REPUBBLICA DI SAN MARINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA DI SAN MARINO"

Transcript

1 Pagina 1 di 13 LEGGE 21 gennaio 2004 n.5 REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente legge approvata dal Consiglio Grande e Generale nella seduta del 21 gennaio TITOLO I Art.1 (Finalità e interventi) In conformità ai principi stabiliti dalla "Dichiarazione dei diritti dei cittadini e dei principi fondamentali dell ordinamento sammarinese", in ottemperanza agli articoli 1 e 2 della Legge 12 febbraio 1998 n.21 e allo scopo di contribuire a garantire ai giovani della Repubblica l esercizio del diritto allo studio e di permettere a ciascuno di raggiungere i più alti gradi di istruzione e di formazione ed una adeguata preparazione all ingresso nel mondo del lavoro, lo Stato assicura i seguenti interventi: a. assegno di studio; b. assegno di studio per merito; c. contributo libri; d. prestito sulla fiducia; e. borse di studio; f. agevolazioni per il trasporto. La Repubblica promuove altresì la realizzazione di momenti di alternanza tra studio e lavoro e la partecipazione dei giovani allo svolgimento di servizi di pubblica utilità. Le provvidenze economiche erogate in virtù della presente legge, ai fini fiscali, sono esenti da ogni tipo di imposizione e non concorrono a formare il reddito imponibile dei beneficiari.

2 Pagina 2 di 13 Art. 2 (Destinatari) Gli interventi di cui alla presente legge sono rivolti ai cittadini e ai residenti che siano sia anagraficamente che effettivamente residenti nella Repubblica di San Marino e che frequentino: a. i corsi di laurea, i corsi di laurea specialistica e i corsi di alta formazione artistica, musicale e coreutica; b. i corsi di istruzione secondaria superiore e i corsi del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione; c. i corsi della formazione professionale e i corsi dell istruzione e formazione tecnica superiore; d. i corsi successivi al conseguimento della laurea o della laurea specialistica, di durata almeno biennale, finalizzati al conseguimento del diploma di specializzazione, del dottorato di ricerca o del master universitario. La frequenza dei corsi di cui alle lettere a), b) e d) del comma precedente dà diritto a usufruire degli interventi della presente legge se i titoli di studio relativi sono riconosciuti validi secondo la prassi, gli accordi, i trattati e le convenzioni fra la Repubblica di San Marino e gli altri Stati o per atto unilaterale della Repubblica di San Marino. La frequenza dei corsi di cui alla lettera c) del comma 1 dà diritto a usufruire degli interventi della presente legge se il corso frequentato è di durata almeno biennale ed è gestito o riconosciuto da ente pubblico. Non possono usufruire degli interventi previsti dalla presente legge coloro che hanno compiuto il 35 anno di età, i soggetti che risultano occupati in una attività lavorativa stabile e continuativa per più di sei mesi all anno e i soggetti che ne abbiano già usufruito per corsi di pari grado e durata. Art. 3 (Requisiti di reddito) Ai fini della presente legge, i requisiti reddituali si valutano secondo le disposizioni di cui al presente articolo. Il reddito familiare annuo pro-capite è determinato dividendo la somma dei redditi percepiti da tutti i componenti del nucleo familiare nell anno fiscale precedente per il numero dei componenti lo stesso nucleo familiare. Per i nuclei in cui vi siano più studenti frequentanti i corsi di cui all art. 2, ai fini del presente articolo, il numero dei componenti il nucleo stesso viene figurativamente aumentato di una unità. Il reddito è determinato facendo riferimento alle basi imponibili, maggiorate dei

3 Pagina 3 di 13 redditi prodotti all estero, al netto degli abbattimenti e delle passività deducibili determinate a norma della Legge 13 ottobre 1984 n. 91 e successive modifiche ed integrazioni. Sono esclusi dal computo gli emolumenti ed arretrati relativi ad anni precedenti. I redditi percepiti dai figli possono venire esclusi dal calcolo di cui al comma precedente, purché i titolari dei redditi vengano esclusi anche dal numero dei componenti lo stesso nucleo familiare. Il reddito imponibile, concorrente alla formazione del reddito familiare, derivante da attività autonome, il cui ammontare lordo risulti inferiore al minimo stabilito dall articolo 1 della Legge 11 febbraio 1983 n. 15, viene incrementato della differenza fra il reddito dichiarato ed il minimo previsto per l anno di riferimento dal Decreto di cui al quinto comma dell articolo richiamato. Art. 4 (Requisiti di merito) I requisiti di merito necessari per usufruire dei benefici previsti dalla presente legge sono indicati dalle disposizioni che disciplinano i singoli interventi. Ai soggetti che non possono avvalersi di un determinato intervento per la carenza di uno dei requisiti di merito previsti, è garantita la possibilità di usufruire comunque dei benefici previsti nel caso in cui detti requisiti vengano recuperati nell anno scolastico, accademico o formativo immediatamente successivo. Nel caso in cui interrompa la frequenza del corso di studi iniziato, il soggetto che ha beneficiato di uno degli interventi previsti dalla presente legge, con esclusione di quelli di cui agli articoli 6 e 7, è tenuto a restituire quanto già percepito, fatta salva la causa di forza maggiore per motivi di salute certificata dalle competenti autorità sanitarie e riconosciuta dalla Consulta per la Pubblica Istruzione. Nel caso in cui tale soggetto non provveda nei termini prestabiliti, per il recupero delle somme percepite o trattenute indebitamente si applica la procedura di mano regia. TITOLO II Art. 5 (Assegno di studio) L assegno di studio è attribuito ai cittadini e ai residenti che frequentano gli studi e i corsi di cui all articolo 2 comma 1 lettere a), b) e c) in sedi fuori del territorio della Repubblica non raggiungibili quotidianamente. Per poter conseguire l assegno di studio è necessario attestare il possesso dei seguenti requisiti: a) regolare iscrizione e ammissione sia per il primo anno che per gli anni

4 Pagina 4 di 13 successivi ai corsi previsti al precedente articolo 2; b) per gli anni successivi al primo dei corsi di cui all articolo 2, comma 1, lettera a), aver sostenuto tutti gli esami previsti nel piano di studi per l anno precedente oppure aver acquisito il numero di crediti formativi previsti per l anno precedente; c) per i corsi di cui all articolo 2, comma 1, lettera b) e c), aver concluso positivamente l anno scolastico o formativo precedente; d) essere nelle condizioni reddituali di cui al comma seguente. L ammontare dell assegno di studio e i relativi scaglioni di reddito sono determinati come segue: Scaglione Reddito familiare pro-capite annuo Ammontare assegno di studio 1 euro 9.476,24 euro 1.990,13 2 euro ,01 euro 1.327,11 3 euro ,65 euro 663,55 Nei casi in cui il reddito familiare pro capite risulti superiore a euro ,65, l assegno di studio non viene attribuito. L assegno di studio non spetta inoltre a chi, già in possesso di laurea o diploma, frequenta corsi di studio dello stesso grado di quelli già svolti. Lo studente di cui all articolo 2, comma 1, lettera a), che consegua la laurea entro un anno di tolleranza rispetto alla durata legale del corso, ha diritto al reintegro delle annualità non corrisposte. Art. 6 (Assegno di studio per merito) Agli studenti di cui all articolo 2, comma 1, lettera a), b) e c) che abbiano ottenuto nell anno scolastico o accademico o formativo precedente risultati particolarmente meritevoli è attribuito un assegno di studio per merito. L ammontare dell assegno per merito ed i requisiti necessari per ottenerlo sono stabiliti dalle successive tabella "A" per i corsi di cui all articolo 2, comma 1, lettera a) e tabella "B" per i corsi di cui all articolo 2, comma 1, lettere b) e c): Tabella -A- - corsi di cui all articolo 2, comma 1, lettera a) Ammontare dell'assegno per merito: 969,12=

5 Pagina 5 di 13 periodi requisiti Note Anni accademici antecedenti quello finale M 28/30 M rappresenta la media dei voti di tutti gli esami previsti dal pia di studio per l anno di corso di riferimento. Anno accademico finale V 29/30 V rappresenta la votazione di laurea o di diploma universitario riproporzionato in trentesimi Tabella B- - corsi di cui all articolo 2, comma 1, lettere b) e c) Ammontare dell assegno per merito: 513,04= periodi Requisiti Note Anni scolastici non concludentisi con esame M 8,5 Con tutti i voti superiori a 6/10 M rappresenta la media dei voti di tutte le materie curriculari previste dagli ordinamenti didattici di ciascuna scuola, per le q sia stata espressa una valutazione numerica in sede di scrutin finale dell'anno scolastico di riferimento, ad esclusione di cond Anno scolastico concludentesi con esame di licenza o qualifica Anno scolastico concludentesi con esame di Stato V 8,5 V 90/100 V rappresenta la votazione finale complessiva dell'esame riproporzionata in decimi V rappresenta la votazione finale complessiva dell'esame. Art. 7 (Contributo libri) Agli studenti di cui all articolo 2, comma 1, lettere a), b) e c) che non usufruiscono della fornitura gratuita dei libri di testo viene corrisposto un contributo libri pari a: euro 311,47 per i corsi di cui alla lettera a) dell articolo 2; euro 262,24 per gli studenti del primo e terzo anno dei corsi di cui alle lettere b) e c) dell articolo 2; euro 199,53 per gli studenti del secondo, quarto e quinto anno dei corsi di cui alle lettere b) e c) dell articolo 2. Il contributo libri non viene corrisposto allo studente dei corsi di cui alla lettera a) del comma 1 dell articolo 2 qualora non abbia superato almeno 3 esami previsti dal piano di studio per l anno decorso oppure che non abbia conseguito almeno 1/3 dei crediti previsti per tale anno. Nel caso in cui lo studente iscritto ai corsi di cui ai punti b) e c) del precedente articolo 2 si trovi a ripetere il medesimo anno, il contributo libri viene corrisposto nella misura del 50% per una sola volta nel corso del medesimo ciclo scolastico.

6 Pagina 6 di 13 Art. 8 (Prestito sulla fiducia) Per consentire l autofinanziamento degli studi, gli studenti di cui al precedente articolo 2 possono usufruire del prestito sulla fiducia, che viene erogato dalla Pubblica Amministrazione mediante l apertura di una linea di credito in conto corrente per conto terzi garantita dallo Stato. Il prestito sulla fiducia riguarda l intero corso di studi e viene erogato in rate annuali di euro 3.790,45 per ciascuna annualità del corso prescelto. Per poter usufruire del prestito sulla fiducia lo studente deve essere maggiorenne, frequentare un corso di studi fuori territorio ed avere un reddito familiare annuo pro-capite non superiore a quello stabilito al terzo scaglione di cui al precedente articolo 5. Il Congresso di Stato è autorizzato a stipulare con istituti di credito apposite convenzioni che prevedano a carico della Pubblica Amministrazione l onere del 50% degli interessi dovuti. Le cambiali rilasciate a garanzia delle operazioni bancarie di cui al comma che precede sono assoggettate alla imposta di bollo dello 0,10 per mille. Il rimborso del prestito può avvenire in qualsiasi momento e comunque non oltre il termine di tre anni dalla conclusione del corso di studi. Lo studente può effettuare il rimborso mediante rate trimestrali nell arco di tanti anni quanti sono gli anni per i quali ha usufruito del prestito. In caso di interruzione degli studi il rimborso del prestito diviene legalmente esigibile decorso un anno dalla interruzione. Art. 9 (Borse di studio) Al fine di favorire il conseguimento di una maggiore specializzazione nel campo degli studi prescelti ed una maggiore professionalità, la Repubblica istituisce borse di studio a favore dei soggetti di cui all articolo 2, comma 1, lettera d). La effettiva frequenza dei corsi per i quali è erogata la borsa di studio è condizione necessaria per poterne usufruire. La borsa di studio di cui al presente articolo è incompatibile e non cumulabile con altri contributi o retribuzioni erogati da enti pubblici o da privati della Repubblica di San Marino o di altri Paesi, percepiti in virtù della frequenza del medesimo corso e viene erogata esclusivamente in caso di iscrizione a corsi in sedi non raggiungibili quotidianamente. La borsa di studio è erogata in forma scaglionata tenendo conto dell ammontare del reddito familiare pro-capite annuo, sulla base della seguente tabella: Scaglione Reddito familiare pro-capite annuo Ammontare borsa di studio 1 euro 9.476,24 euro 2.842,81

7 Pagina 7 di 13 2 euro ,01 euro 1.895,22 3 euro ,65 euro 947,97 Nei casi in cui il reddito familiare pro capite risulti superiore a euro ,65 la borsa di studio non viene attribuita. L ammontare delle borse di studio per la frequenza a corsi in Paesi stranieri diversi dall Italia può essere aumentato, fermi restando i requisiti di reddito, fino al 100%, sulla base di maggiori oneri sostenuti e debitamente comprovati. Il Congresso di Stato, sentito il parere della Consulta Pubblica Istruzione, in base a particolari opportunità e/o ad accordi stipulati con Istituti ed Enti di ricerca, ha la facoltà di istituire borse di studio speciali, di determinarne l ammontare, di stabilire i requisiti di ammissione e di indicare le sedi presso cui dovranno essere usufruite. Art. 10 (Agevolazioni per il trasporto) Al fine di garantire agli studenti che frequentano i corsi di cui all articolo 2 la possibilità di raggiungere le sedi dei corsi prescelti, sia in territorio che fuori territorio purché raggiungibili quotidianamente e al fine di agevolare la mobilità dei giovani per la partecipazione ad attività formative, sportive e ricreative, lo Stato, mediante la gestione dell Azienda Autonoma di Stato preposta e mediante la stipula di contratti e convenzioni con altri gestori autorizzati, assicura una idonea rete di servizio di trasporto pubblico all interno del territorio in connessione con la rete di trasporto pubblico esterna. Il costo degli abbonamenti scolastici annuali a carico degli studenti per l utilizzo del trasporto è fissato in euro 50,00 per il trasporto interno e in euro 70,00 per il trasporto esterno. Lo Stato, dedotta la contribuzione a carico degli studenti, interverrà a conguaglio dei maggiori oneri sostenuti dai gestori del trasporto sulla base dei criteri e dei parametri in uso per la definizione dei costi di trasporto pubblico. Nel caso di linee di trasporto che non interessano il territorio, lo Stato provvederà, ove non possibile diversamente, al rimborso dei costi degli abbonamenti di trasporto, dedotta la quota a carico dello studente di cui al comma che precede. Art. 11 (Deducibilità spese per il diritto allo studio) La lettera f) dell articolo 6, comma 1, della Legge 13 ottobre 1984 n. 91, come successivamente modificato ed integrato, è così sostituita: "f) per intero le tasse scolastiche annuali per la iscrizione e la frequenza a corsi professionali, di istruzione secondaria o universitaria, e, fino ad un importo massimo di euro 2.000,00, le spese di locazione e le rette scolastiche o di convitto sostenute per la frequenza dei corsi di cui all articolo 2 della legge sul diritto allo studio con sede fuori territorio".

8 Pagina 8 di 13 TITOLO III Art. 12 (Tirocini formativi e di orientamento) Al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro, la Repubblica favorisce tirocini formativi e di orientamento come modalità di realizzazione del percorso formativo, a favore dei soggetti di cui all articolo 2 della presente legge. Gli istituti o enti che gestiscono i corsi di cui all articolo 2 promuovono i tirocini di cui al precedente comma mediante la sottoscrizione di apposite convenzioni con i soggetti, pubblici e privati, disposti ad accogliere i tirocinanti. Il rapporto che si instaura tra tali soggetti ed i tirocinanti non è un rapporto di lavoro. Il promotore predispone il progetto formativo da allegare alla convenzione e garantisce la presenza di un tutore didattico-organizzativo delle attività. Il soggetto convenzionato che ospita il tirocinante indica il responsabile aziendale dell inserimento dei tirocinanti cui fare riferimento. Gli studenti di cui all articolo 2 della presente legge effettuano il tirocinio formativo in periodi compatibili con il corso di studio frequentato. Il tirocinio formativo non può comunque avere una durata superiore a 180 ore annuali. Il promotore assicura la copertura assicurativa del tirocinante. La valutazione del tirocinio formativo e di orientamento è riportata, a cura del promotore, nella carta dei crediti formativi di cui all articolo 24 della Legge 12 febbraio 1998 n.21. Ai fini fiscali l eventuale borsa lavoro erogata al tirocinante dagli istituti o enti che gestiscono i corsi di cui all articolo 2 della presente legge, è esente da ogni tipo di imposizione e non concorre a formare il reddito imponibile del beneficiario. Art. 13 (Norme a favore del lavoro temporaneo degli studenti) La Repubblica, al fine di incrementare la formazione degli studenti e di offrire occasioni di autofinanziamento agli studi, provvede a disciplinare mediante l adozione di specifiche norme legislative l attività lavorativa temporanea dei soggetti di cui all articolo 2 della presente legge, compatibilmente con i tempi e con le esigenze dei corsi di studio frequentati. Ai fini fiscali il reddito percepito dallo studente lavoratore non concorre ad incrementare il reddito familiare di cui all articolo 3 della presente legge.

9 Pagina 9 di 13 Art. 14 (Promozione del servizio di volontariato sociale) La Repubblica promuove la partecipazione dei giovani cittadini o residenti allo svolgimento di servizi di pubblica utilità nei settori culturale, sociale, ambientale, educativo e di tutela e valorizzazione del patrimonio artistico. Con apposita normativa la Repubblica disciplina il servizio di volontariato sociale, prevedendo anche il riconoscimento ai fini formativi della attività svolta. TITOLO IV Art. 15 (Copertura finanziaria) La copertura finanziaria degli interventi di cui alla presente legge è prevista su appositi capitoli di Bilancio dello Stato. Art. 16 (Norme generali) Gli studenti che intendono ottenere i benefici previsti agli articoli 5, 6, 7, 8 e 9 devono farne richiesta alla Consulta della Pubblica Istruzione mediante presentazione, entro il 30 novembre di ciascun anno, di specifica domanda, redatta su appositi moduli e corredata dalla documentazione prevista, presso l Ufficio Diritto allo Studio della Segreteria di Stato per la Pubblica Istruzione, che rilascia regolare ricevuta. Il provvedimento di diniego dei benefici di cui alla presente legge, adottato dalla Consulta della Pubblica Istruzione, è comunicato al soggetto interessato mediante raccomandata A.R.. Avverso il provvedimento di cui al comma che precede, l interessato, entro il termine di trenta giorni dall intervenuta comunicazione, ha facoltà di richiedere alla Consulta della Pubblica Istruzione il riesame della pratica. Avverso il provvedimento con cui la Consulta della Pubblica Istruzione si pronuncia sul riesame, l interessato ha facoltà di agire ai sensi della Legge 28 giugno 1989 n.68. Con apposito decreto: - sono aggiornati annualmente, in base al variare del costo della vita, gli importi e l ammontare degli scaglioni di reddito di cui agli articoli 5, 8 e 9; - sono determinati annualmente l ammontare degli importi previsti agli articoli 6, 7 e 10;

10 Pagina 10 di 13 - possono essere modificati e/o integrati i requisiti e i criteri per beneficiare degli istituti previsti al Titolo II. Art. 17 (Abrogazione di norme) Sono abrogati il Decreto 11 febbraio 1998 n. 8 e successive modificazioni ed integrazioni nonché tutte le norme in contrasto con la presente legge. Art. 18 (Norme transitorie) Per l anno scolastico e per l anno accademico l assegno di merito e i requisiti sono quelli fissati dalla Legge 29 ottobre 1999 n.114 e dal Decreto 27 gennaio 2000 n.12. Per l anno scolastico la Consulta per la Pubblica Istruzione è autorizzata a rimborsare il costo dell abbonamento per il trasporto a mezzo di servizi pubblici agli studenti delle Scuole Secondarie Superiori frequentanti sedi quotidianamente raggiungibili, in regola con l iscrizione e con domanda presentata entro i termini di legge, secondo le tabelle differenziate per i vari punti del territorio. L articolo 10 sarà reso esecutivo a partire dall anno scolastico Per l anno scolastico a tutti gli studenti di cui al superiore articolo 2, frequentanti sedi fuori territorio quotidianamente raggiungibili, è rimborsato il costo dell abbonamento per il loro trasporto a mezzo di servizi pubblici, secondo le tabelle differenziate per i vari punti del territorio. Art. 19 (Entrata in vigore) La presente legge entra in vigore il quinto giorno successivo a quello della sua legale pubblicazione. Data dalla Nostra Residenza, addì 23 gennaio 2004/1703 d.f.r I Capitani Reggenti Giovanni Lonfernini Valeria Ciavatta Il Segretario Di Stato

11 Pagina 11 di 13 Per Gli Affari Interni Loris Francini INDICE Titolo I Art. 1) Finalità e interventi Art. 2) Destinatari Art. 3) Requisiti di reddito Art. 4) Requisiti di merito Titolo II Art. 5) Assegno di studio Art. 6) Assegno di studio per merito Art. 7) Contributo libri Art. 8) Prestito sulla fiducia Art. 9) Borse di studio Art. 10)Agevolazioni per il trasporto Art. 11)Deducibilità delle spese per il diritto allo studio Titolo III Art. 12) Tirocini formativi e di orientamento Art. 13) Norme a favore del lavoro temporaneo degli studenti Art. 14) Promozione del servizio di volontariato sociale

12 Pagina 12 di 13 Titolo IV Art. 15)Copertura finanziaria Art. 16)Norme generali Art. 17)Abrogazione di norme Art. 18)Norme transitorie Art. 19)Entrata in vigore Clausola di esclusione della responsabilità La Segreteria di Stato per gli Affari Interni ha istituito questo server per consentire al pubblico un più ampio accesso all informazione relativa alle iniziative del Consiglio Grande e Generale. L obiettivo perseguito è quello di fornire un informazione tempestiva e precisa. Qualora dovessero essere segnalati degli errori, l editore provvederà a correggerli. La Segreteria di Stato per gli Affari Interni non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito. Tale materiale: è costituito da informazioni di carattere esclusivamente generale che non riguardano fatti specifici relativi ad una persona o un organismo determinati; non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali i servizi della Segreteria di Stato per gli Affari Interni non ha alcun controllo e per i quali non assumono alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o giuridico (per una consulenza specifica, è necessario rivolgersi sempre ad un professionista debitamente qualificato). Va ricordato che non si può garantire che un documento disponibile online riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Pertanto solo la legislazione, pubblicata dalla Segreteria di Stato per gli Affari Interni nelle edizioni su carta del Bollettino Ufficiale è considerata autentica. L Istituzione non assume alcuna responsabilità in merito agli eventuali problemi che possono insorgere per effetto dell utilizzazione del sito o di eventuali siti esterni ad esso collegati.

13 Pagina 13 di 13 La presente clausola di esclusione della responsabilità non ha lo scopo di eludere il rispetto di requisiti prescritti dalle legislazioni nazionali vigenti, nè di escludere la responsabilità nei casi per i quali essa non puo essere esclusa ai sensi delle legislazioni nazionali. Segreteria di Stato per gli Affari Interni 2000 Tutti i diritti riservati.

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio Regione Toscana Bando di concorso a.a. 2014/2015 Borse di studio Posti alloggio Luglio 2014 Pubblicazione a cura del Servizio Comunicazione Impaginazione a cura di: Leda Lazzerini Redazione testo: Servizi

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 Regolamento per l'istituzione di borse di studio Art. 1 - Scopi e destinatari

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

800723999 Area riservata per gli studenti urp@laziodisu.i www.laziodisu.it www.tornosubito.laziodisu.it www.regione.lazio.it

800723999 Area riservata per gli studenti urp@laziodisu.i www.laziodisu.it www.tornosubito.laziodisu.it www.regione.lazio.it Bando unico dei concorsi a.a. 2014/2015 1 Gentile studente, il Bando unico che segue registra significative modifiche e novità rispetto agli anni precedenti. Frutto di un percorso di ascolto promosso da

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli