A norma dell art. 8 solo la Commissione ha facoltà di revocare il beneficio della esenzione per categoria o di limitarne la portata in un caso determinato nelle specifiche ipotesi (previste dal citato art. 8) di incompatibilità con l art. 81, paragrafo 3, del Trattato. Si, a norma dell art. 6 gli accordi verticali che producono effetti incompatibili con l art. 81, paragrafo 3, del Trattato nel territorio di uno Stato membro possono essere revocati su tale territorio dalla Commissione, in conformità all art. 7 del Regolamento n. 19/65/CEE. E previsto il potere concorrente delle autorità competenti degli Stati membri interessati nel decidere la revoca del beneficio.

17 DISAPPLICAZIONE DELL ESENZIONE ESENZIONE No Si, a norma dell art. 7 la Commissione può dichiarare che, nei casi in cui reti parallele di restrizioni verticali abbiano effetti simili (tali da ostacolare l accesso al mercato rilevante o da restringervi la concorrenza in misura significativa) e coprano più del 50% del mercato rilevante, l esenzione non si applica agli accordi verticali contenenti specifiche restrizioni in tale mercato. Il regolamento adottato in virtù di tale procedimento non entra in applicazione prima di un anno dalla data della sua adozione.

18 APPLICAZIONE DELL ART. 82 ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE Per il considerando 35 il regolamento non pregiudica l applicazione dell art. 82. Per il considerando 35 il regolamento fa salva l applicazione dell art. 82 del trattato sull abuso di posizione dominante da parte di un impresa.

19 ENTRATA IN VIGORE E SCADENZA PERIODO TRANSITORIO Il regolamento è entrato in vigore il 1 luglio 1995 e si applica sino al 30 settembre Il nuovo regolamento entrerà in vigore il 1 ottobre 2002 e scadrà il 31 maggio E previsto per gli accordi già in vigore al 30 settembre 2002, che soddisfano le condizioni del Regolamento CEE n. 1475/95, un periodo transitorio fino al 30 settembre 2003.

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 203/30 1.8.2002 REGOLAMENTO (CE) N. 1400/2002 DELLA COMMISSIONE del 31 luglio 2002 relativo all applicazione dell articolo 81, paragrafo 3, del trattato a categorie di accordi verticali e pratiche concordate

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

Client Alert. Perché il Regolamento è importante per il settore degli autoveicoli?

Client Alert. Perché il Regolamento è importante per il settore degli autoveicoli? Numero 1040 9 giugno 2010 Client Alert Latham & Watkins Antitrust & Competition Nuova regolamentazione antitrust per il settore automobilistico - Nuove sfide per i produttori di autoveicoli, i concessionari,

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE. collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE. collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Bruxelles, 22.07.2009 SEC(2009) 1053 DOCUMENTO DI LAVORO DELLA COMMISSIONE collegato alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro quadro normativo di concorrenza applicabile al settore automobilistico

Dettagli

Il contratto di distribuzione

Il contratto di distribuzione Fondazione per la Formazione Forense dell'ordine degli Avvocati di Firenze Il contratto di distribuzione Avv. Donato Nitti Firenze, 19 giugno 2012 Donato Nitti 2012 - www.nitti.it - www.ipinflorence.com

Dettagli

OPUSCOLO ESPLICATIVO

OPUSCOLO ESPLICATIVO DISTRIBUZIONE E SERVIZI DI ASSISTENZA DEGLI AUTOVEICOLI NELL UNIONE EUROPEA REGOLAMENTO (CE) n. 1400/2002 DELLA COMMISSIONE del 31 luglio 2002 1 RELATIVO ALL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 81, PARAGRAFO 3

Dettagli

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici,

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici, SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 14 giugno 2012 (*) «Concorrenza Articolo 101 TFUE Settore automobilistico Regolamento (CE) n. 1400/2002 Esenzione per categorie Sistema di distribuzione selettiva

Dettagli

La politica di concorrenza in Europa

La politica di concorrenza in Europa Commissione europea La politica di concorrenza in Europa Le norme comunitarie in materia di accordi di fornitura e di distribuzione La politica di concorrenza in Europa Le norme comunitarie in materia

Dettagli

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76 parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio distribuzione selettiva e negozi on-line Sarà capitato di sentire parlare di rivenditori selezionati, distributori esclusivi e dettaglianti ufficiali

Dettagli

Il nuovo regolamento di esenzione per categoria sugli autoveicoli. Le norme attualmente in vigore e le nuove norme

Il nuovo regolamento di esenzione per categoria sugli autoveicoli. Le norme attualmente in vigore e le nuove norme Il nuovo regolamento di esenzione per categoria sugli autoveicoli Le norme attualmente in vigore e le nuove norme 1 Perché é un nuovo regime specifico? Il regime attuale scade il 30.9.2002 Il regime attuale

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI (FAQ) SULL'APPLICAZIONE DELLE NORME ANTITRUST DELL'UE NEL SETTORE AUTOMOBILISTICO

DOMANDE FREQUENTI (FAQ) SULL'APPLICAZIONE DELLE NORME ANTITRUST DELL'UE NEL SETTORE AUTOMOBILISTICO COMMISSIONE EUROPEA DOMANDE FREQUENTI (FAQ) SULL'APPLICAZIONE DELLE NORME ANTITRUST DELL'UE NEL SETTORE AUTOMOBILISTICO 27 agosto 2012 Da quando sono stati adottati il nuovo regolamento di esenzione per

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1 Articolo 11, paragrafo 3, GU L 145 del 29.6.1995, pag. 25.

COMMISSIONE EUROPEA. 1 Articolo 11, paragrafo 3, GU L 145 del 29.6.1995, pag. 25. IT Relazione sulla valutazione1 del regolamento (CE) n. 1475/95 relativo all applicazione dell articolo 85, paragrafo 3 del trattato a categorie di accordi per la distribuzione di autoveicoli e il relativo

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

La Commissione adotta una riforma completa delle norme di concorrenza sulla vendita di autoveicoli e i servizi di assistenza

La Commissione adotta una riforma completa delle norme di concorrenza sulla vendita di autoveicoli e i servizi di assistenza La Commissione adotta una riforma completa delle norme di concorrenza sulla vendita di autoveicoli e i servizi di assistenza Il Commissario Monti, responsabile della concorrenza, ha dichiarato: "Le regole

Dettagli

C 138/16 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010

C 138/16 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 C 138/16 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 Comunicazione della Commissione Orientamenti aggiuntivi in materia di restrizioni verticali negli accordi per la vendita e la riparazione di autoveicoli

Dettagli

Cifra 5 litt. c: Garanzie, servizi d'assistenza gratuiti, revisioni di tutti gli autoveicoli

Cifra 5 litt. c: Garanzie, servizi d'assistenza gratuiti, revisioni di tutti gli autoveicoli Opuscolo esplicativo della Commissione della concorrenza relativo alla Comunicazione riguardante gli accordi verticali nel settore del commercio di autoveicoli La Commissione della concorrenza (in seguito:

Dettagli

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA Sommario: I. Diritto antitrust in generale - II. Intese (Kartelle) - 1. Intese vietate in Austria - 2. Alcune differenze con l Italia - 3. Alcune differenze

Dettagli

Questioni relative alla vendita di autoveicoli nuovi

Questioni relative alla vendita di autoveicoli nuovi Domande frequenti Durante il periodo di transizione 1 previsto all'articolo 10 del regolamento 1400/2002, la Commissione ha ricevuto una serie di domande relative all'applicazione di detto regolamento.

Dettagli

GUIDA SUI CONTRATTI DI DISTRIBUZIONE E FRANCHISING

GUIDA SUI CONTRATTI DI DISTRIBUZIONE E FRANCHISING Pagina 1 di 96 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 19/01/2003. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea

Dettagli

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi I. Disposizioni generali 1. Validità Le presenti condizioni generali disciplinano la conclusione, il testo e l esecuzione

Dettagli

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI 1. Origine della moderna figura dell agente nel quadro dei rapporti di distribuzione commerciale - Suo inserimento nel diritto positivo

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. Orientamenti sulle restrizioni verticali

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. Orientamenti sulle restrizioni verticali IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.5.2010 SEC(2010) 411 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti sulle restrizioni verticali IT IT COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti sulle

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO Articolo 1 - Titolarità e finalità del marchio 1. MADEINCOLOURS srl è titolare del marchio collettivo denominato madeincolours (il MARCHIO). 2. Mediante

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE

DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE DIRITTO COMMERCIALE INTERNAZIONALE PARTE GENERALE A/A 2014-2015 PROF. AVV. ROBERTO CECCON UNIVERSITÀ DI TRENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA 1 ES: AZIONE AVANTI IL GIUDICE STRANIERO Un produttore francese

Dettagli

Condizioni generali di vendita e fornitura

Condizioni generali di vendita e fornitura ALPLA ITALIA S.r.l. Unipersonale Società soggetta all attività di direzione e coordinamento della ALPLA WERKE LEHNER GmbH & Co KG Sede legale: S.S. per Alessandria, 8/b 15057 Tortona (AL) Codice Fiscale

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Direttive UE Direttiva Data Descrizione Direttiva 89/665/CEE

Direttive UE Direttiva Data Descrizione Direttiva 89/665/CEE L appalto pubblico 1. Contesto normativo Direttive UE Direttiva Data Descrizione Direttiva 89/665/CEE 21 dicembre 1989 Coordinamento delle leggi, normative e disposizioni amministrative relative all applicazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI 1. Origine della figura dell agente nel quadro dei rapporti di distribuzione commerciale e suo inserimento nel diritto positivo italiano....................

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE D.D. 96\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.D. 27\Segr D.G.\2014 del 12/11/2014, allegato al presente atto,

Dettagli

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate.

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate. LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, (2) Gli enti e le persone soggetti alla direttiva 2005/60/CE possono non riuscire a identificare un cliente quale appartenente a una delle categorie di persone politicamente

Dettagli

Come portare un attività su internet

Come portare un attività su internet Come portare un attività su internet Le regole base per l e-commerce ottobre 2014 1 Impresa e internet pubblicità promozione commercio ottobre 2014 2 pubblicità diretta aprendo un proprio sito web indiretta

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

Decreto legislativo recante riassetto delle disposizioni vigenti in materia di tutela dei consumatori - Codice del consumo.

Decreto legislativo recante riassetto delle disposizioni vigenti in materia di tutela dei consumatori - Codice del consumo. Decreto legislativo recante riassetto delle disposizioni vigenti in materia di tutela dei consumatori - Codice del consumo. Art. 1 (Finalità ed oggetto) Art. 2 (Diritti dei consumatori) Art. 3 (Definizioni)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 65/E. Roma, 16/07/2015

RISOLUZIONE N. 65/E. Roma, 16/07/2015 RISOLUZIONE N. 65/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16/07/2015 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Accordi di negoziazione assistita ex art. 6, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

CORSO INTEGRATIVO Parte 2 La concessione di vendita

CORSO INTEGRATIVO Parte 2 La concessione di vendita UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Diritto per il marketing anno accademico 2013/2014 primo semestre - seconda parte CORSO INTEGRATIVO Parte 2 La concessione di vendita SINONIMI:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

AUTOVETTURE E DI AUTOVEICOLI LEGGERI E DI AUTOVEICOLI LEGGERI (INCLUSE LE AGENZIE DI COMPRAVENDITA) ALTRI AUTOVEICOLI

AUTOVETTURE E DI AUTOVEICOLI LEGGERI E DI AUTOVEICOLI LEGGERI (INCLUSE LE AGENZIE DI COMPRAVENDITA) ALTRI AUTOVEICOLI STUDIO DI SETTORE VM09A ATTIVITÀ 45.11.01 COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO DI AUTOVETTURE E DI AUTOVEICOLI LEGGERI ATTIVITÀ 45.11.02 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI AUTOVETTURE E DI AUTOVEICOLI LEGGERI

Dettagli

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ).

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Circolare esplicativa Il Regolamento (UE) n. 1407/2013

Dettagli

INFORMAZIONI SUL VENDITORE

INFORMAZIONI SUL VENDITORE INFORMAZIONI SUL VENDITORE CETMA COMPOSITES srl C/O Cittadella della Ricerca S.S.7 Appia Km.706+030 72100 Brindisi P.IVA e C.F.: 02387860741 CETMA COMPOSITES srl gestisce un negozio online attraverso il

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo del Principato

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE E INSTALLAZIONE

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE E INSTALLAZIONE CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE E INSTALLAZIONE ART. 1 - ORDINI 1.1 Le presenti condizioni generali di vendita e installazione, disponibili sul sito www.landi.it sezione Fai il tuo preventivo (all

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . REPUBBLICA CECA TUTELA DEL CONSUMATORE IN REPUBBLICA CECA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa La Repubblica Ceca adotta ogni 5 anni una Consumer Policy (l ultima è quella decorrente

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

FIGIEFA. Il nuovo regolamento d esenzione per categoria del settore Automobilistico 1400/2002/EC

FIGIEFA. Il nuovo regolamento d esenzione per categoria del settore Automobilistico 1400/2002/EC FIGIEFA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI GROSSISTI, IMPORTATORI & ESPORTATORI DI FORNITURE PER AUTOVEICOLI FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI DISTRIBUTORI DELL AFTERMARKET AUTOMOBILISTICO Il nuovo regolamento

Dettagli

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 e il cliente che usufruisce del servizio e-commerce. Premesse

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV.

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. 00 FEBBRAIO 2010 Il presente documento è pubblicato sul sito: www.edison.it - Area Fornitori

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM

L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM Panel dell LUMSA, 23 giugno 2011 Gabriele Mazzantini ARGOMENTI TRATTATI Rapporto concorrenza / regolazione (cenni) Linee guida

Dettagli

LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA

LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA 1. Interpretazione 1.1 In queste condizioni: Acquirente indica la persona che accetta un preventivo dell Azienda per la vendita e/o installazione

Dettagli

Acquisizione degli impianti di illuminazione pubblica da operatori privati

Acquisizione degli impianti di illuminazione pubblica da operatori privati Comune di Fidenza Nuovi strumenti e opportunità di riqualificazione dell illuminazione pubblica tramite l efficienza energetica. Esempi virtuosi di buone pratiche Acquisizione degli impianti di illuminazione

Dettagli

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.345/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Trasferimento in Italia della sede legale

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA

CONTRATTO DI FORNITURA VIA DEL GAVARDELLO, 29 25018 MONTICHIARI (BS) TEL. 030 9962701 FAX. 030 9962564 info@furgokit.it www.furgokit.it CONTRATTO DI FORNITURA Tra la società Furgokit srl, con sede in Via del Gavardello n. 29,

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada. (rifusione)

che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada. (rifusione) REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 21 ottobre 2009, n. 1072/2009/CE (G.U.C.E. n. L 300 del 14.11.2009) che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci

Dettagli

14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD)

14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD) CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 7 dicembre 2001 (OR. fr) 14562/1/01 REV 1 Fascicolo interistituzionale 2001/0174 (COD) CONSOM 109 MI 189 EF 126 ECOFIN 360 CODEC 1262 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI

Dettagli

REGIO DECRETO LEGGE. R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n.

REGIO DECRETO LEGGE. R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n. REGIO DECRETO LEGGE R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n. 367 ) Disciplina dell importazione, della lavorazione, del deposito

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Protezione dello strato di ozono Sistema per lo scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra nell Unione europea

Dettagli

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita.

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita. 1 Disposizioni generali 1.1 Le presenti condizioni generali di contratto (di seguito, Condizioni Generali ) disciplinano i rapporti tra i clienti c.d. mailinglist (di seguito, Clienti Mailing List o, semplicemente,

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . OLANDA TUTELA DEL CONSUMATORE IN OLANDA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa La tutela del consumatore in Olanda da attuazione alle seguenti direttive, di contorno alla direttiva n.

Dettagli

Nuove norme in materia di accordi verticali

Nuove norme in materia di accordi verticali ANTITRUST Nuove norme in materia di accordi verticali Contenuti 1. Premessa 2. Cosa sono gli accordi verticali 3. Il precedente contesto normativo (Reg. 2790/99) 4. Focus della nuova normativa 5. Conclusioni

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Written by Marco DI MARCO Friday, 21 March 2008 12:02 - Last Updated Wednesday, 09 April 2008 14:45

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Written by Marco DI MARCO Friday, 21 March 2008 12:02 - Last Updated Wednesday, 09 April 2008 14:45 1. OGGETTO E PARTI DEL CONTRATTO ON LINE 2. PREZZI DI VENDITA E MODALITà DI PAGAMENTO 3. ESECUZIONE DELLE FORNITURA E TERMINI DI CONSEGNA 4. INFORMATIVA E DISPONIBILITà DEI PRODOTTI 5. RESPONSABILITA'

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti Condizioni Generali condizionano i contratti di vendita o di fornitura di prodotti del Venditore ( di seguito denominati Prodotti Contrattuali ). A tali contratti

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n N 64/2003 - Italia (Trento) Regime di aiuto a sostegno del trasporto combinato

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n N 64/2003 - Italia (Trento) Regime di aiuto a sostegno del trasporto combinato COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.10.2003 C(2003)3389fin Oggetto: Aiuto di Stato n N 64/2003 - Italia (Trento) Regime di aiuto a sostegno del trasporto combinato Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili!

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Argomentario per il mantenimento in vigore della «Comunicazione riguardante gli accordi verticali nel settore del commercio

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

rappresentante Sig. <...>, codice fiscale <...> in seguito denominata Fabbricante; PREMESSO

rappresentante Sig. <...>, codice fiscale <...> in seguito denominata Fabbricante; PREMESSO CONTRATTO DI DISTRIBUZIONE TRA - < >, con sede in < > alla via < > nella persona del proprio legale rappresentante Sig. , PI: in seguito denominata Distributore o Importatore; E - < > con sede

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza sulle macchine, OMacch) 819.14 del 2 aprile 2008 (Stato 1 luglio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 della legge federale

Dettagli

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate.

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate. Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007, con particolare riferimento alle previsioni

Dettagli

Condizioni generali di vendita di RONAL AG (CG)

Condizioni generali di vendita di RONAL AG (CG) Condizioni generali di vendita di RONAL AG (CG) 1. Campo d'applicazione Le presenti condizioni generali di vendita (CG) si applicano a tutti gli ordini per prodotti da parte di aziende con sede in Svizzera

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 LOTTO 1 CIG. 634030378C Responsabilità civile terzi Responsabilità civile verso prestatori d opera

Dettagli

0.975.262.7 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Panama concernente il promovimento e la protezione degli investimenti

0.975.262.7 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Panama concernente il promovimento e la protezione degli investimenti Traduzione 1 0.975.262.7 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Panama concernente il promovimento e la protezione degli investimenti Concluso il 19 ottobre 1983 Entrato in vigore con

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per l aftermarket automobilistico

Il nuovo quadro normativo per l aftermarket automobilistico Il nuovo quadro normativo per l aftermarket automobilistico Questo documento è una traduzione libera, non ufficiale della brochure editata da FIGIEFA per conto della Campagna R2RC. L originale in lingua

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E. Roma, 13 marzo 2008

RISOLUZIONE N. 94/E. Roma, 13 marzo 2008 RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 marzo 2008 OGGETTO Istanza di interpello Articolo 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212. Servizi relativi ad attività di scommesse resi

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli