REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE"

Transcript

1 COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE ************************* DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Il servizio della distribuzione dell acqua potabile è assunto in privativa dall Amministrazione Comunale salvo quanto previsto dalla L. 142/90. ART. 2 L acqua potabile, lungo le strade percorse dalla rete idrica e compatibilmente con le esigenze del servizio, sarà dal Comune concessa ai proprietari degli stabili che ne faranno richiesta e che si obbligheranno all osservanza del presente Regolamento. ART. 3 L acqua è concessa solo per usi domestici (comprese comunità senza fini di lucro, scuole, caserme, ospedali, convitti, case di cura, ostelli, asili, utenze a lettura combinata per uso domestico ed antincendio), abbeveraggio animali, attività economiche o commerciali, o usi assimilati e temporanei. NORME PER LA CONCESSIONE IDRICA ART. 4 Le domande di concessione saranno presentate a cura del proprietario o del locatario e redatte in carta legale in conformità allo schema che verrà fornito dal Comune e sono impegnative per il richiedente. Esse debbono contenere i seguenti dati: - Cognome e nome, luogo e data di nascita e codice fiscale del richiedente; - Dichiarazione di essere proprietario o locatario dell immobile ed in questo caso, firmate dal proprietario dell immobile; - Via e numero civico in cui è situato l immobile; - Uso a cui si intende destinare l acqua;

2 - Dichiarazione di accettazione del presente regolamento; - Planimetria con indicazione del punto di allaccio del contatore. ART. 5 All atto della domanda di concessione d acqua, il richiedente dovrà versare al Comune le seguenti somme: - Per diritto fisso d apertura utenza: a) L per usi domestici in abitazioni unifamiliari; b) L per usi domestici per ciascun utente nel caso di edifici condominiali; c) L per usi non domestici (industriali, commerciali, artigianali, zootecnici, agricoli ecc.) d) L Per impianti antincendio e) Una cauzione dovuta in caso di attraversamento della sede stradale asfaltata da trattenersi a garanzia della corretta esecuzione dei lavori quantificata in L = f) Gli importi di cui al presente articolo sono indicizzati in base all indice annuale ISTAT ART. 6 Le concessioni avranno durata illimitata salvo che l utenza non intenda disdettare la concessione. Le disdette dovranno essere comunicate per iscritto dal singolo utente in qualsiasi momento. Il Comune si riserva la facoltà di rivalsa nei confronti del locatore se il locatario è insolvente. Le concessioni si intendono sciolte nei casi di: 1. Demolizione del fabbricato; 2. Disdetta scritta presentata dall utente per qualsiasi motivo mediante la compilazione completa di appositi moduli predisposti dal Comune;; ART. 7 La disdetta comporta la rimozione a cura del Comune del contatore e l applicazione del tappo con sigillo sul tubo terminale di proprietà del Comune. Per tale operazione l utente sarà tenuto al pagamento della somma di lire = ART. 8 Qualora l utente, dopo aver rinunciato all uso dell acqua, intenda riprendere la concessione dovrà presentare nuova domanda come stabilito dall art.4 assoggettandosi al pagamento delle quote fissate dall art. 5.

3 ART. 9 Il passaggio di proprietà dell edificio o il subentro se trattasi di locatario o la cessione dell esercizio o industria non risolve il contratto. Entro due mesi dalla data del passaggio ad altri di tutto o in parte dello stabile fornito d acqua, l utente dovrà darne partecipazione al Comune, indicando il nuovo proprietario da cui sarà surrogato. L utente resta responsabile degli obblighi contrattuali fino a quando il nuovo utente non avrà perfezionato un nuovo contratto. ART. 10 In caso di decesso del concessionario utente, gli eredi saranno tenuti a chiedere il cambio di destinazione della concessione, e ciò entro 6 (sei) mesi dall avvenuto decesso, oppure saranno tenuti a dare disdetta dell utenza ed in ogni caso rimarranno responsabili degli obblighi derivanti dall utenza stessa. ART. 11 L inizio dell erogazione dell acqua potrà avvenire in qualsiasi momento dell anno. ART. 12 Il Comune si riserva il diritto di sospendere temporaneamente l erogazione dell acqua per cause dipendenti da forza maggiore, per lavori e riparazioni. La sospensione della fornitura, per quanto possibile, sarà preavvisata. Gli utenti non potranno reclamare alcun indennizzo per le sopracitate sospensioni. ART. 13 La somministrazione dell acqua avverrà mediante flusso misurato da contatore. ART. 14 La quantità dell'acqua erogata sarà verificata mediante letture annuali, da effettuarsi a cura dell Amministrazione. Nel caso in cui il consumo non raggiunga la quantità contrattualmente impegnata, l utente sarà tenuto a pagare per intero detto minimo garantito. Di contro se il consumo dell acqua, nell arco dell anno, supera tale minimo, sarà tassato tutto il consumo differenziale al prezzo di cui alla tariffa in vigore. Il pagamento delle quote poste a carico dell utente dovrà avvenire in due rate semestrali.

4 L utente che non effettuerà i pagamenti di cui sopra entro il termine di 30 giorni dalla data di scadenza apposta su ogni bolletta o fattura, sarà diffidato, a mezza lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, ad effettuare i pagamenti ed a suo carico, oltre la rifusione delle spese postali, sarà applicata una penale di mora pari al 10% (dieci per cento) dell importo non pagato. Trascorsi inutilmente ulteriori 10 giorni dalla data del timbro postale apposto sulla ricevuta di ritorno di detta lettera di diffida, il Comune provvederà in ogni caso ad esercitare l azione legale che riterrà più opportuna per il recupero che qualsiasi suo credito nei confronti degli utenti.. ART. 15 I contatori saranno forniti, posti in opera e rimossi in caso di disdetta, a cura dell Amministrazione Comunale e rimarranno di esclusiva proprietà della stessa. L Amministrazione provvederà alle loro riparazioni ed alle loro sostituzioni qualora non funzionassero. I relativi guasti provocati da incuria e negligenza (gelo, colpi d ariete ecc.) da parte dell utente, saranno egualmente riparati dall Amministrazione, ma a totale carico del concessionario. Nel caso di rottura del contatore, l utente sarà tenuto ad avvertire immediatamente il Comune per mezzo di lettera. Per l uso del contatore, l utente sarà tenuto a pagare le quote mensili di utenza secondo le tariffe fissate dal C.I.P. da recepirsi con separato atto. ART. 16 Ove il contatore, per qualsiasi motivo o causa, avesse cessato di funzionare, o non fosse stato installato anche per impossibilità tecnica, all utente sarà addebitato il consumo medio di una famiglia pro-capite applicato al nucleo familiare. In mancanza di segnalazione tempestiva di guasti derivanti da rilevanti perdite interne od esterne all abitazione (il cui consumo è segnalato dal contatore) previa richiesta di sgravio, il consumo sarà addebitato sulla base dei consumi accertati negli ultimi tre anni, maggiorati del 50%.L'utente deve comunicare immediatamente il guasto interno od esterno verificatosi all ufficio comunale competente. In ogni caso l eventuale determinazione di sgravio dell importo dovuto sarà effettuata del Responsabile del Servizio in base alla presentazione della documentazione succitata o in virtù di accertamenti posti dal Comune stesso. In ogni modo nessun abbuono sarà accordato per elevati consumi derivanti da perdite non regolarmente documentate, accertate o dichiarate. Le eventuali perdite che si verificano a valle del contatore saranno a carico dell utente. ART. 17 Gli eventuali reclami per errata misurazione del contatore dovranno essere fatti per iscritto e l utente avrà facoltà di richiedere il controllo dell apparecchio di misura. Non sono da considerarsi misurazioni errate quelle eccedenti il limite di tolleranza del 5% (cinque per cento) in più o in meno del consumo reale.

5 Le spese di eventuali controlli degli strumenti di misura saranno sostenute dall utente nel caso sia riscontrato un errore di misurazione contenuto nell indicato limite di tolleranza del 5% (cinque per cento) dette spese sono quantificate in lire = per controlli semplici e dovranno essere versate contestualmente alla richiesta di verifica, per controlli complessi verranno addebitate le spese debitamente fatturate. In caso di misurazione errate eccedenti tale limite, il costo sarà a carico del Comune che rimborserà, in caso di errori da parte del Comune, la somma sgravandola nella cartella seguente. BOCCHE D INCENDIO ART. 18 Le bocche d incendio saranno munite di apposito sigillo applicato dall Amministrazione Comunale e non dovranno aprirsi che in caso d incendio. L utente dovrà informare l Amministrazione entro 24 ore, dall uso fatto dalle bocche d incendio. NORME TECNICHE ART. 19 Ogni nuovo allacciamento sarà eseguito secondo le prescrizioni contenute nel provvedimento di autorizzazione, il quale detterà pure le norme per la costruzione del pozzetto del contatore. Tale provvedimento autorizzativo debitamente sottoscritto in copia dall'utente varrà a tutti gli effetti come contratto Dovranno in ogni modo essere rispettate le seguenti norme principali: 1. Ogni utente dovrà avere una presa separata da quella degli altri utenti, fatta eccezione per i condomini e per le abitazioni esistenti nella quale l impianto idrico non è divisibile, perciò potrà provvedersi con un unico apparecchio misuratore; 2. Il pozzetto per il contatore sarà costruito a confine sulla proprietà privata; le riparazioni e manutenzioni delle tubature situate a valle del contatore sono a carico dell utente. Le riparazioni e manutenzioni delle tubature a monte del contatore sono a carico dell Amministrazione Comunale, salvo il diritto al risarcimento del danno se causate da fatti imputabili all utente. 3. A monte e a valle del contatore dovranno essere poste in opera due valvole di arresto per l interruzione della distribuzione all interno del fabbricato e una terza per la regolazione della pressione. 4. Le opere eseguite dall utente dopo l apparecchio di misura dovranno resistere ad una pressione di 10 (dieci) atmosfere; 5. Le tubature dovranno essere interrate ad almeno un metro di profondità. Tutte le riparazioni e manutenzioni sulle derivazioni dalla presa stradale fino al confine della proprietà spettano esclusivamente al Comune. Sono pertanto vietati interventi di terzi pena il pagamento dei danni.

6 DERIVAZIONI SU STRADE NON PERCORSE DALLA RETE IDRICA ART. 20 Nel caso di richiesta d acqua lungo le strade comunali non percorse dalla rete di distribuzione, si provvederà alla costruzione di condotte parziali, compatibilmente con le possibilità finanziarie del Comune e purchè i proventi conseguibili dalla quantità complessiva dell acqua richiesta siano remunerativi della spesa da incontrare. Diversamente l Amministrazione può richiedere agli interessati il pagamento di un contributo da convenire, senza che il richiedente possa vantare pretese sulla condotta costruita. ART. 21 Eventuali diramazioni su strade vicinali o private o su fondi privati non sono costruite che a spese del richiedente e purchè i proprietari delle strade e dei fondi riconoscano il diritto del Comune ad attraversare la proprietà con la rete comunale fino all apparecchio di misura, consentendo contemporaneamente l imposizione della servitù, senza oneri per l Amministrazione e riservandosi al Comune il diritto di far visitare in qualunque momento le tubazioni e far eseguire le necessarie riparazioni o sostituzioni, nonchè di allacciare, a tali diramazioni, tubi per altre utenze. NORME PRECAUZIONALI ART. 22 Durante la stagione invernale l utente sarà tenuto a proteggere, con i dovuti accorgimenti, gli apparecchi di misura. ATTI VIETATI ART. 23 E vietato: 1. Manomettere gli impianti e la saracinesca della rete idrica senza specifica autorizzazione; 2. Usare l acqua per altro uso o scopo per il quale è stata richiesta; 3. Lasciare innestare alla propria derivazione prese per conto terzi; 4. Alterare in qualsiasi modo gli apparecchi di misurazione nonché i sigilli degli stessi, o il rubinetto d arresto e la valvola stradale; 5. Accedere a impianti e saracinesche pubbliche;

7 VIGILANZA E SANZIONI ART. 24 E facoltà del Comune visitare e far visitare dai suoi incaricati tutte le condutture interne, di prescrivere quelle riforme che siano suggerite per l esatta osservanza del regolamento. ART. 25 La sospensione dell erogazione dell acqua non solleva l utente dall obbligo di pagare, a titolo ti danno, il pattuito canone minimo per tutto il periodo della concessione. ART. 26 Salvo i casi di falsità o di frode, per i quali si procederà a norma del Codice Penale, per le violazioni delle norme contemplate dal Presente Regolamento, si darà corso, a giudizio inappellabile del Responsabile del Servizio delle seguenti sanzioni: 1. Manomissione impianti o saracinesca L Uso improprio dell'acqua L Innesto di prese per conto terzi L Alterazione contatore, rubinetto d'arresto e valvola stradale L Allacciamento abusivo L Mancanza di segnalazioni guasti, comunicazioni varie L Accesso a impianti e saracinesche pubbliche L Gli importi di cui al presente articolo sono indicizzati in base all indice annuale ISTAT. DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI ART. 27 Gli utenti che, con unico contatore usassero l acqua per più usi, dovranno di norma porre in opera un apparecchio di misura per ogni singolo uso. In presenza di difficoltà di ordine tecnico la Giunta, su motivata domanda del richiedente, potrà autorizzare l impiego di un solo contatore e l applicazione della tariffa prevista per l'uso prevalente.

8 ART. 28 L Amministrazione Comunale si riserva di modificare e completare le presenti prescrizioni e norme con tutte quelle altre che troverà necessarie ed opportune nell interesse pubblico e privato. Tali prescrizioni addizionali si intendono obbligatorie anche per coloro che sono già titolari della concessione, salvo che essi, con dichiarazione di disdetta scritta e presentata all Amministrazione entro il termine di 15 (quindici) giorni da quello di pubblicazione all Albo Pretorio del nuovo regolamento non dichiarino cessata la concessione Le tariffe vengono determinate in relazione agli usi di cui all'art. 3 del presente Regolamento ART. 29 Le disposizioni del presente Regolamento, formano parte integrante della concessione dell utenza dell acqua potabile. ADOTTATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL ADEGUATO CON DELIBERA DI C.C. N. 18 DEL ) CO.RE.CO. seduta del prot. n. 1999/ /21729 (Regol. ACQUEDOTTO approvato CORECO)

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO GUIDA AI TRIBUTI COMUNALI ***

COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO GUIDA AI TRIBUTI COMUNALI *** COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO GUIDA AI TRIBUTI COMUNALI *** Anno 2004 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I Chi paga l ICI Deve pagare l imposta:! chi è proprietario di immobili come case, negozi, capannoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ACQUEDOTTO Testo integrato e coordinato con le modifiche apportate (al testo originario adottato con deliberazione C.C. nr. 122 del

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n.20 del 28.01.2005 1 TITOLO I GENERALITA ART.1 ENTE GESTORE DELL

Dettagli

Comune di CASTELBIANCO

Comune di CASTELBIANCO Comune di CASTELBIANCO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 6 Giugno 2003 INDICE Art 1. Fornitura dell acqua. Art 2. Domanda di fornitura Art 3. Modalità per

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE ASPEM S.p.A. Servizio Acquedotto AXA Agenzia Sviluppo & Trading ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE CONTRAENTE: ASPEM S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE 1 I N D ICE Art. 1 Fornitura dell acqua Art. 2 Nuovi allacciamenti su strade prive di rete Art. 3 Ampliamenti di tubazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE TITOLO I RETE DI DISTRIBUZIONE Art. 1 I. Il servizio pubblico della distribuzione dell acqua potabile è gestito direttamente

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA USO IDRO-POTABILE PER UTENZE EXTRAURBANE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO 1. Con il presente contratto

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE approvato con delibera C.C. n. 9 del 11.02.2011 INDICE Art. 1 - (Fornitura dell'acqua)

Dettagli

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via Giovanni Pico, 51, p. iva

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA.

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO n. 10 DEL 25.02.2002 REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA Articolo 1 Distribuzione dell acqua e uso Il Comune somministra acqua nel suo

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE

Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE INDICE Art. 1 premesse pag. 3 Art. 2 definizione di perdita

Dettagli

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f.

Spett.le. Comune di DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI. Il sottoscritto. (c.f. Spett.le Comune di OGGETTO: DOMANDA NUOVO ALLACCIAMENTO RETE IDRICA E IMPEGNO CONTRATTUALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE. Il sottoscritto (c.f. ) nato a il residente a in via n. tel. in qualità di

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO ANNO 2001 Versione modificata con la Delibera del Consiglio Comunale Numero

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE

Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Comune di Monte di Procida (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Il presente regolamento, da sottoporre all approvazione del Consiglio Comunale, è stato predisposto

Dettagli

Regolamento acquedotto

Regolamento acquedotto Regolamento acquedotto APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 61/1997 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 57/1998 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 26/1999 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46/2004 MODIFICATO

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA CORSO LUIGI RAZZA N. 2 89014 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZI TECNICI COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA UFFICIO TECNICO Tel. Ufficio Tecnico: 0966/879108 Centralino: 0966/879111

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO IDRICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO IDRICO COMUNALE REGOLAMENTO SERVIZIO IDRICO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 17.04.2008 ************************************************ Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI Provincia di Pavia Via Cavour, 18 27039 Sannazzaro de Burgondi c.f. 00409830189 email: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it REGOLAMENTO GAS COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI Regolamento adottato in Consiglio Comunale n. 82 del 22/11/2007 1 Art. 1 GENERALITA Gli immobili

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO Comune di Spresiano (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO - Delibera C.C. n 14 del 28.05.1998: Adozione nuovo Regolamento comunale per la gestione dell Acquedotto

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE Premessa Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via pervenuto al Comune di Palermo giusta confisca ex L. 575/65 e succ. mod. ed integr. in pregiudizio

Dettagli

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni SARONNO SERVIZI Società per Azioni Concessionaria del servizio di gestione dell acquedotto Comunale di Saronno (Delibera di Consiglio Comunale n 155 del 30 novembre 1998 Regolamento per la somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI LENO REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 35 del 12.07.2007 CAPO PRIMO: GENERALITA...4 Art. 1: Limiti per la distribuzione...4

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 13 DEL 27 GENNAIO 2006 IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2006 INDICE

Dettagli

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza)

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO SERVIZIO ILLUMINAZIONE LOCULI CIMITERIALI APPLICAZIONE E RISCOSSIONE DEI CANONI DELLE LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 04 ADOTTATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

CONVENZIONE PER L'UTILIZZO DI IMMOBILI PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ALL'INTERNO DEL NUOVO CENTRO NATATORIO

CONVENZIONE PER L'UTILIZZO DI IMMOBILI PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ALL'INTERNO DEL NUOVO CENTRO NATATORIO CONVENZIONE PER L'UTILIZZO DI IMMOBILI PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ALL'INTERNO DEL NUOVO CENTRO NATATORIO Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area V - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Regolamento Idrico

COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Regolamento Idrico COMUNE DI ALGHERO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Idrico Approvato con Delibera Consiliare N 49 del 10.04.1998, resa esecutiva con Provv. Co.Re.Co. N 2456 del 05.06.1998. Integrato con successive

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE TESTO APPROVATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 95 DEL 29/10/1984 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 67 DEL 02/06/1989 TESTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

Comune di Pomarance Provincia di Pisa

Comune di Pomarance Provincia di Pisa Carta carayta Comune di Pomarance Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI. Utente: colui o colei che sottoscrive il contratto di illuminazione votiva

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47660/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE L ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSTALLAZIONE DEL CONTATORE DELL ACQUA PRESSO IL VILLAGGIO CORTE A BORCA DI CADORE

LINEE GUIDA PER L INSTALLAZIONE DEL CONTATORE DELL ACQUA PRESSO IL VILLAGGIO CORTE A BORCA DI CADORE LINEE GUIDA PER L INSTALLAZIONE DEL CONTATORE DELL ACQUA PRESSO IL VILLAGGIO CORTE A BORCA DI CADORE I N D I C E 1.0 LINEE GUIDA GENERALI...1 2.0 - SCHEMI BASE PER IL POSIZIONAMENTO DEL POZZETTO...2 3.0

Dettagli

REGOLAMENTO. per la distribuzione del Gas Metano e condizioni generali per la fornitura. IMPREGEST srl. Via Monte Rosa (Pal.

REGOLAMENTO. per la distribuzione del Gas Metano e condizioni generali per la fornitura. IMPREGEST srl. Via Monte Rosa (Pal. COMUNE DI B E R N A L D A Provincia di Matera Allegato alla deliberazione di C.C. n. 60 del 13-07-91 IMPREGEST srl Via Monte Rosa (Pal.C) POLICORO (MT) REGOLAMENTO per la distribuzione del Gas Metano e

Dettagli

Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Città di SAN PRISCO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 27.04.2006 Testo entrato

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Servizio acquedotto. Sezione anagrafica

Servizio acquedotto. Sezione anagrafica DIREZIONE SETTORE SERVIZIO UFFICIO PROCEDIMENTO RESPONSABILE/I DEL PROCEDIMENTO ADDETTO PROCEDIMENTO Servizio acquedotto Sezione anagrafica Area n. 2 Servizi finanziari, patrimonio e farmacie Tributi Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ALLACCI AL SERVIZIO IDRICO E PER LA RELATIVA GESTIONE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 11 giugno 2008 Modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELL AUDITORIUM DEL CENTRO RISORSE EDUCATIVE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELL AUDITORIUM DEL CENTRO RISORSE EDUCATIVE 82 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELL AUDITORIUM DEL CENTRO RISORSE EDUCATIVE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 179/75 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 09/10/2006 CRITERI DI UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI BELLAGIO Regione Lombardia Provincia di Como

COMUNE DI BELLAGIO Regione Lombardia Provincia di Como COMUNE DI BELLAGIO Regione Lombardia Provincia di Como REGOLAMENTO E TARIFFE Per il servizio dell acqua potabile del Comune di Bellagio Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 153 del 30

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev.

Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO. (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. TARIFFARIO (Allegato al Regolamento del Servizio idrico Integrato) Rev. 02 del 20/09/2013 In vigore dal 01/10/2013 Tabella spese di istruttoria... pg.

Dettagli

Regolamento del Servizio Acquedotto

Regolamento del Servizio Acquedotto 2010 Rev. 01 21/05/2010 Regolamento del Servizio Acquedotto Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.2010 Approvato dall Assemblea del Consorzio dell Autorità d Ambito Ottimale della Provincia

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA

C O M U N E DI CREMENAGA 1 Regolamento allacciamento alla rete idrica C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO ALLACCIAMENTO ALLA RETE IDRICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 28.03.2012. 1

Dettagli

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Società Uninominale Società soggetta a coordinamento e controllo da parte del Comune di Porto S. Giorgio SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE VALLE DEL CHIAMPO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE VALLE DEL CHIAMPO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE VALLE DEL CHIAMPO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DELL ACQUA POTABILE Approvato con delibera dell Assemblea dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva ELENCO PREZZII e CONDIIZIIONII DEII SERVIIZII E DELLE PRESTAZIIONII INDICE 01.00 PRESTAZIONI TECNICHE SVOLTE DAL DISTRIBUTORE... 2 02.00 PRESTAZIONI OPZIONALI... 2 03.00 ELENCO PREZZI ANNO 2009... 3 a

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE-

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- Agosto 2014 OGGETTO E APPLICABILITA Oggetto Sulla base di quanto previsto dal Codice di Rete tipo per la distribuzione del gas naturale, il presente

Dettagli

REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile

REGOLAMENTO per la distribuzione dell acqua potabile Regione Campania Provincia di Caserta COMUNE DI SAN TAMMARO C.so D. Capitelli n. 35 81050 San Tammaro Caserta Tel 0823 793449 Fax 0823 793767 www.comune.santammaro.ce.it REGOLAMENTO per la distribuzione

Dettagli

Servizio Idrico Integrato

Servizio Idrico Integrato Servizio Idrico Integrato Regolamento fondo fughe acqua Giugno 2014 Indice Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione... 3 Art. 2 - Validità del Regolamento... 3 Art. 3 - Costituzione del fondo e modalità

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 29 febbraio 2000 1. Finalità

Dettagli

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE ACQUA POTABILE N. INTESTATARIO PERSONA FISICA Il Sig. / La Sig.ra nato/a a il residente in C.A.P. indirizzo COD FISC: in qualità di TEL. CELL. INTESTATARIO PERSONA GIURIDICA

Dettagli

Regolamento del Servizio Acquedotto

Regolamento del Servizio Acquedotto 2010 Regolamento del Servizio Acquedotto Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 Pag. 1 SOMMARIO CONSORZIO IDRICO TERRA DI LAVORO Sede Legale e Amministrativa via Daniele 12, 81100

Dettagli

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A.

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A. EROGASMET S.P.A. CARTA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA TRAMITE RETE 1 Indice Indice... 2 PRESENTAZIONE... 3 1 PREMESSA... 3 2 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 2.1 Eguaglianza ed imparzialità di trattamento...

Dettagli

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres.

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04

RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04 RIEPILOGO DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI ATTIVAZIONE FORNITURA GAS METANO AI SENSI DELLA DELIBERA A.E.E.G. 40/04 Per la parte Documentazione ALLEGATO A o C ALLEGATO B o D ALLEGATI TECNICI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli