Manifesto per una formazione umanistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manifesto per una formazione umanistica"

Transcript

1 Manifesto per una formazione umanistica Una nuova iniziativa della Casa della Cultura: un manifesto, sottoscritto da 12 autorevoli studiosi, relativo alla formazione degli adulti. CONTRIBUTO DI BORGATO RENATA Una mente non ottiene autentica libertà mutuando conoscenze e ideali da altre persone, bensì formando i propri standard di giudizio e producendo i propri ragionamenti R. Tagore, Programma pedagogico, Il difficile mestiere del formatore Come scrive Harrison Owen c era un tempo in cui l attività principale degli affari era il profitto e il prodotto. Ora c è una nuova priorità, l attività principale è di diventare una vera organizzazione che apprende. Ciò non significa che il profitto e il prodotto non siano più importanti, ma che, senza un apprendimento continuo, profitti e prodotti non saranno più possibili. Quindi sorge lo strano pensiero: l affare degli affari è l apprendimento il resto viene di conseguenza 1. In quest ottica la formazione degli adulti diviene particolarmente importante e le sue funzioni si moltiplicano e coinvolgono tutte le sfere del sapere. Riguardano cioè le conoscenze necessarie a svolgere il lavoro, le capacità pratiche che esso richiede, gli atteggiamenti mentali appropriati allo svolgimento del proprio ruolo. Alla formazione viene affidato il compito di contribuire ad adeguare i comportamenti e le capacità dei singoli alle esigenze dell organizzazione, ma anche quello di far emergere l interdipendenza esistente tra soggetti diversi presenti in azienda e la congruenza degli interessi comuni. È più che mai attuale la lezione di Kurt Lewin che negli anni 40 sosteneva che occorre dare alle persone strumenti che favoriscano un apprendimento che in seguito le persone saranno portate ad approfondire attraverso il confronto e il dibattito. 1 Owen H., Riding the Tiger, Abbot, Potomac, 1991, p. 1.

2 Più che la sola trasmissione di saperi e di capacità, all impresa così come al lavoratore conviene che la formazione sappia allargare il campo degli interessi delle persone coinvolte. Lo aveva ben capito già Adriano Olivetti quando sosteneva di voler evitare di avere eccellenti prestatori d opera, ma privi di ogni altro possibile interesse spirituale nella loro vita privata e in società, spersonalizzati appassionati di cinema e totocalcio. Applicando questa logica ai diversi livelli, Olivetti aveva provveduto ad aprire e a gestire scuole a indirizzo tecnico in cui non veniva trascurata la cura per una crescita complessiva delle persone. Di conseguenza nel suo Centro di formazione meccanica, scuola professionale per eccellenza, non si insegnavano solo materie tecniche, ma anche materie che predispongano alla libera rielaborazione del pensiero 2. Vista in quest ottica, la formazione finisce per essere il punto in cui gli interessi delle persone e quello delle imprese vengono a coincidere. Crescere intellettualmente, avere intelligenze flessibili, aperte e creative migliora la qualità di vita delle persone, ne migliora le relazioni, aumenta le loro opportunità di benessere e soddisfazione, ma queste capacità al contempo costituiscono il pilastro di una cultura degli affari veramente prospera. 3. quali metodologie e quali tecniche possono essere utilizzate in coerenza con tale obiettivo? Ciò detto, è evidente che dell idea di una Formazione Umanistica ci si possa innamorare. Crederci e avere voglia di metterlo in pratica. E lì cominciano i guai. Per realizzare una formazione che si ispiri ai criteri indicati nel Manifesto occorre l azione congiunta di almeno tre soggetti: il formatore, il partecipante e il gruppo in formazione. Sull interazione tra questi tre protagonisti influisce la situazione di contesto, specifico e generale. Hanno cioè un ruolo le condizioni e i tempi in cui si svolge la formazione, ma anche le aspettative dei partecipanti, le esperienze pregresse, gli obiettivi più o meno noti e condivisi. Tutti e tre i soggetti hanno un ruolo essenziale e il raggiungimento dell obiettivo è la risultante di un interazione riuscita tra loro. Ciò vuol dire che devono cooperare a raggiungerlo. Anche se tutti i soggetti sono ugualmente importanti, non tutti però hanno lo stesso peso nel determinare il successo o l insuccesso dell esperienza. Il formatore è quello che ha più possibilità di rovinare tutto. Ma è anche l unico che può porre le condizioni perché si attui una formazione umanistica. Il suo ruolo è assai difficile, per una quantità di motivi, a partire dall ambiguità contenuta nell etimologia del suo nome: il formatore è colui che dà forma, modella. E questo concetto rappresenta il contrario di quanto una formazione umanistica si propone di fare. Forse sarebbe più adatto il termine educatore, cioè colui che aiuta a venir fuori. E qui il riferimento al concetto di maieutica è d obbligo. 2 Gallino L. (2001), L impresa responsabile. Un intervista su Adriano Olivetti, Edizioni La Comunità, Torino, in Condemi P., op. cit. p. 117

3 Purtroppo l ambiguità del nome a volte si traduce in un ambiguità nella pratica. Animato magari dalle migliori intenzioni, il formatore parte da sé invece che dai partecipanti, da quello che gli sembra importante, che sa bene, che gli piace, che gli sembra indispensabile che tutti sappiano: i fondamentali imprescindibili per poter essere protagonisti.. E quindi, prima ancora di dare spazio ai corsisti per esprimersi, espone le sue idee, le sue conoscenze, convinto che l evidenza delle sue argomentazioni non possa che produrre un processo di crescita. E invece, spesso, non succede assolutamente niente.. Non intendo dire che l uso di lezioni sia di per sé incompatibile con la formazione umanistica. Per scegliere gli strumenti didattici occorre una sana attenzione ai vincoli presenti. Mi sembrano particolarmente determinanti quelli derivanti dal contesto, dalla durata complessiva dell azione formativa, dalla volontarietà o meno della partecipazione e dalle specificità degli utenti (strumenti di merito e generali posseduti, interesse al tema, abitudine alla formazione,) Sono queste, oltre che gli obiettivi, le variabili che determinano la scelta delle metodologie e delle tecniche d aula da usare Un interlocuzione prolungata diretta a soggetti motivati, in possesso di una conoscenza in ingresso della materia e abituati a percorsi formali di insegnamento permettono di usare metodologie in cui si alternano lezioni vere e proprie con rielaborazioni assistite dei contenuti somministrati. In questo caso, il contributo del formatore, anche espresso con modalità up/down può stimolare la riflessione critica e, di conseguenza, contribuire al protagonismo dei partecipanti. Ma le condizioni più frequenti delle attività di formazione sono quelle di percorsi di breve durata, spesso episodica, con un utenza disomogenea per capacità di processare pensiero astratto, conoscenza della materia e motivazione. La scelta di partire dalla somministrazione di riferimenti teorici in questo caso non mi sembra per vari motivi la più adatta a stimolare la crescita autonoma delle persone. Il primo è legato al tempo: una trattazione sistematica richiede tempo per le enunciazioni e lo sviluppo. Un conduttore esperto nella comunicazione difficilmente ha dei problemi a farsi ascoltare senza resistenze durante la sua lezione ed è assai probabile che, se qualora non ci siano tensioni legate alla relazione, il suo intervento registri consensi nella valutazione finale di tipo formale e persino in segnali di apprezzamento non formali (l applauso). La criticità non risiede nel gradimento, ma nell efficacia dell intervento (numero di cose imparate in relazione al numero di cose dette): nel caso in cui non siano già presenti dei riferimenti a cui agganciare quanto viene detto, tutto scivolerà via senza lasciare traccia, anche se è stato capito al momento dell enunciazione (vedere tempi di obsolescenza dei contenuti solo ascoltati). Quando l intervento formativo non ha continuità e lunga durata (cfr. percorsi scolastici, universitari, master) e quindi gli agganci possono essere costruiti direttamente durante il percorso (e magari se ne può verificare l effettiva acquisizione), la modalità di trasmissione up/down non mi sembra adeguata e l impossibilità di verificare le conoscenze pregresse cui agganciarsi la sconsiglia ulteriormente. Inoltre sentire cose dette da altri non è il modo migliore per essere attivi e imparare a esercitare le proprie capacità di rielaborazione e critica.

4 Mi viene in mente il celebre aneddoto di Tagore sull educazione del pappagallo. In rsso si racconta di un uccello che fu affidato da un rajah a dottissimi precettori, così innamorati del loro raffinato metodo di formazione da considerare il pappagallo del tutto trascurabile in confronto a essi. E, grazie proprio al loro metodo, finirono per far morire il povero pennuto, con la pancia piena di pagine di libro. Per questo, anche qualora ci sia la necessità di far apprendere contenuti estranei alle conoscenze dei singoli e del gruppo in apprendimento, credo siano preferibili metodologie riconducibili al cooperative learning, in cui ai partecipanti viene chiesto uno sforzo di riflessione autonoma. In caso si voglia cercar di sviluppare un processo umanistico in percorsi formativi episodici, ritengo sia più opportuno partire dall hic e nunc e cercare il contributo attivo dei partecipanti, stimolandoli a confrontarsi sul tema oggetto dell incontro attraverso esercitazioni o giochi abitualmente slivellati. Presentare stimoli non immediatamente riconducibili alla propria esperienza, allinea le prestazioni dei corsisti e rende problematico che essi possano rifarsi a cornici sperimentate. Un espressione diretta dei partecipanti permette di censire le risorse presenti, di verificare le competenze possedute e di promuovere l interazione: il gruppo sa sempre più della somma dei singoli. Li costringe a riflettere in modo autonomo, a sperimentarsi, a mettersi in gioco. In poche parole a pensare in prima persona. Inoltre, partendo da quanto i corsisti dicono, il formatore ottiene indicazioni per individuare il linguaggio più adatto per quel percorso e per capire il loro grado di capacità di processare pensiero astratto. In questo modo è possibile calibrare con precisione il livello di intervento sulla realtà di quella specifica aula (centratura sul ricevente e non sull emittente o sul messaggio). Il formatore quindi aiuterà i partecipanti sia ponendo domande pertinenti per istradarli sia integrando, ove necessario, quanto loro hanno elaborato. Spesso risulta opportuno non esporre ragionamenti sequenziali e sistematici (cfr. lezione deduttiva), ma favorire dei piccoli corto circuiti cognitivi attraverso i quali i corsisti intuiscano i concetti chiave. In questo senso, il conduttore spiega cioè, come ci dice l etimologia, ex plica cioè distende qualcosa che prima era accartocciato, rende intelligibile ciò che presentava difficoltà di comprensione. Le intuizioni che si producono nei partecipanti (insight) attraverso la sperimentazione di esperienze effettuate in modo protetto attraverso i giochi didattici o le esercitazioni servono da base per estrarre dai partecipanti le loro conoscenze esplicite e implicite e per stimolare la rielaborazione individuale e di gruppo. Il gioco è un tipo di attività che si svolge tra le persone quello che Winnicott chiama spazio potenziale. Qui le persone fanno esperienza dell alterità in modi meno minacciosi rispetto a come spesso avviene nel contatto diretto, effettivo, con gli altri. Ciascuno contribuisce mettendo a disposizione quanto sa sull argomento: siamo di fronte ad adulti, con conoscenze con le quali il formatore deve misurarsi, sia nel caso in cui esse siano adeguate sia nel caso siano carenti o addirittura distorte. Questo prodotto d aula costituisce il nucleo intorno al quale si aggregano le informazioni e permette di costruire un quadro di riferimento relativo sia agli argomenti presentati che alla riflessione che a essi segue. A partire dalla pratica si impara a riflettere.. Nella formazione umanistica l attivazione diretta dei partecipanti non è semplicemente una tecnica d aula, è un elemento costitutivo per la costruzione dell apprendimento. Essa può avvenire in modi diversi: esercizi, lavori di gruppo, giochi didattici o esperienze. D altra parte, l insight è del tutto personale: quello che fa scattare la scintilla in una persona, non la fa scattare in un altra.

5 Di conseguenza, per cercare di produrlo, occorre programmare un effetto ridondanza attraverso stimolazioni diverse (appunto quei giochi o quelle esercitazioni cui facevo riferimento in precedenza). Quando parliamo di giochi ed esercitazioni non possiamo, però, non porci il problema della scelta di esse e dei limiti che separano le esperienze formative da quelle che con la formazione hanno ben poco a che spartire. Alcune attività, inserite in corsi di formazione, mi sembrano aver poco a che vedere con lo sviluppo delle capacità critiche delle persone: accettare di camminare sul fuoco o di calarsi tra gli squali richiede atteggiamenti di acquiescenza e obbedienza passiva più che di consapevole crescita del rispetto di sé. Preparano a essere ciechi esecutori di direttive o spregiudicati sperimentatori di quanto è spettacolare e clamoroso. Anche esperienze out door meno esasperate (andare in barca a vela, costruire una zattera), usate qualche anno fa per promuovere lo spirito di gruppo e il lavoro in squadra, sbilanciano eccessivamente l asse sul fare e penalizzano la riflessione. La decodifica della metafora contenuta nelle attività viene affidata interamente al de briefing, che ha uno spazio decisamente più limitato di quello dell attività stessa. Bene che vada, e ammesso che il formatore sia molto abile nel promuovere la rielaborazione, siamo di fronte a uno spreco di tempo ed energie. Inoltre, di fronte a esperienze forti e coinvolgenti, è più probabile che il partecipante ricordi le emozioni piuttosto che riesca a risalire al processo di costruzione del pensiero. La trappola insita in queste modalità formative è legata all eccezionalità delle esperienze che propongono, anche alla loro spettacolarità, che accarezza la tendenza delle persone a fare piuttosto che a pensare. Si fonda sulla disponibilità dei partecipanti a non chiedersi la ragione delle cose, a adeguarsi senza pensiero. Oltre alla scelta delle metodologie, al formatore compete anche l onere della costruzione delle condizioni relazionali che favoriscano la partecipazione dei corsisti. Deve cioè costruire un clima in cui le persone siano stimolate a riflettere, a confrontarsi, a discutere, a esprimere le proprie idee. Deve cioè scegliere il proprio stile di leadership, in rapporto alle caratteristiche dei partecipanti: alternando azioni di supporto e sostegno con altre di incoraggiamento, ma soprattutto deve saper rinunciare a stare al centro della scena: Quanto meno si vede, eppure tiene saldamente in mano i fili delle attività, tanto più i partecipanti possono misurarsi, sperimentarsi, mettersi in gioco. Ampliare la propria area di confort, attraverso le attività protette e riflettute. Al formatore in aula spetta anche una funzione di contenimento dei singoli e del gruppo. In origine il concetto di contenimento risale a quello, tipico della scuola psicoanalitica di Melanie Klein, di identificazione proiettiva. Bion successivamente rielabora e approfondisce il concetto, che viene da lui trattato per la prima volta nel 1959 in Attacks on linking e di cui egli successivamente parla a tratti anche in Apprendere dall esperienza. Nel senso che la psicoanalisi gli affida, il termine contenimento rimanda metaforicamente ai concetti materiali di contenitore : la casa è un contenitore per le persone che la abitano. È possibile anche fare dei traslati. In questo senso, la famiglia può essere considerata un contenitore per i suoi membri, il gruppo per i diversi componenti. Effettuando un estrema semplificazione, possiamo dire che l idea di contenimento sconfina con quella di accoglienza e non è lontana da quella di comprensione : in fondo capire deriva proprio dal latino capere, prendere dentro, cum prendhere, contenere, appunto.

6 Questa capacità è richiesta al formatore soprattutto nelle occasioni in cui sia necessario promuovere e facilitare il protagonismo dei partecipanti, ma anche regolarlo in modo che tutti abbiano spazi di espressione. In questa occasione, infatti, chi si è impegnato nelle attività ha agito delle cose, ne ha dette altre e ne ha taciute altre ancora, mettendo in atto strategie e vivendo emozioni e sentimenti. Soprattutto nel caso in cui l esperienza sia stata molto coinvolgente, viene reso disponibile un materiale abbondante e ricco, ma potenzialmente ansiogeno. Per questo, al momento della rielaborazione, il compito del formatore consiste nel generare le condizioni di clima relazionale adatte a favorire la libertà espressiva del gruppo di lavoro, un buon clima emotivo e a stimolare il senso di collaboratività sia dei partecipanti tra loro e con il formatore stesso. In questo modo si produrranno le condizioni di serenità necessarie per il lavoro di ricerca, di esplorazione e di conferimento di senso a quanto è stato detto ed è stato fatto durante l esercitazione o il gioco. Queste condizioni sono propedeutiche al fatto che la rielaborazione sia utile a conseguire gli obiettivi di apprendimento affidati alle attività e vengono propiziate dalla capacità del formatore di fungere appunto da contenitore, di far percepire ai partecipanti la sua comprensione e a trasmettere la sicurezza della sua competenza nel contenere le loro esperienze. L azione di contenimento del formatore parte dall ascolto di quanto i partecipanti dicono, sia attraverso la comunicazione verbale che quella non verbale e, soprattutto, attraverso l attenzione ai segnali deboli. Una ricchezza di stimoli che vengono accolti dal formatore, ma di cui egli non fa una lettura pregiudiziale. Egli, anzi, si astiene dal giungere precocemente alle conclusioni dei segnali che ha colto. La percezione da parte dei partecipanti di essere accolti e capiti contenuti, appunto permette loro di cominciare a parlare. Qualunque cosa osservino e dicano, il formatore deve continuare la sua funzione, attento ai due interessanti fenomeni che si producono in ogni rielaborazione: la selezione degli argomenti ritenuti significativi e la soggettività dei punti di vista. Il fatto stesso imparare a esprimerli si inscrive nel progetto di crescita delle persone. Ponendosi in modo non giudicante, il formatore può fluidificare la produzione del materiale che viene messo a disposizione dai partecipanti: nessuno di essi infatti saprà tutto e ciascuno guarderà le cose da un angolo visuale personale, adottato in modo più o meno consapevole. L ascolto complessivo fornisce al formatore materiale immediatamente riutilizzabile, ma anche elementi per stabilire quale sia il livello di profondità adatto a quel contesto e a quei soggetti partecipanti. Esso infatti deve essere correlato alla capacità delle persone di sopportare e supportare analisi approfondite ed essere graduato in relazione alla possibilità dei singoli e del gruppo di metabolizzare quanto emerge. Nelle occasioni in cui la gestione d aula sia stata abilitante e abbia fatto crescere il gruppo, è possibile che una parte dell azione di contenimento sia condivisa o addirittura delegata al gruppo, che svolge un azione di sostegno e contemporaneamente di stimolo ai singoli partecipanti. Si tratta di una funzione che il gruppo può svolgere adeguatamente nella sua fase di maturità. Non bisogna infine dimenticare la funzione di autocontenimento che viene costantemente richiesta a un formatore.

7 Egli deve essere in grado di ascoltare non solo gli altri, ma anche i segnali che provengono da se stesso e di monitorare soprattutto le proprie resistenze. Il formatore dovrebbe essere capace di riconoscere le situazioni in cui si difende. Non bisogna negare che ciò possa accadere. È legittimo riconoscere come dinamiche di difesa quelle in cui il formatore, invece che supportare l aula e promuoverne la rielaborazione autonoma, suppone, suggestiona, tenta di sedurre, esprime opinioni personali dimenticando il suo ruolo, quando è intrusivo, manipolativo, fazioso o persecutorio. Privilegiare la fascinazione all apprendimento e mettere in atto fenomeni suggestivi crea una collusione tra formatore e partecipanti: da un lato il primo si compiace della propria competenza nel leggere gli eventi e le emozioni dei partecipati, dall altro essi si sentono gratificati dalla propria capacità di seguire un formatore così preparato. In modo meno riconoscibile è quando il formatore gioca eccessivamente sulla disparità di conoscenze che ha sui partecipanti e gode dell ammirazione che essi gli dimostrano. È una gratificazione fin troppo facile, ma che rischia di non giovare all apprendimento: l eccessiva distanza non permette ai partecipanti di agganciare a idee e concetti già stabilmente introiettati quanto gli viene detto. Ammira, ma non apprende. È un circuito disfunzionale che il formatore deve interrompere. Dovrà effettuare un contenimento di sé, concedersi un empatico riconoscimento delle dinamiche che ha saputo identificare anche al suo interno e, a partire da un benevolo atteggiamento di comprensione, correggere fermamente la rotta. In conclusione, è il modo con cui il formatore imposta l azione didattica e le relazioni che costituisce l elemento cardine della formazione umanistica.

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE SOPRA - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FERRUCCIO DELL ORTO OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI CLASSI PRIME SOCIALIZZAZIONE - PARTECIPAZIONE Primo quadrimestre Si pone nella

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura»

«I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» «I bambini normali vengono al mondo con la motivazione e la capacità per cominciare a stabilire un immediata relazione sociale con chi li cura» Volkmar et al 1977 ABILITA SOCIALE È la capacità di relazionarsi

Dettagli

L insegnamento del Laboratorio di Fisica. Alcune considerazioni didattiche

L insegnamento del Laboratorio di Fisica. Alcune considerazioni didattiche L insegnamento del Laboratorio di Fisica Alcune considerazioni didattiche La Fisica nasce come scienza sperimentale, ma è spesso insegnata in modo soltanto teorico. Senza il supporto del laboratorio, si

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

L ATTEGGIAMENTO DELL EDUCATORE

L ATTEGGIAMENTO DELL EDUCATORE Gioco e simulazione: tecniche di animazione L ATTEGGIAMENTO DELL EDUCATORE Quando si parla di gioco, non si può sottovalutare la fondamentale funzione che l adulto è chiamato a svolgere. Non è possibile

Dettagli

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE Esiste l immagine del disabile intellettivo come persona adulta nella mia mente? Quali sono i maggiori ostacoli che i famigliari/ operatori incontrano nella costruzione di un

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI 1 L ordine delle idee deve procedere secondo l ordine delle

Dettagli

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori,

Dettagli