Finanza Creatrice. indagine sul microcredito nella Provincia di Roma. a cura di MAG Roma società cooperativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finanza Creatrice. indagine sul microcredito nella Provincia di Roma. a cura di MAG Roma società cooperativa"

Transcript

1 Finanza Creatrice indagine sul microcredito nella Provincia di Roma cooperativa a cura di MAG Roma società cooperativa

2

3 Prefazione Adriano Labbucci Presidente del Consiglio Provinciale di Roma Per convinzione politica e ideale penso che coloro che hanno responsabilità nelle istituzioni politiche debbano sostenere tutte quelle esperienze che si battono per affermare i diritti umani, sociali, del lavoro e dell ambiente. Dare peso e voce: a chi sa immaginare e praticare un futuro diverso; a chi promuove con le idee e i fatti l autonomia e l autodeterminazione delle persone; a chi non separa economia, politica, società; a chi si impegna perché l etica non sia considerata una sfera separata ma ingrediente essenziale nell orientare la politica e l economia. Si dirà: belle parole e lodevoli intenzioni ma la realtà, benedetto Iddio, va in tutt altra direzione, possibile che non la vediate; e allora invece di perdersi in queste fantasie seguite il corso, datevi da fare e poche chiacchiere. Discorso di assoluto realismo, buon senso e concretezza, apparentemente. Succede infatti che qualche mese fa ad un signore di nome Muhammad Yunus, figlio di uno dei paesi più poveri del pianeta il Bangladesh, venga assegnato il premio Nobel 2006 per la pace. Yunus, il banchiere dei poveri, ha avuto tanti anni fa un idea semplice e rivoluzionaria: il microcredito ai poveri. Prestiti di modeste entità rivolte a tutte quelle persone, in particolar modo donne, escluse dall accesso alle banche perché non in grado di offrire garanzie. Dare i soldi a chi ne ha bisogno, e non a chi già li ha, investendo sulle risorse più importanti: speranza, fiducia, riscatto. Un idea semplice e straordinaria che è la dimostrazione provata dell inadeguatezza del realismo, di quell atteggiamento politico e culturale che non sa vedere altro che ciò che già c è. Non sa immaginare, che significa vedere ciò che non c è e provare a realizzarlo. Non sa pensare l impossibile, dare i soldi ai poveri, e inventare il possibile, il microcredito. Questa ricerca vuole far conoscere queste esperienze, ancora limitate, che anche in Italia e nella nostra Provincia si sono realizzate. E lo sviluppo ulteriore dell impegno che la Provincia di Roma in questi anni sta portando avanti: l adesione alla campagna Control Arms; la guida Comunità Partecipate a cura di Lunaria (Manifestolibri edizioni) in cui abbiamo raccolto 50 buone pratiche locali; la delibera sulla Tesoreria della Provincia dove abbiamo inserito criteri etici nell aggiudicazione del servizio; Prefazione 1

4 la convenzione con Libera per l uso dei beni confiscati alla mafia; la costituzione del Forum pace, diritti umani e solidarietà internazionale che raccoglie le principali associazioni per dare continuità all impegno su questi temi. E l impegno alla fin fine a ridare un anima alle istituzioni e un corpo a parole come libertà, giustizia, dignità. 2 Prefazione

5 Introduzione Una finanza etica per l'innovazione sociale Alessandro Messina Il Nobel per la pace a Yunus aiuterà a parlare nuovamente di finanza etica, in una chiave, ci si augura, che non sia solo legata a illeciti e scandali finanziari. Il premio a Yunus è dunque una bella notizia. Con due ma. Il primo ma riguarda il tipo di premio: uno che inventa un sistema per prestare i soldi ai non bancabili, rigenerare l economia a partire dalla finanza, dare valore economico alle relazioni sociali, non è un grande economista? Non merita il premio all economia? O forse il contenuto delle sue pratiche è troppo eretico per essere accettato dall ortodossia economica dell Accademia di Stoccolma? È evidente che, di fronte a Yunus, Joseph Stiglitz (Nobel all economia 2001, ex vice presidente della Banca mondiale ma molto critico nei confronti della globalizzazione) diventa un borghesotto conservatore... Il secondo ma riguarda l effetto indiretto che avrà questo premio, di cui certo non possiamo dare responsabilità né a Yunus né alla commissione dei Nobel. Già dal 2005, anno che le Nazioni Unite hanno dedicato al microcredito, abbiamo assistito ad un fiorire di iniziative che sotto questo nuovo cappello hanno riciclato vecchie politiche assistenziali fallite nel passato. Tutto è diventato microcredito. In Italia oggi sono circa 60 gli enti che dichiarano di fare microcredito, per un ammontare di prestiti di 75 milioni di euro. I beneficiari sono 8 mila, con un importo medio del credito di 10 mila euro. Un ruolo crescente hanno assunto gli enti locali, che rappresentano il 30 per cento degli operatori complessivi. Il loro ruolo può essere determinante per avviare progetti di microcredito, in partnership con altri soggetti, finanziari o della società civile, mentre è dubbio che possa essere efficace nell erogazione di fondi (mancano competenze e sono troppo soggetti ai cicli elettorali ). Si pensi agli esiti del prestito d onore (uno strumento introdotto con la legge 608 del 1996 per offrire forme di finanziamento agevolato soprattutto ai giovani): in pochi anni sono stati concessi oltre 659 milioni di euro, ma il tasso di sofferenza la percentuale di prestiti non restituiti è stato del 20 per cento, contro il 3 per cento di media dei programmi di microcredito gestiti, ad esempio, dalle MAG (cooperative Mutue Auto Gestione). Inoltre tutte le grandi banche italiane ormai avviano programmi di microcredito; così, mentre con una mano saccheggiano i risparmiatori con i costi più alti d Europa, con l altra devolvono una minima quota del loro Una finanza etica per l'innovazione sociale 3

6 enorme surplus (8 per cento di profitti lo scorso anno) a questa nuova forma di marketing. Ecco i rischi di questo Nobel. Ma vi sono anche delle opportunità da cogliere. Sicuramente, tra tanti progetti, qualcuno sarà di qualità. E poi potremmo trovare nuovi spunti per migliorare gli strumenti della microfinanza che già esistono. Quest ultima, presupponendo una circolarità tra chi presta e chi prende il denaro, è ben più efficace del microcredito praticato dall alto in basso. Ci si augura, ad esempio, che le MAG possano giovarsi del Nobel per ottenere maggiore visibilità e convincere più enti locali a collaborare ai propri progetti. Si tratta di un tema tutt altro che secondario: le politiche pubbliche in materia di finanza e accesso al credito e ai servizi bancari (da considerarsi come un vero e proprio diritto) possono fare molto. In particolare, sono almeno due i livelli di intervento del decisore politico sul tema finanza: uno nazionale, di cornice generale, normativa e fiscale, e uno locale fatto soprattutto di pratiche e misure specifiche. A livello nazionale andrebbe di molto ripensato il quadro normativo in materia bancaria. E evidente che la questione si fa complessa e coinvolge equilibri (che poco sembrano tali) e rapporti di forza tra i più rilevanti. Senza farsi illusioni, però, si ritiene che alcune piccole proposte potrebbero trovare un loro spazio e produrre effetti fortemente positivi. 1) Regolamentazione e controlli Le tendenze in atto in Banca d Italia, con il nuovo governatore Draghi ed i suoi primi atti di riforma interna alla banca, lasciano ben sperare rispetto ad una situazione di degrado senza precedenti. Un livello record delle illiceità e dell immoralità delle banche si è clamorosamente associato ad una fase d oro dei profitti. E evidente l urgenza della creazione di un sistema di controllo e benchmarking molto più forte di quello attuale. Probabilmente non sarà neanche sufficiente ridare slancio e vigore alla Banca d Italia (e alla Consob). La complessità della funzione bancaria, l estensione della sua presenza in ogni ambito dell esistenza di un cittadino e di un impresa richiedono forme di controllo (e sanzioni) nuove e più capillari. Andrebbero coinvolte in modo efficace e puntuale le organizzazioni dei risparmiatori, la società civile, le associazioni anti usura, i confidi ecc. Dunque creare spazio effettivo di denuncia, concertazione, pressione sulle banche dei cittadini organizzati. Operazioni come Pattichiari, promossa dall Abi, possono essere utili solo se accompagnate da un attività di monitoraggio e denuncia svolta dai cittadini. Per tutto questo occorrono due condizioni: (i) spazi giuridici (in prevalenza), che vanno creati con una cornice normativa ad hoc; (ii) risorse (in minima parte), che potrebbero essere recuperate attraverso una piccola tassazione di scopo dei profitti bancari. 2) Borse locali 4 Introduzione

7 Occorre tornare a promuovere le borse locali, per uscire dall'autoreferenzialità dell alta finanza, che non riesce a rappresentare né gli andamenti dell economia reale né la specificità del tessuto produttivo italiano, fatto soprattutto di piccole e medie imprese. Una borsa locale, anche se non esclusivamente in via telematica, potrebbe essere dedicata ad imprese solo sotto certi parametri dimensionali e a risparmiatori degli stessi territori. Lo strumento borsa, dunque, potrebbe tornare ad assumere un ruolo di servizio all economia reale, favorendo anche la conoscenza diretta tra finanziatore e finanziato e migliorando il livello di trasparenza dei mercati. In questa azione, livello nazionale e locale si intersecano, dovendosi necessariamente integrare le politiche di cornice legislativa con i comportamenti degli enti territoriali e degli operatori finanziari locali, come il credito cooperativo. 3) Finanza etica Sulla finanza etica ormai la confusione regna sovrana. Ognuno definisce tale ciò che vuole e mancano forme di controllo a tutela dei cittadini risparmiatori. Il nuovo testo unico sul risparmio assegna alla Consob il compito di emanare un regolamento sugli strumenti di finanza etica, tenendo in considerazione i codici di autodisciplina redatti dalle associazioni di categoria e l'adozione, da parte delle medesime società, di sistemi di certificazione di processo o di prodotto ispirati a criteri di sostenibilità ambientale e sociale e fondati sui più avanzati standard comunitari e internazionali elaborati in materia di responsabilità sociale di impresa. Non si parla di società civile, di dialogo con le parti sociali (sindacati, consumatori), di forme di verifica e aggiornamento dei criteri etici, che, si sa, in tempi di globalizzazione vanno aggiornati costantemente. Il Manifesto della Finanza Etica La finanza eticamente orientata: 1. Ritiene che il credito, in tutte le sue forme, sia un diritto umano 2. Considera l efficienza una componente della responsabilità etica 3. Non ritiene legittimo l arricchimento basato sul solo possesso e scambio di denaro 4. E trasparente 5. Prevede la partecipazione alle scelte importanti dell impresa non solo da parte dei soci, ma anche dei risparmiatori 6. Ha come criteri di riferimento per gli impieghi la responsabilità sociale ed ambientale 7. Richiede un adesione globale e coerente da parte del gestore che ne orienta tutta la attività. Il regolamento ancora non è arrivato, ma certo tale decisione del legislatore non sembra particolarmente felice. Sarebbe ben più opportuno lavorare su una legge quadro della finanza etica, che dia spazio ad una definizione basata su requisiti di processo e non di prodotto: la partecipazione degli stakeholders, la piena trasparenza sulla destinazione del denaro, le modalità di valutazione socio ambientale degli investimenti. Tutto questo fa finanza etica, che va distinta dalla finanza di beneficenza, nell interesse del Una finanza etica per l'innovazione sociale 5

8 risparmiatore che sceglie e dell operatore che investe in modo corretto su un segmento di mercato. Sicuramente, pertanto, tra i cardini di una tale legge quadro, andrebbero previste delle specifiche forme societarie destinate all auto gestione finanziaria (sul modello cooperativo e mutualistico delle MAG), rimuovendo gli ostacoli normativi che oggi incontrano questi operatori. 4) Bond etici Lo stesso Stato, sia a livello centrale che nelle sue articolazioni territoriali, potrebbe promuovere operativamente i princìpi della finanza etica nella gestione di alcune specifiche iniziative. Potrebbero essere emessi dei titoli vincolati a determinati progetti (per il sud del mondo, la promozione dell economia solidale in Italia, lo sviluppo locale eco compatibile, le energie rinnovabili ecc.) col duplice obiettivo di reperire risorse in termini di cassa e di sperimentare nuove forme di trasparenza amministrativa e partecipazione dei cittadini. E infatti evidente che rispetto a simili progetti la macchina burocratica dovrebbe garantire standard di rendicontazione e informazione ben più efficienti della media, onde sollecitare la fiducia dei risparmiatori e distinguersi nella melassa dell offerta finanziaria buona. Si tratterebbe anche di una buona occasione per testare, su piccola scala, nuove forme di gestione della pubblica amministrazione e del rapporto tra istituzioni e cittadini. Ciò che può essere fatto a livello locale non è comunque meno importante delle politiche nazionali. Anzi, per capacità di incidere sull economia reale e sui comportamenti quotidiani, il livello delle politiche e delle pratiche locali può essere ben più significativo. Parliamo in questo caso di comuni, soprattutto, ma anche di province e regioni. E lì dove vi siano grandi città, sarà importante interpretare al livello minimo della scala amministrativa le potenzialità delle politiche locali che si vanno ad illustrare. 5) Verso nuove MAG Sono molti i comuni (circa 300) che negli ultimi anni hanno aderito al progetto della Banca Popolare Etica, sottoscrivendone quote del capitale sociale e (pochi) avviando con essa progetti di sviluppo locale. Ciò che si propone qui è di andare oltre quella che spesso è stata una blanda adesione politica ad un progetto di economia alternativa e dargli gambe per crescere ancora. Sono troppi, infatti, i territori in cui Banca Etica e gli altri operatori della finanza etica ancora non sono arrivati e non arriveranno presto. Allora occorre trovare sul posto, tra le energie locali, quei presupposti necessari a far decollare un progetto di finanza etica. Si tratta di sollecitare processi di auto organizzazione del risparmio, sul modello MAG, cui eventualmente l ente locale può dare sostegno in diversi modi: entrando nel capitale sociale (aiutando così a raggiungere i requisiti minimi richiesti dalla legge); fornendo servizi logistici (locali dove svolgere le attività, servizi di comunicazione rivolti ai cittadini e alle imprese); approntando servizi 6 Introduzione

9 consulenziali (gestionali, legali, fiscali ecc.) come nel caso di incubatori d impresa. Quando si sarà creato un gruppo abbastanza solido, radicato sul territorio, allora si potranno costruire infiniti progetti in partnership con gli altri operatori di finanza etica e cooperativa e gli enti locali. Ciò che si andrà delineando sarà un forte arricchimento del tessuto economico locale, in grado di integrare al meglio (anche attraverso un apprezzabile azione di stimolo concorrenziale, nel miglior senso del termine) l offerta di servizi finanziari presenti sul territorio. 6) Sostenere la finanza cooperativa Le banche cooperative possono essere ben incentivate anche a partire dal livello locale. Attraverso la preferenzialità che può essergli accordata nell assegnazione dei servizi di tesoreria comunale, ad esempio, laddove il comune può rinunciare alla ottimizzazione delle offerte espresse solo in termini monetari (massimo ribasso) e valutarle, invece, anche in senso sociale e ambientale. Rispetto a tale servizio, inoltre, potrebbe vincolarsi l impiego di eventuali giacenze soltanto a certe tipologie di investimenti (reali, legati al territorio), di cui andrebbero poi documentate accuratamente forme, quantità, tempi. Resta valido anche in questo caso quanto detto al punto precedente: capitalizzare le banche cooperative, partecipare alla loro vita associativa, promuoverle tra i cittadini, favorire la massima trasparenza delle loro decisioni, sono tutti passaggi che rientrano nella cornice di politiche locali indicate al sostegno della finanza utile. 7) Immaginare monete utili Quello delle monete complementari è un tema tabù. Difficile affrontarlo senza passare per secessionisti. Ma ciò avviene solo in Italia. Sono molti i governi (locali e nazionali, si pensi a quello tedesco) che da anni costruiscono politiche di sviluppo locale (reale, sostenibile, equo) basate anche sulla introduzione di monete che si vadano ad affiancare all euro, integrandone la circolazione in canali sociali e settori economici altrimenti ai margini dell economia monetaria. Qualche rara esperienza si è registrata anche in Italia (come l Eco Aspromonte). Le monete complementari servono a contrastare la finanziarizzazione, la tendenza all accumulazione, a dare valore monetario al valore d uso (non solo a quello di scambio), e non meno importante in certi contesti restituire identità ad un territorio, forza ad un progetto. Hanno dunque un valore tanto economico in senso stretto quanto sociale e culturale. Tutte dimensioni di cui è difficile fare a meno in un progetto di sviluppo locale. Tanto più se si vuole orientare la propria azione verso la costruzione di una finanza utile (che per essere tale deve anche contare in parte su una moneta utile ). 8) Sostenere l economia solidale Una finanza etica per l'innovazione sociale 7

10 Se il fine è promuovere la finanza utile è evidente che almeno in parte ci si prefigge anche di ri orientare il sistema economico, le sue scelte, la sua cornice culturale di riferimento. Non si potrà allora fare a meno di promuovere anche un altra economia, fatta di relazioni solidali, ancorata al territorio, tesa a incorporare nelle proprie funzioni obiettivo anche le esternalità negative nei confronti della società, dell ambiente, del sud del mondo. La promozione, pertanto, di reti di economia solidale, in forma di distretti o quant altro, potrebbe contribuire in almeno due modi allo sviluppo di una finanza utile locale: (i) aiutando a cambiare la mentalità del tessuto cittadino, orientandola verso scelte di sostenibilità ed equità; (ii) fornendo dei binari, già oliati, su cui far correre il treno della finanza utile, sia per la raccolta (cittadini consapevoli in cerca di operatori locali), sia per gli impieghi (progetti di economia reale ad elevata utilità sociale). Le otto direttrici proposte, equamente suddivise tra nazionali e locali, sono solo dei primi spunti di ragionamento del ruolo fondamentale che la politica può assumere nella promozione di una finanza utile. Accanto ad esse molte altre misure potrebbero essere immaginate, e la stessa suddivisione tra nazionale e locale in molti casi potrebbe sfumare: si pensi al livello legislativo di una regione, che potrebbe applicarsi a quasi tutte le proposte sul versante nazionale, o all emissione di titoli, che oggi può ben riguardare anche i comuni. Restano però dei princìpi fondamentali, trasversali alle proposte ed ai livelli di governo, che sono quelli propri della finanza etica e solidale: partecipazione e trasparenza, coniugate non come slogan, ma come requisiti imprescindibili nella strategia e nella operatività delle misure che verranno lanciate. Si tratta dei veri pilastri della finanza etica, che grazie ad essi diviene fattore innovativo di sviluppo e coesione sociale. Per questo occorre salvaguardarla dalle mistificazioni di comodo di politica e mercato. 8 Introduzione

11 Parte Prima Il microcredito in Italia, una breve panoramica Cinzia Cimini Una definizione di microcredito Nella sua definizione standard, il microcredito si definisce attraverso due elementi: a) la piccola entità del prestito. La definizione e la delimitazione di prestito di piccola entità varia, ovviamente tra nord e sud del mondo e non può essere definita a priori; b) piccole quote di rimborso ravvicinate nel tempo. Anche quando si accenna all aspetto dell entità delle rate di rimborso del prestito, la stessa entità non va presa in termini assoluti bensì va relativizzata rispetto al territorio in cui viene utilizzato lo strumento del microcredito. Questi elementi non sono sempre sufficienti a definire in modo esaustivo il fenomeno del microcredito, che ha ormai circa trenta anni di esperienza al suo attivo nel nord come nel sud del mondo. Un primo aspetto su cui ragionare e porre attenzione è la sua caratteristica di essere un credito solidale, la necessità di conoscere bene il beneficiario del finanziamento, di instaurare con lo stesso una relazione molto forte, non solo fra ente erogatore e finanziato, ma facendo partecipare attivamente alla rete di relazione e al progetto stesso di microcredito un terzo soggetto (o più interlocutori) che rappresenti la comunità entro la quale il finanziato vive e lavora: chi eroga il prestito si assume la responsabilità della buona riuscita del prestito in solido con chi ha ricevuto il prestito e la sua rete di relazioni fiduciarie. Afferma infatti nell intervista Francesco Fantuzzi di MAG 6 di Reggio Emilia: Il lato vincente del microcredito è sicuramente la capacità di lavorare insieme, di instaurare relazioni di scambio fra finanziati e finanziatori in modo da creare un rapporto di fiducia, che può diventare la chiave per il successo nella risoluzione delle problematiche. La responsabilità solidale ripartisce il rischio di insolvenza, derivante dalla selezione del potenziale cliente, tra l istituto erogatore del prestito e la comunità, attraverso la costruzione di relazioni di fiducia, oppure utilizzando le relazioni di fiducia preesistenti sul territorio: in particolare va esplicitato il fatto che mentre la finanza tradizionale, quando si affaccia al microcredito, utilizza le reti preesistenti sul territorio, le organizzazioni di finanza etica si fanno carico della costruzione di reti di fiducia sul territorio, dove le stesse operatrici di finanza etica ne sono parte integrante. Un altro modo di intendere la responsabilità solidale è la costituzione di un fondo di garanzia: come si vedrà nel paragrafo successivo alcuni dei Il microcredito in Italia, una breve panoramica 9

12 programmi di microcredito sono affiancati dalla costituzione di tali fondi, che se da un lato hanno lo scopo di proteggere l istituto creditizio dal rischio di insolvenza, dall altro alcuni declinano la responsabilità solidale nella costituzione del fondo, ripartendo il rischio di insolvenza fra tutti quelli della comunità che partecipano alla costituzione dello stesso, anche se si tratta di una esperienza più mediata rispetto alle fideiussioni personali. La responsabilità solidale ha due meriti, sostanzialmente: ripartire l onere del rischio di insolvenza tra creditore e debitore, senza l utilizzo di garanzie patrimoniali, superando in questo modo quello che in economia si chiama asimmetria informativa, ma soprattutto farsi strumento di tessitura di reti sociali, dove l economia e la finanza si fanno strumento di uno sviluppo locale partecipato 1 : mutuando il concetto di reti di economia solidale 2, secondo cui l obiettivo è quell0 di collegare le realtà locali creando dei circuiti economici, in cui per quanto possibile le esigenze dei vari nodi della rete (consumatori, commercianti, produttori) vengono soddisfatte grazie alla reciproca interazione 3, la responsabilità in solido favorisce la relazione tra il consumatore e il produttore. Il concetto di credito solidale è connesso con la mancanza nel microcredito di garanzie reali. La richiesta di garanzie patrimoniali rappresenta un criterio efficientistico di includere/escludere alcuni dal sistema economico: il rapporto tra costi e ricavi, in un ottica di profitti, determina di fatto l universo bancabile. Se la rischiosità del finanziamento può essere superata attraverso la responsabilità solidale del credito, la scarsa economicità e il costo elevato del personale sono caratteristiche superabili solo se la funzione obiettivo dell imprenditore non è più quella del profitto. La garanzia patrimoniale è uno dei punti cardine della non bancabilità. Le caratteristiche che determinano una restrizione dell universo bancabile possono essere così individuate 4 : 1 «Idea di sviluppo inteso non in senso soltanto economico, costruito quotidianamente chiamando i causa le parti sociali di un territorio, che ha come obiettivo quello di riportare l economico nel sociale, in contrapposizione al pensiero secondo cui l economia sia una parte staccata dalla società, e non uno dei suoi elementi». Tratto da Sviluppo locale partecipato, atti del convegno, 7 settembre 2004, Roma, Assessorato alle Politiche per le Periferie, lo Sviluppo Locale, il Lavoro. 2 L espressione è mutuata da quella utilizzata nell economia tradizionale, distretto industriale con il quale si indica una rete stabile di scambi, prevalentemente locali, di beni e servizi (dell economia tradizionale). La terminologia distretto di economia solidale intende fare riferimento anch esso una rete locale stabile di scambi di beni e servizi, con la differenza che i nodi della rete sono costituiti da organizzazioni di economia solidale. Il primo distretto di economia solidale in Italia, in fase avanzata di realizzazione, è quello di Roma ed è allo studio una stessa esperienza nelle Marche. 3 A. Calori, I distretti di economia solidale, in V. Cobelli e G. Naletto (a cura di), Atlante di un altra economia. Politiche e pratiche del cambiamento, Manifesto Libri, Roma, Tratto da Lunaria, La finanza etica in Italia. Come e perché promuoverla, supplemento BancaNote, novembre Parte Prima

13 Rischiosità del finanziamento, perché la decisione di finanziare o meno un soggetto non è presa sulla base di una garanzia reale in grado di coprire la mancata restituzione del credito, ma sulla validità o meno del progetto e sull affidabilità delle persone che lo propongono. Intervengono parametri sia economici sia sociali nella scelta di dare o meno il credito; Scarsa economicità del finanziamento, perché i prestiti richiesti sono irrisori rispetto alle elevate cifre che le banche muovono sul mercato finanziario; Costo del personale elevato, perché occorrono persone per valutare il progetto anche da un punto di vista economico e sociale. Il progetto va seguito, va accompagnato nella sua evoluzione, affinché la banca possa intervenire, qualora ci sia qualcosa che non va nella sua realizzazione, offrendo consulenza e affiancamento. Le banche tradizionali mirano all abbattimento dei costi per aumentare i profitti: le banche si ricordano dei progetti finanziati solo quando il prestito non viene restituito. Le caratteristiche del microcredito in Italia Le esperienze riportate nella Tabella 2 Una mappatura del microcredito italiano 5 non pretendono di essere esaustive di tutte le esperienze presenti in Italia, ma aiutano nell individuare le caratteristiche principali della giovane esperienza italiana in questo ambito. Il primo aspetto da prendere in considerazione riguarda chi eroga microcredito ed appaiono subito due diverse esperienze: quelle che fanno capo alla finanza etica e quelle che invece fanno capo alla finanza tradizionale. La finanza etica si pone un obiettivo ambizioso: non solo allontanare il risparmio da quelle imprese non rispettose dei diritti umani, dei diritti sociali e dell'ambiente, ma incidere sul comportamento del sistema bancario e più in generale del sistema finanziario, garantendo l'accesso al credito a quei soggetti definiti non bancabili dal sistema bancario tradizionale, perché non in possesso di garanzie reali. La finanza etica è quell'insieme di strumenti di raccolta e di impiego che utilizza un tasso di interesse sganciato dal mercato, che propone una gestione trasparente della raccolta del risparmio e degli interessi, che svolge una politica degli impieghi volta a valorizzare le persone. Quest'ultimo requisito rappresenta senz'altro l'aspetto peculiare della finanza etica: essa è orientata ad una idea di sviluppo non legato a doppia mandata con l'economia; si propone come obiettivo quello di generare ricchezza e distribuirla equamente per garantire a tutti gli individui il soddisfacimento 5 I dati e le informazioni riportate in tabella sono tratti dalla ricerca Il microcredito in Italia condotta dall Associazione Finanza Etica. Il microcredito in Italia, una breve panoramica 11

14 dei propri bisogni. La finanza etica pone attenzione al progetto da finanziare e non alle garanzie patrimoniali offerte dal richiedente il prestito, e il risparmio raccolto viene impiegato in progetti sociali e imprenditoriali della comunità stessa. Le Mutue Auto Gestione In Italia le prime esperienze di finanza etica nascono tra la fine degli anni 70 e gli inizi degli anni 80 con l emergere del risparmio autogestito. Sono le cooperative MAG (Mutua Auto Gestione) le figure di riferimento della finanza etica in Italia negli anni 80, la cui filosofia si basa, in breve, sulle seguenti caratteristiche: la partecipazione dei soci alla gestione; interventi rivolti verso progetti di cooperative e associazioni; garanzie patrimoniali sugli impieghi basate sulla conoscenza delle persone e dei progetti da finanziare. I settori di intervento delle MAG sono: la solidarietà sociale, l ambiente e i temi dell ecologia, la cultura e l informazione. Cosa sono, quindi le MAG? Tecnicamente sono cooperative finanziarie, più precisamente intermediari finanziari iscritti all albo tenuto dall'ufficio Italiano Cambi introdotto nel 1991 con la cosiddetta legge anti riciclaggio (d. lgv. n.197/91) che limita l attività di impiego del denaro solo a quelle organizzazioni che possiedono un capitale sociale pari a 600 mila euro. Due anni dopo un altro provvedimento legislativo (Testo Unico in materia bancaria e creditizia, L. 395/93) modifica il requisito per svolgere l attività di risparmio, disponendo che solo le aziende bancarie e le cooperative non finanziarie, a meno che si configurino come finanziarie di gruppo (ad es. MAG 4 Piemonte), possono raccogliere il risparmio dalle persone fisiche. Questo implica che le MAG, per poter operare come soggetti finanziatori, debbono raccogliere quote di capitale sociale, di partecipazione al rischio d impresa. Le MAG (in quanto intermediari finanziari abilitati) normalmente possono finanziare qualsiasi tipologia di soggetti, soci e non, persone fisiche e persone giuridiche, anche se solitamente scelgono di finanziare solo i propri soci. Le MAG attualmente esistenti, pur nella loro diversità nelle modalità di operare, mantengono alcune caratteristiche attraverso cui inquadrare questa esperienza. Innanzitutto nascono sul principio dell autogestione del denaro. In generale l autoorganizzazione si caratterizza come processo inclusivo, in cui una collettività si organizza per rispondere ad una necessità del gruppo. Nei processi di autogestione del denaro il bisogno centrale è quello del suo utilizzo per fini di utilità collettiva, fra cui quello della creazione di reddito attraverso attività inserite il più armonicamente possibile nella vita dell individuo. Il collettivo, fatto di risparmiatori e finanziati, si costituisce attraverso la MAG per rispondere al meglio alla necessità di ognuno (E. Lombardi, Organizzare il lavoro in AA. VV., Lavorare nel terzo settore, Carocci editore, Roma, 2005). Le MAG si sviluppano sul territorio attraverso una rete di relazioni sociali e di fiducia molto forti, che permettono loro di poter agire con più efficacia sul territorio stesso, conoscendone molto bene i bisogni e le carenze. Si tratta, quindi, di una esperienza di finanza etica solitamente collegata al territorio, che facilita la messa in rete e la condivisione di percorsi culturali, nonché il sostegno a progetti sociali concreti. Tutti gli operatori di finanza etica e di finanza critica italiani partecipano ad una o più progetti di microcredito, nel caso delle MAG già dalla metà degli anni ottanta. 12 Parte Prima

15 MAG italiane MAG 2 finance MAG 4 Piemonte MAG 6 Reggio Emilia MAG Verona MAG Venezia MAG Roma Metodo di raccolta Sottoscrizione del capitale sociale Sottoscrizione del capitale sociale e raccolta di depositi da cooperative del gruppo MAG: rete di cooperative che raccolgono prestito sociale e lo investono in MAG 4 e in altri circuiti Sottoscrizione del capitale sociale Sottoscrizione del capitale sociale Sottoscrizione del capitale sociale e libretti di risparmio Sottoscrizione del capitale sociale Metodo di impiego Diretto Diretto Diretto Remunerazione del denaro versato Adeguato all'inflazione e condizionato all'utile di esercizio Adeguato all'inflazione e condizionato all'utile di esercizio Adeguato all'inflazione e condizionato all'utile di esercizio Raccolta (in migliaia di ) Numeros oci Diretto No Attraverso Consorzio Finanza Solidale Attraverso MAG 6 Tabella 1 Dati relativi alle MAG italiane No per il capitale sociale, adeguato all inflazione per i libretti di risparmio Adeguato all'inflazione e condizionato all'utile di esercizio Gli istituti di credito tradizionale hanno iniziato ad utilizzare, in modo circoscritto rispetto alla totalità delle attività svolte dalle banche, lo strumento del microcredito negli ultimi tre o quattro anni circa: dei 19 progetti riportati in Tabella 2, 7 fanno capo ad un operatore di finanza etica, 8 progetti fanno invece capo ad un operatore bancario tradizionale, 1 progetto fa capo alle disposizioni e ai fondi messi a disposizione dalla legge finanziaria, 3 progetti fanno invece capo alla raccolta di donazioni, sia da privati (come il Fondo Essere) che da banche (come il caso del progetto di microcredito della Fondazione S. Carlo). L'elemento del soggetto erogatore disegna uno scenario piuttosto vario del microcredito in Italia. Accanto ad esso anche l importo medio erogato rende visibile la differente interpretazione di quanto è micro il credito che si va ad erogare: come si vede in tabella si va da importi minimi di 2 mila euro fino a 25 mila euro, evidenziando ad esempio che MAG 4 identifica come microcredito tutta la propria attività, anche quando si erogano finanziamenti fino ad un massimo di 150 mila euro, perché ritiene di appartenere alle iniziative di microcredito per il fatto di rivolgersi ai soggetti esclusi dal circuito bancario tradizionale. Il microcredito in Italia, una breve panoramica 13

16 Progetti di Ente Importo medio Modalità microcredito erogatore rimborso Garanzie richieste Almasolidale MAG 2 Finance 3 mila Rate mensili Fideiussione personale Banca del Piemonte e Banca del Parrocchia S.Agostino Piemonte 2 mila Rate mensili Nessuna Rateizzazione Casa delle donne MAG 6 4 mila decisa col Fideiussione personale beneficiario C.O.M.E. Banca 10 mila pf Fondo di garanzia Rate mensili Popolare Etica 20 mila pg Provincia di Torino Confidi Gafiart Artigiancassa Max ,00 Rate mensili Fondo di garanzia Confidi Roma Gafiart Dai slancio alle tue Banche Rate mensili Fondo di garanzia 5.000,00 idee convenzionate o trimestrali Comune di Torino Fondo di garanzia Finanziamenti per Dipartimento IX Bcc di Roma ,00 Rate mensili migranti Servizi Sociali Provincia di Roma Fondazione S. Carlo onlus Donazioni 7.750,00 Rate mensili Nessuna Fondo essere Donazioni 2.500,00 Rate mensili Nessuna Lavoro Autonomo Legge Assicurazione beni ,00 Rate mensili finanziaria finanziati Le Piagge Fideiussione sociale Fondo etico e Rateizzazione 2.600,00 pf illimitata della sociale decisa col 7.000,00 pg cooperativa Il Cerro e beneficiario fideiussione personale MAG 2 finance MAG 4 Piemonte MAG 6 Reggio Emilia MAG Roma Microcredito di solidarietà Microcredito sociale Microcredito Sociale Fondazione Risorsa Donna MAG 2 finance MAG 4 Piemonte MAG 6 Reggio Emilia MAG 6 Reggio Emilia Monte dei Paschi Banca San Paolo Banca San Paolo 5.000,00 pf 5% cap sociale pg Rateizzazione decisa col beneficiario Fideiussione personale Max ,00 Rate mensili Fideiussione personale ,00 Rate mensili Fideiussione personale 8.000,00 Rate mensili Fideiussioni personali 7.500,00 Rate mensili ,00 pf ,00 pg ,00 pf ,00 pg Rate mensili Rate mensili Separati tutelati Bcc di Roma 3.000,00 Rate mensili Tabella 2 Una mappatura del microcredito italiano Fonte: nostra elaborazione su dati della ricerca (2006) e aggiornamento dati ricerca AFE (2004). Nota bene: PF, persone fisiche PG, persone giuridiche Fondo di garanzia Fondazione Monte dei Paschi Fondo di garanzia Compagnia San Paolo Fondo di garanzia Compagnia San Paolo Fondo di garanzia Comune di Roma Questo elemento conferma quanto affermato nel paragrafo precedente: definire il microcredito utilizzando solo la categoria della quantità di prestito erogato ad ogni singolo beneficiario risulta riduttivo, oltre che 14 Parte Prima

17 particolarmente complicato, poiché l ammontare del micro prestito va contestualizzato nel territorio di utilizzo dello strumento finanziario, l importo medio dei microcredito nei paesi del sud del mondo non può essere utilizzato come parametro quantitativo di misurazione del microcredito. Ci sono altri due elementi interessanti che emergono dalle informazioni raccolte dai progetti di microcredito, la modalità di rimborso e, di particolare rilievo, le garanzie richieste per l erogazione del prestito. Per quanto riguarda la modalità di rimborso, l idea generale è che si preferisce accordare modalità di rimborso che facilitino il rientro del prestito e che non mettano in difficoltà il beneficiario; da qui la scelta della rateizzazione mensile, consigliata dalle organizzazioni il più delle volte, oppure decisa insieme al beneficiario in alcuni casi, quali ad esempio MAG 6 e MAG Roma. La responsabilità solidale del credito erogato, in mancanza di garanzie reali del finanziato (o in sostituzione delle stesse) viene declinata, principalmente, in fideiussioni personali, oppure nella costituzione di un fondo di garanzia. Come possiamo vedere nella Tabella 3 Destinatari del microcredito, le soluzioni approntate sono diverse: su 19 progetti indagati, 11 sono quelli che usufruiscono di un fondo di garanzia, di cui 3 sono fondi di garanzia messi a disposizione da un ente locale. Tre progetti non hanno nessuna garanzia: il Fondo Essere, ad esempio, chiede al beneficiario del prestito un impegno morale alla restituzione, perché questo acquista un significato di partecipazione ad una comunità solidale, per cui chi restituisce il prestito viene inteso come facesse una donazione al fondo. Il Fondo Essere lavora molto sulla solidarietà e sulla rete di relazioni della comunità 6 : ad esempio uno dei requisiti richiesti per avere il prestito è risiedere nel quartiere ed essere presentati da una delle associazioni partner del progetto, anch essa del Quartiere 4 di Firenze; nell istruttoria vengono coinvolte tutte le associazioni aderenti all iniziativa per svolgere una indagine sulla situazione complessiva del beneficiario. Infine il Fondo Essere molte volte non eroga il prestito direttamente all utente, bensì va a coprire direttamente le situazioni debitorie con il fornitore dell utente. 6 il Fondo Essere svolge la propria attività dal 2002 nel Quartiere 4 di Firenze. Il microcredito in Italia, una breve panoramica 15

18 Progetti di microcredito Almasolidale Banca del Piemonte e Parrocchia S.Agostino Casa delle donne C.O.M.E. Confidi Gafiart Dai slancio alle tue idee Finanziamenti per migranti Fondazione S.Carlo onlus Fondo essere Lavoro Autonomo Le Piagge MAG 2 finance MAG 4 Piemonte MAG 6 Reggio Emilia MAG Roma Microcredito di solidarietà Microcredito sociale Ente promotore Associazione Almaterra Parrocchia S.Agostino Associazione Nondasola e MAG 6 Provincia di Torino Confartigianato Comune di Torino Provincia di Roma Fondazione S.Carlo Associazioni quartiere 4 Firenze Stato Quartiere Le Piagge MAG 2 finance MAG 4 Piemonte MAG 6 Reggio Emilia MAG Roma Misericordia di Siena Compagnia San Paolo Destinatari del servizio Donne Immigrati Donne Immigrati Artigianato e piccola impresa Piccole imprese Migranti con residenza nella Provincia di Roma Persone svantaggiate Persone in precarietà sociale e/o economica Ditte individuali Individui e imprese, italiani e stranieri, del quartiere Le Piagge Non profit e individui in difficoltà sociale e/o economica Non profit Individui e realtà collettive Individui e realtà collettive Immigrati, donne e persone a basso reddito Immigrati e persone in cerca di occupazione Fabbisogno Dare credito a chi è in difficoltà economica Favorire l accesso al credito e arginare l usura Favorire il percorso di autonomia economica Arginare il rischio di povertà Includere nel circuito creditizio soggetti esclusi Favorire l accesso al credito a buone idee imprenditoriali Accesso al credito per l inserimento lavorativo e l integrazione sociale Includere le persone escluse dal sistema bancario tradizionale Creare una comunità solidale Includere persone a rischio di esclusione dai circuiti tradizionali del credito. Includere le persone escluse dal sistema bancario tradizionale Includere le persone e i progetti esclusi dal sistema bancario tradizionale Sostegno a progetti di autogestione e di cooperazione Includere le persone e i progetti esclusi dal sistema bancario tradizionale e fornire uno strumento di credito alternativo Includere le persone e i progetti esclusi dal sistema bancario tradizionale e fornire uno strumento di credito alternativo Includere le persone escluse dal sistema bancario tradizionale Includere le persone escluse dal sistema bancario tradizionale Tipologia progetto Microimpresa Microimpresa Microcredito di emergenza Microimpresa Microimpresa Microimpresa Microimpresa Avvio lavoro autonomo Microcredito di emergenza Prestito d onore Microimpresa e microcredito di emergenza Microimpresa Imprese sociali Microimpresa imprese sociali e microcredito di emergenza Microimpresa imprese sociali Microimpresa e microcredito di emergenza Microimpresa 16 Parte Prima

19 Progetti di microcredito Microcredito Sociale Fondazione Risorsa Donna Separati tutelati Ente promotore Compagnia San Paolo Comune di Roma Destinatari del servizio Immigrati e persone in cerca di occupazione Cittadini/e residenti a Roma separati/e titolari di assegno di mantenimento Tabella 3 Destinatari del microcredito Fabbisogno Includere le persone escluse dal sistema bancario tradizionale Dare la possibilità ad una fascia sociale in condizioni di disagio e fragilità di soddisfare delle esigenze derivanti dalla violazione del diritto all'assegno di mantenimento Fonte: nostra elaborazione su dati della ricerca (2006) e aggiornamento dati ricerca AFE (2004) Tipologia progetto Microimpresa Credito al consumo Tornando alla Tabella 3, sono 4 i progetti che chiedono invece fideiussioni personali: persone o organizzazioni che garantiscono la restituzione del prestito a favore del beneficiario. Tra gli operatori di finanza etica, sono le MAG ad utilizzare questo strumento con alcuni distinguo: MAG 6 chiede fideiussioni solidali, ciascun fideiussore è in obbligo per la totalità dell ammontare del prestito, MAG 4 invece chiede fideiussioni parziarie, cioè ciascun fideiussore è in obbligo solo per la quota parte del prestito, al massimo 15 mila euro per ciascun fideiussore. In entrambi i casi il numero dei fideiussori per ciascun beneficiario deve essere congruo rispetto alla capacità di ciascuno di far fronte alla possibilità che il prestito non venga restituito, anche se va precisato che le MAG lavorano molto sull accompagnamento dei beneficiari dopo l erogazione del prestito e, quando è necessario, modulano in itinere il piano di ammortamento del prestito. Dei 19 progetti, ben 16 (l 80% dei casi) sono progetti rivolti a finanziare la microimpresa e l impresa sociale; di questi, 4 si occupano anche del microcredito di emergenza, solo un progetto ha come target solo il microcredito di emergenza, infine il progetto di avvio al lavoro autonomo si tratta di prestito d onore e il progetto di micro finanziamenti ai separati si tratta di credito al consumo: questi ultimi due progetti verranno ripresi e descritti nel paragrafo successivo. Comunemente si classificano le tipologie di intervento del microcredito in: microcredito alle imprese, quando si erogano finanziamenti per l avvio di piccole e piccolissime attività produttive collettive o individuali, possibilmente con un valenza sociale; microcredito al consumo collettivo, come ad esempio condomini, mutue, cooperative, che vogliono attivare progetti di ristrutturazione di immobili secondo criteri di eco compatibilità, oppure di accessibilità per disabili; Il microcredito in Italia, una breve panoramica 17

20 microcredito di emergenza, quando il prestito viene erogato per far fronte a spese non previste di discreta entità riguardanti le spese sanitarie, istruzione, locazione, ecc. quindi spese che hanno a che fare con la possibilità di valersi di diritti sociali, quali ad esempio il diritto alla salute, o all istruzione, o alla casa. Mentre le realtà di finanza etica sono implicate in tutte le diverse tipologie di interventi, gli istituti di credito tradizionale sono coinvolti soltanto nel microcredito alle imprese. La Banca Popolare Etica La Banca Etica è una banca popolare, dunque in forma cooperativa, nata nel Sono due le matrici culturali di riferimento non necessariamente in sintonia fra loro che hanno contribuito alla nascita di questo anomalo istituto di credito. La prima è strettamente legata al movimento della finanza etica. La banca è nata per iniziativa diretta di alcune MAG (MAG 4 Piemonte e MAG 6 Reggio Emilia sono le due strutture che si sono lasciate coinvolgere meno dal progetto e che nel tempo hanno anche assunto le posizioni più critiche, seppur con modalità diverse:la prima entrando e poi uscendo, la seconda restandone sempre fuori), con l obiettivo di dare alla finanza etica uno strumento operativo che sapesse da un lato rispettare i nuovi vincoli della legislazione, dall altro ampliare le possibilità di incidere sul sistema culturale ed economico nazionale. Questa radice è sicuramente la più forte e ha determinato promuovendo i valori della finanza etica la convinta adesione di migliaia di cittadini all iniziativa (al 30 settembre 2006 sono i soci persone fisiche e i soci persone giuridiche ). L altro elemento principale è l idea di creare una banca per il terzo settore. Tale impronta è connaturata alla fase storica in cui la banca è nata, la metà degli anni novanta. Si tratta di un periodo in cui il terzo settore italiano assume una soggettività politica e corporativa forte, rappresentata in particolare dal ruolo dell organizzazione ombrello denominata Forum permanete del terzo settore. È attraverso questo soggetto che la costituenda banca recluta i suoi soci più grandi : le associazioni nazionali, le centrali cooperative, i consorzi. Questa doppia matrice ha caratterizzato tutta la fase della raccolta del capitale sociale necessario a fondare una banca popolare. La Banca Etica privilegia i rapporti con le organizzazioni senza scopo di lucro ma senza che l elemento non profit diventi un vincolo: quando l attività lo giustifichi, come nel caso dell agricoltura biologica, si possono finanziare anche società di capitali. Di recente, poi, la banca ha avviato alcune sperimentazioni di prestiti a persone fisiche, per il momento rivolti solo ai soci. (tratto da: A. Messina, Denaro senza lucro, Carocci, Roma, 2003). In ogni iniziativa di microcredito, così come per qualsiasi tipo di finanziamento, esistono elementi caratterizzanti da cui dipenderanno la buona riuscita del progetto finanziato. Tra questi elementi particolare importanza ricopre il procedimento d istruttoria. Dall indagine svolta non è stato possibile far emergere uno standard d istruttoria applicabile a tutti i progetti e ad ogni caso che si presenti all esaminatore, tuttavia è presente una certa costanza negli elementi su cui si indaga durante i colloqui con i possibili beneficiari del prestito, soprattutto nel caso di finanziamenti a favore di sviluppo o creazione d impresa. L istruttoria economica è svolta da ogni ente creditizio prima dell erogazione di un prestito e riguarda appunto gli aspetti più strettamente 18 Parte Prima

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli