QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI"

Transcript

1 Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

2 Il Comune di Empoli ha avviato l elaborazione di una proposta di revisione del Regolamento Urbanistico (RU). La proposta sarà predisposta dagli Uffici tecnici dell Amministrazione Comunale previa consultazione delle organizzazioni sociali, culturali, ambientaliste, economicoprofessionali, ciascuna per le proprie competenze. Tale consultazione ha lo scopo di acquisire suggerimenti e proposte che l Amministrazione valuterà per la definizione degli obiettivi e delle scelte strategiche di pianificazione, nonché per costruire un quadro conoscitivo condiviso del territorio. L Amministrazione Comunale, in coerenza con gli obiettivi di partecipazione ai processi di pianificazione urbanistica, ritiene opportuno promuovere un processo di pianificazione partecipata coinvolgendo anche i cittadini, e tutte le attività economiche, commerciali e imprenditoriali presenti sul territorio del Comune di Empoli. Il suo contributo nel rispondere al questionario sarà uno strumento di conoscenza di quelle che sono le caratteristiche delle imprese presenti sul territorio di Empoli, delle loro criticità, delle loro esigenze urbanistiche ed edilizie, con particolare riferimento alla riconversione dei loro locali ad utilizzi diversi. I problemi, i bisogni, le esigenze che manifesterà saranno utili suggerimenti alla Pubblica Amministrazione per meglio indirizzare le azioni e gli interventi sul territorio. Il questionario, inoltre, è scaricabile on-line sul sito web : Il questionario compilato potrà essere trasmesso a mano all ufficio protocollo od a mezzo servizio postale al seguente indirizzo : Al sig. Sindaco del Comune di Empoli Via G. Del Papa 41. Indicazioni per la corretta compilazione: in corrispondenza della risposta dovrà essere semplicemente apposta una X nell apposito spazio indicato tra le due parentesi [ ]. Sono ammesse risposte multiple. Quando richiesto inserire un valore percentuale nell apposito spazio [ ]% INFORMAZIONI RELATIVE ALLA RACCOLTA DEI DATI PERSONALI Finalità della raccolta La presente raccolta di dati, da parte dell Ufficio Urbanistica del Comune di Empoli, è finalizzata a redigere un censimento delle attività imprenditoriali presenti sul territorio e sarà utilizzata esclusivamente a fini statistici, nel rispetto del D.Lgs 196/2003 smi. Modalità di trattamento Il trattamento dei dati avviene tramite l inserimento in banche dati autorizzate e/o l aggiornamento di archivi cartacei. Le informazioni in tal modo raccolte possono essere aggregate, incrociate ed utilizzate cumulativamente. Esse non possono essere comunicate ad altre istituzioni o persone e potranno essere pubblicate solo in forma aggregata in modo che non se ne possa trarre alcun riferimento individuale. Titolare dei dati Titolare dei dati è l Amministrazione Comunale di Empoli. Diritti dell interessato L intervistato gode dei diritti e delle tutele che l art. 8 del D.Lgs 196/2003 gli riconosce.

3 Dati identificativi Denominazione azienda Sede principale dell azienda: Via n., Telefono Fax Sito internet: Titolo di godimento della attività: Proprietà [ ] Locazione [ ] Franchising [ ] Altro [ ] Titolo di godimento dei locali in cui è svolta l attività: Proprietà [ ] Locazione [ ] Altro [ ] Tipologia amministrativa COMMERCIO AL DETTAGLIO E ALL INGROSSO: Vendita all ingrosso [ ] Esercizio di vicinato [ ] Media struttura di vendita....[ ] Grande struttura di vendita..[ ] Centro commerciale.....[ ] Outlet......[ ] Centri in sede fissa di telefonia e servizi internet....[ ] FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO: Spacci interni.....[ ] Vendita per corrispondenza, per televisione, internet ecc [ ] Vendite effettuate presso il domicilio del consumatore..... [ ] STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA Punti di vendita esclusivi [ ] Punti di vendita non esclusivi.....[ ] MERCATI ALL INGROSSO E CENTRI ALIMENTARI [ ] DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI.....[ ]

4 Settore merceologico Alimentare [ ] Non alimentare [ ] Servizi alla persona [ ] Altri servizi [ ] Questionario 1. Da quanti anni gestisce la sua attività? Da meno di 1 anno [ ] Da 1 a 5 anni [ ] Da 6 a 10 anni [ ] Da 11 a 20 anni [ ] Da 21 a 30 anni [ ] Da oltre 30 anni [ ] 2. Qual è il numero di collaboratori e dipendenti della sua azienda? Da 0 a 2 [ ] Da 3 a 5 [ ] Da 6 a 10 [ ] Più di 10 [ ] 3. Come sono inquadrati ai suoi collaboratori e dipendenti? Contratto a tempo indeterminato [ ] [ ] % Full time [ ] Part time [ ] Contratto a tempo determinato [ ] [ ] % Full time [ ] Part time [ ] Stage [ ] Altro [ ] 4. In quale tipologia rientra la sua azienda? Impresa familiare [ ] Impresa individuale [ ] Società [ ] 5. Impiega nella sua attività nuove tecnologie? [ ] Sì [ ] No Se si, quali? 1. personal computer [ ] 2. collegamento adsl nel negozio [ ] 3. sito internet del negozio [ ] 4. e-commerce [ ]

5 6. In che modo pubblicizza la sua offerte? 1. volantini pubblicitari.. [ ] 2. sito internet del negozio.... [ ] 3. inserzioni pubblicitarie su internet o altro... [ ] 4. inserzioni su stampa locale [ ] 5. affissioni.... [ ] 6. passaparola...[ ] 7. altro.. [ ] 7. Quali sono le tendenze in atto nella sua azienda? [ ] aumento delle vendite [ ] perdita delle vendite [ ] stabilità del mercato 8. Secondo lei quali sono gli elementi più critici nel suo lavoro in relazione alla zona dove è insediato? E potrebbe esprimere una sua valutazione in termini di svantaggio? [ ] 1. Scarsità di parcheggi alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 2. Difficoltà ad essere raggiunti da clienti/fornitori alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 3. Difficoltà di accesso dei lavoratori all azienda alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 4. Assenza di attrazioni culturali alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 5. Concorrenza della grande distribuzione alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 6. Limitata offerta di aree a destinazione commerciale alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 7. Disomogeneità delle funzioni economiche alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 8. Elevati prezzi immobiliari dei locali e delle aree commerciali alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ] 9. Eccessiva burocrazia nell ottenimento di permessi e licenze alto [ ] medio [ ] basso [ ] [ ]10. Altro (da specificare) alto [ ] medio [ ] basso [ ] 9. Se potesse collocherebbe la sua attività in una posizione diversa all interno del territorio? [ ] No [ ] Sì E se si, dove? 10. Ritiene che ci sia bisogno di nuovi insediamenti commerciali nel territorio? [ ] No [ ] Sì Se si, dove? E di quale tipo? [ ] grande distribuzione [ ] media distribuzione [ ] piccola distribuzione

6 11. Secondo lei, dal punto di vista prettamente commerciale, che cosa manca in questa zona perché attività come la sua possano migliorare o perché si possa decidere di aprire una nuova attività? 1. Promozione dell area [ ] 2. Eventi e attrazioni [ ] 3. Incentivi economici e agevolazioni fiscali specifiche [ ] 4. Locali adeguati per l intrattenimento (teatri, multisala, discoteche ecc).....[ ] 5. Maggiore diversificazione del mercato.... [ ] 6. Nuove associazioni/ consorzi per la vendita di prodotti locali di alta qualità.....[ ] 7. Maggiore flessibilità negli orari di apertura... [ ] 8. Maggiore decoro delle strade, spazi pubblici e aree a verde..... [ ] 9. Maggiore pulizia e illuminazione adeguata... [ ] 10. Incremento della qualità e varietà dello shopping.. [ ] 11. Enfatizzazione della qualità e varietà della ristorazione tipica.. [ ] 12. Altro (da specificare) [ ] 12. Quali sono invece le variazioni in termini di previsioni urbanistiche ed edilizie che il comune di Empoli dovrebbe intraprendere per favorire lo sviluppo della sua impresa? Potrebbe, al riguardo, esprime una valutazione in termini di importanza? [ ] 1. Incrementare le aree commerciali [ ] 2. Permettere volumetria aggiuntiva (ad es. finalizzata alla costruzione di manufatti funzionali all attività) [ ] 3. Incrementare il recupero dell esistente (ad es. con cambi di destinazioni d uso estesi ai diversi piani degli edifici) [ ] 4. Diversificare le funzioni (all interno o all esterno dell area urbana) [ ] 5. Omogeneizzare le funzioni (all interno o all esterno dell area urbana) [ ] 6. Aumentare la zona pedonale e/o a traffico limitato [ ] 7. Migliorare la connessione con le vie di comunicazione

7 [ ] 8. Aumentare la dotazione dei parcheggi pubblici [ ] 9. Aumentare la dotazione delle aree di sosta per carico/scarico [ ] 10. Migliorare l efficienza del sistema di smaltimento dei rifiuti [ ] 11. Incrementare l utilizzo delle fonti energetiche alternative [ ] 12. Migliorare le infrastrutture tecnologiche (es. telefonia,copertura banda larga, reti wireless) [ ] 13. Migliorare l efficienza della pubblica amministrazione [ ] 14. Migliorare la qualità architettonica e il decoro degli edifici del centro storico ( per es. con un adeguato piano del colore o con una standardizzazione delle insegne pubblicitarie per materiali e dimensioni ecc. ) [ ] 15. Altro (da specificare) Suggerimenti: Grazie per la collaborazione Nome e Cognome dell intervistato/a Età dell intervistato [ ] anni [ ] anni [ ] anni [ ] anni [ ] anni [ ] oltre 65 anni Data e firma

Comune di Empoli QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI

Comune di Empoli QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI

Dettagli

SPORTELLO INFORMA LA TUA IMPRESA QUESTIONARIO CONOSCITIVO

SPORTELLO INFORMA LA TUA IMPRESA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SPORTELLO INFORMA LA TUA IMPRESA QUESTIONARIO CONOSCITIVO DATI ANAGRAFICI: RAGIONE SOCIALE : SEDE LEGALE IN: PROV INDIRIZZO: Via/Piazza SEDE OPERATIVA IN: PROV INDIRIZZO SEDE OPERATIVA: VIa/Piazza TELEFONO:

Dettagli

Progetto: Il commercio di vicinato a misura di cittadino

Progetto: Il commercio di vicinato a misura di cittadino Progetto: Il commercio di vicinato a misura di cittadino Progetto proposto da: Associazione Commercianti e Artigiani di P.zza Livio Bianco Mirafiori Nord Presidente Daniela Ascurra Associazione Commercianti

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE L OCCUPAZIONE GIOVANILE ANCHE CON IL SOSTEGNO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE L OCCUPAZIONE GIOVANILE ANCHE CON IL SOSTEGNO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI Marca da Bollo 16,00 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PER FAVORIRE L OCCUPAZIONE GIOVANILE ANCHE CON IL SOSTEGNO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI Legge regionale 23 marzo 1995, n 12 e s.m.i.

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE VITA&LAVORO E SUI SERVIZI DEL TERRITORIO PER UNA MIGLIORE QUALITA DI VITA Il questionario rientra in una indagine che il Comune di Pavia sta conducendo,

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali CENTRO SERVIZI FINANZA LOCALE GESTIONE ENTRATE COMUNALI PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali 1 Premessa L obiettivo della presentazione è quello di far conoscere un progetto innovativo

Dettagli

Niente come fare un film costringe a guardare le cose. Lo sguardo di un letterato su un paesaggio, campestre o urbano, può escludere un'infinità di cose, ritagliando dal loro insieme solo quelle che emozionano

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

L esodo dal centro di Treviso. Ottobre 2009

L esodo dal centro di Treviso. Ottobre 2009 L esodo dal centro di Treviso Ottobre 2009 Il campione Chi è stato intervistato? Un campione di 210 soggetti maggiorenni che risiedono nel Comune di Treviso. Il campione è stato stratificato per sesso

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI

REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI - Area informatica - Area linguistica - Area commerciale e vendita - Area amministrazione e controllo - Area produzione e logistica - Area energia e ambiente

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

Provincia di Napoli 1

Provincia di Napoli 1 Provincia di Napoli 1 CENSIMENTO GENERALE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI Scade il 20 dicembre il termine per la restituzione del questionario Parte il countdown per la chiusura delle operazioni censuarie,

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan. Dr.ssa Michela Floris

Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan. Dr.ssa Michela Floris Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan Dr.ssa Michela Floris All impresa dall idea Dr.ssa Michela Floris 2 Il Business Plan Che cos è? Quale è la sua funzione? Chi sono i soggetti interessati?

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PIANO URBANO GENERALE PER I SERVIZI DEL SOTTOSUOLO

PIANO URBANO GENERALE PER I SERVIZI DEL SOTTOSUOLO PIANO URBANO GENERALE PER I SERVIZI DEL SOTTOSUOLO E CATASTO REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLE RETI DI REGIONE LOMBARDIA MILANO, 27 OTTOBRE LA DISCIPLINA REGIONALE PER IL SOTTOSUOLO Misure di efficientamento

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

CORSO GESTIONE ENERGETICA DEL PROGETTO EDILIZIO

CORSO GESTIONE ENERGETICA DEL PROGETTO EDILIZIO CORSO GESTIONE ENERGETICA DEL PROGETTO EDILIZIO Progettazione, diagnosi energetica e certificazione energetica in coerenza con i nuovi strumenti legislativi (conforme ai decreti attuativi in vigore dal

Dettagli

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE PER LA CREAZIONE DEGLI ELABORATI SEZIONE PORTFOLIO SITO DEDICATO AL PROGETTO ITALIA CREATIVA ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Premessa: Il presente Concorso

Dettagli

Presentazione del Progetto d Impresa. Denominazione Impresa: Partita IVA: Data compilazione: Filiale:

Presentazione del Progetto d Impresa. Denominazione Impresa: Partita IVA: Data compilazione: Filiale: Presentazione del Progetto d Impresa Denominazione Impresa: Partita IVA: Data compilazione: Filiale: A) PRESENTAZIONE SINTETICA DELL IMPRENDITORE/DOMINUS 1. Dati personali Nome Cognome: Sesso M F Luogo

Dettagli

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1 COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA Il responsabile dell Area Servizi Sociali rende noto che questo Comune intende procedere all appalto del servizio in oggetto:

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

Testo Unico del Commercio

Testo Unico del Commercio Testo Unico del Commercio Un nuovo strumento per semplificare la vita delle aziende e dei cittadini, trasformare la Regione in un amministrazione amica delle imprese e per rilanciare lo sviluppo del settore.

Dettagli

Descrizione dettagliata della business idea (Allegato C)

Descrizione dettagliata della business idea (Allegato C) Start up 2 Go Bando DI SELEZIONE DI IDEE IMPRENDITORIALI PER LA FRUIZIONE DI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA E DI LABORATORI DI RICERCA FINALIZZATI ALLA COSTITUZIONE DI IMPRESE START UP Descrizione dettagliata

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

P.O.R. CAMPANIA FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ

P.O.R. CAMPANIA FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ P.O.R. CAMPANIA FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Obiettivo Specifico f) Migliorare l accesso delle donne all occupazione e ridurre le disparità di genere Obiettivo Operativo f2) ALBO 620 PROT. AVVISO

Dettagli

Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena

Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA E PER L APPLICAZIONE DI AGEVOLAZIONI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

RICHIESTA DI INSTALLAZIONE INSEGNE PUBBLICITARIE DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE

RICHIESTA DI INSTALLAZIONE INSEGNE PUBBLICITARIE DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE M PAT 03 Pag. 1/6 DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE Il sottoscritto: nome cognome ; nato a prov. ; il C. F. RICHIEDENTE e legale rappresentante della ditta: con sede in comune di prov. cap via n Tel Fax Sito

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a

Dettagli

SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE

SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE SIM CARD RICARICABILE HOPTEL ATTIVAZIONE SIM CARD - ATTIVAZIONI MULTIPLE Il presente modulo deve essere SEMPRE allegato al modulo di identificazione debitamente compilato e sottoscritto. INFORMATIVA AI

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011

PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011 (H:\docs\2011\6\17\16743.doc/ 03/01/12) PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011 e-mail Caro Presidente, Ai Presidenti degli Enti Associati LORO SEDI il Consiglio Direttivo di Federcasa, come a tua conoscenza, ha

Dettagli

AVVISO PER IL RINNOVO DELLA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE DEL PAESAGGIO (art. 8 del Regolamento Edilizio Comunale)

AVVISO PER IL RINNOVO DELLA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE DEL PAESAGGIO (art. 8 del Regolamento Edilizio Comunale) AREA 3 SERVIZI TERRITORIALI Servizi Integrati sul Territorio Ufficio Edilizia Privata Prot. n. 21071 AVVISO PER IL RINNOVO DELLA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE DEL PAESAGGIO (art. 8 del Regolamento Edilizio

Dettagli

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 1 Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI

PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI Indice Art. 1 Principi generali Art. 2 Zonizzazione Art. 3 Abilitazione all esercizio dell attività:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.)

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.) Estremi archiviazione pratica edilizia: Prot. Gen. n. del Pratica Edilizia N Denuncia di inizio attività N ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI OGGETTO: Denuncia di inizio attività presentata

Dettagli

COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO. Triennio 2013/2015

COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO. Triennio 2013/2015 COMUNE DI MAGNAGO Piazza Italia, 1-20020 Magnago (MI) SERVIZIO FINANZIARIO Piano triennale di razionalizzazione (art. 2 comma 594 L. 244/07) Triennio 2013/2015 Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori,

Dettagli

INTRODUZIONE. I cittadini infatti possono recarsi alla Direzione Urbanistica per:

INTRODUZIONE. I cittadini infatti possono recarsi alla Direzione Urbanistica per: CARTA DEI SERVIZI DELLO SPORTELLO AL PUBBLICO DELLA DIREZIONE URBANISTICA a cura di: Servizio supporto giuridico amministrativo P.O. Archivio e protocollo: d.ssa Isabella Anna Leonesi Rev. 1 del 30 dicembre

Dettagli

Corsi di formazione mercati urbani ed. 2015

Corsi di formazione mercati urbani ed. 2015 Corsi di formazione mercati urbani ed. 2015 L intervento formativo 2014-15 180 h di formazione erogate a 18 classi 27 (26+1) mercati cittadini coinvolti sui 42 mercati all aperto e i 6 mercati al comperto

Dettagli

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

Oggetto: invio preventivo per realizzazione di Campagna Pubblicitaria Online

Oggetto: invio preventivo per realizzazione di Campagna Pubblicitaria Online Alla cortese attenzione Direzione Aziendale Oggetto: invio preventivo per realizzazione di Campagna Pubblicitaria Online ID: PREVPUBLUC200510-1 Egregio Signore, Gentile Signora, Come indicato sul sito

Dettagli

Cos è ND Rifiuti 2008?

Cos è ND Rifiuti 2008? ND - Rifiuti 2008 Software per intermediari Controllo di gestione Amministrazione Scadenzario Gestione documenti Creazione modello MUD Stampa registro di carico / scarico Cos è ND Rifiuti 2008? ND - Rifiuti

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli ALLEGATO A CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli BANDO DI CENSIMENTO PER LA REGOLARIZZAZIONE DELLE OCCUPAZIONI DEGLI ALLOGGI E.R.P. DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PORTICI UBICATI IN VIA DALBONO 6A E 7BIS (L.R.

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori A cura di: Gianluca Bortolini - referente per il Mosaico Informatizzato Provinciale - Sintesi PRG Settore Operativo Pianificazione

Dettagli

SCHEDA IMPRENDITORIALE

SCHEDA IMPRENDITORIALE SCHEDA IMPRENDITORIALE A. INFORMAZIONI ANAGRAFICHE 1. Denominazione dell impresa: 2. Natura giuridica: Srl Snc Sas Spa Cooperativa altro (specificare): 3. Sede legale (Via/Piazza e numero civico, Comune,

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

AVVISO PER LA PROMOZIONE NELLA PROVINCIA DI PRATO DI UNA INFRASTRUTTURA DI RETE WIFI FEDERATA PROVINCIA DI PRATO

AVVISO PER LA PROMOZIONE NELLA PROVINCIA DI PRATO DI UNA INFRASTRUTTURA DI RETE WIFI FEDERATA PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E DIFESA DEL SUOLO AVVISO PER LA PROMOZIONE NELLA PROVINCIA DI PRATO DI UNA INFRASTRUTTURA DI Premesso che la Provincia di Prato ha avviato un percorso

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

ai sensi dell art. 26 del vigente Regolamento comunale per il commercio nella Città di Prato: attività di vendita in sede fissa

ai sensi dell art. 26 del vigente Regolamento comunale per il commercio nella Città di Prato: attività di vendita in sede fissa Disciplina per l insediamento nel centro storico (come delimitato dalle mura cittadine) delle attività commerciali, artigianali di produzione alimentare e non alimentare e di vendita al dettaglio da parte

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Fondazione Megamark. Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2015

Fondazione Megamark. Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2015 Fondazione Megamark Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2015 IV EDIZIONE 1. Premessa Il Gruppo Megamark di Trani, azienda leader

Dettagli

i Servizi immobiliari

i Servizi immobiliari i Servizi immobiliari case in affitto case comunali a canone convenzionato G e s t i o n e E d i f i c i i requisiti per accedere a una casa comunale I requisiti per accedere a una casa comunale sono previsti

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A (Provincia di Pesaro e Urbino) UFFICIO TECNICO COMUNALE

C O M U N E D I S A L T A R A (Provincia di Pesaro e Urbino) UFFICIO TECNICO COMUNALE C O M U N E D I S A L T A R A (Provincia di Pesaro e Urbino) UFFICIO TECNICO COMUNALE INTERVENTI DI POTENZIAMENTO, MESSA IN SICUREZZA ADEGUAMENTO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO RETE DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Dettagli

Comune di Partinico Provincia di Palermo

Comune di Partinico Provincia di Palermo Comune di Partinico Provincia di Palermo SETTORE AFFARI GENERALI E LEGALI Piazza Garibaldi 90047 PARTINICO (PA) Tel. 0918913317 - Fax 0918903078 centralino 091 8913111 Responsabile: Dr. Sebastiano Randisi

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

L opinione delle aziende del territorio

L opinione delle aziende del territorio CONFARTIGIANATO DI CASTELFRANCO L opinione delle aziende del territorio Aprile 2011 Il Campione 2 Sono stati intervistati 352 aziende operanti nell area di Castelfranco Rapporto con Confartigianato: %

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA GLI AMICI DEL RICICLO PROGETTO SPERIMENTALE DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEL SETTORE DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Allegato 1 Servizio Edilizia Residenziale Via Salaria Antica

Dettagli

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero Bando Start Intep PER LA SELEZIONE DI IDEE IMPRENDITORIALI PER LA FRUIZIONE DI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI ALLA COSTITUZIONE DI IMPRESE START UP Descrizione della business idea (Allegato

Dettagli

Comune di Torino Servizio Arredo Urbano

Comune di Torino Servizio Arredo Urbano Comune di Torino Servizio Arredo Urbano ALLEGATO 1 AVVISO REPERIMENTO VOLONTARI E CONTRIBUTI TORINO SPAZIO PUBBLICO Un progetto di cittadinanza attiva per interventi di arredo e coesione urbana INDICE

Dettagli

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Fare clic per Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Relatore: Prof. Ing. Edino Valcovich Correlatore: Laureando: Introduzione Premessa Social Housing Housing Sociale Edilizia Residenziale Pubblica (ERP)

Dettagli

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO Regolamento Pool2job REGOLAMENTO Pool2job Progetto pilota Pool2job per il traffico frontaliero nella

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO BANDO RISERVATO AI GESTORI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI ATO 5, 6, 10 CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI

PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI Sintesi del progetto : La nuova procedura di gestione dei reclami è seguita dall URP dall inizio alla fine, secondo il seguente iter: il cittadino segnala

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli