CRISI FINANZIARIA: Come possiamo difenderci? È possibile un diverso rapporto tra etica, mercato e stato?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISI FINANZIARIA: Come possiamo difenderci? È possibile un diverso rapporto tra etica, mercato e stato?"

Transcript

1 CRISI FINANZIARIA: Come possiamo difenderci? È possibile un diverso rapporto tra etica, mercato e stato? Incontro dibattito organizzato dall Associazione SiAmo Latina Latina, 13 dicembre 2008 DA DOVE NASCE LA CRISI ECONOMICA ATTUALE DOBBIAMO SAPERE SULLE CRISI FINANZIARIE Di Nazzareno Ranaldi, Presidente SiAmo Latina E COSA L incontro di oggi nasce dalla consapevolezza che stiamo attraversando una crisi economica e finanziaria di grande gravità dalla quale il mondo uscirà notevolmente cambiato. Ogni giorno che passa, arrivano notizie che aumentano l incertezza sull esito finale della crisi. Incertezza dovuta alla difficoltà di stimare realisticamente qual è la dimensione finanziaria di quelli che sono stati chiamati titoli tossici. Viene ripetutamente evocata la crisi del 29 dove il dato più significativo è riassumibile con disoccupazione al 25% e crisi durata circa otto anni dalla quale si è usciti con i totalitarismi e una guerra mondiale. Si arriverà a quelle dimensioni? La diversità rispetto alla grande crisi è la risposta tempestiva, anche se con reattività diversa tra i vari stati, Europa, Stati Uniti e paesi emergenti, e gli Stati Nazionali. Una delle inversioni di tendenza rispetto alla seconda metà del 900 è sicuramente il ritorno sulla scena degli stati nazionali rispetto alla deriva privatistica contraddistinta dall era Reagan e Bush negli Stati Uniti e l era Thatcher in Inghilterra. Il nostro intento deve avere un duplice obiettivo, capire quale potrebbe essere l evoluzione di questa crisi, dove presumibilmente ci porterà e quali potrebbero essere le conseguenze; ma contemporaneamente indagarne la natura, come ci siamo arrivati, quali sono le cause che l hanno generata, qual è il tarlo di lungo periodo dal quale difenderci. E un obiettivo ambizioso e non è detto che siamo in grado di dare risposte, però in alcune occasioni la cosa importante è tentare di porre le domande giuste, interrogarsi, scambiarsi idee, ed è quello che cercheremo di fare. Altra avvertenza. Occuparsi di cosa sta avvenendo nel mondo non è buttarla in teoria per fuggire dalle cose pratiche ma è rendersi conto che siamo in una economia globalizzata e quello che succede dall altra parte dell emisfero ci riguarda. Siamo fermi ad uno slogan che è ancora attuale e non è passato di moda: Agire localmente, pensare globalmente. Non solo ci riguarda la crisi finanziaria che attraverso l economia reale influenzerà i nostri stili di vita, ma ci riguarda anche il nostro territorio. Ci riguarda lo sviluppo economico della Cina non solo perché determinerà una ricaduta sulla domanda globale, ma anche perché l inquinamento prodotto avrà effetto sull intero sistema. Per svolgere questo compito prendiamo come riferimento tutte quelle persone e quegli studiosi che in tempi non sospetti e stando fuori dal coro hanno analizzato e previsto l attuale crisi e ci suggeriscono delle vie d uscita. Sono studiosi come Ruffolo, Galbraith, Latouche, Roubini, Stigliz, Krugman ed altri i riferimenti per capire cosa è successo e cosa potrà accadere. Per dirla con l analisi di Ruffolo partiamo dalla constatazione che se noi mettiamo su un

2 grafico l aumento del prodotto lordo mondiale nei 2500 anni della storia umana, dalla comparsa dell homo habilis al XVIII secolo, la linea è stata piatta e rappresenta il 99,6% del tempo. Nel restante 0,4% del tempo si ha lo sviluppo prodigioso che compare davanti a noi. Nonostante questi grandi progressi dobbiamo rilevare le insostenibilità di questo sviluppo e che possiamo riassumere in insostenibilità fisica ed ecologica, insostenibilità sociale e insostenibilità finanziaria. Iniziamo da quest ultimo fenomeno che è stato chiamato finanziarizzazione dell economia, che però dobbiamo distinguere dalle crisi finanziarie che sono una cosa a parte e a cui dedicheremo una riflessione. Tra il 1970 e il 1989 un intero mondo è scomparso. Dalle regole di Bretton Woods, scomparve la disciplina del movimento dei capitali che assicurava agli stati nazionali il monopolio della regolazione economica e scomparve l Unione sovietica. La caratteristica dominante di questa fase è l estensione del sistema capitalistico praticamente a tutta la scena mondiale. I principali eventi che hanno scatenato la finanziarizzazione sono la liberazione dei movimenti di capitale e la rivoluzione tecnologica delle informazioni e comunicazioni, e due strumenti finanziari: la titolarizzazione (suddivisione del capitale in titoli commerciabili delle società per azioni) e la leva finanziaria. Forse l immagine più realistica di questa situazione è rappresentare il sistema finanziario come una grande casa da gioco, dove i croupier sono i grandi banchieri e i grandi intermediari. C è chi ha denunciato l origine del gioco di prestigio finanziario: assimilazione dell interesse percepito dal proprietario della moneta sulla rendita percepita dal proprietario terriero. Ma la moneta non è come la terra, un valore reale. E una convenzione che poggia sulla fiducia. Tanto è vero che, quando il gioco di estrarre un reddito inesistente da un capitale virtuale si fa troppo rischioso, il valore virtuale cade, la bolla si sgonfia e, come dice Galbraith, gli stolti sono separati dal loro denaro. In questo gioco risulta chiaro il ruolo riacquistato dalle banche, grazie all abnorme espansione finanziaria, come creatrici di moneta. I giocatori emettono (battono moneta finanziaria) sapendo che gli altri giocatori la accetteranno sulla fiducia; e il banco le banche saranno disponibili ad aumentare le fiches in circolazione, la cosiddetta leva finanziaria. Da una parte le imprese emettono titoli di proprietà e di credito che si scambiano sul mercato secondario. Dall altra le banche, spinte dalla reciproca concorrenza, accettano quei titoli in garanzia e concedono prestiti per valori molto superiori a quelli dei titoli stessi. La leva finanziaria ha un effetto moltiplicatore prodigioso. Il suo massimo dispiegamento si ha nel campo dei derivati, e cioè di quegli strumenti finanziari che rappresentano scommesse sul valore futuro dei titoli che rappresentano (da cui derivano). I loro prezzi sono solo una frazione del valore nominale dei titoli espresso nel contratto, quindi comportano un alta leva finanziaria. La virtù dei derivati è che essi costituiscono una copertura dei rischi (nel contratto futuro si vende a termine il titolo che si è comprato e si compra a termine il titolo che si è venduto, in modo da trovarsi sempre pari). E evidente l incentivo a scommettere per fini speculativi, indipendenti da intenti assicurativi, data una leva che può scendere a un 5% del titolo originario. Perché se i derivati svolgessero in modo equilibrato la loro funzione assicurativa sarebbero un

3 utile strumento per i rischi futuri, il problema è che sono saltate le proporzioni fino a diventare titoli prevalentemente speculativi. Oggi masse imponenti di risparmio vengono raccolte fra ampi strati della popolazione e affidati oltre alle banche, a una fitta schiera di intermediari che le gestiscono statisticamente, non valutando i progetti singoli ma classificandoli in blocchi attraverso complesse operazioni effettuate da computer sulla base di sofisticati modelli matematici. Il processo di finanziarizzazione si è accompagnato con il fenomeno della globalizzazione che anziché ridurre ha accentuato il divario tra i redditi medi dei paesi ricchi e dei paesi poveri inoltre ha corrisposto una divaricazione drammatica della distribuzione dei redditi all interno dei paesi in via di globalizzazione e un inasprimento delle disuguaglianze nei paesi ricchi. L ultimo rapporto 2008 della Fao sulla insicurezza alimentare stima in 963 milioni gli esseri umani sottonutriti con un aumento di 40 milioni di persone nel La stima per salvare gli affamati è di 30milirdi di dollari e se la confrontiamo con il crack finanziario in atto e le cifre iperboliche che i governi stanziano per salvare le banche dai fallimenti il tutto diventa ridicolo oltre che drammatico. I mercati emergenti si trovano nel paradosso che quando i prezzi degli alimenti sono alti i consumatori più poveri non possono permettersi la spesa. Se invece i prezzi si abbassano, allora sono i contadini poveri a non poter sopravvivere, anche perché le sementi restano care. L altra insostenibilità ci ricorda Ruffolo è quella ambientale. E pone una domanda apparentemente banale ma che è la sostanza della riflessione sul sistema economico, la sua analisi e la comprensione. Perché per due secoli la questione ambientale è stata ignorata dagli economisti? (tranne alcune mosche bianche come Georgescu Roegen) e introduce il paradosso di una scienza, quella economica che è basata sulla scarsità ignorando la scarsità suprema quella ecologica. Il salto prodigioso dello sviluppo economico si è realizzato attraverso la distruzione di combustibili fossili, l uso scriteriato di foreste tropicali e l inquinamento di aria, acqua e suolo. L altro elemento al centro della riflessione è la privatizzazione sfrenata e la flessibilità esasperata che conducono a due fenomeni deleteri per la società. La flessibilità genera insicurezza generale, ai giovani toglie speranze per il futuro, alle famiglie garanzie di stabilità, ai lavoratori l angoscia di perdere il posto di lavoro. La privatizzazione induce ad una restrizione del settore pubblico. Non si creda che la crisi in atto e l intervento dello stato nel salvataggio delle banche e delle imprese dell auto conducano ad una riflessione profonda sul rapporto pubblico privato, qui c è la polpetta avvelenata dell intervento temporaneo perché comunque nel lungo periodo, ci riproporranno questi falsi maestri, dovrà prevalere il ritorno all economia di mercato. Il punto centrale è che in una società complessa c è sempre meno bisogno di competizione e sempre più di cooperazione. Perché solo nell ambito della cooperazione i beni sociali fondamentali (salute, sicurezza, ambiente, educazione) recuperano la loro intuitiva priorità rispetto ai beni privati non essenziali nella scala delle scelte sociali. Inoltre dobbiamo constatare che il mercato è inadeguato a misurare i bisogni espressi non attraverso la competizione ma attraverso la cooperazione. E ciò vale soprattutto per i beni culturali, il cui consumo non

4 riduce la disponibilità del bene ma la accresce. Il saggio dice che se ci scambiamo una cosa, al termine dello scambio ciascuno di noi dispone di una cosa. Se ci scambiamo un idea, alla fine dello scambio ciascuno di noi ne ha due. In uno scambio così non c è prezzo perché non c è costo. La mancanza di questa coesione sociale spiega l incremento dell economia criminale che va di pari passo con l estensione del mercato. Il discorso fin qui svolto conduce ad affrontare una riflessione sulla morale e sull etica. Quando si parla di morale, come ci suggerisce Ruffolo, conviene restringerla alla regola di condotta funzionale all economia, dove standard di onestà e di fiducia reciproca negli affari sono beni pubblici, input necessari all output economico. Il concetto di bene collettivo chiarisce come la fiducia e l onestà costituiscano la risorsa indispensabile di una società basata sullo scambio. Non soltanto nel senso banale della correttezza (tutto nelle relazioni di mercato è non mercantile). Ma nel senso dell adesione, evidente nell azione economica, di credenze e comportamenti di ordine specificamente morale, laiche o religiose. Senza questo freno incorporato il perseguimento puramente egoistico dell interesse individuale è autodistruttivo. Eppure la legittimazione etica del capitalismo stava proprio nelle sue motivazioni individuali egoistiche. Possiamo dire che il liberismo neoclassico è consistito nella dimostrazione che è proprio perseguendo con egoistica coerenza il suo interesse che l uomo economico produce il miglior risultato possibile in termini di benessere collettivo. La crisi dei subprime ci dimostra che ciò non è vero, anzi l egoismo e l avidità di per sé hanno portato a scoperchiare una pentola con dentro, bilanci truccati, menzogne delle agenzie di rating, proliferazione di società off shore create soltanto per evadere le imposte, liquidazioni da capo giro incassate dai responsabili dei disastri finanziari che coinvolgevano migliaia di risparmiatori e di lavoratori, stock option che inducevano ad operare sul breve anziché sul lungo periodo. Un approfondimento sull etica ci conduce alla riflessione di N. Bobbio sul significato della vita individuale e collettiva per mezzo di tre immagini tratte da Wittgenstein, elevate a paradigma: la bottiglia nella quale la mosca vola a casaccio, la rete in cui si dibatte il pesce che vi è incappato, il labirinto entro il quale ci si aggira cercando la via per uscirne. Al di là del comune malessere, la mosca nella bottiglia, il pesce nella rete e l errabondo nel labirinto sono in condizioni molto diverse. La mosca uscirà dalla bottiglia (sempre che sia senza tappo) solo per un colpo di fortuna. La sorte del pesce è invece segnata e il suo dibattersi non farà che impigliarlo sempre di più, mentre chi è perso nel labirinto può tentare di uscirne con il suo ingegno. La sorte la necessità e l ingegno sono le cause che muovono le tre situazioni. Bobbio fra le tre immagini predilige il labirinto. Chi entra in un labirinto sa che esiste una via di uscita, ma non sa quale delle molte vie che gli si aprono innanzi di volta in volta vi conduca. Quando trova una via bloccata torna indietro e ne prende un altra. Talora la via che sembra più facile non è la più giusta; talora, quando crede di essere più vicino alla meta, ne è più lontano, e basta un passo falso per tornare al punto di partenza. Bisogna avere molta pazienza, non lasciarsi mai illudere delle apparenze, fare, come si dice, un passo per volta, e di

5 fronte ai bivi, quando non si è in grado di calcolare la ragione della scelta, ma si è costretti a rischiare, essere sempre pronti a tornare indietro. Le tre immagini corrispondono a tre visioni della vita e della storia e rinviano a tre etiche diverse: il pesce nella rete non ha prospettive per il futuro e può solo, subendo senza reagire, con rassegnazione apatica, limitare il dolore; la mosca nella bottiglia può solo giocare d azzardo, agitandosi più che sia possibile sperando nella buona sorte; l ospite del labirinto può ponderatamente coltivare una speranza, tenendo i nervi saldi e controllando responsabilmente la situazione. Bobbio che non ha alcuna speranza, la salvezza, se salvezza ci può essere, non verrà da altri che da noi stessi. All immagine del labirinto, dove non sappiamo se c è l uscita, ma che dobbiamo sperare che ci sia e operare come se ci sia e su questo esile filo costruire la nostra speranza, la speranza degli uomini di ragione e non di fede. Rispetto a ciò le virtù mondane e civili del laico sono il rigore critico, il dubbio metodico, la moderazione, il non prevaricare, la tolleranza, il rispetto delle idee altrui, e possono essere ritenute virtù. Noi siamo e resteremo nel nostro mondo, il mondo che costruiamo con le nostre forze. Siamo e resteremo nel labirinto. Il labirinto non è il luogo dal quale si possa uscire e non possiamo attenderci nulla da fuori, meno che mai la nostra salvezza. Il compito, il senso della vita e di quell aspetto essenziale della vita umana che è la cultura è lavorare insieme, nel dialogo e nel rispetto reciproci, affinché la condizione nel labirinto, che è la condizione umana, sia progressivamente resa più sopportabile, più umana meno ingiusta. Tutto il resto non è che teologia politica. Ma allora di cosa sarà fatta quella parte di futuro che possiamo immaginare e che dovremmo avere anche l ambizione di assecondare? Prendiamo il titolo di Repubblica che all elezione di Obama scriveva: Il mondo è cambiato. Credo che sia così, l elezione di un uomo di colore e la crisi finanziaria ridisegnano lo scenario politico ed economico dei prossimi anni. Per uscire dalla crisi serve una consistente iniezione di fiducia, per evitare che l economia globale piombi in una dura fase di recessione sarà necessario rivedere alcuni meccanismi chiave dei sistemi finanziari. A partire dal modello retributivo, per arrivare all annosa questione del conflitto d interessi, passando per la corporate governante delle aziende. Sul conflitto di interessi i principali protagonisti della politica economica americana erano consulenti delle grandi banche private, Paulson di Goldman Sachs, Rubin predecessore di Paulson ora alla Citi. La questione del conflitto d interessi è un problema reale per Citigroup, quanto per AIG come per ogni altra compagnia coinvolta nei progetti di rilancio del governo e più in generale dei mercati finanziari. Tanto che spesso, anche chi è demandato a vigilare opera in una situazione di conflitto d interessi. Le stesse agenzie di rating vengono pagate dalle società che devono valutare. Occorre un sistema differente, magari un organismo indipendente di vigilanza che valuti l operato delle agenzie. Come è stato fatto per i revisori contabili dopo lo scandalo Enron. Di certo i mercati necessitano di una dose di trasparenza decisamente maggiore che porti a un ripensamento generale sia della corporate governance che dei sistemi di retribuzione dei manager. Non ci può essere un modello unico ma

6 certo devono essere fissati degli standard di comunicazione interna, di qualità delle persone e di potere di rappresentanza degli azionisti. Sulle retribuzioni vanno pensate delle regole precise per i manager dove lo Stato è diventato azionista come per le stock option. Comunque occorre capire quanto deve essere pagato un amministratore delegato e per che cosa si vuole pagarlo. E certo che una delle cause della crisi sia stata proprio la ricerca spasmodica del profitto che gonfiando i bilanci, riempiva i portafogli delle massime cariche delle aziende. Per dirla con Stigliz l interrogativo fondamentale è come sarà il mondo quando usciremo da questa crisi: tornerà ad una forte crescita o andremo su una strada in cui c è meno espansione dei consumi? E quale sarà il motore globale? La ragione per chiederselo è che l economia americana è stata sostenuta da una serie di bolle, da quelle internet alle case e sono state proprio queste a sostenere la crescita mondiale. Sarà necessario fare grandi interventi nell architettura finanziaria globale. C è bisogno di enormi investimento nelle tecnologie in particolare quelle verdi : va ridisegnata l economia in modo che rispetti di più l ambiente e questo potrebbe aiutare la crescita. Poi si potrebbe lavorare sulle enormi disuguaglianze: i ricchi hanno più soldi di quelli che possono spendere mentre quelli che non hanno abbastanza sono i più colpiti dalla crisi Se avessimo più uguaglianza si darebbe la possibilità di consumare a chi più ne ha bisogno. Questa crisi cambierà il modo di consumare e di indebitarsi. Gli americani prendevano prestiti sui valori delle case in crescita e oggi non possono più farlo. Credevano che i loro fondi pensione fossero coperti dai valori delle azioni in ascesa, ma la borsa è scesa. La realtà dei loro conti da una parte e le precauzioni delle banche dall altra cambieranno lo stile di vita di molti americani. Keynes non aveva previsto le restrizioni imposte dall ambiente del nostro pianeta, il fatto che non possiamo consumare nel modo in cui lo abbiamo fatto finora. Abbiamo due strade: potremo avere alti livelli di incremento di efficienza così che i consumi salgono e le emissioni scendono, oppure dovremo rassegnarci a ridurre i nostri consumi. Crisi dei subprime e tratti caratteristici dell evento speculativo All'origine della crisi dei subprime c'è una brillante innovazione. Per offrire crediti immobiliari a tassi interessanti a un pubblico più ampio di investitori, gli ingegneri di Wall Street hanno avuto l'idea di suddividere i portafogli con attività ipotecarie in diverse tranche: le tranche di più elevata qualità sono pagate per prime, seguite da quelle di medio livello, mentre le tranche di livello più basso sopportano il rischio di un eventuale fallimento. Si costruisce così un ventaglio di attività diversificate, che attraggono vaste categorie di investitori: fondi pensione per le tranche a livello più elevato e fondi speculativi per le attività di rischio. L'invenzione, realizzata nel 1983 da una consociata della General Electric, era inizialmente rivolta ai normali mutuatari. Nonostante una prima crisi nel 1994, la tecnica decolla nel 2000, rendendo possibile l'allargamento della platea di famiglie che possono accedere a prestiti ipotecari: grazie agli ormai famosi subprime, anche le classi sociali più svantaggiate possono finalmente

7 acquistare una casa a credito. È Wall Street che va in soccorso di Harlem con i prestiti ninja, dall'inglese no job, no income, no assets, ovvero nessun reddito, nessun lavoro, nessuna garanzia. Il crollo del sistema dei subprime si dipana in diverse fasi. A monte della crisi, un fatto è diventato presto chiaro: la qualità di ipoteche così estese si è profondamente deteriorata, anche tenendo conto della nuova clientela per la quale erano pensate. L'affidabilità sotto il profilo del credito dei clienti è stata sistematicamente sovrastimata dagli intermediari responsabili della concessione dei mutui ipotecari. La causa del deterioramento è evidente. Un tempo, con la vecchia scuola del prestito bancario, gli emittenti di un prestito era anche coloro che successivamente lo incassavano, e dunque avevano un incentivo a valutare correttamente l'affidabilità del cliente. Con l'avvento della cartolarizzazione dei prestiti, l'agente che emette il prestito lo rivende immediatamente sui mercati finanziari. Gli incentivi sono completamente cambiati: ciò che conta è moltiplicare i numeri, non valutare la qualità del cliente. Ma questo è solo il primo piano del castello di carte, il secondo è la leggerezza delle banche stesse. Per approfittare al massimo delle nuove opportunità nei prestiti ipotecari, le banche hanno creato nuovi strumenti fuori-bilancio, i veicoli strutturati di investimento, i famigerati Siv. Immettendo le nuove attività in questi strumenti ad hoc, le banche si sono liberate delle regole prudenziali e hanno potuto sfruttare la leva finanziaria per finanziare operazioni a credito assai redditizie, senza dover ricorrere al proprio capitale. La macchina delle scommesse con il denaro altrui si è così messa in moto. La crisi iniziata nell'estate 2007 ha rivelato l'ampiezza del fenomeno: le perdite vanno dai 422 miliardi di dollari indicati dall'oecd ai 945 miliardi dell'fmi. Qualunque sia la cifra finale, che dipende dell'evoluzione della crisi, siamo in presenza di un effetto di leverage al contrario, quello che a Wall Stret chiamano appunto deleveraging. Le banche sono costrette a ridurre il volume dei prestiti, (ri)proporzionandolo al capitale, proprio nel momento in cui questo si riduce a causa delle perdite. Diventa perciò inevitabile una contrazione del credito, che generalmente porta alla recessione. E siamo così al terzo piano del castello di carte: la bolla immobiliare. Il denaro facile degli anni Duemila ha provocato un'esplosione dei prezzi delle attività, e in particolare di quelli immobiliari, che ha permesso alle famiglie americane di vivere a credito. Un sistema estremamente lassista ha fatto sì che il loro debito aumentasse progressivamente via via che cresceva il valore delle proprietà immobiliari. Tutto va bene finché i prezzi salgono, quando invece i prezzi cadono, le famiglie il cui mutuo eccede il valore della casa possono chiedere o essere costrette al fallimento. Le famiglie più fortemente indebitate hanno un incentivo a scommettere sul protrarsi della crescita, ignorando il rischio di un rovesciamento del mercato. E il rischio maggiore è nell'andare avanti a farlo. Negli Stati Uniti, la caduta nel prezzo delle case ora ha raggiunto un tasso annuale medio del 10 per cento. Si è avviato un circolo vizioso: la riduzione dei prezzi obbliga le famiglie a dichiarare bancarotta, il che porta le banche a mettere all'asta le

8 case non pagate, con un'ulteriore riduzione dei prezzi. Molte di quelle stesse famiglie, poi, hanno preso in prestito altro denaro per acquistare automobili, hanno utilizzato in maniera disinvolta la carta di credito e così via: il deleveraging delle famiglie più deboli potrebbe diffondere la crisi ben al di là dei mutui. Quello che il denaro facile ci ha dato negli anni Duemila, ci sarà tolto dalla stretta creditizia dei prossimi anni. È iniziato il deleveraging a tutti i livelli: per le banche, per le istituzioni finanziarie, come i fondi speculativi e le società di private equity, che hanno utilizzato la leva finanziaria fino all'estremo, per le famiglie stesse. È il disincanto verso il mondo della finanza? Senza dubbio. Fino alla prossima volta. Galbraith ci ricorda come in tutti i casi di questo genere è costante l impressione di trovarsi in presenza di qualcosa di assolutamente nuovo. Può trattarsi di oggetti anche assai diversi. Nel XVII secolo fu l arrivo dei tulipani nell Europa occidentale. Poi furono le virtù portentose delle società per azioni o corporation. Più recentemente negli Stati Uniti, prima del grande crollo del 1987, fu l adattamento dei mercati alla fede reaganiana nella libera impresa, cui faceva da pendant l affrancamento dell economia dalla soffocante stretta dello Stato con relative imposte, norme antitrust, regolamentazioni. Vi contribuì, ricorrente anche nei casi precedenti, dell indebitamento come mezzo di finanziamento, nel caso specifico, il miracolo delle obbligazioni ad alto rischio o junk bonds, che è alla base delle iniziative della nuova generazione di scalatori di società e specialisti del controllo di imprese, in particolare di manager, con ricorso all indebitamento. In tutti gli eventi speculativi c è sempre un elemento di orgoglio derivante dall aver scoperto qualcosa di apparentemente nuovo e molto remunerativo quanto a strumenti finanziari e opportunità di investimento. La persona o l istituzione che compie questo tipo di scoperta viene considerata di gran lunga al di sopra della massa L impressione è poi confermata quando altri si precipitano a sfruttare la propria intuizione, cui sono pervenuti con un lieve ritardo. La percezione di qualcosa di nuovo e di eccezionale gratifica l ego di chi ne è partecipe, in quanto si suppone remuneri anche il suo portafoglio. E per qualche tempo succede davvero. Per quanto concerne i nuovi strumenti finanziari, tuttavia, è l esperienza a determinare una ferrea regola: sono pochi infatti, i temi economici sui quali la conoscenza è pretenziosa e superficiale. La regola è che le operazioni finanziarie non si prestano alle innovazioni. Quel che è descritto e celebrato con questo termine è, senza eccezione, una piccola variazione su uno schema stabilito, e che deve il suo carattere distintivo alla sopramenzionata brevità della memoria finanziaria. Il mondo della finanza continua, instancabile ad acclamare l invenzione della ruota, spesso in una versione un po più instabile. Ogni innovazione finanziaria implica, in una forma o nell altra, la creazione di debito garantito in misura più o meno adeguata con attività reali. Ciò valse per uno dei primi apparenti prodigi: quando le banche scoprirono che potevano stampare cartamoneta e prestarle ai mutuatari in un volume superiore ai depositi di moneta metallica tenuti nelle casseforti. Si confidava o si sperava che i depositanti non si sarebbero presentati tutti in una volta per ritirare il loro denaro. Il limite

9 diventava evidente quando notizie allarmanti, quali quelle relative alla misura del rapporto tra crediti e depositi, induceva un numero eccessivo di depositanti originari a chiedere nello stesso momento la restituzione del denaro. L intera innovazione finanziaria successiva ha comportato un analoga creazione di debito che, in un modo o nell altro, diventa pericolosamente sproporzionato ai mezzi di pagamento esistenti. Negli anni venti furono create grandi società finanziarie. I proprietari, ossia gli azionisti, emettevano obbligazioni o azioni privilegiate allo scopo di comprare altre azioni. Quando queste ultime, per un momento, aumentavano di valore, tutto l incremento andava ai proprietari. Ciò fu proclamato uno dei miracoli finanziari dell epoca, ma non era altro, in effetti, che indebitamento, tutt al più in una forma un po modificata. Negli anni ottanta, in quella che fu chiamata la mania delle fusioni e delle acquisizioni, gli scalatori di società e i loro accoliti delle banche d investimento emettevano grandi quantità di obbligazioni a fronte del credito delle società acquisite. Oppure era il management, minacciato da una simile manovra, a emettere obbligazioni per acquistare e ritirare le azioni della propria società in modo da conservarne il controllo. Una volta di più quell epoca venne considerata di innovazione e di avventura. In realtà, non fu altro che l ennesima riapparizione dell indebitamento; nemmeno la terminologia era stata cambiata. Le obbligazioni emesse, si potrebbe aggiungere, fruttavano alti tassi d interesse, diretti a compensare il rischio affrontato. Per qualche tempo, anche questa fu considerata una nuova, importante scoperta, a dispetto della denominazione piuttosto sfavorevole data dagli strumenti finanziari in questione: junk bonds, obbligazioni spazzatura. Michael Milken della società d investimento Drexel Burnham Lambert senza eguali nel tenere a battesimo di junk bonds, fu acclamato innovatore nel campo della finanza. L ultima caratteristica comune degli eventi speculativi nel mercato azionario come in quello immobiliare, nel mercato dell arte come quello delle obbligazioni spazzatura è quel che accade dopo l inevitabile crollo. Gli strumenti e le pratiche finanziarie prima tanto esaltate cartamoneta, emissioni di titoli poco plausibili, insider trading, manipolazione del mercato, o i recentissimi program trading e index trading che hanno facilitato e finanziato la speculazione saranno oggetto di indagine. Si farà un gran parlare di regolamentazione e riforma. Non verranno messi in discussione la speculazione in sé stessa né l aberrante ottimismo che la sostiene. Questo è soprattutto notevole: nel dopo-speculazione, la realtà è pressoché ignorata. Due sono le ragioni. In primo luogo, molte persone e istituzioni sono state coinvolte e se è ammissibile incolpare di errori, credulità o eccessi una singola persona o anche una particolare impresa, non sembra appropriato addossare le colpe a un intera comunità e di sicuro non all intera comunità finanziaria. Ingenuità e persino stupidità sono manifestamente diffuse; ma farvi riferimento cozza contro il pregiudizio già rilevato secondo il quale l intelligenza è intimamente associata al denaro. La seconda ragione è che nello spirito e nella dottrina della libera impresa il mercato è visto come un riflesso neutro e fedele di influssi esterni; non si ammette che possa essere soggetto a un interna e intrinseca dinamica d errore. Tale è la fede classica. Così è necessario trovare una causa del crollo, non importa quanto

10 cervellotica, all esterno del mercato stesso, o qualche abuso del mercato che ne abbia bloccato il normale funzionamento. Vi sono ampi motivi per interessarsi alla storia degli eccessi speculativi e dei loro effetti. Si apprezza, specialmente da lontano, il dramma della follia di massa. Vi è un confortante senso di personale lungimiranza nel constatare l invariabile conclusione di ogni episodio. Ma vi è anche un elevata utilità pratica nell osservare come i caratteri comuni appena citati ricorrano con regolarità. Appena si vedono i primi sintomi vi è una esilissima possibilità, data la potenza irresistibile dell euforia finanziaria che individui altrimenti vulnerabili siano messi in guardia. Riassunto: Le circostanze che sono all origine delle cadute ricorrenti nella follia finanziaria non hanno subito dal punto di vista operativo, alcun vero mutamento dal tempo della tulipano mania degli anni 1636/37. Individui e istituzioni sono attirati dalla straordinaria soddisfazione che deriva dall accumulare ricchezza. La connessa illusione di possedere un intuito eccezionale è protetta, a sua volta, dall impressione del pubblico che l intelligenza, propria e degli altri, proceda fianco a fianco con il possesso di denaro. Da questa credenza proviene l azione: la domanda di valori, sia nel campo immobiliare come in quello mobiliare o, più di recente, nell arte. Il movimento verso l alto conferma il credito accordato alla saggezza individuale e collettiva. E così di seguito fino alla disillusione di massa e al tracollo. Esso è accompagnato da un disperato sforzo, che nella maggior parte dei casi risulta vano, per mettersi in salvo. Chi è coinvolto non è mai disposto ad attribuire a se stesso la stupidità. Per di più i mercati sono considerati teologicamente sacrosanti. I comportamenti più spettacolari e criminosi degli speculatori del passato sono guardati con qualche disapprovazione, ma non così i protagonisti delle illusioni e disillusioni di oggi. Eppure l episodio speculativo, dove incrementi provocano altri incrementi, è all interno del mercato stesso, e così pure il crollo conclusivo. Siccome questo pensiero è inaccettabile, diviene necessario cercare influenze esterne. Nella vita economica niente è così mal compreso come il grande episodio speculativo. Tuttavia al di là di una migliore percezione della tendenza e del processo speculativo, non vi è gran che da fare.una normativa che brandisca la credulità finanziaria o l euforia di massa non è in pratica possibile. Una delle infallibili regole che dovrebbero guidare gli investitori individuali e, inutile dirlo, i gestori di fondi pensione o di altri fondi istituzionali è la seguente: è possibile, e persino probabile, che coloro che sono associati strettamente con il denaro adottino comportamenti di auto approvazione straordinariamente esposti all errore. Un'altra regola dice che quando un atmosfera di eccitazione pervade il mercato o aleggia attorno ad una prospettiva di investimento, quando si vantano opportunità uniche basate su un particolare dono di preveggenza, tutte le persone di buon senso dovrebbero tenersi alla larga: è il momento della prudenza.

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A.

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. ETICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Possono convivere Etica e finanza? Se rivolgiamo l attenzione ai fatti accaduti nelle

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI

LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI 1085 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI 27 gennaio 2016 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Domande

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi.

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Moneta e Debito (di Josef Hasslberger) Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Alcuni personaggi importanti che si misero a cambiare la situazione furono

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

LA FINANZIARIZZAZIONE

LA FINANZIARIZZAZIONE http://www.sinedi.com ARTICOLO 70 SETTEMBRE/ OTTOBRE 2014 LA FINANZIARIZZAZIONE INFLUENZA DEL SETTORE FINANZIARIO SULLE IMPRESE Negli ultimi anni il settore finanziario ha ricoperto un ruolo sempre più

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Bolla verde. (le contraddizioni di una moda ) Giancarlo Livraghi novembre 2006

Bolla verde. (le contraddizioni di una moda ) Giancarlo Livraghi novembre 2006 Bolla verde (le contraddizioni di una moda ) Giancarlo Livraghi novembre 2006 Sono stato tentato, molte volte, di ritornare sul tema delle energie rinnovabili (vedi, per esempio, L idrogeno e l internet

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

Massimo Amato, Università Bocconi

Massimo Amato, Università Bocconi Massimo Amato, Università Bocconi Nuove misure di supporto al capitale circolante. Moneta complementare e Supply chain finance: strumenti ed esperienze innovative a confronto Milano 4 dicembre 2012, Auditorium

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: LE POTENZIALITA E LE TENDENZE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: LE POTENZIALITA E LE TENDENZE IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: LE POTENZIALITA E LE TENDENZE In Italia il comparto residenziale ha sempre rappresentato la parte di gran lunga più consistente del mercato immobiliare. L interesse delle

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!»

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «La sottomissione della politica alla tecnologia e alla finanza si dimostra nel fallimento dei Vertici mondiali sull ambiente. Ci sono troppi interessi

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA?

MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? MILANO, 24 Giugno 2008 La crisi Immobiliare in Europa - Lorenzo Greppi CRISI IMMOBILIARE E PARAMETRI DI RISCHIO La crisi internazionale ha avuto pesanti riflessi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) QUELLO CHE NON SI DICE SULLE CAUSE DELL ATTUALE GRANDE RECESSIONE Vicenç

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE Principi e funzionamento

MERCATO IMMOBILIARE Principi e funzionamento Introduzione I beni immobiliare giocano un ruolo importante sia a livello economico sia nella nostra vita privata: L alloggio è un bene importante, perché ha un influenza enorme sulla qualità della vita

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Dati in milioni di euro.

Dati in milioni di euro. Il debito pubblico è fortemente legato al Signoraggio Bancario, e senza fare complottismo, vediamo di capire se il debito è una truffa o no. Per rendere evidente il fatto che il signoraggio non è un argomento

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Fa fede il discorso orale Conferenza stampa del 5 settembre 2011 Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Gentili

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

Unione Inquilini - Sezione Provinciale di Roma

Unione Inquilini - Sezione Provinciale di Roma Unione Inquilini - Sezione Provinciale di Roma Via Cavour 101, Int. 4-00184 Roma - Tel. 06/47.45.711 - Fax 488.23.74 E MAIL: Unioneinquilini@virgilio.it I soggetti I FONDI IMMOBILIARI: CHI CI GUADAGNA?

Dettagli