Indice 1. Introduzione 3 1 DALLA CRISI SUBRIME U.S.A. ALLA CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA MONDIALE... 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice 1. Introduzione 3 1 DALLA CRISI SUBRIME U.S.A. ALLA CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA MONDIALE... 5"

Transcript

1 INDICE Indice 1 Introduzione 3 1 DALLA CRISI SUBRIME U.S.A. ALLA CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA MONDIALE UN QUADRO DELLA CRISI L ORIGINE DELLA CRISI: LA CRISI DEL CREDITO Un passo indietro: la Greenspan fee Il Leverage I MUTUI SUBPRIME La bolla immobiliare I COLLATERALIZED DEBT OBLIGATION ( CDO ) La responsabilità delle agenzie di rating Il credit default swap ( CDS ) LO SCOPPIO DELLA BOLLA IMMOBILIARE LE CONSEGUENZE LA CRISI NEL MONDO IL DEBITO PRIVATO DALL AUMENTO DEL DEBITO PRIVATO ALL AUMENTO DEL DEBITO PUBBLICO DALLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI ALLA CRISI REALE Gli investimenti e il credit crunch I consumi La recessione economica Import-Export Le conseguenze sull occupazione LA RIPRESA NEGLI STATI UNITI L INIZIO DELLA RIPRESA: LA SITUAZIONE IN GENERALE IL SALVATAGGIO DEGLI ISTITUTI DI CREDITO Il Tarp e le cifre del salvataggio degli enti finanziari Le conseguenze del piano di salvataggio COME USCIRE DALLA CRISI IL SOSTEGNO ALLA CRESCITA DELLA FED La Federal Reserve non aumenterà i tassi d interesse LA LENTA RIPRESA USA L OCCUPAZIONE Il tasso di disoccupazione

2 2.7 LE ESPORTAZIONI LE IMPORTAZIONI LA BILANCIA COMMERCIALE IL TASSO DI INFLAZIONE LA FINTA RIPRESA E UNA POSSIBILE NUBE ALL ORIZZONTE LA FIDUCIA DEI CONSUMATORI Il Consumer Confidence Index LA FIDUCIA DELLE IMPRESE IL MERCATO IMMOBILIARE IL SISTEMA BANCARIO E LO STRESS TEST IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO UNO SCENARIO SCONVOLGENTE: L ITALIA PUÒ ANDARE IN DEFAULT? L Italia in default La crisi valutaria e la crisi di liquidità Conseguenze sul mercato finanziario Scenario possibile? IL FATTORE CENTRALE: IL DEBITO L ORIGINE DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO RAPPORTO DEBITO/PIL COSA SIGNIFICA DEBITO PUBBLICO IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO Il risparmio privato LA COMPOSIZIONE DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO IL COLLOCAMENTO DEI TITOLI STATALI I CREDITORI DEL DEBITO PUBBLICO ITALIANO MANOVRE PER MANTENERE SOTTO CONTROLLO IL DEBITO Conseguenza del debito pubblico sulla crescita economica POSSIBILI SOLUZIONI ALLA CRISI ITALIANA La diminuzione del debito pubblico Incentivare la crescita L EVASIONE FISCALE L evasione fiscale e la burocrazia UN ULTERIORE POSSIBILE SOLUZIONE: GLI EUROBOND LA SPECULAZIONE SUL DEBITO PUBBLICO Gli obiettivi della speculazione LO SPREAD L ITALIA E IL RATING Conclusioni 82 Bibliografia 85 Sitografia 88 2

3 INTRODUZIONE Questa tesi ha lo scopo di offrire un quadro della situazione che si è venuta a creare a causa dello scoppio della crisi economica e finanziaria che ha colpito negli ultimi anni l intero mondo, rendendo, purtroppo, il futuro delle persone fortemente incerto. A seguito della globalizzazione dei mercati, lo scossone finanziario che ha travolto gli Stati Uniti si è trasferito in tutto il globo provocando una vera e propria catastrofe: strumenti finanziari tossici hanno infettato l intero sistema finanziario mondiale, facendo andare in crisi o fallire banche e istituti finanziari. Questa crisi finanziaria ha avuto tra le tante conseguenze anche il blocco del credito da parte delle banche, le quali, non prestandosi più vicendevolmente il denaro e non erogandolo più neanche ai cittadini e alle imprese, hanno contribuito alla contrazione della crescita economica: senza la liquidità assicurata dalle banche, i consumi e gli investimenti si sono ridotti enormemente fermando di fatto la crescita nei vari Paesi. Un altra causa che è alla base del rallentamento dello sviluppo è la crisi di fiducia da parte dei consumatori, i quali non acquistano più perché hanno preso atto della reale consistenza della crisi. Tutto ciò ha l effetto di provocare una reazione a catena estremamente negativa: la produzione diminuisce, l occupazione si riduce e lo stesso vale per i redditi delle persone. I vari Governi, per salvare le entità finanziarie, sono costretti ad impiegare ingenti quantità di denaro, innalzando, di conseguenza, i rispettivi debiti pubblici che sono già di per se elevati. Questo fatto porta con sé ulteriori implicazioni, tra cui la speculazione. Negli Stati Uniti, Paese di origine della crisi, tuttavia vi è un inizio di ripresa: il PIL cresce, si vengono a creare nuovi posti di lavoro e il tasso di disoccupazione scende, la fiducia dei consumatori è in aumento e quindi si incrementano i consumi. È di fondamentale importanza per il resto del mondo che la principale economia mondiale riesca ad uscire da questa situazione di impasse che si è venuta a creare: se gli USA non riescono a risollevarsi neanche gli altri Paesi potranno farlo. Tutti questi avvenimenti verranno discussi più approfonditamente nel corso del presente lavoro, il quale è strutturato in tre capitoli: Il primo, vuole evidenziare come lo scoppio della crisi dei mutui subprime si è trasformato in una crisi a livello planetario e le conseguenze di questo fenomeno. Discuteremo, inoltre, di come questa crisi si è spostata nell economia reale e degli effetti di questo trasferimento; 3

4 Il secondo sottolinea come gli Stati Uniti si stiano riprendendo dalla crisi finanziaria ed economica che li ha colpiti; Il terzo è incentrato sulla crisi del debito pubblico italiano. Quindi parleremo di come si è originato e prenderemo in considerazione i fattori che possono derivare da questa pessima situazione. 4

5 1 DALLA CRISI SUBRIME U.S.A. ALLA CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA MONDIALE Consideriamo naturali, permanenti, sicuri, alcuni dei nostri più singolari e temporanei vantaggi recenti, e ci regoliamo nei nostri piani di conseguenza. Su questa base precaria e ingannevole progettiamo miglioramenti sociali e allestiamo piattaforme politiche, coltiviamo le nostre animosità e le nostre particolari ambizioni, e pensiamo di disporre di un margine bastante per fomentare, anziché mitigare, il conflitto civile nella famiglia. John Maynard Keynes, nell introduzione del suo libro Le conseguenze economiche della pace aveva già previsto tutto. Dopo cinquant anni di progressi, di sviluppo e di una crescente diffusione della fiducia adesso non c è più niente di naturale, permanente, sicuro. I vantaggi recenti sembrano scomparsi a causa della Grande Crisi. Regna l incertezza, le fondamenta su cui le persone costruiscono le proprie vite e le vite dei propri figli sono sempre più precarie e ingannevoli. È quasi impossibile realizzare miglioramenti sociali. 1 Il mondo è entrato in un tunnel dal quale non si vede ancora l uscita. 1.1 Un quadro della crisi Il mondo sta vivendo da cinque anni la più grande crisi economica e finanziaria del dopoguerra (dai tempi della grande recessione). Tutti i mercati (quello dei beni, del lavoro e quello finanziario) stanno attraversando un periodo di estrema difficoltà. Le istituzioni nazionali e sovranazionali stanno cercando una soluzione, ad oggi però non ci sono ancora del tutto riuscite. La crisi finanziaria internazionale ha avuto inizio nell estate-autunno Con il trascorrere degli anni questa crisi si è trasferita nell economia reale di tutti i Paesi sviluppati, con crolli dei consumi e degli investimenti che a loro volta hanno peggiorato ancora di più la situazione sui mercati finanziari. 1.2 L origine della crisi: la crisi del credito Tutto è iniziato negli Stati Unti in seguito a una crisi finanziaria provocata da un'enorme bolla edilizia caratterizzata da mutui concessi a persone con scarse 1 Massimo Giannini, I quaderni di affari&finanza: Capire la crisi, La Repubblica 5

6 garanzie di solvibilità, cioè non sicure di restituire il capitale e gli interessi (mutui subprime). La forte riduzione del mercato immobiliare statunitense non ha reso possibile per molti proprietari onorare gli impegni finanziari presi. Per questo motivo una grande quantità di immobili sono stati pignorati e molti dei principali istituti finanziari, che concedevano mutui subprime, sono stati costretti al fallimento o a cessare l attività. Molti investitori stranieri si sono riversati sul mercato immobiliare statunitense e per questo motivo l esplosione della bolla americana ha coinvolto mercati e istituzioni finanziarie di altri Paesi. Il sistema finanziario globale non ha più una sua logica: siamo in presenza di una spirale dove perdite creano altre perdite, debiti generano altri debiti, le misure di risanamento portano solo alla recessione. La bomba dei mutui, scoppiata in America e diffusasi in tutto il mondo, ha rilasciato solo disastri materiali e morali. A tutto questo ha contribuito enormemente la Greenspan fee dell ex governatore della Fed che, con il denaro a costo quasi zero e con controlli sull erogazione del credito da parte delle banche non sufficientemente stringenti, ha certamente fatto crescere l economia statunitense ma ha anche creato questa bolla immobiliare, il cui scoppio ha avuto l effetto di provocare il crollo del sistema bancario. Le banche svolgono da sempre tre semplici funzioni, (nonostante la recente super sofisticazione): ricezione dei risparmi da parte delle famiglie, aziende e Stati; finanziamento di questi soggetti; introduzione di sostituti della moneta. Se questi istituti finanziari sono andati in crisi è perché o hanno prestato troppo denaro o lo hanno prestato malamente. La crisi attuale è causata proprio da un'eccessiva erogazione del credito da parte delle banche americane. Questo, tuttavia, non è il solo motivo che ha messo in ginocchio il sistema bancario: bisogna considerare anche la troppa tolleranza da parte dei regolatori e la richiesta di credito da parte di cittadini che non sono stati in grado di rimborsare il prestito e di pagare gli interessi. La conseguenza di questa estrema facilità nel concedere denaro da parte delle banche è stata lo scoppio di una crisi del credito: in un contesto macroeconomico si è in presenza di una crisi del credito quando la domanda di denaro da parte delle aziende è superiore all offerta da parte delle banche e degli investitori. Schematicamente possiamo dire che essa, come vedremo meglio in seguito, ha coinvolto i seguenti termini: 6

7 Mutui subprime; Collateralized debt obligation (CDO): sono obbligazioni garantite da crediti, titoli a reddito fisso derivanti dall unificazione di attività soggette a rischio di credito; Congelamento del mercato del credito: il mercato del credito resta congelato perché le banche non intendono prestarsi vicendevolmente denaro; Credit default swap (CDS): è uno swap (strumento derivato che consiste nello scambio di flussi di cassa tra due controparti) che ha la funzione di trasferire l esposizione creditizia di prodotti a reddito fisso tra le parti. I soggetti che sono stati coinvolti in questa crisi sono: proprietari di immobili, che richiedono mutui, e investitori. Le interazioni fra questi soggetti, broker e banche sono avvenuti a Wall Street, tuttavia per comprendere come essi hanno interagito e per capire il perché della crisi occorre fare un passo indietro Un passo indietro: la Greenspan fee Anni fa, gli investitori conclusero buoni affari in modo da ottenere altro denaro che a sua volta investirono nella banca centrale degli Stati Uniti d America. Acquistarono buoni del tesoro (considerati gli investimenti più sicuri), ma dopo l 11 Settembre 2001, con il crollo delle Torri Gemelle e l attacco al Pentagono a Washington, il presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, decise di abbassare i tassi di interesse all 1% per mantenere l economia forte e più stabile. Gli investitori considerarono la suddetta percentuale molto bassa e decisero di non impiegare il loro denaro in questi titoli. Dall'altro lato, l'abbassamento del tasso, significò che le banche di Wall Street potevano chiedere prestiti di denaro alla banca centrale degli Stati Uniti con un interesse del solo 1%. La conseguenza fu un enorme quantità di credito erogato a basso costo, per cui le banche prestarono denaro con molta facilità. 7

8 1.2.2 Il Leverage Tutto questo portò ad un problema con il Leverage (leva finanziaria) o rapporto di indebitamento, cioè un indice utilizzato in ambito finanziario, per misurare la proporzione fra il capitale proprio e quello di terzi impiegato per finanziare le loro attività. Nel settore bancario la leva finanziaria si ottiene attraverso il rapporto tra il capitale netto della banca e il totale delle sue attività. Una leva uguale a uno significa che i due valori coincidono. Negli ultimi anni l effetto leva è cresciuto enormemente e questo perché sono stati effettuati investimenti molto superiori al patrimonio netto. Per permettere ciò sono stati chiesti dei prestiti da parte delle banche, con la conseguenza di mettere sotto pressione la capacità di restituire il debito. 2 Ciò significa che gli istituti di credito hanno finanziato i loro portafogli con sempre meno capitale aumentando così il tasso di ritorno su quello stesso capitale. 1.3 I mutui subprime Wall Street crebbe moltissimo e le banche continuarono ad emettere prestiti obbligazionari. I mutui erogati alle famiglie furono acquistati dagli investitori attraverso una procedura chiamata cartolarizzazione. Il meccanismo che permise ciò è semplice, occorre però fare una premessa: le finanziarie decisero di concedere mutui per l acquisto delle case, attraverso un piano di ammortamento a rate variabili, anche a chi non poteva permetterselo: in questo modo i clienti riuscivano a corrispondere le prime rate basse mentre per le altre, di maggiore valore, erano costretti a chiedere un ulteriore mutuo. L immobile acquistato garantiva il prestito: qualora il debitore non riusciva a versare il capitale e l interesse la finanziaria le pignorava la casa. Attraverso questa strategia gli istituti finanziari guadagnarono il doppio e il rischio non esisteva, poiché i mutui erano garantiti dalle case il cui valore era in crescita. Le persone interessate ad acquistare un appartamento anche se con scarse garanzie di solvibilità, potevano rivolgersi ad un broker per ottenere informazioni su un prestito. L intermediario a sua volta individuava la 2 Dario Guidi, Il vocabolario della crisi economica e finanziaria, 8

9 finanziaria disposta a concedere il mutuo e intascava così la sua commissione. Per il soggetto creditore (la banca, la società finanziaria) queste operazioni risultavano più rischiose, poiché vi era la possibilità che la somma erogata non venisse restituita, ma anche più vantaggiose in quanto più redditizie. Inoltre, questi mutui coprivano l intero valore dell'immobile e venivano concessi senza pretendere anticipi. Per il debitore invece era un doppio svantaggio: aumentavano sia i costi che i rischi, esso infatti aveva già difficoltà a sostenere le rate di un prestito accessibile, in più, rischiava di perdere il bene dato in garanzia La bolla immobiliare La conseguenza di questa facilità di acceso al credito aumentò notevolmente sia la domanda di immobili che i loro prezzi. A ciò si aggiunse l'afflusso di speculatori (non solo le famiglie povere cercarono la prima casa) che hanno visto nel settore immobiliare maggiori profitti. Da questa situazione si è venuta a creare una "bolla" immobiliare, destinata, come vedremo, a scoppiare. 1.4 I collateralized debt obligation ( CDO ) I contratti di mutuo (anche i subprime) conclusi dai broker furono trasformati dalle finanziarie in titoli bancari negoziabili sul mercato attraverso la cartolarizzazione. In questo modo furono scaricati su altri soggetti i rischi di possibili insolvenze da parte dei debitori. Senza la garanzia di un controllo adeguato da parte del regolatore, i mutui furono cartolarizzati dalle banche emittenti e successivamente rivenduti, per finanziare le attività bancarie, sotto forma di collateralized debt obligation (CDO), cioè obbligazioni strutturate che furono acquistate dagli investitori (spesso banche, ma anche risparmiatori) pur sapendo della presenza dei prestiti subprime e del relativo rischio. Questi, furono ottimisti perché l economia degli Stati Uniti in questo periodo stava crescendo ad un tasso del 4%. Gli investitori incassarono così, un elevato rendimento con il rimborso delle rate da parte dei proprietari degli immobili. 3 Giovanni Martino 20 Ottobre 2008, La crisi finanziaria: che cos è, quali sono state le cause, 9

10 Poiché i mutui sulle case sono prestiti ad elevata durata temporale (perché bloccano le risorse delle banche per molto tempo), per ridurre il rischio di credito, svincolare la liquidità ed erogare nuovi prestiti, la recente ingegneria finanziaria ha creato degli strumenti appositi: una banca specializzata nell emissione dei mutui può chiedere infatti, un prestito ad un altra banca dando in garanzia i mutui stessi e rimborsando questo prestito negli anni, attraverso le rate incassate. In questo modo la prima banca ha la liquidità necessaria per fare nuove operazioni, mentre la seconda trae beneficio guadagnando sul prestito concesso. Nel dettaglio, i mutui furono ceduti dalla banca erogatrice ad un altro soggetto chiamato Special Purpose Vehicle, il quale unì tutti questi prestiti e li scompose in tante piccole parti, rappresentate da titoli, che furono negoziate sui mercati. Ogni parte costituiva un CDO (le cosiddette salsicce finanziarie ), ciascuna delle quali contenente una quota di mutui, anche i subprime, che erano nascosti insieme ad altri titoli più sicuri. Per agevolare il collocamento, a questi titoli gli fu attribuito un rating, cioè una valutazione del rischio che portavano con se. All interno dei CDO c erano: Debiti senior : la parte più buona; le agenzie di rating gli attribuirono la migliore e più sicura valutazione che si possa trovare sul mercato (AAA); Debiti mezzanine : considerati di buon livello dalle agenzie di rating le quali gli attribuirono un giudizio intermedio (da AA a BB). Il loro rendimento era superiore a quello dei senior perché erano più rischiosi; Debiti equity : senza rating (unrated), cioè non venivano considerati dalle agenzie di rating. Offrivano interessi molto elevati poiché erano più rischiosi dei senior e delle mezzanine. Il risultato fu la formazione di titoli che, grazie alla presenza dei prestiti subprime, garantivano un tasso d interesse elevato. Qualora i flussi di cassa generati dai crediti posti a garanzia del debito non fossero stati sufficienti a far fronte al pagamento degli interessi sul CDO o al suo rimborso, sarebbero stati effettuati prima i pagamenti relativi alle categorie con priorità più alta (senior e mezzanine) e, solo in via subordinata, quelli relativi alla categoria con minore priorità (equity). Questi strumenti finanziari furono i principali protagonisti dell enorme aumento delle capacità delle banche di erogare credito e dell indebitamento dei privati. 10

11 1.4.1 La responsabilità delle agenzie di rating Le agenzie di rating sono enti private che esprimono un giudizio sui titoli borsistici e sull attività di Governi e di imprese. Si tratta di una valutazione molto importante perché da essa dipende il costo del denaro ricercato sui mercati da questi soggetti. Nel 2003, davanti al parlamento tedesco, l ex presidente dell Autorità Federale per la Supervisione Finanziaria (BaFin) li ha definite come il più grande potere incontrollato del sistema finanziario internazionale e quindi anche dei sistemi finanziari nazionali. Queste società sono sparse in tutto il mondo, ma quelle più importanti e che in realtà influiscono sono tre: Standard&PPoor s, Moody s e Fitch. Di seguito vengono riportate le valutazioni e il significato dei rating assegnati dalle tre principali agenzie: Tabella 1 Fonte: el economista.es Ma perché sono coinvolte nella crisi? Il sospetto è che per nascondere ancora di più i titoli subprime, le agenzie di rating abbiano assegnato ai CDO che li contenevano un giudizio superiore alla 11

12 realtà. In questo modo riuscirono a persuadere gli investitori, i quali furono attratti dall alto rendimento e dal basso rischio di questi titoli. 4 Il rischio di insolvenza così non fu più solo della banca che aveva emesso il mutuo, ma condiviso da tanti altri soggetti. Perché le agenzie di rating attribuirono un giudizio sbagliato ai CDO contenenti titoli subprime? La ragione è che per eseguire questa valutazione, le agenzie furono retribuite dalle banche emittenti questi titoli e per questo motivo cercarono di favorire i propri datori di lavoro. Si è trattato di un classico conflitto di interesse. Il vicepresidente della Commissione dell Unione Europea Olli Rehn ha sostenuto infatti che le agenzie di rating non sono istituti di ricerca imparziali ma hanno i loro interessi e svolgono le loro mansioni molto in linea con il capitalismo finanziario americano. 5 Le tre principali agenzie internazionali (Standard&PPoor s, Moody s e Fitch) sono indipendenti e non regolamentate, anche se non sono del tutto autonome poiché sono controllate dai privati, soprattutto americani. Una possibile soluzione per evitare che in futuro si ripetano casi simili è la regolamentazione. Secondo Stefano Caselli, economista dell Università Bocconi di Milano, le agenzie di rating devono essere regolamentate come una banca. Devono essere vigilate, devono diventare oggetto di ispezione e sottoposte a regole certe Il credit default swap ( CDS ) Le banche, al fine di mantenere i debiti senior più sicuri, li assicurarono per una piccola spesa, chiamata Credit default swap (CDS), fornita da compagnie assicurative o dalla banche stesse. Questo, nella finanza, appartiene alla categoria di strumenti derivati e consiste nello scambio di flussi di cassa tra due controparti. Il CDS è uno swap che ha la funzione di trasferire, tra le parti, l esposizione creditizia di prodotti a reddito fisso. Rappresenta l accordo tra l acquirente e un venditore di protezione su un rischio di credito. Il compratore versa al venditore un premio periodico fino a che non si verifica l evento creditizio assicurato (credit event), cioè il fallimento 4 Angelo Aquaro 18 settembre 2009, USA, indagate le agenzie di rating Responsabilità penali nella crisi, 5 Ilaria Molinari 16 Gennaio 2012, Agenzie di rating, ecco di chi sono e perché Olli Rehn parla di conflitto di interesse, 12

13 del debitore. Quando tale evento si verifica, il venditore di protezione corrisponde all altra parte il valore della perdita. 6 Per il sottoscrittore, sostanzialmente, ha la funzione di polizza assicurativa e di copertura per il mancato pagamento di un'obbligazione o contro il fallimento di una società. Le banche e gli altri soggetti finanziari, mediante i CDS, si trasferirono i rischi legati alla possibilità che i cittadini statunitensi non riuscissero a rimborsare la propria rata del mutuo. L ammontare dei CDS è passato tra il 2000 e il 2007 da 2000 a miliardi di dollari, un valore equivalente al PIL mondiale Lo scoppio della bolla immobiliare Questo procedimento sembrò far guadagnare chiunque. Nessuno si preoccupò poiché tramite la vendita del mutuo si trasferiva anche il problema e in questo modo si facevano milioni. Le famiglie non riuscirono a pagare le rate dei loro mutui, le case poste a garanzia dei prestiti vennero così pignorate dalle banche che cercarono di rivenderle. La situazione cominciò ad essere insostenibile poiché questo iniziò ad essere un problema di molte persone. Il mercato immobiliare risultò saturo di appartamenti in vendita, l offerta superò la domanda e di conseguenza i prezzi calarono. Questo, creò ulteriori problemi per le famiglie ancora alle prese con il pagamento del loro mutuo e che videro il valore delle loro abitazioni continuare a scendere. Perché continuare a pagare le rate per una casa che valeva molto meno? Per questo motivo decisero di interrompere i pagamenti, pur avendone la possibilità di farlo, e abbandonarono le loro case. 6 Rainer Masera, I quaderni di affari&finanza: Capire la crisi, La Repubblica 7 Silvano Scajola 2008 La crisi finanziaria e gli effetti sull economia reale 13

14 1.6 Le conseguenze Come possiamo vedere dal grafico 1, che riporta la media del valore delle proprietà USA in oro, i prezzi continuarono a scendere vertiginosamente e il Paese iniziò a collassare. Grafico 1 Fonte: Wall Street Italia Gli investitori si ritrovarono in possesso di troppi CDO, che nessuno voleva e che diventarono come delle bombe. Cercarono di rivenderli ma le banche non furono disposte ad acquistarli. L'intero sistema finanziario mondiale fu infettato da questi titoli, definiti tossici. I broker persero il lavoro, tutto il mercato finanziario si congelò e la situazione continuò a peggiorare. Gli investimenti delle famiglie persero il loro valore. La forte svalutazione di questi strumenti provocò grandissimi problemi in alcuni fra i più grandi istituti di credito americani. Bear Sterns e AIG (la più grande compagnia assicurativa USA che garantiva i mutui, con titoli nei fondi pensione e acquistati dalla Cina) collassarono e in seguito vennero messi in sicurezza dall'intervento del Tesoro statunitense in accordo con la FED; la Lehman Brothers fallì, provocando il panico nel sistema bancario, mentre la Merrill Lynch venne salvata grazie al suo acquisto, a metà del valore di capitalizzazione, da parte della Banca d America. 14

15 Sulla piazza rimasero, come banche d affari indipendenti, la Goldman Sachs e la Morgan Stanley, anche se si trasformarono velocemete in holding bancarie per accedere alle garanzie pubbliche. 8 Anche le grandi banche europee, come la britannica Northern-Rock (quinto istituto di credito inglese), la svizzera Ubs, la belga Fortis, la francobelga Dexia, la tedesca Hypo Real Estate e l'italiana Unicredit, furono colpite dalla svalutazione dei titoli immobiliari, venendo in seguito o nazionalizzati o costretti a ricapitalizzarsi. Dopo diversi mesi di debolezza e perdita di impieghi, la situazione precipitò tra il 2007 e il 2008 provocando la bancarotta di istituti di credito ed entità finanziarie, determinando una caduta dei valori borsistici, dei consumi e dei risparmi della popolazione. Il rapido crollo del mercato immobiliare fu inoltre accelerato dal graduale rialzo del tasso di sconto applicato dalla FED negli anni dell'esplosione della crisi dei mutui. Gli Stati Uniti, l'economia più grande del mondo, patirono anche la svalutazione del dollaro rispetto all'euro e ad altre valute. La vendita di un ingente quantità di titoli del settore bancario causò un immediato peggioramento delle borse. A provocare ciò è stata la crisi di fiducia degli azionisti verso le banche. L indice S&P500 di Wall Street, segnale dello stato di salute della finanza mondiale, tra settembre e ottobre 2008 segnò una flessione del 25,9%, con momenti di vere e proprie vendite da panico (panic selling) in alcuni giorni. 8 Silvano Scajola 2008 La crisi finanziaria e gli effetti sull economia reale, La Repubblica 15

16 Grafico 2 Questi due grafici mostrano il trend degli indici borsistici sia nelle economie dei Paesi avanzati che in quella dei Paesi emergenti: Dal 2002 in poi i prezzi delle azioni aumentarono costantemente: Dalla seconda metà del 2007 i prezzi delle azioni cominciarono a diminuire; Dall autunno del 2008 i prezzi delle azioni crollarono. 1.7 La crisi nel mondo Ma perché questa crisi ha avuto e continua ad avere ripercussioni anche nel resto del mondo? La risposta è che i mercati finanziari globali sono collegati: il rischio di credito, cioè il rischio di una possibile insolvenza del debitore, è in possesso dell istituto finanziario che ha erogato il mutuo. Attraverso la cartolarizzazione il rischio di credito viene trasferito ai mercati finanziari globali e quindi anche agli investitori di tutto il mondo. Il fatto che nessuno conosca la reale collocazione dei titoli, collegati ai prestiti subprime, ha fatto sì che in ogni parte del globo ci siano persone che hanno investito in questi titoli. Come vedremo nelle prossime sezioni, la crisi non è circoscritta solo negli Stati Uniti, ovvero nel Paese di origine, ma è diventata un tragico fenomeno a livello planetario, anche se alcuni Stati ne hanno risentito in modo minore. 16

17 Questa crisi ha colpito tutti i settori sia quelli finanziari che economici, oltre ad aver aumentato, come noteremo nei due paragrafi seguenti, i debiti pubblici dei vari Paesi. 1.8 Il debito privato Il grande aumento del debito pubblico attuale è stato causato dall incremento del debito privato. Tutto ha avuto origine principalmente dal settore immobiliare che, attraverso l aumento dei prezzi delle case, ha spinto le banche a finanziare sia l acquisto delle abitazioni sia gli incrementi di valore di quello stesso immobile. Come abbiamo visto precedentemente, la novità è stata la democratizzazione del debito: i prestiti sono stati concessi a chiunque ne abbia fatto richiesta, anche a coloro senza garanzie da offrire, senza occupazione o reddito. A tutto ciò si è aggiunta la cartolarizzazione del debito stesso, ovvero, i debiti privati contratti dai singoli individui con le banche sono stati trasformati in titoli negoziabili sui mercati finanziari di tutto il mondo. Così facendo gli istituti di credito hanno aumentato di molto la loro capacità di erogazione del credito. 1.9 Dall aumento del debito privato all aumento del debito pubblico Il risultato di tutto ciò è stata la creazione di un ingente ammontare di debiti sia pubblici che privati rappresentati da titoli e in parte coperti da immobili. Quando il prezzo delle abitazioni è iniziato a scendere, anche i titoli rappresentativi delle stesse hanno cominciato a perdere valore. Le banche più coinvolte sono andate in difficoltà e gli Stati, per salvarle, hanno dovuto spendere ingenti quantità di denaro pubblico aumentando di conseguenza i rispettivi debiti pubblici. Le passività pubbliche, inoltre, sono cresciute anche per il sostegno che i vari Governi hanno dato all economia durante il periodo più buio della crisi. 17

18 1.10 Dalla crisi dei mercati finanziari alla crisi reale Gli effetti della bolla speculativa sul mercato azionario si sono trasferiti sull economia reale con drastiche conseguenze sulla produzione e sul mercato del lavoro. A ciò ha contribuito sicuramente la crisi del mercato delle abitazioni, la quale ha provocato un rallentamento del mercato edilizio, riducendo così l occupazione. Un ulteriore conseguenza è che attualmente le famiglie consumano di meno poiché si sentono più povere e perché non riescono più a contrarre prestiti a causa dell innalzamento dei tassi d interesse praticati dalle banche. La fiducia dei cittadini è al minimo in quanto hanno preso atto della reale dimensione della crisi Gli investimenti e il credit crunch Il clima di pessimismo e di diffidenza tra le stesse banche ha portato in breve tempo alla carenza di liquidità nel sistema economico, dando inizio al fenomeno che viene definito credit crunch, cioè restrizione del credito. Gli istituti di credito che posseggono denaro, infatti, sono riluttanti nel prestarlo sul mercato interbancario, come ordinariamente avviene, perché dubitano della solvibilità delle banche richiedenti e perché nessuna sa quanti titoli tossici ci sono nel portafoglio delle altre. Quando le banche non hanno fiducia reciproca, non si scambiano più denaro, il credito si interrompe: chi ha poca liquidità preferisce trattenerla in caso di momenti più negativa. 9 I tassi di interesse su questo mercato sono diventati artificiosamente elevati e proibitivi. 9 Marco Panara, I quaderni di affari&finanza: Capire la crisi, La Repubblica 18

19 Grafico 3 Questo grafico mostra la tendenza delle condizioni del credito negli Stati Uniti e nell Euro zona: dalla seconda metà del 2008 per le famiglie e per le imprese è stato sempre più difficile ottenere credito. Le banche centrali hanno cercato di risolvere questo problema allentando le condizioni di accesso al credito, tagliando i tassi d interesse e immettendo liquidità nel sistema economico, in modo da incentivare gli investimenti e di conseguenza rilanciare l'economia: Bce, Fed, Banca d Inghilterra e la Banca del Giappone infatti, hanno invaso il sistema bancario di liquidità così da consentire agli istituti finanziari di rifinanziarsi a tassi minimi e con ogni tipo di garanzie. In questo modo la situazione critica è stata superata, infatti nel 2010 l economia, sostenuta da una buona capacità di credito, è stata protagonista di un discreto recupero. Il problema, come vedremo meglio nel terzo capitolo, affrontando il caso italiano, si è riproposto recentemente in Europa a causa della crisi dei debiti pubblici: le banche americane hanno ridotto e, in alcuni casi, cessato i finanziamenti alle loro controparti europee, le quali hanno iniziato nuovamente a non prestarsi più denaro vicendevolmente, questa volta però a causa dei titoli di Stato. Per questo motivo l offerta di credito alle imprese dell economia reale è divenuta scarsa, contribuendo alla loro crisi di fiducia. 19

20 Negare il credito alle imprese, però, significa frenare gli investimenti I consumi La liquidità fornita alle banche per estinguere i loro debiti ed evitare i fallimenti è acquisita dagli Stati attraverso maggiori imposte: gli unici a subirne le conseguenze, dunque, sono i contribuenti. La crisi e le manovre economiche, in aggiunta, hanno di fatto ridotto in maniera importante il potere di acquisto delle persone, soprattutto quelle a reddito fisso. Se le retribuzioni rimangono approssimativamente uguali (nei migliori casi, dato che molti lavoratori perdono il posto di lavoro) lo stesso non si può dire dei prezzi, i quali continuano la loro progressiva crescita facendo di conseguenza aumentare l inflazione detta anche, in questi casi, stagflazione. Questa avviene quando: aumentano i costi di produzione di un bene o di un servizio e, quindi, i prezzi di vendita; l economia sta attraversando un periodo di recessione o di stagnazione. Grafico 4 20

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente.

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. La vera origine della Crisi. La crisi che ci troviamo ad affrontare

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

2007-20?? A Tale of Two Paulson. Andrea Beltratti Università Bocconi Ottobre 2008

2007-20?? A Tale of Two Paulson. Andrea Beltratti Università Bocconi Ottobre 2008 2007-20?? A Tale of Two Paulson Andrea Beltratti Università Bocconi Ottobre 2008 Crisi: vincenti e perdenti Hank Paulson: se hai in tasca un bazooka e la gente lo sa, probabilmente non dovrai usarlo (settembre

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati Bloomberg, che è il più importante servizio di informazioni finanziarie, da questa settimana ha cominciato ad usare il termine "Obama Bear Market". Il cuore del problema è il sistema finanziario che è

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

L effetto del debito privato e della ricchezza privata nell economia.

L effetto del debito privato e della ricchezza privata nell economia. Università degli Studi di Milano-Bicocca Corso di Politica Economica (Macro) Prof. Luca Stanca L effetto del debito privato e della ricchezza privata nell economia. Tesina di: Sala Marco Pirovano Samuele

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008

Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008 Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008 Sono passati ormai 5 anni dal fallimento di Lehman Brothers, la quarta banca di affari più importante degli stati uniti fino al 2008; questo fallimento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Economia Politica Lezione 2b

Economia Politica Lezione 2b Economia Politica Lezione 2b Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Vergalli - Lezione 1 CRISI ECONOMICHE E FINANZIARIE Temi Opzioni Reali 1. Crisi Subprime 2007-08 2. Crisi del 1929 Crisi del 1929 Il boom

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria ABI Assofin Convegno Credito al credito Credito alle famiglie e stabilità finanziaria Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Salvatore Rossi Roma, 27 novembre 2012 Sommario Pag. Il

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 41 i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO 27 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 A leggere i dati

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

Un Europa a due velocità

Un Europa a due velocità OLTRE LA CRISI GRECA Un Europa a due velocità Si allarga il gap tra paesi core e paesi periferici dell Eurozona. Pil, inflazione, disoccupazione, consumi, deficit pubblico e tassi di interesse: una radiografia

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Fondo CMIG Multi-Assets Global (MAG) Newsletter 31.10.2008

Fondo CMIG Multi-Assets Global (MAG) Newsletter 31.10.2008 Fondo CMIG Multi-Assets Global (MAG) Newsletter 31.10.2008 Rendimento dal lancio -14,48 % Rendimento Annuo -7,71 % Valore quota Data di lancio 4,276 01.09.2008 (01.09.2008-31.10.2008) Rendimento a 1 mese

Dettagli

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Prometeia ritocca al ribasso la crescita italiana per il primo trimestre 2015 (a +0,1% rispetto a +0,2%) e conferma la crescita del Pil 2015 a

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2009 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 semestre piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli