Files di Configurazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Files di Configurazione"

Transcript

1 Files di Configurazione Cosa sono Sono normali files di testo atti a configurare il comportamento delle componenti del S.O. sia durante il bootstrap sia in seguito durante l'uso quotidiano per adattare il comportamento del S.O. alle proprie necessità; ciò contribuisce alla leggenda metropolitana del S.O. che parte e non si ferma più. Come usarli Basta modificarli con l'editor preferito (dopo una provvidenziale copia di backup), poi occorre indurre i programmi a rileggerli. Dove sono In genere sono posizionati sotto /etc, oppure dove la documentazione del Software indica di volta in volta. Una notevole eccezione è costituita da quelli sotto /proc e /sys Introduzione 1

2 /etc/inittab Scopo Fornire informazioni a init che è il primo processo creato dal kernel, in modo che possa innescare la successiva creazione di altri processi che a loro volta... Tipicamente questi programmi si mettono in attesa di un evento, lo eseguono e si rimettono in attesa; es. login Esempio e uso Ha una sintassi molto semplice ed è suddiviso in paragrafi. <id>: identificativo unico da 1 a 4 caratteri <runlevels>: monoutenza, multiutenza, servizi speciali, grafica, tutto... <action>:azione da intraprendere <process> : processo da eseguire n.b. : nella letteratura standard vengono chiamati demoni (daemon), in questa sede si preferisce la versione di daymon (monitor giornalieri) /etc/inittab 2

3 /etc/fstab Scopo Permettere l'aggiunta dei File-Sytems in fase di bootstrap e la successiva modifica di uso o rimozione durante la normale attività Esempio e uso # <file system> <mount point> <type> <options> <dump> <pass> proc /proc proc defaults 0 0 /dev/hda4 / ext3 defaults,errors=remount-ro 0 1 /dev/hda5 none swap sw 0 0 /dev/hdc /media/cdrom0 udf,iso9660 ro,user,noauto 0 0 /etc/fstab 3

4 /etc/fstab <file system> indica il supporto fisico su cui risiede il FileSystem: partizione di hard disk, cdrom, memoria ram o altro <mount point> in quale directory verrà inserito <type> ext2,ext3,reiserfs,vfat,nfs e molti altri <options> lettura,scrittura... <dump> backup in automatico con dump <pass> se da verificare durante la fase di bootstrap Analoghe considerazioni valgono per /etc/mtab che però viene gestito in memoria ram /etc/fstab 4

5 /etc/crontab Scopo il programma cron permette di pianificare le operazioni da effettuare periodicamente, mentre at una volta sola. Sui laptop può essere instalato anacron (che non presuppone in sistema sempre up) Esempio e uso $ echo 0,5,10,15,20,25,30,35,40,45,50,55 * * * * date > `tty` > /tmp/experiment $ crontab /tmp/experiment $ crontab -l avremo visualizzata l' ora ogni 5 minuti sul terminale dal quale avremo lanciato il comando at 17:00 Friday << COMMAND mail -s Rapporto settimanale mailing_list < report_written COMMAND /etc/crontab 5

6 /etc/hosts Scopo Fornire una mappatura fra nomi dei computer e indirizzi di rete in assenza di servizi come il DNS : in pratica un elenco telefonico locale. Esempio e uso localhost foo.mydomain.org foo bar.mydomain.org bar master.debian.org master abbastanza autoesplicativo: il primo campo è l'indirizzo IP segue il nome e l'eventuale alias /etc/hosts 6

7 /etc/inetd Scopo Avere un unico daymon che ascolta per connessioni (Internet) e decide quale servizio attivare Esempio e uso # Packages should modify this file by using update-inetd(8) ## <service_name> <sock_type> <proto> <flags> <user> <server_path> <args> ##:INTERNAL: Internal services #echo stream tcp nowait root internal #echo dgram udp wait root internal #chargen stream tcp nowait root internal ftp stream tcp nowait root /usr/bin/ftp opzioni Questo stralcio di file mostra che solo ftp è usato per connessioni da remoto /etc/inetd 7

8 /etc/passwd Scopo Permettere l'identificazione di chi tenta il login al Sistema Esempio e uso root:x:0:0:root:/root:/bin/bash daemon:x:1:1:daemon:/usr/sbin:/bin/sh bin:x:2:2:bin:/bin:/bin/sh sys:x:3:3:sys:/dev:/bin/sh sync:x:4:65534:sync:/bin:/bin/sync Porre attensione al secondo campo dove è presente una x che indica la presenza di una password criptografata Nelle versioni recenti esiste un file separato in aggiunta a /etc/passwd ed è /etc/shadow /etc/inetd 8

9 Gestione Utenti La possibilità di inserire-cancellare-modificare l'accesso a persone differenti oppure a diverse personaltà dello stesso Utente, impostando l'ambiente di uso del S.O. in modo da soddisfare i propri bisogni. Con la diffusione dell'informatica, infatti, sono sempre più frequenti le situazioni nelle quali un PC finisce con essere usato da più persone della stessa famiglia: sia per studio che per svago. Un Utente può decidere di crearsi una login per l' uso di Internet, una per sviluppo software, una per giocare. Non è strettamente necessario separare le attività, tuttavia è possibile farlo se utile. Un Utente possiede un identificativo numerico unico, appartiene ad un gruppo e di conseguenza obbedisce a regole che in alcuni casi lo limitano. Unica eccezione è l' Utente root. Gestione Utenti 9

10 Gestione Utenti Un Utente viene gestito dal S.O. tramite un numero univoco : uid (user id). Possiede una directory (/home/...), una shell per interagire col Sistema, appartiene ad un gruppo. L'insieme dei compiti che può svolgere è limitato dal Sistema tramite l'uso di alcune speciali informazioni, sotto certe condizioni modificabili dall' Utente stesso: sebbene ciò possa apparire come una fastisiosa limitazione è bene all' inizio fare il login come utente diverso da root, in quanto si é meno esposti a situazioni potenzialmente pericolose come la cancellazione di files importanti per il S.O. Un file ha dei permessi associati al proprietario del file, al gruppo di appartenenza e a tutti coloro i quali non appartengono alle prime due categorie. Il comando che permette di cambiare questi permessi è : chmod La sintassi è : chmod [-R] modo files -R cambia ricorsivamente i permessi delle directory e del loro contenuto. modo permessi in formato simbolico oppure ottale files sono il files chmod 10

11 Gestione Utenti Il formato simbolico è composta da tre parti, ognuna delle quali è opzionale. Tipo di proprietà : u (utente), g (gruppo), a (altri) Operatore : + (aggiunge permessi), - (toglie permessi), = (sostituzione permessi) Valori da impostare : r (lettura), w (scrittura), x (esecuzione o ricerca nelle directory) In generale, occorre avere il permesso di esecuzione pe tutti i files che devono essere eseguiti direttamente, il che comprende i programmi compilati e le procedure di shell (script). Inoltre è nesessario specificare il permesso di esecuzione per le directory, consentendo la ricerca all' interno delle stesse. chmod 11

12 Gestione Utenti Nel formato ottale i valori seguenti vengono sommati per formate una mappa di bit. Valore Significato 4000 Set user ID in esecuzione 2000 Set group ID in esecuzione 1000 per creare le directory : solo il proprietario può creare/cancellare file 400 Lettura proprietario 200 Scrittura proprietario 100 Esecuzione proprietario 40 Lettura gruppo 20 Scrittura gruppo 10 Esecuzione gruppo 4 Lettura altri 2 Scrittura altri 1 Esecuzione altri chmod 12

13 Gestione Utenti Supponiamo di voler aggiungere il permesso di scrittura per il gruppo e di togliere quello di lettura per tutti gli altri da tutti i files.sxw della directory corrente. I permessi correnti sono lettura/scrittura per il proprietario (400 per lettura proprietario, 200 (per scrittura proprietario), lettura per gruppo (40) e per gli altri (4), per un totale di 644 ottale.-rw-r--r-- 1 anto anto :20 elenco -rw-r--r-- 1 fly staff :19 primo.sxw -rw-r--r-- 1 fly staff :19 secondo.sxw -rw-r--r-- 1 fly staff :19 terzo.sxw Nel formato simbolico possiamo scrivere : chmod g+w,o-r *.sxw ed ottenere :20 elenco -rw-rw fly staff :19 primo.sxw -rw-rw fly staff :19 secondo.sxw -rw-rw fly staff :19 terzo.sxw chmod 13

14 Gestione Utenti Per cambiare l'utente e/o il gruppo possiamo utilizzare il comando : chown. Dobbiamo essere nelle condizioni di poter effettuare ciò oppure essere root. la sua sintassi è : chown [-R] [utente][.][gruppo] files [-R] [utente] [gruppo] Cambia ricorsivamente la proprietà delle directory e del loro conenuto Nuovo ID utente Nuovo ID di gruppo N.B. : i varii ID devono essere noti al Sistema altrimenti si avrà una segnalazione di errore chown 14

15 Gestione Utenti Quando si esegue un programma che crea un file, il programma deve richiedere alcuni permessi. Per esempio, un editor di testo normalmente deve richiedere il permesso di lettura/scrittura (almeno per il prprietario...) mentre un programma che crea n programma eseguibile avrà bisogno anche del permesso di esecuzione. I permessi ricevuti sono limitati dal valore della mask. Ogni bit settato nella mask corrisponde a un permesso non concesso. Per esempio, se la mask è impostata a zero, non ci sono limitazioni e tutti i permessi vengono concessi. Ogni bit impostato ad 1 indica che non sarà possibile avere quel permesso nei files creati. Sintassi : umask [mask] Solitamente non si concede l' accesso in scrittura al gruppo e nessun tipo di accesso agli altri. I bit corrispondenti a questi permessi (in ottale) sono 20 per la scrittura del gruppo, 1 per l' esecuzione degli altri, 2 per la scrittura degli altri e 4 per la lettura degli altri. Se sommiamo il tutto otteniamo la seguente mask : 027 umask umask 15

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Utilizzo install.linux@home 1 La shell La shell di Linux è a linea di comando. Appare obsoleta e difficile da usare, ma in realtà è molto più potente e versatile

Dettagli

Utenti e gruppi. Ogni utilizzatore di UNIX ha associato: Nomeutente nome alfanumerici UID identità numerica

Utenti e gruppi. Ogni utilizzatore di UNIX ha associato: Nomeutente nome alfanumerici UID identità numerica Utenti e gruppi Utenti e gruppi Ogni utilizzatore di UNIX ha associato: Un identità univoca Nomeutente nome alfanumerici UID identità numerica Uno o più gruppi Nomegruppo nome alfanumerico GID identità

Dettagli

Gestione degli Utenti e dei Permessi

Gestione degli Utenti e dei Permessi Corsi Linux Amministrazione di Sistema Seconda Lezione Prima Parte Gestione degli Utenti e dei Permessi C2011 Salvatore Mesoraca UTENTI Linux è un S.O. multiutente, questo significa

Dettagli

Permessi, utenti e gruppi

Permessi, utenti e gruppi Permessi, utenti e gruppi Daniele Venzano 9 novembre 2003 Indice 1 Introduzione 1 2 Concetti generali 2 2.1 Esempio..................................... 2 3 File importanti 2 3.1 /etc/group...................................

Dettagli

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell 1 GNU/Linux è un sistema operativo, cioè un insieme di programmi che collaborano fra di loro rendendo utilizzabile un calcolatore, infatti senza

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

Inetd e TCP Wrappers

Inetd e TCP Wrappers Inetd e TCP Wrappers Daniele Venzano 3 ottobre 2003 Indice 1 Introduzione 1 2 Inetd 2 2.1 Il file di configurazione /etc/inetd.conf.................... 2 2.1.1 Nome del servizio............................

Dettagli

Linux: Controllo di accesso, gestione utenti, gruppi, permessi. http://www.lugcr.it

Linux: Controllo di accesso, gestione utenti, gruppi, permessi. http://www.lugcr.it Linux: Controllo di accesso, gestione utenti, gruppi, permessi http://www.lugcr.it 1 Perché? Perché devo utilizzare un preciso nome utente? 1 : salvaguardia del sistema Utilizzando il sistema come amministratore

Dettagli

Configurare e attivare NFS4 con Fedora 17 e superiori

Configurare e attivare NFS4 con Fedora 17 e superiori Premessa: Questa guida nasce con lo scopo di chiarire l'uso e la configurazione del servizio di condivisione di rete NFS4 (non NFS3 o inferiori), osservando che sulla questione in oggetto la documentazione

Dettagli

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Daniele Pighin pighin@fbk.eu FBK Via Sommarive, 18 I-38050 Trento, Italy March 5, 2008 Outline 1 Sistema operativo e

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

inetd (the Internet Superserver) Servizi di rete inetd (the Internet Superserver) inetd.conf

inetd (the Internet Superserver) Servizi di rete inetd (the Internet Superserver) inetd.conf Servizi di rete Nota: per riavviare un demone, qualsiasi esso sia, nei sistemi con init SystemV basta oppure, in molti casi, che forza il demone a rileggere i file di configurazione. Questo meccanismo

Dettagli

fare hard link fra file system diversi e su directory.

fare hard link fra file system diversi e su directory. Un sistema GNU/Linux, come ogni Unix, ha una directory principale, chiamata root ed indicata con / sotto la quale si trovano TUTTE le altre directory e TUTTI gli altri filesystems eventualmente montati

Dettagli

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 Raid1-mini-Howto Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 1 Introduzione Scopo di questo documento è la descrizione sommaria dell installazione di un sistema raid1 (mirroring)

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Primi passi con Linux

Primi passi con Linux Linuxday 2005 Fondazione Casolo - Somma Lombardo (VA) Primi passi con Linux a cura di Marco Bevacqua (Möbius) La gestione degli utenti La schermata di login grafico (Kdm) di Mandriva Linux La gestione

Dettagli

Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti

Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Sara Lioba Volpi (sara.volpi@iet.unipi.it) Quarta esercitazione Sommario Virtual file system (VFS) concetto

Dettagli

Introduzione ai servizi di Linux

Introduzione ai servizi di Linux Introduzione ai servizi di Linux Premessa Adios è un interessante sistema operativo Linux basato sulla distribuzione Fedora Core 6 (ex Red Hat) distribuito come Live CD (con la possibilità di essere anche

Dettagli

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount:

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount: Capitolo 16. NFS (Network File System) L'NFS permette di condividere file tra computer in rete come se fossero sul disco fisso locale del client. Red Hat Linux può essere sia un server che un client NFS,

Dettagli

Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux

Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux Accademia Domani Via Pietro Blaserna, 101-00146 ROMA (RM) info@accademiadomani.it Programma Generale del Corso Linux Tematiche di Base MODULO 1

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650

GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650 GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650 MONOGRAFIA DESCRITTIVA Edizione Gennaio 2010 MON. 255 REV. 1.0 1 di 27 INDICE Introduzione alle funzionalità di gestione per sistemi di trasmissioni PDH...

Dettagli

Link e permessi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione. Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006

Link e permessi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione. Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006 Link e permessi Link Un riferimento ad un file è detto link Ogni file può avere un numero

Dettagli

Nota: per riavviare un demone, qualsiasi esso sia, nei sistemi con init SystemV basta. /etc/init.d/nomedemone restart

Nota: per riavviare un demone, qualsiasi esso sia, nei sistemi con init SystemV basta. /etc/init.d/nomedemone restart Servizi di rete Nota: per riavviare un demone, qualsiasi esso sia, nei sistemi con init SystemV basta /etc/init.d/nomedemone restart oppure, in molti casi, killall -HUP nomeservizio che forza il demone

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Installazione di Ubuntu 10.04 Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Operazioni preliminari Backup di tutti i dati dalla partizione Windows Deframmentazione di tutte le partizioni Windows (n volte...) Abilitare

Dettagli

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5)

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) Nel precedente articolo sono state introdotte le diverse tipologie di RAID ed i concetti di parità per la gestione della ridondanza. Di

Dettagli

Laboratorio di Programmazione

Laboratorio di Programmazione Laboratorio di Programmazione Federico Spizzo Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza 006 Tel: 0532 974231 E-mail: federico.spizzo@unife.it Gianluigi Cibinetto Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Benvenuti/e. www.dueville.linux.it 2vilug@gmail.com

Benvenuti/e. www.dueville.linux.it 2vilug@gmail.com Benvenuti/e www.dueville.linux.it 2vilug@gmail.com Piccolo glossario SOFTWARE: Tutto ciò che è immateriale. HARDWARE: Tutto ciò che si può prendere a calci. Sistema operativo Il sistema operativo è l'insieme

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Laurea in Biotecnologie Corso di Informatica2014/2015 Linux Ubuntue ilcompilatorec Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di

Dettagli

Laboratorio di Informatica (a matematica)

Laboratorio di Informatica (a matematica) Laboratorio di Informatica (a matematica) schermo schermo stampante SERVER WMAT22 WMAT18 WMAT20 WMAT19 WMAT16 WMAT17 WMAT21 WMAT15 WMAT 10 WMAT9 WMAT8 WMAT7 WMAT6 WMAT?? WMAT13 WMAT14 WMAT12 server WMATT??

Dettagli

Corso Amministratore di Sistema Linux Programma

Corso Amministratore di Sistema Linux Programma Corso Amministratore di Rev. 1.0 Rev. Stato: 1.0 Approvato Stato: Approvato Amministratore Nuovo Portale di Sistema De Sanctis Amministratore di CONTROLLO DOCUMENTO TITOLO: Corso Amministratore di VERSIONE:

Dettagli

Manuale Installazione e Configurazione

Manuale Installazione e Configurazione Manuale Installazione e Configurazione INFORMAZIONI UTILI Numeri Telefonici SERVIZIO TECNICO HOYALOG.......02 99071281......02 99071282......02 99071283........02 99071284.....02 99071280 Fax 02 9952981

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output:

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output: CAPITOLO 5 LA SHELL BASH Pietro Buffa Con questo capitolo comincia il nostro viaggio nel mondo delle Command Line Interface (CLI), ovvero le interfacce testuali a linea di comando tipiche dei sistemi UNIX

Dettagli

Appunti Corso Linux 2011 Lez. 6

Appunti Corso Linux 2011 Lez. 6 Utenti, Gruppi e Permessi elenco degli utenti - /etc/passwd Appunti Corso Linux 2011 Lez. 6 In un sistema Linux (ma anche Unix, *BSD, Mac) gli utenti locali del sistema operativo sono registrati in un

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

Modulo 9. Sicurezza nei sistemi Unix Utenti e gruppi in Unix (1/2)

Modulo 9. Sicurezza nei sistemi Unix Utenti e gruppi in Unix (1/2) Pagina 1 di 11 Sicurezza nei sistemi Unix Utenti e gruppi in Unix (1/2) In questa lezione tratteremo di alcuni concetti di sicurezza tipici dei sistemi Unix. In particolare, questi sistemi definiscono

Dettagli

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg SHELL GNU/Linux Bash Obiettivi : Gestire i permessi sui file Conoscere e configurare il proprio ambiente bash Editare testi Capire ed utilizzare i redirezionamenti Kernel speaks: dmesg Init e Runlevels

Dettagli

GUIDA ALL'INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DI UN SERVER MAIL PER UNA PICCOLA LAN MEDIANTE L'USO DI QMAIL E VPOPMAIL

GUIDA ALL'INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DI UN SERVER MAIL PER UNA PICCOLA LAN MEDIANTE L'USO DI QMAIL E VPOPMAIL GUIDA ALL'INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DI UN SERVER MAIL PER UNA PICCOLA LAN MEDIANTE L'USO DI QMAIL E VPOPMAIL 14-03-2004 by Profex Sistema di test CPU: AMD 1000 mhz RAM: 512 mb Sistema Operativo Slackware

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Gestione degli Utenti e dei Permessi

Gestione degli Utenti e dei Permessi Corsi Linux Amministrazione di Sistema Prima Lezione Seconda Parte Gestione degli Utenti e dei Permessi C 2012 Salvatore Mesoraca UTENTI Linux è un S.O. multiutente, questo significa

Dettagli

Completamento installazione

Completamento installazione I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Completamento installazione install.linux@home 1 I gestori dei pacchetti Vi sono due alternative con Ubuntu: Synaptic, in modalità grafica; Advanced Packaging Tool

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Qualche link utile Informazioni sull utilizzo della shell Unix/Linux http://www.pluto.it/ildp/howto/bash-prog-intro-howto.html

Dettagli

QUICK START GUIDE F640

QUICK START GUIDE F640 QUICK START GUIDE F640 Rev 1.0 PARAGRAFO ARGOMENTO PAGINA 1.1 Connessione dell apparato 3 1.2 Primo accesso all apparato 3 1.3 Configurazione parametri di rete 4 2 Gestioni condivisioni Windows 5 2.1 Impostazioni

Dettagli

Web File System Manuale utente Ver. 1.0

Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Via Malavolti 31 41100 Modena Tel. 059-2551137 www.keposnet.com Fax 059-2558867 info@keposnet.com Il KDoc è un Web File System cioè un file system accessibile via

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Manuale dell Amministratore di Sistema Linux

Manuale dell Amministratore di Sistema Linux Manuale dell Amministratore di Sistema Linux Mark Komarinski 1992 Questo manuale è destinato agli utenti che hanno familiarità con MS-DOS e con alcune versioni di UNIX* e mostra a tali utenti come utilizzare

Dettagli

Componenti di un sistema operativo

Componenti di un sistema operativo Componenti di un sistema operativo di Daniele Margutti CONTATTI Mail: daniele@malcombsd.com AIM/iChat: malcombsd Web: http://www.malcombsd.com INDICE: 1. Nota introduttiva 2. La gestione dei processi di

Dettagli

LIBPF Guida per l'attivazione

LIBPF Guida per l'attivazione This document is part of LIBPF Paolo Greppi libpf.com Copyright 2009-2013 Credits: Daniele Bernocco 2012 All rights reserved; do not distribute without permission. LIBPF Guida per l'attivazione 1 di 20

Dettagli

Linux Terminal Server Project (LTSP)

Linux Terminal Server Project (LTSP) Linux Terminal Server Project (LTSP) Gabriele Zucchetta g zucchetta@virgilio.it Entropica http://www.entropica.info/ Linux Terminal Server Project (LTSP) p. Introduzione Creare postazioni di lavoro con

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com 15.03.2006 Ver. 1.0 Scarica la versione pdf ( MBytes) Nessuno si spaventi! Non voglio fare né un manuale

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma Corso amministratore di sistema Linux Programma 1 OBIETTIVI E MODALITA DI FRUIZIONE E VALUTAZIONE 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche

Dettagli

Server Samba con Debian 6.0.0 Squeeze

Server Samba con Debian 6.0.0 Squeeze Server Samba con Debian 6.0.0 Squeeze Creerò le cartelle una per ogni ufficio esempio: - documenti // per tutti solo lettura e per utente amministratore tutto - magazzino // tutto per utenti mag1,mag2,mag3

Dettagli

License Service Manuale Tecnico

License Service Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1. BIM Services Console...3 1.1. BIM Services Console: Menu e pulsanti di configurazione...3 1.2. Menù Azioni...4 1.3. Configurazione...4 1.4. Toolbar pulsanti...5 2. Installazione

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Backup e Aggiornamenti

Backup e Aggiornamenti Backup e Aggiornamenti Note tecniche Clima Estratto da Primi Passi v. 1.8 14/1/2013 Primi passi pag. 1 Backup e Aggiornamenti Copyright Eskimo srl Tutti i diritti riservati. Il software o parte di esso

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file

Corso UNIX avanzato. Utente avanzato. Amministratore. Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Corso UNIX avanzato Corso UNIX avanzato Utente avanzato Gestione proprio account Gestione dei propri processi Ricerca e manipolazione file Amministratore Gestione utenti Aggiunta rimozione hardware Backup

Dettagli

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin Laboratorio di Reti Relazione N 2 Gruppo N 9 Mattia Vettorato Alberto Mesin Scopo dell'esercitazione Configurare un Name Server per un dominio, in particolare il nostro dominio sarà gruppo9.labreti.it.

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Cognome: Nome: Matricola: Sicurezza dei sistemi informatici e delle reti 18 febbraio 2014

Cognome: Nome: Matricola: Sicurezza dei sistemi informatici e delle reti 18 febbraio 2014 Tempo a disposizione: 70 minuti. Libri e appunti chiusi. Vietato comunicare con chiunque. Vietato l'uso di smartphone, calcolatrici e affini. 1. Protocolli crittografici. 1.1. Fornisci un esempio di protocollo

Dettagli

Il File System di Linux

Il File System di Linux Il File System di Linux La struttura ad albero / Cartella radice, detta ROOT DIRECTORY, di cui sono figlie tutte le altre Ci si muove nel file system con percorsi relativi o percorsi assoluti In un albero,

Dettagli

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare:

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare: Utilizzo di putty Client ssh liberamente utilizzabile (www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html) Tra le molte opzioni di configurazione di putty sono utili: Window - Translation: per selezionare

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44

filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44 filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44 Sommario Introduzione... 4 Caratteristiche del filrbox... 5 La barra principale del filrbox... 7 Elenco degli utenti... 8 Il profilo... 9 Le novità...

Dettagli

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map Manuale d uso per i programmi VS Server E-Map Con E-Map Server, si possono creare mappe elettroniche per le telecamere ed i dispositivi I/O collegati a GV-Video Server. Usando il browser web, si possono

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux corso introduttivo di informatica libera l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux Manuele Rampazzo Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/

Dettagli

Indice. Indice V. Introduzione... XI

Indice. Indice V. Introduzione... XI V Introduzione........................................................ XI PARTE I Installazione di Linux come Server.............................. 1 1 Riepilogo tecnico delle distribuzioni Linux e di Windows

Dettagli

Hardening di un sistema GNU/Linux

Hardening di un sistema GNU/Linux Hardening di un sistema GNU/Linux Gianluca P pex Minnella - Linux_Var - gianm@despammed.com Hardening GNU/Linux Systems Hardening: è un aspetto della sicurezza informatica GNU/Linux OS - client e server

Dettagli

2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl. Tutti i diritti riservati.

2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl. Tutti i diritti riservati. 2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl Tutti i diritti riservati. Tutti i diritti riservati la distribuzione e la copia - indifferentemente dal metodo - può essere consentita esclusivamente dalla dittacopa-data.

Dettagli

SOFTWARE. SOFTWARE Sistema operativo. SOFTWARE Sistema operativo SOFTWARE. SOFTWARE Sistema operativo. SOFTWARE Sistema operativo

SOFTWARE. SOFTWARE Sistema operativo. SOFTWARE Sistema operativo SOFTWARE. SOFTWARE Sistema operativo. SOFTWARE Sistema operativo Franco Sartore ottobre 2006, febbraio 2010 v_03 Software di base: programmi di gestione dell Elaboratore: Programmi di Utilità Applicazioni: Programmi che svolgono attività specifiche di alto livello (Word

Dettagli

Network File System (NFS)

Network File System (NFS) Quarta Esercitazione Network File System (NFS) Sommario Network File System (NFS) Architettura Lato server invocazione server file /etc/exports vincoli sulle condivisioni Lato client opzioni di montaggio

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing. Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it

Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing. Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Elementi di Sicurezza e Privatezza Laboratorio 6 - Sniffing Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Sniffing (1) Attività di intercettazione passiva dei dati che transitano in una rete telematica, per:

Dettagli

Corso Specialista Sistemi Ambiente Web. Test finale conoscenze acquisite - 15.12.2003. Windows 2000 Server

Corso Specialista Sistemi Ambiente Web. Test finale conoscenze acquisite - 15.12.2003. Windows 2000 Server Windows 2000 Server 1 A cosa serve il task manager? A A monitorare quali utenti stanno utilizzando una applicazione B A restringere l'accesso a task determinati da parte degli utenti C Ad interrompere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA Codice Mod. RQ 23.2 Pag 1/5. Sistemi e Reti (articolazione Telecomunicazione) Classe

PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA Codice Mod. RQ 23.2 Pag 1/5. Sistemi e Reti (articolazione Telecomunicazione) Classe I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Liceo Artistico indirizzo Grafica - Liceo delle Scienze Umane opz. Economico sociale ITI Informatica e telecomunicazioni - ITI Costruzioni, ambiente e territorio Edile Elettronico

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione di SIGLA SIGLA viene fornito su un CDROM contenente la procedura d installazione. La procedura può essere installata eseguendo il programma SIGLASetup.exe

Dettagli

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione 1 Prerequisiti Uso pratico elementare di un sistema operativo Concetto di macchina virtuale Scaricare e installare software 2 1 Introduzione Sebbene le istruzioni

Dettagli

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. Il software

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. Il software Il software la parte contro cui si può solo imprecare Il software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore ma è necessario introdurre il software ovvero un insieme di

Dettagli

Linux. Linux. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24

Linux. Linux. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24 Linux Linux Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24 Linux Outline 1 Linux 2 Interfaccia 3 File e directory 4 Comandi

Dettagli

Samba: guida rapida - Guide@Debianizzati.Org

Samba: guida rapida - Guide@Debianizzati.Org 1 of 7 26/01/2013 02:09 Samba: guida rapida Da Guide@izzati.Org. Samba Condivisione risorse Guida Rapida Guida Estesa Controller di dominio Sarge Etch Lenny Squeeze Wheezy Ubuntu Lucid Altro Scansione

Dettagli

Installazione di Linux. Gianluca Antonacci e-mail: giaaan@tin.it

Installazione di Linux. Gianluca Antonacci e-mail: giaaan@tin.it Installazione di Linux Gianluca Antonacci e-mail: giaaan@tin.it Sommario 1) Distribuzioni Linux 2) Partizioni del disco 3) Installazione di Ubuntu linux (guida adattata dal sito http://wiki.ubuntu-it.org/installazione/

Dettagli

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo Il software: Istruzioni per il computer I tre tipi di software di sistema Software applicativo aiuta a svolgere operazioni utili in vari campi programmi di videoscrittura, fogli elettronici, videogiochi

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 7

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 7 Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 7 La gestione del file system Uso di partizioni locali NFS e SAMBA per condividere i file SAMBA e CUPS per condividere le stampanti I contenuti di questo documento, salvo diversa

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8. Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8. Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8 Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Protocolli Applicativi in Internet

Protocolli Applicativi in Internet CdL in Ingegneria Integrazione d Impresa Corso di Reti di Calcolatori Protocolli Applicativi in Internet Franco Zambonelli A.A. 2005-2006 PROTOCOLLI APPLICATIVI Sfruttano I protocolli TCP/IP (spesso) o

Dettagli