Microcredito: strumenti significativi in regione Campania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Microcredito: strumenti significativi in regione Campania"

Transcript

1 P.O. FESR 2007/2013 PON Governance e Assistenza Tecnica Ob. Convergenza Ob. Operativo II.4 Gruppo locale di assistenza tecnica del DPO Microcredito: strumenti significativi in regione Campania Dicembre 2011 Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari Opportunità Regione Campania

2 1. Introduzione Finalità Metodologia di lavoro Iniziative significative di microcredito in Campania Prestito della Speranza Programma di microcredito con il sostegno del Fondo Spes Microcredito al Rione Sanità Il Microcredito di FINETICA Onlus Progetto A.MI.C.I.: accesso al microcredito per immigrati Pangea: microcredito con la Cooperativa Sociale W.I.N. Caserta Don.gio Pmi, Sistema di Microcredito e servizi intergrati alle Imprese La mission di Banca Etica e il microcredito in Campania L Ente Nazionale per il Microcredito e il progetto la Rete nazionale per il microcredito dei Comuni italiani in regione Campania L esperienza in Campania dell iniziativa Il Sociale si fa Impresa Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 1

3 1. Introduzione Il presente documento è stato predisposto nell ambito dell attuazione del PON GAT 2007/2013 Obiettivo Operativo II.4 dal gruppo di lavoro di assistenza tecnica del Dipartimento per le Pari Opportunità operante presso la Regione Campania coerentemente con quanto previsto nel Piano di Lavoro e condiviso con l AdG del P.O. FESR 2007/2013. Lo scorso luglio è stato pubblicato sul sito del Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) il bando "Jeremie Campania" riguardante la manifestazione di interesse per la selezione di intermediari finanziari che riceveranno risorse dal FEI, da utilizzarsi per la Regione Campania, attraverso il Jeremie Holding Fund al fine di implementare lo strumento finanziario denominato Funded Risk Sharing per il rafforzamento dell accesso al credito nel settore sociale. L iniziativa Jeremie è uno strumento che fornisce una serie di azioni volte a promuovere ed incrementare l accesso alla finanza da parte delle micro, piccole e medie imprese. Tale iniziativa nella Regione Campania è gestita dal FEI attraverso il Jeremie Holding Fund (JHF). Per mezzo del JHF, il FEI gestisce fondi resi disponibili dal FESR e dai relativi finanziamenti pubblici assegnati nell ambito dell iniziativa Jeremie. L'obiettivo principale del JHF sarà di ideare ed attuare strumenti di ingegneria finanziaria a beneficio delle PMI con particolare attenzione al miglioramento sociale e all'inclusione sociale attraverso l'attuazione di schemi per la Finanza sociale. Lo scopo dello Strumento Finanziario (Funded Risk Sharing) perseguito è duplice: 1) Fornire risorse all intermediario finanziario per finanziare nuovi prestiti a favore delle PMI con sede nella Regione Campania, e 2) Condividere il rischio di nuovi prestiti alle PMI nel campo della Finanza Sociale. Lo Strumento Finanziario avrà come target le PMI, sia in fase di start-up, che esistenti, con l'obiettivo di fornire prestiti finalizzati al miglioramento e inclusione sociale al fine di: rafforzare le imprese, comprese le imprese sociali e le cooperative sociali, che operano nel settore sociale o che svolgono attività finalizzate al miglioramento sociale; promuovere e sostenere iniziative imprenditoriali miranti all'inclusione e all'integrazione delle categorie di persone svantaggiate, quali le donne imprenditrici, immigrati, disabili, ex-carcerati, ecc. accrescere l'adattabilità dei lavoratori, delle imprese e degli imprenditori al fine di migliorare l'imprenditorialità, l'innovazione e la creazione di nuove imprese anche promuovendo il lavoro autonomo e indipendente. L iniziativa è finanziata dal Programma Operativo FESR per il periodo dall Asse 6 Sviluppo urbano e qualità della vita (Obiettivo operativo 6.3 Città Solidali e Scuole Aperte ). Lo stanziamento è pari a 9 milioni di euro di risorse; altrettante somme saranno messe a disposizione dagli intermediari finanziari, che saranno selezionati a Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 2

4 seguito delle manifestazioni di interesse presentate. Verrà data priorità alle proposte che prevedono attività di orientamento, consulenza informativa e tutoraggio a vantaggio delle micro-imprese. L ammontare massimo del prestito ad una PMI eleggibile non potrà essere superiore ai ,00. In un contesto dove le recenti evoluzioni della congiuntura economica e la crisi dei mercati finanziari producono effetti negativi sulle imprese e sulla capacità di reddito delle famiglie, aumentando il numero di coloro che hanno difficoltà ad affrontare le esigenze della vita quotidiana, diventa ancora più importante conoscere ed attivare strumenti di Finanza Sociale. Di conseguenza è apparso utile analizzare a fondo il tema del microcredito reperendo informazioni sugli schemi posti in essere sul territorio regionale e accessibili ai soggetti svantaggiati o a rischio marginalità sociale residenti in Campania. Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 3

5 2. Finalità L attività svolta, attraverso l elaborazione del presente documento, mira ad approfondire il tema del microcredito e le conoscenze sulle esperienze già presenti sul territorio regionale, favorendo l individuazione di best practices a livello locale utili a fornire spunti all AdG del POR FESR 2007/2013 per orientare coerentemente la futura fase di attuazione degli interventi volti ad incidere sull inclusione finanziaria e sociale. L esclusione dall accesso al credito e agli altri servizi finanziari è sempre più riconosciuta come uno dei principali ostacoli alla riduzione della povertà e allo sviluppo umano. Il microcredito è uno strumento che permette alle persone in situazione di povertà ed emarginazione di aver accesso a servizi finanziari e viene sempre più estesamente considerato come uno strumento atto a rafforzare i processi di sviluppo locale, in quanto può contribuire al raggiungimento degli obiettivi delle politiche di welfare: creazione di posti di lavoro, riduzione dell esclusione sociale, rinnovamento delle economie locali e rinascita di aree economicamente depresse. Attraverso il microcredito si da credito alle fasce più deboli della popolazione, fasce spesso considerate non bancabili, ma il cui miglioramento delle condizioni di vita rappresenta forse il più importante indicatore di sviluppo umano ed economico. L obiettivo perseguito è quello di far si che persone che si trovano in difficoltà economica e in situazione di emarginazione, avendo la possibilità di ottenere in prestito piccole somme di danaro, riescano a liberarsi dallo status di assistito e vengano, invece, stimolate ad intraprendere un percorso di autonomia, di responsabilità. Attraverso il finanziamento ricevuto, dunque, si vogliono rafforzare le capacità dell individuo che messo nella condizione di sanare la situazione economica negativa della propria impresa o di crearne una nuova, di affrontare spese impreviste, di rendere migliore le proprie condizioni di vita o quelle della propria famiglia può realizzare il proprio progetto di vita. In tale contesto un ruolo importante è rappresentato dalla rete di operatori territoriali che per la loro qualità di soggetti che operano nell ambito sociale, costituiti in cooperative e associazioni "non profit" e appartenenti al mondo del volontariato, sono in grado di intercettare più facilmente le esigenze dei cittadini comuni che, per i motivi più vari, si trovano in condizioni economiche difficili e di emarginazione e possono supportarli con un attività di accompagnamento nell utilizzo dello strumento del microcredito. Ai fini del presente lavoro, in particolare, assume rilievo, il microcredito all impresa che ha come target di riferimento soggetti esclusi dal sistema finanziario tradizionale, siano essi persone fisiche oppure organizzazioni, specie se operanti nel settore sociale, che svolgono o desiderano svolgere attività diverse (artigianali, agricole, commerciali, di servizi etc.) anche molto piccole e limitate, ma che hanno notevoli opportunità di svilupparsi se assistite con servizi finanziari specifici. Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 4

6 Con i programmi di microcredito le micro e piccole imprese ottengono, dunque, piccoli prestiti (il limite è stabilito in 25mila euro - art.111 del Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n.141) a tassi contenuti a breve-medio termine e, superando le difficoltà di accesso al credito tradizionale, possono aprirsi al mercato utilizzando risorse finanziarie garantite da appositi fondi. Tale strumento agevolativo, tuttavia, non è solo da intendersi quale credito di piccolo ammontare ma ciò che lo caratterizza è l attenzione alla persona. Nel momento in cui ci si rivolge ai diversi attori che operano in tale campo, infatti, si innesca un processo di accoglienza, ascolto e accompagnamento che va fino alla chiusura del programma di credito ed anche oltre. Le caratteristiche principali richieste per l avvio o l'esercizio di attività di lavoro autonomo o di micro-impresa fanno riferimento all esistenza di una buona idea di impresa, al possesso di capacità per svolgere l attività e alla possibilità di far parte di una rete di riferimento disponibile a garantire moralmente per l imprenditore. L iniziativa Jeremie e le altre iniziative di microcredito, anche mediante le sinergie tra pubblico e privato che saranno in grado di attivare, potranno costituire strumento di autentico ed integrale sviluppo socio-economico. Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 5

7 3. Metodologia di lavoro Il lavoro di studio e analisi condotto per l individuazione dei diversi strumenti di microcredito presenti sul territorio campano è stato strutturato fondamentalmente nelle seguenti 2 fasi: 1. Analisi desk delle fonti informative disponibili Sono state svolte opportune ricerche sul Web 1 per definire l insieme delle fonti disponibili e significative sui quali impostare il lavoro di raccolta dei dati/informazioni, elaborazione e sistematizzazione degli stessi. Le rilevazioni effettuate hanno risposto ad una duplice esigenza conoscitiva, una prima di natura descrittiva volta ad individuare iniziative significative ed attuali del fenomeno oggetto di studio nel territorio campano, la seconda di natura dinamica volta ad identificare, per alcune di esse, i risultati raggiunti e le eventuali criticità emerse nell attuazione dello strumento agevolativo. 2. Analisi sul campo Le attività di analisi sul campo hanno completato l azione conoscitiva del fenomeno del microcredito sul territorio campano attraverso un contatto diretto con alcuni testimoni privilegiati che sono impegnati direttamente con la loro attività a supportare le idee imprenditoriali o i progetti di auto impiego di soggetti che non sono in grado di far ricorso autonomamente al credito bancario ordinario. In particolare è stata intervistata la Cooperativa Sociale Dedalus, la Onlus Finetica, la Fondazione Pangea Onlus, l Associazione di categoria CIA, il consorzio di cooperative sociali SOL.CO. Napoli, il Comitato microcredito al Rione Sanità e Banca Etica. Infine, sono state reperite informazioni sul progetto la Rete nazionale per il microcredito dei Comuni italiani dall Ente Nazionale per il Microcredito. 1 I principali siti consultati sono stati i seguenti: Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 6

8 4. Iniziative significative di microcredito in Campania 4.1 Prestito della Speranza E un iniziativa della Conferenza Episcopale italiana e dell Associazione Bancaria Italiana per l erogazione di finanziamenti a tasso agevolato, concessi dalle banche aderenti all iniziativa e garantiti da un Fondo straordinario specificatamente costituito. Il fondo è stato attivato il 1 settembre 2009; la sua dotazione patrimoniale, apportata anche con il contributo di soggetti privati ed istituzionali, è costituita da 30 milioni di euro, di cui 25 milioni destinati a garantire il microcredito sociale e 5 milioni destinati a sostenere il microcredito alle imprese, e permette di erogare finanziamenti fino a 120 milioni di euro. La costituzione del fondo di garanzia con il moltiplicatore, genera un meccanismo virtuoso di solidarietà perpetuabile nel tempo; il moltiplicatore aumenta notevolmente la capacità di intervento rispetto al fondo perduto, dando la possibilità di aiutare nel tempo un numero sempre crescente di persone. Infatti, con la restituzione di un prestito la garanzia torna di nuovo disponibile per un altro intervento. Il Fondo risponde per il 75% del singolo finanziamento sui crediti sociali, e al 50% sui microcrediti all impresa. Con il nuovo accordo CEI- ABI siglato il 23 dicembre 2010, ed in coerenza con la normativa in materia (art. 111 dlgs 141/2010), sono ammesse due forme di finanziamento: Il microcredito sociale di importo non superiore a 6 mila euro per le famiglie in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale. Il contributo complessivo potrà essere erogato in 500,00 euro mensili o in modalità da concordarsi tra banca e richiedente. Se viene meno lo stato di necessità, l erogazione potrà essere sospesa. La restituzione del prestito alla banca avverrà mensilmente secondo un piano di ammortamento prestabilito che decorrerà trascorsi dodici mesi dalla delibera. Il prestito potrà essere rinnovato per una sola volta e per non più di altri 6 mila euro se sussistono i requisiti e previa valutazione della banca. Il microcredito di impresa di importo non superiore a 25 mila euro a persone fisiche o società di persone o società cooperative, per l avvio o l esercizio di attività di lavoro autonomo o di microimpresa. La restituzione del prestito alla banca avverrà mensilmente secondo un piano di ammortamento prestabilito che decorrerà trascorsi dodici mesi dalla delibera. L'Ufficio diocesano/caritas diocesana è l'organismo gestore locale di tutte le attività del prestito ed è istituito dal vescovo. Per presentare la domanda occorre rivolgersi, dunque, alla Caritas o Ufficio diocesano di appartenenza, gli incaricati del servizio forniranno l assistenza nella compilazione e nella presentazione della domanda. L elenco degli uffici diocesani presenti sul territorio campano e consultabile dal sito del Prestito della Speranza. L'ufficio diocesano verifica la presenza del requisito soggettivo e procede ad una valutazione-approvazione del merito personale e sociale del richiedente, ed entro 15 giorni lavorativi dal primo inserimento della pratica trasferisce alla banca Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 7

9 quelle ritenute idonee tramite l'applicativo informatico messo a disposizione dal gestore. La Banca riceve la richiesta di finanziamento accompagnata dalla valutazione dell'ufficio diocesano e non deve sindacare la sussistenza del requisito soggettivo essendo il relativo accertamento riservato in via esclusiva all'ufficio pastorale proponente, ma a sua volta verifica il merito creditizio e di solvibilità del richiedente; entro 15 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda alla banca, se ritenuta idonea, invia al gestore la richiesta dell attivazione della garanzia del Fondo. Il piano di rimborso, per ciascun finanziamento deliberato, decorrerà trascorsi 12 mesi dalla delibera e con durata non superiore ai 5 anni. 4.2 Programma di microcredito con il sostegno del Fondo Spes La Fondazione "In Nome della Vita Onlus" che, per volere del Cardinale di Napoli C. Sepe, è stata costituita per coordinare e sostenere le specifiche iniziative progettuali di solidarietà, attiva un iniziativa per la promozione ed il sostegno di iniziative di lavoro autonomo attraverso un meccanismo di microcredito per contribuire a combattere il grave problema della disoccupazione. La Fondazione, a tal fine, ha costituito il Fondo SPES (Sviluppo Pastorale di Economia Solidale) per la raccolta delle donazioni e per sostenere organizzativamente l iniziativa. L iniziativa parte con una convenzione con Unicredit Banca e Confidi PMI e consente l accesso a finanziamenti fino a euro per l avvio di attività microimprenditoriali (commerciali, artigianali, di produzione e di servizi) a coloro che si trovino in situazione di difficile approvvigionamento delle risorse finanziarie occorrenti. Si tratta di un prestito, quindi la somma prestata deve essere restituita in massimo cinque anni, con rate mensili a partire dal settimo mese dal momento dell erogazione, ed è destinata a nuove attività con la conseguenza che il prestito non può essere chiesto per allargare una attività già in corso o per salvare una attività in crisi. Si potrà utilizzare il prestito per far emergere attività sommerse. Ai richiedenti non verranno richieste garanzie patrimoniali a fronte del prestito, ma la predisposizione di un piano di attività dal quale possa evincersi la fattibilità e la redditività dell iniziativa. Per accedere al Fondo gli interessati dovranno riempire un modulo, molto semplice, nel quale descriveranno l attività che intendono avviare o far emergere e le spese che ritengono di dover sostenere. Le domande verranno protocollate ed esaminate in ordine cronologico. Una prima valutazione sarà di ammissibilità formale ( attività proposta palesemente non fattibile, mancanza di requisiti minimi oggettivi e soggettivi ).Poi si passerà alla valutazione di merito a cura degli Uffici del Fondo Spes. I criteri fondamentali di valutazione: la relazione tra le competenze e/o le esperienze del proponente nonché le realistiche prospettive di avere, in tempi ragionevoli, dei ricavi, anche al fine della restituzione delle rate. Se la attività proposta non appare fattibile verrà Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 8

10 data comunicazione al richiedente. Se l attività viceversa appare fattibile, il Fondo trasmetterà la domanda con il proprio giudizio positivo, alla Banca incaricata. La Banca convocherà il richiedente per l apertura formale della pratica di finanziamento; il richiedente sarà accompagnato da un tutor, designato dal Fondo Spes tra coloro che volontariamente hanno offerto la loro gratuita collaborazione, e che risultino in possesso di specifiche e significative competenze atte allo svolgimento di tale funzione. Tale delicata attività di tutoraggio è finalizzata, dunque, a favorire lo sviluppo dell iniziativa ed a monitorarne i risultati. La Banca incaricata ed il Consorzio Fidi, sulla base di un rapporto convenzionale già definito, faranno le loro verifiche, che non riguardano mai è questa la grande novità- le garanzie da parte del richiedente. Il lavoro istruttorio della Banca e del Confidi, riferito al merito di credito, terminerà al massimo entro 20 giorni. Il tasso di interesse è pari a zero: il Fondo Spes si farà carico della quota interessi versandola direttamente alla Banca. 4.3 Microcredito al Rione Sanità Il progetto, promosso dal Comitato per il Microcredito al Rione Sanità e Banca Popolare Etica, nasce dietro impulso di Padre Alex Zanotelli per favorire la creazione o lo sviluppo di piccole imprese (di tipo cooperativo o associativo), in fase di gestazione e/o già avviate, all interno del quartiere Sanità, nel centro storico di Napoli, ed in particolare quelle : che intendono valorizzare le tradizioni e le culture del territorio che sono finalizzate al recupero e alla manutenzione dell ecosistema che prestano servizi di alta valenza sociale alla comunità locale che intendono assumere almeno una persona con contratto a tempo indeterminato che privilegino le presenze femminili nell'azienda. Il progetto di microcredito si fonda sulla fiducia nelle capacità e nei progetti dei richiedenti e non sulla ricchezza posseduta e si connota, quindi, come strumento di finanza alternativa rifiutando decisamente i termini della beneficenza e dell'assistenza. Si tratta di prestiti, con importo da un minimo di ad un massimo di euro, erogabili a tasso agevolato (1 per cento) dalla Banca Popolare Etica a vantaggio di soggetti esclusi dal tradizionale sistema bancario. L iter dell esame delle pratiche inizia con una analisi dei progetti da parte di un Comitato tecnico che, dopo una prima sommaria valutazione etica, esamina gli aspetti della reale fattibilità tecnico - operativa ; superata questa fase un secondo Comitato approfondisce il merito etico delle proposte progettuali. Risulta fondamentale che l iniziativa da finanziare, oltre ad avere la capacità di restituzione del prestito, abbia la capacità di garantire un reddito nel tempo per i Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 9

11 soggetti coinvolti (si tratta spesso dell imprenditore e di familiari che collaborano nell attività). Successivamente la pratica viene inoltrata alla Banca convenzionata che, effettuate le proprie verifiche, procede con l erogazione dei finanziamenti. I finanziamenti sono garantiti da un Fondo di Garanzia istituito dal Comitato per il microcredito al Rione Sanità con i contributi della Fondazione Culturale Responsabilità Etica onlus, Area Sud Banca Etica, Etica Sgr spa e l'associazione Marco Mascagna. Detto fondo può essere sostenuto dalla raccolta di contributi e donazioni della società civile ed anche tramite l acquisto delle sculture dell'artista Riccardo Dalisi donate per il progetto. Attualmente la convenzione con Banca Etica è in fase di rinnovo. L iniziativa, che va ad incidere in un tessuto sociale problematico, necessita di diverso tempo per essere compresa ed assimilata. Nonostante i diversi casi esaminati, operativamente, però, è stato ammesso a finanziamento un solo progetto, e qualche altro è in cantiere. Le ragioni di tale difficoltà vanno ricercate principalmente nella scarsa disponibilità da parte dei potenziali imprenditori ad emergere dal sommerso a cui sono da tempo abituati. Inoltre, la possibilità di intraprendere un attività imprenditoriale, in alcuni casi, è stata ostacolata dalla scarsa disponibilità nel rione di locali con canoni di affitto ragionevoli. 4.4 Il Microcredito di FINETICA Onlus FINETICA Onlus, con sede legale a Napoli in via Duomo e sede operativa a Somma Vesuviana in piazza Filiberto, viene costituita nei primi anni 90 da un gruppo di giovani professionisti e imprenditori, che si propongono di porre in essere delle iniziative tese a suscitare momenti di particolare riflessione e sensibilizzazione sul valore della legalità e della centralità dei valori etici da iniettare in ambito finanziario. L Associazione si propone di promuovere la cultura della finanza etica e solidale come pratica di giustizia economica e sociale, perché si affermi e si potenzi una gestione del risparmio e del credito che rimetta la comunità, il bene comune, le persone e i rapporti sociali al centro dell economia, dando al denaro un ruolo di strumento e non di fine. L Associazione intende fornire assistenza e consulenza ai soggetti vittime dell usura e di estorsioni, agli immigrati e alle persone particolarmente disagiate. Inoltre, essa si propone di assistere i soggetti interessati all ottenimento di microprestiti a tassi d interesse più vantaggiosi; ma anche di fornire agli operatori economici servizi di tutoraggio alla creazione ed allo sviluppo della loro impresa ed attività formative tese al miglioramento delle loro capacità di gestione finanziaria. FINETICA Onlus, opera in collaborazione con il Commissariato Straordinario per la lotta all usura e al racket presso il Ministero dell Interno ed il Comitato Nazionale per il Microcredito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sin dal 2006, Finetica costituisce e gestisce, grazie al sostegno determinante della Regione Campania (L.R. 11 del 9 dicembre sostegno al credito) e del Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 10

12 Ministero dell Economia e delle Finanze (L. 108/96 Art. 15 comma 4), sotto l egida dell Arcivescovo della Diocesi di Nola, Mons. Beniamino Depalma, ed in convenzione con Banco di Napoli, Monte dei Paschi, Banca di Credito Cooperativo Napoli e CooperFin, il Fondo di Garanzia (ammontante attualmente a circa 2 milioni di euro) per agevolare e garantire l accesso al credito a quei soggetti che abbiano un progetto economicamente e socialmente sostenibile, ma che sono considerati dagli istituti finanziari tradizionali come non bancabili, non degni di fiducia, perché privi di garanzia patrimoniale da esibire; col Fondo diventa invece possibile garantire presso la Banca convenzionata, la concessione di microcrediti a tassi debitori agevolati anche a quelle persone, che secondo le valutazioni standardizzate degli Istituti finanziari, risulterebbero genericamente poco affidabili e di conseguenza, andrebbero inevitabilmente ad ingrossare il numero delle vittime degli usurai. L Associazione attraverso il microcredito, pone quindi come suo punto di riferimento la persona e non il capitale, l idea e non il patrimonio, la giusta remunerazione dell investimento e non la speculazione. Nel 2009 FINETICA, in collaborazione con American Chamber of commerce in Italy, Banco di Napoli e la società di consulenza Markman, partecipa al progetto La banca delle idee che prevede la possibilità di concedere finanziamenti fino a 25mila euro per tutte le iniziative valide e capaci di apportare innovazione al tessuto imprenditoriale campano. Attualmente risultano finanziati attraverso il microcredito più o meno 80 progetti garantiti dal fondo per circa ,00. Di recente FINETICA ha sottoscritto con il Comune di Castel Volturno la Convenzione per la gestione in comodato d uso gratuito di un immobile confiscato ed ivi localizzato. Tale immobile sarà utilizzato dall associazione per la realizzazione del progetto "Microcredito per il Job Creation", in partnership con la Cooperfin Cooperativa Finanziaria. Nel villino confiscato, che sarà ristrutturato a spese di FINETICA, sarà creato uno sportello permanente rivolto a tutti i ragazzi del casertano. Microcredito per il Job Creation è un progetto teso a prevenire il fenomeno dell usura ed è rivolto prioritariamente ai giovani del territorio campano che vogliono mettersi in proprio per realizzare o sviluppare attività di lavoro autonomo (artigianali, commerciali, di servizi, professionali, ecc.). creando così sul posto, ricchezza e occupazione. Finetica Onlus, in collaborazione con Cesaweb Spa e con il patrocinio morale dell ANCI Campania sta, così, proponendo ai comuni della Provincia di Napoli la stipula di una Convenzione per l attuazione del progetto di Microcredito per il Job Creation non escludendo la possibilità di sostenere anche quei giovani che vogliano investire sulla loro formazione e specializzazione - fuori dalla regione o all estero - purché dichiarino la disponibilità a tornare nel luogo di residenza per mettere in pratica il loro apprendimento. FINETICA, che opera attualmente nell intera provincia di Napoli in convenzione con Banco di Napoli e Monte dei Paschi di Siena, fornirà garanzia, nell ambito della Convenzione stipulata con i Comuni interessati, facendo leva sul Fondo dedicato, per la concessione di microcrediti a tassi fissi agevolati (Eurirs 5 anni + 1,5% = attualmente al 4% circa) che non potranno essere inferiori ai né Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 11

13 superiori ai , da restituire in massimo 60 rate mensili. In ogni caso sarà richiesta dalla Banca convenzionata la disponibilità alla firma di un ulteriore garante (amico, familiare, ecc.) che abbia un reddito stabile. Nella Convenzione che si propone ai diversi Comuni deve essere definito il loro impegno a sostenere, con una sovvenzione commisurata alla popolazione residente, i costi di avviamento dei diversi momenti attuativi delle attività fondamentali e complementari alla realizzazione del Progetto: strutturazione ed attrezzature hw e sw, comunicazione e pubblicizzazione, primo ascolto e selezione degli interessati, assistenza per la redazione del business plan, pre istruttoria di accompagnamento al credito da parte di un comitato tecnico tutoraggio nella fase di start up e di avviamento della micro impresa. Al momento è stata stipulata la Convenzione con il Comune di Giugliano. 4.5 Progetto A.MI.C.I.: accesso al microcredito per immigrati A.MI.C.I. - Accesso al Microcedito dei Cittadini Immigrati è un progetto nato nel 2010, nell ambito del Fondo Europeo per l Integrazione (F.E.I), in collaborazione con il Ministero dell Interno Autorità di Gestione F.E.I per l Italia - e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con il preciso obiettivo di facilitare l accesso degli stranieri al mercato del lavoro attraverso la costituzione di microimprese e forme di autoimpiego utilizzando lo strumento del microcredito. In Regione Campania, la Cooperativa Sociale Dedalus, rispondendo all Avviso n.1/2010 (Manifestazione di interesse a partecipare alla procedura in economia per la realizzazione di interventi di facilitazione dell accesso agli immigrati al microcredito) del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Direzione Generale dell immigrazione, ha dato seguito al progetto svolgendo le attività di seguito esplicate nel periodo Gennaio -.Giugno 2011 come previsto nell Avviso. L'idea del progetto A.Mi.C.I. nasce dalla convinzione che il microcredito sia uno strumento finanziario utile a promuovere la realizzazione di attività lavorative autonome e a dare risposte concrete a problemi di disagio finanziario e di esclusione sociale. Il progetto, svolto in partenariato con la Provincia di Napoli Assessorato al Lavoro e Immigrazione, Camera di Commercio di Napoli; Banca Popolare Etica; L Ape Agenzia per lo Sviluppo della Cooperazione Sociale e Caracoles Associazione di Promozione Sociale, ha avuto come principale finalità quella di promuovere lo strumento del microcredito sul territorio e, più in generale, il riconoscimento dell importante diritto di cittadinanza: il diritto al credito. Le iniziative progettuali, hanno coinvolto come destinatari i migranti, da un lato, e gli operatori del settore pubblico e privato, dall altro. Ad entrambi è stata offerta un adeguata informazione, formazione sul microcredito e, per i progetti selezionati, formazione sulla gestione di un impresa e l assistenza tecnica necessaria alla preparazione dell istruttoria da presentare alla banca. Le principali attività realizzate sono state: La mediazione linguistico culturale : azione fondamentale e trasversale alle diverse fasi di attuazione del progetto. Il servizio di mediazione ha reso Gruppo di lavoro del Dipartimento per le Pari opportunità Regione Campania 12

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli