Reclutamento e formazione iniziale dei docenti: le proposte della FLC CGIL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reclutamento e formazione iniziale dei docenti: le proposte della FLC CGIL"

Transcript

1 Reclutamento e formazione iniziale dei docenti: le proposte della FLC CGIL Premessa Formazione iniziale e reclutamento dei docenti rappresentano due elementi di fondamentale importanza nella costruzione di una proposta complessiva di scuola di qualità che vede impegnata da anni la FLC CGIL, a partire dalle lotte contro i provvedimenti di destrutturazione del sistema di istruzione degli ex ministri Tremonti e Gelmini. Tali elementi si ricollegano fortemente a specifici aspetti identitari della FLC cgil, come già illustrato da ultimo nel documento La scuola si salva in 4 mosse : 1. la scuola della Costituzione che tenga insieme l accesso per tutti fino ai più alti livelli di istruzione (pilastro democratico), con un alta qualità dell offerta formativa (pilastro culturale) 2. la lotta senza quartiere contro ogni forma di precarietà 3. la centralità del sistema pubblico di Istruzione nell ambito della formazione dei cittadini di questo paese. La proposta qui presentata ha come punti di riferimento ineludibili: l organico funzionale, a partire dal superamento della distinzione tra organico di diritto e organico di fatto, garanzia della continuità didattica. l organico pluriennale al fine di dare certezza nella definizione, nella realizzazione e nella verifica dell offerta formativa di scuola e di reti di scuole la stabilizzazione del personale su tutti i posti disponibili e definiti in base a quanto detto nei punti precedenti la definizione delle caratteristiche strutturali delle istituzioni scolastiche autonome, di cui il numero complessivo degli studenti è solo uno dei parametri la realizzazione di una offerta formativa coordinata, con particolare riferimento alla secondaria di II grado. RECLUTAMENTO Sul tema del reclutamento del personale docente della scuola si confrontano e si scontrano opzioni di natura ideologica, basti pensare alla chiamata diretta o al reclutamento di scuola e /o di rete di scuole, interessi e aspettative assai divergenti se non inconciliabili, tra le varie categorie di aspiranti alla professione di insegnante, forti pressioni di organismi che erogano percorsi formativi, spesso a costi assai elevati, finalizzati esclusivamente a rilasciare titoli valutabili nelle varie tipologie di graduatorie. Tutto questo ha come inevitabile conseguenza che su tutto il settore del 1

2 reclutamento c è un abitudine diffusa ad utilizzare la frusta giurisdizionale per risolvere qualsivoglia problematica interpretativa o applicativa delle norme vigenti. Per superare questo groviglio di contraddizioni è assolutamente necessario avere obiettivi chiari, fare tesoro di quanto accaduto negli ultimi 15 anni per non incorrere in errori già compiuti, avere ben presenti i rapporti di forza tra i soggetti in campo. Obiettivo n. 1 Svuotare le Graduatorie ad Esaurimento Si tratta di un obiettivo prioritario per una duplice motivazione: 1) in tali graduatorie sono presenti la stragrande maggioranza dei docenti precari che in questi anni difficilissimi hanno contribuito con il lavoro, a garantire la funzionalità del sistema nazionale e pubblico di istruzione. Svuotare le GAE significa, quindi, in primo luogo stabilizzare questo personale 2) le GAE presentano una serie di criticità ed inadeguatezze insormontabili rispetto all attuale quadro normativo sul reclutamento nel settore pubblico testimoniate, tra le altre cose, da un contenzioso senza precedenti che non dà ormai più alcuna certezza sulla validità e sulla applicabilità delle norme vigenti. A queste motivazioni occorre aggiungere una riflessione su quanto avvenuto negli ultimi quindici anni. Le Graduatorie Permanenti, istituite dalla Legge 124/99 e che soppiantavano le vecchie graduatorie per soli titoli, si basavano su un principio fondamentale, peraltro condiviso anche dalla CGIL Scuola: le graduatorie sarebbero state costituite da fasce successive non comunicanti. Tali fasce venivano formate ad ogni aggiornamento periodico mediante l inserimento (diremmo oggi in coda ) del personale che acquisiva via via i requisiti previsti dalla normativa di settore. Contemporaneamente chi era inserito poteva aggiornare il proprio punteggio nell ambito della fascia di appartenenza. Tale principio è stato dapprima annullato dalla giustizia amministrativa e poi superato con il DL 255/01, convertito nella legge 333/01, che unificava la terza e la quarta fascia allora previste. Tutto quello che è successo dopo testimonia i tentativi di tenere in vita un meccanismo che ormai aveva perso definitivamente il pilastro su cui si basava tutta la costruzione progettata dalla Legge 124/99: tabelle di valutazioni che ad un certo punto sono state addirittura definite per Legge, trasformazioni in graduatorie ad esaurimento prevista dalla Legge finanziaria 2007, nuove aperture per specifiche categorie di personale, inserimenti in coda in altre province. Tutte operazioni che hanno dato origine a contenziosi, persino di carattere costituzionale, che hanno visto il più delle volte il MIUR soccombente. Insomma perpetuare ancora per molti anni l esperienza delle GaE presenta delle controindicazioni insormontabili. Proposta operativa. Operazioni Norma primaria da modificare 1) Confermare la natura ad Art. 399 e art. 401 del esaurimento delle GAE non DLgs. 297/94 consentendo ulteriori inserimenti 2) Congelarle ai punteggi Art. 399 e art. 401 del dichiarati nel prossimo DLgs. 297/94 aggiornamento (2014) Note 2

3 3) Prevedere un meccanismo che permetta agli inclusi nelle GAE di altre province di poter ottenere il contratto a tempo indeterminato nelle province nelle quali la corrispondenti GAE risulta esaurita. (graduatoria nazionale o simili) Art. 399 e art. 401 del D. Lgs. 297/94 Questo meccanismo si rende ancora più necessario in considerazione che nel prossimo triennio ai sensi del DL 104/13 (Legge 128/13) le assunzioni in ruolo avverranno su tutti i posti disponibili e quindi in assenza di aspiranti per un determinato insegnamento non sarebbe possibile ridistribuire le assunzioni su altri insegnamenti- Obiettivo n. 2 Opportunità di lavoro per gli abilitati non inclusi in GAE In attesa della definizione dei meccanismi a regime del reclutamento è necessario dare una risposta concreta ai docenti che si sono abilitati o che si abiliteranno attraverso il TFA ordinario e i PAS. Tale obiettivo può essere perseguito attraverso due azioni: 1) La riduzione del ricorso alle graduatorie d'istituto per le supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche 2) Il superamento della normativa sull attribuzione degli spezzoni orari fino a 6 ore Azione n.1 Riduzione del ricorso alle graduatorie d'istituto per le supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche. E doveroso sottolineare come da tempo la FLC CGIL richiede che la compilazione delle graduatorie di istituto venga spostata dalle scuole ad altri centri dell amministrazione scolastica. Si tratta di una legittima battaglia contro le molestie burocratiche e contro l affido a scuole di pratiche seriali che non assicurano l uniformità di valutazione, danneggiano i supplenti e causano molto contenzioso. Operazione Costituire una graduatoria provinciale dei docenti abilitati con cadenza triennale e la possibilità di accodamento negli anni intermedi dei nuovi abilitati. Da tale graduatoria, che sarà utilizzata per le supplenze a livello provinciale una volta esaurite le corrispondenti GAE, si genera anche la II fascia d'istituto analogamente Norma primaria da modificare Art. 4 Legge 124/99 3

4 a quanto avviene per la I fascia. La tabella di valutazione è quella dell attuale terza fascia di istituto con la valorizzazione in termini di punteggio dell abilitazione Azione n. 2 Superamento della normativa sull attribuzione degli spezzoni orari fino a 6 ore Operazione Restituire la disponibilità degli spezzoni fino a 6 ore alle supplenze Possono essere previsti una serie pluralità di interventi: a) l istituzione dell organico funzionale porterebbe con se l abolizione degli spezzoni orario b) Abolizione della specifica norma prevista dall art. 22 comma 4 della Legge 448/01 c) Obbligo delle scuole di comunicare agli AT tutte le disponibilità. Quelli pari o inferiori a 6 ore possono essere utilizzati nelle operazioni provinciali se, unite ad altri spezzoni, formino consistenze orarie di almeno 12 ore. Norma primaria da modificare Art. 22 comma 4 della Legge 448/01 Obiettivo n. 3 Sistema di reclutamento a regime 1) Concorsi in presenza di GaE Bandire i concorsi con cadenza biennale non prima del 2015 (vanno prima completate le assunzioni del Concorso 2012) per il 2016/17 e 2017/18 con programmazione che tenga in considerazione sia i flussi di pensionamenti e trasferimenti che la corrispondente consistenza delle GAE. 2) Concorsi a regime Bandire i concorsi con cadenza biennale, garantendo un regime di doppio canale per i docenti abilitati, a partire da coloro che siano in possesso di almeno tre anni di servizio, come richiede la normativa europea. Ai fini di quanto previsto nel presente paragrafo occorre utilizzare la delega prevista dalla Legge 244/07 che all art. 2 comma 416 prevede che con uno specifico decreto sia definita la attività procedurale per il reclutamento del personale docente, attraverso concorsi ordinari, con cadenza biennale, nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente per il reclutamento del personale docente, senza maggiori oneri a carico della finanza pubblica e fermo restando il vigente regime autorizzatorio delle assunzioni 4

5 Tempi Mai come sul tema del reclutamento la forza e la credibilità delle proposte deve andare di pari passo con i tempi della loro effettiva trasformazione in norme primarie e secondarie. In particolare la trasformazione delle GaE in graduatorie non più aggiornabili e con valenza anche nazionale, nonché l istituzione delle seconda fascia provinciale, devono essere effettuate attraverso l approvazione delle specifiche norme legislative prima dell emanazione dei decreti sulle GaE e sulle Graduatorie di Istituto per il triennio 2014/17. FORMAZIONE INIZIALE La formazione iniziale dei docenti rappresenta un elemento di straordinaria importanza nella definizione delle politiche nell ambito del settore dell istruzione da parte della FLC CGIL, crocevia tra l idea di scuola, il profilo professionale degli insegnanti, la concreta prestazione lavorativa. Essa inoltre rappresenta il paradigma di quello che dovrebbero essere le direttrici fondamentali della formazione in servizio. Tutto questo per segnalare anche le rilevantissime ricadute in termini contrattuali di un tema che sembrerebbe solo circoscritto negli angusti confini del dibattito accademico. Il percorso formativo del docente La complessità del profilo del docente richiama la necessità di una profonda rivisitazione degli attuali percorsi di formazione iniziale dei docenti definiti dal DM 249/10 e s.m.i. La prima scelta è quella di uniformare la durata dei percorsi per i docenti di tutti gli ordini e gradi di scuola: quindi non solo per la primaria e l infanzia, ma anche per la secondaria la laurea magistrale deve consentire l acquisizione dell abilitazione sullo specifico posto o classe di concorso. Questa proposta è coerente con l idea di profilo unico della docenza che la FLC CGIL ritiene un approdo ormai non più rinviabile anche a livello contrattuale. Nell ambito della scuola secondaria devono essere chiaramente delineate le differenze tra laurea triennale e laurea magistrale: la laurea triennale deve essere orientata verso l acquisizione delle competenze disciplinari e culturali. La laurea magistrale insieme allo sviluppo delle competenze didattico pedagogiche riferite alla specifica disciplina, deve essere connotata da un ruolo sempre più rilevante della parte relativa alle competenze nel contesto classe e nel contesto organizzativo di scuola. L accesso alla laurea magistrale ad indirizzo didattico, al termine della quale si consegue l abilitazione, è a numero programmato con esame di accesso. Occorre ricordare che la laurea magistrale ad indirizzo didattico per la secondaria avrebbe effetti positivi anche i termini di contribuzione studentesca in quanto anche questi percorsi rientrerebbero nei tetti previsti dalle norme vigenti (DPR 396/07). Riguardo alla strutturazione della laurea magistrale è necessario predisporre una serie di dispositivi anche di carattere normativo: 5

6 occorre definire il grado di responsabilità e di autonomia delle scuole che collaborano ai percorsi di formazione iniziale rispetto alle strutture accademiche delle università il tirocinio deve essere disseminato di prove esperte relative ad esempio alle diverse tipologie di lezione, all organizzazione del gruppo classe, ecc. il tirocinio organizzativo deve prevedere prove in situazione relative ad esempio alle modalità di costruzione di un curricolo di scuola o di classe, la risoluzione di controversie negli organi collegiali, ecc. Da un punto di vista strettamente normativo, la proposta richiede la sostituzione del DM 249/10 con un nuovo decreto sulla formazione iniziale. E il caso di segnalare che la costruzione delle tabelle relative alle lauree magistrali abilitanti della secondaria potrà avvenire solo dopo la definizione delle classi di concorso coerenti con il riordino di questo segmento del sistema educativo. Contemporaneamente e per un certo numero di anni legato ai tempi di esaurimento delle GaE, dovrebbero proseguire i percorsi TFA e i percorsi brevi per i maestri destinati a coloro che siano già in possesso del titolo valido per insegnare. 6

Il reclutamento nella scuola

Il reclutamento nella scuola Il reclutamento nella scuola Accesso Art. 97 della Costituzione I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo da assicurare il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.

Dettagli

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA»

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» novembre 2014 FLC CGIL Quorum www.flcgil.it www.quorumsas.it L indagine sulla «scuola giusta» Nel periodo tra il 30 ottobre e il 19 novembre 2014 hanno risposto complessivamente

Dettagli

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE NELL'INSEGNAMENTO Il reclutamento degli insegnanti nelle scuole statali avviene mediante contratto che

Dettagli

ALLA BOZZA PER IL RIORDINO DELLE CLASSI DI CONCORSO E ALLA BOZZA DELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI

ALLA BOZZA PER IL RIORDINO DELLE CLASSI DI CONCORSO E ALLA BOZZA DELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI CONSIDERAZIONI RELATIVE ALLA BOZZA DI REGOLAMENTO SULLA SEZIONE MUSICALE DEL LICEO MUSICALE E COREUTICO, ALLA BOZZA PER IL RIORDINO DELLE CLASSI DI CONCORSO E ALLA BOZZA DELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI BOLOGNA,

Dettagli

TEMPO INDETERMINATO - RUOLO

TEMPO INDETERMINATO - RUOLO ACCETTO O NON ACCETTO? Versione aggiornata 2013 2014 a cura di Laura Razzano Reclutamento Docenti graduatorie e concorsi TEMPO INDETERMINATO - RUOLO L assunzione dei docenti in ruolo avviene utilizzando

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

La buona scuola Scheda n. 1

La buona scuola Scheda n. 1 La buona scuola Scheda n. 1 Testo La buona scuola - stralci Cap. 1 ASSUMERE TUTTI I DOCENTI di cui la buona scuola ha bisogno [pp. 12-41] Commenti/Osservazioni Nel capitolo si parla di: Assunzioni a settembre

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012

Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola. Trento, Aprile 2012 Nuove procedure per il reclutamento del personale insegnante della scuola Trento, Aprile 2012 Obiettivi di revisione della disciplina sul reclutamento I principali obiettivi sottostanti alla revisione

Dettagli

CONCORSO Decreto n. 82 del 24 settembre 2012. Presentazione

CONCORSO Decreto n. 82 del 24 settembre 2012. Presentazione CONCORSO Decreto n. 82 del 24 settembre 2012 Presentazione Un concorso per giovani Perché no! Parere del CNPI Il CNPI, nel riaffermare la positività dello strumento concorsuale ai fini del reclutamento

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014/17

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014/17 GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014/17 TUTTO CIO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE GAE MA NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE A CURA DI Antonio Antonazzo LE GAE SONO COSTITUITE A FASCE SECONDO I SEGUENTI CRITERI: I

Dettagli

19 maggio 2015 Assemblee sindacali in orario di lavoro:

19 maggio 2015 Assemblee sindacali in orario di lavoro: Segreterie di VERONA 19 maggio 2015 Assemblee sindacali in orario di lavoro: Continua la mobilitazione della categoria per chiedere di modificare radicalmente il contenuto del DDL La SCUOLA VERONESE oggi

Dettagli

Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte

Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte Nuovi percorsi abilitanti: TFA lo stato dell arte A CHE PUNTO SIAMO Nella informativa di fine dicembre 2011 sullo stato dell'arte dei decreti applicativi del Regolamento sulla formazione iniziale (DM 249/10)

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA da Orizzonte scuola, 30.4.2012 Aggiornato al 30 aprile 2012. Finalità, durata, requisiti, Università che attivano il TFA, classi di concorso attivate e non attivate, l esame

Dettagli

MIURAOODRVE/UFF.III/10804/C7A VENEZIA, 4 settembre 2014. e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. LORO SEDI

MIURAOODRVE/UFF.III/10804/C7A VENEZIA, 4 settembre 2014. e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. LORO SEDI MIURAOODRVE/UFF.III/10804/C7A VENEZIA, 4 settembre 2014 AI DIRIGENTI degli UFFICI SCOLASTICI TERRITORIALI DEL VENETO LORO SEDI AI DIRIGENTI delle ISTITUZIONI SCOLASTICHE di ogni ordine e grado LORO SEDI

Dettagli

Report della Consultazione

Report della Consultazione AFAM Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica Graduatorie nazionali per il conferimento degli incarichi a tempo determinato Report della Consultazione Ecco la bozza del bando, aiutaci a migliorarla

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. L O R O S E D I

e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. L O R O S E D I Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Ufficio III - Personale della scuola. Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA

Dettagli

Vademecum sulle modalità di individuazione dei docenti delle materie di indirizzo del Liceo musicale a.s. 2014/15

Vademecum sulle modalità di individuazione dei docenti delle materie di indirizzo del Liceo musicale a.s. 2014/15 Premessa Con l anno scolastico 2014/2015 va a regime il riordino della secondaria di secondo grado in applicazione delle norme previste dall art. 64 della Legge 133/08, che hanno comportato una riduzione

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

Vademecum sulle utilizzazioni relative alle materie di indirizzo del Liceo musicale

Vademecum sulle utilizzazioni relative alle materie di indirizzo del Liceo musicale Premessa L anno scolastico 2013/2014 è il quarto anno del riordino della secondaria di secondo grado in applicazione delle norme previste dall art. 64 della Legge 133/08 che hanno comportato una riduzione

Dettagli

F.A.Q. - Frequently Asked Questions

F.A.Q. - Frequently Asked Questions Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Milano F.A.Q. - Frequently Asked Questions E VERO CHE ANCHE NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO ESISTONO TRE FASCE?

Dettagli

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. TRIENNIO 2013 2015 Il giorno 15 novembre 2012

Dettagli

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO AGGIORNAMENTO DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO PERSONALE DOCENTE Decreto Ministeriale n. 235 del 1 aprile 2014 AA.SS. 2014/2015-2015/2016 e 2016/2017 SINTESI DELLE DISPOSIZIONI TERMINI DI PRESENTAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ANNO 133 Roma, 12-19 ottobre 2006 N. 41-42 BOLLETTINO UFFICIALE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE Poste Italiane S.p.A. - sped. in abb. post. 70% - DCB Roma ISTITUTO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA a cura del DDM-GO (Docenti di Didattica della Musica Gruppo Operativo) 29 marzo 2013 L abilitazione all insegnamento è condizione essenziale per chiunque

Dettagli

GRADUATORIE DI CIRCOLO E D ISTITUTO DI 2^ E 3^ FASCIA PERSONALE DOCENTE aa.ss. 2014/15 2015/16-2016/17

GRADUATORIE DI CIRCOLO E D ISTITUTO DI 2^ E 3^ FASCIA PERSONALE DOCENTE aa.ss. 2014/15 2015/16-2016/17 BERGAMO SEBINO BERGAMASCO GRADUATORIE DI CIRCOLO E D ISTITUTO DI 2^ E 3^ FASCIA PERSONALE DOCENTE aa.ss. 2014/15 2015/16-2016/17 D.M. 353 del 22/05/2014 30 MAGGIO 2014 ISTITUTO SUPERIORE «QUARENGHI» -

Dettagli

FEDERAZIONE GILDA UNAMS

FEDERAZIONE GILDA UNAMS ISTRUZIONI PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 Secondo le Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo ed A.T.A. a cura di Laura Razzano Innanzitutto raccomando

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA L'ORARIO COMPLETO ACCETTO SU SOSTEGNO

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA L'ORARIO COMPLETO ACCETTO SU SOSTEGNO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 6 AGOSTO 2010 a cura di Laura Razzano SUPPLENZE ANNUALI O FINO AL TERMINE DELLE ATTIVITA CONFERITE A LIVELLO PROVINCIALE ENTRO IL 31 AGOSTO 2010 RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0008376.27-07-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE Cagliari, 27/07/2015 VISTO il testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

#IOVOGLIOINSEGNARE. Controguida all accesso all insegnamento

#IOVOGLIOINSEGNARE. Controguida all accesso all insegnamento #IOVOGLIOINSEGNARE Controguida all accesso all insegnamento Questa non è la Buona Scuola. La Buona Scuola del Governo Renzi presenta profonde criticità in tutto il suo complesso: va a scardinare tutti

Dettagli

LE NOSTRE PROPOSTE PER ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITÀ NELLA PROSSIMA LEGISLATURA

LE NOSTRE PROPOSTE PER ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITÀ NELLA PROSSIMA LEGISLATURA LE NOSTRE PROPOSTE PER ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITÀ NELLA PROSSIMA LEGISLATURA Premessa Sulla conoscenza è arrivato il tempo di una netta inversione di tendenza. Occorre ridare centralità all intervento

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

Graduatorie permanenti: tabelle di valutazione, chiarimenti e precisazioni

Graduatorie permanenti: tabelle di valutazione, chiarimenti e precisazioni Graduatorie permanenti: tabelle di valutazione, chiarimenti e precisazioni Personale inserito in I e II fascia: valutazione dei titoli Personale inserito o che intende inserirsi in III fascia: valutazione

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO Prova scritta Art.6 D.M.312/2014 comma 2 DISPOSIZIONI NORMATIVE E MINISTERIALI Le prove di accesso vertono sui programmi disciplinari

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

www.flcgilromaelazio.it

www.flcgilromaelazio.it Per chi suona la campanella? La situazione delle classi di concorso a Roma e Provincia a.s. 2013/14 Lo schema comparativo che presentiamo in questo documento mette a confronto i nuovi Tfa che saranno attivati

Dettagli

IL MIO LAVORO A SCUOLA

IL MIO LAVORO A SCUOLA IL MIO LAVORO A SCUOLA Guida per gli insegnanti a tempo determinato in provincia di Trento 2009-2010 Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL via Muredei 8 38100 - Trento tel. 0461 303958-9 www.flcgil.it

Dettagli

1) Ricorso al TAR del Lazio D.M. MIUR n 353/2014 ( graduatorie per il sostegno)

1) Ricorso al TAR del Lazio D.M. MIUR n 353/2014 ( graduatorie per il sostegno) 16/09/2014 IMPORTANTE 1) Ricorso al TAR del Lazio D.M. MIUR n 353/2014 ( graduatorie per il sostegno) in data 15/9/2014, lo Studio Legale Avv. Maurizio Cassaro ha notificato per il SAESE e per i suoi Tesserati,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a MODIFICHE AL D.M. 140/2012 Premessa Con la Riforma delle Professioni ed il Decreto Parametri si è inteso abbandonare una logica di predeterminazione amministrativa

Dettagli

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile 30-1-2007 Speciale Finanziaria 2008 Legge 24 dicembre 2007, n. 244 II Pubblico impiego a cura di IGOR GIUSSANI E TOMMASO PIZZO Le disposizioni in materia di pubblico impiego contenute nella Finanziaria

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca N. 37 IL MINISTRO VISTO il testo unico delle leggi in materia di istruzione approvato con decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni;

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

DOMANDA DI SCIOGLIMENTO RISERVE NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015

DOMANDA DI SCIOGLIMENTO RISERVE NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOMANDA DI SCIOGLIMENTO RISERVE NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO PER LE SCUOLE IN LINGUA ITALIANA DELLA PROVINCIA DI BOLZANO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La compilazione del presente modulo di domanda avviene

Dettagli

Elaborazione FLC CGIL investimenti e assunzioni piano Governo Renzi La Buona Scuola

Elaborazione FLC CGIL investimenti e assunzioni piano Governo Renzi La Buona Scuola TAB. 1. INVESTIMENTI DEL GOVERNO RENZI SULLA SCUOLA IN DISCUSSIONE AL SENATO (in milioni di euro) TITOLI DELLE MATERIE 2015 (DAL 1 SETTEMBRE) 2016 anni successivi Fondo finanziamento didattico e amministrativo

Dettagli

Nuova formazione iniziale docenti e TFA abilitante

Nuova formazione iniziale docenti e TFA abilitante Nuova formazione iniziale docenti e TFA abilitante Indicazioni generali e risposte a quesiti sulla fase transitoria del tirocinio formativo attivo a fini abilitanti secondo le disposizioni del DECRETO

Dettagli

LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15

LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15 LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15 1) TIROCINIO SCOLASTICO Ai sensi del d.m. n. 249 del 2010 il tirocinio ha un valore pari a 19 crediti formativi universitari

Dettagli

Regolamento TFA speciale -scheda tecnica

Regolamento TFA speciale -scheda tecnica Regolamento TFA speciale -scheda tecnica Testo definitivo 25 marzo 2013 commenti REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL DECRETO DEL MINI- STRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA 10 SETTEMBRE 2010,

Dettagli

INTERPELLI ASPIRANTI SUPPLENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO

INTERPELLI ASPIRANTI SUPPLENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO INTERPELLI ASPIRANTI SUPPLENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE D ISTITUTO In questo periodo dell anno scolastico le segreterie scolastiche sono impegnate nella copertura dei posti per le supplenze del personale

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 10 SETTEMBRE 2010, N. 249. 1 VISTI gli articoli 33, sesto comma e 117, secondo comma, lett. n), e

Dettagli

PERCHÉ INSERIRE GLI ABILITANDI ISCRITTI A SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO?

PERCHÉ INSERIRE GLI ABILITANDI ISCRITTI A SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO? PERCHÉ INSERIRE GLI ABILITANDI ISCRITTI A SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO? Coordinamento Precari Scienze Della Formazione Primaria L Aquila Dott.a Clara Calvacchi Gli

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014/2015. (Art.2, comma 2, del bando) Dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. 445/2000

ANNO ACCADEMICO 2014/2015. (Art.2, comma 2, del bando) Dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. 445/2000 Modello A Modulo di autocertificazione del titolo di abilitazione all insegnamento per il grado di scuola per il quale si intende conseguire la specializzazione per le attività di sostegno ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Fondazione Giovanni Agnelli. Come dovrebbe funzionare il sistema

Fondazione Giovanni Agnelli. Come dovrebbe funzionare il sistema Note sulle linee guida del nuovo sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria previste dalla delega al Governo della legge 107/2015 Come dovrebbe funzionare

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

La scuola che cambia, cambia l Italia

La scuola che cambia, cambia l Italia Dip.to Scuola Università e Ricerca La scuola che cambia, cambia l Italia 1. Investire nel capitale umano per essere una superpotenza culturale La buona scuola in Italia esiste già, grazie a tanti docenti,

Dettagli

RICORSO AVVERSO IL D.M. 235/2014 PER OTTENERE L INSERIMENTO NELLA FASCIA AGGIUNTIVA O IL REINSERIMENTO NELLE GRADUATORIE

RICORSO AVVERSO IL D.M. 235/2014 PER OTTENERE L INSERIMENTO NELLA FASCIA AGGIUNTIVA O IL REINSERIMENTO NELLE GRADUATORIE RICORSO AVVERSO IL D.M. 235/2014 PER OTTENERE L INSERIMENTO NELLA FASCIA AGGIUNTIVA O IL REINSERIMENTO NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE PER IL TRIENNIO 2014-2017 Chi può aderire:

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

Una esclusiva di Professionisti Scuola Network che in anteprima svela finalmente il dato più atteso per tanti docenti alle prese con il piano di

Una esclusiva di Professionisti Scuola Network che in anteprima svela finalmente il dato più atteso per tanti docenti alle prese con il piano di Una esclusiva di Professionisti Scuola Network che in anteprima svela finalmente il dato più atteso per tanti docenti alle prese con il piano di stabilizzazione imminente e che stanno facendo i conti con

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 25 marzo 2014 Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica promosso dalla sig.ra Alcuri Giuseppa ed altri. (14A03701) (GU n.111 del 15-5-2014) IL PRESIDENTE

Dettagli

LA BUONA SCUOLA : SPIACENTI, MA COSI NON VA

LA BUONA SCUOLA : SPIACENTI, MA COSI NON VA LA BUONA SCUOLA : SPIACENTI, MA COSI NON VA Dopo anni di interventi legislativi e di aggressioni al ruolo sociale ed educativo della scuola, ci troviamo di fronte ad un progetto, ispirato da una logica

Dettagli

All. 4 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

All. 4 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA All. 4 TABELLA 2 (Riferimento: tabella di valutazione dei titoli della terza fascia delle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo annessa quale All. 2 al D.D.G. 16 marzo 2007 del

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

FAC-SIMILE DOMANDA CONCESSIONE PERMESSI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016. Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. codice fiscale

FAC-SIMILE DOMANDA CONCESSIONE PERMESSI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016. Il/la sottoscritto/a. nato/a a il. codice fiscale FAC-SIMILE DOMANDA CONCESSIONE PERMESSI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016 La compilazione del presente modulo di domanda avviene secondo le disposizioni previste dal D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445

Dettagli

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO PERSONALE DOCENTE. Decreto Ministeriale n. 42 dell 8 aprile 2009

GRADUATORIE AD ESAURIMENTO PERSONALE DOCENTE. Decreto Ministeriale n. 42 dell 8 aprile 2009 GRADUATORIE AD ESAURIMENTO PERSONALE DOCENTE Decreto Ministeriale n. 42 dell 8 aprile 2009 Anni scolastici 2009/10 e 2010/11 TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 10 APRILE all 11 MAGGIO 2009 LE

Dettagli

DOMANDA DI MESSA A DISPOSIZIONE A.S. 2013-14

DOMANDA DI MESSA A DISPOSIZIONE A.S. 2013-14 DOMANDA DI MESSA A DISPOSIZIONE A.S. 2013-14 AL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI GAMBETTOLA AVVERTENZE La compilazione del presente modulo di domanda avviene secondo le disposizioni previste

Dettagli

La Legge Finanziaria per il 2007 e la scuola (Legge del 27 dicembre 2006, n. 296)

La Legge Finanziaria per il 2007 e la scuola (Legge del 27 dicembre 2006, n. 296) La Legge Finanziaria per il 2007 e la scuola (Legge del 27 dicembre 2006, n. 296) 601. (Fondi per il personale ed istituzioni scolastiche) A decorrere dall anno 2007, al fine di aumentare l efficienza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 49 IL MINISTRO VISTO l art. 3 - comma 5- della Legge 10 gennaio 2006, n. 17, con cui l Italia si impegna a fornire un adeguata istruzione scolastica materna, primaria e secondaria ai figli del

Dettagli

Ministero dell' Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l' Abruzzo UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE T E R A M O

Ministero dell' Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l' Abruzzo UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE T E R A M O Ministero dell' Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l' Abruzzo UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE T E R A M O Prot.n 8307 Teramo, 17 luglio 2008 IL RESPONSABILE DEL

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

BIENNIO 2014 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO

BIENNIO 2014 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio III - Personale della Scuola

Dettagli

IL PARADOSSO RTD. * 9 distorsioni della figura di ricercatore * RTDU figura unica * Correttivi immediati

IL PARADOSSO RTD. * 9 distorsioni della figura di ricercatore * RTDU figura unica * Correttivi immediati IL PARADOSSO RTD * 9 distorsioni della figura di ricercatore * RTDU figura unica * Correttivi immediati 9 distorsioni della figura di ricercatore introdotte dalla L.240/2010 1. Finanziamento esterno come

Dettagli

Premessa www.flcfirenze.it

Premessa www.flcfirenze.it v. 21/02/13 Premessa Dalle consulenze effettuate nelle nostre sedi FLC-CGIL in occasione dell ultimo aggiornamento delle Graduatorie d Istituto (2011) e dell iscrizione alle prove preselettive per il Tirocinio

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Decreto n. 58 IL DIRETTORE GENERALE VISTA VISTA VISTA La Legge 19

Dettagli

Il caso della Classe di concorso A052

Il caso della Classe di concorso A052 Riceviamo e volentieri pubblichiamo Il caso della Classe di concorso A052 L APEF sostiene la specificità professionale dei docenti, contro una flessibilità selvaggia che danneggerà la qualità dell istruzione.

Dettagli

IL VALORE ABILITANTE DEL DIPLOMA MAGISTRALE. Riferimenti Normativi. P. Francesco Ciccimarra

IL VALORE ABILITANTE DEL DIPLOMA MAGISTRALE. Riferimenti Normativi. P. Francesco Ciccimarra IL VALORE ABILITANTE DEL DIPLOMA MAGISTRALE Riferimenti Normativi P. Francesco Ciccimarra I. L attualità del tema Sono sempre più frequenti le richieste di delucidazioni circa il valore abilitante del

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE

Dettagli

possibilità di inserirsi nell'ambito lavorativo da loro desiderato. Tutti questi sacrifici, che mettono in luce quel misto di serietà, passione e

possibilità di inserirsi nell'ambito lavorativo da loro desiderato. Tutti questi sacrifici, che mettono in luce quel misto di serietà, passione e Alla cortese attenzione della Prof.ssa Cardarello e del dott. Malpeli, Referenti del Corso di Specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità dell'università di Modena

Dettagli

Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali.

Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali. Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali. (Atto n. 488) PARERE APPROVATO La Commissione Giustizia, esaminato lo schema

Dettagli

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO IN CONCOMITANZA CON IL PERCORSO DI LAUREA AI SENSI DELL ART. 9, COMMA 6, D.L. 24.01.2012,

Dettagli

- per ogni voto superiore a 76/110 - se il titolo di studio è stato conseguito con il massimo dei voti e, ove prevista, la lode.

- per ogni voto superiore a 76/110 - se il titolo di studio è stato conseguito con il massimo dei voti e, ove prevista, la lode. Allegato parte integrante ALLEGATO A) Tabella di valutazione dei titoli per il personale docente delle scuole provinciali a carattere statale della provincia di Trento ai fini dell inserimento nella II

Dettagli

TFA. abilitazione con la sola frequenza del TFA

TFA. abilitazione con la sola frequenza del TFA TFA abilitazione con la sola frequenza del TFA Relativa a coloro che: siano in possesso di uno dei diplomi di laurea previsti dal D.M. 39/98 e abbiano superato gli esami prescritti siano in possesso di

Dettagli

Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università

Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università Miur Consiglio dei Ministri, via libera a Ddl riforma Università In allegato il testo del ddl 28 ottobre 2009 CDM, VIA LIBERA A DDL RIFORMA UNIVERSITA' 2009-10-28 11:11 * * * In allegato, il comunicato

Dettagli

Vicenza Verona. Venezia. Pag. - 1. Originale Copia Ufficio Copia Notifica Copia Controparte

Vicenza Verona. Venezia. Pag. - 1. Originale Copia Ufficio Copia Notifica Copia Controparte Originale Copia Ufficio Copia Notifica Copia Controparte Vicenza Verona Venezia TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. LAVORO RICORSO EX ART. 414 C.P.C CON ISTANZA EX ART. 700 C.P.C Ricorrente: Elisa Buzzacaro nata

Dettagli

BREVE GUIDA AL SISTEMA DI INTERPELLO TRAMITE SMS DEI DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO

BREVE GUIDA AL SISTEMA DI INTERPELLO TRAMITE SMS DEI DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO BREVE GUIDA AL SISTEMA DI INTERPELLO TRAMITE SMS DEI DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO LA DISCIPLINA NORMATIVA Decreto del Presidente della Provincia 24 giugno 2008,

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA di NAPOLI ED IL LICEO MARGHERITA DI SAVOIA di NAPOLI

CONVENZIONE TRA IL CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA di NAPOLI ED IL LICEO MARGHERITA DI SAVOIA di NAPOLI CONVENZIONE TRA IL CONSERVATORIO DI MUSICA SAN PIETRO A MAJELLA di NAPOLI ED IL LICEO MARGHERITA DI SAVOIA di NAPOLI La presente convenzione è stipulata da e tra : il Conservatorio di Musica S. Pietro

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL 1

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL 1 Roma, 15 febbraio 2012 AL PRESIDENTE On. Valentina APREA AI COMPENENTI LA VII COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SEDE Onorevole Presidente e Onorevoli Deputati, la FLC CGIL nel ringraziare la VII Commissione

Dettagli

TRIBUNALE DI SIENA - Sezione lavoro -

TRIBUNALE DI SIENA - Sezione lavoro - TRIBUNALE DI SIENA - Sezione lavoro - PROVVEDIMENTO D URGENZA EX ART 700 C.P.C. Proposto da BUCALO TERESA (cod. fisc. BCL TRS 83A51 F158E), nata a Messina (ME) il 11/01/1983 e residente a Sovicille (SI),

Dettagli

Scadenza presentazione della domanda online: Mercoledì, 19 novembre 2014 - ore 24:00. Art. 1 Ambito di applicazione

Scadenza presentazione della domanda online: Mercoledì, 19 novembre 2014 - ore 24:00. Art. 1 Ambito di applicazione BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO AGLI STUDENTI DELLA LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO DI COLLABORAZIONI A TEMPO DETERMINATO (max. 200 h) PER L ANNO 2015 Scadenza presentazione della domanda online: Mercoledì,

Dettagli

Libri di testo normativa di riferimento

Libri di testo normativa di riferimento Libri di testo normativa di riferimento DL 297/94 Art. 7 - Collegio dei docenti «2. Il collegio dei docenti: e) provvede all'adozione dei libri di testo, sentiti i consigli di interclasse o di classe e,

Dettagli

Tabella A TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA SECONDA FASCIA DELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVODELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI GRADO A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

punti 4 punti 5 punti 6 punti 7 punti 8 punti 9 punti 10 punti 11 punti 12 per il punteggio da 96 a 100 per il punteggio da 91 a 95

punti 4 punti 5 punti 6 punti 7 punti 8 punti 9 punti 10 punti 11 punti 12 per il punteggio da 96 a 100 per il punteggio da 91 a 95 Tabella A TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA SECONDA FASCIA DELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVODELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI GRADO A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE

MIURAOODGOS Prot. n. 5001 Roma, 25.07.2012. All On.le Ministro SEDE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Segreteria del Consiglio Nazionale

Dettagli