focus / 3 PER UNA FINANZA AMICA DELLA PERSONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "focus / 3 PER UNA FINANZA AMICA DELLA PERSONA"

Transcript

1 91 PER UNA FINANZA AMICA DELLA PERSONA Simona Beretta UNIVERSITÀ CATTOLICA DI MILANO Il momento di crisi profonda che stiamo attraversando da qualche anno merita di essere colto come un occasione privilegiata di giudizio (che crisi sarebbe, senza giudizio?), capace di trasformare e maturare sia la prassi della finanza e dei suoi operatori, sia il modo in cui la si insegna e in cui se ne parla nella vita quotidiana. Ma un giudizio adeguato richiede uno sguardo rinnovato alla natura della finanza, teso a coglierne realisticamente tutte le dimensioni. Parlare di etica della finanza, di responsabilità sociale delle istituzioni finanziarie, di regolamentazione della finanza da parte delle autorità preposte senza aver toccato la radice, la natura dell oggetto di cui si sta trattando, condannerebbe le migliori intenzioni di rinnovamento etico a rimanere pure intenzioni, scarsamente efficaci nel tenere sotto controllo la gravità della situazione e insufficienti, da sole, a spingere nella direzioni di una buona riforma della politica finanziaria. Cogliere il potenziale di cambiamento insito nella crisi, dunque, comincia dalla decisione di dove orientare lo sguardo in questi momenti difficili: verso la difesa dei propri interessi, legittimi ma pur sempre particolari, sperando di tornare al più presto al business as usual oppure almeno come tentativo verso la costruzione di una buona finanza, impegnando tutta la nostra ragione e la nostra passione per il bene di tutti. 1. Non un etica qualsiasi La dottrina sociale della Chiesa non sforna buoni pensieri rassicuranti, ma è una lama che incide in profondità: giudica, purifica e lancia nel rischio della costruzione. L economia infatti ha bisogno dell etica per il suo corretto funzionamento; non di un etica qualsiasi, bensì di un etica amica della persona Occorre adoperarsi l osservazione è qui essenziale! non solamente perché nascano settori o segmenti «etici» dell economia o della finanza, ma perché l intera economia e l intera finanza siano etiche e lo siano non per un etichettatura dall esterno, ma per il rispetto di esigenze intrinseche alla loro stessa natura. (Caritas in veritate 45, corsivo in originale). Il buon senso comune basta a condannare gli eccessi della speculazione, i comportamenti egoistici di quegli operatori che riescono a procurarsi cospicui guadagni proprio dalle fasi di instabilità, l iniquità di andamenti finanziari che colpiscono negativamente i risparmi delle famiglie e arrivano a precludere le possibilità si sopravvivenza dei più poveri. Ma occorre conoscere le esigenze intrinseche della finanza per passare dalla denuncia, che trova facile ascolto specie quando semplicisticamente mette a nudo le colpe degli altri, dei famigerati speculatori, alla costruzione. Ragione e amore sono chiamate in causa nel costruire relazioni e istituzioni finanziarie più giuste e più stabili per il bene di quel noi-tutti, formato da individui, famiglie e gruppi intermedi che si uniscono in comunità sociale (Caritas in veritate 7). Passare dalla denuncia alla costruzione esige dunque un lavoro culturale, per cogliere le esigenze intrinseche alla natura della finanza. Occorre recuperare la dimensione antropologica di ogni agire economico, reale e finanziario, il quale come sappiamo bene dalla nostra quotidiana esperienza si dipana nel tempo e nell incertezza, dentro relazioni di interdipendenza sia locale, sia globale. L intera economia e l intera finanza, come l intera azione politica, sono frutto non di focus / 3

2 92 focus / 3 ( 1 ) Un tentativo di approfondimento, con applicazioni al finanziamento della cooperazione allo sviluppo e al sistema finanziario italiano, si trova in SIMONA BERETTA e LORENZO CAPRIO, Per una finanza amica della persona. Sviluppo locale e globale, Centro di Ateneo per la Dottrina Sociale della Chiesa, Università Cattolica del Sacro Cuore, Mimeo meccanismi ma di libere decisioni, azioni e interazioni umane. Certo, a guardare i libri e gli articoli che ne parlano, è chiaro che rimane molta strada da fare per un approccio interdisciplinare alla finanza, all altezza della sfida etica che abbiamo di fronte. La Dottrina sociale della Chiesa ci mette su quella strada. Un etica amica della persona poggia consapevolezza della nostra originale dipendenza e della nostra grandezza, che si fonda sulla creazione dell uomo ad immagine di Dio (Gn 1,27), un dato da cui discende l inviolabile dignità della persona umana, come anche il trascendente valore delle norme morali naturali. (Caritas in veritate 45). L economia e la finanza sono strumenti, sempre imperfetti, per migliorare le condizioni della vita umana. Tutti gli esseri umani hanno in comune la tensione allo sviluppo, a fare, conoscere e avere di più, per essere di più (Populorum progressio, 6). Eppure la natura umana è ferita : vorrebbe il bene, ma cede facilmente al male. «Ignorare che l uomo ha una natura ferita, incline al male, è causa di gravi errori nel campo dell educazione, della politica, dell azione sociale e dei costumi» La convinzione di essere autosufficiente e di riuscire a eliminare il male presente nella storia solo con la propria azione ha indotto l uomo a far coincidere la felicità e la salvezza con forme immanenti di benessere materiale e di azione sociale. A lungo andare, queste convinzioni hanno portato a sistemi economici, sociali e politici che non sono stati in grado di assicurare la giustizia che promettevano.. (Caritas in veritate 34). Sarebbe dunque vano illudersi che nuove forme di regolamentazione finanziaria possano bastare ad assicurare buoni comportamenti, realizzando quella giustizia a cui aspiriamo; d altro lato, neanche il più intenso sforzo etico potrebbe stabilmente assicurare giustizia: la presunzione di essere all altezza dei nostri desideri di bene, infatti, finirebbe per tradirci. Una finanza amica della persona è l esito di un soggetto umano sempre in cammino, speranza (che) incoraggia la ragione e le dà la forza di orientare la volontà. (ibidem) La natura della finanza: una questione di ragione tutta intera La finanza è una particolare forma di commercio, un scambio intertemporale di potere d acquisto reale (prestito oggi, restituzione domani). Producendo i suoi effetti nel tempo, necessita di accordi su come gestire le conseguenze della inevitabile incertezza del futuro, ripartendone costi e benefici fra le parti. La distinzione fra economia reale e finanza, quando diventa separazione o addirittura contrapposizione, impedisce di capire la natura della finanza: ogni patto finanziario è una interazione economica che produce effetti reali; una relazione complessa anche quando è semplicissima, impastata di cooperazione e di conflitto in ogni sua fase (negoziazione, definizione dei termini contrattuali, svolgimento, conclusione naturale del contratto o crisi). Per arrivare a un patto finanziario, occorre fiducia tra le parti: una fiducia vera, spessa, fra persone impegnate in una relazione durevole; oppure una fiducia surrogata, ottenuta attraverso qualche meccanismo istituzionale. Ma i surrogati della fiducia sono assai pericolosi! La crisi attuale esemplifica bene le conseguenze negative del ricorso a forme meccanicistiche di fiducia. I risparmiatori avevano delegato le loro scelte di portafoglio agli investitori istituzionali, fidandosi in automatico della loro capacità di giudizio e prestando attenzione, sostanzialmente, solo al profilo dei rendimenti. Le remunerazioni dei manager erano proporzionate ai risultati finanziari ottenuti, sulla fiducia che fossero sostenibili nel tempo. Tali risultati erano calcolati col mark to market, ossia sulla fiducia che i mercati finanziari fossero capaci di attribuire il prezzo corretto alle attività finanziare. In assenza di una trama di relazioni fiduciarie dirette, ci si fidava delle agenzie di rating, che prima hanno contribuito a diffondere un ingiusti-

3 93 ficato senso di sicurezza, ora moltiplicano i sentimenti di sfiducia. Oltre ad esigere fiducia, la natura della finanza è intrinsecamente interdipendente. Quando una rete di rapporti oggettivi di debito e credito è costruita sulla disconnessione relazionale eretta a sistema e su forme meccanicistiche di fiducia, tale rete non può che essere terribilmente fragile. La grande distanza fra il punto di origine di un rapporto finanziario e i detentori finali di oneri e benefici incerti per natura può dare l illusione di essere indipendenti da quale che accade altrove, ma di illusione si tratta. La distanza geografica, ma soprattutto la distanza relazionale, rendono le crisi difficilissime da gestire. La realtà non si smentisce: alla fine, si mostra per quello che è. Anche la natura della finanza, nella crisi, si è mostra più chiaramente per quello che è: uno spazio interdipendente la cui qualità dipende dalla qualità e dallo spessore delle relazioni che lo abitano. La crisi finanziaria ha documentato la fragilità di un intero sistema di relazioni focus / 3

4 94 regolamentazioni prudenziali, di codici etici di comportamento da parte degli operatori finanziari, di fissazione di tetti massimi alle remunerazioni dei manager, di destinazione dei una quota dei profitti ad iniziative benefiche, di altre forme di responsabilità sociale delle imprese finanziarie ) significa illudersi. Nessuna decisione finanziaria si esaurisce in una questione pratico-procedurale: decidere in condizioni di interdipendenza, sulla base di valutazioni fiduciarie, richiede l impegno della ragione tutta intera e della libertà di aderire al bene. Quando un decisore finanziario sceglie di limitarsi a usare la ragione strumentale, calcolanzoom sottili, che dietro l anonimato dei mercati e dei surrogati della fiducia nascondeva una interdipendenza oggettiva che lega inestricabilmente mercato e stato. Forse si può dire che la radice antropologica della crisi si trova proprio nella determinazione, tanto diffusa quanto perversa, a censurare la questione della verità di cosa sia la finanza e a trascurare l importanza delle virtù, che dicono della qualità sostanziale delle relazioni. Censurare il problema sostanziale delle virtù e pensare che l etica della finanza sia innanzitutto un problema di buone pratiche (che riguarderebbe l adozione di DINAMICHE DI RISCHIO NELLA MICROFINANZA: UN CAMBIAMENTO DELLA MISSION VERSO INVESTIMENTI SOCIALMENTE IRRESPONSABILI? * La povertà è una questione complessa che richiede una visione d insieme la microfinanza è una soluzione solo parziale * Questo articolo è un adattamento da R. MORO VISCONTI, The Poverty Traps and Microfinance: from Financial Inclusion to Sustainable Development, Stuttgart La povertà non coincide con la semplice ineguaglianza ed è connessa con le condizioni svantaggiate a causa della posizione sociale e della mancanza di attività con cui acquisire e mantenere un set minimo di possibilità di base come l alimentazione, l istruzione, il vestiario, l abitazione, l accesso ai servizi sanitari di base che impedisce ai poveri di partecipare pienamente al mercato del lavoro e del credito. Da qui l importanza della microfinanza. Per comprendere le cause della povertà bisogna fare riferimento a molti fattori e servono svariate analisi collegate tra loro date le molte sfaccettature del fenomeno. Serve un approccio olistico e incentrato sul povero, ricordando sempre che strategie di sviluppo a senso unico non funzionano. Dopo l esperienza pionieristica della Grameen Bank, circa 30 anni fa, la microfinanza è entrata nell età adulta e migliaia di istituzioni di microfinanza (MFIs) competono tra loro in un mercato in cui la domanda di servizi finanziari per i più poveri a differenza dell offerta è potenzialmente illimitata. Se da un lato il successo della microfinanza è andato oltre ogni aspettativa, rilevanti problemi sono ancora sul tappeto e la strada verso l obiettivo ottimale della massimizzazione del supporto per i più poveri combinato con la sostenibilità finanziaria è ancora piena di ostacoli. La microfinanza può aiutare a ridurre la povertà, pur non essendo una soluzione adatta a tutti o una bacchetta magica per il suo completo sradicamento, anche perché non ogni povero è un potenziale imprenditore in attesa di venire scoperto e con il desiderio di essere finanziato. Il profumo seducente del denaro Con il suo profumo seducente, il denaro simbolizza il possesso e la sua accumulazione misura la ricchezza materiale. La percezione del valore del denaro cambia notevolmente nei diversi contesti culturali e nei diversi luoghi, anche se l avidità è un tratto caratteristico della natura umana e il denaro ne è la tangibile icona. Il denaro può corrompere gli ideali e alletta gli attori della microfinanza fino al punto da far loro abbandonare la tensione alla mission. Nasce la tentazione, a cui difficilmente si resiste, di guadagnare di più, abbandonando i clienti poveri in favore dei più ricchi, aumentando l economia di scala mediante un cambiamento di paradigma che dimentica lo sviluppo nella sua completezza, anche mediante un cambiamento del mix degli stakeholders. Secondo l enciclica Caritas in veritate (n. 40): «Bisogna evitare che il motivo dell impiego delle risorse finanziarie sia speculativo e ceda alla tentazione di cercare solo profitto di breve termine, e non anche la sostenibilità dell impresa a lungo ter-

5 95 ( 2 ) Si veda A. SCOLA, Buone ragioni per la vita in comune. Religione, politica, economia, Mondadori, Milano ( 3 ) P. DE GRAUWE, Improving the Governance of the Eurosystem, in BERETTA S., ZOBOLI R., Global Governance in a Plural World, Vita e Pensiero, Milano te, per perseguire un obiettivo semplificato (ad esempio, massimizzare il valore corrente di un dato portafoglio utilizzando, direttamente o per il tramite di un intermediario, un sistema esperto ), sta decidendo pro tempore di somigliare a un computer. Ma quando questo modo d agire diventa la procedura normale, come se le routine fossero non solo necessarie, ma anche sufficienti per raggiungere una buona decisione, le crisi finanziarie diventano inevitabili. La prima sfida etica per una buona finanza è che la ragion pratica prenda le distanze dalle sue forme mutilate, ristrette, banalizzate, dominate dalle tecniche e dalle procedure; occorre recuperare l orizzonte pieno della ragione economica fatta di intelligente passione per la realtà 2. Occorre altrettanto recuperare il respiro pieno della ragione politica, che rischia altrimenti di appiattirsi sulla realpolitik di brevissimo periodo, riducendo a una questione giuridico-procedurale la gestione della crisi finanziaria. E tipico, specie in Europa, contare in modo meccanicistico sul rafforzamento della regolamentazione finanziaria come se fosse un rimedio sufficiente a prevenire le crisi 3. E certamente necessario aggiornare periodicamente il sistema delle regolamentazioni agli sviluppi della realtà (nuovi attori, mine, il suo puntuale servizio all economia reale e l attenzione alla promozione, in modo adeguato ed opportuno, di iniziative economiche anche in Paesi bisognosi di sviluppo». Le MFIs responsabili, che sanno unire ragione e sentimento, sanno bene che un aumento dell affarismo e l abbandono della mission hanno un impatto diretto sui clienti più vulnerabili, con il risultato di trascurare le donne. Il delicato equilibrio tra supporto ai poveri e sostenibilità finanziaria è fortemente influenzato dal potenziale cambiamento di paradigma: la cupidigia favorisce la sostenibilità finanziaria delle MFIs ma l eccessivo aiuto può minare la loro possibilità di sopravvivenza. La questione fondamentale è come le istituzioni di micro finanza vivono la mission di raggiungere i poveri, tenendo presente che l aumento di profittabilità tende a peggiorare gli aiuti forniti. Mohamad Yunus ricorda che in ogni schema di credito accade che i clienti meno poveri tendono ad escludere quelli più poveri: senza sussidi, almeno temporanei, non c è confronto. Le istituzioni finanziarie alternative hanno un doppio limite: oltre ai loro obiettivi finanziari esse hanno anche gli obiettivi di sviluppo o sociali. Ambedue le prestazioni, finanziaria e sociale, sono importanti e sono tra loro complementari: da un lato, senza la sostenibilità finanziaria, le MFIs prosciugano le loro risorse e possono anche morire, a meno che non siano artificialmente tenute in vita da donatori, mentre dall altro lato se gli obiettivi sociali vengono abbandonati, le MFIs perdono la loro anima e diventano qualcosa d altro. Come diceva Aristotele: dare via il denaro è facile e tutti ne sono capaci. Ma decidere a chi darlo, in che misura darne, quando, per quale scopo e come, non è né facile né tutti ne sono capaci. La tentazione di abbandonare gli obiettivi sociali Anche se le MFIs hanno solidi ideali e una mission strategica, i loro obiettivi sociali, messi sotto stress dalle sfide del contesto, possono facilmente farsi attirare dalle seduzioni commerciali. La tentazione di abbandonare gli obiettivi sociali, orientando I fondi verso obiettivi maggiormente lucrativi, rappresenta una costante minaccia per i poveri, abituati ad essere trascurati. La chiave per evitare le tentazioni di riorientare la mission consiste in uno sforzo sinergico di tutti gli stakeholders nel conservare i principi fondanti le MFI s, adattandoli alle sfide e ai cambiamenti, ma senza cambiare la loro sostanza fondamentale. Un riorientamento della mission avviene quando le MFI abbandonano i clienti poveri e tende ad aumentare quan-

6 96 nuovi strumenti, nuovi contesti geo-politici ), ma purtroppo non è sufficiente! Qui, il compito sia per chi forma gli operatori dell economia e della finanza, sia per chi ne scrive o ne parla al grande pubblico attraverso i mezzi di comunicazione di massa, è molto impegnativo. Parlando e leggendo di finanza, siamo fin troppo abituati all orizzonte angusto del breve periodo (come vanno le borse e le aste dei titoli pubblici ), a sofisticati modelli di disegno contrattuale o di regolamentazione prudenziale, alla gestione tecnica dei rischi delle istituzioni e dei sistemi finanziari (con i risultati deludenti che conosciamo). Invece, anche per buona qualità degli andamenti della finanza quotidiana, contano le sue qualità di medio-lungo termine! Quando il management prudente di un impresa si indebita per sostenere un progetto che fa crescere in dimensione e qualità l impresa stessa, quindi il bene del noi-tutti che partecipano della vita dell impresa (gli stakeholders), l impresa continua a vivere nell incertezza, ma l indebitamento non contribuisce a generare incertezza e instabilità nei mercati finanziari. Contribuisce invece all incertezza e all instabilità sistemica quel manager che, indipendentemente dalla sfera produttiva della sua impresa, si indebita per assumersi rischi puramente finanziari di brevissimo temine, in vista di probabili potenziali profitti, correndo nel contempo il rischio di gigantesche perdite (improbabili ma come si è visto, tutt altro che impossibili). Anche nella finanza pubblica conta il medio-lungo terzoom do le MFI cercano profitti maggiori e i loro costi medi diventano più alti. La centralità del cliente può essere sostituita dalla centralità del prodotto e dalla sua crescita e le MFIs possono essere tentate di abbandonare i loro clienti poveri. Il cambiamento della mission può anche essere una surrettizia risposta all inefficienza. Cattivi managers che non sono in grado di dare un servizio ai poveri possono essere tentati di nascondere i loro errori manageriali dietro l aumento degli investimenti, abbandonando i poveri in vista di guadagni di altro genere in segmenti marginali maggiormente redditizi. Se le MFI diventano più efficienti, è possibile aumentare i prestiti per i clienti più poveri, fornendo loro aiuto in modo sostenibile. La finanza per i poveri può essere sussidiata? Evidenze empiriche mostrano che la fornitura di servizi finanziari ai poveri richiede sussidi per esempio finanziamenti agevolati almeno per lo start up di semplici e spesso informali attività bancarie, che possono progressivamente diventare MFIs regolari, seguendo un graduale percorso virtuoso. I sussidi possono includere garanzie per capacity building, audit, selezione del personale, office building, investimenti, ecc., come pure il finanziamento del passaggio da NGOs a banche autorizzate. Questa è stato anche il caso del famoso paradigma Grameen Bank, che è tuttora sussidiato con tassi di interesse molto bassi. Il sussidio è inevitabile ma è anche un meccanismo di sturt up pericoloso, non solo perché può spogliare ed umiliare I poveri, ma anche perché può danneggiare e distorcere il regolare lavoro della microfinanza per i non-cosìpoveri, con effetti collaterali (corruzione, comportamenti ingannevoli e opportunistici che generano problemi ben noti come mancanza di trasparenza e di meritocrazia ) che danneggiano anche i veri poveri. Anche il capitale sussidiato ha un costo nascosto, dato che gli shareholders che fanno da sponsors devono raccogliere il denaro che poi mettono nella MFI, sopportando costi reali di mercato e il danno per la perdita dei potenziali introiti da investimenti alternativi. L opinione che il capitale collocato in MFIs sponsorizzate non è gravato da costi è sbagliata e ingannevole. La trasformazione in istituzioni profittevoli è meno costosa di quanto potrebbe sembrare, da-

7 97 mine. Un debito pubblico non diventa insostenibile, creando instabilità sistemica, solo quando è tanto, ma soprattutto quando la spesa che l ha reso necessario non aveva uno scopo di investimento per il bene del noi-tutti e non ha rafforzato le basi reali per il progresso del paese progresso indispensabile per poter ripagare il debito nel futuro. La questione di una buona finanza pubblica è dunque un problema etico del tutto rilevante, che c entra con la qualità della spesa e con la qualità della fiscalità. Ad esempio, un debito pubblico emesso per finanziare spese di consumo (spese correnti) ad esclusivo vantaggio della generazione presente, rimane un debito cattivo sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista etico, anche quando fosse di modesta entità. 3. Finanza e sviluppo: per una finanza davvero amica della persona Non tutta la finanza è vero scambio intertemporale: basta guardare l enorme forbice tra l andamento delle attività di produzione e di investimento e quello delle attività finanziare in essere. Ma tutta la finanza, anche la più creativa e apparentemente autoreferenziale, dipende in ultima analisi dalla solidità di questa finanza reale, orientata allo sviluppo: fare credito perché a chi riceve il prestito investa, ottenga frutti e restituisca al creditore quanto pattuito. Finanza e sviluppo non sono quindi due termini da coniugare a fatica: sono inestricabilmente connessi. Non c è sviluppo senza scelte intertemporali di risparmio ed investimento; non c è stabilità finanziaria senza sviluppo. to che il costo risulta dalla differenza tra i costi di sponsorizzazione e i costi per il capitale orientato al profitto. Comunque il credito non è il solo e nemmeno il principale servizio finanziario di cui I poveri abbisognano. I sussidi possono essere meglio spesi creando un sano contesto finanziario in cui il risparmio faccia da paracaute per chi ottiene i prestiti e da fonte interna di risorse per intermediazioni bancarie locali. Si potrebbe seguire così anche se in scala ridotta il semplice meccanismo di una banca standard che raccolga denaro da depositi e lo amministri mediante prestiti selettivi. La relazione tra donatori (sia individui che NGOs organizzate) e i poveri è molto complessa, non solo per gli evidenti problemi di distribuzione del capitale ma anche per questioni motivazionali e psicologiche, più difficili da misurare e scoprire ma probabilmente anche più importanti. Il cuore dei donatori talvolta supera le loro tasche e una analisi razionale della situazione mostra le conseguenze negative che possono prevalere nonostante le migliori intenzioni, danneggiando I poveri e creando dipendenza effimera. Alcuni donatori pensano di adoperare i sussidi in misura moderata e solo nella fase di sturt up, quando le istituzioni sono troppo giovani e per poter camminare con le proprie gambe. Secondo la Caritas in veritate (n. 45): «Si sviluppa una finanza etica, specialmente mediante il microcredito e, più in generale, la microfinanza. Questi processi suscitano apprezzamento e meritano un ampio sostegno. I loro effetti positivi si fanno sentire anche nelle aree meno sviluppate della terra. E bene, tuttavia, elaborare anche un valido criterio di discernimento, in quanto si nota un certo abuso dell aggettivo etico». E prosegue (n. 65): l esperienza della microfinanza, che affonda le proprie radici nella riflessione e nelle opere degli umanisti civili penso soprattutto alla nascita dei monti di pietà va rafforzata e messa punto». R. Moro Visconti Università cattolica di Milano (traduzione dall inglese di Benedetta Cortese)

8 98 ( 4 ) Nel periodo di euforia finanziaria, il totale dei contratti future sui prodotti agricoli è aumentato significativamente; in particolare la percentuale di contratti firmati da operatori non commerciali sui mercati agricoli future è raddoppiata fra il febbraio 2005 e il febbraio OECD-FAO Agricultural Outlook , La finanza è amica della persona quando sostiene e promuove lo sviluppo umano. Non basta certo la finanza a questo scopo, ma la finanza deve almeno non nuocere! Sappiamo che può nuocere: per esempio, con la prassi di ricorrere ai mercati future dei prodotti agricoli per motivazioni non legate al buon funzionamento degli approvvigionamenti e delle forniture, ma solo per avere uno strumento ulteriore di gestione del rischio e del rendimento di un portafoglio finanziario. Questa prassi ha contribuito in modo determinante all elevata variabilità dei prezzi dei prodotti alimentari 4, variabilità che purtroppo non manca di mietere vittime. Come realizzare dunque una finanza amica della persona? La dignità della persona e le esigenze della giustizia richiedono che, soprattutto oggi, le scelte economiche non facciano aumentare in modo eccessivo e moralmente inaccettabile le differenze di ricchezza e che si continui a perseguire quale priorità l obiettivo dell accesso al lavoro o del suo mantenimento, per tutti. A ben vedere, ciò è esigito anche dalla «ragione economica» (CV 32). Le risposte dettagliate possono sono essere date nella concretezza del vivere comune di un noi-tutti tempo e di uno spazio, amati con intelligenza. Ma la risposta sintetica è molto semplice. Si tratta di sostenere il lavoro: il lavoro dei poveri, dei giovani, di chi vuole mettersi alla prova con un idea innovativa, di chi serve e cura le nuove generazioni. focus / 3

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Banche e crisi Microcredito

Banche e crisi Microcredito Banche e crisi Microcredito Oggetto conversazione Attuale situazione di grave recessione Domande che tutti si fanno Le banche hanno doveri e quindi responsabilità sociale? Come devono comportarsi in caso

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare Sicurezza dell'alloggio per i pensionati ARGOMENTI PRO 10.060 Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO Argomenti-In breve Iniziativa Sicurezza dell alloggio per i pensionati in breve Occasione

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

LOVE MARKETING MARKETING ANALITICO

LOVE MARKETING MARKETING ANALITICO LOVE MARKETING Love Marketing è un contributo italiano che rivela un lapalissiano dato di fatto: il marketing è una tecnica che ciascuno di noi mette in atto quotidianamente nei rapporti interpersonali.

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Le fonti organizzative dello stress

Le fonti organizzative dello stress Le fonti organizzative dello stress Maurizio Decastri Roma, 15 luglio 2011 Lo stress Deriva dalle prove di laboratorio a cui sono sottoposti i metalli allo scopo di determinare il carico di rottura. E

Dettagli

Progetti ad oggi finanziati Ad oggi, grazie al risparmio raccolto con Ethical Banking, è stato possibile finanziare i seguenti progetti:

Progetti ad oggi finanziati Ad oggi, grazie al risparmio raccolto con Ethical Banking, è stato possibile finanziare i seguenti progetti: Premessa Ethical Banking è il nome che la Bcc di Filottrano ha dato ad una nuova proposta di finanza etica locale per un utilizzo solidale del credito e del risparmio. Cos è e come funziona Ethical Banking

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali Cremona, 23 febbraio 2013 Agenda-1 Introduzione e presentazione Impresa e imprenditore Imprenditore e innovazione Competizione vs cooperazione?

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Simply. Grow. Together.

Simply. Grow. Together. Simply. Grow. Together. Una storia, un viaggio di imprenditori creativi. Adama tra le società leader a livello internazionale nella fornitura di agrofarmaci. Stiamo progettando un nuovo futuro per la nostra

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Il caso della Scuola Oliver Twist

Il caso della Scuola Oliver Twist Il caso della Scuola Oliver Twist di Giorgio Vittadini C è un opinione che oggi va per la maggiore: quella secondo cui, per poter essere efficacemente impegnati nella realtà, occorre partire da una visione

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Nelle imprese italiane la Direzione Finanza è gestita personalmente dall imprenditore e solo poche realtà hanno la possibilità di permettersi un Direttore Finanziario.

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli