FAQ GARANZIA PON IOG

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAQ GARANZIA PON IOG"

Transcript

1 GARANZIA PON IOG Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n Direttiva pluriennale per l attuazione del Piano Regionale Garanzia Giovani (Youth Employment Iniziative PON Garanzia Giovani). Atto di indirizzo per la formulazione dei bandi regionali. Periodo Determinazione Dirigenziale 20 gennaio 2015, n. 12 Approvazione del bando e delle Linee guida per l erogazione del catalogo dei servizi di orientamento specialistico in attuazione della Direttiva Pluriennale per l attuazione del Piano regionale Garanzia Giovani di cui alla DGR del 3/11/2014. Determinazione Dirigenziale 14 aprile 2015, n. 236 D. D. n. 12 del 20 gennaio 2015 "Approvazione del Bando e delle Linee Guida per l'erogazione del catalogo dei servizi di orientamento specialistico in attuazione della Direttiva Pluriennale per l'attuazione del Piano Regionale "Garanzia Giovani" di cui alla D.G.R. n del 3 novembre 2014". Parziale Modifica dell'allegato A. Determina Dirigenziale 16 luglio 2015, n. 563 D. D. n. 12 del 20 gennaio 2015 "Approvazione del Bando e delle Linee Guida per l'erogazione del catalogo dei servizi di orientamento specialistico in attuazione della Direttiva Pluriennale per l'attuazione del Piano Regionale "Garanzia Giovani" di cui alla D.G.R. n del 3 novembre 2014". Ulteriore Modifica dell'allegato A. Aggiornato al 31 luglio 2015 Pagina 1 di 11

2 Sommario SEZIONE A - DESTINATARI...3 SEZIONE B - SOGGETTI ATTUATORI...5 SEZIONE C - STATI DI ADESIONE DEL GIOVANE E PROFILING...6 SEZIONE D - AZIONI AMMISSIBILI E GESTIONE ATTIVITÀ...7 SEZIONE E - TIROCINI EXTRACURRICULARI IN GARANZIA GIOVANI...9 Pagina 2 di 11

3 1) CHE COS È LA GARANZIA GIOVANI? SEZIONE A - DESTINATARI Faq Garanzia Giovani PON IOG aggiornate al 31 luglio 2015 La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (NEET- Not in Education, Employment or Training). 2) CHI PUÒ ADERIRE AL PIANO DI ATTUAZIONE REGIONALE GARANZIA GIOVANI? "I giovani residenti in Italia che, al momento della registrazione al portale regionale o nazionale, abbiano un età compresa tra i 15 e i 29 anni, non siano occupati oppure svolgano un attività lavorativa che consenta di conservare lo stato di disoccupazione ai sensi dell art. 4 comma 1 del D. Lgs. 181/2000 e successive modifiche e integrazioni. Possono aderire, inoltre, coloro che non siano inseriti in un percorso scolastico o formativo. Sono esclusi, invece, i giovani inseriti in altre iniziative attivate nell ambito della programmazione regionale o provinciale a sostegno del lavoro e della formazione e i giovani in tirocinio o in servizio civile". 3) FINO A QUANDO DEVE ESSERE POSSEDUTO IL REQUISITO DELLA NON OCCUPAZIONE? Il requisito della non occupazione e del non inserimento in un percorso di studio o formazione o altra iniziativa, devono essere posseduti al momento della registrazione al Programma e devono essere mantenuti durante tutto il percorso. 4) SONO ISCRITTO A UN CORSO DI STUDI MA NON FREQUENTO. POSSO ADERIRE A GARANZIA GIOVANI? No. Sono esclusi dalla partecipazione i giovani iscritti a un corso di studi (secondari superiori o universitari) o di formazione (finanziata con risorse pubbliche o riconosciuta ai sensi dell art. 14 della L.R. n. 63/1995), anche se non frequentanti. Possono aderire a Garanzia Giovani coloro che hanno ottenuto la rinuncia o la sospensione/congelamento della carriera universitaria e rientrano nella condizione di NEET. Pagina 3 di 11

4 5) MANCANO POCHI GIORNI AL COMPIMENTO DEL MIO 30 COMPLEANNO. POSSO ADERIRE A GARANZIA GIOVANI? Sì. I giovani possono aderire al Programma Garanzia Giovani a partire dal compimento del 15 anno e fino al giorno prima del compimento del 30 anno di età. 6) HO COMPIUTO 15 ANNI. POSSO ACCEDERE AL PIANO DI ATTUAZIONE REGIONALE GARANZIA GIOVANI? Sì. In considerazione della tipologia di azioni finanziabili con il Bando regionale Servizi per il lavoro, i giovani di 15 anni possono accedere solo alle attività di orientamento funzionali a un loro indirizzamento verso interventi volti al completamento del percorso di istruzione e formazione anche attraverso il contratto di apprendistato per il conseguimento della qualifica e il diploma professionale. 7) FINO A QUANDO DEVE ESSERE POSSEDUTO IL REQUISITO DELL ETÀ? Il requisito dell'età deve essere posseduto al momento della registrazione al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani. La perdita del requisito dell'età dopo la registrazione non comporta l'esclusione dal Programma. 8) SONO UN GIOVANE STRANIERO, POSSO PARTECIPARE ALLA GARANZIA GIOVANI? Sì, la Garanzia Giovani è rivolta anche ai cittadini comunitari o stranieri extra UE regolarmente soggiornanti, purché siano residenti in Italia. Nel caso in cui il giovane abbia presentato domanda di rinnovo del permesso di soggiorno, la ricevuta di presentazione della domanda vale come documento attestante il possesso dei requisiti per accedere alla Garanzia; se il rinnovo non viene successivamente concesso il giovane perde tali requisiti. La residenza deve essere intesa come il luogo in cui la persona vive, dimostrabile attraverso un documento, ad esempio il permesso di soggiorno, la registrazione nel comune, l'indirizzo permanente o prova equivalente. 9) NEL CASO IN CUI UN GIOVANE SIA ISCRITTO AD UN CORSO DI STUDI, CHE SI SVOLGE ANCHE IN ORARIO SERALE, PUÒ ISCRIVERSI ALLA GARANZIA GIOVANI? Come specificato nelle note ministeriali (reperibili sul sito della Regione Piemonte) conformemente a quanto previsto dal PON IOG, un giovane iscritto a un regolare corso di studi (anche se serale) non può accedere alla Garanzia Giovani. Pagina 4 di 11

5 10) POSSONO ACCEDERE AL PROGRAMMA GARANZIA I GIOVANI CON DISABILITÀ? I giovani con disabilità possono accedere a tutti i servizi ammessi a finanziamento nel Bando regionale Servizi Lavoro Garanzia Giovani. Nel caso di giovani con disabilità iscritti alle liste del collocamento mirato (legge 68/1999) si ricorda che gli inserimenti in impresa devono essere effettuati nel rispetto della normativa e che nel caso di tirocini attivati in ottemperanza all obbligo previsto dalla legge 68/1999, l indennità non è coperta dal contributo pubblico ma è a carico del soggetto ospitante. SEZIONE B - SOGGETTI ATTUATORI 11) E POSSIBILE PER UN OPERATORE/ENTE ESSERE PARTE DI PIÙ ATS, RISPETTANDO IL REQUISITO DEL RUOLO DI CAPOFILA IN UNA SOLA E PRESENTANDOSI QUALE PARTNER IN ALTRI RAGGRUPPAMENTI? Gli operatori/enti possono presentarsi o in forma singola o in ATS. Una forma esclude l altra. Nel caso di ATS è possibile presentarsi come capofila in una sola, ma come partner in più ATS. Si ricorda che l operatore/ente, singolo o in ATS, può operare sull intero territorio regionale, non vi sono infatti vincoli di bacino o area territoriale. 12) RISPETTO ALLE COMPETENZE PROFESSIONALI DELL OPERATORE ACCREDITATO, PUÒ LO STESSO PROFESSIONISTA RICOPRIRE DIVERSI RUOLI? In merito alle competenze professionali ogni operatore accreditato deve prevedere le figure di cui al criterio C competenze professionali allegato B della DGR dell 11/06/2012. In particolare: o un unico professionista può ricoprire il ruolo di Coordinatore generale delle attività per più sedi; lo stesso vale per il referente della gestione amministrativa; o il case manager o referente del caso è professionalità legata alla effettiva presa in carico di utenti; è prevedibile, pertanto, che non sia vincolato ad una sola sede operativa ma che si possa spostare in riferimento alla gestione dei casi a lui assegnati; o l operatore di informazione e accoglienza deve garantire l erogazione di tali servizi e l apertura delle 20 ore settimanali, per singola sede operativa. Pagina 5 di 11

6 13) GLI OPERATORI POSSONO STABILIRE DELLE SEDI TEMPORANEE AL FINE DI EROGARE I SERVIZI? Al fine di erogare i servizi su tutto il territorio regionale, gli operatori possono svolgere le attività anche presso le sedi di altri operatori, purché la sede individuata sia anch essa accreditata ai servizi al lavoro, secondo la DGR del 2012, o sia un CPI. La sede utilizzata dovrà essere preventivamente segnalata alla Regione. Sul sito regionale alla pagina dedicata a Garanzia Giovani è possibile scaricare il modello per comunicare la sede temporanea. SEZIONE C - STATI DI ADESIONE DEL GIOVANE E PROFILING 14) COSA SONO GLI STATI DI ADESIONE DEL GIOVANE? Gli stati di adesione permettono di tracciare gli eventi principali del percorso del giovane all interno degli interventi di Garanzia Giovani. Il giovane al momento della registrazione al Portale acquista lo stato A (adesione); quando viene preso in carico dagli operatori acquisisce lo stato P (presa in carico) e quando riceve servizi di politica attiva lo stato T (trattato); acquisisce lo stato F (fine trattamento) all avvio del contratto di lavoro pari o superiore a 6 mesi, alla conclusione del suo percorso di politica attiva nonché a chiusura del Bando a cui ha partecipato. Si veda per un maggiore dettaglio la Guida Operativa Utente. 15) IL GIOVANE NEL CASO SI CONCLUDA IL SUO PERCORSO IN GARANZIA GIOVANI PUÒ RI-ADERIRE? Il giovane può ri-aderire alla Garanzia Giovani ogni qualvolta si è verificato un evento che ne ha determinato l uscita mediante nuova registrazione sul Portale Clic Lavoro, mentre rimane attivo il suo profilo e il suo account sul Portale Garanzia Giovani Piemonte. Nel caso abbia già usufruito di percorsi di politica attiva finanziati con il PON Youth Garantee (scheda 2B e scheda 6 del PON), potrà accedere a tutti i servizi finanziati dal Bando Garanzia Giovani Nazionale (DD n. 12/2015) secondo le regole stabilite al paragrafo 3.6 Raccordo con le altre misure regionali PON IOG e con il Progetto Straordinario Garanzia Giovani Piemonte (GGP), da ultimo modificato con DD n. 563/ ) UN GIOVANE CHE HA PARTECIPATO AL PROGETTO GARANZIA GIOVANI PIEMONTE (GGP) PUÒ PARTECIPARE AL BANDO GARANZIA GIOVANE NAZIONALE (GGN)? Il giovane che ha partecipato al Progetto GGP può usufruire dei servizi finanziati dal Bando GGN nel rispetto dei presenti requisiti: deve aver concluso il suo percorso nel Progetto GGP; deve aver ri-aderito mediante iscrizione a Clic Pagina 6 di 11

7 Lavoro; deve rientrare tra i destinatari previsti dal Bando; non può usufruire di servizi e misure di cui ha già usufruito nella GGP. 17) QUANDO L OPERATORE DEVE PROCEDERE AL PROFILING DEL GIOVANE? Il profiling deve essere effettuato al momento della presa in carico del giovane da parte dell operatore, contestualmente alla realizzazione dei servizi o in data successiva, pena la non ammissibilità a finanziamento dei servizi erogati. Si veda per un maggiore dettaglio la Guida Operativa Utente. 18) SU COSA INCIDE IL VALORE DEL COEFFICENTE DEL PROFILING ATTRIBUITO AL GIOVANE? Il coefficiente del profiling attribuito al giovane ha due funzioni: determina il valore del rimborso dei servizi previsti nella scheda 3 e 5 del PON IOG e la sua realizzazione è condizione per l ammissibilità a rimborso di tutti i servizi realizzati dall operatore. 19) All'apertura del PAI SARÀ NECESSARIO REGISTRARE IL VALORE DEL PROFILING REALIZZATO SUL PORTALE MINISTERIALE CLIC LAVORO SUL SILP? Fino a quando non sarà in linea la cooperazione applicativa con Clic Lavoro che permette di effettuare il profiling direttamente su SILP, il valore attribuito al giovane dal sistema ministeriale deve essere allegato al Piano di Azione Individuale ai fini dell ammissibilità a rendicontazione dei servizi realizzati (si stampa la videata di Clic Lavoro che riporta il valore del profiling). SEZIONE D - AZIONI AMMISSIBILI E GESTIONE ATTIVITÀ 20) QUANTI GIOVANI POSSONO ESSERE CONVOCATI PER UN OPPORTUNITÀ? Come per il progetto sperimentale Garanzia Giovani Piemonte (GGP), anche sul presente Bando potranno essere selezionati più candidati per opportunità pubblicata, ma potranno essere aperti e ritenuti riconoscibili all operatore al massimo 5 PAI per singola opportunità. 21) QUALI SONO LE REGOLE DI AMMISSIBILITÀ A RIMBORSO DEI SERVIZI DI ATTIVAZIONE DEL TIROCINIO ANCHE IN MOBILITÀ? Il servizio di attivazione del tirocinio (scheda 5 PON IOG) è ammissibile a finanziamento: per tirocini che hanno una durata minima del progetto formativo di 3 mesi e solo a conclusione del tirocinio stesso. Se il tirocinio si conclude Pagina 7 di 11

8 anticipatamente prima dei 3 mesi, all operatore è dovuto il 50% del valore del servizio di attivazione, viceversa se il tirocinio si conclude dopo i 3 mesi all operatore è dovuto il valore economico complessivo. Si ricorda che il valore economico del servizio di attivazione del tirocinio è legato al valore del profiling attribuito al giovane e che nel caso di mobilità trasnazionale i valori economici del servizio sono più elevati (come da ultima modifica al paragrafo 7.2 del Bando GGN, ad opera della DD n. 563/2015). 22) È AMMISSIBILE A FINANZIAMENTO IL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO NEL CASO IN CUI AL TIROCINIO SEGUA UN CONTRATTO DI LAVORO? Secondo le regole ministeriali, se all operatore è stato già riconosciuto il servizio di attivazione del tirocinio a valere sulle risorse del PON IOG (scheda 5) non è possibile portare a rimborso, per lo stesso giovane e per la stessa impresa, il servizio di accompagnamento al lavoro (scheda 3). 23) È POSSIBILE ATTIVARE IL PERCORSO 3 AD UN GIOVANE CHE HA PARTECIPATO AL PROGETTO GGP E HA RICEVUTO UN SERVIZIO DI INSERIMENTO AL LAVORO DI BREVE PERIODO? Se il giovane ha ricevuto unicamente il servizio A5.2 degli standard regionali nell ambito del Progetto GGP (tutoraggio inserimento al lavoro di breve periodo) e non il servizio A6 (inserimento al lavoro pari o superiore a 6 mesi), è possibile inserirlo nel Percorso 3 del Bando PON GGN. Si specifica che sono erogabili i servizi di orientamento previsti nel percorso se non né ha già usufruito nel Progetto GGP. 24) COME VENGONO COINVOLTI I GIOVANI NEL PERCORSO 4 ALLO SCADERE DEI QUATTRO MESI? Sarà cura della Regione governare l intero processo di realizzazione di tale percorso, nel seguente modo: sono predisposti elenchi mensili dei giovani che hanno diritto di accedere al Percorso 4 che saranno convocati dai CPI; a distanza di un mese ai giovani che ancora non sono stati inseriti nei Laboratori, la Regione darà comunicazione di scegliere quali realizzare e presso quale operatore mediante la consultazione del Catalogo pubblicato sul Portale Garanzia Giovani Piemonte. 25) IL GIOVANE CHE HA REALIZZATO NELL AMBITO DEL PERCORSO 4 IL PAI ORIENTAMENTO BASE PUÒ ESSERE SELEZIONATO PER OPPORTUNITÀ DI TIROCINIO E LAVORO? Se il giovane a cui è stato realizzato il PAI base (servizio A3 standard regionali) viene selezionato per un opportunità prima dell attivazione dei Laboratori, è Pagina 8 di 11

9 possibile in alternativa inserirlo nel Percorso 2 e nel Percorso 3 e potranno essere erogati i servizi di orientamento specialistico previsti (servizio A4 standard regionali). 26) QUALE REQUISITO DEVONO POSSEDERE GLI ENTI PER CANDIDARSI A REALIZZARE IL LABORATORIO DOSSIER DELLE EVIDENZE? Gli Enti per candidarsi a realizzare il Laboratorio Dossier delle evidenze devono possedere il seguente requisito: o avere un operatore (risorsa umana) che abbia frequentato con profitto il corso "Sistema di certificazione - Indirizzo tecniche", così come previsto dall'art. 6 c. 3 dell'allegato L alla DGR n del 2006, o sia iscritto a tale percorso. Suddetto operatore, Esperto Tecniche di Certificazione (ETC), è il garante e supervisore dei servizi erogati dagli operatori dell Ente conduttori del Laboratorio Dossier delle evidenze. 27) QUALI OPERATORI DEGLI ENTI POSSONO EROGARE I SERVIZI PREVISTI NEL LABORATORIO DOSSIER DELLE EVIDENZE? Gli operatori degli Enti, per erogare i servizi previsti nel Laboratorio Dossier delle evidenze, devono possedere uno dei seguenti requisiti: o aver partecipato alla sperimentazione del Dossier delle evidenze nel Progetto Ri.Attivo 1a; o essere stati adeguatamente formati dall Esperto in Tecniche di Certificazione del loro Ente. Il modello da utilizzare per il Dossier è quello presente al link SEZIONE E - TIROCINI EXTRACURRICULARI IN GARANZIA GIOVANI 28) GLI ENTI PUBBLICI LOCALI, NAZIONALI E TRANSNAZIONALI POSSO OSPITARE TIROCINI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI? Considerata la finalizzazione occupazionale della Garanzia Giovani Nazionale, gli enti pubblici non possono ospitare tirocini nell ambito del Programma in quanto a conclusione del tirocinio, in base alla normativa vigente in materia di accesso al pubblico impiego, non è consentito un successivo inserimento lavorativo del giovane presso gli stessi. Pagina 9 di 11

10 29) POSSONO ESSERE ATTIVATI TIROCINI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NEL CASO IN VI SIA UN VINCOLO DI PARENTELA TRA TIROCINANTE E TITOLARE DELL IMPRESA OSPITANTI? No, è esclusa l attivazione di tirocini presso soggetti ospitanti in presenza di un vincolo di parentela tra tirocinante e titolare dell impresa. 30) QUALE DISCIPLINA REGIONALE SI APPLICA NEL CASO IN CUI IL GIOVANE SVOLGA UN TIROCINIO IN MOBILITÀ INTERREGIONALE? Se un giovane domiciliato in Piemonte, preso in carico da un operatore del Piemonte (soggetto attuatore del Bando GGN), svolge un tirocinio in mobilità interregionale valgono le seguenti regole: o si applica la disciplina regionale sul tirocinio extracurriculare vigente nella Regione di appartenenza dell azienda ospitante; o si applicano le regole previste dal Bando GGN della Regione Piemonte in riferimento al finanziamento dei servizi (azioni ammissibili) e dell indennità di tirocinio. 31) NEL CASO DI TIROCINI IN MOBILITÀ, COME CI SI COMPORTA SE LA DISCIPLINA REGIONALE DI RIFERIMENTO PREVEDE UN VALORE ECONOMICO DELL INDENNITÀ DI TIROCINIO MAGGIORE? Fino a un massimo di 500 euro mensili il contributo è a valere sul Bando PON GGN del Piemonte, se è dovuta un indennità mensile maggiore il restate importo sarà corrisposto secondo le regole previste nelle discipline regionali di riferimento. 32) NEL CASO DI INTERRUZIONE ANTICIPATA DEL TIROCINIO NEI PRIMI 15 GIORNI LAVORATIVI, AL GIOVANE PUÒ ESSERE OFFERTA UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI TIROCINIO? Nel caso in cui il tirocinio Garanzia Giovani si interrompa anticipatamente nei primi 15 giorni lavorativi, è consentito proporre una nuova opportunità di tirocinio allo stesso giovane a condizione che: o il soggetto attuatore chiuda il PAI tirocinio con motivazione 'non rendicontabile' senza alcun servizio fleggato, né a preventivo né erogato; o non devono essere registrare le ore frequentate sul Portale Tirocini, in caso contrario la somma erogata sarà sottratta dal contributo complessivo riconosciuto ad ogni giovane (di massimo 3000 euro). Pagina 10 di 11

11 Si ricorda che se viene attribuito al giovane lo stato R per rifiuto/abbandono del percorso di tirocinio, il giovane dovrà re-iscriversi a Garanzia Giovani su Clic Lavoro (si veda la n. 15). 33) NEL CASO IN CUI IL GIOVANE PERCEPISCA UN AMMORTIZZATORE SOCIALE È POSSIBILE P ATTIVARE UN TIROCINIO O DI GARANZIA GIOVANI IOVANI? Si è possibile ma al giovane non può essere corrisposta l indennità di tirocinio, in ottemperanza alla disciplina regionale e alle Linee Guida ministeriali in materia. Si specifica però che il Ministero del Lavoro, nell ambito del Programma Garanzia Giovani Nazionale, ha consentito all INPS di erogare il contributo pubblico previsto nel caso verifichi che vi sia un margine di compensazione in base al reddito del giovane. Si ricorda che le ore frequentate dal tirocinante vanno comunque caricate sul Portale Tirocini regionale. Pagina 11 di 11

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI ALLEGATO A DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI DETERMINA DIRIGENZIALE 20 GENNAIO 2015, n. 12 e successive modifiche Approvazione

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

Iniziativa Garanzia Giovani

Iniziativa Garanzia Giovani Le opportunità da cogliere al volo Evento annuale POR FSE della Regione Toscana Iniziativa Garanzia Giovani Paolo Baldi Direttore Istruzione e Formazione Firenze, 20 Novembre 2015 Quadro comunitario di

Dettagli

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Servizio FAQ Sezione: Domande Generali Aggiornamento del 23 Giugno 2015 1) Chi può aderire al programma Garanzia Giovani? I giovani

Dettagli

FAQ. Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015.

FAQ. Avviso Pubblico Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. FAQ Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. Chiarimenti in merito ai requisiti per presentare l adesione dei disoccupati

Dettagli

Vista la L. n. 68 del 12 marzo 1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili ;

Vista la L. n. 68 del 12 marzo 1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; REGIONE PIEMONTE BU30 30/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 25-1906 Approvazione dell'atto di indirizzo per la formulazione del Bando regionale di attuazione del Progetto straordinario

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome)

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome) FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse III Inclusione Sociale VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO POLITICHE PER L OCCUPAZIONE E L OCCUPABILITÀ - ANNO 2013

Dettagli

GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it

GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it UE LANCIA IL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Nel Marzo 2013 viene pubblicata la Raccomandazione della Garanzia per

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

PANORAMICA GENERALE SULLA GARANZIA GIOVANI Riunione Commissione Sindacale Roma 15 aprile 2014

PANORAMICA GENERALE SULLA GARANZIA GIOVANI Riunione Commissione Sindacale Roma 15 aprile 2014 Servizio Sindacale Giuslavoristico PANORAMICA GENERALE SULLA GARANZIA GIOVANI Riunione Commissione Sindacale Roma 15 aprile 2014 a cura del SERVIZIO SINDACALE GIUSLAVORISTICO Dipartimento Politico Sindacale

Dettagli

FAQ Garanzia Giovani aggiornato al 18 gennaio 2015

FAQ Garanzia Giovani aggiornato al 18 gennaio 2015 Tirocini internazionali pag 4 Informazioni Generali FAQ Garanzia Giovani aggiornato al 18 gennaio 2015 Cos è Garanzia Giovani? La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla

Dettagli

vista la L.R. n. 34 del 22 dicembre 2008 Norme per la promozione dell occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro;

vista la L.R. n. 34 del 22 dicembre 2008 Norme per la promozione dell occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro; REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Codice DB1511 D.D. 5 marzo 2014, n. 122 P.O.R. FSE 2007/2013 D.G.R. n. 17-7047 del 27 gennaio 2014. Direttiva pluriennale per la realizzazione del Progetto Straordinario

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

Garanzia Giovani in Regione Lombardia

Garanzia Giovani in Regione Lombardia Garanzia Giovani in Regione Lombardia Requisiti - Compio 30 anni il 30 settembre 2014, entro quando posso aderire a Garanzia Giovani? Puoi aderire fino al giorno prima del compimento del tuo trentesimo

Dettagli

GARANZIA GIOVANI IN VENETO VADEMECUM PER I GIOVANI

GARANZIA GIOVANI IN VENETO VADEMECUM PER I GIOVANI MY JOB Associazione Professionale Marcato Petro Manuel Bianzale V. Valeri 12, 35012 Camposampiero (PD) Tel 049 5794835 Fax 049 9317940 Web www.myjob.pro - email info@myjob.pro GARANZIA GIOVANI IN VENETO

Dettagli

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione -

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ESTETISTA INDICE Articolo 1 Riferimenti normativi pag. 2

Dettagli

Premesso che: la comunicazione della Commissione europea del 12 marzo 2013 Youth Employement Initiative YEI - Iniziativa per l occupazione giovanile

Premesso che: la comunicazione della Commissione europea del 12 marzo 2013 Youth Employement Initiative YEI - Iniziativa per l occupazione giovanile %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM HJVHOP PHHFUUP 1*"/0 */5&(3"50 %* 10-*5*$)& 1&3-0$$61";*0/& & 1&3 *- -"7030 1*10- "11307";*0/&%&--&.*463&'*/"/;*"3*&%*"$$0.1"(/".&/501&3-"1"35&$*1";*0/&

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI, PER IL PROGETTO AZIONE DONNA

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI, PER IL PROGETTO AZIONE DONNA Allegato B) alla Determinazione Dirigenziale n. 654 del settembre 2012 BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI, PER IL PROGETTO AZIONE DONNA, DI N. 20 TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO, IN AZIENDA, RIVOLTO

Dettagli

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !"! # #$ % &! * +"!#,!! -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! *!,!0-!

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6  (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !! # #$ % &! * +!#,!! -!-!*!% -,!,!,! !.!&/#!#++ ! *!,!0-! !"! # #$ % %$ %%&& # ' #&$&$'* &$& &! * +"!#,!! $ &% #' $ ( %)% ## (%( # # $ &'$ -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#!!( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! *!,!0-! 2-",3-"

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA ALLEGATO 2 CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA (Inserire denominazione/ragione sociale del soggetto promotore)...... di seguito denominato «soggetto

Dettagli

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014 Maggio 2014 La strategia è rivolta a: prevenire e contrastare la dispersione scolastica e formativa; rafforzare le competenze dei giovani a vantaggio dell occupabilità; favorire le occasioni di efficace

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali UFFICIO Lavoro DETERMINAZIONE DI IMPEGNO Atto N. 590 N. Mecc. PDET-574-2011 del 28/02/2011 del _1_/ 3 / 2010 OGGETTO DGR 84-12006

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

LE OPPORTUNITA POST DIPLOMA. Una breve guida all orientamento in uscita dalla scuola superiore.

LE OPPORTUNITA POST DIPLOMA. Una breve guida all orientamento in uscita dalla scuola superiore. LE OPPORTUNITA POST DIPLOMA. Una breve guida all orientamento in uscita dalla scuola superiore. HubDesio Giovani: à Orientamento à Formazione à Eventi à Radio à Corsi the only way to do great work is to

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014. - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro

STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014. - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014 - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro La Garanzia Giovani - YEI L iniziativa Europea per l Occupazione

Dettagli

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 FAQ FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 D.1 Dopo aver aderito al Piano Alitalia cosa accade in caso di rifiuto a partecipare alle iniziative di politica attiva o a un

Dettagli

Le opportunità per i giovani in Liguria DGR 985/2014

Le opportunità per i giovani in Liguria DGR 985/2014 Le opportunità per i giovani in Liguria DGR 985/2014 Il progetto obiettivi La Youth Guarantee (Garanzia per i Giovani) è la risposta europea alla crisi occupazionale giovanile, un iniziativa aperta a tutte

Dettagli

Attuazione del programma di Garanzia per i Giovani in Regione Lombardia. Maggio 2014

Attuazione del programma di Garanzia per i Giovani in Regione Lombardia. Maggio 2014 Attuazione del programma di Garanzia per i Giovani in Regione Lombardia Maggio 2014 UE LANCIA IL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Nel Marzo 2013 viene pubblicata la Raccomandazione della Garanzia per i giovani.

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

COSA E GARANZIA GIOVANI ( YOUTH GUARANTEE )

COSA E GARANZIA GIOVANI ( YOUTH GUARANTEE ) COSA E GARANZIA GIOVANI ( YOUTH GUARANTEE ) Sostegno dei NEET ( Not in Education, Employment or Training) Enti di formazione e Agenzie per il lavoro Raggruppamenti temporanei di imprese Il ruolo dei Centri

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA

F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA F.A.Q. MISURA 5 TIROCINI EXTRA-CURRICULARE, ANCHE IN MOBILITÀ GEOGRAFICA YOUTH GUARANTEE - REGIONE CALABRIA FAQ CONCERNENTI LE PROCEDURE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA MISURA 5 TIROCINI EXTRA- CURRICULARE

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

PIEMONTE. www.garanziagiovanipiemonte.it

PIEMONTE. www.garanziagiovanipiemonte.it PIEMONTE www.garanziagiovanipiemonte.it 1 Il Piano regionale di attuazione La Convenzione che definisce gli impegni reciproci e una prima suddivisione delle risorse assegnate è stata sottoscritta da Regione

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI COS È LA DOTE LAVORO La dote lavoro è un pacchetto di servizi, accompagnato da un indennità economica, offerto ai lavoratori per favorire

Dettagli

Il progetto il modello nazionale

Il progetto il modello nazionale REGIONE PUGLIA il modello nazionale Obiettivo Assicurare che i giovani 15-29 anni non in formazione e non occupati iscritti al programma ricevano un offerta qualificata entro quattro mesi dall iscrizione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Emanato con D.P.Reg. 11. 10. 2006, n. 0306/Pres. e modificato con D.P.Reg. 24. 03. 2009, n. 81/Pres e con D.P.Reg. 05.09.2012, n.

Emanato con D.P.Reg. 11. 10. 2006, n. 0306/Pres. e modificato con D.P.Reg. 24. 03. 2009, n. 81/Pres e con D.P.Reg. 05.09.2012, n. Regolamento per la disciplina attuativa degli interventi previsti dal Piano straordinario di azioni per l alfabetizzazione informatica e degli interventi a sostegno della dotazione tecnologica del sistema

Dettagli

Comune di San Vito Romano

Comune di San Vito Romano ALLEGATO 1 BANDO PER LA SELEZIONE DI 2 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE ANIMAZIONE NEL TERRITORIO TRA BIBLIOTECA E MATERIALE ARCHIVISTICO 2016 DATA DI SCADENZA: 30/06/2016 Art. 1

Dettagli

La GaranziaGiovani in Veneto

La GaranziaGiovani in Veneto La GaranziaGiovani in Veneto Luca Meneguzzo Incontro di approfondimento CEI Roma, venerdì 25 luglio 2014 La garanziagiovaniin Veneto: stato dell arte Il Piano Regionale Bando Youth Corner Dgr 555/2014

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia ACCORDO tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Regione Lombardia SPERIMENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI IN APPRENDISTATO PER L ESPLETAMENTO

Dettagli

I partecipanti, per tutta la durata del progetto, mantengono la figura giuridica di disoccupati.

I partecipanti, per tutta la durata del progetto, mantengono la figura giuridica di disoccupati. SCADENZA: MARTEDI 17/06/2014 ore 12,00 Bando Pubblico di selezione PROGETTO COMUNALE di accompagnamento al lavoro in favore di cittadini residenti inoccupati/disoccupati denominato SPERIMENTA - LAVORO

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO E) BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 2034 giovani da avviare al servizio

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Prosecuzione ed implementazione del Progetto: Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Servizio FAQ Sezione: Avvisi pubblici regionali Garanzia Giovani Aggiornamento del 29/04/2016 Le risposte alle richieste di chiarimento

Dettagli

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI FAQ AVVISO DUALE Art. 3 BENEFICIARI 1. Un istituto di istruzione secondaria superiore che eroga percorsi di IeFP in sussidiarietà può candidarsi all avviso? No, ai sensi di quanto disposto dall art. 3

Dettagli

AVVISOPUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA

AVVISOPUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA AVVISOPUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA DI CUI ALL'INTESA STATO REGIONI "CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO", AL PROGRAMMA ASSAP "VOUCHER ASSISTENTI FAMILIARI"

Dettagli

La Garanzia Giovani e le opportunità in Europa Siena, 15 aprile 2014

La Garanzia Giovani e le opportunità in Europa Siena, 15 aprile 2014 La Garanzia Giovani e le opportunità in Europa Siena, 15 aprile 2014 Giovani al Centro. Prove di anticipazione di Youth Guarantee nei Centri per l impiego della Provincia di Siena. Monica Becattelli /Coordinatore

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

sistemapiemonte Sistema Informativo Lavoro Garanzia Giovani Piemonte Manuale d 1 uso PON IOG sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Sistema Informativo Lavoro Garanzia Giovani Piemonte Manuale d 1 uso PON IOG sistemapiemonte.it sistemapiemonte Sistema Informativo Lavoro Garanzia Giovani Piemonte Manuale d 1 uso PON IOG sistemapiemonte.it 1 Manuale Silp PON IOG Aprile 2015 Sommario 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVO... 3 3 ACRONIMI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Art. 1 Oggetto dell Avviso

AVVISO PUBBLICO. Art. 1 Oggetto dell Avviso AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA DI CUI ALL INTESA STATO REGIONI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, AL PROGRAMMA ASSAP VOUCHER ASSISTENTI FAMILIARI E

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario FAQ DID e PSP Ultimo aggiornamento 10.05.2016 NOTA BENE. Le seguenti FAQ sono soggette a continui aggiornamenti. Si invitano pertanto gli operatori a consultare periodicamente Cruscotto Lavoro per verificare

Dettagli

CRITERI PER LA FORMAZIONE, GESTIONE E UTILIZZO

CRITERI PER LA FORMAZIONE, GESTIONE E UTILIZZO CRITERI PER LA FORMAZIONE, GESTIONE E UTILIZZO DELL ELENCO DEI RILEVATORI-INTERVISTATORI PER IL SISTEMA DELLE INDAGINI STATISTICHE DELLA REGIONE MARCHE Art.1 - Oggetto L Elenco regionale dei rilevatori-

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA Delibera n. 268 del 29/07/2013 Recepimento delle Linee guida in materia di tirocini, approvate in Accordo

Dettagli

Comune di Castell Umberto

Comune di Castell Umberto Comune di Castell Umberto Sportello Lavoro Delibera di Giunta Comunale n. 81 del 26.09.2013 già accreditato al Ministero del Lavoro il 15.10.2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Regione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

REGOLAMENTO ZONA PISANA Per accesso alle prestazioni dei progetti di Vita Indipendente

REGOLAMENTO ZONA PISANA Per accesso alle prestazioni dei progetti di Vita Indipendente REGOLAMENTO ZONA PISANA Per accesso alle prestazioni dei progetti di Vita Indipendente Art. 1 Definizione di Vita Indipendente Per "Vita Indipendente", così come previsto dall'art. 39, comma 2, lettera

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 25/02/2016

REGIONE PIEMONTE BU8S1 25/02/2016 REGIONE PIEMONTE BU8S1 25/02/2016 Codice A1502A D.D. 22 febbraio 2016, n. 7 Piano Regionale "Garanzia Giovani".di cui alla D.G.R n. 34-521 del 3 novembre 2014 e s.m.i di cui alla D.G.R. n. 11-208 del 15

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO COMUNE DI ZEDDIANI Provincia di Oristano Via Roma, 103 - CAP 09070 AVVISO PUBBLICO LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTE: la deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONCRIVELLO uffici@comune.moncrivello.vc.it moncrivello@cert.ruparpiemonte.it

COMUNE DI MONCRIVELLO uffici@comune.moncrivello.vc.it moncrivello@cert.ruparpiemonte.it Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI MONCRIVELLO uffici@comune.moncrivello.vc.it moncrivello@cert.ruparpiemonte.it BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A CANTIERI DI LAVORO per l impiego temporaneo

Dettagli

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Cre.s.c.o. (Crescita, sviluppo, competitività e occupazione) Finanziato dal P.O.R. Programma

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione.

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. Bandi di concorso e regolamenti Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. In applicazione dell

Dettagli

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) BANDO PER LA SELEZIONE DI N. 12 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, denominato Insieme per fare, DA REALIZZARE NEL COMUNE DI

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla ibera n. DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componente : buono scuola Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le scuole primarie, secondarie

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE luglio 2014 n 19 Livorno, 24 luglio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE POLITICHE DI WELFARE REGIONALE,

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

BANDO DOTE EUROPA. Beneficiari e requisiti di partecipazione:

BANDO DOTE EUROPA. Beneficiari e requisiti di partecipazione: Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo Pari Opportunità,Politiche Giovanili e sistemi informativi Ufficio Politiche Giovanili e Pari Opportunità BANDO DOTE EUROPA Il Comune di Monza, Assessorato alle

Dettagli

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia

Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015. di Regione Lombardia Adeguamento e integrazione ai sensi del D.lgs 81/2015 e DGR n. 4676/2015 di Regione Lombardia CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE 2012/2013 AVVISO

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla delibera n. del Componente : buono scuola Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le

Dettagli

I DIVISIONE .OMISSIS. DELIBERA

I DIVISIONE .OMISSIS. DELIBERA I DIVISIONE 4.2) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA' DI RICERCA POST-DOTTORATO DA ISTITUIRE CON FONDI PREVISTI A BILANCIO DALL ATENEO E/O CON FONDI DEI DIPARTIMENTI E CENTRI

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti

TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO TIROCINI L. 68/99 2015/2016 Contributo a titolo di rimborso per il pagamento dell'importo forfettario attribuito ai tirocinanti INTERVENTI

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera della Giunta Regionale n. 1965/2006 - Prot. n. (LVR/06/1072213) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA la Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" e la legge

Dettagli

Allegato 1 CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI FUSIONE DI COMUNI.

Allegato 1 CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI FUSIONE DI COMUNI. Allegato 1 CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI FUSIONE DI COMUNI. 1. BENEFICIARI Potranno accedere ai finanziamenti a sostegno dei processi

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Avviso provinciale per la realizzazione di un progetto per lo sviluppo di azioni di monitoraggio e analisi del fenomeno degli abbandoni scolastici e formativi nella provincia di Mantova

Dettagli