SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME"

Transcript

1 ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il EPPI 03/2012 COGNOME NOME CODICE FISCALE CODICE ISCRITTO DICHIARAZIONE REDDITUALE Reddito professionale imponibile ai fini EPPI Contributo soggettivo dovuto, Barrare l aliquota prescelta regolamentare 11% opzionale (art. 4 punto 1 bis) 12% 13% 14% 15% 16% 17% 18% 19% 20% 21% 22% 23% 24% 25% 26% Compensi professionali imponibili ai fini EPPI Contributo integrativo dovuto 2%, 4%, 0% attività svolta per altro professionista iscritto EPPI Contributo di maternità, CASI PARTICOLARI Il/la sottoscritto/a dichiara di essere titolare del seguente trattamento pensionistico liquidato da Ente diverso da EPPI anzianità vecchiaia anzianità vecchiaia Ente Ente decorrenza decorrenza 1. Facoltà per gli iscritti titolari di pensione di versare il contributo soggettivo secondo l aliquota ordinaria il/la sottoscritto/a titolare di trattamento pensionistico intende avvalersi della facoltà di versare il contributo soggettivo in misura piena secondo l aliquota prescelta 2. Facoltà per i giovani di versare il contributo soggettivo ridotto (art. 4, comma 10, Regolamento EPPI) il/la sottoscritto/a non avendo compiuto il 28 anno di età alla data di inizio attività si avvale della facoltà di versare il contributo soggettivo ridotto per i primi 5 anni di attività nella misura prevista dal Regolamento DICHIARAZIONE REDDITUALE RIFERITA ALL ATTIVITÀ DI PERITO INDUSTRIALE REDDITI - compilare gli importi denunciati nella dichiariazione fiscale 2013 UNICO / UNICO MINI 2013 Quadro RC UNICO 2013 Quadro RE UNICO / UNICO MINI 2013 Quadro RL UNICO 2013 Quadro RH UNICO 2013 Quadro LM MOD. 730/2013 Quadro C (tipo reddito 2 ) MOD. 730/2013 Quadro D (tipo reddito 2 ) COMPENSI - compilare gli importi denunciati nella dichiariazione fiscale 2013 MOD. IVA Quadro VE 40 Ex contribuenti minimi - UNICO 2013 Quadro LM 2 ALTRO - barrare la casella rispondente alla propria posizione fiscale 2013 Operazioni non territorialmente rilevanti ai fini IVA (D.P.R. 633/72 art. 7) Esonerato da obbligo di dichiarazione fiscale Esercizio dell attività in assenza di reddito professionale pagina 1 di 2

2 ENTE DI PREVIDENZA ATTIVITÀ SVOLTA PER ALTRO PROFESSIONISTA ISCRITTO ALL EPPI Indicare il codice fiscale del professionista committente iscritto all EPPI per cui è stata svolta la prestazione nell ambito di un incarico unitario CODICE FISCALE CODICE FISCALE CODICE FISCALE CODICE FISCALE CODICE FISCALE ACCERTAMENTO FISCALE Il/la sottoscritto/a dichiara che, a seguito di accertamenti fiscali divenuti definitivi nell anno 2012 sono stati modificati i dati reddituali derivanti da attività autonoma di perito industriale e perito industriale laureato. Si indica il nuovo reddito netto ed il nuovo volume d affari ai fini EPPI afferenti le seguenti annualità: 2006 REDDITO NETTO VOLUME D AFFARI IDENTIFICAZIONE DEGLI ISCRITTI ALL ENTE Barrare la casella che identifica il proprio status Esercito unicamente l attività autonoma di libera professione di perito industriale (art. 1 comma 2, D. Lgs. 103/1996) Esercito l attività autonoma di libera professione di perito industriale contemporaneamente all attività di lavoro dipendente (art. 1 comma 2, D. Lgs. 103/1996) AUTOCERTIFICAZIONE E SOTTOSCRIZIONE Il/la sottoscritto/a dichiara sotto la sua personale responsabilità, ai sensi e per gli effetti del D.P.R. n. 445/2000, di aver prodotto nel 2012 il reddito netto ai fini IRPEF ed il volume d affari relativi all attività di lavoro autonomo in qualsiasi forma esercitata in qualità di perito industriale e di perito industriale laureato come sopra riportato. DATA DI SPEDIZIONE FIRMA Per la validità dell autocertificazione è necessario allegare una fotocopia del documento d identità valido La trasmissione cartacea del presente documento comporta l applicazione di una sanzione pari a 52 euro. Il Titolare del trattamento, in ossequio al D. Lgs 169/03, ha provveduto all adeguamento Privacy. Il/la sottoscritto/a, reso edotto/a sul trattamento dei dati personali, anche sensibili attraverso la somministrazione dell informativa, ha espresso il proprio consenso al trattamento dei suoi dati personali. pagina 2 di 2

3 ENTE DI PREVIDENZA Prospetto di dettaglio per determinare il reddito professionale netto di lavoro autonomo di Perito Industriale e Perito Industriale Laureato R1. ATTIVITÀ INDIVIDUALE reddito professionale netto di lavoro autonomo ai fini IRPEF Determinazione analitica [UNICO 2013, quadro RE, rigo RE 23] Regime sostitutivo (art. 13 L. 388/2000) [UNICO 2013, quadro RE, rigo RE 21 (colonna 2)] [ex Contribuenti minimi - UNICO 2013, quadro LM, rigo LM 6] [UNICO 2013, quadro RL, rigo RL 15 (colonna 1 - colonna 2)] [UNICO MINI 2013, quadro RL, rigo RL 15 (colonna 1 - colonna 2)] OPPURE [MOD. 730/2013, quadro D, rigo D 5, tipo di reddito 2 (colonna 2 - colonna 3)] R2. ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA reddito assimilato a quello di lavoro dipendente (art. 50, comma 1, lett. c-bis, TUIR) [UNICO 2013, quadro RC, righi da RC 1 a RC 3, tipo di reddito 2 (colonna 3)] [UNICO MINI 2013, quadro RC, righi da RC 1 a RC 2, codice 2 (colonna 3)] OPPURE [MOD. 730/2013, quadro C da C 1 a C 3, tipo di reddito 2 (colonna 3)] R3. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ DI INGEGNERIA reddito netto pro-quota da partecipazione agli utili se sono stati ripartiti gli utili [UNICO 2013, quadro RL, rigo RL 1 (colonna 2)] [UNICO 2013, quadro RL, rigo RL 2, tipo di reddito 7 (colonna 2)] OPPURE in regime di trasparenza fiscale [UNICO 2013, quadro RH, rigo RH 5 (il maggiore tra colonna 4 e colonna 8) + rigo RH 6 (il maggiore tra colonna 4 e colonna 8)] R4. ATTIVITÀ IN STUDIO ASSOCIATO reddito professionale netto pro-quota ai fini IRPEF [Unico 2013, quadro RH, rigo RH 15] R5. ATTIVITÀ IN ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE redditi da contratti di associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro [UNICO 2013, quadro RL, rigo RL 27] OPPURE [MOD. 730/2013, quadro D, rigo D 3, tipo di reddito 3 (colonna 2)] R6. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI reddito netto pro-quota da partecipazione agli utili [UNICO 2013, quadro RH] RH 7 (colonna 2) RH RH Se la somma algebrica dei righi RH 7, RH 8 e RH 13 è negativa indicare 0 nel rigo R6 Reddito professionale imponibile ai fini EPPI (R1) (R1) (R1a) (R1a) (R1a) (R1a) (R2) (R2) (R2) (R3) (R3) (R3) (R4) (R5) (R5) (R6) Rtot = (R1 + R1a + R2 + R3 + R4 + R5 + R6) (Rtot) L importo (Rtot) deve essere trascritto nel modello EPPI 03 alla voce Reddito professionale imponibile ai fini EPPI pagina 1 di 2

4 ENTE DI PREVIDENZA Prospetto di dettaglio per determinare i compensi professionali di lavoro autonomo di Perito Industriale e Perito Industriale Laureato COMPILARE L IMPORTO DEI COMPENSI PROFESSIONALI AL NETTO DEL CONTRIBUTO INTEGRATIVO SUDDIVISI PER ALIQUOTA V1. ATTIVITÀ INDIVIDUALE compensi individuali ai fini IVA 4% 2% 0% Determinazione dei compensi [MODELLO IVA 2013, quadro VE, rigo VE 40] [ex Contribuenti minimi - UNICO 2013, quadro LM, rigo LM 2] [UNICO 2013, quadro RL, rigo RL 15 (colonna 1)] [UNICO MINI 2013, quadro RL, rigo RL 15 (colonna 1)] OPPURE [MOD. 730/2013, quadro D, rigo D 5, tipo di reddito 2 (colonna 2)] V2. ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA compenso assimilato a quello di lavoro dipendente 4% 2% 0% [UNICO 2013, quadro RC, righi da RC 1 a RC 3, tipo di reddito 2 (colonna 3)] [UNICO MINI 2013, quadro RC, righi da RC 1 a RC 2, codice 2 (colonna 3)] OPPURE [MOD. 730/2013, quadro C da C 1 a C 3, tipo di reddito 2 (colonna 3)] V3. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ DI INGEGNERIA compensi relativi alla quota di partecipazione agli utili 4% 2% 0% [MODELLO IVA 2013, quadro VE, rigo VE 40 della società] V4. ATTIVITÀ IN STUDIO ASSOCIATO compensi pro-quota ai fini IVA 4% 2% 0% [MODELLO IVA 2013, quadro VE, rigo VE 40 dello studio associato] V5. ATTIVITÀ IN ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE compensi da contratti di associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro 4% 2% [UNICO 2013, quadro RL, rigo RL 27] OPPURE [MOD. 730/2013, quadro D, rigo D3, tipo di reddito 3 (colonna 2)] V6. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI compensi relativi alla quota di partecipazione agli utili 4% 2% 0% [MODELLO IVA 2013, quadro VE, rigo VE 40 della società] V7. OPERAZIONI NON TERRITORIALMENTE RILEVANTI AI FINI IVA (D.P.R. 633/72 ART. 7 TER) somma dei compensi lordi 4% 2% 0% V8. ATTIVITÀ SVOLTA PER ALTRO PROFESSIONISTA ISCRITTO ALL EPPI Indicare il codice fiscale del professionista committente iscritto all EPPI per il quale è stata svolta la prestazione nell ambito di un incarico unitario C.F. C.F. C.F. C.F. C.F. Compensi professionali imponibili ai fini EPPI Totale dei compensi sopra indicati 4% 2% 0% L importo totale suddiviso per aliquota deve essere trascritto nel modello EPPI 03 alla voce Compensi professionali imponibili ai fini EPPI pagina 2 di 2

5 ENTE DI PREVIDENZA Modello EPPI 03/2012 REDDITI 2012 Istruzioni per la compilazione EPPI 03/2012 I. INTRODUZIONE 1. Quando e come si presenta 2. Chi deve presentare il modello EPPI 03/2012 II. GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. Come è composto il modello 2. Cosa c è di nuovo 3. Compilazione del prospetto di dettaglio 4. Compilazione del modello EPPI 03/ Calcolo dei contributi pagina 1 di 9

6 1. Quando e come si presenta I. INTRODUZIONE La dichiarazione dei redditi ai fini Eppi per l anno 2012 deve essere presentata entro il 31/07/2013 tramite l area online del sito. Presentazione tramite il collegio provinciale di appartenenza L iscritto che ha difficoltà a trasmettere la dichiarazione dall area riservata può rivolgersi al proprio collegio provinciale, se quest ultimo è presente nell elenco dei punti assistenza EPPI disponibile sul sito. Correzione ed integrazione del modello EPPI 03 In caso di errori nel modello EPPI 03 già trasmesso, oppure di integrazione dello stesso, sarà possibile inviarne uno nuovo dal giorno successivo a quello della trasmissione originaria. Il nuovo modello EPPI 03 sostituirà il precedente e non sarà soggetto ad alcuna sanzione, anche se trasmesso dopo il termine di presentazione del 31/07/2013. Sanzioni per invio in modalità non ematica Il modello EPPI 03 trasmesso per posta, o è soggetto ad una sanzione di 52. Sanzioni per invio fuori termine L invio del modello EPPI 03 oltre la data di scadenza comporta una sanzione che varia in base ai giorni di ritardo: 53 dal 1 al 30 giorno 110 dal 31 al 60 giorno 224 dal 61 giorno in poi 2. Chi deve presentare il modello EPPI 03/2012 È tenuto a presentare la dichiarazione l iscritto che ha conseguito redditi professionali nell anno 2012 riferiti all attività di perito industriale esercitata in qualsiasi sua forma. È esonerato dalla presentazione del modello EPPI 03/12 l iscritto che: ha cessato l attività nel corso dell anno 2011 ha iniziato o ripreso l attività nel corso dell anno 2013 pagina 2 di 9

7 1. Come è composto il modello II. GUIDA ALLA COMPILAZIONE EPPI 03/2012 È il modello attraverso il quale dichiarare il reddito e i compensi imponibili ai fini EPPI, sui quali sono determinati i contributi previdenziali dovuti per l anno I dati da indicare sono quelli presenti nella dichiarazione fiscale del PROSPETTO DI DETTAGLIO La sua compilazione non è obbligatoria, ma d ausilio all iscritto nella determinazione del reddito e dei compensi ai fini EPPI attraverso la puntuale indicazione dei quadri e dei righi di riferimento della dichiarazione dei redditi dell anno Cosa c è di nuovo Il 7 giugno 2012 è entrato in vigore il nuovo Regolamento previdenziale. Le principali novità contenute nella dichiarazione dei redditi modello EPPI 03/2012 sono le seguenti: L aliquota obbligatoria per il contributo soggettivo passa dal 10% all 11%. È possibile, su base volontaria, accantonare fino al 26% del reddito professionale. Dal 1 gennaio 2012 il contributo soggettivo è dovuto da tutti gli iscritti in attività, anche se di età pari o superiore a 65 anni. Dal 1 gennaio 2012 i pensionati di vecchiaia o anzianità, qualunque sia l ente previdenziale liquidatore, devono obbligatoriamente versare il contributo soggettivo seppur ridotto del 50%. Nell ipotesi in cui volessero versare secondo l aliquota ordinaria lo dovranno espressamente comunicare. Dal 1 luglio 2012 l aliquota per il contributo integrativo è aumentata dal 2% al 4% e deve essere applicata anche nell ambito delle prestazioni unitarie effettuate verso un altro perito industriale iscritto all EPPI. Continua ad applicarsi il 2% in caso di prestazioni effettuate verso le Amministrazioni Pubbliche. Devono essere indicati non solo i quadri della dichiarazione dei redditi 2012 presentata, ma anche il relativo importo denunciato. pagina 3 di 9

8 3. Compilazione del prospetto di dettaglio Il prospetto di dettaglio consente l individuazione, all interno della dichiarazione dei redditi dell anno 2012 (Modello Unico o Unico Mini 2013 e Dichiarazione IVA 2013; Modello 730/2013), dei dati relativi ai redditi derivanti dall attività professionale. Il prospetto si compone di due parti: una per calcolare il reddito e l altra per i compensi. DETERMINAZIONE DEL REDDITO Il reddito professionale da dichiarare è quello riferito alla sola attività di perito industriale. In caso di perdita l importo dovrà essere indicato con segno negativo. La somma algebrica dei redditi determina l imponibile ai fini EPPI sul quale sarà calcolato il contributo soggettivo da pagare. R1. ATTIVITÀ INDIVIDUALE Redditi derivanti dall esercizio della libera professione con partita IVA o in via occasionale. In questa fattispecie rientrano anche gli iscritti che hanno adottato il regime fiscale agevolato denominato ex Contribuenti minimi. R2. ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Redditi derivanti dai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, percepiti come compenso per incarichi professionali svolti per le aziende committenti in qualità di personale non dipendente. R3. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ DI INGEGNERIA Redditi conseguiti dalle società di capitali o di ingegneria che il socio è obbligato a dichiarare in proporzione alle quote di partecipazione. R4. ATTIVITÀ IN STUDIO ASSOCIATO Redditi prodotti dall associazione a seguito delle prestazioni professionali dei singoli associati e ripartiti tra gli stessi. I redditi devono essere dichiarati dall associato in proporzione alle quote di partecipazione. R5. ATTIVITÀ IN ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Redditi derivanti dall attribuzione all associato di una partecipazione agli utili dell impresa come corrispettivo dell apporto di solo lavoro. Sono redditi assimilati a quelli di lavoro autonomo e devono essere dichiarati nel periodo di imposta in cui sono effettivamente percepiti. R6. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI Redditi prodotti a seguito dell attività professionale esercitata tramite forme di società di persone (quali società in nome collettivo o in accomandita semplice) ovvero società tra professionisti. Tali redditi devono essere dichiarati dai soci in proporzione alle quote di partecipazione agli utili. pagina 4 di 9

9 DETERMINAZIONE DEI COMPENSI L aumento del contributo integrativo, dal 1 luglio 2012, dal 2% al 4% comporta la necessità di indicare separatamente i compensi professionali suddivisi in ragione dell aliquota contributiva applicata: Compensi sui quali è stato applicato il 2% fatture o note di pagamento emesse fino al 30 giugno 2012 fatture emesse verso le Amministrazioni Pubbliche per tutto l anno 2012 Compensi sui quali è stato applicato il 4% fatture o note di pagamento emesse dal 1 luglio 2012 verso privati e altri professionisti iscritti all EPPI Compensi sui quali non è stato applicato il contributo integrativo fatture o note di pagamento emesse fino al 30 giugno 2012 verso altri professionisti iscritti all EPPI nell ambito di un incarico unitario Gli importi non potranno essere indicati con segno negativo. La somma dei compensi, suddivisi per aliquota applicata, determina l imponibile ai fini EPPI che sarà la base di calcolo del contributo integrativo da pagare. V1. ATTIVITÀ INDIVIDUALE Compensi derivanti dall esercizio della libera professione in forma abituale o occasionale. In questa fattispecie rientrano gli iscritti che hanno adottato il regime fiscale cosiddetto ex Contribuenti minimi V2. ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Compensi derivanti dai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa. Indicare il dato in base all aliquota del contributo integrativo stabilita dal contratto di collaborazione e applicata nel cedolino dal committente. V3. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ DI INGEGNERIA Compensi derivanti dall attività professionale esercitata tramite forme di società di capitali o società di ingegneria. Indicare il dato in proporzione alla quota di partecipazione, suddiviso per aliquota di contributo integrativo applicata. V4. ATTIVITÀ IN STUDIO ASSOCIATO Compensi derivanti dall esercizio della professione di perito industriale in forma associata. Indicare il dato in proporzione alla quota di partecipazione, suddiviso per aliquota di contributo integrativo applicata. V5. ATTIVITÀ IN ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Compensi derivanti dall apporto di solo lavoro in associazioni in partecipazione. Indicare il dato in base alla percentuale di utili percepiti, attribuendo la metà dell importo all aliquota del 2% e l altra metà all aliquota del 4%. V6. ATTIVITÀ IN SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI Compensi derivanti dall attività professionale esercitata tramite forme di società di persone (quali società in nome collettivo o in accomandita semplice) ovvero società tra professionisti. Indicare il dato in proporzione alla quota di partecipazione, suddiviso per aliquota di contributo integrativo applicata. V7. OPERAZIONI NON TERRITORIALMENTE RILEVANTI AI FINI IVA (D.P.R. 633/72 ART. 7 TER) Compensi derivanti da prestazioni professionali effettuate verso committenti situati al di fuori dei confini dell Unione Europea non territorialmente rilevanti ai fini IVA, ma rilevanti ai fini EPPI. Indicare il dato suddiviso per aliquota di contributo integrativo applicata. V8. ATTIVITÀ SVOLTA PER ALTRO PROFESSIONISTA ISCRITTO ALL EPPI Compensi derivanti da prestazioni professionali effettuate verso altri professionisti iscritti all EPPI, nell ambito di un incarico unitario, sui quali non è stato applicato il contributo integrativo. Indicare il codice fiscale dei professionisti con i quali si è collaborato e l ammontare delle fatture o note di pagamento emesse per ciascuno. In caso di fatture o note di pagamento emesse verso uno studio associato o una società è necessario indicare comunque il codice fiscale del professionista iscritto all EPPI e non la partita iva. pagina 5 di 9

10 4. Compilazione del modello EPPI 03/2012 Il modello EPPI 03/2012 costituisce la vera e propria dichiarazione dei redditi ai fini EPPI, infatti solo attraverso la compilazione e la trasmissione di questo modulo l iscritto adempie all obbligo previsto dal Regolamento. Il prospetto si compone di otto sezioni: FRONTESPIZIO Informazioni relative al contribuente, in particolare codice fiscale, dati anagrafici e matricola EPPI. DICHIARAZIONE REDDITUALE Indicare il reddito netto e i compensi ai fini EPPI determinati secondo le modalità indicate nel prospetto di dettaglio. Barrare la percentuale del reddito che si vuole destinare alla pensione e che determina il contributo soggettivo dovuto. L aliquota obbligatoria è dell 11%, mentre le aliquote opzionali arrivano al 26%. I compensi, distinti per aliquota applicata, determinano l ammontare dell integrativo da versare. La compilazione dei contributi dovuti è facoltativa. Gli stessi sono calcolati dall Ente. CASI PARTICOLARI L iscritto titolare di pensione erogata da ente diverso da EPPI deve indicare: il tipo di pensione di cui è titolare: anzianità o vecchiaia (tale informazione è disponibile sul certificato di pensione rilasciato dall ente erogante) l ente erogante la data di decorrenza del trattamento pensionistico Se il trattamento pensionistico ha decorrenza entro il 2012 l iscritto ha diritto alla riduzione del 50% dell aliquota soggettiva obbligatoria per l anno 2012; se la pensione ha decorrenza superiore, la riduzione scatterà dai redditi Ai fini della riduzione dell aliquota non rileva la titolarità di assegno di invalidità o di pensione ai superstiti. Alcune categorie di iscritti possono scegliere di usufruire di agevolazioni che consentono loro di modulare il contributo soggettivo in base alle proprie esigenze: 1. Facoltà per gli iscritti titolari di pensione di versare il contributo soggettivo secondo l aliquota ordinaria L iscritto titolare di pensione può chiedere di pagare il contributo soggettivo in misura piena per incrementare il proprio montante contributivo oppure per godere di vantaggi fiscali. 2. Facoltà per i giovani di versare il contributo soggettivo ridotto (art. 4 comma 10 Regolamento EPPI) L iscritto, che alla data di inizio dell attività professionale non ha compiuto 28 anni, può chiedere di pagare il contributo soggettivo ridotto al 50% per i primi cinque anni solari di iscrizione. Tale agevolazione decade nell anno in cui l iscritto compie 30 anni. Nell ipotesi in cui il reddito professionale dichiarato sia inferiore alla metà del reddito minimo l Ente attribuirà in automatico la riduzione del 70%. pagina 6 di 9

11 DICHIARAZIONE REDDITUALE RIFERITA ALL ATTIVITÀ DI PERITO INDUSTRIALE REDDITI Individuare i quadri compilati nella propria dichiarazione fiscale e scrivere nel campo corrispondente del rigo di riferimento l importo dichiarato. UNICO / UNICO MINI Quadro RC Se compilato l Unico 2013, riportare il dato presente ai righi da RC 1 a RC 3, tipo di reddito 2 (colonna 3). Se compilato l Unico Mini 2013, riportare il dato presente ai righi da RC 1 a RC 2 codice 2 (colonna 3). UNICO Quadro RE Riportare il dato presente al rigo RE 23 oppure, in caso di regime sostitutivo, al rigo RE 21 (colonna 2). UNICO / UNICO MINI Quadro RL Riportare la somma degli importi presenti nei seguenti righi: RL 15 (colonna 1 colonna 2); RL 27; RL 1 (colonna 2); RL 2, tipo di reddito 7 (colonna 2). UNICO Quadro RH In caso di studio associato indicare il dato presente al rigo RH 15. In caso di società tra professionisti, indicare la somma algebrica dei righi RH 7, RH 8 e RH 13, se la somma è negativa indicare zero. In caso di società di ingegneria riportare il dato presente al rigo RH 5 (il maggiore tra colonna 4 e colonna 8) + rigo RH 6 (il maggiore tra colonna 4 e colonna 8). Riportare la somma degli importi presenti nei vari righi se l attività è svolta in più forme societarie. UNICO Quadro LM Riportare il dato presente al rigo LM 6. MOD.730/2013. Quadro C Riportare il dato presente ai righi da C 1 a C 3 tipo di reddito 2 (colonna 3). MOD.730/2013. Quadro D Riportare il dato presente al rigo D 5, tipo di reddito 2 (colonna 2 colonna 3) oppure al rigo D3, tipo di reddito 3 (colonna 2). COMPENSI Nel caso in cui sia stato compilato uno dei modelli fiscali elencati, scrivere nel campo corrispondente l importo dichiarato nel rigo di riferimento indicato. MODELLO IVA Quadro VE Riportare il dato presente al rigo VE 40 EX CONTRIBUENTI MINIMI - UNICO Quadro LM Riportare il dato presente al rigo LM 2 ALTRO Barrare la casella corrispondente alla propria posizione fiscale. Operazioni non territorialmente rilevanti ai fini IVA (D.P.R. 633/72 art. 7) Esonerato da obbligo di dichiarazione fiscale Esercizio dell attività in assenza di reddito professionale pagina 7 di 9

12 ATTIVITÀ SVOLTA PER ALTRO PROFESSIONISTA ISCRITTO ALL EPPI Indicare i codici fiscali dei professionisti, con i quali si è collaborato per la realizzazione di un incarico unitario, e l ammontare delle fatture o note di pagamento emesse senza applicazione del contributo integrativo del 2% fino al 30 giugno In caso di fatture o note di pagamento emesse verso uno studio associato o una società è necessario indicare comunque il codice fiscale del professionista iscritto all EPPI e non la partita iva. ACCERTAMENTO FISCALE La compilazione del riquadro è riservata a chi ha subito un accertamento fiscale divenuto definitivo nel Indicare i redditi e i volumi d affari dei soli anni interessati dall accertamento. Non compilare se i dati reddituali non hanno subito variazioni. IDENTIFICAZIONE DEGLI ISCRITTI ALL ENTE Barrare la seconda casella se si esercita l attività di perito industriale e contemporaneamente l attività di lavoratore dipendente. Barrare la prima casella in tutti gli altri casi. La percezione di un reddito da pensione non è considerata attività di lavoro dipendente. AUTOCERTIFICAZIONE E SOTTOSCRIZIONE L iscritto deve firmare il modello, assumendosi la responsabilità dei dati dichiarati e allegare copia di un documento d identità valido. Non saranno considerate valide le dichiarazioni non firmate inviate in modalità non ematica. pagina 8 di 9

13 5. Calcolo dei contributi CONTRIBUTO SOGGETTIVO Il contributo soggettivo obbligatorio annuo è pari all 11% del reddito netto. Il minimale e il massimale Per redditi fino a è dovuto un contributo soggettivo minimo pari a Per redditi pari o superiori a è dovuto un contributo soggettivo pari a ,39. Aliquota opzionale È possibile optare per una maggiore aliquota contributiva. L aliquota prescelta è valida solo per l anno Il prossimo anno potrà essere confermata o variata. La scelta dell aliquota superiore all 11% è vincolata al minimale di contribuzione ed al massimale di reddito: se il reddito è inferiore a si può applicare l aliquota maggiore solo se il nuovo contributo determinato risulta superiore al contributo soggettivo minimo ( 1.045) se il reddito è pari o superiore al massimale, si può applicare l aliquota maggiore solo sull importo di CONTRIBUTO INTEGRATIVO E DI MATERNITÀ Per calcolare il contributo integrativo bisogna tener conto dell aumento dell aliquota che dal 1 luglio 2012 è passata dal 2% al 4%. È necessario, quindi, determinare separatamente i compensi in base dell aliquota applicata: COMPENSI SUI QUALI È STATO APPLICATO IL 2% fatture o note di pagamento emesse fino al 30 giugno 2012 fatture emesse verso le Amministrazioni Pubbliche per tutto l anno 2012 COMPENSI SUI QUALI È STATO APPLICATO IL 4% fatture o note di pagamento emesse dal 1 luglio 2012 verso privati e altri professionisti iscritti all EPPI COMPENSI SUI QUALI NON È STATO APPLICATO IL CONTRIBUTO INTEGRATIVO fatture o note di pagamento emesse fino al 30 giugno 2012 verso altri professionisti iscritti all EPPI nell ambito di un incarico unitario Individuati i compensi, si determina per ognuno il relativo contributo dovuto in base all aliquota applicata. La somma dei singoli contributi così ottenuti determina l importo da versare a titolo di integrativo per l anno Per i compensi fino a è dovuto il contributo integrativo minimo pari a 285 (determinato applicando su detto valore l aliquota del 2% fino al 30 giugno 2012 e del 4% dal 1 luglio 2012). Il contributo di maternità è pari a 8,50. pagina 9 di 9

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA 222 info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 29.10.2015 EPPI 03/2014 COGNOME NOME CODICE

Dettagli

Ufficio Relazioni con gli Iscritti

Ufficio Relazioni con gli Iscritti Istruzioni per la compilazione della riferita al reddito professionale prodotto nel 2013 e per il pagamento dei contributi a saldo (ai sensi degli art. 7, 10 e 11 del Regolamento dell ENPAP) Iscritti titolari

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 06/06/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 06/06/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 06/06/2014 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Note illustrative per la compilazione del Modello 1/2015 (Comunicazione ex art. 19 del Regolamento di Attuazione allo Statuto)

Note illustrative per la compilazione del Modello 1/2015 (Comunicazione ex art. 19 del Regolamento di Attuazione allo Statuto) Note illustrative per la compilazione del Modello 1/2015 (Comunicazione ex art. 19 del Regolamento di Attuazione allo Statuto) QUANDO PRESENTARLO Entro il 30 novembre 2015. NOVITA : da quest anno la sanzione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO TELEMATICO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO TELEMATICO Istruzioni per la compilazione della comunicazione telematica del reddito professionale e per il pagamento dei contributi a saldo REDDITI ANNO 2014 INDICE INTRODUZIONE 1. Chi deve compilare e inviare la

Dettagli

I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF

I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF INFORMATIVA N. 180 18 GIUGNO 2015 DICHIARAZIONI I CONTRIBUTI CIPAG E IL MOD. UNICO 2015 PF DPCM 9.6.2015 Istruzioni mod. UNICO 2015 PF Documento esplicativo CIPAG 28.5.2015 Come noto i soggetti esercenti

Dettagli

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Circolare N.85 del 7 Giugno 2011 Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Giornalisti: entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 08/06/2016

Direzione Centrale Entrate. Roma, 08/06/2016 Direzione Centrale Entrate Roma, 08/06/2016 Circolare n. 97 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile Tra L Università di, Dipartimento di con sede in alla Via, codice fiscale, in persona del rappresentante legale sig., di seguito denominata

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI Cosa significa qualificarsi all EPPI CONTRIBUTI EPPI Ogni perito industriale iscritto all Albo ha l obbligo di qualificarsi con l Ente. Qualificarsi significa comunicare all Eppi la propria posizione nei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI Art. 1 Tipologia dei contributi 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dell art. 1, comma 3 del D.lgs 30/6/1994 n. 509 ed in conformità a quanto stabilito dal

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

La trasmissione del modello1 per via telematica è diventato l unico strumento di invio della dichiarazione annuale.

La trasmissione del modello1 per via telematica è diventato l unico strumento di invio della dichiarazione annuale. Guida alla presentazione telematica del Modello1 Il termine per la presentazione è il 30.11.2014. Sono tenuti tutti gli iscritti all Albo professionale nel corso del 2013 (anche per parte dell anno) La

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.za Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano SCHEDA INFORMATIVA DEL COLLABORATORE ESTERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.za Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano SCHEDA INFORMATIVA DEL COLLABORATORE ESTERNO Cod.. 12621570154 SCHEDA INFORMATIVA DEL COLLABORATORE ESTERNO A) DICHIARAZIONE DEI DATI PERSONALI Io sottoscritto/a Tel./e-mail fiscale: o (se residente all estero) codice identificativo estero(*): sotto

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2015 GEOMETRI

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2015 GEOMETRI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2015 GEOMETRI Aggiornato al 11/06/2015 MODELLO UNICO 2015 - SEZIONE III DEL QUADRO RR Sommario SOMMARIO 1 Presentazione... 1 2 Modello Unico 2015 PF - Quadro

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2014 GEOMETRI

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2014 GEOMETRI MODELLO UNICO 2014 GEOMETRI Aggiornato al 7/05/2013 MODELLO UNICO 2014 - SEZIONE III DEL QUADRO DEL QUADRO RR Sommario SOMMARIO 1 Presentazione...... 1 2 Modello Unico 2014 PF - Quadro RR Sezione III...

Dettagli

VK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VK27U 58.21.00 Edizione di giochi per computer; 58.29.00 Edizione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 07/06/2013 Circolare n. 88 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Guida Tematica CONTRIBUTI

Guida Tematica CONTRIBUTI Guida Tematica CONTRIBUTI Tipologia Gli iscritti sono tenuti al versamento di: un contributo soggettivo, pari al 10% del reddito professionale (ovvero, su opzione dell iscritto, pari al 14%, al 16%, al

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

Contributi I.V.S. dovuti per l anno 2011 da artigiani e commercianti

Contributi I.V.S. dovuti per l anno 2011 da artigiani e commercianti Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Contributi I.V.S. dovuti per l anno 2011 da artigiani e

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI 00199 ROMA - VIA SALARIA, 229

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI 00199 ROMA - VIA SALARIA, 229 CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROESSIONISTI 00199 ROMA - VIA SALARIA, 229 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICH/2014 Professionisti Iscritti alla

Dettagli

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95)

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) Caratteristiche dei destinatari degli estratti L'emissione dell'estratto conto nei

Dettagli

VK24U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VK24U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VK24U 74.90.12 Consulenza agraria fornita da agrotecnici e periti

Dettagli

Gorizia, 21 ottobre 2014

Gorizia, 21 ottobre 2014 Gorizia, 21 ottobre 2014 1 «L avvocato, sin da giovane, deve essere consapevole della suo c.d. percorso previdenziale, allo scopo non solo di sfruttare appieno le opportunità offerte, ma anche -eventualmente-

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO MODELLO UNICO 2014 - SEZIONE III DEL QUADRO RR Versione 1.0 12/05/2014 Sommario SOMMARIO 1 Regole per la compilazione di Unico 2014 PF e per il pagamento dei contributi tramite F24...

Dettagli

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10 1 MARZO 2014 Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI

DICHIARAZIONI FISCALI QUADRO SG SOMME DERIVANTI DA RISCATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E CAPITALI CORRISPOSTI IN DIPENDENZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA, O DI CAPITALIZZAZIONE NONCHÉ RENDIMENTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Natura dell'incarico. Luogo di nascita. Località Cap Prov. Località Cap Prov.

Natura dell'incarico. Luogo di nascita. Località Cap Prov. Località Cap Prov. Dati Anagrafici (compilazione obbligatoria) da compilare a cura dell' Ateneo Amministrazione centrale/dipartimento MODULO DATI PERSONALI - PREVIDENZIALI - FISCALI 2015 DENOMINAZIONE ENTE: UNIVERSITA' DEGLI

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi Il/la sottoscritto/a nato/a il Codice Fiscale residente

Dettagli

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF

QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF QUADRO RN CALCOLO DELL IRPEF ASPETTI GENERALI La struttura del Quadro discende dallo schema normativo di determinazione dell imposta a debito o a credito, così determinato: Reddito complessivo (meno) Deduzione

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Agenzia delle Entrate COMUNICAZIONE DI ADESIONE AL CONCORDATO PREVENTIVO BIENNALE

Agenzia delle Entrate COMUNICAZIONE DI ADESIONE AL CONCORDATO PREVENTIVO BIENNALE Agenzia delle Entrate COMUNICAZIONE DI ADESIONE AL CONCORDATO PREVENTIVO BIENNALE Art. 33 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326

Dettagli

VK10U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VK10U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VK10U 86.21.00 Servizi degli studi medici di medicina generale;

Dettagli

REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005

REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 Il reintegro dell anticipazione è contemplato tra gli istituti tipici che caratterizzano la partecipazione alla previdenza integrativa fin dalla

Dettagli

CUD 2012 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE. ntrate. genzia. 1.1 Finalità del trattamento. 1.2 Dati personali. 1.3 Dati sensibili

CUD 2012 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE. ntrate. genzia. 1.1 Finalità del trattamento. 1.2 Dati personali. 1.3 Dati sensibili genzia ntrate CUD 2012 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

VG53U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG53U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VG53U 74.30.00 Traduzione e interpretariato; 82.30.00 Organizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE Comunicazione dati del personale non dipendente che ha richiesto il trattamento alternativo

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009 Notizie Flash Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno è scaduta la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso sia pervenuto dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 143 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 Con il Provvedimento

Dettagli

UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita`

UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita` UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita` di Cristina Piseroni e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO I lavoratori dipendenti privati che presentano il Mod. UNICO 2011 e hanno percepito nel

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI COME SI COMPILA CASI PARTICOLARI Il Quadro AC deve essere utilizzato per comunicare i dati identificativi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICH/2013 Professionisti Iscritti alla Cassa

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICH/2013 Professionisti Iscritti alla Cassa CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROESSIONISTI 00199 ROMA - VIA SALARIA, 229 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICH/2013 Professionisti Iscritti alla

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE: N. 117261 /2009 protocollo Approvazione delle modalità di effettuazione della comunicazione di adesione ai contenuti degli inviti al contraddittorio ai fini delle imposte dirette e I.V.A. nonché delle

Dettagli

Agg.905S Contabilità. Manuale Utente. Assist. Clienti. A cura di: VERS. 13.11.2012 (T.M.)

Agg.905S Contabilità. Manuale Utente. Assist. Clienti. A cura di: VERS. 13.11.2012 (T.M.) Agg.905S Contabilità Manuale Utente A cura di: VERS. 13.11.2012 (T.M.) Assist. Clienti Sommario PAG.2 Sommario Contenuto dell aggiornamento:... 1 Contesto. Dal sole 24 ore... 1 Processo:... 5 Operazioni

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via del Tritone, 169-00187 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 NUOVO

Dettagli

DICHIARAZIONE DATI ANAGRAFICI, FISCALI E PREVIDENZIALI

DICHIARAZIONE DATI ANAGRAFICI, FISCALI E PREVIDENZIALI Dichiarazione sostitutiva di certificazione a norma del D.P.R. 445/2000 DICHIARAZIONE DATI ANAGRAFICI, FISCALI E PREVIDENZIALI Per gli adempimenti di competenza il/la sottoscritto/a dichiara quanto segue:

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Il quadro RX della dichiarazione dei redditi espone i crediti relativi alla liquidazione delle imposte in essa

Dettagli

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE - AUTOCERTIFICAZIONE (art. 2 L. 4.01.1968 n. 15, modificato dall art. 3 L. 15.05.1997, n. 127 e art. 1 D.P.R. 20.10.1998, n.

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012 Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del di Saverio Cinieri (*) L ADEMPIMENTO L Agenzia delle Entrate ha approvato il Mod. 730/ che permette ad alcune categorie di contribuenti (per lo piu` lavoratori

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 06.09.2013 EPPI 03/2012 COGNOME NOME ISCRITTO

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 febbraio 2013 Oggetto: Circolare n. 5/2013 del 28 febbraio

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE QUESITI FORUM LAVORO 2015 * * * L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE 1. Stampa progressivo certificazione Ai fini della compilazione della dichiarazione precompilata, il numero di progressivo della certificazione

Dettagli

RICHIESTA TRASFERIMENTO FONDO PENSIONE APERTO E PIP

RICHIESTA TRASFERIMENTO FONDO PENSIONE APERTO E PIP Spettabile Via Imperia, 35 20142 Milano RICHIESTA TRASFERIMENTO FONDO PENSIONE APERTO E PIP Richiesta inoltrata personalmente Richiesta inoltrata tramite la Filiale, oppure l Ufficio del Personale di:

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. N. 6499/2014 Approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei pagamenti dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 verificatisi

Dettagli

UNICO 2014 : LA COMPILAZIONE DEL QUADRO RR PER I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

UNICO 2014 : LA COMPILAZIONE DEL QUADRO RR PER I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI UNICO 2014 : LA COMPILAZIONE DEL QUADRO RR PER I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale La compilazione del quadro in oggetto riguarda i seguenti soggetti : -artigiani e commercianti

Dettagli

Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi

Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi Versione 1.2 del 16/05/2012 Premessa Per la Campagna RED 2012, la richiesta di dichiarazione reddituale viene inviata a tutti

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli