CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE DIREZIONE COMPAGINE SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE DIREZIONE COMPAGINE SOCIALE"

Transcript

1 Organi Sociali

2

3 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vice Presidente Consiglieri: GINNASI Giuseppe ALTISSIMI Sandro MATTEI Augusto MUSETTI Vincenzo OLIVIERI Gianfranco SCARAMELLA Massimo TABORRI Antonio TEDESCHI Luca TRAPPOLINI Fabio COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci effettivi: Sindaci supplenti: MORETTI Fabio BRUZZICHES Pietro CIANTI Guido COSIMI Corrado DE SANTI GENTILI Alberto DIREZIONE Direttore PIZZI Giulio COMPAGINE SOCIALE Al 1 gennaio 2011 Soci n Entrati n. 104 Usciti n. 31 Al 31 dicembre 2011 Soci n

4

5 Convocazione dell Assemblea Ordinaria

6

7 Convocazione dell Assemblea Ordinaria dei Soci Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la convocazione dell Assemblea Ordinaria dei Soci ai sensi degli artt. 24 e 30 dello Statuto Sociale nei locali siti a Ronciglione in via Sutri snc (Teatro Comunale Ettore Petrolini ), in prima convocazione alle ore 10,00 del 21 aprile 2012 e, occorrendo, in seconda convocazione alle ore 10,00 del 22 aprile 2012, per discutere e deliberare sul seguente O R D I N E D E L G I O R N O 1. Esame ed approvazione del Bilancio d'esercizio 2011: A) Bilancio e Nota Integrativa al 31/12/2011; B) Relazione del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale sulla gestione; C) Destinazione degli utili 2011 su proposta del Consiglio di Amministrazione; 2. Politiche di remunerazione. Informative all Assemblea; 3. Bilancio Sociale e di Missione anno 2011.

8

9 Schemi del Bilancio dell impresa

10 Stato Patrimoniale al 31 dicembre 2011 e raffronto con il 31 dicembre 2010 ATTIVO Voci dell'attivo 31/12/ /12/ Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al fair value 40 Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute sino alla scadenza 60 Crediti verso banche Crediti verso clientela Derivati di copertura 90 Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica (+/-) 100 Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali avviamento Attività fiscali a) correnti b) anticipate Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre Attività Totale dell'attivo

11 PASSIVO Voci del passivo e del patrimonio netto 31/12/ /12/ Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione 50 Passività finanziarie valutate al fair value 60 Derivati di copertura Adeguamento di valore della passività finanziarie oggetto di copertura generica (+/-) 80 Passività fiscali a) correnti b) differite Passività associate ad attività in via di dismissione 100 Altre passività Trattamento di fine rapporto del personale Fondi per rischi ed oneri a) quiescenza e obblighi simili b) altri fondi Riserve da valutazione ( ) di cui: relative ad attività in via di dismissione 140 Azioni rimborsabili 150 Strumenti di capitale 160 Riserve Acconti su dividendi (-) 170 Sovrapprezzi di emissione Capitale Azioni proprie (-) 200 Utile (Perdita) d'esercizio (+/-) Totale del passivo e del patrimonio netto

12 CONTO ECONOMICO Voci 31/12/ /12/ Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati ( ) ( ) 30 Margine di interesse Commissioni attive Commissioni passive ( ) ( ) 60 Commissioni nette Dividendi e proventi simili Risultato netto dell'attività di negoziazione (50.963) (35.549) 90 Risultato netto dell'attività di copertura ( ) (91.607) 100 Utili (Perdite) da cessione o riacquisto di: (58.508) ( ) a) crediti ( ) b) attività finanziarie disponibili per la vendita (74.116) (21.497) c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) passività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value 120 Margine di intermediazione Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di: ( ) ( ) a) crediti ( ) ( ) b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) altre operazioni finanziarie (43.586) Risultato netto della gestione finanziaria Spese amministrative ( ) ( ) a) spese per il personale ( ) ( ) b) altre spese amministrative ( ) ( ) 160 Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (48.704) 170 Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali ( ) ( ) 180 Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali (3.488) (10.184) 190 Altri oneri/proventi di gestione Costi operativi ( ) ( ) 210 Utili (Perdite) delle partecipazioni Risultato netto della valutazione al fair value delle attività materiali e immateriali 230 Rettifiche di valore dell'avviamento 240 Utili (Perdite) da cessioni di investimenti (9.138) 250 Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente ( ) ( ) 270 Utile (Perdita) della operatività corrente al netto delle imposte Utile (Perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte 290 Utile (Perdita) d'esercizio

13 REDDITIVITA' COMPLESSIVA Prospetto della redditività complessiva Voci 31/12/ /12/ Utile (Perdita) d'esercizio Altre componenti reddituali al netto delle imposte 20 Attività finanziarie disponibili per la vendita ( ) ( ) 30 Attività materiali 40 Attività immateriali 50 Copertura di investimenti esteri 60 Copertura dei flussi finanziari 70 Differenze di cambio 80 Attività non correnti in via di dismissione 90 Utili (Perdite) attuariali su piani a benefici definiti (39.953) 100 Quota delle riserve da valutazione delle partecipazioni valutate a patrimonio netto 110 Totale altre componenti reddituali al netto delle imposte ( ) ( ) 120 Redditività complessiva (voce ) ( )

14 PATRIMONIO NETTO 31/12/2011 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto al 31/12/2011 Allocazione risultato Patrimonio Variazione dell'esercizio esercizio precedente netto al 31/12/2011 Redditività complessiva esercizio Operazioni sul patrimonio netto - Stock options Operazioni sul patrimonio netto - Derivati su proprie azioni Operazioni sul patrimonio netto - Variazione strumenti di capitale Operazioni sul patrimonio netto - Distribuzione straordinaria dividendi Operazioni sul patrimonio netto - Acquisto azioni proprie Operazioni sul patrimonio netto - Emissione nuove azioni Variazioni di riserve Dividendi e altre destinazioni Riserve Esistenze al Modifica saldi apertura Esistenze al Capitale (425) a) azioni ordinarie (425) b) altre azioni Sovrapprezzi di emissione (5.035) Riserve a) di utili b) altre Riserve da valutazione (11.056) ( ) ( ) Strumenti di capitale Acconti su dividendi Azioni proprie Utile (Perdita) di esercizio ( ) (51.113) Patrimonio netto (51.113) (11.056) (5.460) ( ) saldi attivi di rivalutazione monetaria valutazione immobili "deemed cost" (11.056) Utili / perdite attuariali TFR IAS 19 (81.867) (50.187)

15 PATRIMONIO NETTO 31/12/2010 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto al 31/12/2010 Allocazione risultato Patrimonio Variazione dell'esercizio esercizio precedente netto al 31/12/2010 Redditività complessiva esercizio Operazioni sul patrimonio netto - Stock options Operazioni sul patrimonio netto - Derivati su proprie azioni Operazioni sul patrimonio netto - Variazione strumenti di capitale Operazioni sul patrimonio netto - Distribuzione straordinaria dividendi Operazioni sul patrimonio netto - Acquisto azioni proprie Operazioni sul patrimonio netto - Emissione nuove azioni Variazioni di riserve Dividendi e altre destinazioni Riserve Esistenze al Modifica saldi apertura Esistenze al Capitale (775) a) azioni ordinarie (775) b) altre azioni Sovrapprezzi di emissione Riserve a) di utili b) altre Riserve da valutazione (41.914) (2.799) ( ) Strumenti di capitale Acconti su dividendi Azioni proprie Utile (Perdita) di esercizio ( ) (60.664) Patrimonio netto (41.914) (60.664) (2.799) (775) saldi attivi di rivalutazione monetaria valutazione immobili "deemed cost" (2.799) (39.953) (81.867) - Utili / perdite attuariali TFR IAS 19 (41.914) (41.914)

16 RENDICONTO FINANZIARIO Metodo Indiretto Importo 31/12/ /12/2010 A. ATTIVITA' OPERATIVA 1. Gestione risultato d'esercizio (+/-) plus/minusvalenze su attività finanziarie detenute per la negoziazione e su attività/passività finanziarie valutate al fair value (+/-) plus/minusvalenze su attività di copertura (-/+) ( ) ( ) - rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento (+/-) rettifiche/riprese di valore nette su immobilizzazioni materiali e immateriali (+/-) accantonamenti netti a fondi rischi ed oneri ed altri costi/ricavi (+/-) imposte e tasse non liquidate (+) rettifiche/riprese di valore nette dei gruppi di attività in via di dismissione al netto dell'effetto fiscale (+/-) - altri aggiustamenti (+/-) ( ) ( ) 2. Liquidità generata/assorbita dalle attività finanziarie ( ) ( ) - attività finanziarie detenute per la negoziazione (716) - attività finanziarie valutate al fair value - attività finanziarie disponibili per la vendita ( ) - crediti verso banche: a vista ( ) crediti verso banche: altri crediti - crediti verso clientela ( ) ( ) - altre attività ( ) ( ) 3. Liquidità generata/assorbita dalle passività finanziarie debiti verso banche: a vista debiti verso banche: altri debiti - debiti verso clientela titoli in circolazione ( ) passività finanziarie di negoziazione - passività finanziarie valutate al fair value - altre passività Liquidità netta generata/assorbita dall'attività operativa B. ATTIVITA' DI INVESTIMENTO 1. Liquidità generata da vendite di partecipazioni - dividendi incassati su partecipazioni vendite di attività finanziarie detenute sino alla scadenza - vendite di attività materiali vendite di attività immateriali - vendite di rami d'azienda 2. Liquidità assorbita da acquisti di partecipazioni - acquisti di attività finanziarie detenute sino alla scadenza - acquisti di attività materiali acquisti di attività immateriali acquisti di rami d'azienda Liquidità netta generata/assorbita dall'attività di investimento ( ) C. ATTIVITA' DI PROVVISTA - emissioni/acquisti di azioni proprie emissioni/acquisti di strumenti di capitale - distribuzione dividendi e altre finalità (51.114) (60.066) Liquidità netta generata/assorbita dall'attività di provvista (562) (13.394) LIQUIDITA' NETTA GENERATA/ASSORBITA NELL'ESERCIZIO Legenda: (+) generata (-) assorbita

17 Riconciliazione Metodo indiretto Importo Voci di bilancio 31/12/ /12/2010 Cassa e disponibilità liquide all'inizio dell'esercizio Liquidità totale netta generata/assorbita nell'esercizio Cassa e disponibilità liquide: effetto della variazione dei cambi Cassa e disponibilità liquide alla chiusura dell'esercizio

18 18

19 Relazione sulla gestione 19

20 Stato Patrimoniale Riclassificato (importi in migliaia di euro) ATTIVO Var.% annue Cassa e disponibilità liquide ,4% Attiività finanziarie: ,8% attività finanz. detenute per la negoziazione ,3% attività finanz. disponibili per la vendita ,5% attività finanz. detenute sino alla scadenza 0 0 0,0% Crediti: ,3% crediti verso banche ,6% crediti verso clientela ,0% Partecipazioni ,0% Immobilizzazioni ,4% immobilizzazioni materiali ,3% immobilizzazioni immateriali ,0% - di cui: avviamento ,0% Attività fiscali: ,9% attività fiscali correnti ,3% attività fiscali anticipate ,3% Altre voci dell'attivo ,8% Totale dell'attivo ,5% Composizione delle attività Banche Clientela attività finanziarie Immobilizzazioni Altre voci 20

21 (importi in migliaia di euro) PASSIVO Var.% annue Debiti: ,9% debiti verso Banche ,8% debiti verso Clientela ,3% Titoli in circolazione ,3% Passività finanziarie di negoziazione 0 0 0,0% Derivati di copertura ,2% Passività fiscali: ,6% passività fiscali correnti ,0% passività fiscali differite ,0% Altre voci del passivo ,3% Patrimonio netto ,7% Totale del passivo ,5% Composizione delle passività Banche Clientela Titoli in circolazione Patrimonio Altre voci Derivati di copertura Passività fiscali: 21

22 Conto Economico Riclassificato (importi in migliaia di euro) Variazioni annue assolute relative Interessi attivi e proventi assimilati ,1% Interessi passivi e oneri assimilati (4.671) (3.217) ,2% MARGINE DI INTERESSE ,3% Commissioni attive ,0% Commissioni passive (331) (244) 87 35,7% COMMISSIONI NETTE ,0% Dividendi e proventi simili ,5% Risultato netto dell'attività di negoziazione (51) (36) 15 41,7% Risultato netto dell'attività di copertura (115) (92) 23 25,0% Utili da cessione o riacquisto di: (59) (659) ,0% a) crediti - (644) ,0% b) attività finanziarie disponibili per la vendita (74) (21) ,4% c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza 0 0-0,0% d) passività finanziarie ,0% Risultato netto delle attività e passività fin. valutate al fair value ,0% MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ,5% Rettifiche riprese di valore nette per deterioramento di: (1.745) (1.061) ,5% a) crediti (1.701) (1.079) ,6% b) attività finanziarie disponibili per la vendita ,0% c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza ,0% d) altre operazioni finanziarie (44) ,4% RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ,4% Spese amministrative: (7.509) (7.248) 261 3,6% a) spese per il personale (4.244) (4.110) 134 3,3% b) altre spese amministrative (3.265) (3.138) 127 4,0% Accantonamenti netti ai Fondi per Rischi ed Oneri (49) ,0% Rettifiche di valore nette su attività materiali (280) (292) -12-4,1% Rettifiche di valore nette su attività immateriali (3) (10) -7-70,0% Altri proventi di gestione ,8% COSTI OPERATIVI (7.073) (6.909) 164 2,4% Utile delle partecipazioni ,0% Utile da cessione di investimenti (9) ,0% UTILE DELLA OPER. CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE ,9% Imposte sul reddito del periodo (674) (605) 69 11,4% UTILE DI PERIODO ,9% 22

23 1. RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011 Signori Soci, anche per il 2011 possiamo rinnovare riflessioni e considerazioni già espresse nell assemblea dello scorso anno circa le difficoltà del momento. La crisi, iniziata nel 2008 negli Stati Uniti come crisi finanziaria, poi mutata in crisi dell economia reale, è divenuta, nel corso del 2010 e soprattutto nel 2011, crisi del debito pubblico, con impatti pesanti anche per il nostro Paese. Le banche italiane, ancorché lontane dagli eccessi dell ingegneria finanziaria, sono state così coinvolte in una spirale negativa, rischiando di pagare prezzi pesanti semplicemente per il fatto di essere italiane. L economia continua a soffrire. La ripartenza non sembra imminente. Per troppo tempo il mondo occidentale ha adottato un modello di sviluppo basato soprattutto sulla crescita del consumo e, spesso, su un eccesso di debito privato e pubblico, all interno di un processo di forte finanziarizzazione dell economia. La necessità di correzioni profonde nelle scelte dell Italia era nota da anni. La cultura del rinvio dei problemi, del vediamo domani, del qualcun altro risolverà, che consente di non affrontare i nodi nell immediato, ha offerto un vantaggio di corto respiro. Che diventa un danno, appena si guarda oltre l orizzonte del breve termine. Prima o poi, chi non sceglie, paga. In genere con gli interessi. E non c è una salvezza che magicamente si produce senza un proprio deciso intervento. Non ci sono salvatori da attendere. Ci sono piuttosto soluzioni, da individuare e mettere rapidamente in pista. Questo vale per l Italia, ma anche per il Credito Cooperativo e la Banca. In tale ambito, la nostra Banca, pur in un contesto di permanente difficoltà della realtà economica - produttiva locale, ha continuato a praticare una politica di sostegno al territorio di appartenenza erogando crediti e servizi alle famiglie ed alle aziende di piccola e piccolissima dimensione. Quest ultimi soggetti, che rappresentano il tessuto imprenditoriale e produttivo del territorio presso cui la Banca opera, sono quelli che hanno continuato a registrare le maggiori difficoltà di accesso al credito presso istituzioni bancarie diverse dal Credito Cooperativo. 23

24 Signori Soci, presso il territorio in cui la Banca opera, l esercizio appena concluso ha fatto registrare uno scenario di prolungata difficoltà economica e finanziaria ed accresciuta concorrenza per l elevata concentrazione di banche anche appartenenti al sistema del Credito Cooperativo. Pur nel contesto economico e concorrenziale appena descritto, sono stati conseguiti positivi risultati che sinteticamente vi rappresentiamo: 1. è stata confermata la capacità reddituale della Banca con un utile dell operatività corrente al lordo delle imposte pari ad 1,9 milioni. Il risultato in esame rappresenta l utile della gestione ordinaria che è stato positivamente influenzato dal margine di interesse attestatosi ad 9,6 milioni, in linea con il margine interesse registrato nel precedente esercizio 2010 ( 9,6 milioni). Tale risultato, è frutto di una politica volta ad incrementare i volumi medi intermediati dalla Banca, in un contesto di stabilità di tassi di interesse sui livelli minimi. In virtù del citato risultato positivo, la Banca ha potuto fronteggiare da un lato l aumento dei costi di struttura determinato in parte anche dall incremento dei volumi operativi, dall altro l aumento delle previsioni di perdita su crediti determinate sia dalla sfavorevole congiuntura economica, sia da prudenziali politiche di svalutazione praticate in un contesto di perdurante crisi economica e di prospettive per l esercizio 2012 ancora incerte. Il risultato economico in esame è stato altresì solo in parte interessato da un incremento del margine di intermediazione di 463 mila che pur avendo incassato meno commissioni ha beneficiato del fatto che nell esercizio 2011 non è stata effettuata nessuna cessione pro-soluto di crediti in sofferenza; 2. si è determinata una struttura patrimoniale, dopo l'imputazione alle riserve dell'utile netto d'esercizio, che consente in misura adeguata di presidiare i rischi complessivi connessi con l attività bancaria e partecipa positivamente alle dinamiche reddituali aziendali contribuendo alla formazione e stabilizzazione futura del reddito di esercizio. Per questa ragione si sono ravvisati i presupposti per redigere il bilancio d esercizio nella prospettiva della continuità aziendale. Il patrimonio netto aziendale comprensivo dell utile netto di esercizio, attribuito a riserve, ammonta alla fine dell esercizio 2011 ad 24 milioni; 24

25 3. è stata confermata la positiva dinamica degli aggregati patrimoniali per effetto dei maggiori volumi sviluppati dalla Banca. Tale positiva dinamica, ha determinato un valore delle risorse finanziarie amministrate a fine esercizio 2011 pari ad 336 milioni in aumento di 8 milioni rispetto al precedente esercizio (pari al 2,5%). In tale ambito, coerentemente alle strategie aziendali ed alla vocazione di banca locale, l incremento di fondi raccolti presso la clientela è stato impiegato come concessione di crediti alla stessa clientela per il sostegno e la crescita dell economia locale. Gli impieghi a clientela si sono collocati a fine esercizio 2011 ad 272,9 milioni in aumento di 10,4 milioni rispetto al precedente esercizio (pari al 4%). 25

26 1.1 IL QUADRO GENERALE La congiuntura economica Il 2011 è iniziato con indicazioni promettenti per la crescita mondiale. La ripresa procedeva in linea con le aspettative, segnali incoraggianti sul fronte della sua sostenibilità. Le prospettive di crescita hanno iniziato a deteriorarsi nel secondo trimestre, quando si sono avvertiti i primi segnali di un rallentamento dell economia mondiale, per subire un deterioramento più marcato nel mese di agosto a causa dell inasprirsi delle tensioni sui mercati finanziari legate all intensificarsi della crisi del debito sovrano nell area euro, che si sono ripercosse sulla fiducia e sui costi di finanziamento dei consumatori e delle imprese. L escalation della crisi del debito nei mesi successivi ha dato luogo ad una risposta da parte dei paesi dell area euro che si è concretizzata in un accordo su un piano di ricapitalizzazione per le banche europee, un nuovo patto fiscale inter-governativo con regole più stringenti in ambito fiscale e la decisione di anticipare il varo del meccanismo europeo di stabilità. Ciò è stato accompagnato da significative misure di consolidamento fiscale nei paesi considerati più vulnerabili e da interventi della Banca Centrale Europea volti a supportare la liquidità nel settore bancario. Dopo un accentuata fase di rallentamento, il 2011 si è chiuso con primi segnali di stabilizzazione. Per quanto riguarda l inflazione, nei paesi avanzati si è avuta una stabilizzazione nella seconda metà dell anno, mentre nei paesi emergenti c è stato un rallentamento negli ultimi mesi dell anno rispetto a livelli, comunque, elevati. Nell area euro, il tasso di crescita per il 2011 nel suo insieme è stato dell 1,5%, rispetto all 1,8% nel In particolare, la crescita economica, dopo una prima metà dell anno relativamente favorevole in cui il prodotto interno lordo è cresciuto del 2,0% (tasso annualizzato), ha registrato un deterioramento nella seconda metà dell anno. La perdita di fiducia da parte degli investitori ha spinto gli spreads tra i titoli governativi italiani e spagnoli ed i titoli di stato tedeschi a livelli record forzando i rispettivi governi a intraprendere un consolidamento fiscale significativo e causando difficoltà di finanziamento per il settore bancario. Tutto ciò ha avuto ripercussioni sulla fiducia e sui costi di finanziamento delle imprese e dei consumatori e quindi, attraverso questi canali, sull economia reale. Il prodotto interno lordo è cresciuto soltanto dello 0,1% nel terzo trimestre e si è 26

27 contratto dello 0,3% nell ultimo trimestre dell anno. Durante il mese di dicembre, comunque, si sono manifestati i primi segnali di stabilizzazione dell attività economica. L inflazione, dopo aver raggiunto un picco del 3,0% a novembre, ha intrapreso un trend di rallentamento scendendo al 2,7% in dicembre. Per quanto riguarda la politica monetaria, la Banca Centrale Europea, alla luce dell intensificazione delle tensioni sui mercati finanziari e del deterioramento delle prospettive di crescita, ha ridotto il tasso di riferimento di 25 punti base a novembre e a dicembre portandolo dall 1,5% all 1,0%. La BCE ha anche annunciato una serie di misure straordinarie volte ad assicurare un corretto funzionamento dei canali di trasmissione della politica monetaria, quali l introduzione di operazioni di rifinanziamento a lungo termine con durata di uno e tre anni, un nuovo programma di acquisto di covered bonds, ed un allentamento delle regole per il collaterale. Sul quadro congiunturale dell economia italiana pesano il rallentamento del commercio mondiale e l aggravarsi della crisi del debito sovrano, che ha spinto al rialzo i costi di finanziamento, nonché l effetto sul reddito disponibile delle manovre correttive di finanza pubblica, che tuttavia hanno evitato conseguenze più gravi sull economia reale. Nel terzo trimestre del 2011 il PIL dell Italia è sceso dello 0,2% sul periodo precedente, segnando la prima flessione dall inizio del La dinamica del prodotto ha risentito della debolezza della domanda interna, in presenza di un calo dei consumi delle famiglie (-0,2%) e degli investimenti (-0,8%). L interscambio con l estero ha continuato a sostenere la dinamica del PIL, per circa 0,8 punti percentuali: le esportazioni sono cresciute dell 1,6% sul periodo precedente; le importazioni, in connessione con l indebolimento della domanda interna, sono ulteriormente diminuite (-1,1%). La variazione delle scorte ha sottratto circa mezzo punto percentuale alla dinamica del prodotto. Il recupero dell occupazione, iniziato nel quarto trimestre del 2010, si è arrestato negli ultimi mesi dello scorso anno: i dati provvisori relativi ai mesi di ottobre e novembre segnalano un calo degli occupati rispetto al mese precedente e una ripresa del tasso di disoccupazione, che tra i più giovani ha raggiunto valori molto elevati. Anche se continua a ridursi il ricorso alla Cassa integrazione, peggiorano 27

28 le aspettative occupazionali delle imprese. Le retribuzioni calano in termini reali, anche per il blocco delle retribuzioni pubbliche. Negli Stati Uniti, la crescita nel 2011 nel suo insieme è stata moderata (1,7% rispetto a 3,0% del 2010). Dopo una performance solida di fine 2010, la crescita è stata frenata da fattori temporanei quali gli effetti del terremoto in Giappone sulla catena di distribuzione mondiale, e l aumento dei prezzi delle materie prime che ha ridotto il reddito disponibile delle famiglie. Il prodotto interno lordo è cresciuto soltanto dello 0,4% (tasso trimestrale annualizzato) nel primo trimestre e dell 1,3% nel secondo trimestre. La crescita, una volta svanito l effetto di questi fattori temporanei, ha acquistato di nuovo momentum registrando tassi più sostenuti nel terzo e quarto trimestre (1,8% e 2,8%, rispettivamente). Nonostante la crescita nel suo insieme sia stata moderata, il tasso di disoccupazione è diminuito di un punto percentuale, dal 9,4% a dicembre del 2010 a 8,5% a dicembre del Insieme al permanere di un alto tasso di disoccupazione, il debito pubblico rimane una delle questioni più spinose. In agosto, Standard and Poor s ha tagliato il rating del debito sovrano da AAA a AA+, a causa della mancanza di misure concrete per la riduzione del debito federale. L inflazione è aumentata nella prima metà dell anno principalmente a causa dei prezzi delle materie prime. Alla luce di una moderazione nei ritmi di crescita, la Federal Reserve ha allentato ulteriormente la politica monetaria nel Dopo aver portato a termine il programma di acquisto di 600 miliardi di dollari in titoli pubblici a lungo termine che era stato annunciato alla fine del 2010, la Banca Centrale Europea ha annunciato che intende mantenere i Fed funds fermi almeno fino alla fine del Lo scopo di quest ultimo annuncio è abbassare i tassi di lungo termine influenzando le attese dei partecipanti ai mercati finanziari Contesto bancario e mercati finanziari Sul finire del 2011 si è accentuata la dinamica di rallentamento del credito al settore privato nell area euro, in coerenza con il rallentamento dell attività economica, che ha toccato probabilmente il punto peggiore negli ultimi mesi del 2011, e con il forte inasprimento dei criteri di erogazione del credito alle famiglie 28

29 ed alle imprese. Le banche partecipanti all Indagine sul Credito Bancario, condotta dalla Banca Centrale Europea, hanno evidenziato che il forte irrigidimento delle condizioni di offerta nell ultimo trimestre del 2011 ha riflesso soprattutto le forti difficoltà di raccolta sui mercati delle banche, oltre che crescenti rischi di credito. Nell area euro, nel complesso, i prestiti bancari al settore privato (famiglie ed imprese) hanno mostrato negli ultimi due mesi del 2011 un marcato trend di rallentamento, con la crescita su base annua che si è attestata all 1,0% nel mese di dicembre, rispetto ad un ritmo di espansione superiore al 2,5% a/a nel corso dell intero anno. La dinamica di espansione del credito in Italia ha evidenziato un trend di rallentamento particolarmente pronunciato. Qui le banche hanno subito più direttamente i contraccolpi dell aggravarsi della crisi del debito sovrano, con evidenti riflessi in termini di un netto irrigidimento delle condizioni di offerta dei prestiti nell ultimo trimestre del 2011, riportatosi su livelli prossimi a quelli osservati dopo il collasso di Lehman. Come conseguenza, in Italia, i prestiti al settore privato hanno mostrato in dicembre una crescita su base annua di solo l 1,8%, ben distante dal tasso di espansione prossimo al 7% annuo che si era osservato a febbraio del Più in dettaglio, i prestiti alle famiglie hanno continuato a registrare una dinamica di decelerazione, attestandosi al 4,3% annuo in dicembre, mentre il tasso di crescita dei prestiti alle imprese, dopo un trend di recupero nel corso dell anno, si è deteriorato sensibilmente proprio negli ultimi due mesi del 2011, scendendo al 3,1% annuo in dicembre. La dinamica della raccolta del sistema delle banche, sebbene abbia evidenziato in generale una lieve ripresa nella seconda parte del 2011 a livello Europeo, si è confermata più debole in Italia. In particolare, a livello nazionale la dinamica di rallentamento dei depositi alla clientela ha riflesso principalmente il proseguire di una dinamica di contrazione dei depositi in conto corrente (di circa -3,0% annuo nel mese di dicembre) e di una decelerazione dei depositi rimborsabili con preavviso, che hanno segnato una incremento su base annua di solo l 1,7% in dicembre (da un +5,4% annuo in dicembre 2010). A pesare su entrambe le forme di raccolta presso la clientela privata è stato il progressivo deterioramento del tasso di risparmio delle famiglie italiane, in un contesto di estrema debolezza del reddito disponibile. 29

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli