BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA PER IL MICROCREDITO: NASCE MICROCREDITO DI SOLIDARIETÀ S.p.A TO MAKE POVERTY HISTORY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA PER IL MICROCREDITO: NASCE MICROCREDITO DI SOLIDARIETÀ S.p.A TO MAKE POVERTY HISTORY"

Transcript

1 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA PER IL MICROCREDITO: NASCE MICROCREDITO DI SOLIDARIETÀ S.p.A TO MAKE POVERTY HISTORY Autori Dott. Francesco Suma Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Ing. Francesco Mereu Banca Monte dei Paschi di Siena

2 INDICE Abstract Introduzione al Microcredito Il ruolo delle banche nel microcredito Profilo della Società Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A Microcredito di Solidarietà S.p.A Le motivazioni e i destinatari dell iniziativa Le risorse impiegate L organizzazione: la società, Banca Monte Paschi e centri d ascolto Le garanzie richieste Prospettive future ed esperienze del passato Conclusioni e questioni aperte Data e autori del caso 2

3 Abstract Banca Monte dei Paschi di Siena, una delle prime cinque banche italiane, ha avviato un progetto, in accordo con Istituzioni Politiche Locali, Enti religiosi e alcune Associazioni di Volontariato, per la costituzione di una società finanziaria Microcredito di Solidarietà S.p.A, specializzata nell attività di microcredito a favore di alcune fasce deboli della popolazione. La società entra nella fase di piena operatività da giugno 2006, grazie alla collaborazione di una rete di centri di ascolto, che rappresentano il contatto tra persone bisognose e istituzione finanziaria. Il progetto è circoscritto alla Provincia di Siena, con possibilità di future espansioni in altre aree geografiche. Con questo strumento si agevola il sostegno economico di alcuni soggetti non bancabili, evitando la loro esclusione socio economica e favorendo una migliore integrazione. Introduzione al Microcredito La riduzione della povertà nel Mondo è uno dei Millennium Development Goals dell ONU, indicati dai Leader mondiali nell UN Millennium Summit nel Settembre 2000: l obiettivo specifico prevede di dimezzare la povertà entro il La microfinanza e il microcredito possono contribuire in modo significativo al raggiungimento di questo traguardo e degli altri obiettivi 1 : per promuovere la diffusione e la conoscenza di questi strumenti il 2005 era stato dichiarato Anno Internazionale per il Microcredito. La decisione era stata presa nel corso dell Assemblea generale dell ONU il 15 dicembre 1998, con la risoluzione 53/198, specificando che la celebrazione doveva essere un'occasione speciale per dare slancio ai programmi di microcredito in tutto il mondo. Nella stessa risoluzione i Governi, gli Organi delle Nazioni Unite e le ONG impegnate nel settore sono stati invitati ad evidenziare e diffondere l'importante ruolo che il microcredito ha nell'eliminazione della povertà e nello sviluppo sociale. L'Assemblea ha inoltre invitato tutti coloro che sono impegnati nella lotta alla povertà a rafforzare e potenziare le istituzioni di microcredito esistenti, al fine di offrire a un sempre maggior numero di persone la possibilità di accedere al credito e ai servizi finanziari, per permettere loro di esercitare un'attività indipendente e remunerativa. L importanza di questo evento era stata indicata dalle parole del Segretario Generale delle Nazioni Unite il 18 ottobre 2004, in occasione della presentazione delle iniziative per l evento: The International Year of Microcredit 2005 underscores the importance of microfinance as an integral part of our collective effort to meet the Millennium Development Goals. The challenge before us is to address the constraints that exclude people from full participation in the financial sector. The International Year of Microcredit offers a pivotal opportunity for the international community to 1 1 Sradicare la fame e la povertà; 2 garantire l istruzione primaria a tutti; 3 promuovere l uguaglianza tra i sessi e favorire l ascesa femminile; 4 ridurre la mortalità infantile; 5 migliorare la salute nello stato di gravidanza; 6 combattere HIV/AIDS, la malaria ed altre malattie; 7 assicurare la sostenibilità ambientale; 8 creare un accordo globale per lo sviluppo 3

4 engage in a shared commitment to meet this challenge. Together, we can and we must build inclusive financial sectors that help people improve their lives. Kofi Annan Segretario Generale delle Nazioni Unite Nel corso della stessa Assemblea Generale, era stato adottato un Piano d'azione che si pone 5 obiettivi fondamentali: contribuire al raggiungimento degli "Obiettivi del Millennio"; accrescere nel pubblico la consapevolezza del ruolo del microcredito per lo sradicamento della povertà; individuare misure maggiormente significative a stimolare lo sviluppo sostenibile di strumenti finanziari a favore delle classi più svantaggiate; accrescere la capacità e l'efficienza dei fornitori di servizi di microcredito e di microfinanza nel rispondere alle necessità delle classi povere; incoraggiare innovazione e partneriati. Il ruolo delle banche nel microcredito Le istituzioni finanziarie, tra cui le banche, hanno un ruolo fondamentale nell offerta di prodotti e servizi di microcredito, perché possono consentire l accesso al credito a soggetti poveri, promuovendo in tal modo la giustizia sociale, le pari opportunità, lo sviluppo economico. Le situazioni di povertà, che si presentano in un Paese industrializzato come l Italia, sono ben diverse da altri contesti, ma crescono le situazioni di disagio socio-economico, nonostante il livello di vita medio sia piuttosto elevato. La bancabilità di un soggetto è quella capacità reddituale o situazione patrimoniale e di garanzie che lo rendono affidabile di credito. La mancanza di questa condizione non deve essere fonte di esclusione economica e sociale, deve prevalere un senso di solidarietà e di responsabilità sociale, basate sulla fiducia nelle persone per impedire l aggravarsi di condizioni già precarie. In linea con quanto descritto, il caso della costituzione di una società Microcredito di Solidarietà S.p.A, su progetto di Banca Monte dei Paschi S.p.A., è conforme all impegno richiesto dalle Nazioni Unite, per la costruzione di reti che sostengano e diffondano gli strumenti di microcredito, riuscendo a coinvolgere una molteplicità di istituzioni. La promozione di questa iniziativa vuole dimostrare l applicazione dei Principi del Global Compact nelle pratiche aziendali, in particolare nel I Principio sul rispetto e la promozione dei Diritti Umani nella propria sfera di influenza. 2 2 Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia Dall art 25 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo. Inoltre si può considerare richiamato l art. 23 della Medesima in materia di lavoro: Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell'impiego, a 4

5 Profilo della società Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A è conosciuta come la banca più antica del mondo, la cui costituzione risale al 1472, come Monte di Pietà, nato per volere delle Magistrature Senesi per aiutare le persone più bisognose. Nella storia recente, dal 1936 al 1995, il Monte dei Paschi di Siena era stato trasformato in un Istituto di Credito di Diritto Pubblico: con decreto del Ministero Italiano del Tesoro, è stata stabilita la scissione tra Banca Monte dei Paschi (Società per Azioni) ed Istituto Pubblico, che ha assunto il nome di Fondazione Monte dei Paschi di Siena. La Fondazione MPS è il primo azionista di Banca MPS, di cui possiede il 49% del capitale ordinario, ed è un associazione senza scopo di lucro, che persegue scopi di utilità sociale con erogazioni e liberalità proprie, o sostegno di terzi, in progetti di ricerca scientifica, di volontariato, di assistenza, promozione dell arte e della cultura con riferimento al territorio di Siena. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A è invece una società italiana con scopo di lucro, a capo di un gruppo bancario-assicurativo di primo piano nel mercato italiano (è la quarta/quinta banca italiana per dimensione), con una propensione verso il mercato Europeo e Internazionale, dove è presente con proprie filiali e Uffici di Rappresentanza. Dal 1999 è quotata alla Borsa Valori di Milano e a fine 2005 capitalizzava Milioni di Euro. La sede della società è a Siena, presso il Palazzo Salimbeni. Il gruppo è impegnato nel settore bancario, con Banca Monte Paschi di Siena, altre due banche commerciali di rilievo nazionale (Banca Toscana e Banca Agricola Mantovana), diverse società specializzate nei vari comparti (Leasing, Factoring, Credito al Consumo, Private Banking, Corporate Banking), nel settore finanziario e di intermediazione mobiliare, in quello assicurativo ed in altri settori collaterali come la Riscossione Tributi. Nel territorio italiano il Gruppo MPS è presente con circa 1880 filiali, sparse in tutte le Regioni. All estero operano tre società bancarie (in Belgio, Francia e Marocco), a cui si aggiungono filiali ed uffici a Londra, Francoforte, Bratislava, New York, Istanbul, Mosca, Mumbai, Hong Kong, Pechino, Shanghai, Canton, Casablanca, Tunisi e Algeri, per un totale di circa 30 Uffici, con il compito principale di favorire l espansione commerciale produttiva delle imprese italiane all estero. Nell ultimo biennio la società e il gruppo hanno fatto registrare una decisa crescita. In particolare nel 2005 è stato registrato l utile consolidato più alto nella storia della società pari a 790 milioni di Euro, con un incremento del 42% rispetto all anno precedente, e da un margine della gestione finanziaria e assicurativa pari a 4727 milioni di Euro, in aumento del 7,4% rispetto a fine giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro ( )Ogni individuo che lavora ha diritto ad una remunerazione equa e soddisfacente che assicuri a lui stesso e alla sua famiglia un'esistenza conforme alla dignità umana ed integrata 5

6 2004. La raccolta diretta ammonta a milioni di Euro (quarto posto in Italia tra gli Istituti di Credito), l attivo totale è pari a milioni di Euro. Il principale concorrente nel settore bancario italiano di Monte Paschi è il gruppo bancario Capitalia, con il quale si contende il quarto o quinto posto nelle classifiche dei vari indicatori: il settore è infatti dominato dal gruppo Unicredito, a cui seguono Banca Intesa e il gruppo San Paolo Imi. La quota di mercato si attesta pertanto intorno al 6,5% negli impieghi a breve, al 10,7% nella Bancassicurazione, 5,9% nel risparmio gestito, 4,6% nel credito al consumo. Il Gruppo MPS ha integrato le pratiche di responsabilità sociale d impresa nella propria filosofia di business, redigendo un Piano Strategico di Responsabilità Sociale e integrando queste azioni nel Piano Industriale. Rappresenta un caso di successo anche per le certificazioni ambientali, sociali e di gestione della qualità, conseguite dalla società capogruppo e dalla controllata MPS Banca per l Impresa, prima banca al mondo a conseguire la certificazione SA Ha aderito dal giugno 2002 al Global Compact e partecipa attivamente al progetto italiano Sviluppo Sostenibile attraverso il Global Compact. Pubblica un proprio bilancio socio ambientale dal 2000, mentre nel 2006 pubblicherà il primo bilancio socio ambientale consolidato, con riferimento a tutte le società del gruppo MPS. Ulteriori informazioni sull azienda sono disponibili al sito internet aziendale mentre per i bilanci sociali Microcredito di Solidarietà S.p.A Le motivazioni e i destinatari dell iniziativa Dare aiuto a soggetti deboli è un opera sempre meritevole: in questo caso si tratta di dare un sostegno finanziario a persone fisiche che trovano difficoltà ad ottenere credito. Banca Monte dei Paschi di Siena, continuando l esperienza passata nel campo della finanza sociale, ha deciso di sviluppare un modello innovativo per operare nel settore del microcredito, costituendo un soggetto terzo, in collaborazione con le istituzioni locali e le principali realtà del volontariato della Provincia di Siena: infatti nel gennaio 2006 è stata costituita la società finanziaria Microcredito di Solidarietà S.p.A, che ha avviato la propria attività, a seguito della concessione da parte dell Ufficio Italiano Cambi, nel mese di giugno 2006 e raggiungerà la piena operatività tra poche settimane. Questo progetto intende contribuire al miglioramento delle condizioni sociali di vita della comunità, cercando di arginare la solitudine, l incomunicabilità e il disagio, che sono spesso cause di ricorso a pratiche illegali o di caduta nella rete di usurai: è un impegno sostenibile teso al miglioramento della qualità della vita e del benessere collettivo. L iniziativa nasce per rispondere alle richieste di finanziamento di alcune categorie di soggetti deboli, in difficoltà nell accesso al credito bancario 6

7 ordinario, non potendo rilasciare idonee garanzie a fronte delle somme ricevute e avendo una situazione giuridico patrimoniale non adeguata: tra i potenziali beneficiari di questa iniziativa figurano detenuti in semi-libertà, persone che vogliono costituire piccole cooperative di servizi cui occorrono risorse per lo start-up, extracomunitari in regola con il permesso di soggiorno, desiderosi di ricongiungersi con la propria famiglia; non è definibile una limitazione di categorie destinatarie dei prestiti ed escluderne delle altre, altrettanto meritevoli di attenzione e supporto. Non è un progetto di beneficenza a fondo perduto, ma rientra nelle azioni di responsabilità sociale a sostegno del territorio: l operatività della società è infatti circoscritta, al momento, alla Provincia di Siena, in cui è nata e si è radicata la consolidata esperienza di Banca Monte Paschi di Siena. Le risorse impiegate La società Microcredito di Solidarietà S.p.A possiede una dotazione iniziale di risorse, pari all ammontare del suo capitale sociale di 1 milione di euro: i principali azionisti sono Banca Monte dei Paschi di Siena, che ha contributo con il 40% del capitale, l Amministrazione Provinciale di Siena (15%) e il Comune di Siena (15%). A questi partner principali si aggiungono l Arcidiocesi di Siena, Colle Val d Elsa e Montalcino (5%), la Diocesi di Montepulciano, Chiusi e Pienza (5%), e le tre principali Associazioni di Volontariato del territorio, ovvero l Arciconfraternita di Misericordia di Siena, l Associazione di Pubblica Assistenza di Siena e l ARCI Nuova Associazione che insieme hanno contributo per il 10% del capitale. Il restante 10% del capitale sociale è stato versato da numerose Amministrazioni Comunali (33) della Provincia di Siena. Già a partire dal secondo anno la società dovrebbe poter operare in condizioni di pareggio economico, autofinanziando i prestiti con le somme restituite: l obiettivo è di recuperare le somme prestate e di realizzare un modesto utile, per incrementare i fondi a disposizione. La dotazione patrimoniale è già stata incrementata grazie al contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena di 400 Mila Euro. L attività della società consiste principalmente nell erogazione di finanziamenti a tassi d interesse contenuti, in linea con i tassi applicati dalle altre strutture del settore. Bisogna anche considerare che in queste pratiche non sono percepite commissioni. Gli importi erogati sono non superiori agli 8000/10000 euro. La durata massima dei finanziamenti concessi è stabilita a 60 mesi, con una durata media intorno ai 36 mesi. 7

8 L organizzazione: la società, Banca Monte Paschi e i centri d ascolto La struttura organizzativa della società è composta da un Consiglio di Amministrazione, formato da 9 membri, da un Direttore Generale con deleghe conferite dal Consiglio e da una Segreteria; il Direttore si avvale di un Comitato di Valutazione, esterno alla società, per la concessione dei prestiti. A questi organi si aggiunge il Collegio Sindacale, previsto in tutte le Società per Azioni. Consiglio di Amministrazione Comitato di Valutazione Direttore Generale Audit (outsourcing affidato a Banca MPS) Segreteria di Direzione Gestione Posizioni Rapporti Istituzionali e Bilancio Fig 1. Assetto organizzativo di Microcredito di Solidarietà S.p.A Fonte Business Plan della società I membri del Consiglio di Amministrazione riflettono la composizione azionaria della società: 2 sono nominati su indicazione di Banca Monte Paschi (tra cui il Presidente), 2 dalla Provincia di Siena, 2 dal Comune di Siena, 1 dalle Diocesi, 1 dalle Associazioni di Volontariato, 1 dai restanti Comuni della Provincia. Presidente della Società è stato nominato Mario Marzucchi, Provveditore dell Arciconfraternita di Misericordia ed Istituzioni Riunite di Siena, nonché ex responsabile del servizio Economato del Gruppo MPS: le sue competenze spaziano quindi dalla conoscenza dei problemi socio assistenziali a quelli economici e bancari. Il Direttore Generale e la Segreteria sono dipendenti di Banca Monte dei Paschi di Siena, persone dotate di competenza ed esperienza in materia bancaria, in particolare il Direttore della Società era responsabile dell Area Politiche di Credito. La maggior parte delle persone operanti nella società sono volontari e prestano il loro servizio a titolo gratuito, secondo quanto stabilito dallo Statuto, pertanto la società non ha costi diretti per il funzionamento. Il supporto operativo della società è garantito dalla rete di filiali di 8

9 Banca MPS, che svolge questa funzione in outsourcing, tramite un contratto di service, ottenendo un compenso forfetario annuo molto contenuto, in ragione dei costi amministrativi che comporta l erogazione del finanziamento e la restituzione delle rate. Una parte fondamentale della struttura organizzativa è rappresentata dai Centri di Ascolto, appositamente individuati dagli Enti Locali, Istituzioni ed Associazioni di Volontariato: fanno parte della rete circa 30 uffici, dislocati nella Provincia senese, in rappresentanza delle Associazioni di Volontariato iscritte nell apposito registro della Provincia di Siena; è prevedibile l incremento di questo numero di enti che hanno il compito di segnalare i casi meritevoli di finanziamento. Il personale dei Centri di Ascolto, che presta la sua opera in modo gratuito e volontario, ha il compito di raccogliere informazioni utili per la valutazione del merito creditizio: sono normalmente persone con esperienze professionali qualificanti (avvocati, bancari, psicologi), che non solo esprimono il proprio parere sulla moralità delle persone, ma vigilano sul reale impiego responsabile delle somme ricevute. Gli operatori dei centri di ascolto frequentano quattro giornate di formazione, sotto la guida di consulenti esterni o di personale di Banca MPS, su diverse tematiche dall ambito sociale a quello più tecnico. Oltre allo spirito di volontariato è ottimale la conoscenza del territorio circostante. I volontari non hanno la possibilità di decidere se concedere o rifiutare la richiesta di prestito, ma si limitano alla compilazione di un questionario, su cui si fonda il giudizio tecnico di concessione. Hanno però funzione consultiva: il giudizio espresso e trasmesso nel questionario sulla base della loro esperienza passata, della conoscenza personale dell interessato, è utile per la valutazione del progetto e della sua finalità. La concessione del finanziamento è rilasciata dal Consiglio di Amministrazione della Società, solo a seguito di un giudizio di merito espresso dal Comitato di Valutazione, coordinato dal Direttore Generale, in particolare a soggetti ritenuti moralmente in grado di impegnarsi nello sviluppo delle proprie potenzialità: diverse possono essere le esigenze che spingono persone a richiedere tali prestiti, tra cui la mancanza momentanea di liquidità per difficoltà personali o della famiglia, partecipazione a corsi di formazione per il reinserimento nel mondo del lavoro, avvio di nuove imprese, o altre motivazioni socialmente valide, ma non ritenute tali dai canali tradizionali di finanziamento. Le persone interessate devono recarsi presso uno dei Centri di Ascolto con un documento di identità (e copia del permesso di soggiorno se straniere), compilare la modulistica di richiesta da inviare alla Società stessa, indicando lo sportello di Banca MPS più comodo per la gestione del prestito. L erogazione delle somme presso le filiali del Monte Paschi di Siena è uno degli impegni dell Istituto senese, che si occupa anche dell incasso delle rate in scadenza, oltre a effettuare controlli di audit, prestare consulenza alla società Microcredito per le attività svolte e i servizi amministrativi, consentire l uso di spazi e attrezzature di sua proprietà, tra cui la sede sociale. 9

10 Le garanzie richieste Per l ottenimento del prestito non è necessario il rilascio di alcuna garanzia, in quanto il rapporto si fonda sulla moralità del richiedente e la sua capacità di rispettare gli impegni assunti, riattivando un processo di fiducia nelle proprie capacità, che spesso viene limitato dall assenza di risorse finanziarie da investire in un attività economica, con beneficio sociale anche sulle altre persone coinvolte in tali iniziative (famiglie, lavoratori, ecc). Un punto di forza della struttura è la rapidità nello svolgimento della pratica, che dovrebbe esaurirsi entro dieci giorni lavorativi. La particolarità di questa società indipendente, rispetto ai modelli tradizionali italiani di progetti di microcredito, è infatti, l assenza di un fondo di garanzia per eventuali sofferenze, costituito con capitale pubblico, peraltro già presente con proprie quote di capitale nel fondo iniziale tramite l Amministrazione Provinciale e quelle Comunali. Rappresenta un evoluzione di questo settore, con una governance congiunta insieme ad amministrazioni pubbliche e alle associazioni impegnate nel volontariato o nel sostegno agli emarginati. Prospettive future ed esperienze del passato I risultati previsti per il primo anno di attività sono 80 finanziamenti, con la prospettiva di raggiungere circa 150 finanziamenti annui, dopo un periodo di messa a regime di 2/3 anni. Banca MPS crede in questo progetto, dal momento che ha avviato un attività simile da 10 anni, ma con una struttura diversa, in collaborazione sempre con l Arciconfraternita di Misericordia di Siena, per tre tipologie di progetti: antiusura, fallimenti immobiliari, prestiti di solidarietà. Questo ultimo segmento appare un precursore della nuova società costituita, e si fondava in partnership tra Banca MPS, Misericordie di Siena e Fondazione Monte dei Paschi di Siena. I destinatari dei fondi erano i medesimi, famiglie bisognose, immigrati regolari per favorire l inserimento, persone che avevano perso il posto di lavoro o con altri problemi finanziari. Per la concessione del prestito, ci si avvaleva sempre dei centri di ascolto, in questo caso non solo limitati alla zona di Siena, ma anche di Grosseto, Porto S. Stefano, quindi un area geografica di riferimento più ampia. Un ulteriore distinzione riguardava la provenienza dei fondi: la somma iniziale derivava da un fondo di garanzia di Euro, concesso dalla Fondazione. Anche la valutazione del merito di credito era affidata unicamente alle Misericordie, tramite la Commissione Centrale Crediti: dopo aver stabilito se inoltrare la richiesta di concessione alla banca, l istituto di credito poteva con autonomia decidere sul merito. Rispetto a quel modello, si è voluto quindi costruire un organizzazione più snella, libera di decidere, pur avvalendosi della competenza dei medesimi volontari dei centri di ascolto e di ex dipendenti di Banca Monte dei Paschi di Siena. 10

11 L altra iniziativa, avviata già dal 1996 tra Banca MPS e Misericordie di Siena, si è estesa ad altre città toscane, coinvolgendo altre banche convenzionate e la Regione Toscana. Anche in questo caso il fondo di dotazione iniziale di Euro era stato donato dalla Fondazione Monte dei Paschi. Le Misericordie hanno ottenuto dallo Stato Italiano il riconoscimento come unico soggetto operante nella Regione Toscana nella prevenzione antiusura, ottenendo un ulteriore fondo di garanzia statale, di oltre 2,3 milioni di euro. I finanziamenti, con prestiti massimi pari a Euro, erano destinati a persone che, a causa di protesti, pignoramenti, sovraindebitamenti per cattiva gestione, non riuscivano ad ottenere credito presso le banche. La procedura di valutazione era simile a quanto descritto sopra, ma più concentrata sul segmento imprese di diversi settori o lavoratori dipendenti, con una buona percentuale di domande accolte dalle banche. Nel complesso, dall inizio dell attività a fine 2004, Banca Monte dei Paschi ha erogato 742 finanziamenti, per un totale di 13,5 milioni di euro. Queste iniziative non verranno interrotte, ma affiancheranno la nuova società Microcredito di Solidarietà, perché sono diverse la filosofia e la tecnica di concessione: nel modello della nuova società conta molto di più l aspetto solidale di responsabilizzazione e reinserimento dell individuo, senza nessun tipo di garanzia finanziaria. Invece, nelle altre esperienze, la valutazione del credito e della finalità economica del progetto sono parte fondamentale, perché i destinatari sono soggetti bancabili ma in difficoltà, e le istituzioni si curano di dare accesso al capitale da reinvestire, senza richiedere tassi di interesse troppo onerosi, e impedire di ricorre all usura (o aiutano ad uscirne, qualora si è rimasti coinvolti). È allo studio un sistema per impedire che i medesimi soggetti possano beneficiare di tutte queste opportunità di finanziamento, con il rischio di escludere altri progetti meritevoli ma inascoltati per scarsità di risorse disponibili. Il progetto Microcredito di Solidarietà S.p.A è stato voluto fortemente sia dalle associazioni di volontariato sia dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, da sempre impegnata in questo ambito, che ha contribuito al progetto ma non è entrata direttamente nell azionariato. Certamente l iniziativa rientra tra gli impegni assunti da Banca MPS e dal Consiglio di Amministrazione per il anno del microcredito, su invito molto specifico delle Nazioni Unite, accolto anche dalle istituzioni italiane. Rappresenta una significativa esperienza di collaborazione tra primo settore (Amministrazione Provinciale e Comunali), secondo (la banca come impresa) e terzo (le associazioni di Volontariato ed altri enti coinvolti), con una perfetta sinergia delle reciproche forze e mezzi a disposizione: l obiettivo del progetto, come in genere nella finanza etica e sociale, è la valorizzazione non solo dell aspetto economico, che rientra nel business d impresa, ma del suo riflesso non economico, la persona e la sua situazione attuale di difficoltà, l idea imprenditoriale e non il patrimonio che può dare garanzia, con tutte le conseguenze su altri soggetti coinvolti. 11

12 Conclusioni e questioni aperte Banca Monte dei Paschi di Siena ha progettato questa struttura organizzativa, che potrebbe rappresentare un modello vincente nel settore del microcredito. Altre banche italiane hanno già dimostrato interesse per questo esempio. L estensione del progetto al di fuori della Provincia di Siena è auspicabile per il futuro, con un orizzonte regionale in Toscana (prima di poter pensare ad un raggio più ampio), ma è soltanto una possibilità e un auspicio, che prima deve essere supportato dalla validità e dai risultati di questo progetto, e certamente non prima del L esperienza già maturata in certi segmenti della microfinanza (prestiti antiusura) è un punto di forza, a favore di Banca MPS. La struttura capillare di supporto, formata dai centri di ascolto, è ormai consolidata nella zona di Siena, dove collaborano da diversi anni con Banca e Fondazione Monte dei Paschi nella realizzazione di progetti simili e hanno costruito una rete tra associazioni di volontariato, istituzioni politiche e finanziarie: è stata descritta sopra la collaborazione con la Regione Toscana. Per l estensione ad altre aree si deve anche valutare l applicabilità di un progetto simile con la creazione di comitati locali e con il coinvolgimento di operatori sul territorio. Ci sono state difficoltà iniziali legate agli aspetti organizzativi: la rete dei centri di ascolto e i legami con le associazioni sono un punto di forza, ma incrementano la complessità dell organizzazione. Non esisteva in Italia un modello vincente che potesse essere esempio, quindi il compito è stato ancora più arduo; nessuna Istituzione però vive nel contesto di Siena da così tanti anni come il Monte Paschi, che conserva un capitale sociale in termini di reputazione e legami con l area geografica irripetibile. Proprio per questa ragione si è scelto di partire dal territorio più conosciuto e con una struttura indipendente e specifica che consente maggiore libertà di azione e di scelta sulla tipologia di interventi da attuare. 12

13 Data del caso: Giugno 2006 Autori Questo Business Case Study è stato scritto dal dott. Francesco Suma, studente del corso di Laurea Specialistica in Management d Impresa presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. ( con la collaborazione dell Ing. Francesco Mereu, Settore Politiche Ambientali di Banca Monte Paschi di Siena. La revisione del Business Case Study è a cura del prof. Mario Molteni, Professore Ordinario di Economia Aziendale e Corporate Strategy presso l Università Cattolica di Milano e Direttore di ALTIS, Alta Scuola di Impresa e Società. Contatti di Banca Monte dei Paschi di Siena Gianfranco Indrizzi, Project Manager, Area Politiche del Credito Banca MPS, Luciano Pivetta, Responsabile Servizio Politiche Ambientali, Salute, Sicurezza e Privacy Banca MPS, Francesco Mereu, Settore Politiche Ambientali Banca MPS, Contatto Microcredito di Solidarietà Mario Marzucchi, Presidente Microcredito Solidarietà S.p.A, 13

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli