Guida alle polizze per la non autosufficienza e LTC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alle polizze per la non autosufficienza e LTC"

Transcript

1 Guida alle polizze per la non autosufficienza e LTC

2

3 Sommario 1. UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria Introduzione Cosa si intende con assistenza socio-sanitaria Chi ha bisogno di prestazioni assistenziali Quanto costa l assistenza socio-sanitaria Chi paga le prestazioni Quali tipi di assicurazioni sono disponibili Quali sono le differenze fra polizze LTC a ripartizione e a capitalizzazione Quanto costano le polizze Cosa coprono le polizze LTC Cosa non è coperto Quali sono i vantaggi fiscali Cosa altro è necessario verificare prima dell acquisto Un consiglio finale

4 4

5 1. UniSalute, la prima compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria È proprio per rispondere al meglio all emergere dei nuovi bisogni che caratterizzano l attuale evoluzione dell assistenza sanitaria che è nata UniSalute. UniSalute è la prima Compagnia che si dedica esclusivamente alla salute, con una rete di strutture sanitarie convenzionate direttamente. Offre principalmente coperture assicurative nell ambito di programmi di employee benefit, rivolti ad aziende, istituzioni, enti pubblici, associazioni e Fondi sanitari integrativi di categoria. La rete di strutture sanitarie convenzionate, pubbliche e private (case di cura, poliambulatori specialistici, centri diagnostici), è caratterizzata da un elevata qualità delle prestazioni, qualità che viene costantemente monitorata da parte di una direzione sanitaria costituita da UniSalute e composta da medici appositamente reclutati. UniSalute intende integrare le prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale fornendo servizi di qualità e svolgendo un ruolo attivo nell assistere gli assicurati nel loro rapporto con le strutture sanitarie. UniSalute paga direttamente le prestazioni alla struttura sanitaria, senza alcun anticipo da parte del cliente, e offre ai propri assicurati l aiuto nell individuazione della miglior struttura per la risoluzione più tempestiva e idonea del proprio bisogno, la prenotazione diretta delle prestazioni e la risoluzione di problemi burocratici ed amministrativi. UniSalute dispone infatti di una propria Centrale Operativa telefonica ac-cessibile con numero verde in grado di offrire ai propri assicurati servizi di informazione, consulenza medica, prenotazioni e prestazioni di urgenza. Prodotti flessibili e modulari per la tutela degli assicurati con servizi integrati a 360, reti di fornitori convenzionati e controllo della qualità, sono le caratteristiche che rendono unica la nostra offerta e che ci differenziano dal mercato. UniSalute è presente anche in settori relativamente nuovi, come l assistenza ai non autosufficienti, con garanzie innovative che offrono non solo il rimborso per le spese di assistenza domiciliare o il pagamento delle spese presso le strutture sanitarie, ma anche assistenza medica e sostegno psicologico ai famigliari dell assistito, per una servizio globale e di qualità. 5

6 2. Introduzione Quasi tutti sanno che esistono polizze che pagano le spese mediche, ma l idea che esista una copertura che si impegni al pagamento delle spese domiciliari o al pagamento di una casa di riposo per persone non autosufficienti non è così familiare. Questa guida spiega cosa sono, e come funzionano, le assicurazioni per la non autosufficienza e Long Term Care (LTC), e come scegliere fra soluzioni diverse in maniera informata. 3. Cosa si intende con assistenza socio-sanitaria È un concetto che va oltre le cure mediche e le cure assistenziali per includere tutte le assistenze di cui il paziente può avere bisogno nel caso di una malattia cronica o di una situazione di non autosufficienza (impossibilità di prendersi cura autonomamente di se stessi) che duri per un certo periodo. Le prestazioni di assistenza possono essere erogate in una residenza socio assistenziale, in una casa protetta, in una struttura per malati cronici o anche a domicilio, in forma di aiuto nello svolgere operazioni quotidiane come il lavarsi e vestirsi. Questa assistenza può servire anche ad una persona giovane o di mezza età che ha avuto un infortunio molto grave o soffre di una malattia debilitante, ma, ovviamente, nella maggior parte dei casi è destinata a persone anziane. Per i casi nei quali non è necessario il ricovero in una RSA (residenza socio assistenziale), il problema fondamentale è quello dell integrazione delle prestazioni in relazione alla gravità dei casi: l assistenza fornita dai familiari può essere integrata da prestazioni infermieristiche, prestazioni mediche domiciliari, assistenza di ascolto, pasti a domicilio, assistenza in centri diurni che servono anche a dare un momento di respiro a chi è impegnato in un attività di assistenza faticosa. Questi servizi non sono disponibili dappertutto, anche se singole prestazioni possono essere facilmente reperite. Bisogna fare una valutazione delle soluzioni che esistono in ciascun territorio; inoltre, poiché la responsabilità del settore socio-assistenziale fa capo ai Comuni, è opportuno verificare il tipo di servizi che questi possono mettere a disposizione e a quali condizioni. 4. Chi ha bisogno di prestazioni assistenziali In base alle previsioni predisposte dall ISTAT sulla futura evoluzione della popolazione, la quota di coloro che superano i 65 anni di età passerà dal 20,1 % del 2008, al 31,3% nel In termini assoluti si passerà da 11,9 milioni di over 65 del 2008 a 18,5 milioni del

7 Volendo distinguere nell ambito degli anziani, coloro che hanno superato i 75 anni di età e che presentano caratteristiche, necessità e comportamenti nettamente distinti, passeranno, come quota della popolazione locale, dal 9,6% del 2008, al 16,6% nel 2040; in termini assoluti si passerà da 5,7 milioni di individui, a 9,8 milioni nel Tabella 1 1 Variazione stimata della popolazione anziana in percentuale sul totale della popolazione italiana anni Classi di età Over 65 20,1% 31,3% Over 75 9,6% 16,6% Over 85 2,4% 5,0% La grande maggioranza della popolazione anziana è rappresentata da donne, in virtù del fatto che la durata media della loro vita è superiore rispetto a quella degli uomini. Esse rappresenteranno nel 2040 il 55% degli ultrasessantacinquenni ed oltre il 65% degli ultraottantacinquenni. Grafico 2 Stima della percentuale di donne e uomini over 65 e over 85 nel 2040, in Italia 1 Fonte di tutti i grafici e tabelle: elaborazione Unisalute su ISTAT Previsioni della popolazione , ISTAT Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari anno 2005 e ISTAT Sistema di Informazione Statistica sulla Disabilità Studio sulla tematica della Non autosufficienza. 7

8 Per trarre delle previsioni circa il numero dei futuri anziani non autosufficienti si consideri, innanzitutto, come incide oggi la disabilità sulle diverse classi di età: in base a stime ISTAT, nel 2005 vi erano in Italia disabili, pari al 4,8% della popolazione italiana superiore ai 6 anni. Di questi, erano ultrasessantacinquenni, pari al 77,5% del totale disabili e al 18,8% della popolazione ultrasessantacinquenne, mentre erano ultrasettantacinquenni, pari quindi al 62,3% del totale disabili e al 15% della popolazione ultrasettantacinquenne. Se si ipotizza che la quota degli anziani non autosufficienti sul totale degli anziani resti sostanzialmente costante, assumendo le stime che prevedono tra il 2008 e il 2040 un aumento del numero degli ultrasessantacinquenni di 6,6 milioni di individui, e mantenendo costante il dato del 2005 relativo al tasso di disabilità del 19% degli over sessantacinque, si ottiene una stima dell aumento del numero degli anziani non autosufficienti pari a individui. Tabella 2 Anziani disabili sul totale dei disabili in Italia anno 2005 Disabilità anno 2005 Classi di età Numero disabili % sul totale disabili Disabili over ,5% Disabili over ,3% Disabili over ,5% Totale Disabili * * pari al 4,8% della popolazione italiana con più di 6 anni 5. Quanto costa l assistenza socio-sanitaria L assistenza può essere molto costosa. Per avere un idea dei costi dell assistenza ai non autosufficienti basti pensare che il costo medio mensile del ricovero in una nursing home (casa di cura) negli Stati Uniti è stato valutato in media a $, con punte fino a $ e in Germania pari a Euro. In Italia si può stimare che il costo mensile del ricovero in una casa di cura si aggiri analogamente sui Euro. Tale costo, nei casi più gravi che necessitano anche di assistenza di tipo infermieristico-specializzata, potrà arrivare ai Euro. 8

9 Quanto all assistenza domiciliare, in Italia non esistono stime precise dei costi, anche perché, essendo in gran parte affidata alla famiglia, si tratta di costi indiretti. Prendendo ad esempio, invece, gli Stati Uniti, dove esiste una situazione maggiormente istituzionale, avere un aiuto tre al giorno per lavare e vestire il malato, preparagli i pasti costa e dargli un assistenza sanitaria costa circa $ al mese. In Emilia-Romagna i costi vanno dai 18 Euro/ora per prestazioni di base ai 39 Euro/ ora per l assistenza fisioterapica. Nella Regione Trentino Alto Adige, che assiste oltre cittadini non autosufficienti, la Provincia di Bolzano fornisce un contributo, che non è sufficiente a pagare integralmente l assistenza domiciliare, da 500 a Euro al mese. 6. Chi paga le prestazioni La legge per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali sull assistenza è stata riformata nel 2000 (Legge n. 328/00) per portare maggiore coordinamento nel settore. Essa non regolamenta la sola assistenza agli anziani, ma tutte le forme di assistenza alla persona e alla famiglia attraverso il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali (FNPS) e prevede che i Comuni siano titolari delle funzioni gestionali ed amministrative degli interventi locali, nonché siano presenti nella programmazione regionale. Alle Regioni vengono demandati i compiti di coordinamento e programmazione degli interventi, mentre lo Stato determina i principi e gli obiettivi della politica sociale attraverso il Piano socio-sanitario. In realtà per il Fondo nazionale per la non autosufficienza sono stati stanziati soltanto 300 milioni di Euro per il 2008 e 400 milioni di Euro per il 2009 che si vanno ad aggiungere ai milioni di Euro spesi nel 2007 per le pensioni di invalidità (invalidità previdenziali e assistenziali), ai 930 milioni di Euro precedentemente stanziati per gli interventi a favore dei minori, dei disabili e delle famiglie, e a quelli delle IPAB (Istituzioni di pubblica assistenza e beneficienza), stimati in milioni di Euro. Alcune Regioni hanno definito Fondi Regionali specifici. Hanno diritto di usufruire delle prestazioni tutti i cittadini italiani, quelli degli Stati UE e gli extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno. Ovviamente viene fatta una graduatoria alla quale hanno accesso prioritario innanzitutto le persone in stato di povertà, quelle con limitato reddito, quelle inabili, fisicamente o psichicamente, e quelle con difficoltà di inserimento nella vita sociale ed attiva, e nel mercato del lavoro. Considerando che le risorse sono certamente insufficienti, sembra che la possibilità di accedere a forme di contribuzione pubbliche sia limitata alla parte più povera della 9

10 popolazione e che gli altri debbano provvedere in maniera autonoma: per arrivare a coprire l intera popolazione in stato di bisogno le risorse dovrebbero essere aumentate di almeno 15 miliardi di Euro entro il Quali tipi di assicurazione sono disponibili Se lo Stato non è in grado di offrire una copertura integrale per tutti, c è bisogno di un integrazione privata. In questo settore le soluzioni di pagamento diretto sono estremamente rischiose (abbiamo visto i costi cui si può essere esposti) e spesso neanche le Mutue offrono risposte, in quanto la copertura richiede elevate disponibilità finanziarie che esse generalmente non hanno. I migliori candidati sono quindi le Assicurazioni. Le coperture possono essere individuali o collettive: queste ultime sono costituite da polizze sottoscritte generalmente da Casse o Fondi sanitari in favore dei propri aderenti che possono essere i dipendenti di un azienda o di un intero comparto lavorativo (i dipendenti bancari ad esempio). Ovviamente le polizze collettive, consentendo una miglior ripartizione del rischio, sono più convenienti. L assicurazione LTC si basa sullo stesso principio delle altre polizze, di pagare un premio ridotto, e certo, a fronte del rischio, incerto, di dover affrontare una spesa molto maggiore. La polizza LTC è piuttosto nuova e solo poche Compagnie in Italia offrono questo tipo di prodotto, per cui per gli esempi che seguono ci rifaremo anche alle esperienze di altri Paesi. Fondamentalmente vi sono due tipi di copertura che si rifanno ad un modello ad accumulazione o a quello a ripartizione. Nel primo caso, le polizze, collegate al ramo vita, consentono di accumulare dei risparmi in un fondo speciale che, al verificarsi dell evento, pagherà un capitale una tantum, oppure una somma prefissata per tutto il periodo nel quale si verifica la condizione di non autosufficienza (anche tutta la vita). Naturalmente tale indennità non sarà necessariamente sufficiente per pagare integralmente le spese: la rendita sarà in funzione di quanto versato e per quanto tempo, anche se, in generale, si cerca di costruire un indennità fra i 500 e i Euro al mese che sono quasi sufficienti a pagare integralmente la retta in una RSA, o coprono le spese per un assistenza domiciliare di alcune ore al giorno. Nel secondo caso, modello a ripartizione, le polizze sono legate al ramo malattia. Non vi è nessuna accumulazione e il premio pagato quell anno serve a far fronte al rischio di quell anno. Nel caso si verifichi la condizione di non autosufficienza, la Com- 10

11 pagnia si impegna a pagare tutte le spese socio-assistenziali fino ad una cifra massima mensile, per tutto il periodo nel quale si verifica la condizione di non autosufficienza. Queste polizze trasformano l indennità in servizi: sarà la Compagnia a contattare dei fornitori di prestazioni domiciliari e, d accordo con il medico del paziente, definire le prestazioni di cui questi ha bisogno e a pagarle direttamente. Il vantaggio è quello di poter usufruire di tariffe scontate da parte dei fornitori e quindi di avere a disposizione una quantità di servizi maggiore. Come detto, l indennità/massimale potrebbe non essere adeguato a coprire tutte le spese, a maggior ragione dopo un certo numero di anni, a causa dell erosione dell inflazione. Alcune polizze prevedono pertanto un aggiornamento del premio per l inflazione, per cui l indennità/massimale iniziale viene incrementato automaticamente di un certo importo ogni anno. Talvolta la polizza LTC è offerta come integrazione ad una polizza vita: in questo caso una parte del capitale della polizza viene pagato al beneficiario all atto della perdita di autosufficienza, anziché al momento della morte. 8. Quali sono le differenza fra polizze LTC a ripartizione e a capitalizzazione I due tipi di copertura sono entrambi validi, ma, presentando caratteristiche molto diverse, si rivolgono a due distinte tipologie di clienti. La tipologia a capitalizzazione, infatti, richiede che il cliente abbia il tempo di costituirsi un proprio capitale e quindi, se non vuole pagare un premio estremamente elevato, deve cominciare a risparmiare in età non avanzata (entro i 45 anni, secondo le simulazioni dell ISVAP). I principali vantaggi di questa soluzione sono che, in genere, anche se non diverrà non autosufficiente, il cliente avrà la possibilità di rientrare in possesso almeno di una parte del capitale maturato e che, optando per il capitale a scadenza, avrà maggiore autonomia su come gestirsi la propria non autosufficienza. Gli svantaggi sono legati al fatto che solitamente non sono coperte le situazioni di non autosufficienza che potrebbero presentarsi prima dei 65 anni, ad esempio a seguito di un incidente stradale catastrofico, e che il tasso di adeguamento del capitale all inflazione può non tenere conto di situazioni particolari che si verificassero in un orizzonte temporale molto distante. In sintesi è adatto a persone giovani, estremamente consapevoli dei rischi che corrono e con una capacità di gestire il proprio danaro. 11

12 Esiste anche la possibilità di sottoscrivere una polizza in Point of need, quando cioè si sia già verificata la non autosufficienza. In questo caso il premio sarà ovviamente elevatissimo e pari alla rendita per la durata della vita residua stimata dell assicurato: la convenienza a stipulare questo tipo di polizza sta nella speranza che la vita effettiva residua sia superiore a quella attesa. Le polizze che operano nell ambito della ripartizione operano in base al concetto di mutualità fra i vari assicurati, prescindendo dall accumulo nel tempo. Questo fa si che siano molto più economiche in confronto alle precedenti, se sottoscritte da persone anziane. Inoltre consentono di coprire, con costi estremamente ridotti, anche i casi di non autosufficienza giovanili. Poiché fra il periodo di sottoscrizione e quello di utilizzo corre un numero di anni minori, anche i problemi di inflazione e di potere d acquisto della cifra messa a disposizione sono meno importanti. In conclusione è un prodotto adatto ad un pubblico di età medio-elevata, con una maggiore esigenza di essere affiancato nella scelta delle soluzioni più vantaggiose in caso di non autosufficienza. 9. Quanto costano le polizze In generale i premi sono in funzione dell età di sottoscrizione, dell indennità mensile definita al momento della sottoscrizione del contratto, di eventuali limitazioni nella durata del beneficio fornito e di periodi di carenza. Poiché il rischio aumenta con l età, i premi saranno tanto più elevati quanto maggiore è l età di ingresso in polizza. Tuttavia, definita l età di ingresso, generalmente il premio rimane costante per tutta la vita, in quanto si tiene già conto dei rischi legati all invecchiamento delle persone. Quindi quanto prima si sottoscrive, tanto meno si paga. Esistono anche delle formule a premio unico con le quali si versa un premio una tantum e si è coperti per tutta la vita. Naturalmente il premio dipende anche dall ammontare dell indennità/massimale e dalla durata della prestazione: normalmente quest ultima è prevista per tutta la vita, ma esistono anche prodotti che considerano un periodo di tempo limitato (3-5 anni) nel quale viene erogata la rendita. Quest ultima può essere giustificata dalla considerazione che la durata della vita in condizioni di non autosufficienza è comunque limitata. 12

13 In alcuni casi, poi, sono previsti dei periodi di carenza, cioè si considerano un certo numero di giorni di inabilità prima che si abbia diritto a percepire l indennità. Tale periodo varia fra 0 e 100 giorni. Una carenza di 20 giorni, ad esempio, significa che il calcolo dell indennità decorre dal ventunesimo giorno. Evidentemente periodi di carenza più lunghi riducono il costo della copertura, per cui i due metodi per ridurne il costo sono iniziare i pagamenti da giovane ed accettare una carenza elevata. Nella scelta si tenga conto che in media la durata di una situazione di non autosufficienza dovuta a tumori è di 1,8-2 anni. Diverso è il caso della non autosufficienza dovuta a cause psichiche (Alzheimer) o a esiti di incidenti, per i quali la durata della vita residua può superare i anni. La polizza deve quindi offrire un supporto concreto per sostenere il lungo periodo di degenza dell individuo. 10. Cosa coprono le polizze LTC Bisogna sottolineare che le polizze LTC hanno una logica diversa dalla Pensione di inabilità dell Inps: quest ultima certifica l impossibilità da parte del cittadino a svolgere qualsiasi lavoro, mentre le polizze intervengono quando la persona è nell impossibilità di compiere alcune funzioni fondamentali della vita quotidiana. La maggior parte delle polizze LTC, infatti, paga l indennità alla perdita di un certo numero di ADL (activities of daily living, capacità di compiere gli atti elementari della vita: lavarsi, vestirsi, mangiare, muoversi), solitamente 3 su 4, oppure in caso di malattia mentale invalidante quale l Alzheimer. Le definizioni dettagliate degli ADL sono le seguenti: nutrirsi: capacità di portarsi il cibo, preparato da una terza persona, alla bocca da un piatto o scodella; vestirsi: capacità di indossare tutti i tipi di vestiario e di protesi eventualmente necessarie, inclusa la capacità di prenderle dal luogo dove sono normalmente custodite; lavarsi: capacità di entrare ed uscire dal bagno, compiere in autonomia le funzioni igieniche; entrare ed uscire dalla vasca o dalla doccia od utilizzare una spugna per lavarsi senza l aiuto di altre persone; muoversi: capacità di cambiare posizione, come alzarsi dal letto, trasferirsi su una poltrona o su una sedia a rotelle e viceversa. 13

14 In mercati più avanzati (Francia) le polizze hanno due livelli di copertura: per la perdita di 2 ADL (o comunque per situazioni di non autosufficienza parziale) pagano un indennità/massimale ridotto, mentre per situazioni più gravi viene previsto il rimborso o il pagamento integrale. Negli Usa vi sono modelli più sofisticati che considerano non semplicemente la presenza o la mancanza di una capacità a compiere determinati atti, ma, con un sistema a punteggio, cercano di tener conto anche di situazioni intermedie. In alcuni casi, per cercare di superare la difficoltà psicologica legata alla sottoscrizione di un contratto che si attiva solo in condizioni molto gravi, alcune Compagnie, nell ambito delle polizze a capitalizzazione, prevedono che esse garantiscano comunque, al compimento del 75 anno, la messa a disposizione del capitale maturato anche se, a quel momento, non si è verificato il caso di perdita di autosufficienza. 11. Cosa non è coperto Tutte le polizze contengono delle limitazioni ed esclusioni, altrimenti il prezzo sarebbe troppo alto. In generale si parla di: Periodo di carenza Spesso le garanzie di polizza non decorrono subito, ma l assicuratore chiede un periodo di osservazione dello stato di salute dell assicurato per evitare situazioni in cui qualcuno fosse già malato al momento della sottoscrizione del contratto. In generale non vi è nessun ritardo dell effetto se la non autosufficienza deriva da infortunio. Il periodo di osservazione dura un anno se la non autosufficienza deriva da malattia, tre anni se deriva da malattia mentale. Se la situazione di non autosufficienza si verificasse in questo periodo la Compagnia non è tenuta a pagare le prestazioni, ma rimborserà solo il premio versato. Condizioni preesistenti La Compagnia potrebbe richiedere che passi un certo periodo di tempo prima che la polizza paghi uno stato di non autosufficienza dovuto ad una malattia evidenziatasi prima della stipula della polizza. Questa esclusione viene chiamata Condizione preesistente. Alcune Compagnie escludono per sei mesi le conseguenze di condizioni preesistenti. Se la condizione di non autosufficienza si presentasse in questo periodo di sei mesi la Compagnia avrebbe diritto a negare permanentemente il pagamento dell indennità. 14

15 Esclusioni specifiche È importante, prima dell acquisto, capire cosa è coperto e cosa non lo è. Ad esempio, spesso vengono escluse le conseguenze di alcune (o tutte) le malattie mentali. Certamente sono escluse le conseguenze di alcoolismo e di abuso di droghe che portassero a stati di non autosufficienza e così pure le cure necessitate da situazioni di guerra o di automutilazione. Graduazione delle cure La maggior parte delle polizze opera qualunque sia il tipo di prestazione richiesta. All estero è possibile trovare qualche Compagnia che richiede un periodo di assistenza domiciliare prima di passare alla fase dell assistenza residenziale, o chi differenzia l indennità in funzione del tipo di cure di cui si ha bisogno. In alcuni casi potrebbe essere prevista anche una graduazione dell indennità in funzione del numero di ADL perse. Ovviamente, minori sono le restrizioni, migliore è la copertura. 12. Quali sono i vantaggi fiscali Per le polizze LTC individuali e collettive non veicolate attraverso Casse e Fondi il Decreto del Ministero delle Finanze del 22 Dicembre 2000 ha esteso anche a questo tipo di assicurazione i benefici fiscali in vigore per le polizze vita che consistono nella detrazione d imposta del 19% sui premi versati con il massimo di Euro/anno. Tale somma fa cumulo con quella delle altre assicurazioni detraibili (vita e infortuni) per cui chi avesse già detratto 500 Euro come premio per una polizza vita potrà portare in detrazione solo il 19% di un premio massimo di 791 Euro. Tali vantaggi fiscali si applicano purché i contratti siano di lunga durata (per tutta la vita o pari alla durata della durata del rapporto di lavoro per le polizze collettive o almeno 10 anni con obbligo di rinnovo da parte della Compagnia) e non esista diritto di interrompere il contratto da parte della Compagnia (diritto che, invece, viene riconosciuto all Assicurato). A partire dal 2010, per le polizze collettive veicolate attraverso Casse e Fondi, il Decreto Turco del 31 Marzo 2008 riconosce, a tutti i soggetti che eroghino almeno il 20% delle proprie prestazioni nei settori dell assistenza odontoiatrica e/o assistenza agli anziani, la deducibilità fino a 3.615,20 Euro del contributo versato. Se tale contributo è versato in tutto o in parte dalle aziende a seguito di contratto di lavoro o di regolamento aziendale, viene riconosciuta inoltre la deducibilità dei contributi dal reddito d impresa, previo assoggettamento di un contributo di solidarietà del 10% al posto della piena contribuzione. 15

16 13. Cosa altro è necessario verificare prima dell acquisto Pur essendo le condizioni contrattuali delle varie Compagnie generalmente molto simili, vi sono, tuttavia, alcune opzioni da considerare nell acquisto delle polizze LTC. Età massima di ingresso L età massima di ingresso in copertura varia a seconda delle polizze: evidentemente questo è un fattore di cui tenere conto se si ha già una certa età. Alcune polizze non prevedono l assicurabilità di persone al di sotto di una certa età in quanto il rischio è molto limitato. In questo modo, però, si perde l opportunità di pagare per tutta la vita un premio modesto che, ricordiamolo, è legato all età di ingresso in polizza. Queste limitazioni si riferiscono solo all età di ingresso, in quanto, una volta entrati in garanzia, la polizza dura tutta la vita. Durata del pagamento dell indennità Sebbene nella maggior parte dei casi la perdita di autosufficienza sia definitiva, potrebbe anche verificarsi che l assicurato riprenda le proprie capacità (ad esempio dopo le conseguenze di un grave incidente stradale). Normalmente il pagamento dell indennità viene sospeso alla perdita delle condizioni che lo determinavano. Alcune polizze, in altri Paesi, prevedono formule più complicate quali il passaggio di un certo periodo di tempo fra due situazioni di non autosufficienza, o il pagamento dell indennità solo per un episodio nella vita, oppure ancora solo per un periodo limitato di tempo (3-5 anni). Rinnovabilità Tutte le polizze LTC sono automaticamente rinnovabili: la Compagnia non ha mai il diritto di recedere dal contratto, tranne il caso in cui l assicurato non abbia pagato il premio o abbia riportato dichiarazioni inesatte nel questionario anamnestico. Il premio della polizza non può essere aumentato al singolo assicurato per un aggravamento del rischio; è consentito, invece, un aumento per tutti gli assicurati, se le condizioni attuariali dovessero cambiare (tassi di morbilità o di senescenza molto diversi da quelli ipotizzati in polizza). La durata della copertura e le condizioni di rinnovo devono essere riportate nel frontespizio della polizza. 16

17 Clausola di restituzione Con questa clausola la Compagnia si impegna a restituire il capitale maturato, calcolato secondo le regole espresse nella polizza stipulata se, al raggiungimento di una certa età, non si è verificata la condizione di non autosufficienza. Tale clausola aumenta generalmente il prezzo della polizza. Sospensione dei pagamenti Questa clausola consente al beneficiario di sospendere il pagamento dei premi durante il periodo in cui riscuote l indennità. Va verificata l esistenza di limitazioni a questo diritto che è solitamente offerto in tutti i contratti. Informazioni sanitarie Il questionario sanitario è molto importante perché è sulla base di quello che la Compagnia decide l assicurabilità della persona. Di conseguenza, la compilazione del questionario deve essere accurata, completa e veritiera. In caso contrario, la Compagnia potrebbe avanzare legittimamente riserve sul pagamento dell indennità. Cambio di assicuratore Se si cambia assicuratore c è il rischio che la nuova polizza richieda un nuovo periodo di carenza o una nuova valutazione delle condizione preesistenti. Va verificato che la nuova copertura venga emessa in condizioni di continuità assicurativa con la polizza precedente, come se l assicuratore non fosse cambiato. Generalmente questa condizione viene praticata sulle coperture collettive, mentre è più rara su quelle individuali. 14. Un consiglio finale Le polizze sono contratti legali. Prima di acquistare una polizza è importante leggere e capire completamente tutte la clausole. È importante, anche se difficile, leggere la polizza qualora guide o materiali di vendita, che non hanno alcun valore legale, non fossero adeguatamente esaustive. Non si abbia timore di chiedere consulenza, ad esempio al proprio Agente di Assicurazione, o di cercare informazioni su internet per la spiegazione di clausole poco chiare. Eventualmente ci si può far affiancare in questa operazione da una persona di fiducia, senza farsi prendere dalla fretta o dalla pressione commerciale del venditore. È opportuno ricordare che, dalla data di firma del contratto, si hanno a disposizione 10 giorni lavorativi per recedere dall accordo senza incorrere in alcuna penalità. 17

18

19 Service Group Il frutto del mio benessere, un assicurazione UniSalute Quando si parla di salute è meglio essere chiari. Con i Piani Sanitari UniSalute hai maggiore comfort in caso di ricovero, visite tempestive e più opportunità nella scelta del medico o del dentista. Inoltre hai a disposizione una linea telefonica aperta 24 ore su 24 con un team di medici e psicologi. Affidati ad UniSalute, l assicurazione che pensa a farti stare bene, sempre. UniSalute, un nuovo modo di guardare all assicurazione numero verde

20 numero gratuito Cod Ed. 11/ Service Gropu

UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria

UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria E' proprio per rispondere al meglio all'emergere dei nuovi bisogni che caratterizzano l'attuale evoluzione dell'assistenza

Dettagli

*XLGD DOOH SROL]]H /RQJ 7HUP &DUH

*XLGD DOOH SROL]]H /RQJ 7HUP &DUH *XLGD DOOH SROL]]H /RQJ 7HUP &DUH a cura di 0DWHULDOHDGLVSRVL]LRQHVXwww.unisalute.it 1RYHPEUH 2 6RPPDULR 8QL6DOXWHODSULPD&RPSDJQLDLWDOLDQDVSHFLDOL]]DWDQHOO DVVLVWHQ]DVDQLWDULD,QWURGX]LRQH &RVDVLLQWHQGHFRQ$VVLVWHQ]DVRFLRVDQLWDULD"

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Dott. Andrea Pezzi Direttore Generale Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Integrativa: Quali prospettive?

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010 Comitato scientifico Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza Roma 6 Dicembre 2010 1 I problemi della sanità pubblica Pur senza entrare nei dettagli delle stime di crescita della spesa

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014 REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI 2 Dove cercare 3 4 5 Benefici assistenziali Parte I - Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari. Parte II - Erogazione

Dettagli

Assidai I nuovi piani sanitari 2011. Marco Rossetti Roma, 18 novembre 2010

Assidai I nuovi piani sanitari 2011. Marco Rossetti Roma, 18 novembre 2010 Assidai I nuovi piani sanitari 2011 Marco Rossetti Roma, 18 novembre 2010 Premessa Assidai I nuovi Piani Sanitari 2011 Premessa Per l anno 2011 Assidai ha introdotto significative innovazioni e miglioramenti

Dettagli

Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Cosa si intende per perdita di autosufficienza RSA e fondi sanità integrativa: prospettive di sviluppo per la long term care 5 Convegno Annuale dell Osservatorio Settoriale sulle RSA Università Carlo Cattaneo LIUC Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Chi è Assidai Assidai è un fondo no-profit che fornisce servizi sanitari integrativi, dal carattere innovativo,

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N. 6 Quando c è la salute, c è tutto LA SALUTE, IL BENE PIÙ PREZIOSO Da quando nasciamo, e per tutta la vita, la salute è il bene più prezioso che abbiamo. Spesso però non

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Pramerica Life S.p.A.

Pramerica Life S.p.A. Pramerica Life S.p.A. A Business of Prudential Financial, Inc (USA) Presentazione per SDNAME 26 giugno 2013 09 Settembre 2010-1 - Pramerica Life S.p.A. Il Gruppo PFI (1/2) PFI (*) PFI (*), fondata nel

Dettagli

Fondo Pensione Complementare Nazionale

Fondo Pensione Complementare Nazionale FONDO PENSIONE CONCRETO - Piazza G.Marconi, 25-00148 Roma - Tel. 06/5911727 - e.mail : info@fondoconcreto.it Indice Premessa Pag. 3 Cosa succede quando il lavoratore iscritto a CONCRETO va in pensione

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013 1 Assicurazioni Generali S.p.A. Area Vita ed Employee Benefits Collettive Infortuni, Malattie e Fondi Sanitari Forme di assistenza a tutela dell attività professionale Milano, 17 maggio 2013 Agenda 2 Forma

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile BUONO SOCIALE A SOSTEGNO DI FAMIGLIE/RETI DI SOLIDARIETA CHE SI PRENDONO CURA, NEL CONTESTO DOMICILIARE,

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE ECONOMICA DEI COMUNI DELL AMBITO ALLE SPESE

Dettagli

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Generalità assistenza sanitaria integrativa Slide 3-4 Fondi sanitari: generalità Slide 5-7 Normativa Assistenza sanitaria integrativa Fondi sanitari Slide 8-12

Dettagli

LA SCADENZA ANNUALE per la presentazione della

LA SCADENZA ANNUALE per la presentazione della Fisco POLIZZE ASSICURATIVE COSA SI PUÒ DETRARRE Un utile guida per compilare correttamente la dichiarazione dei redditi con un occhio di riguardo alle coperture assicurative previste per gli associati

Dettagli

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA La salute dell impresa è legata indissolubilmente con quella di chi ne fa parte. La coscienza di questo legame porta alla coesione, alla condivisione di valori comuni:

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

ENPAM - Nuova Polizza Sanitaria 2015 - UniSalute

ENPAM - Nuova Polizza Sanitaria 2015 - UniSalute ENPAM - Nuova Polizza Sanitaria 2015 - UniSalute Piani sanitari per gli Associati dell Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Medici e loro familiari. Con il 2015 parte la Nuova Polizza Sanitaria.

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

NORMATIVO. delle coperture LONG TERM CARE per collettività. dei Soci Aggregati al. Fondo V.I.S. Vita In Salute COPERTURA 2013

NORMATIVO. delle coperture LONG TERM CARE per collettività. dei Soci Aggregati al. Fondo V.I.S. Vita In Salute COPERTURA 2013 NORMATIVO delle coperture LONG TERM CARE per collettività dei Soci Aggregati al Fondo V.I.S. Vita In Salute COPERTURA 2013 Associazione V.I.S. VITA IN SALUTE Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Sede

Dettagli

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO L indennità di accompagnamento è stata istituita con la l.18/1980 e modificata, per un esigenza di chiarimento largamente diffusa, dall art. 1 della l. 508/1988.Infatti, la

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

REFERENDUM PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA LONG TERM CARE PER I SOCI DELLA CASSA MUTUA

REFERENDUM PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA LONG TERM CARE PER I SOCI DELLA CASSA MUTUA REFERENDUM PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA LONG TERM CARE PER I SOCI DELLA CASSA MUTUA Premessa Scopo dell Associazione di Cassa Mutua è quello di prestare assistenza morale e materiale ai propri Associati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile BUONO SOCIALE A SOSTEGNO DEI MINORI E DELLE LORO FAMIGLIE ANNO 2009 I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

UniSalute per l Azienda

UniSalute per l Azienda UniSalute per l Azienda Tanti vantaggi per tutti i soggetti attivi nel mondo del lavoro ESTRATTO DELLA NORMATIVA FISCALE PIANO SANITARIO STIPULATO CON ADESIONE AD UNA CASSA SANITARIA Lo strumento della

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 19.07.2010) (in vigore dal 07.08.2010) ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Approvato dal Comitato di Distretto nella seduta del 28.01.2011 Modificato dal

Dettagli

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014

PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil. Torino, 8 luglio 2014 PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Torino, 8 luglio 2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. I numeri della previdenza complementare; la pensione pubblica INPS 2. Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

Ecco i benefici a seconda della percentuale di invalidità: Meno di 33%: NON INVALIDO

Ecco i benefici a seconda della percentuale di invalidità: Meno di 33%: NON INVALIDO Invalidità civile le percentuali di invalidità Il requisito minimo è essere affetti da malattie e menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica ed intellettiva che riducono la capacità

Dettagli

ALLEGATO A DIRETTIVE ALLE ASL PUGLIESI PER L ISTTIUZIONE DEL FONDO NON AUTOSUFFICIENZE PER MALATI DI SLA

ALLEGATO A DIRETTIVE ALLE ASL PUGLIESI PER L ISTTIUZIONE DEL FONDO NON AUTOSUFFICIENZE PER MALATI DI SLA 3798 R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLA SOLIDARIETA Politiche sociali, Flussi migratori SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E INTEGRAZIONE FONDO NON AUTOSUFFICIENZE PER MALATI DI SLA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE. MUTUA LIGURE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Via Brigata Liguria n. 105r - 16121 Genova

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE. MUTUA LIGURE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Via Brigata Liguria n. 105r - 16121 Genova REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE di cui dell art. 51 comma 2 lett a) del TUIR DPR 917/1986 istituito da MUTUA LIGURE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Via Brigata Liguria n. 105r - 16121 Genova AVENTE

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI IL WELFARE INTEGRATO: FONDO FUTURA, ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA E LONG TERM CARE Dott.ssa Gera Valenti ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 WELFARE INTEGRATO PERCHE RISCHI DI UNA VITA LUNGA

Dettagli

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI MUTUALITA E SOCIETA Inclusione sociale Condizione che consente a tutti i cittadini di accedere ai percorsi di assistenza più efficaci ed appropriati in relazione ai propri

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL

IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL Specialisti nel Welfare Aziendale I NOSTRI PRINCIPALI CLIENTI: CASSA DI ASSISTENZA PREVITALIA - FONDO

Dettagli

Traguardi Unici A.T.

Traguardi Unici A.T. Traguardi Unici A.T. Aprile 2009 Il prodotto 2 Il prodotto Piano Risparmio Altre garanzie Esonero Pagamento Premi Temporanea Caso Morte Long Term Care (LTC) 3 Caratteristiche tecniche Tariffa Capitale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Nuovo welfare e sviluppo dell assistenza sanitaria integrativa Il crescente invecchiamento

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA Guida alla scelta della migliore opzione per il socio iscritto che ha maturato i requisiti per la pensione complementare La Pensione Complementare

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

Il Welfare Sanitario per Titolari ed Amministratori di Impresa. Cenni sull'utilizzo delle casse di assistenza e sui vantaggi fiscali-contributivi

Il Welfare Sanitario per Titolari ed Amministratori di Impresa. Cenni sull'utilizzo delle casse di assistenza e sui vantaggi fiscali-contributivi Il Welfare Sanitario per Titolari ed Amministratori di Impresa. Cenni sull'utilizzo delle casse di assistenza e sui vantaggi fiscali-contributivi in collaborazione con: UNINDUSTRIA REGGIO EMILIA Reggio

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P.

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P. REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P. di cui all art. 51 comma 2 lett. a) del TUIR DPR 917/1986 istituito dalla Società di Mutuo Soccorso SOCIETÀ MUTUA PINEROLESE 10064 PINEROLO (TO)

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016

COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016 COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016 Ai sensi della deliberazione della Giunta Regionale n. 328 del 20.04.2015 sono destinatari dell

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti. La vostra salute, la nostra specialità

UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti. La vostra salute, la nostra specialità UniSalute: la 1 assicurazione sanitaria per clienti gestiti La vostra salute, la nostra specialità Edizione aprile 2014 CHI SIAMO UniSalute specialisti nell assicurazione salute Prima Compagnia in Italia

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

COME OGNI ANNO, nel mese di marzo si inizia a

COME OGNI ANNO, nel mese di marzo si inizia a POLIZZE ASSICURATIVE COSA SI PUÒ DETRARRE? Una guida per compilare correttamente la dichiarazione dei redditi con un occhio di riguardo alle coperture assicurative previste per gli associati a cura di

Dettagli

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni UDB UDB Il ramo vita Definizioni che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. La legge 47/2000 la riforma del regime fiscale per le polizze vita: detrazione d imposta dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Obiettivo di questo contributo è analizzare le novità introdotte dall Accordo per

Dettagli

UniSalute premiata per il ramo Malattia nella categoria Compagnie di Valore

UniSalute premiata per il ramo Malattia nella categoria Compagnie di Valore UniSalute premiata per il ramo Malattia nella categoria Compagnie di Valore Edizione settembre 2015 CHI SIAMO 1995-2015 Da 20 anni vicini alla salute delle persone in famiglia e in azienda UniSalute, specialisti

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti INDICE

Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti INDICE QUADERNI 3 Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti INDICE INTRODUZIONE 1. Premessa 2. Presentazione dello studio PARTE

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

UD5 Protezione del mutuo - Creditor Protection Insurance (CPI)

UD5 Protezione del mutuo - Creditor Protection Insurance (CPI) UD5 UD5 Protezione del mutuo - Creditor Protection Insurance (CPI) La concessione di un credito sotto forma di mutuo oltre a creare l'obbligo principale consistente nel rimborso del prestito, condiziona

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Ad Personam/Mod. X0403.0 Edizione 2/2009 Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema

Dettagli

PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II. Milano, 12 DICEMBRE 2014

PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II. Milano, 12 DICEMBRE 2014 PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II Milano, 12 DICEMBRE 2014 TUTTOSALUTE!PREVIASS II per la DMO: IL PIANO SANITARIO CHE METTE

Dettagli