REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO"

Transcript

1 REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO - 1 -

2 Art. 1 Il Patriziato di Avegno, riconosciuta la necessità di dotare il Comune di un impianto d acqua potabile, sollevandolo da ogni spesa di finanziamento, ha costruito un Acquedotto sussidiato dallo Stato e dalla Confederazione e che sarà denominato Acquedotto Agricolo Patriziale e fornirà l acqua al comprensorio della zona edificabile del Comune di Avegno. L acqua potrà essere fornita anche fuori dalla zona edificabile laddove è estesa la rete esistente. Art. 2 L amministrazione di tutto il patrimonio dell Acquedotto Agricolo Patriziale è affidato all Amministrazione Patriziale, ed alle Assemblee Patriziali a seconda dei loro attributi. L Amministrazione Patriziale amministra l Acquedotto, a mezzo di una Commissione, la quale rende conto di tale gestione alla fine di ogni anno, rassegnando i suoi bilanci all Amministrazione Patriziale, non più tardi del 28 febbraio dell anno successivo. Art. 3 La contabilità e i bilanci relativi alla gestione dell Acquedotto, saranno tenuti separati alla gestione generale del Patriziato. Saranno sottoposti alla verifica della Commissione della Gestione Patriziale, prima di essere presentati all Assemblea. Art. 4 La Commissione Acquedotto, nomina dall Ufficio patriziale ogni 4 anni, dopo la nomina dell Ufficio stesso, sarà composta di tre membri, se possibile uno per frazione del Comune. Essa nominerà: - il presidente; - l incaricato dei controlli e della manutenzione (che può essere scelto anche al di fuori della Commissione). I membri della Commissione acquedotto sono sempre rieleggibili. Gli onorari sono: - presidente fr annui; - membri fr annui; - incaricato manutenzione fr annui oltre il rimborso delle spese di trasferta e il pagamento delle ore fatte in base ai prezzi del momento. Per la partecipazione a sedute, missioni e funzioni straordinarie autorizzate, i membri della Commissione ricevono le indennità definite agli articoli 69 e 71 del Regolamento patriziale. Art. 5 Le competenze della Commissione restano così fissate: a) Esplicare la necessaria sorveglianza affinché l Acquedotto funzioni regolarmente. b) Provvedere alla immediata riparazione di eventuali guasti. c) Tenere aggiornato l elenco degli abbonati. d) Incassare le tasse a mezzo del conto chèques Postale N

3 e) Allestire a fine esercizio il consuntivo annuale dell azienda e il preventivo per l anno successivo. f) La Commissione potrà disporre per i bisogni imprevisti, di una somma di Fr annui. Crediti superiori dovranno avere l autorizzazione dell Assemblea. Art. 6 Al fabbisogno finanziario dell Acquedotto si provvederà con l incasso di tasse a forfait, a scadenza annuale. Quando lo si riterrà opportuno, potranno essere introdotte le tasse a misura, con la posa di contatori. Le tasse saranno fissate dall Ufficio patriziale, su proposta della Commissione Acquedotto. Dovranno essere contenute in questi limiti: TASSE DI CONSUMO: Categoria A: Abitazioni con impianto semplice (cucina e WC), da 70.- fr. a fr. Categoria B: Abitazioni con servizi semplici, da fr. a fr. Categoria C: Abitazioni con doppi servizi, da fr. a fr. Categoria D: Case di vacanza con servizi semplici, da fr. a fr. Categoria E: Case di vacanza con doppi servizi, da fr. a fr. Categoria F: Esercizi pubblici, da fr. a fr. Categoria G: Stabilimenti artigianali e industriali, esercizi pubblici temporanei, da fr. a 10'000.- fr. Categoria H: Piscine, (sono ammesse solo piscine con impianto di circolazione e rigenerazione dell acqua e il loro riempimento deve essere autorizzato preventivamente), da 8.- fr. / m3 a 15.- fr. /m3 Tutte le tasse si intendono per il consumo di un anno. TASSE DI CANTIERE: Per uso temporaneo dell acqua per costruzioni edili o altro sarà incassata una tassa a forfait da fr. a fr. In caso di manifesta divergenza tra la tassa e l intensità del consumo dell acqua l Ufficio patriziale, su proposta della Commissione acquedotto, potrà aumentare o diminuire proporzionalmente l importo della stessa. TASSE D ALLACCIAMENTO L allacciamento alla rete di distribuzione dell acquedotto è subordinato al pagamento di una tassa d allacciamento che viene emessa per le nuove costruzioni, per la ristrutturazione o la riattazione di strutture preesistenti come pure per l ampliamento di costruzioni già allacciate e già abitate. La tassa d allacciamento è calcolata in base al volume della costruzione secondo le norme SIA (o al volume dell ampliamento per le costruzioni già allacciate e già abitate) da 1.- a 3.- per m3. In caso di manifesta divergenza tra la tassa calcolata e l intensità del consumo dell acqua l Ufficio patriziale, su proposta della Commissione acquedotto, potrà aumentare o diminuire proporzionalmente l importo della stessa. Fuori zona edificabile la tassa d allacciamento potrà essere aumentata fino ad un massimo di 15'000.- fr. in funzione delle difficoltà di approvvigionamento

4 Art. 7 Sarà fornita gratuitamente l acqua alle fontane pubbliche comunali, alla casa Comunale, così pure l acqua per il fabbisogno nella chiesa parrocchiale e al campo santo. Art. 8 Chi intende allacciare un proprio impianto alla rete dell Acquedotto deve inoltrare domanda alla Commissione e attenersi alle disposizioni da essa emanate. Nelle case e appartamenti affittati il proprietario è tenuto al pagamento delle tasse. Egli deve inoltre annunciare per tempo la partenza e l arrivo degli inquilini. Art. 9 Le tasse a forfait saranno dovute anche se l abbandono non avrà usufruito che in parte, durante l anno, dell acqua. L emissione delle bollette, avverrà, di regola, durante il mese di febbraio. Gli Utenti sono in obbligo di notificare entro questa data, ogni modificazione del proprio impianto. La Commissione è autorizzata a eseguire dei controlli presso gli abbonati. Eventuali impianti non annunciati, saranno iscritti d ufficio. Per gli stessi si esigeranno gli arretrati fino a cinque anni. Nel caso di mora con il pagamento delle tasse, la Commissione farà un richiamo, per lettera raccomandata. Se questo non darà esito, si procederà per via esecutiva. Art. 10 L abbonamento avrà la durata di un anno a cominciare dal 1.gennaio, e si riterrà rinnovato, se non sarà disdetto prima di fine Ottobre. Gli abbonamenti che verranno concessi nel corso dell anno, saranno calcolati per il pagamento a partire dal mese della concessione nella base di una tassa mensile pari al dodicesimo della tassa annuale. Restano però vincolati per l abbonamento per un anno. Art. 11 Il contratto sarà effettivo con la concessione dell abbonamento. Le eventuali tasse fiscali sono a carico dell abbonato. Art. 12 I trapassi di proprietà debbano essere notificati alla Commissione a cura del vecchio proprietario. Sino al momento della notifica il vecchio ed il nuovo proprietario rispondono solitamente per le tasse arretrate. Art. 13 I costi di allacciamento alle condotte principali dell Acquedotto e quelle per la manutenzione di questi allacciamenti, sono a carico dell Utente. Eventuali tratte sul suolo pubblico, saranno a carico dell Acquedotto, per quanto riguarda le spese di manutenzione

5 Nel caso di allacciamenti che in seguito potranno essere utilizzati da altri Utenti, l Acquedotto può eseguire a sue spese la posa dell allacciamento al primo Utente, con la facoltà di prelevare un contributo a parziale copertura dei costi di posa della tubazione. Se, a motivo della sostituzione o dello spostamento di una condotta principale dell Acquedotto, fosse necessario modificare o rifare degli allacciamenti privati, i costi di questi allacciamenti verranno così ripartiti. L Acquedotto si prende a carico le spese di scavo, ripristino e pavimentazione, restano a carico dell Utente interessato i costi per fornitura e posa delle parti idrauliche. Tutte queste opere verranno eseguite dalle ditte incaricate dalla Commissione Acquedotto. All inizio di ogni allacciamento, dovrà essere posata una saracinesca di arresto, secondo le diposizioni che saranno date dai tecnici dell Acquedotto. Art. 14 L abbonato ha il diritto di usare l acqua solo per lo scopo per cui fu concessa. Il lasciarla defluire oltre il necessario, potrebbe causare inconvenienti all Acquedotto a agli altri Utenti: è quindi proibito ogni abuso. In caso di scarsità d acqua, la Commissione potrà emanare disposizioni che limitino il consumo. L uso dell acqua per scopi non collegati ai bisogni della abitazioni o dei servizi alimentari e igienici di laboratori o industrie, potrà essere autorizzato, caso per caso, dalla Commissione Acquedotto, che fisserà le modalità e le tasse da prelevare. Art. 15 In caso di lavori di riparazione, di pulizia, o di manutenzione dell Acquedotto, la fornitura dell acqua potrà essere sospesa per tempi più o meno brevi. Se possibile gli utenti saranno avvisati dalla sospensione e della sua probabile durata. La cessazione della fornitura durerà oltre 30 giorni, sarà fatta una riduzione proporzionale sulla tassa di abbonamento. In ogni caso l Utente non avrà diritto a pretendere dal Patriziato, il risarcimento di danni per la mancata fornitura. Art. 16 La distribuzione dell acqua potabile agli Utenti dell Acquedotto, avviene con tubazioni in ferro zincato, dal diametro proporzionato al volume di costruzione. In casi speciali potrà essere posata una tubazione in materiale plastico. In questo caso dovrà essere posato, assieme al tubo in plastica,un filo di rame, per facilitare le ricerche in caso di guasti. Art. 17 Il Comune di Avegno si obbliga alla manutenzione ed alla conservazione in stato di efficienza e di decenza della vasche per fontane e abbeveratoi coi relativi accessori

6 Art. 18 La Municipalità in relazione a quanto disposto dal regolamento comunale (polizia comunale art.54) vieterà che le pubbliche fontane, gli abbeveratoi,vengano danneggiati, vengano usufruiti quali lavatoi, e che l acqua venga sporcata ed inquinata. Ai contravventori la Municipalità applicherà le multe e le sanzioni previste dalla legge organica Comunale. Art. 19 Tutti i danni cagionati all impianto dell Acquedotto o suoi accessori, dovranno essere rifusi dall autore del danno, il quale potrà inoltre essere denunciato all Autorità penale. Saranno pure denunciati all Autorità penale gli atti capaci di inquinare o deteriorare l acqua dell Acquedotto Patriziale. Art. 20 Per il buon funzionamento dell Acquedotto, la Commissione provvederà: a) Al controllo annuale di tutto l impianto. b) A vuotare e ripulire i serbatoi due volte all anno. c) A vuotare, una volta all anno, le tubazioni, nelle parti basse. d) A controllare periodicamente le opere di presa, la portata delle sorgenti e il loro assetto, provvedendo nello stesso tempo alla pulizia e manutenzione. Art. 21 Gli idranti per incendi verranno ceduti al Comune perché ne organizzi nel miglior modo l eventuale sfruttamento. In caso di incendio gli Utenti dovranno ridurre o sopprimere temporaneamente l uso delle rispettive installazioni. Art. 22 Il presente regolamento forma parte integrante del contratto di abbonamento: gli abbonamenti riconoscono perciò ogni effetto di legge. Per quanto non contemplato in questo regolamento, fanno stato le Leggi, i Regolamenti e le Ordinanze, sia cantonali che federali, che disciplinano la materia e che sono applicabili ai casi specifici. Art. 23 Contro l inesatta o arbitraria applicazione di questo regolamento, è dato ricorso al Lodevole Consiglio di Stato. Il presente regolamento è stato approvato: - dall Assemblea patriziale del 28 aprile dall Assemblea comunale del 22 dicembre 1946 Le successive modifiche sono state approvate: - dall Assemblea patriziale del 14 febbraio dall Assemblea patriziale del 16 dicembre dall Assemblea patriziale del 26 aprile dall Assemblea patriziale del 28 aprile dall Assemblea patriziale dell 11 dicembre 1998 (articolo 6) - dall Assemblea patriziale del 27 aprile 2001 (articolo 6) - dall Assemblea patriziale dell 11 maggio 2007 (articolo 4) - dall Assemblea patriziale del 26 maggio 2011 (articolo 4) - 6 -

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione Il Comune garantisce il servizio di distribuzione dell acqua potabile

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL AZIENDA ELETTRICA

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL AZIENDA ELETTRICA Ordinanza per le tasse di allacciamento e le tariffe di utilizzazione

Dettagli

Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda. CAPITOLO II Sorveglianza delle infrastrutture dell Azienda

Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda. CAPITOLO II Sorveglianza delle infrastrutture dell Azienda PATRIZIATO DI BIGNASCO Regolamento Azienda acqua potabile San Carlo CAPITOLO I Art. 1 Art. Art. Disposizioni generali Principio Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda CAPITOLO II Sorveglianza delle

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Regolamento azienda elettrica Pagina 1 di 12 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali... 4 1.3 Applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione.

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione. I Norme generali Art. 1 Costituzione L Azienda dell acqua potabile del Comune di Brusino Arsizio (in seguito denominata Azienda) è istituita in virtù della Legge cantonale sulla municipalizzazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP)

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Regolamento azienda acqua potabile (AAP) Pagina 1 di 13 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali...

Dettagli

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Legge per la diffusione di canali esteri nel Moesano Pagina 1 di 5 Indice A. GENERALITÀ... 3 Art. 1 Principio...

Dettagli

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL ACQUA POTABILE (AAP)

Comune di Lostallo ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL ACQUA POTABILE (AAP) Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER LE TASSE DI ALLACCIAMENTO E LE TARIFFE DI UTILIZZAZIONE DELL ACQUA POTABILE (AAP) Ordinanza per le tasse di allacciamento e le tariffe di utilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

Comune di Mesocco REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

Comune di Mesocco REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Pag. 1 di 8 I. Disposizioni generali 3 Art. 1 Contributi

Dettagli

COMUNE DI MAGGIA REGOLAMENTO DELL AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNALE

COMUNE DI MAGGIA REGOLAMENTO DELL AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNALE COMUNE DI MAGGIA REGOLAMENTO DELL AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNALE 1 Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione L Azienda Acqua Potabile (in seguito denominata Azienda ) è istituita in virtù della

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE

REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE PATRIZIATO DI MOGHEGNO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO PATRIZIALE DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN E BOLLE PATRIZIATO DI MOGHEGNO REGOLAMENTO PER L'ACQUEDOTTO DEI MONTI DI CORTONE, MADRUNA, COSTA, PIEGN

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Comune di Bissone. Azienda Municipale Acqua Potabile. Regolamento per la distribuzione dell acqua

Comune di Bissone. Azienda Municipale Acqua Potabile. Regolamento per la distribuzione dell acqua Comune di Bissone Azienda Municipale Acqua Potabile Regolamento per la distribuzione dell acqua I Norme generali Art. 1 Costituzione pagina 1 Art. 2 Compiti dell Azienda pagina 1 Art. 3 Definizione del

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE. (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA. d e c r e t a: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE. (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA. d e c r e t a: CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO GENERALE DELL AZIENDA ACQUA COMUNALE (dell 11 aprile 2006) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA - visto il messaggio municipale no. 20 del 17 gennaio 2006; - visti gli articoli 7 lett. f) e 15 e

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 13 DEL 27 GENNAIO 2006 IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2006 INDICE

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni Comune di Selma Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI UTENZA, DELLE CANALIZZAZIONI E DEGLI IMPIANTI COMUNALI DI DEPURAZIONE Ordinanza per il prelevamento

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

III. - Installazioni interne e apparecchi

III. - Installazioni interne e apparecchi INDICE pagina I. - Norme generali Art. 1 Fornitura d acqua nel Comune 1 Art. 2 Fornitura d acqua fuori Comune 1 Art. 3 Priorità 1 Art. 4 Modo di erogazione 2 Art. 5 Uso dell acqua 2 Art. 6 Interruzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro *********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 36 del 28/11/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO CAPITOLO I Norme generali Applicazione Art. 1 Il presente regolamento, regola la costruzione, l esecuzione, la manutenzione e il

Dettagli

Comune di Soazza AZIENDA ELETTRICA COMUNALE

Comune di Soazza AZIENDA ELETTRICA COMUNALE Comune di Soazza Cantone dei Grigioni AZIENDA ELETTRICA COMUNALE ORDINANZA TARIFFE PER LA FORNITURA D ENERGIA E TASSE DI ALLACCIAMENTO Ordinanza tariffe per la fornitura d energia e tasse d allacciamento

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) 81.10 Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale.

Dettagli

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2016 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO Regolamento Comunale Lampade votive APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 20.07.2015 Pagina n. 1 di 5 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI Approvato con deliberazione CC n. 25 del 19.04.2000 Modificato con deliberazione CC n. 20 del 5/04/2001 Modificato con deliberazione CC n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Soazza SERVIZIO EROGAZIONE ACQUA POTABILE

Comune di Soazza SERVIZIO EROGAZIONE ACQUA POTABILE Comune di Soazza Cantone dei Grigioni SERVIZIO EROGAZIONE ACQUA POTABILE ORDINANZA PER IL PRELIEVO DEI CONTRIBUTI DI ALLACCIAMENTO E TASSE ANNUALI D UTILIZZAZIONE Ordinanza servizio erogazione acqua potabile

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE 1 I N D ICE Art. 1 Fornitura dell acqua Art. 2 Nuovi allacciamenti su strade prive di rete Art. 3 Ampliamenti di tubazioni

Dettagli

Regolamento per il servizio lampade votive

Regolamento per il servizio lampade votive COMUNE DI SAN GODENZO Provincia di Firenze Regolamento per il servizio lampade votive Approvato con deliberazione consiliare N 5 del 23.02.2012 Indice Art.1 - Premessa 2 Art.2 - Allacciamento 2 Art.3 Spese

Dettagli

COMUNE DI CADENAZZO. Regolamento dell azienda comunale acqua potabile

COMUNE DI CADENAZZO. Regolamento dell azienda comunale acqua potabile COMUNE DI CADENAZZO Regolamento dell azienda comunale acqua potabile Art. 1 Fornitura d acqua nel Comune L azienda comunale dell acqua potabile di Cadenazzo (denominata in seguito: Azienda) provvede alla

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE REGOLAMENTO AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE INDICE Regolamento Azienda Comunale Acqua Potabile ACAP I II Costituzione e scopo 1 Scopo e campo d applicazione Amministrazione e competenza 2 Organi della

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE COMUNE DI RIGNANO GARGANICO Provincia di Foggia REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiliare n. 45 del 30.11.2013-1

Dettagli

Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile

Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile Regolamento per l'erogazione dell'acqua potabile Art. 1 Fornitura di acqua Il comune fornisce l acqua alle condizioni del presente regolamento. Il comune ha il diritto di privativa per la fornitura di

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

RICHIESTA AVVISO DI INTERVENTO

RICHIESTA AVVISO DI INTERVENTO MUNICIPIO DI LUMINO www.lumino.ch info@lumino.ch Casella postale 157 ORARI DI CANCELLERIA Telefono 091 829 12 64 Il lunedì dalle 10.00 alle 12.00 Fax 091 829 30 27 da martedì a venerdì dalle 10.00 alle

Dettagli

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2014 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Comune di Arvigo ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI EROGAZIONE DELL'ACQUA POTABILE

Comune di Arvigo ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI EROGAZIONE DELL'ACQUA POTABILE Comune di Arvigo Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI EROGAZIONE DELL'ACQUA POTABILE Ordinanza per il prelevamento delle tasse di allacciamento e di erogazione

Dettagli

COMUNE DI CASLANO. ORDINANZA MUNICIPALE sui cani del 19 maggio 2014. Il Municipio di Caslano, richiamate le disposizioni: Ordina:

COMUNE DI CASLANO. ORDINANZA MUNICIPALE sui cani del 19 maggio 2014. Il Municipio di Caslano, richiamate le disposizioni: Ordina: - le COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - CANTON TICINO ORDINANZA MUNICIPALE sui cani del 19 maggio 2014 Il Municipio di Caslano, richiamate le disposizioni: - della Legge sui cani del 19febbraio2008;

Dettagli

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2012 1 COMUNE DI CASTROCIELO

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2015 ORDINANZA

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2015 ORDINANZA ORDINANZA CONCERNENTE LE TARIFFE, LE TASSE E LE CONDIZIONI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA valida dal 1 gennaio 2015 1 Il Municipio di Stabio, richiamati: la Legge Organica comunale, il Regolamento

Dettagli

Richiesta di un credito di fr. 310'000.- per il rifacimento della fognatura e della condotta AAP nel quartiere di Medeglia - Chiesa, seconda tratta

Richiesta di un credito di fr. 310'000.- per il rifacimento della fognatura e della condotta AAP nel quartiere di Medeglia - Chiesa, seconda tratta COMUNE DI MONTECENERI Messaggio Municipale No. 107 Risoluzione municipale No. 434 22 giugno 2015 Richiesta di un credito di fr. 310'000.- per il rifacimento della fognatura e della condotta AAP nel quartiere

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 60 DEL 29.12.2011 1 SOMMARIO SOMMARIO.

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Regolamento sulle deleghe di competenze decisionali e di attività della SUPSI

Regolamento sulle deleghe di competenze decisionali e di attività della SUPSI Regolamento sulle deleghe di competenze decisionali e di attività della SUPSI Approvato dal Consiglio della SUPSI il 13 dicembre 2013 Versione 1-01.01.2014 Regolamento sulle deleghe di competenze decisionali

Dettagli

Comune di San Vittore

Comune di San Vittore Comune di San Vittore Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE SAN VITTORE Regolamento acqua potabile e industriale Pagina 1 di 13 Indice I. NORME GENERALI... 3 Art. 1 Disposizioni

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI CAMA T A R I F F E

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI CAMA T A R I F F E AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI CAMA T A R I F F E 12.11.2013 T a r i f f e - inerenti all erogazione dell energia elettrica 1. Tasse di allacciamento Per l allacciamento alla rete di distribuzione dell

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

Ordinanza municipale concernente i cani (Ris. mun. 167 del 7 aprile 2014)

Ordinanza municipale concernente i cani (Ris. mun. 167 del 7 aprile 2014) COMUNE DI CADEMPINO MUNICIPIO Casella postale 541 6814 Cadempino www.cadempino.ch Ordinanza municipale concernente i cani (Ris. mun. 167 del 7 aprile 2014) Il di Cadempino richiamati: - la Legge sui cani

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GALATONE Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla delibera di consiglio n. del Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2014 ORDINANZA

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2014 ORDINANZA ORDINANZA CONCERNENTE LE TARIFFE, LE TASSE E LE CONDIZIONI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA valida dal 1 gennaio 2014 1 Il Municipio di Stabio, richiamati: la Legge Organica comunale, il Regolamento

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI IL MUNICIPIO Richiamati: - la Legge sui cani del 9.0.008 e il relativo Regolamento dell.0.009; - gli articoli 07, 9 LOC e, 4 RALOC; decide: Art. : Campo do

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * *

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * Approvato con deliberazione di C.C. n. 35 del 30.11.2004 COMUNE DI PIATEDA Prov. di Sondrio REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * APPROVATO

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE DEL COMUNE DI MAROGGIA

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE DEL COMUNE DI MAROGGIA REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE DEL COMUNE DI MAROGGIA 2 Indice I. Norme generali Art. 1 Scopo Art. 2 Protezione delle acque - principio Art. 3 Costituzione Art. 4 Compiti dell azienda Art. 5 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

COMUNE DI BIOGGIO DIRETTIVE PER L USO DEL CENTRO SPORTIVO RICREATIVO

COMUNE DI BIOGGIO DIRETTIVE PER L USO DEL CENTRO SPORTIVO RICREATIVO COMUNE DI BIOGGIO DIRETTIVE PER L USO DEL CENTRO SPORTIVO RICREATIVO 1. Premessa I DISPOSIZIONI GENERALI Le presenti direttive disciplinano l utilizzazione delle strutture che fanno parte del Centro Sportivo

Dettagli

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza)

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO SERVIZIO ILLUMINAZIONE LOCULI CIMITERIALI APPLICAZIONE E RISCOSSIONE DEI CANONI DELLE LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 04 ADOTTATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRADA PATRIZIALE MOGHEGNO-CORTONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRADA PATRIZIALE MOGHEGNO-CORTONE Patriziato di Moghegno casella postale 6677 Moghegno REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRADA PATRIZIALE MOGHEGNO-CORTONE 1. GENERALI. SCOPO 1. La strada patriziale Moghegno-Cortone è di proprietà del

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI Il Municipio di Gravesano, richiamati, la Legge sui cani del 19.02.2008 e relativo Regolamento dell 11.02.2009; l articolo 107, 192 LOC e 23, 24 RALOC; l articolo

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

LEGGE SUGLI ESERCIZI PUBBLICI E GLI ALBERGHI

LEGGE SUGLI ESERCIZI PUBBLICI E GLI ALBERGHI Comune di Roveredo Cantone dei Grigioni LEGGE SUGLI ESERCIZI PUBBLICI E GLI ALBERGHI Legge sugli esercizi pubblici e gli alberghi Pagina 1 di 9 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Vigilanza...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la fornitura dell illuminazione

Dettagli

Comune di Cauco ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

Comune di Cauco ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Comune di Cauco Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Ordinanza per il prelevamento delle tasse di allacciamento

Dettagli

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 2010 Rev. 01 12/2010 Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 SOMMARIO 1. CONTRIBUTI ALLACCIAMENTO E ALTRE PRESTAZIONI...3 A. Allacciamenti con scavo... 3 B. Allacciamenti senza scavi...

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI MESOCCO

REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI MESOCCO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI MESOCCO Regolamento dell Azienda elettrica comunale di Mesocco Pagina 1 di 14 Indice I. EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA...

Dettagli

Ordinanza municipale sui cani

Ordinanza municipale sui cani Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch 7.90.90.02 (ris. mun. 3308 del 27.05.2014) 28 maggio 2014 Ordinanza municipale sui cani Il Municipio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

Comune di Cauco ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

Comune di Cauco ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Comune di Cauco Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Ordinanza per il prelevamento delle tasse di allacciamento

Dettagli