N. 44. Ricostruire esistenze ricostruendo comunità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 44. Ricostruire esistenze ricostruendo comunità"

Transcript

1 Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati N. 44 Ricostruire esistenze ricostruendo comunità Facilitare l'autonomia, chiave di tutte le soluzioni durevoli Storie di programmi di sostentamento da Sudafrica, Indonesia, Thailandia, Kenya e Burundi Settembre 2008

2 Messaggio del Direttore Internazionale Preparare i rifugiati per il futuro L'impegno per i rifugiati crea condizioni di vita sostenibili Peter Balleis SJ Costruire un futuro più luminoso, JRS Grandi Laghi Fanny è diventata totalmente inerme quando è fuggita in Sudafrica. Il dipendere in tutto e per tutto dalle NU e da altre agenzie, il non essere in grado di guadagnarsi di che vivere, l'essere priva di status giuridico e di protezione e particolarmente vulnerabile perché donna - tutto ciò ha significato perdere il controllo sulla propria esistenza; perdita sconvolgente che di fatto rappresenta l'esperienza dell'essere rifugiati. La cooperazione con il JRS le ha dato i mezzi per guadagnarsi da vivere e prendersi cura dei suoi figli. Fanny non ha soltanto ripreso il controllo della propria esistenza, è stata messa in condizioni di servire gli altri gestendo un asilo a Johannesburg. "Dare potere a chi non ne ha" sembra uno slogan tipico del linguaggio dello sviluppo, ma è una realtà concreta per quelle donne come Fanny e molti altri rifugiati con cui il JRS lavora in Indonesia, Thailandia, Kenya, Burundi e altrove. Questo numero di Servir presenta una serie di attività di generazione di reddito che, grazie a formazione e prestiti, danno alle persone l'opportunità di guadagnarsi da vivere. Il JRS rimane accanto ai rifugiati fino a quando non fanno ritorno a casa Come nel caso dei rifugiati burundesi che ritornano a casa dalla Tanzania, ad essere rafforzati non sono solo i singoli individui, ma intere comunità. Un progetto di sicurezza alimentare del JRS realizzato nel Burundi orientale ha interessato famiglie. Capre e mucche sono diventate la base della loro sussistenza. Con il moltiplicarsi degli animali, la vita riprende il suo corso. Negli anni a venire, queste persone non avranno più bisogno di dipendere da aiuti esterni: avranno ripreso il controllo della propria esistenza e saranno in grado di badare a se stessi. Lo scorso aprile, quando il progetto è stato lanciato, alcuni musicisti hanno suonato i famosi tamburi del paese per esprimere la gioia di quanti erano tornati. Molti hanno riconosciuto il direttore del JRS Grandi Laghi, p. Tony Calleja SJ, che già era stato il loro pastore quando erano rifugiati nei campi di Kibondo, nella Tanzania occidentale. "Non ci hai dimenticato", è stato il commento toccante di uno di loro. Sì, il JRS non dimentica i rifugiati e rimane loro accanto fino a quando non fanno ritorno a casa. Rafforzare le capacità dei rifugiati significa in ultima analisi potenziare la capacità del JRS di offrire migliori servizi come organizzazione Al loro rientro, le competenze e l'iniziativa acquisite da coloro che hanno ricevuto una formazione durante il tempo trascorso in esilio si dimostrano preziose. In Burundi è stata una rivelazione vedere la gestione del progetto nelle mani di rifugiati che avevano lavorato con il JRS come catechisti e insegnati nei campi tanzanesi. Parimenti, quanti dei rimpatriati sono ora incaricati di progetti del JRS a Nimule, Kajo, Keji, Yei e Labone nel Sudan meridionale, erano un tempo insegnanti e coordinatori didattici del JRS ad Adjumani, nell'uganda settentrionale. Adesso sono fieri di aiutare a impiantare i servizi di educazione primaria nel proprio paese. Rafforzare le capacità dei rifugiati attraverso formazione, educazione e attività remunerative significa in ultima analisi potenziare la capacità del JRS di offrire migliori servizi come organizzazione. Per il JRS, il vero significato della parola "potere" risiede nella forza insita nel servire, come vuole il Vangelo di Gesù. L'opposto quindi del "potere" esercitato dai "più forti", che è causa di conflitti e toglie forza agli altri. Il JRS si batte per restituire ai rifugiati il potere di gestire le proprie vite e servire le proprie famiglie e comunità, lavorando con esse per costruire un futuro di pace e dignità. 2

3 Gerard Shavatu, direttore del JRS Sudafrica Sudafrica Donne rifugiate aiutano altre donne a rafforzare le proprie capacità Un asilo infantile: qualcosa di più di uno strumento educativo L'educazione multiculturale, solida base per una società pacifica, JRS Sudafrica Prima di fuggire dalla devastante guerra civile in atto nel suo paese, Fanny Nonda, rifugiata quarantenne della Repubblica Democratica del Congo, era un'insegnante. Sette anni dopo essere giunta in Sudafrica, nel febbraio del 2008, ha aperto il Divine Grace Crèche, asilo infantile nel distretto finanziario di Pretoria. Con il sostegno del JRS e dell'agenzia delle NU per i rifugiati (UNHCR), Fanny si avvale delle proprie competenze per promuovere il rafforzamento delle capacità delle donne e l'integrazione locale delle famiglie rifugiate. Il suo asilo impiega cinque donne rifugiate e sudafricane con competenze nel settore, consente alle madri di lavorare o studiare e fornisce a 50 bambini assistenza sicura in un ambiente stimolante. È in grado di mantenere se stessa e la propria famiglia, e di aiutare altre donne in condizioni di vulnerabilità. La maggior parte dei rifugiati, centinaia di migliaia, scelgono di vivere in un'area urbana importante, come Pretoria, Johannesburg, Città del Capo o Durban, in cerca di sicurezza, di condizioni di vita accettabili e di integrazione nelle comunità locali ospitanti. Fanny non è diversa da loro. Va detto che la vita nelle aree urbane moderne è difficile. In Sudafrica non ci sono campi, e i rifugiati e le loro famiglie devono trovare da soli dove insediarsi. Donne, bambini, anziani e malati cronici rifugiati si trovano spesso in situazioni molto più vulnerabili, ed è per loro più difficile adattarsi negli ambienti urbani. Oltre a ciò, nel Sudafrica urbano il tasso di criminalità è particolarmente alto. La recente esplosione di violenze contro immigrati e rifugiati, così come la criminalità cronica, mette in evidenza la vulnerabilità di questi gruppi. Nel corso delle violenze di matrice xenofoba scoppiate nel maggio e giugno scorsi, che hanno causato la morte di 50 persone, il ferimento di altre 650 e lo sfollamento di persone, l'asilo ha svolto un ruolo di cruciale importanza nella protezione dei bambini. Di norma l'asilo è aperto dalle 6.30 del mattino alle 7.00 di sera, anche di sabato se necessario. Durante l'ondata di violenze è rimasto aperto fino alle 9.00 di sera. Comunque sia, non si tratta solo di una struttura assistenziale o di emergenza: vi si insegnano arti e mestieri, si organizzano giochi adatti all'età dei bambini e, cosa importante, si preparano alla scuola elementare quelli di età compresa tra i cinque e i sei anni. Il JRS è tuttavia attento a non creare dipendenza tra i rifugiati, facendosi carico infatti solo di metà della retta dell'asilo e lasciando ai genitori o agli affidatari l'onere dell'altra metà. Promuovere la diversità è uno dei modi per costruire comunità pacifiche Il successo dell'asilo dipende dagli sforzi coordinati di molti operatori del JRS nei settori dell'educazione, dell'avviamento all'autosufficienza e dell'assistenza sociale; dell'unhcr; dei vari ministeri e di altre agenzie, così come da input provenienti da diverse comunità di rifugiati. Il Divine Grace Crèche, registrato presso il Ministero per lo Sviluppo Sociale, viene anche visitato ogni tre mesi dagli ispettori del controllo qualità del Ministero della Sanità; è inoltre membro del Pretoria Inner-City Pre-School Forum. Questi legami con la società civile, le comunità, le autorità di governo e il mondo economico consentono all'asilo di connettersi ad altre realtà prescolastiche, promuovendo di fatto l'integrazione. Nel corso degli anni, il JRS ha spinto le autorità sudafricane a porre in atto una politica e una legislazione che garantiscono accesso all'educazione a tutti i bambini e il diritto al lavoro ai rifugiati, promuovendo inoltre la loro integrazione nelle comunità locali. Nonostante queste misure abbiano risentito della recente ondata di violenza xenofoba, il JRS ritiene che la diversità etnica e culturale vissuta dai bambini e dal personale dell'asilo sia uno dei modi per costruire la pace tra le comunità e rafforzare le capacità delle donne. 3

4 Indonesia Fondi rotativi promuovono la solidarietà Creare la fiducia, aiutare a superare il trauma Melani Wulandari, coordinatrice dell'advocacy ad Aceh, JRS Indonesia Paulus Enggal, responsabile per l'advocacy ad Aceh, JRS Indonesia Il 26 dicembre 2004, il terremoto più violento degli ultimi 40 anni ha provocato uno tsunami che ha devastato gran parte della costa sudorientale dell'asia. La provincia indonesiana di Aceh ha patito le perdite più pesanti - circa persone hanno perso la vita, altre circa sono state sfollate e metà delle infrastrutture di Banda Aceh, il capoluogo della provincia, sono rimaste danneggiate. Investire nelle donne beneficiando la comunità, Banda Aceh, Indonesia, Sanjay Gathia/JRS Prima di questo disastro naturale, nel cuore di una guerra tra gli insorti acehnesi che vogliono l'indipendenza e le forze governative, il JRS aveva fornito fin dal 2001 assistenza di emergenza e servizi educativi sanitari e informali alle popolazioni colpite dal conflitto. In questa nuova situazione di emergenza, i team del JRS si sono resi conto che le donne prive di qualsiasi mezzo per procurarsi un reddito si trovavano in circostanze particolarmente vulnerabili. Date le loro responsabilità, esse erano in una posizione favorevole per intervenire sulle condizioni materiali e psicologiche delle rispettive famiglie. In seguito a un'ulteriore inchiesta, il JRS ha scoperto che molte di queste donne sapevano cucire. Avevano bisogno di un lavoro per ricominciare a vivere e superare il trauma subìto. Come primo passo, nel febbraio 2005 il JRS ha individuato 20 donne in grado di prendere parte a questo primo progetto di generazione di reddito. Dopo un colloquio tra il JRS, le donne e le comunità colpite, si è deciso che il gruppo avrebbe realizzato le uniformi scolastiche per i bambini IDP delle scuole del circondario. Il JRS ha fornito la formazione alle donne e i materiali e le attrezzature necessarie a 4

5 Indonesia portare a termine l'opera. Il loro nuovo laboratorio è stato istituito nella casa di una di esse, nel villaggio di Labui, nei pressi di Banda Aceh, e per sei settimane hanno lavorato senza interruzione, producendo 674 uniformi. In un primo momento, le donne trovavano difficile dare fiducia alle altre Entusiasmato dal successo del progetto, il gruppo di sostegno alle donne dello tsunami, Semangat Baru, ha presentato al JRS una proposta di finanziamento volta ad ampliare le attività. Il gruppo, che conta 14 donne sfollate, desiderava espandersi in piccole attività di ristorazione e vendita al dettaglio. Conscio della loro capacità imprenditoriale, il JRS ha istituito un fondo sovvenzioni di circa 5000 dollari USA. In base a una valutazione fatta dal team del JRS, il gruppo ha ottenuto una sovvenzione pari al 60% del costo dei progetti, traendo il resto dai loro fondi personali. Ogni membro ha inoltre contribuito con uno 0,5 percento del costo del progetto, versandolo in un fondo sociale inteso ad aiutare i membri in stato di necessità. Il team del JRS ha affrontato molti ostacoli nell'accompagnare le donne del Semangat Baru. Tuttavia, la cosa più difficile è stata guadagnarne la fiducia. Quella di Aceh era una società oppressa dal conflitto, e prima che lo tsunami la colpisse, le donne lavoravano individualmente e non collettivamente. È stato difficile per loro fidarsi delle altre. Inoltre, lo tsunami è stata un'esperienza intensamente drammatica. In un primo momento, le donne hanno avuto difficoltà a discutere dei loro problemi apertamente. Cionondimeno, il personale del JRS ha continuato a far loro visita, fornendo sostegno personale e assistenza tecnica. Poco a poco, le donne del gruppo hanno cominciato ad avere fiducia l'una nell'altra e nel JRS, diventando così sempre più capaci di affrontare le difficoltà quotidiane connesse all'attività di gestione delle attività commerciali e a quella di ricostruzione delle proprie esistenze. A metà del 2006, come segno del successo del Semangat Baru, altre donne sono entrate in contatto con il gruppo intendendo farne parte. Poco dopo, il gruppo è salito a 21 membri, che hanno diversificato le loro attività. L'anno seguente, il JRS ha sostituito il sistema dei prestiti con un fondo rotativo di circa 7500 dollari USA. I prestiti rifusi sono stati aggiunti al fondo e resi disponibili per altri membri, garantendo così la sostenibilità del fondo stesso. Per dare più forza a queste piccole attività commerciali, il JRS ha inoltre organizzato corsi di gestione commerciale e finanziaria per le partecipanti al gruppo, e le ha incoraggiate a lavorare a stretto contatto con agenzie governative. Oggi, due anni dopo, ha migliorato significativamente gli standard di vita di oltre metà delle partecipanti al gruppo. Una di queste, la signora Misnawati, sposata con tre bambini, aveva uno dei punti vendita più grandi di un villaggio I bambini, speranza di un domani pacifico, Aceh, Indonesia, Andrew Galea Debono/JRS nelle vicinanze, ma lo tsunami lo ha spazzato via insieme a tutti i suoi averi. Ha quindi preso in prestito dal JRS 900 dollari USA per aprire una boutique. Gli affari vanno molto bene e la signora guadagna tra i 20 e i 75 dollari USA al mese, soprattutto nei periodi festivi come Eid ul-fitr, che segna la fine del mese santo musulmano di Ramadan. Il fondo incoraggia ad avere fiducia in sé e fornisce ai membri una rete di sicurezza Mentre il personale del JRS stava parlando con la signora Misnawati, la conversazione è stata interrotta da una ragazza che voleva acquistare un rossetto. La signora glielo ha lasciato provare. Non è un problema, ha spiegato, deve poter vedere come le sta. La ragazza lo ha comprato: costava 50 centesimi. Il prodotto più costoso nella boutique è una crema idratante per il viso che costa poco più di cinque dollari USA. Membro affidabile del gruppo Semangat Baru, la signora Misnawati non ha mai mancato di restituire una rata del prestito. Con un prestito più alto, ha spiegato al personale del JRS, potrebbe aggiornare la sua collezione e ampliare l'attività. Se riceverà un altro prestito sarà grazie al fondo rotativo. Questo tipo di fondo non solo aiuta gli IDP a diventare autosufficienti, promuove bensì anche la solidarietà in seno al gruppo, visto che il successo di uno ricade su tutti gli altri e crea una rete di sicurezza per coloro che si trovano in difficoltà. Questo sistema consente davvero alle donne IDP di ricominciare a vivere con dignità. 5

6 Thailandia Promuovere migliori condizioni di vita contrasta la marginalizzazione Investire nei rifugiati torna a beneficio delle comunità ospitanti Sanjay Gathia, responsabile regionale per l'advocacy del JRS Asia Situato a circa un chilometro dal confine birmano, Krung Jor è un piccolo villaggio di etnia shan nel distretto di Wiang Hang, dove l'attività economica è scarsa. La gente del luogo è impegnata in agricoltura di sussistenza o lavora occasionalmente nei villaggi vicini o nella città di Chiang Mai. Non lontano dal villaggio, 600 rifugiati di etnia shan vivono in un campo non ufficiale, conosciuto come campo Ban Krung Jor, sulle terre dei monaci buddisti del posto. Piccoli prestiti rafforzano i legami comunitari, Chiang Mai, Thailandia, Sanjay Gathia/JRS Il governo è preoccupato che il trattamento indulgente ricevuto dai rifugiati o la prospettiva del loro reinsediamento in paesi terzi spinga altre centinaia di migliaia ad arrivare nel paese. La Thailandia dà accoglienza solo a quei birmani che fuggono il conflitto. Coloro che invece fuggono la persecuzione e altre violazioni dei diritti umani, come avviene per gli Shan, sono generalmente tollerati grazie alla buona volontà delle autorità. Gli sfollati ospitati nei campi lungo il confine, compresi quelli che si trovano nel campo Ban Krung Jor, beneficiano di misure di sicurezza, alloggio, cibo e accesso limitato all'assistenza sanitaria. Nel 2005, le autorità hanno garantito ai bambini rifugiati il diritto a frequentare le scuole thailandesi e consentito ai rifugiati nei campi di avviare piccole attività remunerative. Malgrado ció, questi servizi sono spesso insufficienti e i rifugiati sono costretti a cercare impiego fuori dai campi. Inoltre, le loro attività sono monitorate e limitate dalle locali autorità confinarie e militari, e la loro libertà di movimento è ristretta alle immediate vicinanze. Quelli che vengono scoperti fuori dai campi rischiano la detenzione e la deportazione. Non avendo ricevuto un'istruzione, Nang vuole che i suoi figli abbiano maggiori opportunità di quelle da lei avute Nel 1999, il JRS ha cominciato a fornire servizi educativi su base comunitaria a questa popolazione in circostanze di estrema vulnerabilità. Nel tempo, il JRS ha ampliato i pro- 6

7 Thailandia pri servizi fino a includere assistenza sanitaria e sostegno di emergenza per gli orfani. In un primo momento, il JRS credeva che il sostegno fornito sarebbe stato a breve termine. Divenuto però chiaro che al gruppo non sarebbe stato permesso di integrarsi nell'economia locale, né ci sarebbe stata alcuna possibilità di ritornare in Birmania, si è reso conto che bisognava fare qualcosa per aiutare la comunità a rendersi autonoma. Il personale si è quindi seduto al tavolo con i rappresentanti della comunità per esaminare le possibili opzioni e stabilire progetti di generazione di reddito. I rifugiati desiderano affittare terreni dai paesani locali in cambio di una condivisione del raccolto Parlando al personale del JRS, Sai Lang ha spiegato come avessero lottato per trovare lavoro occasionale in un mercato già saturo, e coltivato un po' di verdura per sopravvivere. Avevano bisogno di guadagnare di più per poter integrare i proventi delle loro attività. Così, circa due anni fa, la comunità ha deciso di istituire un progetto tessile. A casa, la maggior parte delle donne shan tessevano abiti per uso personale, cerimonie religiose e altre manifestazioni. Sebbene solo una donna nel campo sapesse tessere, le altre dieci si dichiararono interessate a imparare. Così, con l'assistenza del JRS, fu elaborato un programma formativo e raccolti i fondi per acquistare un telaio. Nang Lang, mamma trentacinquenne di due bambini con genitori anziani a carico, è stata una delle beneficiarie. Quando è arrivata in Thailandia, la vita per lei e la sua famiglia era difficile, vivevano di carità. Quando la comunità ha istituito il progetto, non sapeva nulla di tessitura. Incapace di lavorare nei campi, ha visto nel progetto l'unico modo di guadagnare del denaro per integrare il reddito familiare. Suo marito lavora saltuariamente. Durante le stagioni di maggior lavoro guadagna quello che per lei è un buon reddito, vale a dire 65 dollari USA al mese. È abbastanza per mandare i bambini a scuola. Non avendo ricevuto un'istruzione, Nang vuole che i suoi figli abbiano maggiori opportunità di quelle da lei avute. L'anno scorso, come è diventato chiaro che il progetto aveva successo, il comitato del campo ha organizzato una riunione in cui è stato chiesto alle tessitrici di contribuire a un fondo di comunità. Dopo aver discusso la richiesta, queste hanno deciso di contribuire con il 20 percento dei loro guadagni da utilizzarsi per scopi sociali e religiosi. La capacità di restituzione tipica di questo tipo di progetto ne è il vero tratto distintivo. Dimostra la loro determinazione a diventare autosufficienti come comunità. Dopo due anni, sono 11 le rifugiate che si guadagnano da vivere con questa attività e altre 16 lavorano nei periodi dell'anno di maggiore attività. Gettare i semi per una comunità autosufficiente, Chiang Mai, Thailandia, Sanjay Gathia/JRS Nonostante il successo di questo progetto, la comunità ha sentito l'importanza di diversificare le sue fonti di reddito e ridurre la dipendenza dal mercato locale. L'aumento dei prezzi del carburante e del cibo stava rendendo la vita difficile. Il JRS ha quindi erogato prestiti finanziari e materiali a 40 famiglie che risiedono nei campi per l'avvio di piccole attività commerciali, come attività di produzione agricola e artigianale. Di recente, con l'assistenza del JRS, la comunità ha anche cominciato a cercare terreni da prendere in affitto dai paesani locali in cambio di una condivisione del raccolto. La comunità ha in progetto di dedicare i maggiori guadagni al fondo di comunità. I rifugiati si rendono conto di dover cercare mercati per i propri prodotti, e data la loro delicata situazione giuridica, devono prestare attenzione a non infastidire la popolazione locale. Tutto sommato, però, la diversificazione e il fondo offrono alla comunità un'autosufficienza sostenibile pur in situazioni di difficoltà. 7

8 Kenya Assistenza integrata in situazioni di emergenza Il ruolo della società civile fa da puntello a soluzioni sostenibili Irene Waweru, direttrice del Programma di sostegno alle parrocchie del JRS Kenya Fin dal loro arrivo nei rispettivi paesi d'asilo, i rifugiati devono spesso affrontare una miriade di decisioni - dove vivere, come sopravvivere, ecc. La maggior parte di loro ha perso quasi tutto ciò che possedeva ed è costretta a passare gran parte del tempo alla ricerca di cibo e di altre cose di prima necessità. Trovare un lavoro regolare è quasi impossibile. I rifugiati tendono a sopravvivere fruendo dell'assistenza delle ONG e degli amici, e svolgendo lavori di fortuna. Rifugiato zimbabwano gestisce con successo un piccolo laboratorio di articoli di artigianato a Nairobi, Sara Pettinella/JRS A Nairobi, la maggior parte dei rifugiati che desidera aprire attività in proprio scopre che le istituzioni di microcredito e le banche non sono interessate a concedere loro un prestito. Non gli è possibile avere i rigidi requisiti richiesti dal prestito e spesso non possiedono le garanzie collaterali. In questo contesto, nel 1993 il JRS ha istituito a Nairobi il suo progetto di generazione di reddito, integrandolo in quello di assistenza di emergenza. Il JRS è in grado di colmare la lacuna fornendo i prestiti necessari sotto forma di finanziamenti, materiali, formazione e attrezzature. L'assistenza aiuta i rifugiati a darsi da fare, utilizzare e sviluppare le proprie competenze e conoscenze, e a guadagnarsi da vivere. Ad ogni modo, prima di prendere in considerazione la concessione di prestiti ai rifugiati, il JRS fornisce loro generi alimentari e di prima necessità così da consentirgli di insediarsi nel nuovo ambiente. Il 8

9 Kenya JRS ritiene che se i rifugiati devono provvedere alle proprie necessità di base in maniera dignitosa, è necessario fornire loro assistenza in modo da incoraggiare l'autosufficienza anziché favorire la dipendenza a lungo termine. I gruppi di sostegno monitorano la performance delle attività commerciali dei rifugiati e promuovono la restituzione dei prestiti Dato il numero immenso di rifugiati che vivono in estrema povertà, il JRS non è in grado di assisterli tutti. È costretto a optare per quelli che si trovano in condizioni di massima vulnerabilità, come ad esempio le donne single, i single con famiglie numerose, i disabili, le famiglie numerose prive di sostegno e i rifugiati affetti da HIV/AIDS. Alice, rifugiata ugandese di 57 anni e madre single di 13 bambini, è un buon esempio di come il programma abbia avuto un impatto positivo sulle esistenze dei rifugiati che vivono a Nairobi. Aveva lottato per crescere la sua famiglia, e andava avanti con l'ausilio di amici e di aiuti alimentari ed economici concessi una tantum da varie agenzie di Nairobi. Alice era sarta di mestiere, ma non aveva il denaro per acquistare una macchina per cucire. Per il tramite di agenzie internazionali, è stata messa in contatto con il JRS cui chiedere un prestito. L'approccio adottato dal JRS è pianificato in modo da assicurare che il progetto di generazione di reddito dia ai rifugiati i massimi benefici e che la rata da restituire sia alta. I beneficiari vengono presentati da assistenti sociali e altre agenzie che lavorano con i rifugiati. Vengono anche istituiti gruppi di sostegno per rifugiati che agiscono da gruppi di pressione monitorando con quali modalità i singoli beneficiari portano avanti le attività commerciali e come restituiscono il prestito. Vengono quindi effettuate visite domiciliari al fine di determinare il livello di necessità e l'iniziativa dei singoli rifugiati. Dopo aver ricevuto numerose di queste visite, Alice ha ottenuto assistenza di emergenza. L'idea è quella di stabilire un rapporto tra il JRS e i richiedenti prima di concedere il prestito. Alice ha quindi fatto richiesta ed è stata invitata a un colloquio. I suoi progetti per l'attività commerciale sono stati valutati e lei è stata giudicata una donna motivata con un progetto commerciale fattibile. A quel tempo, viveva in una piccola casa in un insediamento informale a Nairobi. Appena in grado di soddisfare le necessità dei suoi 13 figli, era chiaramente in una situazione vulnerabile. In un primo momento le sono stati concessi in prestito 230 dollari USA per realizzare e vendere borse patchwork. Inizialmente ha trovato difficile avere Donna rifugiata ruandese a Nairobi, aiutata con un prestito a conquistare l'indipendenza economica, James Stapleton/JRS accesso ai mercati locali, ma con i contatti presi e molta determinazione è stata presto in grado di competere con attività commerciali kenyane similari. Dopo aver restituito con successo il primo prestito ricevuto, le sono stati concessi quasi 400 dollari USA per acquistare più materiali e una macchina per cucire di qualità migliore. Da quel momento, l'attività è migliorata e Alice è stata in grado di sostenere la propria famiglia con maggiore facilità. Ha proseguito la sua attività di sartoria, introducendo anche nuovi prodotti, come bambole africane, tovaglie e grembiuli. Ha potuto così pagare la retta della scuola primaria e secondaria dei suoi figli. Oggi, lo stile di vita di Alice è migliorato e lei sa di potersi prendere cura della sua numerosa famiglia. Ha anche diversificato la sua attività, producendo copriletti e diversi tipi di borse di grande successo di vendita, ed è molto brava nel proporre i prodotti che realizza di cui rifornisce non solo il punto vendita JRS Mikono Craft, bensì anche altri negozi nei dintorni di Nairobi. Alice è un esempio non soltanto per i suoi bambini, ma anche per altri rifugiati. Propone un programma di apprendistato e forma altre persone, tra cui anche kenyani, a produrre oggetti di artigianato. Il progetto di generazione di reddito del JRS va oltre il sostegno alle famiglie rifugiate in situazioni di emergenza, facendo in modo che si affranchino economicamente in maniera stabile e aiutandole quindi a riconquistare speranza e dignità. I rifugiati come Alice, che vengono sostenuti nel processo verso l'autosufficienza, sono in grado di affrontare il futuro più positivamente, senza la preoccupazione quotidiana di dover far fronte alle necessità più elementari. 9

10 Burundi Il rafforzamento delle comunità promuove la reintegrazione dei rifugiati Gettare i semi dell'autosufficienza P. Pascal Niyonkuru, direttore del JRS Burundi Il signor Bitama, rifugiato burundese, ha vissuto per 35 anni nel campo di Mishamo in Tanzania. Era il 2007 quando alcuni dei suoi figli hanno visto per la prima volta il loro paese natale, ma la loro terra era ancora occupata da un'altra famiglia. Molti dei burundesi che hanno fatto ritorno nel proprio paese hanno una storia simile da raccontare. In questo piccolo paese senza sbocco sul mare, che conta circa 8,7 milioni di abitanti, la terra scarseggia. Il massiccio ritorno di rifugiati verificatosi a partire dal marzo 2002 in una società fondata sull'agricoltura ha aumentato le tensioni che riguardano il possesso della terra. Recenti statistiche governative confermano l'enormità di questo problema: le controversie legali in materia fondiaria rappresentano infatti l'80% del totale. Tornare a casa - dalle razioni alla coltivazione dei prodotti, Mark Raper SJ/JRS A partire dall'indipendenza del Burundi nel 1962, le lotte per la proprietà terriera e il potere sorte fra le élite politiche hanno ripetutamente alimentato il conflitto etnico. Nel 1972, l'escalation di questo conflitto ha costretto circa burundesi a fuggire, soprattutto nella vicina Tanzania. Il signor Bitama era uno di loro. La sua famiglia fu obbligata a cercare salvezza nel campo di Mishamo. Anni dopo, cercò di tornare a casa, ma venne fermato dalle autorità tanzanesi. Era il 1993, l'anno in cui il presidente Ndadaye fu assassinato, scatenando una guerra civile protrattasi per un decennio e che sarebbe costata la vita a persone. Il signor Bitama fu obbligato a lasciare il campo. Tutto quello che non aveva potuto portare con sé era stato distrutto prima della partenza. Non solo era sfumata la speranza di ritornare a casa, ma aveva dovuto ricominciare da zero. Passarono gli anni e molti altri burundesi arrivarono nei campi tanzanesi. Con la firma dell'accordo di pace di Arusha nel 2000, ci fu un barlume di speranza. Come il signor Bitama, molti altri esiliati burundesi desideravano tornare a casa: "Fui tra i primi a registrarmi e quindi uno dei primi burundesi rifugiati dal 1972 a tornare ufficialmente a casa", ha raccontato. Eppure il permanere di un intermittente stato di insicurezza nel paese ha impedito alla sua famiglia di fare ritorno fino al Come molte altre località orientali più o meno grandi vicine al confine con la Tanzania, la cittadina natale del signor Bitama, Giharo, ha sofferto molto durante la guerra civile. Spesso le truppe governative e le forze ribelli saccheggiavano tutto ciò che la popolazione locale possedeva, ed è per questo che molti sono fuggiti. Oggi, quelli che hanno fatto ritorno si trovano di fronte a un altro problema: la mancanza di terreni. Quando il signor Bitama è tornato a casa, ha trovato la sua terra occupata da un 10

11 Burundi Senza l'aiuto del JRS, molti dei rimpatriati dipenderebbero dagli aiuti della comunità internazionale, JRS Grandi Laghi certo signor X che gli ha proposto di condividerla. Mentre il caso attende il giudizio della Land Commission, alcuni membri della numerosa famiglia del signor Bitama non hanno altra scelta che vivere in un campo vicino, senza un minimo appezzamento da coltivare. Lo sfruttamento eccessivo dei terreni ha aumentato le tensioni intercomunitarie Nel Burundi, l'agricoltura continua a essere la fonte principale di reddito. Il settore industriale e quello manifatturiero, praticamente inesistenti, non sono in grado di assorbire questa popolazione senza terra. L'eccessivo sfruttamento del suolo ha portato all'erosione e quindi a tensioni tra la popolazione locale e i rimpatriati, insicurezza alimentare e impoverimento. Con l'arrivo di migliaia di famiglie che rientrano, la pressione esercitata su una comunità già impoverita e malnutrita è enorme. Avendo accompagnato e servito questi rifugiati in Tanzania per anni, e consapevole che poco è stato fatto per invertire questo andamento, il JRS ha avviato un progetto di sicurezza alimentare, prima a Gisuru nel 2007, e poi quest'anno a Giteranyi e a Giharo. Fornendo assistenza per lo sviluppo di condizioni di vita sostenibili nel mondo agricolo, il JRS incoraggia la reintegrazione pacifica di quanti tornano. Il primo passo è quello di dare ai beneficiari una formazione nel campo delle metodologie di produzione alimentare sostenibile. Dopo averli dissuasi dal praticare un eccessivo sfruttamento dei propri terreni, viene loro insegnato come usare fertilizzanti rinnovabili e organici, aumentando così la fertilità del suolo. Se una famiglia riceve un animale, deve poi darne uno a un'altra famiglia Ai rimpatriati vengono forniti attrezzi agricoli e animali. Anziché distribuire aiuti rischiando di creare dipendenza, l'approccio del JRS cerca di far nascere un senso di possesso e di responsabilità nei confronti del processo, definito principio della catena di solidarietà. Se una famiglia riceve una mucca o una capra, deve poi a sua volta dare una mucca o una capra a un'altra famiglia. Ai rimpatriati vengono forniti attrezzi agricoli e animali. Anziché distribuire aiuti rischiando di creare dipendenza, l'approccio del JRS cerca di far nascere un senso di possesso e di responsabilità nei confronti del processo, definito principio della catena di solidarietà. Se una famiglia riceve una mucca o una capra, deve poi a sua volta dare una mucca o una capra a un'altra famiglia. Per assicurare la riuscita del processo, il JRS ha aiutato i beneficiari a istituire delle associazioni. In linea con le regole e gli statuti di ciascuna associazione, i membri eleggono un comitato direttivo. Ciascun comitato, sostenuto da veterinari del JRS, è responsabile delle condizioni di salute degli animali. L'anno scorso, il JRS ha distribuito a Gisuru 720 capre e 60 mucche da latte. Le mucche hanno già dato alla luce 25 vitellini per altre famiglie. Quest'anno il programma si è espanso a Giteranyi e a Giharo. Otto associazioni a Giteranyi e sei a Giharo riceveranno più di 350 capre ciascuna, insieme alla formazione e all'attrezzatura necessarie. Il successo del programma è dovuto alla disponibilità di personale competente, dagli agronomi ai veterinari. Dall'inizio del programma del JRS, le esistenze di molti di coloro che tornano nel proprio paese, e affrontano problemi simili a quelli del signor Bitama, sono drasticamente migliorate. Le autorità locali sono incoraggiate dall'approccio adottato. La notizia del successo conseguito dal programma si sta diffondendo velocemente, e qui e là il JRS viene invitato ad inaugurare programmi simili in altre cittadine. 11

12 Settembre 2008 J R S Servir N. 44 Ricostruire esistenze ricostruendo comunità Facilitare l'autonomia, chiave di tutte le soluzioni durevoli Storie di programmi di sostentamento da Sudafrica, Indonesia, Thailandia, Kenya e Burundi How Cometoaiutare help one una persona La missione del JRS è quella di accompagnare, servire e difendere i diritti dei rifugiati e degli sfollati, specialmente coloro che sono dimenticati e la cui situazione non attira l attenzione internazionale. Lo facciamo attraverso i nostri progetti in più di 50 paesi in tutto il mondo, dando assistenza tramite istruzione, assistenza medica, lavoro pastorale, formazione professionale, attività generatrici di reddito e molte altre attività e servizi ai rifugiati. Il JRS può contare soprattutto su donazioni da parte di privati, di agenzie di sviluppo e organizzazioni ecclesiali. Alcuni esempi di come vengono utilizzati i fondi del JRS: Per assistere un rifugiato che vuole avviare una piccola attività nella provincia del Darién, Panama Per svolgere per un anno opera di advocacy per conto di un rifugiato nel campo di Kakuma, Kenya Per concedere un prestito a un rifugiato perché possa avviare una piccola attività a Chiang Mai, Thailandia Per fornire a una famiglia di rifugiati formazione e materiali per rendersi autosufficienti, Giharo, Burundi Per assistere materialmente per un anno un bambino separato che sta richiedendo asilo a Pretoria, Sudafrica Per concedere un prestito a una donna sfollata perché possa avviare un'attività a Banda Aceh, Indonesia Sostieni il nostro lavoro con i rifugiati Il vostro continuo sostegno rende possibile per noi l aiuto ai rifugiati e richiedenti asilo in più di 50 paesi. Se desideri fare una donazione, compila per cortesia il tagliando e spediscilo all ufficio internazionale del JRS. Grazie per l aiuto. (Si prega di intestare gli assegni all ordine del Jesuit Refugee Service) Foto di copertina Sulla via dell'indipendenza, Nairobi, JRS Kenya Direttore: Francesco De Luccia SJ Direttore Responsabile: Vittoria Prisciandaro Produzione: Sara Pettinella Servir è disponibile gratuitamente in italiano, inglese, spagnolo e francese. Servir è pubblicato in marzo, settembre e dicembre dal Jesuit Refugee Service, creato da P. Pedro Arrupe SJ nel JRS Il JRS, un organizzazione cattolica internazionale, accompagna, serve e difende la causa dei rifugiati e degli sfollati. s e r v i j r s. n e t Jesuit Refugee Service C.P Roma Prati ITALY tel: fax: Dispatches: Dispatches, un bollettino di notizie quindicinale dell Ufficio Internazionale del JRS che riporta notizie sui rifugiati e aggiornamenti sui progetti e le attività del JRS, è disponibile gratuitamente via in italiano, inglese, spagnolo o francese. Per abbonarsi a Dispatches: Desidero sostenere il lavoro del JRS Ammontare della donazione Allego un assegno Cognome: Indirizzo: Città: Nazione: Telefono: Nome: Codice postale: Fax: Per trasferimenti bancari al JRS Banca: Banca Popolare di Sondrio, Roma (Italia), Ag. 12 ABI: CAB: SWIFT: POSOIT22 Nome del conto: JRS Numeri del conto: per euro: 3410/05 IBAN: IT 86 Y X05 per dollari USA: VAR 3410/05 IBAN: IT 97 O VARUS

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum Nord Uganda Tra emergenza e ricostruzione Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum 1 1. NORD UGANDA. IL CONTESTO DELL INTERVENTO. Ad un anno e mezzo dall avvio dei negoziati di pace tra il

Dettagli

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana o.n.l.u.s. UNA SCUOLA PER AMICA LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana I Rapporto Semestrale di avanzamento del progetto

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

Progetto Jamila Afghanistan. Report Gennaio Giugno 2015

Progetto Jamila Afghanistan. Report Gennaio Giugno 2015 Progetto Jamila Afghanistan Report Gennaio Giugno 2015 Sommario 3 Premessa 5 Programma di microcredito 5 Rimborso dei crediti 6 Attività imprenditoriali avviate 6 Raccolta dei risparmi settimanali 7 Corsi

Dettagli

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa»

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» Cosa fa il WFP Chi sono i beneficiari interviene nelle emergenze umanitarie le vittime di guerre e di disastri naturali promuove lo sviluppo

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI Congregazione Suore Ministre degli Infermi Progetto HAITI INTRODUZIONE GENERALE Noi siamo le Suore Ministre degli Infermi di San Camillo; la nostra è una congregazione missionaria che vive la missione

Dettagli

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Commissione Nuovi stili di vita Diocesi di Padova Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Dal mese della Missione al Mese del Creato C È POSTO PER TUTTI L ospitalità

Dettagli

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere RASSEGNA WEB giornalettismo.com Data Pubblicazione: 07/06/2013 giornalettismo.com http://www.giornalettismo.com/archives/967721/vacanze-studio-tutto-quello-che-ce-da-sapere/comment-page1/#comment-972985

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 e-mail: scuolamaternarovetta@virgilio.it Sito: www.asilogallicciolli.191.it Il PROGETTO

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why.

ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why. Napoli 21 giugno 2011 Cari amici, ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why. Sono trascorsi tre mesi circa, e da allora, sono state regolarmente effettuate le

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Fondazione Pangea è impegnata in un programma a sostegno di donne e bambine con disabilità fisiche o mentali che vivono negli slum di Calcutta e nell area

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 116 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Lazzarini, Finco, Cenci, Cappon, Caner, Baggio, Corazzari, Furlanetto, Bozza, Possamai,

Dettagli

Caritas Italiana Settembre 2013 VISITA CONGIUNTA CARITAS INTERNATIONALIS PROGETTO D EMERGENZA INSICUREZZA ALIMENTARE OCADES/CARITAS BURKINA

Caritas Italiana Settembre 2013 VISITA CONGIUNTA CARITAS INTERNATIONALIS PROGETTO D EMERGENZA INSICUREZZA ALIMENTARE OCADES/CARITAS BURKINA VISITA CONGIUNTA CARITAS INTERNATIONALIS PROGETTO D EMERGENZA INSICUREZZA ALIMENTARE OCADES/CARITAS BURKINA APPELLO D EMERGENZA 08/2012 Progetto di aiuto alimentare e nutrizionale alle popolazioni vittime

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Emergenza Siria. Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani

Emergenza Siria. Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani Emergenza Siria Forniamo tende e beni di primo soccorso e cerchiamo soluzioni durevoli per i rifugiati siriani Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega Chiedi a Dio di guidarti in ogni aspetto della preparazione di Compassion Sunday. 2. Condividi il tuo cuore Raccontare la tua esperienza di sostenitore

Dettagli

Slow Food. for Africa. 10.000 orti. per coltivare il futuro. Paola Viesi. Paola Viesi

Slow Food. for Africa. 10.000 orti. per coltivare il futuro. Paola Viesi. Paola Viesi Slow Food for Africa Paola Viesi 10.000 orti per coltivare il futuro Paola Viesi Diecimila orti: verso una nuova Africa straordinaria ricchezza di biodiversità Slow Food parte da questa ricchezza e cerca

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima.

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima. Si è svolta stamani, 1 ottobre, la prevista Conferenza Stampa, promossa dalla Cooperativa A.S.S.O. di Pescara sull'iniziativa di Assistenza gratuita agli anziani di Pescara svolta nei mesi di Agosto e

Dettagli

i diritti dei bambini in parole semplici

i diritti dei bambini in parole semplici i diritti dei bambini in parole semplici Questa è la traduzione di un opuscolo pubblicato in Inghilterra dall'unicef. È il frutto del lavoro di un gruppo di bambini che hanno riscritto alcuni articoli

Dettagli

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline)

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) ad 00.403 Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) Rapporto del 22 febbraio 2002 della Commissione

Dettagli

Cibo che alimenta, cibo che sostiene

Cibo che alimenta, cibo che sostiene Newsletter 5, Giugno 2015 COME CRESCONO I NOSTRI PROGETTI Cari sostenitori e sostenitrici, sperando di portarvi un po di fresca aria andina, in questi torridi giorni d estate, ecco per voi la Quinta Newsletter

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Nominativo Candidato:

Nominativo Candidato: C.P.I.A SEDE ROSIGNANO SOLVAY TEST DI ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA AI FINI DEL RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO anno scolastico 2014-15 sede

Dettagli

Che cosa è il sostegno a distanza

Che cosa è il sostegno a distanza Che cosa è il sostegno a distanza Educare un bambino, è costruire il futuro di un popolo! Un investimento sul futuro del mondo Il sostegno a distanza è una forma di solidarietà che mira a migliorare la

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

«DOVE SI AVVERANO I SOGNI»

«DOVE SI AVVERANO I SOGNI» «DOVE SI AVVERANO I SOGNI» SHELTER DI THANE - MUMBAI - INDIA SHELTER DI THANE - MUMBAI - INDIA ignorare i bambini di oggi è ignorare il nostro futuro ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS Nasce nel 2004 dalla volontà

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore.

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. 1.Nome e Cognome: Francesca Chiaveri Il settore primario: 2.Ragione sociale dell azienda: Per procurarsi un lavoro e costruire un futuro. 3.Sede dell azienda:

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Impara, pensa e passa all azione con il progetto cibo per la mente di Oxfam. Completa il cartellone mentre impari.

Impara, pensa e passa all azione con il progetto cibo per la mente di Oxfam. Completa il cartellone mentre impari. Impara, pensa e passa all azione con il progetto cibo per la mente di Oxfam. Completa il cartellone mentre impari. E quando avrai imparato sul sistema alimentare, pensato a come potrebbe cambiare e fatto

Dettagli

Empowerment dei gruppi di auto-aiuto delle donne tramite micro-iniziative economiche

Empowerment dei gruppi di auto-aiuto delle donne tramite micro-iniziative economiche INDIA ITALIA Association for Sarva Seva Farms ASSEFA ONG e Gruppi ASSEFA Empowerment dei gruppi di auto-aiuto delle donne tramite micro-iniziative economiche L ASSEFA India e i Gruppi di auto-aiuto delle

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

Sogni da riaccendere Benin

Sogni da riaccendere Benin Sogni da riaccendere Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE

KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE KOLON KANDYA ITALIA ONLUS Via Milani 6/a - 20133 Milano kolonkandya@kolonkandya.com www.kkitaliaonlus.org KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE BURKINA FASO, 18 OTTOBRE 15 DICEMBRE 2012 KK ITALIA

Dettagli

Eqokvcvq"fk"uqnkfctkgvä"eqp"kn"rqrqnq"gtkvtgq"

Eqokvcvqfkuqnkfctkgväeqpknrqrqnqgtkvtgq Eqokvcvq"fk"uqnkfctkgvä"eqp"kn"rqrqnq"gtkvtgq" Il Comitato di Solidarietà con il popolo eritreo nasce nel luglio del 1984 su sollecitazione della comunità eritrea di Verona per sensibilizzare la popolazione

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

CAMPAGNA RACCOGLI 3 4 ADOZIONI

CAMPAGNA RACCOGLI 3 4 ADOZIONI COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA ITALIANA (CVX ITALIA) L E G A M I S S I O N A R I A S T U D E NT I (L M S) Via di San Saba, 17-00153 Roma Tel. 06.64.58.01.47 - Fax 06.64.58.01.48 cvxit@gesuiti.it Roma, 22 novembre

Dettagli

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Il Piano d Azione per l allattamento al seno

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/54

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/54 SCHEDA PROGETTO QdF 2015/54 PROMOTORE Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Associazione Zonale Accoglienza Stranieri (A.Z.A.S.) e Casa Amica azas@arpnet.it

Dettagli