UE Catalogo Schengen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UE Catalogo Schengen"

Transcript

1 IT CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA SEGRETARIATO GENERALE DG H UE Catalogo Schengen Volume 3 RILASCIO DEI VISTI: Raccomandazioni e migliori pratiche Marzo 2003

2 U E Catalogo Schengen Volume 3 RILASCIO DEI VISTI: Raccomandazioni e migliori pratiche Marzo 2003

3 Prefazione La Grecia, che esercita la Presidenza del Consiglio dell Unione europea dal 1º gennaio 2003, riconosce che la procedura per il rilascio dei visti da parte delle missioni diplomatiche e degli uffici consolari insieme al corretto funzionamento della cooperazione consolare locale costituiscono fattori di estrema importanza nella valutazione del rischio di immigrazione clandestina. Considerato che i Consigli europei di Tampere, Laeken e Siviglia, nonché la riunione straordinaria del Consiglio "Giustizia, affari interni e protezione civile" del 20 settembre 2001, hanno invitato gli Stati membri a sviluppare ulteriormente la politica comune in materia di visti, a dar prova del massimo rigore nella procedura di rilascio dei visti e a rafforzare la cooperazione consolare locale tra le rispettive rappresentanze nei paesi terzi, la Grecia ha accolto con favore l iniziativa dell allora Presidenza danese volta ad istituire un sottogruppo incaricato di individuare le migliori prassi in materia di visti e di cooperazione consolare. Il sottogruppo costituito, presieduto dall Austria, ha elaborato il catalogo di raccomandazioni ai fini della corretta applicazione dell acquis e delle migliori prassi di Schengen riportato in allegato. Il catalogo non ha lo scopo di definire in modo esaustivo l intero acquis di Schengen, bensì di chiarire e dettagliare l acquis e di indicare raccomandazioni e migliori prassi sulla scorta dell esperienza maturata dal Gruppo "Valutazione di Schengen" nel quadro della verifica della corretta applicazione dell acquis in Germania, Francia, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo e della valutazione della Grecia e dei paesi nordici. È con grande soddisfazione che il Consiglio dell Unione europea presenta questo strumento di lavoro che, si sottolinea, non mira ad introdurre nuove prescrizioni. Esso indica il modo in cui l acquis nel settore dei visti e della cooperazione consolare dovrebbe essere applicato nella pratica e in tale contesto andrebbe sempre letto congiuntamente all Istruzione consolare comune. La Presidenza greca desidera ringraziare nuovamente tutti coloro che hanno partecipato all elaborazione del presente catalogo e confida che esso costituirà un ulteriore strumento per garantire il successo dell integrazione dei nuovi membri dell Unione a tempo debito e nei modi opportuni. Bruxelles, 16 marzo 2003

4 PARTE QUARTA: RILASCIO DEI VISTI SOMMARIO INTRODUZIONE... 7 RACCOMANDAZIONI/MIGLIORI PRATICHE ACCESSO AL CONSOLATO SICUREZZA DELL'EDIFICIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ESAME DELLA DOMANDA COMPILAZIONE DELLA VIGNETTA VISTO NOTIFICA DEL RIFIUTO DI RILASCIO DEL VISTO SICUREZZA (PER QUANTO RIGUARDA LA SICUREZZA DELL'EDIFICIO CFR. CAPITOLO 2) ISTRUZIONE E FORMAZIONE TI IN GENERALE ATTREZZATURA PER INDIVIDUARE DOCUMENTI FALSI VISTI RILASCIATI IN RAPPRESENTANZA COOPERAZIONE CONSOLARE... 26

5 Introduzione L'elenco di raccomandazioni e migliori prassi che figura nel presente documento è stato compilato da esperti degli Stati Schengen in materia di visti (cfr. in appresso) e della Commissione europea sulla base dell'istruzione consolare comune (ICC). Una valida base per i lavori è inoltre rappresentata dai risultati di recenti valutazioni effettuate da diversi consolati. Il quadro giuridico per l'esame delle domande di visto resta l'icc, tuttavia l'obiettivo dell'esercizio delle "migliori prassi" è di approfondire l'armonizzazione delle prassi, ove possibile, e ove le disposizioni dell'icc siano di natura più generica. Le raccomandazioni e migliori prassi sono state elaborate per una rappresentanza consolare immaginaria confrontata ad una grande mole di domande in una zona ad alto rischio. Benché possa essere difficile conseguire tale standard in tutto il mondo, si raccomanda, tenendo conto delle differenti circostanze locali, di mantenere e osservare quanto più possibile tali standard. La questione dell'assicurazione obbligatoria, tanto sanitaria quanto di viaggio, non figura nel presente catalogo poiché un recente studio ha stabilito che non esiste al momento una migliore prassi in questo settore. Dato che la cooperazione consolare sul piano locale è una fonte importante di informazioni, si raccomanda che le iniziative adottate e le esperienze maturate in materia di migliori prassi nell'ambito della cooperazione consolare in loco siano riferite alle autorità centrali in modo da poter servire da base ai fini di un miglioramento e di un adeguamento dell'attuale legislazione. Nel prosieguo per "Stati Schengen"/"Stati" si intendono gli Stati che applicano integralmente le disposizioni dell'acquis di Schengen.

6 / Raccomandazioni 1. Accesso al consolato a. Informazione scritta Al fine di evitare la presentazione di domande di visto incomplete e visite ripetute presso l'ufficio visti da parte dei richiedenti, le informazioni pertinenti devono essere oggetto della più ampia divulgazione possibile. Oltre alle informazioni generali sul visto Schengen, devono essere disponibili informazioni relative alla modalità della domanda in diverse lingue, comprese per lo meno la lingua dello Stato ospitante e quella della missione diplomatica. Dette informazioni devono essere largamente disponibili ed esposte in maniera visibile al di fuori degli edifici o della sede. b. Contatto per telefono Le informazioni concernenti i visti devono essere per quanto possibile fornite esclusivamente dal personale dell'ufficio visti, sia per il tramite di una helpline funzionante a orari prestabiliti sia per il tramite di una segreteria telefonica che fornisce informazioni in diverse lingue c. Moduli per la domanda Al fine di evitare il commercio di moduli, questi devono essere ampiamente disponibili gratuitamente presso le agenzie di viaggio e gli sportelli delle compagnie aeree, nonché presso gli uffici di rappresentanza di associazioni imprenditoriali, istituti di cultura, ecc. Devono essere esibiti esempi di moduli correttamente compilati (e se possibile pubblicati su Internet). Depliant che contengono orientamenti per i richiedenti sono disponibili in quantità sufficiente presso i pertinenti punti di contatto nello Stato ospitante, e sono pubblicati sull'eventuale sito web della missione. Essi forniscono ragguagli in merito a quanto segue: le diverse categorie di visti indirizzo e numeri di telefono/di fax dell'ufficio visti orario di apertura quale Stato è responsabile per il rilascio di quali visti (in conformità dell'icc) diritti da pagare per l'esame delle domande di visto con l'indicazione dell'importo e del momento in cui devono essere corrisposti. Viene rilevato esplicitamente che non sono dovuti altri diritti e che in caso di rifiuto il diritto corrisposto non viene rimborsato orario di disponibilità di un'eventuale helpline sui visti. Installazione di un sistema telefonico a scelta multipla, laddove tecnicamente realizzabile, che consenta agli utenti di richiedere mediante la funzione touch-tone (multifrequenza) o voicecommand (riconoscimento vocale) informazioni in diverse lingue concernenti i propri progetti di viaggio specifici I moduli per le domande sono disponibili presso i pertinenti punti di contatto e istituzioni nello Stato ospitante e sono accessibili anche online, in modo da consentire ai richiedenti di compilare e inviare i propri moduli per via elettronica prima di presentarsi in persona all'ufficio visti. Esempi di formulari correttamente compilati sono esibiti per guidare i richiedenti.

7 d. Cartelli e avvisi Devono essere affissi avvisi che informino i visitatori che non vi sono spese - ad esempio per i moduli di ammissione o di domanda - oltre ai diritti da corrispondere allo sportello dei visti. Devono essere presenti anche cartelli per guidare i visitatori all'ingresso o sportello giusto. e. Controllo preliminare delle domande I moduli consegnati dai richiedenti in attesa devono essere controllati da un membro del personale locale della rappresentanza o da un membro della sicurezza al fine di accertare che siano correttamente compilati, debitamente firmati e corredati della necessaria documentazione. All'ingresso della rappresentanza e anche all'ingresso dell'ufficio visti sono affissi ulteriori avvisi che informano i visitatori nella lingua dello Stato ospitante. La rappresentanza informa i richiedenti sui diritti da pagare per l'esame delle domande di visto, con l'indicazione dell'importo e del momento in cui devono essere corrisposti. Viene inoltre rilevato esplicitamente che non sono dovuti altri diritti e che in caso di rifiuto il diritto corrisposto non viene rimborsato. Cartelli o un membro del personale locale o del personale di sicurezza della rappresentanza indirizzano i richiedenti verso l'ingresso giusto e, negli uffici visti di grandi dimensioni, verso la coda giusta. Negli organi di stampa ufficiali sono pubblicate informazioni in merito ai periodi di punta al fine di invitare i richiedenti di presentare domanda di visto al di fuori di detti periodi di intasamento. Negli uffici visti di grandi dimensioni si procede ad un controllo preliminare dei moduli compilati dai richiedenti in attesa. Negli uffici visti di ridotte dimensioni con organico e attrezzature sufficienti, a tutti i richiedenti che si presentano durante l'orario di apertura è consentito consegnare le proprie domande. Negli uffici visti di medie dimensioni si istituisce un sistema di numeri, in cui ai richiedenti è attribuito un "numero di convocazione" all'atto della consegna della domanda. Ci si adopera energicamente per evitare il traffico di numeri. Quando occorra trattare un gran numero di richieste di visto, è istituito un sistema su appuntamento. Il termine per ottenere un appuntamento deve essere convenuto nel quadro della cooperazione consolare locale al fine di evitare il fenomeno del "visa shopping".

8 f. Gestione dell'accesso Si devono evitare lunghe code davanti all'ufficio visti nonché liti per la coda o traffico di posti in coda. 2. Sicurezza dell'edificio a. Caratteristiche di sicurezza L'organico e le attrezzature tecniche sono sufficienti a consentire a tutti i richiedenti che si presentano durante l'orario di apertura di consegnare le proprie domande senza attese superiori agli usi locali. 1) Fuori dell'edificio Negli uffici visti di grandi dimensioni senza sistemi di prenotazione, barriere mobili possono essere utilizzate per assicurare code ordinate. Deve essere richiesta l'assistenza delle forze di polizia locali e istituito un programma di rotazione per gli agenti in questione. Si raccomanda che il personale possa entrare e uscire dall'edificio dell'ufficio visti da un ingresso separato. 2) Sala d'attesa In taluni casi le sale d'attesa possono trovarsi all'interno della sede dell'ambasciata, senza ingresso separato o senza possibilità di un accesso separato e controllato alle diverse parti dell'edificio. In tali casi devono essere effettuati controlli di sicurezza all'entrata sui visitatori e i loro effetti personali. Quando possibile, i contatti tra il personale dell'ufficio visti e i visitatori deve avvenire attraverso sportelli dotati di vetri protettivi. Al termine dell'orario di apertura la sala d'aspetto deve essere controllata da un addetto alla sicurezza per verificare che non vi sia stato lasciato nessun oggetto. Quando possibile, è consigliabile una chiara separazione tra la sala d'aspetto e gli sportelli. La sala d'aspetto per i visitatori dell'ufficio visti è facilmente accessibile attraverso un ingresso separato. Se la sala d'aspetto non dispone di un ingresso separato, non deve esserci alcuna porta di comunicazione tra la sala d'aspetto stessa e l'ufficio visti.

9 3) Sportelli per i visti Gli sportelli devono essere equipaggiati con schermi di vetro di sicurezza che consentono la consegna di documenti senza alcun pericolo per il personale, nonché di comunicare agevolmente e al contempo con discrezione. Deve esservi un sistema che assicuri che i richiedenti siano esaminati secondo l'elenco di prenotazione o nell'ordine di arrivo. 4) L'edificio stesso L'edificio deve essere protetto contro il furto ed altri atti di violenza. All'ingresso deve essere installato un sistema di controllo dell'accesso con serratura elettronica azionata a distanza. Dev'essere disponibile attrezzatura atta a consentire l'effettuazione di controlli di sicurezza sui visitatori e i loro effetti personali (cfr. sopra) I visitatori devono attraversare un portale metal detector o per lo meno essere controllati da un metal detector portatile. Si utilizza vetro stratificato antiproiettile. Nella parte inferiore gli sportelli dei visti sono equipaggiati di cassetti a prova di trazione e di pallottole, adeguati per documenti di formato A4. Adeguate attrezzature sono installate in modo da consentire una comunicazione agevole e tuttavia discreta, ad esempio un sistema di interfono con un microfono e altoparlante o auricolari per l'addetto dell'ufficio visti e un microfono (incorporato nella parete di vetro in modo da non essere coperto da documenti), auricolari o cornetta telefonica per il visitatore. Tra gli sportelli vi sono pannelli fonoassorbenti posti approssimativamente ad altezza d'uomo. Dinanzi a ciascuno sportello è chiaramente delimitata una "zona di discrezione". In taluni paesi misure speciali devono essere adottate per i casi che richiedono particolare discrezione (uno stanzino dotato di porta indipendente e munito di sedie per i visitatori). Per assicurare che le domande siano esaminate nell'ordine giusto, i richiedenti sono convocati ad esempio per altoparlante installato nella sala d'aspetto o tramite affissione del loro numero di prenotazione su un tabellone elettronico azionato dal funzionario addetto ai visti. Le finestre del piano terra sono sigillate. Adeguati sistemi di allarme sono presenti. L'accesso avviene tramite sistema di porta semplice o doppia che può essere azionato soltanto a distanza.

10 b. Controlli di sicurezza 1) All'esterno dell'ufficio visti I visitatori devono attraversare un portale metal detector o per lo meno essere controllati con un metal detector portatile. I controlli di sicurezza dei visitatori e dei loro effetti personali devono essere effettuati per lo meno per sondaggio, all'ingresso, prima che siano fatti entrare. I visitatori che entrano nell'edificio devono essere accolti/presi in consegna dal personale. I funzionari locali addetti alla sicurezza, reclutati direttamente o presso un'impresa locale di sicurezza sono responsabili del mantenimento dell'ordine all'interno della sede dell'ufficio visti. 2) Accesso all'edificio principale I visitatori che entrano nell'edificio devono essere accolti dal personale. 3. Presentazione delle domande a. Comparizione personale b. Visti diplomatici e di servizio Come regola generale, ciascun richiedente compare personalmente per il colloquio presso la rappresentanza consolare. Ciò vale anche per i minori e le persone sotto tutela e qualsiasi altra persona che figura nel passaporto del richiedente principale. I visti diplomatici e di servizio devono essere apposti esclusivamente su passaporti diplomatici e di servizio per viaggi ufficiali. Soltanto nei casi in cui non esistano passaporti diplomatici e di servizio tali visti possono essere apposti su altri tipi di passaporto.

11 4. Esame della domanda a. Presentazione di una domanda Al 1 gennaio 2003 entrerà in vigore la decisione del Consiglio relativa ad un modulo uniforme di domanda di visto Schengen, cfr. ICC, allegato 16 (cfr. decisione del Consiglio del 25 aprile 2002 relativa all'adeguamento della parte III e alla stesura di un allegato 16 dell'istruzione consolare comune (2002/354/CE) La lunghezza della visita richiesta deve corrispondere allo scopo della visita. Le risposte ai quesiti del modulo devono essere complete e coerenti. Il modulo comprende una fotografia di identità del richiedente il visto e indica per quanto possibile la destinazione principale della visita. Il modulo armonizzato è tradotto in tutte le lingue principali degli Stati nei quali sono presentate le domande. Il modulo è tradotto nel quadro della cooperazione consolare locale. Il modulo armonizzato è disponibile on-line. Le rappresentanze accettano moduli armonizzati di altri Stati Schengen. Il modulo è compilato dettagliatamente (ad esempio il richiedente deve fornire l'indirizzo completo delle persone di riferimento). Il modulo è firmato personalmente dal richiedente che è responsabile dell'esattezza delle informazioni. Se il richiedente è minore o disabile, il modulo è firmato dal suo rappresentante legale. Si controlla che la fotografia presentata assieme alla domanda o che figura nel passaporto: è effettivamente una fotografia del richiedente è una fotografia a colori ha uno sfondo chiaro è una fotografia in primo piano sufficientemente chiara per distinguere i particolari è presa frontalmente misura 3,5 per 4,5 cm è una fotografia recente è presa senza copricapo consente di individuare le caratteristiche principali del volto della persona. Mento, naso, zigomi, occhi e sopracciglia non devono essere coperti. La fronte deve essere scoperta in modo che la forma del volto sia visibile. All'atto della presentazione di una domanda di visto deve essere corrisposto un diritto che copra le spese per l'esame della domanda. Al richiedente viene data una ricevuta e gli si fa presente che in caso di rifiuto il diritto corrisposto non viene rimborsato.

12 b. Esame delle domande di visto Viene effettuato un controllo per stabilire se il richiedente soggiorna o risiede legalmente nel paese in cui ha presentato la domanda. Si riserva particolare attenzione alle persone: - con passaporto sul quale figura un timbro relativo alla presentazione del visto, una indicazione concernente l'espulsione, un permesso di soggiorno revocato, una scadenza per l'uscita dal paese o una menzione che attesti l'uscita dal paese. - che richiedono un visto di transito attraverso il territorio Schengen, quando l'ingresso nel paese terzo non è garantito o quando il tragitto non conduce naturalmente attraverso il territorio degli Stati Schengen. - che presentano raccomandazioni o inviti da parte di imprese, organizzazioni, associazioni, ecc, non conosciute dalla rappresentanza o la cui credibilità non sia generalmente acquisita. - di cui si presume che non siano in grado di sostenere le spese di soggiorno o che non hanno uno sponsor - che sono in possesso di un passaporto per stranieri, di documenti per rifugiati o di altri documenti di viaggio diversi dal passaporto. - che presentano una domanda di visto per un periodo più lungo di quello che sembrerebbe giustificato dallo scopo dichiarato della visita. - di cui è noto o si sospetta il coinvolgimento in attività criminose e/o che potrebbero dopo il loro ingresso commettere un reato o dedicarsi alla prostituzione. In caso di dubbio si invitano i richiedenti a presentare l'estratto del casellario giudiziario. - per le quali la rappresentanza, dopo avere esaminato i precedenti personali, lo scopo della visita e la situazione finanziaria, non è in grado di stabilire se sono pericolosi per l'ordine pubblico e se ritorneranno nel loro paese prima della scadenza del visto. Si riserva attenzione ai legami del richiedente con il paese d'origine o di residenza, per esempio per quanto riguarda familiari, proprietà, occupazione.

13 c. Verifica dei documenti La Rappresentanza diplomatica contrassegnerà i documenti non ufficiali per evitare che vengano riutilizzati. I documenti giustificativi sono controllati rigorosamente e i documenti (o copie di essi) riguardanti la decisione sul rilascio del visto sono conservati nel fascicolo. Se del caso, i documenti rilasciati localmente sono verificati dalle autorità locali competenti. Per una migliore individuazione dei documenti falsi o falsificati, si procede allo scambio di informazioni nell'ambito della cooperazione consolare. Se possibile e/o fattibile, le rappresentanze contattano le autorità locali, le banche ecc; in cui sono stati individuati i documenti falsi o falsificati. d. Tipi di visto e. Schedari e archiviazione dei moduli Dopo il rilascio del visto la domanda sarà conservata almeno per un anno dopo la scadenza e almeno per cinque anni in caso di rifiuto del rilascio del visto. Il visto deve corrispondere al profilo e alle esigenze del richiedente in modo da evitare un uso scorretto del visto, per prevenire/evitare il ripetersi di domande e il rilascio non necessario di visti a validità territoriale limitata come procedura d'emergenza. Quando dal profilo e dalle esigenze del richiedente risulta chiaramente che saranno necessari più di due ingressi nell'ambito della durata/validità del visto, esso è rilasciato come visto di ingresso multiplo con una durata corrispondente alle esigenze del richiedente. Visti multipli di lunga durata non possono essere rilasciati a coloro che richiedono il visto per la prima volta. Occorre riservare attenzione anche all'uso corretto di visti Schengen rilasciati in precedenza e ai timbri di ingresso e di uscita. Le domande di visto sono archiviate nei fascicoli della rappresentanza consolare. Tutte le pagine del visto sono archiviate. Se il personale non ha accesso elettronico al fascicolo al momento del rilascio del visto una copia della vignetta visto è conservata nel fascicolo della rappresentanza. I documenti giustificativi (originali e copie) sono conservati nei fascicoli.

14 5. Compilazione della vignetta visto a. Disposizioni generali Di norma i visti non possono essere rilasciati più di 3 mesi prima della data di decorrenza della validità. La vignetta visto sarà completata prima di essere applicata al passaporto. Il timbro e la firma sono apposti sulla vignetta una volta applicata al passaporto o documento di viaggio. Sotto la zona relativa agli ingressi nel territorio nazionale figura una zona destinata alla lettura ottica. Questa zona è composta di due righe e 36 caratteri. Il carattere usato (OCRB 1) consente la lettura ottica con un'attrezzatura specifica utilizzata alle frontiere esterne per agevolare i controlli. Solo le rappresentanze diplomatiche e consolari che dispongono dell'attrezzatura informatica necessaria possono stampare la parte sottoposta a lettura ottica. Nessuna dicitura può figurare in questa zona. La stampante utilizzata per stampare la vignetta visto deve consentire una riproduzione qualitativamente elevata di una fotografia a colori (al più tardi dal ). La vignetta visto è apposta sulla pagina del passaporto in modo da coprire il timbro di identificazione della domanda. Sulla pagina non possono figurare altre diciture o timbri. In caso di problemi tecnici la vignetta è compilata manualmente. b. Campo di lettura in macchina Il campo di lettura in macchina è compilato da tutte le "Rappresentanze Schengen". Il numero di controllo deve essere indicato sulla vignetta visto conformemente alle raccomandazioni ICAO. c. Uso del timbro dell'autorità che procede al rilascio del visto Il timbro deve esser apposto nel rettangolo compreso tra il lato sinistro della vignetta e la zona "annotazioni" (estremità laterali), e tra la zona di stampa calcografica e la zona destinata alla lettura ottica (estremità superiore e inferiore). Rispetto alle vignette contenenti una fotografia, il timbro deve esse apposto sul lato destro della dicitura "annotazioni"; una parte del timbro deve figurare sulla pagina del passaporto o documento di viaggio. La dimensione e le iscrizioni del timbro e l'inchiostro da utilizzare saranno conformi a quanto stabilito dagli Stati Schengen.

15 d. Firma Qualora il diritto o la prassi interna di uno Stato Schengen preveda l'apposizione obbligatoria della firma, il visto deve essere firmato, dopo esser stato applicato al passaporto, dalla persona abilitata. Essa appone la sua firma all'estremità destra della zona "annotazioni" badando bene a far debordare la firma sulla pagina del passaporto o del documento di viaggio, ma non sulla zona di lettura ottica. L'amministrazione centrale degli Stati membri interessati conserva facsimili delle firme dei funzionari autorizzati a firmare visti, dall'inizio del periodo di esercizio delle loro funzioni. e. Rilascio del visto Il passaporto o documento di viaggio deve essere riconsegnato al richiedente in persona o consegnato ad una persona o agenzia viaggi autorizzata dal richiedente. La Rappresentanza diplomatica o consolare controlla che il passaporto e i documenti di viaggio vengano riconsegnati al legittimo proprietario. f. Distruzione del visto Quando una vignetta visto viene distrutta deve essere distrutto anche il chinegramma OVD (elemento otticamente variabile) Se viene rilevato un errore quando la vignetta è stata apposta sul passaporto, bisogna distruggere anche il chinegramma OVD. 6. Notifica del rifiuto di rilascio del visto Le informazioni sui visti annullati o distrutti debbono essere inserite nel registro dei visti. Le informazioni debbono essere accessibili nel sistema comune dei visti. Al richiedente viene notificato il rifiuto oralmente o per iscritto entro un periodo di tempo ragionevole, in conformità della legislazione nazionale. Sono comunicati i motivi di carattere giuridico e di merito che hanno dato luogo alla decisione di rifiuto, in conformità di quanto previsto dalle ICC. Vengono fornite informazioni sulle vie di ricorso (amministrativo o giurisdizionale) con il termine di scadenza per la presentazione del ricorso. Il richiedente a cui è stato rifiutato il visto viene informato circa la possibilità di presentare una seconda domanda qualora la decisione sul ricorso presentato contro la decisione relativa alla prima domanda non sia stata ancora adottata.

16 Qualora il rifiuto sia a attribuire ad una segnalazione SIS ciò viene specificato. Se il richiedente desidera ulteriori informazioni sui dati riguardanti la sua persona trattati nel SIS queste vengono fornite tramite la competente autorità per la protezione dei dati. 7. Sicurezza (Gli aspetti riguardanti la sicurezza dell'edificio sono trattati nel capitolo 2) Il motivo del rifiuto di un visto ad un familiare dell'ue/see deve essere comunicato alla persona interessata, salvo se ciò è contrario agli interessi in materia di sicurezza dello Stato interessato (direttiva 64/221, articolo 6). a. Personale 1) Ripartizione dei compiti tra il personale di ruolo in servizio all'estero e il personale locale I compiti sono chiaramente ripartiti tra il personale di ruolo in servizio all'estero e il personale locale: Il personale locale può: lavorare al banco e avere contatti con i richiedenti sotto la supervisione di un funzionario di ruolo in servizio all'estero verificare se sono stati presentati tutti i documenti richiesti preparare il trattamento elettronico della domanda (per es. inserire i dati nella banca dati) stampare la vignetta rilasciare i visti e riscuotere i relativi diritti di rilascio e/o la tassa d'istruzione Per ragioni di sicurezza si dovrebbe stabilire uno schema di rotazione per gli agenti locali. I funzionari in servizio all'estero e gli agenti locali cittadini di un paese dell'ue o del SEE possono: ricevere le risposte negative dal SIS e dalle basi di dati nazionali ricevere le risposte negative alle consultazioni di cui all'allegato 5 dell'icc decidere se siano necessari ulteriori informazioni o colloqui

17 I funzionari in servizio all estero possono: decidere della concessione o del rifiuto di un visto avere contatti con partner locali, se necessario e in casi particolari 2) Controlli prima dell'assunzione e valutazione successiva 3) Abuso d'ufficio Prima dell'assunzione vengono effettuati controlli su tutto il personale; come misura minima, i servizi nazionali dello Stato che opera l'assunzione verificano se vi sono precedenti penali. Nel caso di dubbi circa la lealtà di un impiegato, vengono svolti nuovi controlli. Gli agenti locali che commettono un abuso d'ufficio dovrebbero essere rimossi dalla sezione visti o licenziati, a seconda della gravità dell'infrazione. Se possibile e/o applicabile, il fatto dovrebbe essere denunciato alle autorità locali incaricate dell'applicazione della legge. I funzionari in servizio all'estero che commettono un abuso d'ufficio dovrebbero essere sottoposti a procedimenti disciplinari o giudiziari in cooperazione con le rispettive autorità nazionali. 4) Contatti non autorizzati con le autorità locali e collegamenti con organizzazioni criminali 5) Protezione del personale I contatti non autorizzati con le autorità locali e i collegamenti con organizzazioni criminali sono denunciati all'ufficiale di sicurezza della rappresentanza Durante i contatti con i richiedenti il personale è protetto da una separazione fisica (cfr. capitolo 2). Gli agenti locali sono informati delle conseguenze di contatti non autorizzati con le autorità locali, la criminalità organizzata, la mafia locale, ecc. Se una determinata zona diventa zona a rischio, i membri del personale interessati sono rimossi temporaneamente o in via definitiva dalla zona pericolosa.

18 b. Documenti 1) Trasporto Le vignette visto dovrebbero essere trasportate per corriere diplomatico. 2) Custodia I visti dovrebbero essere custoditi in cassaforte immediatamente dopo la ricezione presso la rappresentanza consolare e ne dovrebbe essere distribuita solo la quantità da stampare. 3) Accesso Solo un numero limitato di persone presso la rappresentanza consolare dovrebbe avere accesso a tale cassaforte (ad esempio il cancelliere/direttore della sezione visti e il suo aggiunto). Il restante personale dovrebbe ricevere solo il numero di vignette necessarie per il lavoro giornaliero ed ogni vignetta non utilizzata dovrebbe essere restituita alla fine della giornata lavorativa. 4) Controllo delle scorte Il controllo delle scorte dovrebbe essere effettuato mediante la tecnologia dell informazione. Dovrebbe essere possibile stabilire in qualsiasi momento quali visti sono fisicamente conservati presso la rappresentanza e quali visti siano stati utilizzati e in che modo. c. TI 1) Accesso (log in) Le password dovrebbero essere modificate regolarmente. 2) Entrata/accesso non autorizzati 3) Cifratura L'accesso al sistema TI dei visti si effettua mediante identificativo dell'utente e password. L'accesso al sistema TI consolare è disciplinato da istruzioni nazionali. L'accesso non autorizzato è controllato dal sistema di log in. I computer sono situati in locali-server protetti da speciali misure di sicurezza in una zona controllata della rappresentanza non accessibile al pubblico. Tutte le comunicazioni devono essere cifrate in modo da assicurarne l'alto grado di sicurezza.

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Regolamento per l'accesso alla rete Indice

Regolamento per l'accesso alla rete Indice Regolamento per l'accesso alla rete Indice 1 Accesso...2 2 Applicazione...2 3 Responsabilità...2 4 Dati personali...2 5 Attività commerciali...2 6 Regole di comportamento...3 7 Sicurezza del sistema...3

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO

NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO 1 PARTE I: TIROCINI Capitolo 1 Disposizioni generali Articolo 1 Vari tipi di tirocini presso

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Le procure provenienti dall estero

Le procure provenienti dall estero Le procure provenienti dall estero A cura dell Avv. Emanuella Prascina Riferimenti: - Art. 106 n. 4 L. Not.: Nell'archivio notarile distrettuale sono depositati e conservati: 4. gli originali e le copie

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Tutela dei dati personali Vi ringraziamo per aver visitato il nostro sito web e per l'interesse nella nostra società. La tutela dei vostri dati privati riveste per noi grande importanza e vogliamo quindi

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Per il quieto vivere e la sicurezza gli automezzi vanno usati il meno possibile ed in ogni caso l'andatura deve essere a passo d'uomo.

Per il quieto vivere e la sicurezza gli automezzi vanno usati il meno possibile ed in ogni caso l'andatura deve essere a passo d'uomo. REGOLAMENTO Il presente Regolamento con il Listino Prezzi viene consegnato agli Ospiti al momento dell'arrivo ed è esposto in ufficio accettazione. L'entrata in campeggio ne costituisce piena accettazione.

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli