QUALI ORIZZONTI ECONOMICI PER L'ITALIA? Le opinioni degli italiani sullo scenario economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALI ORIZZONTI ECONOMICI PER L'ITALIA? Le opinioni degli italiani sullo scenario economico"

Transcript

1 QUALI ORIZZONTI ECONOMICI PER L'ITALIA? Le opinioni degli italiani sullo scenario economico Roma, 21 gennaio 2015

2 Poiché nella vita faccio da ormai cinquant anni il ricercatore di mercato, mi viene spontaneo affrontare un tema partendo da un dato demoscopico. Il mio istituto monitora regolarmente, ormai da quindici anni, il sentiment dell opinione pubblica. Adoperando una metodologia internazionale, messa a punto dall Università del Michigan. Questo indice (Index of Consumer Sentiment nella letteratura inglese) è il più antico, sul tema, tra quelli prodotti negli Stati Uniti d America e negli altri paesi economicamente avanzati. La prima edizione risale infatti al L indice monitora l andamento della fiducia dei consumatori sulla situazione economica e finanziaria, e sulle prospettive della stessa, propria e del paese. E importante per gli operatori dei mercati finanziari perché la fiducia incide realmente sui consumi, che contano per il 70% del prodotto interno lordo. Fiducia in crescita può significare maggiori consumi, e una conseguente spinta alla produzione; fiducia in calo, il contrario. Certo, il fenomeno è complesso, e per certi versi anche sfuggente. Sentiment, infatti, è un termine sfumato. Rimanda a qualche cosa che è in parte razionale e in parte no. Il sentiment, o se preferiamo la fiducia (perdendo però qualche cosa della ricchezza di sfumature del termine inglese), è una sorta di valutazione complessa che gli individui fanno della situazione economica e finanziaria personale, e di quella collettiva. Gli economisti ritengono che questo sentiment incida sull andamento dei consumi. Se penso che le cose andranno bene, sono più disposto a spendere. Se penso che andranno male, succederà il contrario. Ognuno di noi proietta sul mondo le proprie aspettative, e la somma di queste aspettative individuale determina il quadro d insieme. E il cosiddetto principio della realtà immaginata. Per questo vengono svolte indagini per capirne l andamento. Quella dell Università del Michigan, come detto, ha avuto la sua prima edizione nell ormai lontano In essa, vengono intervistate 500 persone ogni mese. Il 60% del campione viene rinnovato a ogni nuova indagine. Le domande riguardano la situazione economica e finanziaria dell intervistato, i suoi piani di spesa, le prospettive dell economia del paese, la possibile direzione dei tassi di interesse e dell inflazione, e il mercato del lavoro. Le elaborazioni svolte dall Università del Michigan sui dati grezzi producono tre indici: l indice complessivo e due sotto indici, uno sulla situazione attuale e l altro sulle aspettative. Essi vengono pubblicati due volte al mese. La prima versione dei tre indici esce a metà mese, e comprende circa il 60% delle risposte. La seconda e definitiva versione viene pubblicata l ultimo venerdì del mese. La domanda aggregata è la principale determinante del livello di attività economica di un paese, e negli Stati Uniti i consumi ne rappresentano, come detto, circa il 70%. Il loro andamento è quindi decisivo per l economia americana. A loro volta i consumi dipendono dalla valutazione dei consumatori della loro situazione economica e finanziaria attuale e dalle aspettative rispetto alle condizioni future. E appunto a questo che si riferisce l indice di fiducia dei consumatori. Fiducia alta può voler dire consumi in crescita ed effetti positivi 2

3 sull attività economica complessiva. Da tempo ormai, negli Stati Uniti, il Consumer Sentiment Index è considerato attendibile, soprattutto per la capacità di segnalare l avvicinarsi di fasi di debolezza economica. Istituto Piepoli adotta una metodologia simile, su base settimanale. I nostri sondaggi sono di 500 casi ogni settimana, su campioni casuali rotativi, rappresentativi della popolazione adulta italiana. Li facciamo da venticinque anni a questa parte. Anche noi, quindi, abbiamo registrato e misurato il pessimismo economico italiano, una sorta di cronicizzazione di un sentiment non favorevole. Ancora tre mesi fa, gli italiani si dichiaravano più pessimisti di un anno prima. E quindi più propensi, sempre che ce ne fosse la possibilità concreta, ad accantonare la propria ricchezza in vista di un futuro nebbioso. A scapito persino di spese necessarie, come l istruzione dei figli e il saldo di vecchi debiti. Il desiderio di risparmiare, quindi, era ancora troppo in bilico, solo pochi mesi fa, a causa della paura. Oggi però, proprio in questi giorni, stiamo registrando un cambiamento di direzione. Per la prima volta da molto tempo, gli italiani tornano a essere in maggioranza positivi sul futuro a breve della propria economia familiare. Il 71% circa dei nostri intervistati ritiene infatti che, per l economia familiare, il 2015 sarà migliore del Mentre sull andamento dell economia del paese nel suo complesso il quadro è ambivalente, ma in equilibrio: una quota di opinione pubblica che oscilla fra il 45 e il 60 per cento pensa che, anche per l economia nazionale, il 2015 sarà migliore del Cominciamo dunque a percepire, anche come opinione pubblica, che un futuro migliore è possibile. Che un inizio di ripresa potrà esserci. Anche alcuni parametri oggettivi dell economia inducono a essere moderatamente ottimisti in questo senso: il deprezzamento dell Euro da un lato, e il calo del prezzo del petrolio dall altro, potrebbero combinandosi assieme generare un incremento nel PIL dell ordine di grandezza dell 1% circa. Per cogliere questa finestra di opportunità, questo momento favorevole in cui da un lato migliora il sentimento dell opinione pubblica, dall altro migliorano alcuni parametri macroeconomici, occorrono investimenti. Anche in questo caso, lo stato dell opinione pubblica ci viene in aiuto. Gli italiani chiedono al Governo di attuare investimenti, di stimolare l occupazione, di sostenere le famiglie. Gli italiani cercano la stabilità politica e il rilancio economico, e si aspettano l implementazione di una vera politica di investimenti. Sia pubblici che privati. Nella sua istintiva saggezza inconsapevole, a mio parere l opinione pubblica ha ragione. Qualche dato ci aiuterà a chiarire questo punto. Come è noto, a inizio 2015 il PIL italiano può essere considerato pari al 90% del PIL del 2007, anno di massima espansione del reddito delle famiglie. Questo significa una diminuzione del PIL, dal 2007 al 2015, dell ordine di 170 miliardi di Euro. Diminuzione che potrebbe essere controbilanciata, naturalmente, da un corrispondente aumento di PIL. Ma 3

4 170 miliardi di Euro di incremento nel valore assoluto del PIL significano circa 70 miliardi di Euro immessi nell economia, appunto sotto forma di investimenti. Sull opportunità, o la stessa possibilità, di investire una cifra così grande, e su che cosa concentrarla, la risposta dei decisori istituzionali potrebbe essere ovvia: sulla possibilità, dovremmo tenere conto dei vincoli internazionali ai quali il nostro Paese è sottoposto. E sull allocazione, le priorità apparirebbero abbastanza chiare: garantire un migliore futuro ai nostri giovani potenziando e ammodernando il sistema nazionale di istruzione e garantire una migliore vitalità generale ai cittadini potenziando e ammodernando il Servizio Sanitario Nazionale, comprese le sue componenti di ricerca e sperimentazione. Scuola e sanità, queste potrebbero essere le due priorità nazionali. Mens sana in corpore sano, per dirla in latino. Ipotizziamo allora di essere d accordo su questo: a patto di trovarli, potrebbe essere interesse strategico della nazione investire su due grandi sotto-sistemi del paese: l istruzione e la sanità. Ora proviamo a calarci dal generale al particolare. Ragionando in termini di Province e Comuni (possibilmente medi come dimensioni), il progetto di cui sopra significa pensare a investimenti dell ordine di un centesimo del totale della spesa richiesta per l intero Paese in termini di investimenti. Se ad esempio una città come Catania conta circa 300 mila abitanti, questo significa che per attuare un progetto Catania occorrono investimenti pari a circa mezzo centesimo di quelli che servirebbero per l Italia nel suo complesso. Diciamo 350 milioni di Euro. Ma, come detto, se pensiamo che gli investimenti infrastrutturali siano da concepire in maniera classica, ossia sotto forma di investimenti pubblici, fatti dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province o dai Comuni, ci troviamo in un impasse. Vuol dire di fatto impossibilità a operare, in quanto il sistema di vincoli comunitari oggi non permette l erogazione di questo tipo di investimenti pubblici. Se però gli investimenti fossero fatti da privati e da banche private nulla osterebbe alla loro attuazione. Dal punto di vista finanziario, ciò comporta la creazione dei cosiddetti social bond, ossia obbligazioni sociali garantite da banche private. Prendiamo ad esempio una conurbazione del Sud e immaginiamo che essa sia come detto Catania (*) che, come è noto, oggi rappresenta un territorio piuttosto vasto, una vera e propria provincia metropolitana. Più precisamente, la Provincia di Catania, amministrativamente denominata Libero Consorzio Comunale di Catania,, è una tra le province della Sicilia, con abitanti e una superficie di km² comprendente 58 comuni. (*) La situazione del Comune di Catania è puramente esemplificativa di quello che potrebbe avvenire in un Comune di uguali dimensioni sempre nell area Sud (ad esempio Bari o Salerno). In questo exemplum fictum abbiamo focalizzato la nostra attenzione su un area primaria dell ordine di abitanti e di un area della conurbazione avente una popolazione dell ordine di di abitanti. 4

5 Si tratta di poco meno del 2% della popolazione italiana, quindi per realizzare un progetto Area metropolitana catanese dovrebbero essere fatti investimenti dell ordine del 2% del totale Italia. In ogni caso, un investimento pari al 2% del totale dell investimento programmato per l Italia supererebbe nettamente la soglia del miliardo di Euro. Corrisponderebbe infatti a circa 1,4 miliardi di Euro. E ancora troppo, ma come dice un proverbio cinese, anche il più grande cammino inizia con un semplice passo. Per iniziare, potremmo concentrarci su una frazione di questa cifra. Accontentiamoci allora di questa frazione e vediamo come potremmo operare. Partiamo dalla scuola e prendiamo, delle oltre 900 scuole della conurbazione emblema, un campione di 10 scuole, possibilmente rappresentative delle necessità di rinnovamento strutturale e funzionale, come edifici, aule e dotazioni tecnologiche, per renderle veramente competitive nell era della comunicazione digitale. Ciascuna di queste 10 scuole potrebbe avere necessità di investimenti pari a un milione di Euro, per un totale quindi di 10 milioni di Euro. Passiamo adesso agli ospedali. Nella conurbazione emblema gli ospedali importanti sono una decina, mentre le Aziende Ospedaliere di diversa grandezza sono circa 70. Noi proporremmo di operare su due Aziende Ospedaliere di livello superiore, investendo in uno o più reparti in funzione degli sviluppi prospettici delle nuove tecnologie, pensando in particolare alle nanotecnologie. E ormai chiaro infatti che le nanotecnologie stanno acquistando particolare efficacia nel campo della prevenzione dei tumori non ancora diffusisi nell organismo, con conseguenti maggiori potenzialità di vita attiva per una frazione non indifferente della popolazione complessiva. Investire sulle nanotecnologie significa insomma da un lato presidiare un settore scientifico, tecnico ed economico ad alto tasso di sviluppo, e dall altro puntare ad aumentare realmente la qualità della vita della popolazione. Proponendo investimenti dell ordine di grandezza medio di 5 milioni di Euro per ospedale e considerando due ospedali (aziende ospedaliere), si può agevolmente raggiungere la massa finanziaria giusta per poter cominciare a operare su un numero significativo di pazienti, già subito dopo i primi esperimenti. Ricapitolando: prendendo come test area la conurbazione di Catania, e individuano 10 scuole e 2 ospedali su cui agire, avremmo bisogno di un investimento complessivo di circa 20 milioni di Euro (10 per le scuole, un milione a scuola, dieci per gli ospedali, cinque milioni a ospedale). Di questi 20 milioni, due terzi potrebbero essere raccolti coinvolgendo - con lo strumento del social bonding - la popolazione residente negli hinterland delle scuole e degli ospedali medesimi, e un terzo potrebbe essere 5

6 messo a disposizione, sotto forma di prestito, da una banca no profit come Banca Prossima che potrebbe garantire (attraverso la creazione di social bond) l intera cifra di 20 milioni di Euro per 5 anni (durata ipotizzata per il prestito in questione). Da un punto di vista sociale, l impresa sarebbe altamente redditizia per una parte della popolazione, che ne beneficerebbe in termini di migliori servizi. Da un punto di vista economico, le zone interessate al finanziamento si avvantaggerebbero dell effetto volano degli investimenti in questione. Se 70 miliardi di Euro investiti a livello nazionale possono produrre 170 miliardi di Euro di incremento di PIL, proporzionalmente 20 milioni di Euro investiti su porzioni di uno specifico territorio genererebbero circa 50 milioni di Euro di incremento. Il fattore moltiplicativo è circa 2,5. Vale su scala grande, vale su scala piccola. E possibile fare tutto ciò? Si tenga conto che quello che proponiamo in queste pagine è un vero e proprio esempio pratico di come impostare lo sviluppo futuro di una parte della popolazione abitante nella conurbazione di Catania. Non è un utopia, ma un ipotesi specifica e concreta di test in una porzione sperimentale di territorio italiano. Se c è consenso politico-istituzionale, il progetto può partire. Di fatto, tutto poi sarebbe attuato tramite interventi privati destinati a opere pubbliche di primaria necessità, come appunto sono le scuole e gli ospedali. L intervento del Sindaco del capoluogo di Provincia e dei Sindaci dei restanti Comuni della Provincia dovrebbe limitarsi a un vero e proprio silenzio-assenso. In un certo senso, si chiede all autorità pubblica l accettazione di una donazione sociale fatta da privati. Se l esperimento di Catania è possibile, allora è possibile passare da un singolo esempio all intero territorio nazionale, operando in particolare attraverso le unità elementari che compongono lo Stato, ovvero i Comuni. Nei secoli XII e XIII, l Italia risorse dal crollo dell Impero Romano, e tornò grande, grazie ai Comuni. Nove secoli dopo, potrà ripartire dai Comuni medesimi. Non è un utopia, è una realtà possibile. Se una cosa la possiamo immaginare, la possiamo anche fare. Quello che noi immaginiamo come realtà, diventa realtà. Allegato: risultati del sondaggio di Istituto Piepoli sul sentiment degli italiani 19 gennaio

7 ALLEGATO: Risultati del sondaggio di Istituto Piepoli sul sentiment degli italiani 19 gennaio

8 RISPETTO ALLO SCORSO ANNO L ECONOMIA NAZIONALE ITALIANA È E SECONDO LEI RISPETTO ALLO SCORSO ANNO LA SUA SITUAZIONE ECONOMICA PERSONALE E QUELLA DELLA SUA FAMIGLIA È 8

9 NEL 2015 LEI PREVEDE CHE L ECONOMIA NAZIONALE ITALIANA SARÀ LA SUA SITUAZIONE ECONOMIA PERSONALE E QUELLA DELLA SUA FAMIGLIA NEL 2015 SARÀ 9

10 QUALE DEI SEGUENTI CAMBIAMENTI DEL PAESE LA RASSICUREREBBE DI PIÙ SUL FUTURO DELL ITALIA? Leggi più semplici / meno burocrazia 24% Maggior trasparenza / lotta alla corruzione 20% Meno instabilità politica / Governo stabile 17% Una nuova classe dirigente 17% Certezza dei tempi della giustizia 8% Grandi investimenti in opere pubbliche 6% Politiche a sostegno di nuovi figli 3% Altro 1% Senza opinione 4% IN QUALE DEI SEGUENTI AMBITI CREDE CHE IL GOVERNO ITALIANO DOVREBBE INVESTIRE MAGGIORMENTE? Scuola e istruzione 38% Ospedali e sanità 30% Servizi ai cittadini 15% Trasporti e infrastrutture 12% Altro 2% Senza opinione 2% 10

11 IMMAGINIAMO CHE SI DECIDA DI FARE UNA SERIE DI GRANDI INVESTIMENTI PER RENDERE PIÙ MODERNI, SICURI ED EFFICIENTI OSPEDALI, SCUOLE E INFRASTRUTTURE, FINANZIANDOLE CON UN PRESTITO NAZIONALE APERTO A TUTTI I CITTADINI, CON LA DURATA DI DUE ANNI E UN TASSO DI INTERESSE DI 1 O 2 PUNTI SUPERIORI AI BOT. LEI PERSONALMENTE PENSA CHE ADERIREBBE A UN PRESTITO DI QUESTO TIPO? (se sì a dom. precedente) QUANTO POTREBBE INVESTIRE IN QUESTO PRESTITO DI DUE ANNI INDIRIZZATO ALLO SVILUPPO DI GRANDI INVESTIMENTI PER IL PAESE? 11

12 SE AVESSE EURO DA INVESTIRE PER LA COMUNITÀ, DOVE LI INVESTIREBBE? Incentivi ai giovani 43% Sostegno ai bisognosi 20% Servizi per la sua comunità locale 11% Organizzazioni non a scopo di lucro 11% Chiesa cattolica 9% Altro 3% Senza opinione 4% 12

13 QUANTO HA FIDUCIA NELLE SEGUENTI ISTITUZIONI? Molto Abbastanza INDICATORE DI FIDUCIA (%MOLTO +ABBASTANZA) Forze dell ordine (Esercito, Polizia, Carabinieri) 23% 51% 74% Chiesa Cattolica 20% 42% 62% Magistratura 7% 36% 43% Parlamento Europeo 3% 23% 26% Sindacati 3% 21% 24% Parlamento Italiano 2% 16% 18% 0% 20% 40% 60% 80% 100% E QUANTO HA FIDUCIA NELLE SEGUENTI CATEGORIE? Molto Abbastanza INDICATORE DI FIDUCIA (%MOLTO +ABBASTANZA) Insegnanti 18% 53% 71% Industriali 7% 40% 47% Giornalisti 6% 38% 44% Preti 7% 36% 43% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 13

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

AIBE Index. Osservatorio sull attrattività dell Italia presso gli investitori esteri

AIBE Index. Osservatorio sull attrattività dell Italia presso gli investitori esteri 1 AIBE Index Osservatorio sull attrattività dell Italia presso gli investitori esteri Seconda edizione Milano, Novembre 2014 (Rif.1344v214) Indice 2 Obiettivi e metodologia Pag. 3 I fattori di attrattività

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio

Ottobre 2013. 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Ottobre 2013 89ª Giornata Mondiale del Risparmio Obiettivi ACRI ha chiesto ad IPSOS di condurre un indagine con lo scopo di fornire informazioni e dati di trend, ove possibile dal 2001, rispetto a: Percezione

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Giugno 2015 Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 La sintesi dei trend Confronto

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015 27 luglio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 20 e il 25 luglio 2015 con metodologia CATI/CAWI

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

Roma, 28 Novembre 2013. VI Forum QualEnergia La ricetta per (com)battere la crisi Una scossa per il Paese Di Antonio Valente

Roma, 28 Novembre 2013. VI Forum QualEnergia La ricetta per (com)battere la crisi Una scossa per il Paese Di Antonio Valente Roma, 28 Novembre 2013 VI Forum QualEnergia La ricetta per (com)battere la crisi Una scossa per il Paese Di Antonio Valente La società sta cambiando Diversi fattori stanno contribuendo al suo cambiamento

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS ACRI 85ª Giornata Mondiale del Risparmio RISPARMIO ED ECONOMIA REALE: LA FIDUCIA RIPARTE DAI TERRITORI (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Una proposta: l associazione delle scuole

Una proposta: l associazione delle scuole Una proposta: l associazione delle scuole Risultati di un sondaggio fra i dirigenti presentazione a cura di ARNALDO FERRARI NASI responsabile del Dipartimento Ricerche de La Fabbrica - Milano 28 L unione

Dettagli

L ITALIA IN RECESSIONE:

L ITALIA IN RECESSIONE: Oltre la crisi é andare oltre la politica intervento di Antonio Valente Lorien Consulting I dati della crisi L ITALIA IN RECESSIONE: gli italiani si sentono colpiti dalla crisi Italiani colpiti dalla CRISI

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

Indagine Settembre 2015

Indagine Settembre 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Settembre 2015 Dati rilevati nel mese di Agosto 2015 Milano, 1 settembre Comunicato

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Direzione Affari Economici e Centro Studi LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Analisi delle risorse iscritte nel bilancio dello Stato 2011 Riduzione degli stanziamenti e dinamiche di accentramento

Dettagli

7. Le infrastrutture

7. Le infrastrutture 77 le infrastrutture 7. Le infrastrutture 7.1 LA SPESA PUBBLICA NEL MEZZOGIORNO Alcune recenti analisi e valutazioni strutturali (1) hanno evidenziato che a partire dal 2000 gli investimenti fissi lordi

Dettagli

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?!

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! (9 febbraio 2015) In queste settimane sono in corso di aggiornamento tutte le previsioni macroeconomiche delle

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi. Febbraio 2014

Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi. Febbraio 2014 Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi Febbraio 2014 Metodologia utilizzata (Cittadini) Universo di riferimento: Campione: Metodologia: Nr. Interviste eseguite: individui residenti nella regione

Dettagli

Indagine Gennaio 2016

Indagine Gennaio 2016 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Gennaio 2016 Dati rilevati nel mese di Dicembre 2015 Milano, 8 gennaio Comunicato

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

Per ora i prezzi dei mercati Asiatici danno un Sentiment Neutrale per l apertura dell Europa.

Per ora i prezzi dei mercati Asiatici danno un Sentiment Neutrale per l apertura dell Europa. 24-nov-2015 Oggi sarò impegnato in un convegno e pertanto posso solo fare il solito report prima dell apertura dei mercati. Poiché scrivo i livelli di trading a mercati chiusi, questi sono da considerarsi

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera

Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera COMUNICATO STAMPA Indice di Benessere Finanziario ING Bank: prosegue il trend positivo che dai 42,2 punti dello scorso autunno sale ai 42,5 di questa primavera Milano, 06 luglio 2015 - Secondo l ultima

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

ITALIA 2014: Il clima del Paese. Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI

ITALIA 2014: Il clima del Paese. Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI ITALIA 2014: Il clima del Paese Paper by: Nando Pagnoncelli Prepared for: UELCI Milano, 22 Settembre 2014 Le fonti dei dati I dati presentati derivano da diverse fonti: Dati strutturali: Istat, Eurostat,

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI.

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI. ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI. 1) scenario economico del Mezzogiorno e della Sicilia

Dettagli

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00

News > Italia > Economia - Martedì 05 Marzo 2013, 17:00 " Social bond UBI..." Ubi Banca punta sul social bond con Cesvi Obbligazioni a sostegno del progetto Cesvi per la sicurezza alimentare in Uganda da Ubi" Barbara Conti In Italia arriva il prestito obbligazionario

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento dei rifiuti

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento dei rifiuti Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento dei rifiuti L I F E 1 0 E N V / I T / 0 0 0 3 3 1 Dati socio economici Confronto tra le due regioni

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli