focus / 3 PER UNA FINANZA AMICA DELLA PERSONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "focus / 3 PER UNA FINANZA AMICA DELLA PERSONA"

Transcript

1 91 PER UNA FINANZA AMICA DELLA PERSONA Simona Beretta UNIVERSITÀ CATTOLICA DI MILANO Il momento di crisi profonda che stiamo attraversando da qualche anno merita di essere colto come un occasione privilegiata di giudizio (che crisi sarebbe, senza giudizio?), capace di trasformare e maturare sia la prassi della finanza e dei suoi operatori, sia il modo in cui la si insegna e in cui se ne parla nella vita quotidiana. Ma un giudizio adeguato richiede uno sguardo rinnovato alla natura della finanza, teso a coglierne realisticamente tutte le dimensioni. Parlare di etica della finanza, di responsabilità sociale delle istituzioni finanziarie, di regolamentazione della finanza da parte delle autorità preposte senza aver toccato la radice, la natura dell oggetto di cui si sta trattando, condannerebbe le migliori intenzioni di rinnovamento etico a rimanere pure intenzioni, scarsamente efficaci nel tenere sotto controllo la gravità della situazione e insufficienti, da sole, a spingere nella direzioni di una buona riforma della politica finanziaria. Cogliere il potenziale di cambiamento insito nella crisi, dunque, comincia dalla decisione di dove orientare lo sguardo in questi momenti difficili: verso la difesa dei propri interessi, legittimi ma pur sempre particolari, sperando di tornare al più presto al business as usual oppure almeno come tentativo verso la costruzione di una buona finanza, impegnando tutta la nostra ragione e la nostra passione per il bene di tutti. 1. Non un etica qualsiasi La dottrina sociale della Chiesa non sforna buoni pensieri rassicuranti, ma è una lama che incide in profondità: giudica, purifica e lancia nel rischio della costruzione. L economia infatti ha bisogno dell etica per il suo corretto funzionamento; non di un etica qualsiasi, bensì di un etica amica della persona Occorre adoperarsi l osservazione è qui essenziale! non solamente perché nascano settori o segmenti «etici» dell economia o della finanza, ma perché l intera economia e l intera finanza siano etiche e lo siano non per un etichettatura dall esterno, ma per il rispetto di esigenze intrinseche alla loro stessa natura. (Caritas in veritate 45, corsivo in originale). Il buon senso comune basta a condannare gli eccessi della speculazione, i comportamenti egoistici di quegli operatori che riescono a procurarsi cospicui guadagni proprio dalle fasi di instabilità, l iniquità di andamenti finanziari che colpiscono negativamente i risparmi delle famiglie e arrivano a precludere le possibilità si sopravvivenza dei più poveri. Ma occorre conoscere le esigenze intrinseche della finanza per passare dalla denuncia, che trova facile ascolto specie quando semplicisticamente mette a nudo le colpe degli altri, dei famigerati speculatori, alla costruzione. Ragione e amore sono chiamate in causa nel costruire relazioni e istituzioni finanziarie più giuste e più stabili per il bene di quel noi-tutti, formato da individui, famiglie e gruppi intermedi che si uniscono in comunità sociale (Caritas in veritate 7). Passare dalla denuncia alla costruzione esige dunque un lavoro culturale, per cogliere le esigenze intrinseche alla natura della finanza. Occorre recuperare la dimensione antropologica di ogni agire economico, reale e finanziario, il quale come sappiamo bene dalla nostra quotidiana esperienza si dipana nel tempo e nell incertezza, dentro relazioni di interdipendenza sia locale, sia globale. L intera economia e l intera finanza, come l intera azione politica, sono frutto non di focus / 3

2 92 focus / 3 ( 1 ) Un tentativo di approfondimento, con applicazioni al finanziamento della cooperazione allo sviluppo e al sistema finanziario italiano, si trova in SIMONA BERETTA e LORENZO CAPRIO, Per una finanza amica della persona. Sviluppo locale e globale, Centro di Ateneo per la Dottrina Sociale della Chiesa, Università Cattolica del Sacro Cuore, Mimeo meccanismi ma di libere decisioni, azioni e interazioni umane. Certo, a guardare i libri e gli articoli che ne parlano, è chiaro che rimane molta strada da fare per un approccio interdisciplinare alla finanza, all altezza della sfida etica che abbiamo di fronte. La Dottrina sociale della Chiesa ci mette su quella strada. Un etica amica della persona poggia consapevolezza della nostra originale dipendenza e della nostra grandezza, che si fonda sulla creazione dell uomo ad immagine di Dio (Gn 1,27), un dato da cui discende l inviolabile dignità della persona umana, come anche il trascendente valore delle norme morali naturali. (Caritas in veritate 45). L economia e la finanza sono strumenti, sempre imperfetti, per migliorare le condizioni della vita umana. Tutti gli esseri umani hanno in comune la tensione allo sviluppo, a fare, conoscere e avere di più, per essere di più (Populorum progressio, 6). Eppure la natura umana è ferita : vorrebbe il bene, ma cede facilmente al male. «Ignorare che l uomo ha una natura ferita, incline al male, è causa di gravi errori nel campo dell educazione, della politica, dell azione sociale e dei costumi» La convinzione di essere autosufficiente e di riuscire a eliminare il male presente nella storia solo con la propria azione ha indotto l uomo a far coincidere la felicità e la salvezza con forme immanenti di benessere materiale e di azione sociale. A lungo andare, queste convinzioni hanno portato a sistemi economici, sociali e politici che non sono stati in grado di assicurare la giustizia che promettevano.. (Caritas in veritate 34). Sarebbe dunque vano illudersi che nuove forme di regolamentazione finanziaria possano bastare ad assicurare buoni comportamenti, realizzando quella giustizia a cui aspiriamo; d altro lato, neanche il più intenso sforzo etico potrebbe stabilmente assicurare giustizia: la presunzione di essere all altezza dei nostri desideri di bene, infatti, finirebbe per tradirci. Una finanza amica della persona è l esito di un soggetto umano sempre in cammino, speranza (che) incoraggia la ragione e le dà la forza di orientare la volontà. (ibidem) La natura della finanza: una questione di ragione tutta intera La finanza è una particolare forma di commercio, un scambio intertemporale di potere d acquisto reale (prestito oggi, restituzione domani). Producendo i suoi effetti nel tempo, necessita di accordi su come gestire le conseguenze della inevitabile incertezza del futuro, ripartendone costi e benefici fra le parti. La distinzione fra economia reale e finanza, quando diventa separazione o addirittura contrapposizione, impedisce di capire la natura della finanza: ogni patto finanziario è una interazione economica che produce effetti reali; una relazione complessa anche quando è semplicissima, impastata di cooperazione e di conflitto in ogni sua fase (negoziazione, definizione dei termini contrattuali, svolgimento, conclusione naturale del contratto o crisi). Per arrivare a un patto finanziario, occorre fiducia tra le parti: una fiducia vera, spessa, fra persone impegnate in una relazione durevole; oppure una fiducia surrogata, ottenuta attraverso qualche meccanismo istituzionale. Ma i surrogati della fiducia sono assai pericolosi! La crisi attuale esemplifica bene le conseguenze negative del ricorso a forme meccanicistiche di fiducia. I risparmiatori avevano delegato le loro scelte di portafoglio agli investitori istituzionali, fidandosi in automatico della loro capacità di giudizio e prestando attenzione, sostanzialmente, solo al profilo dei rendimenti. Le remunerazioni dei manager erano proporzionate ai risultati finanziari ottenuti, sulla fiducia che fossero sostenibili nel tempo. Tali risultati erano calcolati col mark to market, ossia sulla fiducia che i mercati finanziari fossero capaci di attribuire il prezzo corretto alle attività finanziare. In assenza di una trama di relazioni fiduciarie dirette, ci si fidava delle agenzie di rating, che prima hanno contribuito a diffondere un ingiusti-

3 93 ficato senso di sicurezza, ora moltiplicano i sentimenti di sfiducia. Oltre ad esigere fiducia, la natura della finanza è intrinsecamente interdipendente. Quando una rete di rapporti oggettivi di debito e credito è costruita sulla disconnessione relazionale eretta a sistema e su forme meccanicistiche di fiducia, tale rete non può che essere terribilmente fragile. La grande distanza fra il punto di origine di un rapporto finanziario e i detentori finali di oneri e benefici incerti per natura può dare l illusione di essere indipendenti da quale che accade altrove, ma di illusione si tratta. La distanza geografica, ma soprattutto la distanza relazionale, rendono le crisi difficilissime da gestire. La realtà non si smentisce: alla fine, si mostra per quello che è. Anche la natura della finanza, nella crisi, si è mostra più chiaramente per quello che è: uno spazio interdipendente la cui qualità dipende dalla qualità e dallo spessore delle relazioni che lo abitano. La crisi finanziaria ha documentato la fragilità di un intero sistema di relazioni focus / 3

4 94 regolamentazioni prudenziali, di codici etici di comportamento da parte degli operatori finanziari, di fissazione di tetti massimi alle remunerazioni dei manager, di destinazione dei una quota dei profitti ad iniziative benefiche, di altre forme di responsabilità sociale delle imprese finanziarie ) significa illudersi. Nessuna decisione finanziaria si esaurisce in una questione pratico-procedurale: decidere in condizioni di interdipendenza, sulla base di valutazioni fiduciarie, richiede l impegno della ragione tutta intera e della libertà di aderire al bene. Quando un decisore finanziario sceglie di limitarsi a usare la ragione strumentale, calcolanzoom sottili, che dietro l anonimato dei mercati e dei surrogati della fiducia nascondeva una interdipendenza oggettiva che lega inestricabilmente mercato e stato. Forse si può dire che la radice antropologica della crisi si trova proprio nella determinazione, tanto diffusa quanto perversa, a censurare la questione della verità di cosa sia la finanza e a trascurare l importanza delle virtù, che dicono della qualità sostanziale delle relazioni. Censurare il problema sostanziale delle virtù e pensare che l etica della finanza sia innanzitutto un problema di buone pratiche (che riguarderebbe l adozione di DINAMICHE DI RISCHIO NELLA MICROFINANZA: UN CAMBIAMENTO DELLA MISSION VERSO INVESTIMENTI SOCIALMENTE IRRESPONSABILI? * La povertà è una questione complessa che richiede una visione d insieme la microfinanza è una soluzione solo parziale * Questo articolo è un adattamento da R. MORO VISCONTI, The Poverty Traps and Microfinance: from Financial Inclusion to Sustainable Development, Stuttgart La povertà non coincide con la semplice ineguaglianza ed è connessa con le condizioni svantaggiate a causa della posizione sociale e della mancanza di attività con cui acquisire e mantenere un set minimo di possibilità di base come l alimentazione, l istruzione, il vestiario, l abitazione, l accesso ai servizi sanitari di base che impedisce ai poveri di partecipare pienamente al mercato del lavoro e del credito. Da qui l importanza della microfinanza. Per comprendere le cause della povertà bisogna fare riferimento a molti fattori e servono svariate analisi collegate tra loro date le molte sfaccettature del fenomeno. Serve un approccio olistico e incentrato sul povero, ricordando sempre che strategie di sviluppo a senso unico non funzionano. Dopo l esperienza pionieristica della Grameen Bank, circa 30 anni fa, la microfinanza è entrata nell età adulta e migliaia di istituzioni di microfinanza (MFIs) competono tra loro in un mercato in cui la domanda di servizi finanziari per i più poveri a differenza dell offerta è potenzialmente illimitata. Se da un lato il successo della microfinanza è andato oltre ogni aspettativa, rilevanti problemi sono ancora sul tappeto e la strada verso l obiettivo ottimale della massimizzazione del supporto per i più poveri combinato con la sostenibilità finanziaria è ancora piena di ostacoli. La microfinanza può aiutare a ridurre la povertà, pur non essendo una soluzione adatta a tutti o una bacchetta magica per il suo completo sradicamento, anche perché non ogni povero è un potenziale imprenditore in attesa di venire scoperto e con il desiderio di essere finanziato. Il profumo seducente del denaro Con il suo profumo seducente, il denaro simbolizza il possesso e la sua accumulazione misura la ricchezza materiale. La percezione del valore del denaro cambia notevolmente nei diversi contesti culturali e nei diversi luoghi, anche se l avidità è un tratto caratteristico della natura umana e il denaro ne è la tangibile icona. Il denaro può corrompere gli ideali e alletta gli attori della microfinanza fino al punto da far loro abbandonare la tensione alla mission. Nasce la tentazione, a cui difficilmente si resiste, di guadagnare di più, abbandonando i clienti poveri in favore dei più ricchi, aumentando l economia di scala mediante un cambiamento di paradigma che dimentica lo sviluppo nella sua completezza, anche mediante un cambiamento del mix degli stakeholders. Secondo l enciclica Caritas in veritate (n. 40): «Bisogna evitare che il motivo dell impiego delle risorse finanziarie sia speculativo e ceda alla tentazione di cercare solo profitto di breve termine, e non anche la sostenibilità dell impresa a lungo ter-

5 95 ( 2 ) Si veda A. SCOLA, Buone ragioni per la vita in comune. Religione, politica, economia, Mondadori, Milano ( 3 ) P. DE GRAUWE, Improving the Governance of the Eurosystem, in BERETTA S., ZOBOLI R., Global Governance in a Plural World, Vita e Pensiero, Milano te, per perseguire un obiettivo semplificato (ad esempio, massimizzare il valore corrente di un dato portafoglio utilizzando, direttamente o per il tramite di un intermediario, un sistema esperto ), sta decidendo pro tempore di somigliare a un computer. Ma quando questo modo d agire diventa la procedura normale, come se le routine fossero non solo necessarie, ma anche sufficienti per raggiungere una buona decisione, le crisi finanziarie diventano inevitabili. La prima sfida etica per una buona finanza è che la ragion pratica prenda le distanze dalle sue forme mutilate, ristrette, banalizzate, dominate dalle tecniche e dalle procedure; occorre recuperare l orizzonte pieno della ragione economica fatta di intelligente passione per la realtà 2. Occorre altrettanto recuperare il respiro pieno della ragione politica, che rischia altrimenti di appiattirsi sulla realpolitik di brevissimo periodo, riducendo a una questione giuridico-procedurale la gestione della crisi finanziaria. E tipico, specie in Europa, contare in modo meccanicistico sul rafforzamento della regolamentazione finanziaria come se fosse un rimedio sufficiente a prevenire le crisi 3. E certamente necessario aggiornare periodicamente il sistema delle regolamentazioni agli sviluppi della realtà (nuovi attori, mine, il suo puntuale servizio all economia reale e l attenzione alla promozione, in modo adeguato ed opportuno, di iniziative economiche anche in Paesi bisognosi di sviluppo». Le MFIs responsabili, che sanno unire ragione e sentimento, sanno bene che un aumento dell affarismo e l abbandono della mission hanno un impatto diretto sui clienti più vulnerabili, con il risultato di trascurare le donne. Il delicato equilibrio tra supporto ai poveri e sostenibilità finanziaria è fortemente influenzato dal potenziale cambiamento di paradigma: la cupidigia favorisce la sostenibilità finanziaria delle MFIs ma l eccessivo aiuto può minare la loro possibilità di sopravvivenza. La questione fondamentale è come le istituzioni di micro finanza vivono la mission di raggiungere i poveri, tenendo presente che l aumento di profittabilità tende a peggiorare gli aiuti forniti. Mohamad Yunus ricorda che in ogni schema di credito accade che i clienti meno poveri tendono ad escludere quelli più poveri: senza sussidi, almeno temporanei, non c è confronto. Le istituzioni finanziarie alternative hanno un doppio limite: oltre ai loro obiettivi finanziari esse hanno anche gli obiettivi di sviluppo o sociali. Ambedue le prestazioni, finanziaria e sociale, sono importanti e sono tra loro complementari: da un lato, senza la sostenibilità finanziaria, le MFIs prosciugano le loro risorse e possono anche morire, a meno che non siano artificialmente tenute in vita da donatori, mentre dall altro lato se gli obiettivi sociali vengono abbandonati, le MFIs perdono la loro anima e diventano qualcosa d altro. Come diceva Aristotele: dare via il denaro è facile e tutti ne sono capaci. Ma decidere a chi darlo, in che misura darne, quando, per quale scopo e come, non è né facile né tutti ne sono capaci. La tentazione di abbandonare gli obiettivi sociali Anche se le MFIs hanno solidi ideali e una mission strategica, i loro obiettivi sociali, messi sotto stress dalle sfide del contesto, possono facilmente farsi attirare dalle seduzioni commerciali. La tentazione di abbandonare gli obiettivi sociali, orientando I fondi verso obiettivi maggiormente lucrativi, rappresenta una costante minaccia per i poveri, abituati ad essere trascurati. La chiave per evitare le tentazioni di riorientare la mission consiste in uno sforzo sinergico di tutti gli stakeholders nel conservare i principi fondanti le MFI s, adattandoli alle sfide e ai cambiamenti, ma senza cambiare la loro sostanza fondamentale. Un riorientamento della mission avviene quando le MFI abbandonano i clienti poveri e tende ad aumentare quan-

6 96 nuovi strumenti, nuovi contesti geo-politici ), ma purtroppo non è sufficiente! Qui, il compito sia per chi forma gli operatori dell economia e della finanza, sia per chi ne scrive o ne parla al grande pubblico attraverso i mezzi di comunicazione di massa, è molto impegnativo. Parlando e leggendo di finanza, siamo fin troppo abituati all orizzonte angusto del breve periodo (come vanno le borse e le aste dei titoli pubblici ), a sofisticati modelli di disegno contrattuale o di regolamentazione prudenziale, alla gestione tecnica dei rischi delle istituzioni e dei sistemi finanziari (con i risultati deludenti che conosciamo). Invece, anche per buona qualità degli andamenti della finanza quotidiana, contano le sue qualità di medio-lungo termine! Quando il management prudente di un impresa si indebita per sostenere un progetto che fa crescere in dimensione e qualità l impresa stessa, quindi il bene del noi-tutti che partecipano della vita dell impresa (gli stakeholders), l impresa continua a vivere nell incertezza, ma l indebitamento non contribuisce a generare incertezza e instabilità nei mercati finanziari. Contribuisce invece all incertezza e all instabilità sistemica quel manager che, indipendentemente dalla sfera produttiva della sua impresa, si indebita per assumersi rischi puramente finanziari di brevissimo temine, in vista di probabili potenziali profitti, correndo nel contempo il rischio di gigantesche perdite (improbabili ma come si è visto, tutt altro che impossibili). Anche nella finanza pubblica conta il medio-lungo terzoom do le MFI cercano profitti maggiori e i loro costi medi diventano più alti. La centralità del cliente può essere sostituita dalla centralità del prodotto e dalla sua crescita e le MFIs possono essere tentate di abbandonare i loro clienti poveri. Il cambiamento della mission può anche essere una surrettizia risposta all inefficienza. Cattivi managers che non sono in grado di dare un servizio ai poveri possono essere tentati di nascondere i loro errori manageriali dietro l aumento degli investimenti, abbandonando i poveri in vista di guadagni di altro genere in segmenti marginali maggiormente redditizi. Se le MFI diventano più efficienti, è possibile aumentare i prestiti per i clienti più poveri, fornendo loro aiuto in modo sostenibile. La finanza per i poveri può essere sussidiata? Evidenze empiriche mostrano che la fornitura di servizi finanziari ai poveri richiede sussidi per esempio finanziamenti agevolati almeno per lo start up di semplici e spesso informali attività bancarie, che possono progressivamente diventare MFIs regolari, seguendo un graduale percorso virtuoso. I sussidi possono includere garanzie per capacity building, audit, selezione del personale, office building, investimenti, ecc., come pure il finanziamento del passaggio da NGOs a banche autorizzate. Questa è stato anche il caso del famoso paradigma Grameen Bank, che è tuttora sussidiato con tassi di interesse molto bassi. Il sussidio è inevitabile ma è anche un meccanismo di sturt up pericoloso, non solo perché può spogliare ed umiliare I poveri, ma anche perché può danneggiare e distorcere il regolare lavoro della microfinanza per i non-cosìpoveri, con effetti collaterali (corruzione, comportamenti ingannevoli e opportunistici che generano problemi ben noti come mancanza di trasparenza e di meritocrazia ) che danneggiano anche i veri poveri. Anche il capitale sussidiato ha un costo nascosto, dato che gli shareholders che fanno da sponsors devono raccogliere il denaro che poi mettono nella MFI, sopportando costi reali di mercato e il danno per la perdita dei potenziali introiti da investimenti alternativi. L opinione che il capitale collocato in MFIs sponsorizzate non è gravato da costi è sbagliata e ingannevole. La trasformazione in istituzioni profittevoli è meno costosa di quanto potrebbe sembrare, da-

7 97 mine. Un debito pubblico non diventa insostenibile, creando instabilità sistemica, solo quando è tanto, ma soprattutto quando la spesa che l ha reso necessario non aveva uno scopo di investimento per il bene del noi-tutti e non ha rafforzato le basi reali per il progresso del paese progresso indispensabile per poter ripagare il debito nel futuro. La questione di una buona finanza pubblica è dunque un problema etico del tutto rilevante, che c entra con la qualità della spesa e con la qualità della fiscalità. Ad esempio, un debito pubblico emesso per finanziare spese di consumo (spese correnti) ad esclusivo vantaggio della generazione presente, rimane un debito cattivo sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista etico, anche quando fosse di modesta entità. 3. Finanza e sviluppo: per una finanza davvero amica della persona Non tutta la finanza è vero scambio intertemporale: basta guardare l enorme forbice tra l andamento delle attività di produzione e di investimento e quello delle attività finanziare in essere. Ma tutta la finanza, anche la più creativa e apparentemente autoreferenziale, dipende in ultima analisi dalla solidità di questa finanza reale, orientata allo sviluppo: fare credito perché a chi riceve il prestito investa, ottenga frutti e restituisca al creditore quanto pattuito. Finanza e sviluppo non sono quindi due termini da coniugare a fatica: sono inestricabilmente connessi. Non c è sviluppo senza scelte intertemporali di risparmio ed investimento; non c è stabilità finanziaria senza sviluppo. to che il costo risulta dalla differenza tra i costi di sponsorizzazione e i costi per il capitale orientato al profitto. Comunque il credito non è il solo e nemmeno il principale servizio finanziario di cui I poveri abbisognano. I sussidi possono essere meglio spesi creando un sano contesto finanziario in cui il risparmio faccia da paracaute per chi ottiene i prestiti e da fonte interna di risorse per intermediazioni bancarie locali. Si potrebbe seguire così anche se in scala ridotta il semplice meccanismo di una banca standard che raccolga denaro da depositi e lo amministri mediante prestiti selettivi. La relazione tra donatori (sia individui che NGOs organizzate) e i poveri è molto complessa, non solo per gli evidenti problemi di distribuzione del capitale ma anche per questioni motivazionali e psicologiche, più difficili da misurare e scoprire ma probabilmente anche più importanti. Il cuore dei donatori talvolta supera le loro tasche e una analisi razionale della situazione mostra le conseguenze negative che possono prevalere nonostante le migliori intenzioni, danneggiando I poveri e creando dipendenza effimera. Alcuni donatori pensano di adoperare i sussidi in misura moderata e solo nella fase di sturt up, quando le istituzioni sono troppo giovani e per poter camminare con le proprie gambe. Secondo la Caritas in veritate (n. 45): «Si sviluppa una finanza etica, specialmente mediante il microcredito e, più in generale, la microfinanza. Questi processi suscitano apprezzamento e meritano un ampio sostegno. I loro effetti positivi si fanno sentire anche nelle aree meno sviluppate della terra. E bene, tuttavia, elaborare anche un valido criterio di discernimento, in quanto si nota un certo abuso dell aggettivo etico». E prosegue (n. 65): l esperienza della microfinanza, che affonda le proprie radici nella riflessione e nelle opere degli umanisti civili penso soprattutto alla nascita dei monti di pietà va rafforzata e messa punto». R. Moro Visconti Università cattolica di Milano (traduzione dall inglese di Benedetta Cortese)

8 98 ( 4 ) Nel periodo di euforia finanziaria, il totale dei contratti future sui prodotti agricoli è aumentato significativamente; in particolare la percentuale di contratti firmati da operatori non commerciali sui mercati agricoli future è raddoppiata fra il febbraio 2005 e il febbraio OECD-FAO Agricultural Outlook , La finanza è amica della persona quando sostiene e promuove lo sviluppo umano. Non basta certo la finanza a questo scopo, ma la finanza deve almeno non nuocere! Sappiamo che può nuocere: per esempio, con la prassi di ricorrere ai mercati future dei prodotti agricoli per motivazioni non legate al buon funzionamento degli approvvigionamenti e delle forniture, ma solo per avere uno strumento ulteriore di gestione del rischio e del rendimento di un portafoglio finanziario. Questa prassi ha contribuito in modo determinante all elevata variabilità dei prezzi dei prodotti alimentari 4, variabilità che purtroppo non manca di mietere vittime. Come realizzare dunque una finanza amica della persona? La dignità della persona e le esigenze della giustizia richiedono che, soprattutto oggi, le scelte economiche non facciano aumentare in modo eccessivo e moralmente inaccettabile le differenze di ricchezza e che si continui a perseguire quale priorità l obiettivo dell accesso al lavoro o del suo mantenimento, per tutti. A ben vedere, ciò è esigito anche dalla «ragione economica» (CV 32). Le risposte dettagliate possono sono essere date nella concretezza del vivere comune di un noi-tutti tempo e di uno spazio, amati con intelligenza. Ma la risposta sintetica è molto semplice. Si tratta di sostenere il lavoro: il lavoro dei poveri, dei giovani, di chi vuole mettersi alla prova con un idea innovativa, di chi serve e cura le nuove generazioni. focus / 3

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE LA VOCAZIONE DEL LEADER D IMPRESA UNA RIFLESSIONE

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE LA VOCAZIONE DEL LEADER D IMPRESA UNA RIFLESSIONE PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE LA VOCAZIONE DEL LEADER D IMPRESA UNA RIFLESSIONE Traduzione di Vocation of the Business Leader, 3a edizione Editore: PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli