Economia senza banche o banche senza economia? Lezioni da Stati Uniti ed Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia senza banche o banche senza economia? Lezioni da Stati Uniti ed Europa"

Transcript

1 Economia senza banche o banche senza economia? Lezioni da Stati Uniti ed Europa Seminario per il corso di Laurea Magistrale in Scienze Economiche Gabriele Barbaresco Area Studi Mediobanca Roma, Università degli Studi RomaTre-Dipartimento di Economia,14 aprile 2015

2 Sommario Sezione 1 Posso fidarmi di te? La fragilità dell impresa bancaria Sezione 2 Declino strutturale del business bancario. Il caso italiano Sezione 3 Il Regolatore. Ma lui, la fiducia, se l è guadagnata? Sezione 4 Banche: cresciute o sovrappeso? Sezione 5 Il mare unisce i Paesi che separa: banche europee e statunitensi a confronto 2

3 Sezione 1 Posso fidarmi di te? La fragilità dell impresa bancaria Gabriele Barbaresco Area Studi Mediobanca Roma, Università degli Studi RomaTre-Dipartimento di Economia,14 aprile 2015

4 Come funzionano le banche: quel delicato asset chiamato fiducia Il panico finanziario è la diffusa perdita di fiducia verso un istituzione finanziaria; la sua manifestazione più evidente è la corsa agli sportelli (punic run). Il rischio di panico finanziario i i è intrinsecoi alla logica di funzionamento dell azienda d bancaria Perché può svanire la fiducia verso una banca? Perché la banca svolge due attività intrinsecamente contraddittorie: produce moneta attraverso i depositi e la veicola all economia reale (famiglie e imprese) attraverso il canale dell intermediazione creditizia I depositi devono essere certi (rapporto di conversione fisso e paritetico con la moneta legale) e a breve (liquidabili senza preavviso); i finanziamenti sono incerti (default dell affidato) e illiquidi (liquidi solo a scadenza, prima di essa con sconto); il mestiere del banchiere è la trasformazione dei rischi (certo contro incerto) e delle scadenze (brevi contro lunghe) Perché esiste il deposito? Per rispondere alla domanda di assicurazione contro l incertezza dei depositanti circa il profilo temporale dei propri consumi futuri. Esso rappresenta uno strumento teoricamente massimizzante l utilità del consumatore rispetto a: 1. detenzione di moneta legale (infruttifera e sottraibile); 2. erogazione diretta al soggetto da finanziare (costo del monitoraggio e perdita di liquidità); ma perché il deposito sia preferibile a 1. esso deve essere a vista, ovvero immediatamente trasformabile in moneta legale a domanda del depositante, senza preavviso; perché il deposito sia preferibile a 2., la banca deve mostrare di avere una capacità di discernere il propri prenditori meglio e a minor costo di quanto possa fare il singolo depositante (riduzione delle asimmetrie informative) La banca detiene liquidità per soddisfare le richieste di riscatto dei depositanti, ma essa ha un costo (opportunità); la banca non può fronteggiare una domanda di ritiro simultanea di tutti i depositi (riserva frazionaria dei depositi) La fiducia nella capacità di selezionare la clientela e nella pronta monetizzazione dei depositi tiene in vita la banca. E un equilibrio fragile Dopo 100 anni cambiano solo i colori delle foto, non i protagonisti New York, 1907, Punic run alla 19th Ward Bank Londra, settembre 2007, Punic run alla Northern Rock 4

5 che ha rappresentato una faticosa (e non definitiva) conquista La fiducia ha una variabilità degna del più perturbato dei mercati finanziari Negli Sati Uniti prima dei National Bank Acts ( ) che posero le basi per l emissione di moneta da parte del Governo Federale, circolavano banconote emesse da banche private attive nei singoli Stati dell Unione, denominate free banks. Si contavano fino a banconote diverse. Ad ognuna era attribuito un valore diverso, con sconti variabili rispetto al nominale, in base alla affidabilità riconosciuta alla banca. Questa dipendeva dalla qualità del collaterale posto a garanzia della moneta emessa, depositato presso il revisore dei conti di ciascuno Stato Il grafico riporta gli sconti praticati a Filadelfia sul valore nominale delle banconote emesse da una banca del Tennesse. Ogni negoziante disponeva di un listino (detto banknote detector) sul quale rilevava le quotazioni delle banconote e determinava il prezzo della merce in relazione alla valuta presentata Fiorì un mercato delle banconote in cui speculatori in possesso di informazioni privilegiate sulla solvibilità delle banche lucravano guadagni dalla compravendita di banconote. Il mercato eraquindi efficiente i (il prezzo della banconota eracorretto), ma la moneta era priva di valore certo e quindi la sua funzione pregiudicata Fonte: Gorton B., Misunderstanding Financial Crises: Why we don t see them coming, 2012, Oxford University Press (traduzione italiana a cura di Franco Angeli, 2014) 5

6 Chi produce la fiducia (1)? Il fragile bilancio bancario. Impieghi: famiglie e imprese 97 Raccolta: depositi e interbancario 97 Si consideri un bilancio semplificato: l attivo consiste di impieghi a famiglie ed imprese per 97 e di liquidità per 3 (un dato storicamente plausibile). Il passivo è composto da depositi e interbancario per 97 e da capitale netto per 3. Anch esso plausibile: le nuove regole di Basilea III propongono un livello minimo di leva pari a 33 volte Qualunque banca considererebbe imprudente e inaffidabile un richiedente con loan to value del 97%: chi finanzierebbe un mutuo per l intero importo? Il prenditore banca fa eccezione ed Regolatore lo legittima. Contabilmente è un azzardo Liquidità 3 Mezzi propri 3 Impieghi: famiglie e imprese 94 Fonte: R&S-Mediobanca Default per 3 sugli impieghi Raccolta: depositi ed interbancario 97 Liquidità 3 Mezzi propri 0 6 Infatti, considerato che il capitale netto copre le perdite inattese (quelle attese sono scontate nelle condizioni del prestito, il tasso richiesto), il default del 3,1% dei prestiti (3/97) è sufficiente ad assorbire l intero capitale netto. I depositanti temono l insolvenza della banca e ritirano i depositi. La liquidità li può coprire solo per il 3,1% (3/97) Ogni maggiore prelievo dei depositanti costringe la banca a vendere gli asset che sono illiquidi e si cedono a sconto. Maturano ulteriori perdite che alimentano altri riscatti. Se ad essi non si può fare fronte, altre banche subiscono una perdita sugli impieghi (interbancario), vedono eroso il proprio capitale e si trovano a fronteggiare a loro volta una spirale di riscatti Il default di un istituto ne contagia altri e la crisi da individuale diviene sistemica

7 manovrato dal banchiere oscillante tra prudenza e profitto Il banchiere dispone quindi di due leve, il capitale ela liquidità, idità che deve utilizzare sotto il doppio vincolo della profittabilità e della stabilità dell impresa bancaria. Profitto e prudenza, oppure prudenza e profitto? Un capitale abbondante ripara dal rischio di indebolire la banca a seguito di perdite inattese. Ma una banca il cui passivo fosse costituito integralmente da capitale proprio sfuggirebbe al servizio di liquidità che è chiamata a svolgere attraverso i depositi (sarebbe un fondo chiuso); inoltre, il capitale e una fonte di finanziamento più costosa del debito Una liquidità abbondante ripara dal rischio di insolvenza della banca verso le obbligazioni di pagamento sui debiti assunti. Una banca il cui attivo fosse integralmente costituito da liquidità sarebbe in grado di fronteggiare per definizione qualunque richiesta di riscatto dei creditori, anche massiva. Ma sfuggirebbe al servizio di collegamento tra i settori che dispongono di risorse finanziarie (depositanti) e coloro che le richiedono (famiglie e imprese). Sarebbe cioè un fondo monetario; inoltre la liquidità rende meno dei prestiti Quindi: una banca molto capitalizzata e liquida, massimizza la stabilità a discapito del profitto, ma è, in ultima istanza, la negazione stessa del business bancario (trasformazione di rischi e scadenze). Il banchiere è un imprenditore e ha il dovere di un uso efficiente delle risorse scarse (capitale e liquidità) che gli sono affidate. E infatti, liquidità e capitale, storicamente, si sono ridotti (grafici) Altro: liquidità (tre nozioni) in % del totale attivo, banche inglesi Basso: mezzi propri in % del totale attivo (Usa e Uk) Fonte: G. Haldane, Banking on the State, BIS Review, 139/2009 7

8 ma il fascino del profitto è troppo forte Stato patrimoniale Struttura Fonte: R&S-Mediobanca su bilanci Deutsche Bank, 1980 vs

9 Chi produce la fiducia (2)? La banca centrale, tra autonomia e politica Il banchiere attratto dal profitto può creare banche instabili, che rischiano di perdere la fiducia Chi può ristorare la fiducia? Le banche centrali nella propria funzione di prestatore di ultima istanza: erogazione di liquidità alle banche in difficoltà dietro presentazione di collaterale a garanzia. Il tasso a cui viene regolato il prestito deve essere penalizzante, perché nessuno ne abusi (azzardo morale). Si tratta della regola di Bagehot ( ) Funziona sempre la rete di protezione delle banche centrali? Prima della Fed, negli Usa il salvataggio delle banche era affidato a istituzioni privare (clearing house) che però mancavano delle risorse e della credibilità necessarie. Tra il 1873 ed il 1914 i dissesti bancari furono numerosi (grafico a sx). La Fed fu istituita nel 1913 (Federal Reserve Act) e divenne operativa nel Il ritardo con cui fu creata (1668 in Svezia, 1694 in Inghilterra, 1800 in Francia) fu il frutto di resistenze politiche (contrasto alle lobby finanziarie di New York e Filadelfia). La sua originale articolazione territoriale (dodici distretti, per lo più lungo la East Coast) ne prova la nascita sofferta (grafico al centro) Il primo vero banco di prova della Fed fu la crisi del 1929, ma essa fallì il proprio mandato. La strenua difesa del Gold Standard indusse la Fed a tenere una politica monetaria restrittiva a difesa dagli attacchi speculativi contro il dollaro (la Gran Bretagna ne era stata vittima nel 1931, abbandonando il Gold Standard). Ciò creò deflazione, portando al collasso il settore agricolo. Inoltre l adesione alle teorie liquidazioniste indusse la Fed a lasciare fallire molte banche, circa su 25mila attive negli anni 30 (grafico dx) Solo nel 1951 la Fed si emancipa formalmente dal potere esecutivo (Fed-Treasury Accord) Banche statunitensi fallite ( ) Articolazione territoriale della Fed Banche statunitensi fallite ( ) 9

10 e viene soccorsa dallo Stato che assicura i depositi, ma in cambio Nel 1934 Roosvelt introdusse l assicurazione i dei depositi con l istituzione della Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic). Fino agli anni 60 gli Usa sono stati il solo Paese avanzato ad avere un sistema di assicurazione dei depositi. Da allora in numero dei Paesi che lo hanno introdotto è aumentato arrivando ad un centinaio. Durante la crisi alcuni Paesi (tra cui Usa, Uk e Germania) hanno ampliato i limiti di copertura, alcuni li hanno eliminati pro tempore, altri in modo definitivo. Fonte: Haldane A. G., Banking on the State, BIS Review, 139/

11 Chi produce la fiducia (3)? impone il regolatore: prima strutturale Lo Stato mette la propria garanzia sui depositi, ma chiede alle banche di vincolarsi a modelli di business più stabili che minimizzino il rischio di escussione della garanzia pubblica. Le banche private accettano di cedere una quota della propria autonomia gestionale in cambio dell assicurazione statale sulle passività che le rende più affidabili (degne di fiducia). Ciò avviene attraverso la regolazione. Si pongono le premesse dell azzardo morale e della reciproca cattura tra pubblico e privato La vigilanza o regolazione bancaria storicamente ha oscillato tra due separate impostazioni: quella strutturale e quella microprudenziale. La prima ha carattere intrusivo e proibitivo: vieta ex lege al banchiere di intraprendere attività che, nell ottica del regolatore, esacerbano il mismatch rischio/scadenze tra passivo ed attivo bancario che è alla radice delle crisi. La vigilanza microprudenziale lascia il banchiere libero di esercitare la propria azione imprenditoriale senza alcuna preclusione, ma gli impone di assumere dotazioni di capitale e liquidità ritenute congrue con il livello di rischio assunto La legislazione statunitense degli anni 30 offre un buon esempio di vigilanza strutturale. Nel 1927 negli Stati Uniti il McFadden Act vieta l apertura di filiali al fuori dei singoli Stati dell Unione. La crisi degli anni 30 porta alla approvazione del Glass Steagall Act nel 1933, paradigma della regolazione strutturale. Esso impone la separazione tra banca retail e banca d investimento, vietando alle banche commerciali di acquisire e negoziare azioni o svolgere attività assicurativa; nel 1935 si perfeziona lo spin-off di Morgan Stanley (investment bank) da J.P. Morgan & Co (banca retail). La Regulation Q della Glass-Steagall impone un limite massimo (5,25%) ai tassi di interesse corrisposti sui depositi (interest rate ceilings) con l obiettivo di prevenire guerre al ribasso dei tassi, ma anche impedire che si raggiungano livelli usurai Questa imbragatura regge fino ai primi anni 80 quando le banchepercepisconol eccessivaangustiadelle limitazioni loro imposte dalla regolamentazione. Perché? Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca 11

12 poi liberista negli anni 80 L inflazione torna alta: oltre il 12,6% nel I depositanti in cerca di rendimenti reali lasciano i depositi bancari attratti dall offerta di società finanziarie non bancarie che, libere dai lacci della vigilanza, iniziano a offrire rendimenti elevati canalizzando il risparmio verso fondi di investimento specializzati in attività liquide L aumento della concorrenza fa cadere il valore del charter value, la licenza bancaria. La prudente gestione bancaria indotta dal timore di perdita della licenza perde motivo: la raccolta del risparmio è possibile anche al di fuori del quadro regolamentare Aumenta anche la concorrenza esterna : il mercato si apre e si fa internazionale. In diversi paesi il regolatore assume un atteggiamento più permissivo: prende corpo la concorrenza regolamentare al ribasso fra supervisori (competition in laxity). Si diffonde il timore che a causa della regolazione restrittiva i capitale bancari statunitensi possano migrare verso paesi ove il business è più redditizio Lo Stato abdica dal proprio ruolo di regolatore attivo e delega al mercato il ruolo sanzionatorio. Un mutamento che trova il proprio corrispettivo nella teoria dei mercati efficienti (Fama e la scuola di Chicago), che confida nelle capacità di autoregolazione dei mercati finanziari, e nelle soluzioni analitiche che consentono di governare del rischio attraverso la diversificazione e la copertura con derivati (Black & Scholes) Cade il presupposto della regolazione strutturale che muove da fondamenti basati sulla separazione e sulla restrizione, ovvero la negazione della diversificazione e dell assicurazione finanziaria. La regolazione si muove di conseguenza: nel 1980 (presidenza Carter) si decide il progressivo abbandono dei massimali su tassi (Didmca); nel 1984 la Continental Illinois National Bank viene salvata dalla Fed (nasce il TBTF); nel 1986 la Fed rilegge il Glass-Steagall stabilendo che una quota di ricavi da attività di investment banking pari al 5% sia compatibile con lo status delle banche commerciali; nel 1987 si insedia Greenspan e successivi regolamenti della Fed consentono alle banche di espandere le attività di investment banking dapprima fino al 10% (1996) e poi fino al 25% dei propri ricavi; nel 1994 il Riegle-Neal Act (bi-partisan) rimuove tutti i limiti geografici all interno dell Unione imposti nel 1927 (McFadden Act); nel 1998 si perfeziona la fusione tra Travelers Insurance Group e Citicorp, tecnicamente illegale, ma consentita sotto impegno del nuovo gruppo di dismettere entro due anni il business assicurativo Non ve ne sarà bisogno: nel 1999 il Gramm-Leach-Bliley Act cancella il Glass-Steagall e sancisce il ritorno alla banca universale, già avvenuto nei fatti. Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca 12

13 quindi microprudenziale negli anni 90 Nel 1988 entra in vigore il primo Accordo di Basilea ( Basilea I); seguono Basilea II (2004) e III (2010) GliobiettiviufficialidiBasileaIsono: 1. Tutelare i depositanti (widows and orphans) 2. Prevenire effetti sistemici it ii( (panic run) 3. Creare pari condizioni competitive tra i competitor (level playing field) 4. Disincentivare la concorrenza regolamentare fra supervisori (competition in laxity) e l imprudenza bancaria (race to the bottom) 5. Contrastare la riduzione della patrimonializzazione delle banche Sui punti 3 e 4: prima del 1988 in alcuni Paesi le banche mostravano una leva superiore ai competitors internazionali: Giappone circa 50x, Germania 30x, USA e UK 20x, Svizzera 16x. Nel 1989, il Giappone aveva nove delle dieci maggiori banche mondiali, era il primo creditore netto mondiale e poteva finanziare in dollari a tassi inferiori a quelli praticati dalle banche Usa. Le securities houses giapponesi dominavano New York Non è estranea a Basilea I la volontà statunitense di limitaregliistitutigiapponesicheconbasileafurono costretti a ridurre la propria esposizione, dapprima internazionale poi domestica; scoppiò la bolla immobiliare e il Giappone entrò in una recessione, poi stagnazione, tuttora irrisolta E infatti il sistema ponderale di Basilea I non è un invenzione svizzera ma statunitense : il building-block approach fu introdotto negli anni 50 negli Usa, su iniziativa della Fed di New York e del Board of Governors della Fed Dieci anni dopo Basilea I, otto delle prime dieci banche mondiali erano statunitensi. Obiettivo raggiunto (!) Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca 13

14 di nuovo strutturale Dopo la crisi del ha ripreso quota la vigilanza strutturale :nelluglio2010èstatoapprovatoildodd-frankact che contiene, tra l altro, la Volcker Rule che prospetta la separazione delle attività (retail e trading) ed ha ispirato progetti analoghi in Europa (Rapporto Liikanen per l ambito comunitario e Rapporto Vickers per lo UK) Si torna agli anni 30 e l idea di fondo appare chiara: proteggere i depositanti dal rischio di default indotto dalle attività rischiose della banca. La divisione consentirebbe il fallimento delle attività speculative all uopo separate, senza innescare le esternalità negative rappresentate da panic run e paralisi del sistema dei pagamenti Inoltre, la separazione favorirebbe: il disinnesco di qualunque incentivo all azzardo morale, ovvero alla disinvolta assunzione di attività rischiose confidando nella safety net pubblica una maggiore concentrazione delle banche nella pura attività di intermediazione creditizia il cui volume risulterebbe accresciuto in assenza di distrazione di risorse finanziarie dirottate su impieghi speculativi la riduzione del livello di interconnessione degli istituti, che vedrebbero drasticamente semplificata la dimensione e la struttura del proprio attivo (solo finanziamenti all economia) e passivo (solo depositi), recidendo tutti i canali (rapporti interbancari e con altre istituzioni non regolamentate) fonte di rischio sistemico generale semplificazione del business che sarebbe più facilmente vigilabile, con vantaggio per lo stesso regolatore. Tutte le argomentazioni o riferite appaiono o opponibili, in quanto: la concentrazione delle banche nella sola intermediazione le priva della possibilità assumere attività (derivati) che possono svolgere una funzione di riduzione del rischio complessivo attraverso la sua diversificazione ed assicurazione. In ultima istanza, la costrizione del raggio di azione della gestione della banca all interno di un accezione monobusiness ne accrescerebbe la rischiosità e ridurrebbe stabilità l assunzione delle attività bandite da parte di altri intermediari non regolamentati (fondi hedge, società finanziarie et similia), lasciando inalterati i rischi di instabilità sistemica ed anzi sottraendoli all occhio del vigilante l impoverimento della gamma di servizi che la banca è in grado di offrire: la copertura dei rischi imprenditoriali (di tasso, cambio, prezzo delle commodities) sarebbe soddisfatta da altre istituzioni, con segmentazione ed inefficienze tanto dal lato dell offerta (limitazione delle economie di scalaescopo)chedaquellodelladomanda(finedelconcetto di one-stop shopping, ovvero dell erogazione erogazione al cliente di un pacchetto di servizi da parte di un solo fornitore) Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca 14

15 Un ritratto del regolatore: ondivago, bicefalo, logorroico e vessatorio Il regolatore ha quindi oscillato nel tempo tra gli estremi t strutturai tt e liberisti-microprudenziali i i i li I provvedimenti di ring-fencing ora in via di discussione (o approvazione come in Germania, Francia e UK) creano un quadro regolatorio bifronte, nel quale assieme a provvedimenti di natura micro-prudenziale (Basilea) si innescano misure di impronta strutturale (a la Glass-Steagall), creando congestione regolatoria, problemi di coordinamento normativo e, certamente, ulteriori oneri di compliance in capo agli istituti e di vigilanza in capo al regolatore Il costo derivante, di difficile determinazione, sarebbe sopportato dalla clientela per la quota in capo alle banche, dalla collettività per la quota in capo al regolatore I costi regolamentari relativi all espansione organizzativa delle autorità gravano sulla collettività. Si consideri che: negli Stati Uniti nel 1935 vi era un addetto alla regolazione ogni tre banche vigilate, oggi il rapporto è di tre ad uno nel Regno Unito negli anni 80 vi era un impiegatoi nelle autorità di vigilanza iil ogni 11mila dipendentid bancari, oggi la proporzione è di uno a trecento l avvento di Basilea III si stima abbia richiesto ad una banca europea di medie dimensioni l assunzione di 200 nuove risorse full-time dedicate alla compliance, ovvero circa 70mila posizioni per l Eurozona nei primi dodici mesi dalla sua approvazione, circa il 10% delle disposizioni del Dodd-Frank Act è divenuto effettivo, comportando la creazione di circa 1000 nuovi posti di lavoro presso le istituzioni vigilate; a regime si arriverebbe a 10mila posizioni con riferimento ai ventilati progetti di separazione bancaria, il Rapporto Vickers quantifica i costi a carico del sistema bancario in una forbice tra i 4 ed i 7 miliardi di sterline il primo accordo di Basilea (Basilea I) formava un documento di 30 pagine, recepito in 18 pagine dall ordinamento Usa e il 13 dallo UK; negli stessi paesi il recepimento dell accordo di Basilea III ha prodotto documenti di oltre 1000 pagine la legge Glass-Steagall ( ) era composta da 37 pagine; il Dodd-Frank Act del 2010 è di 848 pagine e richiede l emanazione di 400 regolamenti attuativi; essi, realizzati solo per un terzo, hanno prodotto pagine, a regime saranno circa nel 1974 la reportistica regolamentare del Regno Unito richiedeva ihid ad una banca di fornire circa 150 dati; oggi sono 7.500; in Europa si stima che a regime un grosso gruppo bancario sia chiamato a fornire 30/ informazioni in almeno 60 differenti moduli di reportistica. Fonte: elaborazioni R&S-Mediobanca su dati tratti fa Haldane A. G., The dog and the frisbee, August 2012, Bank of England (Speech) 15

16 Sezione 2 Declino strutturale del business bancario. Il caso italiano Gabriele Barbaresco Area Studi Mediobanca Roma, Università degli Studi RomaTre-Dipartimento di Economia,14 aprile 2015

17 Prestare denaro: un mestiere in crisi ( ) Margine di interesse / prestiti (in %) Spread sui prestiti (tassi attivi-tassi passivi) Fonte: Elaborazioni R&S su: AAVV, Nuove serie storiche sull attività di banche e altre istituzioni finanziarie dal 1861 al 2011: che cosa ci dicono?, Quaderni di Storia Economica, Banca d Italia, giugno

18 Offerta di credito e cicli economici ( ) Prestiti in % del Pil Var. % Pil reale (media mobile a 5 anni) Fonte: Elaborazioni R&S su: R&S su: AAVV, Nuove serie storiche sull attività di banche e altre istituzioni finanziarie dal 1861 al 2011: che cosa ci dicono?, Quaderni di Storia Economica, Banca d Italia, giugno

19 La ricomposizione del passivo: depositi e titoli ( ) 1,8 1,6 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0, Funding gap (prestiti / depositi) Obbligazioni / depositi (in %) Fonte: Elaborazioni R&S su: AAVV, Nuove serie storiche sull attività di banche e altre istituzioni finanziarie dal 1861 al 2011: che cosa ci dicono?, Quaderni di Storia Economica, Banca d Italia, giugno

20 Cambia la ricchezza finanziaria delle famiglie ( ) Depositi in % della ricchezza finanziaria Prestiti in % dei depositi Fonte: Elaborazioni R&S su: Bonci R., Coletta M., I conti finanziari dell Italia dal 1950 a oggi, in AAVV I conti finanziari: la storia, i metodi, l Italia, i confronti internazionali, Banca d Italia, 2006 e La ricchezza delle famiglie, Supplemento al Bollettino Statistico, Banca d Italia, vari anni 20

21 E alla fine? La banca lascia l economia e abbraccia la finanza Protecting the banks from the cycle e Protecting the cycle from the banks : un quadro ingessato Gestione bancaria passiva e difensiva: razionamento del credito, deleveraging, derisking e preferenza per impieghi liquidi Adattamento della provvista alla liquidità dell attivo: rinuncia alle fonti volatili (interbancario, obbligazioni), preferenza per quelle stabili pur se a vista (depositi) Rinuncia delle banche alla propria funzione core, la trasformazione delle scadenze e dei rischi Calo della redditività, ità insufficiente a remunerare il capitale di rischio; ma il regolatore spinge alla raccolta di capitale che le banche sono riluttanti a chiedere al mercato il quale, a sua volta, le penalizza Implicazioni di policy: la leva dei tassi non è fruibile (troppo bassi), le operazioni di rifinanziamento (Ltro e seguenti) accentuano la liquidità del bilancio bancario (attivo e passivo) senza che le risorse defluiscano al canale dell intermediazione. Si forza la mano con esercizi non convenzionali (rifinanziamenti con vincolo sugli impieghi, QE et similia) Esito finale e paradossale: la banca liquida, con molti titoli pubblici e capitalizzata, ma che non fa credito. E la negazione di se stessa Titoli al netto delle Titoli Prestiti al netto delle Prestiti rettifiche di valore rettifiche di valore Fonte: grafico a sinistra tratto da Noeth B., Sengupta R., Global European Banks and the Financial Crisis, Federal Reserve of St. Louis Review, November/December 2012 grafico a destra tratto da Banca d Italia, Rapporto sulla stabilità finanziaria, Novembre

22 e lo Stato, caricandosi del debito che ha concorso a formare Cds su banche e governi all atto del sussidio e quote di debito pubblico domestico in portafoglio alle banche 30% 20% 10% 0% ITALY SPAIN 40% 30% 20% 10% 0% 1997_4 1998_4 1999_4 2000_4 2001_4 2002_4 2003_4 2004_4 2005_4 2006_4 2007_4 2008_4 2009_4 2010_4 2011_4 2012_4 2013_4 1997_4 1998_4 1999_4 2000_4 2001_4 2002_4 2003_4 2004_4 2005_4 2006_4 2007_4 2008_4 2009_4 2010_4 2011_4 2012_4 2013_4 20% 15% 10% 5% 0% 5% 10% UK 50% IRELAND 40% 30% 20% 10% 0% 1998_2 1999_3 2000_4 2002_1 2003_2 2004_3 2005_4 2007_1 2008_2 2009_3 2010_4 2012_1 2013_2 2014_3 2001_3 2002_3 2003_3 2004_3 2005_3 2006_3 2007_3 2008_3 2009_3 2010_3 2011_3 2012_3 2013_3 2014_3 Fonte: grafici sulle quote del debito pubblico iscritto nei bilanci bancari tratti da Bruegel database of sovereign bond holdings 22

23 Banche UK: più depositi, più capitale e quindi più cassa mld mld Customer Equity Bank Debt Other Total deposits deposits 200 Cash -560 Customer loans Loans to financials Trading inventory -150 Other -850 Total Tra il 2008 ed il giugno 2014 le maggiori banche inglesi hanno: ridotto la provvista da mercati e interbancario per 1.200mld di sterline accresciuto i depositi 300mld di sterline, i mezzi propri di 100mld di sterline aumentato la liquidità per 200mld di sterline ridotto la provvista più volatile: il 70% dei minori fondi wholesale è a breve termine programmato di dismissione di non-core assets per 1.400mld di sterline dal 2008 (completato al 60%) ridotto i finanziamenti alle imprese (soprattutto overseas) Ridotto il portafoglio di trading del 30%, con shrinking dell attivo pari a circa un terzo Fonte: Bank of England, Financial stability report, December 2014, Issue n

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE GESTIONE DEL CAPITALE Elisabetta Montanaro a.a. 2013-14 Appunti introduttivi alla regolamentazione di Basilea IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE La struttura finanziaria delle banche

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Francesco Confuorti 1. La disponibilità di capital, il funding e la regolamentazione saranno allo stesso tempo i drivers ed i vincoli alla

Dettagli

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Le società finanziarie

Le società finanziarie IV 1 La rilevanza del settore bancario nell economia La stretta interconnessione tra banche ed emittenti sovrani ha continuato a condizionare, anche nel corso del 212, l evoluzione della congiuntura nei

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari

Il sistema dei rischi bancari Il sistema dei rischi bancari 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) 2 Il rischio finanziario Concetto connaturato

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

OBIETTIVI E MODELLI TEORICI DI VIGILANZA. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

OBIETTIVI E MODELLI TEORICI DI VIGILANZA. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 OBIETTIVI E MODELLI TEORICI DI VIGILANZA Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Fondamenti del sistema di controlli sul sistema finanziario Ex-ante adverse selection MERCATI FINANZIARI asimmetrie informative Ex-post

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere emesso,

Dettagli

L economia italiana nella relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella relazione della Banca d Italia L economia italiana nella relazione della Banca d Italia Elisabetta Gualandri CEFIN Università di Modena and Reggio Emilia Dipartimento di Economia Marco Biagi Modena 4 giugno 2015 Cefin e BPER: Banca

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Punti all ordine del giorno per l Assemblea generale straordinaria del 19 novembre 2015

Punti all ordine del giorno per l Assemblea generale straordinaria del 19 novembre 2015 CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere distribuito

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale HYUN SONG SHIN Chiara De Napoli Cinzia Ilardi Giovanni Soardo Introduzione 1866 => Overend Gurney - l assicurazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari. Giuseppe G. Santorsola 1

Il sistema dei rischi bancari. Giuseppe G. Santorsola 1 Il sistema dei rischi bancari Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) Giuseppe G. Santorsola

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR. Scenario di mercato Focus su Anthilia Blue e Anthilia Yellow. Luglio 2013. Maggio 2011

Anthilia Capital Partners SGR. Scenario di mercato Focus su Anthilia Blue e Anthilia Yellow. Luglio 2013. Maggio 2011 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Scenario di mercato Focus su Anthilia Blue e Anthilia Yellow Luglio 2013 Anthilia Yellow, obbligazioni subordinate e Basilea III Anthilia Capital Partners SGR

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Banche private e banche pubbliche. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

Banche private e banche pubbliche. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Banche private e banche pubbliche Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Un breve percorso storico ci aiuta a mettere a fuoco il cambiamento, la crisi e la situazione

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1121 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PAGANO Modifiche all articolo 13 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito,

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 52 i dossier www.freefoundation.com LEZIONI AMERICANE PER MONTI 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il presidente della Federal Reserve, la banca centrale americana, Ben Bernanke

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Approvato nella seduta del

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli