Fiducia: Il Dilemma Sociale Essenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiducia: Il Dilemma Sociale Essenziale"

Transcript

1 Fiducia: Il Dilemma Sociale Essenziale In-Mind Italia V ISSN Joachim I. Krueger 1 e Anthony M. Evan 2 1 Brown University 2 Tilburg University Keywords Fiducia, potere, libertà, dilemma sociali, decision-making Un organismo sociale di qualsiasi tipo, grande o piccolo che sia, è ciò che è perché ogni componente fa il suo dovere fidandosi del fatto che tutti gli altri faranno il loro William James (2007/1897, p. 24) Fidati di me, fidati di me. Chiudi gli occhi e fidati di me. Kaa a Mowgli nel Libro della Giungla La decisione se fidarsi o meno degli altri pervade la vita umana. Queste decisioni sono inevitabili in una specie sociale i cui membri sono in grado di assumere la prospettiva degli altri. Le persone apprezzano che questi ultimi siano motivati da interessi personali, ma sanno anche che l interesse personale deve cedere alla necessità di andare d accordo con gli altri. Il commercio online è un esempio d interazione basata sulla fiducia tra estranei. Anche le persone che si conoscono bene non possono dare per scontato l affidabilità altrui. Il tradimento potrebbe essere improbabile, ma non impossibile. Nel presente articolo discuteremo la fiducia nell ambito di due altri impulsi sociali, la libertà e il potere. Dopo aver dimostrato che il dilemma (si veda glossario) sulla fiducia non ha facile soluzione, esamineremo quattro strategie per mitigarlo. Libertà Uno scrittore di fantascienza può immaginare un mondo in cui il comportamento umano è perfettamente prevedibile (Dick, 2002/1956). Nel mondo reale, il comportamento è prevedibile solo entro certi limiti e spesso solo in forma aggregata. Le scienze psicologiche cercano di ampliare questi limiti. E se Fig. 1. Chiudi gli occhi e fidati di me. la scienza trionfasse? Si può preferire un comportamento prevedibile da parte degli altri, ma se il nostro desiderio si avverasse, anche nostro comportamento diverrebbe prevedibile. Di conseguenza, non saremmo più liberi. 1 La libertà è la capacità di comportarsi in modo inaspettato. Possiamo usare questa libertà a nostro vantaggio, ma anche a vantaggio di altri. Senza la libertà di essere imprevedibili, non possiamo sorprendere. Allo stesso tempo, la libertà comportamentale (si veda glossario) implica la libertà di tradire, imbrogliare e ingannare (Miller, 1996; Nozick, 1 La libertà di scegliere non richiede un libero arbitrio metafisico. Tutto il comportamento umano è incorporato in reti causali (e forse in elementi irriducibili di fortuna). L'esperienza di essere libero è preziosa, se illusoria. Corrispondenza: Joachim I. Krueger Department of Cognitive, Linguistic & Psychological Sciences Brown University, Box Thayer St.Providence, RI

2 14 Krueger & Evans 2001). Non si può avere l una senza l altra. Dove vi è una capacità limitata di prevedere il comportamento altrui, la fiducia e la diffidenza diventano fattori importanti. Tutti gli esseri umani devono fidarsi- almeno parte del tempo. Una persona che è sempre sospettosa, cioè qualcuno che si aspetta sempre l inganno e il tradimento, ritiene che il comportamento degli altri sia prevedibile, ma tale persona non può prosperare in una specie sociale. Allo stesso modo, una persona che si fida sempre non può prosperare perché sarà, prima o poi, sfruttata. La libertà di bleffare e di tradire talvolta gli altri è controbilanciata dalla libertà di fidarsi o di essere sospettosi. Gli psicologi e gli economisti comportamentali sanno che la fiducia è un problema. Secondo una definizione ampiamente accettata, la fiducia è uno stato psicologico che include l intenzione di rendersi vulnerabile, sulla base dell aspettativa positiva circa le intenzioni o il comportamento di un altra (Rousseau, Sitkin, Burt, & Camerer, 1998, p. 395). Le persone che si fidano accettano la possibilità che possano essere tradite in quanto pensano che questa possibilità sia remota. Il sociologo Niklas Luhmann (2000) considerava la fiducia come un riskante Vorleistung, o un pagamento anticipato rischioso. Egli distinse la fiducia dalla speranza, un sentimento che nasce quando una persona non ha alcuna possibilità di evitare un comportamento rischioso. Fidarsi non significa semplicemente calcolare il potenziale valore di un interazione e agire di conseguenza. La ragione per cui la fiducia è un problema è che stimare la probabilità di un tradimento da parte di un altra persona è difficile, e la causa di questa difficoltà è la libertà. Chi vuole ingannare gli altri deve nascondere le proprie intenzioni. Al contrario, una persona che non ha alcuna intenzione di tradire gli altri non ha alcun incentivo a fingere il contrario. Gli aspiranti fiduciosi possono riconoscere tutti i segnali disponibili, stimare la probabilità che la loro fiducia venga ricambiata - e regolarsi di conseguenza. Il problema è che non vi sono segnali che indichino fino a che punto ci si debba adeguare. Potere Sebbene le persone stimino la fiducia e l affidabilità, considerano anche il potere un valore. Il potere interpersonale (si veda glossario) si riferisce alla capacità di controllare le risorse, o più in generale, la capacità di premiare e punire. L autore di Giobbe (1:21) conclude, rassegnato, che The Lord gave and the Lord hath taken away. Quando Giobbe diventa la vittima del potere arbitrario, e quindi del potere assoluto, non può più sperare che le sue giuste azioni siano premiate. Comprende che fiducia e potere s intrecciano. Se il comportamento degli individui predicesse perfettamente le risposte dei potenti (ad esempio Dei, genitori, dirigenti), il loro potere, allo stesso tempo, verrebbe meno. Gli individui presumibilmente senza potere, con la loro libertà di sperimentare, otterrebbero il controllo. 2 Al contrario, se i potenti esercitassero completamente la loro libertà di impartire premi e punizioni a loro piacimento, le loro scelte non dipenderebbero dal singolo comportamento preso in considerazione e quindi, la fiducia verrebbe meno (cfr. Feuerbach, 1989/1830). Nella vita sociale di tutti i giorni, tali estremi sono rari. Tipicamente, vi è una zona in cui fiducia e affidabilità sono correlate. Le persone che si fidano possono aspettarsi che la loro vulnerabilità e accettazione del rischio sia probabilmente notata e premiata. Al contrario, le persone di cui la gente si fida, tendono a rispondere all obbligo normativo di premiare la fiducia (Gouldner, 1960), ma raramente sono completamente affidabili. Coloro che vogliono proteggere la loro libertà o il loro potere devono talvolta deludere chi si fida di loro. Secondo Bertrand Russell (1938) tutto il comportamento sociale potrebbe essere compreso se visto dal punto di vista del potere. Per Russell, il potere sta alle relazioni sociali come l energia sta alla fisica. Altri scienziati sociali danno più peso alla fiducia piuttosto che al potere. Il premio Nobel di economia Kenneth Arrow (1974, p. 23) ha affermato che la fiducia è un lubrificante dei sistemi sociali, e lo psicologo Julian Rotter (1970, p. 443) vedeva la fiducia dappertutto: La nostra vita quotidiana, il nostro mondo sociale, è fondato sulla fiducia comprare la benzina, pagare le tasse, andare dal dentista, volare ad un convegno, - quasi tutte le nostre decisioni implicano fiducia in un altra persona. Riteniamo che né la fiducia né il potere possano essere compresi singolarmente; se uno dei due dovesse dominare sull altro, la vita sarebbe triste. Se tutti si fidassero sempre di tutti, la società diverrebbe efficiente ma noiosa. Il concetto di fiducia perderebbe il suo significato perché non si correrebbe più alcun rischio. Tuttavia, una società di fiduciosi sarebbe vulnerabile all invasione di mutanti genetici o sociali pronti a sfruttarli e spodestarli, a meno che i fiduciosi imparino ad essere strategici. Allo stesso modo, se tutti si legassero ad altri solo in termini di potenza, la società diverrebbe una guerra hobbesiana, dove tutti sono contro di tutti. La sfida è trovare un equilibrio 2 Nel suo senso debole, il controllo è solo predittivo. John potrebbe sapere che Paolo lo schiaffeggerà ogni martedì mattina alle 09:00. Nel suo senso forte, il controllo è causale. Se la preghiera di intercessione avesse sempre successo, Dio verrebbe ridotto ad uno strumento.

3 Fiducia 15 tra fiducia e potere e trovare il punto debole che massimizza il benessere sociale e individuale (vedi anche Krueger, 2013b, per una discussione informale). Il Gioco In psicologia sperimentale ed economia comportamentale la fiducia e l affidabilità, sua controparte, sono studiati in un paradigma preso in prestito dalla teoria dei giochi (si veda glossario). Nella versione più semplice del gioco, un giocatore, il fiduciante, può scegliere di tenersi una piccola somma di denaro (ad es., 10), o trasferirla ad un altro giocatore, il fiduciario. Se si trasferisce il denaro, l importo è triplicato (attraverso la mano invisibile dello sperimentatore). Se il fiduciario riceve 30, può dividere l importo con il fiduciante o tenere l intera somma. La Figura 2 mostra la forma estesa del gioco. Gli studi mostrano che i tassi di fiducia e di affidabilità sono intermedi e che variano molto a seconda dello studio (Evans & Krueger, 2009). libertà comportamentale e il potere di dire di no. Quando la questione del potere viene sollevata, in genere riguarda il fiduciario. Una volta che la fiducia è data, non vi è più incertezza per il fiduciario, che ora può fare il gioco del dittatore (Hoffman, McCabe, & Smith, 1996). Ha il controllo della risorsa ( 30) e può dividere a piacimento, con il fiduciante alla sua mercé. La sua decisione è semplicemente una questione di trovare l equilibrio tra interesse e sensibilità, secondo la regola della reciprocità. Ciò non significa tuttavia, che il ruolo del fiduciante sia privo di potere. Sin dall inizio, il fiduciante controlla la risorsa ( 10). Fino a questo punto, il benessere del fiduciario dipende da lui. Nonostante ciò, il potere è transitorio in un gioco one-shot. Una volta utilizzato, esso viene perso. La maggior parte delle persone danno importanza alla libertà e al potere, ma vogliono anche più affidabilità da parte degli altri. E la fiducia? A differenza della libertà o del potere, la fiducia non si ottiene superando la diffidenza - una persona può solo esibirne di più, in virtù della propria libertà e del proprio potere. Se si potesse scegliere, si preferirebbe interpretare il ruolo del fiducioso o del fiduciario? Abbiamo intervistato gli studenti in laboratorio e in aula e non abbiamo trovato una netta preferenza per un ruolo piuttosto che l altro. Sembra che nel gioco, la fiducia si equilibri con libertà e potere. Oltre l equilibrio Fig. 1I. Forma estesa del gioco della fiducia. I valori alla destra e alla sinistra della virgola vengono assegnati rispettivamente al fiduciante e al fiduciari. Questa breve sintesi porta alle seguenti conclusioni: [1] L evidenza empirica di fiducia e affidabilità confuta il punto di vista della teoria dei giochi secondo la quale entrambe non dovrebbero essere presenti. 3 [2] Essendo imperfetta, la fiducia non riesce a creare la massima ricchezza, portando in tal modo a richieste di maggiore fiducia. [3] Poichè è moderata invece che piena, la fiducia conserva la sua integrità concettuale (si veda sopra) e uno stato di equilibrio con il potere. Essendo prevedibili solo in parte, i giocatori affermano la loro 3 Non fidandosi (e quindi non ricevendo nulla in cambio) si raggiunge l equilibrio di Nash. I giocatori razionali non si fidano perché (presumibilmente) sanno che non c'è alcun motivo di ricambiare la fiducia. La fiducia richiede un equilibrio tra forze e motivazioni strategiche in competizione tra loro, ma questo equilibrio è fragile. Società con alti livelli di fiducia sono più coese e produttive di società con bassi livelli di fiducia, e l effetto sembra essere causale (Putterman, 2012). In The Price of Inequality, il Premio Nobel di Economia Joseph Stiglitz (2012) scrive che la fiducia dipende dalla percezione di equità, e che gli individui fiduciosi lavorano e contribuiscono di più alla società, in altre parole, essi creano il capitale sociale che è la colla che tiene insieme la società (p. 122). A partire dalla Grande Recessione del 2008, il mondo industrializzato ha visto la fiducia erodersi. Secondo Stiglitz, i sondaggi di Gallup e del New York Times mostrano una vertiginosa perdita di fiducia nel mondo degli affari e nel governo. Il sistema bancario ha sofferto, forse meritatamente, più di tutti gli altri settori. Questo è tragico perché le banche erano una volta considerate la quintessenza della fiducia. Gli economisti hanno scoperto l importanza della fiducia, ma, come la maggior parte dei ricercatori universitari, interpretano la fiducia come anadromo, o qualcosa che scorre controcorrente tra le gerarchie

4 16 Krueger & Evans sociali (vedi Horsager, 2011, per una visione più ampia). Si è analizzata poco la fiducia che i dirigenti ripongono nei loro dipendenti. Questa è una grave omissione, perché le relazioni sociali - differenze di potere a parte - sono bidirezionali. Un ipotesi da considerare è che i leader che si fidano sono molto produttivi perché evitano il micro-management. I leader che si fidano possono mettere in moto un ciclo di feedback positivo che genera nuovo capitale sociale (cfr. McGregor, 1960, e Akerlof & Kranton, 2005, per una trattazione teorica rispettivamente classica e contemporanea). L idea è quella di Lao-Tzu: Non bisogna fidarsi di chi non ha abbastanza fiducia (Tao Te Ching, versetto 17, vedi anche Murnighan, 2012, per una visione neo-taoista della leadership). Gli studi effettuati sui giochi ripetuti, in cui gli stessi partner interagiscono numerose volte, dimostrano che la fiducia genera fiducia in un circolo virtuoso di reciprocità (Wedekind & Milinski, 1996). Coloro che non si fidano o smettono di interagire dopo una delusione, sottovaluteranno in seguito l affidabilità di individui o gruppi. Coloro che sono disposti a fidarsi impareranno col tempo a percepire più accuratamente l affidabilità, anche se in un primo momento sopravvaluteranno la sua presenza (Denrell & Le Mens, 2012). Aumentare la fiducia Cosa si può fare quando la fiducia scende sotto livelli equilibrati? La via del Tao è quella di avviare la fiducia unilateralmente, sperando in un rendimento positivo. Questo consiglio è saggio ma difficile da seguire se non vi è altra ragione per motivare la fiducia. Con la presente si considerano quattro strategie per aumentare la fiducia. Nessuna di loro è infallibile, il che rafforza l idea che il dilemma sulla fiducia non può essere definitivamente risolto senza averlo prima definito. La prima strategia consiste nello stimolare una proiezione sociale (si veda glossario), che può essere effettuata ponendo l accento sulle similitudini tra gli interagenti. La proiezione sociale si esprime attraverso l aspettativa di vedere gli altri agire come si farebbe personalmente (Krueger, 2013a). Un fiduciante può pensare che la sua scelta socialmente utile (la fiducia) sia indicativa della altrui scelta socialmente utile (reciprocità; vedi Krueger, DiDonato, e Freestone, 2012, per un trattamento formale). Un fiduciante può mettere in atto la proiezione simulando mentalmente che cosa farebbe se fosse il fiduciario. Se pensa che ricambierebbe la fiducia, lui stesso potrebbe fidarsi. Il rischio è che una volta acquisita la prospettiva del fiduciario, ci si potrebbe rendere conto (o anche sopravvalutare) il fascino del tradimento (Epley, Caruso, e Bazerman, 2006). La seconda strategia è aumentare l efficienza del guadagno prodotto dalla fiducia. Nel gioco della fiducia, la triplicazione del denaro trasferito è una convenzione. La fiducia aumenta con un moltiplicatore più grande e l efficienza sociale si arricchisce (Johnson & Mislin, 2011). Da un lato, la fiducia può crearsi più facilmente con un moltiplicatore di 5 anziché 3 poiché una minore probabilità di reciprocità è sufficiente a rendere il valore atteso di fiducia maggiore del valore atteso di diffidenza (p> 0,4 vs..67). Dall altro, il fiduciario deve comprendere che la tentazione di tradire è a sua volta aumentata, riducendo così la probabilità di reciprocità. Aumentare il moltiplicatore aumenta la fiducia perché i fiducianti sono più concentrati sulle proprie prospettive di miglioramento rispetto a quelle dei fiduciati (Evans & Krueger, 2011). 4 La terza strategia consiste nel rendere la fiducia default. Nel gioco standard di fiducia, i fiducianti devono intervenire per trasferire denaro al fiduciato. Non fare nulla equivale a diffidare. I default dominano il comportamento quando le decisioni risultano difficili (Johnson et al., 2012). Una mancanza di fiducia è quindi, in parte una questione di default, o per status quo, di pregiudizi. In uno studio di laboratorio, abbiamo riscontrato una maggiore fiducia quando i fiducianti non avevano bisogno di trasferire attivamente soldi, ma questo effetto si è verificato solo quando le risorse cognitive erano state tassate da un incarico precedente (Evans, Dillon, Goldin, & Krueger, 2011). La quarta strategia consiste nello segnalare l affidabilità attraverso un comportamento non verbale (si veda glossario), in occasione di interazioni face-to-face (DeSteno et al., 2012). Gli individui che appaiono gradevoli sono ritenuti più affidabili (Todorov, 2008). Nell interazione dinamica, è conveniente (letteralmente) esprimere piacevolezza imitando l altra persona (Maddux, Mullen, & Galinsky, 2008). Infine, anche se si consiglia di non provare questo fuori dal laboratorio, la somministrazione di ossitocina (definito l ormone dell amore ) aumenta la fiducia (Kosfeld, Heinrichs, Zak, Fischbacher, & Fehr, 2005). Ripensandoci, affermare di essere un medico potrebbe essere sufficiente (vedi foto sopra). Conclusione La fiducia è un dilemma non facilmente risolvibile. Continuerà ad essere fonte di preoccupazione per gli 4 Un problema pratico è che questa strategia richiede un incremento dei benefici di transazione che devono provenire da qualche parte. C'è un elemento di petitio principii. La strategia pretende di migliorare l'efficienza migliorando l'efficienza stessa.

5 Fiducia 17 the economics of organizations. Journal of Economic Perspectives, 19, Arrow, K. (1974). The limits of organization. New York, NY: Norton & Company, Inc. Denrell, J., & Le Mens, G. (2012). Social judgments from adaptive samples. In J. I. Krueger (Ed.), Social judgment and decision making (pp ). New York, NY: Psychology Press. DeSteno, D., Breazeal, C., Frank, R. H., Pizarro, D., Baumann, J., Dickens, L..Lee, J. J. (2012). Detecting the trustworthiness of novel partners in economic exchange. Psychological Science, 23, doi: / Dick, P. K. (2002/1956). The minority report. London, UK: Golancz. Epley, N., Caruso, E., & Bazerman, M. H. (2006). When perspective-taking increases taking: Reactive egoism in social interaction. Journal of Personality and Social Psychology, 91, doi: / Evans, A. M., Dillon, K. D., Goldin, G., & Krueger, J. I. (2011). Trust and self-control: The moderating role of the default. Judgment and Decision Making, 6, Evans, A. M., & Krueger, J. I. (2009). The psychology (and economics) of trust. Social and Personality Psychology Compass: Intrapersonal Processes, 3, doi: /j x Evans, A. M., & Krueger, J. I. (2011). Elements of trust: Risk taking and expectation of reciprocity. Journal of Experimental Social Psychology, 47, doi: /j.jesp Feuerbach, L. A. (1989). The essence of Christianity [Das Wesen des Christentums] (G. Eliot, Trans.). Buffalo, NY: Prometheus Books (Original work published 1830). Gouldner, A. W. (1960). The norm of reciprocity: A preliminary statement. American Sociological Review, 25, Hoffman, E., McCabe, K., & Smith, V. L. (1996). Social distance and other-regarding behavior in dictator games. The American Economic Review, 86, James, W. (2007/1897). The will to believe. New York, NY: Cosimo. Horsager, D. (2011). The trust edge: How top leaders gain faster results, deeper relationships, and a stronger bottom line. Minneapolis, MN: Summerside Press. Johnson, N. D., & Mislin, A. A. (2011). Trust games: A meta-analysis. Journal of Economic Psychology, 32, Johnson, E. J., Shu, S. B., Dellaert, B. G. C., Fox, C., Goldstein, D. G., Häubl, G., Weber, E. U. (2012). Beyond nudges: Tools of a choice architecture. Marketing Letters, 23, doi: /s Kosfeld, M., Heinrichs, M., Zak, P. J., Fischbacher, U., & Fehr, E. (2005). Oxytocin increases trust in humans. Nature, 435, doi: /nature03701 Krueger, J. I. (2013a). Social projection as a source of cooperation. Current Directions in Psychological Science, 22, doi: / Krueger, J. I. (2013b, March). Freedom & power: Feeling powerful has a price. Retrieved from umani. Come William James (1897) ha osservato, le persone di buona volontà non sono ciniche riguardo le intenzioni degli altri. Un mondo in cui la fiducia è impossibile o non necessaria non sarebbe gratificante, né interessante. Eppure, gli esseri umani devono fare attenzione alla possibilità di essere sfruttati, come Mowgli, che avrebbe fatto meglio a diffidare di Kaa. Quando la fiducia va in crisi, come nel mondo economico di oggi, gli sforzi per ripristinarla dovrebbero essere incoraggiati - assieme cioè, agli sforzi per ripristinare l affidabilità. Nel frattempo, le scienze psicologiche continuano a cercare una migliore comprensione della fiducia, e come questa funziona ed è collegata ad altri concetti sociali. Glossario Libertà comportamentale. La libertà può essere definita in termini metafisici o politici, ma la libertà comportamentale si riferisce alla capacità di un organismo di variare il suo comportamento in modo tale che diventi difficile da prevedere. La teoria dei giochi. Un ramo della matematica applicata e un importante sistema per lo studio dell economia. La teoria dei giochi presume che gli individui sono razionali, agenti auto-interessati, che hanno una serie di preferenze stabili e ben definite e che conoscono questo l uno dell altro. La teoria dei giochi individua matematicamente le scelte di tali individui. Potere interpersonale. Secondo una definizione ristretta, il potere interpersonale risiede nel controllo di risorse ritenute importanti da altri. Secondo una definizione più ampia, il potere comporta la capacità di influenzare il comportamento degli altri. La distinzione è accademica, perché la persona che ha il potere in senso stretto, lo userà per ottenere dei risultati in senso lato. Dilemma sociale. Tipi di giochi caratterizzati da un disallineamento delle preferenze individuali e sociali. Ciò che è meglio per l individuo non lo è per il gruppo. Il dilemma del prigioniero, i dilemmi sui beni pubblici e sulle risorse in esaurimento sono esempi ben noti. Il gioco della fiducia ha le stesse caratteristiche di un dilemma sociale. Proiezione sociale. La percezione di somiglianza tra sé e l altro, così come i processi che determinano questa percezione. La proiezione sociale è un caso particolare di ragionamento induttivo, dove una persona fa una stima delle proprietà di un soggetto (una categoria sociale, un gruppo o altre persone), sulla base delle proprie proprietà. Comportamento non verbale. Qualsiasi comportamento non è verbale, cioè la grande maggioranza di ciò che la gente (e gli animali) fanno. Tra gli umani, la comunicazione verbale si attua attraverso il viso, in modo significativo con lo sguardo. Una posa comunica potere, ma non affidabilità. Riferimenti bibliografici Akerlof, G. A., & Kranton, R. E. (2005). Identity and

6 18 Krueger & Evans chologytoday.com/blog/one-among-many/201303/ freedom-power Krueger, J. I., DiDonato, T. E., & Freestone, D. (2012). Social projection can solve social dilemmas. Psychological Inquiry, 23, doi: / X Luhmann, N. (2000). Familiarity, confidence, trust: Problems and alternatives. In D. Gambietta (Ed.), Trust: Making and breaking cooperative relations (pp ). Oxford, UK: University of Oxford Press. Maddux, W. W., Mullen, E. & Galinsky, A. D. (2008). Chameleons bake bigger pies and take bigger pieces: Strategic behavioral mimicry facilitates negotiation outcomes. Journal of Experimental Social Psychology, 40, McGregor, D. (1960). The human side of enterprise. New York, NY: McGraw-Hill. Miller, G. (1996). Protean primates: The evolution of adaptive unpredictability in competition and courtship. In A. Whiten & R. W. Byrne (Eds.), Machiavellian intelligence II: Extensions and evaluations (pp ). New York, NY: Cambridge University Press. Nozick, R. (2001). Invariances: The structure of the objective world. Cambridge, MA: Harvard University Press. Putterman, L. (2012). The good, the bad, and the economy. Minneapolis, MN: Langdon Street Press. Rousseau, D. M., Sitkin, S. B., Burt, R. S., & Camerer, C. (1998). Not so different after all: A cross-discipline view of trust. Academy of Management Review, 23, Rotter, J. B. (1970). Generalized expectancies for interpersonal trust. American Psychologist, 26, Stiglitz, J. E. (2012). The price of inequality: How today s divided society endangers our future. New York, NY: Norton. Russell, B. (1938). Power: A new social analysis. London, UK: Allen & Unwin. Todorov, A. (2008). Evaluating faces on trustworthiness. Annals of the New York Academy of Sciences, 1124, Wedekind, C., & Milinski, M. (1996). Human cooperation in the simultaneous and the alternating Prisoner s Dilemma: Pavlov versus Generous Titfor-Tat. PNAS, 93, Joachim Krueger è professore di psicologia alla Brown University. Ha ricevuto il PhD alla University of Oregon e svolto il post-dottorato al Max Planck Institute for Human Development and Education a Berlino. I suoi attuali interessi di ricerca includono, oltre alla fiducia, la self-perception e le relazioni intergruppi. Anthony Evans è ricercatore di psicologia sociale all Università di Tilburg. Si è laureato alla Northwestern University e ricevuto il PhD alla Brown University. Attualmente, studia la fiducia nelle aree dei comportamenti di consumo e nei processi di decisione sociale.

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia.

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Stefano Papa Università di Teramo 1. L altruismo: Il gioco del dittatore. Il gioco del dittatore è il modello utilizzato per determinare l altruismo. Si

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Il dilemma della cooperazione

Il dilemma della cooperazione Il dilemma della cooperazione Matteo Ploner 16 luglio 2015 Cooperazione Di seguito viene fornita una breve introduzione al concetto di cooperazione in un ottica di ragionamento strategico. Cosa si intende

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Politica Economica Istituzioni e Efficienza

Politica Economica Istituzioni e Efficienza Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI 1. Problemi di informazione 2. Tipi di incertezza 3. Avere

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi Una breve introduzione alla Teoria Stefano GAGLIARDO Dipartimento di Matematica - Università degli studi di Genova Stage DIMA - 19/04/2011 (DIMA, UNIGE) 19/04/2011 1 / 74 Outline 1 Un po di storia 2 La

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

Assessment, Capability Review, Business 360. Metodo e Strumenti

Assessment, Capability Review, Business 360. Metodo e Strumenti Assessment, Capability Review, Business 360 Metodo e Strumenti Assessment & Capability Review Contenuti e Obiettivi L assessment è la valutazione delle competenze individuali, dei punti di forza, delle

Dettagli

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement

Introduzione al concetto di Istituzioni. Politica Economica Istituzioni e Efficienza. Enforcement Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali:

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali: Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 1 1 Nozioni introduttive La teoria

Dettagli

Teoria dei giochi cap.13

Teoria dei giochi cap.13 Teoria dei giochi cap.13 Argomenti trattati Decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash Giochi ripetuti F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Un pò di storia Economisti e matematici studiosi

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 26 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html COOPERAZIONE Esempio: strategie correlate e problema

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI

Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Facoltà di SCIENZE MANAGERIALI Corso di laurea in ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI www.unidav.it CARATTERISTICHE E COMPITI DEL MANAGEMENT 3. La Scuola behaviorista Lezione 25 Il modello Behaviorista

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Economia Capitolo 1 I principi fondamentali

Economia Capitolo 1 I principi fondamentali Economia Capitolo 1 I principi fondamentali PowerPoint Slides by Can Erbil 2004 Worth Publishers, all rights reserved Cosa imparerete: Un insieme di principi per capire le decisioni economiche: Scarsità

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

La democrazia può fare la differenza?

La democrazia può fare la differenza? La democrazia può fare la differenza? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Democrazia e crescita economica I regimi

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC.

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. INTRODUZIONE Il Motives, Values, Preferences Inventory descrive i valori, gli obiettivi e gli interessi delle persone.

Dettagli

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA!

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! MADD-SPOT, 1, 2015 DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! DI LUCIA PUSILLO La Teoria dei Giochi si occupa in generale delle tecniche matematiche per analizzare situazioni in cui due o più individui

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

Servizio sociale e politiche di community care

Servizio sociale e politiche di community care SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE DI COMMUNITY CARE 15 1 Servizio sociale e politiche di community care Nei servizi sociali britannici, le politiche sociali orientate all assistenza decentrata sul territorio,

Dettagli

La cultura finanziaria dei minori

La cultura finanziaria dei minori La cultura finanziaria dei minori Emanuela E. Rinaldi, PhD Università degli Studi di Udine Presentazione al convegno interdisciplinare organizzato da PattiChiari, Università di Milano Bicocca, Università

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Risorse Umane e Performance Organizzativa

Risorse Umane e Performance Organizzativa Risorse Umane e Performance Organizzativa Perché Investire sulle Risorse Umane? Paula Benevene Università LUMSA, Roma Le persone costituiscono il fattore critico di successo Negli USA il costo dei dipendenti

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Marta Bassi Società Italiana di Psicologia Positiva Obiettivo 1 numero 2000 diamerican Psychologist Seligman e Csikszentmihalyi Promuovere il funzionamento

Dettagli

Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa

Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa Appunti di Teoria dei Giochi per la Strategia di Impresa Mauro Sylos Labini Scuola Superiore Sant Anna, Pisa. Gennaio 2004 1 Introduzione Il Capitolo di Teoria dei Giochi ha ormai conquistato un posto

Dettagli

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample > Team Types / Leadership Styles Report Nome: Peter Sample Data: 14 aprile 2009 Stile di Gruppo Introduzione Questo report riassume gli stili preferiti nel gruppo dal Sig. Sample sulla base del suo profilo

Dettagli

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 1 Concetti risolutivi per i giochi in forma normale I

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Beni relazionali e centri servizi per il volontariato

Beni relazionali e centri servizi per il volontariato note Beni relazionali e centri servizi per il volontariato Antonino Giorgi 1 1. Premessa Uno dei principi ispiratori e fondanti del volontariato lo definisce come esperienza di solidarietà e pratica di

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LE MOTIVAZIONI INDIVIDUALI DEI COMPORTAMENTI ECONOMICI: Verifiche sperimentali e ipotesi teoriche

LE MOTIVAZIONI INDIVIDUALI DEI COMPORTAMENTI ECONOMICI: Verifiche sperimentali e ipotesi teoriche Dipartimento di Scienze Economiche LE MOTIVAZIONI INDIVIDUALI DEI COMPORTAMENTI ECONOMICI: Verifiche sperimentali e ipotesi teoriche Intervento di RAIMONDELLO ORSINI LE MOTIVAZIONI: INTERNE Vs. ESTERNE

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

Robert Allen. Come Creare molteplici Fonti di Reddito. Roma, 27 Settembre 2014. Brian Tracy, Esperto internazionale di Business Management

Robert Allen. Come Creare molteplici Fonti di Reddito. Roma, 27 Settembre 2014. Brian Tracy, Esperto internazionale di Business Management Robert Allen Coach più seguito al mondo sulla Libertà Finanziaria, autore del noto Best-seller The One Minute Millionaire e del più recente Pioggia di Soldi. Roma, 27 Settembre 2014 Come Creare molteplici

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

La matematica del gioco. Il gioco della matematica

La matematica del gioco. Il gioco della matematica . Il gioco della matematica Viterbo 2 Maggio 2015 May 16, 2015 Sommario Giochi matematici Il gioco dell intelligenza Il gioco della matematica La matematica è un gioco Giochi matematici Teoria matematica

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano TEORIA DEI GIOCHI Parte 1 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 10 Dicembre 2010 Che significa teoria dei giochi? Gioco: Due o più individui partono da una

Dettagli

1. Il metodo scientifico

1. Il metodo scientifico Psicologia generale Marialuisa Martelli Metodi di Ricerca 1. Il metodo scientifico! Il metodo scientifico: processo fondato sulla raccolta attenta delle prove attraverso descrizioni e misurazioni precise,

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Bozza Programma di Intervento Formazione e Coaching Ica Foods S.p.A. Informazioni: L azienda ha bisogno di un programma di formazione e coaching per i responsabili dei centri di distribuzione dislocati

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

1 Chi siamo? Learning School è composto da professionisti con anni di esperienza dedicati alla risoluzione di problemi connessi con la gestione delle risorse umane in azienda 2 Chi siamo? Ognuno con le

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 3 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Rosa Angela Fabio, Patrizia Oliva Università degli Studi di Messina Nei processi di scelta, le conseguenze, positive o negative, immediatamente

Dettagli

Sviluppo professionale

Sviluppo professionale Sviluppo professionale 2013 CHI SIAMO Solutions Academy è la divisione formazione e consulenza di ADR Center Costituita nel 1998, ADR Center è la prima società italiana specializzata nella prevenzione

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Competitività e persone

Competitività e persone Competitività e persone Incontro tra Psicologia e Web 2.0 per una gestione innovativa delle Risorse Umane Sommario 1. Introduzione 2. Competitività: l Italia che affonda 2.1. Indici di performance positiva

Dettagli

BIOFILIA E GAIA due ipotesi per un ecologia affettiva

BIOFILIA E GAIA due ipotesi per un ecologia affettiva BIOFILIA E GAIA due ipotesi per un ecologia affettiva Giuseppe BARBIERO Gruppo di Ricerca in Didattica delle Scienze Naturali Centro interuniversitario IRIS Interdisciplinary Research Institute on Sustainability

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione! La credibilità! La reputazione! Le tribolazioni (e la salvezza) dei monopolisti 1 ! La credibilità (1)! Consideriamo il gioco della minaccia. B combatte A sfida si

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

80 è il nuovo. Uno studio sul comportamento previdenziale della Svizzera

80 è il nuovo. Uno studio sul comportamento previdenziale della Svizzera 80 è il nuovo 60 Uno studio sul comportamento previdenziale della Svizzera Quando siamo considerati «vecchi»? Come abitiamo quando siamo anziani? Cosa ci aspettiamo dalla nostra previdenza? Come investiamo

Dettagli

10/02/2016. Master in Case Management Infermieristico. Leadership e Gestione dei conflitti. Bologna 28, 29 gennaio 2016

10/02/2016. Master in Case Management Infermieristico. Leadership e Gestione dei conflitti. Bologna 28, 29 gennaio 2016 Master in Case Management Infermieristico Leadership e Gestione dei conflitti Bologna 28, 29 gennaio 2016 2 Ruolo Attività Responsabilità Risultati Aspettative e rappresentazioni Interazioni con altri

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg.

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg. 1 ISSN: 2038-3282 Pubblicato il: 09 Aprile 2014 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli