Reclutamento e formazione iniziale dei docenti: le proposte della FLC CGIL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reclutamento e formazione iniziale dei docenti: le proposte della FLC CGIL"

Transcript

1 Reclutamento e formazione iniziale dei docenti: le proposte della FLC CGIL Premessa Formazione iniziale e reclutamento dei docenti rappresentano due elementi di fondamentale importanza nella costruzione di una proposta complessiva di scuola di qualità che vede impegnata da anni la FLC CGIL, a partire dalle lotte contro i provvedimenti di destrutturazione del sistema di istruzione degli ex ministri Tremonti e Gelmini. Tali elementi si ricollegano fortemente a specifici aspetti identitari della FLC cgil, come già illustrato da ultimo nel documento La scuola si salva in 4 mosse : 1. la scuola della Costituzione che tenga insieme l accesso per tutti fino ai più alti livelli di istruzione (pilastro democratico), con un alta qualità dell offerta formativa (pilastro culturale) 2. la lotta senza quartiere contro ogni forma di precarietà 3. la centralità del sistema pubblico di Istruzione nell ambito della formazione dei cittadini di questo paese. La proposta qui presentata ha come punti di riferimento ineludibili: l organico funzionale, a partire dal superamento della distinzione tra organico di diritto e organico di fatto, garanzia della continuità didattica. l organico pluriennale al fine di dare certezza nella definizione, nella realizzazione e nella verifica dell offerta formativa di scuola e di reti di scuole la stabilizzazione del personale su tutti i posti disponibili e definiti in base a quanto detto nei punti precedenti la definizione delle caratteristiche strutturali delle istituzioni scolastiche autonome, di cui il numero complessivo degli studenti è solo uno dei parametri la realizzazione di una offerta formativa coordinata, con particolare riferimento alla secondaria di II grado. RECLUTAMENTO Sul tema del reclutamento del personale docente della scuola si confrontano e si scontrano opzioni di natura ideologica, basti pensare alla chiamata diretta o al reclutamento di scuola e /o di rete di scuole, interessi e aspettative assai divergenti se non inconciliabili, tra le varie categorie di aspiranti alla professione di insegnante, forti pressioni di organismi che erogano percorsi formativi, spesso a costi assai elevati, finalizzati esclusivamente a rilasciare titoli valutabili nelle varie tipologie di graduatorie. Tutto questo ha come inevitabile conseguenza che su tutto il settore del 1

2 reclutamento c è un abitudine diffusa ad utilizzare la frusta giurisdizionale per risolvere qualsivoglia problematica interpretativa o applicativa delle norme vigenti. Per superare questo groviglio di contraddizioni è assolutamente necessario avere obiettivi chiari, fare tesoro di quanto accaduto negli ultimi 15 anni per non incorrere in errori già compiuti, avere ben presenti i rapporti di forza tra i soggetti in campo. Obiettivo n. 1 Svuotare le Graduatorie ad Esaurimento Si tratta di un obiettivo prioritario per una duplice motivazione: 1) in tali graduatorie sono presenti la stragrande maggioranza dei docenti precari che in questi anni difficilissimi hanno contribuito con il lavoro, a garantire la funzionalità del sistema nazionale e pubblico di istruzione. Svuotare le GAE significa, quindi, in primo luogo stabilizzare questo personale 2) le GAE presentano una serie di criticità ed inadeguatezze insormontabili rispetto all attuale quadro normativo sul reclutamento nel settore pubblico testimoniate, tra le altre cose, da un contenzioso senza precedenti che non dà ormai più alcuna certezza sulla validità e sulla applicabilità delle norme vigenti. A queste motivazioni occorre aggiungere una riflessione su quanto avvenuto negli ultimi quindici anni. Le Graduatorie Permanenti, istituite dalla Legge 124/99 e che soppiantavano le vecchie graduatorie per soli titoli, si basavano su un principio fondamentale, peraltro condiviso anche dalla CGIL Scuola: le graduatorie sarebbero state costituite da fasce successive non comunicanti. Tali fasce venivano formate ad ogni aggiornamento periodico mediante l inserimento (diremmo oggi in coda ) del personale che acquisiva via via i requisiti previsti dalla normativa di settore. Contemporaneamente chi era inserito poteva aggiornare il proprio punteggio nell ambito della fascia di appartenenza. Tale principio è stato dapprima annullato dalla giustizia amministrativa e poi superato con il DL 255/01, convertito nella legge 333/01, che unificava la terza e la quarta fascia allora previste. Tutto quello che è successo dopo testimonia i tentativi di tenere in vita un meccanismo che ormai aveva perso definitivamente il pilastro su cui si basava tutta la costruzione progettata dalla Legge 124/99: tabelle di valutazioni che ad un certo punto sono state addirittura definite per Legge, trasformazioni in graduatorie ad esaurimento prevista dalla Legge finanziaria 2007, nuove aperture per specifiche categorie di personale, inserimenti in coda in altre province. Tutte operazioni che hanno dato origine a contenziosi, persino di carattere costituzionale, che hanno visto il più delle volte il MIUR soccombente. Insomma perpetuare ancora per molti anni l esperienza delle GaE presenta delle controindicazioni insormontabili. Proposta operativa. Operazioni Norma primaria da modificare 1) Confermare la natura ad Art. 399 e art. 401 del esaurimento delle GAE non DLgs. 297/94 consentendo ulteriori inserimenti 2) Congelarle ai punteggi Art. 399 e art. 401 del dichiarati nel prossimo DLgs. 297/94 aggiornamento (2014) Note 2

3 3) Prevedere un meccanismo che permetta agli inclusi nelle GAE di altre province di poter ottenere il contratto a tempo indeterminato nelle province nelle quali la corrispondenti GAE risulta esaurita. (graduatoria nazionale o simili) Art. 399 e art. 401 del D. Lgs. 297/94 Questo meccanismo si rende ancora più necessario in considerazione che nel prossimo triennio ai sensi del DL 104/13 (Legge 128/13) le assunzioni in ruolo avverranno su tutti i posti disponibili e quindi in assenza di aspiranti per un determinato insegnamento non sarebbe possibile ridistribuire le assunzioni su altri insegnamenti- Obiettivo n. 2 Opportunità di lavoro per gli abilitati non inclusi in GAE In attesa della definizione dei meccanismi a regime del reclutamento è necessario dare una risposta concreta ai docenti che si sono abilitati o che si abiliteranno attraverso il TFA ordinario e i PAS. Tale obiettivo può essere perseguito attraverso due azioni: 1) La riduzione del ricorso alle graduatorie d'istituto per le supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche 2) Il superamento della normativa sull attribuzione degli spezzoni orari fino a 6 ore Azione n.1 Riduzione del ricorso alle graduatorie d'istituto per le supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche. E doveroso sottolineare come da tempo la FLC CGIL richiede che la compilazione delle graduatorie di istituto venga spostata dalle scuole ad altri centri dell amministrazione scolastica. Si tratta di una legittima battaglia contro le molestie burocratiche e contro l affido a scuole di pratiche seriali che non assicurano l uniformità di valutazione, danneggiano i supplenti e causano molto contenzioso. Operazione Costituire una graduatoria provinciale dei docenti abilitati con cadenza triennale e la possibilità di accodamento negli anni intermedi dei nuovi abilitati. Da tale graduatoria, che sarà utilizzata per le supplenze a livello provinciale una volta esaurite le corrispondenti GAE, si genera anche la II fascia d'istituto analogamente Norma primaria da modificare Art. 4 Legge 124/99 3

4 a quanto avviene per la I fascia. La tabella di valutazione è quella dell attuale terza fascia di istituto con la valorizzazione in termini di punteggio dell abilitazione Azione n. 2 Superamento della normativa sull attribuzione degli spezzoni orari fino a 6 ore Operazione Restituire la disponibilità degli spezzoni fino a 6 ore alle supplenze Possono essere previsti una serie pluralità di interventi: a) l istituzione dell organico funzionale porterebbe con se l abolizione degli spezzoni orario b) Abolizione della specifica norma prevista dall art. 22 comma 4 della Legge 448/01 c) Obbligo delle scuole di comunicare agli AT tutte le disponibilità. Quelli pari o inferiori a 6 ore possono essere utilizzati nelle operazioni provinciali se, unite ad altri spezzoni, formino consistenze orarie di almeno 12 ore. Norma primaria da modificare Art. 22 comma 4 della Legge 448/01 Obiettivo n. 3 Sistema di reclutamento a regime 1) Concorsi in presenza di GaE Bandire i concorsi con cadenza biennale non prima del 2015 (vanno prima completate le assunzioni del Concorso 2012) per il 2016/17 e 2017/18 con programmazione che tenga in considerazione sia i flussi di pensionamenti e trasferimenti che la corrispondente consistenza delle GAE. 2) Concorsi a regime Bandire i concorsi con cadenza biennale, garantendo un regime di doppio canale per i docenti abilitati, a partire da coloro che siano in possesso di almeno tre anni di servizio, come richiede la normativa europea. Ai fini di quanto previsto nel presente paragrafo occorre utilizzare la delega prevista dalla Legge 244/07 che all art. 2 comma 416 prevede che con uno specifico decreto sia definita la attività procedurale per il reclutamento del personale docente, attraverso concorsi ordinari, con cadenza biennale, nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente per il reclutamento del personale docente, senza maggiori oneri a carico della finanza pubblica e fermo restando il vigente regime autorizzatorio delle assunzioni 4

5 Tempi Mai come sul tema del reclutamento la forza e la credibilità delle proposte deve andare di pari passo con i tempi della loro effettiva trasformazione in norme primarie e secondarie. In particolare la trasformazione delle GaE in graduatorie non più aggiornabili e con valenza anche nazionale, nonché l istituzione delle seconda fascia provinciale, devono essere effettuate attraverso l approvazione delle specifiche norme legislative prima dell emanazione dei decreti sulle GaE e sulle Graduatorie di Istituto per il triennio 2014/17. FORMAZIONE INIZIALE La formazione iniziale dei docenti rappresenta un elemento di straordinaria importanza nella definizione delle politiche nell ambito del settore dell istruzione da parte della FLC CGIL, crocevia tra l idea di scuola, il profilo professionale degli insegnanti, la concreta prestazione lavorativa. Essa inoltre rappresenta il paradigma di quello che dovrebbero essere le direttrici fondamentali della formazione in servizio. Tutto questo per segnalare anche le rilevantissime ricadute in termini contrattuali di un tema che sembrerebbe solo circoscritto negli angusti confini del dibattito accademico. Il percorso formativo del docente La complessità del profilo del docente richiama la necessità di una profonda rivisitazione degli attuali percorsi di formazione iniziale dei docenti definiti dal DM 249/10 e s.m.i. La prima scelta è quella di uniformare la durata dei percorsi per i docenti di tutti gli ordini e gradi di scuola: quindi non solo per la primaria e l infanzia, ma anche per la secondaria la laurea magistrale deve consentire l acquisizione dell abilitazione sullo specifico posto o classe di concorso. Questa proposta è coerente con l idea di profilo unico della docenza che la FLC CGIL ritiene un approdo ormai non più rinviabile anche a livello contrattuale. Nell ambito della scuola secondaria devono essere chiaramente delineate le differenze tra laurea triennale e laurea magistrale: la laurea triennale deve essere orientata verso l acquisizione delle competenze disciplinari e culturali. La laurea magistrale insieme allo sviluppo delle competenze didattico pedagogiche riferite alla specifica disciplina, deve essere connotata da un ruolo sempre più rilevante della parte relativa alle competenze nel contesto classe e nel contesto organizzativo di scuola. L accesso alla laurea magistrale ad indirizzo didattico, al termine della quale si consegue l abilitazione, è a numero programmato con esame di accesso. Occorre ricordare che la laurea magistrale ad indirizzo didattico per la secondaria avrebbe effetti positivi anche i termini di contribuzione studentesca in quanto anche questi percorsi rientrerebbero nei tetti previsti dalle norme vigenti (DPR 396/07). Riguardo alla strutturazione della laurea magistrale è necessario predisporre una serie di dispositivi anche di carattere normativo: 5

6 occorre definire il grado di responsabilità e di autonomia delle scuole che collaborano ai percorsi di formazione iniziale rispetto alle strutture accademiche delle università il tirocinio deve essere disseminato di prove esperte relative ad esempio alle diverse tipologie di lezione, all organizzazione del gruppo classe, ecc. il tirocinio organizzativo deve prevedere prove in situazione relative ad esempio alle modalità di costruzione di un curricolo di scuola o di classe, la risoluzione di controversie negli organi collegiali, ecc. Da un punto di vista strettamente normativo, la proposta richiede la sostituzione del DM 249/10 con un nuovo decreto sulla formazione iniziale. E il caso di segnalare che la costruzione delle tabelle relative alle lauree magistrali abilitanti della secondaria potrà avvenire solo dopo la definizione delle classi di concorso coerenti con il riordino di questo segmento del sistema educativo. Contemporaneamente e per un certo numero di anni legato ai tempi di esaurimento delle GaE, dovrebbero proseguire i percorsi TFA e i percorsi brevi per i maestri destinati a coloro che siano già in possesso del titolo valido per insegnare. 6

Il reclutamento nella scuola

Il reclutamento nella scuola Il reclutamento nella scuola Accesso Art. 97 della Costituzione I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo da assicurare il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte

Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte A CHE PUNTO SIAMO Nella informativa di fine dicembre 2011 sullo stato dell'arte dei decreti applicativi del Regolamento sulla formazione iniziale (DM 249/10)

Dettagli

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA»

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» novembre 2014 FLC CGIL Quorum www.flcgil.it www.quorumsas.it L indagine sulla «scuola giusta» Nel periodo tra il 30 ottobre e il 19 novembre 2014 hanno risposto complessivamente

Dettagli

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012 Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola Trento, Aprile 2012 Obiettivi di revisione della disciplina sul reclutamento I principali obiettivi sottostanti alla revisione

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74 Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della D.M. N 74 VISTO il Testo Unico delle leggi in materia di istruzione approvato con il Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modifiche

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014/17

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014/17 GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014/17 TUTTO CIO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE GAE MA NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE A CURA DI Antonio Antonazzo LE GAE SONO COSTITUITE A FASCE SECONDO I SEGUENTI CRITERI: I

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice Allegato a) CRITERI DI QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AI SENSI DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 6 MARZO 2013 LINEE GUIDA INTERPRETATIVE LINEE GUIDA CTS07/0-2013

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO Prova scritta Art.6 D.M.312/2014 comma 2 DISPOSIZIONI NORMATIVE E MINISTERIALI Le prove di accesso vertono sui programmi disciplinari

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

DEL SOSTEGNO/SPECIALI E METODI DIFFERENZIATI)

DEL SOSTEGNO/SPECIALI E METODI DIFFERENZIATI) 1) FAQ - Chi ha barrato la preferenza Q, avendo prestato servizio nella scuola alle condizioni previste dalla predetta lettera Q, della sez. H2 (titoli di preferenza) del Mod 1 ha titolo a barrare anche

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. L O R O S E D I

e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. L O R O S E D I Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Ufficio III - Personale della scuola. Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA

Dettagli

PERCHÉ INSERIRE GLI ABILITANDI ISCRITTI A SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO?

PERCHÉ INSERIRE GLI ABILITANDI ISCRITTI A SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO? PERCHÉ INSERIRE GLI ABILITANDI ISCRITTI A SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO? Coordinamento Precari Scienze Della Formazione Primaria L Aquila Dott.a Clara Calvacchi Gli

Dettagli

a cura di Anna Maria Di Nocera

a cura di Anna Maria Di Nocera a cura di Anna Maria Di Nocera 1 È importante che la scuola di servizio del docente neoassunto sappia accoglierlo come membro attivo della nuova comunità professionale, valorizzando il percorso formativo

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014/2015. (Art.2, comma 2, del bando) Dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. 445/2000

ANNO ACCADEMICO 2014/2015. (Art.2, comma 2, del bando) Dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. 445/2000 Modello A Modulo di autocertificazione del titolo di abilitazione all insegnamento per il grado di scuola per il quale si intende conseguire la specializzazione per le attività di sostegno ANNO ACCADEMICO

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

Graduatorie permanenti: tabelle di valutazione, chiarimenti e precisazioni

Graduatorie permanenti: tabelle di valutazione, chiarimenti e precisazioni Graduatorie permanenti: tabelle di valutazione, chiarimenti e precisazioni Personale inserito in I e II fascia: valutazione dei titoli Personale inserito o che intende inserirsi in III fascia: valutazione

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA da Orizzonte scuola, 30.4.2012 Aggiornato al 30 aprile 2012. Finalità, durata, requisiti, Università che attivano il TFA, classi di concorso attivate e non attivate, l esame

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

AI DOCENTI. to della. attività di sostegno per l'anno accademico 2014/2015. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT. aluzazi. IL DIRIGENTE Prof.

AI DOCENTI. to della. attività di sostegno per l'anno accademico 2014/2015. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT. aluzazi. IL DIRIGENTE Prof. CODICE MECCANOGRAFICO PNISOOoOOT Sede: Via Stadio - 33077 Sacile (PN) Tel. 0434 733429 * Fax0434 733861 Godice Fiscale:91007780934 E-mail:pnis0ò6007@istruzione.it PEG:PN1S006007@pec.istruzione.it Istituto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca N. 37 IL MINISTRO VISTO il testo unico delle leggi in materia di istruzione approvato con decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni;

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

FORMAZIONE INIZIALE DEI DOCENTI (DM 249/10)

FORMAZIONE INIZIALE DEI DOCENTI (DM 249/10) ARTICOLI PRECARI! news PER ESSERE LAVORATORI GARANTITI E SOGGETTI PROTAGONISTI NELLA SCUOLA! via Duchessa Jolanda, 38 10138 Torino Tel 011 4347710 Fax 011 4347740 e-mail: torino@flcgil.it Per contatti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0008376.27-07-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE Cagliari, 27/07/2015 VISTO il testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Tabella dei titoli valutabili nei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado e ripartizione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2216 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore ASCIUTTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 APRILE 2003 Modifica alla legge 21 dicembre 1999, n. 508, in materia

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO

PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Allegato A ISTRUZIONI OPERATIVE PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO A.1 La consistenza

Dettagli

Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola. I temi. Alunni stranieri a scuola:

Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola. I temi. Alunni stranieri a scuola: Integrazione scolastica degli alunni stranieri: dalle norme al progetto di scuola Treviso, 23 maggio2008 Elio Gilberto Bettinelli I temi L integrazione scolastica degli alunni stranieri: dati, tendenze

Dettagli

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile.

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile. 5 1 / 2 5 2 / 2 24 1 5 1 1 / 4 Contattaci Newsletter Pubblicizzati Home Agenda scolastica Speciali Guide Legislazione Home» Graduatorie di istituto docenti: scadenza presentazione domande 23 giugno. Ecco

Dettagli

(Riservato agli aspiranti che hanno conseguito l abilitazione dopo il 31/07/2014, secondo quanto disposto dal D.M. 03/06/2015 n.

(Riservato agli aspiranti che hanno conseguito l abilitazione dopo il 31/07/2014, secondo quanto disposto dal D.M. 03/06/2015 n. Modello B GRADUATORIE DI CIRCOLO E D'ISTITUTO DEL PERSONALE DOCENTE PER GLI ANNCOLASTICI 2014/2015, 2015/2016 e 2016/17 MODELLO DCELTA DELLE ISTITUZIONCOLASTICHE (Riservato agli aspiranti che hanno conseguito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

Personale docente Le domande più frequenti

Personale docente Le domande più frequenti Le domande più frequenti Entro quando vanno presentate le domande? Le domande di inclusione nelle graduatorie di circolo e istituto e la scelta delle scuole devono essere presentate entro il termine del

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ANNO 133 Roma, 12-19 ottobre 2006 N. 41-42 BOLLETTINO UFFICIALE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE Poste Italiane S.p.A. - sped. in abb. post. 70% - DCB Roma ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

Vademecum sulle utilizzazioni relative alle materie di indirizzo del Liceo musicale

Vademecum sulle utilizzazioni relative alle materie di indirizzo del Liceo musicale Premessa L anno scolastico 2013/2014 è il quarto anno del riordino della secondaria di secondo grado in applicazione delle norme previste dall art. 64 della Legge 133/08 che hanno comportato una riduzione

Dettagli

Graduatorie ad esaurimento

Graduatorie ad esaurimento La scheda Uil Scuola con le risposte alle domande più frequenti Quando scadono le domande? Le domande vanno inoltrate dal 14 aprile al 10 maggio 2014, entro le ore 14.00, e hanno validità per il triennio

Dettagli

CONCORSO Decreto n. 82 del 24 settembre 2012. Presentazione

CONCORSO Decreto n. 82 del 24 settembre 2012. Presentazione CONCORSO Decreto n. 82 del 24 settembre 2012 Presentazione Un concorso per giovani Perché no! Parere del CNPI Il CNPI, nel riaffermare la positività dello strumento concorsuale ai fini del reclutamento

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Allegato A ISTRUZIONI OPERATIVE PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO A.1

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 91 Requisiti dei componenti delle commissioni giudicatrici dei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

OrizzonteScuola.it 2012

OrizzonteScuola.it 2012 SCUOLA DI I E II GRADO 1. In sede di scrutinio finale a chi compete la valutazione degli allievi? Il riferimento normativo è il DPR n. 122/2009. Art 2/1: La valutazione, periodica e finale, degli apprendimenti

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia - Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia - Direzione Generale Prot. MIURAOODRLO R.U. 22232 Milano, 9 dicembre 2009 Ai Signori Dirigenti degli UU.SS.PP. della Lombardia Ai Signori Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Lombardia

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014. PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

ANNO SCOLASTICO 2013/2014. PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO ISTITUTO PROFESSIONALE DEL SETTORE... INDIRIZZO... di... ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE... oppure DEL DIPARTIMENTO DI... PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola Prefettura di Forlì Cesena Amministrazione Provinciale Ministero dell Istruzione, Ufficio Territoriale del Governo di Forlì - Cesena dell Università e della Ricerca Centro Servizi Amm.vi di Forlì - Cesena

Dettagli

FLC CGIL. SEMINARIO di FORMAZIONE QUALE BUONA SCUOLA? Il «Cantiere scuola» della FLC CGIL

FLC CGIL. SEMINARIO di FORMAZIONE QUALE BUONA SCUOLA? Il «Cantiere scuola» della FLC CGIL FLC CGIL SEMINARIO di FORMAZIONE QUALE BUONA SCUOLA? Il «Cantiere scuola» della FLC CGIL Opinioni a confronto su tre punti: reclutamento, carriera e autonomia Treviso, 13 novembre 2014 Marta Viotto 1 LA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011)

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) 1. Definizione delle tipologie di attività didattica Ai fini delle presenti linee guida, vengono così definite

Dettagli

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE NELL'INSEGNAMENTO Il reclutamento degli insegnanti nelle scuole statali avviene mediante contratto che

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA a cura del DDM-GO (Docenti di Didattica della Musica Gruppo Operativo) 29 marzo 2013 L abilitazione all insegnamento è condizione essenziale per chiunque

Dettagli

Istanza POLIS. Presentazione domanda di permanenza, aggiornamento, trasferimento, conferma o scioglimento riserva in GaE

Istanza POLIS. Presentazione domanda di permanenza, aggiornamento, trasferimento, conferma o scioglimento riserva in GaE Istanza POLIS Presentazione domanda di permanenza, aggiornamento, trasferimento, conferma o scioglimento riserva in GaE 1 Introduzione Istanza POLIS Da quest anno la presentazione della domanda di permanenza/aggiornamento

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Enrico FERMI

LICEO SCIENTIFICO STATALE Enrico FERMI Fondo Sociale Europeo LICEO SCIENTIFICO STATALE Enrico FERMI Via Raffaele Bovio, 19/A 70125 BARI Tel. 0805481680 Fax 0805482496 C.F.: 80006280723 - Cod. Mecc.: BAPS05000A e-mail: baps05000a@istruzione.it

Dettagli

Vademecum sulle modalità di individuazione dei docenti delle materie di indirizzo del Liceo musicale a.s. 2014/15

Vademecum sulle modalità di individuazione dei docenti delle materie di indirizzo del Liceo musicale a.s. 2014/15 Premessa Con l anno scolastico 2014/2015 va a regime il riordino della secondaria di secondo grado in applicazione delle norme previste dall art. 64 della Legge 133/08, che hanno comportato una riduzione

Dettagli

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma CONVENZIONE tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma L UNIVERSITÀ DELLE SCIENZE UMANE UNISU NICCOLO CUSANO, (P. IVA 09073721004), istituita con decreto del Ministero

Dettagli

LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15

LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15 LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15 1) TIROCINIO SCOLASTICO Ai sensi del d.m. n. 249 del 2010 il tirocinio ha un valore pari a 19 crediti formativi universitari

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2148 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ACCIARINI, FRANCO Vittoria, MODICA, PAGANO e TESSITORE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 MARZO 2003 Norme relative

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA L'ORARIO COMPLETO ACCETTO SU SOSTEGNO

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA L'ORARIO COMPLETO ACCETTO SU SOSTEGNO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 6 AGOSTO 2010 a cura di Laura Razzano SUPPLENZE ANNUALI O FINO AL TERMINE DELLE ATTIVITA CONFERITE A LIVELLO PROVINCIALE ENTRO IL 31 AGOSTO 2010 RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE. DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A

PROTOCOLLO D'INTESA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE. DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE (di seguito denominato Ministero) E DE AGOSTINI SCUOLA S.p.A (di seguito denominata Casa Editrice) VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n.

Dettagli

Estero: riformulazione e aggiornamento delle graduatorie permanenti (Ordinanza Ministeriale del 18/12/2012)

Estero: riformulazione e aggiornamento delle graduatorie permanenti (Ordinanza Ministeriale del 18/12/2012) GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA 1) REQUISITI PER L INCLUSIONE nelle graduatorie e per l aggiornamento dei titoli. (ART. 2) - appartenere ai ruoli del personale docente o ATA (solo DSGA e assistenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. N. 82 DEL 24.9.2012 SCHEDA DI LETTURA. A cura della Gilda degli Insegnanti di Napoli

CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. N. 82 DEL 24.9.2012 SCHEDA DI LETTURA. A cura della Gilda degli Insegnanti di Napoli CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. N. 82 DEL 24.9.2012 SCHEDA DI LETTURA A cura della Gilda degli Insegnanti di Napoli MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE LE DOMANDE POSSONO ESSERE PRESENTATE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n. 74 Roma, lì 15 settembre 2008 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

BREVE GUIDA AL SISTEMA DI INTERPELLO TRAMITE SMS DEI DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO

BREVE GUIDA AL SISTEMA DI INTERPELLO TRAMITE SMS DEI DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO BREVE GUIDA AL SISTEMA DI INTERPELLO TRAMITE SMS DEI DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO LA DISCIPLINA NORMATIVA Decreto del Presidente della Provincia 24 giugno 2008,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1134 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTANTINI Disposizioni in materia di insegnamento di sostegno, per garantire l esercizio

Dettagli

DOMANDA DI SCIOGLIMENTO RISERVE NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015

DOMANDA DI SCIOGLIMENTO RISERVE NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOMANDA DI SCIOGLIMENTO RISERVE NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La compilazione del presente modulo di domanda avviene

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI Pagina 1 di 19 Testo Unico Regio Decreto 31 agosto 1933, n. 1592 Approvazione del testo unico delle leggi sull istruzione superiore D.P.R., n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli