DELIBERAZIONE O G G E T T O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE O G G E T T O"

Transcript

1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 15 dcl 16101/2014 O G G E T T O Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.TV.A). Intervent regonal n matera d adozone nazonale ed nternazonale Sstema Veneto Adozon (L476/98), d cu alla I).GR.V. n del I3 Area Adozon Provnca d Vcenza: approvazone Progetto. Proponente: Coordnamento de: Drettor d [)stretmo SS, \nno Proposta: ::u 4 N omero Proposta: 22

2 NADIA 11 Responsable del Coordnamento de Drettor d Dstretto rfèrsce: Con delberazone della Regone del Veneto n del sono stat approvat Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.T.V.A). Intervent regonal n matera d adozone nazonale ed nternazonale Sstema Veneto Adozon (L. 476/98). La stessa Regone con atto n0 494 dell ha approvato l Progetto relatvo alla Provnca d Vcenza con fnanzamento regonale d euro 58,980,00; La programmazone delle attvtà è stata defnta dal tavolo d lavoro provncale d cu al punto 61.6 del protocollo operatvo regonale d cu alla D.G.R.V n 2947 del 2011 così come ad ogg composto ne sngol ambt provncal e coordnato dal referente provncale dell équpe adozon a sens della D.G.R.V del 200!: L attuazone dell allegato Progetto, che è parte ntegrante del presente atto, ha seguto seguent crter: 1 soggett attuator del Progetto regonale sono le Azende UU.LL.SS.SS. tramte le équpe adozon e gl Ent autorzzat per l adozone nternazonale frmatar l protocollo d ntesa regonale; Il Progetto è coordnato ed attuato su base provncale e le Azende UU.LL.SS.SS. capoluogo d provnca rsultano capotla dcl Progetto. Le attvtà prevste sono state programmate dal tavolo d lavoro provncale e coordnate dal referente provncale delle équpe adozon; L Azenda ULSS n 6 Vcenza, capotla del Progetto n ambto provncale, ha acqusto agl att la dsponh1t delle collaborazon delle Azende UU.LL.SS.SS provncal, d 3 Ent autorzzat l adozone mernazonale: SOS Bambno onlus con sede a Vcenza AMI con sede regonale a Padova nell allegato C della stessa DG.R,V.: onlus con sede a Verona, così come ndcato è stata noltre acqusta agl att la collaborazone delle 3 Assocazon d Volontarato operant nel terrtoro provncale: Progetto adozone e accoglenza con sede a Sovzzo (VI): Gentor adottv Alto vcentno con sede a Thene (VI); Gl occh del mondo con sede a Valdagno (VI) che da ann collaborano con le UtJ.LL.SS.SS alla realzzazone de Progett regonal nell area adozon. Le azon promosse dal Progetto che rsultano qund agguntve a quelle sttuzonal del Servzo adozon delle azende 1JULL.SS provncal sono: I grupp d sostegno nella fase dell attesa e del post-adozone attuat n tutt terrtor delle Azende UU.LL.SS provncal; I laborator tematc per gentor adottv; I laborator tematc per docentì d scuole d dverso ordne e grado: - ncontr a terna rvolt alle coppe n attesa e nel post adozone; Cordì rameto 1e fl r01 Do O. 4. /0

3 Provnca Il sostegno alla ftmgla adottva nella fase d crlctà del percorso adottvo (fase attesa e post adozone) con focus specfco rvolto alle famgle con fgl adolescent adottat. l coordnamento progettuale, la realzzazone e la rendcontazone del Progetto regonale vengono affdate al Responsable del Servzo Adozon delfazenda. Il medesmo Drettore ha attestato lavvenuta regolare struttora della pratca anche n relazone alla sua compatbltà con la vgente legslazone regonale e statale n matera; I Drettor Ammnstratvo, Santaro e de Servz Socal e della Funzone TelTtorale hanno espresso l parere favorevole per quanto d rspettva competenza. Sulla base d quanto sopra IL DIRETTORE GENERALE D E L I B E R A d approvare Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.T.V.A). Intervent regonal n matera d Veneto Adozon (L. 476/98r, d cu alla d Vcenza con capofla provncale l IJLSS 6 Vcenza ; adozone nazonale ed nternazonale - Delberazone della Regone del Veneto n del Area Adozon Sstema 2. d affdare la responsabltà dcl progetto al Drettore de Servz Socal dell Azenda dando atto che l medesmo s avvarrà delle collaborazon. qual corresponsabl, degl altr Drettor de Servz Socal e della Funzone Terrtorale delle Azende UIJ.LL.SS.SS provncal; 3. d affdare l coordnamento, la realzzazone e la rendcontazone del Progetto regonale al Responsable del Servzo Adozon dell Azenda 4. d prescrvere che l presente atto venga pubblcato all Albo on-lne dell Azenda. 3

4 ---- Parere favorevole, per quanto d competenza: Il Drettore Ammnstratvo (Dr. Roberto Tonolo) Il Drettore Santaro (Dr. Francesco Buonocore) Il Drettore de Servz Socal e della Funzone Terrtorale (Dr. Paolo Fortuna),,ì IL DRETTORE G (lng. Ermanno Il presente atto è eseguble dalla data d adozone. Il presente atto è proposto per la pubblcazone all Albo on-lne dell Azenda con le seguent modaltà: [X] oggetto e contenuto j solo oggetto (come da motvazone del Drettore del Servzo proponente); nessuna forma d pubblcazone (come da motvazone del I)rettore del Servzo proponente). Copa del presente atto vene nvato n data oderna al Collego Sndacale (cx ar. 10. comma 5, LR l994,n. 56). Vcenza, IL RESPONSABIER LA (ESTIONE ATTI DEL RVIZ1O AFFAR LEGALI E A1MINISTRATIVKLNjRALI L atto è nvato alla Gunta Regonale del Veneto n data con prot. n. Copa conforme all orgnale, composta d n. Fogl (ncluso l presente), rlascata per uso ammnstratvo. Vcenza, IL RESPONSABILE PER LA GESTIONE ATTI DEL SERVIZIO AFFARI LEGALI E AMMINISTRATIVI GENERALI 4

5 - Servzo Santar o Naz onale Regone Ver te AZIENDA ULSS N. 6 VlCENZA F odo n 361 VR.[ N/ 00 E(JNL S.. C6HSC. :7,, J D.G.R.V. n 1098 del 28 gwlgno 2013 Progett Terrtoral Veneto Adozon (P.T.V.A). Intervent regonal n matera d adozone nazonale ed nternazonale. Sstema Veneto Adozon (L ).,Azenda Ulss. Promotor Progetto Delta: azon ntegrate per l adozone Provnca d Vcenza capofla Azenda ULSS n 6 Vcenza e Azenda ULSS n 6 Vcenza e Azenda ULSS n 3 Bassano Azenda ULSS n 4 Alto Vcentno Azenda ULSS n 5 Ovest Vcentno Drezon de Servz Socal- équpe adozon Ent Autorzzat all adozone nternazonale: Amc Msson Indane (AMI), e Assocazone d Gentor Inseme per l Adozone (NADIA) e SOS Bambno Internatonal Adopton Onlus Altr soggett - collaborator al progetto Assocazon d Volontarato: Famgle Adottve Alto Vcentno e Progetto Adozone e Accoglenza e Gl occh del mondo Responsable Dr Paolo Fortuna- Drettore de Servz Socal Referente progetto Referente Provncale Equpe Adozon Azenda ULSS n 6 Vcenza - Vale Rodolf 37- Vcenza Tel 0444/ a,t Dott.ssa Scarparolo Annalsa Sevzo Interdstrettuale Adozonì Ulss n 6 Vcenza Contrà Sant Apostol. 21, Tel e Fax: 0444/ annalsa.scarparolocuissvcenza. t, servzo,adozon(ulssvcenza, t Data: Frma del Responsable del progetto Dr Paolo Fortuna- Drettore de Servz Socal

6 Premessa: L adozone ogg s presenta come una reala complessa. da comprendere appeno per rconoscerne le speclctà. ntervengono nel suo dvenre fattor cultural. socal, storc e pscologc, n un concatenars d arabl e d numeros 1dll d nterazone. La coppa adottante ha un funzonamento e un dentta specfca perche ntercetta n questo percorso dhers ambt: ntrapschco. nterpersonale. d coppa. famlare e sttuzonale, n un ntrecco delcato e complcato. Sarebbe comunque un errore consderare I adozone come un espere,ra rts clnosa ton cour al c onu urlo est «osso stud epdemologle che confermano quanto àclozone po.s va eswere un esperenza re.slcn e ra.slormarce, su per l bambno che per I genitor (R Bommassa e S I accan. 2011) d altro canto non bsogna gnorare l dato che nella consultazone clnca stanno gungendo sempre pù frequentemente gentor adott n dffcoltà. L adozone d per sé s confgura come una rsposta socale al problema dell abbandono, della trascuratena. del maltrattamento e dell abuso delflnfanza. essa è una sfda mportante sto che sancsce un legame gentorale al d là d un vncolo d sangue. Inoltre rappresenta un fenomeno socale rle ante. con partcolare r fermento all adozone nternazonale, poché vede l ntegrazone multetnca a alenta so,ale.ssuta anche nell ambto della conv sen a famlare, Altr element d complesstà della malta adottva rguardano la numerostà degl attor che entrano n goco. qund loro mol, compt e bsogn (l bambno, la coppa gentorale. gl operator de servz pubblc, gl ent autornat magstrat. la scuola,. ) e qund la necessta d promuovere stratege fnalzzate a creare buone prass comumcat se orentate al confronto e all ntegrazone, tra soggett pubblc e prh at. propro per fa orre l benessere del bambno e lo svluppo d nuo legam d attaccamento. Una delle stratege metodologche utl al raggungmento dtal obelt pensamo possa essere quella del la oro d rete. anche n ottca preventa. che permette d gudare l lavoro de d ers soggett convolt n modo pù effcace e fun,onale. n quanto fa orsce l ottmzzazone delle rsorse relazonal nd dual e de sstema socale. l.e stesse ndcazon present nella delbera regonale n 1098 del 28 gugno 2013 Progett rerrtoral Veneto Adozon (P. l.v.aì sembrano andare n tale drezone sottolneando l opportuntà che la progettualtà n oggetto abba prma d tutto una valenìa provncale ed noltre mr ad un alta ntegrazone delle are azon proposte da dvers partners cons olt. S è rtenuto mportante sudd dere l presente progetto n pù part. una che contene tutte le azon pensate per la fase dell attesa (fl ed un altra per quelle della fase del pos adozone (2). mantenendo un focus specfco d attenzone per le tematche adolescenzal. Alla programmazone del taolo. da ann nella provnca d cenza. partecpano alcune assocazon d olontarato attbe n ambto adottvo: alle a/on organzale da tal soggett è stata dedcata un ulterore area 3) al fne d dare rsalto e shltà specfca a questa peculare presenza. 2

7 1) REA ATTESA Descrzone: L adozone rappresenta per la coppa una mportante scelta d vta, un e ento cercato, atteso, ca co d aspettatve e complesso nel le sue artcol azon, anche temporal. Come tutt d % ers stad che caratterzzano l adozone, anche l perodo dcl attesa una fase peculare, sa per conug che attendono l concretzzars del loro desdero d genìtoralt. sa per I ler adottvo nel suo complesso. I ale momento, successvo alla fase d valutazone dell doned all adozone, presenta caratterstche speclche e a per questo alorvato L attesa nfatt a sempre po defnendos come un passaggo. una fuse d transzone. che può rappresentare, se adeguatamente potenzata. un contesto d ulterore crescta per le coppe. d sostegno alle specfche rsorse personal e tamar, d consapevolez7a e maggore preparazone all ncontro con l tglo. Alla luce d tal premesse. l presente progetto ntende proporre ntervent nell area dell attesa attraverso azon d\ ersfcate sa nelle modala d realzzazone che nell mpegno rchesto alle coppe, cò al fne d stmolare nteresse e partecpazone. Motvazone: Le azon. proposte ne t. area dell attesa, nelle precedent progettualta. hanno sempre rscosso un adesone post\ a. sa n termn d numerostà de partecpant sa nella qualtd de rsultat raggunt. S e pertanto rtenuto opportuno proporre nuoarnente azon specfche per tale fase dell ter adott o, prevedendo al contempo alcune nox Lu come ad esempo un gruppo d Sostegno speclco per famgle n attesa con tgl ga present nel nucleo. La progettazone d aton specfche per tale fase dell ter e mot ata dalla percezone. da parte dalle coppe, della fuse dell attesa come un spazo tempo senza de lmt conoscut, denso d sentment, d Iìntasc, d preoccupazon e d desder che hanno bsogno d trovare un espressone d senso. Da qu la con unzone d offrre delle opportunfu d condvsone fra persone che \ oro la stessa esperenza, al fne d trasformare l attesa n un momento d crescta, d arrcchmento personale e d coppa. al contempo d preparazone all accoglenza dell altro d erso. stranero. gnoto. Obettv general: sostegno della coppa durante la fbse dell attesa: sensblzzazone nfòrmazone sulle tematche nerent l attesa: sensblzzazone nformazone alle coppe n attesa d adozone nazonale al fne d pote gestre al meglo stuazon d gentoralt non defntva: Azon: I. I. Incontro I Grupp d sostegno per l attesa a tema 1.3 Colloqu d sostegno pscosocale alla coppa nella fase dell attesa Azone 1.1: A) Grupp d sostegno per l attesa Obettv specfc: - eond dere con le altre coppe la dmensone dellattesa caratterzzata da tmor e ncertezze: 3

8 offrre e sostenere uno spaz d pensero tacltando un percorso d autorflessone e d charfcazone motvatonale alle coppe: valorzzare le rsorse degl asprant genìtor e la loro capactd d traslbrmare l attesa n un momento d crescta personale oltre che d coppa al fne d preparars ad offrre uno Spal.o adottvo msurato su bsogn prmar del bambno: elaborare eventual sentment (l rabba e d frustrazone attnent al ssuto dell attesa: garantre contnutà al progetto adottvo nelle dverse frs temporal rafforzando ldentt e l ruolo della gentoraltà adota. favorre la formazone d una rete d relazon tra partecpant. Destnatar: Coppe n attesa d adozone nazonale e nternazonale, resdent nella provnca d Vcenza, che hanno concluso lo studo d coppa e da poco hanno conseguto l decreto o conferto ncarco a l ente autorzzato. Modaltà d realzzazone: ndvduazone de potenzal Irutor de progetto attra erso le banche dat de servz: eventuale predsposzone d un modello d lettera per la presentazone del progetto con scheda d adesone: reper mento d local adeguat ed organzzazone de temp: nvto scrtto e. o teletòneo con mx o del calendaro degl ncontr a coloro che hanno dato adesone: s prevede d realzzare almeno tre_gpp jpstegp e n caso d eccedenza d rcheste s s alutera la possbltà d avvare altr grupp sul terrtoro prox ncale: ogn gruppo prex ede un cclo d dec ncontr da s olgere nel corso dell anno: la conduzone è curata da uno due operator (serx u e o ente autorzzato) con compt d guda. sostegno e lcltazone, cx entualmente ax \ alendos anche del contrbuto d altre lgure professonal esterne, per facltare lo scambo e I eplorazonc delle propre rsorse l operatore potra servrs d materal specfc, qual spetzon d flm. fabe, atlx tà grafchecreatve. ecc: predsposzone d un questonaro fnale dì gradmento e stesura d una relazone sulle attvtà svolte e su rsultat ottenut. I conduttor de grupp d sostegno attesa e post partecperanno ad un att\ tà d nterx sone con ncontr perodc (se lavoro ntegrato fra serzì ed ent autorzzat. olo nell anno) a fne d condx dere l esperenza n corso nell ottca del Caratterzzazone: In questo partcolare momento della vta della coppa. quale l attesa dell arrvo d un bambno adottx o. s vuole offrre un percorso che conduca nel vx o del fax oro operatvo, esplorando l esperenza vssuta senza rsposte defnutx e da offrre, bensì nterrogat\ da condvdere. Il gruppo è uno strumento eflcace nello stmolare le elaborazon sa personal che d coppa. graze al confronto dretto con persone che s sentono alla par, con cu s flossoflo condxdere paure, esperenze, dubb, domande. n una crcolartà d opnon, raccont e suggerment che arrcchsce e porta a maggor consapex olezze. Oltre alla possbltà d allargare le ret relazonal d soldaretà e d amcza tra futur gentor adottv, n un contesto non valutanvo e nformale, nel gruppo s può anche usufrure d un ventaglo d soluzon concrete ndxduate da dvers partecpant. Vene dunque ncrementata la possìhltà da parte della sngola coppa d elaborare rsposte effcac alle dffcoltà nste nel propro percorso. Rsultat attes: partecpazone costante delle coppe agl ncontr: contemmento d paura. rabba ed ncertezza. 4

9 - ncremento rafforzamento delldenttà e del ruolo d uentore adott\ o anche da un punto d \ sta emotvo alettv o: della tduca nelle propre capacta d gestre le d erse fas dellattesa: ndvduazone d una rete d rfermento per la gestone d eventual dffcoltà. Sostenbltù futura: I.a possbltà d rendere sostenhle e stable tale attvtà e legata. oltre a rsultat d crtca, anche alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Materal: A chusura del progetto sara presentato a cascun partecpante un questonaro d valutazone su dvers aspett caratterzzant l progetto (organ//azone, ambente, contenut, conduzone, ecc). B) Gruppo d sostegno per famgle n attesa d seconda adozone o d prma adozone g con fgl bologc Obettv specfc: accompagnare le famgle parallelamente (gruppo gentor e gruppo bambn) rspetto all elaborazone e all approlòndmento d specfche aree tematche: accrescere la preparazone de bambn bologc e adottv all arrvo del h atello adottvo: l av orre lo scambo e la ondv sone d esperenze tra gentor adottv e gentor bologc n attesa 1)estnatar: Famgle n attesa d seconda adoone co coppe con lìgl bologc n attesa d prma adozone resdent nella provnca d Vcenza. Il progetto è nv olto sa a gentor che a bambn (n parallelo). N Iodalt d realzzazone: ndvduazone de potenzal fru tor del progetto attrax erso le banche dat de servz: eventuale predsposzone d un modello d lettera per la presentazone del progetto con scheda d adesone: repermento d local adeguat ed organzzazone de temp: mv to scrtto e. o telelònco con nvo del calendaro degl ncontr a coloro che hanno (lato adesone s prevede d realzzare upgrtpp d suddvso n due sottogrupp uno per gentor e uno per loro bambn, gestt da pù operator n modo contnuatvo, secondo un organzzazone n parallelo. Il sngolo ncontro s svluppa n modo da consentre a bambn e a gentor d lavorare parallelamente sulle stesse tematche medante l utlzzo d metodologe sml o ugual, con l obettvo d attvae un lav oro d approfandmento ed elaborazone comune tra gentor e bambn: l progetto prev ede un cclo d se ncontr: un ncontro prelmnare rvolto a gentor, quattro ncontr parallel per gentor e bambn (a lrequenza qundcnale o mensle) e un ncontro fnale d resttuzone rvolto a gentor per l acltare lo scambo e esplorazone delle propre rsorse gl operator potranno servrs d materal specfc. qual spezzon d flm. fabe. attvtà grafche-creatve ecc: predsposzone d un questonaro lìnale d gradmento e stesura d una relazone sulle attvu svolte e su rsultat ottenr t, I conduttor de grupp d sostegno ncontr perodc (se lav oro ntegrato fra servz ed ent autorzzata. attesa e post. partecperalno ad un attvtà d ntervsone con otto nel anno al lne d condvdere l esperenza n corso nell ottca del 5

10 - preenzone Caratterzzazone: Per le famgle che hanno ga vssuto una prma esperenza gentorale (naturale o adott a) l perodo dell attesa presenta caratterstche d ulterore complesstì consderato che la modfca delle dnamche fmlarì che progetto adottvo comporta. convolge l bambno gu presente nel nucleo. Negl ncontr parallel contenut sono alìì ontat medante un lavoro d mmagnazone e rappresentazone su specfche aree tematche: l bambno a n arr\ o. l aggo. l ncontro e l accoglenza, nuo equlbr famglar, Le metodologe utlzzate sono. branstormng, Iax or d gruppo, creazone d rappresentazon grafche, utlzzo d mmagn e (lmat, drammatzzazon. dscusson n gruppo. Rsultat attes: 1) elaborazone e approfundmento delle aree tematche proposte. Indcator: partecpazone attva alle attvtà proposte: partecpazone contnuatva al cclo d ncontr: autopercezone dellc coppe rspetto all utltà del progetto. 2) aumento della preparazone de bambn all arr\ o del fratello adonvo. Indcator partecpazone attva alle attvtà proposte: espressone e condsone n gruppo d aspettatl\ e ed emozon legate all arrvo del lì atello adottvo: aumento. da parte de bambn. d raccont rguardant l fratello fuor dal contesto del gruppo: ne bambn bologc passaggo da rappresenta/on dealzzate del fratello al rconoscmento d aspett pù realstc e ne bambn adott rattvatone d aree legate alla propra stora. 3) sostegno gertorale attuato aitrtne o l conronto tra le coppe e la cond\ sone d esperenze. Indcator: colld\ done delle crtctà e delle possbl stratege e rsorse utlzzabl. Sostenbltà futura: Fale aspetto dpende dalla programmazone antcpata delle att dà e delle modaltà d conduzone del progetto noltre dalla alulazone delle rsorse necessare e dalla dsponbltà a collaborare con altr ent autorzzat o ser z del terrtoro. Comunque la stabltà nel futuro dell nzatva dpenderà anche dalle rsorse economche e umane date a dspozone Materal: Questonar d al utazone e gradmento Azone 1.2: Incontro a tena Affdo a rscho gurdco e adozone: parlamone. Obettv specfc: nella geston delle crteta relat\ e all nsermento n famgla d un bambno n affdo a rscho gurdco. aumentare la consape oleza sa sulla dsponbltà a prenders cura d un bambno n al ldo a rscho gurdco sa sulla gestone d un esperenza eonnotata da element ansogen. I)estnatar: Coppe n attesa delle quattro azende 1 SS afferent alla provnca d Vcenza. Nlodaltù d realzzazone: realzzazone d cm nconro aperto a tutte lamgle nteressate al tema e resdent nella provnca d Vcenza. 1 fase nd\ duazone d espert sa degl aspett gurdc sa degl aspett relazonal: 1V fase defnzone de contenut teorc da affrontare e trasmettere a tn òrmat 6

11 - III Ihse programmazone della dscussone n plenara con le coppe n attesa. CaratterzLazone: possbltà d acqusre maggor nlhrmazon su bsogn delle coppe n attesa: possbltà per le coppe d a ere nformazon corrette con conseguente aumento della consape olezza sulle possìbl problematche dell affdo a rscho gurdco: metodologa nterau a con Rsultat attes: relator rlevazone de bsogn delle coppe che effettuano questa scelta famlare con possbltà d una mglor preparazone ne cors d formazone partecpazone att a e mot\ ala delle coppe n attesa: sensblzzazone all adozone: aumento nelle coppe n attesa della capactà d eff ttuare scelte consapevol n relazone ad un abb namentu, Sostenbltà futura: I a stabltà nel futuro dell nzat \ a d pendera dal le rsorse economche e umane present. Matera l: costtuzone banca dat con emal delle coppe partecpant: questonaro fnale d soddsldtone. Azone 1.3: Colloqu (l sostegno pscosocale alla coppa nella fase dell attesa Obettv specfc: promuo ere uno spato d ascolto e sosteeno spec fco della coppa nella fase dell attesa: ncrementare nella coppa le nthrmazon specfche sulle tematche connesse a tale fase dell ter adotto lhvorre una rflessone dì coppa sulla propra stora fhmlare anche n relazone ad e entual crtctà emerse nel perodo specfco dell attesa: ncrementare ne scr z le buone prass per la presa n carco della coppa n questa fase del percorso adotl\ O. formulare. a l\ elo pro ncale, percors e programm capac d una effcace presa n carco de conug con un attenzone specfca a bsogn nell attesa Destnatar: ( opp nella fase dell attesa n carco a scrs u adozone. Modaltà d realzzazone: colloqu d sostegno: eventuale supcr sone su cas cmc da parte d consulent estern: runon dequpe: predsposzone, o e possble d questonar d \ crtca sulla soddsfazone dell utenza. Caratterzzazone: facltà d accesso alla coppa a spaz d consulenza: asscurazone della contnuta della presa n carco: costruzone e consoldamento d un percorso strutturato e condvso tra servz della provnca: calutazone dell eftcaev. dcl progetto tnche attraxerso la crtca della soddsfazone dell utenza. ndvduazone delle buone pratche: - d ulgazone degl est de progetto 7

12 Rsultat attes: - ncremento del processo d maturarone dell ter decsonale da parte degl adottant: - ncremento dcl fl)(fl55fl, percepto da parte della coppa: - aumento nella coppa (e nella famgla allargata) delle nformazon specfche n relazone alla fase dell attesa: aumento della consapevoleza negl utent de fattor d rseho nd dual e d coppa ed dentfcazone d modaltà per affrontarl maggore presenza d brelazon post e tra operator professonal e coppe n carco; attvatone d collaborazone Confront) tra operator de dvers sen z. Sostenbltà futura: La possbltà d contnua one del progetto e strettamente correlata a fnanament regonal che permettono a servz d mantenere un 1k elio adeguato d dotazone organca Materal: questonar d ;erflca sulla soddsazone dell utcnztt confronto e cond sone a lvello provncale sulle buone prass operatke ndvduate: e relazone fnale degl est del progetto. 8

13 2) AREA POST-ADOZ1ONE Descrzone: La presente area progettuale consdera numerose azon ed attx tì (rupp d sostegno. laborator tematc per gentor e per nella scuola, un ncontro a tema, colloqu d sostegno pscosocale alla lbmgla ) allo scopo d offrre alla famgla adottva dflèrent opportuntà sa che s trov all nzo del percorso d af lazone. sa che s sta rdetnendo come sstema famlare n quanto sta attraversando una delle fas d passaggo C\ olut\ o del suo cclo vtale. Inoltre ene rvolta un attenzone specfca al tema dell nsermento scolastco del bambno e del ragazzo adottvo. quale occasone d ntegrazone socale e s luppo dell appartenena;legame socale. La scuola rappresenta una rsorsa e un opportunta per l mnore n crescta e questo progetto ntende propors ad essa attrax erso un ntervento d pre enzone e contemporaneamente d rete. consderandola quale soggetto-.partner (l una progeltualtà partecpata al fne d En orre snergcamente l nclusone socale e scolastca del bambno ragazzo adottx o Motvazone: Il presente progetto parte da alcun presuppost teorc relaborat attrax erso l esperenza sul campo da parte de soggett conx olt n questo lax oro seppur a dx erso ttolo. l a famgla adottva s crea a partre da due necesstà. quella d un bambno e quella de gentor, le qual nascono dopo es re passa pc stuazon dolorose che hanno mplcato lutt, tanto nel bambno quanto ne gentor. ela llatone adottx a e fondamentale tener presente cò che ha x ssuto precedentemente l bambno, poché egl ha nzato l suo percorso d vta molto prma d arrx are nella ftrngla adottva, porta sulle spalle una stora pena d x ssut. d esperenze, d relazon e d legam strutturat nella sua psche. l come dre che la stora nell adozone non ha una tne, s costrusce n ogn momento. n questo l lax oro de gentor adottx ha una x alenta fondamentale. Esso mplca nltt uno slòrzo sgnfcatx o. n quanto comporta l contenmento delle paure del lìglo. l auto a metaholtarc le sue fantase rguardo le orgn, l sostegno alla complesstà de sentment collegat a suo vssut traumatc, tutto questo allo scopo d promuox ere n lu l nterorzzazone d un sé pustx o che gl permetta d accettare la sua realtà d adottato. Il progetto vuole cercare d rspondere, fra gl altr, a due fas d crtctà mportante : l età scolare e quella dell adolescenza. consderando l nsermento scolastco come uno spazo pubblco n cu l essere stat abbandonat e po adottat Impatta con gl altr, I ale trax aglo prosegue. con maggore enfas emotx a. negl ann dell adolescenza n cu dx enta centrale l compto d mettere nseme le part della propra stora e d dare una rsposta a tal crucal nterrogatx. Obettv general: offrre sostegno alla coppa nella fase del pos adozone: sensblzzare nformare sulle tematche nerent l pos adozone con partcolare attenzone alla realtà adolescenzale: sensblzzare, nformare e promuovere l ntegrazone socale del bambno ragazzo adottxo promuovere attvta d prex enzone a x ar lx cl n rfermento alla fase adolescenzale ed alle crtctà ad essa connesse. al 1ÌHC d aumentare l grado d competenza della comuntà e de soggett protagonst d x olta n volta conx oltì, sensblzzare e nfòrnare nsegnant e famgle sulle tematche nerent l adozone con partcolare attenzone alla realtà preadolescenzale ed adolescenzale: Azon: 2.1 Grupp d sostegno pe gentor nella lìse del 2.2 Incontro a tema 9

14 2.3 Laborator tematc per genton 2.4 Laborator tematc per nsegnat della scuola 2.5 Colloqu d sostegno pscosocalc alla famgla nella fase del pos adozone Azone 2.1: Grupp d sostegno per gentor nella fase del post adozone (età mnor 0/5 e 6/10 ann) Obettv specfc: convolgere nel progetto un certo numero d nucle famlar con bambn adottat negl ultm ann: ftcltare la dscussone e d bambn adottat nelle dverse fas della crescta; I enucleazone degl aspett maggormente mpegnatv per favorre l confronto e l reperunento d soluzon crca le problematche condvse n gruppo; promuovere la capactà rflessva della coppa nel rconoscere ed accoglere gentor bsogn del bambno durante le lhs d crescta, nella creazone del nuo o legame d flazone. nell nvestmento sugl apprendment cogntv e socal del tglo promuovere la formazone d un gruppo d gentor che sa d rfermento e sostegno recproco anche ne contest extra sttuzonal: prevenre stuazon d maggore crtc/ col legate alla crescta e comunque preparare le famgle ad affrontare ne mglore de mod. Destnatar: Gentor adottv d tgl n età 0 I 0 ann. Modaltà d realzzazone: ndvduazone de potenzìal frutor del progetto attraverso la banca dat locale: eventuale predsposzone d un modello d lettera per la presentazone del progetto con scheda d adesone: repermento d localì adeguat ed organzzazone de temp: nvto scrtto c o telelonco con nvo del calendaro degl ncontr a coloro che hanno dato adesone. In caso d eccedenza d rcheste s valuterà la possbltà d avvare altr gruppo sul terrtoro provncale: s prevede d attvare almeno tre grupp d sostegno nella provnca d Vcenza compost da gentor che hanno tgl adottv nella stessa fasca d età W5 ann e 610 ann>: cclo d ncontr da se a dec nel corso dell anno; conduzone da parte d uno/due operator (servz e/o ente autorzzato) con compt d guda. sostegno e facltazone: predsposzone d materale utle a favorre l lavoro d gruppo; predsposzone d un q1estonarjo fnale d gradmento e stesura d una relazone sulle attvtà svolte e su rsultat ottenut, nonché su eventual 1/tur s lupp dell nzatva, tale da poter essere socalzzata successvamente con gl altr partner del PTVA provncale. I conduttor de grupp d sostegno (attesa e post) partecperanno ad un attvtà d ntervsone con ncontr perodc (se lavoro ntegrato fra servz ed ent autorzzat. otto nell anno al fne d condvdere l esperenza n corso nell ottca del Caratterzzazone: Il progetto s qualfca per la metodologa scelta del lavoro n gruppo d pccole mede dmenson (da cnque a dec coppe) che permette una maggol e pregnanza e veloctà d Process rspetto ad altre metodologe d ntervento. Inoltre questa dmensone d lavoro d gruppo Permette e faclta la rflessone su bsogn de fgl, sulla costruzone del nuovo legame gentorale, e rspetto a bmb pù grand v è lo spazo per confrontars rguardo l nsermento socale del propro tglo con partcolare attenzone all ntegrazone scolastca. lo

15 Rsultat attes: adesone al progetto d almeno l 300 o provncale secondo le due lutsce d eta consderate: attvazone e contnutà nella partecpazone degl aderent al gruppo: 400 o de nucle famlar resdent sul terrtoro s luppo della capactà d entra-e negl aspett crtc, cercando e trovando soluzon, con la tenuta d un verbale daro che document gl argoment trattat e le eventual soluzon raggunte da partecpant (la stora del percorso >: creazone d un adeguato clma d gruppo tale da s luppare confronto costrutt o al SUO nterno e facltazone de contatt anche c\tra sttuzonal: crescta del benessere della relazone gentorfgl nonché del legame d attaccamento anche nelle lhs d normale separazone n occasone degl nserment scolastc: soddsfazone de partecpant, da crfcare con questonaro fnale d gradmento. SostenhIt futura: La possbltà d rendere sostenble e stable tale att ud è legata. oltre a rsultat d erfca, anche alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Nateral: Verbal degl ncontr d gruppo. questonarlo fnale d gradmento: e entuale materale prodotto dal gruppo anche quale sntes fnale de la\ or Azone 2.2: Incontro a tena Covan orgn: tra legam e rcerca d dentt Obettv specfc: aumentare ne gentor adottv la consapcx olezza sulle specfcla. su bsogn e su cambament dell cm adolescenzale: sensblzzare gentor rspetto al tema dell denttà e delle orgn del fglo: offrre a gentor strument d comprensone e uno spazo d eondn sone su contenut che rscuotono maggor Interesse. Destnatar: Gentor adottv con tgl preadolescem adolescent delle quattro azende LSS afferent alla provnca d Vcenza. Modalt d realzzazone: ndvduazone d uno o pù relator: programmazone dell ntervento nella defnzone de contenut e modaltà d gestone dell ncontro: pubblczzazone dell e eno attra\ erso anche Caratterzzazone: I n o d nvt alle famgle. opportuntà d attrontare aspett specfc dell adozone a dstanza d alcun ann dal segumento de servz, che assumono così una funzone d Prossmtà: occasone per far remergere tematche delcate rspetto alla gentoraltà adott\ a (pc esempo dentta e orgn), nell ambto dì una fase d crescta con aspett comunque crtc nel rapporto gentorfgl. Rsultat attes: atteggamento d maggore apertura e d confronto da parte delle coppe adottve: acquszone d maggore capactà d comprensone e dalogo da parte de gentor \erso partecpazone att\ a delle coppe n merto agl stmol propost fgl: 11

16 Sostcnblt futura: La possbltà d rendere sostenble e stable tale attvtà è legata alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Materal: Quesuonaro d soddslhzone rvolto a partecpant; relazone fnale sulfattvtà svolta. Azone 2.3: Laborator tematc per gentor Obettv specfc: anals del bsogno delle coppe adottx e relatvamente alle tematche salem della gentorattà adottva con partcolare attenzone all area dell adolescenza: convolgere un certo numero d nucle famlar con fgl adoux d dx erse età e moment evolutv favorre tra partecpant Fnterazone e lo scambo d dee/proposte rferte alla tematca specfca del laboratoro: svluppare rflesson e consapevolezze ne gentor utl a produrre eventual mglorament nella relazone affettva educatva gentor e tgl nonché nella dnamca d coppa: prevenre stuazon d maggore crtctà collegate alla crescta e comunque preparars ad affrontarle nel mglore de mod l)estnatar: Famgle del terrtoro della provnca che hanno accolto un bambno n adozone negl ultm ann. Modaltà d realzzazone: ndvduazone de potenzal frutor del progetto attraverso le banche dat de dvers servz: predsposzone d un questonaro per le famgle al fne d rlevare l bsogno e le tematche d maggore nteresse fra quelle potzzate dal tavolo provncale; sulla base d quanto raccolto attraverso la rlevazone s organzzano laborator per sngola tematca: repermento d local adeguat ccl organzzazone de temp. In base alle adeson rcevute s valuterà concretamente l numero de grupp da attvare, la composzone terrtorale/provncale e le dverse tematche su cu attvare l nzatva, s potzza la realzzazone d sette laborator tematc nella provnca d Vcenza: nvto scrtto e/o telefonco con nvo del calendaro degl ncontr a coloro che hanno dato adesone: ogn laboratoro sarà composto da crca orto dec coppe e prevedera un cclo d ncontr (da tre a cnque) con cadenza mensle; conduzone da parte d uno/due operator (servz e/o ente autorzzato) con possbltà d conx olgmento anche d altre lgure professonal esterne: gl operator hanno l compto d stmolare la dscussone, l confronto e facltare l nterazone; predsposzone d materale utle a favorre l lavoro d gruppo: predsposzone d un questonaro fnale d gradmento e stesura d una relazone sulle attvtà sx olte e su rsultat ottenut. I conduttor de dvers laborator tematc parlecperanno ad un attx tà d ntervsone con ncontr perodc (se otto nell anno) al fne d cond dere l esperenza n corso nell ottca del lavoro ntegrato fra servz ed ent autorzzat. Caratterzzazone: l attvtà s presenta come un ntervento d tpc preventvo a partre da una rlevazone de bsogno e da una successva relaborazone dello stesso da parte del tavolo provncale: la metodologa scelta per l attuazone dell ntervento a partre dall deazone passando anche atttax crso I ntcr sonc e glunglndo alla x autazlonl fn tk. comporta I opportunta d la oratc / /12

17 n modo ntegrato fra partners allualor cond sone d una cornce teorca. de tem da proporre e delle modall operate) laborator s caratterzzano per la relatr a brevtà dell ntervento n termn d tempo rchesto alle famgle. contemporaneamente per essere degl spaz nteratt\. n cu teora e lratca s ncontrano. dvenano n tal modo un occasone d approfondmento, anals e convolgmento ndvduale e d gruppo: ogn laboratoro tematco prevede una progettualta specfca (cond sa con l ta\ olo provncale) adeguata alla sngola tematca e alla metodologa scelta dagl operator che conducono l laboratoro consderata la loro modaltà organzzat\ a (temp, luogh e numerosta) e la aretà delle emache. s prevede la possbltà per la stessa famgla d partecpare a pù proposte nell arco dell anno. Rsultat attes: adesone da parte delle coppe adott e sa alla parte d rleazone del bsogno che alle successve fas, raccolta d un numero d adeson sulìcente all att azone d almeno sette laborator sul terrtoro provmca attx azone e contnutà nella partecpazone degl aderent al laboratoro: creazone d un adeguato clma all nterno del laboratoro tale da s luppare un confronto post\o e eostrutt\ o ncremento del henessere percepto da parte della coppa n sé e ne confront de tgl: aurnenro della consapevolezza ne partecpant de Pttor d rscho nd dual e d coppa soprattutto n un ottca d prevenzone delle ertctà elevate: adeguata corrspondenza tra aspettat e nzal de partecpant e loro sodds1zonc fnale rlevable con un questolaro fnale d gradmento. Sostenblt futura: La possbltà d rendere sostenble stable tale attvtà è legata. oltre a rsultat d crfca. anche alla dsponbltà d rsorse economche e d personale dedcato. Materal: - materale questonaro d rle\ azone nzale: e entuale support audos sv. altr materal collegat all attvtà concreta prevsta dal sngolo laboratoro prodotto dal gruppo d nler soìe quale sntes fnale de la or: questonaro fnale d gradmento. Azone 2.4: Laborator tematc per nsegnat della scuola Premessa: (secondara d prmo e secondo grado) La presente azone progettuale ntende promuo ere nuov spaz d ntegrazone e collaborazone tra soggett a derso ttolo convolt nel percorso adottx o con l ohett o d fa orre l nclusone scolastca e socale dell alumo adott o. preadolescente e adolescente. Cò attra\ erso l att azone d nzat\ e laboratoral d erstcate e realzzate a ar l dl. curate da partners d ers (t lss. ente autorzzato) ftgr4to e coordnato tra loro. I sttuzone scolastca nel suo complesso rappresenta l target prvlegato a cu s ntende rvolgere l attenzone. soprattutto ansa erso una prugettualta condvsa e parlecpata. 13

18 A) Laboratoro tematco rvolto agl nsegnant Obettv specfc: FASE: avvare un confronto fra dvers soggett, pubblc e prvat (ULSS, ent autorzzat, scuola) fnalzzato a rlevare e condvdere bsogn specfc degl alunn adottv nell ambto dell nsermento e della \ ta scolastca (relazon nterpersonal. apprendment. ntegrazone socale,... promuovee la condx onc d un lnguaggo comune fra soggett sttuzonal e non al fne d attvare azon e buone prass ntegrate. accomunate da una cornce d rferment teorc e normatv. 2A FASE: sensblzzare e offrre degl spaz nformatv larmatv a docent sulle dffcoltà specfche che flcofltlcìflo a scuola agazz adottat n h uil du s tael d scolazzazone lonhl eha\ d lettura e soluzon pratche dì ntervento anche alla luce della normatva n vgore e d quanto eventualmente raccolto nelle esperenze d confronto con extrascol astco. ragazz adottv n ambente Destnatar: I FASE: operator de ser z. degl ent autorzzat e personale della scuola (a var lvell). 2A FASE: nsegnant, n partcolare quell della scuola secondara d secondo grado. Modaltà d realzzazone: la FASE: attvare un lavoro congunto tra équpe adozon ed ente autorzzato n preparazone del laboratoro pc opera1or che verrà organzzato successvamente condvsone d obettv. metodologa, temp ): realzzazone d un laboratono,pgjpcraton (ser 171 ent autoa /Lat scuola) st luppato attraverso alcun ncontr d trequattro ore cascuno: é prevsto anche l convolgmento d espert estern, fra cu un gursta conosctore della normatva specfca su adozone e scuola. 2 F ASE: realzzazone d almeno due Iahoaton pg. lnslunant oganzzat n h se al numco d adeson raggruppal per ordne d scuola. Ogn laboratoro p evede q uauro cnque ncontr ed eventualmente uno n plenara per la condvsone de rsultat raggunt e delle scelte strategche ndvduate nonché per la verfca del percorso: per favorre la partecpazone de docent s rchederà che tale nzatva venga nserta tra le attvtà formatve rconoscute. Caratterzzazone: - vene 1 FASI: L nzatva ha la peculartà d rappresentare uno spazo dedcato all ntegrazone degl ntervent d a addet a lavor, mpegnat normalmente su front dfferent. L obettvo dventa cund quello d cond dere una lente d osservazone tra soggett sttuzonal e non. prepost alla cura/educazone de ragazz. Questo al lne d promuovere delle buone prass d ntervento condvse, utl a favorre l nclusone scolastca e l benessere de ragazz adottat a scuola. e conseguentemente la loro autostma e autoeflcaca: rservato un momento d cond\ sone tra dvers attor, anche con l supporto d espert. per conoscere e far propr gl strument che la normatva n vgore offre a favore dell nclusone scolastca: la coprogettazone d buone prass rappresenta un punto d partenza per dffondere po rsultat raggunt a lvello provncale. 14

19 E \SE: Questazone s caratterzza per E utlzzo d una metodologa d lax oro nterattx o a partre da bsogn r levat dagl nsegnant sul tema del! nsermento scolastco dell alunno adottx o. Con le stesse modaltà sarà possble lax orare anche su crtctà rlex ate nella quotdantà della vta scolastca per costrure. n modo cooperatl\ o. stratege e pratche d nterx culo utl al lavoro de docent Rsultat attes: I FASE aumentare ne parteclpaht l lx elo d conoscenza e padronanza delle rsorse attvabl. nonché (le lmt present nella normatx a. nell ambto delle relazon, nelle metodologe... fax orre I ntegrazone scolastca del ragalzo adottvo. endere pu effcac cd omogene nel terrtoro gl nterx ent rx olt alle fìmgle. 2 FAS1H: - elaborazone partecpazone attva e motvata de docem a laboratoro tematco acquszone d maggor conoscenze sulle dffcoltà specfche che ncontrano a scuola: d buone prass condx se tra strument applcalx del protocollo d ntesa x gente n matera: convolgmento del CS.\ n tale operatx ta: ) per ragazz adottat d\ ers attor che possano essere esportate e dx enrc strument d verlca: questonaro d soddsfazone: relazone documento conclusvo. Sostenbltà futura: l,e azon prevste conx olgono dvers attor qual, partecpando ad una progettualtà condvsa, s auspca possano persegure delle buone pratche. frutto del laxoro ntegrato nel terrtoro d competenza del progetto PTVA. I e competenze acquste e la rete operatva che mcx tablmente s nstaura, dovrebbero andare oltre lo spazo temporale pre sto dal progetto stesso. I.a possblta d dffondere, consoldare e potenzare l lavoro ntegrato a lavore dell nclusone scolastca del mnore adottxo, dpenderà ànche dalle rsorse economche nvestte n questo ambto da futur pan regonal. Materal: V l ASE: questonar d soddslhzune: documento fnale raccolta ragonata della normat a n x Igore sul tema. 2 FASE: protocoll d lavoro gà axx at (buone prass) ed altr strument utlzzat n altre realta terrtoral, protocollo regonale. letteratura sull argomento. rcerche e statstche. questonar d sodd sfaz one: documento fnale, e entual pubblcazon ed ntervent stampa. B) Laboratoro tematco rvolto agl nsegnant della scuola secondara d prmo grado. Obettv specfc: I FASE: acqusre una maggore conoscenza de bsogn ntormatx quant qualtatx a) rfert alla realta adottva presente nella scuola dell obblgo. format dcgl nsegnat (rcerca 15

20 2 F.Sl: promuovere negl nsegnant una maggore consapevolena rguardo alla peculartà dell esperenza adott a nonché l acquszone d strument operat utl nella gestone del gruppo classe, della relazone con l bambno e d quella con la sua famgla: - favorre un atteneone specfca terso l nclusone socale e l ntegrazone del bambno adotto nelle realta scolastche dcl temtoro. Destnatar: Isttut Comprenst t I SS u.6 d %cen,a ed nsegnant della scuola secondara d prmo grado. Modaltà d rcslnsnone: I FASI? - contatt con drgent scolastc ed o d una ndagne statstca realzzahle anche attraverso la consulenza d un tecnco esterno - tale ndagne tene s olta a meno questonano da dstrbure agl nsegnant: - elaborazone de dat raccolt e talutazone su quanto emerso. 2 1 %SE - a fronte del la oro d ncerca st otto s posegue con la realzzazone d un laboratoro tcmatco rvolto ad un_gruppo d nsegnant.(dec - qundc] della durata d cnque ncontr. Caratterzzazone: I FASE: - possbltà d avere una maggote conoscenza de bsogn del terrtoro a partre da dat statstc raccolt attraverso I ndagne. 2 FASE: - l laboratono tematco t.ne proposto n quanto spazo d nterazone e partecpazone attva rtolto agl nsegnant. l azone è realzzata medante dverse tecnche d conduzone d gruppo. n partcolare quella della Meda Fducaton che pretede l utlno d stmol teorc e support audovst. Rsultat attes: I FASE ottenere una nlevazone statstca che permetta una conoscenta puntuale delle necesstà del terrtoro utle alla programmazone d azon progettual a brete e a lungo termne: e ndcator d terfca: Iaboranone de dat e relazone conclusva della rcerca. 2 FASE. e partecpazone att a e motvata degl nsegnant al laboratoro tematco: - condvsone ed elaborazone d stratege operatt e utl agl nsegnant: e ndcator d terlca: questonano d soddsfazone: relazone documento conclus o. Sostenbltà futura: La possbltà d prosegure nel luturo questa att tà dpende dalla dsponbltà d rsorse economche e d personale. Materal: I FASE: elaborazone dat della rcerca statstca e relazone eonclus sa. 2 FASE: materale audossto strutturato. questonar d soddsfazone: documento fnale. 16

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

Alunni con B.E.S. RISPOSTE SPECIALI AI BISOGNI DI TUTTI

Alunni con B.E.S. RISPOSTE SPECIALI AI BISOGNI DI TUTTI Alunn con B.E.S. RISPOSTE SPECIALI AI BISOGNI DI TUTTI Ogn alunno, con contnutà o per determnat perod, può manfestare Bsogn Educatv Specal: o per motv fsc, bologc, fsologc o anche per motv pscologc, socal,

Dettagli

3. SOCIALE. 3.4 Politiche sociali per la famiglia e la persona

3. SOCIALE. 3.4 Politiche sociali per la famiglia e la persona 3. SOCIALE 3.4 Poltche socal per la famgla e la persona INDICE Inquadramento strategco..................... pag. 81 Rsorse mpegate........................ pag. 82-83 Prncpal opere pubblche e ntervent

Dettagli

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato .NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Progetto "PETTHERAPY'. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ II progetto ntende contrbure al mgloramento della qualtà della vta de pazent convolt e delle loro famgle attraverso attvtà,

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità;

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità; AREA TEMATICA Progetto14 CULTURA TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Polo culturale nel CS: Pano de contentor Allegato B- scheda tpo per la strutturazone de progett 1. Ttolo del progetto Polo culturale nel

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ CREATE

LE OPPORTUNITÀ CREATE SERVIZI PER LA FASCIA DI ETÀ 3-5 ANNI - Scuole dell nfanza L ESIGENZA RILEVATA Percors equlbrat d socalzzazone e d acquszone d abltà per bambn tra 3 e 6 ann. Il servzo è, d norma, aperto all'utenza dal

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

Quaderni di Documentazione. L Agenda 21 locale e gli Impegni di Aalborg in Emilia-Romagna Rapporto di monitoraggio 2006

Quaderni di Documentazione. L Agenda 21 locale e gli Impegni di Aalborg in Emilia-Romagna Rapporto di monitoraggio 2006 Quadern d Documentazone 6 L Agenda 21 locale e gl Impegn d Aalborg n Emla-Romagna Rapporto d montoraggo 2006 Assessorato Ambente e Svluppo Sostenble Drezone Generale Ambente e Dfesa del Suolo e della Costa

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola ds SS a Scopr nostr servz d screenng,dagnos, reducazone e doposcuola I Dsturb Specfc d Apprendmento ne Centr SOS dslessa Cosa sono: I Dsturb Specfc dell'apprendmento (DSA) sono dsfunzon neurobologche,

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE UNIVERSIÀ DEGLI SUDI DI FERRARA Corso d laurea magstrale n SCIENZE INFERMIERISICHE E OSERICHE Classe LM/SN1 Scenze nfermerstche e ostetrche (DM 270/04) ANNO ACCADEMICO 2014-2015 IL SUDDEO DOCUMENO ORÀ

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

I TIPI DI AIUTO CHE CONOSCO

I TIPI DI AIUTO CHE CONOSCO Scheda 1.1 I TIPI DI AIUTO CHE CONOSCO a) Come s può autare Davde? Davde ha abbandonato l lceo al secondo anno. Ha trovato un lavoretto al 50% poco pagato. Vve da suo gentor, ma loro non gl danno pù sold

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Alla scoperta NOVITÀ PER. del MARE LE SCUOLE. infanzia primaria secondaria

Alla scoperta NOVITÀ PER. del MARE LE SCUOLE. infanzia primaria secondaria Alla scoperta NOVITÀ PER LE SCUOLE nfanza prmara secondara del MARE Area Marna Protetta d Mramare Il settore ddattco dell Area Marna Protetta d Mramare nasce quas trent ann fa con la gestone del WWF Itala,

Dettagli

Percorsi didattici per scuole di I e II grado SCUOLA EQUA

Percorsi didattici per scuole di I e II grado SCUOLA EQUA ze ren F 1 7 012 3685 l.org 5, 1 r rg po 45 3405 epo ol.o r t p s d 9 Pla 4631 laggo depo e 3 l d o 2 va O55 ne@v llagg. tel cazo one.v edu ocaz ass ne o az de c o so As llagg nlus O Il V opol P Percors

Dettagli

Mental Health Recovery Star

Mental Health Recovery Star Guda per le Organzzazon Mental Health Recovery Star TM n o n o o t z z t l n t e U ns vsone o n c pa gestone della propra salute mentale cura d sé 0 9 0 8 9 7 8 6 7 7 5 6 5 6 7 5 6 5 7 9 0 8 5 7 6 5 8

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze Comune d Capraa e Lmte Provnca d Frenze COPA MMEDATAMENTE ESEGUT3 LE. VERBALE D DELBERAZ1ONE DELLA GUNTA MUNCPALE Del bera Numero 103 del 13111/2012 Oggetto NZATVA PRESENTATA DALLASSOCAZONE NOt DA GRAND

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE D O N A L A V I T A 14 SETTEMBRE 2002. "Teatro Comunale" Città di Massafra -Ta Ore 19,00

CONVEGNO REGIONALE D O N A L A V I T A 14 SETTEMBRE 2002. Teatro Comunale Città di Massafra -Ta Ore 19,00 CONVEGNO REGIONALE 14 SETTEMBRE 2002 ASSOCIAZIONE TRAPIANTATI ORGANI ONLUS Regone Pugla D O N A "Teatro Comunale" Cttà d Massafra -Ta Ore 19,00 Donazone e Trapanto "MEDICINA CONCEPITA TRA UMANO E DIVINO"

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA Art. l Denomnazone e sede E' costtuta, l Assocazone culturale denomnata TUTTI PER ROMA, con sede n Roma, n vale Aventno 67, che, a secondo delle necesstà, potrà avere una o pù sed operatve n altr luogh.

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

Energia per lo sviluppo

Energia per lo sviluppo Energa per lo svluppo Report delle attvtà dcembre 2015 - maggo 2016 Mozambco Report Europrogett srl Fondazone AVSI www.avs.org 20158 Mlano Va Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - mlano@avs.org 47521 Cesena

Dettagli

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019 ^^^ j 11 ORGNLE CENTRO RESDENZLE PERNZN "Ul\/[BERTO " 35028 POVE D SCCO (Padova) DECRETO N 191 del 11/07/2014 l Segretaro Drettore d questo sttuto Pern Dottssa Emanuela a sens del DLgs n 165/2001 delle

Dettagli

n, 155 dei 03/03/2014 G GE T T

n, 155 dei 03/03/2014 G GE T T REGIONE DEL VENETO AZIENDA LJNITA LOCALE SOCIOSANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n, 155 dei 03/03/2014 O G GE T T O Convenzone con STEFANI SPORT Socetà Cooperatva Socale Sportva Dlettantstca per attvta

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

11111111111 111111111111111' 111111111111 1III

11111111111 111111111111111' 111111111111 1III CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 31'110/2014 U-5s/6249/2014 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI IN'GEGNEHl 11111111111 111111111111111' 111111111111 1III /''''''(1''} l,\{lfij,ae'r'1 '-.;'H/h/rl Crco n. 445/XVIII

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Turismo e innovazione in Trentino

Turismo e innovazione in Trentino Tursmo e nnovazone n Trentno Roberto Pzzcannella (Dpartmento Cultura, tursmo, promozone e sport) Mlano 8 maggo 2014 I numer del Tursmo 5 mlon (arrv - 2012) 29 mlon (presenze - 2012) 15% (contrbuto al PIL

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI

DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI Master Unverstaro d I Lvello DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI PROGETTARE SOLUZIONI PER IL TURISMO E IL TERRITORIO I Edzone Novembre 2014 - Gugno 2015 2 Master DST DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI PROGETTARE SOLUZIONI

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Anno 2009 - dati aggiornati al 23.9.2010. Enti regionali DEMETRIO DUCCIO 05-MAG-09 31-AGO-09 ATTIVITA' DI STUDIO E RICERCA ROSA ZANINI BUCCELLA

Anno 2009 - dati aggiornati al 23.9.2010. Enti regionali DEMETRIO DUCCIO 05-MAG-09 31-AGO-09 ATTIVITA' DI STUDIO E RICERCA ROSA ZANINI BUCCELLA ncarichi affidati a consulenti e collaboratori estreni PEMONTE TORNO AGENZA REGONALE PER LE ADOZON NTERNAZONAL PEMONTE TORNO AGENZA REGONALE PER LE ADOZON NTERNAZONAL PEMONTE TORNO AGENZA REGONALE PER

Dettagli

I NUOVI ASSUNTI INCONTRANO L AGENDA

I NUOVI ASSUNTI INCONTRANO L AGENDA NUOV ASSUNT NCONTRANO L AGENDA L ABC DEL SSTEMA QUALTA Verona, 12 Maggio 2009 L ABC PERCO L SGNFCATO D SSTEMA D GESTONE DELLA QUALTA AZENDALE SSTEMA E Ciò che è costituito da più elementi interdipendenti,

Dettagli

DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI

DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI Master Unverstaro d I Lvello DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI PROGETTARE SOLUZIONI PER IL TURISMO E IL TERRITORIO I Edzone Novembre 2014 - Gugno 2015 2 Master DST DESIGN DEI SERVIZI TURISTICI PROGETTARE SOLUZIONI

Dettagli

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 "SAN QUIRICO MARTIRE" PER EROGAZIONE CONTRIBUTI.

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 SAN QUIRICO MARTIRE PER EROGAZIONE CONTRIBUTI. - COMUNE D BUDDUSO'... :, PROVNCA D OLBA TEMPO CONVENZONE SCUO.A MATERNA SAN QURCO MARTRE (art. 2. comma 2.L.R. 25.06.984. N. 3 ) CONVENZONE TRA L COMUNE D BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA "SAN QURCO MARTRE"

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2011 predsposta dalla Gunta Esecutva del 04/02/2011 delberato dal Consglo d Isttuto del 11/02/2011 Per la formulazone del Programma Annuale 2011s tene conto del Decreto Intermnsterale

Dettagli

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008 Il Salotto del Mx Dr. Sup. Domenco Vulpan Drettore Servzo Polza Postale e delle Comuncazon Mlano, 16 ottobre 2008 Maggore rchesta d scurezza... l g da t n e t u t l g a d r o t a oper s l g da e n l on

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

L Università che immaginiamo per il futuro è un Università che sappia conquistarsi a pieno, e meritatamente, la fiducia ed il riconoscimento

L Università che immaginiamo per il futuro è un Università che sappia conquistarsi a pieno, e meritatamente, la fiducia ed il riconoscimento Guda 2015/2016 2 Saluto del Rettore 1 Il nuovo Anno Accademco sarà l 840 dalla nascta dell Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla. Gungamo a questo traguardo fort d alcun mportant rsultat e rconoscment,

Dettagli

La regolamentazione nella gestione dei canili di prima accoglienza e dei canili rifugio

La regolamentazione nella gestione dei canili di prima accoglienza e dei canili rifugio Corso d formazone per operator d canl luned, 28 ottobre 2013 La regolamentazone nella gestone de canl d prma accoglenza e de canl rfugo - t.p.a.l.l. dr. arch. nno garofalo - IL RANDAGISMO: FATTORI PREDISPONENTI

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Magitec Srl. Facility Management: erogare con efficacia servizi integrati ad alta qualità. MaGiTec. MaGiTec. Servizi integrati di Qualità

Magitec Srl. Facility Management: erogare con efficacia servizi integrati ad alta qualità. MaGiTec. MaGiTec. Servizi integrati di Qualità Magtec Srl Faclty Management: erogare con effcaca servz ntegrat ad alta qualtà 1 La realtà La nostra forza è la capogruppo d un pool d quattro socetà specalzzate per fornre l servzo mglore a fronte d ogn

Dettagli

i i IifgIilIUl!flllulIiIii, I/

i i IifgIilIUl!flllulIiIii, I/ ) do.d PRO 4r( tcoco) P cccman data \ R nta r Wr ìnce nle (,mun:cazon ezcne (1 ntencu ov stv 1 jtrred:al antro )ìrezonap ol3 3 C 3 APOL] c pata,a na e monc vaqcorn I( r -r le gjf ( [) F I(T.(.F IfgIlIUl!flllulII,

Dettagli