DELIBERAZIONE O G G E T T O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE O G G E T T O"

Transcript

1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 15 dcl 16101/2014 O G G E T T O Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.TV.A). Intervent regonal n matera d adozone nazonale ed nternazonale Sstema Veneto Adozon (L476/98), d cu alla I).GR.V. n del I3 Area Adozon Provnca d Vcenza: approvazone Progetto. Proponente: Coordnamento de: Drettor d [)stretmo SS, \nno Proposta: ::u 4 N omero Proposta: 22

2 NADIA 11 Responsable del Coordnamento de Drettor d Dstretto rfèrsce: Con delberazone della Regone del Veneto n del sono stat approvat Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.T.V.A). Intervent regonal n matera d adozone nazonale ed nternazonale Sstema Veneto Adozon (L. 476/98). La stessa Regone con atto n0 494 dell ha approvato l Progetto relatvo alla Provnca d Vcenza con fnanzamento regonale d euro 58,980,00; La programmazone delle attvtà è stata defnta dal tavolo d lavoro provncale d cu al punto 61.6 del protocollo operatvo regonale d cu alla D.G.R.V n 2947 del 2011 così come ad ogg composto ne sngol ambt provncal e coordnato dal referente provncale dell équpe adozon a sens della D.G.R.V del 200!: L attuazone dell allegato Progetto, che è parte ntegrante del presente atto, ha seguto seguent crter: 1 soggett attuator del Progetto regonale sono le Azende UU.LL.SS.SS. tramte le équpe adozon e gl Ent autorzzat per l adozone nternazonale frmatar l protocollo d ntesa regonale; Il Progetto è coordnato ed attuato su base provncale e le Azende UU.LL.SS.SS. capoluogo d provnca rsultano capotla dcl Progetto. Le attvtà prevste sono state programmate dal tavolo d lavoro provncale e coordnate dal referente provncale delle équpe adozon; L Azenda ULSS n 6 Vcenza, capotla del Progetto n ambto provncale, ha acqusto agl att la dsponh1t delle collaborazon delle Azende UU.LL.SS.SS provncal, d 3 Ent autorzzat l adozone mernazonale: SOS Bambno onlus con sede a Vcenza AMI con sede regonale a Padova nell allegato C della stessa DG.R,V.: onlus con sede a Verona, così come ndcato è stata noltre acqusta agl att la collaborazone delle 3 Assocazon d Volontarato operant nel terrtoro provncale: Progetto adozone e accoglenza con sede a Sovzzo (VI): Gentor adottv Alto vcentno con sede a Thene (VI); Gl occh del mondo con sede a Valdagno (VI) che da ann collaborano con le UtJ.LL.SS.SS alla realzzazone de Progett regonal nell area adozon. Le azon promosse dal Progetto che rsultano qund agguntve a quelle sttuzonal del Servzo adozon delle azende 1JULL.SS provncal sono: I grupp d sostegno nella fase dell attesa e del post-adozone attuat n tutt terrtor delle Azende UU.LL.SS provncal; I laborator tematc per gentor adottv; I laborator tematc per docentì d scuole d dverso ordne e grado: - ncontr a terna rvolt alle coppe n attesa e nel post adozone; Cordì rameto 1e fl r01 Do O. 4. /0

3 Provnca Il sostegno alla ftmgla adottva nella fase d crlctà del percorso adottvo (fase attesa e post adozone) con focus specfco rvolto alle famgle con fgl adolescent adottat. l coordnamento progettuale, la realzzazone e la rendcontazone del Progetto regonale vengono affdate al Responsable del Servzo Adozon delfazenda. Il medesmo Drettore ha attestato lavvenuta regolare struttora della pratca anche n relazone alla sua compatbltà con la vgente legslazone regonale e statale n matera; I Drettor Ammnstratvo, Santaro e de Servz Socal e della Funzone TelTtorale hanno espresso l parere favorevole per quanto d rspettva competenza. Sulla base d quanto sopra IL DIRETTORE GENERALE D E L I B E R A d approvare Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.T.V.A). Intervent regonal n matera d Veneto Adozon (L. 476/98r, d cu alla d Vcenza con capofla provncale l IJLSS 6 Vcenza ; adozone nazonale ed nternazonale - Delberazone della Regone del Veneto n del Area Adozon Sstema 2. d affdare la responsabltà dcl progetto al Drettore de Servz Socal dell Azenda dando atto che l medesmo s avvarrà delle collaborazon. qual corresponsabl, degl altr Drettor de Servz Socal e della Funzone Terrtorale delle Azende UIJ.LL.SS.SS provncal; 3. d affdare l coordnamento, la realzzazone e la rendcontazone del Progetto regonale al Responsable del Servzo Adozon dell Azenda 4. d prescrvere che l presente atto venga pubblcato all Albo on-lne dell Azenda. 3

4 ---- Parere favorevole, per quanto d competenza: Il Drettore Ammnstratvo (Dr. Roberto Tonolo) Il Drettore Santaro (Dr. Francesco Buonocore) Il Drettore de Servz Socal e della Funzone Terrtorale (Dr. Paolo Fortuna),,ì IL DRETTORE G (lng. Ermanno Il presente atto è eseguble dalla data d adozone. Il presente atto è proposto per la pubblcazone all Albo on-lne dell Azenda con le seguent modaltà: [X] oggetto e contenuto j solo oggetto (come da motvazone del Drettore del Servzo proponente); nessuna forma d pubblcazone (come da motvazone del I)rettore del Servzo proponente). Copa del presente atto vene nvato n data oderna al Collego Sndacale (cx ar. 10. comma 5, LR l994,n. 56). Vcenza, IL RESPONSABIER LA (ESTIONE ATTI DEL RVIZ1O AFFAR LEGALI E A1MINISTRATIVKLNjRALI L atto è nvato alla Gunta Regonale del Veneto n data con prot. n. Copa conforme all orgnale, composta d n. Fogl (ncluso l presente), rlascata per uso ammnstratvo. Vcenza, IL RESPONSABILE PER LA GESTIONE ATTI DEL SERVIZIO AFFARI LEGALI E AMMINISTRATIVI GENERALI 4

5 - Servzo Santar o Naz onale Regone Ver te AZIENDA ULSS N. 6 VlCENZA F odo n 361 VR.[ N/ 00 E(JNL S.. C6HSC. :7,, J D.G.R.V. n 1098 del 28 gwlgno 2013 Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.T.V.A). Intervent regonal n matera d adozone nazonale ed nternazonale. Sstema Veneto Adozon (L ).,Azenda Ulss. Promotor Progetto Delta: azon ntegrate per l adozone Provnca d Vcenza capofla Azenda ULSS n 6 Vcenza e Azenda ULSS n 6 Vcenza e Azenda ULSS n 3 Bassano Azenda ULSS n 4 Alto Vcentno Azenda ULSS n 5 Ovest Vcentno Drezon de Servz Socal- équpe adozon Ent Autorzzat all adozone nternazonale: Amc Msson Indane (AMI), e Assocazone d Gentor Inseme per l Adozone (NADIA) e SOS Bambno Internatonal Adopton Onlus Altr soggett - collaborator al progetto Assocazon d Volontarato: Famgle Adottve Alto Vcentno e Progetto Adozone e Accoglenza e Gl occh del mondo Responsable Dr Paolo Fortuna- Drettore de Servz Socal Referente progetto Referente Provncale Equpe Adozon Azenda ULSS n 6 Vcenza - Vale Rodolf 37- Vcenza Tel 0444/ a,t Dott.ssa Scarparolo Annalsa Sevzo Interdstrettuale Adozonì Ulss n 6 Vcenza Contrà Sant Apostol. 21, Tel e Fax: 0444/ annalsa.scarparolocuissvcenza. t, servzo,adozon(ulssvcenza, t Data: Frma del Responsable del progetto Dr Paolo Fortuna- Drettore de Servz Socal

6 Premessa: L adozone ogg s presenta come una reala complessa. da comprendere appeno per rconoscerne le speclctà. ntervengono nel suo dvenre fattor cultural. socal, storc e pscologc, n un concatenars d arabl e d numeros 1dll d nterazone. La coppa adottante ha un funzonamento e un dentta specfca perche ntercetta n questo percorso dhers ambt: ntrapschco. nterpersonale. d coppa. famlare e sttuzonale, n un ntrecco delcato e complcato. Sarebbe comunque un errore consderare I adozone come un espere,ra rts clnosa ton cour al c onu urlo est «osso stud epdemologle che confermano quanto àclozone po.s va eswere un esperenza re.slcn e ra.slormarce, su per l bambno che per I genitor (R Bommassa e S I accan. 2011) d altro canto non bsogna gnorare l dato che nella consultazone clnca stanno gungendo sempre pù frequentemente gentor adott n dffcoltà. L adozone d per sé s confgura come una rsposta socale al problema dell abbandono, della trascuratena. del maltrattamento e dell abuso delflnfanza. essa è una sfda mportante sto che sancsce un legame gentorale al d là d un vncolo d sangue. Inoltre rappresenta un fenomeno socale rle ante. con partcolare r fermento all adozone nternazonale, poché vede l ntegrazone multetnca a alenta so,ale.ssuta anche nell ambto della conv sen a famlare, Altr element d complesstà della malta adottva rguardano la numerostà degl attor che entrano n goco. qund loro mol, compt e bsogn (l bambno, la coppa gentorale. gl operator de servz pubblc, gl ent autornat magstrat. la scuola,. ) e qund la necessta d promuovere stratege fnalzzate a creare buone prass comumcat se orentate al confronto e all ntegrazone, tra soggett pubblc e prh at. propro per fa orre l benessere del bambno e lo svluppo d nuo legam d attaccamento. Una delle stratege metodologche utl al raggungmento dtal obelt pensamo possa essere quella del la oro d rete. anche n ottca preventa. che permette d gudare l lavoro de d ers soggett convolt n modo pù effcace e fun,onale. n quanto fa orsce l ottmzzazone delle rsorse relazonal nd dual e de sstema socale. l.e stesse ndcazon present nella delbera regonale n 1098 del 28 gugno 2013 Progett rerrtoral Veneto Adozon (P. l.v.aì sembrano andare n tale drezone sottolneando l opportuntà che la progettualtà n oggetto abba prma d tutto una valenìa provncale ed noltre mr ad un alta ntegrazone delle are azon proposte da dvers partners cons olt. S è rtenuto mportante sudd dere l presente progetto n pù part. una che contene tutte le azon pensate per la fase dell attesa (fl ed un altra per quelle della fase del pos adozone (2). mantenendo un focus specfco d attenzone per le tematche adolescenzal. Alla programmazone del taolo. da ann nella provnca d cenza. partecpano alcune assocazon d olontarato attbe n ambto adottvo: alle a/on organzale da tal soggett è stata dedcata un ulterore area 3) al fne d dare rsalto e shltà specfca a questa peculare presenza. 2

7 1) REA ATTESA Descrzone: L adozone rappresenta per la coppa una mportante scelta d vta, un e ento cercato, atteso, ca co d aspettatve e complesso nel le sue artcol azon, anche temporal. Come tutt d % ers stad che caratterzzano l adozone, anche l perodo dcl attesa una fase peculare, sa per conug che attendono l concretzzars del loro desdero d genìtoralt. sa per I ler adottvo nel suo complesso. I ale momento, successvo alla fase d valutazone dell doned all adozone, presenta caratterstche speclche e a per questo alorvato L attesa nfatt a sempre po defnendos come un passaggo. una fuse d transzone. che può rappresentare, se adeguatamente potenzata. un contesto d ulterore crescta per le coppe. d sostegno alle specfche rsorse personal e tamar, d consapevolez7a e maggore preparazone all ncontro con l tglo. Alla luce d tal premesse. l presente progetto ntende proporre ntervent nell area dell attesa attraverso azon d\ ersfcate sa nelle modala d realzzazone che nell mpegno rchesto alle coppe, cò al fne d stmolare nteresse e partecpazone. Motvazone: Le azon. proposte ne t. area dell attesa, nelle precedent progettualta. hanno sempre rscosso un adesone post\ a. sa n termn d numerostà de partecpant sa nella qualtd de rsultat raggunt. S e pertanto rtenuto opportuno proporre nuoarnente azon specfche per tale fase dell ter adott o, prevedendo al contempo alcune nox Lu come ad esempo un gruppo d Sostegno speclco per famgle n attesa con tgl ga present nel nucleo. La progettazone d aton specfche per tale fase dell ter e mot ata dalla percezone. da parte dalle coppe, della fuse dell attesa come un spazo tempo senza de lmt conoscut, denso d sentment, d Iìntasc, d preoccupazon e d desder che hanno bsogno d trovare un espressone d senso. Da qu la con unzone d offrre delle opportunfu d condvsone fra persone che \ oro la stessa esperenza, al fne d trasformare l attesa n un momento d crescta, d arrcchmento personale e d coppa. al contempo d preparazone all accoglenza dell altro d erso. stranero. gnoto. Obettv general: sostegno della coppa durante la fbse dell attesa: sensblzzazone nfòrmazone sulle tematche nerent l attesa: sensblzzazone nformazone alle coppe n attesa d adozone nazonale al fne d pote gestre al meglo stuazon d gentoralt non defntva: Azon: I. I. Incontro I Grupp d sostegno per l attesa a tema 1.3 Colloqu d sostegno pscosocale alla coppa nella fase dell attesa Azone 1.1: A) Grupp d sostegno per l attesa Obettv specfc: - eond dere con le altre coppe la dmensone dellattesa caratterzzata da tmor e ncertezze: 3

8 offrre e sostenere uno spaz d pensero tacltando un percorso d autorflessone e d charfcazone motvatonale alle coppe: valorzzare le rsorse degl asprant genìtor e la loro capactd d traslbrmare l attesa n un momento d crescta personale oltre che d coppa al fne d preparars ad offrre uno Spal.o adottvo msurato su bsogn prmar del bambno: elaborare eventual sentment (l rabba e d frustrazone attnent al ssuto dell attesa: garantre contnutà al progetto adottvo nelle dverse frs temporal rafforzando ldentt e l ruolo della gentoraltà adota. favorre la formazone d una rete d relazon tra partecpant. Destnatar: Coppe n attesa d adozone nazonale e nternazonale, resdent nella provnca d Vcenza, che hanno concluso lo studo d coppa e da poco hanno conseguto l decreto o conferto ncarco a l ente autorzzato. Modaltà d realzzazone: ndvduazone de potenzal Irutor de progetto attra erso le banche dat de servz: eventuale predsposzone d un modello d lettera per la presentazone del progetto con scheda d adesone: reper mento d local adeguat ed organzzazone de temp: nvto scrtto e. o teletòneo con mx o del calendaro degl ncontr a coloro che hanno dato adesone: s prevede d realzzare almeno tre_gpp jpstegp e n caso d eccedenza d rcheste s s alutera la possbltà d avvare altr grupp sul terrtoro prox ncale: ogn gruppo prex ede un cclo d dec ncontr da s olgere nel corso dell anno: la conduzone è curata da uno due operator (serx u e o ente autorzzato) con compt d guda. sostegno e lcltazone, cx entualmente ax \ alendos anche del contrbuto d altre lgure professonal esterne, per facltare lo scambo e I eplorazonc delle propre rsorse l operatore potra servrs d materal specfc, qual spetzon d flm. fabe, atlx tà grafchecreatve. ecc: predsposzone d un questonaro fnale dì gradmento e stesura d una relazone sulle attvtà svolte e su rsultat ottenut. I conduttor de grupp d sostegno attesa e post partecperanno ad un att\ tà d nterx sone con ncontr perodc (se lavoro ntegrato fra serzì ed ent autorzzat. olo nell anno) a fne d condx dere l esperenza n corso nell ottca del Caratterzzazone: In questo partcolare momento della vta della coppa. quale l attesa dell arrvo d un bambno adottx o. s vuole offrre un percorso che conduca nel vx o del fax oro operatvo, esplorando l esperenza vssuta senza rsposte defnutx e da offrre, bensì nterrogat\ da condvdere. Il gruppo è uno strumento eflcace nello stmolare le elaborazon sa personal che d coppa. graze al confronto dretto con persone che s sentono alla par, con cu s flossoflo condxdere paure, esperenze, dubb, domande. n una crcolartà d opnon, raccont e suggerment che arrcchsce e porta a maggor consapex olezze. Oltre alla possbltà d allargare le ret relazonal d soldaretà e d amcza tra futur gentor adottv, n un contesto non valutanvo e nformale, nel gruppo s può anche usufrure d un ventaglo d soluzon concrete ndxduate da dvers partecpant. Vene dunque ncrementata la possìhltà da parte della sngola coppa d elaborare rsposte effcac alle dffcoltà nste nel propro percorso. Rsultat attes: partecpazone costante delle coppe agl ncontr: contemmento d paura. rabba ed ncertezza. 4

9 - ncremento rafforzamento delldenttà e del ruolo d uentore adott\ o anche da un punto d \ sta emotvo alettv o: della tduca nelle propre capacta d gestre le d erse fas dellattesa: ndvduazone d una rete d rfermento per la gestone d eventual dffcoltà. Sostenbltù futura: I.a possbltà d rendere sostenhle e stable tale attvtà e legata. oltre a rsultat d crtca, anche alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Materal: A chusura del progetto sara presentato a cascun partecpante un questonaro d valutazone su dvers aspett caratterzzant l progetto (organ//azone, ambente, contenut, conduzone, ecc). B) Gruppo d sostegno per famgle n attesa d seconda adozone o d prma adozone g con fgl bologc Obettv specfc: accompagnare le famgle parallelamente (gruppo gentor e gruppo bambn) rspetto all elaborazone e all approlòndmento d specfche aree tematche: accrescere la preparazone de bambn bologc e adottv all arrvo del h atello adottvo: l av orre lo scambo e la ondv sone d esperenze tra gentor adottv e gentor bologc n attesa 1)estnatar: Famgle n attesa d seconda adoone co coppe con lìgl bologc n attesa d prma adozone resdent nella provnca d Vcenza. Il progetto è nv olto sa a gentor che a bambn (n parallelo). N Iodalt d realzzazone: ndvduazone de potenzal fru tor del progetto attrax erso le banche dat de servz: eventuale predsposzone d un modello d lettera per la presentazone del progetto con scheda d adesone: repermento d local adeguat ed organzzazone de temp: mv to scrtto e. o telelònco con nvo del calendaro degl ncontr a coloro che hanno (lato adesone s prevede d realzzare upgrtpp d suddvso n due sottogrupp uno per gentor e uno per loro bambn, gestt da pù operator n modo contnuatvo, secondo un organzzazone n parallelo. Il sngolo ncontro s svluppa n modo da consentre a bambn e a gentor d lavorare parallelamente sulle stesse tematche medante l utlzzo d metodologe sml o ugual, con l obettvo d attvae un lav oro d approfandmento ed elaborazone comune tra gentor e bambn: l progetto prev ede un cclo d se ncontr: un ncontro prelmnare rvolto a gentor, quattro ncontr parallel per gentor e bambn (a lrequenza qundcnale o mensle) e un ncontro fnale d resttuzone rvolto a gentor per l acltare lo scambo e esplorazone delle propre rsorse gl operator potranno servrs d materal specfc. qual spezzon d flm. fabe. attvtà grafche-creatve ecc: predsposzone d un questonaro lìnale d gradmento e stesura d una relazone sulle attvu svolte e su rsultat ottenr t, I conduttor de grupp d sostegno ncontr perodc (se lav oro ntegrato fra servz ed ent autorzzata. attesa e post. partecperalno ad un attvtà d ntervsone con otto nel anno al lne d condvdere l esperenza n corso nell ottca del 5

10 - preenzone Caratterzzazone: Per le famgle che hanno ga vssuto una prma esperenza gentorale (naturale o adott a) l perodo dell attesa presenta caratterstche d ulterore complesstì consderato che la modfca delle dnamche fmlarì che progetto adottvo comporta. convolge l bambno gu presente nel nucleo. Negl ncontr parallel contenut sono alìì ontat medante un lavoro d mmagnazone e rappresentazone su specfche aree tematche: l bambno a n arr\ o. l aggo. l ncontro e l accoglenza, nuo equlbr famglar, Le metodologe utlzzate sono. branstormng, Iax or d gruppo, creazone d rappresentazon grafche, utlzzo d mmagn e (lmat, drammatzzazon. dscusson n gruppo. Rsultat attes: 1) elaborazone e approfundmento delle aree tematche proposte. Indcator: partecpazone attva alle attvtà proposte: partecpazone contnuatva al cclo d ncontr: autopercezone dellc coppe rspetto all utltà del progetto. 2) aumento della preparazone de bambn all arr\ o del fratello adonvo. Indcator partecpazone attva alle attvtà proposte: espressone e condsone n gruppo d aspettatl\ e ed emozon legate all arrvo del lì atello adottvo: aumento. da parte de bambn. d raccont rguardant l fratello fuor dal contesto del gruppo: ne bambn bologc passaggo da rappresenta/on dealzzate del fratello al rconoscmento d aspett pù realstc e ne bambn adott rattvatone d aree legate alla propra stora. 3) sostegno gertorale attuato aitrtne o l conronto tra le coppe e la cond\ sone d esperenze. Indcator: colld\ done delle crtctà e delle possbl stratege e rsorse utlzzabl. Sostenbltà futura: Fale aspetto dpende dalla programmazone antcpata delle att dà e delle modaltà d conduzone del progetto noltre dalla alulazone delle rsorse necessare e dalla dsponbltà a collaborare con altr ent autorzzat o ser z del terrtoro. Comunque la stabltà nel futuro dell nzatva dpenderà anche dalle rsorse economche e umane date a dspozone Materal: Questonar d al utazone e gradmento Azone 1.2: Incontro a tena Affdo a rscho gurdco e adozone: parlamone. Obettv specfc: nella geston delle crteta relat\ e all nsermento n famgla d un bambno n affdo a rscho gurdco. aumentare la consape oleza sa sulla dsponbltà a prenders cura d un bambno n al ldo a rscho gurdco sa sulla gestone d un esperenza eonnotata da element ansogen. I)estnatar: Coppe n attesa delle quattro azende 1 SS afferent alla provnca d Vcenza. Nlodaltù d realzzazone: realzzazone d cm nconro aperto a tutte lamgle nteressate al tema e resdent nella provnca d Vcenza. 1 fase nd\ duazone d espert sa degl aspett gurdc sa degl aspett relazonal: 1V fase defnzone de contenut teorc da affrontare e trasmettere a tn òrmat 6

11 - III Ihse programmazone della dscussone n plenara con le coppe n attesa. CaratterzLazone: possbltà d acqusre maggor nlhrmazon su bsogn delle coppe n attesa: possbltà per le coppe d a ere nformazon corrette con conseguente aumento della consape olezza sulle possìbl problematche dell affdo a rscho gurdco: metodologa nterau a con Rsultat attes: relator rlevazone de bsogn delle coppe che effettuano questa scelta famlare con possbltà d una mglor preparazone ne cors d formazone partecpazone att a e mot\ ala delle coppe n attesa: sensblzzazone all adozone: aumento nelle coppe n attesa della capactà d eff ttuare scelte consapevol n relazone ad un abb namentu, Sostenbltà futura: I a stabltà nel futuro dell nzat \ a d pendera dal le rsorse economche e umane present. Matera l: costtuzone banca dat con emal delle coppe partecpant: questonaro fnale d soddsldtone. Azone 1.3: Colloqu (l sostegno pscosocale alla coppa nella fase dell attesa Obettv specfc: promuo ere uno spato d ascolto e sosteeno spec fco della coppa nella fase dell attesa: ncrementare nella coppa le nthrmazon specfche sulle tematche connesse a tale fase dell ter adotto lhvorre una rflessone dì coppa sulla propra stora fhmlare anche n relazone ad e entual crtctà emerse nel perodo specfco dell attesa: ncrementare ne scr z le buone prass per la presa n carco della coppa n questa fase del percorso adotl\ O. formulare. a l\ elo pro ncale, percors e programm capac d una effcace presa n carco de conug con un attenzone specfca a bsogn nell attesa Destnatar: ( opp nella fase dell attesa n carco a scrs u adozone. Modaltà d realzzazone: colloqu d sostegno: eventuale supcr sone su cas cmc da parte d consulent estern: runon dequpe: predsposzone, o e possble d questonar d \ crtca sulla soddsfazone dell utenza. Caratterzzazone: facltà d accesso alla coppa a spaz d consulenza: asscurazone della contnuta della presa n carco: costruzone e consoldamento d un percorso strutturato e condvso tra servz della provnca: calutazone dell eftcaev. dcl progetto tnche attraxerso la crtca della soddsfazone dell utenza. ndvduazone delle buone pratche: - d ulgazone degl est de progetto 7

12 Rsultat attes: - ncremento del processo d maturarone dell ter decsonale da parte degl adottant: - ncremento dcl fl)(fl55fl, percepto da parte della coppa: - aumento nella coppa (e nella famgla allargata) delle nformazon specfche n relazone alla fase dell attesa: aumento della consapevoleza negl utent de fattor d rseho nd dual e d coppa ed dentfcazone d modaltà per affrontarl maggore presenza d brelazon post e tra operator professonal e coppe n carco; attvatone d collaborazone Confront) tra operator de dvers sen z. Sostenbltà futura: La possbltà d contnua one del progetto e strettamente correlata a fnanament regonal che permettono a servz d mantenere un 1k elio adeguato d dotazone organca Materal: questonar d ;erflca sulla soddsazone dell utcnztt confronto e cond sone a lvello provncale sulle buone prass operatke ndvduate: e relazone fnale degl est del progetto. 8

13 2) AREA POST-ADOZ1ONE Descrzone: La presente area progettuale consdera numerose azon ed attx tì (rupp d sostegno. laborator tematc per gentor e per nella scuola, un ncontro a tema, colloqu d sostegno pscosocale alla lbmgla ) allo scopo d offrre alla famgla adottva dflèrent opportuntà sa che s trov all nzo del percorso d af lazone. sa che s sta rdetnendo come sstema famlare n quanto sta attraversando una delle fas d passaggo C\ olut\ o del suo cclo vtale. Inoltre ene rvolta un attenzone specfca al tema dell nsermento scolastco del bambno e del ragazzo adottvo. quale occasone d ntegrazone socale e s luppo dell appartenena;legame socale. La scuola rappresenta una rsorsa e un opportunta per l mnore n crescta e questo progetto ntende propors ad essa attrax erso un ntervento d pre enzone e contemporaneamente d rete. consderandola quale soggetto-.partner (l una progeltualtà partecpata al fne d En orre snergcamente l nclusone socale e scolastca del bambno ragazzo adottx o Motvazone: Il presente progetto parte da alcun presuppost teorc relaborat attrax erso l esperenza sul campo da parte de soggett conx olt n questo lax oro seppur a dx erso ttolo. l a famgla adottva s crea a partre da due necesstà. quella d un bambno e quella de gentor, le qual nascono dopo es re passa pc stuazon dolorose che hanno mplcato lutt, tanto nel bambno quanto ne gentor. ela llatone adottx a e fondamentale tener presente cò che ha x ssuto precedentemente l bambno, poché egl ha nzato l suo percorso d vta molto prma d arrx are nella ftrngla adottva, porta sulle spalle una stora pena d x ssut. d esperenze, d relazon e d legam strutturat nella sua psche. l come dre che la stora nell adozone non ha una tne, s costrusce n ogn momento. n questo l lax oro de gentor adottx ha una x alenta fondamentale. Esso mplca nltt uno slòrzo sgnfcatx o. n quanto comporta l contenmento delle paure del lìglo. l auto a metaholtarc le sue fantase rguardo le orgn, l sostegno alla complesstà de sentment collegat a suo vssut traumatc, tutto questo allo scopo d promuox ere n lu l nterorzzazone d un sé pustx o che gl permetta d accettare la sua realtà d adottato. Il progetto vuole cercare d rspondere, fra gl altr, a due fas d crtctà mportante : l età scolare e quella dell adolescenza. consderando l nsermento scolastco come uno spazo pubblco n cu l essere stat abbandonat e po adottat Impatta con gl altr, I ale trax aglo prosegue. con maggore enfas emotx a. negl ann dell adolescenza n cu dx enta centrale l compto d mettere nseme le part della propra stora e d dare una rsposta a tal crucal nterrogatx. Obettv general: offrre sostegno alla coppa nella fase del pos adozone: sensblzzare nformare sulle tematche nerent l pos adozone con partcolare attenzone alla realtà adolescenzale: sensblzzare, nformare e promuovere l ntegrazone socale del bambno ragazzo adottxo promuovere attvta d prex enzone a x ar lx cl n rfermento alla fase adolescenzale ed alle crtctà ad essa connesse. al 1ÌHC d aumentare l grado d competenza della comuntà e de soggett protagonst d x olta n volta conx oltì, sensblzzare e nfòrnare nsegnant e famgle sulle tematche nerent l adozone con partcolare attenzone alla realtà preadolescenzale ed adolescenzale: Azon: 2.1 Grupp d sostegno pe gentor nella lìse del 2.2 Incontro a tema 9

14 2.3 Laborator tematc per genton 2.4 Laborator tematc per nsegnat della scuola 2.5 Colloqu d sostegno pscosocalc alla famgla nella fase del pos adozone Azone 2.1: Grupp d sostegno per gentor nella fase del post adozone (età mnor 0/5 e 6/10 ann) Obettv specfc: convolgere nel progetto un certo numero d nucle famlar con bambn adottat negl ultm ann: ftcltare la dscussone e d bambn adottat nelle dverse fas della crescta; I enucleazone degl aspett maggormente mpegnatv per favorre l confronto e l reperunento d soluzon crca le problematche condvse n gruppo; promuovere la capactà rflessva della coppa nel rconoscere ed accoglere gentor bsogn del bambno durante le lhs d crescta, nella creazone del nuo o legame d flazone. nell nvestmento sugl apprendment cogntv e socal del tglo promuovere la formazone d un gruppo d gentor che sa d rfermento e sostegno recproco anche ne contest extra sttuzonal: prevenre stuazon d maggore crtc/ col legate alla crescta e comunque preparare le famgle ad affrontare ne mglore de mod. Destnatar: Gentor adottv d tgl n età 0 I 0 ann. Modaltà d realzzazone: ndvduazone de potenzìal frutor del progetto attraverso la banca dat locale: eventuale predsposzone d un modello d lettera per la presentazone del progetto con scheda d adesone: repermento d localì adeguat ed organzzazone de temp: nvto scrtto c o telelonco con nvo del calendaro degl ncontr a coloro che hanno dato adesone. In caso d eccedenza d rcheste s valuterà la possbltà d avvare altr gruppo sul terrtoro provncale: s prevede d attvare almeno tre grupp d sostegno nella provnca d Vcenza compost da gentor che hanno tgl adottv nella stessa fasca d età W5 ann e 610 ann>: cclo d ncontr da se a dec nel corso dell anno; conduzone da parte d uno/due operator (servz e/o ente autorzzato) con compt d guda. sostegno e facltazone: predsposzone d materale utle a favorre l lavoro d gruppo; predsposzone d un q1estonarjo fnale d gradmento e stesura d una relazone sulle attvtà svolte e su rsultat ottenut, nonché su eventual 1/tur s lupp dell nzatva, tale da poter essere socalzzata successvamente con gl altr partner del PTVA provncale. I conduttor de grupp d sostegno (attesa e post) partecperanno ad un attvtà d ntervsone con ncontr perodc (se lavoro ntegrato fra servz ed ent autorzzat. otto nell anno al fne d condvdere l esperenza n corso nell ottca del Caratterzzazone: Il progetto s qualfca per la metodologa scelta del lavoro n gruppo d pccole mede dmenson (da cnque a dec coppe) che permette una maggol e pregnanza e veloctà d Process rspetto ad altre metodologe d ntervento. Inoltre questa dmensone d lavoro d gruppo Permette e faclta la rflessone su bsogn de fgl, sulla costruzone del nuovo legame gentorale, e rspetto a bmb pù grand v è lo spazo per confrontars rguardo l nsermento socale del propro tglo con partcolare attenzone all ntegrazone scolastca. lo

15 Rsultat attes: adesone al progetto d almeno l 300 o provncale secondo le due lutsce d eta consderate: attvazone e contnutà nella partecpazone degl aderent al gruppo: 400 o de nucle famlar resdent sul terrtoro s luppo della capactà d entra-e negl aspett crtc, cercando e trovando soluzon, con la tenuta d un verbale daro che document gl argoment trattat e le eventual soluzon raggunte da partecpant (la stora del percorso >: creazone d un adeguato clma d gruppo tale da s luppare confronto costrutt o al SUO nterno e facltazone de contatt anche c\tra sttuzonal: crescta del benessere della relazone gentorfgl nonché del legame d attaccamento anche nelle lhs d normale separazone n occasone degl nserment scolastc: soddsfazone de partecpant, da crfcare con questonaro fnale d gradmento. SostenhIt futura: La possbltà d rendere sostenble e stable tale att ud è legata. oltre a rsultat d erfca, anche alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Nateral: Verbal degl ncontr d gruppo. questonarlo fnale d gradmento: e entuale materale prodotto dal gruppo anche quale sntes fnale de la\ or Azone 2.2: Incontro a tena Covan orgn: tra legam e rcerca d dentt Obettv specfc: aumentare ne gentor adottv la consapcx olezza sulle specfcla. su bsogn e su cambament dell cm adolescenzale: sensblzzare gentor rspetto al tema dell denttà e delle orgn del fglo: offrre a gentor strument d comprensone e uno spazo d eondn sone su contenut che rscuotono maggor Interesse. Destnatar: Gentor adottv con tgl preadolescem adolescent delle quattro azende LSS afferent alla provnca d Vcenza. Modalt d realzzazone: ndvduazone d uno o pù relator: programmazone dell ntervento nella defnzone de contenut e modaltà d gestone dell ncontro: pubblczzazone dell e eno attra\ erso anche Caratterzzazone: I n o d nvt alle famgle. opportuntà d attrontare aspett specfc dell adozone a dstanza d alcun ann dal segumento de servz, che assumono così una funzone d Prossmtà: occasone per far remergere tematche delcate rspetto alla gentoraltà adott\ a (pc esempo dentta e orgn), nell ambto dì una fase d crescta con aspett comunque crtc nel rapporto gentorfgl. Rsultat attes: atteggamento d maggore apertura e d confronto da parte delle coppe adottve: acquszone d maggore capactà d comprensone e dalogo da parte de gentor \erso partecpazone att\ a delle coppe n merto agl stmol propost fgl: 11

16 Sostcnblt futura: La possbltà d rendere sostenble e stable tale attvtà è legata alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Materal: Quesuonaro d soddslhzone rvolto a partecpant; relazone fnale sulfattvtà svolta. Azone 2.3: Laborator tematc per gentor Obettv specfc: anals del bsogno delle coppe adottx e relatvamente alle tematche salem della gentorattà adottva con partcolare attenzone all area dell adolescenza: convolgere un certo numero d nucle famlar con fgl adoux d dx erse età e moment evolutv favorre tra partecpant Fnterazone e lo scambo d dee/proposte rferte alla tematca specfca del laboratoro: svluppare rflesson e consapevolezze ne gentor utl a produrre eventual mglorament nella relazone affettva educatva gentor e tgl nonché nella dnamca d coppa: prevenre stuazon d maggore crtctà collegate alla crescta e comunque preparars ad affrontarle nel mglore de mod l)estnatar: Famgle del terrtoro della provnca che hanno accolto un bambno n adozone negl ultm ann. Modaltà d realzzazone: ndvduazone de potenzal frutor del progetto attraverso le banche dat de dvers servz: predsposzone d un questonaro per le famgle al fne d rlevare l bsogno e le tematche d maggore nteresse fra quelle potzzate dal tavolo provncale; sulla base d quanto raccolto attraverso la rlevazone s organzzano laborator per sngola tematca: repermento d local adeguat ccl organzzazone de temp. In base alle adeson rcevute s valuterà concretamente l numero de grupp da attvare, la composzone terrtorale/provncale e le dverse tematche su cu attvare l nzatva, s potzza la realzzazone d sette laborator tematc nella provnca d Vcenza: nvto scrtto e/o telefonco con nvo del calendaro degl ncontr a coloro che hanno dato adesone: ogn laboratoro sarà composto da crca orto dec coppe e prevedera un cclo d ncontr (da tre a cnque) con cadenza mensle; conduzone da parte d uno/due operator (servz e/o ente autorzzato) con possbltà d conx olgmento anche d altre lgure professonal esterne: gl operator hanno l compto d stmolare la dscussone, l confronto e facltare l nterazone; predsposzone d materale utle a favorre l lavoro d gruppo: predsposzone d un questonaro fnale d gradmento e stesura d una relazone sulle attvtà sx olte e su rsultat ottenut. I conduttor de dvers laborator tematc parlecperanno ad un attx tà d ntervsone con ncontr perodc (se otto nell anno) al fne d cond dere l esperenza n corso nell ottca del lavoro ntegrato fra servz ed ent autorzzat. Caratterzzazone: l attvtà s presenta come un ntervento d tpc preventvo a partre da una rlevazone de bsogno e da una successva relaborazone dello stesso da parte del tavolo provncale: la metodologa scelta per l attuazone dell ntervento a partre dall deazone passando anche atttax crso I ntcr sonc e glunglndo alla x autazlonl fn tk. comporta I opportunta d la oratc / /12

17 n modo ntegrato fra partners allualor cond sone d una cornce teorca. de tem da proporre e delle modall operate) laborator s caratterzzano per la relatr a brevtà dell ntervento n termn d tempo rchesto alle famgle. contemporaneamente per essere degl spaz nteratt\. n cu teora e lratca s ncontrano. dvenano n tal modo un occasone d approfondmento, anals e convolgmento ndvduale e d gruppo: ogn laboratoro tematco prevede una progettualta specfca (cond sa con l ta\ olo provncale) adeguata alla sngola tematca e alla metodologa scelta dagl operator che conducono l laboratoro consderata la loro modaltà organzzat\ a (temp, luogh e numerosta) e la aretà delle emache. s prevede la possbltà per la stessa famgla d partecpare a pù proposte nell arco dell anno. Rsultat attes: adesone da parte delle coppe adott e sa alla parte d rleazone del bsogno che alle successve fas, raccolta d un numero d adeson sulìcente all att azone d almeno sette laborator sul terrtoro provmca attx azone e contnutà nella partecpazone degl aderent al laboratoro: creazone d un adeguato clma all nterno del laboratoro tale da s luppare un confronto post\o e eostrutt\ o ncremento del henessere percepto da parte della coppa n sé e ne confront de tgl: aurnenro della consapevolezza ne partecpant de Pttor d rscho nd dual e d coppa soprattutto n un ottca d prevenzone delle ertctà elevate: adeguata corrspondenza tra aspettat e nzal de partecpant e loro sodds1zonc fnale rlevable con un questolaro fnale d gradmento. Sostenblt futura: La possbltà d rendere sostenble stable tale attvtà è legata. oltre a rsultat d crfca. anche alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Materal: - materale questonaro d rle\ azone nzale: e entuale support audos sv. altr materal collegat all attvtà concreta prevsta dal sngolo laboratoro prodotto dal gruppo d nler soìe quale sntes fnale de la or: questonaro fnale d gradmento. Azone 2.4: Laborator tematc per nsegnat della scuola Premessa: (secondara d prmo e secondo grado) La presente azone progettuale ntende promuo ere nuov spaz d ntegrazone e collaborazone tra soggett a derso ttolo convolt nel percorso adottx o con l ohett o d fa orre l nclusone scolastca e socale dell alumo adott o. preadolescente e adolescente. Cò attra\ erso l att azone d nzat\ e laboratoral d erstcate e realzzate a ar l dl. curate da partners d ers (t lss. ente autorzzato) ftgr4to e coordnato tra loro. I sttuzone scolastca nel suo complesso rappresenta l target prvlegato a cu s ntende rvolgere l attenzone. soprattutto ansa erso una prugettualta condvsa e parlecpata. 13

18 A) Laboratoro tematco rvolto agl nsegnant Obettv specfc: FASE: avvare un confronto fra dvers soggett, pubblc e prvat (ULSS, ent autorzzat, scuola) fnalzzato a rlevare e condvdere bsogn specfc degl alunn adottv nell ambto dell nsermento e della \ ta scolastca (relazon nterpersonal. apprendment. ntegrazone socale,... promuovee la condx onc d un lnguaggo comune fra soggett sttuzonal e non al fne d attvare azon e buone prass ntegrate. accomunate da una cornce d rferment teorc e normatv. 2A FASE: sensblzzare e offrre degl spaz nformatv larmatv a docent sulle dffcoltà specfche che flcofltlcìflo a scuola agazz adottat n h uil du s tael d scolazzazone lonhl eha\ d lettura e soluzon pratche dì ntervento anche alla luce della normatva n vgore e d quanto eventualmente raccolto nelle esperenze d confronto con extrascol astco. ragazz adottv n ambente Destnatar: I FASE: operator de ser z. degl ent autorzzat e personale della scuola (a var lvell). 2A FASE: nsegnant, n partcolare quell della scuola secondara d secondo grado. Modaltà d realzzazone: la FASE: attvare un lavoro congunto tra équpe adozon ed ente autorzzato n preparazone del laboratoro pc opera1or che verrà organzzato successvamente condvsone d obettv. metodologa, temp ): realzzazone d un laboratono,pgjpcraton (ser 171 ent autoa /Lat scuola) st luppato attraverso alcun ncontr d trequattro ore cascuno: é prevsto anche l convolgmento d espert estern, fra cu un gursta conosctore della normatva specfca su adozone e scuola. 2 F ASE: realzzazone d almeno due Iahoaton pg. lnslunant oganzzat n h se al numco d adeson raggruppal per ordne d scuola. Ogn laboratoro p evede q uauro cnque ncontr ed eventualmente uno n plenara per la condvsone de rsultat raggunt e delle scelte strategche ndvduate nonché per la verfca del percorso: per favorre la partecpazone de docent s rchederà che tale nzatva venga nserta tra le attvtà formatve rconoscute. Caratterzzazone: - vene 1 FASI: L nzatva ha la peculartà d rappresentare uno spazo dedcato all ntegrazone degl ntervent d a addet a lavor, mpegnat normalmente su front dfferent. L obettvo dventa cund quello d cond dere una lente d osservazone tra soggett sttuzonal e non. prepost alla cura/educazone de ragazz. Questo al lne d promuovere delle buone prass d ntervento condvse, utl a favorre l nclusone scolastca e l benessere de ragazz adottat a scuola. e conseguentemente la loro autostma e autoeflcaca: rservato un momento d cond\ sone tra dvers attor, anche con l supporto d espert. per conoscere e far propr gl strument che la normatva n vgore offre a favore dell nclusone scolastca: la coprogettazone d buone prass rappresenta un punto d partenza per dffondere po rsultat raggunt a lvello provncale. 14

19 E \SE: Questazone s caratterzza per E utlzzo d una metodologa d lax oro nterattx o a partre da bsogn r levat dagl nsegnant sul tema del! nsermento scolastco dell alunno adottx o. Con le stesse modaltà sarà possble lax orare anche su crtctà rlex ate nella quotdantà della vta scolastca per costrure. n modo cooperatl\ o. stratege e pratche d nterx culo utl al lavoro de docent Rsultat attes: I FASE aumentare ne parteclpaht l lx elo d conoscenza e padronanza delle rsorse attvabl. nonché (le lmt present nella normatx a. nell ambto delle relazon, nelle metodologe... fax orre I ntegrazone scolastca del ragalzo adottvo. endere pu effcac cd omogene nel terrtoro gl nterx ent rx olt alle fìmgle. 2 FAS1H: - elaborazone partecpazone attva e motvata de docem a laboratoro tematco acquszone d maggor conoscenze sulle dffcoltà specfche che ncontrano a scuola: d buone prass condx se tra strument applcalx del protocollo d ntesa x gente n matera: convolgmento del CS.\ n tale operatx ta: ) per ragazz adottat d\ ers attor che possano essere esportate e dx enrc strument d verlca: questonaro d soddsfazone: relazone documento conclusvo. Sostenbltà futura: l,e azon prevste conx olgono dvers attor qual, partecpando ad una progettualtà condvsa, s auspca possano persegure delle buone pratche. frutto del laxoro ntegrato nel terrtoro d competenza del progetto PTVA. I e competenze acquste e la rete operatva che mcx tablmente s nstaura, dovrebbero andare oltre lo spazo temporale pre sto dal progetto stesso. I.a possblta d dffondere, consoldare e potenzare l lavoro ntegrato a lavore dell nclusone scolastca del mnore adottxo, dpenderà ànche dalle rsorse economche nvestte n questo ambto da futur pan regonal. Materal: V l ASE: questonar d soddslhzune: documento fnale raccolta ragonata della normat a n x Igore sul tema. 2 FASE: protocoll d lavoro gà axx at (buone prass) ed altr strument utlzzat n altre realta terrtoral, protocollo regonale. letteratura sull argomento. rcerche e statstche. questonar d sodd sfaz one: documento fnale, e entual pubblcazon ed ntervent stampa. B) Laboratoro tematco rvolto agl nsegnant della scuola secondara d prmo grado. Obettv specfc: I FASE: acqusre una maggore conoscenza de bsogn ntormatx quant qualtatx a) rfert alla realta adottva presente nella scuola dell obblgo. format dcgl nsegnat (rcerca 15

20 2 F.Sl: promuovere negl nsegnant una maggore consapevolena rguardo alla peculartà dell esperenza adott a nonché l acquszone d strument operat utl nella gestone del gruppo classe, della relazone con l bambno e d quella con la sua famgla: - favorre un atteneone specfca terso l nclusone socale e l ntegrazone del bambno adotto nelle realta scolastche dcl temtoro. Destnatar: Isttut Comprenst t I SS u.6 d %cen,a ed nsegnant della scuola secondara d prmo grado. Modaltà d rcslnsnone: I FASI? - contatt con drgent scolastc ed o d una ndagne statstca realzzahle anche attraverso la consulenza d un tecnco esterno - tale ndagne tene s olta a meno questonano da dstrbure agl nsegnant: - elaborazone de dat raccolt e talutazone su quanto emerso. 2 1 %SE - a fronte del la oro d ncerca st otto s posegue con la realzzazone d un laboratoro tcmatco rvolto ad un_gruppo d nsegnant.(dec - qundc] della durata d cnque ncontr. Caratterzzazone: I FASE: - possbltà d avere una maggote conoscenza de bsogn del terrtoro a partre da dat statstc raccolt attraverso I ndagne. 2 FASE: - l laboratono tematco t.ne proposto n quanto spazo d nterazone e partecpazone attva rtolto agl nsegnant. l azone è realzzata medante dverse tecnche d conduzone d gruppo. n partcolare quella della Meda Fducaton che pretede l utlno d stmol teorc e support audovst. Rsultat attes: I FASE ottenere una nlevazone statstca che permetta una conoscenta puntuale delle necesstà del terrtoro utle alla programmazone d azon progettual a brete e a lungo termne: e ndcator d terfca: Iaboranone de dat e relazone conclusva della rcerca. 2 FASE. e partecpazone att a e motvata degl nsegnant al laboratoro tematco: - condvsone ed elaborazone d stratege operatt e utl agl nsegnant: e ndcator d terlca: questonano d soddsfazone: relazone documento conclus o. Sostenbltà futura: La possbltà d prosegure nel luturo questa att tà dpende dalla dsponbltà d rsorse economche e d personale. Materal: I FASE: elaborazone dat della rcerca statstca e relazone eonclus sa. 2 FASE: materale audossto strutturato. questonar d soddsfazone: documento fnale. 16

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218 REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Isttuto Comprensvo d scuola prmara e secondara d prmo grado n lngua talana BOLZANO II DON BOSCO REPUBLIK ITALIEN AUTONOME PROVINZ BOZEN SUDTIROL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I.

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I. FOn,l Éù.TTBUTTURQLI \àd, ia) EUROPEI 2047-2015.ÙMPETENZÉ PER LO SVILUPP (r e, - r{btenll P B L' APPNEN IMENTO {FC ) l-c.'sawétvlllll" ISTITUTO COMPRENSIVO "G. SAIVEMIM" 74122 TARANTO. VIA GREGORIO VII,

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR ESAME D STATO 2010 - L TUO ESAME - MATERE http://\vw\v. trampi.istruzione.it/esamistato/ricercacommisione.do?. tuo Esante di Stat -,:il' ;'--.,- A44001 BORTOLON CARLO SCUOLA STATALE GROLAMO FRACASTORO

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli