Fiducia: Il Dilemma Sociale Essenziale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiducia: Il Dilemma Sociale Essenziale"

Transcript

1 Fiducia: Il Dilemma Sociale Essenziale In-Mind Italia V ISSN Joachim I. Krueger 1 e Anthony M. Evan 2 1 Brown University 2 Tilburg University Keywords Fiducia, potere, libertà, dilemma sociali, decision-making Un organismo sociale di qualsiasi tipo, grande o piccolo che sia, è ciò che è perché ogni componente fa il suo dovere fidandosi del fatto che tutti gli altri faranno il loro William James (2007/1897, p. 24) Fidati di me, fidati di me. Chiudi gli occhi e fidati di me. Kaa a Mowgli nel Libro della Giungla La decisione se fidarsi o meno degli altri pervade la vita umana. Queste decisioni sono inevitabili in una specie sociale i cui membri sono in grado di assumere la prospettiva degli altri. Le persone apprezzano che questi ultimi siano motivati da interessi personali, ma sanno anche che l interesse personale deve cedere alla necessità di andare d accordo con gli altri. Il commercio online è un esempio d interazione basata sulla fiducia tra estranei. Anche le persone che si conoscono bene non possono dare per scontato l affidabilità altrui. Il tradimento potrebbe essere improbabile, ma non impossibile. Nel presente articolo discuteremo la fiducia nell ambito di due altri impulsi sociali, la libertà e il potere. Dopo aver dimostrato che il dilemma (si veda glossario) sulla fiducia non ha facile soluzione, esamineremo quattro strategie per mitigarlo. Libertà Uno scrittore di fantascienza può immaginare un mondo in cui il comportamento umano è perfettamente prevedibile (Dick, 2002/1956). Nel mondo reale, il comportamento è prevedibile solo entro certi limiti e spesso solo in forma aggregata. Le scienze psicologiche cercano di ampliare questi limiti. E se Fig. 1. Chiudi gli occhi e fidati di me. la scienza trionfasse? Si può preferire un comportamento prevedibile da parte degli altri, ma se il nostro desiderio si avverasse, anche nostro comportamento diverrebbe prevedibile. Di conseguenza, non saremmo più liberi. 1 La libertà è la capacità di comportarsi in modo inaspettato. Possiamo usare questa libertà a nostro vantaggio, ma anche a vantaggio di altri. Senza la libertà di essere imprevedibili, non possiamo sorprendere. Allo stesso tempo, la libertà comportamentale (si veda glossario) implica la libertà di tradire, imbrogliare e ingannare (Miller, 1996; Nozick, 1 La libertà di scegliere non richiede un libero arbitrio metafisico. Tutto il comportamento umano è incorporato in reti causali (e forse in elementi irriducibili di fortuna). L'esperienza di essere libero è preziosa, se illusoria. Corrispondenza: Joachim I. Krueger Department of Cognitive, Linguistic & Psychological Sciences Brown University, Box Thayer St.Providence, RI

2 14 Krueger & Evans 2001). Non si può avere l una senza l altra. Dove vi è una capacità limitata di prevedere il comportamento altrui, la fiducia e la diffidenza diventano fattori importanti. Tutti gli esseri umani devono fidarsi- almeno parte del tempo. Una persona che è sempre sospettosa, cioè qualcuno che si aspetta sempre l inganno e il tradimento, ritiene che il comportamento degli altri sia prevedibile, ma tale persona non può prosperare in una specie sociale. Allo stesso modo, una persona che si fida sempre non può prosperare perché sarà, prima o poi, sfruttata. La libertà di bleffare e di tradire talvolta gli altri è controbilanciata dalla libertà di fidarsi o di essere sospettosi. Gli psicologi e gli economisti comportamentali sanno che la fiducia è un problema. Secondo una definizione ampiamente accettata, la fiducia è uno stato psicologico che include l intenzione di rendersi vulnerabile, sulla base dell aspettativa positiva circa le intenzioni o il comportamento di un altra (Rousseau, Sitkin, Burt, & Camerer, 1998, p. 395). Le persone che si fidano accettano la possibilità che possano essere tradite in quanto pensano che questa possibilità sia remota. Il sociologo Niklas Luhmann (2000) considerava la fiducia come un riskante Vorleistung, o un pagamento anticipato rischioso. Egli distinse la fiducia dalla speranza, un sentimento che nasce quando una persona non ha alcuna possibilità di evitare un comportamento rischioso. Fidarsi non significa semplicemente calcolare il potenziale valore di un interazione e agire di conseguenza. La ragione per cui la fiducia è un problema è che stimare la probabilità di un tradimento da parte di un altra persona è difficile, e la causa di questa difficoltà è la libertà. Chi vuole ingannare gli altri deve nascondere le proprie intenzioni. Al contrario, una persona che non ha alcuna intenzione di tradire gli altri non ha alcun incentivo a fingere il contrario. Gli aspiranti fiduciosi possono riconoscere tutti i segnali disponibili, stimare la probabilità che la loro fiducia venga ricambiata - e regolarsi di conseguenza. Il problema è che non vi sono segnali che indichino fino a che punto ci si debba adeguare. Potere Sebbene le persone stimino la fiducia e l affidabilità, considerano anche il potere un valore. Il potere interpersonale (si veda glossario) si riferisce alla capacità di controllare le risorse, o più in generale, la capacità di premiare e punire. L autore di Giobbe (1:21) conclude, rassegnato, che The Lord gave and the Lord hath taken away. Quando Giobbe diventa la vittima del potere arbitrario, e quindi del potere assoluto, non può più sperare che le sue giuste azioni siano premiate. Comprende che fiducia e potere s intrecciano. Se il comportamento degli individui predicesse perfettamente le risposte dei potenti (ad esempio Dei, genitori, dirigenti), il loro potere, allo stesso tempo, verrebbe meno. Gli individui presumibilmente senza potere, con la loro libertà di sperimentare, otterrebbero il controllo. 2 Al contrario, se i potenti esercitassero completamente la loro libertà di impartire premi e punizioni a loro piacimento, le loro scelte non dipenderebbero dal singolo comportamento preso in considerazione e quindi, la fiducia verrebbe meno (cfr. Feuerbach, 1989/1830). Nella vita sociale di tutti i giorni, tali estremi sono rari. Tipicamente, vi è una zona in cui fiducia e affidabilità sono correlate. Le persone che si fidano possono aspettarsi che la loro vulnerabilità e accettazione del rischio sia probabilmente notata e premiata. Al contrario, le persone di cui la gente si fida, tendono a rispondere all obbligo normativo di premiare la fiducia (Gouldner, 1960), ma raramente sono completamente affidabili. Coloro che vogliono proteggere la loro libertà o il loro potere devono talvolta deludere chi si fida di loro. Secondo Bertrand Russell (1938) tutto il comportamento sociale potrebbe essere compreso se visto dal punto di vista del potere. Per Russell, il potere sta alle relazioni sociali come l energia sta alla fisica. Altri scienziati sociali danno più peso alla fiducia piuttosto che al potere. Il premio Nobel di economia Kenneth Arrow (1974, p. 23) ha affermato che la fiducia è un lubrificante dei sistemi sociali, e lo psicologo Julian Rotter (1970, p. 443) vedeva la fiducia dappertutto: La nostra vita quotidiana, il nostro mondo sociale, è fondato sulla fiducia comprare la benzina, pagare le tasse, andare dal dentista, volare ad un convegno, - quasi tutte le nostre decisioni implicano fiducia in un altra persona. Riteniamo che né la fiducia né il potere possano essere compresi singolarmente; se uno dei due dovesse dominare sull altro, la vita sarebbe triste. Se tutti si fidassero sempre di tutti, la società diverrebbe efficiente ma noiosa. Il concetto di fiducia perderebbe il suo significato perché non si correrebbe più alcun rischio. Tuttavia, una società di fiduciosi sarebbe vulnerabile all invasione di mutanti genetici o sociali pronti a sfruttarli e spodestarli, a meno che i fiduciosi imparino ad essere strategici. Allo stesso modo, se tutti si legassero ad altri solo in termini di potenza, la società diverrebbe una guerra hobbesiana, dove tutti sono contro di tutti. La sfida è trovare un equilibrio 2 Nel suo senso debole, il controllo è solo predittivo. John potrebbe sapere che Paolo lo schiaffeggerà ogni martedì mattina alle 09:00. Nel suo senso forte, il controllo è causale. Se la preghiera di intercessione avesse sempre successo, Dio verrebbe ridotto ad uno strumento.

3 Fiducia 15 tra fiducia e potere e trovare il punto debole che massimizza il benessere sociale e individuale (vedi anche Krueger, 2013b, per una discussione informale). Il Gioco In psicologia sperimentale ed economia comportamentale la fiducia e l affidabilità, sua controparte, sono studiati in un paradigma preso in prestito dalla teoria dei giochi (si veda glossario). Nella versione più semplice del gioco, un giocatore, il fiduciante, può scegliere di tenersi una piccola somma di denaro (ad es., 10), o trasferirla ad un altro giocatore, il fiduciario. Se si trasferisce il denaro, l importo è triplicato (attraverso la mano invisibile dello sperimentatore). Se il fiduciario riceve 30, può dividere l importo con il fiduciante o tenere l intera somma. La Figura 2 mostra la forma estesa del gioco. Gli studi mostrano che i tassi di fiducia e di affidabilità sono intermedi e che variano molto a seconda dello studio (Evans & Krueger, 2009). libertà comportamentale e il potere di dire di no. Quando la questione del potere viene sollevata, in genere riguarda il fiduciario. Una volta che la fiducia è data, non vi è più incertezza per il fiduciario, che ora può fare il gioco del dittatore (Hoffman, McCabe, & Smith, 1996). Ha il controllo della risorsa ( 30) e può dividere a piacimento, con il fiduciante alla sua mercé. La sua decisione è semplicemente una questione di trovare l equilibrio tra interesse e sensibilità, secondo la regola della reciprocità. Ciò non significa tuttavia, che il ruolo del fiduciante sia privo di potere. Sin dall inizio, il fiduciante controlla la risorsa ( 10). Fino a questo punto, il benessere del fiduciario dipende da lui. Nonostante ciò, il potere è transitorio in un gioco one-shot. Una volta utilizzato, esso viene perso. La maggior parte delle persone danno importanza alla libertà e al potere, ma vogliono anche più affidabilità da parte degli altri. E la fiducia? A differenza della libertà o del potere, la fiducia non si ottiene superando la diffidenza - una persona può solo esibirne di più, in virtù della propria libertà e del proprio potere. Se si potesse scegliere, si preferirebbe interpretare il ruolo del fiducioso o del fiduciario? Abbiamo intervistato gli studenti in laboratorio e in aula e non abbiamo trovato una netta preferenza per un ruolo piuttosto che l altro. Sembra che nel gioco, la fiducia si equilibri con libertà e potere. Oltre l equilibrio Fig. 1I. Forma estesa del gioco della fiducia. I valori alla destra e alla sinistra della virgola vengono assegnati rispettivamente al fiduciante e al fiduciari. Questa breve sintesi porta alle seguenti conclusioni: [1] L evidenza empirica di fiducia e affidabilità confuta il punto di vista della teoria dei giochi secondo la quale entrambe non dovrebbero essere presenti. 3 [2] Essendo imperfetta, la fiducia non riesce a creare la massima ricchezza, portando in tal modo a richieste di maggiore fiducia. [3] Poichè è moderata invece che piena, la fiducia conserva la sua integrità concettuale (si veda sopra) e uno stato di equilibrio con il potere. Essendo prevedibili solo in parte, i giocatori affermano la loro 3 Non fidandosi (e quindi non ricevendo nulla in cambio) si raggiunge l equilibrio di Nash. I giocatori razionali non si fidano perché (presumibilmente) sanno che non c'è alcun motivo di ricambiare la fiducia. La fiducia richiede un equilibrio tra forze e motivazioni strategiche in competizione tra loro, ma questo equilibrio è fragile. Società con alti livelli di fiducia sono più coese e produttive di società con bassi livelli di fiducia, e l effetto sembra essere causale (Putterman, 2012). In The Price of Inequality, il Premio Nobel di Economia Joseph Stiglitz (2012) scrive che la fiducia dipende dalla percezione di equità, e che gli individui fiduciosi lavorano e contribuiscono di più alla società, in altre parole, essi creano il capitale sociale che è la colla che tiene insieme la società (p. 122). A partire dalla Grande Recessione del 2008, il mondo industrializzato ha visto la fiducia erodersi. Secondo Stiglitz, i sondaggi di Gallup e del New York Times mostrano una vertiginosa perdita di fiducia nel mondo degli affari e nel governo. Il sistema bancario ha sofferto, forse meritatamente, più di tutti gli altri settori. Questo è tragico perché le banche erano una volta considerate la quintessenza della fiducia. Gli economisti hanno scoperto l importanza della fiducia, ma, come la maggior parte dei ricercatori universitari, interpretano la fiducia come anadromo, o qualcosa che scorre controcorrente tra le gerarchie

4 16 Krueger & Evans sociali (vedi Horsager, 2011, per una visione più ampia). Si è analizzata poco la fiducia che i dirigenti ripongono nei loro dipendenti. Questa è una grave omissione, perché le relazioni sociali - differenze di potere a parte - sono bidirezionali. Un ipotesi da considerare è che i leader che si fidano sono molto produttivi perché evitano il micro-management. I leader che si fidano possono mettere in moto un ciclo di feedback positivo che genera nuovo capitale sociale (cfr. McGregor, 1960, e Akerlof & Kranton, 2005, per una trattazione teorica rispettivamente classica e contemporanea). L idea è quella di Lao-Tzu: Non bisogna fidarsi di chi non ha abbastanza fiducia (Tao Te Ching, versetto 17, vedi anche Murnighan, 2012, per una visione neo-taoista della leadership). Gli studi effettuati sui giochi ripetuti, in cui gli stessi partner interagiscono numerose volte, dimostrano che la fiducia genera fiducia in un circolo virtuoso di reciprocità (Wedekind & Milinski, 1996). Coloro che non si fidano o smettono di interagire dopo una delusione, sottovaluteranno in seguito l affidabilità di individui o gruppi. Coloro che sono disposti a fidarsi impareranno col tempo a percepire più accuratamente l affidabilità, anche se in un primo momento sopravvaluteranno la sua presenza (Denrell & Le Mens, 2012). Aumentare la fiducia Cosa si può fare quando la fiducia scende sotto livelli equilibrati? La via del Tao è quella di avviare la fiducia unilateralmente, sperando in un rendimento positivo. Questo consiglio è saggio ma difficile da seguire se non vi è altra ragione per motivare la fiducia. Con la presente si considerano quattro strategie per aumentare la fiducia. Nessuna di loro è infallibile, il che rafforza l idea che il dilemma sulla fiducia non può essere definitivamente risolto senza averlo prima definito. La prima strategia consiste nello stimolare una proiezione sociale (si veda glossario), che può essere effettuata ponendo l accento sulle similitudini tra gli interagenti. La proiezione sociale si esprime attraverso l aspettativa di vedere gli altri agire come si farebbe personalmente (Krueger, 2013a). Un fiduciante può pensare che la sua scelta socialmente utile (la fiducia) sia indicativa della altrui scelta socialmente utile (reciprocità; vedi Krueger, DiDonato, e Freestone, 2012, per un trattamento formale). Un fiduciante può mettere in atto la proiezione simulando mentalmente che cosa farebbe se fosse il fiduciario. Se pensa che ricambierebbe la fiducia, lui stesso potrebbe fidarsi. Il rischio è che una volta acquisita la prospettiva del fiduciario, ci si potrebbe rendere conto (o anche sopravvalutare) il fascino del tradimento (Epley, Caruso, e Bazerman, 2006). La seconda strategia è aumentare l efficienza del guadagno prodotto dalla fiducia. Nel gioco della fiducia, la triplicazione del denaro trasferito è una convenzione. La fiducia aumenta con un moltiplicatore più grande e l efficienza sociale si arricchisce (Johnson & Mislin, 2011). Da un lato, la fiducia può crearsi più facilmente con un moltiplicatore di 5 anziché 3 poiché una minore probabilità di reciprocità è sufficiente a rendere il valore atteso di fiducia maggiore del valore atteso di diffidenza (p> 0,4 vs..67). Dall altro, il fiduciario deve comprendere che la tentazione di tradire è a sua volta aumentata, riducendo così la probabilità di reciprocità. Aumentare il moltiplicatore aumenta la fiducia perché i fiducianti sono più concentrati sulle proprie prospettive di miglioramento rispetto a quelle dei fiduciati (Evans & Krueger, 2011). 4 La terza strategia consiste nel rendere la fiducia default. Nel gioco standard di fiducia, i fiducianti devono intervenire per trasferire denaro al fiduciato. Non fare nulla equivale a diffidare. I default dominano il comportamento quando le decisioni risultano difficili (Johnson et al., 2012). Una mancanza di fiducia è quindi, in parte una questione di default, o per status quo, di pregiudizi. In uno studio di laboratorio, abbiamo riscontrato una maggiore fiducia quando i fiducianti non avevano bisogno di trasferire attivamente soldi, ma questo effetto si è verificato solo quando le risorse cognitive erano state tassate da un incarico precedente (Evans, Dillon, Goldin, & Krueger, 2011). La quarta strategia consiste nello segnalare l affidabilità attraverso un comportamento non verbale (si veda glossario), in occasione di interazioni face-to-face (DeSteno et al., 2012). Gli individui che appaiono gradevoli sono ritenuti più affidabili (Todorov, 2008). Nell interazione dinamica, è conveniente (letteralmente) esprimere piacevolezza imitando l altra persona (Maddux, Mullen, & Galinsky, 2008). Infine, anche se si consiglia di non provare questo fuori dal laboratorio, la somministrazione di ossitocina (definito l ormone dell amore ) aumenta la fiducia (Kosfeld, Heinrichs, Zak, Fischbacher, & Fehr, 2005). Ripensandoci, affermare di essere un medico potrebbe essere sufficiente (vedi foto sopra). Conclusione La fiducia è un dilemma non facilmente risolvibile. Continuerà ad essere fonte di preoccupazione per gli 4 Un problema pratico è che questa strategia richiede un incremento dei benefici di transazione che devono provenire da qualche parte. C'è un elemento di petitio principii. La strategia pretende di migliorare l'efficienza migliorando l'efficienza stessa.

5 Fiducia 17 the economics of organizations. Journal of Economic Perspectives, 19, Arrow, K. (1974). The limits of organization. New York, NY: Norton & Company, Inc. Denrell, J., & Le Mens, G. (2012). Social judgments from adaptive samples. In J. I. Krueger (Ed.), Social judgment and decision making (pp ). New York, NY: Psychology Press. DeSteno, D., Breazeal, C., Frank, R. H., Pizarro, D., Baumann, J., Dickens, L..Lee, J. J. (2012). Detecting the trustworthiness of novel partners in economic exchange. Psychological Science, 23, doi: / Dick, P. K. (2002/1956). The minority report. London, UK: Golancz. Epley, N., Caruso, E., & Bazerman, M. H. (2006). When perspective-taking increases taking: Reactive egoism in social interaction. Journal of Personality and Social Psychology, 91, doi: / Evans, A. M., Dillon, K. D., Goldin, G., & Krueger, J. I. (2011). Trust and self-control: The moderating role of the default. Judgment and Decision Making, 6, Evans, A. M., & Krueger, J. I. (2009). The psychology (and economics) of trust. Social and Personality Psychology Compass: Intrapersonal Processes, 3, doi: /j x Evans, A. M., & Krueger, J. I. (2011). Elements of trust: Risk taking and expectation of reciprocity. Journal of Experimental Social Psychology, 47, doi: /j.jesp Feuerbach, L. A. (1989). The essence of Christianity [Das Wesen des Christentums] (G. Eliot, Trans.). Buffalo, NY: Prometheus Books (Original work published 1830). Gouldner, A. W. (1960). The norm of reciprocity: A preliminary statement. American Sociological Review, 25, Hoffman, E., McCabe, K., & Smith, V. L. (1996). Social distance and other-regarding behavior in dictator games. The American Economic Review, 86, James, W. (2007/1897). The will to believe. New York, NY: Cosimo. Horsager, D. (2011). The trust edge: How top leaders gain faster results, deeper relationships, and a stronger bottom line. Minneapolis, MN: Summerside Press. Johnson, N. D., & Mislin, A. A. (2011). Trust games: A meta-analysis. Journal of Economic Psychology, 32, Johnson, E. J., Shu, S. B., Dellaert, B. G. C., Fox, C., Goldstein, D. G., Häubl, G., Weber, E. U. (2012). Beyond nudges: Tools of a choice architecture. Marketing Letters, 23, doi: /s Kosfeld, M., Heinrichs, M., Zak, P. J., Fischbacher, U., & Fehr, E. (2005). Oxytocin increases trust in humans. Nature, 435, doi: /nature03701 Krueger, J. I. (2013a). Social projection as a source of cooperation. Current Directions in Psychological Science, 22, doi: / Krueger, J. I. (2013b, March). Freedom & power: Feeling powerful has a price. Retrieved from umani. Come William James (1897) ha osservato, le persone di buona volontà non sono ciniche riguardo le intenzioni degli altri. Un mondo in cui la fiducia è impossibile o non necessaria non sarebbe gratificante, né interessante. Eppure, gli esseri umani devono fare attenzione alla possibilità di essere sfruttati, come Mowgli, che avrebbe fatto meglio a diffidare di Kaa. Quando la fiducia va in crisi, come nel mondo economico di oggi, gli sforzi per ripristinarla dovrebbero essere incoraggiati - assieme cioè, agli sforzi per ripristinare l affidabilità. Nel frattempo, le scienze psicologiche continuano a cercare una migliore comprensione della fiducia, e come questa funziona ed è collegata ad altri concetti sociali. Glossario Libertà comportamentale. La libertà può essere definita in termini metafisici o politici, ma la libertà comportamentale si riferisce alla capacità di un organismo di variare il suo comportamento in modo tale che diventi difficile da prevedere. La teoria dei giochi. Un ramo della matematica applicata e un importante sistema per lo studio dell economia. La teoria dei giochi presume che gli individui sono razionali, agenti auto-interessati, che hanno una serie di preferenze stabili e ben definite e che conoscono questo l uno dell altro. La teoria dei giochi individua matematicamente le scelte di tali individui. Potere interpersonale. Secondo una definizione ristretta, il potere interpersonale risiede nel controllo di risorse ritenute importanti da altri. Secondo una definizione più ampia, il potere comporta la capacità di influenzare il comportamento degli altri. La distinzione è accademica, perché la persona che ha il potere in senso stretto, lo userà per ottenere dei risultati in senso lato. Dilemma sociale. Tipi di giochi caratterizzati da un disallineamento delle preferenze individuali e sociali. Ciò che è meglio per l individuo non lo è per il gruppo. Il dilemma del prigioniero, i dilemmi sui beni pubblici e sulle risorse in esaurimento sono esempi ben noti. Il gioco della fiducia ha le stesse caratteristiche di un dilemma sociale. Proiezione sociale. La percezione di somiglianza tra sé e l altro, così come i processi che determinano questa percezione. La proiezione sociale è un caso particolare di ragionamento induttivo, dove una persona fa una stima delle proprietà di un soggetto (una categoria sociale, un gruppo o altre persone), sulla base delle proprie proprietà. Comportamento non verbale. Qualsiasi comportamento non è verbale, cioè la grande maggioranza di ciò che la gente (e gli animali) fanno. Tra gli umani, la comunicazione verbale si attua attraverso il viso, in modo significativo con lo sguardo. Una posa comunica potere, ma non affidabilità. Riferimenti bibliografici Akerlof, G. A., & Kranton, R. E. (2005). Identity and

6 18 Krueger & Evans chologytoday.com/blog/one-among-many/201303/ freedom-power Krueger, J. I., DiDonato, T. E., & Freestone, D. (2012). Social projection can solve social dilemmas. Psychological Inquiry, 23, doi: / X Luhmann, N. (2000). Familiarity, confidence, trust: Problems and alternatives. In D. Gambietta (Ed.), Trust: Making and breaking cooperative relations (pp ). Oxford, UK: University of Oxford Press. Maddux, W. W., Mullen, E. & Galinsky, A. D. (2008). Chameleons bake bigger pies and take bigger pieces: Strategic behavioral mimicry facilitates negotiation outcomes. Journal of Experimental Social Psychology, 40, McGregor, D. (1960). The human side of enterprise. New York, NY: McGraw-Hill. Miller, G. (1996). Protean primates: The evolution of adaptive unpredictability in competition and courtship. In A. Whiten & R. W. Byrne (Eds.), Machiavellian intelligence II: Extensions and evaluations (pp ). New York, NY: Cambridge University Press. Nozick, R. (2001). Invariances: The structure of the objective world. Cambridge, MA: Harvard University Press. Putterman, L. (2012). The good, the bad, and the economy. Minneapolis, MN: Langdon Street Press. Rousseau, D. M., Sitkin, S. B., Burt, R. S., & Camerer, C. (1998). Not so different after all: A cross-discipline view of trust. Academy of Management Review, 23, Rotter, J. B. (1970). Generalized expectancies for interpersonal trust. American Psychologist, 26, Stiglitz, J. E. (2012). The price of inequality: How today s divided society endangers our future. New York, NY: Norton. Russell, B. (1938). Power: A new social analysis. London, UK: Allen & Unwin. Todorov, A. (2008). Evaluating faces on trustworthiness. Annals of the New York Academy of Sciences, 1124, Wedekind, C., & Milinski, M. (1996). Human cooperation in the simultaneous and the alternating Prisoner s Dilemma: Pavlov versus Generous Titfor-Tat. PNAS, 93, Joachim Krueger è professore di psicologia alla Brown University. Ha ricevuto il PhD alla University of Oregon e svolto il post-dottorato al Max Planck Institute for Human Development and Education a Berlino. I suoi attuali interessi di ricerca includono, oltre alla fiducia, la self-perception e le relazioni intergruppi. Anthony Evans è ricercatore di psicologia sociale all Università di Tilburg. Si è laureato alla Northwestern University e ricevuto il PhD alla Brown University. Attualmente, studia la fiducia nelle aree dei comportamenti di consumo e nei processi di decisione sociale.

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia.

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Stefano Papa Università di Teramo 1. L altruismo: Il gioco del dittatore. Il gioco del dittatore è il modello utilizzato per determinare l altruismo. Si

Dettagli

Politica Economica Istituzioni e Efficienza

Politica Economica Istituzioni e Efficienza Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 26 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html COOPERAZIONE Esempio: strategie correlate e problema

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione! La credibilità! La reputazione! Le tribolazioni (e la salvezza) dei monopolisti 1 ! La credibilità (1)! Consideriamo il gioco della minaccia. B combatte A sfida si

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI 1. Problemi di informazione 2. Tipi di incertezza 3. Avere

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Recensione del volume: The Microstructure of Financial Markets F. DE JONG E B. RINDI Cambridge University Press, 2009 a cura di Emilio Barucci * Politecnico di Milano Il libro di

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali:

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali: Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 1 1 Nozioni introduttive La teoria

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

Il dilemma della cooperazione

Il dilemma della cooperazione Il dilemma della cooperazione Matteo Ploner 16 luglio 2015 Cooperazione Di seguito viene fornita una breve introduzione al concetto di cooperazione in un ottica di ragionamento strategico. Cosa si intende

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

La comunicazione al crocevia tra l esigenza di comunicare e il bisogno di informazione

La comunicazione al crocevia tra l esigenza di comunicare e il bisogno di informazione La comunicazione del rischio in Sanità Pubblica, Milano Nov 08 La comunicazione al crocevia tra l esigenza di comunicare e il bisogno di informazione Peter J. Schulz Institute of Communication & Health

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Economia Capitolo 1 I principi fondamentali

Economia Capitolo 1 I principi fondamentali Economia Capitolo 1 I principi fondamentali PowerPoint Slides by Can Erbil 2004 Worth Publishers, all rights reserved Cosa imparerete: Un insieme di principi per capire le decisioni economiche: Scarsità

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC.

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. INTRODUZIONE Il Motives, Values, Preferences Inventory descrive i valori, gli obiettivi e gli interessi delle persone.

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi Una breve introduzione alla Teoria Stefano GAGLIARDO Dipartimento di Matematica - Università degli studi di Genova Stage DIMA - 19/04/2011 (DIMA, UNIGE) 19/04/2011 1 / 74 Outline 1 Un po di storia 2 La

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano TEORIA DEI GIOCHI Parte 1 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 10 Dicembre 2010 Che significa teoria dei giochi? Gioco: Due o più individui partono da una

Dettagli

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 1 Concetti risolutivi per i giochi in forma normale I

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Il ruolo del sistema finanziario Roma, 11 novembre 2011. Ranci sistema finanziario 11 nov 2011 1

Il ruolo del sistema finanziario Roma, 11 novembre 2011. Ranci sistema finanziario 11 nov 2011 1 Il ruolo del sistema finanziario Roma, 11 novembre 2011 Ranci sistema finanziario 11 nov 2011 1 il ruolo del sistema finanziario Pippo Ranci Università Cattolica, Milano Roma, 11 novembre 2011 Ranci sistema

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 839 PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA 28 novembre 2014 EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

MODULO DI ORGANIZZAZIONE Caso. Shuman Automobiles Inc. Linee guida per la discussione

MODULO DI ORGANIZZAZIONE Caso. Shuman Automobiles Inc. Linee guida per la discussione MODULO DI ORGANIZZAZIONE Caso Shuman Automobiles Inc. Linee guida per la discussione Spunti di discussione scelta di struttura organizzativa, ambiente relativamente semplice, tema dei prezzi di trasferimento,

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli