La Riforma monetaria è necessaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Riforma monetaria è necessaria"

Transcript

1 La Riforma monetaria è necessaria In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo si sono formati numerosi movimenti di riforma monetaria che sono completamente nuovi da questo punto di vista, ma le loro soluzioni sono basate su modelli storici. dal professor Mark Joób: Perché una riforma monetaria è urgente Negli ultimi anni, il sistema monetario è stata riscoperto come un elemento chiave dell economia pubblica. In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo si sono formati numerosi movimenti di riforma monetaria che sono completamente nuovi, ma le loro soluzioni sono costrute su modelli storici. L iniziativa di una riforma completa monetaria è certamente il più importante di questi movimenti di riforma. Quali sono le implicazioni oggi dell attuale sistema monetario per l economia e la società e perché dovrebbe essere riformato? Il denaro viene assegnato tradizionalmente un triplice ruolo: 1. come mezzo di pagamento per l acquisto di beni o il pagamento dei debiti, 2. come riserva di valore e come unità, 3. come calcolo dei costi futuri. Questa descrizione tradizionale fa apparire il denaro come se fosse solo un agente neutro che serve ad agevolare l attività economica. Ma la verità della nostra economia moderna è che il sistema monetario non solo permette lo sviluppo, ma anche lo controlla. Il sistema monetario è una sorta di centro nevralgico del settore finanziario, che a sua volta determina l economia reale in modo significativo. Qui di seguito mi limiterò a descrivere i problemi del nostro attuale sistema monetario in dieci punti. Prima Il denaro viene creato come debito. Il denaro oggi viene portato in circolazione quasi esclusivamente come passività quando le banche centrali e banche commerciali di produttori e consumatori lo prendono in prestito dalle banche commerciali. Di conseguenza, un adeguato apporto di denaro per l economia può essere garantito solo se gli attori sono i privati e lo stato. La crescita economica richiede un proporzionale aumento dell offerta di moneta al fine di evitare la deflazione, che invece paralizzerebbe l economia. Un aumento dell offerta di moneta significa che all interno del sistema esistente, aumenterà anche il debito. Pertanto, gli operatori economici sono inevitabilmente esposti al pericolo costante di un debito e un fallimento. Alla luce della crisi del debito corrente non viene adeguatamente sottolineato che l indebitamento a livello individuale e sociale provoca gravi danni. L attuale crisi era nota, quando era iniziata come una crisi del debito dei proprietari di casa negli Stati Uniti (bolla immobiliare), ma è stata ben

2 presto trasformata in una crisi del debito delle banche commerciali e delle compagnie di assicurazione, ed è stata poi raccolta da parte degli Stati e, pertanto, si è sviluppata la crisi del debito sovrano. Le misure di austerità per ridurre il debito pubblico, a sua volta hanno creato disordini sociali e di solito sono ingiuste perché pesano sui cittadini, senza tener conto fino a che punto le persone hanno beneficiato del debito precedente. Secondo: L offerta di moneta è nelle mani delle banche commerciali. Solo una piccola parte di denaro circolante è creato dalle banche centrali. Infatti le banche Centrali emettono banconote e monete, che insieme, nella maggior parte dei paesi, arriva solo al 5 al 15 per cento della massa monetaria. La maggior parte è creata dalle banche commerciali in forma elettronica come depositi a vista quando si prestano a clienti o quando acquistano titoli di stato, beni immobili e altri beni. Ma entrambi i depositi in contanti e la domanda devono essere collocati esclusivamente dalle banche commerciali in circolazione. Quindi di fatto sono le banche commerciali, che controllano l offerta di moneta nell economia. Da un lato, le banche commerciali prendono in linea di principio il rischio di insolvenza per i mutui da loro concessi, ciò dovrebbe far si che analizzino con cura il merito di credito dei propri clienti. D altra parte, le banche commerciali decidono solo sulla base dell obiettivo di massimizzazione del profitto, poichè concedono prestiti e fanno investimenti. Se un investimento è socialmente utile o meno alle banche non interessa. In questo modo gli investimenti che servono il bene comune, ma che non sono sufficientemente redditizi, devono essere finanziati dal gettito fiscale e del debito pubblico. Invece di promuovere investimenti a lungo termine nell interesse di tutta la società, le banche utilizzano il loro denaro per emettere titoli sempre più a breve termine e la speculazione negli ultimi venti anni, ha creato un gigantesco casinò globale, al di là di qualsiasi controllo pubblico. Terzo: I depositi bancari non sono sicuri. I depositi rappresentano denaro nei conti bancari, che non è diverso dai contanti a corso legale. Il denaro nei conti bancari è legalmente solo un sostituto del corso legale e rappresenta solo una promessa della banca, dietro richiesta del cliente a pagare un importo equivalente in forma di moneta a corso legale. Nel regime di riserva frazionaria di oggi, di solito solo una parte molto piccola di depositi bancari di moneta a corso legale è coperto. Le banche commerciali tengono solo una piccola percentuale dei loro depositi in contanti o come riserve presso la banca centrale. Per questo motivo, le banche commerciali devono fare MOLTO affidamento sulla fiducia dei propri clienti. In caso in cui in una banca, molti clienti allo stesso tempo vogliono ritirare i loro depositi sotto forma di denaro, le banche dovrebbero tirare fuori il denaro che non hanno, e una tale mancanza di liquidità può portare rapidamente al fallimento. Perchè i clienti in casi come questi on perdano i loro risparmi, sono stati istituiti dei depositi di garanzia. Con le reazioni a catena e un onda incombente di fallimenti nel 2008, è stato possibile il salvataggio solo con l intervento del governo insieme alla Banca centrale, come creditore di ultima istanza, per proteggere i depositi. 4 La creazione del denaro è prociclica. Le banche commerciali prestano denaro per massimizzare i loro profitti. Il prestito di denaro di altri clienti che hanno depositato prima il loro denaro non è possibile, ma la banca crea nuovi fondi digitando dei numeri su un Computer. Questo come oggi le banche commerciali creano denaro dal nulla. Più soldi creano a credito, e maggiore saranno i loro interessi e i loro profitti fino a quando il debitore è in grado di pagare. In tempi di forte crescita economica,

3 le Banche hanno emesso prestiti con facilità per beneficiare della ripresa, mentre sono molto restrittive in tempi di stagnazione o recessione economica del credito per ridurre i rischi (mentre dovrebbero fare il contrario). In questo modo, le banche commerciali nei periodi di crisi si trovano a dover effettuare troppe operazioni di recupero e con troppo poco denaro per poter migliorare di conseguenza le fluttuazioni del ciclo economico. Queste variazioni di solito vanno a formare bolle speculative associate alla proprietà e ai mercati finanziari, che prima o poi esplodono, e la il settore bancario è in grado di infliggere gravi danni alla Società. La crisi del debito Europeo è conseguenza dello scoppio della bolla immobiliare negli Stati Uniti nel 2008, un chiaro esempio di quanto ho detto. 5 La creazione di denaro genera pressioni inflazionistiche. In aggiunta alla loro pro-ciclica creazione di moneta da parte delle banche commerciali a lungo termine si genera un eccesso di denaro, che di solito porta all inflazione dei beni di consumo e dei prezzi delle attività. In sostanza, si può parlare di un eccesso di denaro, se l aumento della circolazione di moneta supera la crescita economica nello stesso periodo. L eccesso di denaro si genera non solo a causa dei prestiti delle banche di Stato, ai produttori e ai consumatori, ma anche dalla speculazione della leva finanziaria da parte delle banche di investimento e gli hedge fund. Inoltre, per gestire la crisi attuale la Banca centrale europea e alcune altre banche hanno inondato i mercati finanziari con un sacco di soldi. Così, è stato possibile alleviare la situazione dei mercati per un breve periodo, perchè i soldi in più sono stati investiti investito e in genere porta l aumento dei prezzi di azioni e obbligazioni. Ma i gravi problemi del settore finanziario non vengono risolti in questo modo, è solo un palliativo che si ripresenterà in futuro ancora più seriamente. A causa della eccessiva espansione del denaro a lungo termine sono attese nuove bolle speculative e una inflazione elevata. L inflazione a sua volta rappresenta una redistribuzione opaca, perché le varie parti della società non hanno la stessa possibilità di compensare l inflazione indotta a causa della riduzione del loro potere d acquisto da un corrispondente aumento del reddito nominale. Ciò porta inevitabilmente a tensioni sociali. 6 Il privilegio di creare denaro è una sovvenzione al settore bancario. Poichè il denaro viene creato come debito, è fruttifero di interessi. Pertanto deve essere pagato l intero importo di denaro con in aggiunta interessi ai tassi in circolazione, e su questi contribuiamo tutti. In primo luogo, naturalmente, sono i mutuatari che hanno preso prestiti dalle banche commerciali, costretti a pagare gli interessi. Indirettamente, però, porta tutti coloro che pagano le tasse e dei beni e servizi acquistati a pagamento di interessi, in quanto il gettito fiscale da utilizzare per il pagamento degli interessi sui titoli di Stato e sui prezzi di beni e servizi comprendono anche il costo dei prestiti per gli operatori economici. In questo modo, la Società pagherà per l utilizzo del denaro una sovvenzione enorme per il settore bancario, anche se le banche commerciali una parte del loro reddito da interessi sugli interessi su depositi bancari li ricavano dai loro clienti. Per Le banche i proventi del differenziale di interesse tra i tassi attivi e tassi passivi costituisce quindi una sovvenzione, in quanto gli operatori economici hanno l obbligo giuridico di considerare ciò che è dalle banche commerciali come moneta elettronica, una moneta a corso legale. In diversi paesi europei si è persino vietato di effettuare pagamenti al di sopra di un certo importo in denaro (vedi l italia),.. La dimensione della sovvenzione, di cui usufruiscono le banche si riflette sugli stipendi gonfiati e bonus dei banchieri e l eccessiva distensione del settore bancario in relazione alla economia nel suo complesso.

4 7 Prestito di denaro genera pressione di crescita. I prestiti producono interessi a credito e creano una pressione sulla monetaria crescita due volte quella reale. Quando i mutuatari rimborsano i loro prestiti alle banche commerciali, il corrispondente importo di moneta elettronica scompare e la quantità totale di denaro in circolazione diminuisce. Tuttavia, i mutuatari hanno bisogno di più denaro di quello che hanno preso in prestito perché non solo devono pagare l importo preso in prestito, ma anche gli interessi. Anche se il debitore sostituisce i loro vecchi prestiti con quelli nuovi, devono contare su redditi aggiuntivi per il pagamento degli interessi e quindi hanno bisogno di operare con profitto. Ma la maggior parte degli operatori economici deve fare profitti e l economia nel suo complesso non deve essere in nero, quindi l offerta di moneta deve essere continuamente ampliata. Ciò si traduce in una crescita tipica per il nostro sistema economico, l aumento fruttifero fa crescere l offerta di moneta la quale esercita una pressione monetaria sull economia reale e sulla reale crescita economica, allo stesso tempo fa una pressione di crescita antideflazionistica sul denaro stesso fornito. Questa duplice pressione di crescita rende il nostro sistema economico in una sorta di schema a piramide che può funzionare correttamente solo se la crescita non subisce nessun intoppo. Inoltre, la forte accelerazione da parte del sistema esistente di crescita della moneta nell economia reale significa che le risorse in natura devono avere uno sviluppo sostenibile e non ci deve essere uno sfruttamento eccessivo. Un debito finanziaria consolidato porta ad un debito ecologico con la natura, che rende tutta l umanità più povera. Un problema fondamentale del nostro sistema monetario è che un mondo finito non è compatibile. 8 Interessi portano alla concentrazione della ricchezza. L interesse è spesso considerato come un canone di noleggio per l uso del denaro altrui. Non solo il debitore, che prende del in prestito denaro dalle banche, ma le banche che detengono denaro cliente a cui pagano gli interessi. Se le banche commerciali creano moneta dal prestito, quindi scrivono gli importi corrispondenti nei conti bancari del debitore, e quindi aumentano la quantità totale di depositi buoni. Poiché il denaro matura interessi su conti bancari di solito danno alle banche una parte del loro reddito da interessi come interessi contino ad i titolari dei conti. I depositi non sono equamente distribuiti tra i clienti delle banche: alcuni hanno in particolare i prestiti per i quali pagano interessi, mentre gli altri depositi hanno principalmente l interesse che ricevono. Poicgè le persone più povere in genere ricevono più prestiti di depositi e quelle ricche in genere hanno più depositi che prestiti, i pagamenti di interessi rappresentano un insieme di flusso di denaro dai più poveri verso i più ricchi, in particolare verso i pochi super-ricchi. Quindi gli Interessi portano alla concentrazione della ricchezza. Questa concentrazione della ricchezza è una misura importante a favore delle banche commerciali, che raccolgono la diffusione sostanziale tra prestiti e tassi di interesse sui depositi. L interesse è anche regolato, di solito una volta l anno, in aggiunta ai depositi, creando un effetto di capitalizzazione, che provoca una crescita esponenziale della ricchezza finanziaria. Gli Investimenti finanziari di per sé possono aumentare il loro valore perché non sono produttivi. Il denaro non funziona così. L Interesse crescente del suo valore può essere generata solo dal lavoro umano. E il lavoro umano è sempre sotto pressione monetaria per poter migliorare la produttività e ridurre i costi al fine di consentire un reale aumento del valore delle attività finanziarie. Di conseguenza, i tassi di interesse incarnano un trasferimento di valore a vantaggio del capitale e a scapito dei redditi da lavoro.

5 9 Il sistema monetario è instabile. Vi è una forte evidenza empirica che il nostro attuale sistema monetario soffre di una instabilità strutturale dovuta ai meccanismi esplicitati sopra. La crisi finanziaria e il debito che dura dal 2008 non sono fenomeni isolati e negli ultimi decenni abbiamo visto il mondo colpito da una serie di crisi che sono state associate al sistema monetario. Tra il 1970 e il 2010 abbiamo avuto un totale di 425 crisi finanziarie ufficialmente registrate, dagli Stati membri del Fondo monetario internazionale in questione : 145 crisi bancarie, 208 crisi valutarie e 72 crisi del debito sovrano. Il gran numero di crisi finanziarie e il loro contagio transfrontaliero chiaramente mostrano la loro debolezza strutturale-sistemica. Il nostro sistema monetario genera inevitabilmente crisi del settore finanziario e, di conseguenza, evidentemente anche e sopratutto nell economia reale. 10 Il sistema monetario viola i valori morali. Un valore morale è qualcosa che è considerato da un punto di vista generale, dopo un attento esame. I valori morali incarnano quindi i valori più ragionevoli e più importante di una società. E quindi estremamente problematico se una società è impostata in modo che i propri valori monetari esprimono un conflitto insormontabile con i loro valori morali, i valori morali vengono sistematicamente spostati in riferimento ai valori monetari. Poiché il sistema monetario dell economia plasma drasticamente la nostra società di cui l economia è parte essenziale, in politica oggi sono i valori morali che non contribuiscono alla redditività del capitale, guidato in modo permanente in background. In questo modo si violano i valori morali più elevati come la giustizia, la sostenibilità e la stabilità valori che sono essenziali per una società sostenibile. Un sistema monetario, che viola questi valori è irragionevole e deve essere migliorato immediatamente. Il professor Mark Joób ricerca presso l Istituto di Business Ethics presso l Università di San Gallo, docente presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi di Ungheria occidentale ed è un membro del consiglio della modernizzazione Associazione Svizzera monetaria.

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi.

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Moneta e Debito (di Josef Hasslberger) Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Alcuni personaggi importanti che si misero a cambiare la situazione furono

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 Tutti i soggetti economici quando si trovano a risparmiare si trovano di fronte a due opzioni : TESOREGGIAMENTO Processo attraverso il quale

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Dati in milioni di euro.

Dati in milioni di euro. Il debito pubblico è fortemente legato al Signoraggio Bancario, e senza fare complottismo, vediamo di capire se il debito è una truffa o no. Per rendere evidente il fatto che il signoraggio non è un argomento

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 1 Domande e risposte sul tema banche

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 1 Domande e risposte sul tema banche Le banche come intermediari finanziari Che cos'è una banca? La banca è un'impresa la cui attività principale consiste nel raccogliere risparmi, concedere crediti e fornire altri servizi finanziari. Quali

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA

Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA Perché risparmiare? Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA La vita è imprevedibile e non sempre è possibile sapere in anticipo cosa accadrà in futuro. Però se si mette da parte qualcosa, si potrà affrontare

Dettagli

Le operazioni di finanziamento

Le operazioni di finanziamento Le operazioni di finanziamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ DI TERZI PROPRIO Il reperimento delle risorse finanziarie Per acquistare i fattori produttivi l impresa necessita di risorse monetarie. Dove reperirle?

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale Relativamente agli aiuti concessi ai Confidi la disciplina 136 rilevante è contenuta nella Comunicazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA I finanziamenti sono le fonti delle risorse necessarie all azienda per svolgere la sua attività. Con i finanziamenti le imprese possono procurarsi i fattori della produzione (terra,

Dettagli

Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico

Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico 7 Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico Nel capitolo precedente abbiamo individuato nella funzione di mezzo di pagamento generalmente accettato la caratteristica

Dettagli

Ma che colpa abbiamo noi?

Ma che colpa abbiamo noi? Ma che colpa abbiamo noi? Il Debito Pubblico sta per raggiungere i duemila miliardi Quando in Italia ci si è resi conto che la politica, per convenienze personali e di partito, non sarebbe riuscita a gestire

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

DIRETTIVA 2009/110/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/110/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 10.10.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 267/7 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/110/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE

Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE Una crisi da deflazione del debito la cui gravità è determinata dall enorme accumulo di debito negli USA: privato, pubblico, estero Il debito si è

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 762 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Delega al Governo per la riforma dell ordinamento

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE. MODULO 2 Localizzazione e gestione dell azienda

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE. MODULO 2 Localizzazione e gestione dell azienda Vivere l azienda 1 - Modulo 2 Esercizi da svolgere Soluzioni pag. 1 di 11 SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE MODULO 2 Localizzazione e gestione dell azienda Unità 2 - La gestione: concetto, obiettivi e operazioni

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore AGGIUNGI UN GRECIA, IN AZIENDA TORNA LA RACMA? D Sull orlo del collasso finanziario, il più debole dei paesi europei è di fronte a scelte difficili, anche di politica monetaria. Il modello argentino attuato

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli