QUALE FINANZA PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA LOTTA ALLA POVERTA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALE FINANZA PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA LOTTA ALLA POVERTA?"

Transcript

1 QUALE FINANZA PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA LOTTA ALLA POVERTA? Intervento presentato all evento La Finanza Cooperativa al Sostegno di uno Sviluppo più Sostenibile, Padova 28 Novembre 2014, organizzato da AGCI, Confcooperative, LegaCoop, Coopermondo nell ambito del semestre di Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea in rappresentanza delle tre reti di organizzazioni non governative: AOI, CINI, LINK2007. Margherita Romanelli - GVC Un miliardo di persone nel mondo vive con meno di 1,25 dollari al giorno (dati per il 2011) e 2,2 miliardi vivono con meno di 2 dollari al giorno. In Europa secondo l Eurostat nel 2013 sono stati contati ben 122,6 milioni di persone a rischi povertà pari al 24,5% della popolazione. In Italia i dati Istat confermano che nel 2013 il 28,4% delle persone residenti in Italia risulta a rischio di povertà o esclusione sociale. L accesso ai servizi finanziari è uno dei fattori rilevanti per la lotta alla povertà e la promozione dello sviluppo sia in Europa sia all estero. Tra le sfide della cooperazione internazionale, uno spazio ampio si apre ad iniziative che promuovono servizi finanziari a favore della lotta alla povertà e della disuguaglianza. Infatti uno dei pilastri riconosciuto dal Sustainable Livelyhood Approach per lo sviluppo sostenibile è costituito dalla capacità di accesso al capitale finanziario che insieme ad altri assets materiali e sociali e in presenza di un sistema di regole, istituzioni, politiche, infrastrutture ed un settore privato attivo quello che complessivamente viene chiamato ambiente abilitante determina la possibilità di mettere a frutto strategie adeguate per l aumento del reddito, il soddisfacimento dei bisogni e l incremento dei benessere, la riduzione della vulnerabilità, condizioni essenziali per l affrancamento dalla morsa della povertà. Secondo i dati della Banca Mondiale circa 2,7 miliardi di persone nel mondo non anno accesso ai servizi finanziari di base, e nei paesi in via di sviluppo l esclusione finanziaria riguarda i due tarsi della popolazione. I gruppi più svantaggiati sono le donne, i giovani e i poverissimi. Lo spazio e la necessità di intervento sono amplissimi rispetto ai bisogni principali espressi soprattutto in aree rurali dei paesi in via di sviluppo in cui gli interventi di cooperazione per la promozione dello sviluppo si concentrano. Tali bisogni richiedono servizi finanziari finalizzati a: - Livellare i redditi per coprire i bisogni correnti. In aree ad economie povere i redditi - specialmente quelli rurali - dipendono in modo sensibile dall agricoltura combinata in una misura che va dal 35 al 50% con attività non agricole quali il piccolo commercio, l erogazione di alcuni servizi basici per la comunità inclusa la partecipazione a formule di cash for work, reddito da giornate di lavoro salariale etc. che hanno tutte un andamento altalenante ed incerto o sono legate ai cicli lunghi di produzione come nel caso della maggior parte delle produzioni agricole. A fonte, la necessità di rispondere a bisogni di spesa correnti che significa pagare la retta della scuola per i figli in un periodo che difficilmente coincide con quello di liquidità, soddisfare il consumo ordinario, sostenere spese mediche e quant altro. - Accedere a piani di risparmio/accumulo e servizi di credito per affrontare investimenti e l acquisto di beni di utilità pluriennale o per coprire i bisogni in una fase del ciclo della vita che coincide con l età avanzata. Una delle principali strategie per la promozione dello sviluppo e della resilienza rispetto le trappole della povertà, è quella di differenziare le fonti di reddito. Che si traduce spesso nella necessità di investire per avviare piccole attività collaterali, o per innovare ed incrementare l attività corrente al fine di aumentarne la produttività, o ancora per accedere alla

2 formazione o anche per permettersi una somma iniziale necessaria ad intraprendere percorsi di migrazione legale spesso stagionale nel proprio paese o all estereo evitando di incorrere - per quanto possibile - a meccanismi ricattatori e di sfruttamento. - Fronteggiare i rischi derivanti da situazioni di emergenza connessi ad esempio alla produzione agricola (shock climatici o epidemie) o alla salute vista la carenza di servizi sanitari soprattutto in zone rurali attraverso meccanismi di assicurazione e fondi di credito disponibili. - In agricoltura si rendono necessari particolari strumenti finanziari: crediti stagionali per finanziari gli input, i crediti di lungo periodo per finanziare gli investimenti, servizi di assicurazione su raccolto. Suddetti bisogni trovano oggi risposte parziali e soprattutto di carattere informale e comunitario date le caratteristiche intrinseche nella tipologia dei servizi richiesti e per gli elementi caratterizzanti il sistema economico. Vanno considerati in particolare alcuni aspetti: - La richiesta di credito quanto di risparmio è importante. Numerosi studi evidenziano che famiglie povere risparmiano una cifra proporzionalmente superiore a quelle più benestanti. Tuttavia per entrambi la taglia di credito e deposito è estremamente bassa mentre la frequenza delle operazioni è generalmente molto alta. Sono richiesti dunque servizi estremamente flessibili caratterizzati da un elevato numero di transazioni che incrementano il costo di erogazione e moltiplicano la burocrazia. - La dispersione territoriale delle famiglie specie in ambito rurale contribuisce a incrementare i costi di erogazione del servizio che deve rispondere ad un principio di accessibilità e di convenienza. - L asimmetria informativa insita nei prodotti finanziari, specialmente se si appaia alla mancanza di sufficienti garanzie materiali (solo i meno poveri possono mettere a disposizione la terra o altri beni immobili e anche coloro che possiedono suddetti beni spesso non sono supportati da titoli di proprietà formali) e alla scarsa conoscenza da parte degli operatori finanziari professionali sui bisogni e caratteri propri di un economia povera e rurale dove anche la mancanza di un educazione diffusa sufficiente e di un sistema di enforcement delle regole - contribuiscono a rendere inaccessibili i servizi, costituiscono un alto fattore di rischio per l erogazione dei servizi finanziari con conseguente aumento dei costi e la collocazione, dunque, fuori mercato dei prodotti offerti. In questo contesto la domanda di risparmio/credito viene coperta (sebbene solo in parte) attraverso transazioni informali con parenti, amici, vicini, persone più agiate che - attraverso una conoscenza diretta del cliente - e la mancanza di accordi formali, riescono a fornire servizi in mondo flessibile contenendo i costi di transizione. Ne conseguono tuttavia alcuni elementi che creano un collo di bottiglia alla disponibilità di servizi finanziari per la promozione dello sviluppo: - La possibilità di accesso a tali servizi è difficilmente preventivabile e l offerta instabile legata a rapporti di fiducia che spesso sfociano in vincoli di dipendenza o rafforzano l esclusione di alcune persone che non vantano quelle che possiamo definire le relazioni giuste. - Le dimensioni e li periodo di esposizione sono molto ridotti, rendendo inadeguati tali servizi a sostenere investimenti. - Svolgendosi tutto in ambito locale non vi è differenziazione del rischio e l impatto negativa di una alta covarianza (al verificarsi di un evento negativo ad esempio di natura climatica un elevato numero di clienti del credito o di servizi assicurativi sono influenzati determinando un aumento del rischio di insolvenza/di incasso del premio, sia un picco nella domanda di risorse finanziarie) di è rilevante determinando indisponibilità di risorse in certi periodi di maggiore criticità, quando invece la domanda di fondi per fronteggiare shocks è maggiore. - Una fetta consistente della gestione delle rimesse viene svolta attraverso sistemi simili all HAWALA tutto basato su una rete fiduciaria di persone che anticipano i fondi. In molti casi tuttavia il sistema

3 più che sulla fiducia si è trasformato in un sistema del terrore, in cui i sistemi di garanzia sono stati soppiantati da meccanismi di minaccia e ritorsione. - I crediti all agricoltura rischiano di essere erogati solo per finanziare gli input nell ambito della filiera produttiva (quindi da fornitori e acquirenti finali del prodotto che in molti caso coincidono) evidenziando possibilità di: sfruttamento del rapporto nella determinazione dei valori di vendita input/acquisto prodotto; accesso limitato ai soli produttori più grandi; contingentamento in situazione di rischio ambientale determinato da shocks. Finanziamenti per investimenti difficilmente disponibili. - Sul lato assicurativo, i servizi sono quasi del tutto inesistenti. Che fare? In questo quadro un ruolo molto importante hanno e stanno giocando i sistemi di micro-credito e quelli di finanza cooperativa. Nel 2010 in tutto il mondo 205 milioni di persone hanno ottenuto micro-prestiti e sono le istituzioni per il micro-credito nel mondo con una percentuale di restituzione dei prestiti più alta del 95%. Nel 2004 le cooperative di credito hanno gestito oltre 35 milioni di conti di deposito e credito con una buona copertura di clienti poveri in particolare nei paesi in via di sviluppo (elemento evidenziato ad esempio in una ricerca del 2001 condotta nelle Filippine dove la taglia media dei prestiti concessi dalle cooperative di credito era di circa 100 $). La capacità di espansione e di copertura di questi servizi finanziari, in particolare per le categorie più vulnerabili, e di ampliamento dell offerta di prodotti è una sfida che il mondo delle ONG intende cogliere guardando con particolare attenzione, e ricercando formule di collaborazione proficua in particolare proprio con il mondo cooperativistico condividendone i valori della partecipazione democratica e della mutualità e ritenendo che l approccio cooperativo risponda all obiettivo di includere uomini e donne nei processi economici e sociali, valorizzando le capacità di ciascuno per contribuire allo sradicamento della povertà. Formule interessanti di cooperazione in questo senso sono state intraprese da numerose ONG e Cooperative offrendo spunti di riflessione utili ad individuare spazi e modalità di lavoro. A titolo esemplificativo possono essere presentati alcuni esempi raccolti dall esperienza di GVC, ong appartenente alla rete LINK2007: - In Bosnia Erzegovina, nell area di Doboj GVC, LegaCoop Bologna e Boorea dal 2004 al 2012 hanno lavorato insieme in un programma cofinanziato dal MAECI che ha incorporato la costituzione di un fondo di microcredito a vantaggio di famiglie povere e che avevano subito rilevanti perdite dal conflitto. Il fondo ha finato piccoli investimenti in parte per la ricostruzione di case e in parte per l acquisto di asset e input agricoli, di allevamento e di piccolo commercio per riavviare attività economiche. Il fondo ha prodotto risultati positivi sia in termini di impatto che ha visto la crescita delle realità produttive finanziate, sia in termini di gestione del fondo che si è caratterizzato per un elevato rientro dei crediti concessi, la copertura dei costi di gestione, il mantenimento del fondo. Si è ravvisato l interesse da parte di un istituto di micro-finanza locale di partecipare alla gestione del fondo. Si è creato pertanto un pool di risorse/servizi a disposizione dei beneficiari. L evolversi di alcune realità produttive agricole e di allevamento nate o rafforzate attraverso il fondo ha innescato la volontà dei partner locali e italiani, di procedere alla costituzione di tre cooperative di produzione agricola/allevamento formate complessivamente da 117 soci. LegaCoop e Booera hanno giocato un ruolo essenziale nell assistenza tecnica per la costituzione (dando un apporto rilevante anche all elaborazione di un modello di statuto di società cooperativa in linea con la nuova legge sul cooperativismo entrata in vigore in Bosnia nel 2003) e il management delle tre cooperative grazie all istituzione di un fondo di credito rotativo di circa Euro interno ai soci per finanziare investimenti e capitale circolante delle tre cooperative. Tale fondo ha giocato

4 anche un ruolo di garanzia per l accesso ad ulteriori risorse finanziarie attraverso istituti di credito. Inoltre, ulteriori formule di finanziamento sono state promosse attraverso lo sviluppo di rapporti di filiera strutturata ad esempio per i produttori di latte con la centrale del latte di Zenica. In parallelo, in ambito sociale si è creato un fondo destinato al sostegno dei bisogni dei bambini orfani/privi di tutela genitoriale principalmente a causa delle guerra. Sono state previste erogazioni in parte a fondo perduto in parte come piccoli finanziamenti a potenziali famiglie affidatari, destinate a favorire le condizioni economiche di affidamento e presa in carico del minore. - In Nicaragua dal 2002 è stato avviato un percorso di sviluppo della produzione del caffè dei piccoli produttori della regione di Pantasma. Attraverso finanziamenti dell Unione Europea, del MAECI e dunque della LegaCoop sono state create le condizioni di miglioramento della produzione sia in termini di quantità che di qualità che hanno portato all ottenimento del marchio FLO di FiarTrade reso possibile anche attraverso il rafforzamento della cooperativa di secondo livello di produttori la UCA (Unione Cooperative Agropecuarie) e del fondo per investimenti gestito dalla stessa UCA in formula cooperativa a vantaggio dei propri iscritti (12 cooperative per oltre 280 soci). All interno del progetto è stato possibile intraprendere una proficua relazione di scambio tra il mondo cooperativo italiano e i produttori di caffè. Coop Industria attiva nella torrefazione e commercializzazione del caffè ha stabilito un rapporto commerciale con l acquisto di caffè tutt ora in essere e la creazione e vendita di un prodotto della linea FiorFiore Coop costituito interamente dalle miscele prodotte nell ambito del progetto. Il fondo è stato il volano per investimenti e per la stabilizzazione della produzione, sostenendo gli acquisti regolari di input agricoli. - In Burkina Faso - attraverso un finanziamento di LegaCoop - è stato realizzato un progetto per l erogazione dell acqua grazie al perforamento di 24 pozzi in altrettanti villaggi della zona più rurale del paese e l istituzione di un associazione dei consumatori dell acqua che amministrano un fondo cooperativo per la gestione del servizio, provvedendo così alla manutenzione degli impianti e pozzi e promuovendo un all allargamento in termini solidaristici del servizio presso altre comunità. Nella gestione del fondo un ruolo di rilievo è stato dato alle donne. - In Cambogia si stanno sperimentando gruppi di credito/risparmio di auto-aiuto legato alle risorse finanziarie associate alle migrazioni ed è in corso uno studio sulla gestione delle rimesse. Gli esempi portati ci riconducono ad alcune riflessioni per un lavoro comune della finanza etica e cooperativa: - In primo luogo l importanza di coniugare differenti leve di sviluppo dalla formazione, all assistenza tecnica, ai servizi per la comunità e integrazione dei gruppi vulnerabili alle risorse finanziarie e differenti attori: dalle ONG al mondo cooperativo, ai servizi di assistenza tecnica, ai soggetti di micro-credito e agli operatori finanziari classici, alle istituzioni e ai donatori. L approccio olistico che vede da una parte la conoscenza puntuale del contesto e dei bisogni e il lavoro costante con coloro che hanno beneficiato delle risorse finanziarie propri delle ONG, e dall altra l expertise tecnica del mondo cooperativistico e degli altri attori finanziari coinvolti hanno determinato la buona riuscita in termini di: impatto dei fondi con la proposizione di prodotti accessibili e la riduzione sia del rischio di inesigibilità nonostante le esigue garanzie richieste, sia dei costi di transizione; efficienza gestionale e sostenibilità economica dei servizi finanziari erogati. La presenza di fondi iniziali a dono consente di superare i limiti di investimento per l avvio delle iniziative e contribuisce a creare attraverso azioni integrate condizioni favorevoli per lo sviluppo e l erogazione di servizi finanziari. Ne deriva che un partenariato strutturato tra mondo cooperativistico, commerciale e della finanza etica/sociale con le ONG operanti nei paesi terzi, anche attraverso finanziamenti a dono della cooperazione internazionale, costituisce un valore aggiunto per la promozione di servizi finanziari adeguati a rispondere ai bisogni di sviluppo. - Il servizi finanziari possono orientarsi a beneficio non solo di attività produttive, ma anche per rendere disponibili i beni comuni come l acqua o sostenere iniziative di integrazione sociale. In questi casi la componente solidaristica deve essere ben puntellata dal coinvolgimento di attori statali e della società civile deputati all erogazione di servizi di welfare.

5 - I sistemi locali e fortemente decentralizzati di erogazione di servizi come i gruppi di risparmio e credito sui modelli ASCA/ROSCA e cooperative di credito consentono di favorire la flessibilità necessaria ad intercettare e rispondere in modo sostenibile ai bisogni anche in aree rurali e anche di soggetti con risorse molto ridotte. Tuttavia va considerato il limite che tali sistemi possono avere se completamente incentrati sull auto-somministrazione di servizi finanziari. Un opportunità consiste invece nella capacità di dei gruppi di auto-aiuto e delle cooperative di credito di interfacciarsi con operatori finanziari più strutturati per prodotti finanziari più sofisticati in grado anche di mitigare i rischi negativi di un alta covarianza perché strutturati attraverso portafogli maggiormente differenziati ed accedere anche a forme di leasing per l acquisto di attrezzature e immobili. In questo modo si aprono ai propri membri occasioni che non avrebbero potuto cogliere come singoli. L esperienza e l approccio cooperativistico in questa dimensione gioca un ruolo di assoluta rilevanza. - Il sistemi integrati deposito/credito, il credito al consumo e forme mutualistiche di sostegno dei soci al verificarsi di eventi emergenziali - sebbene praticato in rari casi e in via eccezionale all interno degli interventi presentati - va tenuto in debita considerazione quali fattori per aumentare le capacità di erogazione del fondo, aumentare la resilienza e ridurre la vulnerabilità rispetto situazioni di stress che inducono in molteplici situazioni l arretramento di progressi fatti e la svendita degli asset produttivi da parte dei soci e popolazione target, pregiudicando una loro ripresa futura. - Formule mutualistiche, pensionistiche e assicurative, in particolare in agricoltura per danni anche dovuti ai cambiamenti climatici in corso, evidenziano una crescente domanda ampiamente inevasa a cui il mondo della finanza etica e cooperativistica -insieme alle ONG è chiamato a proporre risposte. - I flussi finanziari legati alle rimesse sono enormi. A livello globale Banca Mondiale stima un flusso nel 2014 pari a 435 miliardi di Euro (+5% rispetto al 2013) e le proiezioni parlano di 454 miliardi per il In Europa nel 2012 le rimesse sono state 39 miliardi di euro (di cui 10.3 miliardi destinati a paesi intra-ue) con flussi particolarmente rilevanti provenienti dalla Francia, Italia, Spagna, Regno Unito e Germania. Questo scenario sollecita la proposizione di servizi finanziari a sostegno di un immigrazione legale atta a promuovere uno sviluppo socialmente ed economicamente sostenibile nei paesi di origine (l ammontare delle rimesse è tre volte il volume degli aiuti pubblici allo sviluppo). - Infine, una crescente professionalizzazione dei soggetti deputati a svolgere servizi finanziari è sempre più richiesta e auspicabile. Tuttavia di converso si ravvisa il rischio di un allontanamento dalla mission di servire i poveri e promuovere uno sviluppo equo con soggetti di micro-credito e finanza etica che rispondono maggiormente agli obiettivi di profitto e meno a quelli di risultato sociale. Tale tendenza - seppur l efficiente uso delle risorse va perseguito - va ben considerata e di converso vanno sostenuti anche attraverso scelte politiche quegli attori che mantengono principalmente una finalità sociale. Non si può dimenticare che il ruolo degli attori statali è essenziale per favorire un modello di sviluppo socialmente, oltre che economicamente e ambientamene sostenibile che passa anche attraverso un sistema di regole, condizioni, controlli che promuovano l accesso a servizi finanziari adeguati e non speculativi.

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli